Info. «Imparare le lingue è un investimento» Plus. BOCKEN Da casa estiva a centro per seminari; un tour storico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Info. «Imparare le lingue è un investimento» Plus. BOCKEN Da casa estiva a centro per seminari; un tour storico"

Transcript

1 La rivista per i pensionati di Credit Suisse Numero 18 Giugno 2015 Info Plus BOCKEN Da casa estiva a centro per seminari; un tour storico Pagina 10 PENSIONATO OFFRESI Quando le prestazioni sono offerte dai pensionati Pagina 22 «Imparare le lingue è un investimento» Intervista a Erich Gysling Pagina 4

2

3 Sommario Editoriale SOMMARIO 3 Care lettrici, cari lettori «Francamente preferisco pescare che mangiare il pesce.» Xavier Queloz 14 Angurie, prati e laghi di montagna l estate è alle porte! Amo questa stagione, tanto ricca di luci e colori. Anche InfoPlus ha una veste nuova e fresca che spicca per i suoi toni accesi. Spero che il risultato vi piaccia come piace a me. Come riportato in questa edizione, anche la villa padronale Bocken di Horgen ha già cambiato aspetto più volte nel corso della sua storia. Ed Erich Gysling ha vissuto presso la Televisione Svizzera il passaggio dal bianco e nero alla TV a colori. Spero di potervi offrire, attraverso la lettura e l iscrizione agli eventi per i pensionati, un variegato ventaglio di possibilità di svago e vi auguro dunque un estate piena di colori. Daniel Schweizer Responsabile del Servizio di assistenza ai pensionati Foto: Robert Aebli; m-way 4 Un giornalista televisivo della prima ora Colloquio con Erich Gysling 8 Vichinghi o fortezza alpina? Consigli di viaggio personali su Aarhus e la regione del Gottardo 10 Villa padronale di Bocken Dove oggi i collaboratori trovano ispirazione, in passato si faceva il bagno nel latte 14 Estate su due ruote Idee per spensierate gite in bicicletta 15 Che teatro! Apertura di nuove prospettive con la patente culturale 17 Foto storica La succursale Credit Suisse a Losanna, Lion d Or 18 Ritratto: Xavier Queloz Ex collaboratore e cacciatore di tesori del Giura 22 Pensionati in af tto Per molte persone qualcosa di più che un semplice lavoro 25 Cassa pensione Performance 2014: raffronto con l anno precedente 26 Agenda Panoramica degli eventi Responsabile: Daniel Schweizer, credit-suisse.com,tel Contatto per eventuali domande: Monika Federer, Tel oppure Alexandra Fuchs, Tel Caporedattrice: Regula Brechbühl, Redazione: Mariska Beirne (mb) Collaboratori di questo numero: Maria Ryser, Melanie Gerteis Concezione e layout: Swisscontent AG, Zurigo Traduzioni: Credit Suisse Language & Translation Services Versioni linguistiche: n c ag, Urdorf Stampa: galledia ag, Flawil SIGLA EDITORIALE Editore: Credit Suisse AG, Retired Staff Management (Servizio di assistenza ai pensionati),

4 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Da decenni un acuto osservatore Erich Gysling ha lasciato la televisione ormai da vent anni, ma da allora non è meno indaffarato. A colloquio con l esperto di questioni mediorientali, che mantiene un occhio sempre attento sui fatti. Testo: Mariska Beirne L ei è noto da molto tempo come un esperto del mondo arabo. Da dove deriva questa curiosità, questa specializzazione? Si può dire che è nata per caso e per disperazione. Era la ne degli anni 60 e alla televisione svizzera ero appena passato dal Telegiornale alla «Rundschau», dove stavano cercando qualcuno che si occupasse della questione israelo-palestinese. Dato che il mio piano di lavoro non prevedeva altri impegni, inviarono me. A quanto pare, il risultato fu apprezzato e così ci tornai una seconda e poi una terza volta. A quel tempo e con quella esperienza in Svizzera si era già considerati come specialisti per due terzi. Io però non me la sentivo più di inviare reportage da assoluto analfabeta da questa regione e così iniziai a studiare arabo all Istituto orientale. Si è anche laureato? No, ho giusto frequentato per tre anni i corsi di arabo parallelamente all attività professionale. La stessa cosa che feci più tardi con il persiano. All epoca avevo già sessant anni. Quante lingue parla oggi? Ovviamente non padroneggio tutte le lingue allo stesso livello: sono in grado di tenere conferenze in tedesco, francese e inglese, anche senza manoscritto. Forse potrei farcela anche in italiano, ma avrei bisogno di qualche appunto. Il mio spagnolo è uente, come pure il portoghese. In queste lingue leggo anche letteratura. Poi conosco lo svedese, perché all inizio volevo studiare scandinavistica e dovevo imparare l islandese. Cosa che è un vero suicidio: l islandese è dif cilissimo. Infatti non ho più proseguito, ma scoprii che avrei potuto almeno ricavarne qualcosa di positivo. E lo svedese si impara molto facilmente se si conosce anche solo un poco di islandese. Gli svedesi se la prendevano quando glielo dicevo ma la loro lingua è un po come l islandese senza grammatica. Oggi me la cavo con questa lingua, ma solo passivamente. Poi, come dicevo, ho imparato l arabo e dopo il russo; è stata una decisione della redazione presa nel 1985, all inizio della perestroika. Con il mio russo e l immancabile dizionario mi fermo più o meno a echov... In arabo e farsi non arrivo a tanto: in queste lingue so leggere giornali, capire le notizie alla radio e alla televisione, condurre interviste e parlare con la gente. Le mie conoscenze di swahili bastano invece solo per una conversazione normale. Continua a studiare regolarmente le lingue? Ogni giorno per circa un ora. Abito ad Affoltern am Albis e quasi ogni giorno vado in città in tram è un ora di studio. Mi esercito sempre nella lingua che dovrò utilizzare nel mio prossimo viaggio. Attualmente è il farsi, poi sarà nuovamente lo swahili. Durante i corsi di farsi e arabo il rischio è quello di apprendere una lingua n troppo forbita, perché parlare in arabo così come lo si impara, suona un po come parlare il tedesco di Walter von der Vogelweide. Anche quello della pronuncia è un terreno minato, perché si può essere percepiti come altolocati, ridicoli o addirittura arroganti. Originariamente ha studiato storia della civiltà a Vienna e nel 1964 è approdato al telegiornale. Che importanza aveva questa trasmissione in quegli anni? La redazione svizzera era composta da cinque persone, con un edizione in tedesco, una in francese e una in italiano. Venivano trasmessi brevi lmati e fotogra e in bianco e nero di qualità non eccelsa, che noi commentavamo fuoricampo. L immagine del presentatore era prevista solo nel notiziario delle ventidue. I testi che leggevamo non erano scritti da noi, ma ci venivano trasmessi per telex dall Agenzia telegra ca svizzera e non ci era consentito modi care alcunché. Questo mi era dif cile, perché scrivevano in un tedesco farraginoso che oggi sarebbe inimmaginabile. Così

5 +++ INTERVISTA INTERVIEW 5 Quando viaggia come giornalista in un paese, si ritiene in dovere di capirne la lingua per conoscere i problemi della gente. Foto: Robert Aebli Il suo gioiellino, una Lancia del 1973, funziona impeccabilmente. L anno scorso ha rifatto i sedili e adesso è come nuova.

6 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Nel magazzino della «Weltrundschau», una pubblicazione che appare in tedesco dal iniziai, come altri, a prendermi la libertà di intervenire sempre più spesso sullo stile dei testi. Non sembra una grande s da giornalistica. No, per niente, ma nel 1967 Hans O. Staub mi volle nel suo reparto, che si chiamava «Politica e attualità». Hans O. Staub era già una leggenda all epoca, un giornalista eccezionale, con la sua caratteristica voce roca. È stato lui che ha professionalizzato il settore dell informazione nei limiti di quello che a quel tempo si poteva fare. Mi ha coinvolto nella creazione della trasmissione «Rundschau» e quando nel 1968 venne trasmessa per la prima volta, ne fui il primo presentatore ma solo perché lui si era appena rotto una gamba. Pensavamo che il nostro concetto di trasmissione fosse assolutamente originale, e sicuramente lo era: avevamo reso trasparente il lavoro redazionale, spostando la riunione della redazione nello studio. Ogni sera lei è entrato per molti anni nelle case degli svizzeri, è un personaggio noto. Le dà fastidio qualche volta essere riconosciuto? Oggi molto raramente per fortuna! Prima era diverso. La gente mi rivolgeva spesso la parola, ad esempio: «Senta, la cravatta di ieri sera proprio non le stava bene». Con la diffusione del consumo mediatico individualizzato, tutto questo è lentamente nito. Se oggi mi parlano, si tratta prevalentemente di discutere speci ci contenuti. Mi sta bene, o perlomeno non è un problema. Il fatto che le chiedano della Siria mentre è nel reparto verdura della Coop? Ogni tanto succede. Quando Saddam Hussein era ancora vivo mi è stato chiesto spesso «Cosa dice adesso di Saddam? Sia sincero!» Quali sono le sue attività principali dopo il pensionamento? Una cosa che da quarant anni non ho mai smesso di fare è il lavoro di caporedattore della «Weltrundschau». Si tratta di una specie di cronaca mondiale in cui riassumiamo con parole e immagini i principali eventi politici e sociali di ogni mese dell anno. Quando volli lasciare la televisione, mi chiesi: e poi cosa farò? Avevo cinquantotto anni e pensavo che ci devono pur essere delle persone che, quando viaggiano in un paese, possono apprezzare una visita guidata con informazioni presentate in una forma accattivante come quelle che potrebbero leggere nella NZZ o nella FAZ. E così con un collega ho fondato l agenzia di viaggi Background Tours. Ciò che offriamo è giorna lismo parlato dal vivo sul posto. Non potrebbe essere pericoloso in determinate regioni? No, se si conosce bene il paese e ci si attiene a determinate regole. A differenza delle guide turistiche locali, che devono evitare il tema della politica in paesi dif cili, io posso parlare liberamente. Ma queste conferenze le tengo sempre in spazi chiusi, ad esempio nel pullman. Negli alberghi si potrebbe parlare ad esempio in una sala riunioni, ma non si è mai sicuri di non essere spiati. CONCORSO Vincete una delle tre copie della «Weltrundschau 2014» appena uscita! Annunciatevi entro il 31 agosto 2015 per a: o per telefono * Le condizioni di partecipazione sono riportate a pagina 27.

7 INTERVISTA 7 «Talvolta il mio arabo suona involontariamente comico.» Colloquio mensile con il gra co Andy Christen. Non è molto che si è trasferito ad Affoltern. Ha signi cato in qualche modo anche voltare pagina nella sua vita? Sì, più o meno. Abbiamo vissuto per trent anni a Zurigo nella Hönggerstrasse. Mia moglie aveva appena chiuso il suo studio di psicoanalista a casa nostra per dedicarsi a tempo pieno al suo lavoro artistico. Parlavamo già da tempo di trasferirci in campagna. Con quali criteri ha cercato qualcosa di nuovo? La vita in città ci piaceva molto, ma il criterio principale era la tranquillità: sulla Hönggerstrasse. dalle cinque del mattino in poi passava sferragliando il tram numero 13 davanti a casa. Anche la comodità è stato un fattore importante, ad esempio il fatto di abitare al pianoterra e le possibilità di parcheggio. Le edizioni speciali apprezzate in occasione di compleanni e anniversari. Per la «Weltrundschau» lei scrive ogni anno circa 230 pagine, viaggia, tiene conferenze probabilmente non si è nemmeno accorto di avere raggiunto l età di pensionamento. Sì invece, perché adesso devo organizzarmi da solo. Molti cambiamenti nella mia routine quotidiana, però, sono dovuti all evoluzione della tecnologia informatica. Inizio ancora la mia giornata con la lettura del mio giornale preferito, la FAZ, solo che la leggo sull ipad. Per fortuna dei suoi lettori non sembra prendersela molto comoda dal punto di vista professionale. Che effetti ha la sua esperienza di vita sul lavoro? È molto dif cile da dire. Ma quando ci si occupa per un periodo molto lungo di un tema, si commettono meno errori, le valutazioni si fanno più accurate. Però si può anche nire nei pasticci. Ho commentato la Primavera araba sin dall inizio con grande scetticismo e in cambio ho dovuto ingoiare molti rospi: avevo qualche dubbio sul fatto che quei paesi riuscissero a costruire una democrazia. In realtà, li ritengo capaci di farlo, ma hanno valori di riferimento diversi. E purtroppo avevo ragione. Ha altri sogni che vorrebbe realizzare? Faccio già così tante cose che mi soddisfano! Ma c è una cosa che mi diverte molto: per l anno prossimo organizzo un viaggio segreto verso un luogo ignoto. I partecipanti conoscono solo la regione, l America centrale, ma conosceranno la destinazione nale solo quando si troveranno all aeroporto. Però mi piacciono tutti i viaggi. La prossima meta sarà l Iran e poi di nuovo l Africa, dove l attenzione sarà sutta per gli animali e la natura. Spero tanto che un leone ci venga a trovare una notte. Foto: Robert Aebli Non sente l avanzare dell età? Effettivamente ho la fortuna di notarlo poco nora! Basta essere consapevoli che tutto può cambiare da un giorno all altro. Ma sono felice di poter ancora tenere le mie conferenze senza manoscritto. Probabilmente anche apprendere le lingue aiuta, tiene sveglio lo spirito. Per restare in forma sica, con mia moglie facciamo ginnastica ogni mattina, e poi faccio camminate a passo veloce ogni giorno per un oretta nella regione dell Albis le possibilità non mancano.

8 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Aarhus: bar, arcobaleni e mummie Perché trascorrere tre giorni ad Aarhus? La seconda città della Danimarca per dimensioni, la «Cenerentola» accanto alla mondana Copenhagen, vanta una fantasiosa gastronomia nonché, da qualche tempo, due musei di risonanza mondiale. Nonostante ciò, questa amena e tranquilla località «non si è montata la testa». Un parco sul tetto: il Museo Moesgaard progettato dallo studio Henning Larsen Architects. È vero, a prima vista Aarhus non è questa gran bellezza. E allora cos è che attribuisce fascino a questo ex villaggio di vichinghi, oggi città universitaria, industriale e portuale con circa abitanti? Con la rapida crescita nel XIX e XX secolo, oggi l immagine della città appare un po disomogenea, sebbene i danesi diano molta importanza all estetica. Lo si può notare facendo una passeggiata per il centro: all incirca un attività commerciale su tre ha fatto dell estetica e del design un must. Per fortuna ho con me la valigia più grande per tutti i miei acquisti... Un altra cosa che balza all occhio è il fatto che vi sono tantissimi ristoranti e sempre molto frequentati, anche durante la settimana e nei mesi di bassa stagione. Il mio preferito è il divino Langhoff & Juul, dove ogni piatto è un opera d arte. Al vivace e informale Globen Flakket sulla Aarhuser Å, il ume che dà il nome alla città, ci sono già stata due volte e il Café Englen lo trovo semplicemente «hygge», per usare la parola preferita dei danesi, traducibile come «accogliente, conviviale». L importanza del termine «hygge» è sicuramente legata anche alle condizioni meteorologiche spesso tristi del luogo: statisticamente qui piove quasi un giorno sì e uno no. Il progetto «Abrella» mira a rendere un po più tollera bile ciò che è inevitabile, e lo fa dando la possibilità di prendere un ombrello in un negozio e restituirlo in un altro. Un sistema simile esiste per le biciclette: in cambio di 20 corone si ottiene una bici che si può poi lasciare in un luogo di deposito a proprio piacere. Con la bicicletta ci dirigiamo verso il museo d arte Aros, che nel 2004 fu ricostruito e trasformato da museo provinciale in istituzione di rilievo internazionale. Anche grazie al «Rainbow Panorama», uno spazio percorribile a piedi progettato da Olafur Eliason sul tetto dell edi cio. Una cosa simile la si trova al Museo Moesgaard di preistoria ed etnogra a che, situato fuori dalla città in un area verde, offre uno scorcio della baia di Aarhus. La nuova costruzione, realizzata nel 2014, rientra per architettura e contenuti fra i migliori musei del mondo. Non mi era mai successo come qui di trascorrere cinque ore in una mostra senza rendermi conto del passare del tempo. Normalmente mi sarei soffermata in una bella sala ricreativa o in un elegante bar. Ma questa volta le mummie e le storie che le circondano mi hanno completamente ipnotizzata. La mia conclusione dopo un ne settimana ad Aarhus è la seguente: la città è «hygge», i due musei tra i migliori al mondo e tre giorni assolutamente insuf cienti. Biografia Mariska Beirne, redattrice free-lance e storica, si interessa di cultura, natura e scienza, nonché delle persone e delle loro storie. Scrive regolarmente per la rivista InfoPlus. Foto: Museo Moesgaard, Danimarca; Robert Aebli

9 VIAGGIARE 9 Gottardo Presto gli automobilisti saranno in grado di viaggiare tra Zurigo e Lugano in meno di due ore. Il percorso lungo attraverso il Gottardo, al contrario, ricompensa il viaggiatore anacronistico con miti, storie e bellezze della natura. C on l odierna diligenza del San Gottardo non si viaggia così rapidamente come nel dipinto di Rudolf Koller «Gotthardpost» del La carrozza con tiro a cinque, un Coupe Landau a otto posti splendidamente ristrutturato, è tuttavia incredibilmente simile alla carrozza dipinta da Koller, e lo stesso vale per i due postiglioni sopra la cassetta della carrozza nelle loro eleganti uniformi dal panciotto rosso acceso. Ciò che 150 anni fa era considerato come un immensa fatica oggi rappresenta un piacere esclusivo per i nostalgici. La giornata di viaggio, di cui cinque ore per lo spostamento vero e proprio, inizia ad Andermatt e conduce a Cinque ore: è questa la durata del viaggio da Andermatt ad Airolo. Hospental, da dove si prosegue su per la montagna verso Mätteli. Ogniqualvolta possibile, la diligenza lascia le nuove strade del valico per seguire la vecchia via del Gottardo. All ospizio del Gottardo, nella tipica trattoria, i viaggiatori sono attesi da un piacevole pranzo, dopodiché il percorso continua sulla famosa serpentina di Tremola, Motto e Bartola, che scende no ad Airolo. Il viaggio è accompagnato con discrezione da uno staf ere addetto alla cura dei cavalli e da un mezzo per il trasporto dei materiali. mb Foto: Historische Reisepost AG; Sasso San Gottardo; Werd Verlag Museo Sasso San Gottardo All interno del massiccio del Gottardo si nascondeva no a pochi anni fa una segretissima fortezza d artiglieria dell esercito svizzero. Ciò che un tempo era considerato inespugnabile e citato nei libri di storia come elemento del Ridotto nazionale, oggi costituisce un originale museo. Esibizioni multimediali sui temi acqua, tempo atmosferico, energia, sicurezza e paesaggio illuminano il mito del Gottardo da più prospettive. Proseguendo su un viottolo all interno della montagna, si sale no alla fortezza vera e propria dove, osservando le stanze dei pezzi d artiglieria, il dormitorio, la cucina e la sala di ricreazione vengono i brividi a immaginare come si svolgeva la vita nella montagna. Sarà forse anche per la temperatura di dodici gradi nelle lunghe gallerie? In ogni caso, si consiglia di indossare calzature adatte e abbigliamento caldo. Il museo è aperto dal 4 giugno al 18 ottobre 2015; orari di apertura e informazioni per i visitatori al sito mb Passeggiando per il Gottardo Nel suo libricino per escursionisti sulla regione del Gottardo, Luc Hagmann presenta 21 itinerari. Infatti, come scrive lui stesso, il Gottardo è più che un semplice ostacolo da aggirare. Lo stesso vale per i suoi itinerari, che non sono mere descrizioni di percorsi. Nell introduzione, l autore narra dei miti che circondano la montagna, dei draghi che la abitavano, e della leggenda del Ponte del Diavolo. Ciascuno degli itinerari descritti è arricchito da storie e da molte nozioni di contorno; in questo modo, le descrizioni non risultano troppo stringate. Inoltre, ogni percorso è accompagnato da una «pagina dei fatti», con una cartina, un pro lo dell altitudine, dati sul tempo di camminata, e con varie altre informazioni ivi compreso il carattere della gita. mb CONCORSO Chi desidera vincere una delle tre copie in palio del libro «Rund um den Gotthard», editore Werd Verlag, può rivolgersi entro il 31 agosto 2015 all indirizzo: o al numero di telefono * Le condizioni di partecipazione sono riportate a pagina 27. Luc Hagmann 21 Touren am Urberg der Schweiz

10 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Il vecchio edi cio barocco a sinistra, ultimato nel 1688 circa, con l ala laterale del 1913 della famiglia Schwarzenbach. Vista dalla casa padronale sulle ex stalle della famiglia Schwarzenbach, a sinistra sullo sfondo il CS Forum.

11 BOCKEN 11 Bocken un pezzo di storia sul lago di Zurigo La storia della tenuta di Bocken a Horgen, oggi centro seminari di Credit Suisse, riunisce in sé tutti gli ingredienti di un romanzo: guerra e cannoni, acqua curativa o presunta tale, giovani donne di buona famiglia e una cavallerizza di successo, al tempo stesso figlia di un famoso generale e di una contessa. Testo: Mariska Beirne Foto: Robert Aebli L a tenuta di Bocken sopra Horgen è immersa nei prati verdi con un panorama da cartolina sulle Alpi glaronesi e sul Lago di Zurigo. L edi cio barocco, un tempo chiamato castello di Bocken, si staglia maestoso sul crinale della collina, mentre gli edi ci annessi sono adagiati in una conca verde. Sebbene l autostrada passi nelle immediate vicinanze, il rumore non disturba l idillio degli uccellini che cinguettano. Ma qui l atmosfera non è sempre stata così tranquilla. Il 27 marzo 1804, infatti, a Bocken si trincerarono le truppe della Confederazione, quando la casa padronale era utilizzata come stabilimento di cura. I ribelli della zona assediarono la casa, aprirono il fuoco e spararono nché non furono esaurite le munizioni. Il motivo del comportamento bellicoso dei rivoltosi era l urgente desiderio di emancipazione dall autorità dominante di Zurigo, che aveva appena ricevuto sostegno dalla Confederazione sotto forma di 1400 soldati. Una piccola parte di queste truppe si barricò appunto a Bocken, ma in ne i Confederati riuscirono a fuggire a Horgen. I ribelli ebbero la meglio ma non riuscirono a sfruttare la vittoria perché, in quanto contadini e artigiani, non avevano a disposizione le risorse necessarie per proseguire la resistenza. Il loro capo, il calzolaio Jakob Willi di Horgen, venne condannato pubblicamente il 25 aprile 1804 a Zurigo. Cure con acqua e siero La tenuta di Bocken venne costruita oltre un secolo prima (intorno al 1680) come residenza estiva dall imprenditore zurighese attivo nel settore della seta e successivamente sindaco Andreas Meyer-Werdmüller. Poiché Meyer morì senza discendenti, la tenuta passò prima alla famiglia del fratello e in seguito cambiò più volte proprietari. Una nuova era cominciò quando, nel 1770, entrò in scena Johannes Stocker di Hirzel. Stando al suo progetto, Bocken doveva diventare un istituto di cura. L idea gli venne quando lesse negli scritti del naturalista zurighese Jakob Scheuchzer che la sorgente di Bocken forniva «un acqua curativa particolare». Stocker completò la tenuta con uno stabilimento termale e trasformò il podere in un sanatorio-albergo. Gli affari andavano bene. Le ricche famiglie zurighesi soggiornavano nei bei prati sopra al lago per bene ciare dell acqua curativa. Verso la metà del XIX secolo un analisi chimica rivelò che l acqua di Bocken non possedeva proprietà bene che, si trattava solo di una normale acqua di sorgente. L intraprendente famiglia dei gestori non si lasciò scomporre da tali bazzecole. Trasformò Bocken in un luogo di cura che utilizzava il siero del latte e pubblicizzò l aria salubre d alta quota in alcune inserzioni. La provvidenziale educazione delle giovani ragazze Oltre alla struttura sanitaria, nel 1897 anche l «Istituto evangelico femminile» appena fondato si trasferì nella casa padronale. Le famiglie più benestanti della regione lamentavano già da tempo che per le ragazze di Zurigo esisteva solo la scuola cattolica femminile di Menzingen, dove l educazione era ben gestita e a basso costo, ma le ragazze: «...erano esposte a ovvi pericoli per la loro fede evangelica», come aveva ammonito il futuro decano della scuola. A Bocken venne così fondato il nuovo istituto con l obiettivo di: «dare la provvidenziale opportunità di una formazione completa sull economia domestica alle ragazze di confessione riformata, sotto l in usso bene co di una disciplina evangelico-cristiana». Tuttavia la situazione a Bocken non era priva di rischi per le giovani ragazze. Presto fu necessario recintare

12 Credit Suisse InfoPlus 1/ Dopo la ristrutturazione di Credit Suisse. bene la nuova dependance accanto allo stabilimento di cura per «porre corretti limiti all ingenua curiosità di alcuni ospiti». E nei bei pomeriggi domenicali, quando Bocken era la meta preferita delle gite fuori porta, la direzione dell istituto sottraeva le proprie protette alle insidie dei malintenzionati con escursioni «tra monti e valli». La domanda era tuttavia sostenuta e, dopo sette anni di permanenza a Bocken, l istituto si trasferì per motivi di spazio in un nuovo edi cio sulla Horgner Allmend. Sangue blu a Bocken Un periodo vivace per la proprietà iniziò nel 1911 con il trasferimento di Alfred Schwarzenbach e di sua moglie, Renée Schwarzenbach-Wille, glia del generale Ulrich Wille e Clara, contessa von Bismarck. Renée Schwarzenbach-Wille mise al mondo quattro gli, tra cui la futura scrittrice Annemarie, prima di aver successo come cavallerizza. I nuovi proprietari trasformarono la tenuta in una modernissima azienda agricola e ampliarono il complesso con una stalla e un edi cio per l equitazione. L edi cio principale venne integrato da un ala laterale e all interno fu dotato di moderne comodità come l illuminazione elettrica, una linea telefonica e impianti sanitari con sistema di depurazione biologico. La donna di casa si adoperò molto, dopo il trasferimento, per arredare gli spazi con «comò, sedie, specchi, orologi e ritratti», come cita il suo pronipote, lo storico Alexis Schwarzenbach in una delle sue lettere. Quest ultimo interpreta così tale ricerca: «Si doveva dare l impressione che Bocken fosse la casa della famiglia Schwarzenbach-Wille da generazioni. In questo modo si distoglieva l attenzione dal fatto che Alfred Schwarzenbach provenisse da una famiglia di imprenditori di Thalwil assolutamente estranea all aristocrazia, arricchitasi solo nel XIX secolo con la produzione dei tessuti di seta.» Cambiamento e continuità Nel 1977, il Cantone Zurigo rilevò la tenuta della famiglia Schwarzenbach. Nel 1988 il Credito Svizzero sottoscrisse un contratto di locazione con il Cantone Zurigo e acquistò in ne l intero complesso di immobili, ristrutturandolo negli anni Novanta. Nacquero così il nuovo centro di formazione e le opere d arte sulla Forumsplatz. Per molti collaboratori di Credit Suisse, Bocken ha un particolare signi cato, perché qui i seminari permettono di staccare dalla frenetica quotidianità bancaria ed è qui che hanno luogo anche le tradizionali manifestazioni di benvenuto e di commiato dei collaboratori. Molto è cambiato negli ultimi trecento anni, ma rimane lo stupore del visitatore alla vista di questa combinazione di natura verde rigogliosa e di giardini caratterizzati da un impressionante architettura, il tutto sullo sfondo bianco-blu di lago e montagne. Bibliogra a Jung Joseph, Renfer Christian: La tenuta di Bocken sul Lago di Zurigo, Berna Schwarzenbach Alexis, Renfer Christian et al.: Scuderia di Bocken. Centro seminari Credit Suisse di Horgen, Sulgen Fuhrer Hans Rudolf, Troxler Walter et al.: La guerra a Bocken nel Proteste della popolazione di Zurigo, Au InfoPlus organizza: Visita guidata a Bocken Con una visita guidata nella tenuta di Bocken viene offerta l opportunità di conoscere meglio la storia, gli abitanti dell epoca e le opere d arte sulla Forumsplatz e nella casa padronale e di scoprire l impressionante cantina di vini. L aperitivo finale previsto è una splendida occasione per meditare su quanto appreso e visto e godere della particolare atmosfera. DOVE Centro seminari di Bocken, Horgen QUANDO 15 settembre 2015, dalle 15 alle 17 ISCRIZIONE Vi preghiamo di inoltrare la vostra iscrizione entro il 7 settembre a: oppure telefonicamente al numero Foto: Robert Aebli; Credit Suisse AG

13 INTERVIEW BOCKEN 13 L artista Dani Karavan ha allestito la piazza davanti a stalle e forum. Il CS Forum costruito da Egon Dachtler nel Salone delle feste con sof tto barocco a stucchi e stufa in maiolica del La cantina scavata nella pietra era già leggendaria nel XVIII secolo. A colloquio con Alexis Schwarzenbach, storico e pubblicista Foto: Robert Aebli; Ayse Yavas; Credit Suisse AG Signor Schwarzenbach, lei è il pronipote della prima generazione degli Schwarzenbach a Bocken. Quali ricordi personali la legano alla tenuta di Bocken? Bocken è la casa dei miei nonni. Collego la casa soprattutto al Natale e all emozione legata a questa festività: i cugini, l attesa e in ne l albero illuminato. In estate ricordo la piscina e i campi da tennis circondati da siepi che formavano una sorta di corridoio. Per noi bambini erano uno splendido nascondiglio. La cosa più divertente era la ripida scalinata del personale della casa nell edi- cio principale che ci piaceva usare come scivolo. Casa e parco erano familiari, ma talvolta anche inquietanti, ad esempio la cantina grande e buia con le gigantesche botti di vino e l alce impolverata. Durante la sua infanzia la storia di Bocken era un tema ricorrente? Veniva spesso ricordata soprattutto la guerra di Bocken, testimoniata dal buco, provocato da una cannonata, nella stanza con il bel sof tto a stucchi. Quando poi il foro venne riparato per errore, dovette essere riportato allo stato originale. Alcune case segnano i loro abitanti. Com è il suo rapporto con Bocken? Quando ho scritto il libro su Annemarie Schwarzenbach, ho notato come questa casa fosse stata un punto di riferimento nella sua vita, assieme al paesaggio. Per lei Bocken era un enorme parco di avventure, l idillio della sua infanzia, come spiega continuamente nei suoi testi. Per tutta la vita i luoghi in cui si sentiva più a suo agio erano quelli da cui si potevano scorgere il lago e le montagne, perché ciò le dava la sensazione di essere a casa. Come vede Bocken oggi, dopo un attenta ri essione come storico e autore? Si tratta di una casa da cui si possono sì vedere il lago e le montagne, ma che dà anche visibilità. Già il primo edi cio barocco è stato un investimento, ma anche un modo per ostentare ricchezza e promuovere lo status dei suoi abitanti. Per me la casa è diventata più piccola. Durante la mia prima visita da adulto ho infatti constatato con sorpresa che gli spazi non erano così enormi come li conservavo nel mio ricordo di quando avevo sette anni.

14 CHICCHE Bici e dintorni La spesa diventa leggera Niente più pesanti borse della spesa che inquinano l ambiente: ora per fare acquisti c è il carrello spesa per la bicicletta. I Royal Truck Trolley del produttore tedesco Andersen vengono realizzati in Svizzera utilizzando teloni di autocarri, e questo fa di ogni esemplare un pezzo unico. Alla scoperta dell architettura Molte città svizzere ospitano un numero considerevole di edi ci di interesse architettonico, che si possono visitare agevolmente in bicicletta. In poche ore la città si rivela sotto una nuova prospettiva e grazie alle ricerche dei due autori si scoprono molte cose interessanti. Orientamento Con il navigatore Garmin Edge Touring orientarsi in bicicletta diventa un gioco da ragazzi: non dovrete far altro che inserire l indirizzo e il navigatore vi porterà dove volete. Grazie alla mappa delle piste ciclabili di tutta Europa caricate in memoria, il dispositivo calcola il percorso ideale per la bici. Gioia di vivere bavarese m-way propone una vasta gamma di solide e-bike dai colori vivaci del produttore tedesco Cube. L af liata Migros specializzata in elettromobilità vuole contribuire attivamente agli spostamenti ef cienti e sostenibili. In base al luogo di domicilio, il comune stanzia un incentivo nanziario per l acquisto di questa bici elettrica. Foto: istockphoto, Werd Verlag, Andersen Shopper Manufaktur, Veloplus, m-way

15 CULTURA 15 Io e la casa dei briganti «Kulturführerschein», ovvero una patente culturale per la terza età: questo l obiettivo del corso di sette mesi in diversi ambiti teatrali organizzato da AkzentaNova presso lo Junges Schauspielhaus Zürich. E non si tratta semplicemente di dare uno sguardo dietro le quinte. Testo: Mariska Beirne Foto: AkzentaNova A llo Schiffbau di Zurigo la giornata inizia alle otto e trenta con caffè e cornetto. Dodici signori di terza età sono insieme per la colazione e alcuni di loro sono già impegnati in interessanti conversazioni. «Ecco, sono arrivati quelli del Kulturführerschein!», apostrofa allegramente gli ospiti uno scenografo, sedendosi con loro insieme a due colleghi. «Questa è una delle cose più belle», spiega Petra Fischer, drammaturga dello Junges Schauspielhaus: «Non ci sono mai state barriere. Dopo appena qualche settimana chi partecipa ai corsi del Kulturführerschein entra attivamente a far parte della vita del nostro teatro.» Teatro e vita personale Da due anni AkzentaNova l of cina progetto per persone con esperienza lavora in stretta collaborazione con lo Junges Schauspielhaus presso lo Schiffbau. I partecipanti al programma si incontrano a teatro ogni tre settimane per un intera giornata. Michèle Dubois, una delle due fondatrici di AkzentaNova, descrive il progetto: «Ci occupiamo di teatro a 360 gradi e studiamo a fondo le opere attualmente in programma». Per chi frequenta i corsi la domanda centrale da porsi è: «Che cosa ha a che fare quest opera con me personalmente?». Il legame tra il pezzo teatrale e la propria vita personale occupa una posizione di rilievo, sia nelle discussioni di gruppo sia in altri ambiti. Karl Gloor, che ha partecipato al Kulturführerschein lo scorso anno, racconta: «Il momento più importante per me personalmente è stato quando abbiamo lavorato ai Musicanti di Brema. Avevamo il compito di studiare la favola sotto diversi aspetti e comporre noi stessi un testo che sarebbe stato recitato da un attore professionista. Io ho scelto il punto di vista della casa dei briganti. Sentire recitare un testo di propria creazione da un professionista è stata una grande emozione. Mi ha anche «Ecco, sono arrivati quelli del Kulturführerschein!» InfoPlus organizza: KULTURFÜHRERSCHEIN Il prossimo Kulturführerschein prenderà il via a novembre Per conoscere le esatte date dei corsi e avere maggiori informazioni si può consultare il sito o chiamare la signora Krützer di AkzentaNova: I partecipanti discutono di un modello di palcoscenico per l opera «I masnadieri».

16 Credit Suisse InfoPlus 1/15 colpito l interpretazione che altri hanno dato a questa favola». Un aspetto positivo, al di là dei contenuti, è stato per lui l eterogeneità del gruppo: un ex uf ciale dell Uf cio fallimenti, un ex psicoterapeuta, una ex fotografa ed egli stesso ex insegnante la premessa ideale per creare un interessante rete di contatti sul piano culturale e personale. Ma è anche il teatro stesso a trarre pro tto dal contributo degli studenti della terza età. Come spiega la drammaturga Petra Fischer, «Nell ambito della collaborazione con le persone che prendono parte ai corsi del Kulturführerschein, affrontiamo sin dalla nascita di un pezzo l aspetto del pubblico che assisterà alla rappresentazione. È un interazione davvero preziosa». Ciò che depone a favore della qualità del Kulturführerschein è inoltre il fatto che i partecipanti di tutti i cinque programmi annuali si sono impegnati nel mondo della cultura in maniera autonoma, e alcuni sono rimasti legati allo Junges Schauspielhaus. Ecco il commento di Petra Fischer: «Questo è il virus teatrale. Una volta contagiati, è dif cile guarire...» Il Kulturführerschein offre la possibilità di analizzare a fondo le opere attualmente in programma e anche di conoscere meglio se stessi. Accostamenti «Konstellationen» è una mostra che affianca in maniera sorprendente le creazioni di un gruppo di artiste a opere già presenti nella collezione. U na collezione, quando non è monotematica, è aperta a molte strade, incroci, percorsi paralleli e diramazioni. La mostra attualmente in programma è una combinazione aperta di diversi stili e generazioni di artiste. Molte opere della collezione, come quelle di Meret Oppenheim, Lou Stengele o Ilse Vally Wieselthier, Figur als Lampenfuss, 1928, ceramica, Kunsthaus Zug, Fondazione Collezione Kamm. Weber, si muovono tra surrealismo e realismo fantastico, che sono le correnti predominanti nella collezione del museo. Analogie e contrasti Senz altro avvincente si prospetta l accostamento tra la costruttivista Verena Loewensberg e le opere di Katharina Sallenbach. Invece, il collegamento all attuale mostra di Roman Signer lo fornisce la moglie, la videoartista Aleksandra Signer, che presenta nuove opere in aggiunta a quelle già visibili nella collezione. L organizzazione degli spazi è af data a due giovani artiste legate a Zugo, Katharina Anna Wieser e Sara Masüger, in grado di creare un punto di congiunzione tra le opere esposte e il presente. Il WerkstattForum integrato nella mostra offrirà ai visitatori la possibilità di partecipare attivamente, evidenziando aspetti comuni tra opere o proponendo nuovi accostamenti. mb InfoPlus organizza: VISITA GUIDATA Il Kunsthaus Zug invita i lettori di InfoPlus alla visita guidata «Wege der Sammlung 4, Konstellationen». I partecipanti pagano solo un contributo di 10 franchi per il biglietto d ingresso. Credit Suisse offrirà caffè e torta nel giardino del Kunsthaus Zug. La visita guidata si terrà il 27 agosto alle ore Per iscriversi si prega di inviare un a o chiamare il numero entro il 19 agosto Foto: Kunsthaus Zug, Fondazione Collezione Kamm; AkzentaNova

17 SUCCURSALE 17 Foto: De Jongh, Losanna Succursale Credit Suisse a Losanna, Lion d Or, dopo il 1920.

18 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Presso la galleria Trouillat, Xavier Queloz (foto) e suo glio François hanno scoperto 1000 monete d argento. Con i suoi amici del Club 32, Xavier Queloz ha convertito la vecchia falegnameria di Grandfontaine in una piacevole clubhouse. Nella clubhouse, anche dopo il lavoro svolto, ci si diverte a festeggiare e a ridere. All interno della galleria, accanto ad alcune monete, si può ammirare anche un pozzo a carrucola profondo tre metri. Foto: Robert Aebli

19 XAVIER QUELOZ 19 Il giurassiano del tesoro Xavier Queloz è un uomo del fare. Insieme ai suoi amici, l ex consulente clientela ha convertito una vecchia falegnameria in una clubhouse. Ma non è tutto, anzi: poco prima del suo pensionamento, lui e suo figlio effettuarono un ritrovamento spettacolare. Testo: Maria Ryser L erba rigoliosa si estende lungo gli argini dell Allaine. Le betulle si rispecchiano nel ume e, di tanto in tanto, gli uccelli cinguettano. Un airone è fermo stoicamente su una pietra. Sembra che abbiamo il medesimo obiettivo. Getto la mia canna da pesca e attendo con pazienza. Fin da bambino amavo la pesca: scovare i posti dove i pesci si nascondono, lo sguardo immerso nell acqua verde in mezzo alla natura. Dal mio pensionamento nel 1993, tra marzo e settembre mi trovate una o due volte a settimana sulle rive dell Allaine. A volte pesco anche nel Doubs. Mia moglie Marlyse è contenta ogni volta che le porto del pesce fresco, che poi prepara in modo eccellente. Per essere sinceri preferisco pescarlo che mangiarlo. Spesso mangiamo pesce anche tra amici. Noi giurassiani amiamo i lauti pasti innaf ati da vino e liquore. Ecco! Un ombra si lancia sul verme in lzato all amo della mia canna da pesca. Che bella preda! Mia moglie fu molto sorpresa quando, un anno fa, mi presentai a casa con un trota che pesava 1,5 kg e che era lunga 50 centimetri. Un ulteriore passione che condividiamo è la raccolta di funghi. Nella primavera del 1997 scoprimmo qualcosa di straordinario: nella regione di Les Côtes-du-Doubs trovammo in un giorno 350 spugnole, una cosa che accade una sola volta nella vita. Più di 1000 monete d argento La cosa più bella che mi è capitata nella vita però sono stati, senza ombra di dubbio, la mia Marlyse e, di conseguenza, i nostri gemelli François e Olivier. Tra l altro, un evento eccezionale mi lega a mio glio François: nel 1990, durante i lavori di ristrutturazione del suo immobile nel centro storico di Porrentruy, ci siamo imbattuti in cantina in un vaso di ceramica contenente oltre 1000 monete d argento del XIV e XV secolo. Anche sui giornali locali è stata riportata la notizia. Le monete, parecchio ossidate, erano costituite in gran parte da centesimi della regione di Basilea, e provenienti da Colmar, Friburgo in Brisgovia e Milano. Purtroppo non abbiamo potuto tenere il tesoro, poiché per legge appartiene al cantone. Si può pur sempre visitare il luogo del ritrovamento e alcune monete nell ambito del Circuit Secret, un leggendario giro «350 spugnole in un giorno! Una cosa che succede solo una volta nella vita.» attraverso la città di Porrentruy. Mio glio ha fatto sistemare la cantina presso Rue Trouillat proprio a tale scopo. Ma una visita è interessante non solo per le monete: nella cantina si può anche ammirare un pozzo a carrucola medievale profondo tre metri. Alla mia età, compirò presto 83 anni, posso guardare indietro ripensando a una vita ricca e piena di bei ricordi, tra i quali anche i miei oltre trent anni di lavoro presso la Banca Popolare Svizzera in diverse succursali nel canton Giura e a Berna. Ogni giorno andavo al lavoro con piacere e amavo le attività molto variegate in qualità di consulente clientela e procuratore. Grazie a mio padre, una guardia di frontiera, e ai miei numerosi impegni in diverse associazioni sportive, nella regione ero un volto noto, cosa che ha in uito positivamente sulla mia attività professionale. Mi accade ancora oggi che qualcuno mi ringrazi per strada per avergli fornito, 40 anni fa, una consulenza per un terzo pilastro. Dal Kenya a Grandfontaine Ci sono poi ancora Philippe, il mio amico di più lunga data, che conosco sin dalla scuola primaria, e i coetanei del Club 32, che abbiamo fondato nel I buoni amici non

20 Credit Suisse InfoPlus 1/15 I più anziani giocatori del campionato svizzero: Xavier (a destra) e il suo amico Philippe si allenano ogni lunedì presso l FC Porrentruy. possono essere sostituiti da tutto l oro del mondo quante ne abbiamo fatte insieme! Innumerevoli feste di famiglia, negli anni Settanta e Ottanta viaggi in Egitto, Russia, Kenya, Cina e negli Stati Uniti, o l indimenticabile tour alpino ad alta quota da Verbier a Zermatt, solo per citare alcuni esempi. Tuttora sono quello che dà il via alle cose passando dalla teoria alla pratica ed è stato lo stesso per l idea della clubhouse. Durante una passeggiata circa 14 anni fa con una settantina di persone, dissi ai miei amici: «Dai, facciamo qualcosa che non dipenda dalle condizioni meteorologiche e che diventi un appuntamento settimanale.» Acquistammo quindi a Grandfontaine, nel 2001, una vecchia falegnameria, che abbiamo poi rinnovato completamente all interno. Con cucina, stanza con camino, camera da letto, bagno e all esterno persino una nuova terrazza. Abbiamo impiegato principalmente materiali dall ex falegnameria e altri pezzi residui. Le cose da 13 anni vanno sempre nella stessa maniera: ogni mercoledì ci incontriamo alle nove e lavoriamo due ore al mattino e tre del pomeriggio. Alle dodici meno un quarto ci concediamo un Pernod Ricard, Philippe cucina il pranzo, ad esempio fondue o ravioli, e nel pomeriggio ci beviamo una birra. Ho immortalato meticolosamente le singole tappe della costruzione in un album «Le cose ben strutturate regalano più libertà.» fotogra co. Mi piace quando le cose sono ben strutturate, ti danno maggiore libertà. Ritengo anche importante che le coppie di coniugi si dedichino ancora ai propri interessi dopo il pensionamento. In ogni caso le nostre mogli apprezzano molto che i loro mariti, ogni mercoledì, non siano a casa. E noi ci godiamo le risate e il lavoro tra uomini. Ovviamente, pian piano, compaiono i primi segnali di stanchezza e ad alcuni di noi manca ormai la forza. Può anche darsi che tra un anno venderemo la clubhouse. Chissà... In ogni caso non vorremmo perderci gli anni di lavoro insieme! Philippe e io siamo tra i più vitali. Ciò si vede anche nella pratica sportiva. Ogni lunedì ci alleniamo con i veterani dell FC Porrentruy; siamo uf cialmente i due calciatori più anziani del campionato svizzero. Finché ce la faremo continueremo a giocare. A dove sarò fra cinque anni, non ci penso. Mi godo ogni giorno con la mia Marlyse le mie svariate attività e la bellezza del Giura. E, chi lo sa, magari riuscirò a pescare un altra grossa trota... InfoPlus organizza: IL «CIRCUIT SECRET» Accompagnate Xavier Queloz nel giro segreto, che vi porterà in luoghi inusuali di Porrentruy. Ad esempio nella galleria Trouillat, dove Queloz e suo figlio scoprirono nel 1990 oltre mille monete d argento. Chi ha voglia potrà poi farsi uno spuntino in un atmosfera confortevole. DATA: Giovedi, 3 settembre 2015 ORARIO: dalle alle circa LUOGO: Jura Tourisme, Grand Rue 5, 2900 Porrentruy ISCRIZIONE: entro il 20 agosto 2015 all indrizzio di posta elettronica oppure al numero di telefono Foto: Xavier Queloz

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli