GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA"

Transcript

1 GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA 1 RAPPORTO INFORMATIVO TRIENNIO

2 La pubblicazione è stata curata dalla Sezione Osservatorio dell Autorità regionale Stazione Unica Appaltante consulenza scientifica Ivan Cicconi Presidente del Comitato di Sorveglianza S.U.A. coordinamento Antonio Sciumbata Dirigente Sezione Osservatorio assistenza tecnica ed elaborazione dati Società INFORMATEL Hanno collaborato: Ester Mannella, Evelina Rizzo, Pino Promenzio, Simona Cangelosi, Rosaria Brancati, Salvatore Cristofaro, Pietro Galati.

3 1 RAPPORTO INFORMATIVO TRIENNIO Indice Prefazione...1 Introduzione...2 Presentazione...3 Banche dati, metodologia di elaborazione e struttura del documento I Bandi di gara di lavori pubblicati in Calabria Per Provincia Per Classe di importo Per Categoria di lavori prevalente Per Categoria di lavori prevalente a livello provinciale Per Stazione appaltante Concessioni Lavori Pubblici aggiudicati Analisi di confronto Numero ed importo delle gare aggiudicate nel triennio Lavori pubblici aggiudicati in Calabria sopra euro Numero ed importo delle gare aggiudicate sopra euro per provincia ed anno Quadro importo pro capite Quadro importo medio unitario per territorio Analisi territoriale dei ribassi di aggiudicazioni Analisi territoriale e per categoria lavori dei ribassi di aggiudicazioni Analisi territoriale e per Regione di provenienza dell impresa esecutrice Numero, ribasso e importo delle aggiudicazioni pubblicate per stazione appaltante I

4 GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA 2.4. Lavori pubblici aggiudicati in Calabria sotto euro Numero ed importo delle gare aggiudicate per provincia ed anno Quadro importo pro capite per territorio Quadro importo medio unitario per territorio Analisi territoriale dei ribassi di aggiudicazioni Analisi territoriale e per categoria lavori dei ribassi di aggiudicazioni Analisi territoriale e per Regione di provenienza dell impresa esecutrice Numero, ribasso e importo delle aggiudicazioni pubblicate per stazione appaltante Bandi di gara per forniture e servizi Numero dei Bandi pubblicati in ciascuna provincia Numero dei Bandi pubblicati per importo Numero dei Bandi pubblicati per procedura Numero ed importo dei Bandi pubblicati per provincia ed anno Numero dei Bandi pubblicati per stazione appaltante Bandi di gara per servizi di ingegneria ed architettura Numero dei Bandi pubblicati per provincia Numero dei Bandi pubblicati per classe importo Numero ed importo dei Bandi pubblicati per provincia ed anno Numero dei Bandi pubblicati per stazione appaltante II

5 1 RAPPORTO INFORMATIVO TRIENNIO Prefazione Con la pubblicazione del presente Rapporto, la Giunta Regionale ha inteso dare un significativo, concreto e sostanziale contributo per assicurare trasparenza nella materia degli appalti pubblici, allineando finalmente la Calabria alle Regioni più virtuose che, da alcuni anni, periodicamente rendono noti i dati sugli appalti. Grazie a questa iniziativa, per la prima volta, le Pubbliche Amministrazioni, gli operatori economici e tutti i Cittadini calabresi sono messi nelle condizioni di conoscere in modo approfondito il mercato degli appalti pubblici nella nostra regione e di coglierne gli aspetti peculiari. La nostra azione politica, sin dall insediamento, è stata indirizzata alla massima trasparenza amministrativa, si tratta di un segnale forte e di cambiamento che offriamo ai calabresi per comunicare con più efficacia le iniziative poste in essere per il rilancio socio-economico della regione, in particolare per accrescere la competitività della imprese calabresi e per una migliore programmazione della spesa pubblica. La stesura di questo Rapporto rappresenta, infatti, un contributo fattivo di metodo e di analisi dei dati relativi ai contratti pubblici banditi ed aggiudicati, consentendo, altresì, di offrire agli operatori economici pubblici e privati un adeguata misura delle dimensioni del mercato dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture nella Regione Calabria. In linea con la politica della trasparenza e del cambiamento, l impegno della Regione è orientato a migliorare ancora di più la funzionalità dell Osservatorio regionale, che tra l altro deve garantire le attività demandate dal Dlgs 163/2006 Codice dei contratti, anche attraverso opportune modifiche alle norme regionali di riferimento. Giuseppe Scopelliti - Presidente Regione Calabria 1

6 GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA Introduzione La pubblicazione del 1 Rapporto informativo sugli appalti pubblici in Calabria rientra tra le iniziative istituzionali programmate dalla Sezione Osservatorio dell Autorità regionale Stazione Unica Appaltante per assicurare la massima trasparenza del mercato regionale degli appalti pubblici e per garantire un adeguato supporto alle amministrazioni aggiudicatrici, coerentemente con le competenze attribuite alla Sezione medesima dalla l.r. 7 dicembre 2007, n. 26. La Sezione Osservatorio, operando anche come articolazione regionale dell Osservatorio centrale dei contratti pubblici presso l Autorità di vigilanza, assolve alle funzioni previste dal D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163, ed in particolare collabora con l Osservatorio centrale nelle attività di raccolta, elaborazione e diffusione dei dati informativi sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture sul territorio regionale. La presente pubblicazione è dunque l esito di tali attività condotte dalla Sezione Osservatorio, mediante la costruzione di una banca dati integrata che ha consentito da una parte di fornire una panoramica più completa dell andamento registrato nel triennio 2007/2009 in materia di appalti pubblici e dall altra di disporre di un quadro di conoscenza più significativo rispetto a quello fornito dagli osservatori nazionali, come in seguito si dirà nella parte dedicata alla presentazione del volume. Il Rapporto si articola in capitoli dove vengono esaminati gli appalti pubblici di lavori, forniture, servizi e servizi di ingegneria e architettura con riferimento alle gare pubblicate e a quelle aggiudicate per classi di importo, per stazioni appaltanti, per procedura, per ribassi di aggiudicazione, per regione di provenienza dell impresa aggiudicataria, ecc. e dove vengono inoltre approfonditi vari temi come ad esempio quelli dedicati alle analisi economiche e territoriali. Dalle risultanze del lavoro prodotto è possibile cogliere alcuni aspetti interessanti sulle dinamiche del mercato dei contratti, tra i quali: il trend e la distribuzione spaziale del mercato; la spesa pubblica in appalti; l impatto di tale spesa sull economia regionale; come essa si colloca all interno del mercato nazionale; la capacità delle imprese calabresi di cogliere le opportunità della domanda pubblica; il livello di efficienza della gestione delle procedure relative all iter dell appalto. Elementi che consentono di meglio valutare le problematiche congiunturali e le specificità che caratterizzano il territorio calabrese. Per queste ragioni, i dati statistici, le elaborazioni e le informazioni raccolte costituiscono un importante patrimonio informativo comune disponibile per le stazioni appaltanti, per gli operatori economici, per gli addetti del settore e per quanti sono interessati ad avere una visione complessiva del mercato degli appalti pubblici nella nostra regione e, soprattutto, un valido ausilio per le attività di programmazione delle P.A. e degli Enti appaltanti nell indirizzo di una corretta e trasparente gestione della spesa pubblica. Antonio Sciumbata - Dirigente Osservatorio 2

7 1 RAPPORTO INFORMATIVO TRIENNIO Presentazione Questo primo rapporto della Sezione Osservatorio della SUA rappresenta un contributo di metodo e di analisi dei dati relativi ai contratti pubblici banditi ed aggiudicati che va oltre il valore in sé. Per la prima volta gli operatori economici pubblici e privati possono avere una misura delle dimensioni del mercato dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture della regione Calabria, decisamente più affidabile rispetto ad analoghe elaborazioni effettuate da altri Osservatori. Il valore di questa analisi (relativa agli ultimi tre anni, il 2007, 2008 e 2009) è dato dalla costruzione di una base-dati che integra le informazioni relative alla regione Calabria contenute nella banca dati SIMOG (Sistema Informativo Monitoraggio Gare, facente capo alla AVCP) con quelle contenute nella banca dati INFORMATEL, costruita attraverso la rilevazione quotidiana delle Gazzette ufficiali dell UE, nazionale e regionali, e da visite e rapporti diretti con le stazioni appaltanti. L analisi dei dati prodotta grazie a questa banca dati integrata fornisce una quadro di conoscenza decisamente più significativo rispetto a quelli offerti dai sistemi informativi ufficiali che hanno una copertura nazionale: l Osservatorio della AVCP (Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici) e l Osservatorio di ITACA (Istituto per la Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale) gestito in collaborazione col Ministero delle Infrastrutture e integrato con gli Osservatori delle Regioni e delle Province Autonome. Anche il solo confronto dei dati aggregati per il solo 2009, testimonia l importanza ed il valore del presente rapporto. Il confronto fra il dato fornito dall Osservatorio di ITACA, relativo a bandi ed avvisi per l affidamento di contratti pubblici di SERVIZI e FORNITURE nella Regione Calabria, con il dato fornito dalla banca dati integrata dell Osservatorio della SUA, mostra una relativa differenza sul numero di bandi ed avvisi, ancora meno significativa è quella relativa agli importi. Rilevanti invece sono le differenze che si rilevano nel confronto del dato dell Osservatorio della SUA con quello dell Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici. 3

8 GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA BANDI E AVVISI PER L AFFIDAMENDO DI CONTRATTI DI SERVIZI E FORNITURE NEL 2009 IN CALABRIA OSSERVATORIO SUA AVCP ITACA N IMPORTO M N IMPORTO M N IMPORTO M Numero Bandi e avvisi Importo Bandi e avvisi (Valori in milioni di euro) Le differenze che si possono notare fra il dato della AVCP e quelli dell Osservatorio SUA ed ITACA assumono una dimensione talmente elevata che meriterebbe una qualche spiegazione. E infatti difficile pensare che l intera differenza possa trovare spiegazione solo nella assenza di comunicazione dei soggetti obbligati. E comunque da notare che l obbligo della comunicazione di dati relativi ai servizi e alle forniture alla Autorità è stato introdotto di recente ed anche questo può essere uno dei motivi che porta a registrare il notevole scarto con il dato dell Osservatorio SUA e di ITACA. Stupisce però il fatto che anche nella rilevazione dei dati relativi a bandi ed avvisi per LAVORI, per i quali l obbligo è in vigore da molti anni, lo scarto fra i diversi Osservatori rimanga comunque molto significativo. 4

9 1 RAPPORTO INFORMATIVO TRIENNIO BANDI E AVVISI PER L AFFIDAMENDO DI CONTRATTI DI LAVORI PUBBLICI NEL 2009 IN CALABRIA OSSERVATORIO SUA AVCP ITACA N IMPORTO M N IMPORTO M N IMPORTO M Numero Bandi e avvisi Importo Bandi e avvisi (Valori in milioni di euro) Stupisce in questo caso l omogeneità del dato relativo al valore dei bandi fornito dagli Osservatori dell AVCP e di ITACA per la regione Calabria, 482 e 494 milioni di euro rispettivamente, e la notevole differenza di entrambi con quello fornito dall Osservatorio della SUA, milioni di euro. Nel caso del valore fornito dall Osservatorio di ITACA si è potuto appurare che il dato fornito per la regione Calabria sconta l errore di attribuzione di bandi ed avvisi emanati da stazioni appaltanti nazionali, quali ad esempio ANAS SpA ed RFI SpA. In questi casi, quando i bandi sono emanati dalle direzioni centrali di queste società, con sede a Roma, questi stessi sono attribuiti e registrati nel dato relativo alla regione Lazio. E da presumere dunque che anche il dato fornito dall Osservatorio dell AVCP registri il medesimo errore appurato nel caso dell Osservatorio di ITACA. La banca dati dell Osservatorio della SUA integrata con la base dati di INFORMATEL, per bandi ed avvisi per l affidamento di contratti pubblici di lavori servizi e forniture fornisce dunque un dato decisamente più affidabile degli omologhi nazionali, quantomeno in relazione alla copertura dell universo delle gare che si realizzano nella regione Calabria. Grazie alla banca dati integrata, con questo primo rapporto, l Osservatorio della SUA, per i tre anni di riferimento, fornisce alla comunità regionale una analisi articolata anche a livello territoriale, per procedura adottata e per tipologia della stazione appaltante, offrendo importanti spunti di riflessione sulle dinamiche della domanda pubblica di 5

10 GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA lavori, servizi e forniture nella nostra regione. Il rapporto fornisce solo per i LAVORI anche il dato relativo alle aggiudicazioni. Anche in questo caso il dato fornito dalla banca dati integrata dell Osservatorio SUA mostra una significatività decisamente più importante degli omologhi dati forniti dagli osservatori nazionali. AGGIUDICAZIONI DI CONTRATTI DI LAVORI PUBBLICI NEL 2009 IN CALABRIA OSSERVATORIO SUA AVCP ITACA N IMPORTO M N IMPORTO M N IMPORTO M Numero Bandi e avvisi Importo Bandi e avvisi (Valori in milioni di euro) La elaborazione dei dati sulle aggiudicazioni hanno consentito di fornire ulteriori elementi di conoscenza delle dinamiche del mercato, quali quelle dei ribassi per categoria e per territorio, della provenienza delle imprese aggiudicatarie, degli importi pro capite aggiudicati nei diversi territori. Questo primo lavoro pubblicato dalla Sezione Osservatorio della SUA offre dunque non solo un importante contributo di conoscenza del mercato pubblico della Calabria, ma anche spunti di riflessione essenziali per migliorare i sistemi informativi in materia, quello proprio in corso di costruzione, e quelli dell AVCP e di ITACA. Ivan Cicconi - Presidente del Comitato di Sorveglianza della SUA 6

11 1 RAPPORTO INFORMATIVO TRIENNIO Banche dati, metodologia di elaborazione e struttura del documento I dati presentati in questo I Rapporto informativo forniscono una panoramica dell andamento dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture nella regione Calabria, mettendo a disposizione di tutti gli operatori del settore, statistiche ed elaborazioni, in grado di supportare qualitativamente e quantitativamente la valutazione e il dibattito sul tema. Il rapporto fornisce i risultati delle elaborazioni sviluppate sulle informazioni contenute nelle banche dati Simog (1) (Sistema Informativo Monitoraggio Gare) e Informatel (2). Si è provveduto, infatti, ad integrare le informazioni disponibili (Simog) con le banche dati Informatel. Il sistema informativo ottenuto costituisce la banca dati su cui si è basata l attività di elaborazione e di analisi che sottende al rapporto. Essendo banche dati distinte, che presentano criteri e metodologie diverse di rilevazioni dei dati, è stata necessaria un azione di confronto e dialogo fra le banche dati, procedendo ad operazioni di bonifica e riclassificazione dei dati a seconda delle esigenze e delle finalità da perseguire al fine di addivenire all estrazione di dati qualitativamente soddisfacenti. Una volta individuato l insieme dei dati (tabella n.1) si è proceduto nell analisi prendendo in esame ulteriori variabili elementari. L analisi sviluppata ha preso in considerazione diverse tipologie di contratti pubblici; l esame è centrato in primo luogo sui lavori pubblici, quindi sugli appalti relativi a servizi e forniture ed all affidamento di servizi di ingegneria ed architettura Il Simog è il sistema informativo dell Avcp (Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici) costruito attraverso l immissione da parte delle Stazioni appaltanti dei dati dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture d importo superiore ai euro. La banca dati Informatel viene costruita attraverso una continua rilevazione quotidiana da: Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, Gazzetta Ufficiale della Comunità europea, dai bollettini ufficiali regionali, visite dirette agli albi pretori, contatti telefonici con le stazioni appaltanti e siti web istituzionali. 7

12 GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA Tabella n. 1 Numero dei Bandi nel triennio nella Regione Calabria PERIODO LAVORI SERVIZI E FORNITURE SERVIZI DI ARCHITETTURA E INGEGNERIA AGGIUDICAZIONI ANNO ANNO ANNO Lo studio è stato condotto considerando la totalità dei bandi rilevati sul territorio regionale nonché la loro articolazione per Provincia, al fine di poter evidenziare la ripartizione delle varie tipologie di interventi nelle diverse realtà regionali. Da segnalare come, nell ambito dell analisi del mercato regionale dei bandi di gara, lo spettro delle informazioni sia stato allargato anche alle grandi Committenze Nazionali (ad. esempio ANAS, Ministeri etc), per le gare ricadenti nel territorio Calabria. L analisi delle diverse realtà territoriali viene sintetizzata in una scheda per ogni provincia in modo da cogliere con facilità le principali caratteristiche e tendenze evolutive. L analisi dei bandi di gara pubblicati per categorie di qualificazione SOA prevalente si basa sulla classificazione prevista dal D.P.R. del 25 gennaio 2000, n. 34, regolamento recante l istituzione del sistema di qualificazione per gli esecutori di lavori pubblici. Le tipologie definite sono 47 ripartite tra 13 categorie generali (OG) e 34 specializzate (OS). I bandi in cui la categoria SOA non è specificata,sono stati classificati in funzione della relativa categoria adeguata all oggetto dell appalto. Sulla base dei suddetti dati e delle relative elaborazioni effettuate, il presente rapporto è strutturato come di seguito indicato: Nel primo capitolo, vengono esaminate le informazioni sulla pubblicazione dei bandi di gara di lavori, relativi al triennio 2007/2009 (più precisamente il periodo preso in esame decorre dal 01/01/2007 al 30/11/2009). Le analisi sono state condotte ed esposte secondo chiavi di lettura che analizzano i fenomeni per distribuzione provinciale, per dimensione dell importo (in tal caso il valore di riferimento, che segna il confine tra bandi sotto soglia e bandi soglia, è pari a euro), per stazione appaltante e categoria di lavori prevalenti. I bandi dei lavori pubblici pubblicati sono analizzati tra interventi sotto soglia e sopra soglia con la soglia fissata al livello di Si tratta della soglia che era prevista dall art. 28 del d.lgs. 163/2006 (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/ CE), così come modificato a seguito dell entrata in vigore del Regolamento della 8

13 1 RAPPORTO INFORMATIVO TRIENNIO Commissione 4 dicembre 2007, n di modifica della direttiva 2004/17/CE e la direttiva 2004/18/CE. Dal 1 gennaio 2010, in virtù della recente adozione del Reg. (CE) n. 1177/2009 della Commissione del 30 novembre di modifica delle direttive del Parlamento europeo e del Consiglio 17/CE, 2004/18/ CE e 2009/81/CE riguardo alle soglie di applicazione in materia di procedure di aggiudicazione degli appalti - la soglia di riferimento è pari a euro Nel secondo, vengono trattate le aggiudicazioni di lavori pubblici conducendo un analisi sulla regione di provenienza delle imprese appaltatrici e/o affidatarie dei singoli interventi. L analisi prosegue analizzando, nel corso del triennio 2007/2009, a livello regionale e provinciale, l importo pro-capite (euro/ popolazione residente), l importo medio unitario (euro/numero di interventi), l analisi dei ribassi di aggiudicazione. Sono esaminati distintamente i bandi aggiudicati relativi ad iniziative concernenti lavori pubblici per i quali l investimento sopra i euro; mentre nel capitolo 2.4 sono esaminati quelli sotto i euro precedentemente indicata. In tal caso, la soglia di riferimento è legata al nuovo sistema di qualificazione che, a partire da Gennaio 2002, prevede per le imprese che intendono partecipare a gare d appalto con importi superiori a euro, il possesso dell attestato SOA rilasciato nel rispetto delle modalità e secondo criteri dettati dal regolamento sulla qualificazione per gli esecutori di lavori pubblici (DPR n. 34 del , Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione, ai sensi dell articolo 8 della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni ). Nel terzo capitolo, vengono esaminate invece le informazioni relative alla pubblicazione dei bandi di gara per servizi e forniture avvenute nel triennio 2007/2009. L analisi è effettuata a livello regionale e provinciale, con riferimento al numero e all importo distinti tra bandi sotto soglia e bandi sopra soglia ( euro), alla procedura di aggiudicazione utilizzata ed alla stazione appaltante; Il quarto ed ultimo capitolo, infine tratta l universo dei bandi per servizi di architettura e ingegneria compresi quelli per l affidamento di servizi per la realizzazione di cartografie, la progettazione e realizzazione di sistemi informativi, la pianificazione territoriale, la valutazione ambientale strategica, le indagini geofisiche, geognostiche e idrogeologiche, gli studi di fattibilità e prefattibilità ambientale, altre attività di studio e di consulenza tecnica. 9

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Documento ANALISI STATISTICA DICHIARAZIONI DI AVVALIMENTO PERVENUTE NELL ANNO 2011 Osservatorio dei Contratti Pubblici Analisi

Dettagli

Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006)

Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Prot. 1910/6B Adrano, 24-giugno 2014 Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Determina a contrarre per l affidamento dei lavori di riqualificazione dei locali del I- Istituto

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Fondazione Provinciale Bresciana per L Assistenza Minorile onlus PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Triennio 2014 2016 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi LINEA OPERATIVA PON ATAS Appalto di forniture e servizi Evoluzione normativa (1) Fino agli anni 70 del secolo scorso la principale fonte normativa di carattere generale in materia di servizi e forniture

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; DETERMINAZIONE PROT. N. 10466 REP N. 588 DEL 16 SETTEBRE 2013 Oggetto: Procedura di gara d appalto per gli oneri di servizio pubblico ai sensi dell art. 16 par. 9 e 10 e art. 17 del Regolamento (CE) 1008/2008.

Dettagli

COMUNE DI SOLBIATE ARNO PROVINCIA DI VARESE - LARGO REPUBBLICA, 1 - COD. FISC. e P. IVA 00226820124 Tel. (0331) 993.043 - Fax (0331) 985.

COMUNE DI SOLBIATE ARNO PROVINCIA DI VARESE - LARGO REPUBBLICA, 1 - COD. FISC. e P. IVA 00226820124 Tel. (0331) 993.043 - Fax (0331) 985. COMUNE DI SOLBIATE ARNO PROVINCIA DI VARESE - LARGO REPUBBLICA, 1 - COD. FISC. e P. IVA 00226820124 Tel. (0331) 993.043 - Fax (0331) 985.380 COPIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AMMINISTRATIVO

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MIGNANO MARZANO Corso Umberto 1, 208 81049 MIGNANO MONTELUNGO (CE) Tel. e Fax: 0823/904424 C.F.: 95005860614 e-mail: ceic8ax00c@istruzione.it PEC: ceic8ax00c@pec.istruzione.it

Dettagli

Co.Ge.S.Co. Consorzio per la Gestione di Servizi Comunali

Co.Ge.S.Co. Consorzio per la Gestione di Servizi Comunali Oggetto: Determinazione a contrarre ai fini dell affidamento della gestione associata del Servizio di Assistenza Domiciliare Socio-assistenziale Anziani e Disabili - periodo: 01/01/2013-30/06/2015. IL

Dettagli

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni Decreto del Presidente della Repubblica Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione per i contraenti generali delle opere strategiche e di preminente interesse nazionale, ai sensi dell

Dettagli

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. 1. Ente appaltante: Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. 1. Ente appaltante: Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia - 1 - Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo 1. Ente appaltante: Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia (già Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Pompei,

Dettagli

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale Vincenzo Cavicchia Gas naturale - Liberalizzazione nel mercato della distribuzione - Situazione e prospettive in provincia di Torino Torino

Dettagli

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Dati personali Nome e cognome: Davide D Amico Data di nascita: 03 Luglio 1974 Nazionalità : italiana Titoli di studio e culturali Master

Dettagli

COMUNE di LAURIA SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI E LEGALI. DETERMINAZIONE N. 122 del 24/06/2013

COMUNE di LAURIA SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI E LEGALI. DETERMINAZIONE N. 122 del 24/06/2013 SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI E LEGALI DETERMINAZIONE N. 122 del 24/06/2013 N. Reg. Gen. 310 del 24/06/2013 Id. Documento 246715 Servizio/Ufficio proponente: SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA PER LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI SUGLI APPALTI PUBBLICI DI SERVIZI E FORNITURE NELL AMBITO ICT

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. A LLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

AREA SERVIZI E AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO RELAZIONE TECNICO -ILLUSTRATIVA

AREA SERVIZI E AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO RELAZIONE TECNICO -ILLUSTRATIVA COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia Piazza Biagio Marin, 4 - cap 34073 Codice Fiscale e Partita IVA 00064240310 tel. 0431 898248 - fax 0431 85212 E-MAIL: servizi.amministrativi@comunegrado.it AREA SERVIZI

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 52/2010 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Guida per gli italiani residenti all estero Ministero dell Interno

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO. Servizio di conduzione e manutenzione completa ed integrale,

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO. Servizio di conduzione e manutenzione completa ed integrale, AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO Servizio di conduzione e manutenzione completa ed integrale, ordinaria, programmata e a carattere di urgenza, pronto intervento e reperibilità degli impianti

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto:

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto: Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità n 224 del 31/05/2013 Struttura organizzativa : Settore bilancio e finanze Dirigente responsabile : Dirigente Mascagni Fabrizio

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

D. In riferimento alla gara in oggetto indicata, visto il comma 3 bis dell art. 82 D.L. 163/2006, così come modificato dall art.

D. In riferimento alla gara in oggetto indicata, visto il comma 3 bis dell art. 82 D.L. 163/2006, così come modificato dall art. D. in riferimento alla gara in oggetto con la presente chiediamo: gli importi delle singole categorie che formano tutto l importo a base d asta. e possibile partecipare alla gara con l attestazione soa

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE N. 03 DEL 07/06/2007 L anno duemilasette (2007) il giorno sette (7) del mese di giugno alle ore 10,30, presso la sede dell Autorità di Bacino Interregionale del

Dettagli

Servizio Pubblici Appalti

Servizio Pubblici Appalti Servizio Pubblici Appalti OGGETTO: Decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50 pubblicato nella G.U. del 19/04/16 supplemento ordinario n. 10/L recanti le disposizioni relative al nuovo Codice degli appalti

Dettagli

Distretto Scolastico N 28 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Luigi Settino 87047 SAN PIETRO IN GUARANO (CS)

Distretto Scolastico N 28 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Luigi Settino 87047 SAN PIETRO IN GUARANO (CS) Distretto Scolastico N 28 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Luigi Settino 87047 SAN PIETRO IN GUARANO (CS) Plessi e Sezioni Staccate in Castiglione Cosentino Codice Meccanografico: CSIC857002 Codice Fiscale:

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 7 ottobre 2014, n. 647 Istituzione dell'osservatorio regionale per l'attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 «Disposizioni

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

LE ATTIVITÀ DEI PROFESSIONISTI TECNICI NELLA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI Corso di Formazione 18 ore in aula

LE ATTIVITÀ DEI PROFESSIONISTI TECNICI NELLA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI Corso di Formazione 18 ore in aula LE ATTIVITÀ DEI PROFESSIONISTI TECNICI NELLA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI Corso di Formazione 18 ore in aula Roma, dal 29 ottobre al 19 novembre 2015 Polo Professionale Studio Groenlandia, via Groenlandia,

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 21 dicembre 2015. Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge sull usura. Periodo di rilevazione

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. Allegato A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

CONSIDERATO che, con l Avviso Congiunto Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010, si è inteso dare attuazione agli interventi del PON;

CONSIDERATO che, con l Avviso Congiunto Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010, si è inteso dare attuazione agli interventi del PON; Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Determina a contrarre per l affidamento della Progettazione, Direzione dei lavori, Misura e Contabilità e Coordinatore Sicurezza dei

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2014 236/2014/A AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA APERTA, IN AMBITO NAZIONALE, FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO DI APPALTO AVENTE AD OGGETTO LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI TRADUZIONE

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO ORIGINALE SETTORE IV - URBANISTICA - INFRASTRUTTURE E SERVIZI ALLE IMPRESE SUAP N. Generale : 344 del 14/10/2014 DETERMINAZIONE N. 116 DEL 14 ottobre

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Prot. n. 8226 Determinazione n. 750 Cagliari, 11 Novembre 2014

Dettagli

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI 1. GUIDA ALLA COMPILAZIONE QUANDO DEVE ESSERE COMPILATA?

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DEL TESORO

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DEL TESORO MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DEL TESORO DECRETO 19 settembre 2003 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. Periodo ottobre/dicembre 2003. Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108,

Dettagli

Procedure per l acquisizione di beni e servizi

Procedure per l acquisizione di beni e servizi Procedure per l acquisizione di beni e servizi Prof. Roberto CAVALLO PERIN Ordinario di Diritto amministrativo Università degli Studi di Torino Via Bogino, n. 9 10123 Torino roberto@cavalloperin.com Le

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V

DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base al quale il Ministro del Tesoro, sentiti

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

R E G I O N E C A L A B RIA

R E G I O N E C A L A B RIA R E G I O N E C A L A B RIA G I U N T A R E G I O N A L E D i p a r t i m e n t o N. 10 Politiche del Lavoro, della Formazione, Pari Opportunità, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato DECRETO

Dettagli

AUTORITA PORTUALE NORD SARDEGNA. Codice Fiscale 91025180901 BANDO DI GARA

AUTORITA PORTUALE NORD SARDEGNA. Codice Fiscale 91025180901 BANDO DI GARA AUTORITA PORTUALE NORD SARDEGNA Codice Fiscale 91025180901 BANDO DI GARA Procedura aperta per l appalto di progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria e adeguamento locali

Dettagli

L anomalia dell offerta

L anomalia dell offerta L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse:

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze

Ministero dell'economia e delle Finanze Ministero dell'economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base

Dettagli

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI AL SERVIZIO DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI GESTITO DALLA BANCA D ITALIA Documento per la consultazione e analisi

Dettagli

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento delle direttive europee su appalti e concessioni (elaborato in collaborazione con Avv. Ilenia Filippetti) Il tema dell innovazione del quadro normativo

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture USG 246 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA APPROVVIGIONAMENTI E PATRIMONIO Servizio negoziale Settore supporto e consulenza all'attività dei RUP Via Balbi, 5-16126 Genova tel. 010/20951631 e-mail: supportorup@unige.it

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BANDO DI GARA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BANDO DI GARA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO - I.1) Denominazione: Università degli Studi di Milano, Divisione

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 39/2010 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Decreto relativo al contributo erariale spettante alle unioni di

Dettagli

COMUNE DI SANT'ANGELO ROMANO Provincia di Roma

COMUNE DI SANT'ANGELO ROMANO Provincia di Roma COMUNE DI SANT'ANGELO ROMANO Provincia di Roma Piazza Santa Liberata, 2 Sant'Angelo Romano Cap. 00010 Tel. 0774/300808 Fax 0774/420100 - Cod. Fisc. P. IVA 02146071002 C.F. 86002210580 CIG N. 60538188A5

Dettagli

DECRETO 20 dicembre 2002 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. (Periodo gennaio-marzo 2003). IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE V

DECRETO 20 dicembre 2002 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. (Periodo gennaio-marzo 2003). IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE V DECRETO 20 dicembre 2002 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. (Periodo gennaio-marzo 2003). IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE V VISTA la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni

Dettagli

Riepilogo delle soglie di rilevanza comunitaria degli appalti pubblici nei settori ordinari e speciali

Riepilogo delle soglie di rilevanza comunitaria degli appalti pubblici nei settori ordinari e speciali Riepilogo delle soglie di rilevanza comunitaria degli appalti pubblici nei settori ordinari e speciali In questo articolo si riportano tabelle riepilogative delle soglie di rilevanza comunitaria degli

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

COMUNE DI BEINASCO (Provincia di Torino)

COMUNE DI BEINASCO (Provincia di Torino) COMUNE DI BEINASCO (Provincia di Torino) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA CRISI LOCALE DEL MERCATO DEL LAVORO ANNO 2012.

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA

GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA GLI APPALTI PUBBLICI IN CALABRIA 1 RAPPORTO INFORMATIVO TRIENNIO 2007-2009 La pubblicazione è stata curata dalla Sezione Osservatorio dell Autorità regionale Stazione Unica Appaltante consulenza scientifica

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Burc n. 57 del 7 Settembre 2015

Burc n. 57 del 7 Settembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5 Indice Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma... 5 3. Iniziative di comunicazione della trasparenza...

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

DIOCESI PATRIARCATO DI VENEZIA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER APPALTO LAVORI

DIOCESI PATRIARCATO DI VENEZIA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER APPALTO LAVORI DIOCESI PATRIARCATO DI VENEZIA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER APPALTO LAVORI 1. STAZIONE APPALTANTE: DIOCESI PATRIARCATO DI VENEZIA San Marco n. 320/A, VENEZIA, - Tel. 0412702490 Fax 0412702420 Sito

Dettagli

DETERMINAZIONE. N. 10 del 23/01/2015.

DETERMINAZIONE. N. 10 del 23/01/2015. COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa PROGRESSIVO GENERALE N. 20 SETTORE : GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio : Lavori Pubblici DETERMINAZIONE N. 10 del 23/01/2015. copia OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE DEL SISTEMA

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 54. del 16.02.2012.. OGGETTO: procedura negoziata di cottimo fiduciario (art.125, D.Lgs.

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

del 14 Aprile 2015 Il Sostituto Direttore del Servizio

del 14 Aprile 2015 Il Sostituto Direttore del Servizio del 14 Aprile 2015 OGGETTO: E.F.S. - SERVIZIO TERRITORIALE DI LANUSEI - PROCEDURA NEGOZIATA PER LA REALIZZAZIONE DI UN FABBRICATO DI SERVIZIO UNITA GESTIONALE DI BASE OSINI (OG) LOCALITA SA BRECCA", AGRO

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Esercizio 2013 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre 1999,

Dettagli

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE OGGETTO: Aggiudicazione definitiva della gara di appalto per l affidamento, mediante procedura aperta, sopra soglia comunitaria, del servizio di assicurazione rischio infortuni per gli alunni delle scuole

Dettagli

PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste

PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste stradicciole, tornava bel bello dalla passeggiata verso casa, sulla sera del giorno

Dettagli

Art. 2. IL CAPO DELLA DIREZIONE V

Art. 2. IL CAPO DELLA DIREZIONE V DECRETO 29 settembre 2014. Art. 2. Classificazione delle operazioni creditizie per categorie omogenee ai fini della rilevazione dei tassi effettivi globali medi praticati dalle banche e dagli intermediari

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore 5, Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore 5, Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore 5, Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE (ASSUNTO il 14/05/2014

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148 7 RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA COME ENTE DI AREA VASTA IN TEMA DI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI, SERVIZI, FORNITURE E ASSISTENZA TECNICO - AMMINISTRATIVA

RUOLO DELLA PROVINCIA COME ENTE DI AREA VASTA IN TEMA DI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI, SERVIZI, FORNITURE E ASSISTENZA TECNICO - AMMINISTRATIVA RUOLO DELLA PROVINCIA COME ENTE DI AREA VASTA IN TEMA DI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI, SERVIZI, FORNITURE E ASSISTENZA TECNICO - AMMINISTRATIVA Servizio Lavoro, Formazione Professionale, Risorse Umane e

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo CARTA DEI SERVIZI Premessa La procedura di appalto pubblico, ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, deve rispettare i principi di libera concorrenza,

Dettagli

L applicazione delle norme di gara

L applicazione delle norme di gara Circolare n.2/2011 Oggetto: Adempimenti a carico dei privati, beneficiari di finanziamenti FEP, ai sensi dell art. 32, lett. d) ed e) del Codice dei Contratti La normativa Come noto, l art. 32, comma 1,

Dettagli

CITTA' DI ASOLO PIANO RISORSE ED OBIETTIVI 2015 943/2015 1755/2015. Vedi capitoli DETERMINAZIONE DI IMPEGNO. DEL 31 dicembre 2015

CITTA' DI ASOLO PIANO RISORSE ED OBIETTIVI 2015 943/2015 1755/2015. Vedi capitoli DETERMINAZIONE DI IMPEGNO. DEL 31 dicembre 2015 CITTA' DI ASOLO PIANO RISORSE ED OBIETTIVI 2015 Dedel Imp. 943/2015 1755/2015 Arm. Vedi capitoli SERVIZIO 13 SERVIZIO INFORMATICO N.ro determina servizio del 23 dicembre 2015 DETERMINAZIONE DI IMPEGNO

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Analisi prezzi di riferimento nel settore Cardiovascolare ed Ortopedico pubblicati dall AVCP

Analisi prezzi di riferimento nel settore Cardiovascolare ed Ortopedico pubblicati dall AVCP Analisi prezzi di riferimento nel settore Cardiovascolare ed Ortopedico pubblicati dall AVCP Laura Velardi Agenas Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Il nostro primo coinvolgimento: l articolo

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2015-856 del 17/12/2015 Oggetto CIG lotto 1 - ZA716B58FB CIG lotto

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

COMUNE DI CALUSO Provincia di Torino

COMUNE DI CALUSO Provincia di Torino COMUNE DI CALUSO Provincia di Torino COPIA SETTORE AMMINISTRATIVO E DEI SERVIZI ALLA PERSONA DETERMINAZIONE N. 40 del 18-05-2016 (art. 183, comma 9 del D.lgs. 18-08-2000 n. 267) OGGETTO : Servizio di ristorazione

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E NS I V O

I S T I T U T O C O M P R E NS I V O Prot. n. 827/C6f Castelletto, 16 marzo 2016 Agli Atti dell Istituto Al Sito Internet Istituzionale Riferimento: Progetto: Oggetto: Fondi Strutturali Europei - Programma Operativo Nazionale Per la scuola,

Dettagli

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA Settembre 2009 Indice Introduzione...3 1. Azioni e relative spese ammissibili...3 1.1 Acquisizione di personale di supporto...3 1.2 Valutazione...4

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO AL TURISMO DECRETO (ASSUNTO IL 13/06/2014 PROT.N. 216 ) N. 7338 del 18/06/2014 OGGETTO:

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO AL TURISMO DECRETO (ASSUNTO IL 13/06/2014 PROT.N. 216 ) N. 7338 del 18/06/2014 OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO AL TURISMO DECRETO (ASSUNTO IL 13/0/2014 PROT.N. 21 ) Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione N. 7338 del 18/0/2014 OGGETTO: POR CALABRIA 2007/2013

Dettagli