La Ricostruzione Mammaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Ricostruzione Mammaria"

Transcript

1 La Ricostruzione Mammaria

2

3 LA RICOSTRUZIONE MAMMARIA INTRODUZIONE Grazie ai progressi compiuti in campo chirurgico oggi è possibile ottenere un buon risultato estetico anche quando si renda necessario rimuovere la ghiandola mammaria. La decisione oncologica di asportare tutta la mammella è legata alla localizzazione anatomica, alle dimensioni del nodulo tumorale ed al volume della mammella. Con la totalità della ghiandola possono essere asportati la cute sovrastante, l areola, il capezzolo e raramente i muscoli pettorali. Sul torace può residuare così una cicatrice -obliqua od orizzontaleo un minimo esito cicatriziale con la mancanza della ghiandola. La chirurgia ricostruttiva ha la finalità di riempire questo vuoto e permette di ottenere un risultato il più vicino possibile alle dimensioni della mammella sana. Il tipo di tecnica chirurgica scelto per raggiungere una buona simmetria dipende da vari fattori: dalla quantità di tessuto ghiandolare, muscolare e cutaneo asportato, dalla presenza di altre cicatrici, dal volume e dalla forma della mammella residua; dalle terapie oncologiche che vengono associate alla chirurgia (chemioterapia e soprattutto radioterapia); dalla storia clinica e dalle condizioni generali individuali; dalla dinamica posturale, funzionale e gestuale; dalla motivazione e dalla decisione personale di volersi sottoporre alla ricostruzione, una volta comprese le specifiche tecniche, i materiali protesici e- ventualmente usati, le sequele post-chirurgiche e le strategie per evitarle o ridurle. Alcuni interventi ricostruttivi sono semplici e rapidi e non richiedono grossi sacrifici individuali; altri necessitano di tempi operatori più lunghi e degenze più impegnative. Oggi, ogni donna che è stata sottoposta ad un intervento di asportazione parziale o totale della mammella, può richiedere l intervento ricostruttivo per cercare di raggiungere una buona simmetria e rimodellare le sue mammelle secondo i suoi desideri. Una volta sentito il parere congiunto degli specialisti, prima di sottoporsi a qualsiasi manovra chirurgica, dovrà comunque essere ben informata e fortemente motivata. 3

4 PRIME UTILI INFORMAZIONI Il tempo della ricostruzione Nella maggior parte dei casi è possibile iniziare la ricostruzione contestualmente all asportazione della ghiandola. Raramente chi si sottopone all asportazione totale della ghiandola necessita di un trattamento radioterapico, ma se ciò dovesse essere programmato è bene sapere che questo può compromettere i risultati della ricostruzione immediata in un caso su due e che questa probabilità permane nel tempo perché il danno della radioterapia è permanente. Per quanto riguarda la chemioterapia, questa in linea di massima non comporta controindicazioni. Particolari farmaci e la loro prescrizione a dosaggi elevati creano la necessità di un monitoraggio dei globuli bianchi per prevenire eventuali infezioni. La ricostruzione a distanza di tempo dall intervento chirurgico oncologico (ricostruzione differita) è indicata nei casi in cui le condizioni generali, le decisioni personali, lo stato posturale e dinamico, le situazioni organizzative sanitarie non siano ottimali. È possibile programmare l intervento ricostruttivo già sei mesi dopo quello oncologico, tuttavia è meglio aspettare che i trattamenti complementari vengano terminati e che si sia 4 raggiunto un buon recupero psicofisico. La possibilità di ricostruire la mammella è offerta a tutte le donne che lo desiderino La mammella ricostruita I progressi della chirurgia plastica ricostruttiva e gli studi condotti sulle protesi mammarie consentono un soddisfacente risultato estetico con sequele post-operatorie e tardive accettabili. Queste possono essere ridotte da una preparazione psicofisica adeguata, seguita -dopo l intervento- da un programma specifico di riorganizzazione posturale e percettivo. In questo modo potrà anche essere meglio accettata la mammella ricostruita con la sua diversa consistenza, mobilità e sensibilità rispetto alla mammella normale. Le protesi mammarie Le protesi mammarie sono state introdotte per la prima volta nel L involucro esterno delle

5 Tutti gli studi clinici condotti sino ad oggi dai maggiori centri di ricerca negli Stati Uniti ed in Europa confermano che le protesi mammarie al silicone non sono pericolose, in particolare non sono cancerogene né stimolano la comparsa di malattie autoimmuni protesi mammarie è formato da uno o più strati di silicone solido. Il contenuto interno è costituito da gel di silicone. Il silicone proviene dal silicio che si trova abbondantemente in natura nella sabbia, nel quarzo e nelle rocce. A seconda delle sue combinazioni con l ossigeno, il carbonio e l idrogeno assume lo stato di polvere, gel, olio, gomma. Il silicone è presente in un gran numero di oggetti di uso corrente: ricopre gli aghi chirurgici, l interno delle siringhe, si trova nelle lenti a contatto, nelle protesi usate in ortopedia ed in chirurgia vascolare, nelle tettarelle per neonati, nelle creme per le mani, nei deodoranti, nelle soluzioni solari, in alcuni alimenti come conservante e nei farmaci. Tutti gli studi clinici condotti sino ad oggi dai maggiori centri di ricerca negli Stati Uniti ed in Europa confermano che le protesi al silicone non sono pericolose, in particolare non sono cancerogene, né stimolano la comparsa di malattie autoimmuni. L efficacia e la sicurezza delle protesi mammarie è garantita dalla casa produttrice che sottostà alle leggi vigenti in Italia e alle raccomandazioni presenti in Europa. Il gel di silicone -ritenuto sino a pochi anni or sono pericoloso per la possibilità di migrare- è stato oggi sostituito da gel coesivi che riducono tale possibilità anche in caso di rottura accidentale della protesi. L unico problema ancora presente con l utilizzo di protesi mammarie al silicone non riguarda la ricostruzione della mammella, ma l utilizzo delle stesse in mammelle parzialmente operate o rimodellate. La radioopacità alla mammografia, causata dal silicone, può impedire una corretta diagnosi, ma non quando viene eseguita una ricostruzione mammaria dopo mastectomia radicale. Per ovviare a questo problema sono allo studio nuove 5

6 soluzioni e materiali di riempimento alternativi. La superficie della protesi oggi si presenta rugosa (in gergo si dice testurizzata). È un artificio studiato per ridurre la reazione fibrosa intorno alla protesi, una complicanza abbastanza comune con l uso delle protesi a superficie liscia. Questa reazione compare generalmente entro l anno dall inserimento protesico e provoca un indurimento della mammella ricostruita causando a volte dolore. L uso delle protesi testurizzate ha ridotto la percentuale della reazione capsulare periprotesica a circa l 1-2% in estetica ed al 15-20% in chirurgia ricostruttiva. Durata di una protesi La vita di una protesi mammaria dipende dalla sua possibile rottura e dal cambiamento della sua forma. Oggi assistiamo alla rottura di protesi impiantate 10 o 15 anni fa, costruite con materiali e modalità completamente differenti rispetto alle attuali; l attesa di durata per le protesi di nuova fabbricazione è quindi alta. La rottura di una protesi non è da considerarsi un evento drammatico: una protesi contenente soluzione fisiologica perderà il suo volume, mentre una contenente gel di silicone cambierà di forma ma senza arrecare danni all organismo. Un intervento chirurgico di facile esecuzione con sostituzione della protesi, rimedierà all accaduto senza ulteriori conseguenze per la paziente. 6

7 RICOSTRUZIONE MAMMARIA CON PROTESI PERMANENTE La ricostruzione con protesi è la tecnica chirurgica più semplice per ricostruire una mammella. È possibile solo se: la pelle risulta soffice, elastica ed abbondante; il muscolo grande pettorale è trofico nella sua totalità; la mammella controlaterale è di piccola dimensione. Se l intervento è programmato in differita l incisione chirurgica segue generalmente la cicatrice già esistente della mastectomia. Si procede quindi scollando il muscolo grande pettorale dalla parete toracica e preparando una tasca atta a ricevere la protesi. Le suture sono effettuate con materiali riassorbibili e senza punti e- sterni. Questo intervento dura circa 45 minuti e la degenza raramente supera i quattro giorni. Un drenaggio in aspirazione permane per qualche giorno. Le protesi utilizzate sono generalmente preriempite con il gel di silicone coesivo ed hanno una forma anatomica. Vantaggi: tecnica semplice, assenza di cicatrici supplementari, unico intervento chirurgico. Svantaggi: si possono ricostruire solo mammelle piccole e d aspetto giovanile, il solco sottomammario è poco definito, è difficile raggiungere una perfezione di forma e simmetria. La reazione capsulare periprotesica è più frequente se paragonata alla ricostruzione con una protesi ad espansione. È sconsigliata nei casi, in cui dopo l intervento oncologico venga prescritta la radioterapia, oppure quando la radioterapia sia stata eseguita precedentemente all intervento. (Vedi Lipofilling) In alcuni casi, quando possono essere adottate tecniche di mastectomia particolari con possibilità di risparmio del complesso areolacapezzolo (quali la Skin Reducing Mastectomy o la Nac Sparing Mastectomy), è possibile eseguire una ricostruzione mammaria, con una protesi anatomica, in un unico tempo con risultati paragonabili alla ricostruzione in due tempi operatori. La forma, la dimensione ed il volume della mammella sono elementi determinanti per queste indicazioni chirurgiche. 7

8 RICOSTRUZIONE MAMMARIA CON PROTESI AD ESPANSIONE TEMPORANEA 8 Se si deve ricostruire una mammella di medie o grandi dimensioni si ricorre all uso di un espansore che sfrutta la possibilità della pelle di distendersi progressivamente, come avviene ad esempio nell addome durante la gravidanza. Questa tecnica necessita di due tempi chirurgici, ma permette di ricostruire le mammelle di buone dimensioni con risultati finali ottimi, ridefinisce il solco sottomammario e la fisiologica caduta (ptosi) della mammella. Se la protesi ad espansione viene introdotta in un tempo successivo alla mastectomia, si sfrutta la cicatrice già presente e si procede scollando pelle e muscolo grande pettorale per ottenere lo spazio dove collocarla. Come la protesi definitiva, anche la protesi ad espansione ha una superficie testurizzata (ruvida). All inizio si presenta come un palloncino sgonfio. Progressivamente nel tempo viene riempita con soluzione fisiologica attraverso una valvola interna. Generalmente questa protesi viene inserita già riempita al 50% ed i rifornimenti successivi, sempre effettuati con soluzione fisiologica, avvengono ogni giorni. Nel giro di 4-6 settimane si raggiunge il volume finale desiderato. La manovra è semplice ed indolore ed è utilizzato un ago a farfalla di piccole dimensioni. Nel periodo di riempimento la pelle va massaggiata con creme idratanti ed emollienti. Sarà utile attendere almeno sei mesi dall ultima espansione prima di procedere con il secondo tempo chirurgico al fine di evitare una retrazione secondaria della pelle. Dopo questo tempo la protesi ad espansione viene rimossa e sostituita da una protesi anatomica di volume lievemente inferiore. È anche possibile, senza cicatrici aggiunte, ricostruire il solco sottomammario e simulare una naturale ca-

9 duta della mammella. In una percentuale di casi è necessario ritoccare la mammella controlaterale con tecniche tipiche della chirurgia estetica per migliorare la simmetria. Vantaggi: possibilità di ricostruire qualsiasi tipo di mammella senza cicatrici supplementari; possibilità di ritocchi e miglioramenti durante il secondo tempo chirurgico. Svantaggi: si rende necessario un secondo tempo operatorio. È sconsigliata quando la sede di mastectomia è stata irradiata. In caso di Radioterapia precedentemente eseguita, l uso della protesi può essere preso in considerazione se vengono eseguiti trattamenti con l utilizzo del trapianto di cellule adipose. RICOSTRUZIONE MAMMARIA CON LEMBO MIOCUTANEO Quando la pelle residua è molto sottile, tesa o sede di radioterapia, oppure quando parte del muscolo grande pettorale è stato sacrificato, è necessario ricorrere all utilizzo di un lembo muscolare o muscolocutaneo. I muscoli utilizzati più frequentemente sono il grande dorsale ed il retto addominale, (T.R.A.M.). Quest ultimo può anche essere microchirurgico ed è chiamato D.I.E.P. Gli interventi di ricostruzione possono essere schematicamente suddivisi in quelli che utilizzano le protesi al silicone, quelli che utilizzano tessuti trasporti del proprio corpo e quelli che associano entrambe queste tecniche. 9

10 RICOSTRUZIONE MAMMARIA CON IL MUSCOLO GRAN DORSALE Il muscolo grande dorsale è un muscolo sottile adagiato sul dorso e rivestito da pelle che, anche se di colore diverso da quello della mammella, ben si offre per la ricostruzione della stessa. Il lembo costituito dal muscolo e dalla pelle può essere facilmente ruotato anteriormente a sostituire il muscolo pettorale perso ed a rimpiazzare la cute mancante. La pelle prelevata posteriormente ha la forma di un rombo ed è generalmente utilizzata per ricostruire la parte inferiore della mammella. La cicatrice del dorso può essere orizzontale od obliqua, ma generalmente facilmente nascondibile sotto gli indumenti. Nella maggior parte dei casi bisogna ricorrere ad una protesi, per raggiungere il volume desiderato. Raramente, e solo di fronte ad una mammella piccola ed ad un dorso ricco di tessuto adiposo, si può evitare di inserire una protesi. La durata dell intervento è di circa due ore e nel post operatorio il dolore è tollerabile ed è limitato alla 10 sede dell intervento. La degenza media è di 5-6 giorni. La complicanza più comune è la formazione di siero al dorso, facilmente drenabile. Prima dell intervento si rende indispensabile la valutazione biomeccanica in statica e in dinamica per stabilire il programma di preparazione e di riorganizzazione posturale dopo l intervento. Vantaggi: è una tecnica semplice ed, in mani esperte, poco impegnativa e poco dolorosa. Svantaggi: residua una cicatrice sul dorso che spesso si infossa con fibrosi e si fissa a livello cutaneo; si utilizza un muscolo togliendolo dalla sua sede naturale; questo si contrae a livello della mammella ricostruita; la pelle del dorso

11 ha un colore diverso da quello del torace; esitano varie cicatrici; nella maggior parte dei casi è necessario l inserimento di una protesi con la possibilità delle reazioni precedentemente descritte. Va prevista una valutazione e una preparazione biomeccanica prima dell intervento e un programma specifico percettivomotorio dopo l intervento per ritrovare l equilibrio coordinativo, evitare limitazioni e dolore all arto superiore e prevenire le fibrosi a livello della cicatrice dorsale. RICOSTRUZIONE MAMMARIA CON IL MUSCOLO RETTO ADDOMINALE (TRAM) L originalità di questa tecnica chirurgica consiste nel poter ricostruire la mammella senza servirsi della protesi. In genere viene consigliata a persone che hanno una mammella di medie e grosse dimensioni e che presentino abbondante cute e tessuto adiposo a livello della porzione addominale inferiore e sempre in esiti di radioterapia. Il muscolo retto addominale, composto da due parti una a destra e l altra a sinistra, si estende dal torace al pube e partecipa alla conformazione della parete addominale. Nell intervento di ricostruzione viene resecato alla sua inserzione inferiore ed utilizzato nella sua totalità. A volte è possibile utilizzare il retto addominale di un lato; altre volte è necessario utilizzare entrambi i muscoli. L insieme dei tessuti è fatto scivolare sotto la pelle 11

12 12 attraverso un tunnel sino all area della mastectomia. Per riparare il difetto residuo della parete addominale a pieno spessore, raramente è necessario utilizzare una rete di rinforzo, come per le ernie. La sutura della cute a livello dell addome esita in una lunga cicatrice orizzontale posizionata in regione sovrapubica; cicatrice simile a quella che vediamo dopo una addominoplastica eseguita per estetica. A livello della mammella il lembo muscolo cutaneo è modellato in modo di ricreare per volume e forma la mammella sana. Si raggiunge un aspetto molto naturale. L intervento ha una durata tra le tre e le quattro ore ed una degenza media di circa otto giorni; è previsto un allettamento di circa 1 2 giorni, con una terapia infusionale e antidolorifica adeguata. Nell immediato post-operatorio si rende necessaria una posizione leggermente flessa per non danneggiare la ferita addominale. In questo periodo viene fatta indossare una pancera protettiva e contenitiva. È altrettanto necessaria una specifica valutazione ed una preparazione biomeccanica e posturale preoperatoria ed un programma postoperatorio di rinforzo e di riequilibrio coordinativo. Vantaggi: risultato finale buono e duraturo, buon risultato estetico all - addome (la pancia si modella e si appiattisce), variazioni della taglia e della figura del tronco. Svantaggi: lungo tempo operatorio, lunga degenza post operatoria e lungo periodo di convalescenza, necessaria valutazione e preparazione biomeccanica ed un programma postoperatorio di riorganizzazione percettivo-motoria. Possibilità, nel 15% di casi, di sofferenza parziale della cute o del tessuto grasso del lembo, comunque recuperabili con un secondo intervento. Fumatrici, obese e persone che hanno la colonna lombare in iperlordosi devono essere attentamente valutate e seguite nel periodo pre e post-operatorio.

13 RICOSTRUZIONE MAMMARIA CON LEMBO D.I.E.P. Rappresenta la più moderna tecnica di ricostruzione mammaria, permette di ottenere il miglior risultato ricostruttivo legato al minor danno del sito donatore (il grasso e la pelle della pancia). Da quasi dieci anni all estero questo intervento è la tecnica standard di ricostruzione per le pazienti che hanno eseguito radioterapia. Nell intervento di lembo Deep Inferior Epigastric Perforator il seno viene ricostruito senza utilizzare alcuna protesi e viene consigliato a donne con abbondante cute e tessuto adiposo a livello addominale inferiore e sempre in esiti di radioterapia. A differenza della ricostruzione con muscolo retto addominale (TRAM) la muscolatura della pancia non viene asportata né danneggiata, la cicatrice addominale che risulterà è identica a quella di un intervento di addominoplastica estetica. Solamente il grasso e la cute vengono prelevati, insieme con i loro vasi, dalla regione addominale. Contestualmente viene rimosso un piccolo tassello di cartilagine dalla regione mammaria dove è stato asportato il seno. Attraverso l uso del microscopio operatorio la cute ed il grasso addominale vengono riposizionati in regione mammaria e rimodellati a formare una nuova mammella. Tramite l intervento di lembo DIEP la paziente riduce notevolmente le possibili complicanze quali le ernie addominali e la diminuzione della forza muscolare del tronco. In genere i pazienti operati col DIEP hanno un tempo di ricovero in ospedale più corto, riprendono la loro attività in un tempo notevolmente più breve a quelli sottoposti ad intervento TRAM e senza nessuna conseguenza funzionale addominale. Il corpo umano tollera molto meglio una chirurgia superficiale (senza muscolo) con l'unico 13

14 prezzo da pagare della durata maggiore della sala operatoria (2-4 ore in più). Per sottoporsi a questo intervento è fondamentale, oltre al consulto col Chirurgo Plastico, una specifica valutazione biomeccanica ed una valutazione (mediante ecografia superficiale) dei vasi della parete addominale. Vantaggi: risultato finale buono e duraturo, buon risultato estetico dell addome (la pancia si modella e si appiattisce). Nessun danno funzionale addominale. Svantaggi: lungo tempo operatorio, 5-6 giorni circa di degenza postoperatoria, periodo di convalescenza maggiore rispetto alla ricostruzione con protesi ma minore rispetto al TRAM, possibilità nel 2-5% dei casi di sofferenza della cute o del tessuto grasso del lembo. Pazienti fumatrici devo smettere di fumare almeno 6 mesi prima dell intervento. Pazienti obese devono essere attentamente valutate. MODELLAMENTO IN CASO DI QUADRANTECTOMIA 14 Problemi particolari nell ambito delle tecniche chirurgiche pongono gli interventi conservativi. Circa il 40-50% dei trattamenti conservativi per carcinoma mammario esitano in risultati definiti scarsi dal punto di vista cosmetico. La gravità del deficit estetico è conseguente all ampiezza della exeresi chirurgica, alla posizione del nodulo tumorale ed agli effetti della radioterapia che sempre viene associata alla chirurgia conservativa. Gli effetti della radioterapia consistono in una retrazione fibrosa di tutto il parenchima, con u- n ulteriore riduzione del volume della mammella, diminuzione della ptosi (caduta) e aumento della consistenza della mammella residua. L asportazione chirurgica stessa crea un alterazione mammaria ed è chiaro che, quando questa è molto ampia, ne risulterà una marcata asimmetria. Uno dei fattori più importanti nel determinare l - entità del danno estetico è la posizione del nodulo tumorale. Mentre la maggioranza delle quadrantectomie supero-esterne producono risultati estetici accettabili, l asportazione di medesime quantità di tessuto nei quadranti inferiori o mediali crea una importante difetto estetico. È utile correggere il difetto con tecniche adeguate durante il tempo chirurgico dell asportazione del quadrante. Una correzione attuata in un tempo differito, cioè dopo mesi dall inter-

15 Alcuni esempi di rimodellamento immediato della mammella dopo quadrantectomia vento oncologico, avrà il vantaggio di considerare le modificazioni morfologiche provocate dalla radioterapia, ma lo svantaggio di operare su un tessuto la cui vascolarizzazione è stata compromessa dalla terapia radiante. La correzione in genere consiste nel ricostruire il cono mammario con un semplice avvicinamento della ghiandola mammaria; o con la mobilizzazione di parte della ghiandola scollata dal piano muscolare e avanzata nella zona mancante. Questi accorgimenti portano ad un buon risultato estetico soprattutto quando sono interessati i quadranti supero-esterni. Nelle quadrantectomie centrali ed inferiori, e, a volte, in quelle superiori mediali, le tecniche usuali non sono in grado di evitare gravi alterazioni della forma. In particolare la chiusura di un exeresi centrale provoca un amputazione dell apice del cono mammario, con un caratteristico appiattimento della mammella; la chiusura di un ampia resezione di un quadrante inferiore provoca una dislocazione verso il basso del capezzolo e dell areola. Le tecniche chirurgiche utilizzate sfruttano in questi casi l esperienza maturata nella chirurgia estetica della mammella, avvalendosi di lembi dermoghiandolari e sfruttando incisioni cutanee tipiche delle mastoplastiche riduttive. Il rimodellamento della ghiandola dopo asportazione parziale deve essere sempre fatto contestualmente alla demolizione ed è altrettanto sconsigliato l utilizzo di protesi. 15

16 COME OTTENERE LA SIMMETRIA FINALE DELLE MAMMELLE Lo scopo della ricostruzione mammaria è quello di ottenere una mammella d aspetto naturale, di forma e di volume il più vicino possibile a quello controlaterale. Purtroppo questo non è sempre possibile. La forma ottenuta è per lo più vicina ad una mammella giovanile e non in tutti i casi è possibile ottenere la normale caduta (ptosi) legata alla storia naturale della mammella. Si rende quindi a volte necessario ritoccare la mammella sana con interventi che sono utilizzati in chirurgia estetica. Generalmente la correzione della mammella sana è fatta in un secondo tempo chirurgico, ad esempio quando si rimuove la protesi ad espansione per introdurre quella permanente, oppure simultaneamente quando si opta per una ricostruzione con il lembo addominale. Gli interventi più utilizzati sono quelli di mastoplastica riduttiva, cioè di riduzione della mammella, altre volte di mastopessi, cioè si rialza e si ridà forma alla mammella senza togliere tessuto ghiandolare, o ancora si esegue una mastoplastica additiva, inserendo 16 una protesi, per aumentare le dimensioni della mammella. Il tipo d intervento plastico sulla mammella controlaterale va deciso all inizio del programma ricostruttivo dopo una attenta valutazione dello stato clinico, oncologico, biomeccanico e psicologico. L atto chirurgico sulla mammella sana non influenza la storia oncologica -né locale né generale- e non aggrava con ulteriori esami clinici e strumentali la normale routine di controllo oncologico. Mastoplastica Riduttiva

17 Mastoplastica Additiva LIPOFILLING L intervento di lipofilling consiste nel prelevare del grasso autologo, ovvero dalla paziente stessa, ed iniettarlo come riempitivo o correttivo in altre zone del corpo. Mediante la tecnica della liposuzione, il tessuto adiposo viene prelevato dal sottocute di una zona lontana - fianchi, addome, ginocchio, glutei - mediante una cannula sottile. Quanto prelevato con una siringa viene fatto sedimentare e poi centrifugato per ottenere solo tessuto adiposo puro. Viene quindi effettuato il reimpianto di tale tessuto attraverso una cannula sottilissima nella zona che si intende trattare. Il trasferimento del grasso è eseguito ambulatorialmente. L area da cui viene prelevato il grasso è sottoposta ad una anestesia locale. Tale procedura è sicura, naturale e non allergizzante dal momento che viene praticata utilizzando le cellule di grasso del proprio corpo, pertanto, sarà impossibile avere una qualsiasi forma di rigetto. Trattandosi di tessuto appartenente alla paziente stessa, una certa percentuale tende sempre a riassorbirsi entro alcuni 17

18 mesi dall infiltrazione (riassorbimento spontaneo). Questo procedimento può essere ripetuto fino a quando le correzioni desiderate non siano raggiunte. I pazienti possono riprendere le loro normali attività in breve tempo dopo avere effettuato l impianto. Il post operatorio di un intervento di lipofilling è caratterizzato da un eventuale gonfiore nella sede del trattamento che scompare nell arco di 2-3 giorni, e da pressoché totale assenza di dolore. In alcuni casi possono verificarsi delle aree di ecchimosi che tendono a scomparire rapidamente. Le indicazioni sono: radionecrosi, necrosi tessutali da stravaso di chemioterapici, necrosi tessutali complicanze di interventi chirurgici, esiti cicatriziali da traumi o interventi chirurgici o ustione (correzione delle cicatrici retraenti e deformanti), modellamento dopo chirurgia conservativa mammaria, riempimento di aree atrofiche o depresse, anche cicatriziali a seguito di ricostruzione mammaria dopo mastectomia, piaghe da decubito. RICOSTRUZIONE DEL CAPEZZOLO E DELL AREOLA È l atto finale della ricostruzione mammaria. Può essere fatto nel corso di altri interventi correttivi, oppure quando le mammelle hanno raggiunto la loro forma definitiva. Gli interventi di ricostruzione del capezzolo e dell areola possono essere eseguiti ambulatorialmente in anestesia locale. Sono interventi semplici e non dolorosi e permettono di dare un completo aspetto alla mammella ricostruita. Per ricostruire il capezzolo vengono creati piccoli lembi di cute sollevati e suturati tra loro. In presenza di un capezzolo controlaterale molto grande, si esegue un asportazione parziale dello stesso ed 18 un impianto sulla mammella ricostruita. L areola è tatuata con coloranti particolari che mimano l areola contro laterale.

19 RADIOTERAPIA E RICOSTRUZIONE MAMMARIA Esiti acuti e cronici Cute - L arrossamento e l infiammazione nella fase terminale del trattamento sono eventi frequenti, ma solitamente rapidamente e facilmente recuperabili con adeguato trattamento topico e con la conclusione della terapia. Raramente l effetto acuto della radioterapia sulla cute raggiunge un grado elevato (aree di disepitelizzazione o di ulcerazioni) che obbligano ad una interruzione del trattamento. Talora in fase tardiva possono comparire zone di teleangectasia, soprattutto nella sede del sovradosaggio. Tessuto connettivo - è fuori dubbio che la RT a livello dermico determini linfedema, sclerosi, riduzione delle fibre elastiche, trombosi dei vasi di piccoli calibro, unitamente ad una ipotrofia e fibrosi del muscolo pettorale sottostante. Radioterapia dopo chirurgia conservativa Il trattamento radioterapico del carcinoma mammario comporta comunemente l insorgenza di una fibrosi tissutale più o meno marcata a carico dei tessuti compresi nel volume di irradiazione. La fibrosi del sottocute e della porzione di ghiandola mammaria residuata all intervento Il binomio Radioterapia e ricostruzione mammaria non è esente da problematiche: il trattamento radiante di donne con carcinoma della mammella, potrebbe compromettere il risultato cosmetico dell intervento. conservativo è ben visibile ai controlli mammografici, che evidenziano ispessimento del rivestimento cutaneo, retrazioni cicatriziali e distorsioni del parenchima mammario, calcificazioni ghiandolari. Tali modificazioni sono clinicamente importanti soprattutto perché possono ostacolare un rimodellamento della ghiandola mammaria causando un aumento di percentuale di complicanze locali. Radioterapia e ricostruzione con protesi dopo mastectomia 1) Qualora la radioterapia preceda l intervento di chirurgia ricostruttiva, i danni fibrotici derivanti dal trattamento radiante rendono difficoltosa l espansione dei tessuti, necessaria 19

20 per l impianto della protesi, e aumentano il rischio di complicanze fino ad un tasso del 70%, pertanto per la ricostruzione mammaria si rende necessario l utilizzo di lembi autologhi. 2) se la Radioterapia viene programmata quale parte integrante dell iter terapeutico della paziente, si preferisce soprassedere alla ricostruzione immediata con espansore per l elevato rischio di complicanze: la RT potrebbe non consentire una buona espansione, e la mammella ricostruita risultare con una forma non naturale e insoddisfacente. 3) se l indicazione alla Radioterapia viene posta dopo l intervento di mastectomia e ricostruzione immediata con protesi ad espansione, si può procedere alla sostituzione dell espansore con protesi permanente prima dell inizio della Radioterapia, riducendo così la percentuale di complicazione. CONCLUSIONE 20 Nella maggior parte dei casi oggi è possibile ricostruire la mammella o rimodellarla nella stessa seduta operatoria di eliminazione del nodulo tumorale. Quando questo non sia possibile per uno stato generale non perfetto, per l indicazione di una migliore preparazione biomeccanica all intervento, per una indecisione personale o per l urgenza di fare l intervento oncologico e la contemporanea indisponibilità della sala operatoria o dello specialista, la ricostruzione può essere programmata a partire dal sesto mese dopo l intervento e meglio ancora dopo la fine delle terapie complementari (radioterapia e chemioterapia). In base alle caratteristiche individuali e al tipo di intervento scelto (protesi permanente, protesi ad espansione, rotazione dei lembi miocutanei con gran dorsale o retto addominale, ricostruzione del capezzolo e dell areola, rimodellamento della mammella controlaterale), varierà il numero di interventi ai quali una persona dovrà sottoporsi per ottenere un buon risultato cosmetico. Nel tempo la simmetria raggiunta potrà essere meno precisa, soprattutto se la ricostruzione è avvenuta con l inserimento di protesi, a causa del naturale modificarsi della forma della mammella sana. Per questo potranno essere programmati nel lungo tempo ulteriori piccoli riaggiustamenti plastici ricostruttivi. È bene sottolineare che la ricostruzione della mammella -in qualunque modo la si programmi- non modifica la storia oncologica mammaria.

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE

INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE CHE COSA E UN NEVO? Il Nevo, parola latina che significa voglia o mola, è un termine generico che indica una lesione congenita della cute. Mola è il termine

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA COMPAGNIA ITALIANA OFTALMOLOGICA Piazzale Lunardi, 13/A 43100 Parma Tel. +39 0521 483123 Fax +39 0521 483472 info@cioitalia.com ALTK Automated Lamellar Therapeutic

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli