CURRICULUM VITAE E FORMATIVO PROFESSIONALE DEL DOTT. SERGIO SABBATANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURRICULUM VITAE E FORMATIVO PROFESSIONALE DEL DOTT. SERGIO SABBATANI"

Transcript

1 CURRICULUM VITAE E FORMATIVO PROFESSIONALE DEL DOTT. SERGIO SABBATANI Il dott. SERGIO SABBATANI è nato a Caltagirone (CT) il 15/6/1953. Ha conseguito la Maturità Scientifica nel 1972 e si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Bologna nel luglio 1978 (allegato). Ha conseguito nel 1981 la specialità in Oncologia nel 1984 la specialità in Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio e nel 1993 la Specialità in Malattie Infettive presso l Università di Modena. Dal 1979 al 1982 ha effettuato servizio di Guardia Medica presso l U.S.L. n.22 di S. Lazzaro (Bologna). Nel 1979 ha compiuto un tirocinio pratico ospedaliero in Oncologia e nel 1980 un secondo tirocinio pratico ospedaliero in Pneumologia. Negli anni ha ottenuto una borsa di studio dalla Lega Italiana Lotta ai Tumori. Nel 1982 ha ottenuto un incarico presso l Ospedale di Montecatone Bologna (divisione di Pneumologia-Tisiologia) per una supplenza di 6 mesi; a questo primo incarico nel novembre 1982, è seguito un altro incarico semestrale presso il Dispensario d Igiene anti tubercolare di Bologna come assistente tisiopneumologo. In questo periodo, ha effettuato alcune ricerche sull epidemiologia della Tubercolosi. Nel 1984, dopo avere effettuato due brevi esperienze, in qualità di supplente, la prima come Assistente Nefrologo (due mesi) presso la divisione di Nefrologia dell Ospedale Malpighi di Bologna la seconda come Assistente di Medicina generale (1 mese) presso la divisione di Medicina Generale di Bobbio (PC) ottenne un posto come Assistente Infettivologo presso la Divisione di Malattie Infettive dell Ospedale Maggiore di Bologna. Nel 1995 vinse il concorso per Aiuto di Malattie Infettive nell U.O. in cui prestava servizio ed in seguito fu inquadrato come Dirigente di I livello di Malattie Infettive (secondo la normativa vigente). Con il diffondersi dell epidemia AIDS si è impegnato sin dal 1985 a seguirne gli aspetti clinici immunologici e terapeutici nonché, epidemiologici. In questo ambito la sua precedente estrazione pneumologica gli ha consentito di approfondire gli aspetti clinici legati alla patologia di sortita in ambito polmonare; in particolare si è interessato agli aspetti diagnostici. Interessanti ed originali furono gli studi sull applicazione della tomografia computerizzata ad alta risoluzione nella diagnostica delle pneumopatie infettive di sortita in corso di AIDS. Nel giugno 1987 il Ministero degli Esteri (Dipartimento Cooperazione allo Sviluppo-Sanità) costituì una Tasck Force Nazionale per lo studio dell AIDS in alcuni Paesi Africani. Al Dott. SABBATANI fu affidata la consulenza per la Guinea Bissau. Nel febbraio 1988 si recò nuovamente in Guinea Bissau a nome dell Organizzazione Mondiale Sanità per approntare uno studio sul follw-up dei Retrovirus HIV1, HIV2, HTLV1. Sempre a nome dell OMS ritornò in Guinea Bissau nel Settembre 89. Nel corso del si è recato complessivamente 11 volte in breve missione in Guinea Bissau a nome del World Laboratory per studi inerenti le Correlazioni tra virologia e clinica dell AIDS nell Africa dell Ovest. Dal Maggio 1989 al 1993 fu collaboratore esterno dell ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA. A nome di questa istituzione ed in particolare del Laboratorio di Virologia si è recato 13 volte in Guinea Conakry per studi di ordine clinico (TB/AIDS)

2 e virologico (HIV1-2/SIV) ed fu inserito nel Comitato Nazionale di Lotta all AIDS della Guinea Conakry. Tutti gli studi intrapresi in Africa oltre ad avere la finalità di ricerca generale sulla virologia e la clinica dell AIDS hanno avuto come obiettivo pratico quello di acquisire conoscenza ed esperienza sulle varianti biologiche della malattia in quel Continente. Importanti sono questi Studi perché consentono, in relazione alle continue immigrazioni dall Africa nel nostro Paese, di conoscere aspetti biologici, clinici ed epidemiologici diversi che si potrebbero sommare a quelli caratteristici del nostro Paese accentuandone la gravità. Ha fatto parte nel 1991, in qualità di Responsabile di Unità Operativa, del Gruppo di Ricerca HTLV1/2 in Italia. Questo gruppo di studio ottenne un finanziamento per gli anni 1990 e 1991 (contratti I.S.S. n e ). Dal 1988 collabora con il Gruppo Italiano Cooperativo AIDS e Tumori (allegato n. 18). Dal 1988 collabora con il Dipartimento di Biologia e Genetica per le scienze Mediche per studi su HIV di tipo immunologico. Nel 1992 ha fatto parte in qualità di Principale copartecipante del sottoprogetto n. 3 del V progetto di ricerche sull AIDS. Il titolo del sottoprogetto era Tubercolosi ed infezione da HIV (fase 3). Rischio di tubercolosi in una coorte di soggetti con infezione da HIV: studio multicentrico prospettico. Dal 1991 collabora con il Laboratorio di Virologia (dipartimento Virus epatitici) dell Istituto Superiore Sanità per studi virologici in questo campo. Dal 1992 collabora con l Istituto Tumori di Napoli per ricerche di ordine virologico (HIV-1, HIV-2, HTVL1) ed epidemiologico. Nel 1993 è stato Capo Progetto per 4 mesi per conto del Ministero Affari Esteri Italiano in Burkina Faso presso il Centro di Lotta al Paludismo di Ougadougou. Questo progetto ha finalità di ricerca e sviluppa programmi di lotta alla malaria. Ha partecipato al VII Progetto di Ricerche AIDS 1995, n. 390 sottoprogetto Epidemiologia del titolo: Studio dell incidenza di sieroconversioni e valutazione del trend dell infezione da HIV nei tossicodipendenti di diverse città italiane: Un progetto sperimentale. Nel 1994 collaborò con l Osservatorio Epidemiologico Bolognese, in qualità di consulente, a studi sulla tossicodipendenza e malattie infettive correlate nella città di Bologna. Questa collaborazione ha consentito di analizzare la mortalità e la morbosità di una coorte di tossicodipendenti e gli aspetti organizzativi inerenti l ospedalizzazione ed i relativi costi. Fu allora effettuato uno studio con titolo: Valutazione del costo economico dell inserimento in comunità terapeutica di un gruppo di tossicodipendenti. A partire dal 1994 ha sviluppato studi relativi alla gestione economica dell Unità Operativa di Malattie Infettive in cui presta servizio. In particolare si è concentrato sul costo di ospedalizzazione e sul costo delle terapie anti-infettive praticate ai pazienti con patologia HIV. A comprova di questa attività di studio ed operativa sono le diverse pubblicazioni elencate e presentata a questo concorso. In collaborazione con l Istituto di Storia della Medicina dell Università di Bologna ha compiuto, dal 1996, ricerche relative alla storia delle infezioni (Colera, Malaria, Tifo, Difterite) nell area geografica Bolognese. In queste ricerche, a carattere clinico-epidemiologico, ha fatto largo uso di innovative tecniche di valutazione medicogeografico (Geographical Information System G.I.S.).

3 Gli studi e le ricerche compiute dal 1995 in poi, nell ambito epidemiologico e clinico, in relazione alle patologie infettive correlate alla tossicodipendenza hanno avuto l obbiettivo di focalizzare le modificazioni del rischio biologico corso da questa categoria di pazienti. Anche in questo caso nella sua produzione scientifica ha coniugato la sua esperienza di clinico infettivologo con l epidemiologia e la statistica medica con l obbiettivo precipuo di quantificare i costi (diretti ed inderetti) sostenuti sul piano sanitario. La sua produzione scientifica negli ultimi anni si è anche concentrata sulle problematiche gestionali delle patologie trattate nel reparto di degenza in cui opera, cogliendo il rapporto esistente tra territorio (inteso come area a rischio epidemiologico) e reparto clinico che si adatta sul piano organizzativo (Day Hospital, Ambulatorio, Assistenza Domiciliare) al mutare dell incidenza delle diverse patologie. Egli ha partecipato come auditore e come relatore a Congressi e Conferenze in Italia ed all Estero. La gran parte di queste Riunioni avevano come oggetto di studio l AIDS e le malattie Infettive. Negli ultimi anni ha partecipato a corsi di formazione sulla gestione ed il menagement dei reparti di Malattie Infettive. E da tre anni Responsabile del Progetto, nell Azienda USL città di Bologna ove lavora che valuta l efficienza (costi) delle terapie antibiotiche. Nel corso del 2000 ha partecipato a 2 corsi di formazione di tipo manageriale, il primo organizzato dall Associazione Medici Ospedalieri Infettivologi (A.M.O.I.): Progetto di Formazione Manageriale in Infettivologia (5 moduli); il II organizzato dall Università Bocconi di Milano a titolo: Scelte strategiche nelle aziende Sanitarie. Nel 2001 ha partecipato al Master tenuto dalla Regione Lombardia per la formazione di Dirigenti di II livello. Tale Master (I nel suo genere e conforme alla normativa nazionale per la formazione dei Direttori di U.O.) è articolato in 8 moduli di 3 giornate ciascuno. Egli ha discusso la sua tesi di finale il cui titolo era: Valutazione farmacoeconomica per la spesa in antibiotici ed antiretrovirali in una Unità Operativa di Malattie Infettive ottenendo il massimo dei voti. Nel Corso degli anni ha svolto studi sulle problematiche cliniche ed epidemiologiche (TB, epatite, malaria) sollevate dai processi migratori nel nostro paese producendo diverse pubblicazioni. Dal I giugno 2002 con l unificazione dell U.O. di Malattie Infettive dell Osp. Maggiore di Bologna con l Ist. Malattie Infettive del Policlinico S.Orsola di Bologna è entrato nello organico di questo reparto ed attualmente è il responsabile del Settore Medicina Territoriale che si occupa: della assistenza domiciliare per i malati di AIDS, dei controlli sanitari nella Casa Circondariale nelle comunità terapeutiche, svolgendo anche funzioni di consulente infettivologo per tutti gli altri reparti della città. La sua attività scientifica si è concretizzata in 152 estratti di Comunicazioni a Congresso, in 155 Pubblicazioni a stampa, di cui 21 a disposizione per ricerca bibliografica su INDEX MEDICUS, di 3 libri di cui è Autore e Coautore e di un libro di cui è curatore e principale autore. Bologna, Maggio 2005 Dott. Sergio Sabbatani

4 PUBLISHED PAPERS ELENCO PUBBLICAZIONI 1) Indagine retrospettiva dei valori CEA nelle Neoplasie del Colon Retto e Stomaco. Acta Oncologica Vol. 4 n. 2, ) Lo studio preoperatorio, radiologico (TAC - Tomografia) e scintigrafico mediastino polmonare, valutato in rapporto al riscontro chirurgico. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol. 1984, 55. 3) Tempo di sopravvivenza e CEA plasmatico in rapporto all istotipo ed al grading istologico nelle neoplasie polmonari. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1983, 54. 4) La Tubercolosi polmonare asintomatica rilievi ambulatoriali. La Clinica Vol. 38 n ) Comportamento dell antigene Carcino-embrionario (CEA) nei liquidi pleurici. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol. 1982, 53. 6) Valore diagnostico dell antigene carcinomo-embrionario (CEA) nei versamenti pleurici a citologia non significativa. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1983, 54. 7) Comportamento dell antigene carcino embrionario nel cancro mammario. Considerazioni biologiche e clinico statistiche: dati preliminari. La Clinica, Vol. 38, n ) Comportamento dell antigene carcino-embrionario (CEA) nelle secrezioni bronchiali. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1982, 53. 9) Sul valore prognostico del CEA plasmatico in pazienti portatori di neoplasie polmonari: dati preliminari. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1983, ) Apporto delle indagini immunologiche e di localizzazione con Radionuclidi alla diagnostica ed al follow-up oncologico. La Clinica, vol. 37, n ) Etiopatogenesi e clinica del mesotelioma pleurico: Contributo casistico. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1984, 55.

5 12) A proposito del valore del dosaggio CEA nelle neoplasie polmonari primitive indagate con Gallio 67. Romagna Medica Boll. della Soc. Medico-Chirurgica della Romagna. Vo. XXXIII, Anno ) Associazione istotipica nel cancro polmonare. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1983, ) Carcinoma bronchiolo alveolare: Considerazioni clinico radiologiche. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1982, 53, ) Contributo allo studio del metabolismo dell insulina in pazienti epatopatici cronici. Boll. Scienze Mediche, Anno CLIV. Fasc ) Studio della variazione della concentrazione plasmatica del peptidee C in corso d infusione venosa di glucosio in pazienti cirrotici. "Gli ospedali della Vita" Anno XI, n. 1/ ) Modificazione del CEA plasmatico nel follow-up post-operatorio: nota preliminare su 28 pazienti portatori di neoplasia polmonare. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1983, ) Correlazione tra TPA sierico, istotipo e grado di deviazione cellulare nel tumore polmonare. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1983, ) Studio correlativo tra TPA e CEA negli adenocarcinomi del colon retto. Rivista di Oncologia. N. 3, , ) Potenzialità diagnostica combinata del dosaggio del TPA e del CEA in neoplasie di diversi distretti: dati preliminari in 55 casi. La Clinica vo. 39. N. 1-2, ) Valutazione del dosaggio Ria di CEA e G. I. C. A. in portatori di Neoplasia dell apparato digerente. Chirurgia Oggi 1, , ) Livelli di Antigene Carcinomo-Embrionario (CEA) nelle secrezioni bronchiali in rapporto al contenuto proteico e glicoproteico in soggetti portatori di neoplasie polmonari e broncopneumopatie benigne. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1983, ) Il TPA nei tumori ossei. La Clinica Vol. 39. n ) Il dosaggio dell Antigene Carcino-Embrionario nei versamenti pleurici. Atti del IV Corso di Clinica Oncologica Bologna 3-6 maggio 1983.

6 25) Confronto tra TPA e CEA nella diagnostica delle neoplasie polmonari. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1983, ) Confronto fra TPA e CEA nel Liquido pleurico. Risultati preliminari. Riv. Pat. Clin. Tubercol. e Pneumol., 1984, ) Caratterizzazione immunologica di un gruppo di pazienti portatori di patologia neoplastica e non neoplastica polmonare. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1984, ) Valutazione dei dosaggi RIA di CEA e GICA in portatori di neoplasie dell apparato digerente. Il Policlinico, Sez. Chirurgica vo. 91, n. 5, Ottobre ) Il dosaggio dell antigene Carcino-Embrionario (CEA) plasmatico nelle pneumopatie neoplastiche e non neoplastiche. Acta Oncologica Vo. 4 n. 3/83. 30) Il dosaggio dell antigene Carcino-Embrionario (CEA) nella diagnostica differenziale dei versamenti pleurici. Acta Oncologica vo. 4 n. 4/83. 31) Indagine retrospettiva sulla casistica degli interventi svolti dal servizio di Guardia Medica della USL 22 nel periodo Gli Ospedali della vita pag Maggio ) Risultanza di alcune prime sperimentazioni sul TPA nel tumore del Polmone. Simposio: il TPA e gli altri markers tumorali. Basi biologiche e rilevanza clinica pag. 38, Bologna, ) A Possible Suppression effect of Tumour Markers in Lung Tumours. The Journal of Nuclear Medicine and Allied Sciences pag. 72, vo. 29, n. 1-2, ) CEA and TPA in Lung Cancer Follow-up. The Journal of Nuclear Medicine and Allied Sciences pag. 73 vo. 29 n. 1-2, ) Correlazione tra parametri immunologici e markers tumorali nelle neoplasie polmonari. Dati preliminari. Acta Oncologica vo. 5 n. 1, ) Partecipazione con 4 lavori alla Monografia: Markers tumorali, Ria 83. Biodata. Firenze Maggio 1983.

7 37) Combination of tissue Polypeptide Antigen (TPA) and Carcino Embryonaire Antigen (CEA) in different types of Cancer. Nuclear Medicine Communications 6, (1985). 38) Gli indicatori tumorali delle neoplasie polmonari (Quaderni di Ligand Quarterly, pag ). Atti del Corso: Gli indicatori umorali delle neoplasie. Bologna ) La diagnosi delle pleuriti neoplastiche: significato del CEA e del TPA. Relazione tenute al Congresso Italiano di Oncologia di Bologna Dicembre 1985, pag ) Correlazioni tra alcuni parametri immunologici e Markers Tumorali (CEA e TPA) nelle neoplasie polmonari. Lotta contro le tubercolosi e malattie polmonari sociali 1985 n. 55 pagg ) Correlazione tra Marakers tumorali (CEA e TPA), stadiazione grading istologico ed immunità cellulo-mediata nel cancro bronchiale: utilità prognostica. XI Congresso Nazionale di Oncologia. Tumori del Rene. I Markers tumorali, Bologna 1985, pag ) I markers tumorali (CEA e TPA) nell evoluzione delle neoplasie polmonari (Lotta contro la Tubercolosi e le malattie polmonari sociali) anno LV, n. 3, ) USE of TPA in hepatology of infectious nature. Initial observations. Nuclear Medicine Communications 7, (1986). 44) Valutazione del Tissue Polypeptide Antigen (TPA) nelle epatite croniche attive e nelle epatiti croniche persistenti, pag , del volume: Le metastasi. Atti del Congresso Italiano di Oncologia. Reggio Emilia ) Valutazione del Tissue Polyupeptide Antigen (TPA) e dell AFP nelle epatiti virali acute, pag del volume le metastasi: Atti del Congresso Italiano di Oncologia Reggio Emilia ) Correlazioni tra markers tumorali (CEA e TPA), stadiazione, grading istologico e immunità cellulo-mediata nel carcinoma bronchiale: utilità prognostica, pag. 299 del volume i markers tumorali. Relazione tenuta al Seminario monotematico: I markers dei tumori dell apparato respiratorio, Bologna ) La diagnosi delle pleuriti neoplastiche: significato del CEA pg Nel volume i Markers tumorali, Bologna 1985.

8 48) Immunocomplessi e fattori bloccanti la Blastizzazione con mitogeni aspecifici nelle Neoplasie Polmonari. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., 1986, 57, ) Aspetti del Comportamento dei T linfociti nelle pneumopatie neoplastiche e flogistiche. Acta Oncologica pag gennaio-marzo ) Protocollo terapeutico della Polmonite da pneumocystis carinii in corso di AIDS. Relazione tenuta al XV Congresso Naz. della Società Italiana di Chemioterapia, pag. 197). Pesaro-Urbino 9-13/5/ ) Antibioticoterapia della Polmonite da Legionella Pneumophila (Pesaro. Relazione tenuta al XV Congresso Naz. della Società Italiana di Chemioterapia pag. 231). Pesaro-Urbino, giugno ) Descrizione di tre casi di Pneumopatia da P. Carinii in corso di AIDS. Riv. di Patologia Clin. Tuberc. e Pneumol. 1987, 58, ) Prime osservazioni sull utilizzo del TPA nelle epatiti croniche (Relazione tenuta al convegno Regionale su Epatiti Croniche, Ravenna 9/XI/1985 pag ), Giornale Malattie Infettive e Parassitarie. pag ) Apporto della radiologia toracica alla diagnostica dell infezione da Virus HIV. La Radiologia Medica, 74; , ) Comportamento del T. P. A. (Tissue Polypeptide Antigen) nelle Epatite Acute. Valutazione quantitativa e qualitativa (Giornale di Malattie Infettive e Parassitarie, pg ) Convegno A. M. O. I., 1985 Fiuggi. 56) Criptococcosi: Descrizione di un caso in corso di AIDS Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol., , ) Il Polmone del tossicodipendente: Revisione Casistica. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol, 1988, ) Infezioni da HIV: aspetti epidemiologici, immunologici e clinici di casi sintomatici. AIDS e Sindromi correlate. Monduzzi Edit. 1988, pag ). 59) Protocollo d accertamento, diagnostico e follow-up terapeutico per le polmoniti da PCP nei pz. affetti da AIDS AIDS e Sindromi Correlate. Monduzzi Edit. 1988, pag

9 60) Alterazioni ormonali nell AIDS e Sindromi correlate. AIDS e Sindromi Correlate. Monduzzi Edit. pag ). 61) Su di un caso di tumore polmonare in paziente HIV positivo. Riv. Pat. Clin. Tuberc. e Pneumol. vol. LIX ) Biomarcatori nei Liquidi Biologici, pag Atti del Corso d aggiornamento: I biomarcatori tumorali nella pratica clinica - Genova 4 giugno ) Aspetti terapeutici della polmonite da Legionella pneumophila in nord Italia. Atti del Simposio "Advances in Pneumology and Cardiology" pag Parma, maggio ) Thymostimulin Treatment in cases of AIDS and ARC "Journal of experimental Pathology" Vo. 3, n. 4, ) Contributo in tema di accuratezza diagnostica della radiografia del torace nella patologia infettiva. "La radiologia medica", ) Patologia cerebrale in corso di AIDS. Quadri clinici, radiologici ed anatomopatologici. Atti del VII Congresso nazionale associazione italiana di neuroradiologia, pag Positano ) Tissue Polypeptide antigen (TPA) modifications in hepatic cirrhosis, aggressive chronic hepatitis, persistent chronic hepatitis, and in minimal pathology. The International Journal of Biological Markers Vol. 3, n. 2, pp ) Pneumocistosi. Minerva Medica Vol. 79 n. 9 pg (Settembre 1988). 69) 67 GA citrate scanning, x ray computed tomography and chest x-ray in the study of interstizial pneumonia in patients with AIDS. Nuclear Medicine Communications 9, / ) Il contributo della T. C. polmonare ad alta risoluzione nello studio di pazienti HIV positivi. Atti del convegno di radiologia toracica. Venezia, Novembre Vol. 40 n. 3, ) Trattamento delle gastroenteriti acute da Salmonella con norfloxacina. Il Gastroenterologo, pag novembre/ dicembre 1988.

10 72) Emergenza AIDS: Rilevazioni epidemiologiche - proposte di intervento preventivo. Convegno: I servizi sanitari Emilia Romagna al bivio: Qualità o decadenza. Bologna, Novembre ) Studio retrospettivo dell evoluzione dell infezione da HIV1 nel periodo II Convegno Nazionale AIDS e Sindromi Correlate. Monduzzi edt. 1988, pag ) Follow up oculistico in corso d infezioni da HIV. II Congresso Nazionale AIDS e Sindromi correlate. Monduzzi edt pag ) La Polmonite Cronica Interstiziale Aspecifica (P. C. I. A. ) nell adulto con infezione da HIV. II Congresso Nazionale AIDS e Sindromi Correlate. Monduzzi edt Pag ) Su di un caso di AIDS presentatosi come toxoplasmosi polmonare e oculare. Rivista di Pat. e Clin. della Tubercolosi e di Pneumologia 1989, 60, ) Serum Thymidine Kinase (TK) evaluation in HIV infection. The International Journal of Biological Markers / Vol. 4 no 1. pp ) Polmone e AIDS. Estratto dagli atti del Convegno: Diagnostica per immagini delle neoplasie del Polmone e del Mediastino. Monduzzi edt pag ) What Significance can be attribuited to high hone uptake of 67 Ga Citrate in Patients with HIV Infection? Nuc Compact 20 (1989): ) Unusual malignant tumors in 49 patients with HIV infection. AIDS 1989, 3: ) Can Thimidine Kinase (T. K) Be Utilized in Clinical Management of HIV Positive patients. NUC Compact 22 (1990): ) HIV-1 and HIV-2 seropositivity among AIDS cases in Guinea. AIDS 1990, Vol 4 No 12 pg ) Il ruolo della diagnostica per immagini nelle infezioni polmonari - Atti Convegno "Le Malattie del Torace 1990 pg

11 84) Bone Marrow Uptake of GA-67 Citrate in HIV positive Patients. Nuc Compact Vo : ) Lung Scanning with Gallium 67 Citate in HIV Positive Patients. Characteristics Semeiotic Pattern in the More Frequent Opportunistic Pathologies. Nuc Compact Vo 21 (1990): ) Reattività per HTLV-1/2 in una coorte di tossicodipendenti HIV-1 positivi dell Emilia Romagna. Atti del III Convegno AIDS e Sindromi Correlate. Napoli 10/12 Novembre 1989 pg ) Ipercaptazione Ossea di Ga 67 citrato in pazienti HIV positivi sottoposti e scintigrafia polmonare. Atti del III Convegno AIDS e Sindromi Correlate. Napoli 10/12 Novembre 1989 pg ) Proposta di protocollo diagnostico nelle pneumopatie in soggetti con infezione da HIV ed immunodepressione. Atti del III convegno AIDS e Sindromi Correlate. Napoli Novembre 1989 pg ) High Skeleton uptake of 67 GA-citrate in patients with lymphoma. Preliminary data. Acta Oncologica 12 (4), , ) Epidemiology and Transmission of HIV-2 in West Africa. Vo: AIDS and Reproduction. pp: Karger Basel ) HIV2, HBsAg and TPHA seroprevalence in occasional blood Donars of Guinea Bissau. Highlights in Medical Virology immunology and oncology. S. Marino 1991 October 2-6, CO-F. R. A. S. S. 92) Extended use of the micro-haematocrit capillary specimen in Third World blood banks. Transaction of the Royal of Tropical Medicine and Hygiene (1991) 85, ) Detection of HTLV1 and not HTLVII Infection in Guinea Bissau (West Africa). Journal of Acquired Immune deficiency Syndromes (1991). Vol 4 n. 5, pp ) La Scintigrafia polmonare con 67 Gallio citrato nei pazienti HIV positivi. Aspetti semiotici. Atti del IV Congresso Nazionale AIDS e Sindromi correlate pp San Remo 1990.

12 95) La radiologia digitale e piastre fotostimolabili e la radiologia tradizionale nello studio della patologia intentiziale del polmone. Radiol Med 83: , 1992 Minerva Medica. 96) HIV-1 and HIV-2 Seroprevalence in Tuberculosis Patients in Guinea Bissau. Journal of Acquired Immune Deficiency Syndromes Raven Press. 97) In vivo genetic variability of the Human Immunodeficiency virus type 2 V 3 Region. Journal of virology, July 1992 p ) Lung cancer in 19 patients with HIV infection. Annals of Oncology 1993, 4: ) Atypical leishmamiasis in HIV-2 seropositive patients from Guinea- Bissau. AIDS 1991; 5: ) Indirect immunofluorescence used as confirmatory test for HIV-2 infection in developing countries. Tropical Doctor, 1993, 23: ) Infezione da HIV-2 e Tubercolosi: aspetti epidemiologici Giornale Italiano dell AIDS 1993 in Vol. 4, n ) Perinatal transmission of HIV-2 infection in malnowrished children in Guinea Bissau. Microbiologica, 17, 61-64, ) Increase of HIV-2 and HIV-1 infection in Tuberculotic cases in Guinea Bissau. La Medicina Tropicale nella cooperazione allo sviluppo, 8, 2, , ) Therapeutic follow up in Tuberculosis patients with HIV-2 infection in Guinea Bissau. La Medicina Tropicale nella cooperazione allo sviluppo. Vol. 9 n. 4, ) Rischio di morte in una coorte di tossicodipendenti di Bologna ( ). La salute a Bologna, pg ; n. 13 Giugno bis) Lo stesso lavoro pubblicato nel volume: Il costo sociale della droga a Bologna. Nomisma. Bologna, Aprile ) Valutazione del costo economico dell inserimento in Comunità Terapeutica di un gruppo di tossicodipendenti (TD). La salute a Bologna pg ; n. 13 Giugno 94.

13 Lo stesso lavoro pubblicato nel volume: Il Costo Sociale della Droga a Bologna. Nomisma. Bologna, Aprile ) Risk and benefit of blood transfusion in Guinea Bissau. La Medicina tropicale Vol. 10, n. 1-2, pg , ) Valutazione delle giornate di degenza e stima dei costi relativi di una coorte di tossicodipendenti HIV positivi e negativi. Le Infezioni in Medicina, 2, 81-90, ) Analisi dei ricoveri di utenti di un SerT di Bologna con diagnosi di dimissione ospedaliera di tipo psichiatrico. Epidemiologia per la Salute, 3, 81-90, ) Valutazione critica della definizione diagnostica in un gruppo di donne tossicodipendenti (TD) ricoverate in ambiente ginecologico. Epidemiologia per la salute, 15, 77-79, ) I ricoveri di etilisti e tossicodipendenti? Pochi, brevi ed inconcludenti. Medicina delle Tossicodipendenze, 9, 48-53, ) Cause di morte in una coorte di tossicodipendenti di Bologna Boll. Farm. e alcoolismo, a. XVIII, 3, 25-28, ) Analisi dei costi di ospedalizzazione di un gruppo di pazienti tossicodipendenti con AIDS ed infezione da HIV presso la Divisione Malattie Infettive dell Ospedale Maggiore ( ). Epidemiologia per la Salute, ) Analisi dei costi di ricovero durante un anno di attività in un reparto di malattie infettive (aprile 94 - marzo 95). Le infezioni in Medicina, 1, 19-31, ) Sistema Informativo Geografico Urbano (S.I.G.U.) per tossicodipendenza ed etilismo nella città di Bologna (I parte). Bollettino per le Farmacodipendenze e l Alcoolismo, 1, 17-22, ) Il sistema Informativo Geografico Urbano (S.I.G.U.) per tossicodipendenza ed etilismo nei quartieri di Bologna (II parte). Bollettino per le Farmacodipendenze e l Alcoolismo, 1, 23-30, ) Tasso di mortalità correlato all AIDS ed altre cause nei tossicodipendenti. Le Infezioni in Medicina, 4, 2 : 93-99, 1996.

14 118) Fino a che punto la natura ci consentirà lo sviluppo. Amici dei Lebbrosi, a. XXXV, 7 : 13-16, ) Heterogeneity of hepatitis C virus genotype 2 variants in West Central Africa (Guinea Conakry). Journal of General Virology, 77, , ) Necessità dell assistenza domiciliare per i malati di AIDS. Dati epidemiologici ed economici. Le Infezioni in Medicina 4, , ) A Bologna le cure ai tossicodipendenti raggiungono risultati apprezzabili?. Gli Ospedali delal vita. XXXIV, 2, 29-39, ) Relazioni tra mutamenti climatici a Bologna ed epidemie di colera nel XIX secolo. Geografia, XX, 3-4, 91-97, ) Il colera a Bologna nel XIX secolo. Cenni sulle conoscenze scientifiche dell epoca. Le Inf. in Med., 3, , ) Le epidemie di colera nel bolognese nel secolo scorso. Analisi Epidemiologica Geografica Urbana (in) Atti del II Congresso Nazionale S.I.S.S.B.I.S., Chieti, ) Può la cooperazione allo sviluppo avvalersi di tecnologie avanzate come i Sistemi Informatici Geografici? Amici dei Lebbrosi, XXXVI, 7, 6-7, ) La spesa per la terapia antibiotica e chemioterapica in un reparto di malattie infettive per i malati con infezione HIV. Le Inf. in Med., 4, , ) La diffusione epidemica dell AIDS nel territorio bolognese. Gli Ospedali della Vita, 4, , ) Il rischio ambientale correlata alla dispersione di siringhe utilizzate da tossicodipendenti nella città di Bologna. Gli Ospedali della Vita, 3, 77-86, ) La vendita di siringhe ai tossicodipendenti nelle farmacie di Bologna. Gli Ospedali della vita, XXV, 1, 17-26, ) La vendita di siringhe ai tossicodipendenti nelle farmacie di Bologna. Valutazione dei tre tests effettuati nel triennio Boll. per le Farmacodip. e l Alcoolis., XXI, 3, 19-27, 1998.

15 131) Il Cholera Morbus nel Comune di Bologna nel Le Inf. in Med., 4, , ) Evoluzione epidemiologica dei detenuti tossicodipendenti ristretti presso il carcere di Bologna ( ) (in) Atti del XXI Congresso Nazionale di Medicina Penitenziaria, , Stresa, ) Le siringhe abbandonate a Bologna dai tossicodipendenti. Gli Ospedali della vita, 4, , ) La mortalità fra i tossicodipendenti bolognesi: studio su di una coorte. Le Inf. in Med., 1, 24-32, ) L acquedotto di Bologna e l endemia tifica tra il XIX ed il XX secolo. Gli ospedali della vita. XXV, 2, 81-90, ) Tossicodipendenza, circerazione, aree urbane a maggior rischio nella città di Bologna. Boll. per le Farm dip. e l Alcolis. 4, 19-22, ) La malaria a Bologna fra XVIII e XIX sec. Vicende ambientali e ruolo dell intervento umano. Le Inf. in Med. 1, 42-53, ) Utilizzo della sieroterapia antidifterica a Bologna nel Un esperienza pilota. Le Infez. in Med. 3, , ) Cause di morte in una coorte di tossicodipendenti bolognesi ( ) ATTI del XII Convegno Nazionale, Genova, Novembre ) Il complesso AIDS Tubercolosi in Guinea Bissau: Aggiornamento epidemiologico. Le Inf. in Med. 3, , ) L evoluzione delle cause di morte nei tossicodipendenti bolognesi alla fine degli anni Novanta. Giornale Italiano dell AIDS: 11, 92-97, ) Il peso economico delle unità operative di malattie infettive può indurre il loro ridimensionamento (lettera). Il Giorn. Ital. dell AIDS: 11, 73-74, 11, ) La profilassi chininica agli inizi del XX secolo in Italia e nell area a nord di Bologna teatro di una epidemia malarica. Le Infez. in Medicina, 3, , 2000.

16 144) Alcune valutazioni di farmacoeconomia sull antibiotico-terapia in un reparto di malattie infettive. Le Infezioni in Medicina, 3, , ) La Malaria a Bologna fra XVIII e XIX. Vicende ambientali e ruolo dell intervento umano. Geografia 3-4, , ) I decessi per overdose nell area metropolitana bolognese (Aggiornamento al 1998) Nota. Geografia 3-4, , ) Tendenza dell Infezione HIV nel carcere di Bologna. Il Carcere può rappresentare un luogo di rischio di trasmissione sessuale dell infezione HIV? Volume degli Atti: De Sexualitate et AIDS, pp , Catania 4/XII/ ) E possibile coniugare risparmio e miglioramento nelle Aziende USL? Farmacoeconomia e percorsi terapeutici, 1(2) , ) Dati clinico-epidemiologici wsu una casistica di pazienti extracomunitari di Bologna ricoverati per patologie infettive Giorn. Ital. Med. Tropical. 5 (3-4) 57-65, ) Andamento dei ricoveri per patologie infettive tra i cittadini extracomunitari della regione Emilia Romagna. Giorn. Ital. Mal. Inf. 7 (4), , ) Analisi economica relativa all antibioticoterapia in Unità Operative di Malattie Infettive (studio policentrico). Giorn. Ital. Mal. Inf. 7 (4), , ) Rapporti tra malaria, ambiente, popolazione e civiltà nell Italia centrale. La bonifica della Piana del Fucino. Le Infezioni in medicina, 4, , ) Riduzione della spesa farmaceutica per antibiotici in un unità operativa di malattie infettive. Progetti di risparmio e miglioramento. Le Inf. In Med. (3), , ) Cost Assessment of antiretroviral drugs used in the treatment of patients with HIV infection. Clin. Drug Invest. 22 (4): , ) Considerazioni su due casi di infarto miocardio in pazienti HIV positivi trattati con inibitori delle proteasi. Inf. Med. 2, , ) La tubercolosi in pazienti italiani ed extra-comunitari. Revisione di casistica ( ). Inf. Med. 1, 37-44, 2002.

17 157) La profilassi chininica agli inizi del XX secolo in Italia e nell area a nord di Bologna teatro di una epidemia malarica. Inf. Med. 3, , ) Excursus sull organizzazione dell assistenza in tempi di pestilenza. Inf. Med. 3, , ) Tuberculosis in a metropolitan area on northem Italy: Epidemiological trends and public health concerns. Europ. Jour. Epidemiol. 19: , ) Valutazione del turn over dei farmaci antiretrovirali in particolare da I.P. a N.N.R.T.I. Farmaconomia e percorsi terapeutici 4 (1): 5-10, ) A Comparison of the Therapeutic Plan Costs in the treatments of HIVpositive patients. Clin. Drug. Invest. 23 (7): , ) Considerazioni sull epidemia di peste del Infez. Med. 1, 49-61, ) The evolution of the management of antibiotic therapy in patients with infectious diseases. Minerva Pneumol 42: 13-24, ) Evolution of Antibiotc Use and Cost in Patients with Community Acquired Pneumonia. Clin. Drug. Invest. 22 (9): , ) Il monitoraggio della spesa per gli antiretrovirali in una unità operativa di malattie infettive (in) Atti del Convegno Nazionale: sulla rotta del vaccino. Assistenza Clinica-Ricerca. Catania 24 novembre 2001, pp ) Su di un caso di cenurosi cerebrale. Infez. Med. 3, , ) Cisticercosi cerebrale: rassegna e descrizione di un caso clinico. Infez. Med. 4 (11), , ) Prime valutazioni sull efficacia di LPV/RTV (KALETRA) in una casistica di pazienti HIV+ pluritrattati. Infez. Med. 1, 18-24, ) Methicillin resistant staphylococci still susceptible to non-beta-lactam antibiotics. What clinical implications in nosocomially-acquired infections? Giornale Italiano di Malattie Infettive 1: 7-10, ) Su di un caso di neurolue riscotrato in una giovane donna. Giornale Italiano di Malattie Infettive 2: 93-96, 2004.

18 171) Temporal trend of fatility events in a cohort of i.v. drugs users in the Bologna Metropolitan Area (in): International Proceedings XV International AIDS Conference (Epidemiology and Prevention) pp Bangkok (Thailland), July ) Prevalenza per HIV, HBV e HCV nei detenuti del carcere di Bologna ed effetti del counselling per aumentare l adesione alla proposta dei test. Epidem. Prev. 28 (3): , ) Voriconazole proves effective in long-term treatment of a cerebral crytococcoma in a crhonic nephropatic HIV-negative patient, after fluconazole failure. 174) Brain Abscess in a immunocompetent host: Problems in Antimicrobial Chemiotherapy and Literature Review. Journ. Of Chemoter. 16 (5): , ) Le epidemie coleriche a Bologna nel XIX e XX secolo. Bonifica del degrado ambientale e ristrutturazione urbanistica (in): Atti del Convegno. La geografia delle epidemie di colera in Italia. Considerazioni storiche e medio-sociali (III volume) pp Spezzano Piccolo (CS), 19 ottobre ) L intuizione di Girolamo Fracastoro sul contagio della tisi ed i suo oppositori. Storia di un idea. Infez. Med. 4, , ) Tubercolosi del distretto osteomuscolare con particolare riferimento alle spondilodisciti 1: 34, ) Valutazione dell efficacia di efavirenz in una casistica mista. Rilievo delle cause di drop-out. Infez. Med. 3: , ) L unificazione microbiologica del mondo secondo Woodrow Borah. Infez. Med. 4: , ) Cerebral coenurosis. Case illustration. J. Neurosurg 100 (5): 964, 2004.

19 LIBRI 1) Il Problema Droga a Bologna. Analisi mediante il sistema informativo geografico. Sergio Sabbatani e Ettore Di Crescenzo. Demos Edit., Cagliari, ) Tossicodipendenze, AIDS e Dintorni (a cura di) Sergio Sabbatani, Edizioni Baiesi, Bologna, ) Acqua, Ricchezza e Salute: il colera a Bologna nel XIX secolo, Fabio Giusberti, Franco Piro, Sergio Sabbatani, Editrice Compositori, Bologna, ) Le droghe, il rischio, la prevenzione, la conoscenza. Quale strategia per la lotta alla tossicodipendenza, Sergio Sabbatani, (Edr) Editrice Compositore Bologna ) Epidemie. Contributi in Ambito Storico-Medico. Sergio Sabbatani, EDIMES Pavia 2007.

20 ABSTRACTS OF COMMUNICATIONS AT CONGRESS ELENCO ESTRATTI DI COMUNICAZIONI A CONGRESSO 1) Use of TPA in Hepatology of infectious nature inizial observation. IX Congresso dela Association Latino americana de Sociedades de Biologia y Medicina Nuclear (Alasbimn), pag. 310, Montevideo ) Correlation Between Immunological parameters and Tumore markers in Pulmonary neoplasias. IX Congresso dela Association Latino americana de Sociedades de Biologia y Medicina Nuclear (Alasbimn), pag. 311, Montevideo ) Use of the TPA and the CEA in pneumological clinical findings. IX Congresso dela Association Latino americana de Sociedades de Biologia y Medicina Nuclear (Alasbimn), pag. 311, Montevideo ) Combined diagnostic potential of TPA and CEA measurement in differently situated neoplasias: Preliminary data in 55 cases. IX Congresso dela Association Latino americana de Sociedades de Biologia y Medicina Nuclear (Alasbimn), pag. 311, Montevideo ) I Marker Tumorali (CEA e TPA nella evoluzione della neoplasia polmonare). XXVI Congresso Italiano di Tisiologia e Malattie Polmonari Sociali, pag. 139 (Modena, ottobre 1984). 6) Correlazione tra parametri immunologici e markers tumorali nelle neoplasie polmonari (dati preliminari) XXVI Congresso Italiano di Tisiologia e Malattie Polmonari Sociali, pag. 162 (Modena, ottobre 1984). 7) Parametri immunitari nella patologia polmonare benigna e maligna. XXVI Congresso Italiano di Tisiologia e Malattie Polmonari Sociali, pag. 169 (Modena, ottobre 1984). 8) Correlation Between TPA serum, Hystotype and cellular deviation grading in Lung Tumors. European nuclear Medicine. Congress Helsinki, August 14-17, ) Valutazione dell utilità dei Markers-Tumorali in 69 pazienti portatori di patologia neoplastica e non dell apparato digerente. S. Terenzio di Lerici ottobre Simposio Nazionale: Prospettive in Radioimmunologia. Applicazioni degli anticorpi monoclonari in vitro.

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il sottoscritto Salvatore Silvano Lopez, nato a Milano, il 10 ottobre 1954, residente in

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

di prossima pubblicazione

di prossima pubblicazione di prossima pubblicazione Volume 7 - Numero 9 Supplemento - SUPPLEMENTO DEL ISSN 9-9 (cartaceo) ISSN 7-9 (online) dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S.p.A.

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) LO CONTE Maurizio Viale Tigli, 20, I, 83031, Ariano Irpino - (AV) Telefono(i) +390825871118 / +390825824605 Mobile +39335415735

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Policlinico Santa Maria alle Scotte Il trapianto di rene Percorso assistenziale, intervento e follow up Come contattare il Centro trapianti di rene Il nostro Centro

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli