Pia. G. Vcrg CATANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pia. G. Vcrg 95125 CATANIA"

Transcript

1 otìll lut Consiglio Nazionale Forense Via Del Govemo vecchir, ROMA Ministro della Giustizia Via Arenula, ROMA Commissione di Garanzia dellattuazione della Legg 6ullo Sciopero dei Sewizi Pubblici Essenziali Piazza del Gesù n. 46 OOlE6 ROMA Corte di Appello di Catania Piaz.z.a G- Yerga, CATANÍA Procuratore della Repubblica di Catania Pia. G. Vcrg CATANIA Procuratorc della Repubb.lica di Caltagirone Vials Mario Mitazzo CALTAGIRONE Procuratore della Repubblica di Modica Via A. Moro MODICA Procuratorc della Repubblica di Regusa Via NatalelLi 97TOO RAGUSA rcl(fono o933.5a888 feie'{ln ft alp ww*.diclèmentc.ir/awc ltàgironè E rnaù orduwc!ìtagjrond4lrl6csli.it I

2 ZA,i6 lz!6116!a: ì :,/:: ORDINE DÈGLI AVVOCA1I DI CAITAGIRONE Palazrc di Giùsriàa viale lvfano Mil4où r caìtaarcne (Cî i Procuratore della Repubblica di Siîacusa Viale S. Panagia SIRACUSA Corre di Assise dì Catania Piazza Q. Verga CATANIA Corte di Assise di Appello di Catania Piazza G. Yerga CATANIA Tribuna-le di Sorvegliarza di Catada Via R. Giuffrida Castorina n.9 q5128 CATANIA TribunaÌe per i Minorenni di Catada Via Fianchetti n.62 q5] 23 CATANIA Procu-ratore della R pubblica del Tribunale per i Minorenni di catania Via Fianchetti n i23 CATANIA del Tribunale di Caltagirone Viale Mario Milazzo CALîAGIRONE 2 lelcfono a888 leleldr àr&',rvv.dicl nente itlawcaltagironc, nd;l iiit

3 cn! é$j. 6e ù:Li i:&!". i/1,x ORDINE DECLI AWOCATI DI Pilàzó di Oiustizia virle Mario Mnazo ù. 2Ì6 CALTAGIRONE 950a! Celtagironc f Cî I del Tribunalc di Catania Piaz,za 6. Yerga CATANIA Preeidente del îribunalc di Modica Via Aldo Moro MODICA Prcsidente del 'hibunale di Ragusa Via Natalelli 9710O RAGUSA de1 Tribunalc di Siracusa Vialc S. Panagia STRACUSA Coordinatore C.d.P. di Caltagironc Viale Mario Milazzo CALTAOIRONE CooîdÍlator G,d.P. di Grammichele Viale F. Cordova GRAMMICHELE Coordinatore G.d.P. di Militello V.C. ViaÌc Rimembranze MILITELLO V. C. Coordinatoîe C.d.P. di Mineo Piazza Buglio n.40 9s0.44 MINDO t.lefono O r i fd SSS ntlp $'' d icllncn te. k/awcejusirone,e ;d/ ordawt3tragircn(aig3li.ir 3

4 8A :1i Pàs: 4,'13 ORDINE DECLI AVVOCATI DI CALTAG]RONE Pslaz4 di Giusruia viriè Moio MilsTzo n.2t6 9504i CalÉgifone (CT ) Coordinatore c.d.p. di Niscemi Via XX Settembre NISCEMI Coordinatore c.d.p. di Vizzini Via Vittorio Emanuele Il n VTZZINÍ Coordinatore G.d,P. di Acirea.le Corso Umberto n ACIREALE Coordinatore G.d.P. di Adrano Piazza Umbertn n I ADRANO Coordinatore G.d.P. di Belpasso Via A. De Gasp ri n BELPASSO Coordinatore c.d.p. di Biaflcavilla Via F. Turati n O33 BIANCAVILI-A Coordinatóre G.d.P. di Bronte Via A. Duca di Aosta n BRONTE Coordinatore c.d.p. di Catada Víale R. Imbriani n I28 CAîANIA 4 retbtùno 09 ì3.5{888 ktald J5S 4t& sav\à. didemen Lè il / ewcàtragirone /i dri ordàq l t-brron (-lliscati. tr

5 úe 6É IZ:! 1f Eós 5'l ORDINE DEGi,,I AVVOCATI D] Pàldo di Giùstizia viale Mario MilÉvzc' n. 2 I 6 CALTAGIRONE 95(Ml {rliaéircne { cî) Coordhatore G.d.P. di Giarre Via Veneto n GIARRE coordinatore G.d.P. di Linguaglossa Piazza Municipio LINGUAGLOSSA Coordinatore G.d.P. di Masca.lucia Corso Rallaello n MASCALUCIA Coordinatore G.d.P. di Paternò Piazza Regione Siciliana n, PATERNÒ Coordinatore G.d.P. di Ramacca Via Giusti RAMACCA coordinatore G-d.P. di Randazzo Piazza Tutti i Sanli S5036 MNDAZZO Cóordinatore G.d.P. di Trecastagni PiazzaC. A. Dalla Chiesa TRECASTAGNI coordinatore c.d.p. di Ispica Via Dell'Arte Zona n.167 q7014 ISPICA 5 relefono s488a ret lor f?4p 'Àv*.diclcmeDte. itl awcsltsgironc È,?ail or d awcaliasironqorisali.it

6 0R1l É$v. 0i-ùa rt ré.rr [.g. ú'1] ORDINE DEGLI AWOCATI DI Pelazó di Giustizia visle Mario Mil,zo n!16 CALTAGIRONE Cdltàgironó I gt ) coordinatore c.d.p. di Modica Corso Umberto I MODTCA Coordinatore G.d.P. di Scicli Via V. De Gasa sclclt Coordìnatore G.d,P. di Chiara-rnente Gulh corso Umberto n. 154 / B CHIARAMONTE GULFI Coordinatore G-d-P. di Comiso viale Papa Giovanni XXII n COMTSO Coordinatore G.d.P. di Ra usa Zona Industriale Palazzina ASI 9710O RAGUSA Coordinatore G.d.P. di Vittoria via del Qus-rto n \'I'I'TORIA Coordinatore G,d,P. di Augusta Via Garibaldi n AUGUSTA Coordinatore G.d.P. di Avola Via Labdole n AVOLA tei lono 09J3.í8E5 retcld09jj htp V,]m dnlcî<nte.illewcdiragione L aart ord3w.rtlrgr on4rusc-gtr. 6

7 AA A6- lz l1:fl. PÀs:?/1: ORDINE DEGI,I AVVOCATI DI Pxlazzo di Gir.ìsúzia v'slli Màno Miia2rn ù. 2lai CALTACIRONE 9so4r CaÌtasircne ( CT ) Coordinatore G.d.P, di Floridia Viale Paolo Vl FLORÍDIA Coordinatore G.d.P. di Lentini Via Pirandello n.4 S6016 LDMINI Coordinatore G.d.P. di Noto Viale Bovio n NOTO Coordinatore c.d.p. di Pachino Via Brancati n PACHINO Coórdinatore G.d-P. di PalazzoÌo Acreide Prczza Pteúra n.i P ALAZZOLO ACREIDE Coordinatore G.d,P, di Stacusa Viale S. Panagia n IOO SIMCUSA Coordinatore G.d.P. di Sortino Via Carmine n. I SORTTNO della Commissione Tributaria Pîovinciale di Catania Piazza V. Belliai n CATAMA rel(fono 093' rpl rox r55 hlp $rìm.drclemerle. irlàvlcatripl.one f "14d o!ddw(el{.aaironsg,riscati. 7

8 0lrl Auu S 8É!t re :12!6!! il ORDINE DEGLI AVVOCATI DI P.làzzd di ciuslizia vialé Merio lúil zzo n 216 CALTAGIRONE Ca.lta non {CT) TAR di Catania vie Milaio n.3b CATAN1A Ordine degli Awocati Piazza G. Verga Pal CATANIA e Procuraton Catania Giustizia Ordine degli Awocati Via A. Moro MODICA Ordine degli A\,"vocati Via Natalelli MGUSA Ordine degli Arvocati Siracusa Pat. Giustizia Liv. 1 Viale S. Paragia SIRACUSA e Procuratari Modica e Procuratori Ragusa e Plocuratori Ordine degli A1'vocali e Procuratori Gela Via Mediterra:reo GDLA Ordine degli Awocall e Pmcuratorì Ca ltarlissetta Via Lìbertà Pat. Giustzia CAIîANI S S DTTA Ordine degli Awocati e Procuratori Nicosia Via lv Novembre Pal. Giustizia NICOSIA I!elefono AaA releliù lf6? $ww.diclcnote.ù/awcaltagìrone È,ra'Io.dawcaltegnon4otiscali,tu

9 ,18_SÉ_iZ 1ú 2 Pès r r-1 ORDÌNE DEGLI AVVOCATI DI Palllzo di Giúslizia vi lc Mdio Mùala o. 216 CALTAGIRONE 9504 I CaltàsroDe ( CT I Ordine degli Awocati e Procuratori Enna Viale Diaz 941O0 ENNA Presìdente OUA Via G. Gioacchino Belli ROMA COORDIN-AMENTO NAZIONALE DEGLI ORDINI FORENSI MINORI Palazzó dì Giustizia q5041 CALTAGIRONE L'Ordine degli Awocati del Foro di Caltagirone ed il Comitato di Agitazione degli Avvocati comruricano la proclamazione dell'astensione dalle udienze degli Alwocati e dei Praticanti del Foro di Caltagirone, esercitando la deloga conferita dal1'assemblea degli Awocati c Praticanti ù-l data , per giorni 5 utili, come per leggej da svolgersi nel seguente periódo: dal { compreeol al26.o6.2al2 ( compreso), La motivazione dell'astensione è riportata nella delibeîa assemblea,re del che si aìlega irlla presente e di cui fa parte integrante" L'Ordine assicura ta comunicazione dell'astensione sia a mezzo stampa che a mezzo manifesti murari e comunque con modalità tali da determinare il minimo disagio per i cittadini, in modo da rendere nota l'iniziativa il più tempestivamente possibile. Caltagìrone li Grefoho 09J3.54A88 reldlidoclj.l45ss hftp *w.dtcteútolc / awcatugtrpn" g in17 6rlrwrrragjronqauscatr.ii 9

10 ti:td r J!. 8e AL 'LZ 'r1t'tz fà! iél.1 CLI AWOCAîI E I PRATICANTI DEL FORO DI CALîAGTRONE riunili in Asscmblea convocata ajlo scopo di esaminare g1i eltetti che la l, gge 14 settembre 2012 n. 1+S avrà sul Tribunale ordinafio dí Caltagirone e, in particolare, Ia effettiva mi.sura del pericolo di soppressione ; al'uta la presenza degli awocali e dei pruticanti di cui all'elenco allegato che fa parte integrante del presente verbale ; udita la relazione introduttiva del dell Ordine forense avv. Waltet Pompeo ; uditi, altre.sì, gli interventi degli arv.ti Massimo Ali, Colomba Ciciîata, Luca Cultrera, Pietro Marino, Colomba Cicirata, Biagio Pace, Floriana Paglia, Stefània Patané, Giuseppe îinto, Tommaso Vespo ; Premesso che I^ l*gge 14 settembre 2012 D. 148 ha conlerito delega al coverno aflinché proceda, entro un an$o, alla revisione della geogràfa giudizia-ria, allo scopo di oitenere un risparmio di spesa e un recupero di elhcienza, attiaverso la riduzione del numero degli ufhci giudiziari di primo grado, ma sottraendo a1l ' opera di revisione i tributali esistenti presso i capoluoghi di provincia e assicurando che ciascun distretto di Coúe di appello mantenga almeno t.ie dei tribunali allo stato esistenti ; ritenuto che il Gruppo di studio in materia di revisione delle circoscrizioni giudiziarie istituito da] Ministro della Giustizia, utlllzando criteri esclusivame nte numetici cd assoluta$ente irrcondivisibili ( quojr, ex pfurin;is, la rilevazione dal reticolo dei tribunali provinciali di parametri di asserita eflicienza che ha poi ritenuto di potere applica.rc ai presidi subproviaciali ), ha già fomito un primo elaborato i cui risultati, proiettati sulla realtà de1 tribunale calatino, porteranno, {)vc non adeguatamente coretti e temperatì, atla soppressione del tribunale ; considemlo che la medesima Legge 148, pur recando un impiarito che non soddisfa certamente le due finalità prima riportate e contenendo disposizioni assai discutibili, cionondimeno, ove compiutamente e prudentemente applicata alla rea]fà del circondario di Caltagirone, ben potrebbe mantenere in vita I, uffrcio giudiziario ; riterìlrto che, in particolare, il riferimento al riequilibrio demografico, funzionale e territoriaìe quale prioritaria linea di intervento impone il mantenimento in essere del presidio anzi I ' ampliamento del circondario con la riaggregezione dei tre Comuni di Castel di Ìudica, Raddusa e Ramacca, attualmente annessi sl Tribuna.le ordinario di CataÌria e alla sua Sezione distaccata di paternò, quest, ultima probabilmente oggetto di sopprcssionc ; preso sl to che le continue est rnazioni della Ministra della ciustizia, Ìa quale in più sedi presenta la $oppressione di decine di tribunali quale prima e londante riforma del sistema giurisdizionale, destano gravissime preoìcupazioni in quanro non

11 3É-66-t2 tùi: t-.4 :.,q: t'-/'-1 sembra aîfatto che la delega verìà esercitata con Ì ' intento di salvaguardate la Giustizia di prossimità (ne è eclatante esempio il pro\,-vedimento in materia di Giudici di pace che, Giudici geneticamente di prossimità, saranno invece allontanati dall ' Utenza ), bensì aii ' evidente scopo di dare al Paese una mera riforma di facciata che, nell ' aspeto, persegue economle ed emcieff, ma nella fealtà otterrà diseconomie ( i tribunají accorpanti non hanno le disponìbilità necessarie a riceversi i flussi, il personale, il materiale dei tribunali accorpandi, a tacer di molto altro ) e inefficienze {i piccoli tnbunali sono sempre ai primi posti per indici di ricambio ) : ritenuto che il modus operanài del Miristerc, che ha perfino impedito all ' Awocatura I ' accesso ai dati giudiziafi in tal modo ponendola neiìa impossibilità di fomire un se o e responsabile contributo a una riforma stfutturale di massimo impatto e di epoca-le portata, non sta consentendo di seguire i lavori in atto, sicché Ie stess Comunità, prime interessate alla riforma, sono all ' oscuro di quanto si sta operando e sta maturàndo ;. con$iderato che le poche notizis che giungono non consentono alcuna tla.nquillità e, al contjario, destano gravissime preoccupazioni per il futuro della Giustizia nel territorio del Comprensorio del Calatino $ud Simeto ; ritenuto che I'Awocatura calatirìa non è indifferente al problema, posto che, al contrario, intende fermissimamente tutelare, con I ' importa-nte ufficio, gli interessi della Collettívita che nel tribulale rinviene un presidio di legalità. e un volano di benessere; dtenuto chc unico stlumento idoneo a rappresentare in ma:riera forte ed efficace I ' incommensurabile disappunto deìl ' Awocatura per una improwida îiforma che dovesse contenere la soppressione del tribuna.le è quello della astensione dalle udienz, pur con gli evidenti aspetti negativi che cssa prese[ta p r la stessa giurisdizione ; considerato che essa va comunque accompagnata da aìtre poderose iniàative volte a dare voce alla protesta e a farne sentire in ogni sede I' importanza, si da sollecitare 1 ' esercizio della delega in termini prudenti e responsabili e, in tal modo, da assicurare il mantenimento del tribunale calatino ; ritenuto,. anche per queste ragioni, clle appare indispensabile affidare al comitato di agitazione, con i tutti indistintamente i poteii dclla stessa odiema Assemblea, la c0nerèta géstiòflé dell,as[ensione, ivi compresa la irdividuazione di tutti i periodi per i quali essa dowà essere attuata giusta I, odiemo, presentc delibérqto

12 ù8. 6É. rz l8 : L: l.a : 'Z/'r3, nonché la adozione di qua-lunque iniziativa volta a soilecitare il Parlamento il Govcrno ad adottare la massima prudenza nel por marro alla riforfta del reticoio giudiziario, eliminando i Ìarni dawero secchi e.ùantenendo e ralforzando i presidi utili e shategici ; deliberano I ' astensione daila partecipazione alle udierìze, prer il periodo massimo mensile consentito dalla rìormativa di settore, ma a tempo indetermìnato ; per I ' effetto deliberano già o gi astenersi da tutte indistintamente le udienze che si terranno àei giorni 29,30,31 úag8io, primo, 2, 3, 4, 5 gjugno 2012, nel rispetto della normativa vigente ; dare mandato al Comitato di agitazione, istituito come dal verbale odiemo, di individuare tutti i successivi periodi dì astensione, puî sempre nel rispetto della nolmativa vigente in materia ; dare altresi mandato a1 Comitato oggi istituito di comunicare i1 presente deliberato ai Sindaci e aj Presidenti dei Consigli comutali del circvndario, aìle Autorità anìninistrative e politiche, alle altre Professioni, a_l Mondo del lavoro e dell ' economia, nonché di invitare la Società civile ad una generale e risoluta moblitazione che finalmente sia capace di esprinere le energie di cui il Territorio cajatino dispone e la ferma intenzione di non awiarsi verso un lento e inesorabile declino ; dare altresi marldato a.l CorEitato oggi istituito di mettere in atto ogri iniziativa che valga a conferire la massima diullgazjone al ptesente deliberalo ; invitano Ia Magistratura calatina a concordare moda_lità e iniziative tali da ridurre, ove possibile, il disaglo per I ' ljt.']nm e ogri pregiudizio per i procedimenti in corso, ma, all ' un tempo, tali da assicurare il più ampio ed efhcace risultato alla protesta oggi deliberata. Caltagirone, f7 ma8 io 2012 Il kesidente qa{t* auu. Wdh> Pomoeo W,/t p DA

13 :Iiì A.i.i..1..,1 ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CALTAGIRONE Palaz2o diciu$tizia vi!_lc Mùio Catragifon (()î J L'Ordine degli Awocati di Caltagirone ed il Comitato di agitazione degli Awocati, riunitisi giolro 04 Giugno al fine di discutere della probabile imminente soppressione del Tribunaie e della hocura, hanno deliberaúo un'ulteriote astensione dall,udienze per il periodo ilterorrente tra giorno 21 e giorno 26 Giugno. Altresì, ritenuta la necessità di coinvolgere tutti i Soggetti interessati, hanno indetto una Aassemblea dei rappresentanti delle Professioni, delle Associazioni di Categoria e dei Lavoratori presso I'aula magna del Palazzo di Giustizia di Caltagirone per il giomo 12 Giugno 2012 alle ore 19,30 al fine di coordinare le iniziative a tutela del Tribunale di Caltagirone. In considerazione della somma urgenza di attivarsi, le SS. LL. sono invitate sin da subito a raccogliere autonomamente le firme dei rispottivi associati ed in genere dei cittadini a mezzo dei moduli allegati alla presente, da consegnare già in occasione della riunione. All'ordine del giomo saranno, tra l'altro, l'organ izzazione di una manifestazione che coinvolga la cittadinaaza dei Comuni del Calatino Sud-Simeto e di un corteo di pullman che si rechi in Roma per la consegna delle finne presso il Ministero della Giustizia. IL COMITATO DI AGITAZIONE

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 1/F ORGANICO DI FATTO DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 1/F ORGANICO DI FATTO DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2013/14 PAG. 1 -------------------------! CODICE: CTMM001006 DENOMIN.: GIOVANNI XXIII - CATANIA INDIRIZZO: VIA TORQUATO TASSO 2!! COMUNE: CATANIA DISTR: 012 CAP 95123 TEL. 095 /475037!

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario.

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. 1. È approvato l'unito testo dell'«ordinamento giudiziario», allegato al presente decreto e visto d'ordine nostro dal Ministro guardasigilli e dal

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI IN SICILIA (ANNO 2008/2009)

MONITORAGGIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI IN SICILIA (ANNO 2008/2009) REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali PROGRAMMA STRAORDINARIO DEI SERVIZI PER LA PRIMA

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 69 - Numero 12 UFFICIALE PARTE PRIMA Palermo - Venerdì, 20 marzo 2015 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI Sped. in a.p., comma 20/c, art. 2, l. n.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA Via Capoluogo, 21-27050 Menconico (PV) Tel. 0383574001 - Fax 0383574156 P. IVA/C.F. 01240140184 Prot. n. 797 Menconico, 15 luglio 2010 Spett.le - COMUNE DI VARZI

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

PUNT. TOT. DICHIARATO PREC.

PUNT. TOT. DICHIARATO PREC. 1 A016 NUCIFORA LAURA 24/06/1962 205,00 ITG JUVARA SIRACUSA 1 A018 LASAGNA GIORGIO 11/09/1956 DOP 200,00 LIC.ART. NOTO 2 A018 GULINO MARIA TERESA 06/08/1961 DOP 118,00 LIC.ART. LENTINI 3 A018 INTERLANDI

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI STANDARD DI COMPOZIONE INDIRIZZI EDIZIONE APRILE 2009 La corretta scrittura dell indirizzo da apporre sugli oggetti postali contribuisce a garantire un recapito rapido e sicuro. Per le aziende l indirizzo

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 2 DOTAZIONE ORGANICA DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 2 DOTAZIONE ORGANICA DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2015/16 PAG. 1 -----------------------------------------------------! CODICE : CTMM001006 DENOMINAZIONE : GIOVANNI XXIII - CATANIA INDIRIZZO : VIA TORQUATO TASSO 2!! COMUNE : CATANIA DISTR:

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate AP AU nr. 11/2015 AVVISO AGLI UTENTI Data emissione 21 Gennaio 2015 Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate Si informa la Gentile Clientela che a partire

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

-vi; Ma Lu Ta, col proc. dom. aw. AII Pil e Ne Fa1 n.,mi SENTENZA. Mc~ Ne, -ri&rrente- Con ric0rs0 al Tribunale di Milano, sezione lavoro, Ma LU Tal

-vi; Ma Lu Ta, col proc. dom. aw. AII Pil e Ne Fa1 n.,mi SENTENZA. Mc~ Ne, -ri&rrente- Con ric0rs0 al Tribunale di Milano, sezione lavoro, Ma LU Tal SENTENZA Nella causa n. 4626 R.G. 2005 promossa da Ma Lu Ta, col proc. dom. aw. AII Pil e Ne Fa1 n.,mi -vi; Mc~ Ne, -ri&rrente- Svolgimento del processo 3 Con ric0rs0 al Tribunale di Milano, sezione lavoro,

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE PARZIALE... 5 DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CATANIA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CATANIA GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Comune di Adrano (Provincia di Catania) 1^ Area Funzionale 6 Servizio

Comune di Adrano (Provincia di Catania) 1^ Area Funzionale 6 Servizio Comune di Adrano (Provincia di Catania) 1^ Area Funzionale 6 Servizio OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO PULIZIA LOCALI COMUNALI. Importo complesvo dell appalto: 180.059,41 oltre IVA al 20% di

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. "-ì"* f &" '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. -ì* f & '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0 -r#s*ts*^ "-ì"* f &" '& fk **rr?r--w UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FALERMO Fr\COLTA' DI ECONOMIA Cotrltre.ro rlerrorale Sulla base dei verbali redatti dalla (lornmissione del Seggio elettorale presieduta dalla

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

IL PUBBLICO MINISTERO NEL REGIME FASCISTA

IL PUBBLICO MINISTERO NEL REGIME FASCISTA ANTONELLO GUSTAPANE IL PUBBLICO MINISTERO NEL REGIME FASCISTA Le guide di Filodiritto Filodiritto 1 Editore Il pubblico ministero nel regime fascista antonello gustapane un analisi storico-giuridica di

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale

Azienda Sanitaria Provinciale Azienda Sanitaria Provinciale Elenco delibere dal ENNA Segreteria Aziendale 27/06/2010 al 11/07/2010 Delibera Oggetto Servizio n 1821 del n 1822 del n 1823 del n 1824 del n 1825 del n 1826 del n 1827 del

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

TRASLOCHI E FACCHINAGGI

TRASLOCHI E FACCHINAGGI Categoria H Classe 2 TRASLOCHI E FACCHINAGGI N. DESCRIZIONE IMPRESA Protocollo INPS matricola e Sede INAIL codice ditta e Sede PAT Categoria d iscrizione e Classe SOA >10.000,00 Cassa Edile Dipen denti

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli