La nuova procedura per la composizione delle crisi da sovraindebitamento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La nuova procedura per la composizione delle crisi da sovraindebitamento"

Transcript

1 La nuova procedura per la composizione delle crisi da sovraindebitamento delle PMI SOMMARIO: 1. Introduzione. 2. Sovraindebitamento. Presupposti di ammissibilità. 4. Contenuto dell accordo. 5. Procedimento. 6. Omologa, esecuzione, risoluzione dell accordo. 7. Organismo di composizione della crisi. 1. Introduzione La legge 27 gennaio 2012, n. 3, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 30 gennaio 2012, recante Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento (modificata dal D.L. 18 ottobre 2012 n. 179 convertito dalla legge 17 dicembre 2012 n. 221 e le cui modifiche sono in vigore dal 18 gennaio 2013) oltre a prevedere una serie di disposizioni di contrasto all usura e all estorsione, introduce una rilevante novità per le piccole imprese in crisi, non assoggettabili a procedure concorsuali e quindi finora esposte alle sole azioni esecutive individuali. Tali soggetti, dalla data di entrata in vigore della legge - fissata per il 29 febbraio 2012 potranno fronteggiare una situazione di sovraindebitamento concordando con i creditori un piano di ristrutturazione dei debiti, che potrà consentire loro di usufruire di una sospensione delle azioni esecutive. La legge riprende pressoché integralmente il concordato per la composizione delle crisi da sovraindebitamento introdotto dal Decreto legge n. 212 del 2011, già in vigore dal 23 dicembre 2011, convertito nella legge 17 febbraio 2012 n. 10. Quest ultimo decreto presenta tuttavia un ambito applicativo più ampio, in quanto prevede che il concordato con i creditori possa essere utilizzato non solo dalle imprese ma anche dai consumatori. 2. Sovraindebitamento (art. 1). La situazione di sovra-indebitamento, che costituisce il presupposto della nuova procedura, è definita all art. 6 comma 2 della L. n. 3/2012 come una situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio liquidabile, nonché la definitiva incapacità del debitore di adempiere regolarmente le proprie obbligazioni, ovvero la definitiva incapacità di adempierle regolarmente. La nozione di sovraindebitamento il cui esatto inquadramento è importante, al fine di evitare possibili abusi nell accesso alla procedura (la quale consente notevoli benefici al debitore) - abbraccia dunque due diverse situazioni, analogamente a quanto previsto dall art. 160 della Legge fallimentare per il concordato preventivo.

2 La prima consiste in uno squilibrio non momentaneo tra patrimonio liquidabile e le obbligazioni assunte dal debitore, cioè tra le passività e l attivo realizzabile in tempi brevi. Quest ultimo potrà a sua volta consistere in liquidità immediata, strumenti finanziari, magazzino merci e prodotti finiti; più difficilmente (o comunque con valutazione da effettuarsi attentamente e caso per caso) potrà trattarsi di altri beni quali immobili, immobilizzazioni immateriali, impianti e macchinari, materie prime, crediti. Si tratta di una situazione verosimilmente non coincidente con la vera e propria insolvenza, ma consistente in uno sbilancio patrimoniale che, seppure non transitorio, non presenta il carattere dell irreversibilità; dunque uno stato di forte tensione finanziaria, non episodica ma neppure irreversibile, che potrebbe sfociare (ma non necessariamente) nella insolvenza. La seconda situazione, consistente nella definitiva incapacità del debitore di adempiere regolarmente le proprie obbligazioni, coincide invece con la vera e propria insolvenza. Quest ultima può essere definita come una disfunzione della programmazione (o pianificazione finanziaria) nei piani degli incassi e dei pagamenti futuri; un imprenditore può dirsi dunque insolvente quando, dall analisi della sua pianificazione, emerga che ad una certa data non sarà più in grado di far fronte alle passività correnti. 3. Presupposti di ammissibilità Possono accedere al procedimento per la composizione delle crisi da sovra-indebitamento tutti coloro che non possono accedere a procedure concorsuali, cioè tutti i soggetti che non possono essere dichiarati falliti, né chiedere un concordato preventivo o un accordo di ristrutturazione dei debiti (art. 1 L. fall.). Prima della innovazione legislativa, a tali soggetti non restava che restare esposti alle azioni esecutive promosse individualmente dai creditori, oppure cercare un accordo stragiudiziale con questi ultimi, di assai difficile raggiungimento in assenza delle tutele per i creditori aderenti previste dalle procedure ora richiamate. Per esclusione, le norme sul sovra-indebitamento contenute nella legge riguardano anzitutto tutti quei soggetti che, pur essendo qualificabili come imprenditori (individuali o collettivi) - non raggiungano le soglie dimensionali previste dall art. 1, comma 2 della L. fallimentare e la soglia minima di indebitamento prevista dall art. 15 della medesima legge. Si tratta quindi delle imprese che, a prescindere dalla forma giuridica assunta per l'esercizio dell'attività d'impresa (società, associazioni, fondazioni e consorzi, associazioni sportive etc.), possiedano almeno uno dei seguenti requisiti: a) un attivo patrimoniale, negli ultimi tre esercizi, di ammontare complessivo annuo inferiore a ,00 Euro; b) ricavi lordi, nel medesimo periodo, di ammontare complessivo annuo inferiore a ,00 Euro; c) debiti complessivi di importo inferiore a ,00 Euro e debiti scaduti e non pagati di importo inferiore a ,00 Euro. Sono inoltre interessati alla proceduta introdotta dalla nuova legge, oltre agli enti pubblici, le imprese non commerciali (quali le imprese agricole), i professionisti i quali prestano opera intellettuale in qualità di persone fisiche e le società di professionisti.

3 4. Contenuto dell accordo La proposta di composizione delle crisi da sovra-indebitamento può avere qualunque contenuto, nel senso che può prevedere la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei crediti in qualsiasi forma. La proposta può ad esempio prevedere la cessione dei redditi futuri, o il conferimento di beni o redditi di terzi che garantiscano la fattibilità del piano, o l eventuale limitazione all accesso al mercato del credito al consumo, all utilizzo degli strumenti di pagamento elettronico a credito e alla sottoscrizione di strumenti creditizi e finanziari, l'affidamento del patrimonio del debitore a un fiduciario per la liquidazione, la custodia e la distribuzione del ricavato ai creditori. La proposta di accordo con continuazione dell attività di impresa e il piano del consumatore possono prevedere una moratoria fino ad un anno dall omologazione per il pagamento dei crediti muniti di privilegio, pegno o ipoteca, salvo che sia prevista la liquidazione dei beni o diritti sui quali sussiste la causa di prelazione. In ogni caso, il piano deve prevedere: a) il regolare pagamento dei titolari di crediti impignorabili ai sensi dell art. 545 del codice di procedura civile (crediti alimentari, sussidi di grazia o di sostentamento); b) la previsione di scadenze e modalità di pagamento dei creditori, anche se suddivisi in classi; c) l indicazione di eventuali garanzie rilasciate per l adempimento dei debiti e le modalità per la eventuale liquidazione dei beni. Qualora i beni o i redditi del debitore non siano sufficienti a garantire la fattibilità del piano, la proposta deve essere sottoscritta da uno o più soggetti terzi che consentono il conferimento, anche in garanzia, di redditi o beni sufficienti per l'attuabilità dell'accordo. Per quanto concerne i tributi costituenti risorse proprie dell Unione Europea, i.v.a. e le ritenute operate e non versate, il piano può prevedere esclusivamente la dilazione del pagamento. 5. Procedimento La proposta di accordo deve essere depositata presso il Tribunale del luogo ove il debitore ha la residenza o la sede principale, mentre il consumatore la deposita presso il Tribunale del luogo ove ha la residenza. La proposta, contestualmente al deposito in Tribunale (e comunque non oltre tre giorni), deve essere presentata, a cura dell organismo d composizione della crisi, all agente di riscossione e agli ufficio fiscali. Assieme alla proposta devono essere depositati i seguenti documenti: a) l'elenco di tutti i creditori, con l'indicazione delle somme dovute, di tutti i beni del debitore e degli eventuali atti di disposizione compiuti negli ultimi cinque anni; b) le dichiarazioni dei redditi degli ultimi tre anni; c) l'elenco delle spese correnti necessarie al sostentamento del debitore e della sua famiglia, previa indicazione della composizione del nucleo familiare corredata del certificato dello stato di famiglia.

4 d) se il debitore che svolge attività d'impresa, le scritture contabili degli ultimi tre esercizi, o gli estratti conto bancari, unitamente a una dichiarazione di conformità all'originale. Il giudice fissa con decreto l'udienza, disponendo la comunicazione almeno trenta giorni prima del termine di cui all art. 11 comma 1, ai creditori, e dispone idonea forma di pubblicità della proposta e del decreto e, qualora il proponente svolga attività d'impresa, la pubblicazione degli stessi nel registro delle imprese. Tra il giorno di deposito della documentazione e l udienza non devono decorrere più di 60 giorni. All udienza il giudice, accertata la presenza di iniziative o atti in frode ai creditori, dispone la revoca del decreto che ha disposto l udienza e ordina la cancellazione della trascrizione dello stesso, nonché la cancellazione di ogni altra pubblicità disposta. A decorrere dalla data del provvedimento e sino all omologazione dell accordo gli atti eccedenti l ordinaria amministrazione compiuti senza l autorizzazione del giudice sono inefficaci rispetto ai creditori anteriori al momento in cui è stata eseguita la pubblicità del decreto. 6. Omologa, esecuzione, risoluzione dell accordo L accordo si intende raggiunto se abbiano fatto pervenire all'organismo di composizione della crisi, almeno dieci giorni prima dell udienza, (vedi oltre) una dichiarazione di consenso alla proposta i creditori che rappresentano almeno il 60% dei crediti. Non sono computati ai fini di raggiungimento della maggioranza i creditori privilegiati, per i quali la proposta prevede l integrale pagamento del credito, il coniuge del debitore e i parenti affini fino al quarto grado. Se l'accordo è raggiunto, l'organismo di composizione della crisi trasmette ai creditori una relazione sui consensi espressi e sul raggiungimento delle menzionate percentuali, allegando il testo dell'accordo stesso. Nei dieci giorni successivi al ricevimento della relazione, i creditori possono sollevare contestazioni. Decorso tale termine, l'organismo di composizione della crisi trasmette al giudice la relazione, allegando le contestazioni ricevute, nonché un'attestazione definitiva sulla fattibilità del piano. Il giudice omologa l accordo e ne dispone l immediata pubblicazione quando, risolta ogni contestazione, ha verificato il raggiungimento della percentuale richiesta e l idoneità del piano ad assicurare il pagamento integrale dei crediti impignorabili e dei tributi. L accordo omologato è obbligatorio per tutti i creditori anteriori al momento in cui è stata eseguita la pubblicità del decreto; i creditori con causa o titolo posteriore non possono procedere esecutivamente sui beni oggetto del piano. L omologazione deve intervenire entro il termine di sei mesi dalla presentazione della proposta. L accordo si risolve: a) in caso di sentenza di fallimento pronunciata a carico del debitore; b) se il debitore non esegue integralmente, entro novanta giorni dalle scadenze previste, i pagamenti dovuti alle amministrazioni pubbliche e agli enti gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatorie; c) se risultano compiuti durante la procedura atti diretti a frodare le ragioni dei creditori; d) quando è stato dolosamente aumentato o diminuito il passivo, sottratta o dissimulata una parte rilevante dell'attivo o dolosamente simulate attività inesistenti; e) Se il debitore non adempie regolarmente alle obbligazioni derivanti dall'accordo; f) se le garanzie promesse non vengono costituite; g) se l'esecuzione dell'accordo diviene impossibile per ragioni non imputabili al debitore.

5 7. Organismo di composizione della crisi Un ruolo di primo piano nella nuova procedura di ristrutturazione è rivestito dall Organismo di composizione della crisi, organo le cui funzioni sono state ritagliate essenzialmente su quelle del commissario giudiziale nel concordato preventivo (art. 185 L. fallimentare). I compiti di tale Organismo sono i seguenti: a) proposta circa la nomina del liquidatore; b) ricezione delle dichiarazioni di consenso dei creditori; c) trasmissione ai creditori di una relazione sui consensi espressi e sul raggiungimento della percentuale, nonché trasmissione al giudice di una relazione contenente le eventuali contestazioni dei creditori e l attestazione della fattibilità del piano; d) risoluzione di eventuali difficoltà nell esecuzione dell accordo e vigilanza sull esatto adempimento dello stesso; e) iniziative funzionali alla predisposizione del piano, al raggiungimento dell accordo e alla riuscita dello stesso, nonché collaborazione con il debitore e i creditori anche attraverso la modifica del piano; f) verifica della veridicità dei dati contenuti nella proposta; g) effettuazione della pubblicità della proposta, dell accordo e delle comunicazioni del giudice. Tra tali compiti spiccano quelli relativi alla attestazione della fattibilità del piano proposto dal debitore attestazione che presuppone implicitamente un coinvolgimento dell Organismo nella predisposizione del piano stesso, e dunque una collaborazione con il debitore fin dalle prime fasi della procedura e alla verifica della veridicità dei dati contenuti nel piano stesso, che richiamano da vicino i compiti del professionista chiamato ad intervenire nell ambito dei piani di risanamento attestati e negli accordi di ristrutturazione. Connessi a tali delicate funzioni è l art. 15 comma 10, il quale prevede che per lo svolgimento dei compiti e delle attività sopra indicate il giudice e, previa autorizzazione di quest ultimo, gli organismi di composizione della crisi possano accedere ai dati contenuti nell anagrafe tributaria, nei sistemi di informazioni creditizie, nelle centrali rischi e nelle altre banche dati pubbliche, nel rispetto delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali Il Regolamento per gli Organismi di composizione della crisi (OCC), approvato con D.M. n. 202/2014, ha sancito l istituzione di un registro degli Organismi autorizzati alla gestione della crisi da sovra indebitamento, che viene tenuto presso il Ministero della Giustizia. Tale regolamento disciplina, inoltre, anche l articolazione soggettiva degli OCC in due grandi gruppi. Il registro è così composto da: a) Organismi iscritti di diritto, su semplice domanda, nel registro. Essi sono le Camere di Commercio, gli Ordini Professionali degli Avvocati, dei Commercialisti e dei Notai, i Segretariati Sociali. b) Organismi costituiti dai Comuni, dalle Province, dalle Città Metropolitane, dalle Regioni e dalle Università Pubbliche. Ai fini dell espletamento dell attività dell Organismo, a seguito dell incarico del debitore interessato, viene nominato un gestore della crisi, che materialmente si occuperà di dirigere la procedura. A tal fine è previsto che la designazione dei gestori venga effettuata equamente tra i professionisti iscritti nell apposito elenco interno. Il gestore della crisi nominato, deve anzitutto rilasciare una dichiarazione di indipendenza, con riferimento all assenza di preesistenti rapporti con il debitore, egli deve altresì astenersi dall accettare incarichi connessi all affare affidato.

6

7 Corso Milano, Monza (MB) Tel Fax

8 Tra tali compiti spiccano quelli relativi alla attestazione della fattibilità del piano proposto dal debitore attestazione che presuppone implicitamente un coinvolgimento dell Organismo nella predisposizione del piano stesso, e dunque una collaborazione con il debitore fin dalle prime fasi della procedura e alla verifica della veridicità dei dati contenuti nel piano stesso, che richiamano da vicino i compiti del professionista chiamato ad intervenire nell ambito dei piani di risanamento attestati e negli accordi di ristrutturazione. Connessi a tali delicate funzioni è l art. 15 comma 10, il quale prevede che per lo svolgimento dei compiti e delle attività sopra indicate il giudice e, previa autorizzazione di quest ultimo, gli organismi di composizione della crisi possano accedere ai dati contenuti nell anagrafe tributaria, nei sistemi di informazioni creditizie, nelle centrali rischi e nelle altre banche dati pubbliche, nel rispetto delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali Il Regolamento per gli Organismi di composizione della crisi (OCC), approvato con D.M. n. 202/2014, ha sancito l istituzione di un registro degli Organismi autorizzati alla gestione della crisi da sovra indebitamento, che viene tenuto presso il Ministero della Giustizia. Tale regolamento disciplina, inoltre, anche l articolazione soggettiva degli OCC in due grandi gruppi. Il registro è così composto da: c) Organismi iscritti di diritto, su semplice domanda, nel registro. Essi sono le Camere di Commercio, gli Ordini Professionali degli Avvocati, dei Commercialisti e dei Notai, i Segretariati Sociali. d) Organismi costituiti dai Comuni, dalle Province, dalle Città Metropolitane, dalle Regioni e dalle Università Pubbliche. Ai fini dell espletamento dell attività dell Organismo, a seguito dell incarico del debitore interessato, viene nominato un gestore della crisi, che materialmente si occuperà di dirigere la procedura. A tal fine è previsto che la designazione dei gestori venga effettuata equamente tra i professionisti iscritti nell apposito elenco interno. Il gestore della crisi nominato, deve anzitutto rilasciare una dichiarazione di indipendenza, con riferimento all assenza di preesistenti rapporti con il debitore, egli deve altresì astenersi dall accettare incarichi connessi all affare affidato. Corso Milano, Monza (MB) Tel Fax

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE DAL DECRETO SVILUPPO BIS (DECRETO-LEGGE 18 OTTOBRE 2012 N. 179)

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE DAL DECRETO SVILUPPO BIS (DECRETO-LEGGE 18 OTTOBRE 2012 N. 179) Senni Boero Galli & Partners l a w f i r m SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE DAL DECRETO SVILUPPO BIS (DECRETO-LEGGE 18 OTTOBRE 2012 N. 179) 1. Oggetto della modifica Definizione di sovraindebitamento.

Dettagli

Le procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento. FELICE RUSCETTA Presidente Fondazione ADR Commercialisti Cesena, 9 giugno 2015

Le procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento. FELICE RUSCETTA Presidente Fondazione ADR Commercialisti Cesena, 9 giugno 2015 Le procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento FELICE RUSCETTA Presidente Fondazione ADR Commercialisti Cesena, 9 giugno 2015 1 FONTI NORMATIVE DI RIFERIMENTO Capo II della Legge n 3 del

Dettagli

Legge 27 gennaio 2012 n. 3. Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento.

Legge 27 gennaio 2012 n. 3. Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento. Legge 27 gennaio 2012 n. 3 Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento. Art. 6 Finalità CAPO II Procedimento per la composizione delle crisi

Dettagli

La Crisi da Sovraindebitamento

La Crisi da Sovraindebitamento La Crisi da Sovraindebitamento Procedure di composizione della crisi e ruolo del Gestore della crisi VIA DEL ROTOLO 42/A CATANIA LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3 entrata in vigore delle modifiche: 18 gennaio

Dettagli

2. Ambito applicativo e requisiti di accesso alla nuova composizione della crisi

2. Ambito applicativo e requisiti di accesso alla nuova composizione della crisi SOVRAINDEBITAMENTO, LA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI PER IL DEBITORE NON SOGGETTO A PROCEDURE CONCORSUALI: LA LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3 a cura di Marcello Pollio e Pietro Paolo Papaleo 1. Premessa

Dettagli

Sovraindebitamento di famiglie e imprese. Recenti normative e proposte per affrontare la crisi finanziaria e sociale

Sovraindebitamento di famiglie e imprese. Recenti normative e proposte per affrontare la crisi finanziaria e sociale Sovraindebitamento di famiglie e imprese. Recenti normative e proposte per affrontare la crisi finanziaria e sociale Avv. Paola Moreschini Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di

Dettagli

Composizione della crisi da sovraindebitamento

Composizione della crisi da sovraindebitamento Periodico informativo n. 68/2015 Composizione della crisi da sovraindebitamento Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che la Legge n. 3 del

Dettagli

La legge "Salva Suicidi" Legge n. 3 del 2012 UN NUOVO START-UP DELLA FAMIGLIA

La legge Salva Suicidi Legge n. 3 del 2012 UN NUOVO START-UP DELLA FAMIGLIA La legge "Salva Suicidi" Legge n. 3 del 2012 UN NUOVO START-UP DELLA FAMIGLIA Se sei un commerciante, un artigiano, un piccolo imprenditore oppure un semplice C ittadino imossibilitato a far fronte ai

Dettagli

COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO l. 27 gennaio 2012, n. 3. Prof. Avv. Alberto Tedoldi Università degli Studi di Milano

COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO l. 27 gennaio 2012, n. 3. Prof. Avv. Alberto Tedoldi Università degli Studi di Milano COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO l. 27 gennaio 2012, n. 3 Prof. Avv. Alberto Tedoldi Università degli Studi di Milano D.L. 22 dicembre 2011, n. 212 [Disposizioni urgenti in materia di composizione

Dettagli

Composizione della crisi da sovraindebitamento

Composizione della crisi da sovraindebitamento Riforme Composizione della crisi da sovraindebitamento LEGGE 27 gennaio 2012, n. 3 Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento. (G.U. n. 24,

Dettagli

Fallimento del consumatore e sovraindebitamento: procedura di liberazione dai debiti

Fallimento del consumatore e sovraindebitamento: procedura di liberazione dai debiti Fallimento del consumatore e sovraindebitamento: procedura di liberazione dai debiti La procedura di liberazione dai debiti per il consumatore dopo le modifiche della legge 179/2012: ecco come funziona

Dettagli

Capitolo 2 La nuova procedura di composizione delle crisi da sovraindebitamento

Capitolo 2 La nuova procedura di composizione delle crisi da sovraindebitamento Edizioni Simone - Vol. 9/1 Compendio di diritto fallimentare Capitolo 2 La nuova procedura di composizione delle crisi da sovraindebitamento Sommario 1. La nuova procedura per il debitore non fallibile:

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO: LA COSIDDETTA ESDEBITAZIONE

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO: LA COSIDDETTA ESDEBITAZIONE Viale Borsellino e Falcone,11 70125 Bari tel 080.5021132 - fax 080.5022906 e-mail: melpignano@studiomelpignano.it - www.studiomelpignano.it PEC: studio.melpignano@legalmail.it P.IVA 05252360721 C.F. MLPMSM64H24A662L

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento e disciplina del processo civile. (11G0255)

Disposizioni urgenti in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento e disciplina del processo civile. (11G0255) DECRETO-LEGGE 22 dicembre 2011, n. 212 Disposizioni urgenti in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento e disciplina del processo civile. (11G0255) (GU n. 297 del 22-12-2011) Visti gli

Dettagli

DECRETO-LEGGE 22 dicembre 2011, n. 212

DECRETO-LEGGE 22 dicembre 2011, n. 212 Entrata in vigore del provvedimento: 23/12/2011 DECRETO-LEGGE 22 dicembre 2011, n. 212 Disposizioni urgenti in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento e disciplina del processo civile.

Dettagli

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ODCEC Torino Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO 1 PREMESSA Quanto segue rappresenta una prima analisi della normativa. Tale analisi è stata necessariamente

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Ordine degli Avvocati di Ferrara

Ordine degli Avvocati di Ferrara LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3. CAPO II DISPOSIZIONI IN MATERIA DI USURA E DI ESTORSIONE, NONCHE DI COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3. CAPO I DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO Guida bibliografica... 3 1. Origini dell istituto.... 5 2. Il concordato preventivo

Dettagli

COMPOSIZIONE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO. A cura della Presidenza Varese, 14 Aprile 2015

COMPOSIZIONE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO. A cura della Presidenza Varese, 14 Aprile 2015 COMPOSIZIONE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO A cura della Presidenza Varese, 14 Aprile 2015 Soggetti non fallibili * Imprenditori agricoli. * Imprenditori commerciali piccoli. * Professionisti. * Debitori

Dettagli

LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3. LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3. CAPO II CAPO I

LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3. LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3. CAPO II CAPO I LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3. CAPO II DISPOSIZIONI IN MATERIA DI USURA E DI ESTORSIONE, NONCHE DI COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3. CAPO I DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ESDEBITAZIONE Convegno X Settimana nazionale della Conciliazione 2013 Rilancio degli strumenti di giustizia alternativa Panoramica sugli strumenti alternativi

Dettagli

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO Alla procedura di concordato preventivo possono accedere quei soggetti - già imprenditori commerciali privati non piccoli - cui è riservata la procedura di fallimento. Presupposto

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Dottori commercialisti, Studio Legale e Tributario Morri Cornelli e Associati

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Dottori commercialisti, Studio Legale e Tributario Morri Cornelli e Associati 28 Dicembre 2011, ore 09:14 Per fronteggiare la crisi Sovraindebitamento: quali rimedi a disposizione per il debitore? Nell ambito dell attuale contesto economico, caratterizzato da una significativa crisi

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Documento per la consultazione I PROCEDIMENTI DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO E DI LIQUIDAZIONE PER I SOGGETTI NON FALLIBILI. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Torino, 3 aprile 2013 ITER LEGISLATIVO

Torino, 3 aprile 2013 ITER LEGISLATIVO AVV. PAOLO PAUTRIE CASSAZIONISTA REVISORE CONTABILE p.pautrier@pautrier.it AVV. ROBERTA DI MAGGIO CASSAZIONISTA r.dimaggio@pautrier.it AVV. MARGHERITA LO CASTRO m.locastro@pautrier.it Torino, 3 aprile

Dettagli

UNIPROF Consorzio Università di Roma Tor Vergata e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha attivato il:

UNIPROF Consorzio Università di Roma Tor Vergata e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha attivato il: Università di Roma Tor Vergata e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha attivato il: 1 I CORSO DI ALTA FORMAZIONE SPECIALISTICA PER GESTORI DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del debitore civile, quale rimedio alle conseguenze derivanti

Dettagli

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012 2 ottobre 2012 Practice Group: Restructuring & Bankruptcy Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. Di Andrea Pinto (A) Introduzione La Legge n. 134 del 7 agosto 2012, pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 14 febbraio 2012

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 14 febbraio 2012 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3075-B DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (MONTI) e dal Ministro della giustizia (SEVERINO DI BENEDETTO) (V. Stampato n. 3075)

Dettagli

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Articolo 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F..

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. Avv. Alessio Marchetti Pia Monza, 04 febbraio 2010 Esigenza Con l entrata in vigore del D.L. 14 marzo 2005 n.35 convertito in Legge 14 maggio 2005 l istituto

Dettagli

PARTE SECONDA ADEMPIMENTI O.C.C.

PARTE SECONDA ADEMPIMENTI O.C.C. COMMISSIONE COMITATO SCIENTIFICO AREA PROCEDURE CONCORSUALI PROCEDIMENTI DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO E DI LIQUIDAZIONE DEL PATRIMONIO PARTE SECONDA ADEMPIMENTI O.C.C. 1 ADEMPIMENTI

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Con la Legge 9 agosto 2013 n. 80 (S.O. n. 63 alla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 194 del 20 agosto 2013) è stato convertito

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Art. 182bis e 182 ter R.D. 16 marzo 1942, n. 267 Paolo Bonolis Fabrizio Spagnolo Federico Raffaelli Roma, GLI ACCORDI EX ART. 182 BIS LEGGE FALLIMENTARE Istituto

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 1º aprile 2009, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del senatore Centaro: Disposizioni in materia di usura e di estorsione,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 99-2013/I La composizione delle crisi da sovraindebitamento alla luce delle più recenti novità normative Approvato dalla Commissione Studi d Impresa il 19 febbraio

Dettagli

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA Riferimenti: - D.L. 22 giugno 2012, n 83 (Decreto Sviluppo) convertito dalla legge 7 agosto 2012, n 134: art.33

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO

IL CONCORDATO PREVENTIVO GIOVANNI LO CASCIO IL CONCORDATO PREVENTIVO SESTA EDIZIONE V \ MILANO - DOTT. A. GIUFFRfe EDITORE - 2007 INDICE Prefazione. CAPITOLO I IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO 1. Evoluzione del sistema normativo

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

Composizione della crisi da sovraindebitamento (L. 3/2012, come modificata dal D.L. 179/2012 conv. con mofic. dalla L. 221/2012)

Composizione della crisi da sovraindebitamento (L. 3/2012, come modificata dal D.L. 179/2012 conv. con mofic. dalla L. 221/2012) Gennaio 2013 Composizione della crisi da sovraindebitamento (L. 3/2012, come modificata dal D.L. 179/2012 conv. con mofic. dalla L. 221/2012) Dott. Marcello Pollio Commercialista Revisore legale dei conti

Dettagli

Corso Avanzato di Formazione Professionale

Corso Avanzato di Formazione Professionale Corso Avanzato di Formazione Professionale GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NELL AMBITO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI Diritto dei Contratti, Diritto Fallimentare e Crisi D impresa MODULO 1: Diritto dei Contratti

Dettagli

Corso di Diritto Fallimentare Prof. Leonardo Quagliotti

Corso di Diritto Fallimentare Prof. Leonardo Quagliotti Corso di Diritto Fallimentare Prof. Leonardo Quagliotti 15 aprile 2015 PROCEDIMENTI DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO E DI LIQUIDAZIONE DEL PATRIMONIO Dott. Alessandro Torcini Ordine Dottori

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

LEGGE 27 gennaio 2012, n. 3 Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovra indebitamento.

LEGGE 27 gennaio 2012, n. 3 Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovra indebitamento. LEGGE 27 gennaio 2012, n. 3 Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovra indebitamento. [artt. 1 5 omissis ] CAPO II (come modificato dall art. 18 del Decreto-Legge

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI 1 A R T. 2 6 D. P. R. 6 3 3 / 1 9 7 2 C O N D I Z I O N I T E R M I N I E M O N I T O R A G G I O W O R K S H O P GISI 8 O T T O B R E 2 0 1 4 Dott. Bellavite Pellegrini

Dettagli

Procedure concorsuali Accordo di ristrutturazione, piano del consumatore e liquidazione dei beni Diritto e giustizia.it

Procedure concorsuali Accordo di ristrutturazione, piano del consumatore e liquidazione dei beni Diritto e giustizia.it Procedure concorsuali Accordo di ristrutturazione, piano del consumatore e liquidazione dei beni Diritto e giustizia.it di Fabio Valerini Assegnista di ricerca in diritto processuale civile Come abbiamo

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE www.pg.camcom.gov.it CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE MANUALE OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE IN MATERIA DI FALLIMENTO,

Dettagli

FOCUS. Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali. Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014

FOCUS. Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali. Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014 FOCUS Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014 Programma I incontro 21 novembre CONCORDATO PREVENTIVO Ricorso per l ammissione al concordato preventivo Concordato

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010 5 Novembre 2010, ore 11:18 Circolare n. 33 e 34 di Assonime Fallimento e ristrutturazione delle imprese in difficoltà, le indicazioni di Assonime Assonime fornisce nelle Circolare n. 33 e 34 dello scorso

Dettagli

Periodico informativo n. 26/2014. Perdite su crediti: nuova disciplina fiscale

Periodico informativo n. 26/2014. Perdite su crediti: nuova disciplina fiscale Periodico informativo n. 26/2014 Perdite su crediti: nuova disciplina fiscale Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che la Legge di stabilità 2014 è intervenuta

Dettagli

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA SOMMARIO CAPITOLO 1 ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA 1. Le ragioni della gestione privatistica dell insolvenza... 1 1.1. I rischi della negoziazione privata dell insolvenza

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DASOVRAINDEBITAMENTO (B. CONCA L.M. QUATTOCCHIO)

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DASOVRAINDEBITAMENTO (B. CONCA L.M. QUATTOCCHIO) LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DASOVRAINDEBITAMENTO (B. CONCA L.M. QUATTOCCHIO) 1. Premessa 1. Il D.L. 22 dicembre 2011, n. 212, intitolato Disposizioni urgenti in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento

Dettagli

LA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE GLI ADEMPIMENTI NEI CONFRONTI DEL REGISTRO DELLE IMPRESE

LA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE GLI ADEMPIMENTI NEI CONFRONTI DEL REGISTRO DELLE IMPRESE LA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE GLI ADEMPIMENTI NEI CONFRONTI DEL REGISTRO DELLE IMPRESE SOMMARIO A - FALLIMENTO B - CONCORDATO FALLIMENTARE C - CONCORDATO PREVENTIVO D - LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA

Dettagli

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO A) GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE EX ARTICOLO 182-BIS DEL REGIO DECRETO DEL 1942 N.267 Generalità Una delle novità di maggior rilievo

Dettagli

Organismo di composizione della Crisi da Sovraindebitamento dell ODCEC di Padova

Organismo di composizione della Crisi da Sovraindebitamento dell ODCEC di Padova Al Referente dell Organismo di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento dell ODCEC di Padova Via G.Gozzi,2 G 35131 PADOVA (PD) Oggetto: Istanza per la nomina di un Gestore della Crisi ai fini dell

Dettagli

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 491 Prefazione... p. 9 Capitolo I IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 1. Premessa...» 11 2. Il titolo esecutivo, definizione e funzione (art. 474 c.p.c.)...» 11 2.1 Contenuto del titolo esecutivo...» 12

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

Le soluzioni alternative al fallimento (Avv. Davide Guardamagna)

Le soluzioni alternative al fallimento (Avv. Davide Guardamagna) BPLG 9 maggio 2012 Indice degli argomenti Le soluzioni alternative al fallimento (Avv. Davide Guardamagna) Le conseguenze del fallimento Accordi per sovra-indebitamento Piani di risanamento attestati Accordi

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

Varese, 8 aprile 2013 LA CRISI ECONOMICA E IL SOVRAINDEBITAMENTO

Varese, 8 aprile 2013 LA CRISI ECONOMICA E IL SOVRAINDEBITAMENTO Associazione sindacale dei notai della lombardia Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di varese Varese, 8 aprile 2013 LA CRISI ECONOMICA E IL SOVRAINDEBITAMENTO L accordo per la composizione

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO. a cura di Massimo Conigliaro

LA COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO. a cura di Massimo Conigliaro LA COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO a cura di Massimo Conigliaro LA LEGGE 27 GENNAIO 2012 N. 3 Sovraindebitamento FINALITA NORMA PORRE RIMEDIO ALLE SITUAZIONI DI SOVRAINDEBITAMENTO DI COLORO

Dettagli

Perdite relative a crediti Regime ex D.L. n. 83/2012

Perdite relative a crediti Regime ex D.L. n. 83/2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Perdite relative a crediti Regime ex D.L. n. 83/2012 DOTT. FILIPPO MARIA FERRUTA 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso Venezia,

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali

Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali Martedì 19 Gennaio 2010 Avv.to Paolo Manzato, Avv.to Patrizia Pietramale e Dott. Italo Vitale

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO (Legge 27 gennaio 2012, n. 3, modificata dal D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito nella Legge 17 dicembre 2012, n. 221) Antonio Donvito (1 aggiornamento

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI UNIPROF CONSORZIO Università degli Studi di Roma Tor Vergata O.D.C.E.C. di Roma Università di Roma Tor Vergata e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha attivato, nell ambito

Dettagli

(Associazione a tutela di cittadini ed aziende) info@confcontribuentitalia.com - www.confcontribuentitalia.com

(Associazione a tutela di cittadini ed aziende) info@confcontribuentitalia.com - www.confcontribuentitalia.com (Associazione a tutela di cittadini ed aziende) info@confcontribuentitalia.com - www.confcontribuentitalia.com COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Legge n 3 del 27 gennaio 2012 Decreto legge

Dettagli

FALLIBILE" I primi cinque articoli (artt. 6-10) della "Crisi da sovra indebitamento" (L. 3/2012) riguardano

FALLIBILE I primi cinque articoli (artt. 6-10) della Crisi da sovra indebitamento (L. 3/2012) riguardano Guida ai Controlli Fiscali 1.7.2013 - n. 7 - p.11 CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO: SOLUZIONE DEL DEBITORE "NON FALLIBILE" di Acciaro Giuseppe, Correddu Pietro A distanza di otto anni dall'avvio della riforma

Dettagli

L. 27.1.2012 n. 3 (G.U. 30.1.2012 n. 24) Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento

L. 27.1.2012 n. 3 (G.U. 30.1.2012 n. 24) Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento Stampa Provvedimento Data: 31.3.2015 19:24:47 UCS FRIULI SRL Sistema Integrato L. 27.1.2012 n. 3 (G.U. 30.1.2012 n. 24) Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO

IL CONCORDATO PREVENTIVO CORSO PROCEDURE CONCORSUALI E SOVRAINDEBITAMENTO IL CONCORDATO PREVENTIVO spunti di approfondimento: CONCORDATO CON RISERVA, ATTESTAZIONI, FINANZIAMENTI IN CORSO DI PROCEDURA IL CONCORDATO CON RISERVA

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

LEGGE 27 gennaio 2012 n. 3 (in Gazz. Uff. 30 gennaio 2012, n. 24)

LEGGE 27 gennaio 2012 n. 3 (in Gazz. Uff. 30 gennaio 2012, n. 24) 1 LEGGE 27 gennaio 2012 n. 3 (in Gazz. Uff. 30 gennaio 2012, n. 24) Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonche' di composizione delle crisi da sovraindebitamento - OMISSIS - CAPO II PROCEDIMENTI

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

Documento. n. 31. Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali

Documento. n. 31. Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali Documento n. 31 Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali Luglio 2014 OBBLIGATORIETÀ DEL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI PROCESSUALI OBBLIGATORIETÀ DEL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte)

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) http://www.commercialistatelematico.com/nuoviarticoli/private/43517... 1 di 6 23/06/2010 12:39 A-PDF Merger DEMO : Purchase from www.a-pdf.com to

Dettagli

CAPITOLO I Composizione delle crisi da sovraindebitamento

CAPITOLO I Composizione delle crisi da sovraindebitamento CAPITOLO I Composizione delle crisi da sovraindebitamento Sommario 1.1. Generalità e requisiti soggettivi e di ammissibilità - 1.2. L accordo ed il piano - 1.3. Il procedimento - 1.4. L accordo - 1.5.

Dettagli