Distribuzione di Video su Internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Distribuzione di Video su Internet"

Transcript

1 Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Architetture per la Distribuzione di Video su Internet Maria Luisa Merani 1

2 INDICE Le soluzioni perseguibili Per ciascuna, vantaggi e punti deboli Architettura Client-Server tradizionale Content Delivery Networks IP Multicast Peer-to-Peer (P2P) Soluzioni maggiormente popolarip Caratteristiche salienti Valutazioni sperimentali su diversi prototipi StreamerOne igridmedia Problemi aperti 2

3 Architettura tt Client-Server Vantaggi Soluzione centralizzata, t facilmente controllabile Svantaggi Le risorse del server rappresentano il collo di bottiglia in termini di banda R = streaming rate B server = R X N ma anche di» risorse computazionali» numero di connessioni simultaneamente attive che è possibile supportare Se poi è la medesima informazione ad essere distribuita simultaneamente a ciascun utente, ulteriore inefficienza 3

4 Quali le possibili soluzioni? 4

5 Content t Distribution ib ti Network Fenomeno relativamente recente Akamai fondata nel 1998 Rete di server distribuiti a livello mondiale sull intera Internet Piattaforma preposta alla distribuzione di contenuti con ritardi minimi Alloggiati negli hosting center La CDN replica il contenuto fornitole dai clienti (i content provider) nei CDN server Aggiornamento del contenuto da parte del content provider immediatamente riflessi nei server della CDN La CDN fornisce all utente un meccanismo per recuperare il contenuto dal server che può fornirlo il più rapidamente possibile Il server CDN più vicino spesso Il server collegato all utente via un percorso congestion-free Server del content t provider CDN server Nodo di distribuzione CDN CDN server Asia CDN server Europa 5

6 Qual è il CDN server più adeguato? La CDN company ridireziona la richiesta verso uno dei possibili server basandosi sulla conoscenza delle Internet routing table dell ISP dell utente richiedente il contenuto (la destinazione) dell RTT tra quell ISP e i diversi CDN server Periodicamente attua e memorizza stime di RTT per un numero elevato di ISP Obiettivo: individuazione attraverso una stima - di quale CDN server garantisce il tempo di risposta più basso 6

7 El l utente t finale? Q. Come viene forzato a scaricare il contenuto desiderato da uno specifico CDN server? R. Attraverso un meccanismo di ridirezione basato sul DNS Vediamolo: 1. Operazione preliminare: modifica dei tag da parte del content provider Da a 2. Richiesta dell oggetto base HTML da parte dell utente al content provider 3. Replica dell origin server/content provider con indicazione sul nuovo riferimento 4. Interrogazione da parte dell utente al DNS per risolvere l indirizzo simbolico e 5. Replica da parte di un authoritative server 1. fornisce l IP del CDN server opportuno (es. il più vicino all IP address dell utente che ha inviato la DNS query) 7

8 Graficamente HTTP request per il base object Server del content provider 1 DNS query per 2 DNS authoritative server della CDN company 3 HTTP request per l oggetto distribuito via CDN CDN server (più vicino all utente) 8

9 IP Multicast t Inviare il medesimo pacchetto contemporaneamente a più destinazioni con un multicast a livello 3, anziché aprire tante connessioni unicast quanti sono i client che richiedono il flusso video rappresenterebbe la soluzione più naturale 9

10 IP Multicast t Efficiente 10

11 Svantaggi IP Multicast non ha trovato ampia diffusione Impiegato in alcune reti private, ma non sulla Public Internet Complessità Richiede una per-flow information nei router attraversati dai flussi multicast Viola il principio stateless dei router attuali! Assenza di scalabilità Controllo di flusso e di congestione a livello trasporto - su flussi multicast sono problematici 11

12 P2P Ratio: P2P overlay 1. Perchè non spostare il multicast a livello applicazione? Inoltre 2. ci sono tante risorse inutilizzate in rete e potenzialmente utili Banda Capacità di processing Memoria Perché non impiegarle per contribuire alla distribuzione di uno o più contenuti di interesse per una certa community di utenti? Collaborazione fattiva degli utenti nella distribuzione video + Bvideo _ server bb upload = N R 12

13 P2P Nelle soluzioni P2P per il video streaming il flusso viene suddiviso in chunk Tipicamente un chunk contiene alcuni secondi di video I peer della overlay mettono a disposizione la propria banda di upload per passare ad altri peer i video chunk che già possiedono Sollecitazione sul video server fortemente ridotta Richieste infrastrutturali minimali P2P è già ampiamente diffuso nelle applicazioni di file sharing Specificità rispetto a queste ultime Vincolo del real-time (near real-time) Es. IP-TV ed evento sportivo Richiesta in banda può essere significativa Ergo, la QoE garantita deve prevedere Ritardi (nel play-out, dopo lo zapping ) modesti Visione soddisfacente 13

14 Classificazione i Possibile distinzione dei sistemi P2P per lo streaming Tree-based Mesh-based Tree-based Albero a livello applicazione, ma connessioni unicast a livello IP! Criteri per la formazione dell albero 14

15 Quali gli svantaggi? 15

16 Tree-based: svantaggi Approccio concettualmente semplice, ma Prono a malfunzionamenti 1. Partenza di un peer che non occupa la posizione di foglia nell albero Inefficiente nell impiego delle risorse (banda) condivise 1. La banda in upload dei peer foglia è completamente inutilizzata Soluzione: overlay multi-tree Vincolo: peer foglia in un albero NON sono tali negli altri alberi Esempio con due sottoflussi 16

17 Soluzione Multi Albero Su ogni albero il video server provvede a diffondere un sottoflusso Un peer esegue il join su più alberi Lettura semplice: ogni peer deve recuperare tutti i sottoflussi originari Alternative più sofisticate MDC Multiple Description Coding FGS Codifica video scalabile Es. (un albero sufficientemente ridondato) convoglia il base layer, gli altri distribuiscono gli enhancement layer 17

18 Soluzione mesh-based Denominata anche pull-based È il peer interessato al contenuto che ne esegue il PULL dal parent Nessuna topologia predefinita Ciascun peer mantiene una lista di partners con cui periodicamente scambia informazioni sui chunk video disponibili I chunk desiderati (mancanti) vengono richiesti al peer che li ha in precedenza pubblicizzati Partnership aggiornate dinamicamente a frequenza adeguata così da garantire Robustezza (i peer nascono e muoiono nella overlay, dinamicamente) Efficienza nel processo di diffusione» Es. sostituzione dei peer meno performanti 18

19 Soluzione mesh-based Analogia con P2P per il file sharing (BitTorrent) MA differenza significativa I chunk video devono essere consegnati rispettando una deadline temporale ERGO scheduling significativamente diverso rispetto al P2P per il file sharing Q. Quale soluzione è la migliore? Push-based: confina i ritardi, ma il costo per mantenere alberi stabili e robusti è elevato complessità nella fase di design e di management (segnalazione) Pull-based: semplice da implementare e mantenere, efficiente, poiché il processo di diffusione dei dati non è vincolato a seguire specifiche direzioni, robusto a dinamiche veloci nell ingresso/uscita dei peer dal sistema Impiegato nella maggior parte dei prototipi e dei sistemi commerciali Può esibire ritardi considerevoli in fase di start-up e nel cambio di canale 19

20 Ulteriore soluzione Albero e mesh presuppongono una topologia non gerarchica Alternativa: peer organizzati in tier, o livelli Tier di primo livello o backbone: peer più stabili, con sufficiente banda in upload organizzati ad albero Tier di secondo livello: raccoglie i peer maggiormente fluttuanti, organizzati su mesh (o alberi addizionali) Dunque è possibile distinguere tra architetture TIERED FLAT P2P puro, ma anche Soluzioni ibride: replication server sul tier di primo livello, P2P nel secondo tier Adeguate per TV broadcasters, provider di contenuti ti Architetture P2P pure Tipiche di small overlays di prosumers 20

21 Alcuni prototipi/sistemi ti i/ i t i commerciali PPLive Mesh-based Principalmente TCP-based Media giornaliera di 400K utenti per 200 canali Rate dei programmi televisivi distribuiti Da 250 a 400 Kbit/s Alcuni canali a 800 Kbit/s Numero di partner nodes dipendente dalla popolarità del canale Campus peer hanno 40 partners Peer con accesso residenziale da 10 a 30 21

22 Continua SopCast Fornisce servizi Live streaming ed anche VoD Architettura mesh-based Principalmente UDP a livello trasporto Tipicamente un peer SopCast esegue il dowload da 2-5 altri peer UUSee Ulteriore esempio di sistema P2P per lo streaming su larga scala Architettura ibrida Diversi streaming servers dislocati in tutto il mondo Mesh-based, impiega i TCP Numero di partner per ciascun peer: circa 50 Offre circa 800 diversi canali con una media di 100K utenti simultanei Streaming rate: 400 Kbit/s 22

23 Continua GridMedia Ulteriore esempio di sistema P2P su larga scala cinese Protocollo ibrido push-pull Interessante Soluzioni europee P2P per il VoD Joost Mesh bashed, 95% dei peer riceve il contenuto da circa altri 25 peer UDP per i dati, TCP per il controllo Babelgum TCP 95% dei peer riceve il contenuto da una media altri 8 peer Entrambi esibiscono un architettura ibrida, con streaming server dislocati in tutto il mondo 23

24 Processo di diffusione i nei sistemi i a MESH All atto del join, un nuovo peer contatta l origin server Caso semplice: l origin server lo ridirige verso un tracker, che mantiene la membership list Il tracker fornisce a peer una lista, sottoinsieme della precedente, di partner potenziali che il peer contatta per ricevere le loro buffer map BUFFER MAP? Dimensione indicativa: stringhe di 120 bit => nel buffer il peer ha circa un paio di minuti del video Dalle buffer map ricevute, il peer identifica i suoi potenziali parent 24

25 Continua Ricevute le buffer map, il peer richiede i chunk mancanti Tutti, non appena è entrato nel sistema Esempio di scheduling nelle richieste: Per ogni chunk si determinano tutti i potenziali fornitori Quello con più banda è individuato come il migliore Si comunica a ciascun fornitore selezionato quali chunk il fornitore deve trasmettere al peer (PULL) 25

26 Anatomia dell architettura tt SW di un peer Presenza di Streaming engine Media player Streaming engine Si occupa del recupero dei video chunk della loro memorizzazione temporanea del loro trasferimento al media player Gestisce le buffer map Richiede i chunk mancanti e fornisce quelli desiderati dagli altri peer Esegue l update delle liste dei partner 26

27 Gestione dell appartenenza alla overlay Overlay membership Sistemi di dimensioni medio/piccole SOLUZIONE CENTRALIZZATA un nuovo peer recupera la lista dei peer da contattare dal tracker server, che conosce tutti i peer della overlay Come? Sistemi di grandi dimensioni SOLUZIONE DISTRIBUITA Possibile alternativa alla precedente: il nuovo peer viene reindirizzato verso un deputy peer, selezionato (ad es. in modo random) dalla lista presente nella cache del video server non esaustiva 1. Il deputy fornisce al nuovo peer una lista di possibili contatti 2. Il deputy aggiorna la membership list nella sua cache, inserendo una entry per il nuovo peer Vantaggi: agg» diminuzione dello stress sul tracker server» scomparsa di un punto di vulnerabilità del sistema, repository di dati che riguardano la totalità dei peer nel sistema 27

28 Possibile mantenimento membership list Perché una cache in ogni peer con una vista parziale della membership list nell ultima soluzione citata? Necessaria per disseminare, quando il peer assume il ruolo di deputy, ad altri peer tale vista Inoltre Ogni peer periodicamente consulta la sua membership cache per sostituire i partners che lasciano il sistema o che non sono sufficientemente i t performanti E come viene aggiornata? Una possibilità è attraverso algoritmi di gossiping, o epidemici Il peer invia un messaggio (gossip) ad un subset, tipicamente random, di altri peer di cui conosce l esistena Al round successivo sono questi peer a farsi carico di rilanciare il messaggio Un messaggio viene ritrasmesso da un peer solo quando lo riceve per la prima volta 28

29 Caratteristiche ti dei sistemi i più recenti Impiego di substream multipli Soluzione ibrida push-pull Adozione di server multipli Collocazione geografica g strategica No architettura P2P pura 29

30 Substream multipli li Il video viene come in precedenza suddiviso in chunk I chunk sono tuttavia ripartiti in substream distinti Se K substream, il j-simo è costituito dai chunk j+i*k, i=0,1,2, del video originario 30

31 Continua Il punto critico risiede nel mantenere la sincronizzazione tra i diversi substream Nel peer la struttura della cache per i chunk viene modificata Un buffer di sincronizzazione precede il cache buffer Struttura logica del buffer per K=4 Substream distinti 31

32 Ibrido push-pull In una architettura a mesh, i peer eseguono il PULL dei chunk dagli altri peer Nella soluzione ibrida, il meccanismo di PULL è impiegato solo per il primo chunk del generico substream Una volta che si è identificato il peer fornitore per tale chunk, tale peer automaticamente provvederà a fornire in PUSH anche i chunk successivi al primo Periodicamente si provvede ad aggiornare i peer fornitori, i parent peer Sostituzione dei peer 1. che hanno abbandonato la overlay 2. Che forniscono insufficiente contenuto video 32

33 Metriche di qualità Start-up delay intervallo che intercorre dall istante di selezione del canale video (programma televisivo) desiderato e l istante in cui inizia il playout sullo schermo Ritardo critico, influenza fortemente la soddisfazione dell utente Video playback continuity Ciascun chunk video ha una propria deadline temporale di playback Se il chunk non raggiunge il buffer del peer entro tale deadline e 1. non ci sono video chunk nel buffer del player => video FREEZING, se si esegue il payback dell ultimo frame video 2. Sono presenti alcuni chunk video nel buffer, ma non contigui => video SKIPPING Operativamente, si misura in modo indiretto misurando la chunk miss ratio Ulteriore metrica importante nel caso di IP-TV su architettura P2P, Video switching delay 33

34 Misure sperimentali Possono essere realizzate Network-edge, o client-side Il singolo peer cattura il traffico di upload e di download E/O Server-side Motivazione: Un log-server centralizzato ha una visione completa del sistema, e può rilevare, ad esempio Evoluzione del numero dei peer connessi Durata delle sessioni Contributo in upload fornito dai peer» Peer robusti e peer deboli Indirizzo IP dei peer» Utile per geolocalizzazione Monitoraggio delle prestazioni che il sistema P2P garantisce agli utilizzatori t i QoE alta, l utente NON abbandonerà il sistema 34

35 Esempi di misure network-edge Numero di pacchetti UDP e TCP scambiati tra il local peer ed i suoi partner SOPCAST 35

36 Continua PPLIVE CONCLUSIONI: 36

37 Misure network-edge Throughput in upload ed in download Peer residenziale, connessione via ADSL PPLIVE 37

38 Continua Scorporo dei contributi PPLIVE 38

39 Una piattaforma italiana StreamerOne Esempio di small overlay Struttura a mesh Un control server e tanti ti streaming server quanti sono i canali Peer contatta control server e riceve le reference di tutti gli streaming server individuato il canale, peer riceve dallo streaming server lista di 50 peer, selezionati casualmente tra quelli che attualmente guardano il canale Periodicamente il peggior fornitore viene eliminato dalla lista e sostituito da un altro peer Diffusione di canali televisivi nazionali Trasmissione video H.264 a 224 kbit/s 39

40 Misure network-edge Evoluzione del numero di peer fornitori in StreamerOne 40

41 Misure network-edge Distribuzione di probabilità cumulativa (CDF) per la dimensione dei pacchetti Bimodale 300 e 1500 byte 41

42 Misure server-side StreamerOne, small overlay Evoluzione numero di peer interessati ad un evento televisivo Europei di calcio 42

43 Misure server-side StreamerOne, small overlay Geolocalizzazione e free-rider Free-rider? 43

44 Misure server-side Start-up delay in una LARGE overlay COOLSTREAMING 44

45 Selezione del protocollo a livello ll trasporto t UDP rappresenta indubbiamente la scelta più adatta alle specificità dei flussi multimediali Tuttavia Oggi i servizi client-server più popolari per lo streaming video su Internet impiegano TCP??? Inefficienza che trova diverse giustificazioni correlate : fruitori del servizio inesperti, poco propensi p a scaricare applicativi non conosciuti SOLUZIONE» streaming effettuato attraverso applicazioni (in Adobe FLASH ) incorporate all interno del sito del fornitore di contenuti, ergo fruibili via web browser risiedono su una rete protetta da firewall 45

46 Problemi con i firewall Sempre più diffusi Presentano impostazioni di default piuttosto stringenti Tecnica più semplice: Ispeziona per ogni singolo pacchetto IP: indirizzo IP sorgente e destinazione, porta sorgente e porta destinazione, protocollo di livello trasporto impiegato Classificazione in macrocategorie, ottenuta incrociando le convenzioni sulle well-known ports con le precedenti informazioni Esempi: traffico su porta 80 + utilizzo TCP marcato come traffico HTTP traffico su porta 21 + utilizzo TCP traffico FTP 46

47 Continua Il traffico di video streaming non impiega porte riconosciute per convenzione! Traffico di video streaming marcato come sconosciuto o generico e la regola di default è bloccare il traffico NON riconosciuto i Tuttavia un utente potrebbe mandare tale tipo di traffico sulla porta 21 SOLUZIONE i firewall - più sofisticati - ispezionano ulteriormente il pacchetto, spingendosi sino all identificazione del protocollo di livello applicazione Meglio: far interpretare il flusso multimediale come traffico web Obbligo di impiego del TCP per la sessione Web Impiego dell HTTP a livello applicazione per operare con il flusso multimediale erogato in streaming 47

48 Riferimenti i bibliografici i J.K. Kurose, Keith W. Ross Computer Networking - A Top-Down Approach Featuring the Internet, ed. Addison Wesley M.L. Merani, D. Saladino Live Video and IP-TV Book Chapter in Handbook of Peer-to-Peer Networking, ed. Springer,

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

[HOSTING] Shared (S) Entry (S) Professional (S) VPS (S) [CF] Cold Fusion9 9,00 39,00 79,00

[HOSTING] Shared (S) Entry (S) Professional (S) VPS (S) [CF] Cold Fusion9 9,00 39,00 79,00 [HOSTING] Shared (S) Entry (S) Professional (S) VPS (S) [CF] Cold Fusion9 9,00 39,00 79,00 [CF] Domain & Space - Dominio di 2 Liv. (.IT,.COM) 1 1 1 - Dominio di 3 Liv. (mapping IIS/Apache) 1 10 100 - Disk

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

beyond Gestionale per centri Fitness

beyond Gestionale per centri Fitness beyond Gestionale per centri Fitness Fig. 1 Menu dell applicazione La finestra del menù consente di avere accesso a tutte le funzioni del sistema. Inoltre, nella finestra del menù, sono visualizzate alcune

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Qualora il licenziatario si attenga alle condizioni del presente contratto di licenza, disporrà dei seguenti diritti per ogni licenza acquistata.

Qualora il licenziatario si attenga alle condizioni del presente contratto di licenza, disporrà dei seguenti diritti per ogni licenza acquistata. CONTRATTO DI LICENZA PER IL SOFTWARE MICROSOFT WINDOWS VISTA HOME BASIC WINDOWS VISTA HOME PREMIUM WINDOWS VISTA ULTIMATE Le presenti condizioni di licenza costituiscono il contratto tra Microsoft Corporation

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus Lista di controllo per la migrazione del dominio a /IP-Plus Iter: : ufficio cantonale di coordinamento per Per la scuola: (nome, indirizzo e località) Migrazione di record DNS esistenti a IP-Plus nonché

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Guida all utilizzo amministratori e conduttori (Data pubblicazione 20/11/2012)

Guida all utilizzo amministratori e conduttori (Data pubblicazione 20/11/2012) Guida all utilizzo amministratori e conduttori (Data pubblicazione 20/11/2012) www.skymeeting.net Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Requisiti minimi richiesti per condurre un meeting... 4 Test di autodiagnosi...

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli