Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)"

Transcript

1 Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Lezione 05, Quality of Service aa. 2010/11 This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 License. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 1 / 34

2 QoS, QoE, QQ? Aww Quality of Service (QoS) In the field of computer networking and other packet-switched telecommunication networks, the traffic engineering term quality of service (QoS) refers to resource reservation control mechanisms rather than the achieved service quality. Quality of service is the ability to provide different priority to different applications, users, or data flows, or to guarantee a certain level of performance to a data flow. Quality of Experience (QoE) sometimes also known as Quality of User Experience, is a subjective measure of a customer s experiences with a vendor QQ an emoticon for a crying face [like in stop QQing, change ISP ] T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 2 / 34

3 QoS, QoE, QQ? Aww La base di tutto è la QoE, ovvero la soddisfazione dell utente. Questa è dipendente dal servizio e dalle aspettative dell utente. Rete monoservizio La QoE è un semplice problema relativo alla gestione della rete. Reti multiservizio La QoE dipende da come sono gestiti nella rete i vari tipi di flussi dati. Bits are NOT bits, non tutti i pacchetti in rete sono uguali. Alcuni pacchetti devono avere una gestione diversa, altrimenti non ci può essere un servizio adeguato. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 3 / 34

4 QoS, come? Application Layer Sviluppo di Application Programming Interface (API) capaci di riservare trattamento diverso ai servizi Real-time a livello di sistema operativo. Transport Layer Protocolli di trasporto differenziati per servizio (o adattativi). QoS end to end. Network Layer Differenziazione dei flussi a livello IP. QoS Router to Router. Data Link Layer Differenziazione dei flussi a livello di frame o celle. QoS sul link. Physical Layer Mezzi trasmissivi più efficienti (rame, fibra ottica), tecniche di codifica, BER adattiva. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 4 / 34

5 QoS, ma serve? Sprint Labs (Sett. 2001): La QoS non serve!!! Sprint: 25 PoP in USA, 10 in Europa, 5 in Asia, TIER-1 ISP: Big Internet! Dopo 11 Settembre WTC: solo 3% di incremento di traffico sulla rete! E colpa dei server! Ogni settimana le velocità dei link vengono cambiate! Usano in media il 30% della capacità di ogni link! Nel core (Sprint Labs!) non ci sono perdite (Ploss 0%) Fra N.Y. e S.Francisco 28 ms di delay, con 5 GigaPoP in mezzo!!! Ciò che SERVE è la Quality of Access (QoA). Le reti di dorsale europee sono molto più congestionate e con capacità inferiori. L overprovisioning non è così semplice in Europa T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 5 / 34

6 QoE, ricominciamo Facciamo un po di chiarezza... Le tecniche di QoS servono a raggiungere il grado desiderato di QoE. La QoE non è dipendente dalle tecniche che vengono usate (l utente non ne è al corrente), quindi qualsiasi mezzo per ottenere la QoE è lecito. Esistono differenti metodi per ottenere la QoE. Un paragone Supponiamo che i pacchetti dati in una rete siano come delle automobili in una strada. Strada sempre sgombra: non c è bisogno di differenziare le macchine. Strada abbastanza trafficata: c è bisogno di avere delle precedenze. Strada bloccata: c è bisogno di avere delle corsie riservate. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 6 / 34

7 Tipi di traffico Un esempio di tipo di traffico diverso. Traffico non Real-Time - TCP E di tipo Burst Richiede un tasso di errore praticamente nullo Tutti i pacchetti sono trattati allo stesso modo Può essere recapitato con un certo ritardo Traffico Real-Time - UDP E un flusso di tipo continuo Accetta un certo numero di errori I pacchetti hanno priorità diversa Deve essere recapitato con il minor ritardo possibile Questo è solo un esempio, si possono fare mille altre differenziazioni. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 7 / 34

8 Esempio: VoIP Se andiamo a misurare la qualità di una comunicazione VoIP, si possono usare i seguenti parametri: Tasso di perdita dei pacchetti IP Delay Delay Jitter (variazione del Delay) La QoS risultante è: Scarsa Media Buona Perfetta Packet Loss (%) Delay (ms) > <150 Jitter (ms) Il Jitter è il parametro più difficile da rispettare. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 8 / 34

9 Esempio: Jitter e buffer di playout Tutti i flussi RT (Real-Time) hanno caratteristiche di isocronicità (grossomodo), o quantomeno devono essere usati dal player allo stesso rate di emissione della sorgente. La trasmissione in rete introduce perdite, ritardi ma soprattutto altera i riferimenti temporali intra-pacchetto (Jitter) Per recuperare la desincronizzazione si deve usare un buffer di playout che è dipendente dal Jitter, ma che introduce un ulteriore ritardo. Se è troppo piccolo si cominciano a perdere pacchetti e/o a non averne di disponibili. Se è troppo grande si introduce troppo ritardo. Buffer di playout T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 9 / 34

10 QoS End to End La Qualità del Servizio end-to-end deve garantire livelli di servizio accettabili in tutti gli elementi della catena di comunicazione. Sorgono problemi quando il link end-to-end attraversa reti di ISP diversi; servono accordi di peering e di Service Level Agreement fra gli ISP Reti di tipo diverso Il problema è che non tutte le reti sono uguali, ciascuna ha le proprie criticità: Accesso: pochi utenti, banda limitata Core: molti utenti, banda molto elevata Tecnologie differenti Non basta creare un backbone ad altissima velocità in modo da ridurre la dipendenza dalla QoS. Esistono reti in cui non è possibile fare affidamento sulla larga banda. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 10 / 34

11 Approcci per la QoS Per la QoS servono differenti strategie nelle diverse parti di rete. Si può parlare di: QoS nei nodi di rete Sostanzialmente a livello IP Shaping del traffico Scheduling dei pacchetti Classificazione Riservazione delle risorse... QoS end-to-end Può coinvolgere anche livelli protocollari superiori Meccanismi di segnalazione end-to-end Architetture di rete per la Qos... T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 11 / 34

12 Possibili Funzioni di QoS sui nodi In un nodo si possono implementare diverse funzioni relative alla QoS. Non tutte sono applicabili in tutti i punti della rete a causa del carico computazionale che richiedono. Classifier, osserva i pacchetti IP entranti nel nodo e li classifica in base al loro ind IP, Port Number e al tipo di protocollo superiore Marker, provvede a marchiare i pacchetti a seconda di come sono stati classificati Traffic Policer, fa condizionamento del traffico, osserva il rate possibile e agisce di conseguenza Traffic Shaper, modella il flusso sulla porta di uscita in modo da ottimizzare il throughput Scheduler, genera più code all interno del nodo di rete, e usa algoritmi di scheduling delle code, evitando o gestendo le congestioni di rete. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 12 / 34

13 Esempio di Traffic Policer: Token Bucket Un esempio di algoritmo di Traffic Policy nei nodi di rete è il Token Bucket. Quando un pacchetto arriva al router, viene tolto dal Bucket un certo numero di Tokens (dipendentemente dalla dimensione del pacchetto), un pacchetto non potrà essere inviato se non ci sono Tokens a sufficienza nel Bucket. Il router trasmetterà un burst di pacchetti minore o uguale a B, ad un rate minore o uguale ad R. R tokens / sec B tokens (bucket capacity) T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 13 / 34

14 Scheduling Gli algoritmi di scheduling nei nodi di rete sono molto simili a quelli che si trovano nei Sistemi Operativi, hanno gli stessi obbiettivi e gli stessi difetti. Scheduler ottimo Uno scheduler ottimo sarebbe quello che si avvicina al limite del Fluid Scheduling. Sfortunatamente le unità di scheduling sono i pacchetti. Scheduler non Work Conserving Non-work-conserving scheduling may be idle at any time Ma può garantire alcune proprietà, come le deadlines. Scheduler Work Conserving Work-conserving scheduling is idle only when there is no traffic to send Ma non si può interrompere un work in progress, ossia non è strettamente a priorità. Gli algoritmi di scheduling nei router sono uno dei punti più delicati che possano esistere. Non toccateli se non sapete cosa state facendo. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 14 / 34

15 Queue management A volte le code di ricezione si riempiono. Buttare via i pacchetti quando la cosa è piena (tail-drop) è la cosa sbagliata. Il queue management è strettamente legato al congestion control, perché il TCP (e molti altri protocolli) rilevano le congestioni misurando il numero di pacchetti persi. Weighted Random Early Detection (WRED) I pacchetti vengono scartati dal nodo di rete con probabilità tanto maggiore quanto più la coda è piena (RED) Si fissano dei limiti per la lunghezza della coda e a seconda del loro superamento si scartano i nuovi pacchetti in arrivo La probabilità di scarto può dipendere in modo pesato dal tipo di classe cui appartengono (WRED) Sfrutta rate adattivo del TCP, che vede lo scarto del pacchetto come dovuto a congestione, e dunque rallenta il rate in trasmissione; non funziona con UDP. E una tecnica per evitare la congestione sul nodo di rete, anziché per gestirla una volta che è avvenuta T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 15 / 34

16 QoS in Internet In Internet ci sono sostanzialmente due modelli di gestione della QoS. Integrated Services (IntServ) Giugno 1994 RFC 1633 Differentiated Services (DiffServ) Dicembre 1998 RFC 2475 Non sono esattamente due novità dell ultima ora... ci si aspetterebbe che fossero usate. Invece no. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 16 / 34

17 IntServ Il modello IntServ prevede di prenotare le risorse necessarie al mantenimento della QoS richiesta in ogni apparato di rete attraversato da un flusso dati. Flusso: sequenza di pacchetti con stesso indirizzo IP sorgente e destinazione, e stessi Port numbers Ogni router della rete deve allocare risorse (banda, memoria, etc.) a sufficienza per ciascun flusso Ciascun router della rete deve avere un per-flow state relativo a ciascun flusso a cui viene data QoS Poiché le risorse su ogni router sono limitate, ciascun router dovrà controllare e decidere quali flussi allocare e quali rifiutare, esiste un Admission Control. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 17 / 34

18 IntServ Il modello IntServ ha tre componenti di base: Traffic Classes Classi di servizio ottenibili da un flusso. I parametri di ciascuna classe possono essere modificati a piacimento. Traffic Control Esegue controllo sul traffico che transita su ogni nodo di rete. E composto da vari sotto-componenti. Setup Protocol Costituisce il sistema di segnalazione fra i nodi di rete per l allocazione delle risorse. E anche la base per l Admission Control. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 18 / 34

19 IntServ Le Classi di Traffico (Traffic Classes) ammissibili sono 2+1: Default E il servizio Best Effort della Internet attuale. Non è una vera TC. Guaranteed Service Supporta traffico Real-Time che richiede un ritardo di propagazione limitato. Offre una garanzia sulla QoS offerta. Controlled Load Service Approssima un servizio di tipo Best Effort su una rete non congestionata. Guaranteed Service = bad La definizione del Guaranteed Service nasconde un grosso problema: la garanzia. Per ottenere davvero un Guaranteed Service si dovrebbe usare un non work conserving scheduler. Quindi di solito si usa il Controlled Load Service. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 19 / 34

20 IntServ Il Traffic Control viene effettuato tramite tre sotto-sistemi: Admission Control Controlla che le risorse sul router e nella rete possano supportare un particolare servizio richiesto. Packet Classifier Esamina ind. IP e Port number di ogni pacchetto per vedere a che classe appartiene Packet Scheduler Effettua lo scheduling i pacchetti per trasmetterli alla porta di uscita del router (usando ad esempio WFQ). Ovviamente nel caso di un router c è anche una sezione relativa al forwarding dei pacchetti. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 20 / 34

21 IntServ Schema di un nodo IntServ IntServ router QoS DataBase Admission Control Packet Classifier Forwarder Routing Table Packet Scheduler Packet Scheduler Attenzione alla tabella di routing: è diversa da quella normalmente usata. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 21 / 34

22 IntServ - protocollo RSVP Nel modello IntServ il protocollo di setup dei nodi di rete è il Resource Reservation Protocol RSVP Abilita gli host o i router a richiedere l allocazione delle necessarie risorse di rete Installa nei nodi di rete il Per-Flow state soft (refreshing periodico) Il Per-Flow state è soft, nel senso che se non ne viene fatto il refresh viene cancellato dopo un certo timeout. Questo evita che un elemento di rete possa finire le proprie risorse a causa di un errore di comunicazione (es. un host che scompare senza effettuare il teardown della comunicazione). T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 22 / 34

23 IntServ - protocollo RSVP In IntServ si identificano due ruoli: Sender: colui che invierà i dati soggetti a QoS. Receiver: colui (coloro) che riceveranno tali dati. Il protocollo RSVP si basa su due mesaggi: PATH Message Trasmesso dal Sender verso il (i) Receiver(s) (unicast o multicast). RESV Message Trasmesso dal (dai) Receiver(s) verso il Sender in risposta al suo PATH. 1) PATH 2) RESV Sender 3) DATA Receiver T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 23 / 34

24 IntServ - protocollo RSVP Messaggio PATH 1 Il Sender avvia una sessione RSVP 2 Inserisce nel PATH message il Sender Template (i.e., IP address e Port Number) ed il Sender Tspec (descrive le caratteristiche del traffico dati che sarà generato) 3 Ciascun router memorizza il Sender Template, installa lo stato della richiesta, e può aggiornare l Adspec (riassume le caratteristiche di QoS del percorso fatto fino a quel router). Messaggio RESV 1 il Reciever riceve il PATH e ha (anche) una traccia del percorso fatto dal PATH. 2 Genera un RESV message, contenente il FilterSpec (i.e., IP address e Port number del Receiver) ed il Flowspec (descrive la QoS che il Receiver richiede) 3 L Admission Control di ogni router fa l ultimo controllo per determinare se le risorse sono disponibili (in caso non lo siano viene generato un messaggio d errore per il Receiver). 4 Ciascun router si aggiorna tramite il Filterspec e il Flowspec T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 24 / 34

25 IntServ - allocazione risorse Per avere maggior controllo sulla QoS delle applicazioni, RSVP prevede diversi reservation styles, fra cui: Fixed-Filter (FF) Una prenotazione di banda per ogni utente chiamante (es.: videoconferenza con requisiti di ritardo stringenti) Shared-explicit (SE) Più utenti chiamanti nella stessa sessione possono dividere una prenotazione di risorse (es.: voiceconference dove solo uno per volta può parlare) RSVP supporta anche il multicast: riassume le prenotazioni provenienti da ciascun flusso, allocando sul nodo la maggior banda richiesta, e poi trasmette il Flowspec totale al router vicino (farà admission control sul flusso totale). E molto flessibile. Attenzione: Se non fosse chiaro RSVP e IntServ sono unidirezionali. Per una telefonata VoIP servono DUE sessioni IntServ. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 25 / 34

26 IntServ - Pros and Cons Pros Cons Allocazione dinamica della banda. Supporto per l AAA (i.e., billing). Supportato in Winsock2, nuova (nuova?!?!) API per W98. Sempre più router supportano RSVP (diciamo anche praticamente tutti). E un protocollo relativamente maturo, e dunque più stabile e diffuso. Il Per-Flow State è soft, cioè richiede di essere aggiornato periodicamente (ogni 30 sec) sui router, il che comporta un notevole aumento del traffico di segnalazione. Richiede la memorizzazione degli oggetti relativi ad ogni flusso su ogni router. Necessita di una rete con buon Best Effort e routing stabile (le tabelle non devono variare troppo). Non è scalabile in reti di elevate dimensioni. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 26 / 34

27 DiffServ Il modello DiffServ si basa sul multiplexing statistico, ossia si dividono (dinamicamente) le risorse di rete tra un numero limitato di diversi tipi di traffico, in modo che ciascuno sia sostanzialmente isolato dagli altri. La complessità si sposta all edge della rete, dove si classificano i singoli pacchetti, si marchiano (colorazione) e si aggregano per poi inviarli nel core. Flussi provenienti da diverse applicazioni vengono aggregati insieme e trattati allo stesso modo. Si opera su aggregati. Nel core, il flusso aggregato riceve un trattamento relativo alla classe di servizio (al colore) dei pacchetti che contiene (Per-Class, non più Per-Flow) Non c è più segnalazione (RSVP), né admission control, e dunque si deve fare provisioning delle risorse a priori (si allocano più risorse del necessario), e controllare all edge che il traffico immesso non sia eccessivo. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 27 / 34

28 DiffServ La base del DiffServ è nel modo in cui si colorano i pacchetti e come il colore viene trattato. DSCP Il Byte DS nell header IP; 6 bit definiscono il colore del pacchetto. Per-Hop-Behavior (PHB) Definisce il servizio che il pacchetto riceverà a ciascun hop nella rete Behavior Aggregate (BA) Un gruppo di pacchetti (aggregato) con stesso DSCP; nella rete si applica un PHB ad ogni BA DSCP C U Versi on Traffic Class Payload Length Flow Label Next Header Hop Limit Versi on IHL Identification Type of Service Fla gs Total Length Fragment Offset TTL Protocol Header Checksum Source Address Destination Address Source Address Destination Address Options Padding T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 28 / 34

29 DiffServ I nodi DiffServ agiscono diversamente tra Edge e Core. DiffServ Edge node Packet Classifier Forwarder Policer Marker Packets with valid DSCP Out-of-policy packets, might be marked with lower DSCP or dropped Edge node Classifier: qualsiasi metodo di classificazione Policer: controllo del rispetto del SLA Marker: marchiatura con il DSCP appropriato Scheduling e MAC marking: ovvio... T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 29 / 34

30 DiffServ I nodi DiffServ agiscono diversamente tra Edge e Core. Core node BA Classifier: basato sul DSCP e su altri parametri di livello MAC. Si ricava il PHB. Scheduling: scheduling basato sul PHB. PHB DSCP Il DSCP sono 6 bit, il PHB è di dimensioni maggiori. Un router ricava il PHB dal BA classifier, che può considerare (ad esempio): DSCP del pacchetto IP precedence bits MPLS EXP bits IEEE 802.1p CoS bits swconfig80-cos/download/cos-ba-classifiers.pdf T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 30 / 34

31 DiffServ Esistono tre tipi di PHB. Default Best Effort tradizionale Expedited Forwarding (EF) - RFC 2598 Connessioni con basse perdite, basso ritardo e basso jitter. Usa un solo DSCP (101110, 46) per immettere il pacchetto nella coda a più alta priorità nei router di rete (con WFQ ad esempio). Assured Forwarding (AF) - RFC 2597 Definisce 4 classi di servizio relative, ciascuna con tre livelli di precedenza di scarto; usa 12 distinte combinazioni di DSCP. Il SLA dipende da: classe AF (risorse allocate), livello di traffico di quella classe, drop precedence (in caso di congestione) T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 31 / 34

32 DiffServ Il PHB AF è quello maggiormente in uso, e definisce una matrice di 4x3 possibili comportamenti: Class 1 Class 2 Class 3 Class 4 Low Drop Medium Drop High Drop La classe è definita nei primi 3 bit. La Drop precedence è definita nei secondi 3 bit. La classe non definisce una priorità relativa. E compito dell ISP definire le associazioni di priorità, ossia i PHB e i BA. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 32 / 34

33 DiffServ - Pros and Cons Pros Cons Maggiore scalabilità, la complessità viene spostata sull edge Non è più necessario il protocollo di segnalazione RSVP, minor oberhead. Clienti diversi possono essere partizionati. Si integra piuttosto bene con le tecnologie di livello rete. La diffusione dei DiffServ su domini di providers diversi impone accordi di peering bilaterali, difficili da gestire. Bisogna non immettere in rete traffico in eccesso, cosa piuttosto complicata. L Admission Control manca, quindi bisogna usare il Traffic Engineering. E QoS statistica, quindi non funziona su reti con poca banda. Va comunque rispettata la regola di Van Jacobson. I link non devono superare il 50-70% della loro capacità. DiffServ funziona ma deve essere accoppiato con altri metodi di supporto alla QoS, come MPLS. Malidetti commerciali. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 33 / 34

34 Traffic Engineering Dal momento che ne abbiamo parlato... http: //en.wikipedia.org/wiki/teletraffic_engineering Telecommunications traffic engineering, Teletraffic engineering or traffic engineering is the application of traffic engineering theory to telecommunications. Teletraffic engineers use their basic knowledge of statistics including queuing theory, the nature of traffic, their practical models, their measurements and simulations to make predictions and to plan telecommunication networks such as a telephone network or the Internet. These tools and basic knowledge help provide reliable service at lower cost. The field was created by the work of A. K. Erlang for circuit-switched networks but is applicable to packet-switched networks. The most notable difference between these sub-fields is that packet-switched data traffic is self-similar. This is a consequence of the calls being between computers, and not people. The crucial observation in traffic engineering is that in large systems the law of large numbers can be used to make the aggregate properties of a system over a long period of time much more predictable than the behaviour of individual parts of the system. Riferito al DiffServ significa: predire il traffico di un determinato BA e tarare il routing, le precedenze, gli scheduler, etc. in modo da ottenere la QoS voluta. T. Pecorella (DET) SGRtlc 05 - aa 2010/11 34 / 34

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il classico servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, connectionless, best effort Il servizio di trasferimento non

Dettagli

Architetture software per la QoS

Architetture software per la QoS Corso di architetture multimediali Università di Milano Corso di laurea specialistica in Informatica per la Comunicazione A.A. 2012-2013 Architetture software per la QoS Perché software? Le soluzioni hardware

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati Prof. Raffaele Bolla dist IP-QoS!

Dettagli

La Qualità del Servizio sulle Reti IP

La Qualità del Servizio sulle Reti IP La Qualità del Servizio sulle Reti IP Internet Oggi La Internet attuale è di tipo Best Effort Non esistono modi per garantire la Qualità del Servizio ricevuto su Internet Tutti i flussi sono trattati allo

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati IP-QoS L IETF ha proposto due

Dettagli

Differentiated Service

Differentiated Service Marco Listanti i Differentiated Service Architecture t (Diffserv) Differentiated Service (Diffserv) (1) La prima motivazione dell architettura Dff Diffserv è di tipoeconomico Applicazione di un principio

Dettagli

Architetture per la QoS in Internet

Architetture per la QoS in Internet Marco Listanti Architetture per la QoS in Internet Integrated Service Architecture (Intserv) Architettura Integrated Service (Intserv) (1) Ha lo scopo i fornire il supporto di servizi a qualità garantita

Dettagli

QoS a livello Network

QoS a livello Network p.1 QoS a livello Network Paolo Campegiani campegiani@ing.uniroma2.it http://www.ce.uniroma2.it p.2 IP: un protocollo best effort Il protocollo IP é un protocollo best effort: non c é garanzia che i pacchetti

Dettagli

Qualità di Servizio (QoS) in Internet

Qualità di Servizio (QoS) in Internet Marco Listanti Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, p connectionless, best effort Non è adatto alle applicazioni

Dettagli

DiffServ- Differentiated Services

DiffServ- Differentiated Services Differentiated Services: Introduzione 2 DiffServ- Differentiated Services Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Proposta dall IETF nella RFC 2474/75 (12/98) Approccio basato

Dettagli

Servizi integrati su Internet

Servizi integrati su Internet Servizi integrati su Internet L architettura Integrated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi IntServ - 1 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Internet Quality of Service Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Stefano Paris, Antonio Capone, Flaminio Borgonovo, Paolo Giacomazzi

Dettagli

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 (materiale tratto dalle lezioni del prof. J. C. De Martin

Dettagli

Servizi differenziati su Internet

Servizi differenziati su Internet Servizi differenziati su Internet L architettura Differentiated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi DiffServ - 1 DiffServ - 2 Nota di

Dettagli

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ 1 IP: caratteristiche (1) Semplice protocollo di tipo Datagram I pacchetti viaggiano su percorsi diversi

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Internet Quality of Service

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Internet Quality of Service RETI INTERNET MULTIMEDIALI Internet Quality of Service IL PROBLEMA DELLA QoS Cosa è la QoS La QoS (Quality of Service) è un indice di qualità associato ai flussi informativi e influenzato da Banda disponibile

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

Introduzione alla telefonia su IP

Introduzione alla telefonia su IP Introduzione alla telefonia su IP Mario Baldi Synchrodyne Networks, Inc. baldi@synchrodyne.com Pietro Nicoletti Studio Reti, s.a.s. p.nicol@inrete.it IPtelIntro_i - 1 Copyright: si veda nota a pag. Nota

Dettagli

Qualità di servizio e telefonia in Internet

Qualità di servizio e telefonia in Internet Qualità di servizio e telefonia in Internet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi

Dettagli

SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP

SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP Alessandro Pancaldi e Fabrizio Ferri Consortium GARR 7 Workshop GARR Roma, 17 novembre 2006 La Quality of Service (QoS) in breve La QoS è un insieme di meccanismi

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Andrea BIANCO. Le basi per fornire QoS. Primo Postulato. Classificazione. Verificabilita` Secondo Postulato

Andrea BIANCO. Le basi per fornire QoS. Primo Postulato. Classificazione. Verificabilita` Secondo Postulato QoS nella rete Internet Le basi per fornire QoS Esistono alcuni principi indispensabili per poter fornire QoS Sono criteri euristici di buon senso (anche se molto spesso negati!), ma non dimostrabili Sono

Dettagli

Tappe evolutive della rete Internet

Tappe evolutive della rete Internet UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica e Automatica Internet della nuova generazione: protocolli e prestazioni Laureando: ANDREA CAPRIOTTI Relatore: Ing. E.GAMBI

Dettagli

Tecniche di schedulazione

Tecniche di schedulazione Tecniche di schedulazione Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ TECNICHE DI SCHEDULAZIONE - 1 Algoritmi di scheduling Scheduling: scegliere un pacchetto da trasmettere

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Multi-Protocol Label Switching (MPLS)

Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Davide Quaglia a.a. 2009/2010 1 Sommario Introduzione Forwarding equivalence classes Multi-Protocol Label Switching

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Massimiliano Sbaraglia Network Engineer. MPLS DiffServ aware Traffic Engineering

Massimiliano Sbaraglia Network Engineer. MPLS DiffServ aware Traffic Engineering Massimiliano Sbaraglia Network Engineer MPLS DiffServ aware Traffic Engineering I modelli per la QoS In ambito IETF sono stati definiti due modelli per la QdS su reti IP: Il modello integrated service

Dettagli

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Elettronica Corso di Reti di Telecomunicazioni Internet Protocol versione 4 Generalità sulle reti IP... 2 Lo header IP versione 4... 3 Concetti generali sugli

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Internet e Reti di Calcolatori

Internet e Reti di Calcolatori Internet e Reti di Calcolatori Sommario cosa è Internet cosa è un protocollo? network edge network core rete di accesso, mezzi fisici prestazioni: loss (perdita), delay (ritardo) strati di un protocollo

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Il Trasporto di Dati Real-time

Il Trasporto di Dati Real-time Il Trasporto di Dati Real-time Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza, Meeting

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Ottimizzazione Tatiana Onali Tatiana Onali, CNIT & Università di Cagliari Obiettivi di ottimizzazione Per una gestione ottima della QoS, le infrastrutture di rete

Dettagli

LA QUALITÀ DI SERVIZIO NELLE RETI

LA QUALITÀ DI SERVIZIO NELLE RETI LA QUALITÀ DI SERVIZIO NELLE RETI Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Reti integrate Reti che consentono il trasporto di

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

Applicazioni Real-Time in Internet

Applicazioni Real-Time in Internet 1 Applicazioni Real-Time in Internet Multimedia Networking: Overview Classi di Applicazioni streaming audio/video streaming unidirezionale (multicast) di a/v realtime real-time interattivo audio/video

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto Livello Trasporto Fornire un trasporto affidabile ed efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata Gestisce una conversazione diretta fra sorgente e destinazione

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G

Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G Mauro Campanella V Iincontro del GARR - Roma 24-26 Novembre 2003 Mauro.Campanella@garr.it Agenda - I servizi di QoS che saranno offerti da GARR-G - Premium

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS)

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS) Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e su IP 1.1 Introduzione alle QoS su IP Prof. Raffaele Bolla dist! Due possibili QdS: Misurata sul traffico generato dal servizio (traffico

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Introduzione (parte III)

Introduzione (parte III) Introduzione (parte III) Argomenti della lezione Ripasso degli argomenti del primo corso: il livello di trasporto, il meccanismo di controllo delle congestioni e le applicazioni Il livello di trasporto

Dettagli

Corso TECNICO DI RETE

Corso TECNICO DI RETE Corso TECNICO DI RETE MODULO 1 dimensionamento architettura di rete Docente: ing.andrea Sarneri sarneri@ttc-progetti.it ANDREA SARNERI - CORSO CESCOT 2010 1 Lezione 12 Voip La digitalizzazione del segnale

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Prof. Filippini 2!!!!!!! 3!!!!!!!!!! 4!!!!!! 5!!!!!!!!!!! 6!!!!!!!! 7!!! 8 Prefix (binary) Usage Fraction 0000 0000 Reserved for IPv4 addresses 1/256

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 4 Giovedì 13-03-2014 1 Ritardi e perdite nelle reti a commutazione

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il livello rete in Internet Il protocollo

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris MPLS Multi-Protocol Label Switching Introduzione MPLS: Multi Protocol Label

Dettagli

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Liv Trasporto TCP/UDP 1 Motivazioni Su un host vengono eseguiti diversi processi che usano la rete Problemi Distinguere le coppie

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 2 Livelli di astrazione Network layers

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 2 Livelli di astrazione Network layers INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 2 Livelli di astrazione Network layers Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 Protocol Layers Sistemi complessi!

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Reti di Telecomunicazione

Reti di Telecomunicazione Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Telecomunicazione Prof. Fabio Martignon Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Securing Rsvp Protocol

Securing Rsvp Protocol Securing Diego Cilea Tecnologie di Convergenza su IP AA 2005 06 Introduzione Internet: Servizio Best Effort Indefiniti ritardi Frequenti congestioni di rete Esigenza: Maggiore supporto per applicazioni

Dettagli

Esercitazioni: Stefano Leonardi. Ricevimento: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola. Tel.: 06 77274022 Email:

Esercitazioni: Stefano Leonardi. Ricevimento: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola. Tel.: 06 77274022 Email: Stefano Leonardi Tel.: 06 77274022 Email: leon@dis.uniroma1.it URL: www.dis.uniroma1.it/~leon Ricevimento: Dopo lezione o appuntamento per e -mail Esercitazioni: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Capitolo 1...pag. 5 La Qualita del Servizio

Capitolo 1...pag. 5 La Qualita del Servizio Indice Capitolo 1.........pag. 5 La Qualita del Servizio 1.1 Parametri di QoS 1.1.1 Throughput 1.1.2 Delay 1.1.3 Delay Variation 1.1.4 Loss o Error Rate 1.2 Multimedia Application Requirements 1.2.1 Applicazioni

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Introduzione a Internet Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris e dal Prof. Vittorio Trecordi 1 INTERNET Traffico Internet

Dettagli

Voce su IP La vostra rete e pronta?

Voce su IP La vostra rete e pronta? Voce su IP La vostra rete e pronta? Servizio di classe operatore Ricordate l ultima volta che avete chiamato la vostra compagnia telefonica per ringraziarli dell affidabilita del servizio fornito? Questo

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

Reti di Calcolatori. MPLS Simon Pietro Romano spromano@unina.it Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II

Reti di Calcolatori. MPLS Simon Pietro Romano spromano@unina.it Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Reti di Calcolatori MPLS Simon Pietro Romano spromano@unina.it Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Slide a cura di Vittorio Manetti vittorio.manetti@unina.it 26/05/2009

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Modello a strati 5 4 applicazione trasporto Il modello che useremo prevede 5 strati che svolgono servizi per gli altri strati attraverso

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 9. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP Prof. Raffaele Bolla dist Reti per servizi multimediali

Dettagli

Servizi orientati alla connessione

Servizi orientati alla connessione Servizi orientati alla connessione Viene creata una connessione permanente tra gli end host handshaking: istituzione di uno stato per cui due host sanno di essere in comunicazione tra loro su Internet

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso Reti di Trasporto Ing. Stefano Salsano AA2006/07 - Blocco 5 1 Programma del corso Rete di accesso e rete di trasporto Tecniche di multiplazione, PCM, PDH SDH Evoluzione tecnologie per reti per dati ATM

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo II

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo II Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4

Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4 Quesiti-verifica2-08-con-soluzioni-v1.doc Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4 1 Si consideri il segmento di rete ATM mostrato in figura in cui i nodi A, B, E e F sono commutatori

Dettagli