10 GIORNI IN KENYA. 24 gennaio 09-3 febbraio 09

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "10 GIORNI IN KENYA. 24 gennaio 09-3 febbraio 09"

Transcript

1 10 GIORNI IN KENYA 24 gennaio 09-3 febbraio 09 Dopo la toccata e fuga di agosto 2008 (solo 4 giorni per la prima inaugurazione del Neema), il boss mi ha convinto (e per la verità non ha dovuto insistere troppo ) a ripartire per il Kenya. Questa volta senza Achille, Marco e Leonardo, ma con altri due compagni d eccezione: Flavio e don Olivo. SABATO Partiamo poco dopo l una, ancora con il furgone dei pompieri perché non abbiamo una macchina abbastanza grande da contenere tutto il bagaglio. Nevica e il capo ha deciso di anticipare la partenza perché non si sa mai: ghiaccio sulla strada, alberi caduti, automobilisti imbranati, caprioli Invece tutto fila liscio e siamo alla Malpensa in notevole anticipo. Abbiamo il tempo di fare colazione e di litigare con l addetta al check-in che non è convinta di imbarcare sei borsoni oltre alle nostre valigie personali. Siamo in anticipo ma partiamo in ritardo, non sappiamo perché. Il boss si innervosisce perché non ha la situazione sotto controllo. Cominciamo bene Finalmente il volo non proprio svizzero LX 1639 decolla per Zurigo dove probabilmente non riusciremo a prendere quello diretto a Nairobi. Invece, un po perché il pilota recupera parte del ritardo un po perché a Zurigo ci aspettano, fatto sta che arriviamo a Nairobi, dopo un eccellente volo, perfettamente in orario, alle 19,10 ora locale (le 17,10 in Italia). All aeroporto troviamo p. Franco e p. Antonio Bianchi che sono venuti a prenderci: andiamo a comprare qualcosa da mangiare e poi dritti alla Consolata per depositare il bagaglio (questa volta non abbiamo perso niente ed il capo è molto più sereno); Sergio, Flavio ed io abbiamo la nostra stanza singola nella palazzina vicino alla mensa, la sistemazione dell anno scorso, mentre don O- livo - per il grado che riveste - è ospitato nella casa madre, dove alloggiano i padri. Sistemiamo alla meglio le valigie ed il capo consegna la chiave dei lucchetti una a me ed una a Flavio per sicurezza. Quindi facciamo un salto al Mediterraneo per una cena frugale: pizza per qualcuno, minestrone per altri, doppia pastasciutta per Flavio che si tutela, in previsione di futuri salti di pasto. Rientriamo ad un ora decente, una doccia tonificante e buonanotte.

2 Parrocchia Consolata - Nairobi/Westlands palazzina alloggi volontari

3 DOMENICA Sveglia alle 7,00 perché si fa colazione alle 7,30. Oggi, giornata festiva, non si può lavorare: il programma prevede: Messa a Kahawa ed una serie di visite, alla Vendramini, a Kamae, al dispensario, e chi più ne ha più ne metta. Fa caldo, qui è estate e non mi dispiace per niente. Flavio ha combattuto tutta la notte con insetti inesistenti, ma credo sia stato plagiato da Massimo che gli ha raccontato di zanzare dappertutto. Così si rovinano le giovani generazioni Aspettiamo p. Franco ed a bordo del suo fuoristrada andiamo alla parrocchia di Kahawa per la Messa. E chiaro come il sole che il capo vorrebbe mettersi al posto di guida, però non si azzarda in fondo è sempre un superiore generale... ma ha già deciso: dal pomeriggio avremo una macchina tutta per noi, o meglio, tutta per lui! La scusa è che così siamo più autonomi, la realtà è che si fida solo della sua guida. Arriviamo sani e salvi (nonostante la strada, il traffico, i matatu) da p. James e p. Evaristo; quattro chiacchiere di benvenuto e poi in chiesa, con una folla immensa dentro e fuori. P. Franco celebra con don Olivo ed è grande suggestione: la partecipazione, i canti Flavio fotografa e riprende con la telecamera del Mimmo soprattutto per far invidia ad Achille al quale ha promesso la registrazione del coro. Dopo la Messa don Olivo viene letteralmente assalito da un numero incredibile di bambini che - tutti intorno a lui - lo abbracciano e gli stringono la mano in un festoso assedio. Incontriamo Nancy e quelli del Comitato parrocchiale che ancora ci ringraziano per quanto facciamo per la loro comunità. Ci trasferiamo alla Vendramini dove ci accoglie suor Paola che ci invita a pranzo. Ritroviamo suor Maria Antonietta e le altre sorelle, ma non suor Rosa - la responsabile del dispensario - che è stata trasferita a Njeri. Ora l ambulatorio è nelle mani di suor Maria Antonietta. Non c è Achille che fa onore alla tavola, ma Flavio ne prende autorevolmente il posto, facendo il bis dei tortellini e del resto; poi si butta sulle banane, ma non assaggia il mango perché dice che non gli piace. E pensare che questa è la stagione del mango! Assaggialo! Ho detto che non mi piace! Così sono le giovani generazioni E pomeriggio inoltrato e p. Franco ha i suoi impegni: noi, d altra parte, vorremmo tornare in città per incontrarci con Marco Scalfi, che è a Nairobi dai primi di gennaio e fra pochi giorni rientrerà in Italia. Salutiamo dunque le sorelle dandoci appuntamento a domani per l inizio dei lavori al campo. Dopo aver lasciato p. Franco alla Consolata, con la nostra macchina andiamo all appuntamento con Marco e, con lui, visitiamo gli storici slums di Suswa, Deep Sea e Maasai. La prima tappa è al Maasai, recentemente raso al suolo per più della metà, dove Marco ha ricostruito ex novo i servizi igienici, facendo un ottimo lavoro: su un base di cemento ha realizzato in legno docce e servizi, completi di serbatoio per l acqua, scarichi e pozzetti. Ha ancora questi ultimi giorni a disposizione per finire le porte, coprire i pozzetti e verniciare l intera struttura. Detto così sembra semplice, ma bisogna conoscere le difficoltà di quaggiù per capire ed apprezzare le fatiche del Marco che, da solo, parlando un po inglese, un po swahili e soprattutto dialetto, riesce sempre a completare le opere che si prefigge di fare. Veniamo circondati da tutti gli abitanti dello slum che ci salutano e vogliono farsi fotografare. Dopo un veloce giro fra le poche baracche rimaste in piedi, riprendiamo la strada e dirigiamo a Suswa: anche qui la gente ci viene incontro e ci saluta con affetto; caramelle per i bambini e foto con tutti, poi via verso Deep Sea, dove ritroviamo la stessa disperata situazione dello scorso anno. E tardi e quasi buio e Marco deve rientrare entro le 7,00 perché le sue suore hanno delle regole molto rigide: se non è lì a quell ora, non mangia. Non ci si crede, ma abbiamo trovato qualcuno che è riuscito a metterlo in riga. Lo riaccompagniamo al collegio e ci salutiamo col proposito di rivederci prima che torni in Italia. Torniamo per la cena alla Consolata, dove noi fortunati siamo molto più liberi ed indipendenti, ma abbiamo fretta perché dopo vogliamo incontrare i ragazzi di strada e per questo non possiamo fare

4 troppo tardi. Verso le 20,30 ci facciamo trovare davanti ad uno snack bar con p. Franco ed immediatamente arrivano tre o quattro street s boys. Si sparge subito la voce ed in un secondo ci vediamo attorniati da una cinquantina di ragazzi e ragazzini, alcuni davvero giovanissimi, addirittura di 8 e 9 anni. Saltano al collo di p. Franco e lo abbracciano; salutano anche noi stringendoci la mano e ringraziandoci preventivamente. Il gestore del locale, Elaiza, che per il capo diventa subito Eligio, autorizza l ingresso dei ragazzi che irrompono sgomitando e spingendosi per raggiungere un posto. Ordiniamo salsicce, patatine, ketchup e bibite e fatichiamo un po per distribuire il pasto: mani che ci bloccano, voci che ci chiamano, c è un po di confusione, ma riusciamo ad accontentare tutti. Anticipiamo ad Eligio che domani sera ritorneremo e concordiamo con Alex, il portavoce dei ragazzi, che la cena di domani sera sarà riservata ai più piccoli. Rientriamo senza altre distrazioni perché domani dobbiamo alzarci presto: don Olivo andrà al Nord con p. Franco, mentre noi abbiamo una settimana di fuoco che ci aspetta. Ciò nonostante, ci fermiamo un po nel nostro salottino all aperto per confidarci le impressioni su questo primo giorno keniano: don Olivo si è già fatto un idea della miseria e della disperazione che affligge gran parte della popolazione, Flavio ha sperimentato sul posto quanto gli era stato riferito dai volontari che lo hanno preceduto. Per consolarci mangiamo caramelle e un po di frutta: il capo passion fruits, don Olivo ed io mango, Flavio solo banane perché il mango non gli piace. Ora però è davvero tardi: una doccia salutare e buonanotte. LUNEDI E l alba e don Olivo parte con p. Franco per Maralal e le missioni del Nord; per un paio di giorni ci lasceranno orfani del loro appoggio morale e spirituale. Noi invece, verso le 7, ci ritroviamo nel traffico di Nairobi diretti a Kahawa. Il capo sembra essere perfettamente a suo agio fra matatu che ci sfrecciano ai lati, biciclette stracariche di masserizie, pedoni a destra e a sinistra, camion euro 0 meno meno e pullman puzzolenti ma artisticamente decorati. Abbiamo una Toyota Rav blu con il cambio normale, cioè non automatico, cioè più consono al nostro driver che, forse, questa volta, non avrà problemi con il freno a mano; è quasi nuova, c è anche il lettore CD ma non riusciamo ad infilare il CD che abbiamo comprato dopo la messa di ieri, c è anche la radio ma non riusciamo a sintonizzarci sul giornale radio. La teniamo accesa, però, perché ci fa compagnia; Flavio vorrebbe cambiare canale, ma è il boss che decide cosa si deve ascoltare. Così, allietati da musica similaraba, arriviamo alla scuola Vendramini, sede dei lavori che abbiamo programmato per questa trasferta. Ci viene incontro suor Paola che ci presenta la signora Jane, ingegnere, incaricata della costruzione dei campi. Il boss le spiega che vogliamo realizzare un campo da pallavolo, uno da pallacanestro ed uno per il calcio e che i primi due devono essere cementati; le chiede se è in grado di soddisfare le nostre richieste ed, in caso positivo, di proporci un preventivo. Intanto arriva Nancy con le vettovaglie: ha immaginato che siamo partiti da Westlands senza colazione e così ci ha portato caffè, biscottini e banane. Per fortuna niente mango, Flavio può stare tranquillo. Dopo esserci rifocillati, riprendiamo le trattative. Jane assicura di poter realizzare il lavoro e, nel giro di mezz ora, ci presenta un preventivo di scellini. Il capo, che crede di essere al mercato, comincia a contrattare: mette sul piatto il lavoro di preparazione già effettuato e quello che intendiamo fare in questi giorni, sollevando l impresa da un bel po di impicci. L ingegnere ammette che un po di aiuto non guasterebbe e concordiamo per , cioè circa e due mesi per la fine lavori. Rivediamo insieme il contratto punto per punto e ci accorgiamo che non è stata inserita l illuminazione, ma forse è colpa nostra perché non l avevamo fatto presente. Tuttavia bisogna prevederla e dunque è necessario aggiungere i costi per i pali della luce, i fari e l allacciamento. Siamo d accordo, ora bisogna cominciare. Sul terreno ci sono già operai e

5 Maasai L ultima fatica del Marco Scalfi Suswa Deep Sea

6 gli street s boys di Westlands in fila in attesa della cena sempre più piccoli finalmente si mangia

7 mezzi, non resta che rimboccarci le maniche e partire. Certo, se ci fossero l Achille e il Marco Noi abbiamo assunto 5 operai mentre Jane ne ha portati una quindicina. Incarichiamo Francis Kibera (il factotum della Vendramini) di procurare il pasto ai nostri, mentre per gli altri provvederà Jane. Arriva p. James che, considerata l ora, ci invita a pranzo in parrocchia. Un salto veloce, mangiare di corsa e poi di nuovo al campo. Mentre fervono i lavori di preparazione dei livelli e Jane osserva meravigliata il prezioso strumento che il capo ha portato dall Italia (si tratta di un livello al laser che l ingegnere non ha mai visto), arriva Lucy, l infermiera che stiamo aiutando nel suo percorso scolastico: ci informa che sta per iniziare l ultimo modulo del corso di specializzazione. Le consegniamo il necessario per l iscrizione e le relative tasse. Pregandoci di salutare tutti ed in particolare Elena, ci ringrazia e se ne va con l impegno di farci avere la ricevuta della scuola appena possibile. Intanto, al campo, non ci si ferma un momento: sotto il sole cocente vanno e vengono camion di sassi e terra (questi hanno il cassone ribaltabile, cosa vi siete persi voi che siete restati a casa!). Vengono in visita suor Paola e suor Maria Antonietta: la prima è immediatamente catturata dal capo che ha bisogno di un interprete efficace, mentre la seconda si ferma con me in ufficio a parlare. Le racconto di Lucy, dell amicizia che ci lega dai tempi del dispensario di Suswa, della sua serietà, del suo amore per i poveri e gli ammalati; le spiego che la stiamo sostenendo finanziariamente affinché possa completare il corso di specializzazione che la porterà a conseguire una specie di laurea. Fino ad oggi si è sempre applicata con profitto e quest anno terminerà gli studi. Suor Maria Antonietta elogia la nostra scelta e mi riferisce che la scuola frequentata da Lucy è una delle migliori del Kenya, molto selettiva e di grande preparazione: se la ragazza supera tutti gli esami significa che è davvero brava. La cosa non può farmi che piacere e mi conforta sapere che questa volta abbiamo scommesso su qualcuno per cui vale la pena. In questo caso però il merito è tutto di Elena che ha visto subito in lei una persona capace, responsabile e coscienziosa. Poi la sorella mi chiede di accompagnarla a vedere i lavori ed uscendo incrociamo Flavio che di corsa si precipita in ufficio: ha un calo di zuccheri, ha bisogno di sostentamento. Abbiamo portato dall Italia delle caramelle che avrebbero dovuto essere per i bambini; in realtà se le stanno mangiando i due Armani ed a nulla valgono le mie rimostranze. Sono sicura che se ci fosse stato il Marco avrei avuto un po di aiuto; dall Achille no, lui avrebbe aiutato il suo coetaneo...per frenare il continuo stillicidio arrivo al punto di contarle e segnare sui sacchetti il numero esatto, ma non c è niente da fare, come giro l occhio, si volatilizzano sottratte da mani furtive anche se facilmente identificabili. Ciò nonostante consegno la chiave dell ufficio a Flavio perché possa effettuare il solito prelevamento ma gli chiedo di segnare il numero delle caramelle intascate, anche se so che il mio appello è già caduto nel vuoto. Con suor Maria Antonietta facciamo un giro al campo; attraversando il cortile della scuola le riferisco che è nostra intenzione collegare la scuola con i campi attraverso una rampa da realizzare a lato dei servizi igienici dove ora è accatastata la legna per la cucina. In un primo momento si era pensato ad una scala, ma poi - in accordo con suor Paola - abbiamo ritenuto più idonea una rampa. Approfittando della presenza della ruspa, domani si darà inizio all opera. Suor Maria Antonietta si congratula con noi per ciò che stiamo facendo e si augura che la nostra amicizia duri nel tempo. Sono le 7, il sole è calato, è quasi buio anche perché il cielo è nuvoloso; gli operai stanno andando a casa. Salutiamo Jane che ormai ascolta solo il capo che è abbastanza soddisfatto di come sta procedendo il lavoro. Torniamo alla Consolata per la cena. Più tardi dobbiamo incontrarci con i ragazzi di strada ai quali l abbiamo promesso. Difatti troviamo Alex con una quarantina di piccolini che, in fila ordinatamente, ci stanno aspettando. Salutiamo Eligio, di cui ormai siamo amici, e facciamo entrare i bambini che prendono posto senza litigare; devo dire molto più bravi dei loro compagni più grandi. Ordiniamo per loro le solite salsicce con patatine e ketchup ed una bibita e poi tutti a dormire. Promettiamo ad Alex che torneremo domani sera, ancora solo per i più piccoli. Piove. Torniamo alle nostre stanzette. Flavio scopre un geco sulla tenda ed organizza una caccia serrata alla bestia: prima lo fotografa e

8 poi ci chiede di aiutarlo a farlo uscire. Il geco corre sul muro, spaventato per tanto clamore, ma sembra non voglia lasciare la stanza; da parte sua, Flavio non intende andare a letto sapendo della presenza dell animale e così dà inizio ad una lotta senza quartiere, spostando il letto (a castello e posticcio) e muovendo furiosamente le tende; recupera il mocio che avevamo comprato l anno scorso per la stanza dei Troggi (attualmente occupata dal Flavio) e sventolandolo a destra e a manca spera in questo modo di indirizzare il geco verso la finestra aperta. Prova a parlargli in inglese (finalmente abbiamo al seguito qualcuno che si fa capire!), ma probabilmente la bestia conosce solo lo swahili e così continua a scorazzare sulle pareti indifferente ai nostri sforzi linguistici. Il capo - incurante della battaglia - ci abbandona al nostro destino e se ne va a dormire, mentre Flavio ed io ci occupiamo del mostro. Finalmente riusciamo nell intento e dopo accurata perquisizione il ragazzo si convince che non c è più nulla da temere; avvolgendosi nella zanzariera, va a dormire. Anche stasera abbiamo fatto tardi. Piove ancora ed intensamente, chissà dove sarà don Olivo e come starà; non abbiamo sue notizie da questa mattina: non riusciamo a contattarlo al cellulare e p. Franco non risponde. MARTEDI Sono le 7 e partiamo per Kahawa senza colazione. Il cielo è nuvoloso ma non piove più. Solito traffico, solite buche, soliti incidenti. Al campo splende il sole e gli operai ci stanno aspettando con Jane che ci preannuncia l arrivo della ruspa per il pomeriggio. Anche oggi i nostri sono 5 e quelli assunti dall ingegnere 20. Mentre il capo e Flavio riprendono il lavoro di livellamento, vado con Francis Kibera a comprare del legname: non sarebbe un lavoro da donne, ma, visto che sono qui Nel frattempo arriva Nancy con caffè, focaccine e banane. Ormai sa che a Flavio non piace il mango. Breve sosta per la colazione e poi di nuovo al lavoro. Come ieri consegno a Francis il denaro per acquistare il pranzo ai nostri operai, mentre per gli altri ci pensa Jane, come ieri. Il sole è cocente e Flavio, che tanto al mare non mi scotto mai, è già bruciato. Anche il capo è tutto rosso e per fortuna che, oltre alle caramelle, ho portato la crema! E l una e siamo invitati a mangiare da suor Paola che ci fa trovare pastasciutta, carne, verdure, banane e mango. Suor Maria Antonietta dispensa consigli su come ripararsi dal sole equatoriale, tipo metti una camicia con le maniche lunghe, ma forse è troppo tardi. Raccontiamo alle sorelle della battaglia di ieri sera con il geco e veniamo a sapere che invece dovevamo tenerlo in stanza perché mangia le zanzare; in pratica se ci sono gechi non ci sono zanzare. Saperlo prima! Ma Flavio ribadisce che lui non vuole animali in camera ed è contento che se ne sia andato. Proviamo a contattare p. Franco e don Olivo, ma ancora niente. Riprendiamo subito il lavoro: al campo ci aspetta la ruspa e, sulla ruspa, il tipo dell anno scorso che ci chiede di Achille. Jane è stata di parola, ha detto nel pomeriggio arriva la ruspa e così è stato. Visto, le donne? Vado a prendere da bere per tutti perché il caldo è davvero soffocante. Che tempo fa a Tione? Ah, nevica Breve sosta per dissetarsi e poi di nuovo avanti con i livelli. Il ruspista parte più gasato che mai e per tutto il pomeriggio scava senza sosta su tutto il terreno. Forse esagera anche un po perché distrugge al suo passaggio più della metà dei paletti sistemati con tanta precisione per le quote di livello; della serie: far e desfar l è tut en laorar. Il boss cerca di farsi sentire, ma il suo inglese non è quello del Flavio e riesce solo a confondere gli operai che già hanno difficoltà a capire cosa stiamo facendo. Provvedo a pagare Daniel, uno dei nostri operai, che ha trovato un impiego più duraturo fuori città e, per questo, ci lascia. Siamo dispiaciuti da un lato, perché era uno di quelli bravi che avevamo assunto l anno scorso, ma dall altro siamo contenti per lui; al momento di andare via, ricordando il lavoro fatto nel 2008 ci ringrazia e ci chiede di salutare tutti in Italia.

9 si lavora! suor Paola, l interprete via la legna per far posto alla rampa

10 E ormai sera e, congedati i lavoratori, torniamo alla Consolata per la cena. Lungo la strada, su una bancarella, Flavio vuole acquistare una camicia con le maniche lunghe. Questa è bella, è di puro cotone, ma è un po piccola per te; fa niente, la prendo. How much? 200 scellini. Interviene il capo: ma siete matti? E troppo, facciamo 150! Ma ti pare il caso di contrattare 2 euro di camicia? Da queste parti si usa così. Va bene 150. E fu così che Flavio acquistò una bellissima camicia a maniche lunghe per la considerevole somma di 1 euro e mezzo. Arrivati in mensa, mangiamo in fretta e poi dai ragazzi di strada. Sono tutti là in fila lungo il muro dello snack bar; Alex ci viene incontro e ci indica il posteggio interno. Il responsabile della sicurezza ci apre il cancello e parcheggiamo al sicuro. Anche stasera sono una cinquantina i piccoli in attesa sulla strada ed anche stasera il nostro amico Eligio li fa entrare. Mangiano tutti di gusto e poi, ordinatamente, come sono arrivati, vanno via. Alex ci presenta un suo amico ammalato e ci chiede se possiamo aiutarlo ad acquistare le medicine necessarie. Soddisfiamo la sua richiesta ed andiamo a dormire, non prima di aver perquisito ben bene la stanza di Flavio alla ricerca di gechi.. Non abbiamo notizie di p. Franco e don Olivo che dovevano tornare stasera e non sono arrivati. Piove. MERCOLEDI Partiamo prima delle 7. Colazione da suor Paola, poi subito al campo. C è un po di fango per la pioggia caduta nella notte, ma ora splende il sole e presto sarà asciutto dappertutto. Oggi c è da togliere la terra esistente che non va bene, spargere quella giusta e posizionare - per i campi di pallavolo e basket - la massicciata (che qui si chiama hardcore, ma che noi ribattezziamo subito hard rock per essere più vicini alle preferenze musicali del Flavio). Abbiamo assunto un altro operaio e più tardi si presenta Yvonne, una delle due ragazze dello scorso anno, che ci chiede di poter lavorare; indossa la maglietta della Onorati - Calcestruzzi, Inerti, Scavi come raccomandazione. La accontentiamo. Il sole picchia sempre di più. Come nei giorni precedenti abbiamo anche oggi la compagnia di p. Evaristo che passeggia avanti e indietro tutto il giorno dando indicazioni di qua, consigli di là, il più delle volte in contrasto con le direttive del boss, con il risultato di complicare ancor di più la già difficile situazione linguistica. Meno male che abbiamo il Flavio che, essendo il figlio del capo, ha più voce in capitolo dell Evaristo. Arriva di gran carriera suor Paola: ci porta la bella notizia che i nostri due desaparecidos sono rientrati sani e salvi dalla trasferta al nord e nel pomeriggio verranno a farci visita. Ci invita a pranzo, ma noi siamo già impegnati con p. James che vuol farci conoscere un missionario italiano, p. Lorenzo Cometto, che gestisce una comunità dove hanno trovato rifugio ragazzi di strada. Incarico Francis del pranzo per i nostri 6 operai, mentre Jane si arrangia con i suoi. Il boss, Flavio, p. Evaristo ed io ci rechiamo al Jambo Grill, un ristorante lì vicino, dove ci aspettano p. James e p. Cometto. Peccato che l Evaristo non conosca la strada e perdiamo un bel po di tempo prezioso prima di raggiungere il locale; pensare che se ci avesse detto che si trova vicino al Nakumatt che è stato distrutto l avremmo trovato subito! E un self service e possiamo scegliere fra carne di non si sa cosa, verdure non meglio identificate, un impasto di farina che qui chiamano polenta, banane, ananas e mango. Il capo mangia di tutto, io banane, ananas e mango, il Flavio banane e ananas. Ascoltiamo p. Cometto che ci parla in stereo della sua comunità comunità comunità.. (Da suor Maria Antonietta abbiamo saputo che due o tre anni fa, a causa di un aggressione per rapina, il missionario ha subito gravissime lesioni tanto che si era temuto per la sua vita; poi si era ripreso ma gli è rimasta una certa difficoltà di espressione: in pratica ripete più volte la stessa parola e così un discorso di cinque minuti dura in realtà almeno dodici.)

11 senza un attimo di sosta... Flavio che crede di essere al mare W la ruspa

12 Ci invita a visitare il suo centro centro ma gli facciamo presente che per oggi non è proprio possibile, forse in uno dei prossimi giorni giorni. Nel tornare alla Vendramini ripassiamo l elenco delle cose ancora da fare: parlare con Gianfranco Morino, Marcella e Sergio Passadore per il Neema, ci serve un pomeriggio; andare ad Isiolo ed Archer s Post per i Fratelli di madre Teresa di Calcutta e gli asili, quello da realizzare e quello realizzato, ci servono due giorni; incontrare suor Rosa a Njeri e vedere il centro delle suore elisabettine a Nanyuki (o lì vicino), forse ci stiamo nei due giorni di Isiolo; visitare il dispensario di suor Maria Antonietta ed incontrare i due gruppi che stiamo sostenendo, il Bethania ed Oasis of Hope, ci serve un altra mezza giornata; avere un momento per Mary e Nancy: la prima l abbiamo sentita solo per telefono, la seconda appare ogni mattina con la colazione e scompare subito dopo senza che possiamo parlarle; andare a vedere l asilo di Kamae, la scuola di Kiwanja ed adesso anche il centro di p. Cometto, oltre - naturalmente - a portare avanti i lavori dei campi sportivi a Kahawa. Con tutto questo, il capo propone di ritagliarci un fine settimana per una gita al Masai Mara, uno dei parchi nazionali del Kenya. Come se avessimo un mese a nostra disposizione! Torniamo alla Vendramini e suor Maria Antonietta ci annuncia che alle 5 è fissato un meeting fra noi per fare il punto della situazione. Ecco, questo appuntamento ci mancava Intanto i nostri operai hanno tolto tutta la catasta ammassata a lato della cucina e la ruspa ha già cominciato a sistemare la terra per la realizzazione della rampa. I magnifici 6 sembrano molto indaffarati con la legna, ma in realtà si imboscano spesso con la scusa di dover portare le assi dietro alla baracca di lamiera: in effetti lì c è un po d ombra Adesso la ruspa serve sui campi e quindi i sassi per la rampa devono essere spostati a mano. Sì, ma non un sasso alla volta, per piacere! Il meeting delle 5 è continuamente interrotto, ma riusciamo almeno a parlare delle fatture del dispensario ed a chiarire il nostro impegno per quanto riguarda i due gruppi affetti da Aids. E evidente che ci serve ancora del tempo per completare il quadro e parlare dell asilo di Kamae. Alle 6, accompagnati da p. Bianchi, vengono a trovarci p. Franco e don Olivo, freschi reduci dalla capatina al nord. Per prima cosa se ne sentono quattro perché ci hanno lasciato senza notizie per due giorni e, considerati i chiari di luna, anche nella preoccupazione: si racconta, e sono fatti veri, che su di là giornalmente si verificano attacchi ed aggressioni. Ed infatti i nostri ci confermano che poco dopo il loro passaggio in una zona pericolosa alcuni briganti hanno assalito un gruppo depredandolo. E noi, qui, senza sapere niente! Ma bravi! Colpa dei cellulari, non si riceveva e non riuscivamo a trasmettere, ci riferisce il superiore generale, e dobbiamo credergli sulla parola. Don Olivo è comunque soddisfatto della gita, anche se si è sobbarcato migliaia di chilometri su strade non perfettamente asfaltate e con un caldo quasi insopportabile. Mostriamo il lavoro fatto e spieghiamo quello che dovremo fare ed incassiamo i complimenti che, per la verità, sono diretti esclusivamente al boss, come se Flavio ed io non avessimo fatto niente! Ma dico, ci meriteremmo un po più di considerazione solo per aver sopportato quei Vedet n do che te mete i pe? o quei Me scoltet quan che parlo o no? oppure Finighela de perder temp e tirè quel spac!. Il sole è calato e gli operai se ne vanno a casa. Noi siamo ospiti di suor Paola e suor Maria Antonietta per una cena in compagnia. Mangiamo squisitezze e beviamo vino (non tutti) e, per finire, banane e mango (non tutti). Telefoniamo al Marco Troggio perché è il suo compleanno e gli raccontiamo cosa stiamo facendo senza di lui. Sono le 9 passate ed è ora di tornare alla Consolata. Lungo la strada superiamo una fila di uomini che a due a due procedono sul ciglio; incuriositi guardiamo meglio...sono incatenati e quei 3 o 4 al fianco sono armati di mitra... sono soldati! Cosa sta succedendo? Oh, niente di particolare, sono alcuni carcerati della vicina prigione che tornano in cella dopo una passeggiata serale. E con questo abbiamo visto di tutto. Arriviamo verso le 10. Siamo più sporchi del solito e stanchi, è tardi e questa sera non andiamo dai ragazzi di strada, ma li avevamo preavvertiti e dunque sappiamo che non ci aspettano.

13 Flavio acquista la sua bellissima camicia p. Lorenzo Cometto con alcuni dei suoi ragazzi

14 Vorrei lavare un po di roba, ma le braghe e le magliette non ci stanno nel piccolo lavandino del bagno. Il capo mi suggerisce la lavanderia delle suore. Domani faccio il bucato. GIOVEDI Partiamo alle 7. Per la colazione ci aspetta suor Paola. Mi sono portata un po di cose da lavare e scopro che anche il boss ha una borsa di plastica con pantaloni e magliette. Chiedo a suor Paola di poter usare la lavanderia e lei si offre di lavarmi la roba. Ci mancherebbe! Mi accompagna, allora, in lavanderia e lì trovo tutto il necessario; visto che è un lavoro da donne, lavo anche i capi del capo. Il caldo è opprimente già di primo mattino. I nostri 6 operai sono sul posto e aspettano ordini; quelli di Jane stanno sistemando l hard rock sul campo da pallavolo; il ruspista va avanti e indietro, portando terra, spostando sassi, un po sui campi, un po sulla rampa di accesso. I nostri vengono incaricati del lavoro alla rampa, gli altri proseguono con la massicciata. Pare che le cose possano andare avanti bene, quasi senza necessità di supervisione, quando, sul più bello, la ruspa perde olio: qui i bulloni sono un optional; dove dovrebbero essercene quattro, ce ne sono solo due. Quando poi uno si perde, assistiamo ad un convulso spostamento di dadi: togli questo da lì e mettilo là. Il risultato è sconfortante: ora bisogna portare via la ruspa per farla riparare! Così rimaniamo senza mezzo. Inoltre l altro carico di hard rock che stavamo aspettando non arriva. Ci concediamo una breve pausa per un caffè e due biscottini che ci ha portato Nancy. Poi, visto che siamo fermi, approfittiamo del momento di forzato impasse per partecipare all incontro con i gruppi Bethania ed Oasis of Hope presso il vicino dispensario. La sala al secondo piano è gremita di persone alle quali veniamo presentati ufficialmente. Il capo, con la traduzione di suor Maria Antonietta (perché, nonostante la buona volontà, gli manca ancora la padronanza della lingua inglese), conferma il nostro impegno nei loro confronti, impegno che si realizza in sovvenzioni, sempre attraverso il dispensario, per l acquisto di cibo e delle medicine e, dal 2009, anche nel pagamento dell assicurazione sanitaria che permetterà loro di usufruire gratuitamente dei servizi ospedalieri. La notizia è accolta con molto entusiasmo da tutti ed a turno - nel ribadire che la loro situazione è migliorata da quando ricevono regolarmente cibo e medicine - ci ringraziano e ci pregano di estendere la loro gratitudine a tutto il gruppo. Dopo le foto di rito ed i saluti, riceviamo la richiesta di vederci separatamente con il gruppo Oasis of Hope, che in effetti incontriamo nel bungalow del giardino del dispensario. Sono presenti in 26 dei 30 iscritti. Dal discorso del loro leader, Charles, ci rendiamo conto che mal sopportano l idea di passare dall ambulatorio per ricevere gli aiuti, mentre preferirebbero poter gestire autonomamente il denaro che l associazione spedisce. Chiariamo che il nostro referente è solamente il dispensario ed i beneficiari esclusivamente quelli che si rivolgono ad esso. Ribadiamo che siamo a conoscenza dell esistenza di altri sponsor che forniscono contributi e sostegno ad Oasis e, per questo il nostro intervento è indirizzato all acquisto di quei prodotti che altri non possono dare. Sottolineiamo il fatto che la nostra è una piccola associazione che ha molti progetti e che non vuole lasciarne a metà nessuno: vuole finire ciò che comincia e non può permettersi di imbarcarsi in situazioni che sa di non poter gestire. Concludiamo spiegando che nessuno dei nostri volontari ha titolo per impegnarsi formalmente, ma ogni cosa deve essere discussa nel nostro direttivo e le decisioni vengono poi comunicate per iscritto. Sicuramente hanno capito la nostra posizione, ma ci sembra che siano rimasti delusi, più di tutti Charles che, probabilmente, dovendo fare riferimento al dispensario, sente sminuita la sua leadership nel gruppo. Qualche altro invece apprezza l atteggiamento di Africa Rafiki e si dice soddisfatto dell incontro. Torniamo al campo in tempo per incaricare Francis Kibera di procurare il pranzo ai nostri 6 operai, mentre noi con Jane siamo ospiti di p. James alla parrocchia.

15 lavori alla rampa l obbediente Flavio i nostri consulenti spirituali

16 Mangiamo di corsa e poi al lavoro: c è da finire la rampa e la speranza che riportino la ruspa riparata. I nostri operai completano la rampa e quando finalmente arriva la ruspa la facciamo andare a- vanti e indietro per stabilizzare il fondo. Anche le cuoche sono molto interessate ai lavori ed ogni volta che passiamo di lì (praticamente ogni cinque minuti) ci sorridono dimostrando apprezzamento. Durante la ricreazione ed al termine delle lezioni, i bambini corrono al campo per vedere i mezzi in movimento e tutto quel viavai di persone, una novità per loro. Qualcuno addirittura si presenta con carta e matita ed, appoggiato ad un livello (bisognerà rifare anche questo!), disegna la scena. Ecco il camion con l hard rock: il lavoro può riprendere a pieno ritmo. Poiché tutto sta procedendo per il meglio e sono arrivati don Olivo con p. Bianchi, il capo decide di sospendere l attività ed andare a far visita a p. Cometto. O adesso o mai più, sentenzia! Si può forse contraddirlo? Giammai! Via, allora, senza perder tempo, sfrecciando pericolosamente su strade bianche verso la comunità Familia ya ufariji (Famiglia della consolazione). P. Lorenzo Cometto ci accoglie nel vasto prato che circonda la costruzione: ci mostra il laboratorio artigianale dove apprendisti artigiani del legno e del ferro realizzano mobili e strutture metalliche. Proprio qui p. James ha fatto fare le finestre per la chiesa di Kahawa e qui vorrebbe ordinare le porte e le finestre per il nuovo asilo di Kiwanja. Mentre visitiamo la sala mensa, la cucina, il dormitorio, i servizi igienici, la lavanderia, la stalla con le mucche, il campo sportivo, il frutteto e gli orti, p. Cometto ci spiega che la comunità accoglie circa 90 ragazzi, tutti orfani e raccolti dalla strada, ai quali offre vitto e alloggio, vestiario e possibilità di studio. Ha un progetto ambizioso per l immediato futuro: quello di prevedere un programma di formazione professionale che permetta ai giovani di svolgere un mestiere qualificato. Ci sottopone il preventivo per il lavoro all asilo di Kiwanja, chiedendoci di partecipare al progetto. Rispondiamo che la proposta verrà valutata dal nostro direttivo e che gli avremmo fatto sapere. E tardi. Rientriamo alla Consolata per la cena e poi dai ragazzi di strada. Questa sera non facciamo differenze: da mangiare per grandi e piccoli. Ne troviamo 115 e dobbiamo istituire due turni per accontentarli tutti. Eligio, nonostante la confusione, è felice del nostro arrivo e ci regala un sacchetto di patatine ed una bibita per il Flavio che, essendo in fase di crescita, ha bisogno di alimentarsi frequentemente. Ritroviamo l amico ammalato di Alex che ci ringrazia per l aiuto e ci mostra la ricevuta della farmacia dove ha comprato le medicine. Salutiamo tutti perché non sappiamo se riusciremo ad incontrarci ancora: da domani gli impegni si fanno più gravosi ed il tempo è sempre meno. Abbracci e strette di mano e poi a dormire. Nessuna notizia del geco, ma neppure di zanzare. VENERDI Alle 7,15 siamo già a Kahawa, per la colazione da suor Paola, il nostro ristorante preferito. Sulla sedia, all entrata troviamo pronti, già stirati, i pantaloni e le magliette che ho lavato ieri. Grazie! Oggi abbiamo un sacco di lavoranti perché dobbiamo stringere i tempi: ne assumiamo 16 e Jane ne porta 25. Per evitare alcuni disservizi sorti nei giorni scorsi, vado di persona ad ordinare il pranzo, in modo che - al momento opportuno - tutto sia pronto. Al nostro botteghino di fiducia chiedo di preparare 45 sacchetti di mandazi, 45 bibite e 90 banane. Oggi è il giorno dello schiacciasassi che deve pestare ben bene la massicciata in modo da preparare il terreno per la cementificazione. Il capo vuole che si finisca il campo da pallavolo prima di iniziare quello da basket e così si deve fare. Jane ci assicura la presenza della machine idonea, ma quando la vediamo arrivare ci cadono le braccia: si tratta di un piccolo rullo, del tipo usato nei campi da tennis per sistemare la terra rossa, un giocattolo! Che si fa? Pazienza, accettiamo quello che passa il convento. Intanto suor Paola ci informa che la scuola ha preparato una festicciola di ringraziamento e ci vuole in divisa a mezzogiorno nel cortile. Proprio in divisa, perché il boss, quest anno, ha pensato di procurarci delle magliette polo, color deserto tipo erg dopo un temporale, con il logo dell associazione.

17 sotto con la massicciata incontro con i gruppi Bethanya ed Oasis of Hope

18 Sono belle; ne abbiamo in dotazione due per ciascuno e le possiamo indossare solo nelle occasioni ufficiali. Oggi è una di queste. Prima però dobbiamo ritagliarci un po di tempo per fare un salto all asilo di Kamae. Va bene, tanto qui non si possono fare programmi. Ci portiamo un po di caramelle che sono riuscita a salvare dal saccheggio. L asilo è bello e ben tenuto; i bambini sono felici di vederci e molti ci chiedono di Manuel che, nell ottobre scorso, è stato qui a lavorare. Se lo ricordano tutti e tutti con grande affetto. Suor Paola ci fa notare che la mensa è troppo piccola e vorrebbero spostarla nella sala più grande, al momento inutilizzata; poi ci sarebbe la cucina ad oggi i pasti arrivano ancora col carretto dalla Vendramini. Prendiamo atto delle richieste e promettiamo interessamento anche se la decisione finale spetta sempre al direttivo. Le insegnanti ringraziano e ci salutiamo. Dobbiamo tornare alla scuola dove ci stanno aspettando. Quasi quasi ci perdiamo Flavio che, sommerso dai bambini, non riesce a guadagnare l uscita. Camminando con i bimbi letteralmente appesi alle braccia, raggiunge a fatica il cancello e finalmente può salire in macchina. Arrivati alla Vendramini, prendo la mia carriola e con l aiuto di Flavio vado a recuperare il pranzo per gli operai. Trovo tutto già preparato, carichiamo e torniamo al campo, dove veniamo subito circondati dagli operai ai quali consegniamo il pasto. Sono tutti soddisfatti e ci ringraziano, chissà cosa hanno mangiato nei giorni precedenti. Mentre i lavoranti fanno la pausa pranzo, il capo, Flavio, don Olivo ed io ci presentiamo, puntuali ed in divisa, nel cortile della scuola. Suor Paola fa gli onori di casa: ci presenta agli insegnanti ed ai bambini ai quali spiega nel dettaglio i lavori che stiamo facendo. Seguono canti e balli e scambi di doni: noi caramelle (quelle che, per precauzione, avevo imboscato), loro due corde ad indicare il legame che ci unisce e tre disegni fatti dai bambini e raffiguranti la ruspa al lavoro ed una partita di calcio. Un discorso del direttore, uno del boss, applausi, ancora ringraziamenti e Flavio che riprende tutto con la telecamera del Mimmo. E quasi l una e le sorelle ci aspettano per il pranzo. Pasta, verdure, uova e mango. Povero Flavio, niente banane! Però, dopo una settimana, potresti provare il mango Suor Maria Antonietta insiste e lui prova un bocconcino piccolo, solo per assaggiare però... non è cattivo, anzi! Posso averne un altro pezzo? Ah, queste giovani generazioni! Durante il pasto, facciamo il punto della situazione. Abbiamo ancora un sacco di cose da fare e domani è già sabato. Quella che non possiamo assolutamente tralasciare è la trasferta ad Isiolo ed Archer s Post; ma ci vogliono due giorni ed il capo non può abbandonare il lavoro alla Vendramini. Decidiamo di ridurre di un giorno, abbandonando l idea di andare a vedere il nuovo asilo di Archer s Post e chiedendo a p. Joshua di scendere ad Isiolo. Tuttavia anche un giorno è importante in questa fase dei lavori ed il boss affida a me l incarico. Chiedo a don Olivo se gli fa piacere accompagnarmi, visto che ormai è diventato un vagabondo, e mi risponde di si. Mi sento un po a disagio per via della lingua, ma Flavio deve restare in aiuto del papà. Chiedo a p. Bianchi pur rendendomi conto che per lui, quel viaggio, in una sola giornata, potrebbe essere davvero pesante. Mi risponde: Se non muoio stanotte, vengo volentieri. E fatto così. Sono molto più sollevata e fissiamo per domani la gita al nord. Riprendiamo il lavoro al campo: dobbiamo spargere la sabbia sopra i sassi pressati dal rullo. Vado con la mia carriola a prendere le bibite, perché il caldo si fa sentire. Arriva Lucy, la nostra infermiera, e mi porta le ricevute dell iscrizione all ultimo anno. Baci e abbracci e ancora saluti ad Elena. Più tardi provvedo alla paga dei nostri 16 operai e, verso le 7, facciamo rientro a Westlands. Una doccia veloce e poi in città a cenare con Marco che domani rientra in Italia. Mangiamo una super pizza al Mediterraneo e Marco ci informa di aver completato i servizi igienici al Maasai. Ci dice anche che p. Marino, il parroco di Westlands, ha intenzione di far ricostruire lo slum, abbattendo le vecchie baracche e realizzando nuove costruzioni.

19 i bambini della Vendramini disegnano i lavori Familia ya Ufariji - la comunità di p. Lorenzo Cometto

20 La cosa ci fa piacere, speriamo che sia vero. Intanto, docce e toilets sono a posto. Salutiamo Marco, che deve tornare in collegio entro le 10, e riprendiamo la strada della Consolata. Per strada il capo ci dice che domenica e lunedì si va al Masai Mara, ha già deciso e non vuole discussioni. Silenzio e nessuna discussione. Domani, tanto per cambiare, dobbiamo alzarci presto. SABATO Sveglia alle 5,30 perché parto alle 6. Il boss e Flavio dormono un oretta in più. Fuori è ancora buio; sul piazzale trovo don Olivo, p. Bianchi e Joseph, l autista, pronti per la trasferta. Abbiamo a disposizione una macchina di lusso, col cambio automatico. Carichiamo i quattro borsoni di coperte, vestitini, penne e matite e via, nella notte di Nairobi, a fari spenti, come tutti. Io credo che Battisti si sia ispirato al traffico notturno di Nairobi per scrivere la sua Emozioni : e guidare come un pazzo a fari spenti nella notte, è proprio così, uguale! Tuttavia usciamo dalla città senza incidenti e, casualmente, vista l esperienza dello scorso anno, butto un occhio sul quadro dei comandi e, con orrore, noto che tutte le lucette rosse sono accese. Con una certa delicatezza, perché sono una donna e pertanto non mi intendo di motori, faccio presente l anomalia a Joseph il quale, nella massima tranquillità, mi rassicura dicendo che si tratta di una irregolarità del computer ma che funziona tutto a meraviglia. Anche l anno scorso qualcuno aveva dato una risposta simile mah! Speriamo. In effetti il viaggio prosegue nel migliore dei modi, addirittura ci sono dei lunghi tratti di strada riasfaltati di recente. Nella prima luce del mattino attraversiamo piantagioni di caffè e savana, città e villaggi di pastori, incontriamo capre, pecore, mucche e dromedari. Ci fermiamo solo un momento per qualche foto: il monte Kenya e poco più avanti la targa che indica il punto in cui passa la linea dell equatore. Poi proseguiamo velocemente, l appuntamento col Vescovo di Isiolo è per le 10,30. Arriviamo in parrocchia alle 10,20 e p. Anthony è già lì che ci aspetta. Ci offre un caffè e poi, con il parroco p. James, parliamo dei nostri progetti. Rispettando le rigide direttive del capo, mi scuso per l assenza del presidente, occupato con i lavori a Kahawa e confermo ufficialmente il nostro impegno per la realizzazione dell asilo di Kiwanjani. Chiarisco le modalità per la fatturazione ed anticipo che è nostra intenzione effettuare periodiche visite durante i lavori di costruzione, aspetto questo che il Vescovo - che parla italiano - accoglie con gioia. Mi assicura poi che quanto prima (questione di giorni) avrebbe contattato l impresa e si sarebbe impegnato in prima persona affinché l opera possa cominciare subito. Ribadisco che pretendiamo il rispetto delle tre condizioni poste a suo tempo, e cioè che oltre alla partecipazione di Africa Rafiki sia confermata quella della parrocchia e della gente. Il Vescovo, garantendo il sostegno della parrocchia, sottolinea che gli abitanti della zona hanno accolto molto favorevolmente la richiesta di partecipazione ed hanno cominciato subito a darsi da fare: è sorto il Comitato per lo Sviluppo, costituito esclusivamente da gente del posto, che lavora già attivamente; per esempio, ha provveduto a riparare la profonda crepa nella chiesetta vicino all attuale asilo che avevamo visto l anno scorso; uno dei componenti, proprietario di 5 acri di terreno poco distante dall attuale asilo, ha donato 3 acri per la costruzione della nuova nursery. Dopo la consegna al Vescovo di un pezzo di formaggio grana portato dall Italia, accompagnati da p. James, andiamo a visitare l asilo. Sul posto incontriamo i rappresentanti del Comitato per lo Sviluppo ai quali ribadisco quanto già riferito al Vescovo, grazie alla collaborazione di p. Bianchi che traduce simultaneamente parte in inglese e parte in swahili. Ci ringraziano, confermando che la gente è felice e disponibile a collaborare. E l una e trenta. Il Vescovo non può trattenersi più a lungo ed allora con p. James ci spostiamo per il pranzo nel vicino ristorante, lo stesso dell anno scorso. Ho il sospetto che sia l unico. Ci raggiunge p. Joshua da Archer s Post. Parliamo del nuovo asilo, ormai completato e funzionante e per il quale Africa Rafiki si è impegnata con Mi consegna la documentazione

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli