GUIDA ALL USO DELLE STRUTTURE DEL POLICLINICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALL USO DELLE STRUTTURE DEL POLICLINICO"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI

2 GUIDA ALL USO DELLE STRUTTURE DEL POLICLINICO 2

3 La Carta dei Servizi è un documento in progress. Tutti gli aggiornamenti e le implementazioni saranno contenuti nel sito dell Azienda I cittadini, i medici di base, gli operatori sanitari, possono suggerire come migliorare l informazione contenuta nella carta dei servizi, scrivendo all indirizzo 3

4 SERVIZI INFORMATIVI URP: Ufficio Relazioni con il Pubblico Tel. 091/ Fax 091/ Orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì ,30 lunedì e mercoledì 14,30 16,30 4

5 INDICE GENERALE Missione Visione Principi ispiratori dell organizzazione aziendale Direzioni e Staff Il Dipartimento Amministrativo I Dipartimenti Assistenziali Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica Dipartimento di Chirurgia Generale, d Urgenza e dei Trapianti d organo Dipartimento Chirurgie Speciali Dipartimento Diagnostica di Laboratorio Dipartimento Emergenza ed Urgenza Dipartimento Materno-Infantile Dipartimento Medicina Interna, Malattie Cardiovascolari enefrourologiche Dipartimento Neurologia e Psichiatria Dipartimento Oncologia Dipartimento Patologie Emergenti Dipartimento Scienze Radiologiche Dipartimento Servizi Centrali d Ospedale pag.7 Pag.8 Pag.11 Pag.13 Pag.14 Pag.15 Pag.17 Pag.49 Pag.93 Pag.134 Pag.195 Pag.211 Pag.239 Pag.266 Pag.283 Pag.314 Pag.345 Pag.363 5

6 MISSIONE L'Azienda ha come missione il perseguimento congiunto di obiettivi di didattica, ricerca ed assistenza, in coerenza con gli stretti legami istituzionali e funzionali con l Università e la Facoltà di Medicina e Chirurgia in particolare. La ragion d essere dell Azienda è nel contributo unico e imprescindibile che essa fornisce alla vita della Facoltà di Medicina. Attraverso l attività di assistenza e in condizioni di autonomia, garantita innanzitutto e in primo luogo dalla capacità di mantenere un solido e duraturo equilibrio economico essa ha, quindi, come sua finalità principale quella di contribuire alle funzioni di didattica e di ricerca che contraddistinguono la missione dell Università. L Azienda, inoltre, partecipa all attuazione dei processi sanitari previsti dal Piano Sanitario Regionale tramite l elaborazione degli atti di programmazione di propria competenza e la loro successiva traduzione in azioni concrete. Concorre, infine, alla realizzazione della più vasta missione del Servizio Sanitario della Regione Siciliana, missione definita come tutela globale della salute nel quadro delle risorse a tale fine destinate dalla collettività. In tale contesto l insieme delle risorse aziendali agisce come parte integrante del Servizio Sanitario Regionale. 6

7 VISIONE I principi che fondano la politica dell AOUP sono: Integrità L integrità è il valore cardine che l Azienda Ospedaliera Universitaria P. Giaccone pone a fondamento delle proprie scelte e dei propri comportamenti. L Azienda si attende che a tale valore si ispirino anche le scelte e i comportamenti delle persone che a vario titolo e responsabilità fanno parte della collettività aziendale. A tal fine promuove lo sviluppo e l adozione di codici condivisi di comportamento. Centralità della persona L'Azienda informa i propri comportamenti al rispetto alla valorizzazione delle persone nella duplice veste di: destinatari dei servizi; individui che a vario titolo collaborano con l Azienda Impegno verso i destinatari dei servizi Nella organizzazione e gestione delle attività assistenziali l Azienda pone al centro delle sue attenzioni i bisogni dei cittadini-utenti considerati non solo come destinatari naturali delle prestazioni, ma anche come interlocutori privilegiati per orientare e valutare le azioni poste in essere. La centralità delle persone ed dei loro bisogni porta ad articolare le funzioni gestionali in stretta relazione ai processi assistenziali e a sviluppare la multidisciplinarietà dell assistenza, tutelando in pari misura la ricerca della qualità organizzativa (efficienza), della qualità tecnica (efficacia) e della qualità percepita (soddisfazione dell'utente). Nella organizzazione e gestione delle attività assistenziali connesse ai processi didattici e formativi l Azienda pone tutto il suo impegno affinché vengano rispettati bisogni e i diritti degli studenti e di tutti i destinatari dei servi formativi. Promuove e sostiene inoltre i processi di innovazione dei metodi didattici e formativi. 7

8 Impegno verso i collaboratori dell Azienda Le persone che lavorano in Azienda rappresentano l elemento fondamentale e distintivo del suo patrimonio. L Azienda vuole offrire un contesto organizzativo capace di riconoscere, utilizzare, ricompensare e valorizzare adeguatamente le competenze e le potenzialità dei propri collaboratori. L Azienda, nel riconoscere il lavoro come un ambito rilevante di vita e di realizzazione degli individui, pone in atto le azioni necessarie a creare un ambiente di lavoro sicuro, stabile, non discriminatorio, stimolante e appagante, così da contribuire al benessere delle persone. In particolare, essa considera la crescita delle persone un impegno e una propria responsabilità, prima ancora che un opportunità offerta agli individui. Al contempo l Azienda chiede ai propri collaboratori un contributo leale, pieno e responsabile al perseguimento della missione aziendale, una reale assunzione delle responsabilità connesse al proprio ruolo, un impegno costante per migliorare i propri livelli di professionalità e in generale la qualità dei contributi offerti all Azienda. Pari opportunità L Azienda, quale datore di lavoro s impegna a costruire condizioni di pari opportunità tra uomini e donne. A tal fine, essa riconosce il ruolo che le donne effettivamente esercitano nella società e mette in atto politiche e sistemi di gestione funzionali a costruire condizioni di pari opportunità sostanziali, con particolare attenzione agli ambiti dello sviluppo professionale, delle carriere, degli orari di lavoro, anche ricorrendo ad azioni esplicitamente a favore delle donne. Relazioni con la società civile L'Azienda, consapevole della sua appartenenza al contesto economico, culturale e sociale del territorio di riferimento, s impegna ad esserne espressione attiva e consapevole. A tal fine ricerca le migliori forme di confronto e collaborazione con tutti i soggetti che rappresentano attese e bisogni dei diversi portatori di interesse e della collettività in generale Al fine di promuovere la partecipazione dei cittadini l'azienda garantisce il proprio impegno nella gestione degli strumenti attualmente previsti dalla normativa, quali la Carta dei Servizi Sanitari e l Ufficio Relazioni Pubbliche e s impegna altresì a favorire lo sviluppo di tutte le condizioni e gli strumenti che consentano una migliore interazione con la comunità locale. 8

9 Responsabilità sociale dell azienda L'Azienda pubblica P. Giaccone, è portatrice di responsabilità sociali di ampio respiro, che intende esercitare non soltanto grazie al perseguimento della propria missione istituzionale, ma anche improntando le proprie politiche e azioni di gestione a tale impegno. In tal senso, essa s impegna a ridurre l impatto ambientale dei propri servizi, a favorire e tutelare l ambiente sociale del proprio territorio, a garantire condizioni di lavoro rispettose della dignità e delle aspirazioni delle persone, a favorire la diffusione dei medesimi valori presso i propri fornitori di beni e servizi. Strategia aziendale La strategia dell Azienda è costantemente orientata a realizzare il difficile equilibrio operativo ed economico tra esigenze assistenziali, di didattica e di ricerca, ricercando un contemperamento dinamicamente sostenibile tra scelte di specializzazione e di ampliamento dell offerta. In tale prospettiva viene assunto come prioritario il rafforzamento dell identità di struttura ospedaliera di terzo livello, attraverso processi di completamento, focalizzazione e specializzazione dell offerta, mantenendo, al contempo le condizioni necessarie per un efficace formazione di base degli studenti della Facoltà di Medicina. Accordi di cooperazione e sperimentazioni gestionali Nel perseguimento delle proprie finalità, e in particolare nello svolgimento delle attività assistenziali essenziali ai fini didattici e formativi, l Azienda promuove accordi di cooperazione e sperimentazioni gestionali con tutti i soggetti di cui all art. 4 comma 3 dei protocolli di intesa. Ciò anche al fine di realizzare la specializzazione necessaria alla attività di ricerca e al raggiungimento di un soddisfacente equilibrio economico. 9

10 L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE I principi ispiratori dell organizzazione L Organizzazione e le attività dell A.O.U.P., nell ambito delle risorse disponibili, sono improntate a criteri di efficacia, efficienza ed economicità e sono rivolte ad assicurare, nel rispetto della concertazione con l Università e degli obiettivi posti dagli atti di programmazione nazionale e regionale, l erogazione delle prestazioni essenziali, lo sviluppo del sistema qualità, la miglior accessibilità dei servizi al cittadino, il raccordo istituzionale con i diversi livelli di governo pubblico, il collegamento con le altre organizzazioni sanitarie e con il volontariato Nel definire le propria organizzazione interna, l azienda si ispira ai seguenti principi cardine: Responsabilizzazione diffusa del personale, tale per cui ciascun operatore aziendale, indipendentemente dall incarico organizzativo formalmente attribuitogli, assume comportamenti responsabili ed orientati al raggiungimento delle finalità istituzionali dell azienda, in coerenza con le linee strategiche e di programmazione da questa definite e con il proprio ruolo lavorativo. La responsabilizzazione sui risultati è implicita nelle azioni del dirigente ed è elemento qualificante il ruolo in azienda della dirigenza di qualsiasi livello. Flessibilità, per cui le scelte di organizzazione devono garantire condizioni di utilizzo delle risorse orientate al miglior sfruttamento delle potenzialità produttive, anche attraverso la concentrazione che genere economie di specializzazione e la condivisione che genera economie di scala e di scopo; Dinamicità governata, essendo l organizzazione soggetta a continui adattamenti resi necessari del mutare del contesto interno ed esterno. L azienda si impegna a costruire condizioni stabili di organizzazione e funzionamento che ne favoriscano lo sviluppo, ma si riserva la facoltà di avviare i necessari cambiamenti incrementali o radicali quando si presenti la necessità e promuove la partecipazione dei proprio operatori a tali processi. 10

11 Innovazione. L Azienda promuove una continua spinta all innovazione gestionale e tecnologica, secondo un approccio che richiede una continua analisi e valutazione del sistema e dei suoi risultati, nonché un adattamento delle soluzioni innovative modulato sulle proprie specificità organizzative. A tale scopo, l Azienda introduce innovazioni nelle modalità organizzative e gestionali che permettano di raggiungere gli obiettivi di promozione della salute nel suo contesto di riferimento, di aumentare la qualità del sistema e di garantirne la sostenibilità economica. L innovazione organizzativa deve altresì garantire il miglioramento delle competenze che si realizza attraverso: a) il raggiungimento degli obiettivi di didattica e di ricerca individuati nella programmazione dell Università ed integrati nella programmazione aziendale; b) la ricerca dell eccellenza dei percorsi di cura, dei processi clinicoassistenziali e degli standards tecnico-scientifici; c) il monitoraggio costante del livello delle prestazioni e delle loro modalità di svolgimento; d) la continua attenzione all offerta di nuove tecnologie, che veda il coinvolgimento congiunto del management aziendale e degli operatori sanitari in valutazioni di tipo economico e clinico. Multidisciplinarietà, che si realizza attraverso scelte organizzative di integrazione tra professionisti appartenenti alla diverse funzioni produttive e tra questi e gli operatori delle funzioni amministrative e tecniche. L organizzazione attorno ai processi, in funzione del bisogno assistenziale e dell ottimizzazione dei livelli di risposta, è condizione fondamentale per la realizzazione della multidisciplinarietà. Snellimento. L Azienda, coerentemente con il principio di responsabilizzazione diffusa, adotta soluzioni organizzative finalizzate a garantire l immediata individuazione delle responsabilità gestionali, sui risultati, attraverso una struttura fondata su un numero limitato di livelli gerarchici in senso verticale ed orizzontale. Ciò è il portato dell alta professionalità che caratterizza le attività aziendali e chi vi lavora, professionalità che richiede flessibilità, dinamicità e multidisciplinarietà e un ampio coinvolgimento e un ampia delega nei sistemi di gestione. L efficacia dell azione aziendale richiede un organizzazione che eviti di parcellizzare e segregare le responsabilità e che invece sia orientata a integrare le attività in base ai percorsi assistenziali e a favorire la cooperazione e la corresponsabilità, in un contesto di diffusa fiducia professionale. 11

12 DIREZIONI E STAFF DIRETTORE GENERALE Dott. Mario La Rocca 091/ DIRETTORE SANITARIO Dott. Claudio Scaglione 091/ DIRETTORE AMMINISTRATIVO Dott. Roberto Colletti 091/ DIRETTORE SANITARIO DI PRESIDIO Dott. Luigi Aprea 091/ UNITA DI STAFF Responsabile Telefono Affari generali ed istituzionali Rag. Antonino Di Gregorio 091/ Programmazione e controllo Dott. Renato Malta 091/ Sviluppo aziendale Dott.ssa Gelsomina Di Pietro 091/ Sistema Informativo Aziendale Dott. Giovanni Migliore 091/ Servizio di prevenzione e protezione Prof. Gesualdo La Paglia 091/ Ufficio del Medico Competente Dott. Nunzio Lo Cascio 091/ Urp e Comunicazione Dott.ssa Rosaria Licata 091/ Area gestionale centro servizi, didattica e organi collegiali della della facoltà di Medicina e Chirurgia Sig. Filippo Porcelli 091/ U.O. per l educazione alla salute Dott. Ciro D Amico 091/ Problematiche Legali e Contenzioso Avv. Antonino Sedita 091/ Problematiche assistenziali, valorizzazione attività di ricovero e programmazione sanitaria Dott. Luigi Aprea (ad 091/ interim) Problematiche igienico-sanitarie Prof.ssa Valeria Torregrossa 091/ Direzione Infermieristica Dott.ssa Giuseppa Parrinello 091/ Commissione tecnica per la valutazione del materiale sanitario Prof. Eugenio Fiorentino 091/ Unità di Staff di Ingegneria Clinica Ing. Alessandro Caltagirone

13 DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO AREE AMMINISTRATIVE Responsabile Telefono Gestione del personale Ing. Gervasio Venuti 091/ Gestione delle risorse economiche Dott. Baldassarre Lodato (ad 091/ e finanziarie interim) Gestione contrattuale e negoziale Dott. Luigi Di Piazza 091/ Gestione economale-patrimoniale Dott. Giuseppe Curzi 091/ Area Tecnico-logistica Ing. Ferdinando Di Giorgi 091/ Spedalità, Attività ambulatoriale e Dott. Baldassarre Lodato 091/ a pagamento Uffici Amministrativi dei Dipartimenti Assistenziali Sig. Luigi La Verde 091/

14 DIPARTIMENTI ASSISTENZIALI ED UNITA OPERATIVE COMPLESSE Dipartimento Chirurgia Gen. d'urgenza e dei Trap. d'organo Chirurgia Generale dei Trapianti e dell'uremico Chirurgia Generale Chirurgia Generale ad Indirizzo Toracico Chirurgia Generale e d'urgenza Chirurgia Geriatrica e Generale Chirurgia Vascolare Cardiochirurgia Dipartimento Chirurgie Speciali Oculistica abilitata ai Trapianti Otorinolaringoiatria Ortopedia e Traumatologia Medicina Odontostomatologica Chirurgia Odontostomatologica Dipartimento Oncologia Chirurgia Generale ad Indirizzo Oncologico Chirurgia Generale Chirurgia Plastica Ematologia con Trapianti Midollo Osseo Oncologia Medica Neurochirurgia Dipartimento Materno Infantile Chirurgia Pediatrica Pediatria Ostetricia e Ginecologia con P.S. O. e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Ostetricia e Ginecologia con P.S. O.(I.M.I.) Neonatologia Prof. G. Gulotta Prof. M. Romano Prof. G. Di Gesù Prof. G. Modica Prof. G. Gulotta Prof. G. Diana Prof. G. Bajardi Prof. G. Ruvolo Prof. M. D'Angelo Prof. G. Lodato Prof. S. Restivo Prof. M. D Arienzo Prof. M. D'Angelo Prof. D. Caradonna Prof. M.A.Latteri Prof. M.A. Latteri Prof. M.A.Latteri Prof. F. Moschella Prof. V. Abbadessa Prof. N. Gebbia Prof. D.G. Iacopino Prof. E. De Grazia Prof. E. De Grazia Prof. G. Corsello Prof. A. Perino Prof. G.Catalano Prof. F. Meli 14

15 (segue) DIPARTIMENTI ASSISTENZIALI ED UNITA OPERATIVE COMPLESSE Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica Medicina Interna e Cardioangiologia Endocrinologia e Malattie Metaboliche Gastroenterologia ed Epatologia Dipartimento Patologie Emergenti Medicina Interna (cod ) Medicina Interna (cod ) Diagnosi e cura Malattie Professionali Malattie Infettive Dermatologia Dipartimento Med. Interna, Mal. Cardiovascolari e Nefrourologiche Medicina Interna ed Ipertensione Urologia con Litotripsia Extracorporea Cardiologia Angiologia Dipartimento Neurologia e Psichiatria Psichiatria Neurologia e Neurofisiopatologia Neurologia e Riabilitazione Neurologica Dipartimento Emergenza-Urgenza Anestesia e Rianimazione Anestesia e Rianimazione (I.M.I.) Medicina d'urgenza Dipartimento Scienze Radiologiche Diagnostica per Immagini (Policlinico) Radiologia I.M.I. Prof. G. Licata Prof. G. Licata Prof. A. Galluzzo Prof. A. Craxì Prof. A. Notarbartolo Prof. A. Notarbartolo Prof. A. Notarbartolo Prof. D. Picciotto Dott.ssa L.Titone Prof. M. Aricò Prof. G. Cerasola Prof. G. Cerasola Prof. D. Melloni Prof. S. Novo Prof. F. Raimondi Prof. G.Savettieri Prof. D. La Barbera Prof. G.Savettieri Prof. R. Camarda Prof. S. Mangione Prof. S. Mangione Prof. A. Sansone Prof. S. Paterna Prof. Roberto Lagalla Prof. Roberto Lagalla Prof. G. F. De Simone 15

16 (segue) DIPARTIMENTI ASSISTENZIALI ED UNITA OPERATIVE COMPLESSE Dipartimento Diagnostica di Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche Centralizzate Analisi di Microbiologia e Parassitologia C.C.R. III livello Diagnosi AIDS Istologia Patologica Diagnostica Isto- e Citopatologica Immunologia e Immunogenetica Laboratorio di Immunopatologia Farmacologia Clinica Biochimica della Nutrizione Dipartimento dei Servizi Centrali d'ospedale Direzione Sanitaria di Presidio Medicina Legale Immunoematologia e Trasfusionale (SIT) Servizio Interdipartimentale di Psicologia Farmacia Prof. A. Salerno Prof. F.Vitale Prof. A. Chiarini Prof. A. Romano Prof. F. Aragona Prof. R.M. Tomasino Prof. F. Dieli Prof. C. Caruso Prof. N. D'Alessandro Prof. A. Bono Prof. G. Caimi dott. L. Aprea Prof. P. Procaccianti Prof. C. Caruso Prof. A. Bongiorno Dott.ssa R. Latteri 16

17 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Direttore Prof. Giuseppe Licata 17

18 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Direttore: Prof. Giuseppe Licata MEDICINA INTERNA E CARDIOANGIOLOGIA Responsabile: Prof. Giuseppe Licata FISIOPATOLOGIA CIRCOLATORIA Responsabile: Prof. Antonio Pinto REUMATOLOGIA Responsabile: Prof. Giovanni Triolo MEDICINA NUCLEARE Responsabile dott. Renato Patrizio Costa ENDOCRINOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE Responsabile: Prof. Aldo Galluzzo GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA Responsabile: Prof. Antonio Craxì 18

19 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA INTERNA E CARDIOANGIOLOGIA Responsabile: Prof. Giuseppe Licata MISSIONE Scopo dell Unità Operativa è di porre la cultura medica internistica, cioè la visione d insieme del malato inteso come persona e non soltanto come portatore di patologia d organo, alla base della propria offerta assistenziale e della proprie modalità organizzative, al fine di garantire una elevata qualità ed una elevata efficacia delle prestazioni diagnostiche e terapeutiche offerte al paziente. Essa si prefigge, perciò, di riconoscere e trattare al meglio le urgenze mediche e di garantire l appropriatezza del ricovero prendendo in carico il paziente, definendone e gestendone il percorso complessivo durante la degenza fino al suo affidamento al medico curante e/o ai servizi territoriali. In questo senso, l Unità Operativa ritiene che debbono essere l attività e l impostazione clinica del medico a governare l uso della tecnologia e non viceversa, con significative, positive ricadute per il paziente. Nell ambito della cultura internistica l Unità Operativa rivolge la sua attenzione, in particolare, ai pazienti con patologia cardiovascolare, soprattutto a quelli affetti da scompenso cardiaco cronico, ictus cerebri, malattia aterosclerotica multidistrettuale o a localizzazione cardiaca ed ai soggetti portatori di danno d organo conseguente a patologie quali l ipertensione arteriosa, il diabete e l obesità. VISIONE La realtà organizzativa e strutturale, di ricerca e di didattica dell Unità Operativa è in linea con la sua Missione. Essa, attraverso un sistema organizzativo collaudato, offre servizi di adeguata qualità ai suoi utenti, in accordo con l evoluzione delle conoscenze scientifiche e tecnologiche, raggiungendo punte di eccellenza in taluni settori come quello dello scompenso cardiaco. Le risorse umane, strutturali, strumentali e culturali-organizzative di cui dispone rendono possibile l attuazione della mission, anche se l Unità Operativa si propone di incrementare le sue dotazioni nell ottica del miglioramento continuo della qualità. Gli operatori, fortemente impegnati nella ricerca clinica, applicano nella pratica quotidiana, i protocolli diagnostico-terapeutici più aggiornati, trasferendo il bagaglio di conoscenze alle figure professionali in formazione che a vario titolo frequentano la Facoltà. L articolazione organizzativa dell U.O. si impernia sia sul ricovero ordinario, momento centrale per l approfondimento diagnostico-terapeutico del paziente internistico complesso (prevalentemente con compromissione cardiovascolare) che necessita di un notevole impegno in termini assistenziali, sia sul ricovero in day hospital per le patologie il cui trattamento non richiede il pernottamento del paziente. Con l obiettivo di migliorare la qualità delle sue prestazioni, l U.O. adotta standard qualitativi di riferimento e si confronta con altre realtà organizzative per quanto riguarda i tempi del ricovero, le procedure adottate, la verifica degli esiti e la tracciabilità dei processi, favorendo il continuo scambio culturale e di esperienza tra il proprio personale ed il personale delle altre Unità Operative aziendali, umanizzando il più possibile il rapporto tra gli operatori ed i pazienti, applicando routinariamente i principi della medicina basata sulla evidenza nella pratica clinica. 19

20 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA INTERNA E CARDIOANGIOLOGIA UBICAZIONE PIAZZA DELLE CLINICHE, 2 DIRETTORE PROF. GIUSEPPE LICATA TELEFONO 091/ FAX 091/ SEGRETERIA 091/ EQUIPE Giovanni Abruzzese, Gino Avellone, Domenico Campisi, Maria Donatelli, Gaspare Parrinello, Rosario Scaglione, Antonio Scaffidi, Luigi Scaffidi, Angelo Indovina, Salvatore Marino, Alfredo Monteverde, Antonino Tuttolomondo, Cinzia Termini, Tiziana Di Chiara CAPOSALA Maria Lupo, Rizzo Ninfa 091/ MEDICO DI GUARDIA 091/ STANZA DEI MEDICI 091/ DAY HOSPITAL 091/ TELEFONO DIVISIONALE 091/ TELEFONO PER I DEGENTI 091/ (sala 1); 091/ (sala 2) 091/ (sala 3); 091/ (sala 4) 091/ (sala 5); 091/ (sala 6) TELEFONO PER INFORMAZIONI 091/ ORARIO DI VISITA AI DEGENTI ORARIO DI COLLOQUIO CON I MEDICI DALLE ALLE 14.OO 20

21 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA INTERNA E CARDIOANGIOLOGIA OFFERTA ASSISTENZIALE Trattamento di tutte le patologie di interesse internistico Trattamento del paziente critico di pertinenza internistica con patologia acuta Diagnosi e terapia dello scompenso cardiaco cronico e della forma refrattaria alla terapia diuretica Trattamento della patologia cardiovascolare sia primitiva che secondaria Diagnosi e terapia delle malattie vascolari arteriose e venose Diagnosi e terapia dell ipertensione arteriosa complicata o secondaria a patologia renale ed endocrina Diagnosi e terapia dell obesità sia isolata che associata a sindrome metabolica Diagnosi e trattamento dell ictus cerebrale Diagnostica ultrasonografica internistica e vascolare (ecocolodoppler) Diagnostica ecocardiografica Diagnostica cardiologia (ECG, Holter ECG e pressorio delle 24 ore, prova da sforzo) Diagnostica di laboratorio (immunologia, endocrinologia, allergologia, biologia molecolare) MODALITÀ DI EROGAZIONE Ricovero ordinario urgente (dal Pronto Soccorso) Ricovero ordinario programmato Ricovero in Day Hospital Ambulatori 21

22 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA INTERNA E CARDIOANGIOLOGIA Ambulatori e Servizi AMBULATORI E SERVIZI TELEFONO GIORNO ORARIO Visita di medicina interna 091/ Da lunedì a venerdì Visita di cardiologia 091/ Da lunedì a venerdì Ambulatorio per il trattamento scompenso cardiaco 091/ Da lunedì a venerdì Visita di angiologia Visita per cefalea 091/ Lunedì e martedì / Lunedì e martedì Visita di endocrinologia 091/ Lunedì-mercoledì venerdì 8.30 Visita di allergologia 091/ Lunedì-mercoledìgiovedì-venerdì Visita per aterosclerosi, trombosi e dislipidemia 091/ Da lunedì a venerdì Da lunedì a giovedì Trattamento delle patologia dismetaboliche e dell obesità 091/ Da lunedì a venerdì Elettrocardiogramma (ECG) ECG dinamico sec. HOLTER Pressurometria 24 H Velocimetria Doppler (non conv) 091/ / Da lunedì a sabato / Da lunedì a venerdì / Da lunedì a venerdì Lunedì, mercoledì, venerdì

23 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA INTERNA E CARDIOANGIOLOGIA (segue) Ambulatori e Servizi AMBULATORI E SERVIZI TELEFONO GIORNO ORARIO Ergometria 091/ Venerdì Ecotomografia internistica 091/ Da lunedì a sabato Eco doppler vascolare 91/ Da lunedì a sabato Dosaggi ormonali 091/ Lunedì-venerdì Spirometria 091/ / Test di prevenzione della trombosi e aterosclerosi 091/ Da lunedì a venerdì Da lunedì a venerdì Prove allergiche e vaccinoterapia 091/ Da lunedì a venerdì Medicina nucleare (Scintigrafia) 091/ Monitoraggio farmaci 091/ Da lunedì a sabato Da lunedì a venerdì 8.30 Servizio di psicologia 091/ Da lunedì a venerdì Epidemiologia clinica 091/ / Da lunedì a venerdì

24 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA INTERNA E CARDIOANGIOLOGIA MODALITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI Le informazioni su liste d attesa, sui servizi erogati, sulle modalità di ricovero e di prenotazione si possono ricevere direttamente in reparto oppure telefonando al numero 091/ Ricovero urgente: su richiesta del medico del Pronto Soccorso, per motivate esigenze cliniche; Ricovero ordinario: su richiesta del medico curante, previo inserimento in una lista di attesa con gradazione delle priorità. L accettazione dei ricoveri programmati avviene mediante chiamata telefonica nelle ore antimeridiane; Ricovero in Day Hospital: su richiesta del medico curante o dei medici della struttura, in seguito a valutazione ambulatoriale, sulla base di una lista di attesa. La prenotazione, qualora non effettuata dai medici della struttura, può essere fatta di regola la mattina, dalle ore 8.00 alle ore 9.00, presso la stanza del capo sala del reparto e la relativa lista di attesa è consultabile sia in loco che telefonicamente; Visita ambulatoriale specialistica: su richiesta del medico curante, vidimata presso l Ufficio Ticket, previa prenotazione; Esami specialistici di laboratorio: effettuati ai pazienti degenti in regime di ricovero ordinario o di Day Hospital oppure ai pazienti ambulatoriali, previa richiesta di uno dei medici della struttura; Esami strumentali: vengono effettuati sulla base di richieste dei medici della struttura o del medico curante, previa prenotazione; Attività ambulatoriale intramoenia: svolta dai medici sia presso le strutture ambulatoriali dell U.O. sia presso studi medici convenzionati, con le modalità previste dalla legge. La prenotazione viene effettuata contattando direttamente i singoli professionisti. Documenti necessari per effettuare il ricovero ordinario o il Day Hospital: documento di riconoscimento, codice fiscale e richiesta del medico curante su ricettario S.S.N. 24

25 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa FISIOPATOLOGIA CIRCOLATORIA Responsabile: Prof. Antonio Pinto MISSIONE La missione della U.O. è iniziata da appena un anno, ma si è da subito caratterizzata per l impegno rivolto alla diagnostica e terapia delle malattie circolatorie, con particolare riferimento alla gestione della malattia cerebrovascolare ed alla diagnosi e cura della patologia aterotrombotica polidistrettuale, degli arti inferiori e dei tronchi epiaortici. Un attenzione particolare è dedicata all aspetto riabilitativo dei soggetti affetti da vasculopatie acute, sia del distretto centrale che periferico, e da piede diabetico. Inoltre l attività della U.O. è rivolta alla diagnosi e cura dei pazienti affetti da trombosi venosa profonda ed embolia polmonare e più specificatamente alla diagnosi e terapia delle comorbidità usualmente presenti nella malattia tromboembolica venosa. L attività della U.O. in regime ordinario è stata dunque rivolta principalmente alla ottimizzazione del trattamento e dei percorsi diagnostici dei pazienti con accidenti cerebrovascolari acuti, sia in termini di miglioramento dell assistenza che di riduzione dei tempi di degenza; tutto questo in accordo, con le più recenti acquisizioni internazionali su questo tema (come dimostra anche l interesse scientifico rivolto a questa patologia dall equipe medica della U.O.), con le indicazioni Assessoriali e Ministeriali, ma soprattutto con lo scopo di ridurre al minimo i multipli rischi connessi al prolungato allettamento del paziente anziano pluripatologico e le negative ripercussioni psicologiche correlate alla ospedalizzazione. Le attività Ambulatoriali e di Day Hospital si sono adeguate all'elevata richiesta del territorio ed alla sempre maggiore attenzione rivolta da tutta la popolazione verso la valutazione, la diagnosi precoce e la correzione dei fattori di rischio cardiovascolari e la terapia delle vasculopatie arteriose periferiche. VISIONE L Unità Operativa, attraverso il suo sistema organizzativo, le dotazioni strutturali e strumentali di cui dispone, i percorsi assistenziali di cui si è dotata si propone di assicurare al pubblico, in conformità alle linee guida internazionali e alle più recenti innovazioni tecnologiche, una eccellente assistenza, compatibilmente con i vincoli economici. Questo compito viene assolto attraverso modalità organizzative differenziate che comprendono il ricovero ordinario (sia programmato che d urgenza), il D.H. e gli Ambulatori. Obiettivo dell U.O. è di diventare Centro di Riferimento per il trattamento e la diagnosi della patologia cerebrovascolare al fine di migliorare l informazione ai pazienti e le conoscenze dei medici curanti e dei non specialisti su tale patologia, consolidando ed accrescendo il proprio ruolo di centro di eccellenza in ambito regionale e nazionale. Appare rilevante, a tal fine, segnalare come sia strategica l ubicazione dell U.O., in quanto strettamente collegata alle U.O.C. di Anestesia e Rianimazione, Cardiochirurgia, Neurochirurgia, Chirurgia Vascolare, Radiologia, ed anche ai servizi di Fisioterapia e Logopedia che sono necessari per l iter clinico diagnostico e terapeutico di tale patologia e particolarmente utili nel post ictus.. 25

26 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa FISIOPATOLOGIA CIRCOLATORIA UBICAZIONE PIAZZA DELLE CLINICHE, 2 DIRETTORE PROF. ANTONIO PINTO TELEFONO 091/ FAX 091/ SEGRETERIA 091/ EQUIPE CAPOSALA TELEFONO INFERMERIA 091/ MEDICO DI GUARDIA 091/ Dott. Salvatore Miceli, Dottorandi: Di Raimondo Domenico, Fernandez Paola Campolo Caterina Salamone Antonella 091/ ORARIO DI VISITA AI DEGENTI ; ORARIO DI COLLOQUIO CON I MEDICI

27 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa FISIOPATOLOGIA CIRCOLATORIA OFFERTA ASSISTENZIALE Diagnosi e terapia delle cerebrovasculopatie acute Diagnosi e terapia della malattia cerebrovascolare cronica Diagnosi e terapia delle flebopatie degli arti inferiori Diagnosi e terapia delle arteriopatie degli arti inferiori Diagnosi e terapia del piede diabetico Diagnosi e terapia della patologia trombotica Diagnosi e terapia dell ipertensione arteriosa Diagnosi e terapia della patologia coronarica Diagnosi e terapia medica delle aritmie cardiache Elettrocardiografia Ergometria Diagnostica ultrasonografica della patologia cardiovascolare MODALITÀ DI EROGAZIONE Ricovero ordinario Day Hospital Ambulatorio 27

28 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa FISIOPATOLOGIA CIRCOLATORIA AMBULATORI E SERVIZI TELEFONO GIORNO ORARIO Ambulatorio per le flebopatie e arteriopatie arti inferiori 091/ Lunedì Ambulatorio di Cardiologia 091/ Martedì Ambulatorio delle Vasculopatie del distretto cerebrale 091/ Giovedì

29 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa FISIOPATOLOGIA CIRCOLATORIA MODALITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI Le informazioni su liste d attesa, sui servizi erogati, sulle modalità di ricovero e di prenotazione si possono ricevere direttamente in reparto oppure telefonando al numero 091/ Ricovero urgente: su richiesta del medico del Pronto Soccorso, per motivate esigenze cliniche; Ricovero ordinario: su richiesta del medico curante o su segnalazione dei medici della U.O. o di altre UU.OO., previo inserimento in una lista di attesa con gradazione delle priorità. I ricoveri programmati avvengono in genere nel pomeriggio dalle ore alle ore 18.00, previa comunicazione telefonica al paziente il giorno prima o nelle prime ore della stessa mattina. Ricovero in Day Hospital: su richiesta del medico curante o dei medici della struttura, in seguito a valutazione ambulatoriale, sulla base di una lista di attesa.. Informazioni sulla data del ricovero, sulla eventuale necessità di preparazione (digiuno, lavaggio intestinale etc.) e sui tempi di svolgimento delle procedure vengono fornite durante la visita o telefonicamente; Consulenze: vengono effettuate su richiesta del pronto Soccorso o di altre UU.OO.; Visite ambulatoriali specialistiche ed esami strumentali: su richiesta del medico curante, vidimata presso l Ufficio Ticket, previa prenotazione telefonica o attraverso Punto Giallo; Esami di laboratorio: effettuati ai pazienti ricoverati sia in regime ordinario che in Day Hospital; Attività ambulatoriale intramoenia: svolta dal personale sanitario presso le strutture ambulatoriali dell U.O. con le modalità previste dalla legge. La prenotazione viene effettuata contattando direttamente i singoli professionisti. Documenti necessari per effettuare il ricovero in Day Hospital: documento di riconoscimento, codice fiscale e richiesta del medico curante su ricettario S.S.N. 29

30 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa REUMATOLOGIA Responsabile: Prof. Giovanni Triolo MISSIONE La missione dell Unità Operativa è la diagnosi ed il trattamento delle malattie articolari infiammatorie ed autoimmuni sistemiche, attività che intende svolgere al massimo livello, puntando a diventare Centro di Riferimento per l utenza dell intera Sicilia Occidentale e di parte della Sicilia orientale. In particolare, la sua attività di ricovero in regime di degenza ordinaria riguarda prevalentemente pazienti con malattie articolari ed autoimmuni sistemiche complesse. Per lo studio ed il trattamento di queste patologie l U.O. collabora, per offrire al paziente un percorso diagnostico assistenziale adeguato, con le UU.OO. di oftalmologia, di radiodiagnostica, di immunopatologia e di ginecologia. Inoltre, in accordo con la mission una percentuale rilevante della sua attività clinica riguarda le malattie degenerative articolari. Essa sarà (a partire dall anno accademico ) sede della scuola di specializzazione in Reumatologia e quindi fondamentale per la formazione postuniversitaria dei giovani reumatologi. L U.O. svolge sia autonomamente che in collaborazione con altri centri nazionali ed internazionali, progetti di ricerca in ambito reumatologico come attestato dalla sua copiosa e rilevante produzione scientifica. VISIONE L U.O., attraverso il suo sistema organizzativo, le dotazioni strutturali e strumentali di cui dispone, le procedure che si è data, vuole garantire ai suoi assistiti servizi di qualità eccellente in conformità alle linee guida internazionali e alle più recenti innovazioni tecnologiche, pur mantenendo fermi i propri obiettivi di economicità e di razionale utilizzazione delle risorse, che vanno comunque incrementate in funzione del numero e della complessità delle prestazioni erogate. Essa infatti assolve al suo compito attraverso modalità organizzative differenziate che comprendono il ricovero ordinario (sia programmato che d urgenza), il ricovero breve, il Day Hospital, il Servizio per la diagnosi e terapie delle artriti di esordio recente, gli ambulatori generali e specifici per patologia. Obiettivo dell U.O. è di diventare Centro di Formazione per le patologie reumatiche, con la finalità di migliorare l informazione ai pazienti e le conoscenze dei medici curanti e dei non specialisti sulle patologie di competenza reumatologica consolidando e accrescendo il proprio ruolo di centro di eccellenza in ambito regionale e nazionale. 30

31 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa REUMATOLOGIA UBICAZIONE DIRETTORE PIAZZA DELLE CLINICHE 2, DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA PROF. GIOVANNI TRIOLO TELEFONO E FAX E_MAIL WEB SEGRETERIA 091/ EQUIPE 091/ / (FAX) Medici: Prof. Ennio Giardina Dr. Michele Teresi Dr. Marcello Cadelo (dottorando) Dr. Francesco Ciccia (dottorando) Dr. Angelo Ferrante (specialista frequentatore) STANZA MEDICI 091/ / CAPOSALA Campolo Caterina Salamone Antonella 091/ TELEFONO INFERMERIA 091/ PRENOTAZIONI AMBULATORI 091/ DAY HOSPITAL 091/ LABORATORIO DI IMMUNOPATOLOGIA 091/ LABORATORIO ECOGRAFIA 091/ ORARIO DI VISITA AI DEGENTI , ORARIO DI COLLOQUIO CON I MEDICI Dal lunedì al venerdì, ore

32 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa di REUMATOLOGIA OFFERTA ASSISTENZIALE Servizio per la Diagnosi e la Terapia delle artriti di esordio recente (Early Arthritis Clinic) Diagnosi e terapia delle patologie articolari infiammatorie (artrite reumatoide, artrite psoriasica, artriti reattive, spondilite anchilosante, artriti enteropatiche, etc.) Diagnosi e terapia della Sclerosi Sistemica e delle sue complicanze (ipertensione polmonare, alveolite, fibrosi polmonare, ulcere digitali e distali, etc.) Diagnosi e terapia del lupus eritematoso sistemico e delle sue complicanze (in particolare renali, ematologiche, cardiopolmonari, neurologiche) Diagnosi e terapia delle altre connettiviti sistemiche (Dermatomiosite/Polimiosite, Sindrome di Sjogren, Connettivite Mista, Connettiviti Indifferenziate) Diagnosi, terapia e follow-up delle abortività ricorrente immuno-mediata Diagnosi e terapie delle vasculiti sistemiche Diagnosi e terapia delle patologie articolari degenenerative (osteoartrosi) e della osteoporosi Diagnosi e terapie della Malattia di Behçet (centro di riferimento riconosciuto a livello internazionale) Diagnostica ecografica delle patologie muscolo-scheletriche; Diagnostica video-capillaroscopica della sindrome di Raynoud Artrocentesi, esame del liquido sinoviale e terapia infiltrativa loco-regionale MODALITÀ DI EROGAZIONE Ricovero ordinario Day Hospital Ambulatorio 32

33 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa di REUMATOLOGIA AMBULATORI E SERVIZI AMBULATORI E SERVIZI TELEFONO GIORNO ORARIO Laboratorio di Ecografia muscoloscheletrica Solo per pazienti in regime di ricovero Ambulatorio generale Martedì e giovedì Dalle 14 alle 18 Laboratorio di Video-Capillaroscopia Martedì e giovedì Dalle 14 alle 18 Ambulatorio per le Terapie infiltrative articolari (Eco e non eco guidate) Martedì Dalle 14 alle 18 Ambulatorio Artite Reumatoide Lunedì Dalle 15 alle 19 Ambulatorio Spondiloartriti Mercoledì Dalle 15 alle 19 Ambulatorio Connettiviti e Vasculiti Venerdì Dalle 14 alle 18 33

34 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa Reumatologia MODALITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI Le informazioni su liste d attesa, sui servizi erogati, sulle modalità di ricovero e di prenotazione si possono ricevere direttamente in reparto oppure telefonando al numero Ricovero urgente: su richiesta del medico del Pronto Soccorso, per motivate esigenze cliniche; Ricovero ordinario: su richiesta del medico curante o su segnalazione dei medici della U.O. o di altre UU.OO., previo inserimento in una lista di attesa con gradazione delle priorità. I ricoveri programmati avvengono in genere nel pomeriggio dalle ore alle ore 18.00, previa comunicazione telefonica al paziente il giorno prima o nelle prime ore della stessa mattina. Ricovero in Day Hospital: su richiesta dei medici della struttura, in seguito a valutazione ambulatoriale, sulla base di una lista di attesa Consulenze: vengono effettuate su richiesta del pronto Soccorso o di altre UU.OO.; Visite ambulatoriali specialistiche (prima visita): su richiesta del medico curante previa prenotazione in reparto o telefonando al numero Visite ambulatoriali di controllo: presso l ambulatorio specifico Esami strumentali: su richiesta del medico curante e previa prenotazione in loco o telefonica ( ) Attività ambulatoriale intramoenia: svolta dal personale sanitario con le modalità previste dalla legge. La prenotazione viene effettuata contattando direttamente i singoli professionisti. Servizio Ealrly Arthritis : su richiesta del medico curante e previa prenotazione in loco o attraverso il numero telefonico PRONTOREUMA o Documenti necessari per effettuare il ricovero in Day Hospital: documento di riconoscimento, codice fiscale e richiesta del medico curante su ricettario S.S.N. 34

35 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA NUCLEARE Responsabile: Dott. Renato Patrizio Costa MISSIONE La missione della U.O. è la diagnostica radioisotopica dei vari organi ed apparati. La medicina nucleare è una specializzazione clinica che utilizza radionuclidi artificiali legati a sostanze capaci di dimostrare, con valori qualitativi e quantitativi, la funzionalità di organi o sistemi e le alterazioni caratteristiche indotte dalla malattia. Le procedure diagnostiche utilizzate in Med. Nuc. sono capaci di dimostrare le modificazioni iniziali e precoci di malattia, evidenziando le alterazioni funzionali. Grazie a tutto questo possiamo monitorare gli effetti della terapia e quantificare specificatamente, in base alla loro natura, localizzazioni di malattia dimostrate con tecniche di diagnosi strutturale ( TC, Risonanza Magnetica, ecc.). Vengono utilizzate tecniche non invasive in quanto i radiofarmaci vengono generalmente somministrati per via endovenosa; inoltre i radiofarmaci vengono sottoposti ad un rigido controllo di qualità interno. I rischi tossici sono ridotti a zero poiché le quantità di sostanze impiegate sono molto piccole. Raramente si possono avere fenomeni di tipo allergico e non sono riscontrabili danni da radiazioni grazie alle caratteristiche fisiche e biologiche dei materiali impiegati e dell'avanzata tecnologia della strumentazione impiegata.. 35

36 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA NUCLEARE UBICAZIONE PIAZZA DELLE CLINICHE, 2 DIRETTORE DOTT. RENATO PATRIZIO COSTA TELEFONO 091/ FAX 091/ SEGRETERIA 091/ EQUIPE T.S.R.M. Sig. Mario Virga T.S.R.M. Dott. Riina Biagia Segreteria amministrativa Sig. ra Graziano Nicolina GAMMA CAMERA 091/ TELEFONO PRENOTAZIONI 091/

37 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA NUCLEARE OFFERTA ASSISTENZIALE Apparato Cardiaco Apparato Osteo-Articolare Apparato Gastro-Enterico Apparato Urinario Apparato Respiratorio Sistema Endocrino Sistema Nervoso Centrale Oncologia Miscellanea Scintigrafia cardiaca di primo transito. Angioscintigrafia cardiaca all equilibrio Scintigrafia Ossea Total Body, Scintigrafia Ossea Segmentaria Polifasica. Scintigrafia delle Ghiandole Salivari, Scintigrafia per ricerca di lesioni angiomatose epatiche, Valutazione delle Gastroenterorragie. Scintigrafia epatica Scintigrafia splenica Ricerca di mucosa gastrica eterotopica Transito esofageo radioisotopico Svuotamento gastrico radioisotopico Epatocolangiocolecistiscintigrafia con HIDA Scintigrafia Renale, Scintigrafia Renale Sequenziale Scintigrafia Polmonare Perfusionale, Scintigrafia Polmonare con indicatore positivo ( 67 Ga). Scintigrafia Tiroidea, Scintigrafia Paratiroidea. Scintigrafia del cortico surrene (I131 Colesterolo) Scintigrafia del medullo surrene (I 131 MIBG) Tomoscintigrafia (SPET) Cerebrale di Perfusione, Tomoscintigrafia (SPET) Cerebrale con 99 mtc-mibi, Tomoscintigrafia (SPET) Cerebrale con 123 I- Ioflupano (DATSCAN). Scintigrafia Globale Corporea con Traccianti Recettoriali (Octreoscan), Scintigrafia per la Ricerca del Linfonodo Sentinella nei Melanomi Scintigrafia per la Ricerca del Linfonodo Sentinella nel Tumore della Mammella Dacrioscintigrafia 37

38 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Unità Operativa MEDICINA NUCLEARE MODALITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI Le informazioni su liste d attesa, sui servizi erogati, sulle modalità di ricovero e di prenotazione si possono ricevere direttamente in reparto oppure telefonando al numero 091/65521 Gli esami si ritirano dal lunedì al venerdi, dalle ore 9,00 alle ore 13.00,presso la segreteria amministrativa ( Sig. Graziano, tel ). 38

39 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA UNITÀ OPERATIVA Endocrinologia e malattie metaboliche Responsabile: Prof. Aldo Galluzzo MISSIONE Scopo dell attività della Unità Operativa è la prevenzione, la diagnosi e la cura delle patologie su base endocrina, in particolare delle malattie metaboliche, del diabete mellito e delle sue complicanze. Inoltre essa si occupa della diagnosi e della cura delle malattie della tiroide, con particolare attenzione per la diagnosi ed il follow-up dei tumori tiroidei. La U.O. è Centro di riferimento regionale per il diabete mellito di tipo I e per le patologie autoimmuni. VISIONE La Unità Operativa intende offrire servizi di qualità all utente al passo con l evoluzione delle conoscenze scientifiche e tecnologiche, ad un livello professionale il più elevato possibile e puntando sull uso razionale delle risorse di cui dispone. Le sue risorse umane e culturali-organizzative rendono possibile l attuazione della missione, anche se essa intende sviluppare ulteriormente la propria attività nell ambito della prevenzione e terapia delle complicanze del diabete e delle patologie endocrine. I suoi operatori sono orientati verso la ricerca di stampo laboratoristico e clinico ed applicano, nella pratica assistenziale, i più avanzati protocolli terapeutici diabetologici ed endocrinologici, trasferendo tali conoscenze alle figure professionali in formazione (studenti della Facoltà di Medicina e Specializzandi della Scuola in Endocrinologia e Malattie del Ricambio, attivamente impegnati nell attività di Reparto e di ricerca nel corso dei cinque anni di specializzazione). L attività ambulatoriale, elemento centrale della articolazione organizzativa dell unità operativa, rappresenta la tappa obbligata per l accesso al Day-Hospital (modalità assistenziale privilegiata per l approfondimento diagnostico e terapeutico nel paziente affetto da patologia endocrina) ed al ricovero ordinario, che riveste importanza fondamentale per il paziente con diabete scompensato o con complicanze. Per il futuro la U.O., al fine di meglio perseguire gli obiettivi della mission, intende potenziare il rapporto di collaborazione sia con i medici di famiglia (attraverso la condivisione di linee guida, protocolli terapeutici e trials clinici), che con gli altri medici ospedalieri tramite la partecipazione a gruppi di lavoro per la stesura di linee guida terapeutiche, di progetti interdipartimentali ed interaziendali. Inoltre vuole venire incontro alle esigenze dei pazienti mediante la facilitazione dell accesso (riduzione dei tempi di attesa) per il ricovero ordinario, il ricovero in Day-Hospital, le prestazioni strumentali e le visite ambulatoriali. 39

40 DIPARTIMENTO BIOMEDICO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA UNITÀ OPERATIVA Endocrinologia e malattie metaboliche UBICAZIONE PIAZZA DELLE CLINICHE, 2 DIRETTORE PROF. ALDO GALLUZZO TELEFONO 091/ FAX 091/ SEGRETERIA EQUIPE Carla Giordano, Domenico Sinagra, Felicia Pantò, Giuseppe Pizzolanti, Pierina Richiusa, Maria Pia Imbergamo, Roberto Citarrella CAPOSALA Francesco Palmeri 091/ MEDICO DI GUARDIA 091/ TELEFONO DIVISIONALE 091/ TELEFONO PER I DEGENTI 091/ (reparto uomini) 091/ (reparto donne) 091/ (day hospital) TELEFONO PER LA PRENOTAZIONI VISITE 091/ ORARIO DI VISITA AI DEGENTI ; ORARIO DI COLLOQUIO CON I MEDICI

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio ALLEGATO 2 1. Scheda Presidio Istruzioni per la compilazione Al punto 1.1 è riportato il fac simile della scheda; al punto 1.2 sono riportate le tabelle da utilizzare per la compilazione delle voci,,.

Dettagli

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B ALLEGATO 1 TABELLE 1. Tipologie di presidi B1.a TIPOLOGIA PRESIDIO Presidi ambulatoriali: prestazioni di specialistica e diagnostica - classe 1 (extraospedaliero) B1.b Presidi ambulatoriali: prestazioni

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO

Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO Documento: GEN-ESP-MG-Strutturaattività-00 Data modifica: 12/02/2008 Data stamp:04.06.2008

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

Ruolo e prospettive delle società scientifiche

Ruolo e prospettive delle società scientifiche Ruolo e prospettive delle società scientifiche Dott. Nino Basaglia PastPresidentSIMFER Gorgo al Monticano (TV), 18 settembre 2015 RUOLO E PROSPETTIVE DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE Motta di Livenza, 18 settembre

Dettagli

TRA L'Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina, con sede in Torino, C.so. , n., cap., cod. fisc.., in

TRA L'Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina, con sede in Torino, C.so. , n., cap., cod. fisc.., in CONVENZIONE QUADRO TRA L'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO - SCUOLA DI MEDICINA, E L A.S.O. PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DA PARTE DEGLI ISCRITTI ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA SCUOLA

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/7 Attività L unità operativa di Psicologia Ospedaliera assicura interventi psicologici per: 1. Garantire, quando richiesto, il supporto

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

AREA ANALISI, PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA

AREA ANALISI, PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA AREA ANALISI, PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA 1/6 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie,

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario I ANNO - I SEMESTRE CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015 CHIMICA APPLICATA ALLE SCIENZE BIOMEDICHE FISICA INFORMATICA E STATISTICA BIOLOGIA E GENETICA 8 SCIENZE UMANE I ANNO- I SEMESTRE AMBITI DISCIPLINARI 6

Dettagli

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BOLOGNA SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria Data del DM di approvazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE INDICE PREMESSA ANALISI DELLE CRITICITA' TERRITORIALI AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO NEL RISPETTO DEGLI INDIRIZZI

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005)

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Allegato 1 Funzione operativa (art.2, comma1, lett l l.r. 40/2005) Struttura organizzativa professionale (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Dipartimento interaziendale di Area Vasta Allergologia ed immunologia

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A 678 Ufficio Esami di Stato e Scuole di Specializzazione IL RETTORE VISTO il D.Lgs. n. 368 del 17/08/1999, pubblicato in G.U. n. 250 del 23/10/1999 di attuazione della direttiva n. 93/16/CEE in materia

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

Presidenza. Presidenza. Direzione

Presidenza. Presidenza. Direzione Presidenza Presidenza Ufficio Segreteria Generale Generale Generale di Staff Comitato Scientifico Farmacia Galliera Comitato unico di garanzia (CUG) Uffici: Coordinatore Scientifico Stampa Sicurezza app.

Dettagli

San Raffaele Tuscolana. Carta dei Servizi

San Raffaele Tuscolana. Carta dei Servizi San Raffaele Tuscolana Carta dei Servizi 2015 Presentazione La Carta dei Servizi ha l intento di far conoscere le attività ed i servizi messi a disposizione dal nostro Centro e le modalità per accedervi.

Dettagli

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax Iscrizione Generale Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome Via N CAP Comune Provincia Email Tel. Cell. Fax Desidero partecipare alle giornate del 25 26 27 28 Novembre 2014 Iscrizione ECM (L iscrizione è obbligatoria

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Struttura del Centro. Reparto di degenza

Struttura del Centro. Reparto di degenza Reparto di degenza Il reparto di degenza dispone di 10 stanze singole e di moderne apparecchiature diagnostiche, riabilitative e terapeutiche. Ogni stanza è dotata di un sistema di climatizzazione, poltrona

Dettagli

AUXILIUM VITAE VOLTERRA S.p.A. DIPARTIMENTO CLINICO DELLA RIABILITAZIONE

AUXILIUM VITAE VOLTERRA S.p.A. DIPARTIMENTO CLINICO DELLA RIABILITAZIONE AUXILIUM VITAE VOLTERRA S.p.A. DIPARTIMENTO CLINICO DELLA RIABILITAZIONE FOGLIO ACCOGLIENZA AREA CARDIO - RESPIRATORIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA RIABILITAZIONE CARDIOLOGICA Il presente foglio accoglienza

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO MINISTERIALE 31 gennaio 1998 MINISTERO DELLA SANITÀ Tabella relativa alle specializzazioni affini previste dalla disciplina concorsuale per il personale dirigenziale del Servizio sanitario nazionale.

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

informa@pec.polime.it

informa@pec.polime.it Direzione Direttore Generale A.O.U. direttore.generale@pec.polime.it Segreteria Direzione Generale A.O.U. segr.direzionegenerale@pec.polime.it Direzione Staff Direzione Generale dir.staffdg@pec.polime.it

Dettagli

L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA. L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario

L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA. L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA Il Servizio di Integrazione Scolastica

Dettagli

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA Bozza di discussione Settembre 2015 1 Direzione Generale Collegio Sindacale DIREZIONE GENERALE Collegio di Direzione Organismo Indipendente di Valutazione

Dettagli

Storia, missione e valori

Storia, missione e valori Storia, missione e valori Il Centro Cardiologico Monzino di Milano è sin dal 1992 uno degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) italiani e l unico monospecialistico cardiovascolare.

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

PROFESSIONI SANITARIE

PROFESSIONI SANITARIE PROFESSIONI SANITARIE Le Professioni Sanitarie e le Arti Ausiliarie riconosciute dal Ministero della Salute. Farmacista Medico chirurgo Odontoiatra Veterinario Altri riferimenti normativi: D. Lgs. 08.08.1991,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Riduzione della durata delle scuole di specializzazione di area sanitaria La direttiva 93/16/CE, al fine di agevolare la libera circolazione dei medici, ha introdotto alcune disposizioni in materia di

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

OGGETTO SPECIALISTA AMBULATORIALE O MEDICO DIPENDENTE PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ECONOMICHE A CONFRONTO

OGGETTO SPECIALISTA AMBULATORIALE O MEDICO DIPENDENTE PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ECONOMICHE A CONFRONTO 1 OGGETTO SPECIALISTA AMBULATORIALE O MEDICO DIPENDENTE PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ECONOMICHE A CONFRONTO QUESITO (posto in data 4 luglio 2014) Ho un contratto da specialista ambulatoriale a tempo indeterminato

Dettagli

Casa di Cura POLICLINICO S.MARCO S.p.A. Mestre, via Zanotto 40

Casa di Cura POLICLINICO S.MARCO S.p.A. Mestre, via Zanotto 40 Casa di Cura POLICLINICO S.MARCO S.p.A. Mestre, via Zanotto 40 Premesse. La diminuzione delle risorse destinate all assistenza ambulatoriale e le modalità di erogazione imposte dalla Programmazione Regionale

Dettagli

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia ALLEGATO F Codice DA UTILIZZARE Professione 1 Medico chirurgo si 2 Odontoiatra si 3 Farmacista 4 Veterinario 5 Psicologo si 6 Biologo si 7 Chimico si 8 Fisico 9 Assistente sanitario 10 Dietista 11 Educatore

Dettagli

INNOVAZIONI IN TEMA DI DIABETE E COMPLICANZE 7 NOVEMBRE 2015. HOTEL PISANI, Viale Carlo III 166-81020 - San Nicola La Strada (CE)

INNOVAZIONI IN TEMA DI DIABETE E COMPLICANZE 7 NOVEMBRE 2015. HOTEL PISANI, Viale Carlo III 166-81020 - San Nicola La Strada (CE) INNOVAZIONI IN TEMA DI DIABETE E COMPLICANZE 7 NOVEMBRE 2015 HOTEL PISANI, Viale Carlo III 166-81020 - San Nicola La Strada (CE) Ble Consulting srl id. 363 numero ecm: 137302, edizione 1 Responsabile scientifico

Dettagli

Relatore: Dott. Antonio Maddalena

Relatore: Dott. Antonio Maddalena L organizzazione delle Cure Domiciliari di III livello e delle Cure Palliative nella Asl Napoli 1 Centro. Un modello di integrazione tra Ospedale e Territorio Relatore: Dott. Antonio Maddalena U.O.C. Integrazione

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Allegato E Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Codice P R Allegato F Professione Codice Medico chirurgo 1 Odontoiatra 2 Farmacista 3 Veterinario 4 Psicologo 5 Biologo 6 Chimico 7 Fisico 8 Assistente

Dettagli

Via Messina 829 95126 Catania

Via Messina 829 95126 Catania REGIONE SICILIANA Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Riferimento Regionale di III Livello per l Emergenza Ufficio Relazioni con il Pubblico - e di Pubblica Tutela dell Utente e-mail:urp@ospedale-cannizzaro.it

Dettagli

PIANO DI STUDI. Biologia applicata agli studi medici 6. Genetica medica 5. Storia della medicina 2

PIANO DI STUDI. Biologia applicata agli studi medici 6. Genetica medica 5. Storia della medicina 2 PIANO DI STUDI Laurea Magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia (DM 70/04) LM-4 DENOMINAZIONE Primo anno di corso Biologia, genetica e scienze umane Biologia applicata agli studi medici 6 Genetica

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI TABELLA RELATIVA ALLE PREVISTE DALLA DISCIPLINA CONCORSUALE PER IL PERSONALE DIRIGENZIALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - D.Lgs. 502/92 COSI' COME MODIFICATO DAL D.Lgs. 254/2000 (MINISTERO DELLA SALUTE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO U.O.S. RELAZIONI CON IL PUBBLICO Via V. Cortese n.10 88100 Catanzaro

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO U.O.S. RELAZIONI CON IL PUBBLICO Via V. Cortese n.10 88100 Catanzaro F REGIONE CALABRIA AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO U.O.S. RELAZIONI CON IL PUBBLICO Via V. Cortese n.10 88100 Catanzaro Prot.n.113 del 21-06-2013 Direttore sanitario UOC Programmazione e controllo

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO 1/6 Attività L unità operativa di Chirurgia Maxillo-Facciale rappresenta un centro di eccellenza nel suo settore e si rivolge ai cittadini

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

Art. 12: Reti di riferimento

Art. 12: Reti di riferimento Progetto Mattone Internazionale: Workshop Applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Perugia, 10 maggio 2013 Approfondimenti su tematiche specifiche legate

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE 8 AREZZO L INFERMIERE DI COMUNITA UN RUOLO E UNA PRESENZA TRA LA GENTE

REGIONANDO 2000 REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE 8 AREZZO L INFERMIERE DI COMUNITA UN RUOLO E UNA PRESENZA TRA LA GENTE REGIONANDO 2000 Aree d intervento Miglioramento della gestione REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE 8 AREZZO L INFERMIERE DI COMUNITA UN RUOLO E UNA PRESENZA TRA LA GENTE Il progetto è concluso

Dettagli

Mediterraneo in Sanità

Mediterraneo in Sanità Forum 2012 Mediterraneo in Sanità SOSTENIBILITÀ E DIRITTO ALLA SALUTE SICUREZZA EQUITÀ APPROPRIATEZZA 6 7 8 giugno Palermo - Teatro Politeama Piazza Ruggero Settimo, 15 LA PIAZZA DELLA SALUTE Modalità

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 29-30 Giugno 2012 Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT La normativa La Normativa 38 ha riportato

Dettagli

Formazione Residenziale

Formazione Residenziale Formazione Residenziale Ragione Sociale: ALIAS SRL Id Provider: 2806 Evento n 119781 Edizione n 1 Si tratta di un Progetto Formativo Aziendale (PFA)? NO L'evento tratta argomenti inerenti l'alimentazione

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

Reparto: Pronto Soccorso. Sede: Melzo. Piano: Terra. Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli. Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it.

Reparto: Pronto Soccorso. Sede: Melzo. Piano: Terra. Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli. Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it. Reparto: Pronto Soccorso Sede: Melzo Piano: Terra Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it Medici: A rotazione dai reparti di Chirurgia, Medicina, Ostetricia e Pediatria

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in OSTETRICIA

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALLEGATO 2 - Voto ottenuto negli esami fondamentali e caratterizzanti la singola scuola Punteggio massimo 5 punti. STUDENTI LAUREATI (DM 509/99 o DM 270/04) Ai fini dell attribuzione del punteggio, il

Dettagli

Rettore: Prof. Alessandro Del Maschio Presidente: Dott. Roberto Mazzotta

Rettore: Prof. Alessandro Del Maschio Presidente: Dott. Roberto Mazzotta Rettore: Prof. Alessandro Del Maschio Presidente: Dott. Roberto Mazzotta Recapiti: Università Vita-Salute San Raffale Servizio Orientamento e Tutorato Via Olgettina, 58 20132 Milano Telefono 02 91751.556

Dettagli

Servizio. Carta dei Servizi rev. 2 del 7 marzo 2012. Farmaceutico

Servizio. Carta dei Servizi rev. 2 del 7 marzo 2012. Farmaceutico Carta dei Servizi rev. 2 del 7 marzo 2012 Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Servizio Territoriale Domegliara, via A. De Gasperi, 72 Direttore: dott.ssa Antonella Ferrari Apertura al pubblico: dal lunedì

Dettagli

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo di Trieste

Dettagli

Conferenza Stampa. Nasce il Polo Neurologico. interaziendale. diretto da Enrico Montanari

Conferenza Stampa. Nasce il Polo Neurologico. interaziendale. diretto da Enrico Montanari Conferenza Stampa Nasce il Polo Neurologico interaziendale diretto da Enrico Montanari Martedì 15 dicembre 2015 ore 11.00 Sala Riunioni Direzione Generale AUSL di Parma Alla Conferenza Stampa sono presenti:

Dettagli

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006)

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006) AREA MEDICA E DELLE SPECIALITA' MEDICHE ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA DERMATOLOGIA E VENEROLOGIA EMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA SCUOLE EQUIPOLLENTI ALLERGOLOGIA REUMATOLOGIA ANGIOLOGIA

Dettagli

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE QUESITO (posto in data 2 giugno 2010) A quale medico spetta, per legge, l accompagnamento di un malato durante il trasporto da un ospedale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA (Classe delle Lauree Magistrale LM41 Medicina e Chirurgia) art. 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270 DURATA CREDITI ACCESSO 6 ANNI 360 di cui 283

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

Formazione Residenziale

Formazione Residenziale Formazione Residenziale ALIAS SRL 2806 95028 1 Ragione Sociale: Id Provider: Evento n Edizione n Si tratta di un Progetto Formativo Aziendale (PFA)? NO L'evento tratta argomenti inerenti l'alimentazione

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia

Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Massimo Clementi Presidente del Corso di Laurea: Prof. Piero Zannini PRESENTAZIONE Il

Dettagli

La legge individua due diverse tipologie di autorizzazioni:

La legge individua due diverse tipologie di autorizzazioni: IMPORTANTI NOVITA PER CHI DEVE APRIRE UNO STUDIO PROFESSIONALE Legge regionale n. 10 del 21.07.2006 AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO DI ATTIVITA SANITARIE. La Legge Regionale n. 10 del 21.07.2006 ha provveduto

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

Proposta di PSIM (Piano Sanitario Isole Minori) Regione Siciliana

Proposta di PSIM (Piano Sanitario Isole Minori) Regione Siciliana 1 Proposta di PSIM (Piano Sanitario Isole Minori) Regione Siciliana contesto Il particolare contesto orogeografico della Regione Siciliana è costituito anche dagli arcipelaghi delle Eolie (o Lipari), delle

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM SCHEDA DI SINTESI PER IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI REGIONALI Linea operativa: Assistenza primaria, assistenza h 24 e riduzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso Regione BASILICATA Titolo del progetto

Dettagli

SEZIONE SECONDA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI ART. 1

SEZIONE SECONDA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI ART. 1 SEZIONE SECONDA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI ART. 1 Presso la Facoltà di Medicina e chirurgia A. Gemelli sono costituite le seguenti scuole di specializzazione

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 607/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015

DELIBERAZIONE N. 607/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 DELIBERAZIONE N. 607/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 OGGETTO: Integrazione del bando di ricerca contributi da privati n. 16 con il progetto P16-03.29 Implementazione della cartella clinica informatizzata

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA La missione, la visione, i valori, gli attributi distintivi e gli interlocutori dell Università di Roma La Sapienza gennaio 2006 INDICE 1. La missione, la visione

Dettagli

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta LA FONDAZIONE La Fondazione L Istituto Neurologico Carlo Besta, fondato nel 1918 e classificato dal 1981 come Istituto di Ricerca e

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AMBULATORIO DI TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE. ASP di Enna Presidio Ospedaliero Umberto I. Responsabile Dott.ssa P.

CARTA DEI SERVIZI AMBULATORIO DI TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE. ASP di Enna Presidio Ospedaliero Umberto I. Responsabile Dott.ssa P. CARTA DEI SERVIZI AMBULATORIO DI TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE ASP di Enna Presidio Ospedaliero Umberto I Responsabile Dott.ssa P. Viola Edvard Munch - The Silk Child -!907 Tate Gallery London 1

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO. Dr. MARCO MARI Specialista in Medicina Interna. Dr. ENA PORCELLA Specialista in Endocrinologia Dr.

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO. Dr. MARCO MARI Specialista in Medicina Interna. Dr. ENA PORCELLA Specialista in Endocrinologia Dr. CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO Dr. MARCO MARI Specialista in Medicina Interna Dr. ANGELO B. MASSUCCO Specialista in Pneumologia Dr. ENA PORCELLA Specialista in Endocrinologia Dr. FRANCO SIVORI Sede

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre CURE PALLIATIVE Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Pesaro. a.a. 2014-2015

Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Pesaro. a.a. 2014-2015 Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Pesaro a.a. 2014-2015 Coordinatore Tirocinio. Dott.ssa Milena Nicolino Tel. 0721.366327 0721365311 e-mail: milena.nicolino@ospedalimarchenord.it

Dettagli