Distribuzione di Video su Internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Distribuzione di Video su Internet"

Transcript

1 Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Architetture per la Distribuzione di Video su Internet Maria Luisa Merani 1

2 INDICE Le soluzioni perseguibili Per ciascuna, vantaggi e punti deboli Architettura Client-Server tradizionale Content Delivery Networks IP Multicast Peer-to-Peer (P2P) Soluzioni maggiormente popolarip Caratteristiche salienti Valutazioni sperimentali su diversi prototipi StreamerOne igridmedia Problemi aperti 2

3 Architettura tt Client-Server Vantaggi Soluzione centralizzata, t facilmente controllabile Svantaggi Le risorse del server rappresentano il collo di bottiglia in termini di banda R = streaming rate B server = R X N ma anche di» risorse computazionali» numero di connessioni simultaneamente attive che è possibile supportare Se poi è la medesima informazione ad essere distribuita simultaneamente a ciascun utente, ulteriore inefficienza 3

4 Quali le possibili soluzioni? 4

5 Content t Distribution ib ti Network Fenomeno relativamente recente Akamai fondata nel 1998 Rete di server distribuiti a livello mondiale sull intera Internet Piattaforma preposta alla distribuzione di contenuti con ritardi minimi Alloggiati negli hosting center La CDN replica il contenuto fornitole dai clienti (i content provider) nei CDN server Aggiornamento del contenuto da parte del content provider immediatamente riflessi nei server della CDN La CDN fornisce all utente un meccanismo per recuperare il contenuto dal server che può fornirlo il più rapidamente possibile Il server CDN più vicino spesso Il server collegato all utente via un percorso congestion-free Server del content t provider CDN server Nodo di distribuzione CDN CDN server Asia CDN server Europa 5

6 Qual è il CDN server più adeguato? La CDN company ridireziona la richiesta verso uno dei possibili server basandosi sulla conoscenza delle Internet routing table dell ISP dell utente richiedente il contenuto (la destinazione) dell RTT tra quell ISP e i diversi CDN server Periodicamente attua e memorizza stime di RTT per un numero elevato di ISP Obiettivo: individuazione attraverso una stima - di quale CDN server garantisce il tempo di risposta più basso 6

7 El l utente t finale? Q. Come viene forzato a scaricare il contenuto desiderato da uno specifico CDN server? R. Attraverso un meccanismo di ridirezione basato sul DNS Vediamolo: 1. Operazione preliminare: modifica dei tag da parte del content provider Da a 2. Richiesta dell oggetto base HTML da parte dell utente al content provider 3. Replica dell origin server/content provider con indicazione sul nuovo riferimento 4. Interrogazione da parte dell utente al DNS per risolvere l indirizzo simbolico e 5. Replica da parte di un authoritative server 1. fornisce l IP del CDN server opportuno (es. il più vicino all IP address dell utente che ha inviato la DNS query) 7

8 Graficamente HTTP request per il base object Server del content provider 1 DNS query per 2 DNS authoritative server della CDN company 3 HTTP request per l oggetto distribuito via CDN CDN server (più vicino all utente) 8

9 IP Multicast t Inviare il medesimo pacchetto contemporaneamente a più destinazioni con un multicast a livello 3, anziché aprire tante connessioni unicast quanti sono i client che richiedono il flusso video rappresenterebbe la soluzione più naturale 9

10 IP Multicast t Efficiente 10

11 Svantaggi IP Multicast non ha trovato ampia diffusione Impiegato in alcune reti private, ma non sulla Public Internet Complessità Richiede una per-flow information nei router attraversati dai flussi multicast Viola il principio stateless dei router attuali! Assenza di scalabilità Controllo di flusso e di congestione a livello trasporto - su flussi multicast sono problematici 11

12 P2P Ratio: P2P overlay 1. Perchè non spostare il multicast a livello applicazione? Inoltre 2. ci sono tante risorse inutilizzate in rete e potenzialmente utili Banda Capacità di processing Memoria Perché non impiegarle per contribuire alla distribuzione di uno o più contenuti di interesse per una certa community di utenti? Collaborazione fattiva degli utenti nella distribuzione video + Bvideo _ server bb upload = N R 12

13 P2P Nelle soluzioni P2P per il video streaming il flusso viene suddiviso in chunk Tipicamente un chunk contiene alcuni secondi di video I peer della overlay mettono a disposizione la propria banda di upload per passare ad altri peer i video chunk che già possiedono Sollecitazione sul video server fortemente ridotta Richieste infrastrutturali minimali P2P è già ampiamente diffuso nelle applicazioni di file sharing Specificità rispetto a queste ultime Vincolo del real-time (near real-time) Es. IP-TV ed evento sportivo Richiesta in banda può essere significativa Ergo, la QoE garantita deve prevedere Ritardi (nel play-out, dopo lo zapping ) modesti Visione soddisfacente 13

14 Classificazione i Possibile distinzione dei sistemi P2P per lo streaming Tree-based Mesh-based Tree-based Albero a livello applicazione, ma connessioni unicast a livello IP! Criteri per la formazione dell albero 14

15 Quali gli svantaggi? 15

16 Tree-based: svantaggi Approccio concettualmente semplice, ma Prono a malfunzionamenti 1. Partenza di un peer che non occupa la posizione di foglia nell albero Inefficiente nell impiego delle risorse (banda) condivise 1. La banda in upload dei peer foglia è completamente inutilizzata Soluzione: overlay multi-tree Vincolo: peer foglia in un albero NON sono tali negli altri alberi Esempio con due sottoflussi 16

17 Soluzione Multi Albero Su ogni albero il video server provvede a diffondere un sottoflusso Un peer esegue il join su più alberi Lettura semplice: ogni peer deve recuperare tutti i sottoflussi originari Alternative più sofisticate MDC Multiple Description Coding FGS Codifica video scalabile Es. (un albero sufficientemente ridondato) convoglia il base layer, gli altri distribuiscono gli enhancement layer 17

18 Soluzione mesh-based Denominata anche pull-based È il peer interessato al contenuto che ne esegue il PULL dal parent Nessuna topologia predefinita Ciascun peer mantiene una lista di partners con cui periodicamente scambia informazioni sui chunk video disponibili I chunk desiderati (mancanti) vengono richiesti al peer che li ha in precedenza pubblicizzati Partnership aggiornate dinamicamente a frequenza adeguata così da garantire Robustezza (i peer nascono e muoiono nella overlay, dinamicamente) Efficienza nel processo di diffusione» Es. sostituzione dei peer meno performanti 18

19 Soluzione mesh-based Analogia con P2P per il file sharing (BitTorrent) MA differenza significativa I chunk video devono essere consegnati rispettando una deadline temporale ERGO scheduling significativamente diverso rispetto al P2P per il file sharing Q. Quale soluzione è la migliore? Push-based: confina i ritardi, ma il costo per mantenere alberi stabili e robusti è elevato complessità nella fase di design e di management (segnalazione) Pull-based: semplice da implementare e mantenere, efficiente, poiché il processo di diffusione dei dati non è vincolato a seguire specifiche direzioni, robusto a dinamiche veloci nell ingresso/uscita dei peer dal sistema Impiegato nella maggior parte dei prototipi e dei sistemi commerciali Può esibire ritardi considerevoli in fase di start-up e nel cambio di canale 19

20 Ulteriore soluzione Albero e mesh presuppongono una topologia non gerarchica Alternativa: peer organizzati in tier, o livelli Tier di primo livello o backbone: peer più stabili, con sufficiente banda in upload organizzati ad albero Tier di secondo livello: raccoglie i peer maggiormente fluttuanti, organizzati su mesh (o alberi addizionali) Dunque è possibile distinguere tra architetture TIERED FLAT P2P puro, ma anche Soluzioni ibride: replication server sul tier di primo livello, P2P nel secondo tier Adeguate per TV broadcasters, provider di contenuti ti Architetture P2P pure Tipiche di small overlays di prosumers 20

21 Alcuni prototipi/sistemi ti i/ i t i commerciali PPLive Mesh-based Principalmente TCP-based Media giornaliera di 400K utenti per 200 canali Rate dei programmi televisivi distribuiti Da 250 a 400 Kbit/s Alcuni canali a 800 Kbit/s Numero di partner nodes dipendente dalla popolarità del canale Campus peer hanno 40 partners Peer con accesso residenziale da 10 a 30 21

22 Continua SopCast Fornisce servizi Live streaming ed anche VoD Architettura mesh-based Principalmente UDP a livello trasporto Tipicamente un peer SopCast esegue il dowload da 2-5 altri peer UUSee Ulteriore esempio di sistema P2P per lo streaming su larga scala Architettura ibrida Diversi streaming servers dislocati in tutto il mondo Mesh-based, impiega i TCP Numero di partner per ciascun peer: circa 50 Offre circa 800 diversi canali con una media di 100K utenti simultanei Streaming rate: 400 Kbit/s 22

23 Continua GridMedia Ulteriore esempio di sistema P2P su larga scala cinese Protocollo ibrido push-pull Interessante Soluzioni europee P2P per il VoD Joost Mesh bashed, 95% dei peer riceve il contenuto da circa altri 25 peer UDP per i dati, TCP per il controllo Babelgum TCP 95% dei peer riceve il contenuto da una media altri 8 peer Entrambi esibiscono un architettura ibrida, con streaming server dislocati in tutto il mondo 23

24 Processo di diffusione i nei sistemi i a MESH All atto del join, un nuovo peer contatta l origin server Caso semplice: l origin server lo ridirige verso un tracker, che mantiene la membership list Il tracker fornisce a peer una lista, sottoinsieme della precedente, di partner potenziali che il peer contatta per ricevere le loro buffer map BUFFER MAP? Dimensione indicativa: stringhe di 120 bit => nel buffer il peer ha circa un paio di minuti del video Dalle buffer map ricevute, il peer identifica i suoi potenziali parent 24

25 Continua Ricevute le buffer map, il peer richiede i chunk mancanti Tutti, non appena è entrato nel sistema Esempio di scheduling nelle richieste: Per ogni chunk si determinano tutti i potenziali fornitori Quello con più banda è individuato come il migliore Si comunica a ciascun fornitore selezionato quali chunk il fornitore deve trasmettere al peer (PULL) 25

26 Anatomia dell architettura tt SW di un peer Presenza di Streaming engine Media player Streaming engine Si occupa del recupero dei video chunk della loro memorizzazione temporanea del loro trasferimento al media player Gestisce le buffer map Richiede i chunk mancanti e fornisce quelli desiderati dagli altri peer Esegue l update delle liste dei partner 26

27 Gestione dell appartenenza alla overlay Overlay membership Sistemi di dimensioni medio/piccole SOLUZIONE CENTRALIZZATA un nuovo peer recupera la lista dei peer da contattare dal tracker server, che conosce tutti i peer della overlay Come? Sistemi di grandi dimensioni SOLUZIONE DISTRIBUITA Possibile alternativa alla precedente: il nuovo peer viene reindirizzato verso un deputy peer, selezionato (ad es. in modo random) dalla lista presente nella cache del video server non esaustiva 1. Il deputy fornisce al nuovo peer una lista di possibili contatti 2. Il deputy aggiorna la membership list nella sua cache, inserendo una entry per il nuovo peer Vantaggi: agg» diminuzione dello stress sul tracker server» scomparsa di un punto di vulnerabilità del sistema, repository di dati che riguardano la totalità dei peer nel sistema 27

28 Possibile mantenimento membership list Perché una cache in ogni peer con una vista parziale della membership list nell ultima soluzione citata? Necessaria per disseminare, quando il peer assume il ruolo di deputy, ad altri peer tale vista Inoltre Ogni peer periodicamente consulta la sua membership cache per sostituire i partners che lasciano il sistema o che non sono sufficientemente i t performanti E come viene aggiornata? Una possibilità è attraverso algoritmi di gossiping, o epidemici Il peer invia un messaggio (gossip) ad un subset, tipicamente random, di altri peer di cui conosce l esistena Al round successivo sono questi peer a farsi carico di rilanciare il messaggio Un messaggio viene ritrasmesso da un peer solo quando lo riceve per la prima volta 28

29 Caratteristiche ti dei sistemi i più recenti Impiego di substream multipli Soluzione ibrida push-pull Adozione di server multipli Collocazione geografica g strategica No architettura P2P pura 29

30 Substream multipli li Il video viene come in precedenza suddiviso in chunk I chunk sono tuttavia ripartiti in substream distinti Se K substream, il j-simo è costituito dai chunk j+i*k, i=0,1,2, del video originario 30

31 Continua Il punto critico risiede nel mantenere la sincronizzazione tra i diversi substream Nel peer la struttura della cache per i chunk viene modificata Un buffer di sincronizzazione precede il cache buffer Struttura logica del buffer per K=4 Substream distinti 31

32 Ibrido push-pull In una architettura a mesh, i peer eseguono il PULL dei chunk dagli altri peer Nella soluzione ibrida, il meccanismo di PULL è impiegato solo per il primo chunk del generico substream Una volta che si è identificato il peer fornitore per tale chunk, tale peer automaticamente provvederà a fornire in PUSH anche i chunk successivi al primo Periodicamente si provvede ad aggiornare i peer fornitori, i parent peer Sostituzione dei peer 1. che hanno abbandonato la overlay 2. Che forniscono insufficiente contenuto video 32

33 Metriche di qualità Start-up delay intervallo che intercorre dall istante di selezione del canale video (programma televisivo) desiderato e l istante in cui inizia il playout sullo schermo Ritardo critico, influenza fortemente la soddisfazione dell utente Video playback continuity Ciascun chunk video ha una propria deadline temporale di playback Se il chunk non raggiunge il buffer del peer entro tale deadline e 1. non ci sono video chunk nel buffer del player => video FREEZING, se si esegue il payback dell ultimo frame video 2. Sono presenti alcuni chunk video nel buffer, ma non contigui => video SKIPPING Operativamente, si misura in modo indiretto misurando la chunk miss ratio Ulteriore metrica importante nel caso di IP-TV su architettura P2P, Video switching delay 33

34 Misure sperimentali Possono essere realizzate Network-edge, o client-side Il singolo peer cattura il traffico di upload e di download E/O Server-side Motivazione: Un log-server centralizzato ha una visione completa del sistema, e può rilevare, ad esempio Evoluzione del numero dei peer connessi Durata delle sessioni Contributo in upload fornito dai peer» Peer robusti e peer deboli Indirizzo IP dei peer» Utile per geolocalizzazione Monitoraggio delle prestazioni che il sistema P2P garantisce agli utilizzatori t i QoE alta, l utente NON abbandonerà il sistema 34

35 Esempi di misure network-edge Numero di pacchetti UDP e TCP scambiati tra il local peer ed i suoi partner SOPCAST 35

36 Continua PPLIVE CONCLUSIONI: 36

37 Misure network-edge Throughput in upload ed in download Peer residenziale, connessione via ADSL PPLIVE 37

38 Continua Scorporo dei contributi PPLIVE 38

39 Una piattaforma italiana StreamerOne Esempio di small overlay Struttura a mesh Un control server e tanti ti streaming server quanti sono i canali Peer contatta control server e riceve le reference di tutti gli streaming server individuato il canale, peer riceve dallo streaming server lista di 50 peer, selezionati casualmente tra quelli che attualmente guardano il canale Periodicamente il peggior fornitore viene eliminato dalla lista e sostituito da un altro peer Diffusione di canali televisivi nazionali Trasmissione video H.264 a 224 kbit/s 39

40 Misure network-edge Evoluzione del numero di peer fornitori in StreamerOne 40

41 Misure network-edge Distribuzione di probabilità cumulativa (CDF) per la dimensione dei pacchetti Bimodale 300 e 1500 byte 41

42 Misure server-side StreamerOne, small overlay Evoluzione numero di peer interessati ad un evento televisivo Europei di calcio 42

43 Misure server-side StreamerOne, small overlay Geolocalizzazione e free-rider Free-rider? 43

44 Misure server-side Start-up delay in una LARGE overlay COOLSTREAMING 44

45 Selezione del protocollo a livello ll trasporto t UDP rappresenta indubbiamente la scelta più adatta alle specificità dei flussi multimediali Tuttavia Oggi i servizi client-server più popolari per lo streaming video su Internet impiegano TCP??? Inefficienza che trova diverse giustificazioni correlate : fruitori del servizio inesperti, poco propensi p a scaricare applicativi non conosciuti SOLUZIONE» streaming effettuato attraverso applicazioni (in Adobe FLASH ) incorporate all interno del sito del fornitore di contenuti, ergo fruibili via web browser risiedono su una rete protetta da firewall 45

46 Problemi con i firewall Sempre più diffusi Presentano impostazioni di default piuttosto stringenti Tecnica più semplice: Ispeziona per ogni singolo pacchetto IP: indirizzo IP sorgente e destinazione, porta sorgente e porta destinazione, protocollo di livello trasporto impiegato Classificazione in macrocategorie, ottenuta incrociando le convenzioni sulle well-known ports con le precedenti informazioni Esempi: traffico su porta 80 + utilizzo TCP marcato come traffico HTTP traffico su porta 21 + utilizzo TCP traffico FTP 46

47 Continua Il traffico di video streaming non impiega porte riconosciute per convenzione! Traffico di video streaming marcato come sconosciuto o generico e la regola di default è bloccare il traffico NON riconosciuto i Tuttavia un utente potrebbe mandare tale tipo di traffico sulla porta 21 SOLUZIONE i firewall - più sofisticati - ispezionano ulteriormente il pacchetto, spingendosi sino all identificazione del protocollo di livello applicazione Meglio: far interpretare il flusso multimediale come traffico web Obbligo di impiego del TCP per la sessione Web Impiego dell HTTP a livello applicazione per operare con il flusso multimediale erogato in streaming 47

48 Riferimenti i bibliografici i J.K. Kurose, Keith W. Ross Computer Networking - A Top-Down Approach Featuring the Internet, ed. Addison Wesley M.L. Merani, D. Saladino Live Video and IP-TV Book Chapter in Handbook of Peer-to-Peer Networking, ed. Springer,

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Agenda - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2003 Cap 2-4 pag.

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 9 Distribuzione dei contenuti Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 FTP: file transfer protocol FTP user interface

Dettagli

Contesto: Peer to Peer

Contesto: Peer to Peer Contesto: Peer to Peer Un architettura di rete P2P è caratterizzata da: Connessioni dirette tra i suoi componenti. Tutti i nodi sono entità paritarie (peer). Risorse di calcolo, contenuti, applicazioni

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Peer-to-Peer video streaming

Peer-to-Peer video streaming P2P video streaming Pag. 1 Peer-to-Peer video streaming P2P video streaming Pag. 2 Le dimensioni di un sistema di p2p video streaming 1. struttura della distribuzione 2. costruzione della topologia 3.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Ottimizzazione del traffico P2P nelle Wireless Community Network Stefano Avallone, Roberto Canonico, Giorgio Ventre, Francesco Paolo D'Elia Conferenza GARR

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Agenda - File Transfer Protocol (FTP) - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

CONTENT DISTRIBUTION NETWORKS

CONTENT DISTRIBUTION NETWORKS CONTENT DISTRIBUTION NETWORKS Definizione (CDN): Le reti per la distribuzione di contenuto o CDN sono delle strutture, operanti sulla rete Internet, in grado di consegnare o distribuire contenuti statici

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Web replication. Giuliano. Casale 06/06/2005. casale@elet.polimi.it

Web replication. Giuliano. Casale 06/06/2005. casale@elet.polimi.it Web replication 06/06/2005 Giuliano Casale casale@elet.polimi.it Web replication Soluzione server-side per permettere la scalabilitá Web: il sito Web è replicato su più server, eventualmente dislocati

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Reti non strutturate: casi di studio Livio.torrero@polito (Livio.torrero@polito.it) 09/2009 Napster: introduzione Livio Torrero - Politecnico di Torino Nato come applicativo

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 3 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Education Italia 2005 7-1 Multimedia - Qualità del servizio: di cosa si tratta?

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Content Delivery Networks Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Vittorio Trecordi 1 Nuove esigenze e nuove strategie La diffusione

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 9-04-2015 1 Database distribuiti e gerarchici

Dettagli

Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica. NAT & Firewalls

Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica. NAT & Firewalls Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica NAT & Firewalls 1 NAT(NETWORK ADDRESS TRANSLATION) MOTIVAZIONI NAT(Network Address Translation) = Tecnica di filtraggio di pacchetti IP con sostituzione

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming.

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. 1 Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. IL Progetto. Il progetto illustrato nel seguito prevede mediante la tecnologia di streaming la diffusione di audio/video su misura del cliente al 100%,

Dettagli

Applicazioni Real-Time in Internet

Applicazioni Real-Time in Internet 1 Applicazioni Real-Time in Internet Multimedia Networking: Overview Classi di Applicazioni streaming audio/video streaming unidirezionale (multicast) di a/v realtime real-time interattivo audio/video

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito tesi di laurea Anno Accademico 2012/2013 relatore Ch.mo prof. Simon Pietro Romano correlatori Ing. Tobia Castaldi candidato Alessandro Arrichiello Matr. M63/43 Contesto: o Content Distribution Networks

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Il routing nelle reti IP

Il routing nelle reti IP Il routing nelle reti IP A.A. 005/006 Walter Cerroni IP: instradamento dei datagrammi Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano una struttura interconnessa e cooperante: i datagrammi

Dettagli

Introduzione (parte I)

Introduzione (parte I) Introduzione (parte I) Argomenti della lezione Argomenti trattati in questo corso Libri di testo e materiale didattico Ripasso degli argomenti del primo corso: reti locali Contenuti del corso La progettazione

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

Content Distribution Networks Digital Rights Management

Content Distribution Networks Digital Rights Management Content Distribution Networks Digital Rights Management Content Distribution Networks Digital Rights Management Angelo Duilio Tracanna LabOne Italia S.r.l. Amministratore Delegato angelo.tracanna@labone.net

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 3 a lezione Francesco Fontanella Il pacchetto IP Il preambolo (header) IP è fatto in questo modo: Gli Indirizzi IP Ogni host e router

Dettagli

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s Precisiamo i innanzitutto it tt DUE NOZIONI 1. Banda a livello 1 2. Bit rate (frequenza di cifra) BANDA (LIVELLO FISICO) È riferita al dominio delle frequenze Si misura in Hz Banda di un segnale Banda

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Content Distribution Networks Digital Rights Management

Content Distribution Networks Digital Rights Management Content Distribution Networks Digital Rights Management Angelo Duilio Tracanna LabOne Italia S.r.l. Amministratore Delegato angelo.tracanna@labone.net 23 Novembre 2005 LabOne Stati uniti Brasile Italia

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina - Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica III anno Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Il livello delle applicazioni. Si trattano qui i servizi proposti agli utenti dalle reti

Il livello delle applicazioni. Si trattano qui i servizi proposti agli utenti dalle reti Il livello delle applicazioni Si trattano qui i servizi proposti agli utenti dalle reti 27/04/2005 2 Perché livelli diversi? Strato applicazioni Protocolli applicativi servizi utente Strato TCP/UDP Interazione

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Modelli di comunicazione

Modelli di comunicazione omunicazione End-to-end o Relayed UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PRM Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http://www.tlc.unipr.it/veltri

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazioni, a.a. 00/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

Privacy Policy e utilizzo dei cookie.

Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy Informativa resa ai sensi dell articolo 13 del D.lgs. n.196/2003 ai visitatori del sito di Hakomagazine e fruitori dei servizi offerti dallo stesso,

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Davide Quaglia a.a. 2006/2007 1 Sommario Architettura di riferimento Classificazione per funzionalità

Dettagli

PLATFORM PRESENTATION

PLATFORM PRESENTATION PLATFORM PRESENTATION LA PIATTAFORMA 2/15 Twww.tv è un network di network televisivi in alta definizione, caratterizzati da un'interfaccia interattiva in full-screen. L'infrastuttura server di Twww.tv

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

Sistemi Web distribuiti localmente. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Sistemi Web distribuiti localmente. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Sistemi Web distribuiti localmente Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Motivazioni Il successo del Web Siti Web popolari sono soggetti a milioni di hit al giorno Es.: il sito Web delle Olimpiadi

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 200, ore 1.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Sommario Prefazione all edizione italiana XIII Capitolo 1 Introduzione 1.1 Applicazioni delle reti di calcolatori 2 1.1.1 Applicazioni aziendali 3 1.1.2 Applicazioni domestiche 5 1.1.3 Utenti mobili 8

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Obiettivi d esame HP ATA Networks

Obiettivi d esame HP ATA Networks Obiettivi d esame HP ATA Networks 1 Spiegare e riconoscere tecnologie di rete e le loro implicazioni per le esigenze del cliente. 1.1 Descrivere il modello OSI. 1.1.1 Identificare ogni livello e descrivere

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

10 metodi per ottimizzare la rete in modo sicuro

10 metodi per ottimizzare la rete in modo sicuro 10 metodi per ottimizzare la rete in modo sicuro Con l intelligenza applicativa dei firewall di nuova generazione e la serie WAN Acceleration Appliance (WXA) di SonicWALL Sommario Ottimizzazione sicura

Dettagli

Real Time Transport Protocol. Maria Luisa MERANI

Real Time Transport Protocol. Maria Luisa MERANI RTP Real Time Transport Protocol e RTCP, RTP Control Protocol Maria Luisa MERANI 1 PREMESSA Dal momento che le applicazioni real-time (o near realtime) dovrebbero fare la parte del leone sulla Internet

Dettagli

Sicurezza applicata in rete

Sicurezza applicata in rete Sicurezza applicata in rete Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e dei

Dettagli