(D.P.C.M ; D.M ; D.M ) ANNO 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2010"

Transcript

1 (D.P.C.M ; D.M ; D.M ) FEBBRAIO 2013

2 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE U.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE OSPEDALIERE STRUTTURE DELLA RETE DI OFFERTA - Strutture per tipologia di assistenza ASSISTENZA SANITARIA DISTRETTUALE - Popolazione residente per classi di età - Caratteristiche organizzative - Medicina generale - Medici generici per anzianita' di laurea ed adulti per medico - Medici generici per classi di scelte e numero scelte per medico - Pediatria - Pediatri per anzianita' di specializzazione e bambini per medico - Pediatri per classi di scelte e numero scelte per pediatra - Guardia medica - Assistenza farmaceutica convenzionata - Assistenza domiciliare integrata - Strutture sanitarie pubbliche e private accreditate per tipologia - Ambulatori e laboratori pubblici per tipo assistenza - Ambulatori e laboratori privati convenzionati per tipo assistenza I

3 - Ambulatori e laboratori privati accreditati - Titolari del rapporto - Attività clinica, di laboratorio, di diagnostica per immagini e strumentale delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate - Dimensione delle strutture ambulatoriali - Distribuzione del numero di strutture ambulatoriali per numero di prestazioni e di branche - Distribuzione del numero di strutture ambulatoriali monobranca per numero di prestazioni - Strutture residenziali, semiresidenziali ed altro tipo per assistenza erogata - Strutture residenziali, semiresidenziali - Posti - Assistenza psichiatrica e ai disabili psichici - Dati di attività - Assistenza anziani e disabili fisici - Dati di attività - Apparecchiature tecnico biomediche presenti nelle strutture sanitarie extraospedaliere pubbliche private accreditate - Istituti o centri di riabilitazione - Dati di struttura - Attività di assistenza riabilitativa - Personale STRUTTURE DI RICOVERO PUBBLICHE E PRIVATE ACCREDITATE - Strutture di ricovero pubbliche per tipo struttura - Case di cura private accreditate e non - Servizi - Servizi per le emergenze strutture di ricovero pubbliche case di cura private accreditate II

4 - Altri servizi strutture di ricovero pubbliche case di cura private accreditate - Apparecchiature tecnico biomediche presenti nelle strutture di ricovero pubbliche strutture di ricovero private accreditate indicatori per abitanti strutture ospedaliere ed extraospedaliere - Posti letto previsti nelle strutture di ricovero pubblici e accreditati distribuzione per acuti/non acuti - indicatori per abitanti trend Posti letto utilizzati per l attività di ricovero per tipo struttura - Posti letto utilizzati per l attività di ricovero per disciplina ospedaliera - Dimensione delle strutture di ricovero pubbliche - Attività di pronto soccorso - Attività di pronto soccorso pediatrico PERSONALE - Personale del Servizio Sanitario Nazionale - Personale delle strutture di ricovero pubbliche ed equiparate III

5 PREMESSA La monografia contiene, relativamente all'anno 2010, le elaborazioni dei dati risultanti dai flussi informativi attivati con il D.P.C.M. 17/05/1984, rinnovati ed ampliati con successivi Decreti Ministeriali. In particolare, la presente edizione, raccoglie le integrazioni ai suddetti flussi, intervenute con il Decreto Ministeriale del 5 Dicembre 2006 Variazione dei modelli di rilevazione dei dati delle attività gestionali delle strutture sanitarie - che ha aggiornato i modelli di rilevazione dei flussi informativi sulle attività gestionali delle aziende sanitarie ed ospedaliere. La seguente monografia, inoltre, è stata arricchita con l introduzione di quattro nuovi indicatori, attinenti alla composizione della rete di offerta. A fine premessa viene fornito un elenco dei suddetti modelli di rilevazione delle attività gestionali ed economiche delle Aziende Sanitarie Locali. Per una corretta lettura dei dati contenuti nel presente volume è necessario prendere nota delle avvertenze indicate di seguito. Assistenza di base Adulti per medico generico: esprime il numero teorico di assistibili di età superiore ai 13 anni. N. scelte per medico generico: esprime il numero effettivo di assistiti per medico generico di età superiore ai 13 anni. Bambini per medico pediatra: esprime il numero teorico di assistibili di età compresa fra 0 e 13 anni. N. scelte per medico pediatra: esprime il numero effettivo di assistiti per medico pediatra di età compresa fra 0 e 13 anni. IV

6 Strutture di ricovero pubbliche e private accreditate Sono definite strutture pubbliche le aziende ospedaliere, gli ospedali a gestione diretta, le aziende ospedaliere universitarie integrate con il SSN, le aziende ospedaliere integrate con l università, i policlinici universitari privati, gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, gli ospedali classificati o assimilati ai sensi dell art.1, ultimo comma, L. 132/1968, gli istituti privati qualificati presidio della U.S.L. e gli enti di ricerca. Sono definite strutture private accreditate le case di cura private accreditate presso il SSN. I dati relativi alle strutture di ricovero pubbliche e private accreditate sono riportati separatamente. Posti letto delle strutture di ricovero Per le strutture di ricovero pubbliche, i posti letto per disciplina, contenuti nelle tavole relative all'attività svolta nel corso dell'anno 2010, rappresentano il numero medio di letti mensilmente utilizzati e possono pertanto non coincidere con quelli previsti al 01/01/2010 e dichiarati in anagrafe. Personale I dati si riferiscono al personale dipendente del Servizio Sanitario Nazionale (ASL, aziende ospedaliere, aziende ospedaliere integrate con l università) e delle strutture di ricovero pubbliche. Nelle tavole della presente pubblicazione sono usati i seguenti segni convenzionali: ( - ) quando il fenomeno esiste, ma non si conoscono i dati; (spazio) quando il fenomeno non esiste; ( N.C.) quando il fenomeno non è calcolabile. V

7 MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE UNITA SANITARIE LOCALI (DECRETO MINISTERIALE 05/12/2006) - FLUSSI INFORMATIVI Modelli FLS FLS.11 - Dati di struttura della unità sanitaria locale FLS.12 - Assistenza di base FLS.18 - Assistenza sanitaria collettiva FLS.21 - Attività di assistenza sanitaria di base Modelli STS STS.11 - Dati anagrafici dei presidi sanitari STS.14 - Apparecchiature tecnico biomediche di diagnosi e cura presenti nelle strutture sanitarie extraospedaliere STS.21 - Attività clinica, di diagnostica strumentale e di laboratorio STS.24 - Attività sanitaria semiresidenziale e residenziale Modelli HSP HSP.11 - Dati anagrafici delle strutture di ricovero HSP.12 - Posti letto per disciplina delle strutture di ricovero pubbliche ed equiparate HSP.13 - Posti letto per disciplina delle case di cura private HSP.14 - Apparecchiature tecnico biomediche di diagnosi e cura presenti nelle strutture di ricovero HSP.16 - Personale delle strutture di ricovero equiparate alle pubbliche e delle case di cura private HSP.22 bis Posti letto medi delle strutture di ricovero pubbliche ed equiparate HSP.23 - Attività delle case di cura private HSP.24 - Day hospital, nido, pronto soccorso, sale operatorie, ospedalizzazione domiciliare e nati immaturi Modelli RIA RIA.11 - Istituti o centri di riabilitazione ex art. 26 L. 833/78 VI

8 TABELLA DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE OSPEDALIERE VII

9 SPECIALITA' CLINICHE E DISCIPLINE - ELENCO ORDINATO PER CODICE Codice Disciplina Codice Disciplina 01 ALLERGOLOGIA 41 MEDICINA TERMALE 02 DAY HOSPITAL 42 TOSSICOLOGIA 03 ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA 43 UROLOGIA 05 ANGIOLOGIA 46 GRANDI USTIONI PEDIATRICHE 06 CARDIOCHIRURGIA PEDIATRICA 47 GRANDI USTIONI 07 CARDIOCHIRURGIA 48 NEFROLOGIA (ABILITAZIONE TRAPIANTO RENE) 08 CARDIOLOGIA 49 TERAPIA INTENSIVA 09 CHIRURGIA GENERALE 50 UNITÀ CORONARICA 10 CHIRURGIA MAXILLO FACCIALE 51 ASTANTERIA 11 CHIRURGIA PEDIATRICA 52 DERMATOLOGIA 12 CHIRURGIA PLASTICA 54 EMODIALISI 13 CHIRURGIA TORACICA 55 FARMACOLOGIA CLINICA 14 CHIRURGIA VASCOLARE 56 RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE 15 MEDICINA SPORTIVA 57 FISIOPATOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE UMANA 18 EMATOLOGIA 58 GASTROENTEROLOGIA 19 MALATTIE ENDOCRINE,DEL RICAMBIO E DELLA NUTRIZIONE 60 LUNGODEGENTI 20 IMMUNOLOGIA 61 MEDICINA NUCLEARE 21 GERIATRIA 62 NEONATOLOGIA 22 RESIDUALE MANICOMIALE 64 ONCOLOGIA 24 MALATTIE INFETTIVE E TROPICALI 65 ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA 25 MEDICINA DEL LAVORO 66 ONCOEMATOLOGIA 26 MEDICINA GENERALE 67 PENSIONANTI 27 MEDICINA LEGALE 68 PNEUMOLOGIA 28 UNITÀ SPINALE 69 RADIOLOGIA 29 NEFROLOGIA 70 RADIOTERAPIA 30 NEUROCHIRURGIA 71 REUMATOLOGIA 31 NIDO 73 TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 32 NEUROLOGIA 74 RADIOTERAPIA ONCOLOGICA 33 NEUROPSICHIATRIA INFANTILE 75 NEURO-RIABILITAZIONE 34 OCULISTICA 76 NEUROCHIRURGIA PEDIATRICA 35 ODONTOIATRIA E STOMATOLOGIA 77 NEFROLOGIA PEDIATRICA 36 ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA 78 UROLOGIA PEDIATRICA 37 OSTETRICIA E GINECOLOGIA 97 DETENUTI 38 OTORINOLARINGOIATRIA 98 DAY SURGERY 39 PEDIATRIA 99 CURE PALLIATIVE/HOSPICE 40 PSICHIATRIA VIII

10 SPECIALITA' CLINICHE E DISCIPLINE - ELENCO ORDINATO PER DISCIPLINA Codice Disciplina Codice Disciplina 01 ALLERGOLOGIA 77 NEFROLOGIA PEDIATRICA 03 ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA 29 NEFROLOGIA 05 ANGIOLOGIA 48 NEFROLOGIA (ABILITAZIONE TRAPIANTO RENE) 51 ASTANTERIA 62 NEONATOLOGIA 06 CARDIOCHIRURGIA PEDIATRICA 76 NEUROCHIRURGIA PEDIATRICA 07 CARDIOCHIRURGIA 30 NEUROCHIRURGIA 08 CARDIOLOGIA 32 NEUROLOGIA 09 CHIRURGIA GENERALE 33 NEUROPSICHIATRIA INFANTILE 10 CHIRURGIA MAXILLO FACCIALE 75 NEURO-RIABILITAZIONE 11 CHIRURGIA PEDIATRICA 31 NIDO 12 CHIRURGIA PLASTICA 34 OCULISTICA 13 CHIRURGIA TORACICA 35 ODONTOIATRIA E STOMATOLOGIA 14 CHIRURGIA VASCOLARE 64 ONCOLOGIA 02 DAY HOSPITAL 65 ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA 98 DAY SURGERY 66 ONCOEMATOLOGIA 99 CURE PALLIATIVE/HOSPICE 36 ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA 52 DERMATOLOGIA 37 OSTETRICIA E GINECOLOGIA 97 DETENUTI 38 OTORINOLARINGOIATRIA 18 EMATOLOGIA 39 PEDIATRIA 54 EMODIALISI 67 PENSIONANTI 55 FARMACOLOGIA CLINICA 68 PNEUMOLOGIA 57 FISIOPATOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE UMANA 40 PSICHIATRIA 58 GASTROENTEROLOGIA 69 RADIOLOGIA 21 GERIATRIA 70 RADIOTERAPIA 46 GRANDI USTIONI PEDIATRICHE 74 RADIOTERAPIA ONCOLOGICA 47 GRANDI USTIONI 56 RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE 20 IMMUNOLOGIA 22 RESIDUALE MANICOMIALE 60 LUNGODEGENTI 71 REUMATOLOGIA 19 MALATTIE ENDOCRINE,DEL RICAMBIO E DELLA NUTRIZIONE 49 TERAPIA INTENSIVA 24 MALATTIE INFETTIVE E TROPICALI 73 TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 25 MEDICINA DEL LAVORO 42 TOSSICOLOGIA 26 MEDICINA GENERALE 50 UNITÀ CORONARICA 27 MEDICINA LEGALE 28 UNITÀ SPINALE 61 MEDICINA NUCLEARE 43 UROLOGIA 15 MEDICINA SPORTIVA 78 UROLOGIA PEDIATRICA 41 MEDICINA TERMALE IX

11

12 NUMERO DI STRUTTURE PER TIPOLOGIA DI ASSISTENZA EROGATA La tavola mostra la distribuzione delle strutture per tipologia di assistenza erogata (ospedaliera, specialistica ambulatoriale 1, territoriale residenziale, territoriale semiresidenziale, altra assistenza territoriale 2 e riabilitativa ex. art. 26) e per natura (pubblica e privata accreditata). Le strutture censite risultano pari a: per l assistenza ospedaliera, per l assistenza specialistica ambulatoriale, per l assistenza territoriale residenziale, per l assistenza territoriale semiresidenziale, per l altra assistenza territoriale e 971 per l assistenza riabilitativa (ex. art. 26). Per quanto riguarda la natura delle strutture, sono in maggioranza pubbliche le strutture che erogano assistenza ospedaliera (54,4%) e le strutture che erogano altra assistenza territoriale (88,3%). Sono in maggioranza private accreditate le strutture che erogano assistenza riabilitativa ex art.26 (75,3%) e le strutture che erogano assistenza territoriale residenziale (75,4%). Numero di strutture per tipologia di assistenza erogata - anno 2010 Natura delle strutture Assistenza Private Pubbliche % accreditate Assistenza Ospedaliera ,4% ,6% Assistenza Specialistica Ambulatoriale ,0% ,0% Assistenza Territoriale Residenziale ,6% ,4% Assistenza Territoriale Semiresidenziale ,2% ,8% Altra Assistenza Territoriale ,3% ,7% Assistenza Riabilitativa (ex art. 26) ,7% ,3% 971 TOTALE ,4% ,6% % Totale 1 Si riferisce alle attività di assistenza specialistica (clinica, laboratorio, diagnostica strumentale e per immagini) erogate da Ambulatori e Laboratori. 2 Si riferisce alle attività di assistenza di tipo territoriale erogate da Centri dialisi ad assistenza limitata, Stabilimenti idrotermali, Centri di salute mentale, Consultori maternoinfantili e Centri distrettuali.

13 L analisi dei trend del numero di strutture nel periodo tra l anno 2007 e l anno 2010 evidenzia una sostanziale stabilità per quanto riguarda l assistenza ospedaliera (si registra una leggera contrazione, -1,1%, del numero di strutture pubbliche). Per l assistenza specialistica ambulatoriale Ambulatorio Laboratorio, si assiste ad una riduzione dello 0,5% delle strutture pubbliche e ad una lieve riduzione dello 0,7% per quelle private accreditate. Significativi incrementi, soprattutto per il privato accreditato, sono evidenziati dai trend dell assistenza territoriale semiresidenziale (+0,2% per il pubblico, +8,4% per il privato accreditato) dell assistenza territoriale residenziale (+2,9% per il pubblico, +7,7% per il privato accreditato), e dell assistenza riabilitativa ex art.26 (+7,2% per il pubblico, +0,6% per il privato accreditato). Infine per l assistenza erogata da altre strutture territoriali, a fronte di un aumento del 1,6% delle strutture pubbliche, si rileva un aumento del 2,4% delle strutture private accreditate. ASSISTENZA OSPEDALIERA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE ALTRA ASSISTENZA TERRITORIALE Strutture pubbliche Strutture private accreditate Strutture pubbliche Strutture private accreditate Strutture pubbliche Strutture private accreditate ASSISTENZA TERRITORIALE SEMIRESIDENZIALE ASSISTENZA TERRITORIALE RESIDENZIALE ASSISTENZA RIABILITATIVA ex art Strutture pubbliche Strutture private accreditate Strutture pubbliche Strutture private accreditate Strutture pubbliche Strutture private accreditate

14

15 ASSISTENZA SANITARIA DISTRETTUALE L assistenza distrettuale proponendosi di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del cittadino, si avvale in primis dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, convenzionati con il SSN. Essi, valutando il reale bisogno sanitario del cittadino, regolano l accesso agli altri servizi offerti dal SSN. Il contratto dei medici di medicina generale e di pediatria prevede, salvo eccezioni, che ciascun medico di medicina di base assista al massimo pazienti adulti (dai 13 anni in su) e ciascun pediatra 800 bambini (con età inferiore a 14 anni). Esistono comunque realtà territoriali in cui, per carenza di medici pediatri o per libera scelta dei genitori, è consentito che i bambini siano assistiti da medici di medicina generale. In media a livello nazionale ogni medico di base ha un carico potenziale di adulti residenti. A livello regionale esistono notevoli differenziazioni: per le Regioni del Nord, fatte salve alcune eccezioni, gli scostamenti dal valore medio nazionale sono positivi. In particolare si evidenzia la Provincia Autonoma di Bolzano con residenti adulti per medico di base: va però tenuto presente che in detta Provincia Autonoma il contratto di convenzione con il SSN dei medici di base stabilisce quale massimale di scelte assistiti. Nel Lazio si registra il valore minimo di residenti adulti per medico di medicina generale; nelle Regioni del Sud si registrano lievi oscillazioni attorno al valore nazionale. Il carico medio potenziale per pediatra è a livello nazionale di bambini, con una variabilità territoriale anche più elevata rispetto a quella registrata per i medici di medicina generale. Tutte le Regioni comunque sono caratterizzate da una forte carenza di pediatri in convenzione con il SSN ad eccezione dell Abruzzo, Sardegna e Sicilia che presentano un numero di bambini per pediatra di poco superiore al massimale stabilito nel contratto di convenzione. Nell esaminare lo scostamento del carico potenziale dal valore nazionale, spicca, anche in questo caso, il dato della Prov. Aut. di Bolzano con un valore pari al 31% (1.346 bambini per pediatra). Considerando le Regioni meridionali, il carico potenziale di bambini per pediatra è superiore al valore nazionale in Campania (9%) e Basilicata (14%). A fronte del carico potenziale dei medici di base (di medicina generale e pediatri), è possibile valutare il carico assistenziale effettivo, dato dal numero degli iscritti al SSN (coloro che hanno scelto presso la ASL di competenza il proprio medico di base) per ciascun medico. Nella maggior parte delle Regioni tale indicatore evidenzia che il numero di scelte per medico di medicina generale è maggiore o uguale alla popolazione adulta residente per medico di medicina generale, mentre il numero di scelte per pediatra è sempre inferiore al numero dei bambini residenti per pediatra. Complessivamente il numero totale delle scelte è prossimo al numero complessivo dei residenti. Da ciò si deduce dunque che per molti bambini è stata scelta l assistenza erogata dal medico di medicina generale anziché pediatrica.

16 Il servizio di guardia medica garantisce la continuità assistenziale per l intero arco della giornata e per tutti i giorni della settimana: esso si realizza assicurando interventi domiciliari e territoriali per le urgenze notturne festive e prefestive. L attività di guardia medica è organizzata nell ambito della programmazione regionale per rispondere alle diverse esigenze legate alle caratteristiche geomorfologiche e demografiche. Nel 2010 sono stati rilevati in Italia punti di guardia medica; con medici titolari ovvero 20 medici ogni abitanti. A livello territoriale si registra una realtà notevolmente diversificata sia per quanto riguarda la densità dei punti di guardia medica sia per quanto concerne il numero dei medici titolari per ogni abitanti. L assistenza farmaceutica convenzionata consiste nella fornitura di specialità medicinali e preparati galenici utili per la prevenzione o la cura delle malattie; essa rappresenta, nell ambito dei Servizi erogati dal SSN quella più suscettibile di variazione poiché è strettamente dipendente dalle disposizioni dettate dalle varie leggi finanziarie. In Italia nel 2010 sono state prescritte ricette con un importo di poco superiore ai 12 miliardi di euro, con un costo medio per ricetta di circa 21 euro. Il costo medio per ricetta risulta fortemente variabile all interno del territorio nazionale registrando il valore minimo in Umbria (16,27 euro) e quello massimo (24,02 euro) in Lombardia. L assistenza domiciliare integrata si esplica quando, per motivi di organizzazione sanitaria o per ragioni sociali, si ritenga necessaria un assistenza alternativa al ricovero. Infatti l assistenza domiciliare integrata (ADI) è svolta assicurando al domicilio del paziente le prestazioni: di medicina generale; di medicina specialistica; infermieristiche domiciliari e di riabilitazione; di aiuto domestico da parte dei familiari o del competente servizio delle aziende; di assistenza sociale. In generale le ipotesi di attivazione dell intervento si riferiscono a malati terminali, incidenti vascolari acuti, gravi fratture in anziani, forme psicotiche acute gravi, riabilitazione di vasculopatici, malattie acute temporaneamente invalidanti dell anziano e dimissioni protette da strutture ospedaliere. Nel corso del 2010 sono stati assistiti al proprio domicilio pazienti, di questi l 84,0% è rappresentato da assistibili di età maggiore o uguale a 65 anni e il 9,0% è rappresentato da pazienti terminali. Mediamente a ciascun paziente sono state dedicate circa 22 ore di assistenza erogata in gran parte da personale infermieristico (14 ore). Le ore dedicate a ciascun malato terminale risultano, invece, pari a 25. Le strutture sanitarie non ospedaliere sono strutture in cui si erogano prestazioni specialistiche come l attività clinica, di laboratorio e di diagnostica strumentale; strutture territoriali quali i centri di dialisi ad assistenza limitata, gli stabilimenti idrotermali, i centri di salute mentale, i consultori materno-infantile e i centri distrettuali; strutture semiresidenziali, ad esempio i centri diurni psichiatrici; strutture residenziali quali le residenze sanitarie assistenziali, le case protette ecc. Nel 2010 in totale sono stati censite strutture sanitarie di tipo ambulatorio/laboratorio: la percentuale di strutture pubbliche è molto variabile a livello regionale; in generale nelle Regioni Centro-meridionali si ha una prevalenza di strutture private accreditate. Una situazione opposta si registra per quanto riguarda le altre strutture territoriali nelle quali prevale la gestione diretta delle Aziende Sanitarie. Le strutture di tipo Ambulatorio/Laboratorio pubbliche erogano nella maggior parte dei casi assistenza clinica, mentre quelle private convenzionate erogano prestazioni di laboratorio.

17 Per quanto riguarda le altre strutture extraospedaliere, nel 2010 sono stati censite strutture residenziali, di tipo semiresidenziale, di altro tipo (come centri di salute mentale, consultori, stabilimenti idrotermali). Con riferimento alle strutture residenziali e semiresidenziali sono stati censiti posti, pari a 432 per abitanti. Di questi il 70,8% sono stati dedicati all assistenza agli anziani, il 12,5% all assistenza psichiatrica, il 16,2% all assistenza ai disabili psichici e fisici, lo 0,6% ai pazienti terminali; probabilmente questi dati sono sottostimati poiché in alcuni casi c è una sovrapposizione dei vari tipi di assistenza. Gli Istituti e Centri per il recupero e la riabilitazione funzionale svolgono la propria attività fornendo prestazioni diagnostiche e terapeuticoriabilitative. Tali prestazioni possono essere erogate in forma residenziale, semiresidenziale, ambulatoriale, extramurale e domiciliare. Nel 2010 sono state rilevate 971 strutture riabilitative con posti per l attività di tipo residenziale e per l attività di tipo semiresidenziale in complesso 46 ogni abitanti. Il numero di utenti totali assistiti in regime residenziale è superiore agli utenti assistiti in regime semiresidenziale (rispettivamente e utenti); tale rapporto cambia a seconda della tipologia di attività riabilitativa, in particolare la riabilitazione neuropsichiatrica infantile è svolta preferibilmente in strutture semiresidenziali. Nel 2010 le strutture riabilitative hanno impiegato unità di personale di cui il 10% costituito da medici ed il 43% da terapisti e logopedisti.

18 POPOLAZIONE PER CLASSI DI ETA' - DISTRIBUZIONE PERCENTUALE Regione 0-14 anni anni anni anni Oltre 74 anni Totale popolazione PIEMONTE 12,8 36,7 27,7 11,6 11, VALLE D`AOSTA 13,9 37,6 27,6 10,8 10, LOMBARDIA 14,1 38,9 26,9 10,6 9, PROV. AUTON. BOLZANO 16,6 40,6 25,0 9,5 8, PROV. AUTON. TRENTO 15,4 38,5 26,9 9,7 9, VENETO 14,2 38,9 27,0 10,3 9, FRIULI VENEZIA GIULIA 12,5 36,1 28,0 12,0 11, LIGURIA 11,4 33,7 28,1 13,0 13, EMILIA ROMAGNA 13,2 37,5 26,9 10,9 11, TOSCANA 12,6 36,7 27,4 11,4 11, UMBRIA 12,8 37,3 26,7 11,0 12, MARCHE 13,3 37,8 26,5 10,7 11, LAZIO 14,0 39,4 26,9 10,3 9, ABRUZZO 13,0 39,1 26,7 10,2 11, MOLISE 12,6 38,7 26,9 10,0 11, CAMPANIA 16,5 42,4 25,1 8,3 7, PUGLIA 14,9 40,9 25,9 9,4 8, BASILICATA 13,5 40,0 26,4 9,5 10, CALABRIA 14,4 41,0 25,9 9,2 9, SICILIA 15,3 40,8 25,5 9,2 9, SARDEGNA 12,3 40,3 28,2 10,1 8, ITALIA 14,1 39,1 26,7 10,3 10, Fonte ISTAT - Popolazione residente al 01/01/2010 ASS_DIS_01

19 CARATTERISTICHE ORGANIZZATIVE DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI Centro Distretti Unificato di Regione attivati Prenotazione (*) Dipartimento di Salute Mentale (*) Dipartimento di Prevenzione (*) Servizio Trasporto Centro Dialisi (*) Dipartimento Materno Infantile (*) Servizio Assistenza Domiciliare Integrata (*) PIEMONTE VALLE D`AOSTA LOMBARDIA PROV. AUTON. BOLZANO PROV. AUTON. TRENTO VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA Rilevate ASL Esistenti (*) N A.S.L. CON SERVIZI ATTIVI ASS_DIS_02

20 DISTRIBUZIONE DEI MEDICI GENERICI PER ANZIANITA' DI LAUREA E ADULTI PER MEDICO GENERICO Regione Da 0 a 6 anni Da 6 a 13 anni Numero Medici Generici per anzianità di laurea Da 13 a 20 anni Da 20 a 27 anni Oltre 27 anni Totale % Medici Generici Uomini Adulti Residenti per Medico Generico PIEMONTE , VALLE D`AOSTA _ , LOMBARDIA _ , PROV. AUTON. BOLZANO , PROV. AUTON. TRENTO , VENETO _ , FRIULI VENEZIA GIULIA _ , LIGURIA _ , EMILIA ROMAGNA , TOSCANA _ , UMBRIA , MARCHE , LAZIO _ , ABRUZZO _ , MOLISE , CAMPANIA , PUGLIA , BASILICATA _ , CALABRIA , SICILIA , SARDEGNA _ , ITALIA , ASS_DIS_MED_01

21 DISTRIBUZIONE DEI MEDICI GENERICI PER CLASSI DI SCELTE E NUMERO SCELTE PER MEDICO GENERICO Medici Generici distinti per classi di scelte di cui Indennità Numero per attività in Regione Da 1 a 50 Da 51 a 500 Da 501 a 1000 Da 1001 a 1500 Oltre 1500 Totale scelte forma associativa per N % N % N % N % N % N % N % PIEMONTE 21 0, , , , , , , VALLE D`AOSTA 1 1,1 7 7,8 9 10, , , , , LOMBARDIA 45 0, , , , , , , PROV. AUTON. BOLZANO _ 0,0 22 8,1 26 9, , , , , PROV. AUTON. TRENTO 10 2, , , , , , , VENETO 30 0, , , , , , , FRIULI VENEZIA GIULIA 5 0,5 86 8, , , , , , LIGURIA 13 1, , , , , , , EMILIA ROMAGNA 44 1, , , , , , , TOSCANA 88 3, , , , , , , UMBRIA 32 4, , , , , , , MARCHE 22 1, , , , , , , LAZIO 95 2, , , , , , , ABRUZZO 40 3, , , , , , , MOLISE _ 0,0 24 8, , , , , , CAMPANIA 37 0, , , , , , , PUGLIA 46 1, , , , , , , BASILICATA 15 2, , , ,4 37 7, , , CALABRIA 3 0,2 94 6, , , , , , SICILIA 147 3, , , , , , , SARDEGNA 12 0, , , , , , , ITALIA 706 1, , , , , , , medico ASS_DIS_MED_02

22 DISTRIBUZIONE DEI MEDICI PEDIATRI PER ANZIANITA' DI SPECIALIZZAZIONE E BAMBINI PER MEDICO PEDIATRA Regione Numero Medici Pediatri per anzianità di specializzazione Da 0 a 2 anni Da 2 a 9 anni Da 9 a 16 anni Da 16 a 23 anni Oltre 23 anni Totale % Medici Pediatri Uomini Bambini Residenti per Medico Pediatra PIEMONTE , VALLE D`AOSTA ,3 927 LOMBARDIA , PROV. AUTON. BOLZANO , PROV. AUTON. TRENTO ,3 942 VENETO , FRIULI VENEZIA GIULIA , LIGURIA , EMILIA ROMAGNA ,4 916 TOSCANA , UMBRIA ,5 948 MARCHE , LAZIO ,9 961 ABRUZZO ,1 902 MOLISE , CAMPANIA , PUGLIA ,0 965 BASILICATA , CALABRIA ,3 932 SICILIA ,8 874 SARDEGNA ,9 855 ITALIA , ASS_DIS_MED_03

23 DISTRIBUZIONE DEI MEDICI PEDIATRI PER CLASSI DI SCELTE E NUMERO SCELTE PER MEDICO PEDIATRA Medici Pediatri distinti per classi di scelte Di cui indennità Numero per attività in forma Regione Da 1 a 250 Da 251 a 800 Oltre 800 Totale associativa Scelte per N % N % N % N % N % Pediatra PIEMONTE 3 0, , , , ,6 931 VALLE D`AOSTA 1 5,6 4 22, , ,0 7 38,9 775 LOMBARDIA 13 1, , , , ,7 930 PROV. AUTON. BOLZANO 1 1, , , , , PROV. AUTON. TRENTO 3 3, , , , ,3 837 VENETO 1 0, , , , ,1 987 FRIULI VENEZIA GIULIA 17 13, , , ,0 943 LIGURIA 3 1, , , , ,3 886 EMILIA ROMAGNA 15 2, , , , ,0 823 TOSCANA 10 2, , , , ,9 867 UMBRIA 2 1, , , , ,0 813 MARCHE 6 3, , , , ,8 867 LAZIO 3 0, , , , ,8 815 ABRUZZO 2 1, , , , ,1 806 MOLISE 13 35, , , ,4 830 CAMPANIA 11 1, , , , ,5 918 PUGLIA 5 0, , , , ,5 814 BASILICATA 24 38, , , ,5 840 CALABRIA 5 1, , , , ,9 793 SICILIA 22 2, , , , ,8 764 SARDEGNA 7 3, , , , ,5 737 ITALIA 113 1, , , , ,7 864 ASS_DIS_MED_04

24 ATTIVITA' DI GUARDIA MEDICA Regione Punti di Guardia Medica Numero Medici Titolari per abitanti Ricoveri prescritti Ore Totali per abitanti Visite effettuate per abitanti PIEMONTE VALLE D`AOSTA LOMBARDIA PROV. AUTON. BOLZANO PROV. AUTON. TRENTO VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA ASS_DIS_GUA_01

25 INDICATORI DI ATTIVITA' DI ASSISTENZA FARMACEUTICA CONVENZIONATA Anno 2010 Codice Regione Regione Numero Ricette per Specialità Medicinali e Galenici Numero per residente Importo in Euro Costo in Euro per Ricetta PIEMONTE , ,87 VALLE D`AOSTA , ,77 LOMBARDIA , ,02 PROV. AUTON. BOLZANO , ,15 PROV. AUTON. TRENTO , ,92 VENETO , ,16 FRIULI VENEZIA GIULIA , ,19 LIGURIA , ,22 EMILIA ROMAGNA , ,42 TOSCANA , ,76 UMBRIA , ,27 MARCHE , ,48 LAZIO , ,32 ABRUZZO , ,66 MOLISE , ,03 CAMPANIA , ,34 PUGLIA , ,04 BASILICATA , ,08 CALABRIA , ,33 SICILIA , ,04 SARDEGNA , ,70 ITALIA , ,51 ASS_DIS_FAR_01

26 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CASI TRATTATI Regione Numero x abitanti di cui Anziani (%) Casi trattati Anziani per residenti anziani (età > 65) di cui Pazienti Terminali (%) Pazienti Terminali per residenti PIEMONTE ,1 21,6 15,2 1,0 VALLE D`AOSTA ,4 4,3 31,3 0,5 LOMBARDIA ,9 42,7 7,9 0,8 PROV. AUTON. BOLZANO ,8 4,2 40,9 0,6 PROV. AUTON. TRENTO ,0 35,7 18,5 1,8 VENETO ,0 55,5 8,2 1,1 FRIULI VENEZIA GIULIA ,2 67,8 3,5 0,6 LIGURIA ,7 34,6 6,1 0,6 EMILIA ROMAGNA ,7 116,0 1,3 0,4 TOSCANA ,0 23,1 17,7 1,3 UMBRIA ,5 76,7 8,1 1,6 MARCHE ,0 35,3 12,9 1,3 LAZIO ,2 46,3 8,2 0,9 ABRUZZO ,8 49,1 9,8 1,3 MOLISE ,0 33,0 15,5 1,4 CAMPANIA ,9 21,2 17,5 0,8 PUGLIA ,2 18,0 17,3 0,7 BASILICATA ,5 50,3 14,0 1,7 CALABRIA ,8 28,2 13,2 0,8 SICILIA ,1 15,1 20,9 0,8 SARDEGNA ,0 25,2 16,4 1,1 ITALIA ,0 41,1 9,0 0,9 PERCENTUALE DI RILEVAZIONE : 100,00% SUL TOTALE DELLE ASL CHE HANNO DICHIARATO DI AVERE IL SERVIZIO ATTIVO ASS_DIS_DOM_01 (*) Valore inferiore a 0,05

27 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ORE E ACCESSI Assistenza per Caso trattato Tutti i casi trattati Regione Terapisti della Riabilitazione Infermieri Altri Operatori Medici Ore per caso Accessi per caso Ore per caso Accessi per caso Ore per caso Accessi per caso Accessi per caso Totale ore per caso Totale ore per caso anziano Totale ore per paziente terminale PIEMONTE VALLE D`AOSTA LOMBARDIA PROV. AUTON. BOLZANO 10 _ PROV. AUTON. TRENTO VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA (*) LIGURIA EMILIA ROMAGNA (*) (*) TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO (*) (*) MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA PERCENTUALE DI RILEVAZIONE : 100,00% SUL TOTALE DELLE ASL CHE HANNO DICHIARATO DI AVERE IL SERVIZIO ATTIVO ASS_DIS_DOM_01 (*) Valore inferiore a 0,5

28 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ORE E ACCESSI Assistenza per Caso trattato Anziani Pazienti Terminali Regione Terapisti della Riabilitazione Infermieri Altri Operatori Medici Terapisti della Riabilitazione Infermieri Altri Operatori Medici Ore per caso Accessi per caso Ore per caso Accessi per caso Ore per caso Accessi per caso Accessi per caso Ore per caso Accessi per caso Ore per caso Accessi per caso Ore per caso Accessi per caso Accessi per caso PIEMONTE (*) (*) VALLE D`AOSTA LOMBARDIA PROV. AUTON. BOLZANO PROV. AUTON. TRENTO VENETO (*) (*) FRIULI VENEZIA GIULIA (*) (*) LIGURIA EMILIA ROMAGNA (*) (*) (*) (*) TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO (*) (*) (*) (*) 4 MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA (*) SICILIA SARDEGNA ITALIA PERCENTUALE DI RILEVAZIONE : 100,00% SUL TOTALE DELLE ASL CHE HANNO DICHIARATO DI AVERE IL SERVIZIO ATTIVO ASS_DIS_DOM_01 (*) Valore inferiore a 0,5

29 STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE ACCREDITATE PER TIPO STRUTTURA Regione Ambulatori e Laboratori Strutture pubbliche Altri Tipi di Strutture Territoriali Strutture Semiresidenziali Strutture Residenziali Ambulatori e Laboratori Strutture private accreditate Altri Tipi di Strutture Territoriali Strutture Semiresidenziali Strutture Residenziali PIEMONTE VALLE D`AOSTA LOMBARDIA PROV. AUTON. BOLZANO PROV. AUTON. TRENTO VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA AMBULATORI E LABORATORI : Strutture che erogano attività specialistiche (cliniche, di laboratorio e di diagnostica strumentale) ALTRI TIPI DI STRUTTURE TERRITORIALI : Centri dialisi ad assistenza limitata, Stabilimenti idrotermali, Centri di salute mentale, Consultori materno-infantile, Centri distrettuali e in generale strutture che svolgono attività di tipo territoriale STRUTTURE SEMIRESIDENZIALI : Centri diurni psichiatrici e in generale strutture che svolgono attività di tipo semiresidenziale STRUTTURE RESIDENZIALI : Residenze Sanitarie Assistenziali, Case protette e in generale strutture che svologono attività di tipo residenziale ASS_DIS_STS_01

30 AMBULATORI E LABORATORI - STRUTTURE PUBBLICHE PER TIPO ASSISTENZA Regione Ambulatori e laboratori x Tipo assistenza Totale di cui Extraospedalieri abitanti Clinica Diagnostica Laboratorio PIEMONTE , VALLE D`AOSTA 2 1 1, LOMBARDIA , PROV. AUTON. BOLZANO , PROV. AUTON. TRENTO , VENETO , FRIULI VENEZIA GIULIA , LIGURIA , EMILIA ROMAGNA , TOSCANA , UMBRIA , MARCHE , LAZIO , ABRUZZO , MOLISE , CAMPANIA , PUGLIA , BASILICATA , CALABRIA , SICILIA , SARDEGNA , ITALIA , ASS_DIS_STS_02

31 AMBULATORI E LABORATORI - STRUTTURE PRIVATE PER TIPO ASSISTENZA Regione Ambulatori e laboratori x Tipo assistenza Totale di cui Extraospedalieri abitanti Clinica Diagnostica Laboratorio PIEMONTE , VALLE D`AOSTA 3 3 2,3 3 1 LOMBARDIA , PROV. AUTON. BOLZANO , PROV. AUTON. TRENTO , VENETO , FRIULI VENEZIA GIULIA , LIGURIA , EMILIA ROMAGNA , TOSCANA , UMBRIA , MARCHE , LAZIO , ABRUZZO , MOLISE , CAMPANIA , PUGLIA , BASILICATA , CALABRIA , SICILIA , SARDEGNA , ITALIA , ASS_DIS_STS_03

32 AMBULATORI E LABORATORI - STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE TITOLARI DEL RAPPORTO Regione Singolo medico Società Casa di cura Altro Totale PIEMONTE VALLE D`AOSTA LOMBARDIA PROV. AUTON. BOLZANO PROV. AUTON. TRENTO VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA ASS_DIS_STS_04

33 ATTIVITA' CLINICA, DI LABORATORIO, DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E DIAGNOSTICA STRUMENTALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE ACCREDITATE PRESTAZIONI EROGATE PER BRANCA SPECIALISTICA Regione ANESTESIA CARDIOLOGI A CHIRURGIA GENERALE CHIRURGIA PLASTICA CHIRURGIA VASCOLARE - ANGIOLOGIA DERMOSIFIL OPATIA DIAGNOSTIC A PER IMMAGINI - MEDICINA NUCLEARE DIAGNOSTIC A PER IMMAGINI - RADIOL. DIAGNOSTIC A ENDOCRINOL OGIA GASTROENTE ROLOGIA - CHIR. ED ENDOSCOP. DIGEST. LAB. ANALISI CHIMICO CLINICHE E MICROBIOL. ETC. MED. FISICA E RIABILIT. - RECUPERO E RIAB. ETC. NEFROLOGIA 010PIEMONTE VALLE D`AOSTA LOMBARDIA PROV. AUTON. BOLZANO PROV. AUTON. TRENTO VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA ASS_DIS_STS_07

34 ATTIVITA' CLINICA, DI LABORATORIO, DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E DIAGNOSTICA STRUMENTALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE ACCREDITATE PRESTAZIONI EROGATE PER BRANCA SPECIALISTICA Regione NEUROCHI RURGIA NEUROLO GIA OCULISTIC A ODONTOST OMATOLO GIA - CHIR. MAXILLO FACCIALE ONCOLOGI A ORTOPEDI A E TRAUMAT OLOGIA OSTETRICI A E GINECOLO GIA OTORINOL ARINGOIA TRIA PNEUMOL OGIA PSICHIATR IA Radioterap. UROLOGIA ALTRO PIEMONTE VALLE D`AOSTA LOMBARDIA PROV. AUTON. BOLZANO PROV. AUTON. TRENTO VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA ASS_DIS_STS_08

35 DISTRIBUZIONE DEL NUMERO DI STRUTTURE AMBULATORIALI PER NUMERO DI PRESTAZIONI E DI BRANCHE La tavola mostra la distribuzione delle strutture Ambulatorio Laboratorio 1 che erogano prestazioni ambulatoriali, in funzione del volume annuo di prestazioni ambulatoriali erogate per pazienti esterni e del numero di branche di specialistica ambulatoriale attivate 2. Distribuzione strutture che erogano prestazioni ambulatoriali Numero strutture Numero prestazioni ambulatoriali per esterni (in migliaia) >= > , , Numero branche 1 Strutture Ambulatorio Laboratorio : strutture che erogano attività di assistenza specialistica (clinica, laboratorio, diagnostica strumentale e per immagini). 2 L analisi è stata condotta su tutte le strutture pubbliche o private accreditate, interne o esterne a struttura di ricovero, che erogano prestazioni ambulatoriali per pazienti esterni ad esclusione di quelle afferenti alla branca Lab. analisi chimico cliniche e microbiologiche_microbiologia_virologia_anatomia e Istologia patologica_genetica_immunoematologia e s. trasf..

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2011

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2011 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) MAGGIO 2014 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE A.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013.

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Anno 2011 2012 2013 104 ULSS 4 Alto Vicentino 105 ULSS 5 Arzignano 106 ULSS 6 Vicenza Acuti

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2006.

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2006. Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2006. 103 - BASSANO DEL 104 - THIENE GRAPPA 105 - ARZIGNANO 106 - VICENZA POPOLAZIONE RESIDENTE Popolazione Infantile (0-13 anni) 25.300 25.848

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

Note metodologiche. Avvertenze

Note metodologiche. Avvertenze Note metodologiche Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005)

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Allegato 1 Funzione operativa (art.2, comma1, lett l l.r. 40/2005) Struttura organizzativa professionale (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Dipartimento interaziendale di Area Vasta Allergologia ed immunologia

Dettagli

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2009

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2009 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) GENNAIO 2012 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE U.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE

Dettagli

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B ALLEGATO 1 TABELLE 1. Tipologie di presidi B1.a TIPOLOGIA PRESIDIO Presidi ambulatoriali: prestazioni di specialistica e diagnostica - classe 1 (extraospedaliero) B1.b Presidi ambulatoriali: prestazioni

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

Allergologia Day Hospital Angiologia

Allergologia Day Hospital Angiologia RIORDINO RETE POSTI LETTO NUOVA RETE 01 02 05 0 07 0 09 Allergologia Day Hospital Angiologia Cardiochirurgia Pediatrica Cardiochirurgia Cardiologia Generale maxillo-facciale 1.013 40 1 274 25 235 175 170

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

Annuario Statistico del Servizio Sanitario Nazionale

Annuario Statistico del Servizio Sanitario Nazionale Annuario Statistico del Servizio Sanitario Nazionale Assetto organizzativo, attività e fattori produttivi del SSN Anno 2013 Direzione Generale della Digitalizzazione del Sistema Informativo Sanitario e

Dettagli

Annuario Statistico del Servizio Sanitario Nazionale

Annuario Statistico del Servizio Sanitario Nazionale Annuario Statistico del Servizio Sanitario Nazionale Assetto organizzativo, attività e fattori produttivi del SSN Anno 2012 Direzione Generale della Digitalizzazione del Sistema Informativo Sanitario e

Dettagli

Autovalutazione dei requisiti autorizzativi note per la compilazione

Autovalutazione dei requisiti autorizzativi note per la compilazione Autovalutazione dei requisiti autorizzativi note per la compilazione Ad integrazione del manuale d uso Sistema informativo per le autorizzazioni e gli accreditamenti delle strutture sanitarie predisposto

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio ALLEGATO 2 1. Scheda Presidio Istruzioni per la compilazione Al punto 1.1 è riportato il fac simile della scheda; al punto 1.2 sono riportate le tabelle da utilizzare per la compilazione delle voci,,.

Dettagli

informa@pec.polime.it

informa@pec.polime.it Direzione Direttore Generale A.O.U. direttore.generale@pec.polime.it Segreteria Direzione Generale A.O.U. segr.direzionegenerale@pec.polime.it Direzione Staff Direzione Generale dir.staffdg@pec.polime.it

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALLEGATO 2 - Voto ottenuto negli esami fondamentali e caratterizzanti la singola scuola Punteggio massimo 5 punti. STUDENTI LAUREATI (DM 509/99 o DM 270/04) Ai fini dell attribuzione del punteggio, il

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO MINISTERIALE 31 gennaio 1998 MINISTERO DELLA SANITÀ Tabella relativa alle specializzazioni affini previste dalla disciplina concorsuale per il personale dirigenziale del Servizio sanitario nazionale.

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona TABELLA ALLEGATA Roma - Verona R O M A " S A P I E N Z A " Allergologia ed immunologia clinica 2 Anatomia patologica 4 Anestesia e rianimazione 35 Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini provenienti

Dettagli

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo di Trieste

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Genova - Napoli

TABELLA ALLEGATA. Genova - Napoli TABELLA ALLEGATA Genova - Napoli G E N O V A Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini Allergologia ed immunologia clinica 2 Anatomia patologica 2 Anestesia e rianimazione 15 Cardiologia 4 Chirurgia generale

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 Obiettivi Fornire informazioni attendibili su: lo stato della salute mentale in Sardegna I programmi di sviluppo previsti e

Dettagli

PROFESSIONI SANITARIE

PROFESSIONI SANITARIE PROFESSIONI SANITARIE Le Professioni Sanitarie e le Arti Ausiliarie riconosciute dal Ministero della Salute. Farmacista Medico chirurgo Odontoiatra Veterinario Altri riferimenti normativi: D. Lgs. 08.08.1991,

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze TABELLA ALLEGATA Ancona - Firenze A N C O N A Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini Allergologia ed Immunologia Clinica 1 Anestesia e rianimazione 10 Cardiologia 3 Chirurgia generale 2 Chirurgia plastica

Dettagli

ELEZIONI RSU 2015 ELENCO REPARTI PER SEGGIO ELETTORALE

ELEZIONI RSU 2015 ELENCO REPARTI PER SEGGIO ELETTORALE ELEZIONI RSU 2015 ELENCO REPARTI PER SEGGIO ELETTORALE SEGGIO 1 - Ospedale Borgo Trento - ATRIO PORTINERIA CENTRALE ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA BTR DAI CARDIOVASC.E TORAC.- PERS.ADD.SOST. DAI DI CHIRURGIA

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO Centralino tel 0342.521111 Ufficio Protocollo fax 0342.521024 Direzione Medica tel 0342.521030 fax 0342.521368 Ufficio Cartelle Cliniche tel 0342.521366 direzionemedica.so@aovv.it

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate AZIENDA OSPEDALIER A UNIVERSITA DI PADOVA ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate Preparato da Ref. GdL Dott.ssa C. Destro. Verificato da Direttore S.C. Qualità

Dettagli

DENOMINAZIONE CONVENZIONALE

DENOMINAZIONE CONVENZIONALE PROVINCIA PROPRIETÀ TIPOLOGIA CODICE STRUTTURA CODICE STABILIMENTO TIPOLOGIA OSPEDALIERA RUOLO NELLE RETI TEMPO-DIPENDENTI ICTUS TRAUMA CARDIO 01 02 05 0 Allergologia Day Hospital Angiologia BA PUBB AOU

Dettagli

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 L'art. 1, comma 796, punto p) della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) ha stabilito che Per le

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1697 del 05 giugno 2007 pag. 1/12

ALLEGATOA alla Dgr n. 1697 del 05 giugno 2007 pag. 1/12 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1697 del 05 giugno 2007 pag. 1/12 REGIONE VENETO - AZIENDA ULSS 5 ARZIGNANO AZIENDA ULSS 5 N p.l DIRETTIVE per Apicalità/U.O.A. Area AREA F.O. MEDICA:

Dettagli

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia ALLEGATO F Codice DA UTILIZZARE Professione 1 Medico chirurgo si 2 Odontoiatra si 3 Farmacista 4 Veterinario 5 Psicologo si 6 Biologo si 7 Chimico si 8 Fisico 9 Assistente sanitario 10 Dietista 11 Educatore

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario I ANNO - I SEMESTRE CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015 CHIMICA APPLICATA ALLE SCIENZE BIOMEDICHE FISICA INFORMATICA E STATISTICA BIOLOGIA E GENETICA 8 SCIENZE UMANE I ANNO- I SEMESTRE AMBITI DISCIPLINARI 6

Dettagli

Bilancio di Missione 2007 allegati

Bilancio di Missione 2007 allegati 1 Bilancio di Missione 2007 allegati Policlinico S.Orsola-Malpighi 2 3 indice 1 pag. 5 allegati Discipline cliniche trattate secondo le classi ICD9CM 2 pag. 10 Numero studenti per corso di laurea (medicina

Dettagli

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Allegato E Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Codice P R Allegato F Professione Codice Medico chirurgo 1 Odontoiatra 2 Farmacista 3 Veterinario 4 Psicologo 5 Biologo 6 Chimico 7 Fisico 8 Assistente

Dettagli

exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t

exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI SISTEMA DI GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DELLA DIRIGENZA MEDICO-VETERINARIA Quadro organizzativo gestionale Tab. A 1/5

Dettagli

Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016

Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016 Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016 ASST Bergamo Est 1 Ambito Valle Seriana Superiore e valle di Scalve OSPEDALE M.O. A. LOCATELLI DI PIARIO 2 STRUTTURA dell

Dettagli

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2008.

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2008. Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2008. 103 - BASSANO DEL 104 - THIENE GRAPPA 105 - ARZIGNANO 106 - VICENZA POPOLAZIONE RESIDENTE Popolazione Infantile (0-13 anni) 25.528 26.444

Dettagli

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2007.

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2007. Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2007. 103 - BASSANO DEL 104 - THIENE GRAPPA 105 - ARZIGNANO 106 - VICENZA POPOLAZIONE RESIDENTE Popolazione Infantile (0-13 anni) 25.470 26.104

Dettagli

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO TABELLE DEGLI ORDINAMENTI DEGLI STUDI TABELLA - A - CORSI DI DIPLOMA UNIVERSITARI E DI LAUREA

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO TABELLE DEGLI ORDINAMENTI DEGLI STUDI TABELLA - A - CORSI DI DIPLOMA UNIVERSITARI E DI LAUREA ALLEGATO AL REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO TABELLE DEGLI ORDINAMENTI DEGLI STUDI TABELLA - A - CORSI DI DIPLOMA UNIVERSITARI E DI LAUREA TABELLA I Facoltà di Architettura Diploma universitario in Disegno

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

(D.P.C.M ; D.M ) ANNO 2005

(D.P.C.M ; D.M ) ANNO 2005 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96) APRILE 2007 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE U.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE OSPEDALIERE

Dettagli

(D.P.C.M ; D.M ) ANNO 2006

(D.P.C.M ; D.M ) ANNO 2006 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96) GIUGNO 2008 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE U.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE OSPEDALIERE

Dettagli

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/162

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/162 0 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 07 del 0 dicembre 3 ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/ A-Area Medica 5 9 3 0 Cardiologia Gastroenterologia Geriatria Medicina Generale Nefrologia Neurologia

Dettagli

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006)

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006) AREA MEDICA E DELLE SPECIALITA' MEDICHE ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA DERMATOLOGIA E VENEROLOGIA EMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA SCUOLE EQUIPOLLENTI ALLERGOLOGIA REUMATOLOGIA ANGIOLOGIA

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Partita IVA no 0286642079 PIANO AZIENDALE DEI CENTRI DI RILEVAZIONE (allegato delibera n. del ) Legenda centri

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO - REGIONE SARDEGNA

SERVIZIO SANITARIO - REGIONE SARDEGNA 534 SERVIZIO SANITARIO - REGIONE SARDEGNA SERVIZIO SANITARIO - REGIONE SARDEGNA Azienda U.S.L. N 8 - Cagliari Servizio Sanitario - Regione Sardegna 1^1^ ^'AlM Azienda U.S.L. n. 8 - Cagliari - non deve

Dettagli

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006)

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006) AREA MEDICA E DELLE SPECIALITA' MEDICHE ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA DERMATOLOGIA E VENEROLOGIA EMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA SCUOLE EQUIPOLLENTI ALLERGOLOGIA REUMATOLOGIA ANGIOLOGIA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTI OSPEDALIERI

ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTI OSPEDALIERI Allegato alla deliberazione n. 908 del 30 ottobre 2008 ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTI OSPEDALIERI Direzione Medica di Ospedale Servizio di Farmacia Ospedaliera Strutture semplici Direzione Medica del Presidio

Dettagli

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto L Oss nell Sede di Fermo Antonino Longobardi Mariangela Cococcioni FERMO 20 GIUGNO 2012 L evoluzione del numero

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Padova - Reggio Calabria

TABELLA ALLEGATA. Padova - Reggio Calabria TABELLA ALLEGATA Padova - Reggio Calabria P A D O V A Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini Allergologia ed immunologia clinica 2 Anatomia patologica 3 Anestesia e rianimazione 16 Cardiochirurgia 2

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze STRUTTURA E ATTIVITÀ DEGLI ISTITUTI DI CURA. ANNO 2007 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Riduzione della durata delle scuole di specializzazione di area sanitaria La direttiva 93/16/CE, al fine di agevolare la libera circolazione dei medici, ha introdotto alcune disposizioni in materia di

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Ruolo e prospettive delle società scientifiche

Ruolo e prospettive delle società scientifiche Ruolo e prospettive delle società scientifiche Dott. Nino Basaglia PastPresidentSIMFER Gorgo al Monticano (TV), 18 settembre 2015 RUOLO E PROSPETTIVE DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE Motta di Livenza, 18 settembre

Dettagli

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax Iscrizione Generale Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome Via N CAP Comune Provincia Email Tel. Cell. Fax Desidero partecipare alle giornate del 25 26 27 28 Novembre 2014 Iscrizione ECM (L iscrizione è obbligatoria

Dettagli

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 UOC 26.01.00 Medicina Interna I 1 3 8 1 1 - - 4 9 UOC 26.02.00 Medicina Interna II 1 6 6 1 1 - - 7 7 UOC 58.01.00 Gastroenterologia 1 9 10

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI TABELLA RELATIVA ALLE PREVISTE DALLA DISCIPLINA CONCORSUALE PER IL PERSONALE DIRIGENZIALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - D.Lgs. 502/92 COSI' COME MODIFICATO DAL D.Lgs. 254/2000 (MINISTERO DELLA SALUTE

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Politecnica delle Marche 3 3 1 Modena Parma 2 Bari 2 1 Puglia 3 1 Foggia 3 Cagliari 1 2 Sardegna 3 4 Firenze 3 3 Pisa Siena 5 Genova 2 2 Torino 6 L'Aquila 2 2 Chieti

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA Bozza di discussione Settembre 2015 1 Direzione Generale Collegio Sindacale DIREZIONE GENERALE Collegio di Direzione Organismo Indipendente di Valutazione

Dettagli

RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014

RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014 RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014 DESTINATARI V ANNO 295 VI ANNO 316 FUORICORSO 501 TOTALE 1112 RISPOSTE V ANNO 100 VI ANNO E FC 217 TOTALE

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DEL SISTEMA INFORMATIVO UFFICIO DI DIREZIONE STATISTICA (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 19-3-88)

MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DEL SISTEMA INFORMATIVO UFFICIO DI DIREZIONE STATISTICA (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 19-3-88) (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 19-3-88) I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE U.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE OSPEDALIERE ASSISTENZA

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A 678 Ufficio Esami di Stato e Scuole di Specializzazione IL RETTORE VISTO il D.Lgs. n. 368 del 17/08/1999, pubblicato in G.U. n. 250 del 23/10/1999 di attuazione della direttiva n. 93/16/CEE in materia

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

118 Milano - Ospedali di competenza

118 Milano - Ospedali di competenza #CARDIOCHIRURGIA 118 Milano - Ospedali di competenza CARDIOLOGICO MILANO VIA PAREA CARLO #CENTRO USTIONI ADUL ORTOPEDICO GALEAZZI MILANO VIA GALEAZZI RICCARDO #CENTRO USTIONI BAMB #CHIRURGIA TORACICA #CHIRURGIA

Dettagli

TRA L'Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina, con sede in Torino, C.so. , n., cap., cod. fisc.., in

TRA L'Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina, con sede in Torino, C.so. , n., cap., cod. fisc.., in CONVENZIONE QUADRO TRA L'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO - SCUOLA DI MEDICINA, E L A.S.O. PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DA PARTE DEGLI ISCRITTI ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA SCUOLA

Dettagli

dott. VINCENZO LUCIANI

dott. VINCENZO LUCIANI FNOMCeO Federazione Nazionale Ordini Medici Chirurghi e Odontoiatri dott. VINCENZO LUCIANI Bozen Bolzano 17.09.10 FONTI NORMATIVE Decreto Legislativo n. 368 del 17 agosto 1999 (G.U. n. 250 del 23/10/99)

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

DIPARTIMENTO SOCIALE

DIPARTIMENTO SOCIALE DIPARTIMENTO SOCIALE DIREZIONE REGIONALE POLITICHE DELLA PREVENZIONE E DELL ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE SANITARIA Documento di valutazione della Stima del fabbisogno

Dettagli

IL PERSONALE DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

IL PERSONALE DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO 1 IL PERSONALE DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Direzione Generale del Sistema informativo e statistico sanitario Direzione Generale delle Professioni sanitarie e delle Risorse Umane del SSN Analisi statistica

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ. DECRETO MINISTERIALE 30 gennaio 1998

MINISTERO DELLA SANITÀ. DECRETO MINISTERIALE 30 gennaio 1998 MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO MINISTERIALE 30 gennaio 1998 Tabelle relative alle discipline equipollenti previste dalla normativa regolamentare per l accesso al secondo livello dirigenziale per il personale

Dettagli

PIANO LOCALE DELL AZIENDA U.S.L RIETI PROGRAMMA AUDIT CIVICO 2013-14

PIANO LOCALE DELL AZIENDA U.S.L RIETI PROGRAMMA AUDIT CIVICO 2013-14 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminillo, 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 PIANO LOCALE DELL AZIENDA U.S.L RIETI PROGRAMMA AUDIT CIVICO

Dettagli

Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto

Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto Dotazione di funzioni e posti letto strutture a gestione privata N.B. Nei totali non sono conteggiate

Dettagli

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA Allegato B Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA GENERALE Direttore Generale SC Legale SC Servizio Prevenzione Protezione dei Percorsi cardio respiratori dei

Dettagli

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Linee guida per il Controllo di gestione della ASL e delle Aziende Ospedaliere Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Presidi ospedalieri ASL PRESIDIO OSPEDALIERO AZIENDALE NTRO DI COSTO DENOMINAZIONE

Dettagli

Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia. Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma

Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia. Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma Distress emozionale Da un indagine effettuata dalla Societa Italiana di Psico - Oncologia (SIPO) su 1108 pazienti

Dettagli

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Pagina 1 di 5 Flussi Economici HelpDesk Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Ente: 200 905 SARDEGNA - AZIENDA OSPEDALIRO

Dettagli

Codice DA UTILIZZARE

Codice DA UTILIZZARE Codice DA UTILIZZARE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Codice DA UTILIZZARE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 29 30

Dettagli

Mediterraneo in Sanità

Mediterraneo in Sanità Forum 2012 Mediterraneo in Sanità SOSTENIBILITÀ E DIRITTO ALLA SALUTE SICUREZZA EQUITÀ APPROPRIATEZZA 6 7 8 giugno Palermo - Teatro Politeama Piazza Ruggero Settimo, 15 LA PIAZZA DELLA SALUTE Modalità

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

altre attività strutture sanitarie e studi professionali modello 5_13_01

altre attività strutture sanitarie e studi professionali modello 5_13_01 Apertura struttura sanitaria N. identificativo marca da bollo: (La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale a cura del soggetto interessato) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello

Dettagli

ASL Salerno - Piano Ospedaliero 2007-2009 Presidio Ospedaliero di Battipaglia

ASL Salerno - Piano Ospedaliero 2007-2009 Presidio Ospedaliero di Battipaglia ASL Salerno - Ospedaliero 2007-2009 Presidio Ospedaliero di Battipaglia Allegato A PL PL PL T MEDIINA HIRURGIA Medicina generale orientata all'urgenza e all'emergenza 14 97 2 201 16 15 3 18 Medicina d'urgenza

Dettagli

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Sono state presentate oggi dal ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Mariastella Gelmini e dal ministro

Dettagli