I N D I C E. - Prospetto dell Iter per il riconoscimento dell Invalidità, Cecità, Sordita, Handicap, Disabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I N D I C E. - Prospetto dell Iter per il riconoscimento dell Invalidità, Cecità, Sordita, Handicap, Disabile"

Transcript

1 1

2 I N D I C E - Prospetto dell Iter per il riconoscimento dell Invalidità, Cecità, Sordita, Handicap, Disabile pag. - INVALIDITA pag. - CECITA pag. - SORDITA pag. - HANDICAP pag. - DISABILITA pag. - Come si determina la percentuale di Invalidità Civile pag. - Gazzetta Ufficiale (Approvata con decreto del Ministero della Sanità 5 febbraio 1992) pag. 30 2

3 PROSPETTO DELL ITER PER IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA, CECITA, SORDITA, HANDICAP, DISABILE Le visite vengono effettuate presso L Ass di Via Duca d Aosta n. 11 Gorizia oppure presso l Ospedale San Polo di Monfalcone a secondo del Comune di residenza MEDICO CERTIFICATORE INVIA TELEMATICAMENTE IL CERTIFICATO MEDICO ALL INPS E RILASCIA AL PAZIENTE IL CERTIFICATO ORIGINALE FIRMATO (4 FOGLI) IL PAZIENTE SI RECA PRESSO UNA ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA (ANMIC,ENS, UIC,ANFASS) O PRESSO UN PATRONATO CON IL CERTIFICATO MEDICO ORIGINALE ED ESSI PROVVEDERANNO A TRASMETTERE LA DOMANDA TELEMATICAMENTE ALL INPS. L INPS, IN ACCORDO CON L AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 2 FISSA IL CALENDARIO DELLE VISITE E COMUNICA AL PAZIENTE, CON RACCOMANDATA, LA DATA DELLA VISITA Dal 1 gennaio 2010 la denominazione esatta delle Commissioni Ass è Commissione Medica Integrata ed è composta da: un medico specialista in medicina legale con funzioni di Presidente, due medici di cui uno specialista nella medicina del lavoro, un medico dell INPS e un rappresentate dell Anmic o dell Uic o Ens o Anfass a seconda dell accertamento che deve fare la commissione Il medico deve compilare obbligatoriamente i campi relativi ai dati anagrafici e la diagnosi, oltre all inserimento dei propri dati identificativi. Le rimanenti componenti del certificato sono, opzionali (anamnesi e obiettività). Le ultime disposizione dell Inps permettono ai soggetti abilitati alla trasmissione della domanda di modificare la richiesta del Medico certificatore (Invalidità, cecità, sordità, handicap, disabilità) aggiungendo, ove opportuno, un ulteriore richiesta di riconoscimento (es. disabilità) per i soggetti che hanno i requisiti per accedere a determinati benefici. Se il giudizio della Commissione è a MAGGIORANZA in verbale viene sospeso per ulteriori accertamenti fino alla determinazione del giudizio definitivo che viene effettuato dal Responsabile del Centro Medico Legale dell Inps tramite accertamento sugli atti oppure dispone una visita diretta da concludersi entro i successivi venti giorni. Il verbale viene poi inviato al paziente con raccomandata A.R. Se il giudizio della Commissione e UNANIME il verbale viene inviato automaticamente al paziente con raccomandata A.R, IL PAZIENTE DOVRA PRESENTARE IL GIORNO DELLA VISITA, ALLA COMMISSIONE, IL CERTIFICATO MEDICO ORIGINALE, FOTOCOPIA DELLA CARTA DI IDENTITA E DEL CODICE FISCALE E FOTOCOPIA DELLA DOCUMENTAZIONE SANITARIA. 3

4 Il Medico Certificatore Per inviare Telematicamente il certificato medico per il riconoscimento dell Invalidità Civile il Medico deve recarsi preso gli sportelli dell INPS con un documento di identità, codice fiscale e il numero di iscrizione all Ordine dei Medici. Per la trasmissione del certificato medico seguire i seguenti passaggi: a. Andare nel sito Inps b. Nei Servizi on-line ciccare Per tipologia di utente c. Cliccare su Medici Certificatori d. Cliccare su Certificato medico per il riconoscimento dell Invalidità Civile e. Inserire il Proprio Codice Fiscale e il Pin e cliccare su INVIA f. Cliccare Compila ed invia certificato medico g. Inserire nome e cognome del richiedente e il codice fiscale. Il medico deve compilare obbligatoriamente i campi relativi ai dati anagrafici e la diagnosi e i Codici ICD9-CM, le rimanenti componenti del certificato sono, opzionali (anamnesi e obiettività). Al punto in cui si richiede Si certifica che la persona è: O Impossibilitata a deambulare senza l aiuto permanente un accompagnatore/non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita senza assistenza continua. La selezione di tale dicitura deve essere fatta solo per le persone non in grado di deambulare oppure scelta anche quando la persona deambula ma non è in grado di compiere gli atti quotidiani della vita ossia affetta da patologia, es. mentale, che gli impedisce di decidere autonomamente di lavarsi, vestirsi o cucinarsi. O Affetta da malattia neoplastica in atto. La selezione di tale dicitura deve essere fatta quando la persona è affetta da patologia neoplastica a prescindere se esegue chemioterapia o altro. La selezione di tale dicitura fa sì che la commissione chiami a visita la persona entro 15 giorni. O Affetta da patologia in situazione di gravità ai sensi del D.M. 2 Agosto La selezione di tale dicitura deve essere fatta quando la patologia della persona rientra nelle 10 elencate nel D.M. e questo dà al paziente l esclusione alle visite di revisione. O Sussistono in atto controindicazioni mediche che rendono rischioso o pericoloso per sè e per gli altri lo spostamento del soggetto da suo domicilio. La selezione di tale dicitura deve essere fatta per le persone che richiedono la visita domiciliare.. 1. Sul Mod D Visita domiciliare : (Accesso tramite la digitazione del tasto Intrasportabilità ) O Certifico che sussistono in atto controindicazioni mediche che rendono rischioso o pericoloso per sè e per gli altri lo spostamento del soggetto da suo domicilio. La selezione di tale dicitura deve essere fatta solo per le persone che richiedono la visita domiciliare e sono intrasportabili 4

5 Il punto in cui si richiede Il presente Certificato è rilasciato ai fine della domanda di : Invalidità civile Cecità Sordità Handicap Disabilità è scelto dal medico certificatore al fine di richiedere uno o più riconoscimenti. Si precisa però che, su richiesta dell utente e a vantaggio dello stesso, il soggetto abilitato alla trasmissione della domanda, come da disposizioni dell INPS, può integrare la domanda del Medico certificatore con un ulteriore richiesta di riconoscimento (Invalidità, cecità, sordità, handicap, disabilità) per i soggetti che hanno i requisiti ad accedere a determinati benefici. 5

6 I N V A L I D I T A Generalità L art. 2 della legge 30 marzo 1971, n. 118, definisce INVALIDI CIVILI i cittadini affetti da minorazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo. Sono esclusi gli invalidi di guerra, gli invalidi del lavoro e gli invalidi per servizio, nonché i ciechi civili e i sordomuti, per i quali provvedono altre leggi. Con il riconoscimento di invalidità dal 34% al 45%: 1. Fornitura gratuita protesi ausili (ausili per igiene personale o mobilità) 2. Cure fisioterapiche (es. Ospizio marino di Grado) 3. Contrassegno per auto a soggetti con difficoltà motorie Con il riconoscimento di invalidità dal 46% al 66% 1. Fornitura gratuita protesi ausili (ausili per igiene personale o mobilità) 2. Cure fisioterapiche (es. Ospizio marino di Grado) 3. Iscrizione liste speciali per inserimento lavorativo mirato (dai 18 ai 65 anni) Con il riconoscimento di invalidità dal 67% al 73%: 1. Fornitura gratuita protesi ausili (ausili per igiene personale o mobilità) 2. Cure fisioterapiche (es. Ospizio marino di Grado) 3. Iscrizione liste speciali per inserimento lavorativo mirato (dai 18 ai 65 anni) 4. Tessera trasporto agevolato su autobus e corriere di linea regionale (da 0 anni in poi) 5. Esenzione Ticket su medicinali, analisi cliniche e visite mediche da (da 7 anni in poi) 6. Esenzioni tasse scolastiche e universitari in condizioni economiche disagiate Con il riconoscimento di invalidità dal 74% al 99%: 1. Fornitura gratuita protesi ausili (ausili per igiene personale o mobilità) 2. Cure fisioterapiche (es. Ospizio marino di Grado) 3. Iscrizione liste speciali per inserimento lavorativo mirato (dai 18 ai 65 anni) 4. Tessera trasporto agevolato su autobus e corriere di linea regionale (da 0 anni in poi) 5. Esenzione Ticket su medicinali, analisi cliniche e visite mediche da (da 7 anni in poi) 6. Esenzioni tasse scolastiche e universitari in condizioni economiche disagiate 7. Scivolo pensione: 2 mesi figurativi per ogni anno lavorato (dal riconoscimento) 8. Assegno di Assistenza di 256,67 mensili con un limite di reddito personale lordo di 4.378,27 (dai 18 ai 65 anni) Con il riconoscimento di invalidità dal 100%: 1. Fornitura gratuita protesi ausili (ausili per igiene personale o mobilità) 2. Cure fisioterapiche (es. Ospizio marino di Grado) 3. Iscrizione liste speciali per inserimento lavorativo mirato (dai 18 ai 65 anni) 4. Tessera trasporto agevolato su autobus e corriere di linea regionale (da 0 anni in poi) 5. Esenzione Ticket su medicinali, analisi cliniche e visite mediche da (da 7 anni in poi) 6. Esenzioni tasse scolastiche e universitari in condizioni economiche disagiate 7. Scivolo pensione: 2 mesi figurativi per ogni anno lavorato (dal riconoscimento) 8. Pensione di inabilità di 256,67 mensili con un limite di reddito personale lordo di ,24 (dai 18 ai 65 anni) 6

7 Con il riconoscimento dell Indennità di Accompagnamento: 1. Fornitura gratuita protesi ausili (ausili per igiene personale o mobilità) 2. Cure fisioterapiche (es. Ospizio marino di Grado) 3. Iscrizione liste speciali per inserimento lavorativo mirato (dai 18 ai 65 anni) 4. Tessera trasporto agevolato su autobus e corriere di linea regionale (da 0 anni in poi) 5. Carta Blu per il treno e l accompagnatore non paga il biglietto 6. Esenzione Ticket su medicinali, analisi cliniche e visite mediche da (da 7 anni in poi) 7. Esenzioni tasse scolastiche e universitari in condizioni economiche disagiate 8. Scivolo pensione: 2 mesi figurativi per ogni anno lavorato (dal riconoscimento) 9. Indennità di Accompagnamento di 480,47 mensili senza limite di reddito e di età Con il riconoscimento dell Indennità di Frequenza Legge 289/90 (da 0 a 18 anni): 1. Fornitura gratuita protesi ausili (ausili per igiene personale o mobilità) 2. Cure fisioterapiche (es. Ospizio marino di Grado) 3. Tessera trasporto agevolato su autobus e corriere di linea regionale (da 0 anni in poi) 4. Esenzione Ticket su medicinali, analisi cliniche e visite mediche da (da 7 anni in poi) 5. Esenzioni tasse scolastiche e universitari in condizioni economiche disagiate 6. Indennità di frequenza di 256,67 mensili con un limite di reddito lordo del minore di 4.378,27 C E C I T A Generalità Sono considerati CIECHI CIVILI, ai fini del diritto alle provvidenze economiche previste dalla legge, coloro che in sede di visita medica presso la competente commissione sanitaria siano riconosciuti affetti da cecità totale o abbiano un residuo visivo non superiore a un ventesimo in entrambi gli occhi per causa congenita o contratta, non dipendente dalla guerra, da infortunio sul lavoro o dal servizio. Le norme in vigore distinguono i ciechi civili in : a) Ciechi parziali: sono coloro che hanno un residuo visivo non superiore a un ventesimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione di lenti (ciechi ventisimisti). b) ciechi assoluti: sono coloro che hanno un residuo visivo 00 in entrambi gli occhi. Si intende cecità assoluta la totale mancanza della vista o con mera percezione dell ombra o della luce. Con il riconoscimento di Cieco Parziale (1/20 in entrambi gli occhi ) Indennità speciale ventisimisti: ,25 mensili senza limite di reddito (da 0 anni in poi) Pensione ciechi civili parziali: ,67 mensili con un limite di reddito personale lordo di ,24 (da 0 anni in poi) Con il riconoscimento di Cieco Assoluto Indennità di Accompagnamento: ,60 mensili senza limite di reddito (da 0 anni in poi) Pensione ciechi civili totali: ,57 mensili con un limite di reddito personale lordo di ,24 (da 18 anni in poi) 7

8 S O R D I T A Generalità Agli effetti delle provvidenze economiche previste dalla legge, sono considerati sordomuti i minorati sensoriali dell udito affetti da sordità congenita o acquisita durante l età evolutiva che abbia impedito il normale apprendimento del linguaggio parlato, purché la sordità non sia di natura psichica o dipendente da causa di guerra, di lavoro o di servizio. Secondo la scienza medica, il periodo dell età evolutiva si conclude col compimento del dodicesimo anno di età. Si considera causa impeditiva del normale apprendimento del linguaggio parlato l ipoacusia che renda o abbia reso difficoltoso tale normale apprendimento. Il requisito della soglia uditiva, presa in considerazione dalla Commissione dell ASS, è da considerarsi corrispondente ad una ipoacusia pari o superiore a 60 decibel HTL di media tra le frequenze 500,1000,2000 Hz nell orecchio migliore se il richiedente non ha superato il dodicesimo anno d età e, 75 decibel HTL di media tra le frequenze 500,1000,2000 Hz nell orecchio migliore se si ha un età compresa tra i 18 e i 65 anni, dimostrando però con un audiogramma eseguito prima del compimento dei 12 anni che l ipoacusia era già insorta. Se i livelli di perdita uditiva sono inferiori a quelli sopra indicati o non è dimostrabile l epoca dell insorgenza dell ipoacusia compresa nell arco dell età evolutiva, viene effettuata una valutazione secondo i criteri dell invalidità. Con il riconoscimento di Sordomuto: Indennità di Comuncazione: ,97 mensili senza limite di reddito e da 0 anni in poi Pensione Sordomuti: ,67 mensili con un limite di reddito personale lordo di ,24 (da 18 ai 65 anni. 3. H A N D I C A P (L. 104/92) Generalità La Legge 104/92 contiene le norme generali sul problema dell assistenza e dell integrazione sociale dei minorati civili, da tempo all attenzione delle forze politiche e sociali. Questa legge interviene nel campo della prevenzione, cura e riabilitazione, in modo da prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo della persona umana, il raggiungimento della massima autonomia possibile e la partecipazione della persona handicappata alla vita della collettività, nonché la realizzazione dei diritti civili, politici e patrimoniali. E da precisare che il riconoscimento dell invalidità viene effettuato valutando la menomazione in forma percentuale di perdita della capacità lavorativa; lo stato di handicap è invece considerato come condizione per fruire degli interventi contemplati da tale legge. I soggetti aventi diritto alle prestazioni della legge sono le persone handicappate che presentano una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione sociale o di integrazione lavorativa tali da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione, da ridurre l autonomia personale in modo da 8

9 rendere necessario un intervento assistenziale permanente, da condizionare ridotte o impedite capacità motorie permanenti. Criteri di valutazione e verbale di visita La Commissione accerta le minorazioni determinanti le difficoltà e redige il verbale conferendo all invalido una determinata situazione di Handicap, e precisamente: a) Situazione di handicap di cui al comma 1. Art. 3 della Legge 104/92, oppure b) Situazione di handicap grave di cui al comma 3. Art. 3 della Legge 104/92. Elenchiamo di seguito alcune delle agevolazioni previste con il riconoscimento di handicap o handicap grave. a) BENEFICI PREVISTI CON IL RICONOSCIMENTO DI SITUAZIONE DI HANDICAP DI CUI AL COMMA 1. ART. 3 DELLA LEGGE 104/92, Agevolazioni previste nel rapporto di lavoro con DIRITTO ALLA SEDE I pubblici dipendenti che hanno avuto il riconoscimento di: Portatore di Handicap e riconoscimento di Invalido Civile con una percentuale di a 2/3, hanno la precedenza dell assegnazione della sede di servizio all atto dell assunzione nella pubblica amministrazione, la precedenza nei trasferimenti a domanda e il divieto di trasferimento d autorità. Il diritto al trasferimento può essere esercitato nell ambito delle sedi vacanti pubblicate nel bollettino ufficiale dell amministrazione. Agevolazioni per gli esami di CONCORSO o di ABILITAZIONE Per consentire al soggetto Portatore di Handicap di sostenere prove di esame nei concorsi pubblici o per abilitazione alle professioni, in condizioni di parità con i soggetti normodotati è previsto l uso degli ausili necessari in relazione alle proprie patologie, nonché la concessione di tempi aggiuntivi eventualmente necessari. L indicazione di detti ausili e dell eventuale necessità di tempi aggiuntivi è fatta dagli interessati nella domanda di partecipazione al concorso o all esame di abilitazione in cui allega anche il verbale di Portatore di Handicap. Diritto all ISTRUZIONE e all INTEGRAZIONE SCOLASTICA Il soggetto Portatore di Handicap ha il diritto di accesso con un età inferiore a tre anni, all asilo nido e poi, nella scuola pubblica dell obbligo fino all università. Il diritto di accesso consente di usufruire delle seguenti agevolazioni: - Il loro inserimento avviene nelle classi normali, - facilitazioni per la loro frequenza nelle scuole medie superiori e universitarie, - trasporto è gratuito dall abitazione alla scuola, - idonei accorgimenti per il superamento o l eliminazione delle barriere architettoniche che impediscono la frequenza, - l assistenza scolastica con insegnati di sostegno, l - a dotazione di attrezzature tecniche e di sussidi didattici, nonché di ogni forma di ausilio tecnico. Diritto di accesso agli alloggi dell Ater predisposti per i disabili B) BENEFICI PREVISTI CON IL RICONOSCIMENTO DI SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE DI CUI AL COMMA 3. ART. 3 DELLA LEGGE 104/92 9

10 Agevolazioni economiche e non rilasciate dal Comune di residenza Secondo alcune disposizioni Regionali del FVG il Comune di residenza assegna dei contributi economici o promuove interventi di assistenza alle famiglie che hanno in casa portatori di handicap grave. Le domande vanno presentate agli Assistenti Sociali presso il proprio comune di residenza. Diritto di accesso agli alloggi dell Ater predisposti per i disabili Agevolazioni previste nel rapporto di lavoro con DIRITTO ALLA SEDE Un pubblico dipendente o privato che ha avuto il riconoscimento di Portatore di Handicap grave ha diritto di scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio e non può essere trasferito senza il suo consenso. Un familiare, con rapporto di lavoro pubblico dipendente o privato, che assiste con continuità un parente o affine fino al terzo grado Portatore di Handicap grave, ha diritto di scegliere, ove possibile, la sede più vicina al domicilio del portatore di Handicap. Agevolazione nella concessione dei PERMESSI LAVORATIVI Nell ambito del rapporto di lavoro dipendente, pubblico o privato, è prevista la concessione di permessi ai familiari lavoratori che assistono una persona Portatore di Handicap grave e anche allo stesso Portatore di Handicap, e precisamente: I FAMILIARI, soggetti del diritto, del Portatore di Handicap grave usufruiscono dei seguenti vantaggi: 1) La madre lavoratrice ha il diritto di assentarsi dal lavoro per poter assistere il figlio che è in situazione di gravità. Tale diritto si esercita in forma diversa a seconda che il figlio sia di età inferiore a tre anni oppure abbia superato tale età. Se il figlio è di età inferiore a tre anni la madre ha diritto all astensione dal lavoro per tutto il periodo, cioè fino al compimento di detta età. In alternativa a detta astensione e sempre fino tre anni, la madre può chiedere al proprio datore di lavoro di usufruire di due ore di permesso giornaliero, ridotto ad una sola ora nel caso in cui l orario di lavoro sia inferiore a sei ore giornaliere. Successivamente al compimento del terzo anno di vita del bambino la madre lavoratrice ha diritto a tre giorni di permesso mensile, questo permesso spetta anche dopo il raggiungimento della maggiore età del figlio. Il permesso di tre giorni, su richiesta dell interessato, può essere frazionato anche in ore. Il diritto della madre, se il figlio è minorenne, spetta anche se il padre non lavora e se nella famiglia vi sono altri soggetti in grado di prestare assistenza. Questo criterio si applica anche se il figlio è maggiorenne purché conviva con la madre. Se il figlio maggiorenne non convive con la madre, il diritto di usufruire a permessi è subordinato alla condizione che essa presti assistenza al figlio con continuità ed esclusività. Alla madre legittima è equiparata la madre adottiva o affidataria. 2) Il padre lavoratore usufruisce dei permessi nelle varie forme previste (prolungamento del periodo di astensione facoltativa dal lavoro o, due ore al giorno fino a tre anni di vita del figlio handicappato grave o, tre giorni mensili dopo il compimento di età) in alternativa però o rinuncia della madre. Le condizioni previste per usufruire di tali permesso sono le stesse concesse per la madre, ossia: rapporto di lavoro dipendente, figlio minore o maggiorenne convivente con il padre, figlio maggiorenne che non convive ma è nella condizione di prestare assistenza al figlio con continuità ed esclusività. 3) I parenti e gli affini entro il terzo grado usufruiscono del permesso di tre giorni mensili dopo il compimento del terzo anno di età a condizione che il parente sia lavoratore dipendente e presti all handicappato assistenza continua e in via esclusiva. E evidente che il diritto dei parenti e affini è subordinato alla condizione che non vi siano né madre, né padre della persona handicappata, ovvero che, pur essendoci, siano nella materiale impossibilità di provvedere all assistenza del figlio. 4) Il coniuge lavoratore ha diritto a tre giorni di permesso mensile, o su richiesta dell interessato in ore. 10

11 IL TITOLARE Portatore dell handicap grave usufruisce dei seguenti vantaggi: 1) Se il soggetto ha un rapporto di lavoro dipendente, può essa stessa fruire sia dei permessi di due ore giornaliere, sia (alternativamente) dei permessi di tre giorni al mese retribuiti. Se il lavoratore handicappato, pur beneficiando di permessi per se stesso, ha effettiva necessità di essere assistito da un familiare lavoratore, a quest ultimo possono essere concessi giorni di permesso retribuiti purché nel nucleo familiare non vi sia altro familiare non lavoratore in condizione di prestare assistenza. CONGEDO STRAORDINARIO DI DUE ANNI Il genitore, i fratelli o sorelle (quando i genitori sono deceduti o impossibilitati a prestare assistenza) e il coniuge della persona con Handicap possono richiedere due anni di congedo straordinario retribuito. Agevolazioni nel settore AUTO I beneficiari di tale agevolazione sono: I Titolari di Patente di Gli Invalidi con le seguenti Guida Speciale che hanno i caratteristiche: veicoli obbligatoriamente Affetti da grave limitazione adattati, possono usufruire della capacità di delle seguenti agevolazioni: deambulazione o affetti da pluriamputazioni e inoltre riconosciuti con l Handicap grave ai sensi del comma 3, dell art. 3 della legge n. 104/92, di cui parleremo nel capitolo VI possono usufruire delle seguenti agevolazioni: I Familiari degli invalidi con le seguenti caratteristiche: Avere fiscalmente a carico il familiare invalido che è stato riconosciuto con l Handicap grave, ai sensi del comma 3, dell art. 3 della legge n. 104/92, di cui parleremo nel capitolo VI possono usufruire delle seguenti agevolazioni: Detrazioni IRPEF pari al Detrazioni IRPEF pari al Detrazioni IRPEF pari al 19% per l acquisto e la 19% per l acquisto e la 19% per l acquisto e la riparazione dell auto, escluse riparazione dell auto, escluse riparazione dell auto, escluse quelle di ordinaria quelle di ordinaria quelle di ordinaria manutenzione. manutenzione. manutenzione. Applicazione dell IVA pari al 4% per l acquisto di auto. Applicazione dell IVA pari al 4% per l acquisto di auto. Applicazione dell IVA Pari al 4% per l acquisto di auto. Esenzione dalle IMPOSTE di TRASCRIZIONE sui passaggi di proprietà al PRA. Esenzione dalle IMPOSTE di TRASCRIZIONE sui Passaggi di proprietà al PRA. Esenzione dalle IMPOSTE di TRASCRIZIONE sui Passaggi di proprietà al PRA. 11

12 D I S A B I L I T A (L. 68/99) Generalità L inserimento lavorativo è uno dei problemi più importanti per gli invalidi, i quali con l esplicazione di una attività lavorativa possono superare o almeno ridurre lo stato di emarginazione e di isolamento in cui spesso vivono e sentirsi utili all interno della famiglia e della società. La precedente legge del 2 aprile 1968, n. 482 disciplinava l inserimento lavorativo con l iscrizione nelle liste speciali di collocamento ma, l atteggiamento di diffidenza dei datori di lavoro privati verso la categoria dei disabili ha reso necessaria una riforma del sistema. La riforma del collocamento obbligatorio è stata attuata con legge 12 marzo 1999 n. 68 ed è entrata in vigore a gennaio del Obiettivo fondamentale della nuova legge è collocare il disabile iscritto, presso la Provincia di Gorizia Servizio del Lavoro (ex Collocamento) nelle liste speciali al posto giusto perché possa esprimere al massimo le proprie capacità lavorative. La commissione dell Azienda Sanitaria redige una relazione conclusiva con la specificazione delle capacità lavorative della persona e delle sue positive potenzialità con l indicazione delle linee progettuali da attuare per il collocamento mirato (con o senza interventi di supporto, con l utilizzo o meno di strumenti tecnici, previo percorso formativo propedeutico, ecc). Una copia del verbale viene anche inviato alla la Provincia al Servizio del Lavoro e il Comitato Tecnico stabilisce poi il percorso lavorativo che il Disabile deve seguir per un inserimento lavorativo mirato presso aziende o enti pubblici. Categorie protette Le disposizioni della nuova legge si applicano: 1) Agli invalidi civili in età lavorativa con il riconoscimento del 46%; 2) Ai ciechi civili affetti da cecità assoluta o con un residuo visivo non superiore a 1/10 in entrambi gli occhi, con eventuale correzione; 3) Ai sordomuti, colpiti da sordità alla nascita o prima dell apprendimento della lingua parlata. 12

13 Elenco delle patologie rispetto alle quali sono escluse visite di controllo sulla permanenza dello stato invalidante e indicazione della relativa documentazione sanitaria, in attuazione della legge 9 marzo 2006, n. 80, art. 6, comma 3. Il presente elenco comprende le gravi menomazioni di cui all'art. 6, terzo comma, della legge 9 marzo 2006, n. 80 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 4, recante misure urgenti in materia di organizzazione e funzionamento della pubblica amministrazione", per tali intendendosi le menomazioni o le patologie stabilizzate o ingravescenti, che abbiano dato luogo al riconoscimento dell'indennità di accompagnamento o di comunicazione. L'elenco e' presentato in un prospetto in cui sono indicate: 12 voci relative a condizioni patologiche che determinano una grave compromissione dell'autonomia personale e gravi limitazioni delle attività e della partecipazione alla vita comunitaria; per ciascuna voce la documentazione sanitaria, rilasciata da struttura sanitaria pubblica o privata accredita, idonea a comprovare, sulla base di criteri diagnostici e di valutazioni standardizzati e validati dalla comunità scientifica internazionale, la patologia o la menomazione, da richiedere alle commissioni mediche delle aziende sanitarie locali o agli interessati, solo qualora non sia stata acquisita agli atti o non più reperibile. L'elenco viene rivisto con cadenza annuale. Le persone affette da patologie o menomazioni comprese nell'elenco sono esonerate da tutte le visite di controllo o di revisione circa la permanenza dello stato invalidante; la relativa documentazione sanitaria va richiesta alle commissioni preposte all'accertamento che si sono espresse in favore dell'indennità di accompagnamento o di comunicazione; oppure agli interessati, qualora non risulti acquisita agli atti da parte delle citate commissioni. E' fatta salva la facoltà per i soggetti interessati di integrare la documentazione sanitaria con ulteriore documentazione utile allo scopo. 1) Insufficienza cardiaca in IV classe NHYA refrattaria a terapia. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Valutazione NHYA sulla base degli accertamenti effettuati e risposta ai presidi terapeutici. 2) Insufficienza respiratoria in trattamento continuo di ossigenoterapia o ventilazione meccanica. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Valutazione prognostica. Valutazione della funzionalità respiratoria sulla base degli accertamenti eseguiti. Indicazione di trattamento con ossigenoterapia o ventilazione meccanica in corso. 3) Perdita della funzione emuntoria del rene, in trattamento dialitico, non trapiantabile. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Valutazione prognostica. Indicazione di trattamento dialitico in corso. 4) Perdita anatomica o funzionale bilaterale degli arti superiori e/o degli arti inferiori, ivi comprese le menomazioni da sindrome da talidomide. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Valutazione funzionale della menomazione con descrizione della concreta possibilità o impossibilità motivata di utilizzo di protesi, ortesi e/o ausili. 13

14 5) Menomazioni dell'apparato osteo-articolare, non emendabili, con perdita o gravi limitazioni funzionali analoghe a quelle delle voci 2 e/o 4 e/o 8. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Valutazione funzionale, sulla base degli accertamenti effettuati come alle voci 2 e/o 4 e/o 8. 6) Epatopatie con compromissione persistente del sistema nervoso centrale e/o periferico, non emendabile con terapia farmacologia e/o chirurgica. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Persistente compromissione neurologica. Referti di esami specialistici. 7) Patologia oncologica con compromissione secondaria di organi o apparati. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Stadiazione internazionale della specifica patologia. Compromissione funzionale secondaria di organi od apparati. 8) Patologie e sindromi neurologiche di origine centrale o periferica, (come al punto 4). Atrofia muscolare progressiva; atassie; afasie; lesione bilaterale combinate dei nervi cranici con deficit della visione, deglutizione, fonazione o articolazione del linguaggio; stato comiziale con crisi plurisettimanali refrattarie al trattamento. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Valutazione prognostica. Valutazione funzionale: tono muscolare; forza muscolare; equilibrio e coordinazione; ampiezza e qualità del movimento; prassie, gnosie; funzioni dei nervi cranici e spinali; linguaggio; utilizzo di protesi, ortesi e/o ausili. 9) Patologie cromosomiche e/o genetiche e/o congenite con compromissione d'organo e/o d'apparato che determinino una o più menomazioni contemplate nel presente elenco. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Valutazione prognostica Compromissione funzionale di organo e/o di apparato, sulla base degli accertamenti effettuati. 10) Patologie mentali dell'età evolutiva e adulta con gravi deficit neuropsichici e della vita di relazione. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di grave compromissione dell'autonomia personale. Valutazione prognostica. Valutazione e descrizione funzionale: funzioni intellettive; abilità cognitive; abilità e competenze affettive e relazionali; autonomia personale; abilità e competenze di adattamento sociale. 11) Deficit totale della visione. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di cecità e conseguente grave compromissione dell'autonomia personale. Valutazione funzionale: visus naturale e corretto in OO (spento, motu manu, ombra luce); ERG e PEV destrutturati; campo visivo binoculare inferiore al 3%, indipendentemente dal residuo visivo in OO o diagnostica con neuroimmagini. 12) Deficit totale dell'udito, congenito o insorto nella prima infanzia. Diagnosi della specifica condizione patologica causa di sordità prelinguale e conseguente grave 14

15 compromissione dell'autonomia personale. Valutazione funzionale: esame audiometrico; impedenziometria; potenziali evocati uditivi 15

16 COME SI DETERMINA LA PERCENTUALE DI INVALIDITA CIVILE Per la determinazione del grado di invalidità si applica la tabella indicativa delle percentuali di invalidità elaborata sulla base della classificazione internazionale delle menomazioni dell Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e approvata con decreto del Ministero della Sanità 5 febbraio La tabella di cui al citato decreto 5 febbraio 1992 consta di cinque parti: - la prima indica le modalità d uso; - la seconda definisce i livelli di deficit funzionale dei vari apparati, individuati secondo criteri di classificazione internazionale; - la terza parte comprende il tabellario, costituito da una tabella ordinata in fasce o in misura fissa e da una tabella ordinata per apparati; in ciascuna fascia sono elencate le minorazioni specificamente individuate, alle quali è attribuito un valore percentuale fisso o, nei soli casi in cui ciò è possibile, un valore espresso in fasce percentuali di dieci punti; - la quarta parte contiene l elenco delle menomazioni ordinate per funzioni, in correlazione con i numeri di codice della classificazione internazionale delle menomazioni dell OMS; - la quinta parte, infine, indica i criteri per la determinazione delle potenzialità lavorative. La tabella è entrata in vigore il 12 marzo (Nella presente dispensa è riportata la tabella nella sue varie parti, con esclusione della IV e V parte sembrando più utile il tabellario per apparati che contiene l elenco completo delle menomazioni con i numeri di codice e con i valori in misura fissa e in misura percentuale). 5 - Verbale di visita Ultimati gli accertamenti sanitari, la commissione redige il verbale di invalidità di visita, dal quale deve risultare la riduzione della capacità lavorativa inerente alle singole infermità e quella globale. In caso di concorso o di coesistenza in uno stesso soggetto di più minorazioni, il danno globale non è valutato addizionando i singoli valori percentuali, ma è considerato nella sua incidenza reale sulla invalidità complessiva del soggetto. Per i danni coesistenti si tiene conto della tecnica valutativa a scalare individuata con il decreto che approva la nuova tabella indicativa delle percentuali di invalidità (5 febbraio 1992). La tecnica valutativa a scalare si basa sul seguente criterio: 1) si determina la percentuale relativa alla prima minorazione (ad esempio, 60%) 2) si calcola la validità residua (nell esempio: =40%) 3) si determina la percentuale relativa alla seconda minorazione (ad esempio 15%) 4) si applica quest ultima percentuale alla validità residua della prima menomazione (15% del 40%=6%) 5) si somma quest ultimo risultato alla percentuale della prima menomazione (60%+6%=66%). In altre parole, indicando con P1 e P2 le percentuali delle due minorazioni, la percentuale totale PT è data dalla formula: PT = P1 + P2 - P1 x P2 100 Nello stesso modo si procede nel caso di più di due minorazioni. Nel caso in cui la commissione giudichi che la minorazione riscontrata sia suscettibile di modificazioni nel tempo, nel verbale viene indicato il termine alla scadenza del quale l invalido dovrà essere sottoposto a nuova visita (es. Rivedibile dopo due anni). 16

17 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA APPROVAZIONE DELLA NUOVA TABELLA INDICATIVA DELLE PERCENTUALI D INVALIDITA PER LE MINORAZIONI E MALATTIE INVALIDANTI Approvata con decreto del Ministero della Sanità 5 febbraio 1992 Pubblicato sul supplemento ordinario alla G.U. 26 febbraio 1992 E modificato con D.M. 14 giugno 1994 (G.U. 1 luglio 1994). PARTE I - Modalità d uso PARTE II - Indicazioni per la valutazione dei deficit Funzionali - Tabella dei deficit uditivi - Tabella dei deficit visivi binoculari PARTE III - Tabella delle percentuali di invalidità ordinata per apparati 17

18 PARTE I MODALITA D USO DELLA NUOVA TABELLA D INVALIDITA La nuova tabella fa riferimento alla incidenza delle infermità invalidanti sulla capacità lavorativa secondo i criteri della normativa vigente. Pertanto richiede l analisi e la misura percentuale di ciascuna menomazione anatomo- funzionale e dei suoi riflessi negativi sulla capacità lavorativa. La tabella elenca sia infermità individuate specificatamente, cui è attribuita una determinata percentuale fissa, sia infermità il cui danno funzionale permanente viene riferito a fasce percentuali di perdita della capacità lavorativa di dieci punti, utilizzate prevalentemente nei casi di più difficile codificazione. Molte altre infermità non sono tabellate ma, in ragione della loro natura e gravità, è possibile valutarne il danno con criterio analogico rispetto quelle tabellate. Il danno funzionale permanente è riferito alla capacità lavorativa (art. 1, comma 3, e art. 2, comma 2, D.L. 23 novembre n. 509) che deve intendersi come capacità lavorativa generica con possibilità di variazioni in più del valore base, non superiori a cinque punti di percentuale, nel caso in cui vi sia anche incidenza sulle occupazioni confacenti alle attitudini del soggetto (capacità cosiddetta semispecifica) e sulla capacità lavorativa specifica. Le variazioni possono anche essere nel senso di una riduzione, non maggiore di cinque punti, quando l infermità risulti non avere incidenza sulla capacità lavorativa semispecifica e specifica. Nel caso di infermità unica, la percentuale di base della invalidità permanente viene espressa utilizzando, per le infermità elencate nella tabella: a) la percentuale fissa di invalidità, quando l infermità corrisponde, per natura e grado, esattamente alla voce tabellare (colonna fisso ); b) la misura percentuale di invalidità calcolata rimanendo all interno dei valori di fascia percentuale che la comprende, quando l infermità sia elencata in fascia (colonna min-max ); c) se l infermità non risulta elencata in tabella viene valutata percentualmente ricorrendo al criterio analogico rispetto ad infermità analoghe e di analoga gravità come indicato sub a) e sub ). Nel caso di infermità plurime, i criteri per giungere alla valutazione finale sono i seguenti: sono calcolate dapprima le percentuali relative alle singole infermità secondo i criteri individuati alle lettere a), b), e c). di seguito, occorre tener presente che le invalidità dovute a menomazioni multiple per infermità tabellate e/o non tabellate possono risultare da un concorso funzionale di menomazioni ovvero da una semplice loro coesistenza. Sono funzionalmente in concorso tra loro le menomazioni che interessano lo stesso organo o lo stesso apparato. In alcuni casi il concorso è direttamente tariffato in tabella (danni oculari, acustici, degli arti, ecc.). In tutti gli altri casi, valutata separatamente la singola menomazione, si procede a valutazione complessiva, che non deve di norma consistere nella somma aritmetica delle singole percentuali, bensì in un valore percentuale proporzionale a quello tariffato per la perdita totale anatommo-funzinale dell organo o dell apparato. 18

19 A mente dell art. 5 D.L. 509/1988, nella valutazione complessiva della invalidità, non sono considerate le minorazioni iscritte tra lo 0 e l 10%, purché non concorrenti tra loro o minorazioni da elencare specificatamente ai sensi dello stesso art. 5. Sono in coesistenza le menomazioni che interessano organi e apparati funzionalmente distinti tra loro. In questi casi, dopo aver effettuato la valutazione percentuale di ciascuna menomazione si esegue un calcolo riduzionistico mediante la seguente formula espressa in decimali IT = IP1 + IP 2 (IP1 X IP2) dove l invalidità totale finale IT è uguale alla somma delle invalidità parziali IP1 e IP2, diminuita del loro prodotto. Ad esempio, se la prima menomazione (IP1) è valutata con il 20% e la seconda (IP2) con il 15%, il risultato finale (IT) sarà (0,20+0,15) (0,20x0,15) = 32 e quindi 32%. In caso di menomazioni di numero superiore a due, il procedimento si ripete e continua con lo stesso metodo. Per ragioni pratiche è opportuno avvalersi, a tal fine, di una apposita tavola di calcolo combinato di cui ogni commissione potrà opportunamente disporre. Le competenti commissioni dovranno esaminare la possibilità o meno dell applicazione di apparecchi protesici. Le protesi sono da considerare fattore di attenuazione delle gravità del danno funzionale e pertanto possono comportare una riduzione della percentuale d invalidità del danno funzionale e pertanto possono comportare una riduzione della percentuale d invalidità a condizione che esse, per la loro natura, siano ben tollerate e funzionalmente efficaci ai fini della capacità lavorativa generica, semispecifica (= occupazioni confacenti alle attitudini del soggetto) e specifica. Ciascuna visita viene verbalizzata in modo tale che risultino i seguenti elementi: dati anagrafici, qualifica professionale, attività lavorative eventualmente svolte in passato o nell attualità; anamnesi familiare, fisiologica, patologica (remota e prossima), esame obiettivo completo, accertamenti di laboratorio e strumentali; diagnosi clinica secondo quanto sancito dall art. 1, comma 3, D.L. 509; prognosi, con particolare riguardo all eventuale permanenza della infermità e del danno funzionale percentuale assegnata a ciascuna menomazione in base alla tabella e, in caso di menomazioni multiple, valutazione complessiva, se trattasi di concorso di invalidità, ovvero valutazione ottenuta mediante il calcolo riduzionistico effettuato con la formula e la tavola di calcolo combinato di cui sopra, se trattasi di coesistenza d invalidità; possibilità di applicazione di protesi ed eventuale variazione percentuale ad essa connessa. La commissione dovrà indicare il codice di riferimento corrispondente all infermità diagnosticata al fine di individuare la menomazione ad essa correlata (art. 2, comma 1, D.L. 509) sulla base della classificazione internazionale dell OMS. La relazione prevede inoltre il giudizio motivato della commissione sulla ricorrenza dei requisiti per l attribuzione dell indennità di accompagnamento ai soggetti aventi diritto a mente dell art. 1 L. 508/1988, e infine la determinazione delle potenzialità lavorative del soggetto a mente dell art. 3 del D.L. 509 e tenuto conto dell art. 1, comma 3, della legge 508/

20 PARTE II INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI DEFICIT FUNZIONALI APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Le insufficienze cardiache sono state valutate facendo riferimento alla classificazione funzionale definita dalla New York Heart Association nel 1964, secondo la quale si distinguono in quattro classi di deficit: Prima classe: La persona è portatrice di una malattia cardiaca che non influisce sulla sua attività fisica ordinaria Seconda classe: la malattia determina una lieve limitazione della attività fisica ordinaria; il soggetto può svolgere un attività fisica di lieve entità. Terza classe: la malattia determina una marcata limitazione di ogni attività fisica; il soggetto può svolgere solo un attività fisica sedentaria. Quarta classe:il soggetto può presentare anche a riposo affaticamento, dispnea, palpitazioni, cianosi e dolore di tipo anginoso. APPARATO RESPIRATORIO Insufficienza respiratoria: lieve: dispnea che compare sotto sforzi che ogni altro soggetto della stessa età e crporatura riesce a compiere; test di funzionalità respiratoria: a) CV/VEMS% min. 85 magg. 75% b) Consumo di 02 (ml.02 X Kg. min.) min. 25 magg. 22 c) Compl. cardiache assenti media: la dispnea compare spesso con sforzi di media entità; test di funzionalità respiratoria: d) CV/VEMS% min. 65 magg. 55% e) Consumo di 02 (ml.02 X Kg. min.) min. 20 magg. 18 f) Compl. cardiache assenti grave: la dispnea compare dopo sforzi di lieve entità; test di funzionalità respiratoria: g) CV/VEMS% min. 45 magg. 40% h) Consumo di 02 (ml.02 X Kg. min.) 15 i) Compl. cardiache presenti. La dispnea a riposo non è stata presa in considerazione in quanto si tratta di condizione gravissima, tale da comportare l impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita. APPARATO DIGERENTE Si sono identificati quattro livelli di compromissione funzionale, corrispondenti ad altrettanti classi, identificabili come di seguito indicato. Per la valutazione delle inabilità derivanti da condizioni morbose complesse, non sempre espressione di una patologia strettamente di apparato o sistema, si fa riferimento alla compromissione dello stato generale, oltre che alla compromissione funzionale. Prima classe : la malattia determina alterazioni lievi della funzione tali da provocare disturbi dolorosi salutari, trattamento medicamentoso non continuativo e stabilizzazione del peso corporeo convenzionale (rilevato dalle tabelle facenti riferimento al sesso ed alla statura) su valori ottimali. In caso di trattamento chirurgico non debbono essere residuati disturbi funzionali o disordini del transito. 20

3. rettificare l invalidità precedentemente accertata e quindi revocare indennità, pensione, assegno, senza nemmeno visitare l interessato.

3. rettificare l invalidità precedentemente accertata e quindi revocare indennità, pensione, assegno, senza nemmeno visitare l interessato. Al via i controlli dell'inps: La Fish Puglia interviene La Fish Puglia scrive alla Regione Puglia e all INS per far presente la grave situazione di disagio che sta creando alle "vere" persone con disabilità

Dettagli

NUOVO CERTIFICATO PER IL RICONOSCIMENTO DELL'INVALIDITA' CIVILE

NUOVO CERTIFICATO PER IL RICONOSCIMENTO DELL'INVALIDITA' CIVILE 19 Febbraio 2010 numero 95 Cara/o Collega, Newsletter della Sezione Provinciale del Sindacato dei Medici di Medicina Generale LA SEGRETERIA PROVINCIALE INFORMA a cura di Ivana Garione, Marco Morgando e

Dettagli

Accertamento Invalidità Civile

Accertamento Invalidità Civile Accertamento Invalidità Civile Si tratta di visite collegiali per: l'accertamento dello stato di invalidità civile Legge 118/71 e 295/90; l'accertamento dello stato di portatore di handicap Legge 104/92;

Dettagli

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n.

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. 68/1999 A decorrere dall 1.1.2010 le domande per il riconoscimento

Dettagli

LA RIFORMA INPS SULL INVALIDITA CIVILE Brescia, 19.06.10 INVALIDITA CIVILE, HANDICAP E DISABILITA : DEFINIZIONI E ACCESSO AI DIRITTI

LA RIFORMA INPS SULL INVALIDITA CIVILE Brescia, 19.06.10 INVALIDITA CIVILE, HANDICAP E DISABILITA : DEFINIZIONI E ACCESSO AI DIRITTI BRESCIA onlus DESENZANO onlus VALLECAMONICA onlus LA RIFORMA INPS SULL INVALIDITA CIVILE Brescia, 19.06.10 INVALIDITA CIVILE, HANDICAP E DISABILITA : DEFINIZIONI E ACCESSO AI DIRITTI Simona Rapicavoli

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it L invalidità civile L art. 2 della legge 10 marzo 1971 n 118 definisce mutilati e invalidi civili i cittadini affetti da minorazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo, compresi gli irregolari

Dettagli

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel La tecnologia nello studio medico del Medico di Famiglia: coniugare approccio olistico e high-tech La legge 104/92: diritti, integrazione sociale e assistenza della persona handicappata: dal sostegno socio-assistenziale

Dettagli

Disabili: integrazione dalla A alla Z

Disabili: integrazione dalla A alla Z Disabili: integrazione dalla A alla Z Riconoscimento invalidità A cura dell Associazione Nazionale Subvedenti Finito di stampare dicembre 2005 Il progetto è stato realizzato grazie al contributo del Ciessevi

Dettagli

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE MEDICINA LEGALE DELL ASSISTENZA SOCIALE

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE MEDICINA LEGALE DELL ASSISTENZA SOCIALE SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE Art. 38 Costituzione Comma I e III Comma II Comma V Assistenza Sociale -Invalidità civile -Ciechi civili -Sordi -Portatori di handicap Assicurazioni Sociali -INAIL -INPS (invalidità,

Dettagli

INPS - COORDINAMENTO GENERALE MEDICO LEGALE. Roma, 9-11 novembre 2012

INPS - COORDINAMENTO GENERALE MEDICO LEGALE. Roma, 9-11 novembre 2012 INPS - COORDINAMENTO GENERALE MEDICO LEGALE Roma, 9-11 novembre 2012 SISTEMA ATTUALE LEGGE 102/2009 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1º luglio 2009, n. 78 ART. 20 Contrasto alle

Dettagli

DIRITTI DEL MINORE CON DISABILITA. Informazioni utili per la famiglia

DIRITTI DEL MINORE CON DISABILITA. Informazioni utili per la famiglia DIRITTI DEL MINORE CON DISABILITA Informazioni utili per la famiglia Questo opuscolo ha lo scopo di illustrare il percorso previsto dalla Regione Emilia Romagna in attuazione della Legge Regionale 4/2008

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ. agevolazioni lavorative e fiscali per i lavoratori pubblici

DISABILITÀ E INVALIDITÀ. agevolazioni lavorative e fiscali per i lavoratori pubblici agevolazioni lavorative e fiscali per i lavoratori pubblici agevolazioni lavorative e fiscali per i lavoratori pubblici agevolazioni lavorative e fiscali per i lavoratori pubblici Il mondo della disabilità

Dettagli

Il sistema di tutela sociale

Il sistema di tutela sociale Il sistema di tutela sociale IL SISTEMA DI TUTELA SOCIALE Il sistema di TUTELA SOCIALE si riferisce a quel complesso di servizi con cui lo Stato fornisce a tutti i cittadini prestazioni di ordine assistenziale

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel.

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel. PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel. 035/387235 Fax 035/387410 L intento del presente opuscolo,

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

COME RICHIEDERE L ACCERTAMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

COME RICHIEDERE L ACCERTAMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE COME RICHIEDERE L ACCERTAMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE Dal 1 gennaio 2010 la domanda di accertamento di invalidità civile, handicap e disabilità si presenta all INPS e non più alle Aziende Sanitarie. L

Dettagli

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (LEGGE 104/92) La legge sull handicap prevede interventi volti concretamente a prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo

Dettagli

- Gli INVALIDI CIVILI si suddividono in tre fasce: ciechi civili - sordomuti mutilati e invalidi

- Gli INVALIDI CIVILI si suddividono in tre fasce: ciechi civili - sordomuti mutilati e invalidi - Gli INVALIDI CIVILI si suddividono in tre fasce: ciechi civili - sordomuti mutilati e invalidi civili. - Gli invalidi civili sono persone che, affetti da una determinata patologia, hanno perso una %

Dettagli

IMPORTANZA DELLA DOCUMENTAZIONE SANITARIA AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLA DISABILITA'

IMPORTANZA DELLA DOCUMENTAZIONE SANITARIA AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLA DISABILITA' IMPORTANZA DELLA DOCUMENTAZIONE SANITARIA AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLA DISABILITA' Giuliana Giuliani Responsabile di S.O.S. S.C. Medicina Legale e Gestione del Rischio Azienda USL di Modena Bologna

Dettagli

L invalidità civile.

L invalidità civile. L invalidità civile. Ai sensi dell art. 2 della Legge n. 118/1971, "si considerano mutilati e invalidi civili i cittadini affetti da minorazione congenita e/o acquisita (comprendenti) gli esiti permanenti

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE INVALIDITA - CIVILE - DI SERVIZIO - DI LAVORO - DI GUERRA INVALIDI CIVILI Sono considerati invalidi civili secondo la Legge 118/1971: Cittadini di età

Dettagli

Appunti per genitori. n. 6. (Dr.ssa Beatrice Rizzetto ) DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ

Appunti per genitori. n. 6. (Dr.ssa Beatrice Rizzetto ) DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ Appunti per genitori n. 6 (Dr.ssa Beatrice Rizzetto ) DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ INCONTRI DEI GENITORI CON GLI SPECIALISTI DEL PRESIDIO RIABILITATIVO VILLA MARIA DIRITTI DOVERI

Dettagli

Provvidenze economiche

Provvidenze economiche Provvidenze economiche 2.1 Assegno mensile di assistenza TIPOLOGIA DI PRESTAZIONE Agevolazione Autorizzazione Certificazione Contributo economico Servizio DI COSA SI TRATTA L assegno mensile di assistenza

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

Legislazione sulla disabilità

Legislazione sulla disabilità L invalidità civile nei minori Nel caso dei soggetti di età inferiore ai 18 anni occorre valutare dell esistenza o meno di difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età.

Dettagli

GUIDA alla legge 104/1992

GUIDA alla legge 104/1992 infouilca UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI Milano e Lombardia ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ i quaderni di

Dettagli

Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010

Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010 Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010 Ogni diritto non conosciuto è un diritto negato Premessa fondamentale L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro e.. sulle domande!!!!! Perché

Dettagli

LEGGE 104/1992 TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE (ISTRUZIONI PER L USO)

LEGGE 104/1992 TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE (ISTRUZIONI PER L USO) LEGGE 104/1992 TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE (ISTRUZIONI PER L USO) Questo documento vuole essere una sorta di guida pratica per districarsi tra le spire della burocrazia degli enti pubblici. INDICE CERTIFICAZIONE

Dettagli

La Legge 104/92. Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate

La Legge 104/92. Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate La Legge 104/92 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate Stefania Cupido Associazione Giuseppe Dossetti: i Valori 1 La Legge 104/92 segna il passaggio

Dettagli

PRESENTAZIONE DOMANDE DI INVALIDITÀ CIVILE / HANDICAP

PRESENTAZIONE DOMANDE DI INVALIDITÀ CIVILE / HANDICAP PRESENTAZIONE DOMANDE DI INVALIDITÀ CIVILE / HANDICAP Per presentare domanda di invalidità o di handicap occorre seguire i seguenti passaggi: 1. Il cittadino richiede al proprio medico curante (medico

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI

LE MINORAZIONI CIVILI Sommario LE MINORAZIONI CIVILI 1 L invalidità civile... 2 1.1 Invalidità civile: l assegno mensile di assistenza... 2 1.2 Invalidità civile: la pensione di inabilità... 2 1.3 Invalidità civile: l indennità

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

Diritti, opportunità, del malato reumatico Invalidità civile

Diritti, opportunità, del malato reumatico Invalidità civile ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Diritti, opportunità, del malato reumatico Invalidità civile Premessa Questo opuscolo vuole essere un aiuto ai malati che spesso, oltre che contro la

Dettagli

Minore con indennità di frequenza

Minore con indennità di frequenza Minore con indennità di frequenza Definizione presente nel verbale: "minore con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie dell'età o con perdita uditiva superiore a 60 decibel nell'orecchio

Dettagli

CONVENZIONE TRA ASSOCIAZIONE ANGELA SERRA E PATRONATO EPASA/CNA

CONVENZIONE TRA ASSOCIAZIONE ANGELA SERRA E PATRONATO EPASA/CNA EPASA Ente di Patronato promosso da CONVENZIONE TRA ASSOCIAZIONE ANGELA SERRA E PATRONATO EPASA/CNA Quando un cittadino ha seri problemi di salute e vuole conoscere quali sono le prestazioni previdenziali

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica INVALIDITA CIVILE: perché e quali vantaggi Dott. Lorenzo Brusa Dott.ssa Laura Signorotti CHI E L INVALIDO CIVILE Si considerano mutilati

Dettagli

Relazione a cura di Paolo Zani Marzo 2012

Relazione a cura di Paolo Zani Marzo 2012 Relazione a cura di Paolo Zani Marzo 2012 G.I.L.S. XXIII Giornata italiana per la lotta alla sclerodermia Milano 24 marzo 2012 Ogni diritto non conosciuto è un diritto negato Premessa fondamentale L'Italia

Dettagli

FIBA CISL Gruppo Intesa Sanpaolo

FIBA CISL Gruppo Intesa Sanpaolo Guida pratica FIBA CISL Gruppo Intesa Sanpaolo Portatori di HANDICAP aggiornamento Marzo 2014 SOMMARIO DEFINIZIONE DI HANDICAP... 3 Quando una persona è definita portatrice di handicap?... 3 ACCERTAMENTO

Dettagli

Invalidità civile minorazioni non inferiore ad un terzo anche lo straniero

Invalidità civile minorazioni non inferiore ad un terzo anche lo straniero Specialista in Medicina Legale Via Ragusa 4 20125 Milano Tel. 02 66 809 704 mariocorcelli@fastwebnet.it Articolo tratto dal sito: www.medico-legale.it Titolo: Invalidità civile. Questa sintesi sull invalidità

Dettagli

DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ

DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ Appunti per genitori n. 6 (Dr.ssa Beatrice Rizzetto ) DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ INCONTRI DEI GENITORI CON GLI SPECIALISTI DEL PRESIDIO RIABILITATIVO VILLA MARIA DIRITTI DOVERI

Dettagli

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie LEGGI IN GIOCO DIRITTI E OPPORTUNITA a cura della dott.ssa Laura Gatti (assistente sociale reparto NPIA Esine) DISABILITA E HANDICAP

Dettagli

Tutele sociali per i portatori di patologie reumatiche

Tutele sociali per i portatori di patologie reumatiche Tutele sociali per i portatori di patologie reumatiche Daniele Zamperini Medico-Legale - Giornalista www.scienzaeprofessione.it www.pillole.org daniele.zamperini@gmail.org Il reumatologo riveste per il

Dettagli

23.1 NOZIONI GENERALI

23.1 NOZIONI GENERALI 23 - HANDICAP 23.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

Invalidita civile disabilita lavoro

Invalidita civile disabilita lavoro Associazione Crescere Gli Incontri del Sabato 28 marzo 2009 A cura dell Assistente Sociale Dr.ssa Fabrizia Capitani Invalidita civile disabilita lavoro Associazione Crescere Gli Incontri del Sabato 28

Dettagli

INVALIDITÀ CIVILE E HANDICAP

INVALIDITÀ CIVILE E HANDICAP INVALIDITÀ CIVILE E HANDICAP Tutto il materiale sul tema dell'invalidità civile e handicap fa parte del progetto Laboratorio Civico, progetto di Formazione alla tutela del diritto alla salute realizzato

Dettagli

Disabilità e provvidenze economiche

Disabilità e provvidenze economiche Aggiornato ad Aprile 2006 Disabilità e provvidenze economiche Pensione non reversibile a favore di Ciechi civili (ciechi assoluti e ciechi parziali). - CIECHI ASSOLUTI La pensione non reversibile è concessa

Dettagli

SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA

SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA TRACCE DI RISPOSTE AI QUESITI RICORRENTI A CURA DI IVONNE ALBANI (Aggiornato a Giugno 2000) La malattia mentale coinvolge

Dettagli

A chi rivolgersi. Sportello Disabilità Regione Lombardia. Servizio Legale Ledha legale@ledha.it

A chi rivolgersi. Sportello Disabilità Regione Lombardia. Servizio Legale Ledha legale@ledha.it A chi rivolgersi Sportello Disabilità Regione Lombardia Via Melchiorre Gioia 39 20124 Milano Tel 02/67654740 Sportello_disabili@regione.lombardia.it Servizio Legale Ledha legale@ledha.it Annamaria Cremona

Dettagli

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Ultimo aggiornamento gennaio 2016 I diritti del malato oncologico Tutela previdenziale, assistenziale e sociale La cura e l assistenza

Dettagli

Salvatore Satta. Aggiornato nel settembre 2006 a cura di Vittorio Glassier, Salvatore. Runca.

Salvatore Satta. Aggiornato nel settembre 2006 a cura di Vittorio Glassier, Salvatore. Runca. Elaborazione a cura del Patronato Acli DIREZIONE GENERALE Via Marcora n. 18/20 00153 Roma Hanno collaborato: Damiano Bettoni, Vittorio Glassier, Stefano Salvi, Salvatore Satta. Aggiornato nel settembre

Dettagli

La certificazione per disabilità in età evolutiva

La certificazione per disabilità in età evolutiva Tamara Malaguti 1 a giornata 22 Gennaio 2011 9.15 Certificazione per la disabilità in età evolutiva - La gestione della certificazione - La diagnosi funzionale La certificazione per disabilità in età evolutiva

Dettagli

Le agevolazioni per le persone disabili:

Le agevolazioni per le persone disabili: Le agevolazioni per le persone disabili: percorso attraverso le principali normative ed i servizi per le persone con disabilità. Come accedere: per accedere ai servizi ed alle agevolazioni legate alla

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

LA DISABILITA' IN AMBITO ONCOLOGICO

LA DISABILITA' IN AMBITO ONCOLOGICO LA DISABILITA' IN AMBITO ONCOLOGICO Maria Cristina Davolio U.O.C. Medicina legale e Gestione del Rischio La normativa nazionale definisce... MUTILATI e INVALIDI CIVILI i cittadini affetti da minorazioni

Dettagli

La tutela dei diritti, la salvaguardia dell immagine

La tutela dei diritti, la salvaguardia dell immagine XXX CONGRESSO NAZIONALE A.N.D.O.S. La tutela dei diritti, la salvaguardia dell immagine Anna Faro Catania, 24 aprile 2012 CHE COS'E' L'INVALIDITA' CIVILE È una prestazione di natura assistenziale Art.

Dettagli

Definizione presente nel verbale: "invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%".

Definizione presente nel verbale: invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%. Invalido al 100% Definizione presente nel verbale: "invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%". Di seguito riportiamo in estrema sintesi i benefici, e le relative

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

Invalidita civile disabilita lavoro

Invalidita civile disabilita lavoro A s s oc ia zione C res c ere Gli Incontri del S abato 28 marzo 2009 A cura dell Assistente S ociale D r.ssa Fabrizia C apitani Invalidita civile disabilita lavoro A s s oc ia zione C res c ere Gli Incontri

Dettagli

Agevolazioni sui veicoli

Agevolazioni sui veicoli Agevolazioni sui veicoli I soggetti portatori di handicap di cui all art. 3 della L.104/92 con ridotte o impedite capacità motorie permanenti, nonché, come ha inteso estendere l art. 30, comma 7, della

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

INVALIDITÀ.CIVILE E.HANDICAP

INVALIDITÀ.CIVILE E.HANDICAP INVALIDITÀ.CIVILE E.HANDICAP Guida.ai.diritti I.quaderni.di.Eleonora 13 INVALIDITÀ.CIVILE E.HANDICAP Guida.ai.diritti I.quaderni.di.Eleonora 13 Via Po, 162 00198 ROMA Tel. 06 852331 Fax 06 85233488 www.italuil.it

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI La legge definisce "sordomuto... il minorato sensoriale dell'udito affetto da sordità congenita o acquisita durante l'età evolutiva, che gli abbia impedito il normale apprendimento

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE fase di remissione di malattia. Una gravidanza che insorge in fase di attività di malattia è infatti molto più a rischio di problemi materni e fetali. Secondo molti autori, una gravidanza può essere intrapresa

Dettagli

GUIDA ALLA INVALIDITA CIVILE!

GUIDA ALLA INVALIDITA CIVILE! KATIUSCIA BISOGNI - EUGENIO CUPELLI GUIDA ALLA INVALIDITA CIVILE MEETING SERVICE EDITORE GUIDA PRATICA per SAPERSI MUOVERE NEI PROCESSI ASSISTENZIALI fra INVALIDITA CIVILE, CECITA CIVILE, SORDITA, HANDICAP

Dettagli

INVALIDITÀ CIVILE: DEFINIZIONI

INVALIDITÀ CIVILE: DEFINIZIONI 1 INVALIDITÀ CIVILE: DEFINIZIONI L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico, psichico o intellettivo,

Dettagli

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo 21 - HANDICAP 21.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

I DISABILI LA TUTELA E L ASSISTENZA

I DISABILI LA TUTELA E L ASSISTENZA I DISABILI LA TUTELA E L ASSISTENZA Dalla Classificazione Internazionale delle Menomazioni, Disabilità e Handicap, proposta dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel 1980, si ricavano le definizioni

Dettagli

QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER DISABILI

QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER DISABILI QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER DISABILI (*) L agevolazione spetta solo ai non vedenti NOTE AL QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI (1) TIPO DI HANDICAP A - Il trattamento fiscale indicato

Dettagli

Malattie reumatiche e diritti sociali ANMAR. Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS

Malattie reumatiche e diritti sociali ANMAR. Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Malattie reumatiche e diritti sociali ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Il presente opuscolo è stato realizzato con la collaborazione di ALOMAR e AMARV Terminato di stampare ad aprile

Dettagli

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA:

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: Unità Spinale Unità Gravi Cerebrolesioni A.ULSS n.6 Vicenza AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: GUIDA AI DIRITTI ALL ASSISTENZA E AI SERVIZI TERRITORIALI L obiettivo di questa guida è aiutare le

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE

LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE AGEVOLAZIONI PER L'ACQUISTO DI VEICOLI I disabili, in caso di acquisto di un autovettura, senza limiti di cilindrata, nuova od usata, alla condizione che il veicolo

Dettagli

Ecco i benefici a seconda della percentuale di invalidità: Meno di 33%: NON INVALIDO

Ecco i benefici a seconda della percentuale di invalidità: Meno di 33%: NON INVALIDO Invalidità civile le percentuali di invalidità Il requisito minimo è essere affetti da malattie e menomazioni permanenti e croniche, sia di natura fisica che psichica ed intellettiva che riducono la capacità

Dettagli

URP INVALIDI CIVILI INCONTRO AI CITTADINI

URP INVALIDI CIVILI INCONTRO AI CITTADINI URP INVALIDI CIVILI INCONTRO AI CITTADINI L INVALIDITA CIVILE: CHE COSA E' Consiste nel riconoscimento di uno stato invalidante, indipendente da causa di servizio,lavoro o di guerra, in base al quale l'

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI 1 Legge 104/92 e successive integrazioni Legge quadro per l assistenza l integrazione sociale e i diritti delle persone disabili Permessi e congedi

Dettagli

Indennità di Frequenza dislessia

Indennità di Frequenza dislessia Indennità di Frequenza dislessia È possibile per tutti i bimbi o ragazzi dislessici ottenere un indennità di frequenza, viene erogata dall INPS, per aiutare le famiglie a sostenere le spese, per PC, programmi

Dettagli

Invalidità, disabilità, handicap, inidoneità: attori, tutele, strumenti valutativi

Invalidità, disabilità, handicap, inidoneità: attori, tutele, strumenti valutativi Invalidità, disabilità, handicap, inidoneità: attori, tutele, strumenti valutativi Massimo Serra Direttore S.C. Medicina Legale ASL 3 Genovese Giornate Liguri di Medicina del Lavoro anno 2012 16 /5/2012

Dettagli

I DIRITTI DEL MALATO ONCOLOGICO

I DIRITTI DEL MALATO ONCOLOGICO AZIENDA SANITARIA LOCALE BI - BIELLA I DIRITTI DEL MALATO ONCOLOGICO GUIDA INFORMATIVA PER I PAZIENTI E I LORO FAMILIARI Tratto da : AIMaC, I diritti dei malati di Cancro, i libretti della collana il Girasole

Dettagli

SINDROME DI MARFAN E DISABILITÀ aspetti medico legali Centro Marfan Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna, 23 settembre 2011

SINDROME DI MARFAN E DISABILITÀ aspetti medico legali Centro Marfan Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna, 23 settembre 2011 SINDROME DI MARFAN E DISABILITÀ aspetti medico legali Centro Marfan Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna, 23 settembre 2011 Dott.ssa M. Caterina Manca Responsabile U.O. Medicina Legale Centro caterina.manca@ausl.bologna.it

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALL INVALIDITA CIVILE

GUIDA SINTETICA ALL INVALIDITA CIVILE GUIDA SINTETICA ALL INVALIDITA CIVILE A Il ricorso B L'invalidità civile 1. L'indennità di accompagnamento 2. La pensione di inabilità 3. L'assegno di assistenza 4. L'indennità di frequenza per i minori

Dettagli

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP PENSIONI Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori con invalidità non inferiore all 80%, di anticipare l età pensionabile (pensione di

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 SOMMARIO EDITORIA FISCALE SEAC Servizio INFORMATIVA

Dettagli

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ 4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 maggio 2014, n. 959

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 maggio 2014, n. 959 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 78 del 18 06 2014 20081 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 maggio 2014, n. 959 DPR 495/92, art.

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie

Dipartimento Cure Primarie Dipartimento Cure Primarie Direttore: Dr.ssa Ivanna Lascioli E-mail: dcp@aslvallecamonicasebino.it Il Dipartimento Cure Primarie, si articola in tre servizi con elencate le rispettive competenze: 1. SERVIZIO

Dettagli

2. L invalidità Importi e Tabelle

2. L invalidità Importi e Tabelle 2. L invalidità Importi e Tabelle Il sistema della sicurezza sociale Nel nostro Paese, per accedere alla rete di servizi, provvidenze, agevolazioni previste a favore dei cittadini che presentano minorazioni

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

VADEMECUM INVALIDITA CIVILE a cura dell ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili Sede Provinciale di Grosseto Via Trento, 15/A Tel.

VADEMECUM INVALIDITA CIVILE a cura dell ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili Sede Provinciale di Grosseto Via Trento, 15/A Tel. VADEMECUM INVALIDITA CIVILE a cura dell ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili Sede Provinciale di Grosseto Via Trento, 15/A Tel. 0564/23505 Fax 0564/429222 1) PERCENTUALE DI INVALIDITA

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

SICUREZZA SOCIALE PREVIDENZA SOCIALE INPS ASSICURAZIONE PER L INVALIDITA, LA VECCHIAIA E I SUPERSTITI SOGGETTI AVENTI DIRITTO

SICUREZZA SOCIALE PREVIDENZA SOCIALE INPS ASSICURAZIONE PER L INVALIDITA, LA VECCHIAIA E I SUPERSTITI SOGGETTI AVENTI DIRITTO SICUREZZA SOCIALE PREVIDENZA SOCIALE INPS ASSICURAZIONE PER L INVALIDITA, LA VECCHIAIA E I SUPERSTITI SOGGETTI AVENTI DIRITTO OBBLIGATORIAMENTE TUTTI I LAVORATORI DIPENDENTI, OPERAI ED IMPIEGATI, ANCHE

Dettagli

Cenni di neuropsichiatria infantile

Cenni di neuropsichiatria infantile Cenni di neuropsichiatria infantile Le cause della disabilità possono essere genetiche, prenatali (insorte durante la vita fetale), perinatali (insorte alla nascita) o postnatali (insorte dopo la nascita).

Dettagli

Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla

Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla La legge 517/77 è stata l inizio di un effettivo processo di integrazione dei disabili a scuola. Prima di allora avevano diritto all istruzione impartita

Dettagli