ULSS n 6 Ospedale San Bortolo Vicenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ULSS n 6 Ospedale San Bortolo Vicenza"

Transcript

1

2 INDICE PREMESSA...2 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI CONDIZIONI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne PRESSIONI DIFFERENZIALI RISPETTO ALL AMBIENTE ESTERNO, PORTATE D ARIA ESTERNA MINIMA DEI LOCALI, GRADO DI FILTRAZIONE Caratteristiche microclimatiche e tipologie impiantistiche Velocità dei fluidi termovettori acqua ed aria Temperatura dei fluidi termovettori acqua ed aria Pressione vapore Requisiti acustici dei vari componenti...5 ALIMENTAZIONE MACCHINE TERMICHE Acqua calda e vapore sterile Vapore sterile Acqua refrigerata Impianto di climatizzazione distribuzione aeraulica Impianto di climatizzazione - Distribuzione fluidi Trattamento dell aria proveniente dalle celle calde Impianto idrico sanitario - scarico Smaltimento delle acquee potenzialmente radioattive Gas tecnici di laboratorio Sistema di regolazione automatica Posta pneumatica Opere di spostamento impianti esistenti...11 SCHEDE TECNICHE DELL APPARECCHIATURA Unità di trattamento aria (UTA-01) Estrattore aria (EX-01) Estrattore aria cappe (EX-02) Gruppo frigorifero con condensazione ad aria (GF-01) Produttore indiretto di vapore (SC-02) Scambiatore a fascio tubiero (SC-01) Elettropompe gemellari (EP-01) Elettropompe gemellari (EP-02) Elettropompe gemellari (EPR) Stazione di compressione gas potenzialmente radioattivi (ACS) Stazione di produzione aria compressa...14

3 PREMESSA La presente relazione ha lo scopo di descrivere la composizione ed il funzionamento degli impianti di climatizzazione, idrico sanitari, antincendio e gas tecnici previsti nell ambito degli interventi di ampliamento previsti nello stabile appartenente all Unità Locale Socio Sanitaria n 6 di Vicenza. Gli impianti sono stati progettati in aderenza alle esigenze di: controllo termoigrometrico ed energetico per tutto l'arco dell'anno; garantire le portate di aria esterna di ricambio negli ambienti secondo normative in vigore; garantire la massima sezionabilità degli impianti; ottimizzazione energetica degli impianti e dei consumi. Per soddisfare tali esigenze è stata prevista la tipologia impiantistica ritenuta più idonea in relazione alla destinazione d uso degli ambienti; tali tipologie, accanto alle condizioni termoigrometriche, sono riportate ai punti successivi. IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Norme UNI: specifiche tecniche applicabili; in particolare norma UNI Norme ASHRAE per la valutazione dei carichi termici; Norme per il contenimento del consumo di energia ai sensi della legge n 10 del 09/01/91, Dlgs. 311 del 29 dicembre 2006 Disposizioni correttive e integrative al decreto legislativo 19 agosto 2005 n. 192 recante l attuazione delle direttive 2002/91/CE, relativa al rendimento energetico dell edificio, e relative estensioni, modificazioni e decreti di applicazione Norme specifiche di prevenzione degli incendi e degli infortuni con particolare riferimento agli impianti ed ai materiali. Prescrizioni relative all art.46, comma 3, del D.L. n 277/91 e D.P.C.M, 14/11/97 sulle caratteristiche delle apparecchiature ed impianti inerenti i livelli di rumore emessi e la determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore. Norma UNI 8199 Collaudo acustico degli impianti di climatizzazione e ventilazione - Linee guida contrattuali e modalità di misurazione Norma UNI "Criteri per la costruzione di installazioni adibite alla manipolazione di sorgenti radioattive non sigillate" Norme di buona preparazione dei radiofarmaci in medicina nucleare contenute nel primo supplemento alla XI edizione della Farmacopea ufficiale della Repubblica italiana, di cui all'art. 2 del decreto ministeriale 30 marzo

4 1.1. Condizioni di progetto Vicenza è a 183 m s.l.m. Il D.P.R. n.412 del fissa per Vicenza 2371 GG Zona climatica "E", periodo di riscaldamento invernale 14 h/g dal 15/10 al 15/4 Periodo di condizionamento estivo: sono prevedibili gg/stagione Condizioni termoigrometriche esterne ESTATE INVERNO T ( C) U.R.% T ( C) U.R.% 32, Pressioni differenziali rispetto all ambiente esterno, portate d aria esterna minima dei locali, grado di filtrazione La norma UNI 10491:1995 suddivide in quattro zone differenti le aree dei laboratori e dei reparti a seconda del rischio di irradiazione e/o contaminazione delle zone stesse, esse sono indicate con le lettere A, B, C, D con rischi crescenti da A verso D. Dopo averle definite, la norma prescrive i requisiti fondamentali per la progettazione dell impianto di ventilazione: Zona Ricambi aria ambiente Depressione rispetto altre zone [Vol/h] A 2 5 alcune decine di Pa rispetto zona libera B Pa rispetto zona A C Pa rispetto zona B D Pa rispetto zona C [Pa] Per quanto riguarda la filtrazione dell aria trattata dall impianto, la norma da le seguenti indicazioni: l aria di scarico delle zone deve essere espulsa all esterno mediante filtri ad alta efficienza idonei alla natura ed alla quantità dell effluente; l aria di rinnovo, proveniente dall esterno, deve essere filtrata al fine dei ridurre il carico di polvere; Il collaudo atto a verificare l efficienza dei sistemi di filtrazione dovrà essere effettuato secondo quanto disposto dalla UNI Sulla base dei requisiti riportati nella UNI 10491:1995, si sono definiti i ricambi ora e le pressioni differenziali per i diversi locali in progetto: 3

5 Laboratori: 10 Vol/h -15 Pa Confezionamento: 10 Vol/h -15 Pa Air lock: 10 Vol/h -30 Pa Vestibolo: 10 Vol/h -10 Pa Decontaminazione: 10 Vol/h -10 Pa Manipolazione cellulare: 10 Vol/h -15 Pa Magazzino grigio: 6 Vol/h -15 Pa Spogliatoio: 6 Vol/h 0 Pa Corridoio: 3 Vol/h 0 Pa Caratteristiche microclimatiche e tipologie impiantistiche Destinazione d'uso Laboratorio Radiofarmacia Altri Locali (manipolazione cellulare, confezionamen to, decontaminazi one, ecc.) Spogliatoi, tuisaneria e studi medici Servizi igienici Caratteristiche microclimatiche Filtrazione bistadio centralizzata: pre filtro piano efficienza G4, filtro a tasche rigide efficienza F7. filtri assoluti sui terminali efficienza H14 Temperatura invernale ed estiva 22±1 C Umidità relativa invernale ed estiva 50±10 % Filtrazione bistadio centralizzata: pre filtro piano efficienza G4, filtro a tasche rigide efficienza F7. Temperatura invernale ed estiva 22±1 C Umidità relativa invernale ed estiva 50±10 % Filtrazione bistadio centralizzata: pre filtro piano efficienza G4, filtro a tasche rigide efficienza F7 Temperatura invernale 22±2 C Umidità relativa invernale 50±5 % Temperatura estiva 26±2 C Umidità relativa estiva 50±5 % Temperatura invernale: 20±2 C, u midità relativa: non controllata Tipologia impiantistica Impianto a tutt aria esterna Impianto a tutt aria esterna Impianto a tutt aria esterna Estrazione forzata dell aria Velocità dei fluidi termovettori acqua ed aria Velocità dell'acqua nelle tubazioni: 0,5-2,0 m/s Velocità dell'aria nelle canalizzazioni: -- canali principali 4,5-5,0 m/s -- canali secondari 2,5-3,5 m/s Apparecchiature di diffusione: -- presa aria esterna 2,5 m/s -- bocchette di mandata 1,5-2,5 m/s -- bocchette di estrazione 1,5-2,5 m/s -- diffusore con effetto induttivo nel collo 2,5-4,0 m/s Apparecchiature di scambio termico: 4

6 -- batterie di riscaldamento 2,5 3,0 m/s -- batterie di raffreddamento 1,8 2,5 m/s Temperatura dei fluidi termovettori acqua ed aria Temperatura dell aria di mandata UTA REGIME ESTIVO ( C) Tm = 16 Tm = 22 Tr = Tr = Temperatura dell acqua batterie UTA REGIME ESTIVO ( C) Tm = 7 Tm = 80 Tr = 12 Tr = 70 REGIME INVERNALE ( C) REGIME INVERNALE ( C) Pressione vapore Il vapore primario proveniente dalla centrale termica ha una pressione di 8 bar. Il vapore sterile secondario prodotto tramite produttore indiretto di vapore ha una pressione di 1 bar Requisiti acustici dei vari componenti Tutti i componenti sono stati scelti in modo da rispettare le limitazioni del rumore negli ambienti chiusi secondo il D.P.C.M. 14/11/97 e la UNI e in modo da garantire livelli di rumore adeguati alla destinazione degli ambienti. Con impianti in funzione il livello sonoro rilevato nei locali condizionati non dovrà superare di 3 db(a) (fonometro su scala A) il livello sonoro (di fondo) rilevato a impianti fermi. Nel caso, all'atto delle prove, si rilevino livelli di fondo superiori o inferiori a 30 db(a) l'incremento del livello sonoro ad impianti funzionanti dovrà essere inferiore o superiore a quello prima specificato in ragione di 0,5 db(a) per ogni 5 db di variazione del rumore di fondo. 5

7 ALIMENTAZIONE MACCHINE TERMICHE Acqua calda e vapore sterile All interno della sottocentrale termica del blocco 5 è presente un collettore DN 200 alimentato con vapore primario a 8 bar, proveniente dalla centrale di produzione del vapore, con un stacco DN 50 disponibile al quale verrà collegato il circuito principale del nuovo impianto. Da questa nuova tubazione partiranno due diramazioni: la prima, di diametro DN 32, che andrà ad alimentare uno scambiatore di calore vapore acqua calda e la seconda, di diametro DN 20, che alimenterà un produttore indiretto di vapore. Acqua calda La produzione dell acqua calda, atta ad alimentare la batterie di riscaldamento dell UTA, sarà effettuata mediante uno scambiatore di calore vapore acqua cala (SC-01) collocato all interno della sottocentrale termica del blocco 5 alimentato, come già detto, da vapore primario a 8 bar Vapore sterile La produzione del vapore sterile, atto ad alimentare l umidificatore a vapore dell UTA, sarà effettuata mediante un produttore indiretto di vapore (SC-02) collocato all interno della sottocentrale termica del blocco 5 alimentato, come già detto, da vapore primario a 8 bar e da acqua addolcita preriscaldata proveniente dalla distribuzione esistente Acqua refrigerata Per la produzione dell acqua refrigerata sarà installato, in prossimità dell area di intervento, un gruppo frigorifero con condensazione ad aria dotata di kit idronico (serbatoio inerziale, vaso di espansione e pompe di circolazione). L unità frigorifera avrà ventilatori centrifughi canalizzati. L unità sarà installata in apposito locale tecnico come indicato sugli elaborati grafici. Da questa nuova centrale frigorifera verrà prelevata l acqua refrigerata atta ad alimentare la batteria di raffreddamento dell UTA. 6

8 Impianto di climatizzazione distribuzione aeraulica I locali oggetto d intervento saranno dotati di un impianto a tutt aria esterna prevedendo una unità di trattamento aria (UTA) a servizio del reparto (laboratori e locali ausiliari). L unità di trattamento aria sarà del tipo a sezioni componibili, esecuzione da interno, posizionata nel locale esistente sottostante alla rampa del passo carraio. L unità di trattamento aria sarà composta da: sezione filtrante a doppio stadio (pre filtro piano efficienza G4 + filtro a tasche rigide efficienza F7), batteria di pre riscaldamento ad acqua calda, batteria di raffreddamento ad acqua refrigerata, umidificatore a vapore sterile, separatore di gocce, sezione ventilante composta da n 2 ventilatori (uno di riserva) con motori dotati di inverter e serrande on-off. L aria sarà distribuita in ambiente mediante canalizzazioni in lamiera di acciaio zincata coibentati con materassino in elastomero a celle chiuse. Nelle zone laboratori l aria sarà distribuita mediante diffusori ad alto effetto induttivo. I diffusori a servizio del laboratorio di radio farmacia saranno dotati di filtri assoluti efficienza H14. I locali saranno mantenuti in depressione crescente dalle zone meno a rischio verso le zone più compromesse dal punti di vista della contaminazione radioattiva. A questo scopo saranno inseriti regolatori di portata servo comandati sulle canalizzazioni di ripresa di ogni locale. Il funzionamento di ogni regolatore di portata sarà gestito da controllore elettronico mediante la lettura della pressione differenziale in arrivo dalle sonde di pressione (una inserita nel locale controllato e l altra inserita nel locale di riferimento). Sui canali di mandata di ogni locale saranno invece inseriti regolatori di portata costante. Il trattamento dell aria sarà completato con l inserimento di batterie di post riscaldamento ad acqua calda da canale a servizio dei diversi locali della zona laboratorio. La UTA funzionerà in modo coordinato con l estrattore del tipo a cassonetto installato all interno del cavedio aerato. 7

9 E previsto un sistema di recupero del calore contenuto nell aria di estrazione del tipo a circuito chiuso con batterie di scambio termico inserite sia sulla presa dell aria esterna che sul canale di espulsione dell UTA Impianto di climatizzazione - Distribuzione fluidi I fluidi termo vettori da utilizzare sono: - acqua calda (70/80 C) - acqua refrigerata (7/12 C) - vapore sterile a bassa pressione (circa1 bar) per l umidificazione dell aria I nuovi circuiti saranno realizzati con tubazioni in acciaio nero senza saldatura coibentate con guaina in elastomero a celle chiuse Trattamento dell aria proveniente dalle celle calde E previsto un sistema automatico di rilevazione e stoccaggio dell aria potenzialmente contaminata in uscita dalle celle d isolamento. Il sistema sarà composto da: - serbatoi di stoccaggio dell aria inquinata - compressore a doppia finalità: aspirazione dell aria e, come conseguenza, creazione di pressione negativa - valvole a tre vie a servizio di ogni cella - rilevatori di pressione - rilevatore Geiger di radioattività nell aria Il sistema si avvia automaticamente quando è rilevato un valore di radioattività elevato nell aria di estrazione delle celle. Tramite la valvola a tre vie l aria in estrazione dalla cella viene bloccata e ricondotta verso i serbatoi di stoccaggio. Una volta che il sistema di controllo rileva il decadimento della radioattività l aria è rilasciata all esterno Impianto idrico sanitario - scarico I fluidi da utilizzare sono: 8

10 - acqua fredda potabile - acqua calda sanitaria I fluidi indicati saranno prelevati dalle distribuzioni esistenti nell ospedale. L acqua addolcita e l acqua osmotizzata saranno prodotte in sito. Le tubazioni principali di distribuzione saranno in acciaio zincato coibentate con guaina in elastomero a celle chiuse. Per l adduzione idrica agli apparecchi sanitari saranno utilizzati collettori di distribuzione da incasso a parete alimentati dalla distribuzione principale. Dai collettori partiranno le tubazioni di adduzione ai singoli apparecchi sanitari che saranno del tipo multistrato. Gli scarichi dei servizi igienici e dei laboratori confluiranno in diverse vasche di raccolta dotate di elettropompa di sollevamento come indicato sugli elaborati grafici. Gli scarichi in pressione in uscita dalle vasche saranno riversate sulle reti di scarico esistenti che viaggiano a soffitto dell area d intervento. Le tubazioni di scarico delle acque usate saranno in polietilene ad alta densità Smaltimento delle acquee potenzialmente radioattive Le acque di scarico potenzialmente radioattive provenienti dalla doccia di emergenza saranno portate a gravità verso una vasca di raccolta dotata di elettropompa di sollevamento Gas tecnici di laboratorio Si prevede l utilizzo dei seguenti I gas tecnici di laboratorio: - aria strumentale a 8 bar (AC) - elio (He) - vuoto (V) La linea del vuoto sarà derivata dalla distribuzione esistente che viaggia a soffitto dell area d intervento. L elio sarà provenienti da una nuova centrale composta da n 2 bombole installata all esterno. 9

11 L aria compressa a 8 bar sarà proveniente da una nuova stazione di compressione installata all interno del locale tecnico. Le reti di distribuzione saranno realizzate con tubo in rame ASTM-B-280 marcato CE di diametro adeguato, con giunzioni saldate in atmosfera controllata con lega speciale. Su richiesta dell Azienda Ospedaliera saranno lasciati delle tubazioni in rame vuote come predisposizione per futuri interventi. Come prescritto dalle disposizioni vigenti dei VVF saranno previsti quadri di intercettazione dei gas in luogo sicuro. Inoltre saranno previsti quadri di riduzione pressione di secondo stadio Sistema di regolazione automatica Gli impianti di climatizzazione saranno gestiti da un sistema di regolazione automatica collegato al sistema di supervisione dell ospedale. La funzione fondamentale del sistema di regolazione sarà il controllo e monitoraggio dei seguenti parametri: - temperatura ambiente - umidità ambiente - pressione differenziale tra i diversi locali - purezza dell aria nei locali (controllo dei gas e delle particelle inchinanti presenti in ambiente) Il controllo indicato sarà mediante regolatori elettronici a microprocessore collegati a elementi in campo tali come sonde di temperatura, sonde di pressione, sonde di umidità, sonde di qualità dell aria. Relativamente all unità di trattamento aria è previsto quanto segue: - pressostato antigelo - valvole di regolazione modulanti a tre vie sulle batterie di scambio termico - valvola di regolazione modulante a due vie sull umidificatore - sonde di pressione a cavallo dei filtri con segnalazione di intasamento - sonde di pressione a cavallo dei ventilatori Come indicato nei paragrafi precedenti la pressione differenziale tra i locali sarà controllata mediante regolatore elettronico che agisce su un regolatore di portata servo comandato installato sulla ripresa dell aria in funzione della lettura che arriva da sonde di pressione 10

12 differenziale, una installata all interno del locale controllato e l altra installata nel locale di riferimento. Il sistema di regolazione sarà completato da un sistema di monitoraggio della radioattività ambiente che emetterà un pre allarme e successivo allarme in caso di contaminazione. Il sistema dovrà essere in grado di archiviare e processare i dati raccolti in modo tale di creare una reportistica e generare grafici illustrativi Posta pneumatica E previsto installare un sistema di posta pneumatica che colleghi la nuova Radiofarmacia con reparto di Medicina Nucleare esistente nel Blocco V. Il sistema sarà adatto a portare una dose ogni mezz ora per la PET e n 10 dose/ora per il resto del reparto. Si prevede quindi l utilizzo di n 2 bossoli in piombo e di n 4 bossoli in plastica. Le stazioni saranno posizionate come indicato sugli elaborati grafici. La soffiante ed i freno pneumatico a servizio del sistema saranno installati all interno della sottocentrale termica del Blocco V Opere di spostamento impianti esistenti Nell area dove sarà realizzato il nuovo reparto di Radiofarmacia transitano diverse reti impiantistiche dell ospedale (antincendio, fognature, fluidi per il condizionamento dei locali, unità moto condensanti, canali dell aria, ecc). Le reti impiantistiche a servizio esclusivo del locale oggetto d intervento (tubazioni acqua calda di riscaldamento e canalizzazioni di mandata e ripresa dell aria) saranno smantellate. Le altri reti impiantistiche dovranno rimanere e, se necessario, in alcuni casi dovranno essere spostate per consentire la posa dei nuovi impianti. 11

13 SCHEDE TECNICHE DELL APPARECCHIATURA 1.3. Unità di trattamento aria (UTA-01) Portata: 9600 mc/h Prevalenza esterna: 480 Pa Batteria di recupero termico: 30 kw Batteria raffreddamento: 115 kw (acqua 7/12 C) Umidificatore a vapore sterile 1 bar: 70 kg/h (da 28,5 C/10 % UR a 14 C/80 % UR) Batteria di riscaldamento: 135 kw (acqua 80/70 C) Dimensioni indicative: 5000 x 1300 x 900 mm. Peso: 900 kg Potenza elettrica assorbita: 4,75 kw 1.4. Estrattore aria (EX-01) Portata: 9750 mc/h Prevalenza esterna: 450 Pa Dimensioni indicative: 1500 x 1300 x 900 mm. Peso: 200 kg Potenza elettrica assorbita: 5 kw 1.5. Estrattore aria cappe (EX-02) Portata: 1250 mc/h Prevalenza esterna: 150 Pa Dimensioni indicative: 1250 x 700 x 600 mm. Peso: 60 kg Potenza elettrica assorbita: 0,25 kw 12

14 1.6. Gruppo frigorifero con condensazione ad aria (GF-01) Potenza frigorifera nominale: 127 kw (acqua refrigerata 7/12 C temperatura esterna 35 C) Portata elettropompe: litri/h Prevalenza esterna: 95 kpa Capacità serbatoio inerziale: 400 litri Dimensioni indicative: 2350 x 1100 x (H) 2000 mm. Peso: 1100 kg Livello di pressione sonora: 64 db(a) (ISO 3744) Potenza elettrica assorbita: 47,3 kw 1.7. Produttore indiretto di vapore (SC-02) Primario: vapore a 8 bar Secondario: vapore sterile a 1 bar (275 kg/h) Dimensioni indicative: 2350 x (diametro) 600 mm Scambiatore a fascio tubiero (SC-01) Primario: vapore a 8 bar Secondario: acqua calda a 80 C Potenzialità termica: 157 kw Dimensioni indicative: 950 x (diametro) 250 mm Elettropompe gemellari (EP-01) Circuito: acqua calda primaria Portata: litri/h Prevalenza: 130 kpa Potenza elettrica assorbita: 1,59 kw 13

15 1.10. Elettropompe gemellari (EP-02) Circuito: acqua calda batterie di post riscaldamento Portata: litri/h Prevalenza: 50 kpa Potenza elettrica assorbita: 0,15 kw Elettropompe gemellari (EPR) Circuito: acqua calda di recupero Portata: litri/h Prevalenza: 90 kpa Potenza elettrica assorbita: 0,29 kw NOTA: l installatore dovrà verificare portata e prevalenza delle pompe prima dell installazione Stazione di compressione gas potenzialmente radioattivi (ACS) Portata: 1250 m3/h n 4 serbatoi da 200 litri cadauno n 1 serbatoio per vuoto, capacità 50 litri Dimensioni indicative: 2300 x 800 x (H) 1800 mm. Peso: 450 kg Potenza elettrica assorbita: 0,35 kw Stazione di produzione aria compressa Portata: 15 m3/h 14

16 Capacità serbatoio: 200 litri Potenza elettrica assorbita: 1,5 kw 15

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 INDICE 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 2.2 - trattamento acqua di consumo e produzione acqua calda sanitaria pag.

Dettagli

Il Tecnico Ing. Renato Borrini

Il Tecnico Ing. Renato Borrini COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO E DI RICAMBIO DELL ARIA E DELL IMPIANTO IDRICO- SANITARIO A SERVIZIO DELLA DISCOTECA SESTO SENSO SITA

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE

LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TERMOMECCANICI Generalità La scelta del tipo d impianti termici da adottare per il reparto PET è

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO L intervento in oggetto consiste nel completamento di un porzione del Polo Scolastico di Trescore Balneario (BG) attraverso la creazione del terzo piano al corpo di fabbrica

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax e-mail : tecnico.lecco@stii.eu - tecnico.como@stii.eu c. f. - p. i.v.a. 01985140134

Dettagli

BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3

BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3 BASI DI CALCOLO Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3 Zona Climatica e gradi giorno GG E 2861 GG Altitudine s.l.m. 226 mt. Latitudine Nord 45

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Regione Calabria Unione Europea POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE V RISORSE NATURALI,

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

IN BASSO PIANTA ARREDI

IN BASSO PIANTA ARREDI SISTEMAZIONE ED ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA VIGENTE DEL BLOCCO OPERATORIO DELL ISTITUTO: CRITERI E SCELTE PROGETTUALI DELL IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA LA PROGETTAZIONE DEL COMPLESSO

Dettagli

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO Art. 1 - PREMESSE La presente relazione ha lo scopo di descrivere i parametri che dovranno essere presi come basi per la stesura della progettazione definitiva ed esecutiva, e stabilisce la tipologia impiantistica

Dettagli

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Classificazione apparecchio: Pompa di calore monoblocco aria/acqua per installazione da esterno con integrato generatore termico a gas metano.

Dettagli

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50 RELAZIONE GENERALE Oggetto del presente progetto è la messa a norma dell impianto di ricambio d aria dei locali di Didattica degli edifici sportivi siti in Via Montelungo e Via Casorati. Attualmente, infatti,

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

REALIZZAZIONE TORRE CIVICA IMPIANTI MECCANICI E IDRICO-SANITARIO

REALIZZAZIONE TORRE CIVICA IMPIANTI MECCANICI E IDRICO-SANITARIO REALIZZAZIONE TORRE CIVICA IMPIANTI MECCANICI E IDRICO-SANITARIO INDICE 1 PREMESSA 3 2 IMPIANTI TERMICI, DI CONDIZ±IONAMENTO DELL ARIA, DI RISCALDAMENTO E DI VENTILAZIONE 3 2.1 DATI DI PROGETTO 3 2.2 TIPOLOGIE

Dettagli

OGGETTO... 2. Requisiti... 2. Descrizione del sistema di climatizzazione... 3

OGGETTO... 2. Requisiti... 2. Descrizione del sistema di climatizzazione... 3 SOMMARIO OGGETTO... 2 1. IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE... 2 Requisiti.... 2 Descrizione del sistema di climatizzazione.... 3 PARAMETRI DI CALCOLO... 7 2. IMPIANTI IDRICO-SANITARI... 10 3. IMPIANTI DI ESTINZIONE

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO ESECUTIVO DESCRIZIONE

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde 0 Indice 0 Indice... 2 1 Premessa... 3 2 Impianto termico... 3 3 Impianto idrico sanitario... 4 3.1 Descrizione impianto acqua potabile... 4 3.2 Dati di progetto impianto distribuzione acqua potabile...

Dettagli

Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method

Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method PREMESSA Gli impianti termo-meccanici in oggetto sono relativi alla manutenzione del REPARTO DI NEURO RADIOLOGIA dell

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA SOMMARIO 1 GENERALITÀ... 1 2 CRITERI PROGETTUALI... 1 3 NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE...

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA SOMMARIO 1 GENERALITÀ... 1 2 CRITERI PROGETTUALI... 1 3 NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE... SOMMARIO 1 GENERALITÀ... 1 2 CRITERI PROGETTUALI... 1 3 NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE... 1 4 INPUT DI PROGETTO... 4 4.1 DATI CLIMATICI... 4 4.2 FLUIDI TERMOVETTORI UTILIZZATI... 4 4.3 RETI DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

International DEUMIDIFICATORI PER PISCINE

International DEUMIDIFICATORI PER PISCINE International DEUMIDIFICATORI PER PISCINE DEUMIDIFICAZIONE PER PISCINE SERIE ET I deumidificatori fissi serie ET sono apparecchi di elevate prestazioni, utilizzabili in molteplici applicazioni sono parti

Dettagli

VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE

VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE CONDENSATI AD ARIA refrigerante R410A RSA-EF A solo condizionamento, standard RSA-EF S solo condizionamento, silenziata RSA-EF SS solo condizionamento, supersilenziata RSA-EF HA pompa di calore, standard

Dettagli

SISTEMA IBRIDO DUPLEX R4

SISTEMA IBRIDO DUPLEX R4 SISTEMA IBRIDO DUPLEX R4 Recuperatore attivo per la ventilazione meccanica e la climatizzazione degli ambienti Unità di ventilazione meccanica controllata, ad altissima efficienza, dotata di batterie interne

Dettagli

INDICE 1. GENERALITA 2 2. PARAMETRI DI PROGETTO 6 3. IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE 8 4. IMPIANTO IDRICO - SANITARIO 13. 1.

INDICE 1. GENERALITA 2 2. PARAMETRI DI PROGETTO 6 3. IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE 8 4. IMPIANTO IDRICO - SANITARIO 13. 1. INDICE 1. GENERALITA 2 1.1 Oggetto 2 1.2 Normative di riferimento 3 1.3 Attività svolta 4 1.4 Elenco degli impianti previsti in progetto 5 2. PARAMETRI DI PROGETTO 6 2.1 Introduzione generale 6 2.2 Carichi

Dettagli

1. OSSERVAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE E DEI REGOLAMENTI 2. IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ESTATE/INVERNO COMUNE DI NISCEMI

1. OSSERVAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE E DEI REGOLAMENTI 2. IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ESTATE/INVERNO COMUNE DI NISCEMI 1. OSSERVAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE E DEI REGOLAMENTI 2. IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ESTATE/INVERNO 1 1 Riferimenti legislativi a) per l impianto in generale: NORMA TITOLO PUBBLICAZION E Legge

Dettagli

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A.

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO, VENTILAZIONE E CONDIZIONAMENTO DELL'ARIA Milano, 10 luglio

Dettagli

DEUMIDIFICATORI CON INTEGRAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

DEUMIDIFICATORI CON INTEGRAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA DEUMIDIFICATORI CON INTEGRAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA UNITÀ DI TRATTAMENTO ARIA CANALIZZABILI CON RINNOVO E RECUPERO MODELLI / CARATTERISTICHE midificazione estiva con modulazione della

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Marzo 2012 Descrizione impianti - Quinzano Eureka Immobiliare

Dettagli

alfea M Pompe di calore aria-acqua Riscaldamento e raffrescamento Potenza da 6 a 12 kw

alfea M Pompe di calore aria-acqua Riscaldamento e raffrescamento Potenza da 6 a 12 kw alfea M Riscaldamento e raffrescamento Potenza da 6 a kw CARATTERISTICHE La pompa di calore Alfea nasce dalla lunga tradizione del Gruppo Atlantic,di cui Ygnis fa parte, nello sfruttare le energie alternative

Dettagli

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH Unità di deumidificazione e rinnovo dell aria con recupero di calore in abbinamento con sistemi di raffrescamento radiante Installazione a controsoffitto Configurazione

Dettagli

Recuperatori di calore

Recuperatori di calore Recuperatori di calore UDE DEUMIDIFICATORI AD ALTA EFFICIENZA Air Control Srl via Luigi Biraghi 33-20159 Milano Tel +39 0245482147 Fax +39 0245482981 P.Iva 04805320969 Recuperatori di calore CARATTERISTICHE

Dettagli

IMPIANTI PER IL COMFORT

IMPIANTI PER IL COMFORT f Luca Stefanutti CENTRO DI CURE PALLIATIVE: IMPIANTI PER IL COMFORT GLI HOSPICE SONO STRUTTURE DESTINATE ALLE CURE PALLIATIVE DI PAZIENTI TERMINALI CHE NON POSSONO ESSERE ASSISTITI IN MODO ADEGUATO A

Dettagli

URE UNITA DI RECUPERO DI CALORE. 8 grandezze per portate d aria da 290 a 4000 m3/h

URE UNITA DI RECUPERO DI CALORE. 8 grandezze per portate d aria da 290 a 4000 m3/h URE UNITA DI RECUPERO DI CALORE 8 grandezze per portate d aria da 290 a 4000 m3/h Le unità di recupero di calore serie URE sono state studiate per effettuare un ricambio d aria forzato con recupero di

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento 66 ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento VANTAGGI E CARATTERISTICHE GENERALI PREDISPOSTA PER FUNZIONAMENTO INDIPENDENTE O IN CASCATA ARES Condensing 32 può essere

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo.

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Oggetto dell intervento L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Il palazzo Municipale sarà dotato dei seguenti

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

SALERNO - FRONTE DEL MARE. PROGETTO ESECUTIVO Edificio Porta Sud-Ovest

SALERNO - FRONTE DEL MARE. PROGETTO ESECUTIVO Edificio Porta Sud-Ovest COMUNE DI SALERNO AUTORITA PORTUALE DI SALERNO SALERNO - FRONTE DEL MARE PROGETTO ESECUTIVO Edificio Porta Sud-Ovest IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE DI CALCOLO N PROGETTO: B.282.A N ALLEGATO: A-ESE-7.1.2_2

Dettagli

PROPOSTA DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA LOCALI CASTELLO DEI RAGAZZI DI PALAZZO DEI PIO

PROPOSTA DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA LOCALI CASTELLO DEI RAGAZZI DI PALAZZO DEI PIO COMUNE DI CARPI PROPOSTA DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA LOCALI CASTELLO DEI RAGAZZI DI PALAZZO DEI PIO IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1/5 INDICE 1. PREMESSA 3 2. MODIFICHE LOCALE TECNICO

Dettagli

Capitolo 1 Condizioni di progetto

Capitolo 1 Condizioni di progetto Premessa L intervento in oggetto riguarda la ristrutturazione del sistema di generazione del calore della scuola dell infanzia Aquilone, via dei Comuni fraz. Ferriera - Comune di Buttigliera Alta (TO).

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO

pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO POMPE DI CALORE ARIA/ACQUA REVERSIBILI A RECUPERO TOTALE. > RISCALDAMENTO > CLIMATIZZAZIONE > RAFFRESCAMENTO > RAFFREDDAMENTO > DEUMIDIFICAZIONE > ACQUA CALDA SANITARIA

Dettagli

APPLICAZIONE AUTOFLOW N 9 DA/A CENTRALE TERMICA

APPLICAZIONE AUTOFLOW N 9 DA/A CENTRALE TERMICA CALEFFI 00 98 Stabilizzatori automatici di portata APPLICAZIONE AUTOFLOW N 9 Impianto di riscaldamento a termostrisce L impianto di cui si tratta è destinato alla climatizzazione di un capannone industriale

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

Air Conditioning Division

Air Conditioning Division Air Conditioning Division ARGOMENTI TRATTATI PAG Caratteristiche salienti 2 Tipologia unità interne collegabili 3 Caratteristiche tecniche 4 Tavole di configurazione 5 Fattori di correzione (capacità)

Dettagli

Compressore tipo 1 x (Scroll), ermetico, 2 x (Scroll), ermetico Fluido frigorigeno R407c kg 4,0 4,2 6,0 6,1 9,0

Compressore tipo 1 x (Scroll), ermetico, 2 x (Scroll), ermetico Fluido frigorigeno R407c kg 4,0 4,2 6,0 6,1 9,0 Dati tecnici - Incluse le perdite di sbrinamento Hoval Belaria (8-33), Hoval Belaria twin (0-30) Belaria Belaria twin Tipo (8) (0) () (5) (0). stadio. stadio Potenzialità nominale con A/W35 secondo EN

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. SCELTE PROGETTUALI... 6 4. CALDAIA... Errore. Il segnalibro non è definito. 5. SOLARE TERMICO... Errore. Il segnalibro non è definito. 6. RADIATORI...

Dettagli

MHD Unità terminali di trattamento aria idroniche canalizzabili

MHD Unità terminali di trattamento aria idroniche canalizzabili Caratteristiche tecniche e costruttive Unità Base - Struttura portante realizzata in lamiera zincata di spessore mm. - Batteria di scambio termico in tubo di rame con alette in alluminio a pacco continuo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI GENERALITA Scopo della presente Relazione tecnica, è quello di descrivere le proposte tecniche necessarie per la realizzazione dell impianto di riscaldamento, idrico sanitario

Dettagli

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE 15 SISTEMI DI CALDAIE IN CASCATA MODULI MULTIBLUE La semplicità della modularità 1 2 14 11 10 3 14 17 6 9 15 4 13 8 5 16 12 7 COMPONENTI PRINCIPALI 1. Kit collettore

Dettagli

RAPPORTI DI CONTROLLO

RAPPORTI DI CONTROLLO RAPPORTI DI CONTROLLO Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me...

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Hydronic Unit LE. Pompe di calore idroniche

Hydronic Unit LE. Pompe di calore idroniche Hydronic Unit LE Pompe di calore idroniche UNIT LE LA NUOVA POMPA DI CALORE IDRONICA ARIA-ACQUA DI BERETTA CON CIRCOLATORE BASSO CONSUMO Le pompe di calore UNIT LE sono idonee per riscaldamento, raffrescamento

Dettagli

UNITA DI CLIMATIZZAZIONE HRU

UNITA DI CLIMATIZZAZIONE HRU 2014 HRU HRU Unità di climatizzazione aria/aria in pompa di calore con recupero integrato per il ricambio dell aria con neutralizzazione dei carichi termici esterni ove già si disponga di riscaldamento

Dettagli

INDICE COMUNE DI FORLI - NUOVA SEDE DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA "BRUNO UBERTINI"

INDICE COMUNE DI FORLI - NUOVA SEDE DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI INDICE 1. Premessa... 2 2. Leggi e norme di riferimento... 2 3. Centrali di produzione... 6 4. Impianti di climatizzazione... 7 4.1 Zona IZSLER... 8 4.2 Zona a disposizione per uffici e laboratori (ENTI

Dettagli

Luna3 Comfort Air - Silver Space

Luna3 Comfort Air - Silver Space Luna3 Comfort Air - Silver Space Controllo remoto programmabile con termoregolazione m o d u l a n t e (secondo DL 311/06) D I S E R I E Caldaie murali a gas per esterni Le soluzioni da esterno di BAXI

Dettagli

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi si presenta in una veste rinnovata, mantenendo inalterate tutte le caratteristiche che l hanno sempre contraddistinta. Mynute Sinthesi è l innovativa caldaia a condensazione

Dettagli

Recuperatori di calore

Recuperatori di calore Recuperatori di calore URC-EC Air Control Srl via Luigi Biraghi 33-2159 Milano Tel +39 2482147 Fax +39 2482981 P.Iva 48532969 Recuperatori di calore CARATTERISTICHE GENERALI STRUTTURA alluminio e pannelli

Dettagli

Sommario. Relazione impianto idrico - fognario

Sommario. Relazione impianto idrico - fognario Relazione impianto idrico - fognario Sommario 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 2 2. RETE ADDUZIONE ACQUA... 2 3. SISTEMA PER IL RECUPERO DELL ACQUA PIOVANA PER USI INDOOR... 3 4. PRODUZIONE DI ACQUA CALDA

Dettagli

VMC. Ventilazione residenziale alta efficienza

VMC. Ventilazione residenziale alta efficienza VMC Ventilazione residenziale alta efficienza Ventilazione comfort EVAC TECNOLOGIE DELL ARIA Sistemi di ventilazione permanente ad alta efficienza per il controllo della qualità dell aria, ad uso residenziale

Dettagli

Scaldacqua in pompa di calore a basamento SPC

Scaldacqua in pompa di calore a basamento SPC Scaldacqua in pompa di calore a basamento SPC SPC: scaldacqua in pompa di calore aria/ acqua, monoblocco Baxi è da sempre attiva nella progettazione di soluzioni tecnologicamente avanzate ma con il minimo

Dettagli

Progetto per la realizzazione di: BILIOTECA DI CASTELLAMMARE DI STABIA

Progetto per la realizzazione di: BILIOTECA DI CASTELLAMMARE DI STABIA Progetto per la realizzazione di: BILIOTECA DI CASTELLAMMARE DI STABIA RELAZIONE TECNICA COME DISPOSTO DALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN

Dettagli

ixquadra HP Accessori a richiesta Kit antivibranti - Cod. 20Z03440 1/6

ixquadra HP Accessori a richiesta Kit antivibranti - Cod. 20Z03440 1/6 ixquadra HP Pompa di calore per installazione splittata di tipo aria/acqua Inverter per il riscaldamento ed il raffrescamento di ambienti di piccole e medie dimensioni. Ideali per impianti con ventilconvettori

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI...

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... Pagina 1 di 6 1. PREMESSA La presente relazione intende

Dettagli

CENTRALI TERMICHE OSPEDALIERE

CENTRALI TERMICHE OSPEDALIERE CENTRALI TERMICHE OSPEDALIERE L EVOLUZIONE DEL FLUIDO TERMOVETTORE DA VAPORE AD ACQUA CALDA ESPERIENZE PRATICHE ing. Silvano Pippan Fluidi termovettori usualmente utilizzati: ACQUA CALDA ACQUA SURRISCALDATA

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Apparecchiature, applicazioni e sistemi per circuiti vapore e condense

Apparecchiature, applicazioni e sistemi per circuiti vapore e condense Apparecchiature, applicazioni e sistemi per circuiti vapore e condense F i r s t f o r S t e a m S o l u t i o n s E X P E R T I S E S O L U T I O N S S U S T A I N A B I L I T Y La spirax sarco e la produzione

Dettagli

ANNOTAZIONI 1.4 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO IL PROGETTISTA. ing. jr. Giuseppe Sena. arch. Pietro Cerra DATA

ANNOTAZIONI 1.4 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO IL PROGETTISTA. ing. jr. Giuseppe Sena. arch. Pietro Cerra DATA Á ANNOTAZIONI 1.4 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ing. jr. Giuseppe Sena IL PROGETTISTA arch. Pietro Cerra DATA INDICE 01. Premessa...3 1.1 Premessa generale... 3 02. Normative di riferimento...3 2.1

Dettagli

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD 1 Indice 1. Descrizione del prodotto 3 1.1 Funzionamento con aria neutra 3 1.2 Funzionamento in integrazione 4 2. Descrizione componenti principali 5 2.1 Predisposizione e ingombri

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE Direzione Amministrativa Servizio Patrimonio, provveditorato economato Avviso esplorativo per la ricerca di manifestazioni di interesse finalizzata all affidamento diretto dell incarico di PROGETTAZIONE

Dettagli

Refrigeratori d acqua elicoidali condensati ad aria serie KH e KR 5 32

Refrigeratori d acqua elicoidali condensati ad aria serie KH e KR 5 32 I refrigeratori ad acqua e le pompe di calore Krio sono disponibili in un ampia gamma di soluzioni: con ventilatori elicoidali, centrifughi, a pompa di calore, condensati ad aria ed ad acqua. 21 grandezze

Dettagli

Refrigeratori d acqua condensati ad aria Pompe di calore aria/acqua reversibili da 270 kw a 1000 kw

Refrigeratori d acqua condensati ad aria Pompe di calore aria/acqua reversibili da 270 kw a 1000 kw R Refrigeratori d acqua condensati ad aria Pompe di calore aria/acqua reversibili da 270 kw a 1000 kw according to 97/23/CEE n 0496 Serie: LCAE V Catalogo: DI 84 Emissione: 05/06 Sostituisce: 08/05 LCAE-V

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

Pompe di calore ARIA-ACQUA HRC 70

Pompe di calore ARIA-ACQUA HRC 70 Pompe di calore ARIA-ACQUA HRC 70 17 kw monofase 230 V o trifase 400 V 20 kw monofase 230 V 25 kw trifase 230 V Cascate da 34, 40, 50, 75 e 100 kw GARANTISCONO IL RISCALDAMENTO DELL ACQUA FINO A 70 C,

Dettagli

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità.

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità. Scheda Tecnica: Piastra idronica SKUDO DC Inverter Codice scheda: XSCT00078 Data 15/11/2014 Famiglia: Recuperatori di calore Descrizione SKUDO è la piastra idronica con spessore di 13 cm e batteria di

Dettagli

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Sommario PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Tipologie d impianto... 4 1 - Impianto riscaldamento a pannelli

Dettagli

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede Energy Recuperatore L e unità canalizzabili della serie Energy sono state studiate per permettere un risparmio energetico negli impianti di ventilazione di locali pubblici e privati quali bar, ristoranti,

Dettagli

INDICE. Caratteristiche tecniche 1 Opzioni modulo idraulico 2 Versioni Accessorie 2 Accessori 3

INDICE. Caratteristiche tecniche 1 Opzioni modulo idraulico 2 Versioni Accessorie 2 Accessori 3 ALFA CF 4,9 65 kw Catalogo 202320A01 Emissione 09.03 Sostituisce 10.00 Refrigeratore d acqua ALFA CF Pompa di calore reversibile ALFA CF /HP Unità con serbatoio e pompa ALFA CF /ST Unità motocondensante

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA Cosa è un impianto di ventilazione meccanica controllata Un impianto di ventilazione meccanica permette di controllare il ricambio di aria all interno dell

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI 1 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI Strutture sanitarie D.P.R. del 14 gennaio 1997: requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi che

Dettagli

Sistemi integrati. Sistemi integrati con pompe di calore reversibili aria/acqua

Sistemi integrati. Sistemi integrati con pompe di calore reversibili aria/acqua Sistemi integrati Sistemi integrati con pompe di calore reversibili aria/acqua Evoluzione integrata Il mondo tecnologico di BAXI ormai da anni si evolve in uno scenario di integrazione di più tecnologie

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

Edition 2011 L ULTIMA EVOLUZIONE DELLA CALDAIA A CONDENSAZIONE DOC00119/05.11

Edition 2011 L ULTIMA EVOLUZIONE DELLA CALDAIA A CONDENSAZIONE DOC00119/05.11 Edition 2011 L ULTIMA EVOLUZIONE DELLA CALDAIA A CONDENSAZIONE L integrazione SOLARE TOTALE DOC00119/05.11 Generatore di calore termosolare da incasso premiscelato a condensazione ad integrazione solare

Dettagli

Sistemi ed impianti industriali

Sistemi ed impianti industriali I sistemi impiantistici industriali che presentano i maggiori margini di miglioramento in termini di risparmio ed efficienza energetica energetico sono tipicamente: - i motori elettrici - le reti di aria

Dettagli

M.A.C.C. Meeting Art and Craft Centre

M.A.C.C. Meeting Art and Craft Centre COMUNE di PISA S.C.I.A. ai sensi LRT 1 / 2005 M.A.C.C. Meeting Art and Craft Centre Ristrutturazione Edilizia piani T, 1, 2, 3 del Palaffari di Pisa con modifiche della Organizzazione Funzionale e degli

Dettagli

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità.

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità. > HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA ECO-FRIENDLY Gamma disponibile REFRIGERANT GAS Tipologia di unità IH Pompa di calore IP Pompa di calore reversibile

Dettagli

M.A.C.C. Meeting Art and Craft Centre

M.A.C.C. Meeting Art and Craft Centre COMUNE di PISA S.C.I.A. ai sensi LRT 1 / 2005 M.A.C.C. Meeting Art and Craft Centre Ristrutturazione Edilizia piani T, 1, 2, 3 del Palaffari di Pisa con modifiche della Organizzazione Funzionale e degli

Dettagli

Efp E 8-I (cod. 2C01102T)

Efp E 8-I (cod. 2C01102T) Efp E 8-I (cod. 2C01102T) Pompe di calore aria/acqua Inverter adatti per il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria di ambienti di piccole e medie dimensioni. Ideali per

Dettagli

calore ad alta efficienza con scambiatore in controcorrente aria/aria in materiale plastico riciclabile,

calore ad alta efficienza con scambiatore in controcorrente aria/aria in materiale plastico riciclabile, Descrizione del prodotto L'unità di trattamento aria compatta oboxx LG 180, certificata "Passivhaus", è formata da un involucro compatto in lamiera di acciaio zincata, senza ponti termici, isolato e verniciato

Dettagli