Guadagnare soldi pagando le fatture

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guadagnare soldi pagando le fatture"

Transcript

1 BACK OFFICE - INFORMAZIONI PER LA GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI FOCUS Il digitale nella Pubblica Amministrazione APPROFONDIMENTI L interoperabilità nella Moda Europea APPROFONDIMENTI Gestione, conservazione e autenticità degli archivi digitali EVENTI Speciale OMAT Roma 2009 Guadagnare soldi pagando le fatture Kofax, azienda globale leader nell acquisizione delle informazioni, offre una soluzione in cinque passaggi, che consente alle aziende di passare dall elaborazione totalmente manuale delle fatture all elaborazione totalmente automatizzata, in base alle proprie esigenze. La soluzione Kofax per il Procure-to-Pay può essere implementata in soli 90 giorni e può generare un ROI del 100% in soli 3 mesi dall implementazione Kofax, Inc. ( Kofax ). Tutti i diritti riservati. Anno XVIII Quarto trimestre 2009

2 seminari professionali iter RECLUTAMENTO, SELEZIONE E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Quanto costa assumere la persona sbagliata? Il valore dell attività di R&S in ogni realtà aziendale è fuori discussione. Questo seminario insegna a organizzare al meglio non solo il lavoro di ricerca e selezione, ma anche una gestione delle risorse incentrata su una costante motivazione e formazione. RIUNIONI EFFICACI: COME ORGANIZZARLE E GESTIRLE Il seminario fornisce strumenti e tecniche per pianificare, convocare e governare al meglio riunioni attraverso la partecipazione attiva dei partecipanti e la gestione delle dinamiche del team di lavoro; ottimizzare tempo e risorse nel raggiungimento degli obiettivi oggetto della riunione. LA LEADERSHIP FEMMINILE Da donna manager a leader attraverso una valorizzazione del talento che consente di far emergere una visione femminile rispetto alle principali sfide globali per le imprese. OBIETTIVO VENDITA Vendere è un arte o una scienza? Perché alcuni vendono ed altri no? È solo partendo da se stesso - attraverso la propria credibilità di professionista, la propria immagine e una comunicazione efficace - che un venditore può raggiungere l obiettivo della vendita di successo. L E-COMMERCE COME OPPORTUNITÀ PER LE PMI In tempi di crisi è necessario che le PMI sfruttino tutte le opportunità offerte loro da internet e, in particolare, dal web-marketing. In questo corso verranno analizzate tali opportunità e verranno svelati tutti i segreti dell ecommerce in maniera pratica e concreta. PUBLIC SPEAKING Un corso ampiamente esperienziale per apprendere come esprimersi al meglio anche in pubblico, gestire la critica e l obiezione, controllare l emozione, gestire lo stress da esposizione, comunicare al meglio e completamente, mantenere in modo più consapevole l attenzione degli interlocutori. L ARTE DELLA VENDITA TELEFONICA È indubbio che il telefono sia uno strumento di lavoro fondamentale, ma per utilizzarlo al meglio occorre un adeguata preparazione che include la conoscenza e la pratica di tecniche avanzate di marketing e di comunicazione. Il corso insegna come gestire in modo ottimale le telefonate, nonché le principali tecniche di telemarketing. data e sede al link LA COMUNICAZIONE ECCELLENTE PER L OPERATORE FRONT LINE Attraverso la conoscenza e l acquisizione di tecniche e strumenti comunicativi è possibile migliorare la relazione con il pubblico, gestire al meglio le dinamiche interpersonali nei casi di lamentela, reclamo e contestazione. LEADERSHIP ESSENZIALE Oggi più che mai, nelle aziende di successo emerge la necessità di una cultura d impresa fondata su una leadership autentica che metta al centro dell azione il collaboratore. Finita l epoca dei manager, la leadership si impone come la scelta migliore per chi ha responsabilità su persone. ITER - via Rovetta Milano - tel fax

3 Guadagnare soldi pagando le fatture Qualsiasi persona del reparto contabilità potrà confermarvi quanto sia complessa l elaborazione delle fatture. Problemi quali i tempi lunghi di ricezione e controllo delle fatture, gli errori causati dall immissione manuale dei dati e le difficoltà di accesso alle informazioni sulle fatture vi dicono qualcosa? Attraverso l automazione e lo spostamento dei processi al front office, clienti e fornitori possono ricevere informazioni accurate e aggiornate relative alle proprie transazioni, consentendo un aumento della redditività. Da un processo manuale a un processo completamente automatizzato Tutte queste attività relative alle transazioni sulle fatture possono essere rese molto più efficienti. Scoprite in che modo le soluzioni Kofax Procure-2-Pay possono aiutare la vostra organizzazione attraverso l automazione dei processi di fatturazione. La capacità di acquisire ed elaborare in modo rapido e accurato le fatture ricevute in diversi formati cartacei ed elettronici è fondamentale per ridurre i costi e migliorare le relazioni con clienti, dipendenti e fornitori. Con la nostra soluzione Kofax per Procure-to-Pay si può Si integra con i sistemi aziendali esistenti per l acquisizione delle fatture ricevute, rileva automaticamente dati mancanti o errati, invia notifiche al fornitore tramite , fax o messaggio di testo, fornisce ai fornitori un canale per l invio della fattura corretta e inserisce informazioni complete e convalidate nel sistema di contabilità: il tutto automaticamente. Kofax, azienda globale leader nell acquisizione delle informazioni, offre una soluzione in cinque passaggi, descritti di seguito, che consente alle aziende di passare dall elaborazione totalmente manuale delle fatture all elaborazione totalmente automatizzata, in base alle proprie esigenze: 1. Controllare il flusso di documenti cartacei tramite l acquisizione centralizzata e distribuita. 2. Ridurre il lavoro manuale tramite l estrazione dei dati automatica. 3. Ottimizzare la trasparenza dei processi tramite la conferma, la notifica e il rilevamento delle eccezioni automatica. 4. Migliorare l efficienza tramite le transazioni elettroniche. 5. Migliorare la qualità dei dati tramite la riduzione della gestione manuale. La soluzione Kofax per il Procure-to-Pay può essere implementata in soli 90 giorni e può generare un ROI del 100% in soli 3 mesi dall implementazione Kofax, Inc. ( Kofax ). Tutti i diritti riservati.

4 BACK OFFICE - INFORMAZIONI PER LA GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI FOCUS APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI EVENTI Il digitale nella pubblica L interoperabilità nella Gestione, conservazione Speciale OMAT Amministrazione Moda Europea e autenticità degli archivi Roma 2009 digitali Kofax, azienda globale leader nell acquisizione delle informazioni, offre una soluzione in cinque passaggi, che consente alle aziende di passare dall elaborazione totalmente manuale delle fatture all elaborazione totalmente automatizzata, in base alle proprie esigenze. La soluzione Kofax per il Procure-to-Pay può essere implementata in soli 90 giorni e può generare un ROI del 100% in soli 3 mesi dall implementazione. EDITORIALE Guadagnare soldi pagando le fatture 2009 ANNO DIFFICILE, MA NON DISASTROSO! Anno XVIII Quarto trimestre 2009 Editore ITER srl Direttore Responsabile Domenico Piazza Direttore Contenuti Vincenzo Gambetta A questo numero hanno collaborato: Stefano Arbìa, Arianna Brutti, Pierluigi Feliciati, Stefano Foresti, Roberto Galoppini, Carlo Guarino, Flavia Marzano, Marco Migliarese, Paolo Minuzzo, Francesca Morganti, Francesco Pucino, Sergio Resch, Thomas Schael, Antonio Toci, Fabio Tommasi Segretaria di Redazione Petra Invernizzi Redazione iged.it Via Rovetta, Milano TEL: FAX: Stampa Ingraph Srl Cabiate (CO) Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 157 del 7 marzo La tiratura di questo numero è di N copie. Pubblicità inferiore al 45%. Non si restituiscono testi e materiali illustrativi non espressamente richiesti. Riproduzione, anche parziale, vietata senza autorizzazione scritta dell Editore. L elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare involontari errori o inesattezze. Ogni articolo responsabilità personale. Le opinioni e più in genere quanto espresso dai singoli autori non comporta alcuna responsabilità per l Editore. Questo è, in sintesi, quanto si può affermare dell anno appena trascorso per il settore del quale ci occupiamo e che ha indubbiamente risentito degli effetti della crisi che ha investito l economia. Crisi che per il settore dell Information Technology ha avuto effetti molto pesanti: stando ai dati Assinform, nei primi sei mesi del 2009 la domanda di tecnologie informatiche è diminuita in Italia del 9% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (la peggiore prestazione semestrale dal 1991 a oggi). A settembre Assinform prevedeva, poi, per il 2009 un rallentamento della crisi con una diminuzione anno/anno di circa il 7,4%, con una corrispondente diminuzione della componente Software e Servizi del 5,4%. I segnali (quali le presenze alle manifestazioni del settore e le attività promozionali e pubbli- - nostro mercato è stato toccato dalla crisi molto meno degli altri settori. Ciò non si limita alla sola componente Software e Servizi, ma anche al settore degli scanner e dello storage destinato a contenere e conservare le informazioni digitali. affermare che il 2009 si sia chiuso con risultati che non si dovrebbero discordare molto da quelli del È in momenti come questi, infatti, che Amministrazioni ed Imprese devono guadagnare in - gitali che consente loro di incanalare e impiegare le informazioni ed i dati di cui dispongono per ottenere i suddetti obiettivi. Il 2010 si prospetta ora come un anno da sfruttare in pieno con tutte le sue potenzialità di business e le novità, vuoi tecnologiche vuoi normative (Fatturazione Elettronica nei confronti della PA, informatizzazione della Sanità, della Giustizia e dell Istruzione, diffusione ne della conservazione della Memoria Digitale e tanto altro ancora!) Da parte nostra, l impegno è quello di proseguire nel contribuire a coinvolgere tutte le componenti del mercato sui temi principali del settore; in particolare, ci impegneremo nel familiarizzare all impiego del digitale una più vasta platea possibile di Utenti, nella convinzione che re solo con il convinto coinvolgimento di tutti componenti di un organizzazione. A Voi, gentili Lettrici e cari Lettori che ci avete seguito e sostenuto anche in un anno certamente non facile, un sincero grazie ed un cordiale augurio di Buon 2010! L editore e la redazione 04 iged.it

5 FOCUS 06 I contenuti digitali nella Pubblica Amministrazione Problemi e opportunità 12 La rivoluzione digitale nella Sanità Alcuni approfondimenti normativi e l evidenza di aree da approfondire APPROFONDIMENTI 18 Moda Europea scopre l interoperabilità fashion europeo hanno trovato la loro lingua franca 43 Quando l archiviazione dell informazione si fa smart Una nuova generazione di soluzioni IBM per l archiviazione e la conservazione delle informazioni digitali NOTIZIE 47 Assegnato a Mariella Guercio il prestigioso Emmett Leahy Award 2009 Per la prima volta l ambito riconoscimento è stato assegnato ad un esponente non di madrelingua inglese della comunità dei professionisti del Records and Information Management FLAVIA MARZANO Presidente di Unarete Articolo a pagina 6 STEFANO ARBÌA Funzionario CNIPA Articolo a pagina 51 PIERLUIGI FELICIATI Professore aggregato di Sistemi di elaborazione delle informazioni presso l Università di Macerata Articolo a pagina 25 MARIELLA GUERCIO Ordinario di Archivistica presso Università degli Studi Carlo Bo di Urbino Articolo a pagina Gestione, conservazione e autenticità degli archivi digitali Una sintetica panoramica degli standard e dei modelli internazionali 30 Riconoscimento ottico off-line della scrittura manoscritta in corsivo Un progetto di ricerca made in Italy 34 Le informazioni, asset strategico e critico dell azienda Esigenza di una strategia integrata nella gestione delle informazioni ESPERIENZE 35 Dematerializzare fatture l anno? Un gioco da ragazzi! Clementoni ha avviato un progetto di process e document management che parte dall archiviazione e conservazione automatica dei documenti contabili corrispondenza e all attivazione di processi di approvazione nel ciclo passivo. operativa e favorire comunicazione e collaborazione MERCATO 37 Si scrive PFU e si legge Fujitsu Breve scambio di vedute con Lorenzio Todeschini, Direttore Vendite di PFU Imaging Solutions SpA 39 L Open Source e la pietra Imparare a conoscere il passato ed immaginare il futuro di un programma open source SPECIALE OMAT ROMA 48 Le informazioni digitali, elemento indispensabile per smuovere l economia È il tema trattato durante la tavola rotonda tenutasi ad Omat Roma l 11 novembre scorso 51 La Firma digitale e i lavori in sede comunitaria derivanti dalla Direttiva Servizi Sintesi dell intervento dell autore a OMAT Roma Kodak ad Omat Roma 2009 Anche quest anno la Divisione Document Imaging di Kodak Italia ha partecipato alla manifestazione romana con la propria gamma di scanner di alta qualità per le soluzioni di imaging 55 Supply chain management e logistica dei farmaci in Italia oltre 200 milioni nella distribuzione e gestione delle scorte 60 OMAT ROMA 2009 I dati consuntivi, le dichiarazioni a hanno partecipato alla principale manifestazione italiana sulla gestione elettronica di documenti e informazioni DALLE AZIENDE 66 In bottiglia o in una botte di ferro? Stampe, imbustamenti e postalizzazioni iged.it

6 FOCUS I contenuti digitali nella Pubblica Amministrazione Problemi e opportunità FLAVIA MARZANO PREMESSE Come possiamo garantire a ogni individuo di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere nell era del digitale e del web 2.0? Quali sono i rischi e le opportunità delle tecnologie digitali? Informazioni e idee come garantirne anche la conservazione e la fruibilità nel tempo a prescindere dal mezzo e dalle frontiere? CHE COSA L Enterprise Information Management, vista come infrastruttura e/o strategia, è l insieme delle tecnologie impiegate per creare, acquisire, gestire, proteggere, archiviare, conservare, eliminare, ricercare, personalizzare, trasmettere, distribuire, utilizzare e pubblicare i contenuti digitali. Tuttavia le tecnologie digitali in sé non garantiscono che le informazioni, le idee, i dati i contenuti, insomma, siano correttamente gestiti e non ne garantiscono a priori la diffusione, la conservazione e la fruibilità nel tempo. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Senza dimenticare la normativa amministrativa, a partire dal DPR 06 iged.it /2000 (Testo Unico in materia di documentazione amministrativa) e dal Codice dell Amministrazione Digitale (Cad - DLGS 85/2005), vogliamo qui però sottolineare il ruolo della Legge 4/2004, che recita all articolo 1, comma 1: La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona ad accedere a tutte le fonti di informazione e ai relativi servizi, ivi compresi quelli che si articolano attraverso gli strumenti informatici e telematici. Infatti tale articolo, se pur volto esplicitamente a favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici ovviamente si applica a chiunque oggi voglia accedere alle fonti di informazione anche tramite le tecnologie. DIFFUSIONE E ACCESSIBILITÀ DELL INFORMAZIONE La normativa citata prevede quindi una serie di regole per garantire l accesso all informazione con qualunque tecnologia, ma non possiamo dimenticare che in questo contesto sono necessari e propedeutici, in particolare nel contesto della Pubblica Amministrazione (PA), alcuni presupposti organizzativi, culturali, normativi e di indirizzo. Considerando qui la rilevanza primaria dei contenuti generati dalla PA, è importante non dimenticare, per garantirne la diffusione e l accessibilità a tutti i cittadini, nessuno escluso, i presupposti organizzativi che vanno presi in considerazione: interventi infrastrutturali per garantire la connettività; licenze che consentano la massima diffusione dei contenuti (licenze libere, ad es.: Creative Commons, vedi riquadro Le licenze Creative Commons ); adozione di standard (de jure o de facto) per la predisposizione, la pubblicazione e l archiviazione dei contenuti. In democrazia nessun fatto di vita si sottrae alla politica (Gandhi) A questo proposito vedasi il riquadro Disposizioni per garantire la neutralità delle reti di comunicazione, la diffusione delle nuove tecnologie telematiche e lo sviluppo del software aperto che presenta l Articolo 1 Finalità di un disegno di legge che mira a garantire un accesso neutrale alle reti di comunicazione elettronica, sostenere la diffusione del software open source nelle PA, promuovere la partecipazione attraverso internet, favorire la diffusione delle tecnologie nel sistema delle imprese

7

8 Disposizioni per garantire la neutralità delle reti di comunicazione, la diffusione delle nuove tecnologie telematiche e lo sviluppo del software aperto (Disegno di legge d iniziativa dei Senatori Vincenzo Maria Vita, Luigi Vimercati e altri) Atto del Senato n. S Presentato al Senato il 23 luglio 2009 e assegnato il 24 settembre 2009 alla 8ª Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni) in sede referente (non ancora iniziato l esame) Art. 1 (Finalità) 1. Lo Stato italiano, nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale, promuove lo sviluppo della società la neutralità nelle condizioni di accesso alle reti di comunicazione elettronica; la diffusione e la fruibilità delle nuove tecnologie della comunicazione elettronica in tutto il territorio nazionale allo scopo di abbattere il divario digitale esistente nelle diverse aree del Paese e favorire la libera diffusione della conoscenza, l accesso pieno e aperto alle fonti di informazione e agli strumenti di produzione del sapere; lo sviluppo coordinato dei sistemi informativi pubblici, la valorizzazione e la condivisione del patrimonio informativo pubblico, garantendo il pluralismo informatico anche attraverso l utilizzo di software aperto; la rimozione degli ostacoli che impediscono la piena parità di accesso alle informazioni digitali e alle tecnologie dell informazione e della comunicazione, di seguito TIC, con particolare riferimento a situazioni di disabilità, disagio economico e sociale, e diversità culturale; la diffusione e l utilizzo di standard e formati aperti allo scopo di salvaguardare il pluralismo informatico e la libertà di scelta delle istituzioni pubbliche, del cittadino e delle imprese. e rimuovere gli ostacoli che impediscono la parità di accesso alle reti di comunicazione. Il DDL ha inoltre la particolarità di essere stato proposto e discusso online (per la prima volta in Italia), in modalità wiki, ossia in modo aperto al contributo volontario di ogni soggetto interessato. I presupposti culturali riguardano in primo luogo chi produce i contenuti, ma comprendono anche l informazione e la formazione dei cittadini fruitori dei contenuti stessi. Chi produce contenuti dovrà essere consapevole non solo della normativa vigente, ma anche di tutti gli strumenti che rendono fruibile, e quindi più facilmente accessibile, un contenuto. Dovranno inoltre garantirne la diffusione sia tramite la comunicazione sia mediante l ado- cientemente diffusi e soprattutto non onerosi per evitare di incorrere in un divide economico. 08 iged.it Per garantire la fruizione e l accessibilità dei contenuti digitali a tutti i cittadini, è inoltre necessario prevedere gli interventi necessari all abbattimento del digital divide, sia come abbiamo detto in termini economici, ma anche in termini sociali, culturali, di genere, territoriali, infrastrutturali In questo consistono gli interventi normativi e di indirizzo che la PA a livello nazionale, ma anche e soprattutto locale, dovrà mettere in atto. GESTIONE, CONSERVAZIONE E FRUIBILITÀ NEL TEMPO Sembra scontato dire che i contenuti vadano gestiti, conservati e resi fruibili nel tempo, ma questo non è a priori garantito dalla disponibilità dei contenuti in formato digitale. Per quanto riguarda la gestione, oltre alle ovvie esigenze di salvataggio dei dati e dei contenuti in forme tali da assicurare gli stessi contro il rischio di distruzione anche incidentale, andranno garantiti nel tempo la loro sicurezza (protezione da manipolazioni e intrusioni) ed il rispetto della privacy. La conservazione dei contenuti non è solo una questione di gestione dei medesimi, ma comporta anche l adattamento nel tempo all evoluzione delle tecnologie e degli strumenti di archiviazione. Le tecnologie adottate per la conservazione dei dati e dei contenuti devono poter seguire per quanto possibile tale evoluzione, in tal senso l adozione di standard aperti e di tecnologie di cui siano di progettazione e implementazione potrà essere un elemento di maggior garanzia della possibilità di adattamento e di relativa minore onerosità. La conservazione così garantita si collega direttamente ad uno dei temi più caldi, e non ancora completamente risolto, nel campo dei contenuti digitali, ovvero la loro fruibilità nel tempo. Solo garantendo l evoluzione degli archivi su media e supporti che nel tempo si adattano alle nuove tecnologie possiamo avere la certezza di poter fruire nel tempo dei contenuti del passato. Gli archivi dovranno quindi prevedere standard di archiviazione, ma anche un lavoro periodico di adattamento e di travaso di tutti i contenuti sui nuovi media che di volta in volta le tecnologie ci offriranno. Tali interventi sono purtroppo one-

9 Ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione, incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere. (Art. 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo adottata dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 Dicembre 1948) La Dichiarazione universale dei diritti dell uomo (10 dicembre 1948) uno dei primi documenti pubblicati dalla Nazioni Unite (foto del 1955) iged.it

10 rosi, ma non possono essere a nostro avviso evitati. Bisogna essere consapevoli che quan- tanto maggiore è il rischio che la loro rapida evoluzione le renda non soltanto obsolete ma anche non più fruibili. PROBLEMI E OPPORTUNITÀ. QUALI EVOLUZIONI E PROPOSTE? Non crediamo tuttavia che l evoluzione delle tecnologie e dei media generino solo problemi e costi, ma anzi riteniamo che possano diventare opportunità di business per le imprese e di innovazione per la Pubblica Amministrazione sia dal punto di vista tecnologico sia politico. In particolare, l obiettivo della dematerializzazione che copre una grande varietà di temi (dalla gestione delle fatture a quella degli archivi, dalla po- ci, ) rappresenta un opportunità tempi, di spazi e di risorse naturali) soprattutto se gestito in un ottica funzionale e non burocratica. In questo, l intervento attivo della politica, anche locale tramite delibere di indirizzo o leggi regionali, può essere di grande aiuto. È importante in questo contesto anche un chiaro indirizzo che preveda per l archiviazione e la fruizione dei contenuti l uso di licenze aperte, come le Creative Commons già citate. Anche l adozione di software libero da parte della Pubblica Amministrazione può garantire una maggiore trasparenza sulle modalità di archiviazione e gestione dei contenuti oltre che una più facile integrazione e adattabilità a eventuali nuove tecnologie. I modelli di business a questo correlati sono proprio nell ottica del servizio (conservazione, migrazione, adattamento a nuovi media, ) anziché della vendita di licenza. La PA che si muova in questa direzione garantisce inoltre maggiori opportunità di sviluppo alle imprese del proprio territorio che sapranno adattarsi a questo nuovo ecosistema. Anche la Commissione Europea ha sottolineato l importanza dell adozione di software libero, al punto da le lingue e adattata a tutte le normative comunitari: la EUPL, EUropean Public License idabc/eupl. Un ecosistema digitale quindi che includa tutti gli attori coinvolti, imprese, pubbliche amministrazioni, legislatori locali e nazionali, utenti, clienti e cittadini. Un ecosistema che garantisca uno sviluppo sostenibile delle imprese italiane e contemporaneamente garantisca una maggiore creazione e diffusione delle conoscenza. Le licenze Creative Commons Le licenze Creative Commons offrono sei diverse articolazioni dei diritti d autore per artisti, giornalisti, docenti, istituzioni e, in genere, creatori che desiderino condividere in maniera ampia le proprie opere secondo il modello alcuni diritti riservati. Il detentore dei diritti può non autorizzare a priori usi prevalentemente commerciali dell opera (opzione Non commerciale, acronimo inglese: NC) o la creazione di opere derivate (Non opere derivate, acronimo: ND); e se sono possibili opere derivate, può imporre l obbligo di rilasciarle con la stessa licenza dell opera originaria (Condividi allo stesso modo, acronimo: SA, da Share-Alike ). Le combinazioni di queste scelte generano le sei licenze CC, disponibili anche in versione italiana. Le licenze Creative Commons, come tutti i nostri strumenti, sono utilizzabili liberamente e gratuitamente, senza alcuna necessità di contattare CC per permessi o registrazioni. Per saperne di più, puoi leggere una introduzione a CC, guardare l animazione Diventa Creativo, frequentare le nostre liste e navigare nel nostro sito. (Fonte: 10 iged.it FLAVIA MARZANO Presidente di Unarete

11

12 FOCUS La rivoluzione digitale nella Sanità Alcuni approfondimenti normativi e l evidenza di aree da approfondire FABIO TOMMASI È Rivoluzione! Rivoluzione digitale, s intende. Soprattutto negli ultimi anni, l in- cato le nostre abitudini di vita non rappresentando più (o non solo) un occasione di crescita per la ricerca, quanto piuttosto la linea guida di quel mutamento improvviso qual è la rivoluzione digitale, appunto. Protagonista di questa metamorfosi è il rapporto tra il cittadino e la pubblica amministrazione, caratterizzato municazione, soprattutto nell ambito della Sanità. Lo scorso mese di novembre, infatti, il Ministro per la Pubblica Amministrazione e Innovazione non ha mancato di rappresentare in più occasioni il Piano per la sanità elettronica. Esso prevede cinque aree di intervento, 1) connettere in rete tutti i medici di base entro giugno 2010; 2) realizzare il Fascicolo Sanitario Elettronico entro giugno 2009; malattia digitali inviati per via telematica entro dicembre 2009; 4) avviare in alcune Regioni entro giugno 2009 la ricetta digitale; 5) realizzare un sistema sovra-regionale per consentire le prenotazioni on line. 12 iged.it

13 L INVIO TELEMATICO DEL CERTIFICATO MEDICO Con il d.lgs. 27/10/2009 n. 150, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di bliche amministrazioni, il legislatore ha introdotto nel d.lgs. n. 165/2001 l art. 55-septies, un importante novità in materia: in caso di assenza per malattia del lavoratore è previsto cato medico direttamente all Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. In tutti i casi di assenza per malattia del lavoratore dipendente pubblico, via telematica all INPS direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria che la rilascia, secondo le modalità stabilite per la trasmissione telemati- tiva vigente, in particolare delle regole tecniche concernenti il Sistema pubblico di connettività (SPC) del CNIPA e avvalendosi, ove possibile, delle infrastrutture regionali esistenti. Tale opportunità entro la metà del 2010 sarà estesa anche ai dipendenti privati. Tuttavia, le regole tecniche di trasmissione telematica saranno pubblicate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministero delle Economie e delle Finanze di concerto con il Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali, previo parere del Garante per la protezione dei dati personali. Il SPC dovrebbe garantire la trasmissione telematica salvaguardando la sicurezza dei dati e la riservatezza delle informazioni, nel rispetto dell autonomia del patrimonio informativo delle singole amministrazioni. medico rappresenta nel suo piccolo rapporto con il lavoratore dipendente pubblico, il quale non ha neces- all amministrazione interessata con i sistemi (cartacei) tradizionali, con risparmio di costi non trascurabile mezzo raccomandata a/r), e soprattutto rappresenta una netta attuazione dell azione amministrativa. Sarà poi l INPS che trasmetterà all amministrazione interessata, sem- ricevuto dal medico o dalla struttura sanitaria Tale innovazione ha anche un altro - della tutela dei dati personali. Le linee guida in materia di gestione del rapporto di lavoro dipendente pubblico e privato del Garante per la protezione dei dati personali, infatti, prevedono una serie di accorgimenti ti di dati personali non conformi con il principio di necessità, pertinenza e guire le sole operazioni di trattamento proporzionate e indispensabili in Basti ricordare, infatti, la necessità solo ed esclusivamente la prognosi, cioè la presunta durata dell inabilità al lavoro del lavoratore per un determinato periodo di tempo, e non anche la diagnosi, cioè il quadro clinico di una malattia, l insieme dei sintomi generali e patognomonici. Così il titolare del trattamento attualmente è tenuto a formare i lavoratori anche su questo aspetto, cioè in caso di assenza per malattia dovranno produr- andrà trattato con le dovute cautele (busta chiusa, archiviazione, inutilizzo dei dati eccedenti, eventuale comunicazione all INAIL dei soli dati indispensabili e via dicendo) e senza trattamenti sproporzionati e non indispensabili. ci con l indicazione anche della diagnosi; in tali casi l amministrazione, pur potendo conoscere la diagnosi, deve comunicare all ente assicurativo solo le informazioni sanitarie relative o collegate alla patologia denunciata e non anche i dati sulla salute relativi te nel corso del rapporto di lavoro. In quest ultima eventualità, infatti, il trattamento sarebbe sicuramente eccedente e non pertinente. Con la trasmissione telematica del petenti, almeno alcuni dei problemi legati alla comunicazione da parte del lavoratore all amministrazione interessata sono superati, perché l invio è effettuato direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria all INPS, la quale poi inoltrerà all amministrazione interessata quel determinato però, rimarrà sempre (almeno si spera) nel formato digitale e semmai porrà problemi legati alla sicurezza informatica ed alla necessità di assicurare la sua leggibilità e integrità nel tempo, ovvero la sua memoria digitale. Tuttavia, riduce sensibilmente i problemi legati ad un trattamento ultroneo, eccedente, non pertinente, non indispensabile e sproporzionato, spesso dovuto all incuria di un incaricato del trattamento scarsamente (nella migliore delle ipotesi) formato dal titolare del trattamento. LA CONSERVAZIONE DELLA CARTELLA CLINICA DIGITALE La rivoluzione digitale non si ferma, continua su altri fronti sanitari. Nel recente Consiglio dei Ministri n. 69 del 12 novembre scorso è stato approvato, su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e del Ministro per la segno di legge che contiene un altra disposizione di interesse per chi si occupa di conservazione nell ambito sanitario: quella relativa alle cartelle cliniche. La disposizione prevista nell art. 6 del ddl dovrebbe entrare in vigore il 1 luglio 2010 e dispone che la conservazione delle cartelle cliniche, senza nuovi e maggiori oneri a carico dello Stato, è effettuata esclusivamente in forma digitale. Esse sono rilasciate agli interessati, su richiesta, anche in forma cartacea, previo pagamento di un corrispettivo stabilito dall amministrazione che le detiene. In altri termini, se dovesse diventare norma di legge la regola sarà la conservazione in forma digitale della cartella clinica (ma si auspica la sua produzione nativa in digitale e non solo la sua conserva- iged.it

14 zione) e solo in via eccezionale la sua riproduzione nel formato cartaceo su richiesta dell interessato. Occorrerà comunque un Regolamento ministeriale e il rispetto di quanto previsto in materia di procedimento e fascicolo informatico nell art. 41 del d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82, codice per la pubblica amministrazione digitale, tra cui l applicabilità della legge 7 agosto 1990, n. 241 in materia di procedimenti amministrativi e accesso alla documentazione amministrativa. digitale, direttamente consultabile ed alimentata da tutte le amministrazioni coinvolte nel procedimento amministrativo, dovrà recare: a) l amministrazione titolare del procedimento, che cura la costituzione e la gestione del fascicolo medesimo; b) le eventuali altre amministrazioni partecipanti; c) il responsabile del procedimento; d) l oggetto del procedimento; e) l elenco dei documenti contenuti. APPLICABILITÀ DELLA DELIBERAZIONE CNIPA N. 11/04 Prima ancora di procedere nella nostra analisi è doveroso, però, fare una premessa. Per rimanere in tema di cartella clinica, questa rappresenta un insieme di documenti nei quali i medici e gli infermieri registrano una serie di informazioni che riguardano un determinato paziente allo scopo di poter rilevare gli aspetti diagnostici e terapeutici dello stesso, così da consentire di procedere alle cure migliori statistico, didattico e medico legale nel rispetto delle norme per la protezione dei dati personali. Le strutture sanitarie sia pubbliche, sia private, pertanto, hanno l esigenza di poter recuperare dette informazioni in struire il diario clinico del paziente. Salvo quanto si è detto, non esiste per la cartella clinica una normativa della conservazione (fermo restando le linee guida del CNIPA e la produzione normativa che seguirà in vista della ridetta rivoluzione digitale), così come avviene invece per l archivio legale in materia, ad esempio, di Radiodiagnostica per Immagini e di Laboratorio. Ciononostante si è ormai concordi nel considerare applicabile la deliberazione CNIPA n. 11 del 19 febbraio 2004, tant è che l art. 2, comma 1, sancisce: Gli obblighi di conservazione sostitutiva dei documenti, previsti dalla legislazione vigente sia per le pubbliche amministrazioni sia per i privati, sono soddisfatti a tutti gli effetti, fatto salvo la facoltà di accorgimenti e procedure integrative, qualora il processo di conservazione venga effettuato con le modalità di cui agli articoli 3 e 4. A ciò si aggiunga l art. 42 del Cad, il quale prevede: Le pubbliche amministrazioni valutano in termini di rapporto tra costi e benefìci il recupero su supporto informatico dei documenti e degli atti cartacei dei quali sia obbligatoria o opportuna la conservazione e provvedono alla predisposizione dei conseguenti piani di sostituzione degli archivi cartacei con archivi informatici, nel rispetto delle regole tecniche adottate ai sensi dell articolo 71, ovvero le regole tecniche del CNIPA, documento informatico, emanate con deliberazione 21/05/2009 e 282 del 03/12/2009, L articolo 43 del Cad, invece, statuisce: I documenti degli archivi... o documento di cui è prescritta la conservazione per legge o regolamento, ove riprodotti su supporti informatici sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge, se la riproduzione sia effettuata in modo da garantire la conformità dei documenti agli originali e la loro conservazione nel tempo, nel rispetto delle regole tecniche... Restano validi i documenti degli archivi... già conservati mediante supporto ottico o con altro processo idoneo a garantire la conformità dei documenti agli originali. I documenti informatici, di cui è prescritta la conservazione per legge o regolamento, possono essere archiviati per le esigenze correnti anche con modalità cartacee e sono conservati in modo permanente con modalità digitali. In altri termini, il quadro normativo si completerà con le attese regole tecniche e con i nascendi regolamenti di cui si è detto. 14 iged.it RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE ANCHE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO EX L. 241/90? Fatta questa doverosa premessa, trattandosi di procedimento amministrativo, sia pure con fascicolo informatico, e considerato che anche la cartella clinica digitale rientra certamente tra i documenti amministrativi di cui è consentito il diritto di accesso, viene da chiedersi se il responsabile della conservazione sostitutiva (Cfr. art.

15

16 5 CNIPA n. 11/04) debba assumere anche l ulteriore ruolo di responsabile del procedimento amministrativo (di conservazione sostitutiva appunto), riconoscendo di conseguenza all interessato (il paziente) un diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi relativi alla conservazione, al retta adozione delle regole minime di cui alla deliberazione del CNIPA n. 11/04 e successiva produzione normativa e/o regolamentare. La questione è tutt altro che di scarso interesse per almeno due motivi. Innanzitutto, l art. 5 della deliberazione CNIPA prevede che il procedimento di conservazione sostitutiva in tutto o in parte, ad altri soggetti, pubblici o privati, i quali sono tenuti ad osservare quanto previsto dalla presente deliberazione ; ciò comporterebbe per l outsourcer la necessità di dover assumere anche il diverso ruolo di responsabile del procedimento amministrativo e quindi essere tenuto al rispetto di quanto previsto nella legge n. 241/90 in merito al diritto di accesso. In secondo luogo, ammettere tale eventualità comporterebbe anche per gli aventi diritto (gli interessati latu procedure adottate per la conservazione della cartella clinica che, proprio perché digitale, comporta, come si è detto, un problema tutt altro che remoto di sicurezza informatica ed in particolare di assicurare la memoria digitale nel tempo, quindi ulteriore responsabilità diretta nei confronti degli interessati, oltre che dell ente per il quale operano. Verrebbe da pensare che il principio di trasparenza dell azione amministrativa dovrebbe consentire l accesso al procedimento di conservazione sostitutiva, stante anche la tipologia dei dati personali (sensibili) trattati in una cartella clinica, così da consentire all interessato il diritto di conoscere le modalità adottate nella conservazione di un documento così importante relativo alla sua storia clinico-sanitaria. È anche vero, tuttavia, che l art iged.it della legge n. 241/90 non ammette istanze di accesso preordinate ad un controllo generalizzato dell operato delle pubbliche amministrazioni e che parimenti, nel caso di terzi soggetti richiedenti, non è consentito l accesso quando i documenti riguardino la vita privata o la riservatezza particolare riferimento agli interessi sanitari, ancorché i relativi dati siano forniti all amministrazione dagli stessi soggetti cui si riferiscono, a meno che, nel caso che ci interessa, l accesso ai documenti amministrativi non sia preordinato alla tutela di una posizione giuridicamente rilevante di rango almeno pari a quello dell interessato (si pensi al parente del defunto il quale chiede l accesso alla cartella clinica digitale). La giurisprudenza amministrativa ha osservato che il diritto di accesso è sempre fondato sull interesse so- situazione soggettiva giuridicamente rilevante e che esso è strumentale ad acquisire la conoscenza necessaria a valutare la portata lesiva di atti o comportamenti; mentre va da tutto ciò escluso che il diritto medesimo garantisca un potere esplorativo di vigilanza da esercitare attraverso il diritto all acquisizione conoscitiva di se l esercizio dell attività amministrativa possa ritenersi svolto secondo i canoni di trasparenza; ciò in quanto l interesse alla conoscenza dei documenti amministrativi è destinato alla comparazione con altri interessi rilevanti, fra cui quello dell Amministrazione, a non subire eccessivi intralci nella propria attività gestoria, garantita anche a livello costituzionale; in altre parole, la disciplina sull accesso tutela solo l interesse alla conoscenza e non l interesse ad effettuare un controllo sull amministrazione, allo sfera dei privati (Cfr. Cons. St., Sez. VI, 11/05/2007, n. 2314). Al responsabile del procedimento amministrativo sono imputati i momenti procedurali, nonché le conseguenze di eventuali ritardi od omissioni, ed ha un ruolo propulsivo e tutorio, oltre ad essere il titolare di rilevanti poteri organizzativi e direttivi dell iter procedimentale. L art. 6, legge n. 241/90, infatti, attribuisce al responsabile del procedimento diversi poteri-doveri, tra cui quello zioni di ammissibilità e i requisiti di legittimazione, nonché i presupposti rilevanti per l emanazione del provvedimento. Si tratta pertanto di una zione di trasparenza amministrativa che, a parere dello scrivente, viaggia su binari diversi di quello del responsabile della conservazione, il quale ha invece precisi compiti di assicurare la correttezza delle procedure di conservazione, tanto più se si stratta di un ente privato esterno alla pubblica amministrazione. Se così è, ben potrà aversi un responsabile della conservazione sostitutiva che garantirà il rispetto delle procedure per la conservazione della cartella clinica digitale ed un responsabile del procedimento amministrativo che invece si limiterà ad assolvere agli oneri nascenti dalle richieste di accesso alla cartella clinica ex l. n. 241/90. IL PERIODO DI CONSERVAZIONE IN AMBITO SANITARIO: LA MEMORIA DIGITALE Ciò detto, per concludere questa breve analisi sulla rivoluzione digitale, è opportuno rammentare la Circolare del Ministero della Sanità n. 61 del 19/12/1986 riguardo il periodo di conservazione della documentazione sanitaria presso le istituzioni sanitarie pubbliche e private di ricovero e cura. Detta circolare indica che le cartelle cliniche, unitamente ai relativi referti, vanno conservate illimitatamente poiché rappresen- tire la certezza del diritto, oltre a costituire preziosa fonte documentaria per le ricerche di carattere storico sanitario, mentre in merito alla conservazione, presso l archivio -

17 PHGLFR OHJDOH DPPLQLVWUDWLYR H VFLHQWLÀFR SRVVD HVVHUH VXIÀFLHQWH XQ SHULRGR GL YHQWL fermo restando per gli enti di anni, garantire un periodo maggiore. Ogni medaglia ha il suo rovescio, così anche la rivoluzione digitale ha i suoi punti critici che dovranno essere seriamente affrontati dalle strutture sanitarie che produrranno una mole LQGHÀQLWD GL GRFXPHQWD]LRQH GLJLtale, ovvero dovranno garantire la leggibilità e inalterabilità, oltre che LPPRGLÀFDELOLWj QHO WHPSR GL WDOL archivi. Tralasciando le questioni sui supporti opportuni o meno da utilizzare per il riversamento e/o la memorizzazione, resta un problema concreto: la sicurezza informatica assoluta non esiste; semmai si può discutere di sicurezza relativa, cioè della probabilità che un evento accada o meno secondo la migliore scienza ed esperienza nel settore dell informatica. I fatti hanno dimostrato come le tecnologie paradossalmente non riescono a garantire la memoria nel tempo, salvo costanti e continui aggiornamenti tecnologici a causa di un obsolescenza nel settore dell informatica ÀQ WURSSR JDORSSDQWH FRVu O XQLFR modo oggi per garantire la memoria nel tempo è rappresentato dal buon vecchio scalpello e dalla cara pietra, che insieme hanno dimostrato di resistere millenni e che oggi rappresentano la vera ipoteca sul passato dell essere umano. Ma se così è, la prestazione in outsourcing del responsabile della conservazione sostitutiva, il quale dovrebbe garantire la leggibilità, LQDOWHUDELOLWj H LPPRGLÀFDELOLWj cioè garantire la memoria digitale nel tempo del documento (digitale) portato in conservazione sostitutiva, è un obbligazione di mezzi o di risultato? A giudicare da come vengono interpretate le norme in vigore sembrerebbe di risultato, ma non ne sarei così convinto, anzi... FABIO TOMMASI Avvocato, specializzato in diritto delle nuove tecnologie, titolare dello Studio Legale Tommasi SEDE BM&Planeta, Parma ATTUALE COPERTURA TERRITORIALE ARCHIVIAZIONE CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA RESPONSABILE DI CONSERVAZIONE PRINTING AND DELIVERY INSIEME PER OGNI TUO PROGETTO

18 APPROFONDIMENTI Moda Europea scopre l interoperabilità Con ebiz le filiere delle aziende del fashion europeo hanno trovato la loro lingua franca ARIANNA BRUTTI E ANTONIO TOCI Se il settore della moda è importante per l Europa, per l Italia è uno dei simboli della cultura nazionale. Non solo, ma in Italia il settore si caratterizza per una struttura industriale particolarmente frammentata in vari distretti industriali e gruppi di imprese sparsi sul territorio nazionale. È intuitivo capire l importanza che di scambio delle informazioni nelle livello italiano ed europeo, è ancora da raggiungere. Da tempo ci si aspetta che l interoperabilità tra sistemi informatici differenti, prerequisito necessario allo scambio digitale ed automatico delle informazioni, possa essere il risultato della ricerca di una sorta di lingua franca da far adottare alle recente, ha fatto un ulteriore, forse decisivo, passo avanti con l attesa conclusione del progetto europeo chiamato più brevemente ebiz, ma più estesamente indicato anche come ebiz-tcf 1 Il progetto promosso dalla DG Enterprise and Industry 2 della Commissione Europea è stato da questa tre partner chiave: le associazioni di settore dell industria europea EURATEX 3, CEC 4 e ad ENEA 5. I 18 iged.it

19 L ADOZIONE DELLA SOLUZIONE EBIZ PRODUCE PER LE IMPRESE DIVERSI BENEFICI Marco Ricchetti 7, coordinatore delle esperienze pilota del progetto ebiz, sottolinea che i dinamico. Il vantaggio statico si ottiene grazie ad un miglior controllo sui costi. Avere un miglior controllo dei costi risultati sono stati presentati durante i lavori della Conferenza ebiz-tcf tenutasi a Bruxelles lo scorso 20 e 21 ottobre. Finanziato ed avviato dalla Commissione Europea nel Gennaio 2008, ebiz-tcf aveva la missione di armonizzare e promuovere la diffusione dei processi di e-business nelle imprese del Tessile Abbigliamento e Calzatura (TCF) con, ovviamente, particolare attenzione alle piccole e medie imprese (PMI) europee. Alla Conferenza si è respirato un clima di ottimismo misto a soddisfazione europee coinvolte nel progetto (oltre 150), sia dalla loro rappresentatività (per esempio Ermenegildo Zegna nel Tessile e Confezione e Bata nel calzaturiero), sia per il numero di partecipanti presenti. APPROCCIO DEL PROGETTO Obiettivo del progetto era la messa a punto di un architettura di riferimento e la sua sperimentazione sul campo. Il progetto è partito dalla constatazione che le logiche della collaborazione e dello scambio dati cambiano molto quando si focalizzano i rapporti fra le organizzazioni della vendita (rapporti multisettoriali per i quali c è grande zione in considerazione dei volumi di scambio in gioco) o quando si guarda alle relazioni tra produttori, terzisti e fornitori (dialoghi specializzati, per i - Con questi presupposti, strada facendo, si è scelto di mettere a disposizione degli utilizzatori e pubbliche capaci di riutilizzare il più possibile metodologie e tecnologie esistenti. Questa strategia favorisce la diffusione dell ebusiness, piuttosto soluzione da imporre al mercato. Nell ambito di questa strategia volta a riproporre il potenziamento di tecnologie esistenti, ebiz ha posto a fondamento della sua architettura le precedenti esperienze Europee: Moda-ML Shoenet UBL ed i progetti Texweave e CecMadeShoe. Per quanto riguarda l upstream, ov- deciso di utilizzare le strutture di Moda-ML (iniziativa già consolidata e a suo tempo coordinata da Enea), nata dalle necessità del tessile e delle confezioni e di Shoenet (iniziativa similare radicata in Spagna e coordinata da INESCOP) per chi si rivolge al settore del calzaturiero. Così, senza reinventare la ruota, le rienze sono state raccordate e armonizzate all interno della architettura ebiz che diventa perciò una risposta alle esigenze di interoperabilità attraverso i vari strati delle due complesse zate le esigenze dell upstream era iged.it

20 L ESPERIENZA DEL GRUPPO ERMENEGILDO ZEGNA La Ermenegildo Zegna è una azienda che a buon diritto rientra nella categoria delle multinazionali tascabili italiane e non solo per i suoi 800 milioni di Euro di fatturato annuo. L azienda tessile, fondata nel 1910 da chi le diede il nome con l aspirazione di fare e distribuire i tessuti più belli del mondo, negli anni 60 fece un salto di qualità quando operò l integrazione verticale dei proces- una sua collezione uomo. L internazionalizzazione della produzione e della distribuzione furono solo una conseguenza. Oggi l Ermenegildo Zegna conta diversi nuclei produttivi nel mondo per il mondo (Italia , Spagna , Svizzera , Turchia , Messico , Cina 2003) oltre a numerosi negozi di proprietà collocati nei quartieri più prestigiosi delle più importanti città del mondo. La nuova sede centrale di Milano comprende anche una grande show-room e impiega, da sola, centocinquanta persone. Luca Sangiovanni 8 è un utente soddisfatto delle soluzioni ebiz. Noi abbiamo fatto i primi passi nel mondo dell interoperabilità utilizzando la tecnologia predisposta con ModaMl, e questo oggi ci consente di utilizzare ebiz per gli ordini, le conferme d ordine ed i carichi di magazzino delle materie prime destinate alle nostre linee di produzione strategiche: Abiti da Uomo, Camicieria Maschile e Cravatte. Per tenere sotto controllo la qualità delle forniture, in Ermenegildo Zegna avevamo utiliz- qualità e della logistica, anche le tecnologie risultanti da una precedente esperienza europea (Leap Frog). Ora grazie ebiz, siamo in grado di metterci in diretto contatto, per così dire in straight through processing, con i nostri principali fornitori quali: Fratelli Piacenza, Reda, Barberis Canonico Vitale e Fintes (tutte aziende del distretto biellese come la Ermenegildo Como. Lo scambio di informazioni automatico raggiunto con questi fornitori attualmente rappresenta il 25% per la linea dei capospalla, il 15% nella linea camiceria ed il 45 % nelle di sintonizzazione iniziale, oggi per i volumi di ordini trattati siamo a livello di errori zero. Questo rappresenta un importantissimo risparmio di tempo in un settore che richiede, come (qualità totale dei dati scambiati). Quando dobbiamo lanciare una stagione spendiamo molto tempo nelle analisi dei trend di - due certezze: che gli ordini siano trasmessi velocemente e correttamente; che siano ricevuti ed Siamo talmente soddisfatti dei risultati raggiunti che consideriamo le soluzioni di ebiz come standard e la tendenza è quella di estenderne l applicazione a tutti i Fornitori consolidati. In futuro vogliamo portare al cento per cento di copertura l utilizzo delle tecnologie dell interoperabilità sia con i fornitori nazionali sia, visto l aspetto Europeo della iniziativa, con quelli almeno europei. Le strategia di diffusione avrà due gambe: da un lato proporremo per primi queste soluzioni e dall altro cercheremo di sfruttare l onda di diffusione ed espansione di ebiz almeno in sede europea. necessario trovare uno sbocco verso la catena distributiva (il downstream) che ovviamente non poteva essere 20 iged.it nativa al comparto moda. In questo ambito si è fatto ricorso ad UBL, l erede dei linguaggi EDI dei tempi di Internet, e, in parte, di EANCOM. Questa scelta è stata una trasposizione, solo apparentemente ovvia, del fatto che non basta avere delle buone aziende che collaborano in modo prodotti di qualità se questi ultimi non trovano un modo adeguato per essere collocati sul mercato e portati presso i punti di vendita. In questo ambito, una delle scommesse di ebiz è stata quella di abilitare il nascono durante i processi di vendita per risalire verso la produzione. Scopo principale di queste informazioni è di dare alla produzione il polso del mercato, per consentirle di migliorare al massimo la capacità di portare nei negozi ciò che serve quando serve, chi vende, sia per chi produce. Sino ad oggi le imprese prive di negozi propri, così come le organizzazioni di vendita di medio-piccola dimensione, erano escluse dalla possibilità di attivare tali canali, ora si spera di aprire una fase nuova. A questo scopo sono stati previsti processi come Classic Preorder, CRP, VMI, ecc.. Ad esempio il Classic Preorder (CP) è un processo che vede coinvolti il Produttore ed il Rivenditore, ove quest ultimo ordina in anticipo sulla stagione i prodotti desiderati. La comunicazione può interrompersi anche per qualche mese, ma il processo di fatturazione sarà innescato o alla spedizione dei prodotti o sulla base del venduto. Nel caso del processo CRP (Cyclic Replenishment Program) il Rivenditore può scegliere, da una lista di prodotti che il produttore garantisce come NOS, ovvero come sempre disponibili a stock (Never Out of Stock), quali articoli farsi arrivare settimanalmente. Anche in questo caso il processo di fatturazione sarà innescato o alla spedizione o sulla base del venduto. Il VMI (Vendor Management Inventory) è un mezzo per ottimizzare le prestazioni della catena di distribuzione. Il fabbricante è responsabile per il mantenimento dei livelli di stock del

Moda Europea scopre l interoperabilità

Moda Europea scopre l interoperabilità APPROFONDIMENTI Moda Europea scopre l interoperabilità Con ebiz le filiere delle aziende del fashion europeo hanno trovato la loro lingua franca Arianna Brutti e Antonio Toci Se il settore della moda è

Dettagli

Comunicare è di. moda. Il linguaggio digitale per il tessile abbigliamento e calzatura TCF

Comunicare è di. moda. Il linguaggio digitale per il tessile abbigliamento e calzatura TCF Comunicare è di moda Il linguaggio digitale per il tessile abbigliamento e calzatura Cos è ebiz? È un iniziativa europea rivolta ad armonizzare il linguaggio e le procedure per l integrazione delle imprese

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI 1. Premessa Con raccomandazione del 27/10/2011 - digitalizzazione e accessibilità dei contenuti culturali e sulla conservazione digitale - la

Dettagli

E-Government. L e-government attraverso il procedimento amministrativo informatizzato. di Rosanna Udanch Università degli Studi di Sassari

E-Government. L e-government attraverso il procedimento amministrativo informatizzato. di Rosanna Udanch Università degli Studi di Sassari E-Government L e-government attraverso il procedimento amministrativo informatizzato di Rosanna Udanch Università degli Studi di Sassari 1 E- Government Dopo un lungo immobilismo legislativo si è verificato

Dettagli

Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva - novità della Finanziaria 2008 * Alessandro Mastromatteo ** e Benedetto Santacroce ***

Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva - novità della Finanziaria 2008 * Alessandro Mastromatteo ** e Benedetto Santacroce *** Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva - novità della Finanziaria 2008 * Alessandro Mastromatteo ** e Benedetto Santacroce *** L articolo esamina le novità introdotte dalla Finanziaria 2008

Dettagli

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR La valutazione del personale Come la tecnologia può supportare i processi HR Introduzione Il tema della valutazione del personale diventa semprè più la priorità nella gestione del proprio business. Con

Dettagli

Audizione. Assinform

Audizione. Assinform Audizione di Assinform Associazione italiana dell Information Technology presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) del Senato della Repubblica nell ambito dell esame del disegno

Dettagli

Top Consult. Da piccola azienda a leader di mercato. Mauro Parsi mparsi@topconsult.it

Top Consult. Da piccola azienda a leader di mercato. Mauro Parsi mparsi@topconsult.it Top Consult Da piccola azienda a leader di mercato Mauro Parsi mparsi@topconsult.it Il Documento Informatico obbligo e opportunità per le imprese Top Consult Da piccola azienda a leader di mercato 3 ottobre

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1 TECNOFER 85 S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Tecnofer 85 è un azienda commerciale che tratta prodotti di ferramenta, nasce nel 1985 come fornitore di aziende artigiane per iniziativa dell attuale titolare

Dettagli

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE SCHEDA Il Codice è il risultato di oltre due anni di lavoro, di continue interazioni con tutti i livelli istituzionali, con le Regioni e le Autonomie Locali. È stato

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP Prof. Stefano Pigliapoco L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP s.pigliapoco@unimc.it La società dell informazione e della conoscenza La digitalizzazione delle comunicazioni,

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE Sommario: 1. Struttura e finalità del codice dell amministrazione digitale. - 2. La teleamministrazione e l atto elettronico. - 3. Il documento

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO GENOVA - 30 GIUGNO 2009 - ORE 9.30 CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO IMPRENDITORIALE SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

L ufficio senza carta: ora si può

L ufficio senza carta: ora si può Organizzazione L ufficio senza carta: ora si può Renata Bortolin Negli ultimi anni, abbiamo assistito al susseguirsi di annunci di leggi che semplificano i procedimenti amministrativi, fiscali e tributari

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale progetto realizzato con il contributo Segreteria organizzativa Adeguarsi al cambiamento E-commerce e organizzazione

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

La conservazione digitale nello studio professionale

La conservazione digitale nello studio professionale La conservazione digitale nello studio professionale 20.10.2015 Relatore: Dott. Fabrizio Scossa Lodovico OPEN Dot Com Spa Fattura P.A. Facile Pag. 1 FONTI NORMATIVE Codice Civile: artt. da 2214 a 2220

Dettagli

Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti

Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti Focus di pratica professionale di Marco Thione Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti Considerazioni introduttive: la dematerializzazione come opportunità La cosiddetta

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

"NEUTRALITA' DELLE RETI, FREE SOFTWARE E SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE"

NEUTRALITA' DELLE RETI, FREE SOFTWARE E SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE Proposta di legge dei senatori Vincenzo VITA (PD) e Luigi VIMERCATI (PD) "NEUTRALITA' DELLE RETI, FREE SOFTWARE E SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE" TITOLO I FINALITÀ, AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI Art.

Dettagli

La Bussola Digitale di ICON: come rispettare le norme, evitare le trappole e arrivare vincenti alla meta. Arturo Salvatici

La Bussola Digitale di ICON: come rispettare le norme, evitare le trappole e arrivare vincenti alla meta. Arturo Salvatici La Bussola Digitale di ICON: come rispettare le norme, evitare le trappole e arrivare vincenti alla meta Arturo Salvatici ICON Company Profile Vimercate Azienda presente sul mercato dal 1994 Opera su tutto

Dettagli

La conservazione della fattura elettronica e della pec

La conservazione della fattura elettronica e della pec Confindustria Firenze 17 luglio 2014 La conservazione della fattura elettronica e della pec Relatore Avv. Chiara Fantini Of Counsel Studio Legale Frediani - Partner DI & P Srl Indice Quadro normativo in

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

Standard ICT per la Filiera Tessile Abbigliamento

Standard ICT per la Filiera Tessile Abbigliamento Standard ICT per la Filiera Tessile Abbigliamento Piero De Sabbata piero.desabbata@enea.it ENEA UTT-PMI / CROSS-TEC 30/1/2014 Napoli Sommario - La filiera Tessile Abbigliamento - ICT per la filiera - Standard

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

Privacy Policy INFORMATIVA CLIENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Privacy Policy INFORMATIVA CLIENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Privacy Policy INFORMATIVA CLIENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (di seguito Codice della Privacy ) La pagina web https://www.edilmag.it

Dettagli

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Dott.ssa Alessandra Bordini Provincia di Reggio Calabria Responsabile Servizio Pianificazione Progettazione

Dettagli

L interoperabilità e l integrazione nel trasferimento dati nella filiera tessile: ebiz, un abilitatore delle reti di imprese

L interoperabilità e l integrazione nel trasferimento dati nella filiera tessile: ebiz, un abilitatore delle reti di imprese L interoperabilità e l integrazione nel trasferimento dati nella filiera tessile: ebiz, un abilitatore delle reti di imprese Arianna Brutti, ENEA CROSS-TEC Sessione Fashion, Convegno FabbricaFuturo 19

Dettagli

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato.

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato. Disclaimer L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito l Utente ), del contenuto del presente Disclaimer.

Dettagli

Gestione Elettronica Documentale

Gestione Elettronica Documentale Gestione Elettronica Documentale PER LE AZIENDE E I PROFESSIONISTI Servizi - Consulenza - Soluzioni Software Premessa Il Gruppo Maggioli propone soluzioni e servizi per la conversione di documenti analogici

Dettagli

SMS di pubblica utilità: le regole per il corretto uso

SMS di pubblica utilità: le regole per il corretto uso SMS di pubblica utilità: le regole per il corretto uso GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Nella riunione odierna, in presenza del prof. Giuseppe Santaniello, vice-presidente, del prof. Gaetano

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT (THE PRESERVATION OF THE ELECTRONIC RECORDS WITHIN THE ITALIAN E-GOVERNMENT PROCEDURES) Maria Guercio Il quadro normativo

Dettagli

Manuale della trasparenza digitale e. della gestione del sito ersucam.it

Manuale della trasparenza digitale e. della gestione del sito ersucam.it Pagina 1 di 16 Descrizione delle Revisioni Rev. 1: Aggiornamento della normativa al 30-11-2011 5 4 3 2 1 0 Rev. Organo GRUPPO LAVORO Firma DIRETTORE Firma CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE DATA APPROVAZIONE REDAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

Focalize InfoLab ebiz visto da Objtec

Focalize InfoLab ebiz visto da Objtec Focalize InfoLab ebiz visto da Objtec ebiz evento nazionale in Italia Modena 7 Giugno 2010 Relatore: Massimiliano Morbilli Product Manager Objtec srl Objtec s.r.l. - via Svizzera 4/a 41012 Carpi (MO) ITALY

Dettagli

SISTEMI DI PAGAMENTO E FATTURAZIONE ELETTRONICA: IL FLUSSO ELETTRONICO DEL VALORE NELLA PA ALDO LUPI ANCITEL LOMBARDIA

SISTEMI DI PAGAMENTO E FATTURAZIONE ELETTRONICA: IL FLUSSO ELETTRONICO DEL VALORE NELLA PA ALDO LUPI ANCITEL LOMBARDIA SISTEMI DI PAGAMENTO E FATTURAZIONE ELETTRONICA: IL FLUSSO ELETTRONICO DEL VALORE NELLA PA LA FATTURAZIONE ELETTRONICA OPERAZIONE AMARCORD: 25/11/2008 L ARCHITETTURA IPOTIZZATA FORNITORE DELLA PA SISTEMA

Dettagli

Guida. Sostegno individuale nella formazione professionale di base

Guida. Sostegno individuale nella formazione professionale di base Guida Sostegno individuale nella formazione professionale di base 2 Utilizzo della guida Nella guida sono riportate le misure e le possibilità d azione basate sulle esperienze fatte finora. I responsabili

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

STUDIO SESANA ASSOCIATI

STUDIO SESANA ASSOCIATI Ai Sigg. CLIENTI TITOLARI P.IVA Loro Sedi FATTURA ELETTRONICA VERSO LA P.A. Carissimi Clienti, a partire dal 6 giugno 2014 (la P.A. centrale) i Ministeri, le Agenzie fiscali (es.: Agenzia delle Entrate,

Dettagli

REGOLAMENTO SITO WEB

REGOLAMENTO SITO WEB REGOLAMENTO SITO WEB Art 1. Sito Web Il sito dell Istituto Comprensivo di Montecorvino Pugliano, www.icpugliano.gov.it, è curato da responsabili incaricati dal dirigente scolastico. Per le caratteristiche

Dettagli

FRANCHISING E DISTRIBUZIONE

FRANCHISING E DISTRIBUZIONE Passepartout Retail è una soluzione studiata per soddisfare le esigenze gestionali e fiscali delle attività di vendita al dettaglio. Il prodotto, estremamente flessibile, diventa specifico per qualsiasi

Dettagli

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA L azienda pag. 1 Gli asset strategici pag. 2 L offerta pag. 3 Il management Pradac Informatica pag. 5 Scheda di sintesi pag. 6 Contact: Pradac Informatica Via delle

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

LA FORMAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE

LA FORMAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE Prof. Stefano Pigliapoco LA FORMAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE ANAI, Cagliari 6 marzo 2006 s.pigliapoco@fastnet.it L Amministrazione Pubblica Digitale Il complesso delle norme di recente

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006 PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE Maggio 2006 1 Evoluzione tecnologica 1 Negli ultimi anni le P.A. si sono fortemente impegnate nello sviluppo di reti di computer

Dettagli

ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO

ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO Albo Pretorio on-line L art. 32 della Legge n. 69 del 18 giugno 2009 così come modificato dal D.L. 30.12.2009 n. 194 art. 2, c. 5, stabilisce il termine del 1 gennaio

Dettagli

Con RICOH è più facile

Con RICOH è più facile Con RICOH è più facile RICOH aiuta le aziende ad aumentare l efficienza e l efficacia della gestione documentale, dei processi informativi e dei flussi di lavoro. RICOH si propone come unico partner di

Dettagli

LE GARE PER L AGGIUDICAZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI ALTA TECNOLOGIA E DIGITALI. L ACQUISIZIONE DI SOFTWARE

LE GARE PER L AGGIUDICAZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI ALTA TECNOLOGIA E DIGITALI. L ACQUISIZIONE DI SOFTWARE STEFANO D ANCONA LE GARE PER L AGGIUDICAZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI ALTA TECNOLOGIA E DIGITALI. L ACQUISIZIONE DI SOFTWARE DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI.

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE:

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: Disposizioni attuative ed integrative dell articolo 1, commi da 111 a 122, della legge regionale 13 agosto 2011 n. 12 in materia di Bollettino Ufficiale telematico della

Dettagli

FORMAZIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI

FORMAZIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI FORMAZIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI ART. 40. FORMAZIONE DI DOCUMENTI INFORMATICI LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI CHE DISPONGONO DI IDONEE RISORSE TECNOLOGICHE FORMANO GLI ORIGINALI

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA GENERALE UNIMEC S.R.L. Via Palazzo, 36 Albano S. Alessandro Bg Informazioni rese ai sensi dell art. 13 del D. Lgs.vo 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

Studio del caso Vodafone Illva Saronno Holding SpA. Il time-to-market è sceso da 72 a 36 ore - una riduzione del 50%!.

Studio del caso Vodafone Illva Saronno Holding SpA. Il time-to-market è sceso da 72 a 36 ore - una riduzione del 50%!. Il time-to-market è sceso da 72 a 36 ore - una riduzione del 50%!. Grazie alla soluzione Vodafone, i nostri dipendenti hanno accesso immediato ai dati di cui hanno bisogno per supportare i nostri clienti

Dettagli

L evoluzione dell e-commerce per la Moda. web: www.cesaweb.it. www.evofashion.it

L evoluzione dell e-commerce per la Moda. web: www.cesaweb.it. www.evofashion.it 1 L evoluzione dell e-commerce per la Moda web: www.cesaweb.it www.evofashion.it Che cos è l E-Commerce? 2 L e-commerce è prima di ogni cosa : COMMERCIO Conoscenza del mercato: fornitori, prodotti e clienti

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Fatturazione elettronica

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Fatturazione elettronica COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Fatturazione elettronica Roma, 3 dicembre 2014 (ore 20:30) Palazzo San Macuto, via del

Dettagli

:: Domus Project Office suite è la soluzione semplice e completa ::

:: Domus Project Office suite è la soluzione semplice e completa :: :: Domus Project Office suite è la soluzione semplice e completa :: per la gestione dell agenzia immobiliare e mediazione creditizia! Sorprendete i vostri clienti con un servizio professionale, rapido

Dettagli

M.Gentilini M. Vitale

M.Gentilini M. Vitale D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa art. 50 La gestione dei documenti deve essere effettuata mediante sistemi

Dettagli

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Belluno 28 gennaio 2014 www.feinar.it PEC: Posta Elettronica Certificata Che cos'è e come funziona la PEC 3 PEC: Posta Elettronica

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Definizione 1 E un servizio, obbligatorio

Dettagli

Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni

Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni massella@cnipa.it Seminario Confindustria Firenze Firenze, 15 gennaio 2009 1 La gestione dei documenti informatici

Dettagli

Il tuo partner perfetto

Il tuo partner perfetto tecnologico Partner Il tuo partner perfetto Le soluzioni per la supply chain di Avnet I nostri partner 2 Le soluzioni per la supply chain di Avnet Il tuo partner perfetto La tua logistica è in buone mani,

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20. Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato

LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20. Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato 26115 LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20 Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

FRANCHISING E CATENE DI

FRANCHISING E CATENE DI Passepartout Retail è una soluzione studiata per soddisfare le esigenze gestionali e fiscali delle attività di vendita al dettaglio. Il prodotto, estremamente flessibile, diventa specifico per qualsiasi

Dettagli

Dichiarazione dei diritti in Internet

Dichiarazione dei diritti in Internet Dichiarazione dei diritti in Internet Questo documento costituisce il nuovo testo della Dichiarazione elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet a seguito della consultazione

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni

Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni nella P.A. e, con la propria organizzazione, è garanzia d immediata risposta alle necessità

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

Open data: aspetti giuridici Trento, 29 settembre 2015. Stefano Leucci - Università di Trento - stefano.leucci@unitn.it

Open data: aspetti giuridici Trento, 29 settembre 2015. Stefano Leucci - Università di Trento - stefano.leucci@unitn.it Open data: aspetti giuridici Trento, 29 settembre 2015 Stefano Leucci - Università di Trento - stefano.leucci@unitn.it Obiettivi Spiegare le regole giuridiche per la circolazione delle informazioni. Costruire

Dettagli

Informativa trattamento dei dati personali. Micro-tec srl

Informativa trattamento dei dati personali. Micro-tec srl Informativa trattamento dei dati personali Micro-tec srl Informativa ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 sul trattamento dei dati personali. Il D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE Informatizzazione

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE Informatizzazione REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE Informatizzazione Proposta nr. 10 del 29/06/2012 - Determinazione nr. 1926 del 03/09/2012 Oggetto: Affidamento del servizio

Dettagli

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M.

S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M. S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M. I L a C o n s e r v a z i o n e S o s t i t u t i v a p e r l

Dettagli

Figura 1 - Alcuni esempi di macchine distribuite da Selettra. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Alcuni esempi di macchine distribuite da Selettra. Politecnico Innovazione 1 SELETTRA S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Selettra distribuisce macchine ad alto contenuto tecnologico per la produzione di circuiti stampati; le macchine sono prodotte in USA, Giappone, Francia, Germania,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Relazione sull Opinione degli Studenti sulla didattica A.A. 2009-2010 Premessa Ai sensi dell art. 1, comma 1 e 2, della Legge 19 ottobre 1999, n.370 le università adottano un sistema di valutazione interna

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura della rete) Introduzione e processo di revisione

PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura della rete) Introduzione e processo di revisione PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura della rete) Introduzione e processo di revisione ( Questa versione (bozza iniziale) della PUA è stata creata da una Commissione, incaricata dal Dirigente Scolastico,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Tecnoservizi S.a.s - Via Chiesa sud, 134-41016 Rovereto s/s (MO) - tel.: 059672111 - fax: 0594909946 - e.mail: ts@tsnet.

CARTA DEI SERVIZI. Tecnoservizi S.a.s - Via Chiesa sud, 134-41016 Rovereto s/s (MO) - tel.: 059672111 - fax: 0594909946 - e.mail: ts@tsnet. CARTA DEI SERVIZI INDICE PARTE I - I PRINCIPI FONDAMENTALI 1.1 PREMESSA 1.2 PRINCIPI FONDAMENTALI 1.3 UGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ 1.4 CONTINUITÀ DI SERVIZIO 1.5 DIRITTO DI SCELTA 1.6 PARTECIPAZIONE AL

Dettagli

Adobe. La Sicurezza delle Informazioni e dei Documenti nel rispetto del Codice della Amministrazione Digitale

Adobe. La Sicurezza delle Informazioni e dei Documenti nel rispetto del Codice della Amministrazione Digitale Adobe La Sicurezza delle Informazioni e dei Documenti nel rispetto del Codice della Amministrazione Digitale La Sicurezza informatica nella P.A.: strumenti e progetti Roma, 9 Maggio 2005 Andrea Valle Business

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO INFORMATICO. Approvato dal Consiglio d Istituto in data

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO INFORMATICO. Approvato dal Consiglio d Istituto in data REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO INFORMATICO Approvato dal Consiglio d Istituto in data Articolo 1 Oggetto del Regolamento 1. In attuazione dei principi di pubblicità e di trasparenza

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione un catalogo di offerta formativa multimediale MiFORMOeLAVORO è il progetto, lanciato da Adversus in collaborazione con Skilla, che ha l obiettivo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO FATTURA PA

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO FATTURA PA DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto si intende per: - Contratto : indica le presenti Condizioni Generali di Contratto, la Richiesta di attivazione del Servizio (o Ordine), l Allegato tecnico ed

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Istituto Comprensivo n.1 G. Mazzini-E.Fermi Via Mazzini n.68 67051 Avezzano (AQ) tel. 0863413379/fax 0863410724 cod. mecc. AQIC84000R C.F. 90041360661 email: aqic84000r@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati Agenzia per l Italia Digitale 21-11-2014 L «ecosistema» della gestione dei documenti informatici PROTOCOLLO INFORMATICO FIRME ELETTRONICHE

Dettagli

Roma, 21 dicembre 2009

Roma, 21 dicembre 2009 Roma, 21 dicembre 2009 Professionisti alle prese con la configurazione e la gestione quotidiana della PEC. Dopo essersene dotati ed averne comunicato l indirizzo all Ordine, entro lo scorso 29 novembre,

Dettagli

L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore per le aziende

L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore per le aziende MICROSOFT BUSINESS DESKTOP MICROSOFT ENTERPRISE CLUB Disponibile anche sul sito: www.microsoft.com/italy/eclub/ L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore

Dettagli