ATTENZIONE: Leggere tutte queste informazioni prima di presentarsi a un ricevimento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTENZIONE: Leggere tutte queste informazioni prima di presentarsi a un ricevimento"

Transcript

1 Assegnazione tesi di laurea magistrali e informazioni per studenti laureandi Corso di Laurea Magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale (LM-38) (Dott. Federico Gaspari) Novembre 2014 ATTENZIONE: Leggere tutte queste informazioni prima di presentarsi a un ricevimento Introduzione e premessa Questo documento fornisce informazioni rivolte agli studenti laureandi in merito alle tesi di laurea magistrale che possono essere assegnate e seguite dal Dott. Federico Gaspari in qualità di relatore. Possono richiedere l assegnazione della tesi di laurea gli studenti iscritti al Corso di Laurea Magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale (LM-38) che intendano concentrarsi su argomenti legati alla lingua e traduzione inglese e di particolare interesse per il docente. Dato l alto numero di studenti di lingua e traduzione inglese, non è purtroppo possibile accettare tutte le richieste di assegnazione di tesi, che vengono considerate in ordine di priorità temporale e in base alla pertinenza del progetto specifico con le competenze scientifiche del docente che deve fungere da relatore. Lo svolgimento della tesi di laurea costituisce infatti un momento molto importante della formazione dello studente, e rappresenta in un certo senso il culmine della preparazione acquisita nel percorso di studi; esso non impone solamente notevole impegno al laureando, ma richiede anche costante attenzione da parte del relatore. Quindi, per garantire che il docente possa fornire il sostegno necessario ai laureandi, c è un limite fissato per il numero di tesi che possono essere seguite dallo stesso relatore durante uno specifico anno accademico o per una particolare sessione di laurea. È comunque anche nell interesse del laureando scegliere attentamente il proprio progetto di tesi in piena sintonia con il docente che lo seguirà. Fino a marzo 2015 sono disposto ad assegnare un massimo di tre tesi di laurea magistrale LM-38, da concludere e discutere entro marzo 2016, a studenti che abbiano quasi completato gli esami, interessati a lavorare su uno degli argomenti elencati a pagina 3. Regole generali e tempistica La tesi di laurea magistrale deve essere assegnata ufficialmente dal relatore almeno un anno prima della seduta di laurea in cui lo studente intende discutere il proprio elaborato (il requisito è tassativo e inderogabile). Questo significa che almeno un anno prima della sessione prevista per la discussione della tesi deve esserci un accordo preciso e definitivo tra studente e relatore sull argomento specifico della tesi, con l indicazione di un piano di lavoro realistico e ben definito per portare a compimento il progetto nei mesi successivi. La scelta del relatore avviene essenzialmente sulla base delle competenze scientifiche del docente e della sua disponibilità a seguire il lavoro dello studente sull argomento prospettato. Qualora il docente non sia indicato per un particolare tema o area disciplinare non è possibile assegnare la tesi, specialmente se nella Sezione linguistica di inglese o all interno del Corso di Laurea è individuabile qualche collega che abbia competenze specifiche per fungere da relatore. 1

2 È escluso che il regolare confronto e lo scambio di idee tra relatore e laureando che caratterizzano lo svolgimento del lavoro della tesi di laurea possano avvenire via o telefonicamente, tranne che sporadicamente per trattare questioni marginali. Al contrario, servono incontri fissati con cadenza regolare per poter condurre al meglio il lavoro e discutere direttamente in modo esauriente le varie questioni che emergono lo studente a cui viene assegnata la tesi dovrà quindi assumersi l impegno di presentarsi agli appuntamenti e ai ricevimenti fissati, per consentire al relatore di monitorare l andamento del lavoro durante l intero periodo del suo svolgimento. Se il laureando non garantisce l impegno richiesto o assume ripetutamente comportamenti irresponsabili nello svolgimento del proprio progetto (ad esempio nei casi di evidente plagio di lavoro altrui o di reiterate mancanze nei confronti di consegne o appuntamenti fissati dal relatore), il docente può rifiutarsi di continuare a seguire la tesi in questione. È quindi responsabilità dello studente trovare un altro relatore con cui poter svolgere la tesi, se necessario su un nuovo argomento o anche in una disciplina diversa. Requisiti per l assegnazione della tesi di laurea Di seguito sono elencati alcuni dei fattori principali che vengono considerati dal docente per assegnare la tesi di laurea a uno studente magistrale che ne fa richiesta: a) Numero e tipo di esami rimanenti prima di poter discutere la tesi in seduta di laurea. È accettabile che uno studente abbia ancora alcuni esami da superare al momento dell assegnazione della tesi; tuttavia, la preparazione dell elaborato richiede molta dedizione per un arco di tempo non inferiore a un anno, dunque lo studio per gli esami rimanenti deve essere compatibile con le ricerche necessarie per la preparazione della tesi di laurea e con la sua stesura. b) Profitto dimostrato durante la carriera universitaria, e in particolare il livello di conoscenza della lingua inglese e delle capacità traduttive per la combinazione linguistica inglese-italiano; se lo studente ha frequentato i corsi tenuti dal docente, superando i relativi esami (requisito fortemente auspicabile), si terrà conto delle votazioni riportate altrimenti si effettuerà un colloquio volto a verificare il livello di conoscenza della lingua inglese e le competenze di cui lo studente è già in possesso. c) Motivazione nell intraprendere il lavoro di tesi sull argomento prospettato al docente. d) Interesse e qualità del progetto di tesi e potenzialità del laureando di portarlo a compimento con successo nel periodo di tempo previsto. Per richiedere l assegnazione della tesi di laurea magistrale al docente è importante che lo studente si presenti al ricevimento avendo già una o più idee di massima su possibili progetti da svolgere, circoscritti in maniera molto specifica e precisa (cioè, non basta individuare un area generica come la traduzione automatica o l utilizzo dei corpora nella traduzione ). È essenziale che lo studente sottoponga al docente delle ipotesi più definite possibile di temi o argomenti che vorrebbe affrontare e che ritiene validi e interessanti. Il relatore considererà queste proposte come punti di partenza per concordare più precisamente un argomento specifico e una struttura di massima per il lavoro insieme allo studente, dando suggerimenti sull opportunità di affrontare determinati aspetti, ed eventualmente consigli su possibili alternative praticabili. 2

3 Possibili argomenti/aree per tesi di laurea magistrali Il seguente elenco individua una serie di aree generali nelle quali il Dott. Federico Gaspari è disposto ad assegnare e seguire tesi di laurea magistrali in qualità di relatore. Le aree tematiche sono generali e indicative, visto che il laureando dovrà concordare insieme al docente argomenti molto specifici e ben circoscritti al loro interno. Nel caso di studenti con particolari interessi, esperienze (anche in ambito professionale e lavorativo) e competenze (ad esempio conoscenza di altre lingue oltre all italiano e all inglese), è possibile assegnare tesi di laurea su temi affini, anche se non espressamente ricompresi nei punti elencati di seguito, che abbiano carattere interdisciplinare, o che abbraccino più aspetti tra quelli menzionati, a patto che il docente possa guidare il lavoro in questione come relatore. Si precisa inoltre che le tesi di laurea magistrali vanno generalmente scritte in lingua italiana, e che di norma è sconsigliato redigere gli elaborati finali in lingua straniera, in particolare in inglese. 1) Questioni e problemi relativi all apprendimento/insegnamento e all uso dell inglese come L2, preferibilmente per quanto riguarda studenti di madrelingua italiana, in particolare in relazione al progetto sperimentale V-Pal o a esperienze didattiche reciproche e collaborative tra pari. 2) Approfondimenti legati alle forme e modalità di utilizzo della tecnologia informatica tanto negli studi sulla traduzione quanto nella traduzione professionale, con particolare riguardo agli strumenti software di traduzione assistita, alla traduzione automatica (anche sistemi disponibili su Internet), ai corpora elettronici e alle varie risorse online che possono assistere i traduttori professionisti nello svolgimento del proprio lavoro. 3) Traduzione di un testo/brano di natura tecnico-specialistica dall inglese in italiano, accompagnata da un commento critico (linguistico, traduttivo e culturale) e dall analisi della tipologia e modalità di impiego di risorse e strumenti linguistico-traduttivi (corpora, concordancer, memorie di traduzione, ecc.). 4) Traduzione di un testo/brano di natura tecnico-specialistica dall italiano in inglese, accompagnata da un commento critico (linguistico, traduttivo e culturale), da riflessioni sulla traduzione verso la L2, e dall analisi della tipologia e modalità di impiego di risorse e strumenti linguistico-traduttivi (corpora, concordancer, memorie di traduzione, ecc.). 5) Teoria, metodologia e strumenti per la valutazione della qualità della traduzione umana/professionale e/o automatica; ad esempio: metriche di valutazione, valutazione diagnostica, in relazione allo sforzo previsto per il post-editing, valutazione di traduzioni volontarie, collaborative, effettuate in crowdsourcing, ecc. 6) Analisi e valutazione dell inglese accademico istituzionale (non disciplinare, ESP o EAP), specialmente nelle sue varianti tradotte dall italiano e scritte L2, anche in rapporto al benchmark nativo utilizzato da atenei di Paesi anglofoni. 7) Analisi contrastiva di specifici fenomeni linguistico-traduttivi per la combinazione linguistica inglese-italiano, in riferimento a particolari generi/tipologie testuali e domini tematici, ad esempio analisi del linguaggio politico o (accademico) istituzionale inglese, anche mediato/l2. 8) Aspetti legati alla lingua e traduzione per la combinazione linguistica inglese-italiano, specialmente in riferimento alla localizzazione di siti web (siti multilingui di e-commerce o di aziende/ditte/istituzioni, servizi fruibili via Internet e risorse informative o promozionali disponibili online in più lingue, ecc.). 9) Universali della traduzione (semplificazione, normalizzazione, livellamento, ecc.) e rapporti tra inglese tradotto, inglese scritto L2 e inglese nativo originale. 10) Aspetti specifici legati ad alcuni dei temi principali affrontati dalla teoria della traduzione, specialmente quelli con risvolti applicativi, riguardanti ad esempio: qualità della traduzione e sua valutazione, (auto-)revisione della traduzione, pedagogia della traduzione e insegnamento/apprendimento delle tecniche/abilità di traduzione (anche in rapporto all apprendimento della L2), dinamiche e specificità della traduzione collaborativa e condivisa (ad esempio in crowdsourcing, ecc.) con relativi strumenti e metodi. 3

4 Tesi di laurea magistrali in corso di svolgimento Laureanda Argomento della tesi Data assegnazione Laurea prevista Veronica Potacqui Michela Scocco Claudia Serrani In corso di definizione Da definire Da definire In corso di definizione Da definire Da definire In corso di definizione Da definire Da definire Tesi di laurea triennali e magistrali già discusse Laureata/o Titolo della tesi Data di laurea Guendalina Santini Claudia Sartini Traduzione in inglese L2 di testi online di promozione turistica locale La traduzione dall inglese verso l italiano di contratti di compravendita internazionale 27 giugno giugno 2008 Valentina Maggio Traduzione con commento di materiale turistico su Derry 25 marzo 2009 Nicoletta Quattrini Barbara Merlonghi Martina Pasqualini Giulia La Torre Elena Mazzoni Jessica Nardin Camilla Raparo Giusy Feliciani Luiza Grigore Proposta di traduzione verso l inglese di una guida turistica su Osimo Traduzione in inglese L2 e revisione di presentazioni commerciali Memorie di traduzione e corpora: risorse per la traduzione specialistica a confronto Analisi e commento della traduzione di due testi turistici sull Inghilterra Creazione ed utilizzo di corpora finalizzati alla traduzione di testi divulgativi sulle cellule staminali La traduzione del linguaggio turistico promozionale nel web: il caso della città di Roma Traduzione verso l inglese con l ausilio di dizionari monolingui e bilingui Il linguaggio persuasivo del turismo: traduzione e commento di una brochure su una località sciistica scandinava Traduzione di testi turistico-culturali riguardanti la Romania dall inglese all italiano 25 marzo giugno

5 Laura Lampa Nicoleta Nadolu Eleonora Cavarischia Alessandra Conforti Laura Fragola Simona Nasuti Alessandra Giacomelli Elisa Contigiani Elisa Lonoce Margherita Pasquini Tania Mazzocchini Antonietta Lemme Silvia Scarponi Sara Caporaletti Serena Cardinali Sara Maraschio Chiara Brunori Daniele Giammarini Francesca Raffi Chiara Fonzi Un viaggio nel folclore e nelle leggende metropolitane: traduzione e commento di due brani tratti da The Vanishing Hitchhiker e The Choking Doberman di Jan Harold Brunvand Traduzione incrociata bidirezionale tra l italiano L2 e l inglese L3: problematiche traduttive e prospettive teoriche Traduzione e adattamento in lingua inglese di sezioni della guida turistica di Treia Traduzione e analisi di un testo web turistico sulla Giant s Causeway La traduzione delle e-brochure alberghiere: il caso Rome Cavalieri Hilton Hotel Analisi e confronto degli spot pubblicitari della Coca-Cola in inglese e in italiano dagli anni 70 agli anni 90 Traduzione e commento di testi tratti dal sito ufficiale della città di Sydney Valutazione della qualità della traduzione automatica dall inglese all italiano Crisi finanziaria e giornalismo politico-economico: confronto fra quattro quotidiani irlandesi La traduzione medica e le sue sfide: due testi sul virus HPV tradotti tra l inglese e l italiano Proposta di traduzione in inglese L2 con commento di una guida turistica su Castelfidardo Sistemi di traduzione automatica: aspetti tecnici del funzionamento City Spy Map : guida turistica della città di Wroclaw. Proposta di traduzione con commento Traduzione e commento della guida turistica Moscow In Your Pocket Sperimentazione didattica V-Pal: apprendimento tra pari e verifica del miglioramento linguistico nella lingua inglese V-Pal: progetto sperimentale di apprendimento della lingua inglese con riferimenti culturali Analisi e commento di traduzioni turistiche del sito web sulle Terme di Saturnia Traduzione in italiano con commento della Cliffs of Moher Official Guidebook Proposta di uno strumento online a supporto della didattica dell interpretazione consecutiva: la piattaforma Interpret-it! Progetto V-Pal: Aspetti della competenza comunicativa interculturale 19 novembre novembre novembre novembre marzo marzo marzo luglio

6 Michela Scocco Noemi Molini Elisa Lonoce Chiara Capitanelli Cristina Mazzieri Eleonora Cavarischia Marilisa Di Lallo Antonietta Lemme Sperimentazione didattica V-Pal: Analisi del miglioramento linguistico in inglese dei partecipanti La traduzione giornalistica verso l inglese: il caso di Business Tourism Arts & Fashion Applicazioni del Globish nell adattamento di testi scritti e tradotti in inglese Analisi e commento di traduzioni di poesie in inglese sugli usi e costumi del Ghana Analisi degli errori e delle correzioni nell insegnamento tra pari dell italiano L2 nel progetto didattico sperimentale V- Pal Analisi della fraseologia nei discorsi dei candidati della campagna presidenziale USA 2012 La valutazione della qualità nella traduzione automatica: esperimenti di valutazione umana Institutional academic English and internationalisation: the website and online student services of the University of Macerata 13 luglio novembre novembre 2013 Per ottenere ulteriori informazioni o chiarimenti su aspetti più specifici legati alle modalità di assegnazione e svolgimento della tesi di laurea magistrale, studenti e laureandi sono invitati a contattare il docente via (all indirizzo ), e si consiglia specialmente di presentarsi durante l orario di ricevimento settimanale, i cui dettagli (orari, sede, eventuali variazioni, ecc.) sono disponibili sulla pagina web personale del docente sul sito dell Ateneo, consultabile all indirizzo: Federico Gaspari 6

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA (L-13 Classe delle lauree in scienze biologiche)

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA (L-13 Classe delle lauree in scienze biologiche) UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA (L-13 Classe delle lauree in scienze biologiche) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015 ART.

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE 1. Denominazione del corso di studi Scienze psicologiche 2. Classe di appartenenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia Scolastica e dell'educazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008

Dettagli

VIII edizione, a.a. 2015-2016 BANDO DI AMMISSIONE

VIII edizione, a.a. 2015-2016 BANDO DI AMMISSIONE Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Dipartimento di Lingue e culture moderne Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica ICoN Italian Culture on the Net MASTER

Dettagli

Laurea Magistrale in Linguistica Teorica, Applicata e delle Lingue Moderne. Tirocini già attivati e docenti di riferimento

Laurea Magistrale in Linguistica Teorica, Applicata e delle Lingue Moderne. Tirocini già attivati e docenti di riferimento Laurea Magistrale in Linguistica Teorica, Applicata e delle Lingue Moderne Tirocini già attivati e docenti di riferimento Ciascuno dei tirocini proposti è valevole ai fini del riconoscimento dei 6 CFU

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Indice: Premessa, Borse di studio, Internazionalizzazione 1) Titoli accademici 2) Requisiti di ammissione 3) Periodo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Requisiti curriculari, loro accertamento e verifica dell'adeguatezza della personale preparazione

Requisiti curriculari, loro accertamento e verifica dell'adeguatezza della personale preparazione Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN GEOGRAFIA E PROCESSI TERRITORIALI CLASSE LM- 80 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1 Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1) Tipologia A conclusione del Corso di studio, gli studenti sono tenuti a sostenere un esame finale che consiste nella discussione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) classe delle lauree Magistrali in Scienze economiche per l ambiente e la cultura (LM-76).

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

Università del Salento

Università del Salento Università del Salento REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LETTERE MODERNE Classe LM 14 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 ARTICOLO 1 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN FILOLOGIA, LETTERATURA E TRADIZIONE CLASSICA CLASSE LM-15 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2015/2016 CRITERI DI SELEZIONE

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2015/2016 CRITERI DI SELEZIONE ALL.1 ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2015/2016 SCUOLA DI AGRARIA 15% ESAMI 15% 25% 25% PRIORITÀ: PRECEDENZA A STUDENTI DI I E II LIVELLO RISPETTO AI DOTTORANDI SCUOLA DI ARCHITETTURA N ESAMI RISPETTO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA - Visto il decreto.11.1999, n 509, come modificato dal DM 270/2004 art., c. 10, che prevede che le università italiane possano rilasciare diplomi/titoli accademici in collaborazione con università straniere;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI

LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI 1 Approvato dal Consiglio di Facoltà del 24 Marzo 2004 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI ART. 1 - DENOMINAZIONE 1 - È attivato presso la Facoltà

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56)

LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56) LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56) Il corso di laurea in breve Il corso di laurea magistrale in Scienze Economiche, in modalità E-learning, mira a consentire l'acquisizione di conoscenze

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA

LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04 (link alla versione con confronto LS-509) a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse A.A. 2009/10 TEMPISTICA I L/270 II L/509 III

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

ALLEGATO 1 - I PARTE

ALLEGATO 1 - I PARTE ALLEGATO 1 - I PARTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN DIDATTICA E PSICOPEDAGOGIA PER I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Art. 1 - FINALITA -

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI - (Classe: LM-39) Art. 1 - Requisiti per l'accesso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA Master Universitario annuale di I livello in convenzione con l IPSEF Srl Ente accreditato al MIUR per la formazione al personale della scuola in STRATEGIE

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia)

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) 1 Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) Art 1. Denominazione È istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea

Dettagli

Regolamentazione delle Tesi di laurea per il CdL in Scienze della Formazione Primaria

Regolamentazione delle Tesi di laurea per il CdL in Scienze della Formazione Primaria Regolamentazione delle Tesi di laurea per il CdL in Scienze della Formazione Primaria 1. Alcune norme per lo svolgimento della tesi di laurea del CdL in Scienze della Formazione primaria (Ordinamento previgente)

Dettagli

Terminologie specialistiche e servizi di traduzione

Terminologie specialistiche e servizi di traduzione Terminologie specialistiche e servizi di traduzione Corso di Perfezionamento Formazione Permanente Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere Osservatorio di terminologie e politiche linguistiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello

Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Art. 1 Principi generali di riferimento 1. Il titolo di Diploma Accademico,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2014/2015 CRITERI DI SELEZIONE

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2014/2015 CRITERI DI SELEZIONE ALL.1 ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2014/2015 SCUOLA DI AGRARIA 15% ESAMI 15% PRIORITÀ: PRECEDENZA A STUDENTI DI I E II LIVELLO RISPETTO AI DOTTORANDI SCUOLA DI ARCHITETTURA N ESAMI RISPETTO ALL ANNO

Dettagli

Pagina 1 di 7. Art. 1 - RIFERIMENTI NORMATIVI

Pagina 1 di 7. Art. 1 - RIFERIMENTI NORMATIVI REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI PERFEZIONAMENTO PER L INSEGNAMENTO DI UNA DISCIPLINA NON LINGUISTICA IN LINGUA STRANIERA, SECONDO LA METODOLOGIA CLIL (CONTENT AND LANGUAGE INTEGRATED LEARNING) RIVOLTO AI

Dettagli

Regolamento della prova finale

Regolamento della prova finale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTÀ DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Corso di Studio in Scienze della Comunicazione Regolamento della prova finale 1. CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale rappresenta

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

Accademia G. Aliprandi - F. Rodriguez Sessione Culturale - Firenze, 2 marzo 2014. La filiera della multimedialità della comunicazione

Accademia G. Aliprandi - F. Rodriguez Sessione Culturale - Firenze, 2 marzo 2014. La filiera della multimedialità della comunicazione Accademia G. Aliprandi - F. Rodriguez Sessione Culturale - Firenze, 2 marzo 2014 La filiera della multimedialità della comunicazione La filiera della tecnologia della traduzione Federico Gaspari fgaspari@sslmit.unibo.it

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE

FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Lingua straniera 1. La lingua straniera richiesta e impartita nell ambito dei

Dettagli

Vademecum per i tirocini

Vademecum per i tirocini Vademecum per i tirocini CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE Approvato dal Consiglio di Dipartimento del 19 maggio 2015 PRESENTAZIONE E

Dettagli

Mediazione Linguistica per l impresa

Mediazione Linguistica per l impresa Scuola Superiore per Mediatori Linguistici Perugia Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT FACOLTÀ DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE e la Scuola Superiore per mediatori Linguistici di Perugia

Dettagli

DIPARTIMENTO di MATEMATICA. REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA

DIPARTIMENTO di MATEMATICA. REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA DIPARTIMENTO di MATEMATICA REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA Emanato con D.R. n. 413 del 2 luglio 2015 INDICE Art. 1 Definizioni... 3 Art. 2 Obiettivi della

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione La Facoltà di Economia attiva il Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE 1. Modalità di svolgimento dell esame di Laurea Magistrale Ai sensi dell art.29, comma 2 del Regolamento Didattico di Ateneo, lo

Dettagli

ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE

ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE dal Dott..... nato a. il. ricercatore per il raggruppamento disciplinare n.. (D.M. 4 ottobre 2000 e modifiche D.M. 18 marzo 2005). Da consegnare

Dettagli

D.R. n. 3056 IL RETTORE DECRETA

D.R. n. 3056 IL RETTORE DECRETA D.R. n. 3056 Facoltà di Medicina e Psicologia Anno Accademico 2014-2015 Bando relativo alle modalità di ammissione al percorso d eccellenza per il corso di laurea magistrale in Psicologia della Comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica

Corso di Laurea in Fisica OBIETTIVI FORMATIVI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra M. Melloni Corso di Laurea in Fisica Laurea di I livello nella Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) classe delle lauree Magistrali in Scienze dell economia (LM-56), Sede didattica del Corso

Dettagli

Terminologie specialistiche e servizi di traduzione

Terminologie specialistiche e servizi di traduzione Terminologie specialistiche e servizi di traduzione Corso di Perfezionamento Formazione Permanente Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere Osservatorio di terminologie e politiche linguistiche

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LM-11

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE DELL'ASIA E DELL'AFRICA CLASSE LM-36 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso al

Dettagli

MA258 - PROFESSIONE ORIENTATORE (II EDIZIONE) 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2013/2014 MA258_II

MA258 - PROFESSIONE ORIENTATORE (II EDIZIONE) 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2013/2014 MA258_II MASTER di I Livello MA258 - PROFESSIONE ORIENTATORE (II EDIZIONE) 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2013/2014 MA258_II www.unipegaso.it Titolo MA258 - PROFESSIONE ORIENTATORE (II EDIZIONE) Area ORIENTATORI

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 204-205 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Syllabus a.a. 204-205 versione.0 BREVE INTRODUZIONE AL MODULO Il Syllabus indica

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN.

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM- FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. 1.ASPETTI GENERALI Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia Cellulare

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere classe delle lauree n. 11 Lingue e culture moderne approvato dal Consiglio di Facoltà del 17 Dicembre 2003 ART. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Laurea triennale in Interpretariato e comunicazione Regolamento dei Laboratori di lingua professionalizzanti e caratterizzanti

Dettagli

1) ARTICOLAZIONE E CALENDARIO DEL MASTERCLASS DEAL

1) ARTICOLAZIONE E CALENDARIO DEL MASTERCLASS DEAL Gruppo di Ricerca DEAL, Università Ca Foscari Venezia con il patrocinio e la collaborazione dell Associazione Italiana Dislessia MASTERCLASS DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Edizione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE Art. 1 Riferimenti Normativi L articolo 21 del Regolamento didattico dell Università degli

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE BINAZIONALE

LAUREA MAGISTRALE BINAZIONALE BROCHURE italianocon:brochure italianocon -0-2010 14:24 Pagina 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DITORINO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE LAUREA MAGISTRALE BINAZIONALE LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE STRANIERE

Dettagli

PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI MANAGER DELLE RISORSE ARTISTICHE E CULTURALI

PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI MANAGER DELLE RISORSE ARTISTICHE E CULTURALI PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI PRESSO L UNIVERSITÀ IULM LIBERA UNIVERSITÀ DI LINGUE E COMUNICAZIONE. La Fondazione Roma e la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM organizzano

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Art. 1 Istituzione La Facoltà di Economia istituisce

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008 Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista San Francesco d Assisi DIPARTIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN SCENOGRAFIA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN SCENOGRAFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN SCENOGRAFIA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli