Partner istituzionale: Comune di Pesaro. Patrocini: Regione Marche, Provincia di Pesaro e Urbino, Comune di Pesaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Partner istituzionale: Comune di Pesaro. Patrocini: Regione Marche, Provincia di Pesaro e Urbino, Comune di Pesaro"

Transcript

1

2

3

4 Organizzazione: MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica Direzione Artistica - Alessandro Giampaoli Curatela - Marco Andreani, Alessandro Giampaoli, Debora Ricciardi Partner istituzionale: Comune di Pesaro Patrocini: Regione Marche, Provincia di Pesaro e Urbino, Comune di Pesaro Con la collaborazione di: mc2gallery - Milano Direttore - Vincenzo Maccarone Direttore Artistico - Claudio Composti Testi: Marco Andreani, Claudio Composti, Alessandro Giampaoli, Debora Ricciardi Progettazione grafica: Andrea Gamberini - Artù comunicazione Staff: Giancarla Ugoccioni, Arianna Zaffini, Alice Bosco, Roberto Cofini, Livia Santin, Susanna Tarsi Rete: ORTOpolis - Etra educational, HangartFest, Macula, Proartis, Quatermass-x, Sponge arte contemporanea; in collaborazione con LEMS laboratorio elettronico musica sperimentale. Si ringrazia: Marco Becherini, Annalisa Cioffi, Antonio Cioffi, Collettivo Spazio Bianco, Antonio D Elisiis, Giovanni Gaggia, Clio Gaudenzi, Marco Gaudenzi, Michele Giovanelli, Maria Giovanna Ianuario, Carolina Marzano, Marco Mencoboni, Massimo Morresi, Gianpiero Puricella, Roberto Recanatesi, Angelo Renzi, Antonella Renzi, Eugenia Casini Ropa, Stefano Sanchini, Paolo Semprucci, Roberto Vecchiarelli, Alessandra Zanchi, Fondazione Pesaro Nuovo Cinema, Rossini Opera Festival Con il sostegno di: Banca Marche, Dinamica Software, Filippini Trasporti, Hotel Alexander, Pesaro Parcheggi, Peso Netto, UniCredit

5 INTUS ET IN CUTE Con questa pubblicazione intendiamo segnare il primo punctum: penetrare in profondità quella materia viva che è la sperimentazione artistica attraverso il linguaggio fotografico e fissarla su carta. Il punctum barthesiano percorre i sensi come una scarica elettrica, genera un emozione per accasarsi nella mente. In tempi di dati virtuali, effimeri e transitori, riteniamo indispensabile fornire strumenti di riflessione ed approfondimento che siano anche rassicurante presenza fisica, testimonianza concreta di esperienze condivise. Questa volontà è fedele alle linee programmatiche di Macula - Centro Internazionale di Cultura Fotografica che promuove iniziative di carattere pubblico a favore della conservazione, dello studio, della valorizzazione e diffusione della fotografia storica e contemporanea intese nelle loro inscindibili valenze storico-documentarie e artistico-culturali. La fotografia costituisce infatti uno dei punti nevralgici della contemporaneità, oggetto e strumento di analisi privilegiato per comprendere il nostro tempo. Tuttavia fermarsi al mezzo risulterebbe quantomeno limitante: per questo vogliamo porre l attenzione sulle ricerche artistiche particolari, nel senso etimologico del termine, individuando di volta in volta il medium che possa avvicinare percorsi anche apparentemente distanti. Il primo segno lo tracciamo attraverso l opera di due artisti che utilizzano come mediatore il corpo, luogo dell agire che viene ricoperto o spogliato della materia. Se in Kusterle la materia della Natura si fa pelle, superficie che accoglie i passi dell artista e riveste il pianeta Uomo come il pianeta Terra, proteggendone il nucleo vitale, nell opera di Benedetta Bonichi il nucleo è svelato, spogliato dell habitus per mostrarsi essere, più che mai vivente. È l inizio del viaggio. Dentro e sotto la pelle. Alessandro Giampaoli

6 LO SGUARDO DELL OMBRA. RADIOGRAFIE DI CORPI IMMEMORI Si appoggiava alla vanga (egli scavava sempre nuove fosse) e si chinava a raccogliere, per terra, la scapola di un cristiano; la teneva un poco in mano, parlando, e poi la buttava in un canto. Il terreno era disseminato di ossa, che affioravano dalle vecchie tombe [ ]. Il paese è fatto delle ossa dei morti, - mi diceva, nel suo gergo oscuro [ ]. Qui, dove il tempo non scorre, è ben naturale che le ossa recenti, e meno recenti e antichissime, rimangano, ugualmente presenti, dinanzi al piede del passeggero. Carlo Levi, Cristo si è fermato ad Eboli. Non hanno occhi le decine di personaggi ritratti nelle fotografie di Roberto Kusterle e Benedetta Bonichi qui presentate (unica eccezione, per quest ultima, l opera Avec amour). Chiusi, nascosti, rivolti altrove oppure bruciati dal procedimento radiografico. Per gli antichi gli occhi costituivano le porte d accesso all anima, per cui incrociare lo sguardo di un uomo significava stabilire con lui un contatto intimo, tale da poterne scrutare i pensieri più autentici. All osservatore di queste immagini non è data possibilità alcuna di entrare in empatia col soggetto raffigurato attraverso lo sguardo. La potente intensità visiva frutto di abili accorgimenti formali e compositivi, come vedremo - con cui questi esseri si presentano a noi, va così a scontrarsi con la loro impermeabile estraneità, innescando il paradosso di una lontananza che si manifesta in tutta la sua esuberanza luminosa. Spogliati di ogni elemento contingente, privi di un qualunque pretesto o funzione narrativa, retorica o documentaria, il loro stesso apparire su questa soglia paradossale sembra assumere la forma straniante di un atto del tutto ingiustificato e privo di senso. Scrive Rocco Ronchi: Prelevata dal mondo ambiente, divenuta immagine, la cosa è esclusa dal mondo in cui per altro è inclusa [ ]. È un pezzo di mondo l immagine è una parte reale della cosa che si è assolto una volta per tutte dalle relazioni che lo connettevano al mondo-ambiente [ ]. La sua solitudine è essenziale come la sua indisponibilità di principio. È dunque l immagine fotografica in quanto tale a collocare il soggetto in un al di là del mondo assolutamente inabitabile, in uno spazio spettrale che rassomiglia a quello ordinario, mostrando però una insuperabile dissomiglianza di fondo, popolato non da uomini, ma da marionette che possono suscitare un riso espiatorio o provocare una sensazione di perturbamento. E se Ronchi giustamente eleva tale dimensione a paradigma dell arte contemporanea, sottolineandone la genesi specificatamente fotografica, allora gli uomini-scheletro della Bonichi e gli esseri immemori e assorti di Kusterle, ne sono senz altro degni abitanti. Mi sono ritrovato spesso, davanti alle fotografie dei due artisti, pervaso dalla sensazione di essere di fronte a qualcosa di sordo e impenetrabile, qualcosa come un blocco inarticolato e senza nome che continuo a fissare, provando inutilmente a scioglierlo nella chiarezza di un concetto, di una qualche definizione. È indubbio che provenga dall immagine, ma è altrettanto evidente che in qualche modo ne trascenda il contenuto specifico, l originalità, i dettagli di cui si compone e la forma particolare. La stessa oscura percezione, infatti, mi assale in maniera simile davanti a immagini pur diverse tra loro. Di qualunque cosa si tratti, so innanzitutto per certo che mi riguarda in prima persona, accompagnandosi a un esperienza di spaesamento ben poco poetica o romantica di cui, istintivamente, farei volentieri a meno. So anche che passare in rassegna l interessante letteratura critica sulle opere di questi autori sfavillante di richiami al mito o a reconditi significati archetipici, di rimandi alla storia dell arte, a testi letterari o all immaginario simbolico della cultura occidentale, di allegorie, interpretazioni ingegnose ed ekphrasis brillanti, di analisi semiotiche e iconologiche solitamente non solo non mi permette di fare passi in avanti nella comprensione di questo stato d animo, ma mi distoglie e mi allontana da esso. In Note su fotografia e storia, uno splendido saggio del 1979 che anticipa le punte più avanzate del

7 dibattito teorico sul fotografico dei decenni successivi, Giulio Bollati individua due atteggiamenti di fondo della cultura alta di fronte all immagine fotografica. Da una parte la fotografia è considerata copia esatta del reale, frammento di irrefutabile realtà. Dall altra, l errore speculare a questa sottovalutazione maccanicamente naturalistica e documentaria, consiste nel mantenere la fotografia, malgrado tutte le assicurazioni e i giuramenti in contrario, dentro quella continuità estetico-figurativa che essa, appunto, ha interrotto, e nell aspettarla alle prove di un annosa concezione dell «opera d arte». Bollati non si limita a individuare il problema, ma indica la via d uscita da questa ormai secolare impasse: la soluzione, scrive, non sta a metà strada tra documento e opera d arte, ma in un «altrove» alla cui esplorazione sono partiti da tempo viaggiatori non di rado geniali (le guide saranno Walter Benjamin e L interpretazione dei sogni di Sigmund Freud). Se dunque le categorie estetiche maturate in secoli di riflessione e di abitudine non fanno presa sull immagine fotografica, è perché questa ci fa regredire a uno stadio in cui l immagine si sottrae al controllo del pensiero razionale. Se l arte ne era stata esorcizzata, la fototografia, questo rettangolo di realtà oltre il quale è l ignoto spaziale e temporale, ha risvegliato l arcaico e il demonico dormienti nel profondo, riportando a galla quelle verità inconsce che il pensare per concetti non è in grado di attingere. Il nostro rapporto con l immagine fotografica, prosegue Bollati, oscillante tra una reazione «arcaica» e tentativi di controllo razionale della più varia natura, affonda infatti nell indistinto dell esperienza [ ], inclina a confondere l oggetto e la sua rappresentazione. Ecco, forse è proprio questo il punto. Nonostante i trucchi di terra, le maschere vegetali, la stranezza degli abiti marini e dei corpi radiografati o le sfarzose finzioni sceniche dei due fotografi, io non posso fare a meno di scorgere e pensare all essere reale che era lì davanti all obiettivo al momento dello scatto. Immagino il suo volto che si rilassa all improvviso dopo il fatidico clic, il corpo teso che si scioglie nell agio di una postura finalmente naturale dopo estenuanti sedute in posa. Lo vedo mentre ammicca al fotografo o scambia una battuta coi suoi assistenti, si strucca e si riveste per immergersi nuovamente nella vita di tutti i giorni. Quindi ritorno a guardarlo ridotto a immagine e mi chiedo in quale assurda dimensione lo abbia collocato il dispositivo fotografico: senz altro lì, presente a un passo da me, e al tempo stesso del tutto assente, a una distanza infinita da me, ormai irraggiungibile nel quadro quotidiano di gesti e azioni dirette a uno scopo, dotate di senso. La cosa era là, l afferravamo nel movimento vivo di un azione comprensiva, - e, divenuta immagine, istantaneamente eccola divenuta l inafferrabile, scrive Maurice Blanchot, non la stessa cosa allontanata, ma questa cosa come allontanamento. In pagine celebri, Roland Barthes aveva perfettamente individuato la natura contraddittoria dell immagine fotografica e il carattere doloroso, traumatico e indicibile di quello che chiamava il punctum: qualcosa parte dall immagine e mi trafigge, mi anima, qualcosa di indefinibile ( Ciò che posso definire non può realmente pungermi. La impossibilità di definire è un buon sintomo di turbamento ) viene a sconvolgere i codici abituali e condivisi di lettura dell immagine (lo studium). Di che cosa si tratta? Di un paradosso: Il noema del noema della Fotografia sarà quindi: È stato : ciò che io vedo si è trovato là [ ]; è stato là, e tuttavia è stato immediatamente separato; è stato sicuramente, inconfutabilmente presente, e tuttavia è già differito. Entrambe le cose contemporanemaente, assurdità logica di un pezzo di mondo che non sta nel mondo (Ronchi). In un suo denso saggio, proprio riferendosi alla distinzione di Barthes tra studium e punctum, Ronchi scrive che due sono, dunque, le vie della Fotografia. C è innanzitutto una fotografia che dice e che si lascia leggere come un testo, prestandosi ad una riconoscibilità immediata, dove il reale viene riconosciuto in modo quasi automatico perché conforme alle nostre attese. C è però anche una fotografia-traccia che, chiudendosi come un riccio al contatto con l ansia ermeneutica dello spettatore, invece di dire pianamente che cosa è l oggetto al quale rinvia ne attesta la presenza, collocandolo in un presente assolto dalla sua relazione al futuro, presente puro estraneo all ordine diegetico della

8 narrazione. Sta all osservatore, dunque, decidere: Se si percorrerà la strada più impervia si abbandonerà il mondo umano troppo umano del lavoro e della storia, del progetto e del significato, per entrare in un territorio ambiguo e seducente dove si è in balia della fascinazione e si è in preda di un desiderio senza nome. In questo mondo rovesciato le cose, invece di restarsene fisse al loro posto, manifestando la loro incrollabile identità al giudizio determinante che le scopre come questo o come quello, si mettono, grazie al punctum, a oscillare sul posto: non sono più quello che sono senza nemmeno diventare altre da quello che sono ma se ne stanno in bilico, sulla soglia in una condizione di sconcertante neutralità. Sotto questo aspetto Barthes era stato chiaro: tra lo studium (l elemento culturale, codificato dell immagine, attraverso il quale leggo chiaramente le intenzioni del fotografo) e il punctum (il dettaglio casuale e indefinibile che mi ferisce scompigliando i codici abituali di lettura) vi è una relazione di copresenza. Posso dunque scegliere di percorrere la via della riconoscibilità e della lettura immediata e banale, e allora nelle foto di Kusterle vedrò solo una donna con un curioso abito di pesci e molluschi, un corpo tatuato, un volto ricoperto di lumache o arbusti, o in quelle della Bonichi esseri per metà uomini e metà animali, che si pettinano guardandosi allo specchio o fanno una piroetta tenendo in mano una scarpa. Oppure decidere di incamminarmi ai lati di quello sdoppiamento perturbante del reale che l immagine fotografica opera sempre, del suo rapporto costitutivo con l alterità (Ronchi). Non c è dubbio che Kusterle e la Bonichi abbiano da tempo optato per la strada più impervia. Ma il pubblico, i critici, gli amici a cui mostrano le loro opere? Scrive Barthes: Può darsi che nel quotidiano dilagare delle foto [ ] il noema «È stato» sia non già rimosso, ma vissuto con indifferenza, come un aspetto scontato. I fotografi sanno bene come il pubblico generalmente tenda a credere ai loro scatti come a una informazione immediatamente veritiera, mettendo preferibilmente in atto tentativi di controllo razionale della più varia natura, potremmo dire con Bollati. Se da una parte la complicità dell osservatore è comunque essenziale, dall altra ecco prospettarsi per l artista il compito di assecondare e portare alla massima intensità espressiva i termini contraddittori e il fascino di quel quid indefinibile che s intravede baluginare al fondo di ogni immagine fotografica. Consideriamo ad esempio le straordinarie creature protagoniste della serie Mutabiles nymphae di Kusterle. La potenza visiva con cui ci appaiono e sembrano avvicinarsi a noi, è il frutto di una serie di precisi accorgimenti. Innanzitutto la scelta di un formato tale da mostrarcele a grandezza naturale, come se le incontrassimo nel mondo reale. L effetto è ulteriormente rafforzato sia dalla resa incredibilmente realistica, tattile della texture dei loro abiti, sia dal carattere monumentale del loro presentarsi a noi, ottenuto attraverso la scelta di un punto di vista frontale, di un inquadratura ravvicinata e grazie al loro stagliarsi su di uno sfondo privo di elementi di disturbo e piatto, che annulla una qualunque possibilità di sviluppo narrativo e di articolazione prospettica su più piani. Ciò produce due effetti: da una parte le ninfe sembrano quasi premere e aderire alla superficie della fotografia, ponendosi alla massima vicinanza possibile rispetto all osservatore, quasi potessimo toccarne la bellezza regale; dall altra, tutta l attenzione di quest ultimo viene così concentrata su di esse, senza possibilità di distrazione. Ma il fascino magnetico e senza fine di questi esseri, nasce dalla compresenza, nella stessa foto, di un moto diametralmente opposto e altrettanto intenso - di allontanamento e nascondimento. L assoluta stranezza dei loro abiti marini, la loro natura divina e, soprattutto, i loro occhi chiusi rivolti altrove rispetto a chi guarda, producono un effetto di assenza e distanza, di completo ripiegamento su di sé. È come se, dopo aver deciso di riemergere per un istante dal loro regno subacqueo, agghindate a festa per mostrarsi agli uomini in tutto il loro splendore, fossero già sulla via del ritorno, indifferenti a noi e già sprofondate di nuovo in un mondo totalmente altro dal nostro. Come se, paradossalmente, fossero apparse per mostrarci tutta la straniante invisibilità di esseri trascendentali.

9 È significativo che molte delle osservazioni fatte valgano anche per le serie Mutazione silente e Riti del corpo, quasi che, una volta individuato un nucleo visivo di fondo e avendone portato le intime contraddizioni alla massima espressione, Kusterle non potesse far altro che esprimerne il fascino indicibile in una serie di continue variazioni sul tema, come conferma anche il carattere ripetitivo di ogni singola serie. Ancora più interessante è notare come la Bonichi adotti accorgimenti simili a quelli visti e come anche nella sua ricerca sia possibile individuare un nucleo visivo di base (scheletri e corpi radiografati) scavato per anni. Qui la scelta del grande formato è anzi più spinta, così come ancora più intensa grazie alla trasparenza della carne - è la mancanza di profondità e il conseguente effetto di appiattimento dei corpi sulla superficie dell immagine. E come le figure di Kusterle si stagliano sulla matericità vuota e senza fondo di strabilianti grigi diafani e opachi al tempo stesso, quelle della Bonichi emergono da neri assoluti o dal magico bagliore di livide luci biancastre, come le immagini di un sogno o di un incubo, eludendo i variegati sfondi su cui si agita la nostra esistenza quotidiana per conferire ai soggetti un evidenza quasi allucinata. Nel caso della Bonichi, inoltre, il carattere straniante dei personaggi raffigurati, di cui vediamo lo scheletro, è senz altro maggiore, nonché una delle componenti principali della sua opera. Ci troviamo letteralmente di fronte al paradosso di veri e propri morti-viventi, con la loro ironia leggera e sinistra al tempo stesso (reazione difensiva a un turbamento profondo e rimosso, come insegnano Freud e Henri Bergson nel suo saggio sul riso). Gli scheletri sono infatti una chiara proiezione, nel presente dell immagine, del futuro della morte, un immediata visualizzazione di quell ombra cadaverica che ci accompagna in ogni momento e che diventeremo. Barthes vedeva nei suoi ritratti fotografici il fatto di essere diventato Tutto- Immagine, vale a dire la Morte in persona, mentre Philippe Dubois sottolinea come l atto fotografico implichi sempre l idea di un passaggio, di un attraversamento irriducibile da un tempo evolutivo ad un tempo fisso, dal regno dei vivi al regno dei morti [ ], dalla carne alla pietra. Di nuovo emerge la straordinaria sovrapposizione tra le opere dell artista e quelli che sono i caratteri essenziali e irriducibili dell immagine fotografica. Viene in mente la celebre lirica di Cesare Pavese, Verrà la morte e avrà i tuoi occhi. Questo verso, infatti, non fa che realizzare anch esso la compenetrazione tra il futuro della morte ( che ci accompagna dal mattino alla sera ) e il presente degli occhi di lei ( così li vedi ogni mattina ). Limite di convergenza paradossale, irrealizzabile nel mondo dei fatti reali: quando la morte sarà arrivata non potrò più vedere i suoi occhi, nemmeno in immagine; fino a che potrò vederli, al contrario, la morte non sarà davvero arrivata. La parola, però, per dare evidenza a questa soglia, può solamente dire e poi contraddire (verrà la morte e avrà i tuoi occhi). L immagine fotografica, invece, la porta a perfetta espressione, accogliendo in se stessa ciò che il mondo reale e il dire predicativo non potranno mai accogliere, rendendo visibile ciò che non potrà mai esserlo altrimenti. Non è forse questo, del resto, il compito paradossale - di ogni artista? BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO BARTHES R. (1980) La camera chiara, Einaudi, Torino. BLANCHOT M. (1955) Lo spazio letterario, Einaudi, Torino BOLLATI G. (1979) Note su fotografia e storia, in C. Bertelli, G. Bollati, Storia d Italia. Annali 2. L immagine fotografica , Einaudi, Torino, tomo primo, pp DUBOIS P. (1983) L atto fotografico, Quattro Venti, Urbino Marco Andreani LEVI C. (1945) Cristo si è fermato a Eboli, Einaudi, Torino, RONCHI R. (2001) Il pensiero bastardo. Figurazione dell invisibile e comunicazione indiretta, Christian Marinotti, Milano. (2007) La solitudine dell immagine. Blanchot, il fotografo e il paradigma modernista, in C. Oggionni (a cura di), Solitudini contemporanee, Franco Angeli, Milano. (2008) Immagine vita, in «Diario Gerra 01», Spazio Gerra, Reggio Emilia, pp

10 COGITO ERGO SUM CORPO «Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire». (Roy Batty, cyborg da Blade Runner 1982) Se foto-grafia significa scrittura con la luce, allora Roberto Kusterle è uno scrittore. Le sue opere fotografiche, infatti, hanno una fortissima affinità con la letteratura di fantascienza, in particolare con la letteratura di Philip Kindred Dick ( ). É dal suo romanzo di fantascienza Il cacciatore di androidi, del 1968 (in originale Do Androids Dream of Electric Sheep? ), che è stato tratto il celebre film Blade Runner (1982) di Ridley Scott, carico dei temi cari allo scrittore americano: cos è reale e cosa non lo è, cosa è umano e cosa no. Roberto Kusterle, goriziano classe 1948, crea mondi immaginari, senza tempo. Ne nasce un senso di mistero ed ambiguità che suscita riflessioni d ogni tipo. Ancor più destabilizzante e difficile a credersi (la domanda di Dick: cosa è reale e cosa no?) sono, non solo i suoi soggetti, ma anche queste vere e proprie mise en scène di ambientazioni di mondi paralleli creati ad hoc, a mano, dall artista goriziano. Tutto quello che si vede nei suoi set scenografici è reale, senza interventi o manipolazioni al computer: come l enorme testa (vera scultura) de Il sostegno dell Io, in cui un uomo si sforza di scalzare da un terreno arido (vero greto di un torrente in secca) un enorme testa simulacro (altro termine caro a Dick) che ricorda la statua di un idolo, molto simile allo stesso uomo che spinge. L opera di Kusterle diventa così fotografia, scultura, teatro, performance, video. Il corpo è il vero medium su cui Kusterle sperimenta le sue visioni. La pelle diventa testo su cui leggere i codici delle Natura, alla quale aspira un ritorno totalizzante, in cui Uomo e Natura si fondano insieme (come nella serie Segni di Pietra ), fino ad un totale scambio tra pietra e pelle, in cui l una sembra carne e l altra pietra. Roberto Kusterle indaga l inverosimile o forse l irreale, ma soprattutto il senso dell umano e dell Essere, come fece Dick. Tra i personaggi dell artista goriziano e lo scrittore americano c è in comune la stessa condanna: una solitudine incolmabile e la ricerca di sé, resa vera attraverso l esperienza del corpo. Come il poliziotto protagonista Deckard, creato da Dick, si interroga circa i cyborg, forse lui stesso androide, così ci domandiamo noi circa gli esseri di Kusterle: sono umani? Provano sentimenti come noi? Il loro corpo prova dolore? La nostra certezza di esistere arriva dal dubbio, perché il pensiero ce lo conferma: Cogito ergo sum ( Penso quindi sono ) come sosteneva il filosofo francese Cartesio ( ). Ma chi mi sta di fronte è un soggetto come noi o piuttosto un androide o un mostro? Abbiamo bisogno di conferme. Singolare notare come Cartesio parlava già di uomini e macchine quando, definendo la capacità di pensare (cogitare) la definiva come capacità di autocoscienza che appartiene solo agli uomini dotati di «[...] un corpo che funziona meccanicamente, come una macchina: incomparabilmente meglio ordinata e ha in sè movimenti più meravigliosi di qualsiasi altra tra quelle che gli uomini possono inventare». E la conferma più forte di sé è negare l altro da sé, il diverso che non si conosce. Claudio Composti

11 IL CORPO e L ANIMA (delle COSE) [7] il Signore Dio plasmò l uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l uomo divenne un essere vivente. (Genesi) Nella Storia dell Arte, così come nella Scienza o nella Letteratura, i grandi artisti sono stati quelli che, più degli altri, hanno avuto la capacità di vedere oltre. Delle antenne del mondo in grado di captare, forse nemmeno in piena coscienza, quello che la gente comune non può (o non vuole) vedere: l invisibile. Pensiamo alle opere visionarie dipinte da Hyeronimus Bosch, al genio di Leonardo Da Vinci o al surrealismo onirico di Renè Magritte, di Max Ernst e di Salvador Dalì. La percezione e la lettura del mondo hanno subìto una rivoluzione grazie all invenzione della macchina fotografica. Una vera macchina del tempo, capace di fermare l attimo in un eterno immortale. Salva cose, persone, paesaggi dall inevitabile deperimento. Indaga la realtà e il corpo. Al di là delle nozioni tecniche del funzionamento, la Foto-grafia (che significa scrittura di luce ) ha un lato magico e inspiegabile per il fatto stesso di rendere la luce una penna, con cui scrivere le mille storie della Vita. E della Morte. Il corpo morto, infatti, come per la Filosofia e la Scienza in primis e la Pittura poi, divenne un tema inevitabilmente attraente per la Fotografia, forse per cercare, con questo splendido mezzo moderno, la prova provata dell esistenza di un qualcosa che l occhio umano non percepisce. L Anima. Perchè non di solo corpo siamo fatti. David Levi Strauss nel suo saggio Politica della fotografia (1) cita Christian Metz nel dire che [ ] La ripresa fotografica è immediata, definitiva, come la morte [ ]. Lo stesso tentativo di indagare la Morte (e forse ancor di più, l Oltre ) muove da sempre l attenzione di fotografi: pensiamo a Wegee, a Serrano o ad uno degli artisti più controversi della fotografia contemporanea, Joel Peter Witkin. [ ] L oscurità dentro di noi è tale che per me diventa affascinante. [ ] A me sembra che i migliori mezzi per arrivarci siano gli strumenti estetici della fotografia [.]. Partendo da presupposti opposti, ma con lo stesso medium fotografico, Benedetta Bonichi indaga il corpo e oltre attraverso le sue radiografie fotografiche, andando sotto pelle. Benedetta ci mostra, in una ricerca quasi scientifica, esseri (umani?) che vivono ( Donna che si specchia ), amano ( La conversazione platonica e Battaglia ), muoiono ( Narciso ) in un continua fusione tra Amore, Vita, Morte. La Morte si sconta vivendo diceva Ungaretti. Benedetta Bonichi ce lo ricorda in un memento mori foto-radiografico che svela allo stesso tempo tutta la forza della Vita, tentando forse di dimostrare il lato nascosto delle cose, quasi a cercare la riprova di quell Anima ( l alito di Dio ) che rende vivo ogni Essere. Non necessariamente umano (pensiamo all opera La sirena o Collana di perle ). Tanto più, Benedetta in questa ricerca della verità delle cose, arriva a indagare il simbolo per eccellenza della sacralità: Cristo. Nella splendida opera che è la Crocifissione, a dimensione naturale, stampato su tela, in cui la radiografia di un uomo in croce rimanda alla sacralità di una contemporanea Sacra Sindone. Quasi a voler dare prova scientifica della crocifissione di Cristo. Un estremo tentativo, molto umano, di cogliere il passaggio esatto tra il qui e l Aldilà dove, come si dice, ogni corpo morto perde 21 grammi. Il peso dell Anima. (1) Politica della fotografia (Edizioni postmedia books 2007) Claudio Composti

12

13 ROBERTO KUSTERLE

14 NEMESIS O Nemesi, ti celebro, Dea, Somma Regina, tutto vedi, osservando la vita dei mortali dalle molte stirpi; Eterna, Augusta, che sola ti rallegri di ciò che è giusto, che muti il discorso molto vario, sempre incerto, che temono tutti i mortali che mettono il giogo al collo: perchè a Te sempre sta a cuore il pensiero di tutti, nè ti sfugge l anima che si inorgoglisce con impulso indiscriminato di parole. Tutto vedi e tutto ascolti, tutto decidi; in Te sono i giudizi dei mortali, demone supremo. Vieni, Beata, Santa, agli iniziati sempre soccorritrice: concedi di avere una buona capacità di riflettere, ponendo fine agli odiosi pensieri empi, arroganti, incostanti. (Mesomedes, Inno a Nemesis, II d.c.)

15 Ci fu un tempo in cui i pensieri e le parole erano un tutt uno con l azione. Un tempo dove si manifestavano le proprie intenzioni e le parole erano sacre per chi le pronunciava. Poi venne il tempo di Inganno che mise il giogo al collo, per derubare quell energia che l uomo ha perduto nel rinunciare a tessere la trama della propria esistenza! Nemesis è colei che ripristina l ordine armonico nel mondo, colei che proviene dalla Notte e che sussurra da lontano che è tempo di ritornare a sé. Da qui la scelta di una dea ctonia a sigillo dell universo visionario di Roberto Kusterle, artista, demiurgo, poeta, sciamano, perseverante occhio curioso, che attraverso le immagini fotografiche ci consegna le chiavi per varcare la soglia di quel mondo altro che coincide col primordiale inizio, con quel sonno senza sogni, di cui non possiamo né potremo mai avere coscienza. I corpi diventano luoghi sacri del pensiero dell artista, che fonde l epidermide plastica con la linfa vegetale e animale, creando nuovi esseri ibridi, carichi di una sensualità ancestrale, prigionieri di una memoria ormai perduta, resi ciechi dall incapacità di armonizzarsi con la Natura e ormai sordi all eco del Tempo senza Tempo. Il tentativo di colmare questo vuoto riconduce ogni suono verbale all originario sapienziale Silenzio. Lo sguardo si inabissa nella percezione di uno spazio senza orizzonti, di un tempo privo di limiti. Il tempo ciclico diventa ritmicità uroborica, che corrisponde alla nascita di un nuovo inizio segnato dalla riemersione acquatica, di cui sono forte emblema le creature ipnotiche Mutabiles Nymphae. La niña milagrosa, lo spirito bambino capace di udire il richiamo, la voce lontana dell anima mundi, è seme nascosto nelle tracce della terra, nell alveo secco di un fiume che poco prima scorreva copioso e che ora rivendica, lacerato, la dignità della Natura ferita che aspetta la cura dell uomo distratto. Le madri del Fato tessono nell ombra beata dei loro secreti la trama degli eventi e delle parole silenziose, mentre l umanità estraniata autofagocita se stessa in un banchetto di finte vanità. Corpi senza ombre vagano alla ricerca di quella fonte primigenia, tentano invano di recuperare la vista attraverso occhi vitrei di creature marine, tendono le corde vocali su un canto afono, frugano chiocciole labirintiche nella speranza di ritrovare l ascolto. Le ali dei sogni, frammenti di farfalla, aurora dell anima, sono lì appese, pronte per tentare continuamente il volo. Ma l uomo eterno Icaro dalle ali incerte, è nelle pietre, figlie della terra, che ritrova la forza interiore e il coraggio ancora da liberare per svelare la propria identità. Se non può volare, può sempre entrare in simbiosi con le viscere sacre e diventare consapevole del proprio pensiero inconscio e represso. La spiritualità magmatica della materia penetra nel derma e la stessa umana pelle si trasforma in matrice di memoria sulla pietra che conserva orme apotropaiche di presenze precarie. Se solo imparassimo a fissare la nudità dell abisso ci accorgeremmo di non avere perduto l eredità bifronte del Sole e riscopriremmo le nubi alchemiche degli antri magici, la grandezza della Madre esiliata. Debora Ricciardi

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Remo Alessandro Piperno

Remo Alessandro Piperno La non arte quella astratta, surrealista, non tocca il Ferretti perchè egli ama restare nel concreto, ama la fisica e non la metafisica. Il mondo iperuranio, oggetto di favola mistica per primitivi, selvaggi

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

En plein air. Paolo Meoni

En plein air. Paolo Meoni En plein air Paolo Meoni Volume realizzato in occasione della mostra En Plein air PAOLO MEONI 19 aprile 19 giugno 2012 Die Mauer Arte Contemporanea, Prato Dryphoto Arte Contemporanea, Prato Ringraziamenti

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Giuliano Scabia GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Nel 67 ho avuto con Barba un lungo incontro a Venezia dove eravamo entrambi presenti alla Biennale. Camminammo

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International Cannaregio 3384/b Campo dei Mori 30121 Venezia www.spazioartedeimori.com info@spazioartedeimori.com

Dettagli

Corso di Plastica Ornamentale

Corso di Plastica Ornamentale Bernardo Brandimarti Tradizione e moder nità: Una nuova piazza per l Accademia La modellazione di un pugno di fango, non è solo l Inizio, la creazione primordiale e prerogativa Divina del Verbo nell immaginario

Dettagli

Deutsche Bank presenta le opere di Elena Lattanzi, 20 Maggio 2006. Omaggio a Monopoli

Deutsche Bank presenta le opere di Elena Lattanzi, 20 Maggio 2006. Omaggio a Monopoli Deutsche Bank presenta le opere di Elena Lattanzi, 20 Maggio 2006. Omaggio a Monopoli Monopoli è una città sul mare che vive di campagna, una città comunità che abbraccia confini e territori non segnati

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio

Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Il caso Moro (1986) di Giuseppe Ferrara Buongiorno, notte (2003) di Marco Bellocchio Aldo Moro Aldo Moro Fu cinque volte Presidente del Consiglio dei Ministri e presidente del Partito della Democrazia

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

Lucia Baldini immagini

Lucia Baldini immagini Lucia Baldini immagini www.luciabaldini.it MUSEI FIORENTINI Questo lavoro fotografico ha come soggetto uno sguardo in bianco e nero ai Musei Fiorentini. E stato un lavoro molto coinvolgente e appassionante

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ Per un artista dedito alla ricerca e alla meditazione, abituato a parlare tramite i suoi quadri, è difficile comunicare la sensazione di piacere che si prova in

Dettagli

davide benati cormo Acquarello su porta L arte incontra il design delle porte di grande mattino

davide benati cormo Acquarello su porta L arte incontra il design delle porte di grande mattino davide benati grande mattino Acquarello su porta L arte incontra il design delle porte di cormo Cormo inaugura il progetto di ricerca Opening Art, volto alla realizzazione di vere e proprie porte d autore,

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

#BACKIES. un progetto (fotografico) di ago panini

#BACKIES. un progetto (fotografico) di ago panini #BACKIES un progetto (fotografico) di ago panini Esprimiamo quasi tutto attraverso i nostri visi. La nostra razza, la nostra fede, la nostra sessualità, il nostro stato d animo. Il viso e il nostro biglietto

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Il suo background di creatività emerge in modo evidente

Il suo background di creatività emerge in modo evidente ELENA PARISI EMOZIONI senza TEMPO Elena Parisi nasce in una famiglia d'arte, essendo figlia di Paola e Marcello Parisi (il noto fashion designer che ha disegnato tessuti per i più importanti stilisti dell'alta

Dettagli

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria La prima immagine che si vede, entrando nel nostro sito web, è quella di Maria dipinta da Giotto nella volta della Cappella degli Scrovegni. La pagina

Dettagli

SERIE FOTOGRAFIA ITALIANA

SERIE FOTOGRAFIA ITALIANA SERIE FOTOGRAFIA ITALIANA Produzione: Giart Visioni d arte Regia: Giampiero D Angeli Durata e formato: 5X52 HD 16/9 Con il patrocinio della Cineteca di Bologna In collaborazione con Contrasto FOTOGRAFIA

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Qualcosa si annida dentro noi e ci rende la vita difficile, complicata, come un dèmone

Dettagli

FOTOGRAFIA & DIREZIONE D ARTE

FOTOGRAFIA & DIREZIONE D ARTE FOTOGRAFIA & DIREZIONE D ARTE Educare alla bellezza, armonia ed arte attraverso la fotografia d autore. A cura di Alessandro Ceci e Isabella Prealoni Swonderful Photo and Art Studio PARMA - Anno scolastico

Dettagli

Io sono l attimo come il fiume che scorre

Io sono l attimo come il fiume che scorre Io sono l attimo come il fiume che scorre Cristina Pia Sessa Sgueglia IO SONO L ATTIMO COME IL FIUME CHE SCORRE Le mie poesie teatro di vita www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Cristina Pia Sessa

Dettagli

testo di Giorgia Calò

testo di Giorgia Calò G I A N P A O L O R A B I T O C I T T À S I L E N T E testo di Giorgia Calò 15 aprile - 14 maggio 2011 I L S O L E A R T E C O N T E M P O R A N E A VOLUME XXIV Città silente Giorgia Calò Il lavoro di

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

22 gennaio - 25 febbraio 2011

22 gennaio - 25 febbraio 2011 22 gennaio - 25 febbraio 2011 Sala Mostre Marco Gerra Centro Internazionale Loris Malaguzzi Via Bligny 1/A, Reggio Emilia mostra ideata da: Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi promossa e

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

insignificanze tragipop

insignificanze tragipop insignificanze tragipop Emma Vitti si forma a Torino presso l Accademia Albertina di Belle Arti. Allieva di Francesco Menzio e Sergio Saroni, si diploma in Pittura, rafforzando un talento naturale per

Dettagli

il fotografo 32 Profili d autore grandi maestri di Giovanni Pelloso Irene Kung Dalla pittura alla fotografia con lo stesso impatto espressivo

il fotografo 32 Profili d autore grandi maestri di Giovanni Pelloso Irene Kung Dalla pittura alla fotografia con lo stesso impatto espressivo 32 Profili d autore grandi maestri di Giovanni Pelloso Irene Kung Dalla pittura alla fotografia con lo stesso impatto espressivo 33 34 profili d autore pagina precedente Pingyao 2012, D-print on rag paper

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI

DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI Botto & Bruno per l Educational Day, Silent walk, fotocollage, 2014 Laboratori, workshop,

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Un nuovo modo di Amare: Il Tantra

Un nuovo modo di Amare: Il Tantra SESSO Un nuovo modo di Amare: Il Tantra La mente si espande, lo spirito si eleva, i sensi si accendono, ma cosa significa vivere tantrico? Dott. Roberto Cavaliere Psicologo e Psicoterapeuta Tantra è quel

Dettagli

è arrivata l estate!

è arrivata l estate! l estate! è arrivata PANTONE 179 PC Le Associazioni di Alba e di Mondovì da anni si occupano di valorizzazione del territorio e di formazione e avvicinamento alla storia, all arte e ai beni culturali.

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Lì si vedrà ciò che tenem per fede, non dimostrato, ma fia per sé noto a guisa del ver primo che l uom crede.

Lì si vedrà ciò che tenem per fede, non dimostrato, ma fia per sé noto a guisa del ver primo che l uom crede. Lì si vedrà ciò che tenem per fede, non dimostrato, ma fia per sé noto a guisa del ver primo che l uom crede. DANTE, Paradiso, II, 43-45 Lì, in Paradiso, vedremo ciò che crediamo per mezzo della fede,

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

LE STORIE DELLA CAMERA BLU

LE STORIE DELLA CAMERA BLU LE STORIE DELLA CAMERA BLU Il nome del progetto nasce dalla modalità video utilizzata per le riprese, svolte a conclusione del laboratorio. La Camera Blu è infatti una struttura smontabile, costituita

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna.

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna. Roma, 13 dicembre 2011 TITOLO Ulisse es toccheddande Le porte del vento Pietro Sotgia poeta dorgalese ESIGENZE CHE SI INTENDE AFFRONTARE: Rendere omaggio e consegnare alla memoria collettiva, tramite la

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Nome e cognome Maurizio Gibertini Via di Valtellina N. 59 C.A.P. 00151 Città Roma

Nome e cognome Maurizio Gibertini Via di Valtellina N. 59 C.A.P. 00151 Città Roma Titolo A volo d Angelo Regia Manuela Costa, Maurizio gibo Gibertini, Carlo Tomassi Soggetto e sceneggiatura Manuela Costa, Maurizio gibo Gibertini, Carlo Tomassi Fotografia Maurizio gibo Gibertini, Carlo

Dettagli

Poesie di Rolando Toro Araneda

Poesie di Rolando Toro Araneda Poesie di Rolando Toro Araneda Tratte da Lo imposible puede suceder Edicion Oasis Oaxaca, Mexico, 1995 TUTTI SIAMO UNO La forza che ci conduce È la stessa che accende il sole Che anima i mari E fa fiorire

Dettagli

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Davide Fantini La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Il fascino della letteratura di viaggio si presenta a Claudio Magris già dall infanzia: in una recente intervista con Marco

Dettagli

Benito Calonego LA NASCITA DI UN TESTO POETICO

Benito Calonego LA NASCITA DI UN TESTO POETICO Benito Calonego CAPIRE LA POESIA LA NASCITA DI UN TESTO POETICO (LA LABORIOSA E MISTERIOSA GESTAZIONE DI UNA POESIA) 1 2 GENESI DEL TESTO POETICO Andrea Zanzotto confessa :

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Evangelizzazione e... Arte e M usica. Liturgia. Iconografia. Multimedialità. Drammatizzazione. Narrazione. Arcidiocedi di Bari-Bitonto

Evangelizzazione e... Arte e M usica. Liturgia. Iconografia. Multimedialità. Drammatizzazione. Narrazione. Arcidiocedi di Bari-Bitonto Evangelizzazione e... Arte e M usica Liturgia Iconografia Multimedialità Laboratori della Fede Arcidiocedi di Bari-Bitonto Drammatizzazione Narrazione Laboratori della Fede tra tradizione e creatività

Dettagli

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA MAURO MASSARI IDEA Comunicato Stampa Idea personale di pittura di Mauro Massari, Castello San Giorgio Orzinuovi, Brescia 10 gennaio 2016 Il giorno 10 gennaio 2016, si inaugura alle ore 10,30 la mostra

Dettagli

TREASURE ROOMS. ARTISTA E PRODUZIONE Mauro Fiorese In collaborazione con Boxart, Verona (IT)

TREASURE ROOMS. ARTISTA E PRODUZIONE Mauro Fiorese In collaborazione con Boxart, Verona (IT) TREASURE ROOMS ARTISTA E PRODUZIONE In collaborazione con Boxart, Verona (IT) INDICE 1. OPERE 2. Mission 3. Sedi e poli museali coinvolti 4. CV OPERE Depositi del Museo di Castelvecchio - Verona, 2014

Dettagli

UFFICIO STAMPA ALLEMANDI Cristina Casoli Tel.: +39 011 8199115 Email: cristina.casoli@allemandi.com

UFFICIO STAMPA ALLEMANDI Cristina Casoli Tel.: +39 011 8199115 Email: cristina.casoli@allemandi.com COMUNICATO STAMPA MOSCA FABBRICHE DELL UTOPIA Museo Statale di Architettura Schusev MUAR - Mosca 27 aprile - 17 di giugno 2012 Inaugurazione giovedì 26 aprile h. 18.00 curatore Umberto Zanetti Dal 27 aprile

Dettagli

Lontana è la primavera

Lontana è la primavera Lontana è la primavera Immagine in copertina: Amorosi innevata (Foto di Gianna Sanfelice) Antonio Pellegrino LONTANA È LA PRIMAVERA silloge www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Antonio Pellegrino Tutti

Dettagli

palermo Kursaal Kalhesa 17 giugno >> 30 giugno 2009

palermo Kursaal Kalhesa 17 giugno >> 30 giugno 2009 palermo Kursaal Kalhesa 17 giugno >> 30 giugno la vampa (particolare) olio su tela cm 120 x 100 i l l a b i r i n t o d e l l i d e n t i t à Evento culturale promosso da Amici della Terra AG Ziganoi Il

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli