Info. «Imparare le lingue è un investimento» Plus. BOCKEN Da casa estiva a centro per seminari; un tour storico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Info. «Imparare le lingue è un investimento» Plus. BOCKEN Da casa estiva a centro per seminari; un tour storico"

Transcript

1 La rivista per i pensionati di Credit Suisse Numero 18 Giugno 2015 Info Plus BOCKEN Da casa estiva a centro per seminari; un tour storico Pagina 10 PENSIONATO OFFRESI Quando le prestazioni sono offerte dai pensionati Pagina 22 «Imparare le lingue è un investimento» Intervista a Erich Gysling Pagina 4

2

3 Sommario Editoriale SOMMARIO 3 Care lettrici, cari lettori «Francamente preferisco pescare che mangiare il pesce.» Xavier Queloz 14 Angurie, prati e laghi di montagna l estate è alle porte! Amo questa stagione, tanto ricca di luci e colori. Anche InfoPlus ha una veste nuova e fresca che spicca per i suoi toni accesi. Spero che il risultato vi piaccia come piace a me. Come riportato in questa edizione, anche la villa padronale Bocken di Horgen ha già cambiato aspetto più volte nel corso della sua storia. Ed Erich Gysling ha vissuto presso la Televisione Svizzera il passaggio dal bianco e nero alla TV a colori. Spero di potervi offrire, attraverso la lettura e l iscrizione agli eventi per i pensionati, un variegato ventaglio di possibilità di svago e vi auguro dunque un estate piena di colori. Daniel Schweizer Responsabile del Servizio di assistenza ai pensionati Foto: Robert Aebli; m-way 4 Un giornalista televisivo della prima ora Colloquio con Erich Gysling 8 Vichinghi o fortezza alpina? Consigli di viaggio personali su Aarhus e la regione del Gottardo 10 Villa padronale di Bocken Dove oggi i collaboratori trovano ispirazione, in passato si faceva il bagno nel latte 14 Estate su due ruote Idee per spensierate gite in bicicletta 15 Che teatro! Apertura di nuove prospettive con la patente culturale 17 Foto storica La succursale Credit Suisse a Losanna, Lion d Or 18 Ritratto: Xavier Queloz Ex collaboratore e cacciatore di tesori del Giura 22 Pensionati in af tto Per molte persone qualcosa di più che un semplice lavoro 25 Cassa pensione Performance 2014: raffronto con l anno precedente 26 Agenda Panoramica degli eventi Responsabile: Daniel Schweizer, credit-suisse.com,tel Contatto per eventuali domande: Monika Federer, Tel oppure Alexandra Fuchs, Tel Caporedattrice: Regula Brechbühl, Redazione: Mariska Beirne (mb) Collaboratori di questo numero: Maria Ryser, Melanie Gerteis Concezione e layout: Swisscontent AG, Zurigo Traduzioni: Credit Suisse Language & Translation Services Versioni linguistiche: n c ag, Urdorf Stampa: galledia ag, Flawil SIGLA EDITORIALE Editore: Credit Suisse AG, Retired Staff Management (Servizio di assistenza ai pensionati),

4 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Da decenni un acuto osservatore Erich Gysling ha lasciato la televisione ormai da vent anni, ma da allora non è meno indaffarato. A colloquio con l esperto di questioni mediorientali, che mantiene un occhio sempre attento sui fatti. Testo: Mariska Beirne L ei è noto da molto tempo come un esperto del mondo arabo. Da dove deriva questa curiosità, questa specializzazione? Si può dire che è nata per caso e per disperazione. Era la ne degli anni 60 e alla televisione svizzera ero appena passato dal Telegiornale alla «Rundschau», dove stavano cercando qualcuno che si occupasse della questione israelo-palestinese. Dato che il mio piano di lavoro non prevedeva altri impegni, inviarono me. A quanto pare, il risultato fu apprezzato e così ci tornai una seconda e poi una terza volta. A quel tempo e con quella esperienza in Svizzera si era già considerati come specialisti per due terzi. Io però non me la sentivo più di inviare reportage da assoluto analfabeta da questa regione e così iniziai a studiare arabo all Istituto orientale. Si è anche laureato? No, ho giusto frequentato per tre anni i corsi di arabo parallelamente all attività professionale. La stessa cosa che feci più tardi con il persiano. All epoca avevo già sessant anni. Quante lingue parla oggi? Ovviamente non padroneggio tutte le lingue allo stesso livello: sono in grado di tenere conferenze in tedesco, francese e inglese, anche senza manoscritto. Forse potrei farcela anche in italiano, ma avrei bisogno di qualche appunto. Il mio spagnolo è uente, come pure il portoghese. In queste lingue leggo anche letteratura. Poi conosco lo svedese, perché all inizio volevo studiare scandinavistica e dovevo imparare l islandese. Cosa che è un vero suicidio: l islandese è dif cilissimo. Infatti non ho più proseguito, ma scoprii che avrei potuto almeno ricavarne qualcosa di positivo. E lo svedese si impara molto facilmente se si conosce anche solo un poco di islandese. Gli svedesi se la prendevano quando glielo dicevo ma la loro lingua è un po come l islandese senza grammatica. Oggi me la cavo con questa lingua, ma solo passivamente. Poi, come dicevo, ho imparato l arabo e dopo il russo; è stata una decisione della redazione presa nel 1985, all inizio della perestroika. Con il mio russo e l immancabile dizionario mi fermo più o meno a echov... In arabo e farsi non arrivo a tanto: in queste lingue so leggere giornali, capire le notizie alla radio e alla televisione, condurre interviste e parlare con la gente. Le mie conoscenze di swahili bastano invece solo per una conversazione normale. Continua a studiare regolarmente le lingue? Ogni giorno per circa un ora. Abito ad Affoltern am Albis e quasi ogni giorno vado in città in tram è un ora di studio. Mi esercito sempre nella lingua che dovrò utilizzare nel mio prossimo viaggio. Attualmente è il farsi, poi sarà nuovamente lo swahili. Durante i corsi di farsi e arabo il rischio è quello di apprendere una lingua n troppo forbita, perché parlare in arabo così come lo si impara, suona un po come parlare il tedesco di Walter von der Vogelweide. Anche quello della pronuncia è un terreno minato, perché si può essere percepiti come altolocati, ridicoli o addirittura arroganti. Originariamente ha studiato storia della civiltà a Vienna e nel 1964 è approdato al telegiornale. Che importanza aveva questa trasmissione in quegli anni? La redazione svizzera era composta da cinque persone, con un edizione in tedesco, una in francese e una in italiano. Venivano trasmessi brevi lmati e fotogra e in bianco e nero di qualità non eccelsa, che noi commentavamo fuoricampo. L immagine del presentatore era prevista solo nel notiziario delle ventidue. I testi che leggevamo non erano scritti da noi, ma ci venivano trasmessi per telex dall Agenzia telegra ca svizzera e non ci era consentito modi care alcunché. Questo mi era dif cile, perché scrivevano in un tedesco farraginoso che oggi sarebbe inimmaginabile. Così

5 +++ INTERVISTA INTERVIEW 5 Quando viaggia come giornalista in un paese, si ritiene in dovere di capirne la lingua per conoscere i problemi della gente. Foto: Robert Aebli Il suo gioiellino, una Lancia del 1973, funziona impeccabilmente. L anno scorso ha rifatto i sedili e adesso è come nuova.

6 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Nel magazzino della «Weltrundschau», una pubblicazione che appare in tedesco dal iniziai, come altri, a prendermi la libertà di intervenire sempre più spesso sullo stile dei testi. Non sembra una grande s da giornalistica. No, per niente, ma nel 1967 Hans O. Staub mi volle nel suo reparto, che si chiamava «Politica e attualità». Hans O. Staub era già una leggenda all epoca, un giornalista eccezionale, con la sua caratteristica voce roca. È stato lui che ha professionalizzato il settore dell informazione nei limiti di quello che a quel tempo si poteva fare. Mi ha coinvolto nella creazione della trasmissione «Rundschau» e quando nel 1968 venne trasmessa per la prima volta, ne fui il primo presentatore ma solo perché lui si era appena rotto una gamba. Pensavamo che il nostro concetto di trasmissione fosse assolutamente originale, e sicuramente lo era: avevamo reso trasparente il lavoro redazionale, spostando la riunione della redazione nello studio. Ogni sera lei è entrato per molti anni nelle case degli svizzeri, è un personaggio noto. Le dà fastidio qualche volta essere riconosciuto? Oggi molto raramente per fortuna! Prima era diverso. La gente mi rivolgeva spesso la parola, ad esempio: «Senta, la cravatta di ieri sera proprio non le stava bene». Con la diffusione del consumo mediatico individualizzato, tutto questo è lentamente nito. Se oggi mi parlano, si tratta prevalentemente di discutere speci ci contenuti. Mi sta bene, o perlomeno non è un problema. Il fatto che le chiedano della Siria mentre è nel reparto verdura della Coop? Ogni tanto succede. Quando Saddam Hussein era ancora vivo mi è stato chiesto spesso «Cosa dice adesso di Saddam? Sia sincero!» Quali sono le sue attività principali dopo il pensionamento? Una cosa che da quarant anni non ho mai smesso di fare è il lavoro di caporedattore della «Weltrundschau». Si tratta di una specie di cronaca mondiale in cui riassumiamo con parole e immagini i principali eventi politici e sociali di ogni mese dell anno. Quando volli lasciare la televisione, mi chiesi: e poi cosa farò? Avevo cinquantotto anni e pensavo che ci devono pur essere delle persone che, quando viaggiano in un paese, possono apprezzare una visita guidata con informazioni presentate in una forma accattivante come quelle che potrebbero leggere nella NZZ o nella FAZ. E così con un collega ho fondato l agenzia di viaggi Background Tours. Ciò che offriamo è giorna lismo parlato dal vivo sul posto. Non potrebbe essere pericoloso in determinate regioni? No, se si conosce bene il paese e ci si attiene a determinate regole. A differenza delle guide turistiche locali, che devono evitare il tema della politica in paesi dif cili, io posso parlare liberamente. Ma queste conferenze le tengo sempre in spazi chiusi, ad esempio nel pullman. Negli alberghi si potrebbe parlare ad esempio in una sala riunioni, ma non si è mai sicuri di non essere spiati. CONCORSO Vincete una delle tre copie della «Weltrundschau 2014» appena uscita! Annunciatevi entro il 31 agosto 2015 per a: o per telefono * Le condizioni di partecipazione sono riportate a pagina 27.

7 INTERVISTA 7 «Talvolta il mio arabo suona involontariamente comico.» Colloquio mensile con il gra co Andy Christen. Non è molto che si è trasferito ad Affoltern. Ha signi cato in qualche modo anche voltare pagina nella sua vita? Sì, più o meno. Abbiamo vissuto per trent anni a Zurigo nella Hönggerstrasse. Mia moglie aveva appena chiuso il suo studio di psicoanalista a casa nostra per dedicarsi a tempo pieno al suo lavoro artistico. Parlavamo già da tempo di trasferirci in campagna. Con quali criteri ha cercato qualcosa di nuovo? La vita in città ci piaceva molto, ma il criterio principale era la tranquillità: sulla Hönggerstrasse. dalle cinque del mattino in poi passava sferragliando il tram numero 13 davanti a casa. Anche la comodità è stato un fattore importante, ad esempio il fatto di abitare al pianoterra e le possibilità di parcheggio. Le edizioni speciali apprezzate in occasione di compleanni e anniversari. Per la «Weltrundschau» lei scrive ogni anno circa 230 pagine, viaggia, tiene conferenze probabilmente non si è nemmeno accorto di avere raggiunto l età di pensionamento. Sì invece, perché adesso devo organizzarmi da solo. Molti cambiamenti nella mia routine quotidiana, però, sono dovuti all evoluzione della tecnologia informatica. Inizio ancora la mia giornata con la lettura del mio giornale preferito, la FAZ, solo che la leggo sull ipad. Per fortuna dei suoi lettori non sembra prendersela molto comoda dal punto di vista professionale. Che effetti ha la sua esperienza di vita sul lavoro? È molto dif cile da dire. Ma quando ci si occupa per un periodo molto lungo di un tema, si commettono meno errori, le valutazioni si fanno più accurate. Però si può anche nire nei pasticci. Ho commentato la Primavera araba sin dall inizio con grande scetticismo e in cambio ho dovuto ingoiare molti rospi: avevo qualche dubbio sul fatto che quei paesi riuscissero a costruire una democrazia. In realtà, li ritengo capaci di farlo, ma hanno valori di riferimento diversi. E purtroppo avevo ragione. Ha altri sogni che vorrebbe realizzare? Faccio già così tante cose che mi soddisfano! Ma c è una cosa che mi diverte molto: per l anno prossimo organizzo un viaggio segreto verso un luogo ignoto. I partecipanti conoscono solo la regione, l America centrale, ma conosceranno la destinazione nale solo quando si troveranno all aeroporto. Però mi piacciono tutti i viaggi. La prossima meta sarà l Iran e poi di nuovo l Africa, dove l attenzione sarà sutta per gli animali e la natura. Spero tanto che un leone ci venga a trovare una notte. Foto: Robert Aebli Non sente l avanzare dell età? Effettivamente ho la fortuna di notarlo poco nora! Basta essere consapevoli che tutto può cambiare da un giorno all altro. Ma sono felice di poter ancora tenere le mie conferenze senza manoscritto. Probabilmente anche apprendere le lingue aiuta, tiene sveglio lo spirito. Per restare in forma sica, con mia moglie facciamo ginnastica ogni mattina, e poi faccio camminate a passo veloce ogni giorno per un oretta nella regione dell Albis le possibilità non mancano.

8 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Aarhus: bar, arcobaleni e mummie Perché trascorrere tre giorni ad Aarhus? La seconda città della Danimarca per dimensioni, la «Cenerentola» accanto alla mondana Copenhagen, vanta una fantasiosa gastronomia nonché, da qualche tempo, due musei di risonanza mondiale. Nonostante ciò, questa amena e tranquilla località «non si è montata la testa». Un parco sul tetto: il Museo Moesgaard progettato dallo studio Henning Larsen Architects. È vero, a prima vista Aarhus non è questa gran bellezza. E allora cos è che attribuisce fascino a questo ex villaggio di vichinghi, oggi città universitaria, industriale e portuale con circa abitanti? Con la rapida crescita nel XIX e XX secolo, oggi l immagine della città appare un po disomogenea, sebbene i danesi diano molta importanza all estetica. Lo si può notare facendo una passeggiata per il centro: all incirca un attività commerciale su tre ha fatto dell estetica e del design un must. Per fortuna ho con me la valigia più grande per tutti i miei acquisti... Un altra cosa che balza all occhio è il fatto che vi sono tantissimi ristoranti e sempre molto frequentati, anche durante la settimana e nei mesi di bassa stagione. Il mio preferito è il divino Langhoff & Juul, dove ogni piatto è un opera d arte. Al vivace e informale Globen Flakket sulla Aarhuser Å, il ume che dà il nome alla città, ci sono già stata due volte e il Café Englen lo trovo semplicemente «hygge», per usare la parola preferita dei danesi, traducibile come «accogliente, conviviale». L importanza del termine «hygge» è sicuramente legata anche alle condizioni meteorologiche spesso tristi del luogo: statisticamente qui piove quasi un giorno sì e uno no. Il progetto «Abrella» mira a rendere un po più tollera bile ciò che è inevitabile, e lo fa dando la possibilità di prendere un ombrello in un negozio e restituirlo in un altro. Un sistema simile esiste per le biciclette: in cambio di 20 corone si ottiene una bici che si può poi lasciare in un luogo di deposito a proprio piacere. Con la bicicletta ci dirigiamo verso il museo d arte Aros, che nel 2004 fu ricostruito e trasformato da museo provinciale in istituzione di rilievo internazionale. Anche grazie al «Rainbow Panorama», uno spazio percorribile a piedi progettato da Olafur Eliason sul tetto dell edi cio. Una cosa simile la si trova al Museo Moesgaard di preistoria ed etnogra a che, situato fuori dalla città in un area verde, offre uno scorcio della baia di Aarhus. La nuova costruzione, realizzata nel 2014, rientra per architettura e contenuti fra i migliori musei del mondo. Non mi era mai successo come qui di trascorrere cinque ore in una mostra senza rendermi conto del passare del tempo. Normalmente mi sarei soffermata in una bella sala ricreativa o in un elegante bar. Ma questa volta le mummie e le storie che le circondano mi hanno completamente ipnotizzata. La mia conclusione dopo un ne settimana ad Aarhus è la seguente: la città è «hygge», i due musei tra i migliori al mondo e tre giorni assolutamente insuf cienti. Biografia Mariska Beirne, redattrice free-lance e storica, si interessa di cultura, natura e scienza, nonché delle persone e delle loro storie. Scrive regolarmente per la rivista InfoPlus. Foto: Museo Moesgaard, Danimarca; Robert Aebli

9 VIAGGIARE 9 Gottardo Presto gli automobilisti saranno in grado di viaggiare tra Zurigo e Lugano in meno di due ore. Il percorso lungo attraverso il Gottardo, al contrario, ricompensa il viaggiatore anacronistico con miti, storie e bellezze della natura. C on l odierna diligenza del San Gottardo non si viaggia così rapidamente come nel dipinto di Rudolf Koller «Gotthardpost» del La carrozza con tiro a cinque, un Coupe Landau a otto posti splendidamente ristrutturato, è tuttavia incredibilmente simile alla carrozza dipinta da Koller, e lo stesso vale per i due postiglioni sopra la cassetta della carrozza nelle loro eleganti uniformi dal panciotto rosso acceso. Ciò che 150 anni fa era considerato come un immensa fatica oggi rappresenta un piacere esclusivo per i nostalgici. La giornata di viaggio, di cui cinque ore per lo spostamento vero e proprio, inizia ad Andermatt e conduce a Cinque ore: è questa la durata del viaggio da Andermatt ad Airolo. Hospental, da dove si prosegue su per la montagna verso Mätteli. Ogniqualvolta possibile, la diligenza lascia le nuove strade del valico per seguire la vecchia via del Gottardo. All ospizio del Gottardo, nella tipica trattoria, i viaggiatori sono attesi da un piacevole pranzo, dopodiché il percorso continua sulla famosa serpentina di Tremola, Motto e Bartola, che scende no ad Airolo. Il viaggio è accompagnato con discrezione da uno staf ere addetto alla cura dei cavalli e da un mezzo per il trasporto dei materiali. mb Foto: Historische Reisepost AG; Sasso San Gottardo; Werd Verlag Museo Sasso San Gottardo All interno del massiccio del Gottardo si nascondeva no a pochi anni fa una segretissima fortezza d artiglieria dell esercito svizzero. Ciò che un tempo era considerato inespugnabile e citato nei libri di storia come elemento del Ridotto nazionale, oggi costituisce un originale museo. Esibizioni multimediali sui temi acqua, tempo atmosferico, energia, sicurezza e paesaggio illuminano il mito del Gottardo da più prospettive. Proseguendo su un viottolo all interno della montagna, si sale no alla fortezza vera e propria dove, osservando le stanze dei pezzi d artiglieria, il dormitorio, la cucina e la sala di ricreazione vengono i brividi a immaginare come si svolgeva la vita nella montagna. Sarà forse anche per la temperatura di dodici gradi nelle lunghe gallerie? In ogni caso, si consiglia di indossare calzature adatte e abbigliamento caldo. Il museo è aperto dal 4 giugno al 18 ottobre 2015; orari di apertura e informazioni per i visitatori al sito mb Passeggiando per il Gottardo Nel suo libricino per escursionisti sulla regione del Gottardo, Luc Hagmann presenta 21 itinerari. Infatti, come scrive lui stesso, il Gottardo è più che un semplice ostacolo da aggirare. Lo stesso vale per i suoi itinerari, che non sono mere descrizioni di percorsi. Nell introduzione, l autore narra dei miti che circondano la montagna, dei draghi che la abitavano, e della leggenda del Ponte del Diavolo. Ciascuno degli itinerari descritti è arricchito da storie e da molte nozioni di contorno; in questo modo, le descrizioni non risultano troppo stringate. Inoltre, ogni percorso è accompagnato da una «pagina dei fatti», con una cartina, un pro lo dell altitudine, dati sul tempo di camminata, e con varie altre informazioni ivi compreso il carattere della gita. mb CONCORSO Chi desidera vincere una delle tre copie in palio del libro «Rund um den Gotthard», editore Werd Verlag, può rivolgersi entro il 31 agosto 2015 all indirizzo: o al numero di telefono * Le condizioni di partecipazione sono riportate a pagina 27. Luc Hagmann 21 Touren am Urberg der Schweiz

10 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Il vecchio edi cio barocco a sinistra, ultimato nel 1688 circa, con l ala laterale del 1913 della famiglia Schwarzenbach. Vista dalla casa padronale sulle ex stalle della famiglia Schwarzenbach, a sinistra sullo sfondo il CS Forum.

11 BOCKEN 11 Bocken un pezzo di storia sul lago di Zurigo La storia della tenuta di Bocken a Horgen, oggi centro seminari di Credit Suisse, riunisce in sé tutti gli ingredienti di un romanzo: guerra e cannoni, acqua curativa o presunta tale, giovani donne di buona famiglia e una cavallerizza di successo, al tempo stesso figlia di un famoso generale e di una contessa. Testo: Mariska Beirne Foto: Robert Aebli L a tenuta di Bocken sopra Horgen è immersa nei prati verdi con un panorama da cartolina sulle Alpi glaronesi e sul Lago di Zurigo. L edi cio barocco, un tempo chiamato castello di Bocken, si staglia maestoso sul crinale della collina, mentre gli edi ci annessi sono adagiati in una conca verde. Sebbene l autostrada passi nelle immediate vicinanze, il rumore non disturba l idillio degli uccellini che cinguettano. Ma qui l atmosfera non è sempre stata così tranquilla. Il 27 marzo 1804, infatti, a Bocken si trincerarono le truppe della Confederazione, quando la casa padronale era utilizzata come stabilimento di cura. I ribelli della zona assediarono la casa, aprirono il fuoco e spararono nché non furono esaurite le munizioni. Il motivo del comportamento bellicoso dei rivoltosi era l urgente desiderio di emancipazione dall autorità dominante di Zurigo, che aveva appena ricevuto sostegno dalla Confederazione sotto forma di 1400 soldati. Una piccola parte di queste truppe si barricò appunto a Bocken, ma in ne i Confederati riuscirono a fuggire a Horgen. I ribelli ebbero la meglio ma non riuscirono a sfruttare la vittoria perché, in quanto contadini e artigiani, non avevano a disposizione le risorse necessarie per proseguire la resistenza. Il loro capo, il calzolaio Jakob Willi di Horgen, venne condannato pubblicamente il 25 aprile 1804 a Zurigo. Cure con acqua e siero La tenuta di Bocken venne costruita oltre un secolo prima (intorno al 1680) come residenza estiva dall imprenditore zurighese attivo nel settore della seta e successivamente sindaco Andreas Meyer-Werdmüller. Poiché Meyer morì senza discendenti, la tenuta passò prima alla famiglia del fratello e in seguito cambiò più volte proprietari. Una nuova era cominciò quando, nel 1770, entrò in scena Johannes Stocker di Hirzel. Stando al suo progetto, Bocken doveva diventare un istituto di cura. L idea gli venne quando lesse negli scritti del naturalista zurighese Jakob Scheuchzer che la sorgente di Bocken forniva «un acqua curativa particolare». Stocker completò la tenuta con uno stabilimento termale e trasformò il podere in un sanatorio-albergo. Gli affari andavano bene. Le ricche famiglie zurighesi soggiornavano nei bei prati sopra al lago per bene ciare dell acqua curativa. Verso la metà del XIX secolo un analisi chimica rivelò che l acqua di Bocken non possedeva proprietà bene che, si trattava solo di una normale acqua di sorgente. L intraprendente famiglia dei gestori non si lasciò scomporre da tali bazzecole. Trasformò Bocken in un luogo di cura che utilizzava il siero del latte e pubblicizzò l aria salubre d alta quota in alcune inserzioni. La provvidenziale educazione delle giovani ragazze Oltre alla struttura sanitaria, nel 1897 anche l «Istituto evangelico femminile» appena fondato si trasferì nella casa padronale. Le famiglie più benestanti della regione lamentavano già da tempo che per le ragazze di Zurigo esisteva solo la scuola cattolica femminile di Menzingen, dove l educazione era ben gestita e a basso costo, ma le ragazze: «...erano esposte a ovvi pericoli per la loro fede evangelica», come aveva ammonito il futuro decano della scuola. A Bocken venne così fondato il nuovo istituto con l obiettivo di: «dare la provvidenziale opportunità di una formazione completa sull economia domestica alle ragazze di confessione riformata, sotto l in usso bene co di una disciplina evangelico-cristiana». Tuttavia la situazione a Bocken non era priva di rischi per le giovani ragazze. Presto fu necessario recintare

12 Credit Suisse InfoPlus 1/ Dopo la ristrutturazione di Credit Suisse. bene la nuova dependance accanto allo stabilimento di cura per «porre corretti limiti all ingenua curiosità di alcuni ospiti». E nei bei pomeriggi domenicali, quando Bocken era la meta preferita delle gite fuori porta, la direzione dell istituto sottraeva le proprie protette alle insidie dei malintenzionati con escursioni «tra monti e valli». La domanda era tuttavia sostenuta e, dopo sette anni di permanenza a Bocken, l istituto si trasferì per motivi di spazio in un nuovo edi cio sulla Horgner Allmend. Sangue blu a Bocken Un periodo vivace per la proprietà iniziò nel 1911 con il trasferimento di Alfred Schwarzenbach e di sua moglie, Renée Schwarzenbach-Wille, glia del generale Ulrich Wille e Clara, contessa von Bismarck. Renée Schwarzenbach-Wille mise al mondo quattro gli, tra cui la futura scrittrice Annemarie, prima di aver successo come cavallerizza. I nuovi proprietari trasformarono la tenuta in una modernissima azienda agricola e ampliarono il complesso con una stalla e un edi cio per l equitazione. L edi cio principale venne integrato da un ala laterale e all interno fu dotato di moderne comodità come l illuminazione elettrica, una linea telefonica e impianti sanitari con sistema di depurazione biologico. La donna di casa si adoperò molto, dopo il trasferimento, per arredare gli spazi con «comò, sedie, specchi, orologi e ritratti», come cita il suo pronipote, lo storico Alexis Schwarzenbach in una delle sue lettere. Quest ultimo interpreta così tale ricerca: «Si doveva dare l impressione che Bocken fosse la casa della famiglia Schwarzenbach-Wille da generazioni. In questo modo si distoglieva l attenzione dal fatto che Alfred Schwarzenbach provenisse da una famiglia di imprenditori di Thalwil assolutamente estranea all aristocrazia, arricchitasi solo nel XIX secolo con la produzione dei tessuti di seta.» Cambiamento e continuità Nel 1977, il Cantone Zurigo rilevò la tenuta della famiglia Schwarzenbach. Nel 1988 il Credito Svizzero sottoscrisse un contratto di locazione con il Cantone Zurigo e acquistò in ne l intero complesso di immobili, ristrutturandolo negli anni Novanta. Nacquero così il nuovo centro di formazione e le opere d arte sulla Forumsplatz. Per molti collaboratori di Credit Suisse, Bocken ha un particolare signi cato, perché qui i seminari permettono di staccare dalla frenetica quotidianità bancaria ed è qui che hanno luogo anche le tradizionali manifestazioni di benvenuto e di commiato dei collaboratori. Molto è cambiato negli ultimi trecento anni, ma rimane lo stupore del visitatore alla vista di questa combinazione di natura verde rigogliosa e di giardini caratterizzati da un impressionante architettura, il tutto sullo sfondo bianco-blu di lago e montagne. Bibliogra a Jung Joseph, Renfer Christian: La tenuta di Bocken sul Lago di Zurigo, Berna Schwarzenbach Alexis, Renfer Christian et al.: Scuderia di Bocken. Centro seminari Credit Suisse di Horgen, Sulgen Fuhrer Hans Rudolf, Troxler Walter et al.: La guerra a Bocken nel Proteste della popolazione di Zurigo, Au InfoPlus organizza: Visita guidata a Bocken Con una visita guidata nella tenuta di Bocken viene offerta l opportunità di conoscere meglio la storia, gli abitanti dell epoca e le opere d arte sulla Forumsplatz e nella casa padronale e di scoprire l impressionante cantina di vini. L aperitivo finale previsto è una splendida occasione per meditare su quanto appreso e visto e godere della particolare atmosfera. DOVE Centro seminari di Bocken, Horgen QUANDO 15 settembre 2015, dalle 15 alle 17 ISCRIZIONE Vi preghiamo di inoltrare la vostra iscrizione entro il 7 settembre a: oppure telefonicamente al numero Foto: Robert Aebli; Credit Suisse AG

13 INTERVIEW BOCKEN 13 L artista Dani Karavan ha allestito la piazza davanti a stalle e forum. Il CS Forum costruito da Egon Dachtler nel Salone delle feste con sof tto barocco a stucchi e stufa in maiolica del La cantina scavata nella pietra era già leggendaria nel XVIII secolo. A colloquio con Alexis Schwarzenbach, storico e pubblicista Foto: Robert Aebli; Ayse Yavas; Credit Suisse AG Signor Schwarzenbach, lei è il pronipote della prima generazione degli Schwarzenbach a Bocken. Quali ricordi personali la legano alla tenuta di Bocken? Bocken è la casa dei miei nonni. Collego la casa soprattutto al Natale e all emozione legata a questa festività: i cugini, l attesa e in ne l albero illuminato. In estate ricordo la piscina e i campi da tennis circondati da siepi che formavano una sorta di corridoio. Per noi bambini erano uno splendido nascondiglio. La cosa più divertente era la ripida scalinata del personale della casa nell edi- cio principale che ci piaceva usare come scivolo. Casa e parco erano familiari, ma talvolta anche inquietanti, ad esempio la cantina grande e buia con le gigantesche botti di vino e l alce impolverata. Durante la sua infanzia la storia di Bocken era un tema ricorrente? Veniva spesso ricordata soprattutto la guerra di Bocken, testimoniata dal buco, provocato da una cannonata, nella stanza con il bel sof tto a stucchi. Quando poi il foro venne riparato per errore, dovette essere riportato allo stato originale. Alcune case segnano i loro abitanti. Com è il suo rapporto con Bocken? Quando ho scritto il libro su Annemarie Schwarzenbach, ho notato come questa casa fosse stata un punto di riferimento nella sua vita, assieme al paesaggio. Per lei Bocken era un enorme parco di avventure, l idillio della sua infanzia, come spiega continuamente nei suoi testi. Per tutta la vita i luoghi in cui si sentiva più a suo agio erano quelli da cui si potevano scorgere il lago e le montagne, perché ciò le dava la sensazione di essere a casa. Come vede Bocken oggi, dopo un attenta ri essione come storico e autore? Si tratta di una casa da cui si possono sì vedere il lago e le montagne, ma che dà anche visibilità. Già il primo edi cio barocco è stato un investimento, ma anche un modo per ostentare ricchezza e promuovere lo status dei suoi abitanti. Per me la casa è diventata più piccola. Durante la mia prima visita da adulto ho infatti constatato con sorpresa che gli spazi non erano così enormi come li conservavo nel mio ricordo di quando avevo sette anni.

14 CHICCHE Bici e dintorni La spesa diventa leggera Niente più pesanti borse della spesa che inquinano l ambiente: ora per fare acquisti c è il carrello spesa per la bicicletta. I Royal Truck Trolley del produttore tedesco Andersen vengono realizzati in Svizzera utilizzando teloni di autocarri, e questo fa di ogni esemplare un pezzo unico. Alla scoperta dell architettura Molte città svizzere ospitano un numero considerevole di edi ci di interesse architettonico, che si possono visitare agevolmente in bicicletta. In poche ore la città si rivela sotto una nuova prospettiva e grazie alle ricerche dei due autori si scoprono molte cose interessanti. Orientamento Con il navigatore Garmin Edge Touring orientarsi in bicicletta diventa un gioco da ragazzi: non dovrete far altro che inserire l indirizzo e il navigatore vi porterà dove volete. Grazie alla mappa delle piste ciclabili di tutta Europa caricate in memoria, il dispositivo calcola il percorso ideale per la bici. Gioia di vivere bavarese m-way propone una vasta gamma di solide e-bike dai colori vivaci del produttore tedesco Cube. L af liata Migros specializzata in elettromobilità vuole contribuire attivamente agli spostamenti ef cienti e sostenibili. In base al luogo di domicilio, il comune stanzia un incentivo nanziario per l acquisto di questa bici elettrica. Foto: istockphoto, Werd Verlag, Andersen Shopper Manufaktur, Veloplus, m-way

15 CULTURA 15 Io e la casa dei briganti «Kulturführerschein», ovvero una patente culturale per la terza età: questo l obiettivo del corso di sette mesi in diversi ambiti teatrali organizzato da AkzentaNova presso lo Junges Schauspielhaus Zürich. E non si tratta semplicemente di dare uno sguardo dietro le quinte. Testo: Mariska Beirne Foto: AkzentaNova A llo Schiffbau di Zurigo la giornata inizia alle otto e trenta con caffè e cornetto. Dodici signori di terza età sono insieme per la colazione e alcuni di loro sono già impegnati in interessanti conversazioni. «Ecco, sono arrivati quelli del Kulturführerschein!», apostrofa allegramente gli ospiti uno scenografo, sedendosi con loro insieme a due colleghi. «Questa è una delle cose più belle», spiega Petra Fischer, drammaturga dello Junges Schauspielhaus: «Non ci sono mai state barriere. Dopo appena qualche settimana chi partecipa ai corsi del Kulturführerschein entra attivamente a far parte della vita del nostro teatro.» Teatro e vita personale Da due anni AkzentaNova l of cina progetto per persone con esperienza lavora in stretta collaborazione con lo Junges Schauspielhaus presso lo Schiffbau. I partecipanti al programma si incontrano a teatro ogni tre settimane per un intera giornata. Michèle Dubois, una delle due fondatrici di AkzentaNova, descrive il progetto: «Ci occupiamo di teatro a 360 gradi e studiamo a fondo le opere attualmente in programma». Per chi frequenta i corsi la domanda centrale da porsi è: «Che cosa ha a che fare quest opera con me personalmente?». Il legame tra il pezzo teatrale e la propria vita personale occupa una posizione di rilievo, sia nelle discussioni di gruppo sia in altri ambiti. Karl Gloor, che ha partecipato al Kulturführerschein lo scorso anno, racconta: «Il momento più importante per me personalmente è stato quando abbiamo lavorato ai Musicanti di Brema. Avevamo il compito di studiare la favola sotto diversi aspetti e comporre noi stessi un testo che sarebbe stato recitato da un attore professionista. Io ho scelto il punto di vista della casa dei briganti. Sentire recitare un testo di propria creazione da un professionista è stata una grande emozione. Mi ha anche «Ecco, sono arrivati quelli del Kulturführerschein!» InfoPlus organizza: KULTURFÜHRERSCHEIN Il prossimo Kulturführerschein prenderà il via a novembre Per conoscere le esatte date dei corsi e avere maggiori informazioni si può consultare il sito o chiamare la signora Krützer di AkzentaNova: I partecipanti discutono di un modello di palcoscenico per l opera «I masnadieri».

16 Credit Suisse InfoPlus 1/15 colpito l interpretazione che altri hanno dato a questa favola». Un aspetto positivo, al di là dei contenuti, è stato per lui l eterogeneità del gruppo: un ex uf ciale dell Uf cio fallimenti, un ex psicoterapeuta, una ex fotografa ed egli stesso ex insegnante la premessa ideale per creare un interessante rete di contatti sul piano culturale e personale. Ma è anche il teatro stesso a trarre pro tto dal contributo degli studenti della terza età. Come spiega la drammaturga Petra Fischer, «Nell ambito della collaborazione con le persone che prendono parte ai corsi del Kulturführerschein, affrontiamo sin dalla nascita di un pezzo l aspetto del pubblico che assisterà alla rappresentazione. È un interazione davvero preziosa». Ciò che depone a favore della qualità del Kulturführerschein è inoltre il fatto che i partecipanti di tutti i cinque programmi annuali si sono impegnati nel mondo della cultura in maniera autonoma, e alcuni sono rimasti legati allo Junges Schauspielhaus. Ecco il commento di Petra Fischer: «Questo è il virus teatrale. Una volta contagiati, è dif cile guarire...» Il Kulturführerschein offre la possibilità di analizzare a fondo le opere attualmente in programma e anche di conoscere meglio se stessi. Accostamenti «Konstellationen» è una mostra che affianca in maniera sorprendente le creazioni di un gruppo di artiste a opere già presenti nella collezione. U na collezione, quando non è monotematica, è aperta a molte strade, incroci, percorsi paralleli e diramazioni. La mostra attualmente in programma è una combinazione aperta di diversi stili e generazioni di artiste. Molte opere della collezione, come quelle di Meret Oppenheim, Lou Stengele o Ilse Vally Wieselthier, Figur als Lampenfuss, 1928, ceramica, Kunsthaus Zug, Fondazione Collezione Kamm. Weber, si muovono tra surrealismo e realismo fantastico, che sono le correnti predominanti nella collezione del museo. Analogie e contrasti Senz altro avvincente si prospetta l accostamento tra la costruttivista Verena Loewensberg e le opere di Katharina Sallenbach. Invece, il collegamento all attuale mostra di Roman Signer lo fornisce la moglie, la videoartista Aleksandra Signer, che presenta nuove opere in aggiunta a quelle già visibili nella collezione. L organizzazione degli spazi è af data a due giovani artiste legate a Zugo, Katharina Anna Wieser e Sara Masüger, in grado di creare un punto di congiunzione tra le opere esposte e il presente. Il WerkstattForum integrato nella mostra offrirà ai visitatori la possibilità di partecipare attivamente, evidenziando aspetti comuni tra opere o proponendo nuovi accostamenti. mb InfoPlus organizza: VISITA GUIDATA Il Kunsthaus Zug invita i lettori di InfoPlus alla visita guidata «Wege der Sammlung 4, Konstellationen». I partecipanti pagano solo un contributo di 10 franchi per il biglietto d ingresso. Credit Suisse offrirà caffè e torta nel giardino del Kunsthaus Zug. La visita guidata si terrà il 27 agosto alle ore Per iscriversi si prega di inviare un a o chiamare il numero entro il 19 agosto Foto: Kunsthaus Zug, Fondazione Collezione Kamm; AkzentaNova

17 SUCCURSALE 17 Foto: De Jongh, Losanna Succursale Credit Suisse a Losanna, Lion d Or, dopo il 1920.

18 Credit Suisse InfoPlus 1/15 Presso la galleria Trouillat, Xavier Queloz (foto) e suo glio François hanno scoperto 1000 monete d argento. Con i suoi amici del Club 32, Xavier Queloz ha convertito la vecchia falegnameria di Grandfontaine in una piacevole clubhouse. Nella clubhouse, anche dopo il lavoro svolto, ci si diverte a festeggiare e a ridere. All interno della galleria, accanto ad alcune monete, si può ammirare anche un pozzo a carrucola profondo tre metri. Foto: Robert Aebli

19 XAVIER QUELOZ 19 Il giurassiano del tesoro Xavier Queloz è un uomo del fare. Insieme ai suoi amici, l ex consulente clientela ha convertito una vecchia falegnameria in una clubhouse. Ma non è tutto, anzi: poco prima del suo pensionamento, lui e suo figlio effettuarono un ritrovamento spettacolare. Testo: Maria Ryser L erba rigoliosa si estende lungo gli argini dell Allaine. Le betulle si rispecchiano nel ume e, di tanto in tanto, gli uccelli cinguettano. Un airone è fermo stoicamente su una pietra. Sembra che abbiamo il medesimo obiettivo. Getto la mia canna da pesca e attendo con pazienza. Fin da bambino amavo la pesca: scovare i posti dove i pesci si nascondono, lo sguardo immerso nell acqua verde in mezzo alla natura. Dal mio pensionamento nel 1993, tra marzo e settembre mi trovate una o due volte a settimana sulle rive dell Allaine. A volte pesco anche nel Doubs. Mia moglie Marlyse è contenta ogni volta che le porto del pesce fresco, che poi prepara in modo eccellente. Per essere sinceri preferisco pescarlo che mangiarlo. Spesso mangiamo pesce anche tra amici. Noi giurassiani amiamo i lauti pasti innaf ati da vino e liquore. Ecco! Un ombra si lancia sul verme in lzato all amo della mia canna da pesca. Che bella preda! Mia moglie fu molto sorpresa quando, un anno fa, mi presentai a casa con un trota che pesava 1,5 kg e che era lunga 50 centimetri. Un ulteriore passione che condividiamo è la raccolta di funghi. Nella primavera del 1997 scoprimmo qualcosa di straordinario: nella regione di Les Côtes-du-Doubs trovammo in un giorno 350 spugnole, una cosa che accade una sola volta nella vita. Più di 1000 monete d argento La cosa più bella che mi è capitata nella vita però sono stati, senza ombra di dubbio, la mia Marlyse e, di conseguenza, i nostri gemelli François e Olivier. Tra l altro, un evento eccezionale mi lega a mio glio François: nel 1990, durante i lavori di ristrutturazione del suo immobile nel centro storico di Porrentruy, ci siamo imbattuti in cantina in un vaso di ceramica contenente oltre 1000 monete d argento del XIV e XV secolo. Anche sui giornali locali è stata riportata la notizia. Le monete, parecchio ossidate, erano costituite in gran parte da centesimi della regione di Basilea, e provenienti da Colmar, Friburgo in Brisgovia e Milano. Purtroppo non abbiamo potuto tenere il tesoro, poiché per legge appartiene al cantone. Si può pur sempre visitare il luogo del ritrovamento e alcune monete nell ambito del Circuit Secret, un leggendario giro «350 spugnole in un giorno! Una cosa che succede solo una volta nella vita.» attraverso la città di Porrentruy. Mio glio ha fatto sistemare la cantina presso Rue Trouillat proprio a tale scopo. Ma una visita è interessante non solo per le monete: nella cantina si può anche ammirare un pozzo a carrucola medievale profondo tre metri. Alla mia età, compirò presto 83 anni, posso guardare indietro ripensando a una vita ricca e piena di bei ricordi, tra i quali anche i miei oltre trent anni di lavoro presso la Banca Popolare Svizzera in diverse succursali nel canton Giura e a Berna. Ogni giorno andavo al lavoro con piacere e amavo le attività molto variegate in qualità di consulente clientela e procuratore. Grazie a mio padre, una guardia di frontiera, e ai miei numerosi impegni in diverse associazioni sportive, nella regione ero un volto noto, cosa che ha in uito positivamente sulla mia attività professionale. Mi accade ancora oggi che qualcuno mi ringrazi per strada per avergli fornito, 40 anni fa, una consulenza per un terzo pilastro. Dal Kenya a Grandfontaine Ci sono poi ancora Philippe, il mio amico di più lunga data, che conosco sin dalla scuola primaria, e i coetanei del Club 32, che abbiamo fondato nel I buoni amici non

20 Credit Suisse InfoPlus 1/15 I più anziani giocatori del campionato svizzero: Xavier (a destra) e il suo amico Philippe si allenano ogni lunedì presso l FC Porrentruy. possono essere sostituiti da tutto l oro del mondo quante ne abbiamo fatte insieme! Innumerevoli feste di famiglia, negli anni Settanta e Ottanta viaggi in Egitto, Russia, Kenya, Cina e negli Stati Uniti, o l indimenticabile tour alpino ad alta quota da Verbier a Zermatt, solo per citare alcuni esempi. Tuttora sono quello che dà il via alle cose passando dalla teoria alla pratica ed è stato lo stesso per l idea della clubhouse. Durante una passeggiata circa 14 anni fa con una settantina di persone, dissi ai miei amici: «Dai, facciamo qualcosa che non dipenda dalle condizioni meteorologiche e che diventi un appuntamento settimanale.» Acquistammo quindi a Grandfontaine, nel 2001, una vecchia falegnameria, che abbiamo poi rinnovato completamente all interno. Con cucina, stanza con camino, camera da letto, bagno e all esterno persino una nuova terrazza. Abbiamo impiegato principalmente materiali dall ex falegnameria e altri pezzi residui. Le cose da 13 anni vanno sempre nella stessa maniera: ogni mercoledì ci incontriamo alle nove e lavoriamo due ore al mattino e tre del pomeriggio. Alle dodici meno un quarto ci concediamo un Pernod Ricard, Philippe cucina il pranzo, ad esempio fondue o ravioli, e nel pomeriggio ci beviamo una birra. Ho immortalato meticolosamente le singole tappe della costruzione in un album «Le cose ben strutturate regalano più libertà.» fotogra co. Mi piace quando le cose sono ben strutturate, ti danno maggiore libertà. Ritengo anche importante che le coppie di coniugi si dedichino ancora ai propri interessi dopo il pensionamento. In ogni caso le nostre mogli apprezzano molto che i loro mariti, ogni mercoledì, non siano a casa. E noi ci godiamo le risate e il lavoro tra uomini. Ovviamente, pian piano, compaiono i primi segnali di stanchezza e ad alcuni di noi manca ormai la forza. Può anche darsi che tra un anno venderemo la clubhouse. Chissà... In ogni caso non vorremmo perderci gli anni di lavoro insieme! Philippe e io siamo tra i più vitali. Ciò si vede anche nella pratica sportiva. Ogni lunedì ci alleniamo con i veterani dell FC Porrentruy; siamo uf cialmente i due calciatori più anziani del campionato svizzero. Finché ce la faremo continueremo a giocare. A dove sarò fra cinque anni, non ci penso. Mi godo ogni giorno con la mia Marlyse le mie svariate attività e la bellezza del Giura. E, chi lo sa, magari riuscirò a pescare un altra grossa trota... InfoPlus organizza: IL «CIRCUIT SECRET» Accompagnate Xavier Queloz nel giro segreto, che vi porterà in luoghi inusuali di Porrentruy. Ad esempio nella galleria Trouillat, dove Queloz e suo figlio scoprirono nel 1990 oltre mille monete d argento. Chi ha voglia potrà poi farsi uno spuntino in un atmosfera confortevole. DATA: Giovedi, 3 settembre 2015 ORARIO: dalle alle circa LUOGO: Jura Tourisme, Grand Rue 5, 2900 Porrentruy ISCRIZIONE: entro il 20 agosto 2015 all indrizzio di posta elettronica oppure al numero di telefono Foto: Xavier Queloz

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

L ambiente in cui vivi

L ambiente in cui vivi L ambiente in cui vivi 1. Cosa vorresti fare da grande? (indica per esteso il lavoro che ti piacerebbe fare) 2. Potendo scegliere, cosa ti piacerebbe diventare? (1 sola risposta) Un divo televisivo o del

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1

ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1 ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1 Tempo per la preparazione: 1 minuto Durata dell intervento tra di due candidati: minimo 4 minuti - massimo 5 minuti CANDIDATO/A A VACANZE IN EUROPA Ha deciso di visitare

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Il week end dell ecoturista

Il week end dell ecoturista Il week end dell ecoturista Un week end immersi nella natura, esplorandola ma con rispetto. Durante il giorno viaggerete alla scoperta delle bellezze della Liguria di ponente a bordo di uno scooter elettrico

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme!

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Giugno 2015 Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera DIVERSITÀ E AMICIZIA Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Diversità e amicizia: questi i due temi della festa

Dettagli

ITALIA SITO UFFICIALE DEL TURISMO IN ITALIA

ITALIA SITO UFFICIALE DEL TURISMO IN ITALIA CULTURA E TURISMO Navigando s impara 17 www.italia.it ITALIA SITO UFFICIALE DEL TURISMO IN ITALIA 39 Questo portale è il punto di riferimento ufficiale di chi vuole scoprire le bellezze naturali e storiche

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Comunicato stampa venerdì 13 gennaio 2012 INCHIESTA DELL ASSESSORATO AL TURISMO SUL NATALE APPENA TRASCORSO: I CITTADINI RISPONDONO In conclusione del Natale, il Comune

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Ricordate la Zanzaia? La signora piccolina, con viso scarno, pomelli rossi sanguigni, occhi grandi e sporgenti, moglie del bottegaio Luigi Zana?

Ricordate la Zanzaia? La signora piccolina, con viso scarno, pomelli rossi sanguigni, occhi grandi e sporgenti, moglie del bottegaio Luigi Zana? Appendice La mia permanenza a Novara fu di circa due anni, sino al luglio del 1958, in cui lasciai definitivamente il Corpo, a- vendo trovato una più confacente sistemazione lavorativa all interno della

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Il garage Informazioni per il PD

Il garage Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/8 Compito Gli alunni imparano come funziona un moderno garage e che profili professionali hanno le persone che vi lavorano. Obiettivo Gli alunni conoscono un garage. Materiale

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

Linee e dettagli di stile innovativo e contemporaneo senza dimenticare la tradizione

Linee e dettagli di stile innovativo e contemporaneo senza dimenticare la tradizione alberghi Abbiamo chiesto di creare atmosfere di intenso coinvolgimento emotivo. Rivisitando il rustico, Concreta, ha saputo creare un ambiente decisamente moderno! Albino, Annamaria e Marco Peruz Linee

Dettagli

CONVENZIONE NUOVO E RINNOVO GIOVANI ASS.STRADALE 49,00 43,00

CONVENZIONE NUOVO E RINNOVO GIOVANI ASS.STRADALE 49,00 43,00 Araba Fenice Veneto www.cralaraba.com - E-mail : cralaraba@virgilio.it fax 0498995614 CONVENZIONE Anche quest anno proponiamo ai nostri soci la convenzione con il Touring Club Italiano. Con l iscrizione

Dettagli

Ospitare in B&B. Piccolo manuale per rendere indimenticabile il soggiorno in B&B

Ospitare in B&B. Piccolo manuale per rendere indimenticabile il soggiorno in B&B Ospitare in B&B Piccolo manuale per rendere indimenticabile il soggiorno in B&B Mariangela Dui OSPITARE IN B&B Piccolo manuale per rendere indimenticabile il soggiorno in B&B Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

stampa distribuita gratuitamente

stampa distribuita gratuitamente Unità 1 Stampa rivolta a cittadini stranieri CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti sulla stampa e l informazione a conoscere alcune espressioni senza l articolo a leggere le sigle

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Una guida per musicisti e artisti La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri contenuti

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

Anima conviviale testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca

Anima conviviale testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca Xxxx testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca Un amorevole restauro conservativo ha trasformato la villa che fu dello scrittore e critico letterario Cesare Garboli in un accogliente guest house di

Dettagli

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE La promozione di un ristorante La promozione interna Si tratta delle strategie di vendita rivolte al cliente che è già «entrato» nel locale: Elaborazione di nuove proposte

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne materiali www.samuelbeckett.it La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne di Larry Lund Nel 1953, con la somma ereditata dopo la morte della madre, Samuel Beckett acquistò una piccola casa a Ussy-sur- Marne,

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

Nella valle dei sogni

Nella valle dei sogni Nella valle dei sogni In Carinzia il tempo sembra essersi fermato, le campane delle mucche e quelle della chiesa si mescolano, come fanno da sempre, da quando e` iniziata la vita in queste vallate alpine.

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività Alla fine delle attività si è pensato di far produrre un questionario agli utenti che avevano partecipato al programma, per due motivi: 1. Ricavare

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli