La certificazione degli EGE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La certificazione degli EGE:"

Transcript

1 La certificazione degli EGE: lo schema SECEM La nuova professionalità del futuro: best practice progettuali degli Esperti in Gestione dell Energia certificati SECEM Francesco Belcastro SECEM Fiera Milano, 9 maggio 2014 Chi è SECEM? SECEM, Sistema Europeo per la Certificazione in Energy Management, èun organismo di certificazione del personale facente capo alla FIRE Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia associazione tecnico scientifica senza finalità di lucro il cui scopo èpromuovere l uso efficiente dell energia e la sostenibilità ambientale. Primo organismo a offrire la certificazione di parte terza per gli Esperti in Gestione dell Energia (EGE), ad aprile 2012 SECEM ha ottenuto da ACCREDIA, Ente Italiano di Accreditamento, l accreditamento secondo i requisiti della norma internazionale ISO/IEC Requisiti generali per gli Organismi che operano nella certificazione del personale per operare come Organismo di Certificazione del Personale di parte terza per la figura dell EGE certificato secondo la norma UNI CEI 11339:2009. SECEM certifica gli EGE solo in virtù del superamento di un regolamento rigoroso e imparziale, basato sull esperienza di FIRE sugli energy manager. Gli EGE certificati da SECEM sono realmente degli esperti del settore energetico. Inoltre, per un aggiornamento continuo, grazie a FIRE, gli EGE certificati SECEM, avranno gratuitamente gli stessi servizi che la Federazione ha previsto per gli energy manager. SECEM riconosce inoltre, su richiesta dell ente erogatore, corsi di formazione sull energy management. 2

2 Chi è SECEM? SECEM, Sistema Europeo per la Certificazione in Energy Management, èun organismo di certificazione del personale facente capo alla FIRE Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia associazione tecnico scientifica senza finalità di lucro il cui scopo èpromuovere l uso efficiente dell energia e la sostenibilità ambientale. Primo organismo a offrire la certificazione di parte terza per gli Esperti in Gestione dell Energia (EGE), ad aprile 2012 SECEM ha ottenuto da ACCREDIA, Ente Italiano di Accreditamento, l accreditamento secondo i requisiti della norma internazionale ISO/IEC Requisiti generali per gli Organismi che operano nella certificazione del personale per operare come Organismo di Certificazione del Personale di parte terza per la figura dell EGE certificato secondo la norma UNI CEI 11339:2009. SECEM certifica gli EGE solo in virtù del superamento di un regolamento rigoroso e imparziale, basato sull esperienza di FIRE sugli energy manager. Gli EGE certificati da SECEM sono realmente degli esperti del settore energetico. SECEM riconosce inoltre, su richiesta dell ente erogatore, corsi di formazione sull energy management. 3 Chi sono i fornitori dei servizi energetici? La direttiva 2012/27/CE art. 2 Definizioni: comma 24) «fornitore di servizi energetici», una persona fisica o giuridica che fornisce servizi energetici o altre misure di miglioramento dell'efficienza energetica nelle installazioni o nei locali del cliente finale. Il D. Lgs 115/08 che ha recepito la direttiva 2006/32/CE definisce all art.2 tra i fornitori, oltre i Distributori di energia, i Gestori del sistema di distribuzione, le Società di vendita di energia al dettaglio: Comma i) (ESCo) persona fisica o giuridica che fornisce servizi energetici ovvero altre misure di miglioramento dell efficienza energetica nelle installazioni o nei locali dell utente e, ciò facendo, accetta un certo margine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o parzialmente, sul miglioramento dell efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento degli altri criteri di rendimento stabiliti. Comma z) (EGE): soggetto che ha le conoscenze, l esperienza e la capacità necessarie per gestire l uso dell energia in modo efficiente. Comma aa) (ESPCo): soggetto fisico o giuridico, ivi incluse le imprese artigiane e le loro forme consortili, che ha come scopo l offerta di servizi energetici atti al miglioramento dell efficienza nell uso dell energia. 4

3 Quadro normativo europeo JWG 3 CEN CENELEC Benchmarking ISO 9001 ISO UNI CEI UNI/TR EN ISO UNI CEI EN Parti 1, 2, 3, 4 e 5 ISO BS OHSAS ISO Diagnosi Energetiche ; Appendici su ISO energy review, edifici, processi/servizi e trasporti ISO Verifiche di conformità Requisiti per gli organismi che forniscono certificazioni di SGE ; ISO Sistemi di Gestione dell Energia Guida per l implementazione, mantenimento e miglioramento del SGE ; ISO Misurazione delle prestazioni energetiche utilizzando i valori di riferimento e gli indicatori di prestazione energetici Principi generali e guida ; ISO Misura e verifica delle prestazioni energetiche della organizzazione Principi generali e guida 5 Le direttive europee e gli operatori Direttiva 2002/91/CE art. 10 Gli Stati membri si assicurano che la certificazione e l elaborazione delle raccomandazioni che la corredano [ ] vengano effettuate in maniera indipendente da esperti qualificati e/o riconosciuti Nuova direttiva EPBD 2010/31/CE art.17: La certificazione della prestazione energetica degli edifici el'ispezione degli impianti di riscaldamento e condizionamento d'aria dovranno essere effettuate in maniera indipendente da esperti qualificati e/o accreditati, operanti in qualità di lavoratori autonomi o come dipendenti di enti pubblici o di imprese private. L'accreditamento degli esperti sarà effettuato tenendo conto della loro competenza. Anche i sistemi di controllo per i certificati di prestazione energetica e i rapporti di ispezione degli impianti dovranno essere indipendenti. Direttiva 2006/32/CE art. 8 Disponibilità di sistemi di qualificazione, accreditamento e certificazione Perché sia raggiunto un livello elevato di competenza tecnica, di obiettività e di attendibilità, gli Stati membri assicurano, laddove lo ritengano necessario, la disponibilità di sistemi appropriati di qualificazione, accreditamento e/o certificazione per i fornitori di servizi energetici, di diagnosi energetiche e delle misure di miglioramento dell efficienza energetica [ ] Art. 16 Direttiva 2012/27/CE Disponibilità dei regimi di qualificazione, accreditamento e certificazione 1. [ ] entro il 31 dicembre 2014, regimi di certificazione e/o accreditamento e/o regimi equivalenti di qualificazione, inclusi eventualmente adeguati programmi di formazione, diventino disponibili o siano disponibili per i fornitori di servizi energetici e di audit energetici, per i responsabili delle questione energetiche e gli installatori di elementi edilizi connessi all'energia quali definiti all'articolo 2, paragrafo 9, della direttiva 2010/31/UE 6

4 Quadro normativo italiano D. Lgs. 115/2008 (recepimento direttiva 2006/32/CE) art. 16 Qualificazione dei fornitori e dei servizi energetici Allo scopo di promuovere un processo di incremento del livello di obiettività e di attendibilità per le misure e i sistemi finalizzati al miglioramento dell efficienza energetica con rimando ad uno o più decreti futuri del MSE e a seguito dell'adozione di apposita norma tecnica UNI CEI, verranno definite: una procedura di certificazione volontaria per le ESCO e per gli esperti in gestione dell'energia (Art. 16, comma 1), una procedura di certificazione per il sistema di gestione energia e delle diagnosi energetiche (Art. 16, comma 2). Guppo Gestione Energia UNI CEI 7 Norma ISO sui Sistemi di Gestione dell Energia D.Lgs. 115/08 art. 2 comma v) Sistema di gestione dell energia : la parte del sistema di gestione aziendale che ricomprende la struttura organizzativa, la pianificazione, la responsabilità, le procedure, i processi e le risorse per sviluppare, implementare, migliorare, ottenere, misurare e mantenere la politica energetica aziendale; La ISO ha come obiettivo la definizione dei requisiti di un sistema di gestione energetica (SGE). Il rispetto di tali standard dimostra un impegno concreto volto alla razionalizzazione ed alla gestione intelligente delle risorse energetiche. 8

5 Quali competenze? UNI CEI 11352:2010 sulle ESCO Attività peculiari che una ESCO deve offrire, oltre quelli previsti dalla EN 15900: a.diagnosi energetiche; b.verifica della conformità e messa a norma degli impianti; c.elaborazione di studi di fattibilità con analisi tecnico economica; d.progettazione degli interventi da realizzare; e.esecuzione degli interventi di installazione, messa in esercizio e collaudo; f.conduzione degli impianti; g.manutenzione ordinaria degli impianti; h.monitoraggio domanda/consumo di energia; i.presentazione di rapporti periodici al cliente; j.supporto tecnico per l acquisizione e/o gestione dei finanziamenti (bandi, incentivi, progetti europei) da parte del cliente, con garanzia dei risultati di miglioramento dell efficienza energetica; k.attività di formazione e informazione dell utente; l.certificazione energetica degli edifici. 5. Attività facoltative sono: a. finanziamento dell intervento di miglioramento dell efficienza energetica; b. acquisto efornitura dei combustibili e dell energia elettrica necessari per l erogazione del servizio; c. sfruttamento delle FER, mirato al miglioramento dell efficienza energetica; d. manutenzione straordinaria del sistema di domanda e consumo di energia dei propri clienti. Lista di controllo per la verifica dei requisiti di cui al punto 4: a) presenza nella ragione sociale della frase servizi energetici, o equivalenti; (per i TEE) b) presenza nell oggetto sociale dell atto costitutivo delle attività elencate nel 4.3; c) conformità alla UNI EN d) aver effettuato almeno un contratto di servizio di efficienza energetica con garanzia di risultato con tutte le attività peculiari e primo ciclo di risultati ottenuti; e) presenza di penali negli EPC nel caso di mancato raggiungimento dei risultati; f) adeguata reportistica fornita al cliente. 9 Rapporto tecnico UNI/TR Gestione dell'energia Diagnosi energetiche Qualora il soggetto esecutore della diagnosi non sia una persona fisica, deve essere identificato un REDE. Il REDE deve possedere un esperienza commisurata al tipo di diagnosi intrapresa. EN Energy audit (part 1,2,3,4) 10

6 L evoluzione: da energy manager ad EGE Da energy manager ad EGE Norma UNI CEI 11339:2009 Obblighi su TEE e aud?? Nuovi compiti: D.Lgs. 311/06 allegato I DM 21 dicembre 2007 D.Lgs. 115/08 allegato II EGE certificati SECEM Progetto e Quem e nascita dell Esperto in Gestione dell Energia (EGE) (fonte: FIRE) Legge 10/91 art.19 estende l obbligo di nomina e ne definisce il ruolo Nascita: Legge 308/82 art. 22 introduce l obbligo di nomina per industria 11 Il ruolo dell energy manager Un energy manager, come suggerisce il termine, ha il compito di gestire ciò che riguarda l energia all interno di un azienda o di un edificio, verificando i consumi, ottimizzandoli e promuovendo interventi mirati all efficienza energetica e all uso di fonti rinnovabili. Questo si traduce in un ruolo differente a seconda delle caratteristiche dimensionali della struttura considerata: nel caso di un organizzazione complessa, l energy manager sarà un dirigente alla guida di un gruppo di persone di estrazione prevalentemente tecnica; nel caso di aziende ed enti di piccole dimensioni si tratterà o di un consulente esterno con competenze tecniche; nel caso di una residenza, non essendo pensabile un consulente dedicato a causa dei costi, la funzione può essere svolta da reti di supporto (e.g. associazioni di consumatori, punti energia e agenzia, etc.) o da chi rilascia la certificazione energetica. Nell ultimo caso è più che altro un energy auditor, nel secondo in genere continua a mancare la parte gestionale e prevale l aspetto tecnico. 12

7 L energy manager La figura dell energy manager nasce nel settore industriale sulla spinta delle crisi energetiche degli anni 70. La legge 308/82 art. 22 obbligava la nomina dell energy manager a carico di tutte le industrie con più di dipendenti o consumi superiori a tep/anno ma non ne definiva i compiti. Con la legge 10/91 art.19, oltre al settore industriale, si estende l obbligo di nomina a tutti i soggetti consumatori di energia abbassando per questi ultimi la soglia (1.000 tep) e si prevedono sanzioni. Funzioni del responsabile secondo la legge 10/91: individuare azioni, interventi, procedure e quant'altro necessario per promuovere l'uso razionale dell'energia; assicurare la predisposizione di bilanci energetici in funzione anche dei parametri economici e degli usi energetici finali; predisporre i dati energetici di verifica degli interventi effettuati con contributo dello Stato. Prestazioni energetiche degli edifici D.Lgs. 192/05 all. I, c. 15 (DPR 59/09 art. 4 comma 25) Titoli di efficienza energetica DM. 21/12/07 art.7, c. 1 e DM 28/12/ Contratti servizio energia D.Lgs. 115/08 all. II, punto 4, c. 1 L energy manager ai sensi della legge 10/91 Essendo una figura di supporto al decisore, èpreferibile che alle competenze tecniche di base associ la capacità di comunicare con figure dai profili molto differenti (decisori, tecnici, ragionieri, e così via) i fondamenti in materia di analisi e finanziamento di investimenti. L energy manager può essere un dirigente interno o un consulente esterno all organizzazione. (circolare MICA 219/F del 2 marzo 1992) Chi può essere nominato Il comma 17 della circolare 219/F indica, come figura ideale, un ingegnere con pluriennale esperienza nel settore della gestione dell energia, dotato di conoscenze tecniche nel settore in cui opera la sua organizzazione, esperienza nel campo degli studi di fattibilità, buona conoscenza delle tecnologie avanzate e di una conoscenza organizzativa della propria struttura. 14

8 Chi... : Le nomine del responsabile della legge 10/ Progetto e Quem: la nascita dell EGE Il Progetto e Quem (e Qualification of the energy manager) rientrava nel Programma Equal, gestito in Italia dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale ed era mirato a promuovere la sperimentazione di approcci e politiche innovativi per contrastare il fenomeno della discriminazione e della disuguaglianza sul mercato del lavoro. La strategia di azione del progetto era fondata su tre punti: qualificazione dell offerta professionale; sistema di certificazione delle competenze degli energy manager, un processo di formazione continua on line. 16

9 Indagine FIRE sulle barriere all efficienza energetica Nonostante le premesse e i vantaggi, le buone pratiche dell efficienza energetica non sono diffuse quanto potrebbero. Le barriere non economiche principali: mancanza di conoscenza, informazioni e sensibilità, limitata comprensione delle opportunità offerte da EPC e da FTT; secondarietà rispetto al core business (costi energetici bassi); professionalità e qualificazione degli operatori; attitudini e comportamenti; filiera non sviluppata adeguatamente; complessità delle soluzioni; vincoli legislativi e autorizzativi; accesso agli incentivi; sistema del credito non maturo. Il superamento di queste barriere è fondamentale per raggiungere gli obiettivi previsti e superarli. La FIRE ha attivato nel 2011 un tavolo di lavoro sul tema delle barriere e degli incentivi per presentare proposte alle istituzioni competenti Conclusioni (2/2) 1) Un certificatore energetico non è un EGE Un EGE può essere un certificatore energetico 2) Un energy auditor non è un EGE Un EGE può essere un energy auditor 3) Un energy manager può essere un EGE Un EGE può essere un energy manager (possono essere la stessa figura) 1) EGE non è solo un consulente esterno ma può esserlo anche un dipendente 1) Non si diventa EGE (o energy manager) partecipando ad un corso formativo 2) Non esiste un albo per gli EGE (o energy manager), ci sono degli elenchi/registri (o il libro degli energy manager) 18 18

10 L elenco degli energy manager nominati secondo art. 19 legge 10/ Obiettivi UE al 2020 (fonte: FIRE) * Gli obiettivi sono vincolanti 20

11 Le barriere non economiche principali: mancanza di conoscenza, informazioni e sensibilità, limitata comprensione delle opportunità offerte da EPC e da FTT; secondarietà rispetto al core business (costi energetici bassi); professionalità e qualificazione degli operatori; attitudini e comportamenti; filiera non sviluppata adeguatamente; complessità delle soluzioni; vincoli legislativi e autorizzativi; accesso agli incentivi; sistema del credito non maturo. Indagine FIRE sulle barriere all efficienza energetica (2011) Nonostante le premesse e i vantaggi, le buone pratiche dell efficienza energetica non sono diffuse quanto potrebbero. Il superamento di queste barriere è fondamentale per raggiungere gli obiettivi previsti e superarli. 21 Alcuni aspetti importanti Gli interventi di efficientamento energetico si differenziano da quelli sulle fonti rinnovabili per i seguenti punti: la complessità rende l efficienza tecnica e quindi difficile da spiegare e da comprendere per i decisori; l efficienza si integra con gli usi finali, le prestazioni (degli impianti e degli involucri edilizi) dipendono dall uso; le prestazioni di una singola tecnologia possono essere negative se installata/regolata male o se inserita nel contesto sbagliato, per cui sono richiesti operatori qualificati; non è sempre facile misurare il risparmio energetico conseguito; molti soggetti, anche aziende, non ragionano in termini di investimento; per questi motivi molti interventi sono anche difficili da finanziare, se confrontati con quelli sulle fonti rinnovabili, nonostante le prestazioni economico-finanziarie migliori. Occorrono dunque comunicazione, formazione e nuovi modelli di distribuzione e vendita (se si può comprare un telefonino o un televisore con un finanziamento, si può fare un investimento in efficienza). 22

12 Chi/Quali/Come: fornitori dei servizi energetici Chi sono questi fornitori? Figure descritte nella legislazione nazionale ed europea Quali competenze devono possedere tali operatori? Capacità e compiti sono definiti nelle norme tecniche Come procedere alla valutazione di tali figure per fornire una garanzia del risultato al cliente finale? 1 Qualificazione Accreditamento Certificazione N.B. 1 Differenziare le tre procedure e capirne le rispettive valenze, diventa fondamentale per definirne l importanza. 23 Quali competenze? UNI CEI 11339:2009 sugli EGE 24

13 Quali competenze? UNI CEI 11339:2009 sugli EGE 4. Sono pertanto compiti essenziali dell'ege, all'interno dell'organizzazione dove opera, i seguenti: a. analisi approfondita e continuativa del sistema energetico in cui si trova ad operare; b. implementazione di una politica energetica dell'organizzazione; c. realizzazione e mantenimento di Sistemi di Gestione dell Energia ex EN 16001:2009; d. contabilità energetica analitica, valutazione dei risparmi ottenuti dai progetti di risparmio energetico e relative misure; e. analisi dei contratti di fornitura e cessione di energia; f. diagnosi energetiche comprensive dell'individuazione di interventi migliorativi anche in relazione all'impiego delle F.E.R.; g. analisi tecnico economica e di fattibilità degli interventi e valutazione dei rischi; h. ottimizzazione della conduzione e manutenzione degli impianti; i. pianificazione, gestione e controllo dei sistemi energetici; j. elaborazione di piani e programmi di attività e attuazione degli stessi con la gestione del personale addetto, dei consulenti, dei fornitori, delle ditte esecutrici; k. individuazione ed attuazione di programmi di sensibilizzazione e di promozione dell uso efficiente dell energia; l. definizione delle specifiche tecniche attinenti gli aspetti energetici dei contratti per la realizzazione di interventi e/o la fornitura di beni e servizi; m. applicazione di leggi, regolamenti e norme tecniche in campo energetico e ambientale; n. reportistica e relazioni con la direzione, il personale e l esterno; o. pianificazione dei sistemi energetici; p. pianificazione finanziaria delle attività; q. gestione del progetto. 25 Quali competenze? UNI CEI 11339:2009 sugli EGE 5. Le competenze che l EGE deve possedere sono le seguenti: l'ege, ove investito della necessaria responsabilità e autorità, deve essere in grado di predisporre ed implementare un sistema di gestione dell energia dell organizzazione, ivi compreso un programma di gestione dell energia, conformi alla EN 16001:2009; conoscenza delle tecnologie tradizionali e innovative di efficienza energetica e uso delle fonti rinnovabili; conoscenza delle implicazioni ambientali degli usi energetici; conoscenza del mercato dell energia elettrica e del gas, degli attori coinvolti nel mercato stesso, della tipologia delle offerte di fornitura, delle forme contrattuali, delle tariffe e prezzi correnti; conoscenza delle metodologie di valutazione economica dei progetti, della redditività degli investimenti, delle fonti di finanziamento, degli strumenti di finanziamento (finanza di progetto e FTT Finanziamento Tramite Terzi), nonché della valutazione dei rischi di progetto; conoscenza delle metodologie di valutazione dei risparmi di energia conseguibili e conseguiti. conoscenza di modalità contrattuali per l acquisto di beni e/o servizi, con un particolare riferimento agli interventi finalizzati alla riqualificazione energetica (anche in modalità di affidamento a terzi/outsourcing) e ai contratti a garanzia di risultato e/o a prestazione garantita. conoscenza del project management e delle basi di: organizzazione aziendale, controllo di gestione e budget, contabilità analitica, tecniche di auditing. conoscenza della legislazione e normativa tecnica in materia ambientale ed energetica. conoscenza dei sistemi di gestione dell'energia. 26

14 Procedure di valutazione secondo la UNI CEI Modalità di valutazione Schema di certificazione secondo i requisiti della UNI CEI EN ISO (fonte: FIRE) 27 Perché l esigenza di una norma? Energy manager nominato (art.19 Legge 10/91) (non sono definite la capacità o i requisiti) Esperto in Gestione dell Energia (definiti i compiti e le competenze nella UNI CEI 11339) EGE certificato da OdC accreditato (SECEM èstato il primo OdC accreditato da Accredia in conformità ai requisiti della UNI CEI 11339) 28

15 L Esperto in Gestione dell Energia I soggetti che possono essere interessati ad utilizzare le competenze professionali dell esperto in gestione dell energia, sia come proprio addetto che come consulente esterno sono soprattutto: Utenti/Clienti con rilevanti consumi di energia, od anche consorzi e strutture associative costituiti tra gli stessi; oppure, più in generale, consumatori intermedi e finali interessati alla gestione efficiente dell energia; ESCO Societàdi servizi energetici; Organismi bancari e finanziari; Distributori e fornitori di vettori energetici, grossisti e traders; Società di ingegneria e strutture di servizi tecnici per l effettuazione di attività di diagnosi energetica e studi di fattibilità e per il supporto ai clienti finali nell accesso agli incentivi; Agenzie energetiche nazionali, regionali e/o locali; Pubblica Amministrazione ed Enti Locali, per lo sviluppo di piani e programmi appropriati e per le attività di controllo, di verifica e in generale di attuazione della normativa; Università e altri centri di ricerca e istituti formativi per attività di ricerca, di formazione e di consulenza tecnico scientifica nel settore; Organizzazioni pubbliche e private, appartenenti a qualsiasi settore produttivo e/o di servizi e di qualsiasi dimensione che intendano adottare ed applicare volontariamente un Sistema di Gestione dell Energia. 29 Come procedere alla valutazione degli EGE Art. 16 Direttiva 2012/27/CE Disponibilità dei regimi di qualificazione, accreditamento e certificazione 1. Quando uno Stato membro ritiene che il livello nazionale di competenza tecnica, oggettiva e affidabilità sia insufficiente, esso provvede affinché, entro il 31 dicembre 2014, regimi di certificazione e/o accreditamento e/o regimi equivalenti di qualificazione, inclusi eventualmente adeguati programmi di formazione, diventino disponibili o siano disponibili per i fornitori di servizi energetici e di audit energetici, per i responsabili delle questione energetiche e gli installatori di elementi edilizi connessi all'energia quali definiti all'articolo 2, paragrafo 9, della direttiva 2010/31/UE Come procedere alla valutazione di tali figure per fornire una garanzia del risultato al cliente finale? 1 Qualificazione Certificazione Accreditamento N.B. 1 Differenziare le tre procedure e capirne le rispettive valenze, diventa fondamentale per definirne l importanza. 30

16 Alcuni requisiti per essere iscritti agli elenchi regionali: Diploma di Laurea o Laurea specialistica in Ingegneria Diploma di Laurea o Laurea specialistica in Architettura Diploma di Laurea specialistica in Scienze Ambientali Diploma di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Diploma di Laurea in Scienze Forestali Diploma di Perito Agrario Diploma di Perito Industriale Diploma di Geometra Diploma di Agrotecnico o Agronomo laureato Diploma di Laurea specialistica in Chimica Diploma di Laurea specialistica in Fisica Ordine degli Ingegneri di Vicenza sostiene che: Solo gli ingegneri in possesso di laurea quinquennale, conseguita con il vecchio ordinamento sono in possesso dei due requisiti di competenza (edifici e impianti) [ ]. La legge prevede che nel caso un tecnico sia abilitato solo alla progettazione di edifici o solo alla progettazione di impianti, l attestato può essere rilasciato a firma di due tecnici con competenze complementari Come : accreditamento I soggetti certificatori per gli APE Legenda: Per diventare tecnico certificatore energetico: [1] èsempre obbligatorio frequentare un corso di qualificazione; [2] il corso non è obbligatorio per i tecnici competenti in materia di progettazione di edifici e impianti iscritti ad un Ordine o Collegio professionale; [3] il corso è obbligatorio per altre figure tecniche. Oggi il rif. Nazionale èil DPR 75/13 31 Fonte: rapporto 2012 CTI Come : qualificazione installatori e manutentori delle FER Qualificazione operatori FER art.15 D.Lgs. 28/11 e Allegato IV Al percorso formativo accede chi possiede un titolo o attestato nel settore di competenza conseguito, [ ] come stabilito al punto 4 dell allegato 4 al D.lgs. 28/2011. Data la diversa tipologia di impianti previsti sono individuati quattro standard specifici a valle di un Modulo unico propedeutico. Il corso è articolato in due fasi metodologiche: una teorica, erogabile anche in modalità FAD, ed una pratica. Il percorso formativo ha una durata minima di 80 ore così suddivise: 20 ore per il modulo comune; 60 ore per i moduli specifici, di cui almeno 20 di pratica. Ai fini dell ammissione all esame èobbligatoria la frequenza ad almeno l 80% delle ore complessive del corso. La prova finale è costituita da una prova teorica e da una prova pratica. Quest ultima mira a verificare la corretta installazione dell impianto FER. Fonte: Linea guida Conferenza Regioni e Province autonome 32

17 Come : Certificazione ESCO ed EGE Si parla di CERTIFICAZIONE quando è presente una parte terza che non può essere chi ha un interesse nell ambito specifico (per esempio, nel caso dell art. 15 del D.Lgs. 28/11, non possono essere l ente di formazione, l associazione di categoria degli installatori, le imprese produttrici di una tecnologia e neppure l ENEA se prenderebbe parte alla formazione). Si parla di QUALIFICAZIONE EQUIVALENTE quando non esiste l ente terzo ma ci sono regole ben definite ed eventualmente accettate a livello nazionale. Dichiarazione di parte terza: quando a certificare le competenze della persona è un organismo di certificazione (di parte terza appunto) accreditato da ACCREDIA SECEM èorganismo di parte terza accreditato UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004 per la certificazione delle competenze dell EGE secondo la norma UNI CEI Chi rilascia la certificazione per gli EGE? La certificazione di parte terza può essere rilasciata da qualunque struttura ottenga l accreditamento presso Accredia (ex Sincert) secondo la norma ISO 17024, rispettando i requisiti indicati della UNI CEI La FIRE, per rispondere alle esigenze del mercato, ha attivato una struttura interna, il SECEM per il riconoscimento degli EGE. Ad oggi: 99 gli EGE certificati mentre 121 i certificati emessi. Prossima sessione d esame: 8 luglio a MILANO SECEM è stato il primo OdC accreditato da Accredia ad operare sulla UNI CEI Info: - tel

18 La certificazione degli EGE: lo schema SECEM * La certificazione è VOLONTARIA, èaperta a tutti i soggetti che abbiano raggiunto un livello di esperienza minimo dipendente dal titolo di studio conseguito e che possono accedere alla procedura di valutazione dei titoli ed alle prove di esame. * Una volta ottenuta la certificazione rimane valida per 5 anni, dopodiché occorre procedere ad un nuovo esame con presentazione di eventuali crediti. * La certificazione SECEM garantisce che il soggetto certificato gode di una preparazione di alto profilo. * Tutti gli esperti certificati sono iscritti in apposito registro articolato in due elenchi separati corrispondenti alle due classi di macroattività (ovvero nell ambito di entrambe): * Settore industriale (Agricoltura e pesca, Industria manifatturiera, Industria dell Energia ed Acqua, Industria dei servizi, attività produttiva in generale); * Settore civile (Costruzioni pubbliche e private; Trasporti; Pubblica Amministrazione, Commercio, Servizi pubblici e privati in generale Il processo di certificazione e di verifica del mantenimento delle competenze avviene attraverso le successive fasi così articolate: Istruttoria; Valutazione; Delibera; Rilascio; Rinnovo. 35 Certificazione SECEM: requisiti minimi di accesso 36

19 SECEM: valutazione, delibera e rilascio Criteri di valutazione finale La votazione finale è il risultato della somma dei punteggi attribuiti ai titoli, alla prova scritta e alla prova orale. I punteggi massimi da assegnare nella procedura di valutazione dei titoli e delle prove di esame sono riepilogati nella tabella seguente: Legenda: a) Esperienza professionale b) Titoli posto universitari c) Diplomi e attestati oltre 40 ore d) Altri corsi di formazione Affinché il processo di certificazione si concluda favorevolmente per il rilascio della certificazione di competenza, la valutazione dovrà raggiungere un punteggio complessivo finale uguale o maggiore a 70 punti. 37 SECEM: valutazione titoli ed esame La sequenza temporale prevede prima la valutazione dei titoli, l esecuzione della prova scritta, la prova orale, ed infine l attribuzione del punteggio complessivo con la dichiarazione di superamento della procedura di valutazione. La valutazione dei titoli e gli esami verteranno sia sugli ambiti di conoscenza comuni per le due Classi, sia su quelli specifici per la Classe prescelta. 38

20 Riconoscimento corsi SECEM 39 Perché SECEM? * Con il processo di certificazione si verificano le competenze e le capacità della figura professionale attraverso una serie di fasi: verifica dei requisiti minimi, valutazione dei titoli posseduti, superamento della prova di esame (scritto e orale) e rilascio della certificazione. * SECEM certifica come esperti solo soggetti con almeno tre anni di esperienza, al contrario di altri organismi, in quanto ritiene che un esperto non possa essere tale solo in virtù di titoli di studio e un anno di esperienza non può essere sostituito da un corso di formazione. 40

Nuove prospettive per l energy manager: competenza ed esperienza al servizio dell efficienza energetica

Nuove prospettive per l energy manager: competenza ed esperienza al servizio dell efficienza energetica Nuove prospettive per l energy manager: competenza ed esperienza al servizio dell efficienza energetica Francesco Belcastro, FIRE Direttore SECEM Bioenergy 06 marzo 2014 Cremona Cos è la FIRE La Federazione

Dettagli

La qualificazione e la certificazione degli energy manager in Italia: SECEM. Francesco Belcastro

La qualificazione e la certificazione degli energy manager in Italia: SECEM. Francesco Belcastro La qualificazione e la certificazione degli energy manager in Italia: SECEM Francesco Belcastro * ISNOVA è una Società Consortile a Responsabilità Limitata, senza fini di lucro, a partecipazione pubblico/privata,

Dettagli

ESCO ed efficienza energetica: cogliere le opportunità nel mercato dell energia La norma UNI CEI 11352

ESCO ed efficienza energetica: cogliere le opportunità nel mercato dell energia La norma UNI CEI 11352 ESCO ed efficienza energetica: cogliere le opportunità nel mercato dell energia La norma Francesco Belcastro, FIRE Direttore SECEM Workshop FIRE: The Innovation Cloud 08 maggio 2014 Milano Cos è la FIRE

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

La certificazione degli Esperti in Gestione dell Energia: lo schema SECEM Francesco Belcastro, FIRE Direttore SECEM Solarexpo 2013

La certificazione degli Esperti in Gestione dell Energia: lo schema SECEM Francesco Belcastro, FIRE Direttore SECEM Solarexpo 2013 La certificazione degli Esperti in Gestione dell Energia: lo schema SECEM Francesco Belcastro, FIRE Direttore SECEM Solarexpo 2013 10 maggio 2013, Milano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso

Dettagli

UNI CEI 11352 - Certificazione dei servizi energetici

UNI CEI 11352 - Certificazione dei servizi energetici UNI CEI 11352 - Certificazione dei servizi energetici La norma UNI CEI 11352 "Gestione dell'energia - Società che forniscono servizi energetici (ESCo) - Requisiti generali e lista di controllo per la verifica

Dettagli

La certificazione delle ESCO e degli EGE

La certificazione delle ESCO e degli EGE La certificazione delle ESCO e degli EGE Francesco Belcastro, FIRE Verona, 09 ottobre 2014 1 Cos è la FIRE? www.fire-italia.org La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

Dall Energy Manager all Esperto in Gestione dell Energia - EGE www.apea.ct.it

Dall Energy Manager all Esperto in Gestione dell Energia - EGE www.apea.ct.it Dall Energy Manager all Esperto in Gestione dell Energia - EGE www.apea.ct.it R. Lanzafame 1 Agenda L EM: un po di storia L EM oggi Dall EM all EGE Verso la certificazione delle competenze: non solo EM

Dettagli

Il mercato dell'energia e le opzioni dell'energy Management Daniele Forni, FIRE

Il mercato dell'energia e le opzioni dell'energy Management Daniele Forni, FIRE Il mercato dell'energia e le opzioni dell'energy Management Daniele Forni, FIRE Energy Management Conference 3 luglio 2013, Milano La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA COMMISSIONE ENERGIA CORSO: ENERGY MANAGER -EGE DATA: 08 LUGLIO 2015 DOCENTI: ING. SAVOLDELLI ROBERTO SEMINARIO ESCO-EGE-TEE 1 ENERGY MANAGER RICHIAMI:

Dettagli

I fornitori dei servizi energetici: le ESCO e gli EGE. Francesco Belcastro, FIRE

I fornitori dei servizi energetici: le ESCO e gli EGE. Francesco Belcastro, FIRE I fornitori dei servizi energetici: le ESCO e gli EGE Francesco Belcastro, FIRE Cos è la FIRE? La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che dal 1987

Dettagli

Attori e competenze per gestire al meglio l efficienza energetica nel settore industriale: Energy Manager ed ESCo.

Attori e competenze per gestire al meglio l efficienza energetica nel settore industriale: Energy Manager ed ESCo. Attori e competenze per gestire al meglio l efficienza energetica nel settore industriale: Energy Manager ed ESCo. 6 a Giornata sull efficienza energetica nelle industrie Enrico Biele, FIRE 14/05/13, Milano

Dettagli

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE EGE - ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE EGE - ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE DEFINIZIONE Esperto in gestione dell energia (EGE): Soggetto che ha le conoscenze, l'esperienza e la capacità necessarie per gestire l'uso dell'energia in modo efficiente.

Dettagli

Il responsabile per l uso razionale dell energia, legge 10/91 e suoi ruoli oggi

Il responsabile per l uso razionale dell energia, legge 10/91 e suoi ruoli oggi Il responsabile per l uso razionale dell energia, legge 10/91 e suoi ruoli oggi Francesco Belcastro Torino, 29 maggio 2008 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Per una migliore qualità della vita La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Matteo Locati Federchimica Milano 27/02/2013 La società: Certiquality: Profilo Società

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE degli ESPERTI IN GESTIONE DELL

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE NELL ATTIVITA DI ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA. PS DOC 02 EGE 09/11/2015 Pagina 1 di 11

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE NELL ATTIVITA DI ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA. PS DOC 02 EGE 09/11/2015 Pagina 1 di 11 REGOLAMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE NELL ATTIVITA DI ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA PS DOC 02 EGE 09/11/2015 Pagina 1 di 11 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI...

Dettagli

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI L efficienza energetica nell industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck La normativa tecnica come strumento Sandro Picchiolutto Comitato

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione di Persone Scheda Integrativa dei Requisiti della Certificazione delle Persone

Regolamento Generale per la Certificazione di Persone Scheda Integrativa dei Requisiti della Certificazione delle Persone Regolamento Generale per la Certificazione di Persone Persone UNI 11339 Esperti in gestione dell energia: EGE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente scheda definisce i requisiti e le modalità per

Dettagli

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE EGE - ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE EGE - ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE DEFINIZIONE Esperto in gestione dell energia (EGE): EGE Settore industriale (Applicazioni industriali, trasporti e processi produttivi in genere) EGE Settore civile (Civile,

Dettagli

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Febbraio 2014 Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Nell era del risparmio energetico, le politiche e le più svariate forme di incentivo per l utilizzo

Dettagli

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 DURATA CORSO: 30 Ore CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI RILASCIATI DAL CORSO: PERITI AGRARI 15 CFP ARCHITETTI 15 CFP PERITI INDUSTRIALI

Dettagli

Energy manager ed EGE. Francesco Belcastro, FIRE

Energy manager ed EGE. Francesco Belcastro, FIRE Energy manager ed EGE Francesco Belcastro, FIRE Cos è la FIRE? La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che dal 1987 promuove per statuto efficienza

Dettagli

Sistemi di gestione dell'energia, EGE e nuovi schemi di certificazione comunitari: cogliere le opportunità Valentina Bini, FIRE

Sistemi di gestione dell'energia, EGE e nuovi schemi di certificazione comunitari: cogliere le opportunità Valentina Bini, FIRE Sistemi di gestione dell'energia, EGE e nuovi schemi di certificazione comunitari: cogliere le opportunità Valentina Bini, FIRE FORUMPA 2012 17 maggio 2012, Roma Cos è la FIRE La Federazione Italiana per

Dettagli

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Argomen( tra,a( Definizioni e riferimen( norma(vi su strumen( ed a,ori del risparmio energe(co

Dettagli

Linee Guida Efficienza Energetica

Linee Guida Efficienza Energetica Linee Guida Efficienza Energetica SOGGETTI NORMATIVE CONTRATTI - INCENTIVI domusblog.com IL BLOG DELL ENERGIA VERDE E.S.Co. o E.S.P.Co.? Il D. Lgs. 30 Maggio 2008 n.115 Attuazione della direttiva 2006/32/CE

Dettagli

Efficienza e certificazione energetica in edifici tradizionali. Il ruolo del Comune II parte

Efficienza e certificazione energetica in edifici tradizionali. Il ruolo del Comune II parte Corso di formazione per tecnici comunali Efficienza e certificazione energetica in edifici tradizionali. Il ruolo del Comune II parte Strumenti normativi per la gestione energetica dei Comuni Ing. Andrea

Dettagli

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012 Arch. Rovena Xhaferi 16 ottobre 2015 Grosseto Comune di Grosseto La sfida energetica e Il parco immobiliare nazionale Trasporto Industria Edifici Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca,

Dettagli

Dopo la diagnosi: la parola all energy management Dario Di Santo, FIRE

Dopo la diagnosi: la parola all energy management Dario Di Santo, FIRE Dopo la diagnosi: la parola all energy management Dario Di Santo, FIRE Greenbuilding - Audit energetico sostenibile 5 maggio 2011, Verona Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica

L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica Nino Di Franco nino.difranco@enea.it ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica Giornata di formazione continua in collaborazione

Dettagli

ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA ENERGY MANAGER

ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA ENERGY MANAGER ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA IL PRESENTE SCHEMA È STATO REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME: UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 REQUISITI GENERALI PER ORGANISMI CHE ESEGUONO LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE UNI

Dettagli

Diagnosi Energetiche. Il quadro normativo internazionale La norma UNI TR 11428. Modena Formazione, 08/05/14

Diagnosi Energetiche. Il quadro normativo internazionale La norma UNI TR 11428. Modena Formazione, 08/05/14 Diagnosi Energetiche Il quadro normativo internazionale La norma UNI TR 11428 Modena Formazione, 08/05/14 La Direttiva 2012/27/CE Il 25 ottobre 2012 il Parlamento Europeo ha emanato la Direttiva 2012/27/CE

Dettagli

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica.

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. La figura dell Energy Manager (EM) è stata introdotta con la Legge 10/91. L articolo 19 dispone infatti la nomina annuale di un tecnico responsabile

Dettagli

L energy manager in rete

L energy manager in rete L energy manager in rete Francesco Belcastro, FIRE La gestione dei contratti nei servizi energetici 02 marzo 2009, Torino Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

Corso formazione Esperto di Gestione Energia (EGE)

Corso formazione Esperto di Gestione Energia (EGE) Ing. Fabrizio Martinoli S.r.l. Sede legale ed uffici: Viale Dante Alighieri, 25 28100 Novara Telefono 0321 442235 Fax 0321 681817 email: ingfabriziomartinolisrl@tin.it pec: ingfabriziomartinolisrl@pec-neispa.com

Dettagli

Incentivi e fondi per l'efficientamento energetico della PA: ESCO, FTT ed energy manager

Incentivi e fondi per l'efficientamento energetico della PA: ESCO, FTT ed energy manager Incentivi e fondi per l'efficientamento energetico della PA: ESCO, FTT ed energy manager Enrico Biele, FIRE Procedure per realizzare progetti di efficientamento nella Pubblica Amministrazione: FTT, EPC

Dettagli

Diagnosi Energetica: da obbligo normativo ad opportunità

Diagnosi Energetica: da obbligo normativo ad opportunità Energetica: da obbligo normativo ad opportunità Risparmi OBBLIGO NORMATIVO Il Decreto Legislativo 102/2014 obbliga le Grandi Imprese e le Imprese Energivore a svolgere una Energetica a norma entro il 5

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Uniamo le energie generiamo efficienza

Uniamo le energie generiamo efficienza Uniamo le energie generiamo efficienza Il mondo dell efficienza energetica e le Energy Service Company (E.S.Co.) Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Claudio G. Ferrari Presidente Federesco

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

Efficienza energetica nell industria: opportunità e strumenti

Efficienza energetica nell industria: opportunità e strumenti energetica nell industria: opportunità e strumenti Enrico Biele, FIRE Convegno: efficienza energetica, un giacimento da esplorare 23 ottobre 2013, Ferrara Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso

Dettagli

CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Introduzione CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Direttiva 2012/07/UE EFFICIENZA ENERGETICA D. Lgs 115/2008 EFFICIENZA USI FINALI ENERGIA E SSE D. Lgs 192/2005 RENDIMENTO

Dettagli

Il decreto in sintesi

Il decreto in sintesi Sulla G.U. serie generale 165 del 18-07-2014, è stato pubblicato il decreto legislativo nr. 102 del 4 luglio 2014, attuativo della direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica. Il decreto è in vigore

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA ENERGY MANAGER

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA ENERGY MANAGER SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004 Sistemi Valutazione della conformità Requisiti generali

Dettagli

IL CONTESTO NORMATIVO COMUNITARIO E NAZIONALE

IL CONTESTO NORMATIVO COMUNITARIO E NAZIONALE Ciclo formativo sulla Diagnosi Energetica 30 settembre 2015 IL CONTESTO NORMATIVO COMUNITARIO E NAZIONALE ing. Claudia Colosimo claudia.colosimo@teletu.it La Normativa Comunitaria e Nazionale in materia

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti o Legge

Dettagli

BANDO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI EGE BANDO SECEM PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI EGE SESSIONI NOVEMBRE-DICEMBRE 2015 SECEM

BANDO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI EGE BANDO SECEM PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI EGE SESSIONI NOVEMBRE-DICEMBRE 2015 SECEM Rev. 09 09-06-2015] Pagina 1 di 13 BANDO SECEM PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI EGE SESSIONI NOVEMBRE-DICEMBRE 2015 SECEM SECEM Rev. 09 09-06-2015] Pagina 1 di 13 SOMMARIO 1 Requisiti per l accesso al processo

Dettagli

Dalla EN 16001 alla ISO 50001: Prospettive e opportunità

Dalla EN 16001 alla ISO 50001: Prospettive e opportunità Dalla EN 16001 alla ISO 50001: Prospettive e opportunità La norma ISO 50001 sui sistemi di gestione dell energia: dove siamo e dove stiamo andando. Antonio Panvini - Comitato Termotecnico Italiano www.cti2000.it

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA PER ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA EGE (40 ore)

CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA PER ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA EGE (40 ore) Presentazione del corso Il Dlgs 102 del 4 luglio 2014 introduce importanti novità riguardanti i soggetti che possono svolgere Diagnosi Energetiche e richiedere Titoli di Efficienza Energetica. Si richiede

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA Il quadro di riferimento normativo alla luce della Direttiva 2012/27/UE

EFFICIENZA ENERGETICA Il quadro di riferimento normativo alla luce della Direttiva 2012/27/UE EFFICIENZA ENERGETICA Il quadro di riferimento normativo alla luce della IL CONTESTO EUROPEO Usi e consumi energetici EUROPA 28 (2012) Gross inland consumption of primary energy 1.683 MToe Final energy

Dettagli

Esame per Esperto di Gestione Energetica (EGE)

Esame per Esperto di Gestione Energetica (EGE) Esame per Esperto di Gestione Energetica (EGE) Esame per Esperto di Gestione Energetica (EGE) Indicare separatamente il tipo di esame che si intende sostenere, od entrambi. EGE Civile (che comprende anche

Dettagli

TÜV Examination Institute. Schema EGE

TÜV Examination Institute. Schema EGE 1 di 12 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI... 2 3. ACRONIMI... 2 4. REQUISITI... 2 4.1 Profilo... 2 4.2 Istruzione... 3 4.3 Esperienza di lavoro specifica... 4 5. PROCESSO DI VALUTAZIONE...

Dettagli

DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese

DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese DLGS 102-2014 rev. 2014-11 PAG. 1 Vietata riproduzione anche parziale. Diritti riservati CTQ SpA. DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102 Attuazione

Dettagli

TRASMETTIAMO ENERGIA: P r o g e t t o d i m o d e l l i z z a z i o n e n. 1 0 7 5 / 1 / 3 / 4 4 8 / 2 0 1 4

TRASMETTIAMO ENERGIA: P r o g e t t o d i m o d e l l i z z a z i o n e n. 1 0 7 5 / 1 / 3 / 4 4 8 / 2 0 1 4 FARE RETE PER COMPETERE SPERIMENTARE L INNOVAZIONE PER LA CRESCITA INTELLIGENTE, SOSTENIBILE E INCLUSIVA DEI SISTEMI PRODUTTIVI VENETI FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO

Dettagli

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * *

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * Il presente breve contributo intende dare conto di un interessante fenomeno economico/industriale,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Profilo aziendale Nata nel 1986 come azienda artigiana per lo sviluppo di impianti tecnologici industriali, NUOVA ELETTRICA garantisce affidabilità e professionalità, unitamente all

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ENTE ITALIANO DI CERTIFICAZIONE S.R.L. www.enteitalianocertificazione.it info@enteitalianocertificazione.it SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE IL PRESENTE SCHEMA È STATO REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE

Dettagli

DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese

DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese DLGS 102-2014 rev. 2014-11 PAG. 1 Vietata riproduzione anche parziale. Diritti riservati CTQ SpA. DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102 Attuazione

Dettagli

Decreto 102/2014: contenuti e attuazione

Decreto 102/2014: contenuti e attuazione Decreto 102/2014: contenuti e attuazione Ilaria Bertini Unità Tecnica Efficienza Energetica UTEE Direttore Aggiunto www.efficienzaenergetica.enea.it 1 D.Lgs. 102/2014 Strategia Europa 2020 e in attuazione

Dettagli

UNI CEI EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell energia energia e linee guida per l utilizzol

UNI CEI EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell energia energia e linee guida per l utilizzol UNI CEI EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell energia energia e linee guida per l utilizzol Antonio Panvini Funzionario CTI Segretario del gruppo UNI/CTI CEI GGE Gestione dell energia energia Segretario

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ALLEGATO Schema di DPR di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modifiche e integrazioni, concernente Attuazione della direttiva

Dettagli

DALL ENERGY MANAGER ALLA CERTIFICAZIONE DELL ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA (EGE)

DALL ENERGY MANAGER ALLA CERTIFICAZIONE DELL ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA (EGE) Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia DALL ENERGY MANAGER ALLA CERTIFICAZIONE DELL ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA (EGE) www.fire-italia.org 1 di 43 Federazione Italiana per l uso Razionale

Dettagli

CORSO QUALIFICATO ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA

CORSO QUALIFICATO ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA CORSO QUALIFICATO ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA Collegio Periti Industriali Province Ascoli Piceno e Fermo VIA SANT ALESSANDRO, 3 - FERMO GIOVEDI 12 MAGGIO 2016 PRESENTAZIONE La fi gura professionale

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Il meccanismo dei Certificati Bianchi e le relazioni con i sistemi di gestione (ISO 50001, UNI 11352, UNI 11339) Vicenza, 10 maggio 2013

Il meccanismo dei Certificati Bianchi e le relazioni con i sistemi di gestione (ISO 50001, UNI 11352, UNI 11339) Vicenza, 10 maggio 2013 Per una migliore qualità della vita Il meccanismo dei Certificati Bianchi e le relazioni con i sistemi di gestione (ISO 50001, UNI 11352, UNI 11339) QUALITY ENVIRONMENT Matteo Locati ENERGY Responsabile

Dettagli

Il ruolo delle ESCo: Energy Service Company.

Il ruolo delle ESCo: Energy Service Company. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO EFFICIENZA ENERGETICA. OPPURTUNITÀ PER IMPRESE E PROFESSIONISTI. Il ruolo delle ESCo: Energy Service Company. Claudio G. Ferrari Presidente Federesco 9 GIUGNO

Dettagli

I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO. Marinella Baldi - A.E.R.E.

I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO. Marinella Baldi - A.E.R.E. I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO Marinella Baldi - A.E.R.E. 1 CONDOMINI INTELLIGENTI: LE QUESTIONI GIURIDICHE Le principali questioni giuridiche inerenti al progetto

Dettagli

1. Denominazione/Ragione sociale/riferimenti

1. Denominazione/Ragione sociale/riferimenti 1. Denominazione/Ragione sociale/riferimenti ENERGIKA S.r.l. Via Nuova circonvallazione, 57/D - 47923 RIMINI REA: 53992/1997 Assistenza clienti dalle ore 09,00-18,00 dal lunedì al venerdì: 199 44 55 10

Dettagli

GReening business through the Enterprise Europe Network

GReening business through the Enterprise Europe Network GReening business through the Enterprise Europe Network Energy Management System UNI 14064 Audit Energetici Romano Selva, SOGESCA srl European Commission Enterprise and Industry UNI CEI EN 16001:2009 I

Dettagli

Efficienza energetica & Certificazioni

Efficienza energetica & Certificazioni Efficienza energetica & Certificazioni RINA Group overview Overview sul Gruppo RINA Chi siamo Il RINA è un Gruppo multinazionale capace di affiancare i propri clienti nello sviluppo e nella gestione delle

Dettagli

I PROVVEDIMENTI APPLICATIVI DEL D.LGS 102/2014

I PROVVEDIMENTI APPLICATIVI DEL D.LGS 102/2014 2015: obblighi e opportunità per l Efficienza Energetica I PROVVEDIMENTI APPLICATIVI DEL D.LGS 102/2014 Nino Di Franco ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica 23 Workshop del programma T.A.C.E.C.

Dettagli

I benefici aziendali che si possono ottenere sono riconducibili a:

I benefici aziendali che si possono ottenere sono riconducibili a: Consulenza Strategica nel settore Automotive con sviluppo di piani aziendali e strategie nel settore commerciale,nel post-vendita e nell area manageriale. La consulenza è rivolta ai titolari delle CONCESSIONARIE

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ENTE ITALIANO DI CERTIFICAZIONE S.R.L. www.enteitalianocertificazione.it info@enteitalianocertificazione.it SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE IL PRESENTE SCHEMA È STATO REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE

Dettagli

QUADRO SINOTTICO Dlgs 102/2014

QUADRO SINOTTICO Dlgs 102/2014 QUADRO SINOTTICO Dlgs 102/2014 Rif. OBBLIGO SOGGETTO OBBLIGATO DESTINATARIO FINALE SCADENZA Art.4 Art. 4 comma 4 Art.5 comma 3 Elaborazione proposta di interventi di medio- lungo termine per il miglioramento

Dettagli

Ingegneria Qualità e Servizi. Engineering Process Owner

Ingegneria Qualità e Servizi. Engineering Process Owner Ingegneria Qualità e Servizi Engineering Process Owner Gestione Aziendale Sostenibilità Ambientale Efficienza Energetica Infrastrutture e Costruzioni Chi è è una società di consulenza, che opera dal 1995

Dettagli

Progettazione/Redazione Contributi/Coordinamento Versione Visto. Ing. Massimiliano Bagagli Rev. 0

Progettazione/Redazione Contributi/Coordinamento Versione Visto. Ing. Massimiliano Bagagli Rev. 0 Studio preliminare sull ipotesi di introduzione di un Sistema di Gestione dell Energia in ARPA Umbria Ottobre 2010 La norma UNI EN 16001 sul Sistema di Gestione dell Energia... 3 La Pubblica Amministrazione

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Efficienza energetica: da ENEA novità su ecobonus e scadenze per imprese e PA

Efficienza energetica: da ENEA novità su ecobonus e scadenze per imprese e PA Efficienza energetica: da ENEA novità su ecobonus e scadenze per imprese e PA 15 gennaio 2015 Le principali innovazioni in tema di efficienza per il 2015 riguardano l estensione degli incentivi sotto forma

Dettagli

ENERGY EFFICIENCY PERFORMANCE IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DAVIDE VITALI ALESSANDRO LAZZARI

ENERGY EFFICIENCY PERFORMANCE IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DAVIDE VITALI ALESSANDRO LAZZARI ENERGY EFFICIENCY PERFORMANCE IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DAVIDE VITALI ALESSANDRO LAZZARI CHI E ASSOEGE? (..E CHI SONO GLI EGE) Associazione degli

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

Alice Castello 09/02/2014. COSCHIGNANO, Antonio. antonio.coschigano@sei-energia.it

Alice Castello 09/02/2014. COSCHIGNANO, Antonio. antonio.coschigano@sei-energia.it AL RESPONSABILE DEL PERSONALE 1 - INFORMAZIONI PERSONALI Nome COSCHIGNANO, Antonio E-mail antonio.coschigano@sei-energia.it Nazionalità Italiana Data di nascita 28, maggio, 1975 2 - ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 REQUISITI MINIMI PER ACCEDERE AL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE E PROPOSTE DI E LEARNING CONOSCENZE DI

Dettagli

La norma UNI CEN EN 16001 e i Sistemi di Gestione dell Energia (SGE) Marco Gentilini

La norma UNI CEN EN 16001 e i Sistemi di Gestione dell Energia (SGE) Marco Gentilini La norma UNI CEN EN 16001 e i Sistemi di Gestione dell Energia (SGE) Marco Gentilini L ambito di riferimento DIRETTIVA 2006/32/CE del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia

Dettagli

Oggetto: Decreto legislativo in attuazione della Direttiva Europea 2012/27

Oggetto: Decreto legislativo in attuazione della Direttiva Europea 2012/27 Verona, 6 maggio 2014 Spett.le X Commissione Senato della Repubblica comm10a@senato.it Spett.le X Commissione Camera dei Deputati com_attivita_produttive@camera.it Oggetto: Decreto legislativo in attuazione

Dettagli

Certificati bianchi: il concetto e le esperienze

Certificati bianchi: il concetto e le esperienze Certificati bianchi: il concetto e le esperienze Enrico Biele, FIRE Klimaenergy 2012 20 settembre 2012, Bolzano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE:

CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE: CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE: Procedure, Sistema di Accreditamento dei soggetti abilitati al rilascio, Rapporto con la Certificazione Energetica e integrazione

Dettagli

In collaborazione con: Decreto legislativo n 102 del 4 luglio 2014: Obblighi, opportunità e modalità di efficientamento. Taormina, 24 Aprile 2015

In collaborazione con: Decreto legislativo n 102 del 4 luglio 2014: Obblighi, opportunità e modalità di efficientamento. Taormina, 24 Aprile 2015 Decreto legislativo n 102 del 4 luglio 2014: Obblighi, opportunità e modalità di efficientamento. Taormina, 24 Aprile 2015 Diagnosi Energetica normativa Art.8, comma 1 l Decreto Legislativo 4 luglio 2014

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2014-07-29

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2014-07-29 Titolo/Title Sigla/Reference RT- 32 Revisione/Revision 00 Data/Date 2013-01-29 Prescrizioni per l accreditamento degli organismi operanti la certificazione dei sistemi di gestione dell Energia (SGE) Directives

Dettagli

10^ Commissione Camera. Esame dello Schema di decreto legislativo recante disposizioni integrative al D.Lgs. 102/2014 (Atto 201) Memoria

10^ Commissione Camera. Esame dello Schema di decreto legislativo recante disposizioni integrative al D.Lgs. 102/2014 (Atto 201) Memoria 10^ Commissione Camera Audizione Esame dello Schema di decreto legislativo recante disposizioni integrative al D.Lgs. 102/2014 (Atto 201) Memoria Alessandro Pascucci Segretario Generale 6 ottobre 2015

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DA AUDITOR ENERGETICO secondo UNI CEI EN 16247 - Procedura sviluppo attività -

CORSO DI FORMAZIONE DA AUDITOR ENERGETICO secondo UNI CEI EN 16247 - Procedura sviluppo attività - Pagina 1 di 8 CORSO DI FORMAZIONE DA secondo - Procedura sviluppo attività - COPIA N : 0 Rev. Data Motivo Redazione e Verifica Approvazione 0 09.01.2016 Marco Surra Andrea Agostinelli 1 10.02.2016 Luca

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli