ECDL - Modulo 2 - Uso del computer e gestione dei file

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECDL - Modulo 2 - Uso del computer e gestione dei file"

Transcript

1 ECDL - Modulo 2 - Uso del computer e gestione dei file Roberto Albiero

2

3 1. L ambiente del computer 1.1 Primi passi col computer Come già spiegato nel corso Concetti di base delle tecnologie ICT, l hardware, da solo, non è altro che un aggregato di schede e circuiti elettronici perfettamente inutili se non gestiti dal software che, identificato con il termine Sistema Operativo, è in grado di coordinare le varie componenti circuitali e relazionarle con l operatore umano ed il restante software applicativo (programmi), in modo da realizzare un sistema informatico operante ed in grado di svolgere l attività lavorativa richiesta. Tra le varie tipologie e versioni di sistemi operativi, la presente dispensa si basa sull utilizzo di uno dei Sistemi Operativi, al momento, più diffuso nel settore informatico: Windows XP è un'evoluzione di Windows Di esso mantiene le seguenti caratteristiche: Active Directory che permette la gestione e l'amministrazione di reti aziendali anche di grandi dimensioni in maniera centralizzata. Gestione dei file system adottando anche il DFS (Distributed File System) che permette di costruire una visione complessiva e gerarchica di un insieme di file server su una rete e l'efs (Encrypting File System) che permette di cifrare i file a livello di file system. Plug and Play che permette la configurazione automatica dell'hardware. Supporto energetico che, grazie alle funzioni APM (attivazione automatica della sospensione del sistema) di gestione e risparmio energetico, permette l'uso agevole sui sistemi portatili. USB che supporta le periferiche USB e l'hot plug 1. Multimedialità che supporta DirectX, i nuovi driver WDM (Windows Driver Model) e le periferiche multimediali. Ad esse sono state aggiunte: una nuova interfaccia grafica, è stato riprogettato il menu di avvio, nuove funzionalità di sicurezza racchiuse (se installato il service pack 2) in un'applicazione che è chiamata "centro sicurezza PC" in cui è presente un firewall. Di seguito saranno spiegate le funzionalità di Windows Xp che ci permettono di gestire sia le applicazioni che vogliamo eseguire e le informazioni che ci necessitano, che l hardware da utilizzare per avvalersi dei risultati ottenuti. Per fare questo è necessario, prima di tutto, conoscere alcune funzioni di base quali: l accensione e la chiusura del computer, l eventuale riavvio (senza passare dalla fase di spegnimento fisico) e la chiusura di un applicazione che non risponde Accensione del computer. Per accendere il computer si agisce sul pulsante di accensione posto, di norma, nella parte frontale del personal computer. Sul monitor appaiono delle schermate in DOS che riepilogano le caratteristiche del sistema ed i passi della sequenza di caricamento del BIOS e dei file di configurazione. Successivamente è visualizzata la finestra di caricamento del 1 In informatica, si dice hot plug (o anche hot swap) un'interfaccia che permette il collegamento e/o lo scollegamento di un dispositivo anche a sistema avviato. Le interfacce hot plug più note sono l'universal Serial Bus (USB) e il Firewire, ed in senso lato anche le interfacce di rete (Ethernet o wireless) ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 1

4 sistema operativo Windows XP che si concluderà con la richiesta di selezione dell account con cui lavorare 2 e la digitazione della password d accesso: Alla fine del caricamento delle impostazioni utente viene visualizzato il desktop da cui, tramite il pulsante start, si sceglie l attività che si vuole avviare Chiusura del computer. 2 Per spengere correttamente il computer si suggerisce, per primo, di chiudere tutte le applicazioni attive (in esecuzione nella memoria RAM), quindi cliccare, con il tasto sinistro del mouse, sul pulsante start (1) presente nella barra delle applicazioni. Si apre il menù di avvio dove è presente il tasto Spegni computer (2) che, attivato con mouse, provoca la visualizzazione della casella di riepilogo Spegni computer. In questa casella sono possibili tre funzioni. Scegliendo il pulsante Spegni (3) sono visualizzate le schermate di segnalazione dello scollegamento e della chiusura del sistema; alla fine, a seconda dell hardware utilizzato, il computer si spenge automaticamente Riavviare il computer. Valgono gli stessi passi effettuati per la chiusura del computer fino alla casella di riepilogo Spegni computer in cui si deve cliccare sul pulsante Riavvia. Come per la chiusura sono visualizzate le 2 Si ricorda che il S.O. Windows XP è un sistema multiutente ovvero, sullo stesso computer, possono essere configurati diversi utenti (account utente), ognuno dei quali può avere accesso solo ai file ed alle risorse a lui assegnate. 2 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

5 schermate di segnalazione dello scollegamento e della chiusura del sistema; alla fine non avviene lo spegnimento dell hardware, ma è eseguito il caricamento del sistema operativo, tralasciando i test iniziali perché molte verifiche essenziali, quali controllo processore, controllo RAM ecc. sono state già verificate nel primo avvio Disconnettere la sessione. Quando ci si disconnette dal computer, si chiude il proprio account utente, ma il computer rimane disponibile per un accesso successivo. Come già detto per la chiusura si consiglia di chiudere tutte le applicazioni attive. Cliccare, con il tasto sinistro del mouse, sul pulsante start presente nella barra delle applicazioni. Si apre il menù di avvio dove è presente il tasto Disconnetti (1) che attivato con mouse, provoca la visualizzazione della casella di riepilogo Disconnessione da Windows (2) dove si clicca sul pulsante Disconnetti (3); questa funzione rimanda alla schermata iniziale di scelta dell utenza da attivare (4). Nel nostro esempio si può notare che l utente Chiara (5) non ha più alcun processo attivo. 5 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 3

6 1.1.5 Cambia Utente Cambia Utente permette di selezionare o aprire un altro account senza chiudere i processi in corso di nessuno degli account attivi. Cliccare, con il tasto sinistro del mouse, sul pulsante start presente nella barra delle applicazioni. Si apre il menù di avvio dove è presente il tasto Disconnetti (1) che attivato con il mouse, provoca la visualizzazione della casella di riepilogo Disconnessione da Windows (2) dove si clicca sul pulsante Cambia Utente (3); questa funzione rimanda alla schermata iniziale di scelta della utenza da attivare (4). Nel nostro esempio si può notare che entrambi gli utenti, Chiara ed Andrea hanno i processi attivi Chiudere un applicazione che non risponde. Può capitare che un applicazione rimane bloccata e, accanto al nome, appare la scritta (Non risponde) (1). Per ripristinare una situazione corretta, il rilascio delle risorse impegnate e, eventualmente, far ripartire l applicazione bloccata, è necessario intervenire con la sua chiusura. 1 4 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

7 Se un applicazione rimane bloccata per qualche motivo, si può chiuderla agendo da Task Manager (che è un utility che fornisce informazioni sui programmi ed i processi in esecuzione nel computer; con essa è possibile interrompere o eseguire applicazioni e terminare i processi). Per aprire la finestra di colloquio di Task Manager, si devono premere, contemporaneamente, i tasti Ctrl, Alt e Canc si seleziona, cliccandoci sopra con il mouse, il processo che si vuole interrompere quindi si clicca sul tasto che interrompe immediatamente l esecuzione della applicazione. 1.2 Informazioni e operazioni fondamentali Vediamo ora in quale modo è possibile ottenere informazioni sul sistema utilizzato, attuare modifiche sulle sue impostazioni ed eseguire semplici attività di gestione. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 5

8 1.2.1 Verificare le informazioni di base del computer Per visualizzare le informazioni, relative alle proprietà del sistema che si sta utilizzando, si deve cliccare con il tasto sinistro del mouse sul pulsante start presente nella barra delle applicazioni. Si apre il menù di avvio dove è presente l icona Pannello di controllo (1). Facendo clic su questo pulsante, è visualizzata la finestra relativa al menù di scelta degli strumenti, suddivisi per categorie, che ci permettono di verificare e personalizzare il computer (2). 1 : 2 s i s Chi preferisce una visualizzazione classica del pannello di controllo può cliccare nell apposito riquadro ottenendo la sottostante rappresentazione grafica: Tra le varie icone, ognuna delle quali rappresenta una specifica azione atta ad ottenere informazioni e/o modificare configurazioni o gestire applicazioni o hardware, si deve scegliere quella denominata Sistema Ritornando alla visualizzazione della versione XP di Windows, si sceglie la categoria Prestazioni e manutenzione cliccandoci sopra. 6 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

9 Nell immagine a sinistra è riportato il menù di scelta che viene visualizzato e dove, nella sezione Pannello di controllo è presente il tasto Sistema (1) da attivare. 1 L attivazione di questo tasto permette la visualizzazione della finestra Proprietà del sistema, raffigurata qui a lato, in cui sono presenti diverse schede selezionabili in base alle informazioni da ottenere o modifiche da effettuare. Dalla scheda Generale si ottengono informazioni sul tipo di sistema operativo, il numero di licenza, le caratteristiche della CPU utilizzata e la quantità di memoria RAM installata nel computer Modificare la configurazione del desktop del computer: data e ora, volume audio, opzioni di visualizzazione del desktop Cliccare con il tasto sinistro del mouse sul pulsante A presente nella barra delle applicazioni. Si apre il menù di avvio dove è presente l icona Pannello di controllo (A). Facendo clic su questo pulsante, è visualizzata la finestra relativa al menù di scelta degli strumenti suddivisi per categorie, dove si seleziona la categoria Aspetto e temi ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 7

10 che apre la finestra del menù di scelta relativo ad Aspetto e temi in cui è possibile scegliere direttamente una delle quattro operazioni o accedere ad una delle tre icone del Pannello di controllo. 2 1 Cliccando sull icona Schermo (1) si visualizza la stessa finestra Proprietà Schermo che si apre selezionando una delle quattro operazioni (2) possibili: In questa finestra sono presenti le schede Temi, Desktop, Screen saver, Aspetto ed Impostazioni per la gestione di argomenti specifici della visualizzazione sul monitor. La scheda Temi, visualizzata cliccando su cambiare il tema del computer, permette di cambiare l insieme sfondo, suoni ed icone. La scheda Desktop, visualizzata cliccando su Cambiare lo sfondo del desktop, permette di modificare od eliminare l immagine utilizzata come sfondo del desktop. 8 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

11 La scheda Screen saver, visualizzata cliccando su Scegliere uno screen saver, permette d inserire il salvaschermo e regolare le impostazioni di risparmio energetico. La scheda Impostazioni, visualizzata cliccando su Cambiare la risoluzione dello schermo, permette di modificare la gamma dei colori e la risoluzione dello schermo. Una diversa modalità per visualizzare la finestra Proprietà Schermo è quella di posizionarsi con il puntatore in una parte qualsiasi dello sfondo del desktop (1) e cliccare con il tasto destro (2) del mouse; è visualizzato un menù di scelta ove si seleziona la voce Proprietà (3) Per modificare le impostazioni relative al suono, dalla finestra Pannello di controllo si seleziona l icona Suoni, voce e periferiche audio che provoca la visualizzazione dell omonimo menù in cui è possibile scegliere tra le voci Regolare il volume di sistema, Cambiare le combinazioni di suoni e Cambiare le impostazioni degli altoparlanti (4): ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 9

12 4 La selezione di Regolare il volume di sistema, Cambiare le impostazioni degli altoparlanti o dell icona 5 Provocano l apertura della finestra Proprietà Suoni e periferiche audio direttamente sulla scheda Volume che è la prima delle cinque schede di cui è composta (5). 6 La selezione del bottone Cambiare le combinazioni di suoni visualizza la scheda Suoni (6) della finestra delle proprietà da dove è possibile assegnare una combinazione di suoni o musiche ad ogni evento di Windows. Per impostare la data, l ora o l impostazione della lingua, dalla finestra Pannello di controllo si seleziona l icona Data, ora, lingua e opzioni internazionali : 10 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

13 6 che apre la finestra del menù di scelta relativo a Data, ora, lingua e opzioni internazionali (6) in cui è possibile scegliere una delle tre operazioni od accedere ad una delle due icone del Pannello di controllo. Sia la selezione della voce Modificare data e ora che dell icona Data e ora : provocano l apertura della finestra Proprietà Data e ora in cui sono presenti tre etichette rappresentanti altrettanti schede i cui campi permettono l impostazione dalla data, dell ora e del fuso orario. La selezione dell operazione Modificare il formato di numeri, data e ora o dell icona Opzioni internazionali e della lingua permette la visualizzazione della finestra Opzioni internazionali e della lingua che, tramite le tre schede Opzioni internazionali, Lingue e Avanzate che la costituiscono, agisce sulle impostazioni locali di data, ora, numeri, valuta, lingua e loro formato. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 11

14 1.2.2 Impostare, modificare la lingua della tastiera. L ultima operazione delle tre presenti nella finestra del menù di scelta relativo a Data, ora, lingua e opzioni internazionali, Aggiungere altre lingue, visualizza la scheda Lingue della finestra Opzioni internazionali e della lingua tramite la quale è possibile visualizzare o modificare le lingue e i metodi che si possono utilizzare per l immissione del testo od aggiungere ulteriori lingue. A questa scheda si arriva anche cliccando sull icona 1 nel Pannello di controllo che visualizza la scheda Opzioni internazionali (vedi punto precedente), da dove si seleziona l etichetta Lingue. Nel settore Servizi di testo e lingue di input (1) è presente il pulsante che, attivato, determina la visualizzazione della scheda Impostazioni presente nella finestra Servizi di testo e lingue di input : Nel settore Lingua di input predefinita è possibile cambiare la lingua, utilizzata dal sistema all atto dell inizializzazione, tramite la selezione operata dal menù a tendina in esso presente: N.B. il passaggio alla lingua selezionata sarà applicato dopo la ripartenza del computer. Se, invece, si vuole modificare solo temporaneamente (o per la sessione in corso o solo per la durata della esecuzione di un determinato lavoro) si può agire direttamente dall icona presente nella barra delle applicazioni: Cliccando su di essa si apre il menù di scelta (qui a destra), in cui selezionare la lingua utilizzata in input, dalla tastiera, e che sarà attiva, al massimo, fino alla chiusura del computer. 12 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

15 1.2.3 Formattare dischi rimovibili. Cliccare, con il tasto sinistro del mouse, sul pulsante start presente nella barra delle applicazioni. Si apre il menù di avvio dove è presente l icona Risorse del computer (1). 1 Cliccando su di essa è visualizzata la finestra Risorse del computer in cui sono presenti le icone che rappresentano tutti i tipi di archivi presenti nel sistema. Nel nostro caso interessano le unità disco fisse e tutti i tipi di periferica di archiviazione mobile (2). L ' o p z i o n e Dopo aver selezionato, tramite il tasto sinistro del mouse, l unità che si vuole formattare (3), dalla barra dei menù della finestra Risorse del computer si seleziona il menù File (4) in modo da visualizzare l elenco delle funzioni che possono essere eseguite sull unità selezionata. Tra queste troviamo la funzione Formatta (5). ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 13

16 Cliccando sulla funzione si visualizza una finestra di colloquio in cui vengono fornite caratteristiche, proposte scelte automatiche e richieste informazioni in merito al dispositivo selezionato per la formattazione. N.B. La finestra di colloquio è diversa, permettendo o negando funzioni, in base alla tipologia del supporto di archiviazione dati: La funzione Formattazione veloce rimuove i file dal disco senza eseguire la scansione per il rilevamento di settori danneggiati. Questa opzione è da utilizzare solo se il disco è stato formattato in precedenza e si è certi che non sia danneggiato. Per informazioni sulle opzioni, fare clic sull'icona a forma di punto interrogativo nell'angolo superiore destro della finestra di dialogo Formatta e quindi fare clic sull'opzione. N.B. Non è possibile formattare un disco se i file memorizzati sono aperti, se il contenuto del disco è visualizzato o se il disco contiene la partizione di sistema o di avvio Installare, disinstallare un applicazione. Cliccare con il tasto sinistro del mouse sul pulsante start presente nella barra delle applicazioni. Si apre il menù di avvio dove è presente l icona Pannello di controllo (1). Facendo clic su questo pulsante, viene visualizzata la finestra relativa al menù di scelta degli strumenti 1 d o v in cui è presente la categoria Installazione applicazioni 14 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

17 che consente di gestire le applicazioni ed i componenti nel computer in uso, aggiungere applicazioni da CD- ROM, disco floppy o rete, aggiungere aggiornamenti e nuove funzioni di Windows da Internet. Installazione applicazioni consente inoltre di aggiungere o rimuovere componenti di Windows non inclusi nell'installazione originale. 2 Cliccando su di essa, viene visualizzata la finestra Installazione applicazioni nella modalità Cambia/Rimuovi programmi (2) con l elenco dei programmi installati. Il primo dell elenco è già evidenziato; la selezione fornisce informazioni sul programma quali dimensioni e frequenza d utilizzo. Ovviamente si scorre l elenco fino a trovare e selezionare il programma che si ha intenzione di rimuovere e si clicca sul bottone Rimuovi (3) che ne provocherà la disinstallazione. 3 Il pulsante Cambia avvia la specifica procedura d installazione ove è possibile procedere con la modifica dell attuale configurazione del programma o la disinstallazione. N.B. Se l applicazione è stata installata da CD, è bene averlo a portata di mano per soddisfare l eventuale richiesta d inserimento per poter procedere (anche selezionando Installazione componenti di Windows (4). Normalmente i programmi da installare, forniti su CD, sono autoinstallanti ovvero basta inserire il disco nel lettore perché inizi, automaticamente, la routine d installazione. Nel caso la nuova applicazione non sia autoinstallante, è necessario selezionare la modalità Aggiungi nuovi programmi che aprirà la sottostante finestra di colloquio: 4 In questa finestra sono possibili due funzioni: l aggiornamento del sistema operativo cliccando su, che attiverà il collegamento con il sito della Microsoft per la ricerca e lo scarico di nuovi aggiornamenti. La seconda funzione permette l installazione di un applicazione da CD o da floppy, cliccando sul pulsante delle successive finestre: seguendo, poi, le istruzioni ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 15

18 1.2.5 Utilizzare la funzione di stampa schermo da tastiera e inserire l immagine ottenuta in un documento. È possibile creare la copia di una finestra attiva nel desktop o dell intero schermo per inserirla, successivamente, all interno di un documento. Per copiare la finestra attiva è necessario premere, contemporaneamente, i tasti Alt e Print della tastiera: 16 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

19 L immagine catturata è memorizzata, in un area di appoggio temporaneo, a disposizione per essere inserita in una qualsiasi applicazione Microsoft. Per inserirla all interno di un documento è necessario cliccare sulla voce Incolla contenuta nel menù Modifica presente nella barra dei menù dell applicazione in uso. Nell esempio sotto riportato è utilizzato un documento Word: ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 17

20 Se si vuole copiare l intero schermo del monitor, è sufficiente premere il tasto Print (1) della tastiera e procedere come già sappiamo per inserire l immagine catturata nel documento: 1 Un altro modo per inserire in un documento un oggetto, precedentemente catturato o copiato, è quello di posizionarsi con il puntatore del mouse sul documento ricevente, cliccare il tasto destro del mouse e selezionare Incolla dal menù di scelta che viene visualizzato (2) Utilizzare la funzione di guida in linea (help) disponibile. La Guida in linea e supporto tecnico è un sistema di risorse integrate da consultare per ricevere assistenza e ottenere informazioni sull'uso e sulla configurazione del computer, delle periferiche hardware e del software installato e su come risolvere eventuali problemi. La guida presenta funzionalità di ricerca estese, tra cui la possibilità di cercare nell'intero testo e in più siti remoti oltre che nei file presenti sul disco rigido. È possibile stampare un intero capitolo della guida con un singolo comando di stampa. Gli utenti possono inoltrare commenti e suggerimenti direttamente a Microsoft al fine di migliorare la qualità delle informazioni incluse nella documentazione. È contenuta la funzionalità "Preferiti" in modo da trovare rapidamente gli argomenti di consultazione frequente. 18 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

21 Per aprire la Guida in linea e supporto tecnico, fare clic sul pulsante Start (1), quindi scegliere Guida in linea e supporto tecnico (2). Dalla pagina iniziale (3) è possibile avviare una ricerca (4) o selezionare un argomento (5) per accedere ad argomenti contenenti informazioni e procedure relative all'uso del computer. 2 1 C o m e g i à a c c e n n a t o, 5 e Esistono diverse modalità di consultazione della guida in linea. Cliccando sull icona relativa alla ricerca dell argomento per indice (6) si visualizza la finestra di scorrimento (7) con l elenco, in ordine alfabetico crescente, delle voci di Indice. Si può scorrere l elenco tramite la barra di scorrimento (8), o digitando i primi caratteri 7 del testo cercato. In questo modo l elenco si posiziona automaticamente sugli argomenti il cui nome inizia con quei caratteri (9). Gli argomenti, spesso, sono indicati sotto più voci di indice. 8 9 Fare doppio clic su una voce di indice per visualizzare l'argomento corrispondente. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 19

22 Per cercare una parola o una frase, selezionare la scheda Cerca, digitare la parola o la frase e quindi fare clic su che avvia la ricerca e visualizza l elenco dei risultati. Fare doppio clic su una voce dei risultati della ricerca per visualizzare l'argomento corrispondente. La terza modalità di consultazione è quella di selezionare l argomento e procedere tra i sottomenù successivamente proposti: 20 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

23 Qualsiasi dei tre percorsi sia stato scelto, alla fine, si ottiene l informazione cercata: ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 21

24 1.3 Uso di un editor di testi In Windows vengono forniti di serie due diversi programmi per la creazione di un testo. La scelta del programma da utilizzare si basa in genere sulla complessità del documento. A tale scopo, è necessario prendere in considerazione diversi fattori, quali il tipo di formattazione richiesta, l'eventuale necessità di includere grafica o tabelle, se il documento dovrà essere aperto o modificato da utenti con sistemi operativi diversi, la dimensione e il genere di documento che si intende creare, ad esempio una pagina Web. Blocco note è un editor di testo di base che può essere utilizzato per documenti semplici, senza formattazione e, quindi, possono essere utilizzati anche da sistemi operativi e/o applicativi diversi, o per creare pagine Web. Per aprire il Blocco note, fare clic su Start, scegliere Tutti i i programmi, Accessori e quindi e quindi fare clic fare su clic Blocco su Blocco note. note. 22 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

25 WordPad può essere utilizzato per creare o modificare file di testo contenenti formattazione o grafica. Per aprire il WordPad, fare clic su Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi fare clic su WordPad. Il testo che è inserito nei due programmi di gestione testi ha formati diversi. Nel caso del Blocco note viene creato un documento di tipo TXT (testo) con formato ASCII 3 3 ASCII è l'acronimo di American Standard Code for Information Interchange (ovvero Codice Standard Americano per lo Scambio di Informazioni). È un sistema di codifica dei caratteri a 7 bit, comunemente utilizzato nei calcolatori, accettato come standard dall'iso. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 23

26 che utilizza per il ritorno a capo i caratteri CR/LF (Carriage Return 4 / Line Feed 5 ). Per impostazione predefinita i nuovi file sono salvati con l'estensione.txt, tuttavia è possibile utilizzare il programma per creare ed elaborare qualsiasi file in formato testo, quali ad esempio i file HTML usati per creare le pagine Web o i codici sorgente dei programmi. Il programma Wordpad è più potente del Blocco Note ma limitato rispetto ad altri gestori di testo di tipo professionale (ad esempio Word). Consente comunque di abbellire il testo con gli strumenti di formattazione tipici di un Word Processor come le tabulazioni, i margini dei paragrafi, gli elenchi puntati o la scelta di tipologia, dimensioni e colori dei caratteri utilizzati. Permette anche inserire oggetti realizzati da altre applicazioni. Per entrambi i programmi la scrittura del documento, appena creato, sul supporto di memorizzazione avviene cliccando su File dalla barra dei menù e, successivamente, su Salva con nome (cliccando su si apre automaticamente la finestra Salva con nome ) 4 Carriage Return (ritorno del carrello "), è un carattere di controllo che, inserito in un testo formattato, fa avanzare andare a capo il cursore. 5 Line-Feed (avanzamento di linea), è un carattere di controllo che, inserito in un testo formattato, fa avanzare il cursore alla prossima linea di scrittura. 24 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

27 In entrambi i casi si sceglie, selezionandolo dal menù a cascata (1), la cartella o il supporto su cui si vuole memorizzare il nuovo documento. Come già accennato, in Blocco note, per impostazione predefinita i nuovi file sono salvati con l'estensione.txt (2). In WordPad è possibile salvare il file in diversi formati: - Rich text Format (RTF); è un formato per documenti multipiattaforma, sviluppato da Microsoft sin dal La maggior parte degli editor di testo e dei word processor disponibili per Microsoft Windows, Macintosh e Linux sono in grado di leggere e scrivere documenti RTF. - Documento di testo standard (TXT) - Documento di testo formato Ms Dos - Documento di testo Unicode; unicode si basa sulla codifica Ascii estesa ed assegna un numero (o meglio, una combinazione di bit) a ogni carattere in maniera indipendente dal programma, piattaforma e dalla lingua (e dal suo sistema di scrittura), codifica i caratteri usati in quasi tutte le lingue vive e in alcune lingue morte, nonché simboli matematici e chimici, cartografici, l'alfabeto Braille, ideogrammi etc. Questi formati sono standard utilizzabili anche in ambienti e applicazioni diversi da Microsoft. La chiusura dei due programmi avviene selezionando il comando Esci dal menù a tendina che compare cliccando su File nella barra dei menù Se il documento in esecuzione non è stato preventivamente salvato, all atto della chiusura del programma, è visualizzata automaticamente la finestra Salva con nome (3). Un modo sbrigativo di uscire dai programmi è quello di cliccare sull icona Chiudi ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 25

28 2. Desktop Il desktop (scrivania) è l'interfaccia grafica (Graphical User Interface) che permette di usare un computer tramite l'interazione con oggetti grafici, come le icone e le finestre dei programmi. 2.1 Uso delle icone Un'icona è un'immagine (di solito un disegno stilizzato) di dimensioni ridotte che rappresenta un programma, un'azione o un tipo di file. Più in generale si può affermare che permette la comunicazione dell informazione in forma immediatamente comprensibile grazie a ciò che, de facto, è un codice visivo che supera le barriere linguistiche. Nei moderni sistemi operativi alle applicazioni è associata un'icona e l'interazione con tale icona (ad esempio un doppio click) è il metodo standard per l avvio delle applicazioni. Dal desktop si possono eseguire quasi tutte le operazioni: l avvio dei programmi, la copia dei file, la connessione ad Internet, la lettura della posta elettronica e così via. L aspetto del desktop varia in base alle impostazioni selezionate. In esso sono presenti vari tipi d icona, ognuna delle quali rappresenta un diverso tipo d oggetto. In basso, nella finestra del desktop, c è una barra in cui troviamo altre icone, alcune delle quali sempre presenti. Essa è chiamata barra delle applicazioni Riportiamo di seguito alcuni tipi di icone che possono essere presenti nel desktop: Icone che rappresentano cartelle. Le cartelle sono dei raccoglitori contenenti i file od altre cartelle annidate. Utilizzando le cartelle si possono organizzare le informazioni in modo ordinato gerarchicamente. La cartella si apre, per visualizzarne il contenuto, cliccandoci sopra con il mouse. 26 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

29 Un file è un insieme di informazioni codificate ed organizzate come una sequenza. In genere è identificato con nome.estensione; l estensione identifica la tipologia di file, ovvero il tipo di programma con cui è stato realizzato e che lo può gestire. In Windows i file sono rappresentati da icone diverse in base all estensione; tutti i file con la stessa estensione (creati con lo stesso programma) hanno la stessa icona. 678 File di testo:.doc = Microsoft Word.RTF = WordPad.txt = Blocco note.pdf = Acrobat Reader File grafici:.bmp = bitmap 6.JPG = JPEG 7.GIF = Graphics Interchange Format 8 Ambiente Microsoft Office (comprendente Microsoft Word): Fogli elettronici.xls = Microsoft EXCEL Data base relazionali.mdb = Microsoft ACCESS Presentazioni multimediali.pps = Microsoft PowerPoint File compressi.zip WinZip è un applicazione che permette di comprimere i file in modo da risparmiare spazio sui supporti d archiviazione. L'algoritmo di compressione non influisce sull integrità dei dati perciò l informazione, dopo la decompressione, è identica all originale. Ambiente Internet: Internet Explorer è il browser 9 internet prodotto da Microsoft ed è, anche, il più usato. Ipertesti.htm o.html = documenti, disponibili nel WEB, realizzati con l apposito linguaggio HTML. Ambiente audiovisivo: Real Player e Windows Media Player sono software della famiglia dei media player, ovvero programmi che eseguono file multimediali sia audio che video. JPEG (file di immagini compressi) o in formato MPEG (file video e/o audio compressi). Icona rappresentante il Cestino in cui vengono archiviati i file eliminati. È possibile recuperare i file eliminati per errore oppure svuotare il Cestino per liberare spazio su disco. Selezionare un icona, ovvero cliccarci sopra con il tasto sinistro del mouse (l icona cambia tonalità di colore), significa comunicare al sistema operativo che si vuole interagire con essa. 9 6 Bitmap è un formato dati utilizzato per la rappresentazione di immagini aster (costituito da punti o pixel) sui sistemi operativi Microsoft Windows e OS/2. 7 JPEG (Joint Photographic Experts Group) è lo standard di compressione delle immagini fotografiche più utilizzato. 8 Il GIF (Graphics Interchange Format) è un formato per immagini di tipo bitmap molto diffuso nel World Wide Web in quanto, grazie all algoritmo di compressione utilizzato, anche immagini di una certa dimensione possono essere scaricate in un tempo ragionevole mediante una connessione a bassa velocità. 9 Un web browser (detto navigatore) è un programma in grado di interpretare il codice HTML (e più recentemente XHTML) e visualizzarlo in forma di ipertesto. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 27

30 Se s intende spostare l icona nell ambito del desktop, è sufficiente mantenere premuto il tasto del mouse, mentre si trascina l icona, e rilasciarlo nel punto in cui si vuole ricollocare. A B C Se invece si vuole aprire un file, una cartella od attivare un applicazione presente nel desktop, è necessario cliccare due volte, in rapida successione, sull icona che rappresenta l oggetto interessato. Quando nell icona è raffigurato un quadratino contenente una freccia inclinata ( ), questo significa che l icona è solo un collegamento, un puntatore all oggetto da essa rappresentato che, fisicamente presente altrove nel computer, è immediatamente accessibile con un doppio clic sul collegamento. 2 Per creare un collegamento sul desktop cliccare, con il tasto sinistro del mouse, sul pulsante start (1) presente nella barra delle applicazioni. Dal menù di avvio che si apre, si clicca sull icona Risorse del computer (2) provocando la visualizzazione della finestra Risorse del computer (3). in cui sono presenti le icone che rappresentano le unità di archiviazione. 3 1 Cliccando doppiamente su un'unità o una cartella, si apre la relativa finestra in cui sono visualizzati gli oggetti contenuti (4). 4 Si clicca sull'oggetto desiderato, ad esempio un file, un programma, una cartella, una stampante o un computer. 28 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

31 Quindi, dal menù File si seleziona la voce Crea collegamento che provoca la creazione dell icona di collegamento all oggetto selezionato: Selezionare, cliccandoci sopra con il mouse, e trascinare il nuovo collegamento sul desktop mantenendo premuto il tasto sinistro del mouse. Esistono altre possibilità di creazione di un collegamento di un oggetto sul desktop. È possibile creare un collegamento anche cliccando con il pulsante destro del mouse sull'oggetto, trascinandolo sul desktop, tenendo sempre premuto il tasto, quindi scegliendo Crea collegamento dal menù di scelta rapida (che appare rilasciando il tasto del mouse). Un altra alternativa è di selezionare l oggetto interessato, cliccare sul menù File per aprire l elenco delle possibili azioni, quindi posizionarsi sulla voce Invia a in modo che sia visualizzato il sottomenù con le alternative. Tra esse sceglieremo il tasto Desktop (crea collegamento): N.B. Quando si elimina il collegamento ad un oggetto, l'oggetto originale non è eliminato, ma è ancora presente nel computer nella posizione originale. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 29

32 Nel menù File sono presenti tutta una serie di possibili azioni che possono essere eseguite sull oggetto che è stato selezionato. Queste voci possono variare in base all oggetto e ai programmi che sono installati nel computer. Tra quelle sempre presenti troviamo Rinomina, che permette di cambiare il nome dell icona selezionata (sia essa un collegamento o no), ed Elimina, che la sposta nel Cestino. 2.2 Uso delle finestre L utilizzo da parte degli attuali sistemi operativi di un interfaccia uomo/macchina di tipo grafico ha permesso all utente di un sistema informatico, d interagire con il computer senza essere obbligato ad imparare una serie di comandi da impartire con la tastiera. L interfaccia grafica (graphical user interface, abbreviato GUI) utilizza dei simboli grafici (il cui significato dovrebbe risultare intuitivamente comprensibile), che rappresentano azioni, comandi, programmi o dati e che sono definiti con il nome di icone. Secondo il contesto di riferimento, dette icone sono raggruppate in un insieme chiamato finestra. Il sistema operativo Windows (finestra in inglese) è gestito tramite le finestre di colloquio la cui organizzazione è la seguente: ESEMPIO DI FINESTRA Barra del titolo. In essa sono presenti, a sinistra il nome della finestra, ed a destra tre icone di cui due relative al suo dimensionamento e la terza per la sua chiusura. Lascia in esecuzione l applicazione, ma la riduce ad un icona nella barra delle applicazioni (minimizzare). Riduce le dimensioni della finestra dell applicazione. Provoca il ritorno alle dimensioni iniziali della finestra, precedentemente ridotta, dell applicazione. Chiude l applicazione. Barra dei menù. In essa sono presenti i nomi dei menù contenenti le azioni e/o comandi eseguibili nell ambito specificato dal nome del menù stesso. In essa è presente il supporto per l aiuto (? = help). Barra degli strumenti standard. In essa sono presenti icone relative a funzioni o comandi particolari e di utilizzo frequente. Questi pulsanti possono essere aggiunti o eliminati dall utente che può personalizzare la barra. 30 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

33 Barra degli indirizzi. È una delle tante barre degli strumenti presenti nei vari ambienti di Windows. Tramite essa è possibile posizionarsi rapidamente su di una risorsa utilizzando il pulsante (che apre un menù a tendina in cui si possono scorrere le risorse presenti nel sistema), o digitandovi il percorso di dov è situata o, eventualmente, l indirizzo WEB. Barra di stato. In essa sono presenti informazioni relative all oggetto corrente. La barra di stato è generalmente situata nella parte inferiore di una finestra. Non tutte le finestre dispongono di una barra di stato. Quando gli oggetti presenti (hardware, cartelle, applicativi, ecc.) sono tanti, e soprattutto se la finestra è stata ridimensionata, sono visualizzate due barre: una per lo scorrimento verticale ed una per lo scorrimento orizzontale del contenuto della finestra stessa in modo di averne la completa visualizzazione del contenuto. N.B. tra le varie barre a supporto del sistema operativo Windows una, presente nella parte inferiore del desktop (se necessario può essere nascosta o spostata in altra posizione), fornisce informazioni sulle applicazioni attive nel computer, sia se avviate dall utente che eseguite automaticamente in fase d inizializzazione del sistema, il suo nome è barra delle applicazioni. In essa possiamo trovare: Lingua utilizzata Ora del sistema Programmi in esecuzione automatica all avvio del sistema Applicazioni avviate dall utente Se attivata, la barra di avvio veloce di applicazioni di uso frequente Pulsante start con cui è possibile gestire il sistema ed avviare tutte le applicazioni ed utilità Volendo ridimensionare la finestra attiva, per adattarla alle esigenze del momento, si può agire spostando il puntatore del mouse su uno dei lati della stessa. Quando il cursore cambia aspetto, ovvero si trasforma in una freccia a punte contrapposte : se posizionato sul bordo di un lato orizzontale, se posizionato sul bordo di un lato verticale, se posizionato sugli angoli in basso a sinistra o in alto a destra, se posizionato sugli angoli in basso a destra o in alto a sinistra, si clicca il pulsante del mouse e, mantenendolo cliccato, si trascina il bordo (o l angolo), aumentando o riducendo le dimensioni per quanto necessario. Il trascinamento avviene nel verso indicato dalla freccia: se verticale, la finestra si allunga od accorcia, se orizzontale si allarga o restringe ed infine, se obliqua, la finestra aumenta o diminuisce in modo vettoriale. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 31

34 Nell ipotesi che nel desktop sono attive diverse finestre di programmi, esse saranno sovrapposte e risulterà visibile, in primo piano, solo l ultima aperta (quella su cui si sta lavorando). Volendo portare in primo piano un altra finestra, ovvero, se si vuole passare ad un altra applicazione attiva, il metodo più semplice è quello di cliccare sull icona dell applicazione, su cui si vuole passare, presente nella barra delle applicazioni. Un altra possibilità è quella di premere, contemporaneamente, i tasti Alt e Tab della tastiera. Questo provoca la visualizzazione di una finestra contenente le icone relative alle applicazioni aperte con l evidenziazione tramite una cornice blu, di quella in uso. Mantenendo premuto il tasto Alt e premendo, ripetutamente, il tasto Tab, si vedono evidenziate di volta in volta le varie applicazioni, ovvero si passa all applicazione che sarà portata in primo piano se sono rilasciati i tasti. 3. Gestione dei file Un file (termine inglese che significa archivio) è un insieme di informazioni codificate ed organizzate come una sequenza di byte; queste informazioni sono immagazzinate come un singolo elemento in una memoria di massa (dischi fissi e removibili, floppy, DVD/CD-ROM, nastri magnetici, pen drive e unità di rete). Dalla precedente definizione s intuisce che i file contengono dati omogenei al loro interno, ma possono avere caratteristiche diverse tra loro in quanto, secondo il tipo di dato contenuto, possono essere file musicali, file d immagini o documenti. Detti file possono essere raggruppati e/o disposti in base a regole logiche soggettive. Per intenderci se i documenti sono delle fatture, queste possono essere suddivise tra fatture ricevute e fatture emesse, organizzate (per data e/o per numero) all interno di una directory (direttorio), o più semplicemente cartella, cui assegnare un nome identificativo (ad esempio fatture in ingresso e fatture in uscita ). A loro volta queste cartelle possono essere collocate all interno di altre cartelle rappresentanti, ad esempio, l anno di riferimento, e così via. Questo tipo di organizzazione rappresenta una struttura gerarchica definita ad albero. In quest albero la radice è l unità di memoria di massa (ad esempio C:\) contenente i dati e le foglie sono i file. Per raggiungere un determinato file è necessario definire il percorso da seguire, partendo dalla radice. Nell esempio a lato vediamo come il sistema operativo Windows XP visualizza la struttura gerarchica rappresentante i documenti e le cartelle, contenute in una cartella memorizzata all interno del disco locale C:. 32 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

35 Quindi, riferendosi al documento word chiamato Concetti di base delle tecnologie ICT, Il percorso, espresso come riga di comando, risulta: C:\manuali ECDL\Concetti di base delle tecnologie ICT Mentre con il normale metodo di navigazione attraverso le icone, per raggiungere (aprire) il documento Concetti di base delle tecnologie ICT, è necessario cliccare nell ordine, sul tasto START, sull icona Risorse del computer, sull icona Disco locale (C:), sulla cartella manuali ECDL e, infine, sull icona rappresentante il documento desiderato: Ogni cartella di Windows consente di accedere facilmente alle operazioni di gestione di file e cartelle più comuni. Quando si apre una cartella del computer, accanto al contenuto della cartella stessa è visualizzato un elenco di operazioni collegate ipertestualmente 10 (1). È possibile selezionare un file o una cartella e quindi fare clic su un'operazione per rinominare, copiare, spostare o eliminare l'oggetto selezionato. È inoltre possibile inviare un file per posta elettronica o pubblicarlo sul Web Creare una cartella La creazione di una cartella avviene partendo dall individuazione del supporto destinata a contenerla. Come già accennato la cartella può essere collocata all interno di un supporto magnetico/ottico di memorizzazione, come un hard disk, un floppy disk un CD-ROM, ecc. o annidata all interno di altre cartelle in modo da soddisfare la logica d archiviazione adottata. Nel presente esempio si vuole creare una cartella all interno di quella chiamata Documenti. 10 I collegamenti ipertestuali nelle cartelle di windows, sono collegamenti di testo visualizzati nel riquadro sinistro della cartella. È possibile fare clic su tali collegamenti per eseguire operazioni, come lo spostamento o la copia di un file, oppure per passare ad altre posizioni nel computer, ad esempio la cartella Documenti o il Pannello di controllo. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 33

36 Cliccare, con il tasto sinistro del mouse, sul pulsante start presente nella barra delle applicazioni. Dal menù di avvio che si apre, si clicca sull icona Risorse del computer (1) provocando la visualizzazione della finestra Risorse del computer (2; si clicca sull icona Documenti in modo da aprirne la relativa finestra (3). Dal riquadro Operazioni file e cartella fare clic su Crea nuova cartella (4) che genera, appunto, una cartella nominata Nuova cartella. Questa etichetta, generata automaticamente, è già in modalità Rinomina (5) (la scritta, bordata, è 1 evidenziata in azzurro); si digita, direttamente, il nome che si vuole attribuire e premere su INVIO Per la creazione di ulteriori sottocartelle, ovvero cartelle contenute all interno di altre cartelle, il modo di procedere è lo stesso: si clicca sulla cartella principale in modo da aprirla, quindi, sempre dal riquadro Operazioni file e cartella, 5 34 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

37 si fa clic su Crea nuova cartella, si digita il nome da assegnare al nuovo elemento e si clicca su INVIO. 6 Una ulteriore modalità per creare una cartella è quella di cliccare con il pulsante destro del mouse (6) su un'area vuota della finestra della cartella o del desktop; dal menu di scelta che è visualizzato, si clicca sul comando Nuovo (7) provocando l apertura di un ulteriore sottomenù contenente l elenco degli oggetti che possono essere creati. Infine fare clic sulla voce Cartella (8). 7 8 A questo punto E creata la nuova cartella cui digitare, il nome che gli si vuole attribuire e si conclude premendo il tasto INVIO. 3.2 Trovare, rinominare, riordinare i file e/o le cartelle e modificarne il tipo di visualizzazione Delle volte non ricordiamo dove un determinato file od una cartella sono stati memorizzati; può succedere che l oggetto che stiamo cercando è stato inserito in una cartella che a sua volta è annidata all interno di altre cartelle contenute, anche loro, all interno di ulteriori cartelle (proprio come delle matrioske ). Se poi non è stato adottato alcun metodo di archiviazione che ci permetta, in modo logico, di trovare il percorso, diventa oltremodo difficile rintracciare ciò che ci necessita. Per aiutarci il sistema operativo ci fornisce un utilità chiamata Cerca ed attivabile tramite l icona presente nel menù di avvio. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 35

38 Cliccando su Cerca viene visualizzata la finestra chiamata Risultati della ricerca in cui, nel riquadro Scegliere un oggetto da cercare:, sono presenti le varie tipologie di ricerca. Pensiamo di cercare un documento il cui nome contiene la parola corso. Il sistema cercherà e visualizzerà, nel formato scelto tramite il menù Visualizza, tutti i documenti, non solo in WORD, che contengono nel titolo la parola corso. A questo punto non resta che scorrere l elenco di tutti i documenti trovati, per individuare quello che si stava cercando; cliccandoci sopra si apre per utilizzarlo secondo esigenza. È possibile che sia necessario cambiare il nome ad un file o ad una cartella; in questo caso si procede come, di seguito, descritto. 36 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

39 Per primo è necessario individuare l oggetto da rinominare, anche tramite il comando Cerca se non ricordiamo subito ove è memorizzato, e si clicca sopra la sua icona: Dopo aver evidenziato il file da rinominare, dal menù File si sceglie il comando Rinomina che permette l inserimento del nuovo nome. Si preme il tasto INVIO per confermare la variazione. N.B. I nomi di file non possono contenere i seguenti caratteri: \ / : *? " < >. È possibile rinominare un oggetto anche cliccandoci sopra con il tasto destro del mouse aprendo, in tal modo, un menù di scelta con le sole azioni o comandi possibili, in quel momento, sull oggetto stesso. Tra le voci elencate è presente anche Rinomina. Si prosegue come già visto. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 37

40 Riorganizzazione dei file e delle cartelle Per comodità di archiviazione e, quindi, per rendere più facile il reperimento di un file o di una cartella, può essere necessario organizzare i suddetti oggetti all interno del contesto (cartella o desktop) in cui sono memorizzati. La disposizione degli oggetti contenuti all interno di una cartella avviene tramite il menù Visualizza ove, cliccando sulla voce Disponi icone per si apre un sottomenù con le modalità di disposizione tra cui scegliere. Le opzioni dell elenco sono spiegate nella tabella successiva (disposizione delle icone sul desktop) tranne: Visualizza in gruppi. L'opzione consente di raggruppare i file in base a qualsiasi dettaglio del file, ad esempio per nome, dimensione, tipo o data dell'ultima modifica. Se si raggruppano ad esempio i file per tipo di file, i file di immagine saranno visualizzati in un gruppo, quelli di Microsoft Word in un altro e quelli di Excel in un terzo gruppo. Per disporre le icone del desktop si posiziona il cursore del mouse su un punto libero da icone o altro dello schermo, quindi si clicca con il tasto destro del mouse. 38 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

41 Si apre un menù di scelta contenente la voce Disponi icone per su cui si clicca per visualizzare un sottomenù contenente le modalità di disposizione tra cui effettuare la scelta in base a quanto descritto nella sottostante tabella. Nome Fare clic su Dimensione Tipo Ultima modifica Disposizione automatica Allinea alla griglia Mostra icone del desktop Per Disporre le icone in ordine alfabetico in base al nome. Disporre le icone in base alla dimensione del file. Se l'icona rappresenta un collegamento a un programma, la dimensione cui si fa riferimento è quella del collegamento. Disporre le icone in base al tipo. Ad esempio, se nel desktop sono presenti collegamenti a varie presentazioni di PowerPoint, queste saranno disposte l'una accanto all'altra. Disporre le icone in base alla data dell'ultima modifica al collegamento. Disporre le icone in colonne sul lato sinistro dello schermo. Disporre le icone sullo schermo nelle posizioni definite da una griglia invisibile. La griglia consente di allineare le icone tra loro. Nascondere o visualizzare le icone del desktop. Quando questo comando è selezionato le icone sono visualizzate sul desktop. Tabella delle opzioni del comando Disponi icone per relativo al desktop. Tipi di visualizzazione di file e cartelle. Si è accennato, precedentemente, a come può essere visualizzato un file od una cartella in base alla scelta fatta tramite il menù Visualizza presente nella barra dei menù della finestra relativa alla cartella che li contiene. Dall elenco di voci presenti in questo menù vediamo quelle relative al tipo di visualizzazione degli oggetti ed il loro significato: ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 39

42 Anteprima. In visualizzazione Anteprima le immagini contenute in una cartella sono visualizzate nell'icona della cartella per consentire una più rapida identificazione del contenuto della cartella. Se si archiviano immagini in numerose cartelle, in visualizzazione Anteprima è possibile identificare immediatamente la cartella che contiene l'immagine desiderata. Sullo sfondo di una cartella sono visualizzate per impostazione predefinita fino a quattro immagini. Per identificare una cartella in visualizzazione Anteprima è tuttavia possibile scegliere di visualizzare una sola immagine. Il nome completo della cartella è visualizzato sotto alla miniatura. Titoli. In visualizzazione Titoli i file e le cartelle sono visualizzati come icone. Le icone sono più grandi di quelle della visualizzazione Icone e le informazioni di ordinamento selezionate sono visualizzate sotto al nome del file o della cartella. Se si ordinano ad esempio i file per tipo, sotto al nome di un documento di Microsoft Word viene visualizzato "Documento Microsoft Word". Icone. In visualizzazione Icone i file e le cartelle sono visualizzati come icone. Il nome del file è visualizzato sotto alla rispettiva icona. Le informazioni di ordinamento non sono invece visualizzate. In questa visualizzazione è possibile visualizzare file e cartelle in gruppi. Elenco. In visualizzazione Elenco il contenuto di una cartella è visualizzato sotto forma di elenco di nomi di file o di cartelle preceduto da piccole icone. Questa visualizzazione è utile se la cartella contiene molti file e si desidera scorrere l'elenco per cercare un nome di file. In questa visualizzazione è possibile ordinare file e cartelle, ma non è consentito visualizzare i file in gruppi. Dettagli. In visualizzazione Dettagli sono visualizzati il contenuto della cartella aperta e informazioni dettagliate sui relativi file, incluso nome, tipo, dimensione e data dell'ultima modifica. In visualizzazione Dettagli è inoltre possibile visualizzare i file in gruppi. 3.3 Visualizzare le proprietà di una cartella Per poter interagire in modo appropriato con una cartella è spesso necessario conoscere le caratteristiche della cartella stessa. Ad esempio, se si vuole duplicare una cartella, con il suo contenuto, su di un supporto removibile per eseguire una copia di sicurezza o per il trasferimento su altro computer, è necessario conoscere l esatta posizione in cui, la cartella in questione, è memorizzata. Se l icona di riferimento fosse un collegamento, copieremmo solo questo, mentre i dati a noi necessari non sarebbero trascritti in quanto contenuti nella cartella originale, posizionata da qualche altra parte nel computer. Per conoscere tutte le informazioni relative ad una cartella si è necessario cliccare su di essa con il tasto destro del mouse. Dal menù di scelta che è visualizzato si clicca sulla voce Proprietà. Si apre l omonima finestra in cui sono presenti tre schede: Generale, Condivisione e Personalizza : 40 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

43 Nella prima scheda sono presenti le informazioni relative al nome, al tipo di oggetto (in caso di un file si fa riferimento all applicazione con cui è stato creato), alla posizione in cui è memorizzato, la dimensione dell oggetto, lo spazio effettivo occupato su disco, numero di oggetti contenuti, data di creazione, se modificabile e/o visibile. Nella seconda scheda sono presenti le informazioni relative alla condivisione con altri utenti e le modalità per permettere e/o limitare la condivisione. L ultima scheda permette variazioni all aspetto grafico dell oggetto personalizzandolo secondo la volontà dell utente. N.B. Cliccando con il tasto destro del mouse su un oggetto (od in un contesto come il desktop, la barra delle applicazioni, ecc.), è visualizzato un menù di scelta in cui sono visibili i soli comandi, e/o funzioni, eseguibili in quel determinato contesto o su quello specifico oggetto in quel particolare momento. Se l icona selezionata si riferisce ad un collegamento, la finestra delle Proprietà contiene la scheda Generale e la scheda Collegamento. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 41

44 Nella prima si hanno delle informazioni aggiuntive che riguardano la data dell ultima modifica effettuata e la data di quando l oggetto à stato aperto l ultima volta. La seconda scheda specifica dove è memorizzato l oggetto originale (Destinazione) cui fa riferimento il collegamento. 3.4 Duplicare, spostare Per selezionare più file e cartelle è necessario, per primo, aprire la cartella che li contiene e quindi procedere con una delle modalità esposte secondo le necessità. Per selezionare più file o cartelle adiacenti, fare clic sul primo oggetto, quindi fare clic sull'ultimo oggetto tenendo premuto contemporaneamente il tasto MAIUSC. Per selezionare più file o cartelle non adiacenti, tenere premuto CTRL mentre si selezionano i singoli oggetti. Per selezionare tutte le cartelle o i file visualizzati nella finestra, scegliere Seleziona tutto dal menu Modifica nella barra dei menù della finestra aperta. N. B. Se si sono selezionati tutti i file o tutte le cartelle e si desidera annullare la selezione, fare clic su un'area vuota della finestra della cartella. Per copiare un file o una cartella è necessario, per primo, aprire la cartella che li contiene (1). Se non si riesce a trovare il file o la cartella da copiare, utilizzare il comando Cerca per individuarlo (fare clic sul pulsante Start e quindi fare clic su Trova) Selezionare il file o la cartella da copiare; in Operazioni file e cartella fare clic su Copia il file o Copia la cartella (2). In Copia elementi selezionare l'unità o la cartella di destinazione e quindi fare clic su (3). 42 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

45 1 2 2 Le due finestre contrassegnate con il numero 2, in effetti, rappresentano la stessa finestra (riferita al Disco rimovibile G:); la differenza è nelle voci contenute nel riquadro Operazioni file e cartella che cambiano in base all oggetto selezionato. È possibile copiare più file o cartelle alla volta. Per selezionare più file o cartelle adiacenti, fare clic sul primo oggetto, quindi fare clic sull'ultimo oggetto tenendo premuto contemporaneamente il tasto MAIUSC. 3 Per selezionare più file o cartelle non adiacenti, tenere premuto CTRL mentre si selezionano i singoli oggetti. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 43

46 Per spostare un file o una cartella si procede esattamente come è stato fatto per il precedente punto, relativo alla copia di un file o di una cartella. La differenza sta nel selezionare il comando Sposta cartella o Sposta file nel riquadro Operazioni file e cartella. La finestra Sposta elementi, analogamente alla copia, invita a selezionare la posizione in cui spostare l elemento selezionato. È possibile spostare un file od una cartella tramite trascinamento: dopo aver individuato l oggetto da spostare è necessario assicurarsi che il punto in cui si desidera spostare il file o la cartella è visibile. Se, ad esempio, si sposta un file dalla cartella Documenti (aperta a tutto schermo) sul desktop, è necessario ridimensionare la finestra Documenti per rendere visibile il desktop. Si clicca sull oggetto e si trascina nella posizione desiderata. Se si trascina un oggetto tenendo premuto il pulsante destro del mouse, è possibile spostare, copiare o creare un collegamento al file in un'altra posizione in quanto, rilasciando il tasto del mouse, è visualizzato un menù in cui scegliere l operazione che si vuole eseguire. N.B. Per copiare l'oggetto anziché spostarlo, tenere premuto CTRL durante il trascinamento. Se si trascina un oggetto in un altro disco, sarà copiato anziché spostato. Per spostare l'oggetto, tenere premuto MAIUSC durante il trascinamento. Se si trascina un programma in un'altra posizione, sarà creato un collegamento al programma. Per spostare un programma, fare clic con il pulsante destro del mouse e trascinare il programma nella nuova posizione. Per spostare un programma è necessario essere connessi come amministratore. 3.5 Backup di file e cartelle Eseguire la copia periodica dei dati oggettivamente importanti, permette una continuità e tranquillità lavorativa, proteggendo il sistema da una loro perdita. Normalmente è abitudine eseguire delle copie di file registrandoli su floppy disk, o masterizzandoli su cd-rom, o scrivendoli all interno di una pen-drive. Per quanto riguarda la creazione di una copia dei dati su di un supporto fisso o rimovibile si procede come già detto nel paragrafo relativo alla spiegazione sull esecuzione della copia di un file o cartella. Salvando in questo modo gli oggetti, essi sono immediatamente disponibili all utilizzo ma, normalmente, questo sistema è utilizzato per duplicare solo alcuni dati e non tutto il contenuto del disco fisso; per operare in tal senso è preferibile utilizzare un apposita procedura. L'utilità backup, fornita dal sistema operativo Windows, permette di creare una copia dei file e delle impostazioni del computer in uso. Nel caso che i dati presenti sul disco rigido, per un guasto 44 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

47 dello stesso, diventino inaccessibili o, per errore, siano cancellati o soprascritti, è possibile utilizzare la copia per ripristinare i dati danneggiati o persi. Per avviare la procedura di backup (o di ripristino) dei dati si procede cliccando, in successione, su start (1), Accessori (2), Utilità di sistema (3) e Backup (4): Viene visualizzata la finestra al lato in cui è possibile scegliere tra la modalità guidata, che per la selezione presente nella casella di avvio è quella predefinita (5), o quella avanzata. Cliccando su Avanti> si passa alla finestra di scelta del tipo di operazione da eseguire: 5 Backup o Ripristino Selezionando il Ripristino dei file e delle impostazioni sarà visualizzata la finestra in cui figureranno i file di backup, precedentemente creati ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 45

48 se non presenti, tramite il pulsante Sfoglia è possibile specificare il percorso tramite il quale è possibile prelevare il file da ripristinare. Scegliendo l operazione Backup dei file e delle impostazioni si aprirà la finestra relativa agli Elementi di cui eseguire il backup, in cui sono previste quattro possibilità. Documenti e impostazioni che limita il backup ai soli oggetti presenti nella cartella Documenti, nel desktop e nelle cartelle contenenti i collegamenti preferiti ed i cookie 11. Documenti e impostazioni di tutti gli utenti che, nel backup, prevede gli stessi dati della precedente scelta, relativi a tutti gli utenti configurati nel computer. dell intero contenuto dello hard-disk del computer ed, inoltre, crea un disco di ripristino del sistema utilizzabile per la ricostruzione del sistema operativo in caso di danneggiamento grave di windows o del disco rigido. Tutte le informazioni sul computer in uso che esegue backup 6 Scegliendo uno di questi tre elementi si passa direttamente alla finestra in cui specificare dove eseguire il backup e con quale nome (6). 11 I cookies (in inglese "biscottini") sono piccoli file di testo che i gestori dei siti web, in origine, utilizzano per immagazzinare, nel computer dell'utente, informazioni sull utilizzo del sito stesso. Sono re-inviati al sito web al momento delle visite successive. Purtroppo sono utilizzati anche per memorizzare informazioni relative alle abitudini dell utente, ad esempio il carrello acquisti o le pagine personalizzate e, poiché tengono traccia dei siti visitati, possono rappresentare un rischio per la privacy. 46 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

49 La quarta possibilità, Scelta elementi di cui eseguire il backup, visualizza la finestra in cui selezionare le cartelle e/o i file di cui si vuole effettuare il backup per passare, poi, alla finestra di definizione di dove si vuole eseguire il salvataggio. Alla fine di tutti i passaggi si arriva alla finestra di riepilogo contenente tutte le impostazioni che sono state create. Cliccando su Fine si avvia il backup. In questa finestra è presente il tasto Avanzate tramite il quale è possibile definire il tipo di backup che si vuole effettuare: Normale Copia Incrementale Differenziale Giornaliero Di seguito sono spiegate le caratteristiche salienti dei cinque diversi tipi di backup. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 47

50 Backup normale: copia tutti i file selezionati e li contrassegna come file di cui è stato eseguito il backup. Con i backup normali sarà sufficiente la copia più recente del file di backup per ripristinare tutti i file. Il backup normale è generalmente eseguito la prima volta che si crea un set di backup. Backup copia: copia tutti i file selezionati senza tuttavia contrassegnarli come file di backup (rimane selezionato l'attributo archivio ). Backup incrementale: copia soltanto i file creati o modificati dopo l'ultimo backup normale o incrementale. Tali file sono contrassegnati come file di backup. Se utilizzati in combinazione con il backup normale (nella creazione di un set di backup), per il ripristino dei dati sarà necessario disporre dell'ultimo backup normale e di tutti i set di backup incrementali eseguiti da quel momento alla data di ripristino. Backup differenziale: copia i file creati o modificati dall'ultimo backup normale o incrementale. Tali file non sono contrassegnati come file di backup Se utilizzati in combinazione con il backup normale (nella creazione di un set di backup), per il ripristino dei dati sarà necessario disporre dell'ultimo backup normale e dell'ultimo backup differenziale. Backup giornaliero: copia tutti i file selezionati che sono stati modificati il giorno in cui è eseguito il backup giornaliero. Tali file non sono contrassegnati come file di backup. Modalità avanzata. Se nella finestra iniziale dell utility di backup, invece di proseguire con la modalità guidata, si seleziona la Modalità avanzata (7), è visualizzata la finestra Utilità di backup in cui sono presenti quattro schede: 7 Pianificazione processi con cui è possibile eseguire una copia di backup dei dati che si avvia automaticamente in una data prestabilita. Ripristina e gestisci supporti con cui è possibile avviare il ripristino dei dati precedentemente salvati, dall unità che li contiene. 8 9 Backup in cui è possibile procedere, manualmente, alla creazione di una copia di backup, selezionando (tramite un segno di spunta) l unità e/o le sottounità che contengono i dati che 10 d interesse (8), selezionando i file e/o le cartelle da salvare (9), selezionando l unità e/o il nome del file di backup (10). 48 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

51 Generale. In questa scheda sono presenti tre pulsanti, ognuno dei quali avvia una diversa procedura guidata: Ripristino automatico di sistema guidato. Questa procedura guidata permette di creare un backup dei file di sistema e un disco di ripristino da utilizzare per ripristinare il sistema in caso di errore irreversibile. Ripristino guidato. Questa procedura guidata permette di ripristinare dati di cui in precedenza è stata effettuata una copia di backup. Backup guidato. Questa procedura guidata permette di creare una copia di backup dei dati. Di seguito sono riportati i passi di questa procedura guidata per la creazione del backup. Analogamente si procede anche per gli altri due punti. La prima finestra di colloquio fornisce una spiegazione in merito alla procedura selezionata ed invita a continuare. La successiva finestra invita a scegliere tra tre tipi di backup: Il primo permette di scaricare tutti i dati presenti nel disco fisso quindi, cliccando su Avanti> si passa direttamente alla finestra relativa alla scelta dell unità su cui scaricare i dati ed inserire il nome da assegnare al file di backup (11). Lo stesso avviene se si clicca sul terzo tipo, che crea un backup dei soli file di sistema Il secondo tipo di backup (12) permette il salvataggio dei soli file e/o cartelle selezionate. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 49

52 Cliccando su di esso, viene visualizzata la finestra di colloquio al lato in cui si è stato invitati ad evidenziare, tramite segno di spunta, le unità contenenti i dati (riquadro di sinistra), e gli oggetti da scaricare (riquadro di destra). Eseguite le scelte relative all individuazione degli oggetti da salvare, nella successiva finestra di colloquio, è richiesto di definire su quale unità effettuare il backup, di digitarne il nome da assegnare al salvataggio e di scegliere il tipo di backup da eseguire. Inserite le informazioni richieste, cliccando sulla icona Avanti>, è visualizzata la finestra di riepilogo in cui sono elencate le impostazioni con cui sarà effettuato il backup. Un ultima impostazione può essere ancora effettuata cliccando sull icona Avanzate presente nella finestra di riepilogo. In questo modo è possibile variare il tipo di backup effettuato che, per definizione è il Normale. Tramite la finestra di colloquio che è aperta, è possibile scegliere anche le altre tipologie (Copia, Incrementale, Differenziale e Giornaliero), già spiegate precedentemente a pagina ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

53 3.6 Compressione di file La compressione è una tecnica preposta alla riduzione del numero di byte necessari per memorizzare un'informazione. Generalmente applicate per ridurre le dimensioni di un file. Le tecniche di compressione si dividono in due grandi categorie: LOSSY: comprimono i dati con un processo che comporta una percentuale di perdita della qualità Decomprimendo un file così compresso, la copia ottenuta sarà peggiore dell'originale, ma in genere abbastanza simile da non comportare sostanziale perdita di informazione. Ciò è possibile, poiché questi metodi di compressione, in genere, tendono a scartare le informazioni inutili, archiviando solo quelle essenziali: per esempio comprimendo un brano audio secondo la codifica dell'mp3 non sono memorizzati i suoni non udibili, consentendo di ridurre le dimensioni dei file senza compromettere in modo sostanziale la qualità dell'informazione. LOSSLESS: comprimono i dati attraverso un processo che non comporta perdita d'informazione consentendo, quindi, di recuperare tutta l'informazione ricostruendo esattamente i dati originali partendo dai dati compressi. Un esempio di questo tipo di compressione è dato da tutti i tipi di formati ZIP ed i formati RAR. Nei file in cui non è accettabile una perdita di informazione, come i testi o i programmi, viene utilizzato questo metodo. Per le immagini fotografiche generalmente non si usano algoritmi di compressione in quanto il file compresso potrebbe essere, addirittura, più grande dell originale ma, per le immagini che contengono schemi o disegni realizzati al PC, spesso la compressione è conveniente (GIF, PNG, MNG, TIFF). Windows comprende le funzioni per eseguire due tipi di compressione: la compressione di un unità NTFS la compressione delle Cartelle. Attraverso la compressione è possibile ridurre la dimensione di file, cartelle e programmi e pertanto lo spazio su disco che questi occupano nelle unità o nelle periferiche con archivi rimovibili. La compressione dell'unità riduce lo spazio su disco utilizzato da tutti i file e le cartelle memorizzate in quella unità. Con la compressione NTFS è possibile: comprimere singoli file e cartelle, nonché intere unità di archiviazione formattate con file System NTFS. comprimere una cartella senza comprimerne il contenuto. utilizzare file compressi NTFS senza bisogno di estrarli. visualizzare con un altro colore i nomi dei file e delle cartelle compressi NTFS per facilitarne l'identificazione. Quando si utilizzano file compressi NTFS potrebbe verificarsi un calo delle prestazioni. Quando si apre un file compresso, Windows lo estrae automaticamente e, alla sua chiusura, lo ricomprime. È possibile che questo processo riduca le prestazioni del computer. Per comprimere un unità formattata NTFS, è necessario essere connessi come amministratore quindi si clicca su start (1), presente nella barra delle applicazioni, e, dal menù di avvio si clicca su Risorse del computer (2). E visualizzata la finestra relativa alle ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 51

54 Risorse del computer in cui si seleziona l unità di tipo NTFS (3), cliccandoci sopra con il tasto destro del mouse (4). Si apre la finestra di contesto da cui selezionare la voce Proprietà per visualizzare l omonima finestra composta da cinque schede. Nella prima scheda, chiamata Generale, è riportato il tipo di file system (che deve essere NTFS per poter essere compresso). Si seleziona la voce Comprimi unità per risparmiare spazio su disco (6) e si conferma cliccando sul tasto OK (7). Viene visualizzata la finestra Conferma cambiamenti attributi, in cui specificare fino a quale livello applicare la compressione, si conferma tramite OK (8). Ha inizio la compressione, segnalata da un apposita finestra (rappresentata al lato) con visualizzazione dello stato d avanzamento della funzione in corso. 52 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

55 Con la compressione delle cartelle è possibile: utilizzare meno spazio su disco; utilizzare una cartella compressa e i file o programmi in essa inclusi come una cartella non compressa; comprimere file, programmi o altre cartelle trascinandoli nella cartella compressa (identificata dall'icona con il simbolo della cerniera lampo); visualizzare direttamente i file inclusi in una cartella compressa oppure estrarli prima di aprirli; condividere cartelle compresse con altri utenti, anche se utilizzano programmi di compressione file diversi; proteggere con una password le cartelle compresse. In tal modo è possibile proteggere i dati salvati in una cartella di rete condivisa, allegati a un messaggio di posta elettronica o trasferiti tra casa e ufficio utilizzando dischi floppy. Per creare una cartella compressa, sia che la si voglia sul desktop (in questo caso si clicca con il tasto destro del mouse, in un punto vuoto del desktop, per aprire il menù di contesto) (A) A che all interno di un altra cartella, cliccando sul menù File, si sceglie il comando Nuovo (1), dal menù che è visualizzato. Questo aprirà un ulteriore lista di voci nella quale è presente Cartella compressa (2) su cui si clicca. Viene creata una cartella compressa identificata dalla icona con il simbolo della cerniera lampo (3) cui si deve attribuire un nome. A questo punto si selezionano i file e/o le cartelle che si vogliono comprimere (inserendole all interno della cartella compressa), e si trascinano nella nuova cartella compressa (4) (nell esempio la cartella compressa si chiama prova. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 53

56 Comparando le proprietà delle due cartelle, l originale (bodycompleto_files) e la nuova cartella compressa (prova), si possono notare le due differenti dimensioni riferite allo spazio occupato sul disco (5). La compressione di cartelle con la funzionalità Cartelle compresse non riduce le prestazioni del computer. N.B. L'installazione di un programma di compressione diverso determina l'eliminazione della voce Cartella compressa dal menu di scelta rapida e la sua sostituzione con l'icona del nuovo programma di compressione. Per estrarre file e/o cartelle da una cartella compressa, si selezionano e si trascinano, fuori della cartella compressa, in un altra posizione. Se il file è protetto con una password è necessario immetterla per poterlo estrarre nella cartella specificata. Quando un file viene estratto, una copia compressa resta nella cartella compressa. Per eliminare la versione compressa, fare clic con il pulsante destro del mouse sul file e quindi scegliere Elimina. Quando si estrae un file protetto da una password da una cartella compressa, il file estratto non è più protetto. 54 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

57 3.7 Eliminare, ripristinare un oggetto L eliminazione di un oggetto, sia esso un file od una cartella, avviene con il suo spostamento in un contenitore chiamato Cestino. Il Cestino rappresenta una misura di protezione contro eliminazioni involontarie o inappropriate di file e cartelle. I file e le cartelle eliminati dal disco rigido sono spostati automaticamente nel Cestino e l'icona del Cestino è cambiata da vuota a piena. Gli elementi memorizzati nel Cestino sono rimossi solo quando l'utente decide di eliminarli in modo definito dal computer svuotando il Cestino. Tali elementi continuano quindi a occupare spazio sul disco rigido e possono essere recuperati o ripristinati nella posizione originale. Gli elementi eliminati da un disco floppy o da un unità di rete sono rimossi in modo permanente e non sono salvati nel Cestino. Eliminare file, directory/cartelle collocandoli nel cestino Fare clic sul file o sulla cartella da eliminare evidenziandola (1). In Operazioni file e cartella (2) fare clic su Elimina il file o Elimina la cartella (3). È possibile anche selezionare Elimina presente nel menù File della barra dei menù (4). 5 Quando il file o la cartella da eliminare sono posizionati nel desktop la loro eliminazione è possibile cliccandoci sopra con il pulsante destro del mouse e quindi scegliere Elimina (5) dal menù di contesto che viene visualizzata. È valida anche la selezione dell oggetto cliccandoci sopra e, mantenendo premuto il tasto sinistro del mouse, trascinarlo direttamente nel Cestino. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 55

58 Tranne che per il trascinamento diretto nel Cestino, negli altri due casi apparirà una finestra di richiesta di conferma della volontà di eliminare l oggetto selezionato. Ripristinare file, directory/cartelle presenti nel cestino. Per recuperare un file eliminato, fare doppio clic sull'icona Cestino (1) sul desktop. Evidenziare, cliccandoci sopra, l elemento da ripristinare (2) Dal riquadro Operazioni cestino, scegliere la voce Ripristina elemento (3) L oggetto ripristinato si sposta dal cestino, ritornando nella posizione originale (quella che occupava prima della sua cancellazione) (4). 4 5 Un altra possibilità è quella di cliccare, con il pulsante destro del mouse, sul file (o cartella) da recuperare e quindi, dal menù di contesto che viene visualizzato, scegliere Ripristina (5). 56 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

59 Svuotare il cestino. Come già accennato, lo spostamento di un oggetto all interno del Cestino, non ne provoca la reale rimozione dal computer, in questo modo è possibile recuperarlo nel caso di un ripensamento o di un errore. Per eliminare un file in modo definitivo è necessario svuotare il cestino o, se è l unico che si vuole eliminare, selezionarlo all interno della finestra Cestino cliccandoci sopra con il pulsante destro del mouse e quindi, dal menù di contesto che viene visualizzato, scegliere la voce Elimina. Sul desktop fare doppio clic sull'icona Cestino. Per svuotare il Cestino è necessario cliccarci sopra due volte in modo da aprire la relativa finestra. Dal menu File scegliere Svuota cestino (1). 1 E visualizzata una richiesta di conferma prima di procedere alla effettiva eliminazione, degli elementi contenuti nel cestino, dal computer. Dopo aver cliccato sul pulsante Si, il cestino è svuotato del suo contenuto come mostrato nella sottostante figura. Se si desidera rimuovere solo alcuni elementi dal Cestino, tenere premuto il tasto CTRL e cliccare sugli elementi desiderati (anche non consecutivi), quindi scegliere Elimina dal menu File. Lo svuotamento del Cestino comporta l'eliminazione definitiva dei file. Per cancellare immediatamente un oggetto dal computer tenere premuto il tasto MAIUSC e trascinare l oggetto da eliminare nel Cestino. Il file è eliminato definitivamente e non è possibile recuperarlo dal Cestino. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 57

60 4. Virus 4.1 Concetti Un virus è un programma che, se eseguito, è in grado di replicarsi più e più volte all interno dei file infettandoli. Come i virus biologici anche i virus dei computer possono diffondersi velocemente e spesso sono difficili da estirpare. Possono causare danni al software (dal visualizzare messaggi o immagini, alla distruzione di file o formattazione del disco fisso) ed alcune volte anche all hardware (ad esempio generando un comando per fermare la ventola di raffreddamento). Se il virus non contiene una routine dannosa, può in ogni caso causare disagi occupando spazio di salvataggio, memoria e diminuire l efficienza del computer. Un virus è composto, come per tutti i software, da un insieme di istruzioni, generalmente in numero ridotto, ed è specializzato per eseguire soltanto poche e semplici operazioni, utilizzando il minor numero di risorse per farsi notare il meno possibile. I virus dei computer hanno un ciclo di vita che inizia, quando sono creati e termina, quando sono completamente sradicati. Oggigiorno chiunque con una minima conoscenza di programmazione può creare un virus che, se ben progettato, si replica per lungo tempo prima di attivarsi, dandogli così parecchio tempo a disposizione per diffondersi. I virus che hanno una routine dannosa si attivano, quando incontrano certe condizioni, per esempio, in una certa data o quando un utente compie una determinata azione. I virus senza routine dannosa non si attivano, ma causano invece danni rubando spazio in memoria. Dopo l attivazione un virus è rilevato, isolato ed inviato all International Computer Security Association, per essere documentato e distribuito ai produttori di antivirus che modificano il loro software in modo da rilevare il nuovo virus. Se la maggior parte degli utenti installassero software di protezione antivirus aggiornati, qualsiasi virus può essere spazzato via. Finora nessun virus è scomparso completamente, ma alcuni hanno cessato di essere una minaccia. La maggior parte dei virus è divisa in quattro importanti classificazioni: Boot sector 12 File infector Multi-partite Macro viruses Boot Sector Viruses. Fino alla metà degli anni 90 era il tipo di virus più diffuso, che si espandeva principalmente tramite floppy disk. I virus da boot sector infettano il boot sector di un floppy disk e si espandono sul disco fisso dell utente e possono anche infettare il master boot record (MBR) sul disco fisso dell utente. Una volta che il MBR o il boot sector del disco fisso sono infettati, il virus cerca di infettare il boot sector di qualsiasi floppy disk che è inserito e letto da quel computer. I virus da boot sector sono caricati in memoria durante il processo di bootstrap (inizializzazione del sistema), prima che il sistema operativo sia caricato in memoria centrale, ciò permette loro di avere il pieno controllo delle interruzioni DOS e di conseguenza diffondersi e causare danni. La pulizia di un virus da boot sector puo essere effettuata facendo ripartire la macchina da un dischetto di sistema non infettato anziché dal disco fisso o cercando il boot sector originale e sostituendolo nell esatta locazione sul disco. File Infecting Viruses. I virus che infettano i files, noti anche come virus parassiti, operano in memoria e di solito contaminano i file eseguibili con le seguenti estensioni: *.COM, *.EXE, *.DRV, *.DLL, *.BIN, *.OVL, *.SYS. Essi si attivano ogni qualvolta che un file infetto è 12 Il boot sector (settore di caricamento del sistema) è il primo settore di un qualsiasi dispositivo di memoria di massa (floppy disk, hard disk), da cui il computer legge le prime istruzioni da eseguire, successivamente all esecuzione quelle presenti nella memoria BIOS (inserite dalla casa costruttrice della scheda madre e non modificabili). Nel caso dell' hard-disk questo settore viene chiamato Master Boot Record, invece di boot sector, in quanto un disco fisso può avere diverse partizioni e il nome di boot sector viene dato al primo settore di ogni partizione. 58 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

61 eseguito autoreplicandosi in altri file eseguibili e possono rimanere in memoria anche dopo che il virus è stato attivato. Multi-Partite Viruses. I virus multi-partizioni hanno le caratteristiche sia dei virus da boot sector che dei virus che infettano i file. Macro Viruses. I Macro Virus sono i virus che si diffondono più velocemente; diversamente da altri tipi di virus, i macro virus non attaccano un sistema operativo specifico e si diffondono con facilità tramite allegati di posta elettronica, floppy disk, scaricamenti da Web, trasferimenti di file e applicazioni cooperative. In effetti, un virus è solo uno dei vari tipi di software contaminanti che costituiscono la più generale categoria dei malware (contrazione dei termini inglesi malicious = maligno e software) che letteralmente si può tradurre in programma maligno. La categoria dei malware è, data la continua e rapida evoluzione, in costante crescita e, al momento, è costituita da: Virus: è un codice o un programma che infetta un altro programma o il settore di avvio o di partizione di un disco o un documento con macro, inserendo sé stesso o allegandosi a tale supporto. Worm (verme): è un programma che duplica sé stesso e si diffonde da disco a disco o tramite od altri meccanismi di trasporto. Trojan horse (cavallo di troia): non duplica se stesso, ma compromette la sicurezza di un computer. Si trasmette utilizzando un travestimento ovvero si annida all interno di un programma apparentemente utile. La loro azione può compromettere l intero sistema o distruggere i dati e consentono, scavalcando i normali controlli, l accesso ad altri computer. Dialer (compositore telefonico): sono programmi che compongono un numero telefonico, a tariffa elevata, per la connessione ad un sito Internet a pagamento. I dialer si installano e svolgono la loro attività all insaputa dell utente. Backdoor (porta di servizio). Nate per permettere una gestione remota ed una manutenzione più agevole da parte dell amministratore del sistema, consentono di superare le procedure di sicurezza di un sistema informatico permettendo ad un utente esterno di controllare il computer senza il consenso del proprietario. Sono installate in abbinamento ad un trojan o ad un worm. Spyware (da spy = spia e software). Sono usati per raccogliere informazioni sulle attività online di un utente (siti visitati, acquisti eseguiti in rete ecc) a sua insaputa, trasmettendole in rete a chi le utilizzerà per trarne profitto (ad esempio pubblicità mirata). Simili ai trojan, si diffondono sfruttando altri software che li ospitano; spesso i programmi diffusi gratuitamente sono gli untori di questo tipo di epidemia. In alcuni casi, la stessa applicazione che promette di liberare dagli spyware ha in realtà installato spyware o è essa stessa uno spyware. Hijacker (dirottatore). Prendono il controllo di un browser per modificarne la pagina iniziale o farlo accedere automaticamente a siti indesiderati. Rootkit: Sono usati per nascondere delle backdoor e rendere più difficile l individuazione, da parte dei programmi tipo antivirus, la presenza di particolari spyware e trojan. Rabbit (coniglio). Non infettano i file come accade per i virus, ma si duplicano a grande velocità su disco, o attivano in continuazione nuovi processi in esecuzione, esaurendo in breve le risorse del sistema. Hoax (beffa/burla). Si tratta solitamente di un messaggio di posta che è distribuito per "catena di sant'antonio" e che descrive un ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 59

62 improbabile tipo di virus dagli effetti devastanti. L'hoax è riconoscibile dall'assenza di allegati , dalla mancanza di riferimenti ad una terza parte in grado di convalidare la tesi sostenuta e dal tono generale del messaggio. Per cercare di limitare l aggressione dei malware è necessario utilizzare dei software, detti antivirus, atti a rilevare ed eliminare virus, trojan, worm e dialer. Dato che l antivirus è in grado di rilevare solo i virus riconosciuti, ovvero quelli compresi nel suo elenco delle minacce, è fondamentale eseguire un aggiornamento di questo elenco con cadenza giornaliera o, per lo meno, ogni volta che si accende il computer in modo di avere la più ampia protezione possibile. Altro limite di questo software è il fatto che il virus è rilevato solo, quando questi è già penetrato nel computer ed aver infettato un file o la memoria; solo dopo il programma cerca di eliminare il virus e, se questo non fosse possibile, il file infetto è messo in quarantena per un suo eventuale recupero futuro, o successiva eliminazione. Considerando che l antivirus, da solo, non è in grado di garantire la sicurezza del sistema è necessario ricorrere ad un ulteriore protezione chiamata firewall (muro di fuoco). Questi apparati di rete hardware o software, che si frappongono alla rete esterna, filtrano tutti i dati entranti ed uscenti ad una rete od un computer applicando le regole impostate dall utente per permetterne o negarne il transito. Per cercare di limitare la possibilità di essere infettati è bene seguire alcune semplici regole: - usare un programma antivirus che riconosca in tempo reale un virus e lo elimini. L antivirus deve essere costantemente aggiornato per riconoscere anche i nuovi virus che giornalmente appaiono sulla rete; - usare un programma che controlli gli accessi non desiderati (firewall). Il sistema operativo Windows XP già contiene un firewall; - non eseguire né installare mai sul proprio PC programmi e software di provenienza sconosciuta; - non eseguire allegati di di provenienza non sicura. Se l allegato è di tipo.exe,.vbs o.com non eseguirlo a meno di non essere assolutamente certi che non contenga virus; - non aprire messaggi di posta elettronica di mittenti sconosciuti. 4.2 Gestione dei virus Nel punto precedente è già stato accennato al motivo dell aggiornamento costante del software antivirus installato nel computer. Solo un continuo aggiornamento permetterà di rilevare, una volta attivatisi, anche la maggior parte degli ultimi virus diffusi dai creatori di malware. È, tuttavia, preferibile evitare una possibile infezione eseguendo la scansione 13 di un allegato dubbio, un file od una cartella sospetti, il contenuto di un floppy-disk o di una pen-drive usati per trasferire dati. Scansione è la funzione del programma antivirus installato, che permette di scegliere il file o lo specifico oggetto da verificare e disinfettare. Se il file contenete il virus non può essere riparato, viene messo in quarantena, per successivi tentativi di ripristino ma, se di scarsa importanza, è preferibile eliminarlo definitivamente dal computer. 13 In informatica è il termine con cui si definisce l attività di controllo rilevamento ed eliminazione dei virus 60 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

63 5. Gestione stampe Le operazioni di stampa in Windows iniziano con l'attivazione di una connessione a una stampante. Dopo la connessione è possibile procedere alla stampa di file, tenere traccia dello stato di avanzamento dei processi di stampa, nonché annullare o riavviare i processi di stampa. 5.1 Installazione L installazione di una stampante, come per tutte le periferiche, si compone di tre passi fondamentali: 1. collegamento al computer, 2. caricamento dei driver di periferica appropriati, 3. configurazione delle proprietà e delle impostazioni della periferica. In genere è consigliabile seguire le istruzioni fornite dal costruttore che provvede, anche, a fornire il software (driver) necessario per il controllo e la gestione di quel particolare tipo di stampante. È possibile eseguire un istallazione selezionando l icona Stampanti e fax, presente nella finestra di avvio, che si apre cliccando su Start nella barra delle applicazioni. Si apre la finestra relativa alla gestione delle stampanti dove, nel riquadro Operazioni stampante, presente sulla destra della stessa, si clicca sulla voce Aggiungi stampante in modo da far avviare la procedura installazione guidata stampante. La prima schermata della procedura contiene un avviso su come procedere in base al tipo di stampante ed al suo collegamento al computer. Si clicca su Avanti>. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 61

64 La successiva finestra chiede di specificare dove è collegata la stampante da installare e se direttamente al nostro computer, attivare la funzione di riconoscimento ed installazione automatica se di tipo plug and play. 14 Dopo aver confermato cliccando su Avanti>, inizia la ricerca della stampante collegata. Rilevatala, è configu-rata dal sistema ope-rativo che chieste se stampare la pagina di prova. 14 plug and play (letteralmente collega e utilizza) indica una tecnologia che permette al sistema operativo di assegnare automaticamente all'hardware compatibile le risorse necessarie al suo utilizzo. In questo modo anche utenti molto inesperti possono installare nuove schede di espansione. È necessario, comunque, tener presente che l hardware plug and play ha bisogno, nella quasi totalità dei casi, di essere montate a computer spento; 62 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

65 Cliccando su Avanti>, prima di procedere con la stampa della pagina di prova, viene visualizzata la finestra con il riepilogo dei dati relativi alla configurazione effettuata. Se corretti si può terminare la procedura cliccando su Fine ed avviare la stampa di prova. Alla fine si ritorna alla finestra Stampanti e fax in cui è possibile verificare la presenza della stampante appena installata (in questo esempio Hp deskjet 980C). Nel caso la stampante da collegare non sia di tipo plug and play, nella seconda finestra della procedura d installazione guidata stampante, non deve essere selezionato il rilevamento ed installazione automatici di questo tipo di stampante. Si clicca su Avanti>. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 63

66 E richiesta la selezione della porta fisica su cui è collegato l hardware da installare. La maggior parte dei computer utilizza una porta parallela (LPT1) per l'invio di informazioni a una stampante collegata direttamente al computer. Pertanto, selezionare LPT1: (porta stampante consigliata) nell'elenco Utilizza la porta seguente e quindi fare clic su Avanti>. È possibile che alcuni plotter utilizzino una delle porte seriali (COM) per la connessione al computer. In questo caso, selezionare una porta seriale (COM). Successivamente è richiesto di selezionare la marca, scorrendo l elenco dei produttori presente nella parte sinistra della finestra, ed il modello, selezionandolo nell elenco proposto. Se non si individua il modello collegato, è necessario cliccare sul pulsante Windows Update oppure, nel caso si ha a disposizione un supporto rimovibile contenente il software specifico, si clicca sulla voce Disco driver Se, precedentemente, era stato già installato un software specifico per la stampante, è consigliato di mantenerlo. Cliccare su Avanti>. 64 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

67 Nella finestra successiva è proposto (per definizione), un nome da assegnare alla nuova stampante e che può essere modificato se necessario. Sempre in questa finestra si può rendere la stampante come predefinita dal sistema operativo nell esecuzione delle stampe. Cliccando su Avanti> si passa alla richiesta di assegnazione di un nome tramite il quale la stampante può essere resa disponibile ad altri computer, collegati in rete, se si decide di condividerla. A questo punto si prosegue, come già visto, con la finestra di riepilogo delle impostazioni definite e quella di richiesta di stampa della pagina di prova, per finire con la visualizzazione di tutte le stampanti configurate. 5.2 Modificare la stampante di default Per modificare la stampante di default con un altra contenuta nell elenco delle stampanti installate, si procede selezionando l icona Stampanti e fax, 2 3 presente nella finestra di avvio, che si apre cliccando su Start nella barra delle applicazioni. 1 Dalla finestra Stampanti e fax, che viene visualizzata, si seleziona, cliccandoci sopra (1), la stampante che si vuole impostare come predefinita; si clicca sul menù File (2) e, dall elenco dei comandi si seleziona Imposta come stampante predefinita (3). ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 65

68 4 Come si può vedere nell immagine qui a sinistra, accanto alla stampante selezionata è apparso un segno di spunta (4), questo segno evidenzia la stampante che è utilizzata dal sistema operativo. Un altra modalità, per modificare la stampante predefinita, è quella di cliccarci sopra con il tasto destro del mouse in modo da far apparire il menù di contesto; in esso si seleziona il comando Imposta come stampante predefinita (5) ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

69 5.3 Stampare La modalità normale per stampare un file è quella di farlo tramite il programma utilizzato per creare il file stesso; questo significa che per stampare un documento di tipo.doc lo si fa tramite l applicativo word, un foglio di calcolo di tipo.exe tramite excel e così via. Essendo la procedura di stampa uguale per tutta la suite di office, viene preso come esempio la stampa di un documento word. Dalla barra dei menù si clicca sul menù File e, dall elenco che viene visualizzato si seleziona la voce Stampa CTRL+MAIUSC+F12. 1 La finestra Stampa, che viene visualizzata, è divisa in varie parti. Nel riquadro Stampante è proposta la stampante predefinita, che può essere cambiata con un altra, eventualmente presente, in un elenco visibile cliccando sull indicatore di scorrimento (1); tramite il tasto Proprietà è possibile variare le caratteristiche di base della stampante. La finestra, e le voci contenute, relativa alla stampante varia da modello a modello. Nel riquadro Pagine da stampare è possibile stabilire cosa si vuole stampare, in Copie il numero di copie per pagina e loro fascicolazione. In Zoom se si vogliono stampare più pagine in un foglio od aumentare le dimensioni di un formato di stampa. ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 67

70 Durante la stampa di un documento sarà visualizzata un'icona a forma di stampante nell'area di notifica. Al termine della stampa, l'icona scomparirà. 5.4 Visualizzare l avanzamento di un processo di stampa, interromperlo, riavviarlo ed eliminarlo. È possibile visualizzare lo stato di avanzamento di un processo di stampa selezionando l icona Stampanti e fax, presente nella finestra di avvio, che si apre cliccando su Start nella barra delle applicazioni. 2 1 Dalla finestra Stampanti e fax si seleziona la stampante (1) che sta eseguendo il processo di stampa di cui si vuole conoscere lo stato quindi, dal riquadro Operazioni stampante si clicca su Visualizza stampa in corso (2) che provoca la visualizzazione della finestra relativa alla coda di stampa della stampante selezionata (3). N.B. Per aprire la finestra relativa alla coda di stampa, nel caso in Opzioni cartella non fosse stata attivata la funzione Mostra operazioni comuni nelle cartelle, si clicca due volte, rapidamente, sulla stampante che sta eseguendo il processo di stampa di cui si vuole conoscere lo stato. 3 Nella coda di stampa sono visualizzate informazioni relative a un documento, quali lo stato della stampa, il proprietario e il numero di pagine stampate e da stampare. Dalla coda di stampa è possibile annullare o sospendere la stampa di qualsiasi documento inviato alla stampante. 68 ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

71 Per procedere alle operazioni di sospensione, ripresa e/o annullamento di una coda di stampa si può procedere in due modi: 1 cliccare sul documento, per selezionarlo, quindi dal menù Documento scegliere il comando interessato. 2 cliccare due volte, rapidamente, sul documento interessato e, dal menù di contesto che viene visualizzato, si sceglie l azione da eseguire Per annullare la stampa di più documenti, è possibile tenere premuto il tasto CTRL e fare clic su ogni documento che si desidera annullare. Dopo aver selezionato tutti i documenti, fare clic con il pulsante destro del mouse su uno di essi e scegliere Annulla. Ciccare su Si nella finestra di richiesta di conferma: ECDL - Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 69

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file 1 di 1 Uso del computer e gestione dei file Argomenti trattati: Sistema operativo Microsoft Windows: interfaccia grafica e suoi elementi di base Avvio e chiusura di Windows Le FINESTRE e la loro gestione:

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux 2014/04/13 20:48 1/12 Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Introduzione Il prossimo 8 aprile, Microsoft cesserà il supporto e gli aggiornamenti per Windows

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

Cos è. un programma di presentazione. Strumenti di presentazione. Che cos è. una presentazione. Diapositive

Cos è. un programma di presentazione. Strumenti di presentazione. Che cos è. una presentazione. Diapositive Cos è un programma di presentazione Strumenti di presentazione Impostare e creare una presentazione Le applicazioni software per organizzare e presentare in pubblico informazioni multimediali Organizzazione

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli