Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012"

Transcript

1 Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

2 2 PREVALENZA HIV L assunzione di droga per via venosa è responsabile del 30% delle infezioni al di fuori dell Africa Sub-sahariana e fino all 80% delle infezioni in alcuni paesi dell Europa orientale e dell Asia centrale Secondo le stime dell OMS, circa il 36% degli assuntori di droghe per via iniettiva è infetto da HIV In Italia, circa 1 paziente Ser.T. su 9 è sieropositivo

3 3 PREVALENZA HCV Largamente trasmessa con l uso di droga per via endovenosa che ha provocato, nel mondo, un epidemia globale di Epatite C (3-4 milioni di nuovi casi all anno) Le pratiche iniettive non sicure sono responsabili del 90% dei nuovi casi d infezione stimati Nei pazienti in trattamento nei Ser.T. la prevalenza è del 61%

4 4 PREVALENZA TBC Più che raddoppiato, nella decade , il numero dei casi nelle persone nate all estero La popolazione immigrata ha un rischio relativo di andare incontro a tubercolosi di volte superiore alla popolazione italiana

5 5 ASPETTI OPERATIVI Valutazione e trattamento dell HIV, dell HCV e della TBC - vaccinazione HBV: Screening di routine e informazione al paziente sulle pratiche ad alto rischio Counselling per favorire l accesso alle terapie delle patologie infettivologiche correlate Il testing nei Ser.T. è basso e la percentuale dei pazienti testati tende a diminuire nel corso degli anni La progressiva perdita di personale e di strutture oltre alle scelte di politica sanitaria di alcune regioni, hanno reso sempre più difficoltosa l esecuzione dei prelievi nei Servizi L esecuzione, all interno del Ser.T., del prelievo ematico e della Mantoux aumenta l aderenza del paziente al test e alla terapia

6 6 IMPATTO SUI PROGRAMMI TERAPEUTICI (1) La mortalità dei tossicodipendenti da eroina non trattati è di circa 20 volte superiore a quella della popolazione generale (considerare la vaccinazione anti-hbv nei pazienti HbSAb negativi - HCV ad alto rischio di cronicizzazione con evoluzione in cirrosi e cancrocirrosi) Un gran numero di soggetti dipendenti da oppiacei è portatore d infezione da HIV, HCV, TBC. Nonostante ciò questi soggetti sono quelli che accedono con più difficoltà alle cure specifiche. Il consumo di oppiacei è stato identificato come il fattore responsabile della mancanza d aderenza ai trattamenti Il trattamento agonista ben condotto, stabilizzando il paziente e mantenendolo agganciato al Servizio, puó portare a risultati eccellenti rispetto alla sua aderenza alla terapia delle patologie infettivologiche correlate

7 7 IMPATTO SUI PROGRAMMI TERAPEUTICI (2) Numerosi farmaci, compreso il metadone, possono alterare il tratto QT con disturbi del ritmo che possono arrivare alla torsione di punta, alla tachicardia parossistica ventricolare e all arresto cardiaco Alcuni farmaci antiretrovirali hanno di per sé la capacità di alterare il tratto QT, possibilità aumentata dall uso concomitante, nello stesso paziente, di terapie agoniste (con metadone) o di altre terapie che possano determinare un allungamento del tratto QT

8 8 IMPATTO SUI PROGRAMMI TERAPEUTICI (3) Va posta particolare attenzione alle interazioni tra farmaci (e la loro influenza sulla concentrazione ematica del farmaco agonista): Numerosi antiretrovirali inducono o inibiscono il sistema enzimatico del CYP 450 Numerosi antiretrovirali sono metabolizzati a livello del sistema enzimatico del CYP 450 La complessità degli schemi terapeutici farmacologici, in alcuni pazienti, può determinare la necessità d individuare il farmaco agonista migliore in considerazione anche delle potenziali interazioni con le concomitanti terapie di pertinenza psichiatrica e/o infettivologica

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 Autori Dott.ssa Fabrizia Giusti,Medico Internista, Ser.T. Arezzo, Asl 8 Dott. Paolo Edoardo Dimauro

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Centro Operativo AIDS WORKSHOP Progetto DTPI Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Linee di indirizzo DPA e Ministero della Salute

Dettagli

LE IDONEITÀ DIFFICILI

LE IDONEITÀ DIFFICILI LE IDONEITÀ DIFFICILI Il giudizio di idoneità in operatori sanitari HBV, HCV, HIV positivi Giantommaso Pagliaro - AO Ordine Mauriziano di Torino - APAMIL APAMIL - Associazione Piemontese e Aostana di Medicina

Dettagli

Malattie infettive in carcere

Malattie infettive in carcere La gestione delle La gestione delle Malattie infettive in carcere A livello internazionale i cittadini detenuti sono considerati una popolazione ad alto rischio di contrarre malattie infettive (HIV, epatiti,

Dettagli

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica S.S. Medico pagina 1 di 12 1. Titolo e descrizione sintetica... 1 2. Titolo... 1 3. Descrizione sintetica... 1 4. Responsabile della procedura... 1 5. Obiettivi... 2 6. Ambito di Applicazione... 2 7. Documenti

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SANTI VITTORIO Data di nascita 14/03/1946. Dirigente ASL I fascia - ser.t formia

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SANTI VITTORIO Data di nascita 14/03/1946. Dirigente ASL I fascia - ser.t formia INFORMAZIONI PERSONALI Nome SANTI VITTORIO Data di nascita 14/03/1946 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI LATINA Dirigente ASL I fascia - ser.t formia

Dettagli

EFFETTO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA ANTIRETROVIRALE (HAART) DI UN SERVIZIO SOCIO EDUCATIVO (SSED) PER L ACCOMPAGNAMENTO DI PERSONE MULTIPROBLEMATICHE CON INFEZIONE DA HIV. E. Barchi,* G. Corradini, S. Artoni,

Dettagli

La diffusione delle malattie infettive ed il loro trattamento

La diffusione delle malattie infettive ed il loro trattamento La diffusione delle malattie infettive ed il loro trattamento EMANUELE PONTALI E. O. Ospedali Galliera Genova Convegno Salute e malattia nei detenuti in Italia: i risultati di uno studio multicentrico

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

7. RISPOSTE RELATIVE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE

7. RISPOSTE RELATIVE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE 7. RISPOSTE RELATIVE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE 7.1 Prevenzione e trattamento delle malattie infettive droga-correlate 7.1.1 Prevenzione 7.1.2 Counselling 7.2 Prevenzione dei decessi

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSENSO SULLE POLITICHE DI OFFERTA E LE MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL TEST PER HIV IN ITALIA

DOCUMENTO DI CONSENSO SULLE POLITICHE DI OFFERTA E LE MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL TEST PER HIV IN ITALIA DOCUMENTO DI CONSENSO SULLE POLITICHE DI OFFERTA E LE MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL TEST PER HIV IN ITALIA 1. Introduzione 1.1 Importanza di favorire la conoscenza dello stato sierologico per HIV Si stima

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mellace Vincenzo Data di nascita 28/12/1955. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 096725168

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mellace Vincenzo Data di nascita 28/12/1955. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 096725168 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mellace Vincenzo Data di nascita 28/12/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO

Dettagli

IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE

IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE PARTE 6 IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE 6.1 Decessi droga correlati e mortalità nei consumatori di droga 6.1.1 Decessi per overdose 6.1.2 Decessi droga correlati 6.2 Decessi correlati al consumo

Dettagli

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV 4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV conosci 1/2 Ho 21 anni, sono una ragazza carina Con l ultimo ragazzo è durata tre mesi e, ahimè, ci sono stati rapporti non protetti...ora

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S.

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S. Il Laboratorio di SieroImmunologia e le urgenze infettive: la patologia materno fetale e gli incidenti professionali a rischio di infezioni emotrasmesse Danila Bassetti, MD Responsabile Struttura Semplice

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mangili Roberta Data di nascita 18/04/1963. medico responsabile di struttura semplice

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mangili Roberta Data di nascita 18/04/1963. medico responsabile di struttura semplice INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mangili Roberta Data di nascita 18/04/1963 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio medico responsabile di struttura semplice ASL DELLA PROVINCIA

Dettagli

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO ASS 4 MEDIO FRIULI PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO Dr.ssa Mauro Katia Dipartimento di Prevenzione DEFINIZIONI Incidente a Rischio Biologico: si definisce

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

RACCOMANDAZIONE CIVICA

RACCOMANDAZIONE CIVICA RACCOMANDAZIONE CIVICA SULLE TOSSICODIPENDENZE Realizzata da Cittadinanzattiva Tribunale per i diritti del malato In collaborazione con FeDerSerD - Federazione Italiana degli Operatori dei Dipartimenti

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI OCCUPAZIONALI AD HIV E VIRUS EPATITI B, C

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI OCCUPAZIONALI AD HIV E VIRUS EPATITI B, C UOC DIREZIONE MEDICA OSPEDALIERA RIETI-AMATRICE DIRETTORE: Dr Pietro Manzi Tel. 0746/278221 FAX 0746/278440 email: p.manzi@asl.rieti.it Dirigente medico responsabile del procedimento: Dssa Antonella Stefania

Dettagli

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV Relazione scientifica finale (13/10/2014) Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV INTRODUZIONE: L'epatite C è una malattia infettiva, causata

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio V ex DGPREV - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale Relazione al Parlamento

Dettagli

Evento MEDICINA DEL DISAGIO: UN SERVIZIO IN MOVIMENTO

Evento MEDICINA DEL DISAGIO: UN SERVIZIO IN MOVIMENTO DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS

Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS ALLEGATO A Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE E L INFEZIONE DA HIV/AIDS IN PIEMONTE Con l introduzione dei

Dettagli

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA REGIONE DEL VENETO AZIENDA SOCIO SANITARIA LOCALE N. 10 VENETO ORIENTALE www.assl10.veneto.it SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA In caso di emergenza chiamare il 118 Per garantire vacanze

Dettagli

Regione Piemonte Assessorato ai Beni Culturali ISBN 978-88-76-78140-7. Impostazione grafica di Simona Ricci

Regione Piemonte Assessorato ai Beni Culturali ISBN 978-88-76-78140-7. Impostazione grafica di Simona Ricci Regione Piemonte Assessorato ai Beni Culturali ISBN 978-88-76-78140-7 Impostazione grafica di Simona Ricci Stampa: Beta Tipografica - Via Casilina Vecchia, 119/b - Roma 2 Monografia n. 8 Analisi della

Dettagli

La mortalità dei tossicodipendenti: impatto sulla popolazione giovanile e effetto del trattamento

La mortalità dei tossicodipendenti: impatto sulla popolazione giovanile e effetto del trattamento V CONGRESSO SITD L ADDICTION NELLA MEDICINA E NELLA SOCIETA.. BARI, 15-17 17 MAGGIO 2005 La mortalità dei tossicodipendenti: impatto sulla popolazione giovanile e effetto del trattamento Anna Maria Bargagli

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI AGGIORNAMENTO MARZO 2011. Via Bernardino Ramazzini, 31 00151 Roma

GUIDA AI SERVIZI AGGIORNAMENTO MARZO 2011. Via Bernardino Ramazzini, 31 00151 Roma GUIDA AI SERVIZI AGGIORNAMENTO MARZO 2011 Via Bernardino Ramazzini, 31 00151 Roma La Fondazione Villa Maraini onlus, naturale evoluzione della Comunità Terapeutica Villa Maraini fondata nel 1976 da Massimo

Dettagli

USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PATOLOGIE INFETTIVE CORRELATE. Aggiornamento tecnico-scientifico per i Dipartimenti delle Dipendenze

USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PATOLOGIE INFETTIVE CORRELATE. Aggiornamento tecnico-scientifico per i Dipartimenti delle Dipendenze USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PATOLOGIE INFETTIVE CORRELATE Aggiornamento tecnico-scientifico per i Dipartimenti delle Dipendenze Pubblicazione non-profit e non sponsorizzata - Vietata la vendita Per

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale

Il ruolo del Medico di Medicina Generale Il ruolo del Medico di Società Italiana di Medicina Generale Dr. Pier Carlo Pelizzari Medico di Responsabile della Scuola di Formazione Specifica in Brescia 01 dicembre 2012 Polo di Brescia In merito alle

Dettagli

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013 HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV Firenze 21 ottobre 2014 Maria Grazia Colao VEQ 2013 2 7 54 4 1 1 2 17 5 3 2 4 1 2 4 3 112 partecipanti Metodi utilizzati Gruppi

Dettagli

AUSTRIA BELGIO. L autorizzazione al soggiorno temporaneo deve essere corredata sempre da un certificato medico. CIPRO

AUSTRIA BELGIO. L autorizzazione al soggiorno temporaneo deve essere corredata sempre da un certificato medico. CIPRO PROCEDURE SANITARIE PREVISTE DAGLI STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA PER I CITTADINI EXTRACOMUNITARI IRREGOLARI E PER COLORO CHE RICHIEDONO IL PERMESSO DI SOGGIORNO AUSTRIA Obbligo di presentazione del

Dettagli

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HCV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Patogenesi... 2 Modalità e vie di trasmissione... 3 Sintomatologia ed evoluzione...

Dettagli

SOMMARIO* Presentazione... pag. 13

SOMMARIO* Presentazione... pag. 13 SOMMARIO* Presentazione... pag. 13 I virus che causano epatite...» 15 Virus A...» 15 Virus B...» 17 - Varianti di HBV...» 20 Virus D...» 22 Virus NonA-NonB/C...» 24 Virus C...» 25 - Genotipi di HCV...»

Dettagli

La gestione clinica del paziente con epatite cronica C

La gestione clinica del paziente con epatite cronica C La gestione clinica del paziente con epatite cronica C Linee Guida EASL 2011 Gruppo interdisciplinare epatiti virali Anastasio Grilli UO Universitaria Malattie Infettive Dipartimento Medico -15 Marzo 2012-

Dettagli

Relazione conclusiva. Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze dalla ASL della Provincia di Milano 1

Relazione conclusiva. Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze dalla ASL della Provincia di Milano 1 Relazione conclusiva Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze dalla ASL della Provincia di Milano 1 Il progetto di ricerca Valutazione della performance dei Servizi del

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

Dott.ssa Serena Paoli Ospedale San Donato di Arezzo U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Direttore: Dott.

Dott.ssa Serena Paoli Ospedale San Donato di Arezzo U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Direttore: Dott. CASO CLINICO Dott.ssa Serena Paoli Ospedale San Donato di Arezzo U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Direttore: Dott.Fabrizio Magnolfi ANAMNESI PATOLOGICA RECENTE maschio, 26 anni inviato

Dettagli

ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione

ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione 2 approcci concettuali: quello che persegue l astinenza dalle sostanze psicoattive proibizionismo a livello sociale e nel campo personale evitando di

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

RICERCA; OSSERVATORIO SANITÀ E SALUTE: SU AIDS OCCORRE MAGGIORE INFORMAZIONE

RICERCA; OSSERVATORIO SANITÀ E SALUTE: SU AIDS OCCORRE MAGGIORE INFORMAZIONE Roma Sociale RICERCA; OSSERVATORIO SANITÀ E SALUTE: SU AIDS OCCORRE MAGGIORE INFORMAZIONE 03/12/2013 A chiusura degli eventi programmati per la Giornata Mondiale contro l AIDS si è svolto presso la Camera

Dettagli

TABELLA UNICA DELLE PRESTAZIONI NELL ASSISTENZA ALLE PERSONE CON DIPENDENZA DA SOSTANZE

TABELLA UNICA DELLE PRESTAZIONI NELL ASSISTENZA ALLE PERSONE CON DIPENDENZA DA SOSTANZE Protocollo SESIT Standard Europei per il Sistema Informativo Tossicodipendenze TABELLA UNICA DELLE PRESTAZIONI NELL ASSISTENZA ALLE PERSONE CON DIPENDENZA DA SOSTANZE - Versione Aggiornata all Agosto 2006

Dettagli

La TBC (tubercolosi) è una malattia infettiva generalmente a carico dei polmoni, anche se può colpire qualsiasi parte del corpo.

La TBC (tubercolosi) è una malattia infettiva generalmente a carico dei polmoni, anche se può colpire qualsiasi parte del corpo. Tuberculosis Italian Page 1 La tubercolosi TBC - malattia, cura e prevenzione Immunizzazione Il modo più sicuro di proteggere la vostra salute Page 2 LA TUBERCOLOSI La TBC (tubercolosi) è una malattia

Dettagli

Rapporto di Attività 2004

Rapporto di Attività 2004 Centro di Medicina Preventiva Direttore dott. Giovanni Serpelloni Rapporto di Attività 2004 Sintesi delle principali attività 10 Febbraio 2005 0 Indice Introduzione pag. 2 1. Le principali problematiche

Dettagli

USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PATOLOGIE INFETTIVE CORRELATE. Aggiornamento tecnico-scientifico per i Dipartimenti delle Dipendenze

USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PATOLOGIE INFETTIVE CORRELATE. Aggiornamento tecnico-scientifico per i Dipartimenti delle Dipendenze USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PATOLOGIE INFETTIVE CORRELATE Aggiornamento tecnico-scientifico per i Dipartimenti delle Dipendenze Pubblicazione non-profit e non sponsorizzata - Vietata la vendita Per

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

RACCOMANDAZIONI. Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXIII (3) 2000. Principi generali

RACCOMANDAZIONI. Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXIII (3) 2000. Principi generali Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXIII (3) 2000 RACCOMANDAZIONI Principi generali 1. Al centro dell interesse dei servizi deve esserci la persona, qualunque sia la sua condizione, la sua richiesta di aiuto,

Dettagli

Terapia sostitutiva in caso di dipendenza dagli oppiacei

Terapia sostitutiva in caso di dipendenza dagli oppiacei Terapia sostitutiva in caso di dipendenza dagli oppiacei Terapia sostitutiva in caso di dipendenza dagli oppiacei Raccomandazioni dell Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) de la Società Svizzera

Dettagli

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche

Dettagli

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009 L EPATITE C Infezione da HCV e fattori di rischio L Epatite C è un infiammazione del fegato causata da un virus della famiglia Flaviviridae appartenente al genere hepacavirus (HCV) che attacca l organo,

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

ECDC CORPORATE. Sintesi delle pubblicazioni principali. www.ecdc.europa.eu

ECDC CORPORATE. Sintesi delle pubblicazioni principali. www.ecdc.europa.eu ECDC CORPORATE Sintesi delle pubblicazioni principali 2010 www.ecdc.europa.eu ECDC CORPORATE Sintesi delle pubblicazioni principali 2010 Citazione suggerita: Centro europeo per la prevenzione e il controllo

Dettagli

Misure ed azioni concrete per la Prevenzione delle Patologie Correlate all uso di sostanze stupefacenti.

Misure ed azioni concrete per la Prevenzione delle Patologie Correlate all uso di sostanze stupefacenti. Linee di indirizzo per la determinazione e applicazione dei Livelli Essenziali di Assistenza Misure ed azioni concrete per la Prevenzione delle Patologie Correlate all uso di sostanze stupefacenti. Editing:

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

INCONTRO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. SULLE EPATITI CRONICHE

INCONTRO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. SULLE EPATITI CRONICHE Con il patrocinio di: ASL Mantova A.O. Carlo Poma Mantova Ordine dei Medici Manotva Convegno E.C.M. Regionale SALA RIUNIONI PRESIDIO OSPEDALIERO DI PIEVE DI CORIANO PROGRAMMA SCIENTIFICO EFFETTIVO (durata:

Dettagli

HIV: dall emergenza all oblio

HIV: dall emergenza all oblio HIV: dall emergenza all oblio Sembra ci stiamo dimenticando del virus che fino a pochi anni fa faceva tanta paura. Ma il volontariato continua ad occuparsene di Chiara Castri n 25 anni l Aids è diventata

Dettagli

Progetto prevenzione dell epatite virale

Progetto prevenzione dell epatite virale Progetto prevenzione dell epatite virale ANALISI STRUTTURATA Descrizione ed analisi del problema L Italia vanta il triste primato in Europa sulla mortalità causata dalle malattie del fegato. Si tratta

Dettagli

Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS)

Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS) Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS) in collaborazione con le Associazioni della Consulta per la Lotta contro l AIDS (CNCA, LILA, Villa Maraini, I Ragazzi della Panchina, Dianova,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. stuppia rita adriana Data di nascita 17/03/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. stuppia rita adriana Data di nascita 17/03/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Nome stuppia rita adriana Data di nascita 17/03/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia ASP DI PALERMO Dirigente ASL II fascia -

Dettagli

Siamo tutti Adottati... Ansie e paure dei genitori adottivi sotto esame: rischio sanitario, è possibile sdrammatizzare?

Siamo tutti Adottati... Ansie e paure dei genitori adottivi sotto esame: rischio sanitario, è possibile sdrammatizzare? 30 Gennaio 2007 Le Radici e le Ali Gruppo Famiglie Adottive Siamo tutti Adottati... Ansie e paure dei genitori adottivi sotto esame: rischio sanitario, è possibile sdrammatizzare? Dott.ssa SILVIA DI CHIO

Dettagli

LA TOSSICODIPENDENZA ALL INTERNO DELLE STRUTTURE DETENTIVE

LA TOSSICODIPENDENZA ALL INTERNO DELLE STRUTTURE DETENTIVE LA TOSSICODIPENDENZA ALL INTERNO DELLE STRUTTURE DETENTIVE Dr. Sandro LIBIANCHI medico Convegno Salute e malattia nei detenuti in Italia: i risultati di uno studio multicentrico Centro Congressi Cavour

Dettagli

RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 2014 AREA CLINICA

RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 2014 AREA CLINICA RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 204 schede n 47 i tecnicoprofessionali obietti v schede con indicato Dossier Formativo individuale n AREA CLINICA i di processo 8 7,% 34 (28,45 %) i di sistema protesi

Dettagli

I dati al 30 settembre 2008 hanno registrato un leggero calo delle telefonate che sono arrivate ai nostri centralini (- 2%).

I dati al 30 settembre 2008 hanno registrato un leggero calo delle telefonate che sono arrivate ai nostri centralini (- 2%). Dati del Centralino telefonico LILA 2008 I centralini telefonici della LILA continuano la loro opera di informazione e sensibilizzazione rispondendo a domande di ogni tipo e confrontandosi, giornalmente,

Dettagli

Programma Aids. Coordinatore: Giuliano Stenico - Presidente CEIS

Programma Aids. Coordinatore: Giuliano Stenico - Presidente CEIS Programma Aids Coordinatore: Giuliano Stenico - Presidente CEIS Componenti: Federico Tosatti - Provincia di Modena (Politiche sociali) Rosa Bolzon - Rappresentanti CEIS Assimakis Pantelis - Rappresentante

Dettagli

171,Via Lungomare Colombo 84129 Salerno Italia. nellogior@virgilio.it. ASL SA ex Usl 54 di Battipaglia Via Fiorignano

171,Via Lungomare Colombo 84129 Salerno Italia. nellogior@virgilio.it. ASL SA ex Usl 54 di Battipaglia Via Fiorignano C U R R I C U L U M V I T A E Dr.Giordano Aniello INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIORDANO ANIELLO Indirizzo Telefono 089 753031 Fax 0828 674309 E-mail 171,Via Lungomare Colombo 84129 Salerno Italia nellogior@virgilio.it

Dettagli

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy La sfida del futuro Il programma DREAM e la cura pediatrica Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italia Tel. +39.06.8992225 / Fax. +39.06.89922525

Dettagli

Introduzione. Prof. Dott. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Introduzione. Prof. Dott. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Dott. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it PATOLOGIA da HIV / AIDS Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 La trasmissione infettiva... 3 Vie e modalità di trasmissione...

Dettagli

Terapia sostitutiva in caso di dipendenza dagli oppiacei. Revisione luglio 2013

Terapia sostitutiva in caso di dipendenza dagli oppiacei. Revisione luglio 2013 Terapia sostitutiva in caso di dipendenza dagli oppiacei Revisione luglio 2013 Trattamento basato sulla sostituzione in caso di dipendenza dagli oppiacei Raccomandazioni revisione luglio 2013 dell Ufficio

Dettagli

Progetto Interventi a bassa soglia

Progetto Interventi a bassa soglia Progetto Interventi a bassa soglia 1 Ente Gestore: Comune di Venezia Responsabile del progetto: Dott. Marino Costantini Assessorato alle Politiche Sociali-Settore Servizi alla Persona Via Pio X 4, 30170

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

Versione aggiornata al 1 marzo 2005

Versione aggiornata al 1 marzo 2005 Versione aggiornata al 1 marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER L ANTIGENE DI SUPERFICIE DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBsAg +) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE E/O RENE. Razionale

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Dal 1988 lo Studio svizzero della coorte HIV è al servizio di persone affette da HIV/AIDS e in questo periodo ha accompagnato più di 18 500 persone.

Dettagli

LMDMRA57S03H501Y. Di Frosinone: 2787

LMDMRA57S03H501Y. Di Frosinone: 2787 curriculum vitae Formato europeo Informazioni personali Nome MARIO LIMODIO Indirizzo via della cisterna, 28 Fiuggi (FR) 03014 Telefono 3492611454 Fax 0775549142 E-mail mariolimodio@libero.it Luogo e Data

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

La speranza, una grande speranza, era che il declino

La speranza, una grande speranza, era che il declino Epatite Cronica B, malattia sommersa Intervista a Mario Rizzetto L Epatite Cronica B può causare cicatrici e sovvertimento nella struttura epatica, portando a cirrosi e tumore epatico La speranza, una

Dettagli

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLE DIPENDENZE COMPORTAMENTALI IN COMORBILITÁ CON L ABUSO DI SOSTANZE

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLE DIPENDENZE COMPORTAMENTALI IN COMORBILITÁ CON L ABUSO DI SOSTANZE IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLE DIPENDENZE COMPORTAMENTALI IN COMORBILITÁ CON L ABUSO DI SOSTANZE Giuseppe ZANDA (Lucca) www.psichiatragiuseppezanda.com Viterbo, 16-17 novembre 2012 Premessa 2 In questa

Dettagli

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST VENTICINQUE ANNI DI ATTIVITÀ DEL TELEFONO VERDE AIDS E IST DELL ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ: DAL COUNSELLING TELEFONICO ALL INTERVENTO IN RETE Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione

Dettagli

Quali le patologie epatiche più frequenti?

Quali le patologie epatiche più frequenti? ANNAROSA FLOREANI 136 DONNE CON FEGATO Vi sono differenze tra i sessi? Tra i due sessi non vi sono differenze strutturali, ma nel corso della vita il fegato può subire modificazioni funzionali. È noto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COLLEONI PAOLA MARIA. Data di nascita 29/06/1961 INCARICO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COLLEONI PAOLA MARIA. Data di nascita 29/06/1961 INCARICO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 29/06/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COLLEONI PAOLA MARIA INCARICO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE ASL DELLA PROVINCIA

Dettagli

Introduzione. Generalità

Introduzione. Generalità DIPENDENZE Introduzione In questo capitolo si illustrano le situazioni di urgenza che si possono verificare in pazienti che abusano di sostanze farmacologiche di natura diversa. Senza entrare in questa

Dettagli

Il fenomeno delle dipendenze da sostanze in Toscana: consumi e conseguenze, rete dei servizi e trattamenti I trattamenti erogati dai Ser.T.

Il fenomeno delle dipendenze da sostanze in Toscana: consumi e conseguenze, rete dei servizi e trattamenti I trattamenti erogati dai Ser.T. Il fenomeno delle dipendenze da sostanze in Toscana: consumi e conseguenze, rete dei servizi e trattamenti I trattamenti erogati dai Ser.T. Dottor Intaschi Guido Responsabile U.F. SERT ASL 12 di Viareggio

Dettagli

IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE

IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE PARTE 6 IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE 6.1 Decessi droga correlati e mortalità nei consumatori di droga 6.1.1 Decessi per overdose 6.1.2 Decessi droga correlati 6.2 Malattie infettive droga correlate

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

Introduzione. Origine e diffusione

Introduzione. Origine e diffusione Aids Introduzione La Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (da cui l'acronimo SIDA in francese, in spagnolo e italiano) o Acquired Immune Deficiency Syndrome (AIDS in inglese, utilizzato comunque anche

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST

DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST Linee Guida per la gestione del paziente con infezione sessualmente trasmessa (IST). Italia, SIMAST 2010. DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST La prevenzione delle IST si rivolge ad un comportamento,

Dettagli

Dipendenze: QUO VADIS?

Dipendenze: QUO VADIS? Dipendenze: QUO VADIS? Anche il Ticino necessita la prescrizione di eroina? Markus Weimann, Marzia Pantic Weimann Introduzione La revisione della legge sugli stupefacenti e la sua entrata in vigore dal

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Disposizioni pratiche da adottare in seguito ad incidenti con esposizione a liquidi biologici. nell attività sanitaria

Disposizioni pratiche da adottare in seguito ad incidenti con esposizione a liquidi biologici. nell attività sanitaria Disposizioni pratiche da adottare in seguito ad incidenti con esposizione a liquidi biologici e profilassi post esposizione nell attività sanitaria Per far fronte all'eventualità di incidenti con esposizione

Dettagli

dott. Giovanni Garozzo

dott. Giovanni Garozzo Le epatiti virali 3 Cara donatrice e caro donatore, tra gli esami che obbligatoriamente vengono eseguiti in occasione della iscrizione all AVIS e in occasione di ogni donazione vi è la ricerca e degli

Dettagli