SOMMARIO. Introduzione pag. 2. Tabella comparativa simboli D.Lgs. 81/2008 con UNI EN ISO 7010:2012 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. Introduzione pag. 2. Tabella comparativa simboli D.Lgs. 81/2008 con UNI EN ISO 7010:2012 4"

Transcript

1 SORIO Introduzione pag. 2 Tabella comparativa simboli D.Lgs. 81/2008 con UNI N ISO 7010: Segnali di (solo simbolo) 7 Segnali di (simbolo + testo) 10 Segnali di Divieto (solo simbolo) 16 Segnali di Divieto (simbolo + testo) 19 Segnali di Obbligo (solo simbolo) 25 Segnali di Obbligo (simbolo + testo) 28 Segnali ntincendio (solo simbolo) 33 Segnali ntincendio (simbolo + testo) 34 Segnali di mergenza (solo simbolo) 36 Segnali di mergenza bifacciali (solo simbolo) 38 Segnali di mergenza (simbolo + testo) 39 Segnali di mergenza bifacciali (simbolo + testo) 41 Segnali di mergenza (simbolo + testo) 42 Segnali ultisimbolo 44 tichette Sicurezza 47

2 SGNLTI UNI N ISO 7010:2012 La necessità di trasmettere informazioni in materia con un sistema che, per quanto possibile, non faccia ricorso all utilizzo di testi e sia inistero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro già Direzione Generale della Tutela delle ondizioni di Lavoro Divisione VI facilmente comprensibile, ha spinto alla normalizzazione di segni grafici. La realizzazione dei segni grafici è stata curata da esperti di tutto il mondo, tenendo conto delle differenti culture e coordinata dall ISO. Test specifici di comprensione sono stati effettuati sui segni grafici realizzati, con l obiettivo Oggetto: Segnaletica - D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., llegato XXV - Prescrizioni generali. Uso e rispondenza dei pittogrammi con la norma UNI N ISO 7010: hiarimenti. di utilizzare solo quelli con il più alto grado di comprensione. L enorme lavoro svolto si è concretizzato con la pubblicazione della norma ISO 7010, nella quale sono raffigurati i segni grafici da utilizzare per trasmettere i principali messaggi. La norma ISO 7010 è stata adottata anche dal N come standard europeo e, di conseguenza, tutti gli Stati europei, tra i quali l Italia, hanno dovuto recepirla come norma nazionale. Tutte le norme dell UNI, l nte Nazionale Italiano di unificazione, coperte dalla norma ISO 7010 sono state ritirate e sostituite dalla nuova norma UNI N ISO 7010:2012. La differenza tra i segni grafici previsti dalla UNI N ISO 7010:2012 rispetto a quelli previsti dalle vecchie norme UNI è, in alcuni casi, notevole ma l utilizzo dei nuovi segni grafici da parte di tutti gli Stati, garantisce una più ampia comprensione indipendentemente dalla lingua parlata dal destinatario del messaggio e permette di trasmettere il messaggio sempre con lo stesso segno grafico, indipendentemente dallo Stato in cui ci si trova. Le norme UNI non coperte dalla UNI N ISO 7010:2012 non sono state ritirate e pertanto rimangono in vigore. Una circolare del inistero del Lavoro, il cui testo è di seguito pubblicato, fornisce i chiarimenti necessari per l utilizzo dei segnali presenti nella norma UNI N ISO 7010:2012 o presenti in altre norme UNI, in rapporto a quelli pubblicati nell allegato XXV del D. Lgs. n. 81/2008. seguito di numerosi quesiti giunti a questo inistero circa il corretto uso dei segnali di sicurezza, di cui all llegato XXV del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., e la loro rispondenza con quelli previsti dalla norma tecnica UNI N ISO 7010:2012, di intesa con la Direzione Generale per l ttività Ispettiva si ritiene opportuno fornire i seguenti chiarimenti. è innanzitutto necessario precisare che l llegato XXV, richiamato dal Titolo V del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., di recepimento della Direttiva 92/58/, prevede, al punto 1, punto 1.3, che I pittogrammi utilizzati potranno differire leggermente dalle figure riportate al punto 3 o presentare rispetto ad esse un maggior numero di particolari, purché il significato sia equivalente e non sia reso equivoco da alcuno degli adattamenti o delle modifiche apportati. Rispetto al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., la norma UNI N ISO 7010:2012, Segni grafici - olori e segnali - Segnali registrati presenta alcune differenti rappresentazioni grafiche. In tal senso, si richiama l attenzione sul loro significato equivalente, oltreché sulla loro valenza in rapporto proprio con i pittogrammi presenti nel citato llegato XXV del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. e nella Direttiva 92/58/. Dal confronto emerge chiaramente che la differenza fra i simboli utilizzati dalla norma UNI N ISO 7010:2012 e quelli previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. non equivocano il significato, rendendo equivalenti, al fine del loro utilizzo in ambito nazionale, i simboli. In conseguenza di quanto sopra, si ritiene che l uso della segnaletica, prevista dalla norma UNI N ISO 7010:2012, non sia in contrasto con quanto previsto dal D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.. Nel caso di segnali previsti dalla norma UNI N ISO 7010:2012 e, viceversa, non previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., alla luce delle valutazioni di cui sopra e in considerazione del comma 2 dell art. 163 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. (Obblighi del datore di lavoro) - che recita testualmente: Qualora sia necessario fornire mediante la segnaletica indicazioni relative a situazioni di rischio non considerate negli allegati da XXIV a XXXII, il datore di lavoro, anche in riferimento alle norme di buona tecnica, adotta le misure necessarie, secondo le particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica - si ritiene di poter affermare che è idonea l adozione della segnaletica prevista dalla norma UNI N ISO 7010:2012, così come l adozione della segnaletica prevista dalle altre vigenti norme UNI. 2 3

3 Tabella comparativa dei segnali dei segnali presenti presenti nell allegato XXV XXV del D. D. del Lgs. D. Lgs. 81/08 81/08 n i con i segnali Tabella i segnali pubblicati comparativa nella dei nella norma segnali norma UNI presenti UNI N N ISO nell allegato ISO 7010:2012 XXV del D. Lgs. 81/08 Tabella comparativa dei segnali presenti nell allegato XXV del D. Lgs. 81/08 con i segnali pubblicati nella norma UNI N ISO 7010:2012 con i segnali pubblicati nella norma UNI N ISO 7010:2012 UNI UNI N N ISO ISO D. Lgs. UNI UNI N ISO N ISO ISO D. Lgs. UNI N UNI N ISO N ISO ISO D. Lgs. UNI N UNI N ISO N ISO ISO D. D. D. D. D. Lgs. N ISO D. N ISO D. Lgs. UNI N ISO. Lgs. 81/ :2012 D. D. Lgs. 81/08 D. Lgs. 81/08 D. Lgs. 81/08 UNI N ISO UNI N ISO. D. Lgs. 81/08 s. 81/08 D. Lgs. D. Lgs. D. Lgs. 81/08 UNI N ISO UNI N ISO 7010: / : / : / :2012 D. Lgs. 81/ : :2012 D. Lgs. D. Lgs. 81/08 81/08 (( (( (( )) )) )) (( )) 4 5

4 (( Tabella comparativa dei segnali presenti nell allegato XXV del D. Lgs. 81/08 con i segnali pubblicati nella norma UNI N ISO 7010:2012 UNI UNI N N ISO ISO UNI UNI N N ISO ISO UNI UNI N N ISO ISO D. Lgs. UNI N ISO D. Lgs. UNI N ISO D. Lgs. UNI N ISO. Lgs. 81/08 81/08 81/ :2012 D. D. D. Lgs. Lgs. 81/08 81/08 81/ :2012 D. D. D. Lgs. Lgs. 81/08 81/08 81/ :2012 I RTLLI DLL SRI PRIOLO HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: PRIOLO Fondo giallo quadrato, pittogramma nero, bordo nero. Il colore giallo non è inferiore al 50% della superficie del cartello. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Leggere attentamente le tabelle situate sotto ad ogni cartello per individuare la lettera corrispondente al formato desiderato. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto quadrato, quindi alla voce formato cartello è indicata la misura in mm del lato. Il usato può essere lluminio piano preverniciato o in fogli. fianco di ciascun cartello è indicato il significato ed il codice internazionale del segno grafico. LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI D cartello lato segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 150 Lato triangolo mm 130 m 4 lluminio mm 0,5 mm 150 Lato triangolo mm 130 m 4 /D Lato mm 150 mm 250 Lato triangolo mm 230 m 7 lluminio mm 0,5 mm 330 Lato triangolo mm 310 m 9 lluminio mm 0,5 mm 500 Lato triangolo mm 480 m 14 lluminio mm 0,7 Lato mm 250 Lato mm 330 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato Lato mm 500 generico esplosivo radioattivo o radiazioni ionizzanti W001 W002 W003 W D W W D raggio laser radiazioni non ionizzanti campo magnetico W004 W005 W006 (( W D W W ostacolo in basso di caduta con dislivello rischio biologico W007 W008 W009 W D W D W D 6 7

5 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI /D oggetto affilato sostanze corrosive di schiacciamento mani Lato mm 150 W022 W023 W024 cartello LTO segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 150 Lato triangolo mm 130 m 4 lluminio mm 0,5 Lato mm 250 D mm 150 Lato triangolo mm 130 m 4 mm 250 Lato triangolo mm 230 m 7 lluminio mm 0,5 mm 330 Lato triangolo mm 310 m 9 lluminio mm 0,5 Lato mm 330 W D W D W D mm 500 Lato triangolo mm 480 m 14 lluminio mm 0,7 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato Lato mm 500 bassa temperatura / condizioni di congelamento / attenzione superficie scivolosa elettricità ttenzione rulli rotanti/ pericolo di trascinamento batterie in fase di carica radiazioni ottiche W010 W011 W012 W025 W026 W027 W D W D W D W D W D W D cane da guardia carrelli elevatori ed altri veicoli industriali carichi sospesi sostanze comburenti bombole in pressione rapido movimento del pezzo in pressa piegatrice W013 W014 W015 W028 W029 W032 W D W D W D W D W D W sostanze tossiche superficie calda avviamento automatico filo spinato toro tetto fragile W016 W017 W018 W033 W034 W036 W D W D W D W W W di schiacciamento ostacolo in alto infiammabile W019 W020 W021 W D W D W D 8 9

6 I RTLLI DLL SRI PRIOLO HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: PRIOLO Fondo giallo rettangolare, pittogramma nero, bordo nero. Il colore giallo non è inferiore al 50% della superficie del cartello. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Leggere attentamente le tabelle situate sotto ad ogni cartello per individuare la lettera corrispondente al formato desiderato. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto rettangolare, quindi alla voce formato cartello sono indicate le misure in mm della base e dell altezza del rettangolo. Il usato può essere lluminio piano preverniciato o in fogli. fianco di ciascun cartello è indicato il significato ed il codice internazionale del segno grafico. raggio laser W004 radiazioni non ionizzanti W005 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI FORTO /D mm 350 x 125 FORTO FORTO W raggi laser W campo di alta frequenza FORTO segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 350 x 125 Lato triangolo mm 130 m 4 lluminio mm 0,5 mm 250 x 330 campo magnetico ostacolo in basso D mm 350 x 125 Lato triangolo mm 130 m 4 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 250 x 330 Lato triangolo mm 230 m 7 lluminio mm 0,5 mm 330 x 500 Lato triangolo mm 310 m 9 lluminio mm 0,7 mm 500 x 660 Lato triangolo mm 480 m 14 lluminio mm 0,7 mm 330 x 500 mm 500 x 660 (( (( W006 W007 W campo magnetico W attenzione gradino D W pericolo d inciampo D generico esplosivo di caduta con dislivello rischio biologico W001 W002 W008 W009 W PRIOLO D W TRILI esplosivi W attenzione dislivello W rischio biologico D W HIN IN OVINTO W gas esplosivi W NLLO UTOTIO W LIIT DI SIURZZ W POSSIIL PRSNZ DI INTO W LVORI IN ORSO W USIT VIOLI W W W USIT OPRI NTRR DGIO USIR DGIO radioattivo o radiazioni ionizzanti bassa temperatura / condizioni di congelamento superficie scivolosa W W W W STIL PRIOLNT NSTRO TRSPORTTOR IN OVINTO PONTGGIO IN FS DI LLSTINTO TTNZION LL SL D W003 W010 W011 W VRO TNIO W DPOSITO TPORNO RIFIUTI PRIOLOSI W STOGGIO RIFIUTI PRIOLOSI W zona sorvegliata D W bassa temperatura D W pavimento scivoloso D W FUORI SRVIZIO W zona controllata D 10 11

7 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) FORTO /D mm 350 x 125 mm 350 x 125 Lato triangolo mm 130 m 4 lluminio mm 0,5 FORTO mm 250 x 330 FORTO FORTO tossico W016 superficie calda W017 D mm 350 x 125 Lato triangolo mm 130 m 4 mm 250 x 330 Lato triangolo mm 230 m 7 lluminio mm 0,5 W TRILI tossici W pericolo di scottatura D mm 330 x 500 Lato triangolo mm 310 m 9 lluminio mm 0,7 mm 330 x 500 W sostanze velenose W temperature pericolose D mm 500 x 660 Lato triangolo mm 480 m 14 lluminio mm 0,7 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 500 x 660 W pericolo di morte W W pareti calde alta temperatura superfici D D elettricità cane da guardia avviamento automatico di schiacciamento W012 W013 W018 W019 W QUDRO SOTTO TNSION D W attenti al cane W macchina ad avvimento automatico D W PRIOLO DI SHIINTO W VI LTTRII INTRRTI W cani da guardia W macchinario in servizio automatico W IN LTTRI D W gruppo elettrogeno a partenza automatica D W SS TNSION VOLT... W partenza automatica D W LT TNSION VOLT... W IPINTO SOTTO TNSION D W w W W W W W LT TNSION alta tensione pericolo di morte PRIOLO VOLT PRIOLO VOLT PRIOLO VOLT ORRNT LTTRI IN DI TRSFORZION D D D D D D carrelli elevatori ed altri veicoli industriali W014 ostacolo in alto W020 infiammabile W021 W VI LTTRII IN TNSION D W TRSFORTOR N... KV... D W PRIOLO DI FOLGORZION D W passaggio carrelli W attenzione alla testa D W solventi W ONDUTTUR LTTRI 400 VOLT W carrelli elevatori W metano W VI D LT TNSION D W carrelli in movimento D W gasolio W PRSNZ DI TNSIONI PRIOLOS W gas infiammabili W W W W W ONDUTTORI SOSPSI D LT TNSION QUSTI ONDUTTORI HNNO UN TNSION DI VOLT... PRIOLO 230 VOLT PRIOLO 400 VOLT TRSFORTOR IN TNSION D D carichi sospesi W015 W W W liquidi infiammabili pericolo d incendio materiali infiammabili D D W carichi sospesi W carroponte in movimento 12 13

8 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI FORTO /D mm 350 x 125 FORTO FORTO sostanze comburenti W028 bombole in pressione W029 segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 350 x 125 Lato triangolo mm 130 m 4 lluminio mm 0,5 mm 250 x 330 FORTO D mm 350 x 125 Lato triangolo mm 130 m 4 mm 250 x 330 Lato triangolo mm 230 m 7 lluminio mm 0,5 W sostanze comburenti W OOL IN PRSSION mm 330 x 500 Lato triangolo mm 310 m 9 lluminio mm 0,7 mm 330 x 500 W ossigeno mm 500 x 660 Lato triangolo mm 480 m 14 lluminio mm 0,7 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 500 x 660 W idrogeno oggetto affilato sostanze corrosive rapido movimento del pezzo in pressa piegatrice filo spinato W022 W023 W032 W033 testo segnale supplementare W W pericolo di taglio oggetto affilato W W acidi sostanze corrosive W rapido movimento del pezzo in pressa piegatrice W filo spinato W liquidi corrosivi di schiacciamento mani ttenzione rulli rotanti / pericolo di trascinamento toro tetto fragile W024 W025 W034 W036 testo segnale supplementare W attenzione alle mani D W organi in movimento D W pericolo toro W tetto non calpestabile W PRIOLO DI TRSINNTO batterie in fase di carica radiazioni ottiche W026 W027 W attenzione accumulatori D W Ro NON ORNTI W radiazioni ottiche 14 15

9 I RTLLI DLL SRI DIVITO HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: DIVITO Fondo bianco quadrato, pittogramma nero, bordo rotondo rosso, banda rossa inclinata di 45 da sinistra a destra verso il basso. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Leggere attentamente le tabelle situate sotto ad ogni cartello per individuare la lettera corrispondente al formato desiderato. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto quadrato, quindi alla voce formato cartello è indicata la misura in mm del lato. Il usato può essere lluminio piano preverniciato o in fogli. fianco di ciascun cartello è indicato il significato ed il codice internazionale del segno grafico. Vietato spegnere con acqua P011 Vietato appoggiare carichi pesanti P012 Vietato tenere i telefoni mobili accesi P013 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI D cartello lato segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 mm 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 FORTO /D Lato mm 125 mm 250 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,5 FORTO Lato mm 250 FORTO Lato mm 330 FORTO P D Vietato l accesso ai portatori di protesi metalliche P014 P Vietato introdurre le mani P015 P D Vietato spruzzare con acqua P016 mm 500 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato Lato mm 500 P P D P Divieto generico Vietato fumare Vietato fumare e usare fiamme libere Vietato spingere Vietato sedersi Vietato salire P001 P002 P003 P017 P018 P019 P P D P D P P D P D Vietato il transito ai pedoni Vietato bere acqua non potabile Vietato l accesso ai carrelli elevatori e altri veicoli industriali Vietato l uso dell ascensore in caso d incendio Vietato l accesso ai cani Vietato mangiare o bere P004 P005 P006 P020 P021 P022 P D P D P D P D P D P D Vietato l accesso ai portatori di stimolatori cardiaci attivi Vietato entrare con orologi e oggetti metallici Vietato toccare Vietato ostruire Vietato passare o sostare in questa zona Vietato l uso di questa impalcatura incompleta P007 P008 P010 P023 P024 P025 P D P D P D P D P P

10 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI cartello lato segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) FORTO /D Lato mm 125 FORTO Lato mm 250 FORTO FORTO I RTLLI DLL SRI DIVITO HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: DIVITO Fondo bianco rettangolare, pittogramma nero, bordo rotondo rosso, banda rossa inclinata di 45 da sinistra a destra verso il basso. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Leggere attentamente le tabelle situate sotto ad ogni cartello per individuare la lettera corrispondente al formato desiderato. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto rettangolare, quindi alla voce formato cartello sono indicate le misure in mm della base e dell altezza del rettangolo. Il usato può essere lluminio piano preverniciato o in fogli. fianco di ciascun cartello è indicato il significato ed il codice internazionale del segno grafico. D mm 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 mm 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 mm 250 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,5 Lato mm 330 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI FORTO /D mm 350 x 125 FORTO FORTO mm 500 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato Lato mm 500 segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 250 x 330 FORTO D mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 mm 250 x 330 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 x 500 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,7 mm 330 x 500 Vietato l uso di questo ascensore alle persone Vietato indossare i guanti Vietato fotografare mm 500 x 660 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 500 x 660 P027 P028 P029 Divieto generico Vietato fumare P001 P002 P D P D P D Vietato annodare la corda Vietato alterare lo stato dell interruttore Vietato usare la mola per la levigatura frontale P P vietato sostare sotto i carichi vietato depositare sostanze infiammabili oltre 10 L P P P P VITTO FUR OLTR QUSTO LIIT VITTO FUR/LLR NTINNDIO IN FUNZION VITTO FUR (ON LGG) VITTO FUR D D D D P030 P031 P032 P vietato depositare sostanze infiammabili P VITTO FUR (IT-INGL-FR-TD) D P VITTO UTILIZZR L RI OPRSS PR L PULIZI DL POSTO DI LVORO P P D P P P NLL INTRNO DLLO STILINTO I SIGNORI UTISTI NON DVONO LLONTNRSI DL PROPRIO UTOZZO VITTO SRIR TRILI DI QULSISI GNR Vietato fumare e usare fiamme libere P VITTO GLI UTISTI DGLI UTORRI STRNI IROLR NI RPRTI P003 Vietato effettuare rettifiche a umido Vietato effettuare molature a mano P VITTO DPOSITR NLL NTIN LIQUIDI INFIILI OLTR 10 L D P033 P034 P VITTO L USO DL RRLLO LL PRSON NON UTORIZZT D P vietato fumare e usare fiamme libere D P oltre questo limite proibito fumare e usare fiamme libere D P D P D P vietato usare fiamme libere o apparecchiature ad incandescenza senza protezioni 18 19

11 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI FORTO /D mm 350 x 125 FORTO FORTO Vietato toccare P010 Vietato spegnere con acqua P011 segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 250 x 330 FORTO D mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 250 x 330 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 x 500 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,7 mm 500 x 660 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 mm 330 x 500 mm 500 x 660 P P P vietato toccare macchina in riparazione VITTO toccare macchina in moto VITTO aprire l apertura del quadro è consentita solo agli elettricisti D D D P P vietato usare acqua per spegnere incendi su apparecchiature elettriche qui non usare acqua per spegnere incendi D Vietato il transito ai pedoni Vietato bere acqua non potabile P VITTO effettuare manovre lavori in corso Vietato appoggiare carichi pesanti P004 P005 P P P vietato l uso della macchina alle persone non autorizzate VITTO toccare linee e aparecchiature elettriche in genere prima di assicurarsi che sia stata tolta la tensione vietato l uso alle persone non autorizzate D D D P012 P vietato sostare o passare nel raggio di lavoro della macchina D P vietato bere acqua non potabile D P VITTO toccare D P vietato appoggiare carichi pesanti P vietato il transito ai pedoni P vietato accedere oltre la barriera prima che sia stata tolta la tensione P vietato l ingresso D Vietato l accesso ai carrelli elevatori e altri veicoli industriali Vietato l accesso ai portatori di stimolatori cardiaci attivi Vietato tenere i telefoni mobili accesi Vietato l accesso ai portatori di protesi metalliche P006 P007 P013 P014 P vietato L SSO ai carrelli D P vietato l accesso ai portatori di pacemaker D P P vietato l uso del telefono cellulare vietato tenere accesi i telefoni cellulari D D P vietato l accesso ai portatori di protesi metalliche Vietato entrare con orologi e oggetti metallici Vietato introdurre le mani Vietato spruzzare con acqua P008 P015 P016 P vietato entrare con orologi e oggetti metallici D P vietato introdurre le mani D P vietato spruzzare con acqua 20 21

12 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI FORTO /D mm 350 x 125 FORTO FORTO Vietato ostruire P023 Vietato passare o sostare in questa zona P024 segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 250 x 330 FORTO D mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 250 x 330 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 x 500 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,7 mm 500 x 660 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 mm 330 x 500 mm 500 x 660 P P P vietato depositare vietato depositare davanti agli estintori vietato depositare davanti agli idranti D P vietato passare o sostare in questa zona P vietato depositare davanti alle porte D Vietato spingere Vietato sedersi P vietato depositare davanti alle uscite D P017 P018 P vietato spingere P VITTO SDRSI D Vietato salire Vietato l uso dell ascensore in caso d incendio Vietato l uso di questa impalcatura incompleta Vietato l uso di questo ascensore alle persone P019 P020 P025 P027 P VITTO SLIR D P vietato usare l ascensore in caso d incendio D P vietato usare questa impalcatura P vietato il trasporto di persone sul montacarichi D Vietato l accesso ai cani Vietato mangiare o bere Vietato indossare i guanti Vietato fotografare P021 P022 P028 P029 P vietato introdurre cani D P vietato consumare pasti nei reparti D P vietato usare guanti D P vietato fotografare (it-ingl-fr-ted) D P vietato consumare bevande alcoliche nei reparti P vietato mangiare e bere D 22 23

13 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) FORTO /D mm 350 x 125 FORTO mm 250 x 330 FORTO FORTO I RTLLI DLL SRI OLIGO HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: OLIGO Fondo bianco quadrato, pittogramma bianco su fondo azzurro rotondo. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Leggere attentamente le tabelle situate sotto ad ogni cartello per individuare la lettera corrispondente al formato desiderato. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto quadrato, quindi alla voce formato cartello è indicata la misura in mm del lato. Il usato può essere lluminio piano preverniciato o in fogli. fianco di ciascun cartello è indicato il significato ed il codice internazionale del segno grafico. D mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 250 x 330 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 x 500 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,7 mm 500 x 660 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 mm 330 x 500 mm 500 x 660 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI cartello LTO segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) FORTO /D Lato mm 125 FORTO Lato mm 250 FORTO FORTO mm 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 D mm 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 mm 250 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 Lato mm 330 mm 330 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,5 mm 500 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 Lato mm 500 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato Vietato annodare la corda Vietato alterare lo stato dell interruttore Obbligo generico Obbligatorio leggere le istruzioni la protezione dell udito P030 P P vietato annodare la corda P vietato intervenire sull interruttore D D D Vietato usare la mola per la levigatura frontale Vietato effettuare rettifiche a umido la protezione degli occhi Obbligatorio assicurarsi del collegamento a terra Obbligatorio staccare la corrente P032 P P vietato usare la mola per la levigatura frontale P vietato effettuare rettifiche a umido D D Vietato effettuare molature a mano P034 gli occhiali con lenti opache le calzature i guanti protettivi P vietato effettuare molature a mano D D D 24 25

14 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI FORTO /D Lato mm 125 FORTO FORTO FORTO la maschera per la saldatura 019 Obbligatorio allacciare la cintura 020 Obbligatorio disconnettere il macchinario prima di effettuare manutenzioni o riparazioni 021 D cartello LTO segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 mm 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 mm 250 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,5 mm 500 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 Lato mm 250 Lato mm 330 Lato mm D D D ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato gli indumenti protettivi Obbligatorio lavarsi le mani Obbligatorio usare il corrimano Obbligatorio usare la crema barriera Obbligatorio utilizzare il ponte pedonale Obbligatorio utilizzare il percorso pedonale D D D D lo schermo protettivo il casco di protezione indumenti ad alta visibilità il grembiule protettivo Obbligatorio tenere chiuso Obbligatorio azionare l avvisatore acustico D D la maschera il respiratore l imbracatura Obbligatorio usare il cestino Obbligatorio usare il riparo regolabile della sega Obbligatorio indossare calzature antistatiche D D D D D D 26 27

15 I RTLLI DLL SRI OLIGO HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: OLIGO Fondo bianco rettangolare, pittogramma bianco su fondo azzurro rotondo, scritta bianca su fondo azzurro. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Leggere attentamente le tabelle situate sotto ad ogni cartello per individuare la lettera corrispondente al formato desiderato. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto rettangolare, quindi alla voce formato cartello sono indicate le misure in mm della base e dell altezza del rettangolo. Il usato può essere lluminio piano preverniciato o in fogli. fianco di ciascun cartello è indicato il significato ed il codice internazionale del segno grafico. la protezione degli occhi 004 Obbligatorio assicurarsi del collegamento a terra 005 FORTO /D FORTO indossare occhiali protettivi D collegare a terra l autocisterna prima di iniziare lo scarico LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI mm 350 x 125 FORTO D segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 mm 250 x 330 FORTO Obbligatorio staccare la corrente 006 occhiali con lenti opache 007 mm 250 x 330 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 x 500 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,7 mm 330 x 500 mm 500 x 660 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato staccare la corrente D indossare occhiali con lenti opache D mm 500 x 660 Obbligo generico Obbligatorio leggere le istruzioni le calzature i guanti protettivi SGNLR QULSISI INFORTUNIO DUTO DURNT IL LVORO OLIGTORIO LGGere le istruzioni D indossare calzature D indossare guanti protettivi indossare guanti isolanti D D OLIGTORIO SGUIR L SLDTUR SOTTO SPIRZION D oligtorio TOGLIR TPPO OPRHIO DLL TTRI PRI DI TTR SOTTO RI IL RRLLO la protezione dell udito gli indumenti protettivi Obbligatorio lavarsi le mani TNR IN ORDIN IL PROPRIO POSTO DI LVORO D obbligatorio indossare l protezion Dll udito D indossare indumenti protettivi D lavarsi le mani prima di riprendere il lavoro lavarsi le mani dopo l uso della toilette D D in questa zona è obbligatorio indossare la cuffia antirumore obbligatorio l uso della cuffia quando si lavora su questa macchina D 28 29

16 FORTO /D FORTO l imbracatura la maschera per la saldatura LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI mm 350 x 125 mm 250 x 330 FORTO segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 FORTO indossare imbracatura D indossare maschera per la saldatura D D mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 mm 250 x 330 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 x 500 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,7 mm 500 x 660 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 330 x 500 Obbligatorio allacciare la cintura 020 Obbligatorio disconnettere il macchinario prima di effettuare manutenzioni o riparazioni 021 mm 500 x allacciare la cintura alla guida del muletto D disconnettere il macchinario prima di effettuare manutenzioni o riparazioni D Obbligatorio usare il corrimano lo schermo protettivo Obbligatorio usare la crema barriera Obbligatorio utilizzare il ponte pedonale usare il corrimano D indossare schermo protettivo usare la crema barriera utilizzare il ponte pedonale il casco di protezione indumenti ad alta visibilità Obbligatorio utilizzare il percorso pedonale il grembiule protettivo indossare casco protettivo indossare indumenti ad alta visibilità passaggio obbligatorio per pedoni indossare il grembiule protettivo passaggio riservato ai pedoni utilizzare il percorso pedonale la maschera il respiratore Obbligatorio tenere chiuso Obbligatorio azionare l avvisatore acustico indossare maschera D indossare respiratore D Tenere chiuso D ZIONR L VVISTOR USTIO 30 31

17 LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI FORTO /D mm 350 x 125 FORTO mm 250 x 330 FORTO I RTLLI DLL SRI NTINNDIO HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: NTINNDIO Fondo rosso quadrato, pittogramma e bordo perimetrale bianco. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto quadrato. lla voce formato cartello è indicata la misura in mm del lato. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Il usato può essere lluminio piano preverniciato o in fogli. fianco di ciascun cartello è indicato il significato ed il codice internazionale del segno grafico. D segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 lluminio mm 0,5 mm 350 x 125 Diametro cerchio mm 115 m 4 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 250 x 330 Diametro cerchio mm 230 m 8 lluminio mm 0,5 mm 330 x 500 Diametro cerchio mm 265 m 10 lluminio mm 0,7 mm 500 x 660 Diametro cerchio mm 420 m 16 lluminio mm 0,7 mm 330 x 500 FORTO LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI D cartello LTO segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 120 Lato quadrato mm 105 m 4,7 lluminio mm 0,5 mm 120 Lato quadrato mm 105 m 4,7 FORTO /D Lato mm 120 FORTO Lato mm 160 FORTO FORTO mm 250 Lato quadrato mm 230 m 10 lluminio mm 0,5 Lato mm 250 mm 500 x 660 mm 400 Lato quadrato mm 380 m 17 lluminio mm 0,7 mm 160 Lato quadrato mm 145 m 6,5 lluminio mm 0,5 Lato mm 400 ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato Obbligatorio usare il cestino Obbligatorio usare il riparo regolabile della sega stintore Lancia antincendio naspo Scala antincendio F001 F002 F usare il cestino D usare il riparo regolabile della sega D F D F D F calzature antistatiche ttrezzature antincendio llarme incendio Telefono emergenza incendio 032 F004 F005 F indossare calzature antistatiche F D F D F PR ORDINR L VRSION FOTOLUINSNT INSRIR L LTTR L DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: F001 L LTTR FORTO DSIDRTO PR ORDINR L VRSION FOTOLUINSNT IFIL INSRIR L LTTR L DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: F001 L LTTR FORTO DSIDRTO PR ORDINR L VRSION IFIL INSRIR L LTTR DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: F LTTR FORTO DSIDRTO 32 33

18 I RTLLI DLL SRI NTINNDIO HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: NTINNDIO Fondo rettangolare rosso, pittogramma, bordo perimetrale e scritta bianca. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto rettangolare, quindi alla voce formato cartello sono indicate le misure in mm della base e dell altezza del rettangolo. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Il usato può essere lluminio piano preverniciato o in fogli. fianco di ciascun cartello è indicato il significato ed il codice internazionale del segno grafico. llarme incendio F005 Telefono emergenza incendio F006 testo segnale supplementare FORTO /D F LLR INNDIO D F telefono emergenza incendio F USR SOLO IN SO D INNDIO D LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI D segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 120 x 150 Lato quadrato mm 105 m 4,7 lluminio mm 0,5 mm 120 x 150 Lato quadrato mm 105 m 4,7 mm 120 x 150 mm 250 x 310 Lato quadrato mm 230 m 10 lluminio mm 0,5 mm 400 x 500 Lato quadrato mm 380 m 17 lluminio mm 0,7 mm 160 x 210 Lato quadrato mm 145 m 6,5 lluminio mm 0,5 FORTO mm 160 x 210 FORTO mm 250 x 310 FORTO rappresentazione SOLO PITTOGR grafica serie bifacciali antincendio SOLO Solo PITTOGR SIOLO ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 400 x 500 SOLO PITTOGR PITTOGR SRITT stintore Lancia antincendio naspo F001 F002 PITTOGR SRITT PITTOGR SRITT SIOLO + F STINTOR D F NON USR SU PPRHITUR LTTRIH F STINTOR N. [ ] D F N. [ ] F POLVR N. [ ] F LNI NTINNDIO F SHIU N. [ ] F NSPO F O 2 N. [ ] F STINTOR IDRIO F N. [ ] Scala antincendio ttrezzature antincendio F003 F004 PR ORDINR L VRSION FOTOLUINSNT INSRIR L LTTR L DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: F001 L LTTR FORTO DSIDRTO F testo segnale supplementare scala antincendio F presidio antincendio PR ORDINR L VRSION FOTOLUINSNT IFIL INSRIR L LTTR L DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: F001 L LTTR FORTO DSIDRTO F coperta antifiamma D F F corredo idrante soprasuolo corredo idrante sottosuolo PR ORDINR L VRSION IFIL INSRIR L LTTR DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: F LTTR FORTO DSIDRTO 34 35

19 I RTLLI DLL SRI RGNZ HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: RGNZ Defibrillatore di emergenza Lavaocchi di emergenza Doccia di emergenza Fondo verde quadrato, pittogramma e bordo perimetrale bianco. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto quadrato. lla voce formato cartello è indicata la misura del lato. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Il usato può essere lluminio piano preverniciato, alluminio scatolato o lamiera scatolata, in fogli. fianco di ciascun cartello è indicato il significato ed il codice internazionale del segno grafico FORTO /D LGND Sostituisce segnale già normato UNI Nuovo segnale UNI lato mm 120 FORTO FORTO D cartello LTO segnale DISTNZ DI LTTUR ( ) lato mm 160 FORTO /S/L arella di emergenza Finestra di emergenza con scala Finestra di salvataggio D mm 120 Lato quadrato mm 105 m 4,7 lluminio mm 0,5 mm 120 Lato quadrato mm 105 m 4,7 mm 250 Lato quadrato mm 230 m 10 lluminio mm 0,5 lato mm mm 400 Lato quadrato mm 380 m 17 lluminio mm 0,7 mm 160 Lato quadrato mm 145 m 6,5 lluminio mm 0,5 lato mm 400 S L mm 400 mm 400 Lato quadrato mm 380 Lato quadrato mm 380 m 17 m 17 lluminio scatolato Lamiera scatolata ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato Uscita di emergenza a sinistra Uscita di emergenza a destra Primo soccorso Girare la maniglia in senso antiorario Girare la maniglia in senso orario D D D Telefono di emergenza Freccia 90 Freccia Punto di ritrovo Rompere in caso di emergenza Dottore PR ORDINR L VRSION FOTOLUINSNT INSRIR L LTTR L DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: 001 L LTTR FORTO DSIDRTO PR ORDINR L VRSION FOTOLUINSNT IFIL INSRIR L LTTR L DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: 001 L LTTR FORTO DSIDRTO L S D D PR ORDINR L VRSION IFIL INSRIR L LTTR DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: LTTR FORTO DSIDRTO 36 37

20 I RTLLI DLL SRI IFILI RGNZ HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: bifacciali RGNZ I RTLLI DLL SRI RGNZ HNNO L SGUNTI RTTRISTIH: emergenza Il segnale i-facile viene ricavato da un unica lastra di alluminio, a cui viene praticata una particolare lavorazione laser che consente la piegatura in funzione delle reali esigenze, rendendo estremamente semplice e pratica la sua installazione e riducendo gli ingombri in fase di spedizione. Fondo rettangolare verde, pittogramma, bordo perimetrale e scritta bianca. I cartelli di seguito rappresentati sono realizzati su supporto rettangolare, quindi alla voce formato cartello sono indicate le misure in mm della base e dell altezza del rettangolo. La configurazione dei formati è riportata qui sotto. Il usato è esclusivamente lluminio piano preverniciato. mm 240 x 120 mm 500 x 250 mm 800 x 400 segnali DI sicurezza Lato quadrato mm 105 Lato quadrato mm 105 Lato quadrato mm 105 DISTNZ DI LTTUR ( ) m 4,7 m 10 m 17 lluminio 0,5 lluminio 0,5 lluminio 0,5 FORTO FORTO mm 320 x 160 Lato quadrato mm 105 m 6,5 lluminio 0,5 FORTO ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 210 x 160 mm 310 x D segnali DISTNZ DI LTTUR ( ) mm 310 x 250 Rettangolo mm 290 x 145 m 6,5 lluminio mm 0,5 mm 500 x 400 Rettangolo mm 480 x 240 m 10,5 lluminio mm 0,7 mm 210 x 160 Rettangolo mm 195 x 9,75 m 4,3 lluminio mm 0,5 mm 660 x 500 Rettangolo mm 640 x 320 m 14,3 lluminio mm 0,7 mm 500 x 400 FORTO D segnali addizionali per indicare la direzione ggiungere al la lettera corrispondente al formato desiderato mm 660 x USIT DI RGNZ uscita DI RGNZ D uscita DI RGNZ D PR ORDINR L VRSION FOTOLUINSNT IFIL INSRIR L LTTR L DOPO IL ODI INTRNZIONL SPIO: 001 L LTTR FORTO DSIDRTO USIT DI RGNZ uscita DI RGNZ D USIT DI RGNZ uscita DI RGNZ D 38 39

Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che deve fornire

Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che deve fornire Segnaletica di sicurezza sul posto di lavoro prof F.Scinicariello Per il Biennio Itis Prescrizioni generali per la segnaletica di sicurezza Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che

Dettagli

PERICOLO. ARTEC srl PERICOLO

PERICOLO. ARTEC srl PERICOLO ANTINFORTUNISTICA 2014 SEGNALE DI SICUREZZA PRESCRITTO DAL D. LGS. 81/08 SEGNALE DI SICUREZZA NORMATO UNI I CARTELLI CHE SEGNALANO HANNO LE SEGUENTI CARATTERISTICHE: fondo giallo, pittogramma nero, bordo

Dettagli

SIMBOLI DI PERICOLO. UNICAM Servizio di Prevenzione e Protezione CORROSIVO ESPLOSIVO FACILMENTE INFIAMMABILE ESTREMAMENTE INFIAMMABILE COMBURENTE

SIMBOLI DI PERICOLO. UNICAM Servizio di Prevenzione e Protezione CORROSIVO ESPLOSIVO FACILMENTE INFIAMMABILE ESTREMAMENTE INFIAMMABILE COMBURENTE UNICAM Servizio di Prevenzione e Protezione SIMBOLI DI PERICOLO CORROSIVO ESPLOSIVO FACILMENTE INFIAMMABILE ESTREMAMENTE INFIAMMABILE COMBURENTE NOCIVO PER L AMBIENTE RISCHIO BIOLOGICO UNICAM Servizio

Dettagli

SEGNALETICA DI SICUREZZA

SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA Lo scopo della segnalazione di sicurezza è quello di attirare in modo rapido e facilmente comprensibile l'attenzione su oggetti e situazioni che possono determinare pericoli. La

Dettagli

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Introduzione Poiché, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all art. 4, comma 1, del D.Lvo 626/94, risultano rischi che non possono

Dettagli

i cartelli Segnaletici Per la Sicurezza e le emergenze

i cartelli Segnaletici Per la Sicurezza e le emergenze i cartelli Segnaletici Per la Sicurezza e le emergenze LA FORMAZIONE VINCENTE. CFRM è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata nella formazione ed addestramento all uso di

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA SCHEDA TECNICA N 23 LA SEGNALETICA DI SICUREZZA Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it I - DESCRIZIONE LA SEGNALETICA

Dettagli

SEGNALETICA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

SEGNALETICA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO SEGNALETICA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO IL D.Lgs. n 493 del 14/08/1996, IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 92/58/CEE, TRATTA LE PRESCRIZIONI MINIME PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA E/O DI SALUTE SUL LUOGO

Dettagli

SEGNALETICA GENERALE PREVISTA NEL CANTIERE

SEGNALETICA GENERALE PREVISTA NEL CANTIERE SEGNALETICA GENERALE PREVISTA NEL CANTIERE Cartelli di divieto Trasmettono un messaggio che vieta determinati atti, comportamenti o azioni che possano essere rischiosi. Il segnale è di forma rotonda, pittogramma

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

Cgil - Friuli Venezia Giulia via Vidali 1-34121 Trieste. Tel. 040.662003 Fax 040.768844 fvg@mail.cgil.it www.fvg.cgil.it

Cgil - Friuli Venezia Giulia via Vidali 1-34121 Trieste. Tel. 040.662003 Fax 040.768844 fvg@mail.cgil.it www.fvg.cgil.it 1 a cura di Associazione lavoratori emigrati del Friuli Venezia Giulia Via Malignani 8-33100 UDINE Tel. 0432.479562 Fax 0432.487119 alef@alef-fvg.it www.alef-fvg.it con la collaborazione di Questa guida

Dettagli

SEGNALI DI DIVIETO. UNI D 001 UNI D 002 UNI D 003 UNI D 004 UNI D 005 UNI D 006 Divieto generico P001. Divieto di transito ai pedoni P004

SEGNALI DI DIVIETO. UNI D 001 UNI D 002 UNI D 003 UNI D 004 UNI D 005 UNI D 006 Divieto generico P001. Divieto di transito ai pedoni P004 SEGNALI DI DIVIETO MODELLO SEGNALE DISTANZA SPESSORE A mm 125 Diam. Cerchio mm110 4 m 0.5 mm B mm 200 Diam. Cerchio mm180 6 m 0.5 mm C mm 330 Diam. Cerchio mm260 10.7 m 0.5 mm D mm 500 Diam. Cerchio mm420

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

Vietato usare il disco per lisciare superfici

Vietato usare il disco per lisciare superfici Divieto generico Vietato fumare Vietato l'uso di questo ascensore alle persone Vietato bere acqua non potabile Divieto di transito ai pedoni Vietato ostruire il passaggio Vietato appoggiare carichi pesanti

Dettagli

ELENCO BLOCCHI CAD. Macchine. 1. Autobetoniera. 2. Autocarro. 5. Autocarro Rimorchio. 6. Autogru. 7. Autoveicolo. 8. Betoniera. 9.

ELENCO BLOCCHI CAD. Macchine. 1. Autobetoniera. 2. Autocarro. 5. Autocarro Rimorchio. 6. Autogru. 7. Autoveicolo. 8. Betoniera. 9. Macchine ELENCO BLOCCHI CAD 1. Autobetoniera 2. Autocarro 5. Autocarro Rimorchio 6. Autogru 7. Autoveicolo 8. Betoniera 9. Bobcat Cingolato 10. Bobcat Gommato 11. Carrello Elevatore 12. Compressore 13.

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

Guida alla segnaletica di sicurezza (prima parte)

Guida alla segnaletica di sicurezza (prima parte) Guida alla segnaletica di sicurezza (prima parte) Pubblicato il: 16/06/2004 Aggiornato al: 16/06/2004 di Gianfranco Ceresini L utilizzo della segnaletica di sicurezza può sembrare a prima vista un elemento

Dettagli

Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro

Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro Decreto Legislativo 9 aprile 2008, nr. 81 Art. 161 Campo di applicazione 1. Il presente titolo stabilisce le prescrizioni per la segnaletica di sicurezza e

Dettagli

SEGNALETICA DI PERICOLO

SEGNALETICA DI PERICOLO SEGNALETICA DI SCHEMA DEI FORMATI (mm.) SIGLA DEI MATERIALI E SPESSORI E C C = 330x500 E = 500x700 A B A = 350x125 B = 765x270 D = 1400x500 D ALLUMINIO AL PVC RIGIDO PV 0,5/0,7 mm. 1 mm. DISTANZA LETTURA

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA 1. CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1.1. La segnaletica di sicurezza deve

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica 1. Dispositivi di Protezione Individuale 2. Segnaletica di Sicurezza Rev. 2 ottobre 2009 Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica slide 1

Dettagli

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Le persone possono essere molto stressate per un sommarsi di fattori di stress lavorativo ed extralavorativo Rilevare

Dettagli

SEGNALETICA DI DIVIETO

SEGNALETICA DI DIVIETO E C SCHEMA DEI FORMATI (mm.) C = 330x500 E = 500x700 A B A = 350x125 B = 765x270 D = 1400x500 D SIGLA DEI E SPESSORI 0,5/0,7 mm. C RIGIDO 1 mm. C ADESIVO AD DIMENSIONE DEI CARTELLI (mm) 4 10 10 16 16 350

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 05 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA (Art. 26 D.Lgs. 81/08) In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede

Dettagli

Colori e segnali di sicurezza Parte 1: Prescrizioni generali

Colori e segnali di sicurezza Parte 1: Prescrizioni generali NORMA ITALIANA Colori e segnali di sicurezza Parte 1: Prescrizioni generali UNI 7543-1 DICEMBRE 2004 Safety colours and safety signs Part 1: General instructions CLASSIFICAZIONE ICS 01.080.99; 13.100 SOMMARIO

Dettagli

Il Decreto legislativo 626 del 1994 stabilisce delle misure generati di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.

Il Decreto legislativo 626 del 1994 stabilisce delle misure generati di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. INTRODUZIONE Il Decreto legislativo 626 del 1994 stabilisce delle misure generati di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Fra queste misure l'uso dei SEGNALI DI AVVERTIMENTO E SICUREZZA

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA LA SEGNALETICA DI SICUREZZA LA SEGNALETICA DI SICUREZZA La segnaletica di sicurezza fornisce un indicazione o una prescrizione concernente la sicurezza sul luogo di lavoro. TIPOLOGIE: PERMANENTE Costituita

Dettagli

La segnaletica di sicurezza

La segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza 1/59 1/5 Normativa Cos è la segnaletica di sicurezza? La norma di riferimento è il D. Lgs 81/08 TITOLO V - SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 2/59 2/5 Cos è la segnaletica

Dettagli

ABC della sicurezza sul lavoro

ABC della sicurezza sul lavoro Straniero, non estraneo ABC della sicurezza sul lavoro Opuscolo informativo per i lavoratori stranieri e le loro famiglie Edizione 2009 Questo opuscolo è stato realizzato da INAIL Direzione Centrale Comunicazione

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

ALLEGATO G LINEE GUIDA PER LA POSA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA IN CANTIERE

ALLEGATO G LINEE GUIDA PER LA POSA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA IN CANTIERE ALLEGATO G LINEE GUIDA PER LA POSA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA IN CANTIERE La segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro è normata dal D.Lgs. 493/96 ed ha lo specifico compito di attirare

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

Mentre in passato con il termine "segnaletica" (cartelli segnaletici e contrassegni), attualmente, include tutte le forme di trasmissione di un

Mentre in passato con il termine segnaletica (cartelli segnaletici e contrassegni), attualmente, include tutte le forme di trasmissione di un ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info La segnaletica nei cantieri i SIGNIFICATO DELL'ESPRESSIONE "SEGNALETICA" Mentre in passato con il termine "segnaletica" venivano compresi solamente i segnali

Dettagli

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SCHEDA TECNICA N 18 SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8

Dettagli

SEGNALETICA DI SICUREZZA E AZIENDALE

SEGNALETICA DI SICUREZZA E AZIENDALE E AZIENDALE CARTELLI DI PERICOLO: SIMBOLI CONFEZIONE DA 5 PEZZI FIG. 10000 CAVALLETTO PORTA CARTELLI CARATTERISTICHE: realizzato in materiale plastico per l inserimento di cartelli intercambiabili, bifacciale

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

MODULO D.U.V.R.I. , presso lo Stabilimento AgustaWestland S.p.A. di Cascina Costa, in riferimento a quanto in

MODULO D.U.V.R.I. , presso lo Stabilimento AgustaWestland S.p.A. di Cascina Costa, in riferimento a quanto in Prot. n cc / MODULO D.U.V.R.I In data, presso lo Stabilimento AgustaWestland S.p.A. di Cascina Costa, in riferimento a quanto in oggetto si sono riuniti: Referente contratto appalto AgustaWestland S.p.A.

Dettagli

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 La norma di riferimento è il Titolo V del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 2 Cos è la segnaletica

Dettagli

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO MARGARITONE VIA FIORENTINA 179 AREZZO SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio CORSO SERALE 1 SEGNALETICA

Dettagli

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE SEGNALETICA DI SICUREZZA In prossimità di zone di rischio deve essere

Dettagli

SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO TITOLO V dlgs del 9 aprile 2008 81/08

SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO TITOLO V dlgs del 9 aprile 2008 81/08 SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO TITOLO V dlgs del 9 aprile 2008 81/08 Art. 161 : IL PRESENTE TITOLO STABILISCE LE PRESCRIZIONI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO 1. IDENTIFICAZIONE DEL CONTRATTO... 1 2. DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE L IDONEITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA Norme generali sull intercambiabilità o complementarità delle segnaletiche di sicurezza MODI DI SEGNALAZIONE

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA

SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA La segnaletica svolge un ruolo importante ai fini della sicurezza: un appropriato segnale, infatti, trasmette con immediatezza un messaggio che fornisce unʹutile indicazione

Dettagli

Informazioni specifiche area esterna

Informazioni specifiche area esterna ALLEGATO 5 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica Fiesole il. Spett.le... (denominazione e indirizzo ditta / Impresa incaricata di eseguire il lavoro in appalto) OGGETTO :

Dettagli

Segnaletica di sicurezza nei luoghi di lavoro - D.Lgs. 81/2008.

Segnaletica di sicurezza nei luoghi di lavoro - D.Lgs. 81/2008. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Istituto Comprensivo Via Cavolecchia, 4 - Manfredonia (FG) Tel. 0884-585923 Fax

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA 1. CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1.1. La segnaletica di sicurezza deve essere conforme ai requisiti specifici che figurano negli allegati

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Straniero, non estraneo

Straniero, non estraneo Straniero, non estraneo ABC della sicurezza sul lavoro Opuscolo informativo per i lavoratori stranieri e le loro famiglie Edizione 2010 Italiano Realizzato dalla Direzione Centrale Comunicazione Illustrazioni:

Dettagli

Informazioni base per la sicurezza nell ambiente scolastico. Liceo Statale Vito Capialbi

Informazioni base per la sicurezza nell ambiente scolastico. Liceo Statale Vito Capialbi Liceo Statale Vito Capialbi Liceo Musicale - Liceo Linguistico - Liceo Scienze Umane - opz. Economico Sociale Via S. Ruba snc * 89900 VIBO VALENTIA * Cod.Mecc. VVPM01000T 0963/592415 * Fax 0963/991310

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE MISURE DI SICUREZZA BASF Antwerpen NV

INTRODUZIONE ALLE MISURE DI SICUREZZA BASF Antwerpen NV INTRODUZIONE ALLE MISURE DI SICUREZZA BASF Antwerpen NV Queste informazioni scritte hanno uno svolgimento del tutto automatico. Solo i segnali di allarme vengono presentati acusticamente. A tal fine occorre

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni 1. Il permesso di lavoro è un documento: a) che deve favorire la consultazione tra tutte le parti che hanno a che fare con il lavoro b) in cui sono stipolate le condizioni del lavoro c) che dà il permesso

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO POLO RIFIUTI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO POLO RIFIUTI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 6 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO POLO RIFIUTI BASSANO DEL GRAPPA Art. 26 D.Lgs. 81/08 In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede che

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE MANUALE D USO E MANUTENZIONE NEGATIVOSCOPIO A LED PER RADIOLOGIA INDUSTRIALE Cod. M-CB-22 DIM. CM 10 x 48 Sommario 1 Introduzione...2 2 Simboli...2 3 Utilizzo previsto...3 4 Precauzioni...3 5 Caratteristiche

Dettagli

Il codice dei colori per i componenti elettrici e la sicurezza - seconda parte -

Il codice dei colori per i componenti elettrici e la sicurezza - seconda parte - Pubblicato il: 28/02/2005 Aggiornato al: 16/03/2005 Il codice dei colori per i componenti elettrici e la sicurezza seconda parte di Gianluigi Saveri La tabella CEI UNEL 00721 Colori delle guaine dei cavi

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

C. Scale e ascensori

C. Scale e ascensori Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre PREVENZIONE INCENDI 167 C. Scale e ascensori Scale Il numero e la larghezza delle scale a servizio di particolari attività (ad esempio alberghi o locali di pubblico spettacolo)

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

Principali rischi nelle lavorazioni di nostro interesse

Principali rischi nelle lavorazioni di nostro interesse SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO La salute di un lavoratore è definita come il completo benessere fisico, psicologico e sociale e può subire danni che possiamo classificare come: - INFORTUNIO è un evento

Dettagli

1. Il Decreto Legislativo 626/94 si occupa della sicurezza sul lavoro dei datori di lavoro.

1. Il Decreto Legislativo 626/94 si occupa della sicurezza sul lavoro dei datori di lavoro. Livello B2 Sicurezza Unità 2 La segnaletica di sicurezza Chiavi In questa unità imparerai: a leggere testi in cui si parla di sicurezza sul lavoro a conoscere parole relative alla segnaletica di sicurezza

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O pag. 1 LAVORI A CORPO OPERE DI SICUREZZA (SpCat 1) Apprestamenti (Cat 1) Opere provvisionali, recinzioni e (SbCat 1) 1 / 1 Prefabbricato monoblocco con pannelli di SR5009h tamponatura strutturali,

Dettagli

L AUTORIMESSA IN CONDOMINIO CON CAPACITA DI PARCAMENTO SINO A 9 AUTOVEICOLI IL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

L AUTORIMESSA IN CONDOMINIO CON CAPACITA DI PARCAMENTO SINO A 9 AUTOVEICOLI IL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO L AUTORIMESSA IN CONDOMINIO CON CAPACITA DI PARCAMENTO SINO A 9 AUTOVEICOLI IL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Via Panfilo Tedeschi 1 67100 L'Aquila (AQ) Tel./Fax 086262641 www.zedprogetti.it NOTE

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al D.Lgs. 81/08

SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al D.Lgs. 81/08 SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al D.Lgs. 81/08 Il laboratorio chimico può essere un posto di lavoro sicuro se vengono prese alcune precauzioni che possono evitare imprevisti spiacevoli ed incidenti.

Dettagli

Prova d esame: Elementi fondamentali di sicurezza (BE)

Prova d esame: Elementi fondamentali di sicurezza (BE) Prova d esame: Elementi fondamentali di sicurezza (BE) Serie: Prova d esame (BE) Si prega di leggere attentamente le seguenti istruzioni! Questo esame consiste in 40 domande a scelta multipla. Ogni domanda

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 L incendio Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 Generalità sugli incendi La combustione Le principali cause di incendio Sostanze estinguenti Dinamica dell'incendio I rischi per le persone e l'ambiente

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE DI LAVORO

Dettagli

ABBIGLIAMENTO - ANTINFORTUNISTICA

ABBIGLIAMENTO - ANTINFORTUNISTICA CARTELLO POLIONDA CONCESSIONE EDILE 7362000 Pezzo cm 68X98 1660 00 20 4 B CARTELLO IN PVC CON 11 SIMBOLI 7362003 Pezzo cm 138X98 1680 00 10 B CARTELLO IN ALLUMINIO VIETATO ACCESSO NON AUTORIZZATI 7362005

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

NORME COMPORMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER AUTISTI CHE TRASPORTANO ACQUA DEMINERALIZZATA O FANGHI BIOLOGICI

NORME COMPORMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER AUTISTI CHE TRASPORTANO ACQUA DEMINERALIZZATA O FANGHI BIOLOGICI NORME COMPORMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER AUTISTI CHE TRASPORTANO ACQUA DEMINERALIZZATA O FANGHI BIOLOGICI Pag. 1 di 13 1.0 PREMESSA INDICE 2.0 NORME COMPORTAMENTALI GENERALI 3.0 PITTOGRAMMI

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

A.A.M.A.P. Segnaletica aziendale NAVALE

A.A.M.A.P. Segnaletica aziendale NAVALE Segnaletica aziendale NAVALE segnali d obbligo per mezzi di salvataggio 0683 00 10 allaciare le cinture di sicurezza 0683 00 60 calare in acqua battello di salvataggio 0683 00 20 assicurarsi che il boccaporto/portello

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic Pag. 1 di 6 Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic CEE 0426 DIRETTICTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI Pag. 2 di 6 INDICE Numero Titolo Pagina 1 Avvertenze 3 2 Introduzione 3 2.1 Riferimenti Normativi 3

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO Attività di gestione dei CRM/CRZ Via A. Rosmini, 5/b -38066 Riva del Garda Redazione: febbraio 2012 DECRETO

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA Pag. 1 di 6 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

Scienze laboratorio: I RISCHI

Scienze laboratorio: I RISCHI Queste note pratiche presentano i rischi che si incontrano durante le esercitazioni di laboratorio e i comportamenti corretti da tenere. Seguire queste indicazioni servirà non solo a ridurre il rischio

Dettagli

Asta motorizzata con testa rotativa di preparazione tubo. MANUALE D USO vers. 10/12/2013

Asta motorizzata con testa rotativa di preparazione tubo. MANUALE D USO vers. 10/12/2013 Asta motorizzata con testa rotativa di preparazione tubo MANUALE D USO vers. 10/12/2013 AVVERTENZE DI SICUREZZA GENERALI PER IL TRAPANO Leggere tutti gli avvisi di sicurezza e tutte le istruzioni. Se

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA DIPARTIMENTO CIRCOLAZIONE MONETARIA SERVIZIO BANCONOTE (855) DIVISIONE QUALITA', AMBIENTE E SICUREZZA SUL LAVORO (046) Rifer. a nota n. del Classificazione XIII 8 1 Oggetto DUVRI - Attività di dismissione

Dettagli

Io saldo in Sicurezza.

Io saldo in Sicurezza. PROGRAMMA SICUREZZA INTEGRATA Io saldo in Sicurezza. Guida pratica. La tua Sicurezza inizia qui. L abitudine, a volte, genera una falsa sicurezza. La ripetizione quotidiana di gesti che, nella loro semplicità,

Dettagli