Lezione 7: Riuso del Software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 7: Riuso del Software"

Transcript

1 Lezione 7: Riuso del Software Riferimenti: I.Sommerville, Ingegneria del Software, 8 edizione- Cap. 18 (Riuso) Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 1 Outline Vantaggi del riuso Panoramica sulle forme di riuso Design Pattern Riuso basato su generatori Application Frameworks Riuso di COTS Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 2 1

2 Riuso del Software Nella maggior parte delle discipline ingegneristiche, I sistemi si progettano a partire da componenti che sono usati anche da altri sistemi. L Ingegneria del Software si è originariamente preoccupata soprattutto dello sviluppo di software exnovo, ma oggi è ben noto che occorre adottare processi di sviluppo basati su un riuso sistematico del software: per ottenere software migliore e per ottenere software più rapidamente ed economicamente. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 3 Vantaggi del riuso Riusare software esistente può consentire di: Ridurre i costi di sviluppo/ testing Produrre software che rifletta il livello di affidabilità dei software riusati: in presenzadi software riusabili di grande qualità può essere una ottima opzione Riusare è possibile a diversi livelli e dimensioni: Riusodi intere applicazioni (es. COTs) Riusodi componenti (v. CBSE) Riuso di oggetti e funzioni Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 4 2

3 Quali cose possono essere riusate? Non bisogna pensare solo al codice! È possibile riusare anche: L Architettura di un sistema I progetti L analisi La documentazione (sia tecnica che utente) I test Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 5 Benefici del Riuso Maggiore affidabilità Il software riusato è, generalmente, più affidabile (in quanto già provato e testato) di quello prodotto exnovo. Minori rischi di progetto Se si può riusare software, piuttosto che svilupparlo ex-novo, si possono fare stime più accurate sui costi del progetto Sviluppo più rapido I tempi di sviluppo si accorciano ed è possibile consegnare il software più rapidamente Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 6 3

4 Problemi legati al riuso Maggiori costi di manutenzione Se si riusa software di cui non si possiede il codice, il sistema complessivo potrà risultare meno flessibile e meno manutenibile Mancanza di strumenti CASE Spesso i CASE non forniscono funzionalità che consentono un efficace riuso di librerie di componenti software Diffidenza verso software prodotto da altri Spesso si preferisce risviluppare per avere un maggior controllo sul software prodotto Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 7 Problemi legati al riuso Difficoltà nel creare e Mantenere librerie di componenti riusabili Popolare librerie di componenti riusabili può essere costoso, e le tecniche disponibili per classificare, catalogare e ricercare componenti software non sono ancora mature. Difficoltà nel trovare, comprendere ed adattare componenti riusabili Non sempre si è disposti a spendere tempo per cercare, comprendere ed eventualmente adattare un componente riusabile. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 8 4

5 Panoramica di approcci per il Riuso Design patterns Component-based development Service-oriented systems Component frameworks Legacy system wrapping Application product lines Program libraries COTS integration Configurable ver tical applications Aspect-oriented software development Program generators Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 9 Approcci per il Riuso (1) Design patterns Component-based development Application frameworks Legacy system wrapping Service-oriented systems Generic abstractions that occur across applications are represented as design patterns that show abstract and concrete objects and interactions. Systems are developed by integrating components (collections of objects) that conform to component-model standard. Collections of abstract and concreteclasses that canbe adaptedand extended to create application systems. Legacy systems(seechapter 2) that can be wrapped b y defining a set of interfaces and providing access to these legacy systems through these interfaces. Systemsare developed by linking shared services that may be externally provided. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 10 5

6 Approcci per il Riuso (2) Applicat ion product lines COTS integrat ion Configurable vertical applica tions Program libra ries Program gener ators Aspec t-oriented soft ware devel opment An application type is generalised around a co mmon architecture so that it can be adapted in different wa ys for different custom ers. Systems are dev eloped by integrating existing application systems. A generic system is designed so that it ca n be configured to the nee ds of sp ec ific system customers. Class and function libraries implementing commonly-used abstract ions are a vailable for reuse. A generator s ystem embeds knowledge of a particular types of applicat ion and can generate systems or system fragments in that dom ain. Share d components are woven into an application at different place s when the program is compiled. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 11 Diversi Approcci possibili per il Riuso Design Patterns Component-based development Application Framework Wrapping di sistemi legacy Sistemi orientati ai servizi Linee di prodotto applicative Integrazione di sistemi COTS (Commercial Off The Shelf) Applicazioni verticali configurabili Librerie di programmi Generatori di programmi Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 12 6

7 Fattori di cui tener conto nel pianificare il riuso Tempistica richiesta per lo sviluppo Durata prevista per la vita del software Background, capacità ed esperienza del team di sviluppo nelle tecnologie di riuso Criticità del software e altri requisiti non funzionali Dominio di applicazione Piattaforma sulla quale eseguire il sistema Ingegneria del Software 2 Riuso del Software Riuso a livello Concettuale Il Riuso di componenti già implementati obbliga ad ereditare le scelte di progetto e di sviluppo di chi ha realizzato I componenti (es. algoritmi, interfacce, linguaggi, ), limitando le situazione nelle quali il riuso è possibile Ad un maggiore livello di astrazione, è possibile invece riutilizzare concetti, progetti astratti, privi didettagli implementativi Es. Riuso di schemi di progettazione usati per Algoritmi fondamentali, tipi di dato astratto; Design patterns Generative programming Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 14 7

8 Riuso di schemi di progettazione Alcuni esempi: Algoritmi Fondamentali Ricerca, Ordinamento, Visita di Alberi, etc Tipi di Dato Astratto Pila, coda, albero, lista, tabella Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 15 Design Pattern Un Pattern individua un IDEA, uno schema GENERALE E RIUSABILE schema di problema, schema di soluzione, etc. Rispetto ai componenti riusabili non è un oggetto fisico non può essere usato così come è stato definito, ma deve essere contestualizzato all interno del particolare problema applicativo Due istanze/contestualizzazioni di uno stesso pattern (ad esempio in problemi diversi) tipicamente sono diverse proprio per la contestualizzazione in domini differenti Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 16 8

9 Scopo dei Patterns Scopo dei pattern Catturare l esperienza e la saggezza degli esperti Evitare di reinventare ogni volta le stesse cose Cosa fornisce un design pattern al progettista software? Una soluzione codificata e consolidata per un problema ricorrente Un astrazione di granularità e livello di astrazione più elevati di una classe Un supporto alla comunicazione delle caratteristiche del progetto Un modo per progettare software con caratteristiche predefinite Un supporto alla progettazione di sistemi complessi Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 17 Definizione Ogni pattern descrive: un problema specifico che ricorre più volte e il nucleo della soluzione a quel problema, in modo da poter utilizzare tale soluzione un milione di volte, senza mai farlo allo stesso modo. Abbastanza astratti in modo da poter essere condivisi da progettisti con punti di vista diversi Non complessi nè domain-specific non rivolti alla specifica applicazione ma riusabili in parti di applicazioni diverse Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 18 9

10 Caratteristiche Un Design Pattern Nomina, Astrae, e Identifica gli aspetti chiave di una struttura comune di design che la rendono utile nel contesto del riuso in ambito object-oriented Un Design Pattern identifica le classi (e le istanze) partecipanti le associazioni ed i ruoli le modalità di collaborazione tra le classi coinvolte la distribuzione delle responsabilità nella soluzione del particolare problema di design considerato Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 19 Elementi fondamentali dei Design Patterns (secondo Gamma etal.) Un pattern è descritto da quattro elementi essenziali 1. Il nome del pattern, è utile per descrivere la sua funzionalità in una o due parole. 2. Il problema nel quale il pattern è applicabile. 3. La descrizione della soluzione. È un modello che descrive gli elementi che compongono il design, le loro responsabilità e le collaborazioni. 4. Le conseguenze portate dall'applicazione del pattern. Spesso sono tralasciate ma sono importanti per poter valutare i costi-benefici dell'utilizzo del pattern. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 20 10

11 Esempio. Il problema: ottenere diverse visualizzazioni dello stato di un oggetto Serie Soggetto Dato1: 15 Osservatore 1 Osservatore 2 Dato2: 25 Dato3: 20 Dato4: 10 Dato5: 30 Il problema di ottenere diverse visualizzazioni di uno stesso soggetto Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 21 Descrizione del Pattern Observer Nome: Observer. Descrizione: Separa la visualizzazione dello stato di un oggetto dall oggetto stesso. Quando lo stato dell oggetto cambia, le sue visualizzazioni sono avvertite del cambiamento e sono aggiornate automaticamente Descrizione del problema Usato quandosono richiesti più formati di visualizzazione di stato di un oggetto, e si vuole che l oggetto non conosca tali formati. Descrizione della soluzione Consultare la seguente descrizione in UML. Conseguenze C è accoppiamento minimo fra osservato ed osservatori, pertanto uno svantaggio è sulla impossibilità di ottimizzare le prestazioni dei visualizzatori. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 22 11

12 Observer La classe Subject conosce I suoiosservatori e fornisce una interfaccia per attaccare e staccare oggettiobserver e una per notificare a tuttigli Observer i cambiamenti del Subject. La classe Observer definisce una interfaccia per oggetti a cui dovrà essere notificata una modifica del Subject. return subjectstate ; Lo schema UML del Pattern Observer observerstate= subject->getstate(); Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 23 Observer: comportamento dinamico : ConcreteObserver attach(observer) : ConcreteSubject External Source setstate( ) update( ) notify( ) getstate( ) Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 24 12

13 Categorie di Pattern Un esempio di catalogo DP è presente nel libro Erich Gamma, Richard Helm, Ralph Johnson, John Vlissides, Design Patterns: Elements of Reusable Object Oriented Software. I pattern qui descritti sono spesso denominati pattern GoF (Gang of Four), per ricordarne i 4 autori Esistono diverse categorie di pattern, che descrivono la funzione (purpose) e il dominio (scope) del pattern. Funzione (purpose), ovvero cosa fa il pattern: Creazionali (creational): forniscono meccanismi per la creazione di oggetti Strutturali (structural): gestiscono la separazione tra interfaccia e implementazione e le modalità di composizione tra oggetti Comportamentali (behavioral): consentono la modifica del comportamento degli oggetti minimizzando le necessità di cambiare il codice Ingegneria del Software 2 Riuso del Software Riuso basato su Generatori Un generatore è un software che è in grado di generare, a sua volta, software parametrizzato in base a delle specifiche fornite dall utente I generatori possono essere utilizzati nell ambito di quei problemi per I quali esistono soluzioni ben consolidate che però dipendono notevolmente dai dati in ingresso I dati in ingresso al generatore di programmi vanno a descrivere la conoscenza relativa al dominio per il quale debba essere utilizzato il programma da generare Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 26 13

14 Generative programming È un paradigma di ingegneria del software basato sulla modellazione di famiglie di sistemi che, data una particolare specifica dei requisiti, ottiene automaticamente un sistema customizzato ed ottimizzato A partire da componenti elementari riusabili Adottando processi automatici di trasformazione e configurazione La specifica del sistema viene eseguita mediante Domain Specific Languages (DSL) Consente di ridurre il time-to-market, e migliorare la qualità del software prodotto e la produttività Gli strumenti di Generative programming usano le tecnologie dei parser e dei compilatori Transform/GenerativeProgrammingWiki Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 27 Riuso basato su Generatori Conoscenza Conoscenza del del Dominio Dominio applicativo applicativo Descrizione dell applicazione Generatore Di programma Programma generato Database La generazione di un programma attraverso un generatore di codice Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 28 14

15 Esempi di generatori di codice (1) Generatori di applicazioni per gestione dati aziendali I dati di dominio servono semplicemente alla personalizzazione del prodotto; Parser e analizzatori lessicali per analisi di codice: L input è una grammatica del linguaggio da analizzare; l output è l analizzatore del linguaggio. Es. Antlr Lex&Yacc (per codice C) e JavaCC (per codice Java) Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 29 Esempi di generatori di codice (2) Generatori di codice basati su modelli Ad esempio componenti software, inclusi in strumenti CASE per la modellazione di software, che generano frammenti di codice a partire da modelli (ad esempio da modelli UML) DPAToolkit Genera uno scheletro di codice java/cpp che istanzia un design pattern Web Ratio Genera un applicazione web a partire da un modello codificato in WEBml, che a sua volta estende modelli delle classi e modelli E-R Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 30 15

16 Vantaggi e svantaggi dei generatori Il riuso basato su generatori riduce notevolmente il costo di sviluppo e produce codice molto affidabile Tramite generatori di codice si possono ottenere programmi più versatili e performanti di quanto si possa ottenere limitandosi a leggere direttamente dal database, a tempo di esecuzione, I dati relativi alla personalizzazione Non tutti I generatori di codice, però, sono in grado di generare codice che sia anche efficiente Scrivere una descrizione di dominio per un utente programmatore è più semplice che sviluppare programmi da zero (anche se lo skill richiesto non è minimo) La loro applicabilità si limita a poche tipologie di problemi Spesso il linguaggio col quale descrivere il problema al generatore ha una semantica molto limitata Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 31 Model Driven Architectures (MDA) Famiglia di standard di modellazione (basata su UML e standardizzata da OMG [1]), pensati allo scopo di generare codice eseguibile a partire da modelli MDA si basa sulla separazione fra livelli di astrazione (dominio, tecnologia, codice) MDA si basa sulla automazione della trasformazione fra modelli di diverso livello L approccio MDA ha l obiettivo di fornire uno standard completo per la creazione di modelli indipendenti dall'implementazione, in modo che possano essere "mappati" su qualsiasi piattaforma, presente o futura [1] Specifiche di MDA: [2] Elenco di MDA tools: Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 32 16

17 Modelli nell MDA modello PIM (Platform Independent Model) definisce le funzionalità di business ed il comportamento del sistema, indipendentemente dalla sua implementazione tecnologica modelli PSM (Platform Specific Model) consente di "mappare" il PIM su una specifica tecnologia (Java, CORBA, web...), senza alterare il PIM stesso. Il linguaggio UML è usato per specificare PIM e PSM Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 33 MDA- processo di sviluppo La definizione di PIM e PSM si avvale di Patterns predefiniti, personalizzabili e riusabili, così come la trasformazione da PIM a PSM (patterns tecnologici) e la generazione del software (patterns di implementazione) a partire dal PSM. Pattern di Trasformazione Pattern Funzionali Patterns tecnologici Patterns implementativi PIM PSM Codice patterns patterns patterns Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 34 17

18 Famiglie di strumenti necessari per l MDA Tool di modellazione Tool di analisi del modello Per la verifica di presenza di inconsistenze, incompletezze, errori nei modelli Tool di test Per eseguire verifiche model-based dei modelli Tool di traduzione che attuino le regole di traduzione previste per passare da modelli PIM verso modelli PSM dal PSM verso il codice. Molte implementazioni degli standard di modellazione OMG sono presenti nell Eclipse Modeling Framework (EMF) e Graphical Modeling Framework (GMF). Ingegneria del Software 2 Riuso del Software Application Framework I framework rappresentano modelli astratti di progetto di sotto-sistemi. Le applicazioni si costruiscono integrando e completando una serie di framework. Es.: OO Framework Composti di una collezione di classi astratte e concrete e di interfacce tra loro; Un framework OO è una struttura generica; per realizzare il software bisogna riempire le parti del progetto instanziando le classi astratte necessarie, ed implementando il codice mancante (v. Android) Si differenziano dai design patterns per il fatto di essere astrazioni di livello più alto, a livello architetturale anzichè di design. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 36 18

19 Classificazioni di framework Infrastruttura di sistema Supportano lo sviluppo di infrastrutture come comunicazioni, interfacce utente, e compilatori Integrazione di middleware Composti da standard e classi di oggetti per la comunicazione e lo scambio di informazioni tra oggetti (es. CORBA, COM+, Enterprise Java Beans ) Applicazioni aziendali Integrano la conoscenza per specifici domini di applicazione (es. telecomunicazioni o sistemi finanziari) e supportano lo sviluppo di nuove applicazioni I primi due tipi rientrano anche nella categoria dei Framework Orizzontali mentre le Applicazioni aziendali si considerano come Framework Verticali Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 37 Framework Spesso i framework sono istanziazioni di una serie di design pattern L utilizzo di un framework da parte di programmatori e progettisti comporta ilraggiungimento di un notevole skill riguardante la conoscenza della struttura del framework e delle opportunità da esso messe a disposizione. Spesso è necessario molto tempo, prima di poter maturare tali conoscenze Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 38 19

20 Un esempio: Model-View-Controller É un framework usato per la progettazione di GUI. Permette presentazioni diverse di uno stesso oggetto e fornisce interazioni separate con queste presentazioni. MVC richiede l istanziazione di vari design pattern (es. Observer, Strategy, Composite, ) Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 39 Model-view-controller Input utente Stato del Controller Metodi del controller Messaggi di modifica della View Stato della View Metodi della View Modifiche al Model Stato del Model Metodi del Model Interrogazioni e aggiornamenti del Model Schema del Framework Model-View-Controller Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 40 20

21 MVC - come funziona L utente interagisce con la UI scatenando eventi (es. click su un elemento della UI) Il Controller interviene gestendo l evento mediante un handler o un callback Il Controller notifica la richiesta utente al Model, causando un eventuale cambiamento di stato del Model La View interroga il Model per generare una nuova interfaccia utente La view viene notificata del cambiamento direttamente dal Controller, oppure indirettamente mediante il pattern Observer Ingegneria del Software 2 Riuso del Software Riutilizzo di intere applicazioni Consiste nel riutilizzare, eventualmente previa riconfigurazione o personalizzazione, intere applicazioni. Le applicazioni possono essere riutilizzate direttamente o essere integrate fra loro come componenti indipendenti all interno di più ampi sistemi. Esistono due approcci principali: Integrazione di COTS; Sviluppo di Linee di Prodotti Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 42 21

22 Riuso di COTS COTS - Commercial Off-The-Shelf- Software commerciale che può essere usato dai suoi acquirenti senzamodifiche (es. Soluzioni desktop, prodotti server ) Esempio storico di COTS sono i DBMS Si tratta di applicazioni complete che spesso offrono un API (Application Programming Interface) per permettere ad altri componenti software di accedere alleproprie funzionalità Nella pratica, i COTS sono composti di un insiemedi classi astratte di interfaccia visibili all esterno e di un insiemedi classiastratte e concrete non visibili Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 43 Integrazione di COTS Costruire grandi sistemi integrando COTS è una strategia abbastanza efficiente per sistemi le cui funzionalità base siano abbastanza comuni ad esempio per realizzare sistemi di E-Commerce, potrebbero essere riutilizzabili COTS che implementano soluzioni ai problemi di autenticazione, gestione del database, invio delle , browsing delle pagine web, etc. Tramite COTS si velocizza il processo di sviluppo riducendo i costi di sviluppo e test Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 44 22

23 Fattori decisionali nella scelta dei COTS Quali COTS offrono le funzionalità più appropriate? Possono esserci diversi prodotti COTS utilizzabili tra cui scegliere in base a fattori come costo, completezza, affidabilità Come avviene lo scambio dei dati? L utilizzo di COTS comporta sempre lo sviluppo di codice per la conversione dei dati verso il formato richiesto dall applicazione o l eventuale adattamento dell applicazione a tali strutture dati Quali caratteristiche del prodotto COTS vengono utilizzate? La maggior parte dei prodotti COTS espongono una grande quantità di funzionalità, molte più di quante necessarie E opportuno negare l accesso alle funzionalità non utilizzate Può essere conveniente economicamente scegliere l adozione di COTS più ridotti Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 45 Esempio: realizzare un sistema di acquisto basato su COTS Una organizzazione vuole dotarsi di un sistema per consentire a tutti I suoi dipendenti di effettuare ordini dai propri PC Il dipendente deve poter cercare liberamente gli articoli sul Web e fare ordini (e-commerce) la gestione degli ordini deve essere eseguita in modo centralizzato da un unico Ufficio Ordini L organizzazione possiede già un sistema COTS per gestire ordini ed uno per la fatturazione e consegna (usato solo dall ufficio ordini). Si sceglie di costruire il nuovo sistema integrando tale COTS con altri componenti. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 46 23

24 Dettagli della soluzione Sul lato client, saranno usati programmi standard di e web browsing (per eseguire la ricerca degli articoli da ordinare). Sul server, si integrerà una piattaforma per l ecommerce con ilsistema pre-esistente (ordini e fatturazioni). Saranno necessari degli adattatori per consentire lo scambio di dati. Verrà inoltre usato un sistema di per generare di notificae cisarà bisogno di un altro adattore per ricevere dati dal sistemadi fatturazione. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 47 Esempio: Sistema Acquisti basato su COTS Client Browser Browser web web Client Clientdi di posta posta elettronica elettronica Server Sistema Sistema di di e-commerce e-commerce Adattatore z Sistema Sistema Ordini Ordini e e Fatturazioni Fatturazioni Sistema Sistema di di Posta Posta elettronica elettronica Adattatore Un esempio di sistema basato su COTS Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 48 24

25 Integrazione di applicazioni ed Adattatori Per poter dialogare con applicazioni/componenti esistenti è necessario formulare richieste secondo il formato accettato dall applicazione Interpretare le risposte ottenute nel formato prodotto dall applicazione Sistema Sistema 1 Adattatore 1 Sistema Sistema 22 L Adattatore ha il compito di eseguire le necessarie trasformazioni di formato dei dati Quali approccie tecnologie sono usabili? Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 49 Possibili soluzioni al problemadella realizzazione degli adattatori Per trasformare da/verso formati semplici (ad esempio file di testo) conviene scrivere una classe adaptor Per trasformare tra documenti XML[1], note le rispettive grammatiche, si può scrivere un documento XSLT[2] dichiarando le regole di trasformazione tra formati. Esistono in commercio componenti anche gratuiti che interpretano i documenti XSLT eseguendo le trasformazioni Per interpretare/costruire documenti XML è possibile utilizzare librerie standard come SAX [3]che forniscono un API per l accesso ai contenuti del documento XML Per interpretare formati diversi, non XML, un buon metodo consiste nella scrittura di un parser (eventualmente tramite un generatore automatico come Antlr [4] o JavaCC[5]) Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 50 25

26 Problemi dei COTS (1/2) Mancanza di controllo sulle funzionalità e sulle prestazioni Il sistema è utilizzato a scatola chiusa: non siamo consapevoli di come avvengano realmente le operazioni nel suo interno e, di conseguenza, non siamo in grado di modulare le richieste in modo da ottimizzare le prestazioni. Problemi di interoperabilità tra sistemi COTS Può essere necessario dover scrivere del codice extra per integrare sistemi COTS di produttori indipendenti. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 51 Problemi dei COTS (2/2) Nessun controllo sull evoluzione del sistema Può avvenire che le nuove versioni del sistema rendano impossibile l interazione col nostro software costringendoci a rimanere legati alle vecchie versioni, per le quali non c è più manutenzione. Supporto deiproduttori COTS Tipicamente il supporto deiproduttori potrebbe terminare con l acquisto del prodotto o limitarsialle sole evoluzioni decisedal produttore. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 52 26

27 5. Linee di prodotti software Per linee di prodotti software si intendono famiglie di applicazioni con funzionalità generiche che si prestano ad essere configurate o adattate in modo da poter essere utilizzate in contesti specifici. Esempi di adattamento: Specifiche configurazioni dei componenti e del sistema; Aggiunta di nuovi componenti; Selezione di componenti nell ambito di una libreria; Modifiche ai componenti per adattarsi alle esigenze del contesto. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 53 Possibili specializzazioni Specializzazione della piattaforma Possono essere necessarie diverse versioni per diversisistemi operativi o hardware, senza modificare le funzionalità Specializzazione dell ambiente Possono essere necessarie diverse versioni per venire incontro alle diverse funzionalità e modalità di funzionamento dei dispositivi periferici del sistema Specializzazione funzionale Possono essere necessarie diverse versioni personalizzate in base alle esigenze dei diversi clienti cui sono destinate Specializzazione di processo Possono essere necessarie diverse versioni per supportare I diversi processi di business da eseguire Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 54 27

28 Configurazione Può avvenire in due momenti diversi: Configurazione alla consegna La configurazione avviene per un prodotto finito, senza modificarne internamente la struttura e il progetto, ma solo limitandone/personalizzando le funzionalità (customizzazione). Es. Pacchetti software verticali (es. ERP: Enterprise Resource Planning) Configurazione a tempo di progettazione Tramite l adozione di patterns e framework generici, le richieste di personalizzazione vengono recepite in fase di progetto e influiscono direttamente sulla realizzazione del prodotto Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 55 Esempio: sistemi ERP Enterprise Resource Planning (ERP): sistema (generico) che supporta comuni processi aziendali (quali gestione ordini, fatture, inventari, paghe) (es. SAP e BEA) Il processo di configurazione degli ERP si basa sull adattamento di un core generico attraverso l inclusione e la configurazione dimoduli, e incorporando conoscenza su processi e regole aziendali del cliente specifico in un database di sistema. Molto usati in grandi aziende, costituiscono la forma di riusopiù comune. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 56 28

29 Organizzazione di un Sistema ERP Strumento per pianificare la configurazione Database Della Configurazione Generico Sistema ERP Database Del Sistema Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 57 Architetture per le linee di prodotto Per mantenere adattabilità e riconfigurabilità è utile adottare architetture modulari e stratificate, che permettano facilmente le necessarie modifiche Architettura tipica: multilayer Inoltre, è importante separare le funzionalità generiche dai dati che si riferiscono alla personalizzazione, in modo da poter realizzare tale customizzazione senza generazione di codice. Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 58 29

30 Esempio :un generico sistema di gestione risorse Interfaccia Utente Livello UI Autenticazione Utente Consegna Risorse Gestione Query Livello di Gestione I/O Gestione Risorse Controllo Politica delle Risorse Allocazione Risorse Livello Risorse Gestione Transazioni Database Risorse Livello Database Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 59 Una istanza del sistema generico: Il sistema invio veicoli User interface Comms system inter face Operator authentication Map and route planner Report generator Query manager Vehicle status manager Incident logger Vehicle despatcher Equipment manager Vehicle locator Equipment database Transaction management Vehicle database Incident log Map database Ingegneria del Software 2 Riuso del Software 60 30

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra A seguire alcune proposte di tirocini/tesi in tre ambiti dell ingegneria del software (non del tutto scorrelati): (1) Model-driven driven

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE Il grande successo della programmazione orientata agli oggetti non ha limitato la ricerca di nuovi paradigmi e tecnologie che possano

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli