LINUX System Administrator

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINUX System Administrator"

Transcript

1 LINUX System Administrator Questi lucidi sono stati prodotti sulla base dei seguenti riferimenti: Corso UNIX di Roberto Polillo dell Università di Milano Corso Unix di Marco Liverani dell Università di Roma Corso di Laboratorio di sistemi Operativi Dip. Informatica dell Università di Bari a cura di De Carolis, Pizzutilo, Bianchi. Corso di Linux di Paolo Torroni System administrator Root = superutente che ha il controllo totale del sistema Cosa deve fare: Installare e aggiornare il sistema operativo Creare il file system Installare e aggiornare il software applicativo Monitorare l utilizzo del file system Gestire l accesso degli utenti Effettuare il back-up dei dati importanti Installare e configurare servizi di rete Rendere sicuro il sistema e monitorarlo costantemente Operazioni consentite solo al superuser Montare e smontare il filesystem Creare device file Modificare l orologio del sistema e Cambiare le proprietà di un file Aumentare i limiti d uso delle risorse e Definire le priorità dei processi Definire l host name del sistema e Configurare le interfacce di rete Spegnere il sistema 1

2 Cosa è il FS E quella parte del Sistema Operativo che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa. Realizza i concetti: di file: unità logica di memorizzazione di directory: insieme di file (e directory) di partizione: insieme di file associato ad un particolare dispositivo fisico (o porzione di esso) N.B. Le caratteristiche di file, direttorio e partizione sono del tutto indipendenti dalla natura e dal tipo di dispositivo utilizzato. Strutture dei dischi La visione dell utente di un unico file system logico può essere fisicamente realizzata da più file system, situati su dispositivi fisici distinti. La partizione di un unico dispositivo fisico in più file system presenta numerosi vantaggi: File system diversi possono supportare un diverso utilizzo. Aumento dell affidabilità. L efficienza può essere migliorata variando i parametri del file system. Si evita che un programma utilizzi tutto lo spazio disponibile. Si velocizza la ricerca ed il ripristino su/da nastri di backup. Il file system root è sempre disponibile su disco. Altri file system possono essere montati cioè integrati nella gerarchia di directory del root file system. 2

3 Associazione di un file system logico ai dispositivi fisici Descrive lo stato del file system complessivo: n. di blocchi complessivo, n. di inode, n. di blocchi liberi, Blocco logico multiplo di blocchi fisici Copia di backup del primary superblock Layout del disco Label Boot area Primary superblock Cylinder Group 1 summary Block Inode Table Data Block area Backup Superblock Cylinder Group 2 summary Block Inode Table Data Block area Ogni disco contiene: Una label con la tabella delle partizioni Una boot area Un superblock (con copia di backup) N gruppi di cilindro Un insieme di gruppi di cilindro può essere associato ad un filesystem Unix 3

4 Blocchi e Frammenti in LINUX ext2 FS Lo spazio su disco è gestito dal sistema operativo in blocchi e frammenti di blocchi. In ext2, i frammenti e i blocchi devono avere la stessa dimensione. I file possono essere di qualsiasi dimensione, perciò possono non terminare sul margine di un blocco. Così per ogni file una parte dell'ultimo blocco viene sprecata. Assumendo che la dimensione dei file sia casuale, c'è approssimativamente mezzo blocco sprecato per ogni file sul disco (``frammentazione interna' ). Ad esempio il comando df i fornisce lo stato del filesystem sui dischi in linea in termini di i-node (files) (con parametro k si avrebbe tutto espresso in kbytes): Ad es: Filesystem Inodes IUsed IFree %IUsed Mounted on /dev/hda % / /dev/hda % /var Ci sono circa file su / (root) e circa file su /var. Con dei blocchi grandi 1 KB, circa = 28 MB di spazio su disco sono sprecati nei blocchi di coda dei file. Se ext2 avesse scelto una dimensione del blocco di 4 KB, si sarebbe sprecato uno spazio 4 volte superiore. Tuttavia il trasferimento dati è più veloce per blocchi di dati grossi e contigui. È per questo che ext2 prova a riservare spazio in unità di 8 blocchi contigui per i file in crescita. Lo spazio riservato e non utilizzato viene rilasciato quando il file viene chiuso, pertanto non c'è spreco di spazio. Struttura logica del disco Nella operazione di formattazione il disco può essere diviso in più partizioni. Ciascuna partizione è vista dal Sistema Operativo come un disco logico (con disk device completamente separati) c (partizione di overlapping) a Root ( / ) b Swap d /export/home e /export/swap f /usr Partizione = serie continua di blocchi 4

5 Il disco e le partizioni Il processo di formattazione (comando format) scrive l indirizzo e segna i piatti dei dischi su cui definire ogni settore. Una volta che il disco è stato formattato, il disco viene diviso in partizioni (con il comando fdisk). Ciò permette di trattare il disco come un gruppo di aree di dati indipendenti invece di un unico insieme di blocchi. Il device driver conosce la superficie fisica dell intero disco, mentre gli altri software lavorano tramite l astrazione delle partizioni. Le partizioni permettono di effettuare il dump con più semplicità, proteggono lo spazio di disco degli utenti da sconfinamenti di altri, migliorano le prestazioni (più rapido accesso) e confinano danni potenziali di programmi e dati che crescono rapidamente ed in modo incontrollato. La tabella delle partizioni risiede nella label del disco. Le partizioni sono distinte e separate dal punto di vista concettuale, ma nel disco viene anche creata una partizione ( c ) di overlapping che è l immagine di tutto il disco per permettere l accesso al disco attraverso un normale device file dei comandi a livello utente (per scrivere una disk label o duplicare il contenuto del disco in un disco di backup). Per installare un filesystem su una partizione del disco si deve utilizzare il comando mkfs (che crea un filesystem ext2fs) I File System Ogni SO ha il proprio filesystem e non sempre questi sono tra loro compatibili: Win 95 (Osr2) e Win 98 FAT16, FAT32 Win NT FAT16, NTFS Linux FAT16, FAT32, NTFS, Durante la fase di avvio della macchina (boot) per prima cosa vengono consultate le informazioni che risiedono nel bios del PC. Qui viene indicata la posizione del Master Boot Record (MBR) che prende il controllo della macchina e cerca nella tabella delle partizioni la prima partizione contrassegnata come attiva. Da essa carica il Boot Record (BR) specifico del SO che vi risiede e lo esegue. Il BR contiene il codice necessario per caricare tutto il resto del SO. 5

6 File system Il File System è dunque un astrazione usata dal Kernel per rappresentare ed organizzare la memoria di massa del sistema. Il Kernel integra queste risorse sotto una singola gerarchia che inizia con / (root) e si dirama verso il basso in un certo numero di sottodirectory (che vengono attaccate all albero dei file con il comando mount e staccate col comando umount ) Root è la directory madre cui sono associate per default un set minimo di sottodirectory (/etc, /dev, /bin o /sbin, /tmp, /unix, ) /usr qui risiedono la maggior parte dei programmi standard, oltre ai manuali in linea e le librerie /var con le directory di spool, i file di log, le informazioni di account, ed altri file di dimensioni variabili (mail server, ) /home con le directory degli utenti Associazione descrittore di file inode Le system call che fanno riferimento a file aperti indicano il file passando come argomento un descrittore di file. Il descrittore di file viene utilizzato dal kernel come indice alla tabella dei file aperti per il processo in corso. Ogni elemento della tabella contiene un puntatore a una struttura di file. A sua volta questa struttura di file punta sull inode. La tabella dei file aperti ha una lunghezza fissa che può essere impostata soltanto nella fase di boot, quindi il numero di file aperti simultaneamente nel sistema ha un limite fissato. 6

7 Tabelle Unix disco TABELLA DEI DESCRITTORI DI FILE UTENTE Tabella associata ad ogni processo utente. La tabella contiene una riga per ogni file aperto dal processo con indirizzo della riga della tabella globale (dei file aperti) relativa al file. TABELLA GLOBALE DEI FILE APERTI Tabella del sistema operativo che contiene una riga per ogni file aperto nel sistema. Ogni riga contiene l indirizzo del corrispondente i-node (nella tabella degli i-node), l indicazione della posizione corrente del file ed il contatore del numero di riferimenti da parte dei processi a questo file. TABELLA DEGLI I- NODE Le righe contengono la copia in memoria degli i-node del volume per realizzare una maggiore efficienza Il FS Ext2 Il FS Extended 2 (ext2) è quello più diffuso in Linux, quello che viene usato normalmente per formattare le partizioni in cui viene installato il sistema. Principali caratteristiche di ext2: Dimensione massima del filesystem Dimensione massima dei files Lunghezza massima dei nomi Fast symbolic links Supporta ctime, mtime e atime Spazio riservato per root Attributi estesi dei files Parametri modificabili 4 TB 2 GB 255 caratteri Si Si Si Si Si Come tutti i filesystem unix anche l'ext2 è organizzato in una struttura comprendente super_block, inodes, directory e files. 7

8 Super-Block Lo spazio all'interno di un filesystem unix è organizzato logicamente come un array lineare di blocchi di dimensioni uguali. Dimensione blocco logico: indipendente dalla dimensione dei blocchi del dispositivo fisico - di solito di 1024 bytes, ma può essere fissata anche in 2048 o 4096 bytes. Dimensione blocco fisico: su HD il blocco fisico è di 512 bytes (quindi un blocco logico occupa di solito 2 blocchi fisici). Il fs ext2 è descritto da un blocco particolare detto super_block è memorizzato in posizione fissa all'inizio del fs stesso e ne descrive le caratteristiche, dimensioni, struttura, stato ecc. Super-Block Sono contenuti tre tipi fondamentali di informazioni: Caratteristiche del filesystem (dimensioni, struttura, magic number, ecc.) stabilite al momento della creazione e non possono più essere modificate, per es. la dimensione dei blocchi, il n.ro di blocchi, il n.ro di inodes. Parametri modificabili (maximal mount count, error behaviour, ecc.) possono essere cambiati dal superuser con il programma tune2fs, che permette di variare ad es. il numero massimo di volte che il fs può essere rimontato prima di forzare un fsck automatico, oppure il comportamento in caso di errore. Un parametro modificabile è la % di spazio che può essere riservata ad un utente privilegiato, normalmente root. Questo consente al sistema di continuare a disporre di spazio su disco anche quando il fs si riempie per l'uso smodato degli utenti. Variabili di stato (file system state, free blocks, mount count, ecc.) descrivono invece lo stato del fs e vengono aggiornate automaticamente man mano che il fs viene usato, per esempio il numero di blocchi liberi, lo stato (montato o meno), il numero di volte che esso è stato montato, ecc. Manca informazione sul tipo e sulla struttura fisica del device o della partizione in cui esso è ospitato. Il fs è totalmente indipendente da queste informazioni, che sono importanti per poter accedere fisicamente alla partizione o al device. Si demanda al device driver tutte le operazioni necessarie per accedere al singolo blocco logico. 8

9 I Cylinder Group ext2 è suddiviso logicamente in più parti, dette cylinder groups I cg vengono gestiti come entità separate ed autonome pur facendo parte dello stesso fs. Duplice scopo: 1. si vogliono minimizzare le conseguenze di eventuali errori, cioè far sì che se alcuni dati di un cg risultano corrotti, il danno resti limitato all'interno del cg stesso e non si propaghi a tutto il fs. 2. la tendenza a localizzare i files nell'interno delle loro directory per ridurre i tempi di accesso, cosa che viene ottenuta cercando di allocare inodes e blocchi nello stesso cylinder group delle directory. Per ridurre ulteriormente le possibilità che un intero fs venga corrotto a causa di eventuali errori, sia il super_block che le group descriptor tables vengono duplicati in ogni cylinder group, come mostrato in figura. I Cylinder Group Se uno dei super_block o group descriptor viene corrotto a causa di errori, esso può essere ripristinato a partire da una delle sue copie. Abbiamo quindi una struttura altamente ridondante che permette il recovery di eventuali errori. 9

10 I Cylinder Group Lo spazio all'interno del fs è gestito separatamente ed autonomamente per ciascun cylinder-group. Ciascun cg contiene una block bitmap, che indica quali blocchi del cg sono stati allocati per files o directories, una inode bitmap, che indica analogamente quali inode risultano allocati, ed una inode table che contiene gli inodes appartenenti al cg. Bitmap organizzata come una sequenza di bits: ogni bit indica se il corrispondente inode o blocco è libero o occupato. ogni bitmap occupa esattamente un blocco e quindi il numero massimo di inodes o di blocchi che possono essere contenuti in un cg è data dalla dimensione in bytes di un blocco moltiplicata per 8. Ad es. un fs con blocchi da 1K 8192 (1024 * 8) blocchi per cg, poiché la block bitmap può contenere al max 8192 bits. Inode Ad ogni file è associata una piccola tabella, detta inode ("index-node"), contenente ü gli attributi del file ü gli indirizzi dei primi blocchi del disco su cui è memorizzato il file ü l indirizzo di un blocco a singola indirezione contenente gli indirizzi di blocchi a singola indirezione ü l indirizzo di un blocco a doppia indirezione contenente gli indirizzi di ulteriori blocchi di dati su disco Ogni i-node è identificato da un i-number Gli attributi contenuti nell i-node di un file sono: Tipo: ordinario, directory, speciale Posizione: dove si trova Dimensione: quanto è grande Numero di links: quanti nomi ha Permessi: chi può usarlo e come Creazione: quando è stato creato Modifica: quando è stato modificato di recente Accesso: quando è stato l accesso più recente 10

11 Inode L'inode è dunque la risorsa principale di un fs unix. Ad ogni file o directory è associato univocamente un inode che ne identifica le caratteristiche ed indica dove sono memorizzati fisicamente i dati. Tutte le operazioni su un file o una directory vengono effettuate tramite il suo inode, che contiene tutte le informazioni sul file stesso, esclusi i dati veri e propri : directory E un file come tutti gli altri, con l'unica differenza che i dati in esso contenuti sono le informazioni sui files nella directory, e viene pertanto gestito in modo particolare dal fs e dal kernel. Ciascuna entry di directory è: un record di lunghezza variabile allineata alla word (4 bytes) contenente solamente il nome del file ed il suo numero di inode. Ogni directory ha almeno 2 entry:. la directory stessa.. la directory padre Tutte le altre informazioni sul file non hanno niente a che fare con la directory in cui esso è contenuto e sono pertanto memorizzate nel suo inode. La directory serve solo a collegare il nome del file col suo inode. 11

12 directory La directory entry di ext2 è descritta dalla seguente struttura: #define EXT2_NAME_LEN 255 struct ext2_dir_entry { u32 inode; /* Inode number */ u16 rec_len; /* Directory entry length */ u16 name_len; /* Name length */ char name[ext2_name_len]; /* File name */ }; I device file Il Kernel comunica con le periferiche attraverso file speciali chiamati device file presenti (creati con mknod o mkfs) nella directory /dev. Questi file rappresentano il legame tra periferica e kernel TIPI di DEVICE b Block : (per il trasferimento di blocchi prefissati di caratteri alla volta con il kernel che funge da buffer per tali device i dischi, il floppy disk, il CDROM, ) c Character o Raw: ( per il trasferimento di diversi caratteri alla volta senza che il kernel funga da buffer, dato che lo stesso device svolge questo ruolo ttya, ) 12

13 /dev Nome Descrizione Dos /dev/fd0 prima unità a dischetti A: /dev/fd1 seconda unità a dischetti / dev/ hda primo disco fisso IDE/EIDE / dev/ hdb secondo disco fisso (o CD-ROM) IDE/EIDE / dev/ hdc terzo disco fisso (o CD-ROM) IDE/EIDE / dev/ sda primo disco SCSI / dev/ sdb secondo disco SCSI B: Creare un filesystem Per installare un filesystem su una partizione LINUX del disco si deve usare il comando mkfs -c <partizione> <dimensione> Ad es.: mkfs c /dev/fd Il filesystem appena creato deve essere montato prima di diventare disponibile per i processi UNIX I danni non gravi (inode non referenziati, blocchi di dati indicati come liberi ma usati in un file, informazioni di superblock sbagliate, ecc ) di un filesystem possono essere riparati con il comando: e2fsck /dev/ (file sia block che raw (character)) La partizione di root deve sempre essere controllata per prima. I dischi sono controllati automaticamente al boot con e2fsck p, che esamina i filesystem locali riportati nel file /etc/fstab e corregge gli eventuali errori. La directory lost+found viene creata automaticamente quando si definisce un filesystem e viene usata da e2fsck per le emergenze (quindi non si deve cancellare) 13

14 mkfs(8) - Linux man page NAME mkfs - build a Linux file system mkfs SYNOPSIS *mkfs* [ *-V* ] [ *-t* /fstype/ ] [ *fs-options* ] /filesys/ [ /blocks/ ] DESCRIPTION *mkfs* is used to build a Linux file system on a device, usually a hard disk partition. /filesys/ is either the device name (e.g. //dev/hda1/, //dev/sdb2/) or the mount point (e.g. ///, //usr/, //home/) for the file system. /blocks/ is the number of blocks to be used for the file system. OPTIONS *-V* Produce verbose output, including all file system-specific command that are executed. Specifying this option more than once inhibits execution of any file system-specific commands. This is really only useful for testing. *-t*/ fstype/ Specifies the type of file system to be built. If not specified, the default file system type (currently ext2) is used. *fs-options* File system-specific options to be passed to the real file system builder. Although not guaranteed, the following options are supported by most file system builders. *-c* Check the device for bad blocks before building the file system. *-l*/ filename/ Read the bad blocks list from /filename/ *-v* Produce verbose output. mount Un file system deve essere montato prima di diventare disponibile per i processi del kernel in quello che in gergo si chiama mountpoint (punto di innesto), che poi non è altro che una comune directory vuota. Al bootstrap viene automaticamente montato su / il root file system Per identificare le partizioni Linux usa i file situati nella directory /dev. La system call mount (ed umount) ha due argomenti: nome di un file ordinario nome di un file speciale relativo ad un device removibile contenente un file system (fd1, fd2) La sintassi dei comandi mount ed umount è la seguente: î mount [<opz>] [<dev>] [<dir> mountpoint] -a (utilizza /etc/fstab per montarli tutti) -t [no]<tipo-di-fs> [, ] -o <opz-specifiche-di-fs> [, ] es. mount -t vfat /dev/fd0 /floppy î umount [<opz>] [<dev>] [<dir>] es. umount /mount/cdrom 14

15 mount Per fare in modo di non dover digitare il comando mount ad ogni avvio del O.S.: Per fare ciò si può agire in tre modi: 1- inserendo la riga insmod vfat all'intemo del file /etc/rc.d/rc.local 2- editando il file /etc/modules.conf 3- Oppure ci si può affidare alle utility apposite sviluppate dalle varie distribuzioni (COAS di OpenLinux 2.2, Lisa di OpenLinux 1.3, YaST di SuSE, Linuxconf di Red Hat). Il file /etc/fstab contiene l elenco dei file system montati : nome Innesto Tipo Opzioni Dump Check /dev/hda3 / ext2 defaults 1 1 /dev/hdb1 /home ext2 defaults 0 2 proc /proc proc defaults 0 0 /dev/hda2 none swap sw /dev/hda1 /mnt/dosc vfat quiet,umask= /dev/sda /mnt/dosd vfat user,noauto,quiet 0 0 /dev/sda1 /mnt/scsimo ext2 user,noauto 0 0 /dev/cdrom /mnt/cdrom iso9660 ro,user,noauto 0 0 roggen.brot.dg:/ /mnt/roggen nfs ro,user,noauto 0 0 /dev/fd0 /mnt/dosa vfat user,noauto,quiet 0 0 Effetto della mount mount /fd1 /usr/user1! 15

16 Uso della mount Si crea una directory che servirà come mount-point: di solito le directory adibite a questo compito si trovano in /mnt ma nulla vieta di crearla altrove: mkdir /mnt/floppy Con il comando mount /dev/fd0 /mnt/floppy si monta la partizione fd0 (device di disco floppy) sotto la directory / mnt/floppy. Per vedere tutto quella che c'è in questa partizione basterà digitare il comando ls iaf /mnt/floppy Se in /dev non è presente fd0, occorre prima crearlo: mkfs /dev/fd L elenco dei filesystem attualmente in uso (montati durante l interazione dell utente) è contenuto in /etc/mtab Aggiungere utenti Il processo di aggiunta di nuovi utenti è realizzato in 6 passi: Definire l account dell utente nel file /etc/passwd Definire una password iniziale Creare la home directory dell utente Aggiungere l utente nel file /etc/group Memorizzare le informazioni di accounting Configurare la quota (lo spazio) sui dischi Si usa in comando di amministrazione adduser 16

17 GESTIONE DEGLI UTENTI - 1 La gestione degli utenti comprende le operazioni di aggiunta, modifica, cambio password di tutti gli utenti che possono accedere in shell alla macchina. Per aggiungere a mano un utente al sistema si deve (come root): Editare /etc/passwd aggiungendo una riga per il nuovo utente; Editare /etc/group aggiungendo un nuovo gruppo per il nuovo utente (non indispensabile); Se esiste il file /etc/shadow editarlo aggiungendo una nuova riga per l'utente; Creare la home del nuovo utente: mkdir /home/nomeutente; Ricreare l'ambiente base nella nuova home: cp /etc/skel /home/nomeutente; Modificare il proprietario della home: chown -R nomeutente:nomegruppo / home/nomeutente; Modificare i permessi della home: chmod -700 /home/nomeutente; Modificare la password dell'utente: passwd nomeutente Tutto quanto viene automaticamente fatto con comandi e tool di amministrazione GESTIONE DEGLI UTENTI 2 Comandi principali useradd oppure adduser [opzioni] nomeutente Aggiunge un utente, è possibile tramite le varie opzioni disponibili modificare tutte le impostazioni di default di inserimento utenti. userdel [opzioni] nomeutente Elimina un'utente, da sottolineare che la sua home con il suo contenuto non viene cancellata. groupadd [opzioni] nomegruppo Aggiunge un gruppo. passwd [nomeutente] Modifica la password di un'utente chsh [opzioni] Cambia il tipo si shell disponibile al login di un'utente 17

18 GESTIONE DEGLI UTENTI 3 File di configurazione /etc/passwd File che contiene le informazioni dell'utente, uno per riga, con questo formato: username : password : UserID : GroupID : commento : homedirectory : comando di login /etc/groupfile contenente le informazioni sui gruppi e le loro relazioni. Formato: NomeGruppo : commento : GroupID: Utenti,Del,Gruppo /etc/shadow Se il sistema gestisce le shadow, questo è il file che contiene le password criptate e ulteriori dati. Nei campi, separati da :, sono inserite informazioni sulla scadenza della password, l'ultima volta in cui è stata modifcata, giorni di avviso prima della scadenza della password... Archiviare e comprimere files Il comando TAR Tar <opt> <file1> <file2>. Opzioni principali: Es: tar cvf /mnt/floppy/filepasswd /etc/passwd tar cvf backup.tar /etc c crea nuovo archivio v verbose mode f nome del file dove porre l archivio (.tar di default) x estrae i files dall archivio t elenca i files contenuti nell archivio z filtra l archivio tramite gzip/gunzip Z filtra l archivio mediante Compress/Uncompress Il comando GZIP/GUNZIP Gzip <-liv> <file1> -liv=livello di compressione, max 9 Es: gzip -9 backup.tar tar cvf - /etc gzip -9c > backup.tar.gz gunzip c backup.tar.gz tar xvf tar cvfz backup.tar.gz /etc 18

19 Installazione Linux su PC 1. Controllo dell hardware supportato, ad es. su 2. Partizionamento e formattazione del disco rigido 3. Installazione del Boot Loader (LILO, GRUB) 4. Configurazione delle schede di rete 5. Scelta della password di root 6. Configurazione dell autenticazione password Abilitazione MD5 per password fino a 256 caratteri Abilitazione shadow password 7. Selezione dei pacchetti applicativi da installare 8. Configurazione di scheda video e monitor Il comando fdisk l visualizza le partizioni del disco root]# fdisk l Disco /dev/hda: 255 testine, 63 settori, 4865 cilindri Unità = cilindri di * 512 byte Dispositivo Avvio Inizio Fine Blocchi Id Sistema /dev/hda1 * Linux /dev/hda Linux /dev/hda Linux /dev/hda f Win95 Ext'd /dev/hda Linux swap /dev/hda Linux 19

20 Il comando df visualizza le partizioni, i rispettivi mount point e l'ammontare di spazio libero su disco root]# df Filesystem 1k-blocks Used Available Use% Mounted on /dev/hda % / /dev/hda % /home none % /dev/shm /dev/hda % /usr /dev/hda % /var Il file /etc/fstab elenca tutti i file system con i rispettivi mount point root]# cat /etc/fstab /dev/hda4 / ext3 defaults 1 1 none /dev/pts devpts gid=5,mode= /dev/hda7 /home ext3 defaults 1 2 none /proc proc defaults 0 0 none /dev/shm tmpfs defaults 0 0 /dev/hda5 /win vfat defaults 0 0 /dev/hda6 swap swap defaults 0 0 /dev/cdrom /mnt/cdrom iso9660 noauto,owner,ro 0 0 /dev/cdrom1 /mnt/cdrom1 iso9660 noauto,owner,ro 0 0 /dev/fd0 /mnt/floppy auto noauto,owner

21 Il comando mount mostra i file system attualmente montati root]# mount /dev/hda4 on / type ext3 (rw) none on /proc type proc (rw) none on /dev/pts type devpts (rw,gid=5,mode=620) /dev/hda7 on /home type ext3 (rw) none on /dev/shm type tmpfs (rw) /dev/hda5 on /win type vfat (rw) init è il primo processo che parte Livelli di esecuzione (runlevels): 0 halt 1 single-user 2 multi-user senza servizi di rete 3 multi-user 4 non usato 5 multi-user con interfaccia grafica 6 reboot /etc/inittab è il file di configurazione /etc/rc.d/ contiene gli script di inizializzazione per ciascun livello All atto della creazione, la home directory viene riempita con il contenuto di /etc/skel/ Quando si avvia una shell, vengono eseguiti degli script di inizializzazione Bash login: /etc/profile e poi ~/.bash_profile oppure /etc/profile e poi ~/.bash_login oppure /etc/profile e poi ~/.profile Bash logout: ~/.bash_logout Bash interattiva: ~/.bashrc 21

22 Limitare superiormente lo spazio su un file system a disposizione di ciascun utente 1. In /etc/fstab aggiungere l opzione usrquota al file system considerato e aggiornare il mount point /dev/hda7 /home ext3 defaults,usrquota 1 2 # mount /home -o remount 2. Creare il file aquota.user che descrive le quote # quotacheck uv /home 3. Abilitare/disabilitare le quote # quotaon uv /home # quotaoff uv /home 4. Configurare il valore delle quote tramite vi # edquota pippo 5. Controllare l utilizzo delle quote # quota -u pippo # repquota /home Monitoraggio last mostra l elenco degli accessi più recenti lastlog mostra l ultimo accesso per ciascun utente who mostra gli utenti attualmente connessi ps mostra lo stato dei processi attivi top mostra i processi in tempo reale kill termina un processo du mostra le dimensioni di un file system df mostra lo spazio disponibile su disco /var/log contiene i log di sistema 22

File System II parte

File System II parte File System II parte Cosa è il FS E quella parte del Sistema Operativo che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa. Realizza

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti I.S. Sobrero Dipartimento di Informatica Utilizzo install.linux@home 1 La shell La shell di Linux è a linea di comando. Appare obsoleta e difficile da usare, ma in realtà è molto più potente e versatile

Dettagli

fare hard link fra file system diversi e su directory.

fare hard link fra file system diversi e su directory. Un sistema GNU/Linux, come ogni Unix, ha una directory principale, chiamata root ed indicata con / sotto la quale si trovano TUTTE le altre directory e TUTTI gli altri filesystems eventualmente montati

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui Filesystem Il file system è organizzato in blocchi logici contigui dimensione fissa di 1024, 2048 o 4096 byte indipendente dalla dimensione del blocco fisico (generalmente 512 byte) Un blocco speciale,

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso Base 2014 Lezione 3 15/04/2014 1 / 21 Obiettivi di questo incontro Conoscere cosa

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

L hard disk. L amministrazione dei dischi puo essere riassunta nelle seguenti operazioni di base: La formattazione. Il partizionamento

L hard disk. L amministrazione dei dischi puo essere riassunta nelle seguenti operazioni di base: La formattazione. Il partizionamento L hard disk L amministrazione dei dischi puo essere riassunta nelle seguenti operazioni di base: La formattazione Il partizionamento La creazione del filesystem Il mount L hard disk Le superfici sono divise

Dettagli

Il File System di Linux

Il File System di Linux Il File System di Linux La struttura ad albero / Cartella radice, detta ROOT DIRECTORY, di cui sono figlie tutte le altre Ci si muove nel file system con percorsi relativi o percorsi assoluti In un albero,

Dettagli

Introduzione a LINUX

Introduzione a LINUX Introduzione a LINUX Laboratorio di Reti Ing. Telematica - Università Kore Enna A.A. 2008/2009 Ing. A. Leonardi Ambiente utilizzato: LINUX Ambiente di riferimento del corso: S.O. GNU/Linux Perche Linux?

Dettagli

Installare GNU/Linux

Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Linux non è più difficile da installare ed usare di qualunque altro sistema operativo Una buona percentuale di utenti medi si troverebbe in difficoltà ad installare

Dettagli

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Installazione di Ubuntu 10.04 Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Operazioni preliminari Backup di tutti i dati dalla partizione Windows Deframmentazione di tutte le partizioni Windows (n volte...) Abilitare

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Corso UNIX avanzato. Utente avanzato. Amministratore. Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file

Corso UNIX avanzato. Utente avanzato. Amministratore. Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file Corso UNIX avanzato Corso UNIX avanzato Utente avanzato Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file Amministratore Gestione utenti Aggiunta rimozione hardware Backup

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

Lezione T11 Virtual File System

Lezione T11 Virtual File System Lezione T11 Virtual File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Esempi di File System

Esempi di File System Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2008-2009 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Organizzazione di Sistemi Operativi e Reti

Organizzazione di Sistemi Operativi e Reti Organizzazione di Sistemi Operativi e Reti Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Sara Lioba Volpi (sara.volpi@iet.unipi.it) Quarta esercitazione Sommario Virtual file system (VFS) concetto

Dettagli

Raid1-mini-Howto. Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003

Raid1-mini-Howto. Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003 Raid1-mini-Howto Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003 1 Introduzione Scopo di questo documento è la descrizione sommaria dell installazione di un sistema raid1 (mirroring)

Dettagli

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 12 Sistemi operativi 19 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 12.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Organizzazione e realizzazione dei

Dettagli

Sistemi Operativi File System (parte 2)

Sistemi Operativi File System (parte 2) Sistemi Operativi File System (parte 2) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Realizzazione del file system 1 I file system (FS) sono memorizzati

Dettagli

Utenti e gruppi. Ogni utilizzatore di UNIX ha associato: Nomeutente nome alfanumerici UID identità numerica

Utenti e gruppi. Ogni utilizzatore di UNIX ha associato: Nomeutente nome alfanumerici UID identità numerica Utenti e gruppi Utenti e gruppi Ogni utilizzatore di UNIX ha associato: Un identità univoca Nomeutente nome alfanumerici UID identità numerica Uno o più gruppi Nomegruppo nome alfanumerico GID identità

Dettagli

boot loader partizioni boot sector

boot loader partizioni boot sector IL SISTEMA OPERATIVO Il sistema operativo (S.O.) è un software che fa da interfaccia tra l uomo e l hardware, mettendo a disposizione un ambiente per eseguire i programmi applicativi. Grazie al S.O. un

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4)

Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4) Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4) Gli extended file systems sono i file system di default di Linux Ext3, Ext4 sono le versioni migliorate di Ext2 (dimensioni file, prestazioni...) e ne

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

6.1 LA STRUTTURA GERARCHICA AD ALBERO

6.1 LA STRUTTURA GERARCHICA AD ALBERO CAPITOLO 6 IL FILESYSTEM DI LINUX Pietro Buffa Uno degli scogli con cui un novello utente Linux deve fare i conti è indubbiamente la gestione dei files. La prima cosa che salta agli occhi è infatti la

Dettagli

Controllo di processi

Controllo di processi Controllo di processi Ogni processo del sistema ha un PID (Process Identity Number). Ogni processo può generare nuovi processi (figli). La radice della gerarchia di processi è il processo init con PID=1.

Dettagli

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Pagina 1 di 11 Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Questo approfondimento vuole introdurre gli strumenti essenziali per il recupero di un sistema Linux

Dettagli

Manuale dell Amministratore di Sistema Linux

Manuale dell Amministratore di Sistema Linux Manuale dell Amministratore di Sistema Linux Mark Komarinski 1992 Questo manuale è destinato agli utenti che hanno familiarità con MS-DOS e con alcune versioni di UNIX* e mostra a tali utenti come utilizzare

Dettagli

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell 1 GNU/Linux è un sistema operativo, cioè un insieme di programmi che collaborano fra di loro rendendo utilizzabile un calcolatore, infatti senza

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Università degli Studi di Messina Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Triennale in Informatica (D.M. 270)

Università degli Studi di Messina Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Triennale in Informatica (D.M. 270) Università degli Studi di Messina Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Triennale in Informatica (D.M. 270) Sistemi Operativi + Laboratorio di Sistemi Programma del corso (anno accademico 2009

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Shell di Linux e Comandi Utente

Shell di Linux e Comandi Utente Shell di Linux e Comandi Utente Sistemi Operativi Roberto Aringhieri DTI Crema - Università degli Studi di Milano Sistemi Operativi - Shell di Linux e Comandi Utente Roberto Aringhieri p.1/23 Outline Accesso

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5)

RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5) RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5) Nel precedente articolo sono state introdotte le diverse tipologie di RAID ed i concetti di parità per la gestione della ridondanza. Di

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

FoLUG Forlì Linux User Group. Partizionamento

FoLUG Forlì Linux User Group. Partizionamento FoLUG Forlì Linux User Group con la partecipazione della Circoscrizione n 3 di Forlì Partizionamento Quello che occorre sapere sul disco fisso per installare UBUNTU 10.10 o altri sistemi operativi. FoLUG

Dettagli

Lesson #6. Miscellaneous. Roberto De Virgilio

Lesson #6. Miscellaneous. Roberto De Virgilio Lesson #6 Miscellaneous Roberto De Virgilio Sistemi operativi - 2 Dicembre 2015 Canali di comunicazione e ridirezione I programmi dispongono di 3 canali di comunicazione standard (standard file descriptor):

Dettagli

jt - joetex - percorsi didattici

jt - joetex - percorsi didattici jt - joetex - percorsi didattici Primi passi con linux Avvio della macchina Spegnere (o riavviare) il Computer Installare su HD il programma Linux EduKnoppix a. Avvio della macchina Una volta spento il

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Struttura del sistema operativo GNU/Linux

Struttura del sistema operativo GNU/Linux Struttura del sistema operativo GNU/Linux http://www.glugto.org/ Cos'è un filesystem Cosa vuol dire FHS Composizione albero di directory Concetto di Mount Utente root Permessi su files e directory GNU/Linux

Dettagli

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem!

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem! Struttura del File-System Implementazione del File System Struttura dei File Unità logica di memorizzazione Collezione di informazioni correlate File control block (inode) struttura dati per le informazioni

Dettagli

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare:

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare: Utilizzo di putty Client ssh liberamente utilizzabile (www.chiark.greenend.org.uk/~sgtatham/putty/download.html) Tra le molte opzioni di configurazione di putty sono utili: Window - Translation: per selezionare

Dettagli

Installazione di un secondo sistema operativo

Installazione di un secondo sistema operativo Installazione di un secondo sistema operativo Fare clic su un collegamento riportati di seguito per visualizzare una delle seguenti sezioni: Panoramica Termini ed informazioni chiave Sistemi operativi

Dettagli

Corso Linux per Principianti

Corso Linux per Principianti Corso Linux per Principianti In questa lezione vedremo come installare l'ultima versione di Ubuntu al momento disponibile, la 8.04, nome in codice Hardy Heron. Oltre ad essere l'ultima versione scaricabile

Dettagli

Utenti e File System

Utenti e File System Utenti e File System C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Gestione degli utenti Unix è un sistema multiutente ovvero più utenti possono lavorare su di una stessa macchina, anche contemporaneamente. Tutti gli utenti

Dettagli

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg SHELL GNU/Linux Bash Obiettivi : Gestire i permessi sui file Conoscere e configurare il proprio ambiente bash Editare testi Capire ed utilizzare i redirezionamenti Kernel speaks: dmesg Init e Runlevels

Dettagli

COMANDI PER VI. Se voglio impostare come editor predefinito VI, nella bash scrivo il seguente comando: export EDITOR= vim

COMANDI PER VI. Se voglio impostare come editor predefinito VI, nella bash scrivo il seguente comando: export EDITOR= vim COMANDI PER VI Ci sono due modalità: COMANDI e INSERIMENTO. La modalità COMANDI [Esc] serve per eseguire i comandi all interno dell editor, mentre la modalità INSERIMENTO [Esc i] serve per scrivere. Per

Dettagli

Università degli studi di Catania Corso di Studi in Informatica. Laboratorio di Amministrazione dei Sistemi Operativi

Università degli studi di Catania Corso di Studi in Informatica. Laboratorio di Amministrazione dei Sistemi Operativi Università degli studi di Catania Corso di Studi in Informatica Laboratorio di Amministrazione dei Sistemi Operativi Documentazione Cartacea: UNIX: manuale per l'amministratore di sistema (Pearson Education)

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Network File System (NFS)

Network File System (NFS) Quarta Esercitazione Network File System (NFS) Sommario Network File System (NFS) Architettura Lato server invocazione server file /etc/exports vincoli sulle condivisioni Lato client opzioni di montaggio

Dettagli

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Reti Informatiche Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ing. Domenico De Guglielmo 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite

Dettagli

Parte V Il File System

Parte V Il File System Parte V Il File System Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 V - 1 Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata

Dettagli

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System Il File System Parte V Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata in unità virtuali denominate file (archivio) File System:

Dettagli

Corso di Linux. Dott. Paolo PAVAN pavan@netlink.it

Corso di Linux. Dott. Paolo PAVAN pavan@netlink.it Corso di Linux Dott. Paolo PAVAN pavan@netlink.it Origini di Linux Nasce a fine anni 1980 ad opera del finlandese Linus Torvalds Linux non è gratis e neanche freeware è protetto da licenza GNU: "GNU non

Dettagli

LINUX System and network

LINUX System and network LINUX System and network Questi lucidi sono stati prodotti sulla base dei seguenti riferimenti: Corso UNIX di Roberto Polillo dell Università di Milano Corso Unix di Marco Liverani dell Università di Roma

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

#GNU/Linux for NaLUG member

#GNU/Linux for NaLUG member #GNU/Linux for NaLUG member Sistemistica di base per hardcore associate members - Brainstorming #2 - Filesystem Init daemons && runlevel Terminale (operazioni su files e cotillons) Filesystem (in teoria)

Dettagli

Sistemi Operativi. Implementazione del File System

Sistemi Operativi. Implementazione del File System Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Linux: Controllo di accesso, gestione utenti, gruppi, permessi. http://www.lugcr.it

Linux: Controllo di accesso, gestione utenti, gruppi, permessi. http://www.lugcr.it Linux: Controllo di accesso, gestione utenti, gruppi, permessi http://www.lugcr.it 1 Perché? Perché devo utilizzare un preciso nome utente? 1 : salvaguardia del sistema Utilizzando il sistema come amministratore

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2009-2010 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Concetti fondamentali

Concetti fondamentali D I S C H I R I G I D I In questo documento vengono illustrati alcuni concetti fondamentali sul partizionamento di dischi rigidi. In alcune sezioni sono inclusi suggerimenti per l utilizzo di prodotti

Dettagli

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output)

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Parte 3 Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Gestione Input/Output UTENTE SW APPLICAZIONI Sistema Operativo SCSI Keyboard Mouse Interfaccia utente Gestione file system Gestione

Dettagli

Files di Configurazione

Files di Configurazione Files di Configurazione Cosa sono Sono normali files di testo atti a configurare il comportamento delle componenti del S.O. sia durante il bootstrap sia in seguito durante l'uso quotidiano per adattare

Dettagli

Struttura del Micro Filesystem (µfs)

Struttura del Micro Filesystem (µfs) Struttura del Micro Filesystem (µfs) Il Micro Filesystem deve essere organizzato all'interno di un unico file regolare Linux (dev_ufs) ed può basato sul filesystem FAT-32 con la gestione dei permessi in

Dettagli

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Parte 3 Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Interfaccia utente Gestore dell I/O Gestore del File System Gestore dei Processi Gestore della Memoria Centrale *KERNEL Informatica

Dettagli

Manuale per riparare e recuperare dati sul hard disk

Manuale per riparare e recuperare dati sul hard disk Manuale per riparare e recuperare dati sul hard disk Di Giuseppe Zingone Introduzione La maggior parte dei difetti che si verificano sui personal computer sono dovuti a guasti o a malfunzionamenti del

Dettagli

Installare e Configurare un NAS virtuale

Installare e Configurare un NAS virtuale Installare e Configurare un NAS virtuale Laboratorio di Amministrazione di Sistemi T Massimiliano Mattetti - Marco Prandini Percorso In questa esercitazione simuleremo la configurazione di un NAS affidabile

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua 12. Implementazione di un File System 1 Struttura del file system Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Implementazione delle directory Prestazioni ed efficienza 2 Utente 12.1.1 Struttura

Dettagli

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Il file system File system Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Collezione di file Struttura di cartelle (directory) 1! Interfaccia Implementazione

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

Gestione degli Utenti e dei Permessi

Gestione degli Utenti e dei Permessi Corsi Linux Amministrazione di Sistema Seconda Lezione Prima Parte Gestione degli Utenti e dei Permessi C2011 Salvatore Mesoraca UTENTI Linux è un S.O. multiutente, questo significa

Dettagli

GNU/Linux Concetti di base

GNU/Linux Concetti di base GNU/Linux Concetti di base Sommario GNU/Linux Open Source e GPL Login/Logout Shell e comandi Files Stdin, stdout Redirezione e pipe Filesystem 2 Cos'è Linux Linux è basato su UNIX (filosofia, comandi,

Dettagli

Una partizione è una suddivisione logica dell hard disk. Un hard disk deve avere almeno una partizione.

Una partizione è una suddivisione logica dell hard disk. Un hard disk deve avere almeno una partizione. Partizioni e dischi Riferimenti Quick&Easy Configuration HOWTO http://www.mrshark.it/qechowto/partizioni.html (in Italiano) Appunti di Informatica Libera (ex Appunti Linux) http://ildp.pluto.linux.it/appuntilinux/

Dettagli

Hard Disk Upgrade Mini How-To

Hard Disk Upgrade Mini How-To Yves Bellefeuille yan@storm.ca Konrad Hinsen hinsen@cnrs-orleans.fr v2.11, 13 Aprile 2000 Come copiare un sistema Linux da un disco fisso ad un altro. Traduzione in italiano a cura di Nicola Girardi (girardi(at)keycomm.it)

Dettagli

Esempi di domande della seconda provetta

Esempi di domande della seconda provetta Esempi di domande della seconda provetta Data la seguente stringa di riferimenti a pagine virtuali: S = 1, 7, 5, 1, 2, 1, 7, 1, 5, 7, 2, 1, 5 valutare la percentuale di Page Fault se il rimpiazzamento

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Qualche link utile Informazioni sull utilizzo della shell Unix/Linux http://www.pluto.it/ildp/howto/bash-prog-intro-howto.html

Dettagli

1 Introduzione 1. 3 La configurazione più semplice 4 3.1 Come gestire kernel grossi... 4 3.2 Altre fonti di informazione... 5

1 Introduzione 1. 3 La configurazione più semplice 4 3.1 Come gestire kernel grossi... 4 3.2 Altre fonti di informazione... 5 Lilo mini-howto Cameron Spitzer (cls@truffula.sj.ca.us), Alessandro Rubini (rubini@linux.it). 1998 v2.03, 19 Agosto LILO è il Linux Loader più utilizzato per la versione di Linux che gira su processori

Dettagli

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system:

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Un insieme di funzionalità per astrarre i dati grezzi presenti in memoria di massa e interpretare questi ultimi in termini di files e cartelle

Dettagli

Linux-Unix. Pregi di Linux

Linux-Unix. Pregi di Linux Linux-Unix Linux è un termine che può assumere più di un significato. A seconda del contesto infatti può indicare il kernel originariamente sviluppato da Linus Torvalds, oppure il sistema operativo basato

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI Il sistema operativo è il software che permette l esecuzione di programmi applicativi e lo sviluppo di nuovi programmi. CARATTERISTICHE Gestisce le risorse hardware e

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Linux Partition HOWTO

Linux Partition HOWTO Anthony Lissot Diario delle Revisioni Revisione 3.5 26 Dicembre 2005 Riorganizzato l ordine delle pagine. Aggiunta pagina sulla configurazione dello spazio di swap. Aggiunta pagina Revisione 3.4.4 08 Marzo

Dettagli

NT OS Loader + Linux mini-howto

NT OS Loader + Linux mini-howto NT OS Loader + Linux mini-howto Bernd Reichert, v1.11, 2 settembre 1997 Questo documento descrive l uso del boot Loader di Windows NT per avviare Linux. La procedura è stata provata

Dettagli

Il concetto di file. Sistemi Operativi A Parte V - Il file system. Struttura dei file. Attributi dei file (1)

Il concetto di file. Sistemi Operativi A Parte V - Il file system. Struttura dei file. Attributi dei file (1) Il concetto di file Sistemi Operativi A Parte V - Il file system Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Un file è un insieme di informazioni, correlate e registrate

Dettagli