v01. Manuale Derivati 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "20160414v01. Manuale Derivati 1"

Transcript

1 Manuale Derivati 1

2 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione Attivazione servizio Borse Rischi dell operatività in opzioni e futures Conoscere è importante Rischi connessi alle negoziazioni in opzioni e futures Rischi legati a cause di forza maggiore Operatività in Derivati Ordini Regolamentazione operazioni derivati Margini Margine disponibile Esercizio e scadenza opzioni Esercizio anticipato opzioni di stile americano Esercizio a scadenza opzioni di stile americano Scadenza opzioni di stile europeo Assegnazione Esercizio e Assegnazione ex dividendo Scadenza dei futures...9

3 Manuale Derivati 3 1. Introduzione Questo Manuale contiene una descrizione e alcuni esempi dell attuale funzionamento del Servizio Derivati di Binck. 2. Attivazione servizio Con il servizio Derivati, Binck consente di negoziare prodotti derivati, futures e opzioni, quotati sui mercati italiani ed esteri. Per attivare il servizio Derivati compila, sottoscrivi e invia il Modulo. Prima di attivare il servizio leggi attentamente la documentazione relativa al servizio (Condizioni Operatività Derivati), che trovi nella sezione Documenti. È possibile recedere in qualsiasi momento il Contratto Derivati, inviando via posta una comunicazione di recesso sottoscritta in originale. 3. Borse Tramite Binck è possibile negoziare prodotti derivati sui seguenti mercati: Borsa IDEM NYSE Euronext-Liffe Eurex Chicago Mercantile Exchange (CME) Opzioni USA Prodotti Futures e opzioni Futures e opzioni Futures e opzioni Futures Opzioni 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures Per operare in strumenti derivati è necessario possedere un elevato livello di conoscenza ed esperienza in materia di investimenti ed essere consapevoli dei rischi connessi all operatività in derivati. 4.1 Conoscere è importante Investire in opzioni e future comporta notevoli rischi. È necessario comprendere esattamente quali rischi sono connessi all operatività e agli specifici investimenti, in modo da poter stabilire se si è in grado di sostenerli finanziariamente e se sono accettabili nell ambito dei propri obiettivi di investimento. Si raccomanda di investire in derivati soltanto se si dispone di una adeguata conoscenza di questi strumenti e dei relativi rischi e di ricorrere a speciali strategie relative alle opzioni come spread, straddle e strangle, solo se si comprende esattamente l effetto di tali strategie ed i rischi che esse comportano. 4.2 Rischi connessi alle negoziazioni in opzioni e futures I maggiori rischi finanziari sono connessi, in particolare, alla vendita di opzioni e all acquisto o vendita di future. L obbligo, contrattualmente previsto, di disporre di un adeguato margine di garanzia per l operatività in opzioni e future non implica che il rischio dell operatività sia limitato al solo margine. È infatti possibile che le perdite conseguenti all operatività in derivati superino il valore dei margini di garanzia versati.

4 Manuale Derivati Rischi legati a cause di forza maggiore Eventuali cause di forza maggiore (ad esempio, malfunzionamenti durante le transazioni in derivati) possono provocare rapidamente perdite a danno del cliente. Pertanto è assolutamente importante prestare la massima attenzione alla corretta evoluzione dello stato dei propri ordini. È infatti responsabilità del cliente segnalare eventuali anomalie nell evoluzione dello stato degli ordini immessi. In caso di rifiuto del proprio ordine da parte del mercato si consiglia di inviare una richiesta in merito ai motivi del rifiuto al Servizio Clienti Binck. Inoltre è sempre necessario segnalare immediatamente problemi e/o malfunzionamenti, in modo da poter richiedere un eventuale rimborso. A tale proposito si ricorda che Binck e i relativi partner esterni non assumono alcuna responsabilità per danni derivanti da cause di forza maggiore e che questi ultimi sono pertanto a carico del cliente. 5. Operatività in Derivati 5.1 Ordini È possibile immettere, modificare e cancellare gli ordini attraverso le piattaforme Binck Web Start, Scalper e Trading App, oppure tramite il Servizo Clienti Binck. Nel caso di operativià in prodotti derivati è possibile aprire una posizione in acquisto o in vendita. In particolare sui Futures gli ordini vengono classificati in: AL F Apertura Long Future, apertura della posizione in acqusito AS F Apertura Short Future, apertura della posizione in vendita CL F Chiusura Long Future, chiusura della posizione in acqusito CS F Chiusura Short Future, chiusura della posizione in vendita Gli ordini su opzioni distinguono in: AL Apertura Long, apertura della posizione in acqusito AS Apertura Short, apertura della posizione in vendita CL Chiusura Long, chiusura della posizione in acqusito CS Chiusura Short, chiusura della posizione in vendita Attraverso tale meccanismo il sistema non consente di avere una posizione long e short in portafoglio sullo stesso contratto. Quindi, se si possiedono futures o opzioni in portafoglio (apertura long) o si è short (Apertura short), il sistema permette di inserire solamente ordini di chiusura sullo stesso contratto. Attivando il Servizio di Alert via sms o mail, si riceverà gratuitamente un messaggio per ogni variazione dello stato dell ordine. Anche se l ordine È eseguito in modo completo, viene fatta l esecuzione con riserva, in quanto le borse si riservano il diritto di modificare lo stato dell ordine entro le ore della successiva giornata di negoziazione. Ciò può accadere, ad esempio, quando è stata comunicata una quotazione errata o quando l ordine non è stato eseguito totalmente. Se l ordine è inserito in modo errato, ad esempio quando non rispettano i limiti di prezzo previsti dalla Borsa o dal Broker, sarà immediatamente rifiutato dal mercato.

5 Manuale Derivati Regolamentazione operazioni derivati Opzioni Una volta che l ordine viene eseguito, la liquidità, il portafoglio e il Margine disponibile si aggiornano immediatamente, la data valuta dell operazione, invece è T+1. Il premio pagato (incassato) per l acquisto (la vendita) dell opzione viene addebitato immediatamente sul conto del cliente. L effetto sul margine disponibile è dato dal valore dell opzione in portafoglio meno il margine richiesto. ESEMPIO Situazione inziale: Liquidità: Margine disponibile: Supponiamo di vendere un opzione (Apertura Short), incassando un premio di e che il margine richiesto sia di La situazione aggiornata sarà: Liquidità: liquidità premio incassato Portafoglio a valore di realizzo circa, è calcolato sul Ask in tempo reale e rappresenta il premio che si deve pagare per chiudere lo short Margini =Margine disponibile Futures Una volta che l ordine viene eseguito, il Margine disponibile e il portafoglio si aggiornano immediatamente. La data valuta dell operazione è T+1 Il giorno successivo alla data di esecuzione dell ordine viene aggiornata anche la liquidità. Se si acquista un future in data T, in data T+1 passerà l addebito delle commissioni e l addebito o accredito del margine di variazione con data operazione T e data valuta T+1. ESEMPIO Situazione inziale: Liquidità: Margine disponibile: Supponiamo di vendere un Minifib (Apertura short future). Margine richiesto: La situazione aggiornata sarà: Liquidità: (rimane invariata e il giorno successivo vengono addebitate le commissioni) Portafoglio P&L potenziale +200 (supponendo che il minifib sia a ) Margini Margine disponibile = Se, ad esempio, il prezzo settlement a fine giornata è di , il giorno successivo sul conto corrente passeranno i seguenti movimenti: 1. Commissioni: Accredito margine di variazione: +250 Sarà aggiornato anche il portafoglio, poiché il prezzo di carico del Minifib sarà di (ovvero pari al prezzo di settlement del giorno precedente) Quindi, supponendo che il prezzo di apertura del Minifib la mattina successiva sia di la situazione aggiornata sarà: Liquidità Portafoglio +50 (P&L potenziale tra prezzo di carico aggiornato e last price) Margini Margine disponibile = 9.175

6 Manuale Derivati Margini I margini di garanzia rappresentano la quantità di liquidità necessaria o i titoli da depositare per poter coprire una posizione in future e/o una posizione in opzioni scoperte o parzialmente coperte. Il versamento dei margini è obbligatorio. Per l operativita in futures, si possono distinguere i seguenti margini: margine iniziale: costituisce l ammontare di denaro che la Banca deve versare alla Cassa di Compensazione e Garanzia e, di conseguenza, l ammontare minimo che la banca richiede all investitore per poter aprire una posizione in future. Tale margine costituisce la garanzia sufficiente per coprire i costi teorici di liquidazione della posizione in caso di insolvenza. Viene restituito alla chiusura della posizione; margine di variazione: nei futures i profitti e le perdite si realizzano giorno per giorno, grazie alla procedura di liquidazione giornaliera delle posizioni. A fine giornata vengono calcolati i profitti e le perdite generati dalla posizioni sulla base del prezzo giornaliero ed accreditati o addebitati sul conto dell investitore. Per quanto riguarda il calcolo dei margini richiesti, Binck offre due sistemi di marginazione: SBM: Singol Best Margin PBM: Portafolio Best Margin Attraverso il PBM il calcolo dei margini è eseguito in base alla global position del cliente. In particolare, Binck definisce una serie di possibili scenari di mercato con riferimento al complessivo portafoglio del cliente, valutando l impatto per ogni singolo scenario di mercato. Nel determinare i margini da richiedere per le posizioni in derivati, viene preso in considerazione lo scenario che comporta l impatto più negativo sulla posizione del cliente. Attraverso il metodo PBM, i margini richiesti sono calcolati prendendo principalmente in considerazione quattro differenti tipologie di rischio per gli investimenti: rischio di portafoglio: rischio connesso alle caratteristiche e alla rischiosità dei diversi titoli presenti nel portafoglio del cliente, compresi i titoli sottostanti agli strumenti derivati; rischio strumenti derivati: rischiosità connessa alla circostanza che gli strumenti derivati presenti in portafoglio possano scadere in tempi diversi con conseguente perdita della copertura provvisoria derivante dalla presenza contestuale di diverse posizioni in derivati; rischi derivanti dalla volatilità del sottostante, rischio di tasso di interesse e quello connesso al pagamento di dividendi. Al fine di tener conto di tali rischi, Binck può richiedere una percentuale superiore di margine di garanzia al cliente che apre posizioni in strumenti derivati. rischio di liquidità: rischio costituito dalla difficoltà di liquidare le posizioni in titoli del cliente; rischio di concentrazione: rischio connesso alla scarsa diversificazione degli investimenti del cliente, il cui portafoglio è composto da posizioni in un numero ridotto di strumenti finanziari. Binck procede in tempo reale al calcolo dei margini di garanzia richiesti per l apertura ed il mantenimento di posizioni in future e opzioni. La misura dei margini richiesti è correlata a numerose componenti, come la volatilità nei 30 giorni di negoziazione precedenti, la data di scadenza e la posizione del cliente in altre opzioni o future e, in generale, in altri strumenti finanziari. È possibile visualizzare la percentuale minima richiesta, utilizzando il sistema PBM, calcolata sul controvalore del contratto, cliccando sul seguente link: (pagina derivati)

7 Manuale Derivati 7 Per quanto riguarda i margini richiesti sulle opzioni si ricorda che sullo short options alla percentuale minima richiesta viene aggiunto un correttivo di 0,25. Con il metodo PBM il margine richiesto sul singolo contratto viene calcolato in base alla struttura del portafoglio, in particolare se si effettuano strategie su opzioni i margini vengono calcolati sulle variazioni del sottostante; il servizio, infatti, riconosce le strategie ed effettua una valutazione sulla global position. 5.4 Margine disponibile L operatività in derivati comporta l obbligo di versamento a Binck di margini a garanzia delle posizioni aperte. Per tale motivo, è necessario disporre in ogni momento di un saldo sufficiente. In caso di mancato rispetto dei margini, Binck potrà procedere d ufficio alla chiusura delle posizioni e addebitare una penale al cliente. Per maggiori dettagli consulta le Condizioni Operatività Derivati. Binck monitora il Margine disponibile ed il Margine di mantenimento dei clienti. Il Margine di mantenimento è sempre superiore (di circa il 20%) rispetto al margine disponibile. Se il Margine disponibile diventa negativo, il cliente riceve un messaggio via ed sms in cui gli viene richiesto di rispristinare il saldo entro le ore 16:30. La segnalazione di Margine disponibilenegativo sarà eliminata qualora alle ore 16:30 il Margine disponibile sarà tornato positivo. Se il messaggio viene inviato dopo le ore 16:30, la scadenza per il ripristino del saldo sarà posticipata alle ore 16:30 del giorno successivo. Se il Margine di Mantenimento diventa negativo, Binck procede immediatamente alla chiusura forzata delle posizioni del cliente. Il cliente, per quanto possibile, sarà avvisato prima della chiusura via sms ed Esercizio e scadenza opzioni È possibile visualizzare le schede tecniche di tutte le opzioni offerte da Binck nella sezione Opzioni del sito. 6.1 Esercizio anticipato opzioni di stile americano Opzioni negoziate su IDEM Si possono esercitare online gratuitamente. Opzioni negoziate su Euronext Si possono esercitare online, al costo di 11 /lotto. Opzioni USA Si può richiedere l esercizio chiamando o inviando un al Servizio Clienti entro le ore pagando una commissione di 11 /lotto.

8 Manuale Derivati Esercizio a scadenza opzioni di stile americano Opzioni negoziate su IDEM È previsto l esercizio automatico per le opzioni che scadono ITM (in the money). In questo caso la liquidazione avviene mediante consegna fisica dei titoli, il giorno di liquidazione del contratto coincide con il terzo giorno lavorativo successivo al giorno di scadenza dell opzione. Opzioni Usa e Euronext È previsto l esercizio automatico per le opzioni che scadono ITM (in the money). La liquidazione avviene mediante consegna fisica dei titoli, la data di liquidazione del contratto è il giorno lavorativo successivo alla data di scadenza (T+1) mentre la data di regolamento della liquidazione coincide con il terzo giorno lavorativo successivo (T+3). 6.3 Scadenza opzioni di stile europeo Le opzioni ITM (in the money) sono esercitate automaticamente il giorno di scadenza. La liquidazione avviene, il primo giorno lavorativo successivo alla data di esercizio del contratto, in contanti sulla base della differenza fra il prezzo di esercizio ed il valore di regolamento dell'indice, tenuto conto del numero di contratti esercitati e del valore del moltiplicatore. 6.4 Assegnazione L assegnazione di un opzione avviene quando un cliente ha venduto l opzione e l acquirente l esercita. L assegnazione può avvenire o quando l acquirente dell opzione decide di esercitare il proprio diritto oppure a scadenza nel caso in cui si è short su un opzione ITM. Se il venditore di opzioni viene assegnato deve: in caso di opzioni call,vendere il sottostante al prezzo di esercizio in caso di opzini put, acquistare il sottostante al prezzo di esercizio Assegnazione anticipata Quando l acquirente esercita anticipatamente il suo diritto, la CCG assegna il venditore sulla base di un estrazione casuale, comunicando a Binck l eventuale estrazione del cliente. Si può essere soggetti ad un assegnazione anticipata quando si detengono in posizione delle opzione short call o short put. In caso di assegnazione, il cliente viene informato dal Servizio Clienti Binck. Al momento dell assegnazione il cliente dovrà essere in possesso dei titoli da consegnare o della liquidità necessaria. Il sistema provvede ad effettuare i controlli per verificare la capienza titoli o la liquidità necessari per portare a termine l assegnazione. Se uno dei requisiti non viene soddisfatto, il sistema provvede ad inoltrare gli ordini forzati d acquisto o vendita Assegnazione a scadenza Per l opzioni che scadono ITM (in the money) è previsto l esercizio automatico per l acquirente e l assegnazione per il venditore. Nel caso in cui si è short su opzioni di stile europeo si avrà la liquidazione del contratto per contanti, mentre nel caso si tratti di opzioni di stile americano la liquidazione avviene mediante consegna fisica dei titoli. Anche in questo caso il cliente dovrà essere in possesso dei titoli da consegnare o della liquidità necessaria. Il sistema provvede ad effettuare i controlli per verificare la capienza titoli o la liquidità necessari per portare a termine l assegnazione. Se uno dei requisiti non viene soddisfatto il sistema provvede ad inoltrare gli ordini forzati d acquisto o vendita.

9 Manuale Derivati Esercizio e Assegnazione ex dividendo La data valuta delle operazioni in opzioni è T+1. Se si esercita l opzione call o si viene assegnati sull opzione put si ha diritto a ricevere il dividendo, mentre nel caso in cui si eserciti l opzione put o si viene assegnati sull opzione call è necessaruo pagare i dividendi. Dato che l esercizio o l assegnazione avviene nella giornata di contrattazione successiva all ordine, le azioni vengono trasferite ex dividendo, si avrà quindi, l accredito o l addebito del dividendo in conto corrente. 6.6 Scadenza dei futures È possibile visualizzare le schede tecniche dei futures offerti da Binck nella sezione Futures del sito Scadenza futures: cash settlement A scadenza, la liquidazione del contratto avviene in contanti, sulla base del prezzo di regolamento ed è dovuta il primo giorno lavorativo successivo alla data di scadenza del contratto. Si avrà, dunque, l accredito o l addebito direttamente sul conto corrente Scadenza futures: consegna fisica del sottostante Ci sono alcuni futures che, come liquidazione del contratto, prevedono la consegna fisica del sottostante. I futures che prevedono la consegna fisica del sottostante sono: i futures negoziati sul Eurex: FGBL FGBS FGBM FBTP FBTS FBTM FOAT La scadenza è prevista il decimo giorno di calendario del mese di scadenza o giorno di Borsa aperta successivo. In Binck l ultimo giorno di negoziazione è il terzo giorno di Borsa aperta precedente al giorno di consegna del sottostante. Le negoziazioni terminano alle ore 12:00 italiane. i futures su tassi di cambio negoziati nel CME: 6A 6B 6C 6E 6S E7 M6E RF I futures sui tassi di cambio scadono il terzo Mercoledì del mese. In Binck l ultimo giorno di negoziazione è il terzo giorno di Borsa aperta precedente al giorno di scadenza del contratto. Le negoziazioni terminano alle ore 12:00 italiane. Binck non consente la consegna materiale del sottostante, per questo è necessario liquidare la propria posizione. Se la posizione non viene liquidata, Binck procede alla chiusura forzata delle posizioni addebitando una penale al cliente.

10 Manuale Derivati 10 Per maggiori dettagli consulta le Condizioni Operatività Derivati. Per maggiori informazioni sul Servizio Derivati: Servizio Clienti Binck Dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 22:00 Tel.:

11 BinckBankN.V. Via Ventura Milano t f e i

Manuale Short Selling. Manuale Short Selling 1

Manuale Short Selling. Manuale Short Selling 1 Manuale Short Selling Manuale Short Selling 1 Indice 1. Attivazione servizio... 3 2. Short Selling Intraday... 3 3. Operatività di short selling: margini... 3 Manuale Short Selling 2 4. Titoli ammessi

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Ulteriori informazioni sui servizi di investimento. Corporate action

Ulteriori informazioni sui servizi di investimento. Corporate action Ulteriori informazioni sui servizi di investimento Corporate action Introduzione Nel documento Ulteriori Informazioni sui Servizi di Investimento, DEGIRO fornisce informazioni dettagliate sull interpretazione

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate SeDeX Covered Warrant e Leverage Certificate Prodotti con effetto leva per accrescere il potenziale del proprio portafoglio. SeDeX Introduzione Questi prodotti amplificano al rialzo e al ribasso le performance

Dettagli

Contratti per differenza (CFD)

Contratti per differenza (CFD) Avvertenza per gli investitori 28/02/2013 Contratti per differenza (CFD) Messaggi chiave I CFD ( contracts for difference ) sono prodotti complessi e non sono adatti a tutti gli investitori. Non investite

Dettagli

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002 STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI 8 maggio 2002 LE STRATEGIE... Strategie di trading utilizzando: un opzione e l azione sottostante due o più opzioni sulla stessa azione Nelle tabelle che seguono verranno

Dettagli

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008 Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio Milano, 12 aprile 2008 Operare con strumenti derivati per la copertura dei rischi di portafoglio Gli strumenti derivati

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERDERIVATI

GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERDERIVATI GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERDERIVATI INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 1.1 Attivazione... 2 2 ADEGUAMENTO AUTOMATICO DEI MARGINI OVERNIGHT... 3 3 MARGIN CALL PER EROSIONE MARGINI... 4 4 NOVITA SULLA PIATTAFORMA

Dettagli

GUIDA ALLA MARGINAZIONE SUI DERIVATI

GUIDA ALLA MARGINAZIONE SUI DERIVATI GUIDA ALLA MARGINAZIONE SUI DERIVATI LA MARGINAZIONE INTRADAY SUI DERIVATI 1. La marginazione long/short intraday sui derivati Con la marginazione intraday sui derivati, Webank offre l opportunità ai propri

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1 Greche Problema per i trader è di gestire il rischio di posizioni su mercati over the counter e in borsa Ogni greca corrisponde a una misura di rischio Quindi i traders dovranno gestire le greche per gestire

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente

INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di in conto corrente 1. Identità e contatti del finanziatore/intermediario del Finanziatore Indirizzo Telefono*

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni QUIZ CAPITOLO 19 Introduzione alle opzioni 1. La Figura 19.13a rappresenta un venditore dell opzione call; la Figura 19.13b un acquirente dell opzione call. 2. a. Il prezzo di esercizio dell opzione put

Dettagli

FIB Futures sull'indice FTSE MIB

FIB Futures sull'indice FTSE MIB IDEM I Prodotti FIB Futures sull'indice FTSE MIB Indice sottostante FTSE MIB Orario di Asta di apertura: 8.30 9.00 (9.00.00 9.00.59) Negoziazione continua: 9.00 17.40 Quotazione Valore di un punto indice

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

GUIDA ALLA MARGINAZIONE OVERNIGHT SULLA PIATTAFORMA WEB

GUIDA ALLA MARGINAZIONE OVERNIGHT SULLA PIATTAFORMA WEB GUIDA ALLA MARGINAZIONE OVERNIGHT SULLA PIATTAFORMA WEB LA MARGINAZIONE OVERNIGHT SULLA PIATTAFORMA WEB 1. Cosa è la marginazione long/short overnight? Si tratta di una strategia di investimento che offre

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni Introduzione alle opzioni Tipi di Opzioni La call è un opzione di acquisto La put è un opzione di vendita Le opzioni europee possono essere esercitate solo alla scadenza Le opzioni americane possono essere

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Manuale Versione 1.2 del 4 giugno 2015 1.0 Executive summary... 1 2.0 Calcolo dei Margini per il comparto azionario e derivati azionari... 1 2.1. Tipologie

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Piùpotenza per lemie performance di trading.

Piùpotenza per lemie performance di trading. Piùpotenza per lemie performance di trading. Mini Futures Certificate Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo. Strumenti finanziari strutturati a

Dettagli

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Vaalore della call/azione al 15 marzo 2014 Ipotizziamo di aver acquistato 1 azione FIAT al prezzo di 5,5.

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato finanziario regolamentato dei derivati

Dettagli

Guida ai Covered Warrants

Guida ai Covered Warrants Guida ai Covered Warrants Per qualunque Vostra domanda o eventuale approfondimento contattate il numero verde 800 550 350 dove, nell orario d ufficio, troverete un operatore a Vostra disposizione. EQUITY

Dettagli

Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE

Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale:

Dettagli

Disposizione tecnica di funzionamento n. 01 rev. 02 MTEE

Disposizione tecnica di funzionamento n. 01 rev. 02 MTEE Pagina 1 Disposizione tecnica di funzionamento (ai sensi dell Articolo 4 delle regole di funzionamento del mercato dei titoli di efficienza energetica) Titolo Modalità di accesso al sistema informatico

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Minimo trimestrale per portafoglio CHF 300

Minimo trimestrale per portafoglio CHF 300 Tariffe Servizi di Base Tariffa di base 0.20% p.a. Minimo trimestrale per portafoglio CHF 300 Include spese di tenuta conto (estratti bancari, valutazioni patrimoniali e spese di registrazione). La tariffa

Dettagli

Manuale delle Corporate action

Manuale delle Corporate action Manuale delle Corporate action Data di efficacia: 20 maggio 2013 Versione: 3 1 Indice 1. Introduzione 3 2. Definizioni 3 3. Principi generali e convenzioni 3.1 Principio di equivalenza finanziaria 3.2

Dettagli

b) comunica i seguenti dati necessari per l operatività del conto:

b) comunica i seguenti dati necessari per l operatività del conto: Spett.le BANCA D ITALIA Filiale di Oggetto: Contratto di deposito titoli in custodia ed amministrazione delle quote di partecipazione al capitale della Banca d Italia Lettera-contratto. Il/La (di seguito

Dettagli

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI VERSIONE 1.0 TITOLO 1 MERCATO TELEMATICO AIM Articolo 1 (Strumenti negoziabili) 1. Nel mercato AIM si negoziano, per qualunque quantitativo, strumenti finanziari.

Dettagli

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX.

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX WHS opzioni FX Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. Affina il tuo stile di trading e la visione dei mercati. Impara ad

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Gino Gandolfi SDA BOCCONI

Gino Gandolfi SDA BOCCONI I DERIVATI SU TITOLI AZIONARI Gino Gandolfi SDA BOCCONI DERIVATI AZIONARI I derivati sono particolari attività finanziarie il cui valore dipende da uno strumento terzo, detto anche attività sottostante

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 GUIDA ALLA NEGOZIAZIONE INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 3. EFFETTO LEVA 6 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 5. I FATTORI CHE INFLUENZANO

Dettagli

Dalle strategie direzionali allo Spread Trading. Milano 1 Dicembre 2007

Dalle strategie direzionali allo Spread Trading. Milano 1 Dicembre 2007 Dalle strategie direzionali allo Spread Trading Milano 1 Dicembre 2007 Disclaimer/Note Legali Le opinioni espresse in questa presentazione e seminario non intendono in alcun modo costituire un invito a

Dettagli

DerIvAties MANagement suite Gestione Prodotti Derivati (Futures e Options)

DerIvAties MANagement suite Gestione Prodotti Derivati (Futures e Options) DIAMANTE software per la gestione dei prodotti derivati (Futures & Options). Brochure Info DerIvAties MANagement suite Gestione Prodotti Derivati (Futures e Options) Premessa In risposta all evoluzione

Dettagli

Dettagli iniziativa "Fineco & Friends"

Dettagli iniziativa Fineco & Friends Print Dettagli iniziativa "Fineco & Friends" DESTINATARI DELL'INIZIATIVA Potranno aderire all'iniziativa tutti i correntisti Fineco (Host) e le persone da loro segnalate (Guest) che apriranno un conto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON-LINE DI BENI DI CONSUMO

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON-LINE DI BENI DI CONSUMO CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON-LINE DI BENI DI CONSUMO L Acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. I beni oggetto

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Finanziamento tramite debiti 5) Risk management Introduzione alle opzioni 6) Temi speciali di finanza aziendale

Dettagli

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento.

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. I Certificate descritti in questa pubblicazione sono strumenti finanziari strutturati complessi a capitale non protetto. Non è garantito

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERSCALPER

GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERSCALPER GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERSCALPER INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 1.1 Attivazione... 2 2 ADEGUAMENTO AUTOMATICO DEI MARGINI OVERNIGHT... 4 3 MARGIN CALL PER EROSIONE MARGINI... 5 4 MARGIN CALL PER

Dettagli

Condizioni per lo scoperto DEGIRO

Condizioni per lo scoperto DEGIRO Condizioni per lo scoperto DEGIRO Indice Condizioni per lo scoperto... 3 Art. 1. Definizioni... 3 Art. 2. Rapporto contrattuale... 3 2.1 Accettazione... 3 2.2 Centrale dei rischi... 3 2.3 Ulteriori informazioni

Dettagli

OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO STEP UP CALLABLE IN DOLLARO USA

OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO STEP UP CALLABLE IN DOLLARO USA SCHEDA PRODOTTO Prima di investire nelle Obbligazioni, si invita l investitore a consultare attentamente l Offering Circular datata 8 dicembre 2014 ed i relativi Final Terms del 28 aprile 2016 (le Condizioni

Dettagli

Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcuni cambiamenti nella tua operatività di trading. Te li

Dettagli

Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX

Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX Incontro con gli Operatori Assolombarda Milano Confindustria - Roma Data: 24/11/2009 Fabrizio Plateroti Director of Regulation & Post Trading Ennio Arlandi Energy

Dettagli

I certificati e le strategie di recupero delle perdite

I certificati e le strategie di recupero delle perdite I certificati e le strategie di recupero delle perdite Nevia Gregorini Trading Online Expo 2014 Milano - Palazzo Mezzanotte - 24 ottobre 2014 Indice 1. Gli Easy e le strategie di recupero delle perdite

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Mutuo Ipotecario per il credito al consumo tasso variabile

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Mutuo Ipotecario per il credito al consumo tasso variabile 1. Identità e contatti della Banca Finanziatore Indirizzo BCC DI ROMA VIA SARDEGNA, 129 00187 - ROMA (RM) Telefono 06/5286 1 Email info@roma.bcc.it Fax 06/52863305 Sito web www.bccroma.it 2. Caratteristiche

Dettagli

Guida al rischio del portafoglio d investimento DEGIRO

Guida al rischio del portafoglio d investimento DEGIRO Guida al rischio del portafoglio d investimento DEGIRO Indice 1. Introduzione... 5 2. Riepilogo del portafoglio... 6 2.1 Riepilogo margine... 7 2.1.1 Valore del portafoglio... 7 2.1.2 Saldo di cassa...

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna.

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna. Volumi Scambiati Le Digressione Diritti di opzione 32.000 Controvalori Scambiati (milioni di euro) 28.000 Volatilità Implicita, e Scelta degli 24.000 OPZIONI 20.000 16.000 8.000 Premi 12.000 Idem 4.000

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO RIBA AL SALVO BUON FINE (SBF) E/O IMMEDIATA DISPONIBILITA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO RIBA AL SALVO BUON FINE (SBF) E/O IMMEDIATA DISPONIBILITA FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO RIBA AL SALVO BUON FINE (SBF) E/O IMMEDIATA DISPONIBILITA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Maierato (Provincia di Vibo Valentia)

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

2 VENDITE ALLO SCOPERTO OVERNIGHT E PRESTITO TITOLI DA DIRECTA

2 VENDITE ALLO SCOPERTO OVERNIGHT E PRESTITO TITOLI DA DIRECTA t B= il termine ultimo per ricoprirsi dalle operazioni effettuate; decorso il primo di questi, il Cliente non avrà più la possibilità di vendere allo scoperto e dovrà revocare eventuali ordini di vendita

Dettagli

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto.

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto. Foglio informativo relativo all' APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Sezione I - Informazioni sulla Banca Banca di Credito Cooperativo di Tarsia (CS) soc. coop. Sede legale e amministrativa: Tarsia (CS),

Dettagli

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put;

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put; GUIDA OPTION PRICER SOMMARIO Che cos è 3 Dati e orari di disponibilità 3 Modalità di accesso al tool 4 Sezione Pricer 5 Cronologia utilizzo sezione Pricer 8 Sezione Strategia 9 Cronologia utilizzo sezione

Dettagli

Guida alla Marginazione Intraday su T3 1 GUIDA ALLA MARGINAZIONE SU T3

Guida alla Marginazione Intraday su T3 1 GUIDA ALLA MARGINAZIONE SU T3 Guida alla Marginazione Intraday su T3 1 GUIDA ALLA MARGINAZIONE SU T3 LA MARGINAZIONE INTRADAY SU T3 1. Cosa è la marginazione long/short intraday? Si tratta di una strategia di investimento che offre

Dettagli

Dettagli iniziativa "Fineco premia l'amicizia"

Dettagli iniziativa Fineco premia l'amicizia Dettagli iniziativa "Fineco premia l'amicizia" DESTINATARI DELL'INIZIATIVA Potranno aderire all'iniziativa tutti i correntisti Fineco (Host) e le persone da loro segnalate (Guest) che apriranno un conto

Dettagli

Introduzione... 2. Commercio di margine... 3. Tipi di Ordini/Richieste... 4. Invio ed esecuzione degli ordini di mercato... 6. Ordini in attesa...

Introduzione... 2. Commercio di margine... 3. Tipi di Ordini/Richieste... 4. Invio ed esecuzione degli ordini di mercato... 6. Ordini in attesa... Indice Introduzione... 2 Commercio di margine... 3 Tipi di Ordini/Richieste... 4 Invio ed esecuzione degli ordini di mercato... 6 Ordini in attesa... 8 Dare gli ordini al telefono... 11 Autorizzazione

Dettagli

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Roberto Del Conte Borsa Italiana Spa 7 Maggio 2004 Milano Trading Online Expo Contenuti I contratti Futures Idem Stock Futures

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Prodotto riservato ai Clienti diversi dai Consumatori ed ai Clienti Consumatori qualora richiedano un affidamento

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato dei derivati di Borsa Italiana, società

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DOSSIER TRADING ON LINE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO DOSSIER TRADING ON LINE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO DI SCHIO E PEDEMONTE SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale, Amministrativa e Direzione Generale Via Pista dei Veneti, 14 36015 Schio (VI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al SERVIZIO RELAX BANKING

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al SERVIZIO RELAX BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo al SERVIZIO RELAX BANKING Banca CRAS - Credito Cooperativo Chianciano Terme-Sovicille Via Del Crocino 2-53018 Sovicille (SI) Tel.: 0577.397.322-0577.397.359

Dettagli

IG Markets Ltd Friars House 157-168 Blackfriars Road Londra SE1 8EZ Numero internazionale: +44 (0)20 7896 0011 Numero verde: 800-979291 Fax: +44

IG Markets Ltd Friars House 157-168 Blackfriars Road Londra SE1 8EZ Numero internazionale: +44 (0)20 7896 0011 Numero verde: 800-979291 Fax: +44 Holdings plc CFD IG Markets Ltd Friars House 157-168 Blackfriars Road Londra SE1 8EZ Numero internazionale: +44 (0)20 7896 0011 Numero verde: 800-979291 Fax: +44 (0)20 7896 0010 Email: italiandesk@igmarkets.com

Dettagli

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul LE NOVITA NEL SISTEMA DI POST-TRADING Le Novità nel sistema di post-trading La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul mercato tramite l abbinamento di ordini

Dettagli

Futures. Vontobel Mini Futures. Vontobel Investment Banking. Minimo impiego, ottimali opportunità

Futures. Vontobel Mini Futures. Vontobel Investment Banking. Minimo impiego, ottimali opportunità Vontobel Mini Futures Futures Minimo impiego, ottimali opportunità Vontobel Investment Banking Vontobel Mini Futures Con un impiego minimo ottenere il massimo Bank Vontobel offre da subito una soluzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANTICIPO SU CREDITI E/O FATTURE

FOGLIO INFORMATIVO ANTICIPO SU CREDITI E/O FATTURE FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO SU CREDITI E/O FATTURE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale: 84038 Sassano (SA) - Via

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio di deposito a custodia e amministrazione di titoli e strumenti finanziari

Dettagli

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI Pagina 1 di 29 UTILIZZO DELLO SCADENZARIO Di seguito vengono indicate le operazioni preliminari necessarie per poter gestire lo Scadenzario, e alcuni esempi di utilizzo. OPERAZIONI PRELIMINARI impostare

Dettagli

Manuale per l operatività in DMA con la nostra piattaforma di trading online

Manuale per l operatività in DMA con la nostra piattaforma di trading online Manuale per l operatività in DMA con la nostra piattaforma di trading online Indice 1. Introduzione all operatività in DMA con IG Trade 02 - Che cos è il DMA? 02 - Perché operare in DMA 02 2. Iniziare

Dettagli

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Mutuo Chirografario per il Credito al Consumo. Prestito Vacanze

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Mutuo Chirografario per il Credito al Consumo. Prestito Vacanze 1. Identità e contatti della Banca Finanziatore Indirizzo BCC DI ROMA VIA SARDEGNA, 129 00187 - ROMA (RM) Telefono 06/5286 1 Email info@roma.bcc.it Fax 06/52863305 Sito web www.bccroma.it 2. Caratteristiche

Dettagli

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Marcello Minenna Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Orienta Finanza 22 febbraio 2002 Rimini Covered Warrant Volumi Scambiati 62.000 56.000 Controvalori Scambiati (milioni

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli