ISTRUZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DEL REPORT

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTRUZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DEL REPORT"

Transcript

1 Corso di Laurea in Statistica Insegnamento di Statistica Economica a.a Docente Fabrizio Cipollini ISTRUZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DEL REPORT

2 INDICAZIONI GENERALI Il report è necessario Gli studenti del corso di Statistica Economica devono redigere un report scritto contenente l'analisi statistica di una time series, preferibilmente di natura economica, da svolgersi mediante uno o più dei metodi di analisi studiati durante il corso. Non è possibile sostenere l esame senza il report: esso fa parte integrante della valutazione e viene discusso durante il colloquio orale. Il report è uno strumento per verificare le conoscenze acquisite; imparare a interpretare i risultati delle elaborazioni statistiche; imparare ad impostare un piccolo lavoro di reportistica per trasmettere a terzi i risultati delle proprie analisi in modo chiaro e corretto. Tempistica Chi spedisce la relazione al docente almeno 10 giorni prima dell esame può usufruire di una (e una sola) correzione pre esame : in presenza di errori 'gravi' la relazione verrà rispedita (con le dovute osservazioni) allo studente, che la potrà correggere in vista del colloquio. Esempio: se si vuole la correzione e l esame è lunedi 20, la relazione deve pervenire entro le 8.30 di lunedi 10. Per le relazioni pervenute successivamente non è garantita la correzione pre-esame. La relazione va comunque spedita entro 4 giorni dalla data dell esame. Esempio: se l esame è il giorno 20, la relazione deve pervenire entro le 8.30 del giorno 16.

3 ISTRUZIONI Il report può essere redatto: da un singolo studente o da un gruppo di due studenti in italiano o in inglese Prima pagina Sulla prima pagina devono essere riportati: titolo: Report di Statistica Economica (o equivalente in lingua inglese); generalità dello/degli studente/i: cognome, nome, numero di matricola, corso di laurea, anno di corso; data di consegna. Non utilizzare il logo dell Università degli Studi di Firenze. Formato Il report deve essere scritto in font times o times new roman, dimensione 11. Le pagine devono essere numerate con margini 2, 2, 2, 2 (misure in in cm). Il report non deve eccedere le 20 pagine in caso di singolo studente, le 35 pagine in caso di due studenti (tabelle e figure incluse). Dati e contestuale segnalazione studenti La serie è scelta dallo studente in base ai propri interessi. Può essere scaricata dal sito dell'istat, dal sito dell'oscd, da FRED da Yahoo Finance, o da qualsiasi altra fonte. Occorre tuttavia rispettare i vincoli di cui ai tre punti successivi. I dati devono essere preferibilmente di natura economica (quantità, prezzi, indici, etc.) ma è possibile utilizzare altri dati (dati sul cambiamento climatico, dati di tipo geologico o paleontologico, etc.). La serie utilizzata deve avere almeno 150 osservazioni. Non è possibile utilizzare serie già analizzate in altri lavori, comunque pubblicati (articoli, libri, pagine web) né serie incluse in pacchetti di R. Non è possibile utilizzare serie simulate. Prima di iniziare il lavoro, lo studente deve inviare la serie al docente indicando i nomi degli studenti (uno o due) che la analizzano. Una volta ottenuta l'approvazione da parte del docente lo studente può iniziare il lavoro. (La disposizione non ha intento coercitivo: serve solo ad intervenire prima che lo studente perda tempo con dati che non rispettano i requisiti). Elaborazioni Per le elaborazioni è obbligatorio utilizzare il software R. Consegna al docente Report, dati utilizzati e programmi vanno spediti a 1. riportando come oggetto dell' la dicitura STATEC relazione;

4 2. allegando un file zip contenente report (in formato pdf), dati (in formato txt, csv, xls o xlsx), programmi (in R). Lo zip deve essere denominato con il cognome o i cognomi dei relativi studenti (Esempio: Rossi.zip oppure Bianchi_Rossi.zip)

5 SUGGERIMENTI Le righe che seguono non vogliono imporre uno stile alla relazione ma fornire alcuni suggerimenti per agevolarne la stesura, visto che spesso lo studente affronta questo compito per la prima volta. Una possibile sequenza espositiva è la seguente: Obiettivo dell analisi: descrizione del fenomeno analizzato, scopo dell'analisi (Semplice analisi conoscitiva? Confronto con altri lavori? Previsione?). Descrizione dei dati: fonte, indirizzo web da cui si sono scaricati, metodo di rilevazione, unità di misura, riferimento temporale, cadenza, numerosità, ecc... Analisi preliminari: analisi grafica, indici statistici, eventuali trasformazioni. Qualora l applicazione preveda l utilizzo dei modelli ARMA/GARCH, la serie va ricondotta alle ipotesi di lavoro. Applicazione: si applica alla serie la metodologia prescelta (o più di una) e si interpretano i risultati delle elaborazioni. Se, ad esempio, l obiettivo della relazione include anche la previsione della serie e si sono fatte previsioni ex post, si può aggiungere l analisi della capacità previsiva del metodo utilizzato. Non debbono essere descritti tutti i passi e i tentativi effettuati (tranne, al più, qualcuno particolarmente importante) ma solo il prodotto finale. Conclusioni: si riassumono i punti principali affrontati nella relazione e si discutono brevemente i risultati. Se possibile, si può fare una riflessione critica sull adeguatezza del metodo utilizzato, proponendo ulteriori sviluppi. Le tabelle e i grafici che accompagnano il testo vanno adeguatamente commentati: i titoli (in italiano) vanno numerati, così da poterli richiamare durante l esposizione. Dati e programmi non vanno riportati nel testo. Il report deve essere scritto con un linguaggio corretto.

Linee guida per la stesura RELAZIONE FINALE di TIROCINIO

Linee guida per la stesura RELAZIONE FINALE di TIROCINIO Linee guida per la stesura RELAZIONE FINALE di TIROCINIO Premessa Il tirocinio rappresenta per lo studente un occasione importante per venire a contatto con il mondo del lavoro, frequentando aziende/enti

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

PROCEDURE PER RICHIESTA E DISCUSSIONE TESI Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza

PROCEDURE PER RICHIESTA E DISCUSSIONE TESI Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza PROCEDURE PER RICHIESTA E DISCUSSIONE TESI Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza Gli studenti che intendono richiedere l assegnazione della tesi di laurea sono tenuti a consultare

Dettagli

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE Economia aziendale Classe 84/S, Economia aziendale e management Classe LM 77, Economia aziendale quadriennale Giurisprudenza Classe LMG/01, Giurisprudenza

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un applicativo Web Annunci Immobiliari

Progettazione e realizzazione di un applicativo Web Annunci Immobiliari Corso di Gestione dell Informazione Studenti NON frequentanti A.A. 2009/2010 Progettazione e realizzazione di un applicativo Web Annunci Immobiliari 1 Scopo del progetto Si vuole realizzare un applicazione

Dettagli

Linee guida per la stesura RELAZIONE FINALE di TIROCINIO

Linee guida per la stesura RELAZIONE FINALE di TIROCINIO Linee guida per la stesura RELAZIONE FINALE di TIROCINIO Premessa Il tirocinio rappresenta per lo studente un occasione importante per venire a contatto con il mondo del lavoro, frequentando aziende/enti

Dettagli

FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE

FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE MODELLO D SCHEDA DI TRASPARENZA Da compilare, stampare e allegare alla richiesta di affidamento. In caso di affidamento deliberato dal Consiglio di Facoltà, il docente è tenuto a compilare la scheda online

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

A.A. 2016/2017 PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE

A.A. 2016/2017 PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE A.A. 2016/2017 PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE Economia aziendale Classe 84/S, Economia aziendale e management Classe LM- 77, Economia aziendale quadriennale Giurisprudenza Classe LMG/01,

Dettagli

BANDO PER BORSA DI STUDIO ALL ESTERO OFFERTA DALLA COLGATE UNIVERSITY STATO DI NEW YORK (USA) ANNO ACCADEMICO 2012/2013

BANDO PER BORSA DI STUDIO ALL ESTERO OFFERTA DALLA COLGATE UNIVERSITY STATO DI NEW YORK (USA) ANNO ACCADEMICO 2012/2013 BANDO PER BORSA DI STUDIO ALL ESTERO OFFERTA DALLA COLGATE UNIVERSITY STATO DI NEW YORK (USA) ANNO ACCADEMICO 2012/2013 Scadenza bando: 30/11/2012 Art. 1 Descrizione 1. La Colgate University è un'istituzione

Dettagli

ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER

ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER 1) COPERTINA E FRONTESPIZIO La copertina dovrà riportare i seguenti dati (vedi ALLEGATO A): Università Telematica e-campus, Master in Titolo della Tesi Nome e Cognome del

Dettagli

Pontificio Istituto di Musica Sacra Roma

Pontificio Istituto di Musica Sacra Roma Pontificio Istituto di Musica Sacra Roma Regolamento dei Dottorati Legenda: PIMS: Pontificio Istituto di Musica Sacra; Regolamento: Regolamento dei Dottorati; Scuola: Scuola Dottorale del Pontificio Istituto

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York UDA Denominazione Prodotti UNITA DI APPRENDIMENTO Viaggio a New York Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York Competenze chiave/competenze culturali GEOGRAFIA: L alunno si orienta

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ATTIVITÀ DI SPERIMENTAZIONE IN CLASSE PREVISTA NELL AMBITO DEL PROGETTO M2014 PROMOSSO DALL ACCADEMIA DEI LINCEI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Il Centro matematita,

Dettagli

Allegati: Descrizione progetto e scheda di partecipazione.

Allegati: Descrizione progetto e scheda di partecipazione. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE M.O.V.M. DON GIUSEPPE MOROSINI ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

Dettagli

STRUTTURA DELLE TESI

STRUTTURA DELLE TESI Master in: Management per Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie Tecniche A.A. 2010/2011 STRUTTURA DELLE TESI La modalità di svolgimento della prova finale consiste nella presentazione orale

Dettagli

lo schema di partenza

lo schema di partenza COSTRUZIONE DELLA TESI DI LAUREA lo schema di partenza Inquadrare l argomento Individuare l oggetto della ricerca Argomentare ogni affermazione Documentare correttamente i supporti tecnologici e bibliografici

Dettagli

Liceo classico, linguistico e scienze umane B.R. Motzo Quartu S.Elena (CA) A.S. 2011-2012

Liceo classico, linguistico e scienze umane B.R. Motzo Quartu S.Elena (CA) A.S. 2011-2012 Liceo classico, linguistico e scienze umane B.R. Motzo Quartu S.Elena (CA) Percorso Cl@sse2.0 A.S. 2011-2012 Titolo dell'unità d'apprendimento: Valutazione statistica sulle tendenze dei giovani Docente:

Dettagli

Politecnico di Milano CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA ENERGETICA. Regolamento Integrativo della Prova Finale di Laurea Magistrale

Politecnico di Milano CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA ENERGETICA. Regolamento Integrativo della Prova Finale di Laurea Magistrale Politecnico di Milano CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA ENERGETICA Regolamento Integrativo della Prova Finale di Laurea Magistrale Premessa Il CCS Energetica recepisce il Regolamento della Prova Finale della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Area di Scienze ed Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Area di Scienze ed Ingegneria Regolamento sul riconoscimento dei periodi di studio all estero per i Corsi di Studio dell' TITOLO 1: INFORMAZIONI GENERALI Art. 1 Programmi di Mobilità Internazionale I programmi di mobilità internazionale

Dettagli

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA IIS V. Benini Prof. Marco Menna 1 NORME PER LO SVOLGIMENTO DEL COLLOQUIO D ESAME O.M. 37/2014, ART. 16 c. 2. Il colloquio ha inizio con un argomento

Dettagli

Indicazioni fornite dal prof. Claudio Ortenzi. 1) Date attività didattiche e sessioni d esame a.a. 2008/2009

Indicazioni fornite dal prof. Claudio Ortenzi. 1) Date attività didattiche e sessioni d esame a.a. 2008/2009 Indicazioni fornite dal prof. Claudio Ortenzi 1) Date attività didattiche e sessioni d esame a.a. 2008/2009 Il prof. Claudio Ortenzi, Presidente del Corso di laurea in Scienze della formazione primaria,

Dettagli

Ingegneria Meccanica

Ingegneria Meccanica Ingegneria Meccanica (Classe L-9 Ingegneria Industriale) Presentazione alla matricole Prof. Gian Luca Garagnani Presidente CUCdL Area Industriale Sommario Presentazione piano di studio Come studiare a

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1) COPERTINA E FRONTESPIZIO Devono recare indicazione Università Telematica e-campus (senza logo), Facoltà di.., Titolo della tesi, Nome e Cognome del Relatore

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A N. 5 BORSE DI STUDIO PER LA LAUREA TRIENNALE IN

BANDO DI CONCORSO A N. 5 BORSE DI STUDIO PER LA LAUREA TRIENNALE IN BANDO DI CONCORSO A N. 5 BORSE DI STUDIO PER LA LAUREA TRIENNALE IN STATISTICA e INFORMATICA PER L AZIENDA, LA FINANZA e L ASSICURAZIONE A.A. 2015/2016 Art. 1 Numero dei posti e ammontare delle borse Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA. per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S)

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA. per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S) Approvato dal Consiglio di Corso di Studio il 27 gennaio 2015 Indice 1. DEFINIZIONE

Dettagli

Vademecum del laureando

Vademecum del laureando Vademecum del laureando 1. Informazioni Generali per l'esame di Laurea 2. Procedura per richiedere la tesi 3. Come redigere la tesi 4. Modalità di consegna dell'elaborato 5. Modalità di svolgimento dell'esame

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Al termine del lavoro ad uno dei componenti del gruppo verrà affidato l incarico di relazionare a nome di tutto il gruppo.

Al termine del lavoro ad uno dei componenti del gruppo verrà affidato l incarico di relazionare a nome di tutto il gruppo. Pag. 1 di 5 6FRSR analizzare problemi complessi riguardanti la gestione di un sito interattivo proponendo soluzioni adeguate e facilmente utilizzabili da una utenza poco informatizzata. 2ELHWWLYL GD UDJJLXQJHUH

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Guida al colloquio d esame

Guida al colloquio d esame Guida al colloquio d esame Allegato A3 Requisiti e disposizioni per le candidate e i candidati così come indicatori e criteri per la valutazione dell esame orale: colloquio d esame (guida al colloquio

Dettagli

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA Economia aziendale Classe 17, Economia aziendale Classe L 18 Giurisprudenza Classe 31

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA Economia aziendale Classe 17, Economia aziendale Classe L 18 Giurisprudenza Classe 31 PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA Economia aziendale Classe 17, Economia aziendale Classe L 18 Giurisprudenza Classe 31 Le istruzioni dettagliate per la compilazione del Paper di laurea e il calendario

Dettagli

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato Indicazioni a cura del Consiglio di Corso di Studio di Scienze della Formazione Primaria concernente la tesi, le attività di tirocinio e l esame finale. Art. 1 Oggetto Il presente documento disciplina

Dettagli

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Standard editoriali per l impostazione della tesi di laurea (a cura di Carla Rossi) STRUTTURA DEL LAVORO FRONTESPIZIO

Dettagli

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Regolamento per la prova finale dei corsi di studio in Culture delle Lingue moderne e del Turismo (L-11) e Comunicazione linguistica

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Giurisprudenza

Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Giurisprudenza Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Giurisprudenza Regolamento per la prova finale dei corsi di laurea triennali (approvato nella seduta del Consiglio del Dipartimento di Giurisprudenza del

Dettagli

IL VOLONTARIATO CRESCE Corsi base

IL VOLONTARIATO CRESCE Corsi base FORMAZIONE 2015 IL VOLONTARIATO CRESCE Corsi base Descrizione attività I corsi hanno come obiettivo quello di: sostenere le associazioni di volontariato attraverso un trasferimento di conoscenze ed abilità

Dettagli

Centro Linguistico di Ateneo. 2 semestre a.a. 2015-2016

Centro Linguistico di Ateneo. 2 semestre a.a. 2015-2016 Centro Linguistico di Ateneo 2 semestre a.a. 2015-2016 l Università di Siena richiede: agli studenti dei corsi di laurea triennale il raggiungimento del livello B1. agli studenti dei corsi di laurea magistrale

Dettagli

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA Economia aziendale classe 84/S Economia aziendale classe LM 77 Economia aziendale quadriennale Giurisprudenza classe LMG/01 Giurisprudenza classe 22/S -Giurisprudenza

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

Relazione sulla. SUA-CdS 2015-16

Relazione sulla. SUA-CdS 2015-16 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Relazione sulla SUA-CdS 2015-16 17 giugno 2015 Sommario INTRODUZIONE... 3 1. Indicatori di accreditamento iniziale... 4 1.1

Dettagli

Università di Bologna Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea DAMS, Indirizzo Cinema

Università di Bologna Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea DAMS, Indirizzo Cinema Università di Bologna Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea DAMS, Indirizzo Cinema Corso di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa 1 semestre, A.A. 2003-04 1 Ciclo prof. Pier Luigi Capucci

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 relativa ai seguenti corsi di studio n. classe denominazione Struttura didattica di riferimento 1 L-25

Dettagli

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC Novità S&A Servizi e amministrazione Sommario Panoramica In breve 1 Introduzione 2 Impiegata/impiegato di commercio

Dettagli

DOMANDA DI LAUREA VECCHIO ORDINAMENTO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

DOMANDA DI LAUREA VECCHIO ORDINAMENTO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT Pag 1 di 5 Marca da bollo Valore vigente AL MAGNIFICO RETTORE dell'università degli Il/La sottoscritto/a matr. nato/a a prov. il residente in via comune prov CAP telefono fisso cellulare e-mail personale

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.I.S. ADRIANO PETROCCHI Tel. 06/121125195 - Fax 0774/637441 - Distretto 33 C.M. RMIS05800Q C.F. 94052870584

Dettagli

ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER AMBITO SANITARIO

ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER AMBITO SANITARIO ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER AMBITO SANITARIO Management per il coordinamento delle professioni socio-sanitarie- 1 livello Gestione e coordinamento dell area socio-sanitaria- 1 livello Management per

Dettagli

FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA MASTER / PERFEZIONAMENTO IN

FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA MASTER / PERFEZIONAMENTO IN NORME GENERALI CONSEGNA TESI PER GLI STUDENTI ISCRITTI AI MASTER E PERFEZIONAMENTI DELL UNIVERSITA DI ROMA I RELATORI devono essere DUE di cui: un Laureato Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche

Dettagli

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Questo documento è diviso in due parti: nella prima parte si descrivono le linee generali per l Assicurazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI B6, B7, C1 e C2 DELLA SUA-CDS (RELATIVE ALL'ELABORAZIONE DI DATI STATISTICI)

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI B6, B7, C1 e C2 DELLA SUA-CDS (RELATIVE ALL'ELABORAZIONE DI DATI STATISTICI) LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI B6, B7, C1 e C2 DELLA SUA-CDS (RELATIVE ALL'ELABORAZIONE DI DATI STATISTICI) In queste note vengono fornite alcune indicazioni operative per la compilazione dei

Dettagli

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Osservazioni preliminari La varietà delle formazioni certificate dalla SGfB dimostra

Dettagli

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPLOMA UNIVERSITARIO A DISTANZA IN OPERATORE DEI BENI CULTURALI Consorzio Nettuno - NAPOLI a.a. 1999-2000 RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI prof.

Dettagli

Se i lavori inviati non verranno ritenuti meritevoli, una o più borse di studio potranno non essere assegnate.

Se i lavori inviati non verranno ritenuti meritevoli, una o più borse di studio potranno non essere assegnate. A) Concorso ACCD PER TESI DI MASTER IN CURE PALLIATIVE La Associazione Cremonese per la Cura del Dolore ONLUS, in seguito qui denominata ACCD, allo scopo di promuovere la ricerca nel campo delle cure palliative

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO E DELL AMBIENTE (ISLA F74 E F001)

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO E DELL AMBIENTE (ISLA F74 E F001) REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO E DELL AMBIENTE (ISLA F74 E F001) Dicembre 2013 Il presente regolamento è redatto secondo quanto disposto

Dettagli

Fondazione Crt: Reading Economics - il linguaggio dell economia

Fondazione Crt: Reading Economics - il linguaggio dell economia Fondazione Crt: Reading Economics - il linguaggio dell economia Descrizione In breve La Fondazione CRT, ente di diritto privato senza scopo di lucro, in collaborazione con l Università degli Studi di Torino

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DIAGNOSI DSA/BES

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DIAGNOSI DSA/BES PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DIAGNOSI DSA/BES Fasi di attuazione del Protocollo ISCRIZIONE All atto dell iscrizione Insieme con l alunno, può visitare la scuola ed avere un primo contatto conoscitivo.

Dettagli

Web: www.scuolasi.it. ScuolaSi Salerno Via Carmine, 127 Tel 089 229318 Fax 089 845 60 16 numero verde 800 03 51 41

Web: www.scuolasi.it. ScuolaSi Salerno Via Carmine, 127 Tel 089 229318 Fax 089 845 60 16 numero verde 800 03 51 41 Programma della certificazione Microsoft Office Specialist 2010 La Certificazione Microsoft Office Specialist rappresenta la credenziale scelta da chi desidera consolidare le proprie competenze sia a fini

Dettagli

PROCEDURA DI STIPULA CONVENZIONE QUADRO PER TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO

PROCEDURA DI STIPULA CONVENZIONE QUADRO PER TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO PROCEDURA DI STIPULA CONVENZIONE QUADRO PER TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO Il modulo di Convenzione deve essere stampato in duplice copia, timbrato e firmato in originale (per entrambe le copie)

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE I (Ing. Informatica, Nuovo Ordinamento) Prof. Marco Cadoli, Canale A-L, A.A. 2005-06 INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE

Dettagli

Marca da bollo Valore vigente

Marca da bollo Valore vigente Pag 1 di 5 Marca da bollo Valore vigente DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT Al Magnifico Rettore dell'università degli Il/la sottoscritto/a matr. nato/a a prov. il residente in via comune prov CAP telefono

Dettagli

Workflow Tesi on-line Lauree Specialistiche/Specialistiche a ciclo unico Lauree Magistrali/Magistrali a ciclo unico

Workflow Tesi on-line Lauree Specialistiche/Specialistiche a ciclo unico Lauree Magistrali/Magistrali a ciclo unico Workflow Tesi on-line Lauree Specialistiche/Specialistiche a ciclo unico Lauree Magistrali/Magistrali a ciclo unico Workflow tesi online LS/LS ciclo unico LM/LM ciclo unico Pagina 1/24 IMPORTANTE Limitatamente

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER LA RISTILIZZAZIONE GRAFICA DEL LOGO GIPEA

BANDO DI CONCORSO PER LA RISTILIZZAZIONE GRAFICA DEL LOGO GIPEA BANDO DI CONCORSO PER LA RISTILIZZAZIONE GRAFICA DEL LOGO GIPEA Gipea Gruppo Italiano Produttori di Etichette Autoadesive fondato nel 1989, indice, in collaborazione con ENIPG, un Concorso d idee per la

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti TOWARDS CLIL: WAR POETRY PROVA

Dettagli

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in DIREZIONE AZIENDALE Anno Accademico 2015/16 STATISTICA PER IL BUSINESS o BUSINESS STATISTICS (2015/16, semestre

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

Premio alla lettura Livia Dumontet

Premio alla lettura Livia Dumontet ASSOCIAZIONE MOSI CIC ALA Premio alla lettura Livia Dumontet Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come fanno gli ambiziosi per istruirvi. No, leggete per vivere. (Gustave Flaubert) Leggere

Dettagli

BANDO. art. 1. art. 2

BANDO. art. 1. art. 2 BANDO riservato a laureati/e in Consulente del Lavoro presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Messina per il conferimento di n. 2 borse di studio bandite rispettivamente

Dettagli

Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale

Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale Procedure tesi Allegato 3 Indicazioni per il lavoro di tesi La tesi è un progetto di ricerca svolta in ambito professionale, che mette in luce il raggiungimento

Dettagli

Procedura. per l attivazione e lo svolgimento del tirocinio in azienda o del progetto formativo

Procedura. per l attivazione e lo svolgimento del tirocinio in azienda o del progetto formativo Procedura per l attivazione e lo svolgimento del tirocinio in azienda o del progetto formativo Laurea in Ingegneria Chimica e dei Materiali (ex D.M. 270/04) Versione del 29 ottobre 2015 SOMMARIO Tirocini

Dettagli

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale REGOLAMENTO PER I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO E GLI STAGE (approvato nella seduta 9 luglio 2013) Art. 1 Scopo Il presente

Dettagli

EasyThesis Principali funzionalità

EasyThesis Principali funzionalità EasyThesis Principali funzionalità EasyThesis è il modulo della suite EasyAcademy per la gestione delle sedute di laurea. Il sistema nasce dall accurata analisi svolta su un campione molto vasto di Strutture

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA Doc.: PQ14 Rev.: 1 Data: 13/05/14 Pag.: 1 di 8 Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Cazzaniga Laura Romeo Massimiliano

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA Manifesto degli Studi Il Corso di Studi per il conseguimento della Laurea triennale in Fisica richiede l acquisizione di 180 crediti formativi

Dettagli

No, si può partecipare solo con un progetto: o come singolo o in ATI.

No, si può partecipare solo con un progetto: o come singolo o in ATI. 1 Un azienda di medie dimensioni vorrebbe partecipare ad un progetto con una ATI (ed essere quindi propulsiva per il progetto collettivo) ed allo stesso tempo investire risorse per un progetto singolo.

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

Laurea magistrale in Economia e Management (L-56) A.A. 2016/2017 Modifiche requisiti di accesso

Laurea magistrale in Economia e Management (L-56) A.A. 2016/2017 Modifiche requisiti di accesso Laurea magistrale in Economia e Management (L-56) A.A. 2016/2017 Modifiche requisiti di accesso Marzo 2016 SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA UNIVERSITÀ DI TORINO REQUISITI DI ACCESSO LAUREA MAGISTRALE SOLO

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Art. 1 Principi generali di riferimento

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali

Bisogni Educativi Speciali Bisogni Educativi Speciali BES, tre grandi sotto-categorie: disabilità; disturbi evolutivi specifici e svantaggio socio-economico, linguistico, culturale. CHE FARE? Di Lucia ZANELLATO Disturbi Evolutivi

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

Progettazione di un Database

Progettazione di un Database Progettazione di un Database Per comprendere il processo di progettazione di un Database deve essere chiaro il modo con cui vengono organizzati e quindi memorizzati i dati in un sistema di gestione di

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza

Università degli studi di Roma La Sapienza D.R. n. 4703 Facoltà di Ingegneria dell informazione, Informatica e Statistica ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Bando relativo alle modalità di ammissione al percorso d eccellenza per il corso di laurea in Informatica

Dettagli

Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti previsti dal Corso di Studi

Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti previsti dal Corso di Studi Dipartimento di Ingegneria Navale, Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni (DITEN) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Classe LM-28 Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti

Dettagli

WORKFLOW TESI ON-LINE CORSI DI LAUREA TRIENNALI

WORKFLOW TESI ON-LINE CORSI DI LAUREA TRIENNALI WORKFLOW TESI ON-LINE CORSI DI LAUREA TRIENNALI Limitatamente ai corsi di laurea triennali dell area sanitaria: "Ai sensi dell'art 53 del D.Lgs. 165/2001, la partecipazione alle commissioni degli esami

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

1. Esame finale: candidati iscritti al XXVII ciclo e provenienti dai cicli precedenti

1. Esame finale: candidati iscritti al XXVII ciclo e provenienti dai cicli precedenti SERVIZIO DIDATTICA E RICERCA Ufficio Offerta Formativa e Segreteria Studenti Viterbo, 8 gennaio 2015 Prot. n. 168 Ai Coordinatori dei corsi di Dottorato di Ricerca Ai dottorandi candidati all esame finale

Dettagli

GUIDA ALLE SELEZIONI DEI VOLONTARI 2010 1 CONSIGLIO 2 CONSIGLIO 3 CONSIGLIO

GUIDA ALLE SELEZIONI DEI VOLONTARI 2010 1 CONSIGLIO 2 CONSIGLIO 3 CONSIGLIO GUIDA ALLE SELEZIONI DEI VOLONTARI 2010 N essuno sa com è, eppure si sa che c è. Come funziona insomma la selezione al servizio civile? Innanzitutto diciamo che ogni ente si regola in maniera diversa sui

Dettagli

LAUREE TRIENNALI DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI CORSI INTENSIVI DI RECUPERO

LAUREE TRIENNALI DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI CORSI INTENSIVI DI RECUPERO LAUREE TRIENNALI DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI CORSI INTENSIVI DI RECUPERO Il Dipartimento di Economia ed il Dipartimento di Studi Aziendali, nell'ambito delle iniziative volte

Dettagli

La tua testa funziona!

La tua testa funziona! Dott. Pierluigi Fratarcangeli La tua testa funziona! Studia davvero, studia con successo! PRENDERE APPUNTI Il metodo Cornell / 6r 1/10 Prendere appunti è un'importantissima abilità attraverso cui selezioniamo,

Dettagli

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof.

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof. BOLLO 16.00 RICHIESTA ASSEGNAZIONE TESI Al Preside della Facoltà di Economia Via Don Carlo Gnocchi 3 00166 Roma Matricola: Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail

Dettagli

IL RETTORE. le Linee Guida dei tirocini formativi e di orientamento nella Regione Lazio (BU n.16 del 28.04.2009);

IL RETTORE. le Linee Guida dei tirocini formativi e di orientamento nella Regione Lazio (BU n.16 del 28.04.2009); IL RETTORE 001280 VISTA la Legge 196/97 e successivo D.M. n. 142/98; VISTE le Linee Guida dei tirocini formativi e di orientamento nella Regione Lazio (BU n.16 del 28.04.2009); VISTO il DM 270/04; VISTO

Dettagli

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA DI TORINO AVVISO PUBBLICO PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA DI TORINO AVVISO PUBBLICO PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA DI TORINO AVVISO PUBBLICO PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA Il Direttore Generale f.f. in esecuzione della determinazione dirigenziale n. 403 del 16/11/2009 rende

Dettagli