MEXICO. PERU Concentración de medios y de poder Concentrazione dei media e del potere Pagina 14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEXICO. PERU Concentración de medios y de poder Concentrazione dei media e del potere Pagina 14"

Transcript

1 Numero 6 Enero 2014 Argentina - La Justicia le puso freno a Monsanto La Sala Segunda de la Cámara del Trabajo cordobesa ordenó a la multinacional frenar la construcción de su planta de Malvinas Argentinas hasta tanto se complete el estudio de impacto ambiental La Seconda Sala della Camera del Lavoro cordobese ha ordinato alla multinazionale di fermare la costruzione del suo impianto di Malvinas Argentinas fino a quando sarà completato lo studio di impatto ambientale Continua a pagina 2 MEXICO Pena de muerte al que mata un policía perseguidor no se juzga a quienes asesinan a miles Pena di morte a chi uccide un poliziotto, ma non si giudica chi ne uccide migliaia Pagina 12 PERU Concentración de medios y de poder Concentrazione dei media e del potere Pagina 14 CHILE Resistencia Mapuche desafia estado de sitio La resistenza Mapuche sfida lo stato d assedio Pagina 3 COLOMBIA Potente 10 de enero / Potente 10 gennaio Pagina 4 MEXICO En México, el odio sigue asesinando a las mujeres In Messico l odio continua ad assassinare le donne Pagina 6 CHILE la continuación de la huelga de los trabajadores de los puertos continua lo sciopero dei lavoratori portuali Pagina 8 COLOMBIA 2014: los dilemas de la izquierda colombiana ante la profundización de la guerra sucia 2014: i dilemmi della sinistra colombiana davanti all'approfondimento della guerra sporca Pagina 10 ATTUALITA Abusos sexuales de la Iglesia Católica Gli abusi sessuali della Chiesa cattolica Pagina , año de vital importancia para siete países latinoamericanos 2014 anno cruciale per sette paesi dell'america latina Pagina 17 NEL MUNDO: Bangladesh pag.19 Grecia pag.20 Italia pag.22 Libro acunsejado pag.24 SPECIALE: Lettera ai dell Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale Pagina 26

2 ARGENTINA - La Justicia le puso freno a Monsanto La Sala Segunda de la Cámara del Trabajo cordobesa ordenó a la multinacional frenar la construcción de su planta de Malvinas Argentinas hasta tanto se complete el estudio de impacto ambiental. De esta manera, los magistrados hicieron lugar al recurso interpuesto por ambientalistas y vecinos de esa localidad y desestimó la autorización de la municipalidad local. El fallo dado a conocer este mediodía establece que la municipalidad de Malvinas Argentinas deberá "abstenerse" de emitir algún tipo de autorización a la empresa hasta tanto se concluya ese estudio, a pesar de que un fallo anterior autorizaba la construcción de la planta. "Tenemos el dictamen de la sentencia, por el que la Cámara ha resuelto suspender los efectos de la ordenanza que autorizaba la obra civil, por ende la obra de Monsanto debe ser paralizada", celebró Gastón Mazzalay, de la organización Malvinas Lucha por la Vida. Desde el 18 de septiembre pasado la Asamblea Malvinas Lucha por la Vida, Madres de Barrio Ituzaingó y vecinos autoconvocados realizaban un acampe que bloqueó el paso de camiones con materiales para construir la secadora de semillas de maíz más grande del mundo. Desde 2012, los asambleistas piden tanto al intendente Daniel Arzani (UCR) como el gobernador José Manuel de la Sota (PJ) que los vecinos pueden decidir la instalación de la planta mediante un plesbicito, pero los mandatarios rechazan la iniciativa. En abril, como se publicó en este diario, investigadores de la Universidad Nacional de Córdoba (UNC), la Universidad Católica y del Conicet realizaron 350 encuestas en Malvinas Argentinas. Nueve de cada diez se mostraron a favor de que se realice una consulta popular en la localidad y el 58 por ciento explicitó que rechaza la instalación. En octubre, la consultora Sicchar difundió una encuesta de opinión de 1000 casos (en capital y el interior). El 63,2 por ciento se mostró en desacuerdo con la planta y el 66,8 por ciento se mostró de acuerdo con los vecinos que se oponen. En noviembre, cuando se cumplían dos meses de bloqueo a la planta, la Universidad Católica, la de Río Cuarto (UNRC) y la de Córdoba cuestionaron, en comunicados separados, que se haya permitido la obra sin la previa Evaluación de Impacto Ambiental, como establece la Ley General del Ambiente, y que tampoco se cumpliera con las audiencias públicas. La planta que construye Monsanto es similar a la de Rojas (Buenos Aires) y se construye en un predio de 27 hectáreas ubicado sobre la ruta provincial A-188, a unos 14 kilómetros de la capital cordobesa. Tras conocerse el fallo, la compañía confirmó que apelará el fallo ante el Tribunal Superior de Justicia y aseguró que "no comparte la resolución judicial de suspender la continuidad de la obra hasta la obtención del estudio de impacto ambiental. Sin embargo, Monsanto es respetuosa de las decisiones del Poder Judicial y acatará como siempre sus medidas". Además, en el comunicado, la multinaciona indicó que el estudio de impacto ambiental "está en proceso de evaluación por parte de la Secretaría de Ambiente de la Provincia" ARGENTINA - La Giustizia ha messo un freno alla Monsanto La Seconda Sala della Camera del Lavoro cordobese ha ordinato alla multinazionale di fermare la costruzione del suo impianto di Malvinas Argentinas fino a quando sarà completato lo studio di impatto ambientale. In questo modo, i magistrati hanno dato corso al ricorso interposto da ambientalisti e abitanti di questa località e ha respinto l autorizzazione della locale municipalità. La sentenza fatta conoscere ieri stabilisce che la municipalità di Malvinas Argentinas dovrà astenersi dall emettere un qualsiasi tipo di autorizzazione all impresa fino a quando si concluderà questo studio, nonostante che una precedente sentenza autorizzasse la costruzione dell impianto. Abbiamo il verdetto della sentenza, con il quale la Camera ha deciso di sospendere gli effetti dell ordinanza che autorizzava l opera civile, quindi l opera della Monsanto deve essere bloccata, si è rallegrato Gastón Mazzalay, dell organizzazione Malvinas Lotta per la Vita. 2

3 Dallo scorso 18 settembre l Assemblea Malvinas Lotta per la Vita, le Madri del Quartiere Ituzaingó ed gli abitanti autoconvocati facevano un accampamento che aveva bloccato il passaggio dei camion con i materiali per la costruzione dell essiccatoio di semi di mais più grande del mondo. Dal 2012, i membri dell assemblea chiedono tanto al sindaco Daniel Arzani (UCR) come al governatore José Manuel de la Sota (PJ) che gli abitanti possano decidere l istallazione dell impianto mediante un plebiscito, ma i governanti rifiutavano l iniziativa. In aprile, como è stato pubblicato in questo quotidiano, ricercatori dell Università Nazionale di Córdoba (UNC), dell Università Cattolica e del Conicet hanno effettuato 350 sondaggi a Malvinas Argentinas. Nove su dieci si sono mostrati a favore che nella località sia effettuata una consultazione popolare e il 58 per cento ha esplicitato il rifiuto all installazione. In ottobre, l agenzia di inchieste Sicchar ha diffuso un sondaggio d opinione di 1000 casi (nella capitale e all interno). Il 63,2 per cento si è mostrato in disaccordo con l impianto e il 66,8 per cento si è mostrato d accordo con gli abitanti che si oppongono. A novembre, quando si compivano due mesi di blocco all impianto, l Università Cattolica, quella di Río Cuarto (UNRC) e quella di Córdoba avevano polemizzato, con comunicati separati, che l opera fosse stata permessa senza la preventiva Valutazione di Impatto Ambientale, come stabilisce la Legge Generale dell Ambiente, e che nemmeno fossero rispettate le udienze pubbliche. L impianto che la Monsanto costruisce è simile a quello di Rojas (Buenos Aires) e viene costruito su un terreno di 27 ettari situato lungo la strada provinciale A-188, a circa 14 chilometri dalla capitale cordobese. Dopo che si è conosciuta la sentenza, la compagnia ha confermato che farà appello al Tribunale Superiore di Giustizia contro la sentenza e ha assicurato che non condivide il verdetto giudiziario di sospendere la continuazione dell opera fino all ottenimento dello studio di impatto ambientale. Nonostante ciò, la Monsanto è rispettosa delle decisioni del Potere Giudiziario e rispetterà come sempre le sue misure. Nel comunicato, la multinazionale ha inoltre precisato che lo studio di impatto ambientale è in via di valutazione da parte della Segreteria dell Ambiente della Provincia CHILE - Resistencia Mapuche desafia estado de sitio Un desafió al estado de sitio impuesto por el estado chileno en Wallmapu, es como se puede describir este nuevo sabotaje contra la ocupación chilena y su saqueo capitalista, ocurrido la madrugada del 31 de diciembre en Malleco. Se trata de la quema de un helicóptero forestal y otro dañado parcialmente, hecho ocurrido en las cercanías de Angol a poca distancia de un puesto policial. En el hecho además de un policía herido luego de ser reducido por los asaltantes, tal como lo indicaron varios medios oficiales de comunicación. Recordemos que el gobierno de Chile había ordenado hace unos días y por enésima vez el aumento de la dotación policial en todo el territorio Mapuche y la utilización de aviones vigía, implementados con cámaras infrarroja y detectores de calor, con tal de controlar y monitorear el desplazamiento de personas especialmente en las noches. Nada de esto sirvió, ni la presencia policial permanente para evitar que desconocidos ingresaran al sitio donde una empresa que presta servicios a Forestal Mininco mantenía dos aeronaves y procediera a reducir a uno de los policías y prendiera fuego a un helicóptero y dañe parcialmente otro. Segundo ataque a helicópteros en la zona Este es el segundo hecho ocurrido en la zona de Malleco que afecta a aeronaves de empresas forestales, en otro incidente un helicóptero que se abastecía de agua fue alcanzado por un disparo en un sector rural de Ercilla. Forestales, la cara mas fea del Capitalismo en Wallmapu Las empresas forestales representan la peor cara que el capitalismo puede mostrar a los ciudadanos mapuche en Wallmapu, su actividad de tipo extractivo a ultranzas solo genera calamidades a las comunidades 3

4 vecinas, fumifaciones toxicas, desaparición de ríos, esteros y napas de agua, así como la extinción de toda la flora y fauna natural de la zona que sirve de base alimentaria y medicinal para la vida mapuche, entre otros son los efectos de este negocio antisocial financiado por el estado chileno a través del decreto ley 701. Por otro lado las enormes extensiones de tierras que poseen actualmente las forestales son tierras robadas a comunidades mapuche, La propiedad forestal no se comprende sin su relación directa con el despojo territorial del Pueblo Mapuche. Tres familias contra un Pueblo Pero no se trata de un negocio que se realiza solo contra el Pueblo Mapuche, sino que es excluyente incluso para los miles de chilenos que con sus impuestos lo financian por mas de 20 años. La propiedad forestal es tan concentrada que solo tres familias dominan casi por completo el rubro, Angelini, Matte y Carey. dueños de Bosques Arauco, CMPC y Masisa respectivamente. Solo Bosques Arauco certifico casi hectáreas este año en tanto Forestal Mininco lo hizo por casi , sin contar los predios que no pudieron ser certificados. De acuerdo a información oficial, las empresas forestales poseen casi tres millones de hectáreas en la zona sur de Chile, o sea, en Wallmapu,esto es casi el 30 por ciento de nuestro País Mapuche, todos los ciudadanos mapuche, en tanto, juntos no llegan hoy a hectáreas, lo que no pasa de ser el 7 por ciento de nuestro territorio histórico. 31 diciembre 2013 País Mapuche CILE - La resistenza Mapuche sfida lo stato d assedio Una sfida allo stato d assedio imposto dallo stato cileno nel Wallmapu, è così che si può descrivere questo nuovo sabotaggio, avvenuto a Malleco all alba del 31 dicembre, contro l occupazione cilena e il suo saccheggio capitalista. Si tratta dell incendio di un elicottero forestale e di un altro danneggiato parzialmente, fatto avvenuto nei dintorni di Angol a poca distanza di un posto di polizia. Nella circostanza anche un poliziotto ferito dopo che era stato bloccato dagli assalitori, così come hanno riportato vari mezzi di comunicazione ufficiali. Ricordiamo che alcuni giorni fa e per l ennesima volta il governo del Cile aveva ordinato l aumento delle dotazioni di polizia su tutto il territorio Mapuche ed era in vigore l utilizzo di aerei dotati di macchine fotografiche agli infrarossi e di rilevatori di calore, in modo di controllare e monitorare lo spostamento di persone, specialmente di notte. Nulla di ciò è servito, né la permanente presenza della polizia, per evitare che sconosciuti entrassero nel luogo dove una impresa che presta servizi alla Forestal Mininco teneva due aeronavi, fosse bloccato uno dei poliziotti, prendesse fuoco un elicottero e se ne danneggiasse parzialmente un altro. Secondo attacco ad elicottero nella zona Questo è la seconda azione avvenuta nella zona di Malleco che danneggia aeronavi di imprese forestali, in un altro incidente un elicottero che si riforniva di acqua è stato raggiunto nel settore rurale di Ercilla da un proiettile. Forestali, la faccia più turpe del Capitalismo nel Wallmapu Le imprese forestali rappresentano la peggiore faccia che il capitalismo possa mostrare ai cittadini mapuche nel Wallmapu, le loro attività di tipo estrattivo a oltranza, tra i vari effetti di questo affare antisociale finanziato dallo stato cileno attraverso il decreto legge 701, creano solo calamità alle vicine comunità, fumigazioni tossiche, scomparsa di fiumi, ruscelli e falde d acqua, così come l estinzione di tutta la flora e la fauna naturale della zona che è la base alimentare e medicinale della vita mapuche. D altra parte le enormi estensioni di terra che attualmente possiedono le forestali sono terre rubate alle comunità mapuche. La proprietà forestale non si comprende senza la sua diretta relazione con il saccheggio territoriale del Popolo Mapuche. Tre famiglie contro un Popolo Ma non si tratta di un affare che viene realizzato solo contro il Popolo Mapuche, ma è escludente anche per migliaia di cileni che con le loro imposte lo finanziano per più di 20 anni. La proprietà forestale è così concentrata che solo tre famiglie dominano quasi per completo il capitolo, Angelini, Matte e Carey, rispettivamente padroni di Bosques Arauco, CMPC e Masisa. Quest anno, solo Bosques Arauco ha dichiarato quasi ettari mentre la Forestal Mininco 4

5 ne ha dichiarati quasi , senza contare le tenute che non hanno potuto essere certificate. Secondo un dato ufficiale, le imprese forestali possiedono quasi tre milioni di ettari nella zona sud del Cile, ossia, nel Wallmapu questo è quasi il 30 per cento del nostro Paese Mapuche, nel frattempo tutti i cittadini mapuche insieme oggi non arrivano a ettari, che non supera il 7 per cento del nostro territorio storico. 31 dicembre 2013 País Mapuche suicida. La movilización seguirá y vendrán en los días siguientes otras formas de lucha como asambleas permanentes, paros cívicos en el centro de Bogota, en las 20 localidades y en otros lugares de Colombia. De ese tamaño es lo que se ha desatado con el proceso adelantado en contra del Alcalde progresista de la Capital de Colombia, donde viven mas de 8 millones de personas. 11/1/2014 Horacio Duque - La Haine COLOMBIA - Potente 10 de enero La manifestación en apoyo de la Bogotá Humana y del Alcalde Petro fue gigantesca, descomunal, potente, superó las proyecciones Lo de hoy fue superior a las expectativas. En principio, todo indicaba un modesto despertar del pueblo bogotano al iniciar el año. Pequeños grupos desde el Parque Nacional y a lo largo de la carrera séptimo. Pero al cerrar la tarde han sido multitudes en movimiento. Centenares de ciudadanos colmaron la Calle real de la Capital y como un río humano se desplazaron hacia la Plaza de Bolivar donde escucharon el discurso del Jefe de la ciudad. La manifestación en apoyo de la Bogotá Humana y del Alcalde Petro fue gigantesca, descomunal, potente, superó las proyecciones de los organizadores y las previsiones de los medios de la red comunicacional dominante. Ha sido una acción colorida, diversa, llena de alegría, pacifica, ordenada, inteligente en sus reclamos y propósitos. Fue un pronunciamiento, como pocos en la historia de Colombia, contundente, eficaz y transparente. El pueblo rechazó el acto arbitrario de la destitución del Alcalde Gustavo Petro realizado por el Procurador ultraderechista y fascista Alejandro Ordoñez. Rechazó el golpe a la Bogotá Humana que ha significado el reconocimiento de los derechos de los mas pobres y excluidos de la sociedad. Hoy se mostró una voluntad de las masas que no quiere detenerse. La multitud piede avanzar en su tarea revolucionaria de construcción de nuevas formas de poder, democráticas y pacíficas. Eso hay que entenderlo y obrar en consecuencia. Quedarse en la contemplación es 5 COLOMBIA - Potente 10 gennaio La manifestazione di appoggio a Bogotà Humana e al Sindaco Petro è stata gigantesca, straordinaria, potente, ha superato le previsioni. Quella di oggi è stata superiore alle aspettative. In principio, tutto indicava un modesto risveglio del popolo bogotano all inizio dell anno. Piccoli gruppi dal Parco Nazionale e lungo la settima strada. Ma al termine del pomeriggio erano moltitudini in movimento. Centinaia di cittadini hanno riempito la Strada reale della Capitale e come un fiume umano si sono mossi verso Piazza Bolivar dove hanno ascoltato il discorso del Capo della città. La manifestazione di appoggio a Bogotà Humana e al Sindaco Petro è stata gigantesca, straordinaria, potente, ha superato le proiezioni degli organizzatori e le previsioni dei media della rete di comunicazioni dominante. È stata una azione colorata, diversa, piena di allegria, pacifica, ordinata, intelligente nelle sue richieste e i suoi propositi. È stato un pronunciamento, come pochi nella storia della Colombia, contundente, efficace e trasparente. Il popolo ha rifiutato l atto arbitrario della destituzione del Sindaco Gustavo Petro effettuato dal Procuratore di ultra destra e fascista Alejandro Ordoñez. Ha rifiutato il golpe a Bogotà Humana che ha significato il riconoscimento dei diritti dei più poveri ed esclusi della società. Oggi si è mostrata la volontà delle masse che non vogliono fermarsi. La moltitudine chiede di andare avanti nel suo compito rivoluzionario di costruire nuove forme di potere, democratiche e pacifiche. Questo è necessario intenderlo e operare di conseguenza. Fermarsi in contemplazione è suicida. La mobilitazione continuerà e nei prossimi giorni verranno altre forme di lotta come assemblee

6 permanenti, scioperi civici nel centro di Bogotà, nelle 20 località e in altri luoghi della Colombia. È di una tale dimensione ciò che si è scatenato con il processo portato avanti contro il Sindaco progressista della Capitale della Colombia, dove vivono più di 8 milioni di persone. 11/1/2014 Horacio Duque - La Haine MEXICO - En México, el odio sigue asesinando a las mujeres Coincidiendo con el aniversario veinte del Tratado de Libre Comercio de América del Norte y el de la insurrección zapatista en Chiapas, México conmemora otra fecha: el inicio de la ola de feminicidios que, lejos de erradicarse, se extendió por todo el país. México. La muerte no es democrática en México. Las mujeres son asesinadas con mayor odio, misoginia y desprecio, afirma Karla Micheel Salas, abogada con una reconocida trayectoria en el tema de los feminicidios. A 20 años de que se dio la voz de alerta en Ciudad Juárez, Chihuahua, por la gran cantidad de mujeres asesinadas con huellas de tortura y abuso sexual, el fenómeno se extendió al resto del país. El trabajo de familiares de víctimas de feminicidio, activistas y defensoras de derechos humanos, que desde hace 20 años luchan por erradicar el asesinato de mujeres por el hecho de serlas, ha tenido importantes logros, valora la abogada Karla Micheel Salas, especialista en el tema. En muy poco tiempo a partir de se logró que casi todos los códigos penales del país tipificaran el feminicidio, cosa que no ocurre por ejemplo con la tortura y la desaparición forzada, señala. Además, hay un amplio reconocimiento del fenómeno a nivel social e internacional, incluso a nivel de gobiernos, agrega la abogada. Desafortunadamente, afirma, el gobierno de enrique Peña Nieto sigue la tradición de los anteriores: hay una falta de interés por resolver la violencia contra las mujeres, incluyendo su manifestación más cruda, que es el feminicidio. Entre 1993 y 2003, la mirada de las organizaciones de derechos humanos se centró en los feminicidios ocurridos en la fronteriza Ciudad Juárez, Chihuahua. A partir de 2003, dejamos de ver solamente Juárez y dirigimos nuestra mirada a los cuerpos encontrados también en el Estado de México, Distrito Federal y Oaxaca, por ejemplo, donde hay un número significativo de mujeres asesinadas por ser mujeres, explica Salas, abogada de la organización Nuestras Hijas de Regreso a Casa. El año 2010 marcó un parteaguas, pues las organizaciones de familiares ganaron el proceso contra el Estado ante la Corte Interamericana de Derechos Humanos. Micheel Salas, parte del equipo legal que litigó a favor de los familiares de las víctimas Esmeralda Herrera Monreal, Laura Berenice Ramos Monárrez y Claudia Ivette González, explica que, derivado de la sentencia que afecta a todos los estados de la federación-, el gobierno se vio obligado a implementar acciones legislativas tendientes a erradicar el feminicidio. Además, con la presión de las organizaciones sociales se logró que la mayoría de los Códigos Penales de los estados (30 de 32) tipifiquen el crimen de feminicidio. Esto fue muy importante, explica la abogada, pues es necesario que se nombre para que exista, y por eso era necesaria la tipificación. A la par, se implementaron protocolos de investigación con perspectiva de género. No se ha tratado de medidas unilaterales del gobierno, precisa Micheel Salas actual presidenta de la Asociación Nacional de Abogados Democráticos (ANAD)- sino medidas a las que se vio obligado por la presión de las organizaciones de la sociedad civil. Un punto aparte al que poner atención es la Alerta de Violencia de Género, un mecanismo interinstitucional contemplado en la Ley General de Acceso de las Mujeres a Una Vida Libre de Violencia, para los casos de entidades con violencia feminicida. En él participan mayoritariamente representantes de los institutos de la mujer estatales y del federal, así como la Secretaría de Gobernación federal. Lamentablemente, señala Salas, esta composición institucional hace que sea una herramienta muy politizada que no se ha aplicado en ninguno de los cuatro casos en que las organizaciones de la sociedad civil lo solicitaron (Estado de México, Guanajuato, Nuevo León e Hidalgo). En todos los casos solicitados, se declaró no procedente la investigación para determinar la pertinencia de aplicar la alerta, relata Salas, quien agrega que los únicos argumentos en las 6

7 discusiones para rechazar la medida son que los gobiernos realizan acciones en general- y que tienen voluntad de acabar con el fenómeno, y que las solicitudes son para desprestigiar a los gobiernos. Las quejas de las organizaciones llevaron a que el secretario de Gobernación dijera que es necesario que los estados hagan algo para prevenir, sancionar y erradicar la violencia feminicida, pero a pesar de que hay mecanismos específicos, las autoridades prefieren hacer llamados políticos, que son como llamados a misa, agrega la litigante. A veinte años de denunciar los feminicidios, señala Micheel Salas, se ve por toda la república el mismo patrón que se observó en Ciudad Juárez a principios de los noventas: desaparición, seguida de tortura sexual, privación de la vida y arrojar los cuerpos en espacios públicos. Lo hemos visto en el Estado de México, Distrito Federal, Guanajuato, Oaxaca y Chiapas, por ejemplo, y el común denominador es la inactividad de las autoridades, a pesar de años de informes, acciones y llamados, denuncia. No es una lección aprendida. Se repite el cuestionamiento de la vida de la víctima como centro de las investigaciones. Alrededor del feminicidio se perpetran otros crímenes de género, principalmente contra las madres, activistas y defensoras de derechos humanos que luchan contra os feminicidios, agrega Salas. Quienes sí aprendieron la lección son las organizaciones de familiares y defensoras de derechos humanos, quienes documentan, hacen litigios estratégicos, inciden en políticas públicas y presionan para garantizar que haya protocolos de investigación especializados, lo que es trabajo del gobierno, recalca la abogada. El trabajo que realizan las organizaciones es porque deseamos que las mujeres puedan vivir libres de violencia, y evitar que sigan siendo asesinadas, explica Micheel Salas, quien considera que a diferencia de delitos como el robo, el feminicidio se puede eliminar pues se basa en la discriminación a la mujer, que es un elemento que se aprende y no es parte de la naturaleza humana. A pesar de este trabajo, todavía hay mucho por hacer, finaliza Salas. 7 MESSICO - In Messico l odio continua ad assassinare le donne In coincidenza con il ventesimo anniversario del Trattato di Libero Commercio dell America del Nord e dell insurrezione zapatista in Chiapas, il Messico commemora un altra data: l inizio dell ondata di femminicidi che, lontano dall essere sradicati, si è estesa in tutto il paese. Messico. In Messico la morte non è democratica. Le donne sono assassinate con maggiore odio, misoginia e disprezzo, afferma Karla Micheel Salas, avvocata con una riconosciuta traiettoria sul tema dei femminicidi. A 20 anni da quando a Ciudad Juárez, Chihuahua, è stato dato l allarme per la grande quantità di donne assassinate con segni di tortura e di abbuso sessuale, il fenomeno si è esteso al resto del paese. Il lavoro di familiari delle vittime di femminicidio, di attiviste e difensore dei diritti umani, che da 20 anni lottano per sradicare l assassinio di donne per il fatto di essere donne, ha avuto importanti risultati, valuta l avvocata Karla Micheel Salas, specialista del tema. In molto poco tempo a partire dal 2010 si è ottenuto che quasi tutti i codici penali del paese tipizzassero il femminicidio, cosa che per esempio non avviene con la tortura e la sparizione forzata, segnala. Inoltre, c è un ampio riconoscimento del fenomeno a livello sociale ed internazionale, anche a livello di governi, aggiunge l avvocata. Sfortunatamente, afferma, il governo di Enrique Peña Nieto continua la tradizione dei precedenti: c è una mancanza d interesse nel risolvere la violenza contro le donne, inclusa la sua manifestazione più crudele, che è il femminicidio. Tra il 1993 e il 2003, lo sguardo delle organizzazioni dei diritti umani si è fissato sui femminicidi avvenuti nella frontaliera Ciudad Juárez, Chihuahua. A partire dal 2003, abbiamo smesso di vedere solo Juárez e abbiamo diretto il nostro sguardo anche verso i corpi rinvenuti nello Stato del Messico, nel Distretto Federale e a Oaxaca, per esempio, dove c è un numero significativo di donne assassinate per essere donne, spiega Salas, avvocata dell organizzazione Nostre Figlie di Ritorno a Casa. L anno 2010 ha segnato uno spartiacque, le organizzazioni dei familiari hanno vinto di fronte alla Corte Interamericana dei Diritti Umani la causa contro lo stato. Micheel Salas, componente

8 del gruppo legale che ha discusso a favore dei familiari delle vittime Esmeralda Herrera Monreal, Laura Berenice Ramos Monárrez e Claudia Ivette González, spiega che per effetto della sentenza, che interessa tutti gli stati della federazione, il governo si è visto obbligato a portare avanti azioni legislative tendenti a sradicare il femminicidio. Con la pressione delle organizzazioni sociali si è inoltre ottenuto che la maggioranza dei Codici Penali degli stati (30 su 32) tipizzino il crimine di femminicidio. Questo è stato molto importante, spiega l avvocata, è necessario che si nomini affinché esista, e per questo era necessaria la tipizzazione. Contemporaneamente, sono stati messi in funzione i protocolli di indagine con prospettiva di genere. Non si è trattato di misure unilaterali del governo, precisa Micheel Salas attuale presidente dell Associazione Nazionale degli Avvocati Democratici (ANAD) ma di misure a cui è stato obbligato dalla pressione delle organizzazioni della società civile. Un punto a parte su cui fare attenzione è l Allerta sulla Violenza di Genere, un dispositivo interistituzionale contemplato nella Legge Generale per l Accesso delle Donne ad Una Vita Libera dalla Violenza, per i casi di istituzioni con violenza femminicida. A questo partecipano in maggioranza rappresentanti degli istituti statali e federali della donna, così come la Segreteria di Governo federale. Deplorevolmente, annuncia Salas, questa composizione istituzionale fa sì che sia uno strumento molto politicizzato che non è stato applicato in nessuno dei quattro casi nei quali le organizzazioni della società civile lo hanno sollecitato (Stato del Messico, Guanajuato, Nuevo León e Hidalgo). In tutti i casi sollecitati, si è dichiarato di non procedere l indagine per determinare la competenza di applicazione dell allerta, riferisce Salas, che aggiunge che gli unici argomenti delle discussioni per rifiutare la misura sono che i governi, in genere, compiono azioni e che hanno la volontà di mettere fine al fenomeno, ma che le istanze sono fatte per screditare i governi. Le lamentele delle organizzazioni hanno portato il segretario di Governo a dire che è necessario che gli stati facciano qualcosa per prevenire, sanzionare e sradicare la violenza femminicida, ma nonostante ci siano meccanismi specifici, le autorità preferiscono fare appelli politici, che sono come inviti alla messa, aggiunge l avvocata. A venti anni dalla denuncia dei femminicidi, evidenzia Micheel Salas, in tutta la repubblica si vede il medesimo modello che è stato osservato a Ciudad Juárez agli inizi dei novanta: scomparsa, seguita da tortura sessuale, privazione della vita e gettare i corpi negli spazi pubblici. Lo abbiamo visto nello Stato del Messico, nel Distretto Federale, a Guanajuato, Oaxaca e Chiapas, per esempio, e il comune denominatore è l inattività delle autorità, nonostante anni di rapporti, azioni ed appelli, denuncia. Non è una lezione appresa. Si ripete la discussione sulla vita della vittima come centro delle indagini. Riguardo al femmicidio si perpetrano altri crimini di genere, principalmente contro le madri, le attiviste e le difensore dei diritti umani che lottano contro i femminicidi, aggiunge Salas. Chi ha appreso la lezione sono le organizzazioni dei familiari e le difensore dei diritti umani, che documentano, fanno cause strategiche, incidono nelle politiche pubbliche e fanno pressione per garantire che ci siano protocolli di indagine qualificati, che è lavoro del governo, aggiunge l avvocata. Il lavoro che fanno le organizzazioni è perché desideriamo che le donne possano vivere libere dalla violenza, ed evitare che continuino ad essere assassinate, spiega Micheel Salas che considera che, a differenza di delitti come il furto, il femminicidio si può eliminare poiché si basa sulla discriminazione della donna, che è un elemento che si apprende e non fa parte della natura umana. Nonostante questo lavoro, c è ancora molto da fare, termina Salas. Gennaio 2014 Desinforménos CHILE - la continuación de la huelga de los trabajadores de los puertos Desde principios de enero en todo el país de Chile se produjo huelgas y bloqueos de los trabajadores portuarios. Lunes cien trabajadores del puerto de Mejillones (norte) se dirigieron al lugar de Ultraport, el organismo que gestiona las terminales portuarias, y lanzaron piedras contra el edificio y luego hacer que se rompió. Varias oficinas de los directores han sido sancionados y se han producido enfrentamientos con la policía, durante los cuales seis agentes resultaron heridos. A principios de enero, los trabajadores 8

9 del puerto de San Angamos ( sur del país ) han declarado la huelga total hasta que el Ultraport no aceptaría sus demandas, o para pagar los pagos retroactivos desde el año 2005 para la media hora pausa para el almuerzo, que hasta ahora no se ha contado como horas no laborables, y garantizar las mismas condiciones en cuanto a días de fiesta y los beneficios de jubilación a los trabajadores temporales. No se aceptaron las demandas, entonces los trabajadores han organizado bloqueos de carreteras, además de esos puertos. El Ultraport envió me puse la policía, que disparó cañones de agua y gas lacrimógeno contra los empleados operados. Este tratamiento ha significado que incluso en el norte del país, los trabajadores portuarios incrociassero brazos en señal de solidaridad con sus colegas, la adhesión a las afirmaciones hechas en el sur. Así que al día siguiente también se bloqueó el puerto de San Antonio, un punto central para la exportación de cobre, de los cuales Chile es el primer fabricante en el mundo, y para la exportación de la fruta. Los trabajadores están muy decididos a conseguir lo que pueden, de hecho, el estado de la huelga aún no ha sido revocado, creando grandes inconvenientes. La asociación de productores de fruta chilena, FEDEFRUTA, anunció que durante la última semana se ha acumulado una pérdida de $ 40 millones y si la huelga no terminará antes del 17 de enero, un estimado de la pérdida de otros 65 millones de dólares. Además, las pérdidas se eleven aún más a medida que nos acercamos al Año Nuevo chino y China es un mercado importante para Chile, por su parte, la Codelco, la Corporación del Cobre, el mayor productor de cobre del mundo ha declarado pérdidas de más de 130 millones de dólares desde el Puerto de San Antonio se bloquean más de 20,000 toneladas de cobre. Ayer tuvimos una mesa redonda, a la que asistieron los Ministros de Trabajo y Transporte y una delegación de los empleados del puerto. Como resultado, los empleados han anunciado que si no se llega a un acuerdo digno, más protestas volverán a la vida en todo el país desde los puertos de Iquique y Antofagasta. 16 Enero 2014 InfoAut 9 CILE - continua lo sciopero dei lavoratori portuali Dall inizio di mese di gennaio in tutto il paese cileno si sono verificati scioperi e blocchi da parte dei lavoratori portuali. Lunedì un centinaio di lavoratori del porto di Mejillones (nord del paese) si è diretto verso la sede di Ultraport, l ente che gestisce i terminali portuali, e ha lanciato pietre contro l edificio facendovi poi irruzione. Diversi uffici degli amministratori sono stati sanzionati e si sono verificati scontri con la polizia, durante i quali sei agenti sono rimasti feriti. All inizio del mese di gennaio i lavoratori del porto San Angamos (sud del paese) hanno proclamato sciopero a oltranza fino a quando l Ultraport non avrebbe accettato le loro richieste, ovvero quelle di saldare i pagamenti retroattivi dal 2005 per la mezz ora di pausa pranzo, la quale fino adesso non è stata contata come orario non lavorativo, e garantire le stesse condizioni per quanto riguarda le ferie e la pensione ai lavoratori a tempo determinato. Le rivendicazioni non sono state accolte, dunque i lavoratori hanno organizzato blocchi stradali oltre che a quelli portuali. L Ultraport ha mandato sul poso la polizia, la quale ha sparato lacrimogeni e ha azionato gli idranti contro gli impiegati. Questo trattamento ha fatto sì che anche al nord del paese i lavoratori dei porti incrociassero le braccia in segno di solidarietà con i loro colleghi, aderendo alle rivendicazioni fatte al sud. Dunque il giorno dopo è stato bloccato anche il porto di San Antonio, punto centrale per l esportazione del rame, di cui il Cile è il primo produttore al mondo, e per l esportazione della frutta. I lavoratori sono ben determinati a ottenere ciò che spetta loro, infatti, lo stato di sciopero non è stato ancora revocato, creando forti disagi. L associazione cilena dei produttori di frutta, Fedefruta, ha annunciato che nell arco della scorsa settimana si è accumulata una perdita di 40 milioni di dollari e se lo sciopero non avrà fine entro il 17 gennaio, si stima un altra perdita di 65 milioni di dollari. Inoltre, le perdite aumenteranno ancora di più dato che si avvicina il capodanno cinese e la Cina è uno dei mercati principali per il Cile. Dal canto suo, la Codelco, Corporación del Cobre, primo produttore del rame al mondo ha dichiarato perdite di oltre 130 milioni di dollari dato che nel porto di San Antonio sono bloccate più di tonnellate di rame. Ieri si è tenuto un tavolo di discussione, al

10 quale hanno partecipato i ministri del lavoro e dei trasporti e una delegazione degli impiegati portuali. In seguito, i lavoratori hanno annunciato che se non si giungerà a un accordo dignitoso, altre proteste prenderanno vita in tutto il paese a partire dai porti di Iquique e Antofagasta. 16 Gennaio 2014 InfoAut COLOMBIA : los dilemas de la izquierda colombiana ante la profundización de la guerra sucia Todo indica que el 2014 será un año negro para los movimientos populares desde el punto de vista de la represión. Empezamos con asesinatos, desapariciones, arrestos masivos y selectivos, amenazas paramilitares a los miembros de organizaciones políticas de oposición como Marcha Patriótica, la Unión Patriótica y el Polo Democrático Alternativo, así como a organizaciones sociales campesinas, comunitarias, de mujeres, indígenas, etc. Desde Nariño hasta el Atlántico, pasando por Caquetá, Tolima, Chocó y Mil rincones, todo el territorio colombiano se empaña de sangre y terror. Esto, de la mano del aumento de la militarización de los territorios y de incesantes bombardeos contra-insurgentes. Tres hechos fundamentales convergen en el 2014 para que la maquinaria de muerte y terror del Estado esté bien aceitada y trabajando a todo vapor. Primero, que este es un año electoral. Segundo, que es un año clave para el proceso de paz. Tercero, que será un año de renovadas protestas sociales ante el incumplimiento de los acuerdos con los movimientos sociales por parte del gobierno tras los formidables paros del La crisis económica y política se agudiza, el pueblo no aguanta más, y el gobierno lo único que sabe hacer es mentir, prometer y reprimir. La represión será mediante los cuerpos represivos oficiales del Estado, pero también por las fuerzas de ese Estado profundo que golpea desde la obscuridad. Qué pasa a nivel de lo electoral? Dirigentes de la Unión Patriótica reconocen que no hay garantías para la oposición política, en particular, para su partido. Sin embargo, pese a las constantes denuncias y demandas de garantías, se sigue adelante con la campaña electoral como si nada. Entiendo el argumento de que tienen todo el derecho de ocupar un espacio que les pertenece, y que tienen hasta un deber moral de no cederlo ante los que patrocinaron el genocidio de más de de sus compañeros. Pero, qué ocurre si la represión sigue su escalada? Seguiremos para adelante a cualquier costo, aunque tengamos muertos que lamentar? No sería, en cierta medida, participar electoralmente en ausencia de garantías legitimar el actual régimen ilegítimo que encarcela, persigue y asesina a los proyectos alternativos de país? No sería un boicot electoral ante la falta de garantías y si continúa la escalada represiva, un mensaje mucho más poderoso que cualquier campaña en condiciones de violencia, donde ni siquiera dan espacio en los medios a sus candidatos? Se participe o no se participe, el movimiento popular y solidario tenemos el imperativo moral de cerrar filas para intentar blindar lo más posible al movimiento y no permitir que la historia se repita. NUNCA MÁS. La cuestión en realidad, más allá de si se participa o no, es evaluar las tácticas a la luz de la coyuntura. Qué decisión tendría mayor impacto, de aumentar la tendencia represiva, en el proceso de rearticulación de las luchas populares y de creciente oposición al régimen? Por último está el proceso de paz. Es necesario recordar que este proceso de negociaciones en La Habana es un triunfo del pueblo colombiano? Este proceso de paz no es ninguna dádiva de Juan Manuel Santos, sino que es resultado de las demandas populares y la presión al régimen (no nos olvidemos de la coyuntura de inicios del 2012). En últimas, es un deber constitucional, no un favor. No podemos permitir que se utilice la paz como un argumento para domesticar la protesta popular. No hace bien que un día denunciemos la falta de garantías, los crímenes del régimen, y al otro, dirigentes de izquierda aparezcan diciendo que entienden las presiones sobre Santos, que hay que ponerse en sus zapatos o que compartimos un interés supremo por la paz, cuando a las claras la visión de paz que promueve el gobierno es antagónica a la que se propone desde los movimientos populares. Santos no es un día un amigo y otro un enemigo. Representa un proyecto de clase, político, social, económico muy diferente al que se levanta desde las demandas de los crecientes sectores sociales movilizados. Eso es todo. El pueblo colombiano merece que se le hable claro. 10

11 José Antonio Gutiérrez D. - Rebelión.org - 25/1/2014 José Antonio Gutiérrez D. es militante libertario residente en Irlanda, donde participa en los movimientos de solidaridad con América Latina y Colombia, colaborador de la revista CEPA (Colombia) y El Ciudadano (Chile), así como del sitio web internacional Autor de "Problemas e Possibilidades do Anarquismo" (en portugués, Faisca ed., 2011) y coordinador del libro "Orígenes Libertarios del Primero de Mayo en América Latina" (Quimantú ed. 2010). COLOMBIA : i dilemmi della sinistra colombiana davanti all'approfondimento della guerra sporca Tutto indica che il 2014 sarà un anno nero per i movimenti popolari dal punto di vista della repressione. Abbiamo iniziato con omicidi, sparizioni, arresti di massa e selettivi, minacce dei paramilitari ai membri di organizzazioni politiche di opposizione come "Marcha Patriotica", la "Union Patriotica" e il "Polo Democratico Alternativo", così come organizzazioni sociali dei contadini, comunitari, delle donne, indigeni, ecc. Dal Nariño all'atlantico, attraverso Caquetá, Tolima, Chocò e Mil Rincones, in tutta la Colombia nebbie di sangue e terrore. Questo, con l'aiuto di una maggiore militarizzazione dei territori e incessanti bombardamenti controinsurrezionalisti. Tre fatti fondamentali convergono nel 2014 in modo che la macchina della morte e terrore dello Stato è ben oliata e funzionante a pieno ritmo. In primo luogo, questo è un anno elettorale. In secondo luogo, è un anno, fondamentale per il processo di pace. In terzo luogo, sarà un anno di ripresa della protesta sociale per il fallimento degli accordi con i movimenti sociali dal governo dopo gli scioperi formidabili del La crisi economica e politica si approfondisce, la gente non può più stare in piedi, e l'unica cosa che il governo sa fare è mentire, promettere e reprimere. La repressione è attraverso i corpi repressivi ufficiali dello stato, ma anche dalle forze di questo "stato profondo" che colpisce dal buio. Che succede a livello elettorale? I leader dell'unione Patriottica riconoscono che non ci sono garanzie per l'opposizione politica, in particolare per il suo partito. Tuttavia, nonostante le continue denunce e le richieste di garanzie, si sta andando avanti con la campagna elettorale, come se niente fosse. Capisco l'argomento che hanno tutto il diritto di occupare uno spazio che appartiene a loro, e hanno il dovere morale di non cedere a chi ha sponsorizzato il genocidio di oltre dei loro compagni. Ma cosa succede se la repressione continua la sua scalata? Riusciremo a continuare in avanti ad ogni costi, anche se ci rammarichiamo morti? Non sarebbe, in qualche modo, partecipare alle elezioni in assenza di garanzie legittimare l' attuale regime illegittimo che imprigiona, perseguita e uccide i progetti alternativi del paese? Non sarebbe un boicottaggio elettorale in assenza di garanzie e se continua l'escalata della repressione, un messaggio molto più potente di qualsiasi campagna in termini di violenza, dove neanche i media danno spazio ai loro candidati?e' uguale partecipare o non partecipare, il "Movimiento popular y solidario" ha un imperativo morale di serrare i ranghi per cercare di proteggere il movimento il più possibile e non lasciare che la storia si ripeta. NUNCA MAS. Il fattore veramente importante, indipendentemente dal fatto che si partecipa o non, è quello di valutare le tattiche alla luce di una possibile fusione. Quale decisione avrebbe un impatto maggiore, aumentando la tendenza repressiva nel processo di riarticolazione delle lotte popolari e la crescente opposizione al regime? Infine vi è il processo di pace. C'è bisogno di ricordare che questo processo di negoziati a L'Avana è un trionfo del popolo colombiano? Questo processo di pace non è dono di Juan Manuel Santos, ma che è il risultato delle denunce popolari e la pressione al regime (non dimentichiamo la situazione dei primi mesi del 2012). In definitiva, si tratta di un obbligo costituzionale, non un favore. Non possiamo permettere loro di utilizzare la pace come argomento per domare le proteste popolari. Non fa bene che un giorno si denuncino la mancanza di garanzie, i crimini del regime, e dall'altra parte altri leader di sinistra dicano di capire le "pressioni " su Santos, da mettersi al posto suo o condividere un interesse supremo per la pace, quando la chiara visione di pace promosso dal 11

12 governo è antagonista alla proposta dai movimenti popolari. Santos non è un giorno un amico e un altro nemico. Rappresenta un progetto di classe, politico, sociale, economico molto diverso da quel che si alza dalle denunce dei crescienti settori sociali mobilitati. Tutto qui, il popolo colombiano merita chiarezza. José Antonio Gutiérrez D. - Rebelión.org - 25/01/2014 José Antonio Gutiérrez D. È un attivista libertario residente in Irlanda, dove partecipa nei movimenti di solidarietà con l'america Latina e la Colombia, collaboratore della rivista CEPA (Colombia) e il "Ciudadano"(Cile), anche con il sito web internazionale Autore di "Problemas e Possibilidades do Anarquismo" (in portoghese, Faisca ed., 2011) e coordinatore del libro "Orígenes Libertarios del Primero de Mayo en América Latina" (Quimantú ed.2010). MEXICO - Pena de muerte al que mata un policía perseguidor, pero no se juzga a quienes asesinan a miles 1. No me asusta ni preocupa la ley capitalista sobre la pena de muerte. Si se contabilizara a las personas se vería que el 95 por ciento de quienes la han sufrido son gente pobre o enemiga del sistema político. Es parecido al porcentaje de los que están en las cárceles a donde llega un rico por cada 10 mil miserables. Y no es que unos sean asesinos y otros muy decentes o limpios. La realidad es que en un sistema capitalista imperial los presidentes o ministros asesinos que ordenan las guerras, las invasiones, los bombardeos y asesinatos por millones de seres humanos no solo no les aplican pena de muerte alguna, sino que los premian, pasan a la historia y les hacen homenajes. A ningún presidente yanqui y sus aliados se les ha aplicado la pena de muerte. 2. Me vale que el penalizado y luego asesinado sea mexicano, africano o europeo; sólo se que es un ser humano pobre que se trasladó a los EEUU en busca de trabajo porque en su país no lo encontró. Me vale si en su lucha por quedarse en ese país racista a conseguir un sustento para su familia se vio obligado a matar a un policía, a algún empresario o político; de todas maneras éstos pertenecen a la clase que domina ese país. Lo funesto es que el trabajo es cada vez más escaso por las nuevas tecnologías, así como porque las propiedades y riquezas se concentran cada vez más en pocas manos. Ya el teórico Jeremy Rifkin, de la Fundación para el estudio de las tendencias económicas, lo explica con mucha claridad desde 1994 en su libro, El Fin del Trabajo. 3. Mientras alrededor de 100 millones de seres humanos de América, África, Asia, cruzan las fronteras yanquis y europeas en busca de empleo, en los ocho o 20 grandes países muchos reunidos hoy en el Foro Económico Mundial de Suiza- se concentra una enorme riqueza que (bien distribuida en la producción y el consumo) alcanzaría para que viva toda la humanidad. No se recuerda acaso que se ha demostrado que es tan inmensa la riqueza y la tecnología en el mundo que bien distribuida bastaría con que los seres humanos laboraran dos o tres horas diarias para que todos los seres humanos puedan gozar ampliamente de ellas? No habría necesidad de migrar, de robar o de matar como sucede desde siempre en la sociedad clasista. 4. Ya Marx analizó en 1867, en el primer tomo del El Capital, el empleo. Con enorme claridad predijo que la creciente automatización de la producción eliminaría finalmente y de forma generalizada a los trabajadores. Los fabricantes intentan continuamente reducir los costes laborales y obtener un mayor control sobre los medios de producción mediante la sustitución del equipamiento principal por seres humanos, siempre y cuando sea posible. Los beneficios de los capitalistas no solo proceden de una mayor productividad, de una reducción de los costes y de un mayor control sobre el puesto de trabajo, sino también de un amplio abanico de trabajadores desempleados disponibles para ser usados en otro lugar. 5. Siguiendo esta idea de Marx de la tecnología y la sustitución de costes laborales, hace varios años leía acerca de una propuesta en educación que buscaba sustituir el trabajo de los maestros con libros de texto bien preparados para el autoestudio, el uso de la televisión y de los vídeoconferencias preparadas; de tal manera que no tuvieran clases, ni círculos de estudio y sólo presentaran examen si era necesario. Qué son las teleaulas, los estudios por correspondencia y a distancia sino no variantes para sustituir a los maestros que tanto absorben del presupuesto público nacional y con sus luchas sindicales en las calles causan malestar al gobierno? Qué papel 12

13 va a jugar en el futuro la Conafe con pagos miserables controlada por el gobierno? 6. Habrán muchas más penas de muerte en los EEUU y es casi seguro que en algunos países más se aprueben leyes para asesinar a los asesinos de personas. Luchar contra esa ley puede ser un buen distractor para olvidar la lucha contra los asesinatos en masa que ejercen los gobiernos con sus políticas de guerra y sus políticas de desempleo y hambre. Cuántos millones mueren por pésimos gobiernos que no hacen caso a millones que mueren por enfermedades curables, por miseria y bombardeos? Es quizás la causa de la existencia por otro lado- de los secuestros, asaltos, robos y magnicidios que tan cuidados están por millones de guardaespaldas bien pagados. En fin esta sociedad anda de cabeza y es urgente ponerla de pie. Pedro Echeverría V. - Rebelión Blog del autor: MESSICO - Pena di morte a chi uccide un poliziotto, ma non si giudica chi ne uccide migliaia 1. Non ho paura o preoccupazione per la legge capitalista sulla pena di morte. Se si conterebbe le persone si vedrebbe che il 95 per cento di quelli che hanno sofferto è gente povera o nemico del sistema politico. questo è simile alla percentuale di coloro che stanno in carcere dove arriva un ricco per ogni miserabili. Non che alcuni sono assassini e altri molto dignitoso o puliti. La realtà è che in un sistema capitalistico imperiale i presidenti o ministri assassini che ordinano le guerre, invasioni, bombardamenti e uccisioni da milioni di persone, non solo non si applicano a loro la pena di morte, ma li ricompensano, diventano storia e gli rendono tributi. A nessun presidente yankee e i suoi alleati è mai stata applicata la pena di morte. 2. Non mi interessa se chi è punito e poi ucciso sia messicano, africano o europeo, so solo ch'è un uomo povero che si è trasferito negli Stati Uniti in cerca di lavoro perché nel suo paese non lo trovò. Non mi interessa se nella lotta per rimanere in questo paese razzista e ottenere un sostentamento per la sua famiglia è stata costretta a uccidere un poliziotto, un uomo d'affari o un politico, comunque appartengono alla classe che domina il paese. è un peccato che il lavoro sta diventando sempre più raro grazie alle nuove tecnologie, cosi come le proprietà e le ricchezze sono sempre più concentrata nelle mani di pochi. Dal momento che il teorico Jeremy Rifkin, della Fondazione per lo studio delle tendenze economiche, lo spiega molto chiaramente dal 1994 nel suo libro, La fine del lavoro. 3. Mentre circa 100 milioni di persone in America, Africa, Asia attraversano le frontiere statunitensi ed europee in cerca di lavoro, negli otto o 20 grandi paesi, molti si sono riuniti oggi al Forum World Economic Svizzera, si concentra un enorme richezza che (ben distribuita nella produzione e nel consumo) basterebbe per vivere a tutta l'umanità. Si ricorda tutto quello che ha dimostrato di essere immensa la ricchezza e la tecnologia nel mondo che ben distribuite sarebbe sufficiente che gli esseri umani lavorassero due o tre ore al giorno affinchè gli esseri umani possano godere ampiamente di queste? Non ci sarebbe il bisogno di migrare, rubare o uccidere, come sempre accade nella società classista. 4. Marx ha analizzato nel 1867, nel primo volume di El Capital, l'occupazione. Con grande chiarezza aveva previsto che "la crescente automazione della produzione eliminerebbe finalmente in forma generale i lavoratori". Le fabbriche cercano continuamente di ridurre i costi del lavoro e di ottenere un maggiore controllo sui mezzi di produzione, sostituendo l'attrezzatura principale per gli esseri umani, sempre dove sia possibile. I profitti dei capitalisti provengono non solo da una maggiore produttività, riduzione dei costi e maggiore controllo sul posto di lavoro, ma anche un vasta gamma di lavoratori disoccupati disponibili per un uso altrove. 5. Seguendo questa idea di tecnologia Marx e la sostituzione dei costi lavorativi, diversi anni fa ho letto di una proposta di educazione che ha cercato di sostituire gli insegnanti con libri di testo ben preparati per l'autostudio, l'uso della televisione e delle video-conferenza preparati, in modo che non avessero classi ne circoli di studio e solo fare gli essami qualora fosse necessario. Quali sono tele-classi, corsi per corrispondenza e a distanza, ma varianti per sostituire gli insegnanti che assorbono al bilancio pubblico nazionale e con le loro lotte sindacali nelle strade causano disagio al governo? Quale ruolo giocherà 13

14 in futuro la CONAFE con i pagamenti miserabili controllati dal governo? 6. Ci saranno molte più condanne di morte negli Stati Uniti e quasi certamente in altri paesi si approverànno leggi "per uccidere gli assassini di persone". Combattere questa legge può essere una buona distrazione per dimenticare la lotta contro gli omicidi di massa che esercitano i governi con le loro politiche di guerra e le politiche di disoccupazione e fame. Quanti milioni muoiono per terribili governi che ignorano mlioni che muoiono per malattie curabili, per miseria e bombardamenti? Forse la causa dell'esistenza, tra l'altro, di rapimenti, aggressioni, rapine e omicidi che sono curati per milioni di guardie del corpo ben pagati. In ogni caso questa società è a testa in giù ed è urgente rimetterla in piedi. Pedro Echeverría V. - Rebelión Blog del autor: PERU - Concentración de medios y de poder Es el pulpo de la prensa nacional un poder en sí mismo? Al parecer no. El Comercio, ha tenido que recurrir al Grupo Graña y Montero para comprar EPENSA, después de haber despedido al 30% de sus trabajadores. Su poder involucra otros espacios del quehacer económico nacional. Una de sus metas para el 2020 es diversificarse aún más y, por eso mismo, no resulta falto de razón, entender que su condición de formador de opinión pública, está atravesada por los diversos intereses que debe defender: el de las empresas que son parte de sus afinidades económicas e intereses de poder (político). Algo así como un conflicto de intereses, pero peor. Así las cosas, el Grupo El Comercio, al defender su posición de dominio en la prensa nacional está defendiendo su posición de poder en la administración del Estado y para recordar a Francisco Durand, su condición de dueño peruano del Perú. Alguien decía que los medios de comunicación de hoy, son empresas que cuidan los intereses de otras empresas y no se equivocaba. Siendo la situación peruana de los medios un asunto de poder, hay otros ingredientes que ayudarían a generar el añorado consenso para que haya algo de equilibrio y vuelva la calma. 14 Haciendo un examen más amplio de los grandes medios de comunicación que existen en el país, la radio y televisión, también tienen sus propios pulpos: el Grupo CRP Medios y Entretenimiento, es propietario de Radio Ritmo Romántica, Radio La Inolvidable, Radio Moda, Radio Oasis, Radio Mar, Radio Nueva Q FM, Radio Planeta, Radio Inca AM, Radio Mágica y SONORAMA.PE. Por su parte el Grupo RPP, es propietaria de Rpp Noticias (en Radio y Televisión) Radio Capital, Radio Estudio 92, Radio Felicidad, Radio Oxigeno y sus correspondientes versiones web. Existe sin lugar a dudas una concentración de las frecuencias de radio y televisión en el país. Estas tienen repetidoras en cada rincón del territorio nacional. Un ausente, son las radios no comerciales: los medios públicos y comunitarios no tienen cabida, no tienen espacio radioeléctrico. Salvo algunos esfuerzos muy meritorios de personas e instituciones independientes, el Perú, a diferencia de nuestros vecinos, no tiene medios de comunicación ciudadanos, en gran medida por los enormes costos que su autorización, implementación y mantenimiento significan, pero también por la no existencia de una legislación que signifique apertura hacia este tipo de medios de comunicación. Entonces, Por qué los medios de comunicación de estos pulpos se sienten garantes de la democracia y la libertad de expresión? Acaso se expresan en sus programas y notas periodísticas los distintos puntos de vista de los diferentes actores nacionales? Acaso sus empresas expresan la diversidad cultural, étnica y social del país? Acaso el ciudadano de a pie construye las agendas de estos? Este es un tema que toca la esencia misma del poder, del statuto, que esté en agenda es extraño, saludable sin embargo para quienes no nos compramos el discurso monocorde de los pulpos y que buscamos un país más dialogante, con diferentes formas de pensamiento en el espacio de los medios de comunicación. Yorka Gamarra Boluarte Rebelión PERU - Concentrazione dei media e del potere Il polpo della stampa nazionale rappresenta un potere? Apparentemente no. "El Comercio", ha

15 dovuto ricorrere al gruppo "Graña y Montero" per acquistare EPENSA, dopo aver licenziato il 30% dei suoi lavoratori. Il suo potere coinvolge altre aree degli affari economici nazionali. Uno dei suoi obiettivi per il 2020 è quello di diversificare ulteriormente e, del resto, non è privo di ragione, capire che la loro condizione di formare l'opinione pubblica, è attraversata dai vari interessi che vuole difendere: quello delle società che fanno parte delle loro affinità economiche e interessi di potere (politico). Qualcosa come un conflitto di interessi, ma peggio. Quindi, il Grupo "El Comercio", nel difendere la sua posizione dominante nella stampa nazionale sta difendendo la sua posizione di potere nell'amministrazione statale e per ricordare Francisco Durand, la sua condizione di "proprietario peruviano" del Perù. Qualcuno ha detto che i media oggi sono aziende che curano gli interessi delle altre società e non è sbagliato. Essendo la situazione peruviana dei media un affare di potere, ci sono altri ingredienti che aiutano a generare il tanto desiderato consenso per trovare l'equilibrio e restituire la "calma". Facendo un ampio analisi dei grande media presenti nel paese, la radio e la televisione, hanno i loro polipi: il Gruppo "CRP Medios y Entretenimiento", è proprietario di Radio Ritmo Romantica, Radio La Inolvidable, Radio Moda, Radio Oasis, Radio Mar, Radio Nueva Q FM, Radio Planeta, Radio Inca AM, Radio Magica e SONORAMA.PE. Da parte sua il gruppo RPP, possiede Rpp Noticias (in Radio e Televisione) Radio Capital, Radio Studio 92, Radio Felicidad, Radio Oxigeno e le versioni web correlate. C'è indubbiamente una concentrazione di frequenze radio e della televisione nel paese. Queste hanno ripetitori in ogni angolo del paese. Sono assenti le radio no commerciali: i media pubblici e comunitari non hanno capacità, non hanno spazio radioelettrico. Fatta eccezione per alcuni sforzi molto degni di individui e istituzioni indipendenti, il Perù, a differenza dei nostri vicini, non ha media comunitari, in gran parte per gli enormi costi che l'autorizzazione, realizzazione e manutenzione significano, ma anche dalla mancanza di una legislazione a significare l'apertura a questo tipo di supporto. Allora, perché i media di questi polipi si sentono garanti della democrazia e della libertà di espressione? Per caso si esprimono nei suoi programmi e notizie i diversi punti di vista dei vari attori nazionali? Per caso le loro aziende esprimono la diversità culturale, etnica e sociale del paese? Per caso il cittadino medio costruisce le agende di questi? Questo è un problema che tocca l'essenza stessa del potere, dello statuto, che sia all'ordine del giorno è strano, molto sano invece per chi non si compra il discorso monotono dei polipi e cerca un paese più colloquiale con differenti modi di pensiero nel settore dei media. Yorka Gamarra Boluarte Rebelión Abusos sexuales de la Iglesia Católica La semana pasada, una delegación del Vaticano compareció ante la ONU para dar explicaciones sobre los casos de abuso sexual a menores perpetrados por sacerdotes, monjas y demás funcionarios de la Iglesia alrededor del mundo. En ocasiones previas, el papa Francisco y el ex pontífice Benedicto XVI, reconocieron públicamente los casos de abusos. Sin embargo, era la primera vez que una comisión de la Santa Sede se presentaba en Ginebra ante las Naciones Unidas para reconocer los delitos de pederastia que históricamente ha intentado ocultar su organización religiosa. Si bien este es un hecho sin precedentes para la Iglesia, no es ni mínimamente suficiente para las cientos de miles de víctimas efectivas (y posibles) alrededor del planeta. En Ginebra, la comisión del Vaticano continuó manteniendo ocultos los nombres de los miles de sacerdotes que están envueltos en estos delitos, aún teniendo registros internos de los mismos. Además, se negó a proporcionar documentación referida al protocolo de actuación que ejerce la Iglesia Católica en estos supuestos. En casi la totalidad de los casos, los sacerdotes implicados en crímenes de pederastia no son procesados por el derecho penal de sus países de residencia, sino que son escarmentados por las altas autoridades católicas de la localidad donde viven quienes los suelen encubrir trasladándolos de parroquia o de país. Otra opción, que dependerá de la discrecionalidad de la autoridad eclesiástica local, es que los clérigos 15

16 criminales sean enviados a la Ciudad del Vaticano donde un tribunal católico dirimirá su culpabilidad o inocencia, penalizándolos a través de la excomunión o permitiendo su permanencia en la organización cristiana. Hasta la fecha, no se conoce un solo caso en el que el sacerdote haya tenido que enfrentar una pena de cárcel por pederastia al pasar por estos tribunales eclesiásticos. De hecho, muchos de ellos, ni siquiera son cesados, sino que, de aprobar un test psicológico, serán reinsertados en las labores pastorales, poniendo en peligro una vez más a miles de niños y niñas. La gran mayoría de ataques sexuales que han sido denunciados ante las autoridades judiciales de los Estados seculares, fueron atajados ágilmente mediante pagos extrajudiciales por parte de la Iglesia Católica a las familias de las víctimas, comprando así su silencio y frenando las investigaciones. La opacidad también ha sido la tónica, incluso en escándalos abiertamente populares, como es el caso de Irlanda. En este país se destaparon abusos sexuales masivos en instituciones (orfanatos, colegios, reformatorios, etcétera) regentadas por la Iglesia Católica. En 1999, el Gobierno irlandés creó una comisión para investigar el alcance del abuso infantil en estos centros católicos, desde los años 30 hacia adelante. Tras interesadas dilaciones, en 2009 fue presentado finalmente el documento, conocido como el Informe Ryan. Entre sus páginas se señala claramente que la violación y el acoso sexual eran "endémicos" en estos centros, financiados principalmente por el Ministerio de Educación irlandés, y dirigidos por la Iglesia Católica. Las más de 2 mil páginas del informe mantuvieron en secreto los nombres de los abusadores del clero, y en el capítulo de las recomendaciones no se hace ninguna mención a las sanciones que deberían imponerse a los criminales. A lo largo de los años de denuncias, el Gobierno irlandés y la Iglesia Católica pactaron acuerdos con las víctimas por los que recibirían indemnizaciones económicas a cambio de renunciar a su derecho de demandar a la Iglesia y al Gobierno, además de mantener oculta la identidad de los abusadores. Se calcula que, en total, se habría entregado una indemnización de alrededor de 1,3 mil millones de euros. Como consecuencia de estas expiaciones monetarias, la Iglesia irlandesa atravesó, en 2011, una importante crisis financiera, de la que aún continúa recuperándose. 25/1/2014 Francesca Emanuele Rebelión.org Gli abusi sessuali della Chiesa cattolica La scorsa settimana, una delegazione dal Vaticano comparve davanti alle Nazioni Unite per dare spiegazioni sui casi di abusi sessuali su minori da parte di sacerdoti, suore e altri funzionari della chiesa in tutto il mondo. In precedenti occasioni, il papa Francisco e l'ex pontefice Benedetto XVI riconobbero pubblicamente i casi di abuso. Tuttavia, era la prima volta che una commissione della Santa Sede si presentava a Ginevra davanti alle Nazioni Unite per riconoscere i crimini di pedofilia che storicamente ha cercato di nascondere la loro organizzazione religiosa. Anche se questo è un evento senza precedenti per la Chiesa, non è minimamente sufficiente per le centinaia di migliaia di vittime effettivi (e potenziali) in tutto il mondo. A Ginevra, la commissione vaticana ha continuato a mantenere nascosti i nomi delle migliaia di sacerdoti che sono coinvolti in questi crimini, pur avendo le stesse registrazioni interne. Inoltre ha rifiutato di fornire la documentazione relativa al "protocollo d'azione" che eserce la Chiesa cattolica in questi casi. In quasi tutti i casi, i sacerdoti coinvolti in reati di pedofilia non vengono processati dal diritto penale del loro paese di residenza, ma sono "castigati" da parte delle più alte autorità cattoliche della città in cui vivono, che di solito li coprono spostandoli di parrocchia o paese. Un'altra opzione, che dipende dalla discrezionalità dell'autorità ecclesiastica locale, è che i chierici criminali vengano inviati alla Città del Vaticano, dove un tribunale cattolica giudicherà la sua colpevolezza o innocenza, penalizzandoli attraverso la scomunica o consentendo la permanenza nella organizzazione cristiana. Fino ad oggi, non si conosce un singolo caso in cui il sacerdote ha dovuto affrontare una condanna per abuso di minori passando attraverso questi tribunali ecclesiastici. In realtà, molti di loro non sono nemmeno respinti, ma se passano un test psicologico, saranno reinseriti nel lavoro pastorale, mettendo in pericolo, ancora una volta, migliaia di bambini e bambine. 16

17 La stragrande maggioranza delle violenze sessuali che sono stati segnalati alle autorità giudiziarie degli stati "secolari" sono stati prontamente bloccati attraverso pagamenti extragiudiziali da parte della Chiesa cattolica alle famiglie delle vittime, comprando cosi il loro silenzio e fermando le indagini. L'opacità è stata la norma, anche su scandali apertamente "popolari", come nel caso dell'irlanda. In questo paese si scoprirono massicci abusi sessuali nelle istituzioni (orfanotrofi, scuole, riformatori, ecc), direzionate dalla Chiesa cattolica: Nel 1999, il governo irlandese istituì una commissione per indagare il grado di pedofilia in questi centri cattolici, dagli anni '30 in poi. Dopo interessati temporeggiamenti, nel 2009 fu presentato finalmente il documento noto come il Rapporto Ryan. Tra le sue pagine sono notechiaramente che lo stupro e molestie sessuali sono stati "endemici" in questi centri, finanziati principalmente dal ministero della pubblica istruzione irlandese e gestito dalla Chiesa cattolica. Le più di 2000 pagine del rapporto lasciarono in segreto i nomi dei prevaricatori del clero, e nel capitolo delle raccomandazioni non si parla di sanzioni che dovrebbero essere imposte ai criminali. In tutti questi anni di denunce, il governo irlandese e la Chiesa cattolica fecero un patto di accordi con cui le vittime ricevevano una compensazione finanziaria in cambio della rinuncia al loro diritto di citare in giudizio la Chiesa e il Governo, anche a mantenere nascosta l'identità dei mostri. Si stima che, in totale, si sarebbe consegnato un risarcimento di circa 1,3 miliardi di euro. A seguito di questi "sacrifici monetari" la Chiesa irlandese attraversò, nel 2011, una grave crisi finanziaria, che ancora adesso continua a recuperare. 2014/01/25 Rebelión.org 2014, año de vital importancia para siete países latinoamericanos En 2014 se decide el rumbo de varios países latinoamericanos; Brasil, Bolivia, Colombia, Costa Rica, El Salvador, Panamá y Uruguay elegirán a sus gobernantes. Esta coincidencia regional, los múltiples actos electorales en los que participé y las interrupciones sufridas por los períodos dictatoriales incentivan esta reflexión. Si existe algo peor que la mala gestión de un gobierno elegido democráticamente, es una dictadura donde los derechos de la mayoría de los ciudadanos quedan suspendidos. Nuestros países deben valorar mucho la autogestión que solamente queda asegurada con elecciones libres y democráticas. Lamentablemente en muchos países se acostumbró a sus ciudadanos a aceptar la triste alternativa donde los ejércitos, en su mayoría afines a intereses foráneos perjudican a las clases sociales más vulnerables, la economía y a la sociedad en su conjunto. Al momento de sufragar, los ciudadanos, independiente de su condición social, económica y política deberán meditar mucho acerca de los candidatos a considerar. Si algún político ofrece una ventaja individual como, un cargo público, bien o servicio de cualquier tipo, dinero o lo que sea a cambio de nuestro voto no deberemos aceptar. No podemos hipotecar nuestro futuro, el de nuestros hijos y nietos y el de los demás ciudadanos por una dádiva que ya nos alerta sobre la baja moral del ofertante. Si vamos a elegir un candidato que no sea por tradición, porque en la familia siempre se votó ese partido o esa tendencia política, el mundo vive un cambio permanente, lo que hace décadas era bueno puede que hoy sea obsoleto; deberemos estudiar los antecedentes de los postulantes, analizar el programa de gobierno que prometen, así como también debemos observar la calidad e idoneidad de quien se postula a presidente tanto como la de quienes lo acompañan. Desconfiemos de aquellos postulantes a cargos de gobierno que se preocupan más en efectuar deméritos sobre sus contendientes antes que promocionar sus programas y estrategias de gobierno; criticar es fácil, construir es lo difícil. Debemos estar alertas con los medios de difusión masiva, las grandes corporaciones de la información mayormente monopólicas manipulan las noticias, las deforman, ocultan, 17

18 exageran y hasta mienten con tal de lograr sus propósitos. Los sitios de internet están plagados de perfiles falsos que buscan el mismo fin que los medios de difusión masiva, generar desilusión sobre buenas gestiones de gobierno y candidatos progresistas, sembrar confusión y desilusión para beneficiar a potencias extranjeras, multinacionales inescrupulosas y poderosos grupos económicos del país. La democracia hay que valorarla cuando se tiene y cuidarla para que no se pierda. Es un trabajo arduo y permanente; aquellas personas que argumentan que no les interesa la política, que no se informan debidamente, que no piensan antes de otorgar su voto, o que se dejan estafar canjeando su voto por un beneficio personal, no podrán quejarse luego cuando la gestión de gobierno les resulte adversa. El futuro de estos países estará en nuestras manos, lo que decida cada ciudadano al momento de emitir su voto tendrá en este 2014 una importancia significativa; mientras en el mundo occidental los ricos incrementan sus fortunas, los pobres e indigentes se multiplican y la clase media se desmorona, en nuestra querida América Latina los gobiernos progresistas están mejorando como nunca la condición social y económica de las clases más sumergidas, reactivando los mercados y beneficiando a todas las clases sociales. La indigencia y la pobreza disminuyen drásticamente, la clase media mejora sus condiciones y se beneficia sin que para ello los ricos vean disminuidas sus fortunas; es la era del ganar, ganar donde todas las clases sociales sin exclusiones se benefician de gestiones inteligentes, donde la justicia social es la meta en una revolución pacífica que beneficia a todos para garantizar su extensión en el tiempo. Héctor López Rebelion.org 2014 anno cruciale per sette paesi dell'america latina Nel 2014 si decidono i percorsi di vari paesi del Latinoamerica: Brasile, Bolivia, Colombia, Costa Rica, El Salvador, Panama e Uruguay eleggono i loro capi di stato. Questa coincidenza regionale, le molteplici campagne elettorali a cui ho partecipato e le interruzioni subite da questi periodi dittatoriali incoraggiano questa riflessione. Se c'è qualcosa di peggio di una cattiva gestione di un governo eletto democraticamente, è una dittatura in cui sono sospesi i diritti della maggioranza dei cittadini. I nostri paesi dovrebbero valutare molto l'autogestione ch'è garantita solo con elezioni libere e democratiche. Purtroppo in molti paesi i loro cittadini si sono abituati ad accettare la triste alternativa in cui gli eserciti, dove la maggior parte per gli interessi stranieri danneggiano le classi sociali più deboli, l'economia e la società nel suo complesso. Al momento di votare, i cittadini, indipendentemente dal loro status sociale, economico e politico dovrebbero riflettere molto sui candidati da considerare. Se un politico offre un "beneficio individuale" come un ufficio pubblico, bene o servizio di qualsiasi tipo, denaro o qualsiasi altra cosa in cambio del nostro voto non dobbiamo accettare. Non possiamo ipotecare il nostro futuro, quella dei nostri figli e nipoti ed altri cittadini, per un "regalo" che ci avverte sulla bassa linea morale del offerente. Se dobbiamo scegliere un candidato che non sia per tradizione, perché in famiglia sempre si votò quel partito o quella tendenza politica, il mondo è un cambiamento permanente, ciò che per decenni era buono oggi può essere obsoleto, dobbiamo studiare i precedenti dei postulanti, analizzare il programma di governo che promettono, dobbiamo osservare anche la qualità e l'adeguatezza di chi è in corsa per il presidente tanto quanto quella di coloro che lo accompagnano. Diffidiamo di quei candidati a incarichi di governo che si preoccupano più nel effettuare demeriti dei loro concorrenti prima di promuovere i loro programmi e le strategie di governo, è facile criticare, costruire è difficile. Dobbiamo essere attenti ai mass media, le grandi aziende dell'informazione maggiormente monopolistiche manipolano le notizie, le distorcono, nascondono, esagerano e addirittura mentono a fin di raggiungere i loro scopi. I Siti internet sono pieni di falsi profili che cercano la stessa fine dei mass media, generare delusione su buone gestioni di governo e dei candidati 18

19 progressisti, seminare confusione e delusione per beneficiare potenze straniere, multinazionali senza scrupoli e potenti gruppi economici del paese. La democrazia si deve valorizzare quando la si tiene e curarla per non perderla. E 'un lavoro arduo e continuo, quelli che sostengono il non interssamento per la politica, che non si informano correttamente, che non pensano prima di concedere il suo voto, o che si lasciano truffare scambiando il loro voto per "vantaggi personali", non potranno poi lamentarsi quando la governance diventi negativa per loro. Il futuro di questi paesi sarà nelle nostre mani, ciò che decida ogni cittadino al momento di emettere il suo voto tendrà nel 2014 un importanza molto significativa, mentre nel mondo Occidentale i ricchi aumentano le loro ricchezze, i poveri e gli indigenti si moltiplicano e la classe media crolla, nella nostra amata Latinoamerica i governi progressisti stanno migliorando lo status sociale ed economico delle classi più sommerse, facendo rivivere i mercati e beneficiano tutte le classi sociali. L'indigenza e la povertà scendono drasticamente, la classe media migliora le loro condizioni e prendono vantaggi senza che i ricchi vedano le loro fortune diminuire, è l'era del "vincere, vincere", dove tutte le classi sociali senza eccezioni prendono benefici di gestioni intelligenti, in cui la giustizia sociale è l'obiettivo in una rivoluzione pacifica che avvantaggia tutti per garantire la loro estensione nel tempo. HectorLopez Rebelion.org BANGLADESH - La policía dispara y mata a joven trabajadora Siguen los violentos enfrentamientos en Bangladesh y la represión de las protestas de los trabajadores por parte de las fuerzas de seguridad. Ayer una joven trabajadora murió en una gran fábrica de zapatos en la ciudad portuaria de Chittagong, la segunda más grande en población e importancia. 19 Desde hace dias 5000 trabajadores empleados en la fabricación de zapatos en la zona industrial gestionado por empresas surcoreanas protestan después de que se difundieran rumores sobre posibles recortes salariales y la reducción de beneficios adicionales que disfrutan los trabajadores empleados en estas empresas en comparación con el resto de los trabajadores en Bangladesh. La policía industrial, el organismo encargado de la seguridad interna de las empresas y en especial el control de los empleados, se ha enfrentado con grupos de trabajadores que segun el oficial de seguridad local, Tofael Ahmed, estavan causando estragos en la planta, propiedad del gigante de la ropa y accesorios Youngone, y de consecuensia abrió fuego contra ellos. La joven de 18 años de edad Parvin Akhter, reciviò un disparo en la cabeza y murió poco después de su hospitalización. Tambien otros trabajadores resultaron heridos. Contra los trabajadores y las trabajadoras la policía utilizó gases lacrimógenos y balas de goma, y también - según testigos - balas de verdad. La noticia de la muerte de la compañera de trabajo ha aumentado aún más la ira de los trabajadores que abrìan devastado e incendiado areas de la estructura. El asesinato de hoy, en un sector productivo problemático pero menos "caliente" de la ropa, donde las protestas siguen hace mucho tiempo en Bangladesh, sigue el de cinco trabajadoras del sector textil en Camboya el pasado viernes por la policía militar. 10 de enero 2014 Contropiano.org BANGLADESH - polizia spara e uccide giovane operaia Ancora scontri violenti in Bangladesh e repressione delle proteste dei lavoratori da parte delle forze di sicurezza. Ieri una giovane operaia è morta in una grande fabbrica calzaturiera nella città portuale di Chittagong, la seconda del paese per popolazione e importanza. Da giorni 5000 lavoratori impiegati nella fabbricazione di scarpe nella Zona industriale gestita da aziende sodcoreane stanno protestando dopo che si sono diffuse voci su possibili tagli salariali e un ridimensionamento dei

20 benefici aggiuntivi di cui godono i lavoratori impiegati in queste aziende rispetto al resto degli operai bangladesi. La polizia industriale, corpo addetto alla sicurezza all interno delle imprese e soprattutto al controllo dei dipendenti, si è scontrata con gruppi di lavoratori che secondo il responsabile locale della sicurezza, Tofael Ahmed, stavano devastando l impianto, di proprietà del colosso dell abbigliamento e degli accessorio Youngone, e ha aperto il fuoco contro di essi. Colpita alla testa la 18enne Parvin Akhter è morta poco dopo il suo ricovero in ospedale. Anche altri operai sono rimasti feriti. Contro i lavoratori e le lavoratrici la polizia ha usato gas lacrimogeni e proiettili di gomma, ma anche secondo i testimoni pallottole vere. La notizia della morte della compagna di lavoro ha ulteriormente accresciuto la rabbia degli operai che avrebbero devastato e incendiato aree dello stabilimento. L uccisione di oggi, in un settore produttivo problematico ma meno caldo di quello dell abbigliamento, dove estese proteste si susseguono da tempo anche in Bangladesh, segue quello di cinque operaie tessili in Cambogia, venerdì scorso, da parte della polizia militare. 10 Gennaio 2014 Contropiano.org GRECIA - Arrestados otros tres deputados neonazis Es un poco de tiempo que no se escucha sobre el movimiento nazi helénico, que acabò bajo el punto de mira en los últimos meses después de que el gobierno de Atenas ha decidido finalmente, pero sólo después del asesinato de un rapero antifascista (Killah P) por un comando de la "Alba Dorada", de ordenar una redada que llevò a la prisión varios dirigentes del partido al que, hace unos días, también se suspendió la financiación pública. Chrysi Avgi está lejos de ser derrotado, por cierto. En las encuestas que lo dan cerca al 10 %, no parece haber sufrido grandes problemas debido a la investigación que acusa al movimiento de haber llevado durante años una campaña de ataques violentos y racistas que dio lugar a la lesión y a veces el asesinato de migrantes y activistas de izquierda. Por no hablar de la extorsión de comerciantes y vendedores ambulantes de origen extranjera, la explotación de la prostitución y el tráfico de armas. En pocas palabras, por ahora, la "Alba Dorada" sigue desempeñando la víctima, el "movimiento anti-sistema" que actuaría contra las fuerzas oscuras de la represión provenientes Ue (una conspiración judeo-masónica-comunista, por supuesto). Lo cierto es que durante años las investigaciones en contra de la violencia de las pandillas neonazis han sido bloqueados por los dos principales partidos griegos, socialistas y conservadores, para quienes era conveniente que la ira popular generada por la tremenda aportación de las medidas adoptadas por la Troika en una orientación hacia la extrema derecha y no hacia los comunistas o SYRIZA. Entonces, en un momento, el juguete se rompiò: el asesinato de Fyssas - Killah P - en Atenas desató en todo el país manifestaciones masivas violentas contra los neonazis y contra la impunidad y los encubrimientos de los que siempre han disfrutado, en ese momento la actitud del gobierno cambiò. Después de la redada de finales de septiembre, cuando terminaron en la cárcel varios miembros de accion fascista, policias cerca del movimiento y también una serie de diputados, Alba Dorada bloqueò sus matones y las redadas contra inmigrantes y militantes de partidos de izquierda se suspendieron en gran parte. Una señal de que detrás de los ataques racistas hubo un solo director, a pesar de las afirmaciones del líder del movimiento de extrema derecha. Entre la noche del sábado y la mañana de ayer, sin embargo, otros tres miembros de Chrysi Avgi fueron arrestados, acusados de pertenecer a una "organización criminal". Dicción utilizada por los jueces de instrucción para indicar un partido que ni el gobierno ni el poder judicial helenicos tienen intencion de proscribir aparte de algunas restricciones a la financiación pública que Alba Dorada está relativamente pasando por alto gracias a las contribuciones fuertes de los propietarios y empresarios. Después de pasar la noche en una celda de la policía en el centro de mando de Atenas, hoy Giorgos Germenis, Panayiotis Iliopoulos y Efstathios Boukouras fueron trasladados a la cárcel. Los dos primeros fueron hacer compañia al fundador y lider del partido, Nikolaos Michaloliakos en la prisión de Korydallos, 20

Una performance con valor de referéndum en Scampia

Una performance con valor de referéndum en Scampia Una performance con valor de referéndum en Scampia Cuando llegamos a Scampia sabíamos que este barrio de Nápoles de ochenta mil habitantes era extremadamente conflictivo. Pero también sabíamos que existían

Dettagli

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO Ser / Estar In spagnolo esistono due forme per tradurre ese, sono ed che vanno usate a seconda del contesto. Ser infinitivo: participio: sido gerundio: siendo PRESENTE IMPERFECTO PERFECTO INDEFINIDO FUTURO

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

(Articolo 2, 1 comma della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani)

(Articolo 2, 1 comma della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani) Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Dal 1934, Noriega + Escobedo è uno degli studi leader in Messico, che offre una grande varietà di servizi legali a clienti messicani e stranieri.

Dal 1934, Noriega + Escobedo è uno degli studi leader in Messico, che offre una grande varietà di servizi legali a clienti messicani e stranieri. AVVOCATI 01 Nuestra La Nostra Experiencia Esperienza Dal 1934, Noriega + Escobedo è uno degli studi leader in Messico, che offre una grande varietà di servizi legali a clienti messicani e stranieri. La

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

AIDA informazioni. Associazione Italiana Documentazione Avanzata. Associazione Italiana Documentazione Avanzata

AIDA informazioni. Associazione Italiana Documentazione Avanzata. Associazione Italiana Documentazione Avanzata Hanno collaborato a aquesto numero pag. 263 Norme per i collaboratori pag. 265 AIDAinformazioni, Rivista di Scienze dell informazione, è il periodico ufficiale dell Associazione Italiana per la Documentazione

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

PRESENTACION SINTETICA Y DATOS DE LA SOCIEDAD GEA SRL

PRESENTACION SINTETICA Y DATOS DE LA SOCIEDAD GEA SRL PRESENTAZIONE SINTETICA E DATI DELLA SOCIETA GEA SRL Lavagna, 11 Gennaio 2013 I piccoli impianti a fonti rinnovabili sono oggi la risposta più economica e immediata alla ricerca di soluzioni innovative

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Amore e altri inganni

Amore e altri inganni Amore e altri inganni Trattatello filosofico su ragioni e passioni José A. Diez Andrea Iacona 1 You go to my head You linger like a haunting refrain And I find you spinning round In my brain Like the bubbles

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

Holon. Massima esperienza illuminotecnica per un design minimale

Holon. Massima esperienza illuminotecnica per un design minimale Holon Massima esperienza illuminotecnica per un design minimale Grazie al suo design senza tempo, Holon è la soluzione ideale per svariati progetti. La sua linea fortemente geometrica rende questa serie

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Nell imminenza del giorno

Nell imminenza del giorno Tomaso Pieragnolo Nell imminenza del giorno Traduzioni 2007-2013 opera di anonimo - fotografia del traduttore Jorge Debravo ~ Eunice Odio ~ Mía Gallegos ~ Alfonso Chase ~ Laureano Albán ~ Julieta Dobles

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL RAPPORTO GIURIDICO Il rapporto giuridico è una relazione tra due soggetti regolata dal diritto. corrisponde

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

ditemi dov'è in vendita poesia

ditemi dov'è in vendita poesia alberto masala ditemi dov'è in vendita poesia edizioni La Volpe e l'uva alberto masala ditemi dov'è in vendita poesia edizioni La Volpe e l Uva 1997 Negli ultimi tempi a Bologna si è sviluppato un acceso

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli