COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni"

Transcript

1 COMUNE DI SASSO MARCONI (Provincia di Bologna) Regolamento sul sistema dei controlli interni (art. 147 del D.Lgs. n. 267/2000) (articolo 3, comma 2 del decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito con modificazioni dalla legge 7 dicembre 2012, n. 213) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 in data 18/2/2013

2 INDICE Articolo 1 - Ambito del regolamento Articolo 2 - Finalità dei controlli interni TITOLO I PRINCIPI GENERALI TITOLO II CONTROLLO DI REGOLARITA AMMINISTRATIVA E CONTABILE Articolo 3 - Finalità del controllo di regolarità amministrativa e contabile Articolo 4 - Fasi del controllo di regolarità amministrativa e contabile Capo I Il controllo preventivo Articolo 5 - Atti sottoposti al controllo preventivo Articolo 6 - Controllo preventivo di regolarità amministrativa-contabile Articolo 7 - Controllo contabile Articolo 8 - Documentazione giustificativa Articolo 9 - Pareri Articolo 10 - Effetti dei rilievi Capo II Il controllo successivo Articolo 11 - Finalità e competenze Articolo 12 - Atti da sottoporre al controllo successivo Articolo 13 - Esito del controllo TITOLO III CONTROLLO DI GESTIONE Articolo 14 - Finalità del controllo di gestione Articolo 15 - Modalità di esercizio del controllo di gestione Articolo 16 - Oggetto del controllo di gestione Articolo 17 - Fasi del controllo di gestione. Articolo 18 - Compiti del Controllo di gestione. Articolo 19 - Strumenti del controllo di gestione Articolo 20 - Referto del controllo di gestione TITOLO IV IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI Articolo 21 - Controllo sugli equilibri finanziari Articolo 22 - Modalità di effettuazione del controllo Articolo 23 - Fasi ed esiti del controllo Articolo 24 - Abrogazioni

3 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Ambito del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il sistema dei controlli interni previsti dall articolo 147 del testo Unico Enti Locali approvato con decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267, secondo il principio della distinzione tra funzioni di indirizzo e compiti di gestione. 2. Fanno parte della disciplina generale dei controlli anche il regolamento comunale di contabilità e il regolamento di organizzazione per le parti compatibili. Articolo 2 Finalità dei controlli interni 1. Il sistema dei controlli interni persegue le seguenti finalità: a) garantire la legittimità, la regolarità e la correttezza dell azione amministrativa, attraverso il controllo di regolarità amministrativa e contabile; b) verificare l efficacia, l efficienza e l economicità dell azione amministrativa, attraverso il controllo di gestione, al fine di ottimizzare il rapporto fra obiettivi ed azioni realizzate, nonché fra risorse impiegate e risultati; c) valutare l adeguatezza delle scelte compiute in sede di attuazione dei piani dei programmi e degli altri strumenti di determinazione dell indirizzo politico, in termini di congruenza tra i risultati conseguiti e gli obiettivi predefiniti, attraverso il controllo strategico; d) garantire il costante controllo degli equilibri finanziari della gestione di competenza, della gestione dei residui e della gestione di cassa, mediante l attività di coordinamento e di vigilanza da parte del responsabile del servizio finanziario. 2. Partecipano al sistema dei controlli interni il Segretario generale, il Dirigente dell'area di Staff, il Responsabile del Servizio Finanziario e i Responsabili di Area. TITOLO II CONTROLLO DI REGOLARITA AMMINISTRATIVA E CONTABILE Articolo 3 Finalità del controllo di regolarità amministrativa e contabile 1. Il controllo di regolarità amministrativa e contabile di cui all articolo 147-bis del Tuel ha lo scopo di garantire, attraverso la verifica di legittimità degli atti, la regolarità, la correttezza e la trasparenza dell azione amministrativa. 2. Il controllo di regolarità amministrativa e contabile è anche finalizzato a prestare assistenza a tutti i soggetti dell amministrazione, tramite analisi, valutazioni e raccomandazioni, affinché possano svolgere correttamente le funzioni alle quali sono preposti. 3. L attività di controllo non si limita all analisi sulla regolarità del singolo atto, ma mira a rilevare elementi sulla correttezza dell intera attività amministrativa. Articolo 4 - Fasi del controllo di regolarità amministrativa e contabile 1. Il controllo di regolarità amministrativa e contabile è articolato in due fasi distinte: a) una fase preventiva all adozione dell atto; b) una fase successiva all adozione dell atto. 2. Il controllo di regolarità amministrativa e contabile deve rispettare, in quanto applicabili, i principi generali della revisione aziendale. Capo I Il controllo preventivo Articolo 5 Atti sottoposti al controllo preventivo 1. Sono assoggettati al controllo preventivo di regolarità amministrativa e contabile, secondo le modalità riportate negli articoli successivi: le proposte di deliberazione di Giunta e Consiglio che non siano meri atti di indirizzo; le determinazioni dei Responsabili di Area o U.O.

4 Articolo 6 - Controllo preventivo di regolarità amministrativa-contabile 1. Nelle proposte di deliberazione della Giunta o del Consiglio la regolarità tecnica è espressa attraverso il parere di regolarità tecnica rilasciato dal Responsabile di Area/U.O. competente ai sensi dell articolo 49 del Tuel. 2. Nelle determinazioni l accertamento della regolarità tecnica è espressa con la sottoscrizione del provvedimento. 3. L accertamento della regolarità tecnica comporta, in particolare, la verifica in ordine a: - correttezza, regolarità e legittimità dell azione amministrativa; - rispetto dei principi di efficacia, efficienza ed economicità dell azione amministrativa; - regolarità e la completezza della documentazione; - conformità dell atto alle leggi ed ai regolamenti nazionali, regionali e locali 4. La determinazione che non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economicofinanziaria o sul patrimonio dell Ente non è sottoposta al controllo contabile e diventa esecutiva con la sottoscrizione da parte del Responsabile che la adotta. Articolo 7 - Controllo contabile 1. Il controllo contabile è espresso dal Responsabile del Servizio Finanziario attraverso il parere di regolarità contabile, il visto di regolarità contabile e l attestazione della copertura finanziaria della spesa. 2. È sottoposta al parere di regolarità contabile qualsiasi proposta di deliberazione che disponga l assegnazione di risorse al Dirigente/Responsabile di Area/U.O competente o che, comunque, comporti riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell'ente. 3. Sono sottoposte al visto di regolarità contabile le determinazioni che producono riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell'ente. 4. E sottoposta ad attestazione della copertura finanziaria della spesa qualsiasi determinazione o proposta di deliberazione che comporti impegno di spesa o prenotazione d impegno a carico del bilancio. 5. L attestazione garantisce l effettiva disponibilità della spesa sui competenti stanziamenti di competenza del bilancio annuale e, per le spese in tutto o in parte a carico di esercizi successivi, del bilancio pluriennale, anche in relazione allo stato di realizzazione degli accertamenti di entrata vincolata. 6. L accertamento della regolarità contabile riguarda, in particolare: a) il rispetto delle competenze proprie dei soggetti che adottano i provvedimenti; b) la verifica della sussistenza del parere di regolarità tecnica rilasciato dal soggetto competente; c) la regolarità della documentazione; d) l esistenza del presupposto dal quale sorge il diritto dell obbligazione; e) l osservanza della normativa in materia di ordinamento contabile e fiscale; f) la sostenibilità delle scelte in termini di mantenimento nel tempo degli equilibri finanziari ed economico patrimoniali; g) il corretto riferimento del contenuto della spesa alla previsione di bilancio annuale ed ai programmi e progetti del bilancio pluriennale; h) la giusta imputazione al bilancio e la disponibilità dello stanziamento iscritto sul relativo intervento o capitolo; i) il rispetto del vincolo di destinazione delle entrate; j) la coerenza della proposta di deliberazione con i programmi e progetti della relazione previsionale e programmatica; k) la coerenza con gli stanziamenti di bilancio e le regole di finanza pubblica e con i vincoli connessi al patto di stabilità interno; 7. È preclusa al Responsabile del servizio finanziario qualsiasi altra forma di verifica della legittimità degli atti, la cui responsabilità resta in capo ai soggetti che li hanno emanati. Articolo 8 - Documentazione giustificativa Gli atti sottoposti al controllo di regolarità amministrativa e contabile sono corredati da titoli, documenti e certificazioni previste da specifiche norme e da ogni altro atto o documento giustificativo degli stessi.

5 Articolo 9 - Pareri 1. I pareri costituiscono manifestazioni di giudizio da parte dei soggetti titolati nell esercizio della funzione consultiva. I pareri sono obbligatori ma non vincolanti; nelle proposte di deliberazione si pongono come fase preparatoria concludendo l istruttoria del provvedimento. 2. Il parere è espresso in forma scritta, munito di data, sottoscritto ed inserito nell atto. L esito può essere favorevole o non favorevole; in questo caso deve essere indicata anche una adeguata motivazione. 3. In caso di assenza del responsabile competente, i pareri, i visti e le attestazioni sono espressi da chi lo sostituisce. Articolo 10 - Effetti dei rilievi Se la Giunta o il Consiglio non intendono conformarsi al parere espresso sulla proposta di deliberazione, devono darne adeguata motivazione nel testo della deliberazione. Gli atti adottati in presenza di un parere negativo sono trasmessi all ufficio competente per il controllo successivo. Capo II Il controllo successivo Articolo 11 - Finalità e competenze 1. Il controllo successivo ha l obiettivo di verificare la regolarità delle procedure adottate ed il rispetto delle normative vigenti. 2. Sono sottoposti al controllo successivo di regolarità amministrativa e contabile le determinazioni di impegno di spesa, i contratti e le convenzioni, le deliberazioni emesse senza il parere preventivo favorevole di regolarità tecnica o contabile. 3. Il controllo successivo è effettuato sotto la direzione del segretario comunale ed ha per oggetto provvedimenti definitivi. Articolo 12 Atti da sottoporre al controllo successivo 1. Il controllo successivo di regolarità amministrativa e contabile è effettuato con periodicità mensile sui seguenti atti: determinazioni con cui viene disposto l affidamento degli incarichi professionali esterni; determinazioni con cui vengono sostenute spese soggette a limitazioni ai sensi della normativa vigente; determinazioni con cui si dispone l acquisizione in via autonoma di beni e servizi al di fuori delle convenzioni CONSIP o del mercato elettronico; determinazioni con cui viene disposta la proroga tecnica o il rinnovo dei contratti; determinazioni di impegno di spesa di importo superiore a I restanti atti sono sottoposti al controllo a campione mediante sorteggio, in una percentuale non inferiore al 10 per cento. Articolo 13 Esito del controllo 1. Dell esito del controllo il segretario informa i responsabili di area in occasione delle periodiche conferenze di servizio. 2. Al termine di ogni semestre il segretario redige una relazione sui controlli effettuati, che verrà illustrata alla giunta comunale e trasmessa ai responsabili di area, al consiglio comunale, all organo di revisione e al nucleo di valutazione (OIV). TITOLO III CONTROLLO DI GESTIONE Articolo 14 - Finalità del controllo di gestione 1. Il controllo di gestione è la procedura diretta a monitorare la gestione operativa dell ente, verificare lo stato di attuazione degli obiettivi programmati e, attraverso l'analisi delle risorse acquisite e della comparazione tra i costi e la quantità e qualità dei servizi offerti, la funzionalità

6 dell'organizzazione dell'ente, l'efficacia, l'efficienza ed il livello di economicità nell'attività di realizzazione dei predetti obiettivi. 2. Il controllo ha per oggetto l'intera attività amministrativa e gestionale e viene svolto in riferimento ai singoli servizi, o centri di costo, verificando in maniera complessiva e per ciascun servizio i mezzi finanziari acquisiti, i costi dei singoli fattori produttivi, i risultati qualitativi e quantitativi ottenuti e, per i servizi a carattere produttivo, i ricavi. Articolo 15 Modalità di esercizio del controllo di gestione 1. Il controllo di gestione è svolto in una duplice forma: a) in forma diffusa, in quanto viene espletato ad ogni livello organizzativo dell ente da parte del dirigente/responsabile del servizio, con riferimento alle attività gestionali di competenza e agli obiettivi assegnati; b) in forma accentrata dal gruppo composto dal Dirigente dell'area di Staff, dal Responsabile dei servizi finanziari e dal revisore dei conti al fine della predisposizione dei referti di gestione; 2. È compito dei Responsabili di Area e di Unità operativa collaborare con il Dirigente di Staff e il Responsabile dei servizi finanziari, adottando le migliori soluzioni organizzative per consentire la realizzazione di un sistema informativo tecnico contabile utile a fornire le necessarie informazioni. Articolo 16 - Oggetto del controllo di gestione Il controllo di gestione è riferito ai seguenti principali contenuti dell azione amministrativa: la coerenza rispetto ai programmi e ai progetti contenuti nei documenti di programmazione dell ente e negli atti di indirizzo del consiglio e della giunta; l adeguatezza delle risorse finanziarie disponibili rispetto agli obiettivi programmati; l efficacia delle modalità di attuazione prescelte rispetto alle alternative possibili; l analisi degli scostamenti; economicità della gestione dei servizi; il rispetto dei vincoli normativi imposti sulla effettuazione delle spese. Articolo 17 - Fasi del controllo di gestione. 1. Il controllo di gestione si articola nelle seguenti fasi: a) fase preventiva, che comprende le attività di definizione e formalizzazione degli obiettivi operativi dell ente. La fase preventiva consiste nella definizione di un piano degli obiettivi approvati con il piano esecutivo di gestione, nell attribuzione di risorse umane, strumentali e finanziarie, nella fissazione di indicatori e standard di riferimento, nella definizione dei tempi, delle scadenze e delle responsabilità; b) fase del controllo in itinere, che rappresenta quel processo di controllo che si sviluppa nel corso di attuazione del programma al fine di verificare il grado di raggiungimento degli obiettivi preventivamente stabiliti, e di orientare l'attività futura anche rimuovendo eventuali disfunzioni per garantire l'ottenimento degli obiettivi fissati nella fase preventiva; c) fase consuntiva, che concerne la rilevazione dei risultati effettivamente conseguiti, con la conseguente verifica dell efficienza, dell efficacia, dell economicità nonché dell adeguatezza e della qualità dei servizi comunali resi, mediante elaborazione di indici e parametri finanziari, economici e gestionali di risultato e di processo nonché di referti periodici inerenti l attività complessiva dell ente ovvero parti di essa (singoli servizi o centri di costo, programmi e progetti) e relazioni comparative con altre realtà e/o trend storici. Articolo 18 Compiti del Controllo di gestione. 1. L attività del controllo di gestione è finalizzata in particolare a: a) rilevare e valutare sistematicamente i costi sostenuti dall'ente in tutte le sue articolazioni, secondo i principi della contabilità finanziaria ed economica, allo scopo di determinarne la competenza, la responsabilità e la destinazione; b) verificare l efficienza gestionale, raffrontando i fattori produttivi impiegati ed i risultati conseguiti, attraverso l elaborazione di indicatori che rapportino i costi delle risorse impiegate e le quantità di servizi prodotti;

7 c) verificare l efficacia gestionale, valutando il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati, rapportando gli obiettivi programmati alle azioni realizzate; d) promuovere il miglioramento della qualità dei servizi resi ai cittadini misurando, attraverso indicatori, le variazioni qualitative dei servizi erogati, ed assicurando la tutela degli utenti anche attraverso la loro partecipazione alle procedure di valutazione e di definizione degli standard qualitativi; e) operare una costante raccolta di serie storiche di indicatori e grandezze, ed ove possibile confrontare tali dati con realtà analoghe o con standard regionali o nazionali, al fine di poter meglio sfruttare le informazioni che scaturiscono dagli indicatori finanziari economici e patrimoniali previsti per legge e da tutti gli indicatori generalmente elaborati dal servizio controllo di gestione; f) analizzare gli indirizzi strategici del medio periodo inseriti nella relazione previsionale e programmatica; g) supportare la giunta nell elaborazione del Piano Esecutivo di Gestione; h) definire un piano dettagliato degli obiettivi attingendo gli stessi dal Piano Esecutivo di Gestione, e aggiungendo eventuali obiettivi gestionali in modo da fornire un quadro esaustivo degli intendimenti dell organo politico; i) relazionare periodicamente sullo stato di attuazione dei programmi ed attraverso l attivazione delle procedure per la rilevazione dei dati relativi agli indicatori definiti nella fase precedente, confrontare i risultati intermedi con quelli programmati; l) attivare eventuali azioni correttive o avviare un processo di revisione degli obiettivi, nel caso emergano dalle verifiche effettuate rilevanti deviazioni; m) fornire all O.I.V gli obiettivi che l organo esecutivo attribuisce ai dirigenti e responsabili dei servizi, nonché i suddetti rapporti periodici dell attività svolta; n) presentare un referto annuale al Sindaco ed alla Giunta ed al Collegio dei Revisori sui risultati del controllo di gestione riferito all intero esercizio precedente; Articolo 19 - Strumenti del controllo di gestione 1. Per l esercizio della funzione di controllo di gestione il Dirigente di Staff e il Responsabile dei servizi finanziari si avvalgono di rilevazioni proprie e/o provenienti dai sistemi informativi dell ente (contabili, organizzativi, amministrativi) che elaborano mediante l applicazione di tecniche e metodologie appropriate. 2. Il Dirigente di Staff congiuntamente al Responsabile dei Servizi finanziari può inoltre richiedere ai vari servizi dell ente elaborazioni di dati necessarie alle proprie esigenze. Articolo 20 Referto del controllo di gestione 1. L attività del controllo di gestione si traduce in una reportistica periodica (analisi economiche, relazioni, documenti o rapporti di gestione, ecc.) attraverso la quale vengono messi a disposizione i risultati e le informazioni acquisite. L attività di referto può essere ordinaria o straordinaria. 2. È ordinaria l attività di carattere ricorrente connessa all analisi dei costi, alla valutazione degli stati di avanzamento del PEG, ai rapporti finali sulla gestione svolta dai vari servizi dell ente, ecc. 3. È straordinaria l attività di referto connessa a specifiche esigenze dell ente o dei singoli servizi, quali le analisi dei costi legale alla esternalizzazione dei servizi. Essa viene svolta in base alle necessità, tenendo conto delle richieste presentate dagli organi di direzione politica e dai responsabili. 4. I referti del controllo di gestione vengono trasmessi: ai responsabili dei servizi, ai fini del controllo operativo in modo da supportare le loro valutazioni sull andamento della gestione; al Sindaco, al Consiglio Comunale, al Dirigente di Staff, al Segretario comunale, ai Responsabili di Area e di U.O ai fini del controllo strategico, in modo da supportare le valutazioni sulla congruenza delle scelte adottate con le strategie dell amministrazione; all organo di revisione economico-finanziaria; all O.I.V. 5. Il referto annuale deve essere inoltre comunicato alla competente sezione regionale di controllo della Corte dei conti e pubblicato sul sito Internet del Comune.

8 TITOLO IV IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI Articolo 21 Controllo sugli equilibri finanziari 1. Il controllo sugli equilibri finanziari è svolto sotto la direzione ed il coordinamento del Responsabile del Servizio Finanziario e mediante la vigilanza dell Organo di Revisione, prevedendo il coinvolgimento attivo del Dirigente di Staff e dei Responsabili di Area/U.O. secondo le rispettive responsabilità. 2. Il controllo e svolto nel rispetto delle disposizioni dell ordinamento finanziario e contabile degli Enti Locali e delle norme che regolano il concorso degli Enti Locali alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica determinati dal patto di stabilità interno, nonché delle norme di attuazione dell art.81 della Costituzione. In particolare esso è volto monitorare il permanere degli equilibri seguenti, sia della gestione di competenza che della gestione dei residui: - equilibrio tra entrate e spese complessive; - equilibrio tra entrate afferenti ai titoli I, II e III e spese correnti aumentate delle spese relative alle quote di capitale di ammortamento dei debiti; - equilibrio tra entrate straordinarie, afferenti ai titoli IV e V, e spese in conto capitale; - equilibrio nella gestione delle spese per i servizi per conto di terzi; - equilibrio tra entrata a destinazione vincolata e correlate spese; - equilibrio nella gestione di cassa, tra riscossioni e pagamenti; - equilibri previsti dal patto di stabilità interno. 3. Il controllo sugli equilibri finanziari implica anche la valutazione degli effetti che si determinano per il bilancio finanziario dell Ente in relazione all andamento economico-finanziario degli organismi gestionali esterni Articolo 22 - Modalità di effettuazione del controllo 1. A cura del Responsabile del Servizio Finanziario, al fine di operare il controllo costante degli equilibri di bilancio e al fine di valutare il rispetto delle previsioni di bilancio, vengono effettuate verifiche periodiche che consistono in controlli delle entrate e delle spese ed avvengono sulla base della documentazione di carattere generale e di situazioni articolate per centri di responsabilità di entrata e di spesa, con il concorso attivo del Dirigente di Staff e dei Responsabili di Area e U.O. 2. La verifica di bilancio costituisce uno degli elementi del processo di controllo sull andamento della gestione dei budgets assegnati ai Responsabili di Area/U.O., i quali sono tenuti a segnalare scostamenti rispetto alle previsioni nonché le eventuali difficoltà ed opportunità riscontrate in relazione agli obiettivi. In particolare ciascun Responsabile del procedimento di spesa riferisce sull andamento rispettivamente delle entrate e delle spese di propria competenza e sulle motivazioni che hanno portato a significativi scostamenti rispetto alle previsioni e sui provvedimenti che propone di adottare per il raggiungimento degli obiettivi. 3. L analisi delle informazioni gestionali ricevute dai Responsabili di Area riguarda in particolare: per l entrata lo stato delle risorse assegnate alla responsabilità di acquisizione dei servizi e lo stato degli accertamenti; per l uscita lo stato dei mezzi finanziari attribuiti ai servizi, delle prenotazioni di impegno e degli impegni. 4. Le informazioni di natura contabile sono riferite ai Programmi, ai Progetti e agli Obiettivi gestionali affidati ai Servizi, nonché alle attività e passività patrimoniali attribuite agli stessi secondo le norme del presente Regolamento. Articolo 23 Fasi ed esiti del controllo 1. In occasione delle verifiche di cassa ordinarie svolte dall Organo di Revisione con cadenza almeno trimestrale, ai sensi dell articolo 223 del TUEL, il Responsabile del Servizio Finanziario formalizza il controllo sugli equilibri finanziari. 2. Il Responsabile del Servizio Finanziario descrive le attività svolte ed attesta il permanere degli equilibri finanziari in un verbale che viene asseverato dall Organo di Revisione

9 3. Se la gestione delle entrate o delle spese evidenzia situazioni tali da pregiudicare gli equilibri finanziari o gli equilibri obiettivo del patto di stabilità, il Responsabile del Servizio Finanziario procede immediatamente alle segnalazioni previste dall articolo 153 comma 6 del TUEL 267/2000 Articolo 24 Abrogazioni Con l entrata in vigore del presente Regolamento vengono abrogate tutte le disposizioni regolamentari con esso incompatibili

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione consiliare n.5 del 16/01/2013 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNE DI CASTELVENERE ( P R O V I N C I A D I B E N E V E N T O ) --------

COMUNE DI CASTELVENERE ( P R O V I N C I A D I B E N E V E N T O ) -------- COMUNE DI CASTELVENERE (O824) 940210 - FAX 940539 ( P R O V I N C I A D I B E N E V E N T O ) -------- Piazza Municipio, 1-82037 CASTELVENERE REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con

Dettagli

COMUNE DI SALUDECIO REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI SALUDECIO REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI SALUDECIO Provincia di Rimini ******************************** REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI ART. 3 D.L.10.10.2012 n.174 convertito nella L. 07.12.2012 n.213 Approvato con delibera

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento comunale sul sistema dei controlli interni COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI

Dettagli

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE Allegato alla delibera del Consiglio Comunale n. 05 del 08 gennaio 2013 IL VICE SEGRETARIO COMUNALE R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I C O N T R O L L I

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI SANGANO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CONTROLLI INTERNI EX ART 147 DEL TUEL Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 24/01/2013 Il Regolamento è in

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI VOLTURARA APPULA (provincia di Foggia) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 05.03.2013. INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI F U R O R E (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.3 del 10 gennaio 2013. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1.

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

Regolamento. sui. Controlli interni

Regolamento. sui. Controlli interni COMUNITA MONTANA DEL GEMONESE, CANAL DEL FERRO E VAL CANALE (PROVINCIA DI UDINE) Regolamento sui Controlli interni 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213 Allegato alla delib. C.C. n.3 del 20/3/2013 REGOLAMENTO COMUNITARIO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.2 del 02/03/2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Regolamento. sui. Controlli interni

Regolamento. sui. Controlli interni COMUNE di TARVISIO Provincia di Udine Regolamento sui Controlli interni Adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 26 febbraio 2013 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO CONTROLLI INTERNI COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ 070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 REGOLAMENTO CONTROLLI INTERNI I N D I C E TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

COMUNE DI CORATO REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORATO REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI 1 COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio n. 4/C del 19.02.2013 (art. 42 TUEL) 2 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 216/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013 SOMMARIO TITOLO I 3 Controllo Di

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI DELLO. Via Roma, 65 - CAP 25020 DELLO. Regolamento. dei. Controlli interni

COMUNE DI DELLO. Via Roma, 65 - CAP 25020 DELLO. Regolamento. dei. Controlli interni Regolamento dei Controlli interni TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina organizzazione, strumenti e modalità di svolgimento dei controlli interni in attuazione

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI E SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

CITTÀ DI PALAZZOLO SULL'OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

CITTÀ DI PALAZZOLO SULL'OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI CITTÀ DI PALAZZOLO SULL'OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 28/03/2013 INDICE Art. 1 OGGETTO...1 Art. 2 SOGGETTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI VALLIO TERME - Provincia di Brescia - REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 1 del 30.04.2013 Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 06.02.2013 1 Articolo 1 OGGETTO

Dettagli

Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Delta del Po REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Delta del Po REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Delta del Po REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione del Comitato Esecutivo n. 51 del 30/05/2014 Indice Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI MENDICINO REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI MENDICINO REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 32 del 18.12.2012 TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 26.04.2013 1 CAPO I Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile.

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile. REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del eseguibile. 06 marzo 2013, resa immediatamente ENTRATO IN VIGORE IL 06 MARZO 2013 1 REGOLAMENTO DEI CONTROLLI

Dettagli

Regolamento Comunale di disciplina dei controlli interni

Regolamento Comunale di disciplina dei controlli interni COMUNE DI MALCESINE PROVINCIA DI VERONA Regolamento Comunale di disciplina dei controlli interni Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 31.01.2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE D CASTELLO D ARGLE Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L ATTUAZONE DE CONTROLL NTERN Approvato dal Consiglio Comunale Deliberazione n. 4 del 7/02/2013 N D C E TTOLO : PRNCP GENERAL Art. 1 : Ambito

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI GRAGNANO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI GRAGNANO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI ADOTTATO CON DELIBERA DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N DEL 1 COMUNE DI GRAGNANO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del

Dettagli

Regolamento Per la disciplina

Regolamento Per la disciplina Comune di Alassio Riviera dei Fiori www.comunealassio.it comune.alassio@legalmail.it Regolamento Per la disciplina dei Controlli interni ( Approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario n. 3

Dettagli

COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di Parma

COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di Parma COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di Parma REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 8 del 07/02/2013 (Entrato in vigore il 27/02/2013) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI EX L. 190/2012 DELL UFFICIO D AMBITO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI EX L. 190/2012 DELL UFFICIO D AMBITO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Deliberazione n. 2 del 30/11/2015 REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI EX L. 190/2012 DELL UFFICIO D AMBITO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Allegato 3 Milano 30 novembre 2015 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (approvato con delibera della Giunta Comunale n. 21 del 08.03.2013) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

Nr. 6 del Reg. Data 21 Febbraio 2013

Nr. 6 del Reg. Data 21 Febbraio 2013 C I T T A D I rovincia di Vibo Valentia I Z Z O COIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Nr. 6 del Reg. Data 21 Febbraio 2013 OGGETTO: AROVAZIONE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLI INTERNI. L anno

Dettagli

COMUNE DI ARZERGRANDE (Provincia di Padova) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI ARZERGRANDE (Provincia di Padova) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI ARZERGRANDE (Provincia di Padova) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Il presente regolamento: - è stato approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 03 del 22/01/2013; - è stato pubblicato

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE.TE. REGOLAMENTO DI CONTABILITA Aggiornato in base ai principi del D.Lgs. n. 118/2011 (Approvato con deliberazione di Assemblea Consortile n. 35 del 30 novembre 2015 ) INDICE

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO PROVINCIA DI TORINO. Art. 1

COMUNE DI SAN GILLIO PROVINCIA DI TORINO. Art. 1 REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI SAN GILLIO PROVINCIA DI TORINO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Finalità e Ambito di applicazione Art. 1 Il presente Regolamento disciplina - in coordinamento con

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA. Adottato con deliberazione di consiglio comunale Pg. n. 25940/25 nella seduta del 28/02/2013. Pagina 1 di 17

COMUNE DI RAVENNA. Adottato con deliberazione di consiglio comunale Pg. n. 25940/25 nella seduta del 28/02/2013. Pagina 1 di 17 COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DEL SISTEMA INTEGRATO DEI CONTROLLI INTERNI Adottato con deliberazione di consiglio comunale Pg. n. 25940/25 nella seduta del 28/02/2013 Pagina 1 di 17 REGOLAMENTO DEL SISTEMA

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI (Approvato con deliberazione consiliare n. 2/690 del 7 gennaio 2013) 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l'istituzione di

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina dei controlli interni

Regolamento comunale per la disciplina dei controlli interni Regolamento comunale per la disciplina dei controlli interni TITOLO I PRINCIPI GENERALI art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina organizzazione, strumenti e modalità di svolgimento dei controlli

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

INTEGRAZIONE REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

INTEGRAZIONE REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI INTEGRAZIONE REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.26 del 14/03/2013 e integrato con delibera del Consiglio comunale n. 66 del 19/12/2014 Art.1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE REGOLAMENTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE Comune di Lavello CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Riferimenti Normativi 1. Il presente Regolamento è redatto nel rispetto di quanto disposto dagli articoli 147,

Dettagli

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI (P. Fiumara) 1 QUADRO DI RIFERIMENTO DEGLI EQUILIBRI FINANZIARI 1. Equilibrio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

COMUNE DI ROCCAMORICE Provincia di Pescara

COMUNE DI ROCCAMORICE Provincia di Pescara REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina, nell ambito dell autonomia riconosciuta agli Enti Locali, l organizzazione, nel Comune di

Dettagli

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000 Finanza, contabilità e revisione economico-finanziaria Sommario 1 L ordinamento contabile: fonti normative. 2 Il regolamento di contabilità. 3 Gli strumenti della programmazione finanziaria. 4 Il rendiconto

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Registro determinazioni n. 1275 Documento composto da n. 4 pagine Firmato con firma digitale ai sensi del D.Lgs. 82/2005 COMUNE DI TREVISO

Registro determinazioni n. 1275 Documento composto da n. 4 pagine Firmato con firma digitale ai sensi del D.Lgs. 82/2005 COMUNE DI TREVISO Registro determinazioni n. 1275 Documento composto da n. 4 pagine Firmato con firma digitale ai sensi del D.Lgs. 82/2005 COMUNE DI TREVISO area: codice ufficio: 102 SERVIZIO DI STAFF CONTROLLI R.A.S.S.

Dettagli

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance.

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Art. 1 OBIETTIVI Il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza delle performance viene applicato

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Settore Ordinamento ed Organizzazione Intersettoriale REGOLAMENTO CONTROLLO DI GESTIONE

Settore Ordinamento ed Organizzazione Intersettoriale REGOLAMENTO CONTROLLO DI GESTIONE Settore Ordinamento ed Organizzazione Intersettoriale REGOLAMENTO CONTROLLO DI GESTIONE Sommario Titolo I...3 Disposizioni Generali...3 Ambito di applicazione...3 Oggetto... 3 Organismo esterno preposto

Dettagli

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per l esercizio del controllo analogo sulle società in house approvato con delibera

Dettagli

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO)

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) La SeO ha carattere generale, contenuto programmatico e costituisce lo strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 giugno 2015 1/50

REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 giugno 2015 1/50 REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 giugno 2015 1/50 REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Comune di Modena Aggiornamento aprile 2013 Indice Introduzione

Dettagli

Comune di Vicenza. Regolamento di Contabilità. Ultimo aggiornamento 26.03.2013

Comune di Vicenza. Regolamento di Contabilità. Ultimo aggiornamento 26.03.2013 Comune di Vicenza Regolamento di Contabilità Ultimo aggiornamento 26.03.2013 Approvato dal Consiglio comunale con deliberazione n. 11/13015 del 14 febbraio 2013 e modificato con Deliberazione di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA INTEGRATO DEI CONTROLLI INTERNI (APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 10 DEL 27.02.2013)

REGOLAMENTO DEL SISTEMA INTEGRATO DEI CONTROLLI INTERNI (APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 10 DEL 27.02.2013) REGOLAMENTO DEL SISTEMA INTEGRATO DEI CONTROLLI INTERNI (APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 10 DEL 27.02.2013) 1 REGOLAMENTO DEL SISTEMA INTEGRATO DEI CONTROLLI INTERNI (di cui all art. 3, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 7 del 28 febbraio 2013 Modificato con deliberazione del Consiglio Provinciale n.

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITÀ E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITÀ E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITÀ E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato con deliberazione C.C. n. 30 del 23/02/2011 1 INDICE Titolo I Programmazione e valutazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014)

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) DELIBERA COMMISSARIALE ORIGINALE Seduta del 22/12/2014 n. 195 del Registro deliberazioni OGGETTO: Artt.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato con deliberazione n. del 18 /08/2015 Art.1. PRINCIPI GENERALI 1. La misurazione e la valutazione

Dettagli

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO IL CONTROLLO SULLA GESTIONE FINANZIARIA DELLE REGIONI: IL RUOLO DELLA CORTE DEI CONTI ALLA LUCE DELLE MODIFICHE INTRODOTTE DAGLI ARTT. 1 E 1 BIS DEL D.L. 174/2012 (CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA L.

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Codice Ente 10024 DELIBERAZIONE NUMERO 2 DEL 05-03-2013 Adunanza straordinaria di Prima convocazione, seduta pubblica Oggetto: ESAME E APPROVAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTROLLO DI GESTIONE

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTROLLO DI GESTIONE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTROLLO DI GESTIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 17 del 31.1.2013 ART. 1: NORME GENERALI...

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI DELLA PROVINCIA DI MILANO

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI DELLA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI DELLA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Indice TITOLO I PRINCIPI GENERALI Pag. 3 Art. 1 Finalità e principi Pag. 3 Art. 2 Articolazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Unità di staff Economico-finanziario e fiscalità DIRETTORE VESCOVI DOTT. MARIO Numero di registro Data dell'atto 1787 18/11/2015 Oggetto : Rinegoziazione dei prestiti

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Regolamento di contabilità CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Regolamento di contabilità CAPO I FINALITA E CONTENUTO Regolamento di contabilità Indice CAPO I FINALITA E CONTENUTO Art. 1 CAPO II BILANCIO E PROGRAMMAZIONE CAPO III GESTIONE DEL BILANCIO CAPO IV BILANCIO D ESERCIZIO CAPO V REVISIONE ECONOMICO-FINANZIARIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance 14 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE Il ciclo della performance APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 465 REG./.499 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 15/12/2010 TITOLO I Programmazione, controllo,

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara)

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara) COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) VERBALE N. 4 DEL 3 APRILE 2014 Il giorno tre del mese di aprile dell anno duemilaquattordici, alle ore 15,00 il Revisore dei Conti: Dott.ssa Angela Caselli,

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA

COMUNE DI PRAMAGGIORE (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA COMUNE DI PRAMAGGIORE (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 3 del 15/02/2013 1 CAPO I Norme generali e Servizio Finanziario ART. 1 OGGETTO

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli