Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Approvato dal Consiglio di Gestione del 23 ottobre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Approvato dal Consiglio di Gestione del 23 ottobre 2012"

Transcript

1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal Consiglio di Gestione del 23 ottobre 2012

2 Sommario 1. Premessa Inquadramento Normativo Criteri generali adottati da Money Box Bank Strategia di Trasmissione degli ordini su strumenti obbligazionari Strategia di Esecuzione degli ordini STRATEGIA DI ESECUZIONE QUALE RACCOGLITORE ATTIVO DI ORDINI NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO SU DERIVATI NON QUOTATI NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO SU PRONTI CONTRO TERMINE PROCESSO DI DEFINIZIONE DEL TASSO BASE Verifica ed Aggiornamento della Strategia di Trasmissione e di Esecuzione degli ordini

3 1. Premessa Nell ambito della nuova disciplina comunitaria MiFID, ha particolare rilievo l intervento normativo in tema di best execution; tale disciplina si pone l obiettivo di assicurare una più ampia protezione degli investitori. In particolare, la nuova normativa prevede la necessità da parte delle Imprese di investimento di adottare tutte le misure ragionevoli per ottenere il miglior risultato possibile allorché vengano prestati i servizi di investimento di esecuzione per conto dei clienti, negoziazione in conto proprio e ricezione e trasmissione degli ordini. La Direttiva MiFID ha abolito l obbligo di concentrazione degli scambi (ossia l obbligo di negoziare sui mercati regolamentati gli strumenti finanziari che sono ivi quotati). L obiettivo finale è quello di mettere in concorrenza diverse piattaforme e sistemi di contrattazione, in modo tale da incrementare l efficienza degli scambi e ridurre i costi di negoziazione. Gli ordini su strumenti finanziari, quindi, possono essere eseguiti su di una pluralità di sedi di esecuzione. Per la definizione di sede di esecuzione si rimanda all allegato Inquadramento Normativo L obbligo di best execution è disciplinato nel Regolamento Intermediari n (Titolo III Best execution Capo I Esecuzione di ordini per conto dei clienti - artt. 45, 46 e 47-e Capo II Ricezione e trasmissione di ordini e gestione di portafogli - art. 48). Le norme definiscono in via generale quali azioni gli intermediari devono intraprendere per garantire il miglior risultato nell esecuzione degli ordini dei propri clienti. Gli obblighi di best execution sono previsti per i clienti classificati come al dettaglio e professionali. L obbligo di best execution si applica a tutti gli strumenti finanziari, siano essi quotati su un mercato regolamentato o meno. Le imprese di investimento che prestano il servizio di esecuzione degli ordini (per conto dei clienti e in conto proprio) devono, quindi, adottare una strategia di esecuzione degli ordini. Con riferimento al servizio di ricezione e trasmissione ordini, le imprese di investimento che delegano la scelta delle sedi di esecuzione al soggetto negoziatore devono, invece, adottare la strategia di trasmissione degli ordini. Qualora invece l intermediario che presta il servizio di ricezione e trasmissione ordini individui le sedi di esecuzione in cui devono essere eseguiti gli ordini deve adottare una strategia di esecuzione degli ordini. In questo caso, infatti, l intermediario svolge il ruolo di raccoglitore attivo. La strategia di esecuzione deve essere finalizzata a : 4

4 individuare, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, almeno le sedi di esecuzione che permettono di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per l esecuzione degli ordini del cliente; orientare la scelta della sede di esecuzione fra quelle individuate. La strategia di trasmissione deve invece essere finalizzata ad individuare, per ciascuna categoria di strumenti, l intermediario negoziatore, che nell eseguire gli ordini ricevuti possa ottenere il miglior risultato, in ragione della propria strategia di esecuzione adottata. Gli intermediari nel garantire la best execution ai propri clienti devono prendere in considerazione i seguenti fattori: prezzo dello strumento finanziario e costi dell esecuzione (corrispettivo totale); rapidità dell esecuzione; probabilità di esecuzione e regolamento; dimensioni dell ordine; natura dell ordine; altre caratteristiche dell ordine rilevanti per la sua esecuzione. Gli intermediari attribuiscono ai suddetti fattori uno specifico ordine di importanza per ciascuna categoria di strumento finanziario e per ogni tipologia di cliente e, sulla base di ciò, selezionano le sedi di esecuzione e/o gli intermediari negoziatori che garantiscano in modo duraturo l ottenimento del miglior risultato possibile. In ogni caso, quando l ordine è impartito da un cliente al dettaglio, il migliore risultato possibile è determinato in termini di corrispettivo totale, che è costituito dal prezzo dello strumento finanziario e dai costi relativi all esecuzione, che includono tutte le spese sostenute dal cliente che sono direttamente collegate all esecuzione dell ordine, comprese le competenze della sede di esecuzione, le competenze per la compensazione e il regolamento e qualsiasi altra competenza pagata a terzi in relazione all esecuzione dell ordine. Qualora venga richiesto dal cliente, gli intermediari devono dimostrare di aver eseguito l ordine in conformità a quanto stabilito nella propria strategia di esecuzione degli ordini. Devono inoltre monitorare regolarmente l efficacia della strategia di trasmissione e di esecuzione degli ordini in modo da identificare e correggere eventuali carenze. Infine sono altresì tenuti ad effettuare periodicamente la revisione della strategia di esecuzione, al fine di valutare la possibilità di ottenere migliori risultati. La revisione deve essere svolta con cadenza almeno annuale nonché tutte le volte che si verificano modifiche sostanziali, tali da influenzare la capacità di ottenere la bestexecution. La disciplina relativa alla best execution non si applica qualora vi siano specifiche disposizioni del cliente associate all ordine (ad esempio scelta di una sede di esecuzione) 5

5 che in qualche modo impediscano l applicazione delle regole definite nella Strategia di esecuzione/trasmissione degli ordini. 3. Criteri generali adottati da Money Box Bank Money Box Bank (di seguito ) è autorizzata ad operare sia come negoziatore che come raccoglitore di ordini presso la clientela. Al momento, presta i seguenti servizi: negoziazione conto proprio per quanto riguarda i derivati OTC e i P/T; esecuzione ordini per conto dei clienti per i soli derivati regolamentati italiani; ricezione/trasmissione ordini per tutti gli altri strumenti finanziari, che vengono trasmessi a Banca Akros per la successiva esecuzione., per le operazioni sulle quali effettua il servizio di ricezione e trasmissione degli ordini, si serve di Banca Akros quale negoziatore. La principale motivazione che ha portato a tale scelta è legata alla possibilità di contenere i costi fissi medi per operazione in virtù delle sinergie esistenti tra le due banche, dovute principalmente all integrazione dei sistemi informativi. La scelta è motivata inoltre dalla professionalità di Banca Akros riconosciuta a livello internazionale, dal consolidato rapporto operativo e dalla appartenenza della stessa al Gruppo. La best execution viene perseguita da avendo riguardo ai seguenti fattori ( Fattori ): prezzo degli strumenti finanziari; costi relativi all esecuzione dell ordine; rapidità nell esecuzione dell ordine; probabilità di esecuzione e di regolamento dell ordine; dimensioni dell ordine; natura dell ordine; ogni altra considerazione pertinente ai fini della esecuzione dell ordine. Per stabilire l importanza relativa dei suddetti Fattori, tiene conto dei seguenti criteri ( Criteri ): le caratteristiche del cliente, ivi compresa la sua classificazione come cliente al dettaglio o professionale; le caratteristiche dell ordine del cliente; le caratteristiche degli strumenti finanziari che sono oggetto dell ordine; le caratteristiche delle sedi di esecuzione alle quali l ordine può essere diretto. Al fine di conseguire, in modo duraturo, la best execution su ordini impartiti da clienti, BPM individua, per ciascuna tipologia di strumenti finanziari, le sedi di esecuzione/negoziatori ai quali trasmettere gli ordini, in ragione del corrispettivo totale, che è costituito dal prezzo dello strumento finanziario e dai costi connessi all operazione. 6

6 Tali costi includono tutte le spese sostenute dal cliente direttamente collegate al servizio prestato. Nella selezione delle sedi di esecuzione o dei negoziatori e nella relativa definizione delle commissioni applicabili, la Banca si impegna ad evitare discriminazioni indebite. Nel caso in cui i clienti impartiscano istruzioni specifiche,, ove possibile, è tenuta nell esecuzione dell ordine a rispettare tali istruzioni specifiche, sebbene ciò possa impedire il conseguimento del miglior risultato. 4. Strategia di Trasmissione degli ordini su strumenti obbligazionari Gli ordini relativi a strumenti obbligazionari, siano essi quotati o non quotati, italiani od esteri, compresi i titoli di Stato e le obbligazioni di propria emissione (branded), sono raccolti e trasmessi a Banca Akros per la successiva negoziazione, secondo i principi della propria strategia di esecuzione (cfr. allegato 2 e 3). Per le obbligazioni diverse da quelle bancarie emesse e/o collocate dalle Banche del Gruppo, Banca Akros si avvale di un sistema di smartorderrouting (denominato SABE 1 ), in grado di ricercare il miglior risultato possibile, ponendo in competizione fra loro sedi di esecuzione differenti per natura, quali: - Mercati regolamentati, italiani ed esteri (es. MOT, EuroMOT) - Sistemi multilaterali di negoziazione italiani ed esteri, nel seguito MTF (es. EuroTLX, HiMTF) - Market maker - Negoziazione in conto proprio. In conformità all'art. 100 bis del D.Lgs 58/98 (Testo Unico della Finanza), non sono tuttavia consentite ad investitori non qualificati (c.d. retail ) la sottoscrizione né l acquisto nei dodici mesi successivi al collocamento di strumenti finanziari inizialmente riservati a investitori qualificati (in sintesi privi di prospetto). Fanno eccezione rispetto a quanto richiamato: - i titoli con tali caratteristiche che siano successivamente stati ammessi a quotazione in un mercato regolamento (es. MOT, EuroMOT) - i titoli con tali caratteristiche negoziati in un MTF che soddisfi i requisiti di cui all art. 2 del Regolamento Consob 11971/99 (in tal caso la negoziazione può avvenire esclusivamente presso tale venue e su istruzione specifica del cliente). 1 Per l approfondimento relativo al funzionamento del motore di Best execution (SABE) si rimanda all allegato 2. 7

7 Le obbligazioni bancarie emesse e/o collocate dal Gruppo sono invece generalmente negoziate sull Internalizzatore Sistematico (IS) di Banca Akros, tradingvenueove quest ultima svolge il ruolo di market maker. Qualora una obbligazione traquelle testé richiamate non rispettasse le caratteristiche previste per l ammissione alla negoziazione sull IS, garantisce comunque al cliente la possibilità di smobilizzare l investimento anticipatamente rispetto alla scadenza per il tramite dell attività di market making prestata da Banca Akros. Il servizio prestato da Banca Akros è in grado di assicurare la liquidabilità, a condizioni di prezzo significative, delle obbligazioni bancarie emesse e/o collocate dal Gruppo, considerate potenzialmente illiquide, anche a fronte della Comunicazione Consob n del Il dovere dell intermediario di comportarsi con correttezza e trasparenza in sede di distribuzione di prodotti finanziari illiquidi Misure di Livello 3, nonché delle Linee Guida Interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello 3 in tema di prodotti illiquidi del Le caratteristiche e le modalità di funzionamento dell Internalizzatore Sistematico sono riportate nel relativo Regolamento (Cfr. Allegato 4), ai sensi dell art. 21 del Regolamento Consob n /07 in materia di mercati. Le metodologie di pricing utilizzate da Banca Akros sono riconosciute e diffuse sul mercato, proporzionate alla complessità dei prodotti e coerenti con quelle utilizzate dalla stessa per la valutazione del portafoglio titoli di proprietà. La componente obbligazionaria è valutata attualizzando i flussi di cassa sulla base della curva dei tassi swap in euro. Laddove la durata residua sia inferiore a un anno, l attualizzazione avviene utilizzando la curva euribor. I tassi di attualizzazione utilizzati per la definizione del fair market value sono rettificati utilizzando lo spread implicito che riflette il merito di credito dell'emittente. La componente derivativa è invece valutata mediante modelli finanziari che variano in base al tipo di opzione implicita. Sull Internalizzatore sistematico, Banca Akros espone quotazioni in danaro e lettera, a partire dal 31 giorno dall ultima data di regolamento delle obbligazioni. Il prezzo di riacquisto (prezzo denaro) e quello di vendita (prezzo lettera) sono definiti applicando al fair market value dello strumento un margine rispettivamente in riduzione (spread denaro) e in aumento (spread lettera) del fair value stesso. Lo spreadmassimo denaro-lettera è pari a: - 0,75% (75 punti base) per le obbligazioni plainvanilla, di cui 0,5% in acquisto e 0,25% in vendita % (150 punti base) per le obbligazioni strutturate, di cui 1% in acquisto e 0,5% in vendita. In condizioni fisiologiche di mercato, gli spread massimi sono applicati da Banca Akros anche per l attività di market making. 8

8 I prezzi e le quantità esposti sull Internalizzatore sono irrevocabili ( a fermo ); le quantità, inoltre, (in acquisto e, laddove disponibili, anche in vendita) assumono dimensioni tipicamente al dettaglio, in sintonia con il target di clientela cui sono rivolte. Il pricing dei singoli titoli negoziati tramite Internalizzatore è sottoposto a verifica da parte del Risk Management di Banca Akros, nonché a verifiche a campione da parte del Servizio Risk Management di Bipiemme. La tabella seguente illustra la strategia di trasmissione adottata per le diverse tipologie di strumenti obbligazionari. Strumenti finanziari Sedi di esecuzione - Mercati regolamentati - MTF Obbligazioni e titoli di Stato italiani ed esteri quotati - Market maker tramite SABE Obbligazioni non quotate, ad eccezione delle - MTF obbligazioni bancarie emesse e/o collocate dal - Market maker Gruppo Bipiemme tramite SABE - Mercati regolamentati Obbligazioni quotate su mercati regolamentati, - MTF inizialmente riservate a investitori qualificati ed - Market Maker emesse da meno di dodici mesi tramite SABE - MTF che soddisfino i requisiti di Obbligazioni non quotate inizialmente riservate a cui al Regolamento Consob investitori qualificati ed emesse da meno di dodici 11971/99 mesi tramite SABE - Internalizzatore sistematico, Obbligazioni bancarie emesse e/o collocate dal - Market Maker (laddove non Gruppo Bipiemme negoziate nell Internalizzatore Sistematico) 5. Strategia di Esecuzione degli ordini 5.1. Strategia di esecuzione quale raccoglitore attivo di ordini Per gli strumenti finanziari elencati nella tabella di seguito riportata, ha definito una propria strategia di esecuzione degli ordini. Quest ultima concerne i derivati regolamenti italiani, nonché strumenti finanziari per i quali, ancorché svolga il solo servizio di ricezione e trasmissione, ha definito le sedi di esecuzione sulle quali gli ordini devono essere inviati dal negoziatore prescelto. svolge, in questo contesto, il c.d. ruolo di 9

9 raccoglitore attivo. La trasmissione degli ordini a Banca Akros consente, per i motivi già illustrati, di contenere i costi complessivi a carico del cliente. La presente strategia prevede di eseguire gli ordini sul mercato regolamentato di riferimento al fine di consentire l accesso alla maggior liquidità disponibile per lo strumento finanziario oggetto di operazione garantendo, quindi, una maggiore probabilità di esecuzione e una riduzione dei costi di negoziazione. 2 Ciò vale in particolare per i mercati azionari. Benché infatti, recentemente nuove sedi di esecuzione (es. Turquoise e Chi-X) si siano affiancate ai mercati regolamentati, allo stato attuale si ritiene che questi ultimi continuino a rappresentare la sede di esecuzione in grado di garantire in modo duraturo il miglior risultato. La logica adottata è quindi quella di identificare una singola trading venue per ogni strumento finanziario. Tale scelta trova motivazione da un lato nel voler assicurare un elevato grado di trasparenza nella definizione, e conseguentemente nella comunicazione al cliente, delle sedi di negoziazione, e dall altro di potersi avvalere di una tecnologia semplice, con conseguente riduzione dei costi e miglioramento della velocità di esecuzione. Di seguito si riporta la strategia di esecuzione degli ordini adottata per i diversi strumenti finanziari Strumenti Finanziari Sedi di esecuzione Titoli azionari italiani e relativi diritti di opzione, Mercati regolamentati italiani gestiti da Borsa covered warrants, certificates, obbligazioni Italiana S.p.A. e Sistemi multilaterali di convertibili, obbligazioni cum warrant ed ETF negoziazione quotati sui mercati regolamentati italiani Titoli azionari esteri e relativi diritti di opzione, Mercati regolamentati esteri e sistemi covered warrants, certificates, obbligazioni multilaterali di negoziazione anche per il convertibili, obbligazioni cum warrant ed ETF tramite di broker esteri quotati su mercati regolamentati esteri Derivati regolamentati italiani Mercati regolamentati gestiti da Borsa Italiana (Idem) 2 Con riferimento alle trading venue individuate, si evidenzia in particolare che il Gruppo Borsa Italiana posto a confronto con le altre Borse europee, è risultato l operatore con le fee di trading e post trading più basse in rapporto al valore del contratto per le categorie di utilizzatori analizzate. E risultato, inoltre, che anche considerati singolarmente i costi di trading, clearing e settlement del gruppo Borsa Italiana sono più bassi di quelli dei competitor indipendentemente dai modelli di business adottati. 10

10 5.2. Negoziazione per conto proprio Con riferimento alle transazioni in strumenti finanziari effettuate da in contropartita diretta con la clientela (derivati OTC e PCT) non trovano applicazione le regole sulla bestexecutionche si basano sull assunto che il prodotto oggetto della transazione sia trattato inuna pluralità di sedi di esecuzione liquide e trasparenti. Tuttavia, al fine di rispettare il dovere di agire sempre in modo onesto, equo e professionale per servire al meglio gli interessi dei loro clienti, la Banca si è dotata di procedure che disciplinano le modalità di definizione del pricing Negoziazione per conto proprio su derivati non quotati In relazione all operatività in derivati OTC, la Banca svolge il ruolo di negoziatore, operando in contropartita diretta nei confronti della clientela. Conseguentemente, la Banca si è dotata di una procedura di pricing per l applicazione delle migliori condizioni alla clientela. Il pricing applicato al cliente da è composto dal pricing formulato da Banca Akros e da un mark up. Il primo componente è determinato da Banca Akros sulla base di propri modelli di pricing, comunemente adottati dal mercato (best practice) e sulla base della propria execution policy. I modelli di pricing di BancaAkros sono coerenti con quelli utilizzati in sede di mercato primario per la valutazione del portafoglio di proprietà, nonché validati da Banca d Italia e monitorati dalla Funzione Risk Management della stessa Banca Akros e di Money Box Bank. Il pricing, fornito da Banca Akros, è successivamente utilizzato da come base per la conclusione delle operazioni con il cliente. Lo spread applicato dalla Banca, rispetto al pricingfornito da Banca Akros, copre prevalentemente il rischio di credito del cliente oltreche il rischio operativo e legale riconducibile all operatività in derivati non regolamentati. Per ulteriori informazioni e approfondimenti sulla Policy Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini rivolgersi alla Banca Negoziazione per conto proprio su Pronti contro Termine Nel caso di contratti Pronti contro Termine aventi ad oggetto strumenti finanziari (P/T), BPM ha definito una metodologia interna per la determinazione del pricing applicato al cliente. La metodologia, di seguito descritta, si basa sulla definizione del Tasso Base, ovvero di un tasso remunerazione minimo riconosciuto al cliente Processo di definizione del Tasso Base L operatività in P/T viene effettuata in contropartita diretta con la clientela, utilizzando prevalentemente strumenti finanziari intermediati sul mercato. La Banca opera direttamente su mercati regolamentati, oppure si rivolge a controparti di mercato di elevato standing. 11

11 L Area Tesoreria Integrata della Direzione Finanza definisce giornalmente i Tassi diindifferenza Banca per i P/T con scadenza a 1, 2 e 3 mesi sulla base del tasso di chiusura dell'operazione per la scadenza corrispondente. Il Tasso di indifferenza Banca corrisponde al limite massimo oltre il quale la Banca non realizza un guadagno, bensì una perdita 3. Il Tasso di indifferenza Banca rappresenta il parametro principale per la determinazione del Tasso Base, determinato sottraendo al primo uno spread di 50 bps. Tale livello rappresenta il margine commissionale massimo che la Banca realizza sulle operazioni in P/T. Fermo restando lo spread massimo sopra indicato, la Banca ha, comunque, la discrezionalità di applicare un tasso di remunerazione superiore al Tasso Base, in ragione dell attività negoziale effettuata con riferimento alle specifiche operazioni concluse con la clientela. I Tassi Base relativi a P/T con scadenza 1, 2 e 3 mesi vengono comunicati giornalmente alla Rete Commerciale dall Area Tesoreria Integrata sia per la clientela lordista ai fini fiscali, sia per quella nettista. 6. Verifica ed Aggiornamento della Strategia di Trasmissione e di Esecuzione degli ordini Con riferimento alle sedi di esecuzione direttamente individuate da, la Direzione Finanza provvede a controllare periodicamente l efficacia della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini, verificando la qualità dell esecuzione svolta e prevedendo adeguati rimedi a fronte di eventuali carenze riscontrate (c.d. monitoring). Inoltre, con cadenza annuale o al verificarsi di circostanze rilevanti, la Direzione Finanza provvede a riesaminare la strategia di trasmissione e di esecuzione degli ordini al fine di verificarne la capacità di permettere l ottenimento del miglior risultato possibile per i clienti (c.d. review). I criteri per lo svolgimento delle attività di review e monitoring sono condivisi con il Servizio Compliance e la Divisione Commerciale. 3 Si precisa che la curva dei tassi maggiormente correlata al mercato dei P/T risulta essere la curva degli EoniaSwaps. 12

12 ALLEGATO 1 DEFINIZIONE SEDE DI ESECUZIONE Per sede di esecuzione ai sensi dell art. 2, lett. e) del Regolamento Intermediari n /07 si intende: un mercato regolamentato, ossia un sistema multilaterale che consente o facilita l incontro, al suo interno e in base a regole non discrezionali, di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, ammessi alla negoziazione conformemente alle regole del mercato stesso, in modo da dare luogo a contratti, e che è gestito da una società di gestione, è autorizzato e funziona regolarmente (art. 1, co. 1, lett. w-ter del Testo Unico della Finanza); un sistema multilaterale di negoziazione (c.d. MTF), ossia un sistema multilaterale che consente l incontro, al suo interno ed in base a regole non discrezionali, di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti (art. 1, co. 5-octies del Testo Unico della Finanza); un internalizzatore sistematico, ossia il soggetto che in modo organizzato, frequente e sistematico negozia per conto proprio eseguendo gli ordini del cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione (art. 1, co. 5-ter del Testo Unico della Finanza); un market maker, ossia il soggetto che si propone sui mercati regolamentati e sui sistemi multilaterali di negoziazione, su base continua, come disposto a negoziare in contropartita diretta acquistando e vendendo strumenti finanziari ai prezzi da esso definiti (art. 1, co. 5-quater del Testo Unico della Finanza) o altronegoziatore in conto proprio, ossia un intermediario autorizzato che svolgel attività di acquisto e vendita di strumenti finanziari, in contropartita diretta e in relazione a ordini dei clienti, oppure che svolge l attività di market maker (art. 1, co. 5-bis del Testo Unico della Finanza); una sede equivalente alle precedenti di un paese extracomunitario. 13

13 ALLEGATO 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI DI BANCA AKROS E FUNZIONAMENTO SABE INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini) differenziata a seconda: della tipologia di clienti a cui la Banca si rivolge della tipologia di strumento finanziario trattato delle caratteristiche dei mercati di riferimento per ciascuna tipologia di strumento finanziario delle caratteristiche degli ordini ricevuti su singolo strumento finanziario. La normativa europea e nazionale indica che la finalità della politica di esecuzione degli ordini di un intermediario è il raggiungimento del miglior risultato possibile per gli ordini dei clienti al dettaglio e professionali su base duratura, richiedendo agli intermediari di adottare tutte le misure ragionevoli funzionali a tale obiettivo. Nel raggiungimento del miglior risultato possibile per i clienti, la Banca tiene conto, in ordine di importanza, di: prezzo dello strumento finanziario commissioni e eventuali altre spese che la Banca applica al cliente velocità di esecuzione quantitativo e natura dell ordine probabilità di esecuzione e di regolamento qualunque altra considerazione rilevante per l esecuzione dell ordine. Sulla base dell esperienza di negoziatore sui mercati e fuori mercato, la Banca considera che la liquidità del mercato di riferimento del singolo strumento finanziario - soprattutto in certe circostanze e per quegli strumenti finanziari negoziati in più di una sede di negoziazione, nonché considerato il quantitativo dell ordine - possa rappresentare un fattore di rilievo per l ottenimento del miglior risultato possibile per i clienti. La Banca ritiene che, al momento, i mercati regolamentati nazionali rappresentino la migliore sede di esecuzione - per i titoli azionari - sotto il profilo dei fattori sopra indicati. Tenuto conto delle condizioni prevalenti sui singoli mercati all atto della ricezione degli ordini dei clienti, la Banca si adopera per assicurare ai propri clienti il miglior risultato possibile anche in termini di velocità, di maggior probabilità di esecuzione degli ordini e di regolamento. 14

14 Il miglior risultato possibile per i clienti è da intendersi relativamente alla specifica combinazione dei fattori di esecuzione sopra indicati e alle sedi di esecuzione prescelte dalla Banca, elencate di seguito per tipologia di strumenti finanziari, e non in termini assoluti ossia considerando tutte le sedi di esecuzione possibili dello specifico strumento finanziario. Ne consegue che, su richiesta del cliente, la Banca fornirà gli elementi necessari per dimostrare la conformità dell esecuzione alla strategia di esecuzione della Banca stessa. Come previsto dalla normativa, la Banca riesaminerà, almeno una volta all anno, la propria strategia di esecuzione. Nella esecuzione degli ordini, Banca Akros accetta e si attiene a eventuali istruzioni specifiche impartite dai clienti circa l esecuzione di singoli ordini, ma evidenzia che attenersi a tali istruzioni può pregiudicare l ottenimento del miglior risultato possibile per il cliente, impedendo in tutto o in parte il rispetto dei fattori di esecuzione, o della loro importanza relativa, che vanno a determinare il miglior risultato possibile, come sopra specificato. La Banca considera istruzioni specifiche, tra le altre, l indicazione del mercato di esecuzione, gli ordini trasmessi tramite interconnessione diretta al mercato (Direct Market Access DMA), gli ordini a prezzo e/o a volumi limitati, ordini curando e/o volume weighted average price (VWAP). Nella selezione delle sedi di esecuzione - di seguito elencate per tipologia di strumento finanziario - la Banca tiene conto principalmente: con riferimento ai mercati regolamentati e ai sistemi multilaterali di negoziazione della liquidità dei costi di esecuzione, della probabilità di regolamento e dei relativi costi della velocità di esecuzione con riferimento all individuazione dei market maker dello standing (merito creditizio, affidabilità, professionalità, quota di mercato) della capacità di esprimere prezzi indicativi delle condizioni di mercato del rapporto tra ordini accettati e ordini ricevuti della tecnologia utilizzata nella filiera produttiva (in particolare, nella ricezione degli ordini e nella comunicazione degli eseguiti) della probabilità di regolamento e dei relativi costi della velocità di esecuzione Qualora la Banca non acceda direttamente ai mercati regolamentati e ai sistemi multilaterali di negoziazione, nella selezione dei broker, essa tiene conto: dello standing (merito creditizio, affidabilità, professionalità, quota di mercato) del grado di articolazione degli accessi a mercati e/o sistemi e/o modalità di esecuzione degli ordini della tecnologia utilizzata nella filiera produttiva (in particolare, nella ricezione degli ordini e nella comunicazione degli eseguiti) dei costi di esecuzione della probabilità di regolamento e dei relativi costi. Tra i broker, la Banca può utilizzare per l esecuzione di ordini sui mercati regolamentati europei i membri di European Securities Network (ESN) - una partnership tra intermediari 15

15 finanziari europei finalizzata anche alla produzione e distribuzione di analisi finanziarie, a cui la Banca stessa aderisce -, a loro volta, membri dei singoli mercati regolamentati nazionali. Si specifica che la Banca prevede la possibilità di eseguire gli ordini al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. Nella selezione delle sedi di esecuzione e nella relativa definizione delle commissioni applicabili, la Banca si impegna ad evitare discriminazioni indebite tra sedi di esecuzione. Si precisa che quando la Banca agisce in qualità di market maker, essa si propone quale soggetto disponibile a negoziare in contropartita diretta, acquistando o vendendo strumenti finanziari ai prezzi e alle quantità da essa stessa definiti e dichiarati, che non necessariamente rappresentano il miglior risultato possibile per gli ordini dei clienti; quando la Banca agisce in qualità di market maker non sta negoziando strumenti finanziari in relazione a ordini dei clienti ma sta proponendo prezzi e quantità che i clienti possono accettare o rifiutare, agendo la Banca come controparte qualificata. 16

16 Sedi di esecuzione per tipologia di strumenti finanziari Clienti professionali Strumenti Finanziari Sedi di esecuzione Azioni italiane e altri strumenti finanziari Mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione, azionari negoziati sui mercati gestiti da Borsa Italiana regolamentati italiani Eventualmente altre sedi selezionate con i criteri precedentemente indicati, inclusa la negoziazione in conto proprio in contropartita diretta e in relazione a ordini dei clienti Azioni europee, extraeuropee e altri Mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione strumenti finanziari azionari negoziati, anche per il tramite di broker esteri rispettivamente, sui mercati regolamentati europei ed extraeuropei MTA International di Borsa Italiana TLX Derivati regolamentati italiani, europei ed extraeuropei Obbligazioni e titoli di Stato, italiani ed esteri quotati Market makers ed eventuali altre modalità di negoziazione (es. liquidity pools proprietari, negoziazione in conto proprio in contropartita diretta e in relazione a ordini dei clienti ) Mercati Regolamentati Italiano e Tedesco - Idem - Eurex Altri mercati regolamentati europei ed extraeuropei per il tramite di broker esteri Mercati regolamentati, gestiti da Borsa Italiana TLX Sistemi multilaterali di negoziazione italiani ed esteri Market makers Obbligazioni non quotate Market Making Sistemi multilaterali di negoziazione italiani ed esteri Market makers Derivati OTC - su azioni - su cambi - su tassi Strumenti del mercato monetario Market Making Market Making Market Making 17

17 DESCRIZIONE DEL SISTEMA SABE DI BANCA AKROS S.p.A. CLIENTI PROFESSIONALI ATTIVI CON CLIENTELA AL DETTAGLIO Qui di seguito si sintetizzano le principali caratteristiche del sistema SABE ( Sistema Automatico per la Best execution ), ossia il sistema che Banca Akros S.p.A. ha sviluppato e realizzato per i propri clienti professionali attivi con clientela al dettaglio, al fine di raggiungere il miglior risultato possibile per gli ordini della stessa tipologia di clienti su obbligazioni negoziate su mercati regolamentati e al di fuori degli stessi mercati. Il sistema SABE non è un sistema di negoziazione ma un sistema di ricerca del miglior risultato possibile per gli ordini della clientela, in particolare della clientela al dettaglio, considerate le caratteristiche del mercato di riferimento - il mercato obbligazionario, caratterizzato da un grado di trasparenza strutturalmente inferiore a quello del mercato azionario -, e tenuto conto delle valutazioni effettuate da Banca Akros delle singole sedi di esecuzione - mercati e market maker -che assicurano la negoziazione degli strumenti obbligazionari. Le sue caratteristiche informatiche e funzionali consentono ai clienti professionali, a cui si rivolge, di trattare agevolmente e in maniera altamente informatizzata, gli ordini e i relativi eseguiti della propria clientela al dettaglio, con soluzioni informatiche generalmente utilizzate per gli strumenti azionari. 1. Tipologie di strumenti obbligazionari Le categorie di strumenti obbligazionari, su cui, fatto salvo l esistenza stessa di un mercato del singolo strumento, il sistema SABE assicura la ricerca del miglior risultato possibile sono: i titoli di Stato, italiani ed esteri obbligazioni emesse da organismi internazionali obbligazioni emesse da societarie non finanziarie italiane ed estere obbligazioni bancarie italiane ed estere obbligazioni convertibili italiane ed estere obbligazioni emesse da Agencies qualunque altro strumento obbligazionario negoziato nelle sedi di esecuzione considerate da Banca Akros. 2. Fattori per la ricerca del miglior risultato possibile Nella ricerca del miglior risultato possibile per i clienti, il sistema SABE tiene conto dei seguenti fattori, qui di seguito elencati in ordine di importanza: prezzo dello strumento obbligazionario oggetto dell ordine; 18

18 costi a carico del cliente, tipicamente costo di esecuzione dell ordine, applicato dallasingola sede di esecuzione utilizzata e costo di regolamento; tali costi sono impliciti nella commissione di negoziazione applicata da Banca Akros, differenziata per tipologia di strumento obbligazionario e per sede di esecuzione. Sono altresì considerati eventuali oneri fiscali a carico del cliente. Il sistema SABE è in grado di tenere conto anche dei costi applicati dal cliente professionale, trasmettitore di ordini a Banca Akros, alla propria clientela al dettaglio, qualora vengano comunicati a Banca Akros per la loro registrazione nel sistema SABE. Il sistema SABE considera quali fattori rilevanti per il raggiungimento del miglior risultato possibile per i clienti il cosiddetto corrispettivo totale, ossia la somma del prezzo dello strumento obbligazionario e dei costi e/o spese applicati alla clientela, come prescritto dalla normativa per gli ordini della clientela al dettaglio. A parità di corrispettivo totale il sistema SABE considera, nella fase di scelta della sede di esecuzione, in particolare quando la sede di esecuzione è rappresentata da market maker che espongono prezzi di negoziazione : la probabilità e la velocità di esecuzione; ; la considerazione di questo fattore diesecuzione implica che il sistema SABE, a parità di corrispettivo totale, si indirizza, tra le sedi di esecuzione selezionate a monte da Banca Akros (si veda al punto 4.), verso quelle sedi caratterizzate da quotazioni ferme piuttosto che quotazioni indicative ; tra le quotazioni ferme, il sistema seleziona per l esecuzione dell ordine la sede ritenuta più affidabile dal punto di vista dell esecuzione. Sempre a parità di corrispettivo totale e nel caso non siano disponibili quotazioni ferme, il sistema selezione la quotazione indicativa ritenuta più affidabile dal punto di vista dell esecuzione. Il grado di affidabilità è statisticamente determinato dal sistema, e quotidianamente aggiornato, sulla base del numero di ordini accettati dalla singola sede rispetto al numero complessivo di ordini trasmessi da Banca Akros, nonché sulla base dei tempi medi di risposta alle richieste di esecuzione e/o di quotazione effettuate da Banca Akros. 3. Selezione delle sedi di esecuzione Per l esecuzione degli ordini su strumenti obbligazionari, il sistema SABE è in grado di porre in competizione sedi di esecuzione, differenti per natura, ossia: mercati regolamentati sistemi multilaterali di negoziazione internalizzatori sistematici market maker. Tra queste differenti tipologie di sedi di esecuzione, Banca Akros ha selezionato quelle in grado di offrire, in modo duraturo, il miglior risultato possibile per i clienti, raggiungibili con modalità tecnologiche efficaci sotto il profilo della gestione degli ordini e degli eseguiti. 19

19 Come peraltro specificato nella Informativa sulla strategia di esecuzione degli ordini di Banca Akros, sulla quale i clienti, ai sensi dell art. 46, comma 2, del Regolamento Consob in materia di Intermediari, devono esprimere il proprio consenso preliminare, Banca Akros per l esecuzione degli ordini tiene conto principalmente: con riferimento ai mercati regolamentati e ai sistemi multilaterali di negoziazione della liquidità, tipicamente rappresentata dallo spread medio denaro/lettera e dalla profondità media del book di negoziazione dei costi di esecuzione, della probabilità di regolamento e dei relativi costi del numero e della tipologia di strumenti obbligazionari negoziati della velocità di esecuzione con riferimento ai market maker e/o internalizzatori sistematici accessibili dello standing (merito creditizio, affidabilità, professionalità, quota di mercato) della capacità di esprimere prezzi indicativi delle condizioni di mercato del rapporto tra ordini accettati e ordini ricevuti della tecnologia utilizzata nella filiera produttiva (in particolare, nella ricezione degli ordini e nella comunicazione degli eseguiti) della probabilità di regolamento e dei relativi costi della velocità di esecuzione. 4. Revisione periodica Il sistema SABE è in grado di supportare la Banca anche nel processo di revisione periodica delle proprie sedi di esecuzione, in quanto memorizza quotidianamente il comportamento di ogni sede di esecuzione utilizzata nel corso del periodo dal punto di vista dell esecuzione. Si terrà conto, inoltre, di eventuali nuove sedi di esecuzione, valutate secondo i criteri sopra menzionati. 5. Elenco delle sedi di esecuzione selezionate Al momento, le sedi di esecuzione selezionate e raggiungibili attraverso il sistema SABE risultano le seguenti: Mercati Regolamentati MOT Euro-MOT TLX Sistemi multilaterali di negoziazione Euro-TLX Principali Market Maker 20

20 Abn-Amro; Amro; BancaAkros; Barclays; Commerzbank; Deutsche Bank; Dresdner Bank; Fortis Bank; Hypo-Vereinsbank; IXIS; JP Morgan; Lehman Brothers; Merrill Lynch; Morgan Stanley; Rabobank; Royal Bank of Canada; UBS. 21

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB Visionato da: Dott. Martha Dichristin e Dott. Martin Selva Approvato dal CDA in data 21.10.2014 Sostituisce l edizione d.d. 08.05.2012 Indice 1.

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID SECTORS AND Advisory THEMES Mercati Title alternativi heree scenari di liquidità: quali sfide per gli Additional information in Univers 45 Light 12pt on 16pt leading intermediari? kpmg.com Servizi d investimento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI PIAZZA BORROMEO 1-20123 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. TELEFAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti.

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti. Sintesi Professionale Consolidata esperienza nella gestione di progetti complessi volti all introduzione di nuove attività e simmetricamente alla razionalizzazione ed efficientamento di strutture e reti

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei S.F. Fioravanti, M. Gentile L attività di ricerca e analisi della Consob intende promuovere la riflessione e stimolare

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA

DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA SAPIENZA - UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E TECNOLOGIE DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA TESI DI DOTTORATO XXII CICLO LA MIFID E I MERCATI FINANZIARI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG Indice absichern anlegen ausleihen bewegen Edizione: ottobre 2013 I. Informazioni generali sulla Banca ed i suoi servizi

Dettagli