GUIDA AI RIFIUTI PROFESSIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AI RIFIUTI PROFESSIONALI"

Transcript

1 GUIDA AI RIFIUTI PROFESSIONALI RIFIUTI PROFESSIONALI DA PROBLEMA A SOLUZIONE A cura di Paolo Pipere

2 INDICE RIFIUTI PROFESSIONALI pag 04 CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI pag 06 RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI pag 07 RIDUZIONE DELLA TASSA COMUNALE SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI pag 08 RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI pag 10 INDIVIDUARE UN RIFIUTO PERICOLOSO pag 12 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEI CODICI pag 13 PRODUZIONE DI RIFIUTI SPECIALI: GESTIONE E ADEMPIMENTI pag 15 IL DEPOSITO TEMPORANEO pag 15 FORMULARI DI TRASPORTO pag 16 REGISTRI DI SCARICO E SCARICO pag 19 REGISTRAZIONE DEI MOVIMENTI DI CARICO DEL RIFIUTO pag 22 REGISTRAZIONE DEI MOVIMENTI DI SCARICO DEL RIFIUTO pag 22 LA RETTIFICA DEGLI ERRORI pag 22 L AVVIO AL RECUPERO O ALLO SMALTIMENTO pag 23 LA VALUTAZIONE DELLA POSSIBILITÀ DI TRASPORTO CON MEZZI AZIENDALI pag 23 SELEZIONE DEI TRASPORTATORI pag 24 SELEZIONE DEGLI IMPIANTI DI DESTINAZIONE pag 25 IL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE pag 26 SISTRI SISTEMA PER IL CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI pag 28 A cura di Paolo Pipere APPENDICE 1 DISMISSIONE DI BENI AZIENDALI pag 34

3 RIFIUTI PROFESSIONALI Le imprese producono rifiuti di diversi tipi: d ufficio, derivanti da lavorazione industriale o artigianale, da costruzione e demolizione, da attività commerciali o di servizio, ma questi scarti solo in parte possono essere affidati al servizio pubblico di raccolta. Rifiuto : qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l obbligo di disfarsi. (D.Lgs. 152/2006, art. 183, comma 1) «non pericolosi e in apparenza banali, espone l impresa a pesanti sanzioni. Colui che conferisce i propri rifiuti a soggetti terzi per il recupero o lo smaltimento ha il dovere di accertare che gli stessi siano debitamente autorizzati allo svolgimento di dette attività, con la conseguenza che l inosservanza di tale elementare regola di cautela imprenditoriale è idonea a configurare la responsabilità per il reato di illecita gestione di rifiuti in concorso con coloro che li hanno ricevuti in assenza del prescritto titolo abilitativo. Cass. Pen. Sez. III n dell 11/07/2013 «Le tipologie di rifiuti che non sono raccolte e gestite dal servizio comunale devono essere avviate al recupero o allo smaltimento dall impresa che le ha prodotte. Le aziende sono obbligate a garantire la corretta gestione dei propri rifiuti e perciò devono: - conoscere la composizione e le eventuali caratteristiche di pericolo dei propri rifiuti; - scegliere fornitori di servizi di trasporto, di recupero e di smaltimento dotati di specifiche autorizzazioni; - preparare una serie di documenti per dimostrare di aver rispettato le prescrizioni contenute nelle leggi applicabili. Il produttore iniziale o altro detentore di rifiuti provvedono direttamente al loro trattamento, oppure li consegnano ad unintermediario, ad un commerciante, ad un ente o impresa che effettua le operazioni di trattamento dei rifiuti, o ad un soggetto pubblico o privato addetto alla raccolta dei rifiuti. «(D.Lgs. 152/2006, art. 183, comma 1) Affidare i rifiuti che derivano dall esercizio della propria attività a soggetti privi delle autorizzazioni necessarie, anche nel caso in cui si tratti di scarti La classificazione costituisce il prerequisito irrinunciabile per impostare correttamente la gestione dei rifiuti. Adempimenti amministrativi, modalità di deposito temporaneo dei rifiuti nel luogo in cui sono stati prodotti, «scelta dei fornitori di servizi di trasporto, recupero e smaltimento, oltre che sanzioni variano in relazione alla classificazione del rifiuto. 1. Chiunque effettua una attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza della prescritta autorizzazione, iscrizione o comunicazione di cui agli articoli 208, 209, 210, 211, 212, 214, 215 e 216 è punito: a) con la pena dell arresto da tre mesi a un anno o con l ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro se si tratta di rifiuti non pericolosi; b) con la pena dell arresto da sei mesi a due anni e con l ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro se si tratta di rifiuti pericolosi. 2. Le pene di cui al comma 1 si applicano ai titolari di imprese ed ai responsabili di enti che abbandonano o depositano in modo incontrollato i rifiuti ovvero li immettono nelle acque superficiali o sotterranee in violazione del divieto di cui all articolo 192, commi 1 e 2. D.Lgs. 152/2006, art attività di gestione di rifiuti non autorizzata 4 5

4 CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI La classificazione di base è articolata sia sul criterio dell origine che porta a distinguere tra rifiuti urbani e rifiuti speciali, sia su quello della pericolosità che differenzia i rifiuti non pericolosi da quelli pericolosi. I rifiuti derivanti dall esercizio di un attività economica, quindi i rifiuti prodotti da imprese, enti e liberi professionisti, sono da classificare come rifiuti speciali. È importante considerare che per molte tipologie di rifiuti sono previste norme specifiche; tali disposizioni a volte si affiancano e a volte si sostituiscono a quelle di carattere generale, rendendo assai complessa l individuazione dei concreti comportamenti prescritti al produttore del rifiuto. I rifiuti, secondo quanto disposto dall art. 184, comma 1, del D.Lgs. 152/2006, sono classificati: secondo l origine in: rifiuti urbani; rifiuti speciali; secondo le caratteristiche di pericolosità in: rifiuti non pericolosi; rifiuti pericolosi. Per realizzare una corretta classificazione del rifiuto sono decisive non soltanto le informazioni relative alla composizione e alle proprietà del rifiuto, ma anche la conoscenza dettagliata dell attività economica, e a volte dello specifico processo produttivo, che lo ha generato. V è differenza, infatti, fra rifiuti derivati da lavorazioni artigianali e rifiuti che un attività artigianale ha generato depurando le acque di scarico o abbattendo le emissioni in atmosfera, solo per citare alcune delle distinzioni da operare. È indispensabile segnalare, infine, che rifiuti con le medesime caratteristiche chimico-fisiche o merceologiche possono richiedere caratterizzazioni analitiche, adempimenti e modalità di gestione diversi nei casi in cui, ad esempio, siano conferiti o meno al servizio pubblico di raccolta, siano destinati allo smaltimento in discarica o siano presi in carico da impianti autorizzati ad effettuare operazioni preliminari rispetto a quelle di effettivo smaltimento o recupero. RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI I rifiuti prodotti dalle imprese possono essere assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità : il Comune, sulla base di un elenco definito dallo Stato con delibera del Comitato interministeriale sui rifiuti del 27/7/1984, può definire quali tipologie di scarti, tra quelli non pericolosi con composizione analoga a quella dei rifiuti domestici, accettare di ritirare dalle imprese nell ambito del normale servizio di raccolta. In particolare, possono essere conferiti al servizio pubblico di raccolta: i rifiuti speciali assimilati agli urbani (che a seguito dell assimilazione operata dal Comune con Regolamento divengono, nonostante la provenienza, rifiuti urbani); i rifiuti speciali assimilabili agli urbani (questi ultimi sono costituiti da tipologie di rifiuti che hanno caratteristiche e composizione merceologica tali da consentirne il recupero o lo smaltimento in impianti originariamente progettati per il trattamento di rifiuti urbani), nel caso in cui il Comune abbia attivato specifici servizi di raccolta, e previa convenzione. Gli adempimenti prescritti alle imprese e agli enti variano in relazione alla concreta modalità di conferimento dei rifiuti al servizio pubblico. Il conferimento al servizio pubblico di raccolta di rifiuti speciali assimilati agli urbani in quantità inferiori ai limiti previsti dal regolamento comunale, nel caso in cui il ritiro avvenga presso le imprese, non comporta alcun tipo di adempimento. Esclusivamente queste tipologie di rifiuti generati dalle imprese possono essere lecitamente affidati al concessionario del servizio pubblico di raccolta, tutti gli altri rifiuti dovranno, invece, essere avviati al recupero o allo smaltimento a cura e onere del produttore. 6 7

5 RIDUZIONE DELLA TASSA COMUNALE SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI In riferimento alle imposte connesse alla raccolta e al recupero o allo smaltimento dei rifiuti la legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di stabilità 2014), art. 1, comma 649 ha precisato che: Nella determinazione della superficie assoggettabile alla TARI, non si debba tenere conto di quella parte di essa ove si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori, a condizione che ne dimostrino l avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente. Il Comune con proprio regolamento è tenuto a individuare le aree di produzione di rifiuti speciali non assimilabili e i magazzini di materie prime e di merci funzionalmente ed esclusivamente collegati all esercizio di queste attività produttive ai quali si estende il divieto di assimilazione. La norma stabilisce, quindi, che sia per le superfici aziendali dove si producono rifiuti speciali non assimilabili agli urbani sia per i magazzini di materie prime e di prodotti finiti funzionali all esercizio di queste attività economiche vige il divieto di assimilazione, per questo motivo le aree aziendali che generano rifiuti speciali per i quali vige questo divieto non dovranno essere considerate ai fini della determinazione dell entità della tassa. Inoltre, nel regolamento comunale devono essere previste per i produttori di rifiuti speciali assimilati agli urbani: Riduzioni della quota variabile del tributo proporzionali alle quantità di rifiuti speciali assimilati che il produttore dimostra di aver avviato al riciclo, direttamente o tramite soggetti autorizzati. La scelta del legislatore è stata quella di evitare un doppio onere per le imprese: quello costituito dalla tassa e quello connesso ai costi di trasporto e di avvio al recupero dei rifiuti che, essendo stati avviati autonomamente al recupero, non hanno gravato sui costi di gestione del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani e assimilati. Elenco esemplificativo dei rifiuti assimilabili agli urbani punto lettera a) della Deliberazione citata. - imballaggi in genere (di carta, cartone, plastica, legno, metallo e simili); - contenitori vuoti (fusti, vuoti di vetro, plastica e metallo, latte o lattine e simili); - sacchi e sacchetti di carta o plastica; fogli di carta, plastica, cellophane; - cassette, pallet; - accoppiati quali carta plastificata, carta metallizzata, carta adesiva, carta catramata, fogli di plastica metallizzati e simili; - frammenti e manufatti di vimini e di sughero; - paglia e prodotti di paglia; - scarti di legno provenienti da falegnameria e carpenteria, trucioli e segatura; - fibra di legno e pasta di legno anche umida, purché palabile; - ritagli e scarti di tessuto di fibra naturale e sintetica, stracci e juta; - feltri e tessuti non tessuti; - pelle e similpelle; - gomma e caucciù (polvere e ritagli) e manufatti composti prevalentemente da tali materiali, come camere d aria e copertoni; - resine termoplastiche e termoindurenti in genere allo stato solido e manufatti composti da tali materiali; - rifiuti ingombranti analoghi a quelli di cui al punto 2) del terzo comma dell articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica n. 915 del 1982; - imbottiture, isolanti termici ed acustici costituiti da sostanze naturali e sintetiche, quali lane di vetro e di roccia, espansi plastici e minerali, e simili; - moquette, linoleum, tappezzerie, pavimenti e rivestimenti in genere; - materiali vari in pannelli (di legno, gesso, plastica e simili); - frammenti e manufatti di stucco e di gesso essiccati; - manufatti di ferro tipo paglietta metallica, filo di ferro, spugna di ferro e simili; - nastri abrasivi; - cavi e materiale elettrico in genere; - pellicole e lastre fotografiche e radiografiche sviluppate; - scarti in genere della produzione di alimentari, purché non allo stato liquido, quali ad esempio scarti di caffè, scarti dell industria molitoria 8 9

6 e della pastificazione, partite di alimenti deteriorati, anche inscatolati o comunque imballati, scarti derivanti dalla lavorazione di frutta e ortaggi, caseina, sanse esauste e simili; - scarti vegetali in genere (erbe, fiori, piante, verdure, ecc.), anche derivanti da lavorazioni basate su processi meccanici (bucce, baccelli, pula, scarti di sgranatura e di trebbiatura, e simili); - residui animali e vegetali provenienti dall estrazione di princìpi attivi. RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI I rifiuti pericolosi sono fondamentalmente di due tipi: - quelli per i quali è stata introdotta una presunzione assoluta di pericolosità; - quelli che presentano una o più caratteristiche di pericolo che devono essere attribuite al rifiuto mediante la verifica della presenza di determinate sostanze pericolose in concentrazioni superiori a determinati valori di soglia. Allegato I - Caratteristiche di pericolo per i rifiuti H1 Esplosivo : sostanze e preparati che possono esplodere per effetto della fiamma o che sono sensibili agli urti e agli attriti più del dinitrobenzene; H2 Comburente : sostanze e preparati che, a contatto con altre sostanze, soprattutto se infiammabili, presentano una forte reazione esotermica; H3-A Facilmente infiammabile : sostanze e preparati: - liquidi il cui punto di infiammabilità è inferiore a 21 C (compresi i liquidi estremamente infiammabili), o - che a contatto con l aria, a temperatura ambiente e senza apporto di energia, possono riscaldarsi e infiammarsi, o - solidi che possono facilmente infiammarsi per la rapida azione di una sorgente di accensione e che continuano a bruciare o a consumarsi anche dopo l allontanamento della sorgente di accensione, o - gassosi che si infiammano a contatto con l aria a pressione normale, o - che, a contatto con l acqua o l aria umida, sprigionano gas facilmente infiammabili in quantità pericolose; H3-B Infiammabile : sostanze e preparati liquidi il cui punto di infiammabilità è pari o superiore a 21 C e inferiore o pari a 55 C; H4 Irritante : sostanze e preparati non corrosivi il cui contatto immediato, prolungato o ripetuto con la pelle o le mucose può provocare una reazione infiammatoria; H5 Nocivo : sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono comportare rischi per la salute di gravità limitata; H6 Tossico : sostanze e preparati (comprese le sostanze e i preparati molto tossici) che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono comportare rischi per la salute gravi, acuti o cronici e anche la morte; H7 Cancerogeno : sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono produrre il cancro o aumentarne l incidenza; H8 Corrosivo : sostanze e preparati che, a contatto con tessuti vivi, possono esercitare su di essi un azione distruttiva; H9 Infettivo : sostanze contenenti microrganismi vitali o loro tossine, conosciute o ritenute per buoni motivi come cause di malattie nell uomo o in altri organismi viventi; H10 Tossico per la riproduzione : sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono produrre malformazioni congenite non ereditarie o aumentarne la frequenza; H11 Mutageno : sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono produrre difetti genetici ereditari o aumentarne l incidenza; H12 Rifiuti che, a contatto con l acqua, l aria o un acido, sprigionano un gas tossico o molto tossico; H13 Sensibilizzanti : sostanze o preparati che per inalazione o penetrazione cutanea, possono dar luogo a una reazione di ipersensibilizzazione per cui una successiva esposizione alla sostanza o al preparato produce effetti nefasti caratteristici; H14 Ecotossico : rifiuti che presentano o possono presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali. H15 Rifiuti suscettibili, dopo l eliminazione, di dare origine in qualche modo ad un altra sostanza, ad esempio a un prodotto di lisciviazione avente una delle caratteristiche sopra elencate

7 In particolare: Se un rifiuto è identificato come pericoloso mediante riferimento specifico [per esempio: * - trasformatori o condensatori contenenti PCB] o generico [per esempio: * - imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati da tali sostanze] a sostanze pericolose, esso è classificato come pericoloso solo se le sostanze raggiungono determinate concentrazioni (ad esempio percentuale rispetto al peso), tali da conferire al rifiuto in questione una o più delle proprietà di cui all allegato III della Direttiva 91/689/CEE del Consiglio [ ] 1. INDIVIDUARE UN RIFIUTO PERICOLOSO Operativamente, quindi, per verificare se un rifiuto deve essere classificato come pericoloso è necessario seguire questo percorso concettuale: a) Identificare, ricorrendo al processo descritto nel paragrafo successivo, il codice identificativo che nell ambito del Catalogo Europeo dei Rifiuti descrive in modo più appropriato sia la provenienza sia le caratteristiche chimico-fisiche del rifiuto; b) Verificare se a fianco al codice identificativo del rifiuto nel CER (elenco dei rifiuti 2 ) è stato apposto un asterisco; c) Verificare se nella descrizione associata al codice del rifiuto prescelto e contrassegnato da un asterisco compare un riferimento specifico o generico a sostanze pericolose. Il rifiuto è classificato come pericoloso solo se il codice che meglio lo identifica è contrassegnato da un asterisco e, nel caso in cui nella descrizione del rifiuto vi siano riferimenti specifici o generici a sostanze pericolose, se e solo se queste ultime sono presenti in concentrazioni superiori ai limiti specificati nella Direttiva 88/379/CEE del Consiglio del 7 giugno 1 Decisione della Commissione 2000/532/CE del 3 maggio 2000 (pubblicata in G.U.C.E. 6 settembre 2000, n. L 226), come modificata dalle Decisioni della Commissione 2001/118/CE, 2001/119/CE e 2001/573/CE, Allegato Elenco dei rifiuti Introduzione, punto 6). 2 Decisione della Commissione 2000/532/CE del 3 maggio 2000 (pubblicata in G.U.C.E. 6 settembre 2000, n. L 226), come modificata dalle Decisioni della Commissione 2001/118/CE, 2001/119/CE e 2001/573/CE, Allegato Elenco dei rifiuti per il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri relative alla classificazione, all imballaggio e all etichettatura dei preparati pericolosi e successive modifiche. IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEI CODICI Il Catalogo Europeo dei Rifiuti CER 2002 è stato introdotto con la Decisione della Commissione europea 2000/532/CE 4. Il sistema comunitario di codifica, nato da esigenze di tipo statistico, è in seguito divenuto uno dei cardini sui quali si reggono sia il complesso insieme di adempimenti previsti dalla disciplina sulla gestione dei rifiuti, sia i molteplici procedimenti di qualificazione e autorizzazione degli operatori del settore. La struttura del Catalogo prevede un articolazione in 20 capitoli, di norma riferiti alle macroaree di attività economica che hanno generato i rifiuti, ognuno dei quali comprende un serie di paragrafi tesi a specificare più puntualmente il processo produttivo dal quale i rifiuti sono decaduti per giungere, infine, ai codici a sei cifre che individuano ciascuna tipologia di rifiuto: 03 RIFIUTI DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO E DELLA PRODUZIONE DI PANNELLI, MOBILI, POLPA, CARTA E CARTONE Rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli e mobili Scarti di corteccia e sughero. Le decisioni comunitarie che hanno istituito il nuovo CER hanno condotto a una formalizzazione dei criteri da seguire per l attribuzione dei codici identificativi ai rifiuti. Il percorso concettuale da seguire è articolato in una serie di passaggi logici che, considerando la necessità di scegliere il codice che meglio descrive sia il processo produttivo dal quale il rifiuto è stato generato sia 3 in G.U.C.E. 16 luglio 1988, n. L 187, pag Pubblicata in G.U.C.E. 6 settembre 2000, n. L

8 le specifiche caratteristiche di quest ultimo, consentono di approssimarsi gradualmente alla corretta identificazione del codice CER. Le decisioni comunitarie, infatti, precisano che in primo luogo è necessario: 1. Identificare la fonte che genera il rifiuto consultando i titoli dei capitoli da 01 a 12 o da 17 a 20 [tali capitoli del codice europeo indicano le macroattività economiche dalle quali i rifiuti decadono] per risalire al codice a sei cifre riferito al rifiuto in questione, ad eccezione dei codici dei suddetti capitoli che terminano con le cifre 99. Considerando che: È possibile che un determinato impianto o stabilimento debba classificare le proprie attività riferendosi a capitoli diversi e avendo presente che: I rifiuti di imballaggio oggetto di raccolta differenziata (comprese combinazioni di diversi materiali di imballaggio) vanno classificati alla voce e non alla voce In secondo luogo: 2. Se nessuno dei codici dei capitoli da 01 a 12 o da 17 a 20 si presta per la classificazione di un determinato rifiuto, occorre esaminare i capitoli 13, [oli esauriti e residui di combustibili liquidi (tranne oli commestibili ed oli di cui ai capitoli 05, 12 e 19)] 14 [solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto (tranne 07 e 08)] e 15 [rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti)] per identificare il codice corretto. In terzo luogo: 3. Se nessuno di questi codici risulta adeguato, occorre definire il rifiuto utilizzando i codici di cui al capitolo 16 [rifiuti non specificati altrimenti nell elenco]. E, infine: 4. Se un determinato rifiuto non è classificabile neppure mediante i codici del capitolo 16, occorre utilizzare il codice 99 (rifiuti non altrimenti specificati) preceduto dalle cifre del capitolo che corrisponde all attività identificata al precedente punto 1. È necessario procedere con molta cautela nell attribuzione dei codici ai rifiuti, verificando accuratamente le possibili alternative al codice che è apparso appropriato alla prima lettura e ricordando che, qualora due o più codici possano essere adottati, deve sempre essere preferito il codice che fornisce informazioni più precise sia in merito all attività o al processo produttivo che ha generato il rifiuto, sia in relazione alle caratteristiche merceologiche o chimico-fisiche del rifiuto. Il processo di attribuzione del codice in alcuni casi non conduce al risultato sperato: non è possibile individuare un codice sufficientemente specifico ed è perciò indispensabile ricorrere a un codice generico che fa riferimento unicamente alla provenienza del rifiuto. PRODUZIONE DI RIFIUTI SPECIALI: GESTIONE E ADEMPIMENTI IL DEPOSITO TEMPORANEO Con il termine deposito temporaneo si indica l accumulo di rifiuti nel luogo in cui l impresa o l ente li ha prodotti o, in altri termini, il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui gli stessi sono prodotti. La realizzazione del deposito temporaneo non richiede autorizzazione se avviene nel rispetto delle seguenti condizioni: 1) i rifiuti contenenti gli inquinanti organici persistenti di cui al regolamento (CE) 850/2004, e successive modificazioni, devono essere depositati nel rispetto delle norme tecniche che regolano lo stoccaggio e l imballaggio dei rifiuti contenenti sostanze pericolose e gestiti conformemente al suddetto regolamento; 2) i rifiuti devono essere raccolti e avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo una delle seguenti modalità alternative, a scelta del produttore dei rifiuti: con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito; quando il quantitativo di rifiuti in deposito raggiunga complessivamente i 30 metri cubi di cui al massimo 10 metri cubi di rifiuti pericolosi. In questo caso il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno; 14 15

9 3) il deposito temporaneo deve essere effettuato per categorie omogenee di rifiuti e nel rispetto delle relative norme tecniche, nonché, per i rifiuti pericolosi, nel rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute; 4) devono essere rispettate le norme che disciplinano l imballaggio e l etichettatura delle sostanze pericolose. FORMULARI DI TRASPORTO Durante il trasporto effettuato da imprese o enti, specifica il D.Lgs. 152/206, i rifiuti devono essere accompagnati dal formulario di identificazione (definito con D.M. 1 aprile 1998, n. 145). L art. 193, comma 1, del medesimo decreto legislativo ha inoltre definito l insieme di dati essenziali da riportare sul formulario di identificazione del rifiuto: a) nome ed indirizzo del produttore e del detentore; b) origine, tipologia e quantità del rifiuto; c) impianto di destinazione; d) data e percorso dell istradamento; e) nome e indirizzo del destinatario. Prima di essere utilizzato il formulario deve essere numerato e vidimato ( gratuitamente e senza alcun diritto o imposizione tributaria ) presso l Agenzia delle entrate, presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura o presso gli uffici regionali o provinciali competenti in materia di rifiuti. Premesso che l emissione del formulario, intesa come atto con il quale ci si assume la responsabilità in merito a quanto dichiarato nel documento di trasporto, è una prerogativa esclusiva del produttore o del detentore del rifiuto, è necessario precisare che il modulo che si utilizza può essere stato acquistato, vidimato e registrato dal trasportatore. Quest ultimo, infatti, ha la facoltà - e non l obbligo - di concedere l uso dei propri formulari ai clienti, allo scopo di agevolare i produttori di piccole quantità di rifiuti che altrimenti si vedrebbero costretti ad acquistare un numero di moduli eccessivo rispetto alle loro effettive necessità. Il formulario deve essere redatto in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal detentore ( il produttore dei rifiuti o la persona fisica o giuridica che li detiene ), controfirmato dal trasportatore e sottoscritto dal gestore dell impianto di recupero o smaltimento. Più precisamente la prima copia del formulario deve rimanere al produttore del rifiuto fin dal momento della partenza del carico, mentre al trasportatore dovranno essere consegnate le rimanenti copie. Il trasportatore, dopo aver ottenuto la sottoscrizione del formulario da parte del gestore dell impianto di destinazione allo scopo di dimostrare l avvenuta accettazione del carico, trattiene la seconda copia, mentre la terza è di competenza del gestore dell impianto e la quarta deve essere restituita, per il tramite del trasportatore, al produttore o detentore del rifiuto. Si ricorda, inoltre, che: deve essere emesso un formulario per ciascun rifiuto quale risulta individuato dal codice (CER) e dalla descrizione. A tale ultimo fine, al punto 4 del formulario, voce Descrizione dovrà riportarsi l aspetto esteriore dei rifiuti che consente di identificare il rifiuto con il massimo grado di accuratezza, tenuto conto che la descrizione del CER non è sempre esaustiva, soprattutto in riferimento ai codici che recano negli ultimi due campi numerici le cifre «99» 5. Il modulo, oltre a prevedere un intestazione nella quale deve essere riportata la numerazione progressiva e la data di emissione, è articolato in cinque sezioni. La prima richiede l indicazione dei soggetti coinvolti: - produttore o detentore del rifiuto e luogo dal quale ha inizio il trasporto; - destinatario, indirizzo dell impianto di destinazione e estremi dell autorizzazione; - trasportatore ed estremi dell iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali. All indicazione dell eventuale commerciante o intermediario, pur prescritta, non è dedicato alcuno spazio, ma la Circolare del Ministero dell Ambiente 5 Circolare 4 agosto 1998, n GAB/DEC/812/98, punto 1, lettera O., pubblicata in G.U. 11 settembre 1998, n

10 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98 ha precisato che questa informazione deve essere riportata nello spazio del modulo riservato alle annotazioni (seconda sezione). Nella terza sezione del modulo è necessario riportare le indicazioni indispensabili a identificare con precisione il rifiuto trasportato: - descrizione, codice CER e denominazione del rifiuto associata al codice; - caratteristiche di pericolo (per i rifiuti pericolosi); - il numero di colli o contenitori; - la destinazione a recupero o smaltimento del rifiuto trasportato; - le caratteristiche chimico/fisiche (per i rifiuti destinati allo smaltimento in discarica); - la quantità espressa in chilogrammi o litri o metri cubi, con la possibilità di indicare un peso solo stimato «da verificarsi a destino»; - l indicazione se il trasporto dei rifiuti sia assoggettato alla normativa ADR (trasporto su strada di merci pericolose) o RID (trasporto ferroviario di merci pericolose); - il percorso previsto, da indicare solo se diverso dal più breve. Nella quarta sezione devono essere apposte le firme del produttore o detentore e del trasportatore, deve essere indicato il nome e cognome del conducente e la targa del veicolo utilizzato per il trasporto, oltre alla data e all ora di inizio del trasporto. Nella quinta sezione, infine, il destinatario deve precisare la data di ricezione del carico e apporre la propria firma, dichiarando se accetta o meno (in tutto o in parte) il rifiuto conferitogli. L art. 193, comma 2, del D.Lgs. 152/2006 dispone che le copie del formulario devono essere conservate per cinque anni dalla data di emissione. La corretta compilazione del formulario richiede necessariamente l indicazione della quantità di rifiuto trasportata e nel caso in cui per la natura del rifiuto o per l indisponibilità di un sistema di pesatura si possano, rispettivamente, verificare variazioni di peso durante il trasporto o una non precisa corrispondenza tra la quantità di rifiuti in partenza e quella a destinazione - precisa la Circolare ministeriale - si dovrà aver cura di barrare la casella relativa alla voce peso da verificarsi a destino. In realtà è consigliabile avvalersi sempre di questa possibilità, in considerazione del fatto che, salvo casi molto particolari, di norma fa fede la quantificazione del rifiuto operata dal gestore dell impianto di destinazione. Il formulario deve essere emesso anche in caso di trasporto, effettuato con propri mezzi, di un rifiuto speciale assimilato alla piattaforma di raccolta, perché l articolo 193 del D.Lgs 152/2006 non prevede esoneri per questo tipo di trasporti. La restituzione della quarta copia al mittente è di fondamentale importanza perché questa copia dimostra che il rifiuto è stato accettato dal gestore dell impianto di destinazione e prova, quindi, che il produttore ha assolto i propri obblighi di corretta gestione del rifiuto. REGISTRI DI SCARICO E SCARICO L articolo 190, comma 1, del D.Lgs. 152/2006 individua i produttori di rifiuti tenuti ad istituire e annotare i registri di carico e scarico: le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi; le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all art. 184, comma 3, lettere c), d) e g) [c) rifiuti da lavorazioni industriali; d) rifiuti da lavorazioni artigianali; g) rifiuti derivanti dalle attività di recupero e smaltimento di rifiuti; fanghi derivanti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue; fanghi da abbattimento di fumi]. I registri dei produttori di rifiuti devono essere tenuti (art. 190, comma 3, del D.Lgs. n. 152/2006) presso ogni luogo in cui i rifiuti vengano effettivamente generati: pertanto il registro non si riferisce all impresa nel suo complesso, bensì alla singola unità locale della stessa. Le uniche eccezioni ai principi in precedenza esposti sono costituite: - dai registri relativi ai rifiuti provenienti da attività di manutenzione o assistenza sanitaria, in quanto questi rifiuti, ai sensi dell art. 266, comma 4, del D.Lgs. 152/2006, si considerano prodotti presso la sede o il domicilio del soggetto che svolge tali attività, dove dovranno essere conservati, 18 19

11 qualora sussista l obbligo di registrazione, i libri di carico e scarico; - dai registri relativi ai rifiuti prodotti da attività di manutenzione delle infrastrutture (art. 230 del D.Lgs. 152/2006), che: possono essere tenuti nel luogo di produzione dei rifiuti così come definito nel comma 1, quindi: a) sede del cantiere che gestisce l attività manutentiva; b) sede locale del gestore dell infrastruttura nelle cui competenze rientra il tratto di infrastruttura interessato dai lavori di manutenzione; c) il luogo di concentramento dove il materiale tolto d opera viene trasportato «per la successiva valutazione tecnica, finalizzata all individuazione del materiale effettivamente, direttamente ed oggettivamente riutilizzabile, senza essere sottoposto ad alcun trattamento». L art. 190, comma 3, del D.Lgs. n. 152/2006 prescrive che i registri debbano essere conservati per cinque anni dalla data dell ultima registrazione annotata sul registro stesso. Ogni riga del registro modello A consente l annotazione di un movimento: - nella prima colonna deve essere precisato, barrando una delle due caselle, se la successiva registrazione si riferisce ad un movimento di carico (generazione del rifiuto da parte del produttore) o di scarico (avvio al recupero o allo smaltimento di un rifiuto presso un impianto autorizzato); - sempre nella prima colonna, nel caso di movimento di scarico di un produttore, è necessario precisare gli estremi identificativi del formulario di trasporto; - infine, se si tratta di movimento di scarico (verso impianti autorizzati al recupero o allo smaltimento oppure verso un processo di trattamento interno) è necessario indicare i numeri progressivi di registrazione dei movimenti di carico che hanno dato luogo all accumulo di rifiuti in seguito destinati ad impianti di gestione. Nella seconda colonna dovranno essere precisate le caratteristiche del rifiuto: codice del Catalogo Europeo dei Rifiuti CER, descrizione, stato fisico (1. Solido polverulento; 2. Solido non polverulento; 3. Fangoso palabile; 4. Liquido), eventuali classi di pericolosità e processo di gestione (recupero o smaltimento e relativi codici identificativi della tipologia di trattamento) al quale i rifiuti sono destinati. Nella terza colonna dovrà essere riportata la quantità di rifiuto caricata o scaricata, esprimendo tale quantitativo in chilogrammi oppure in litri oppure in metri cubi, quindi è possibile utilizzare indifferentemente una delle tre unità di misura e non v è l obbligo di riportare nel registro sia la massa sia il volume del rifiuto. Nella quarta colonna, esclusivamente nel caso in cui si tratti di rifiuti prodotti da soggetti che effettuano attività di manutenzione a reti diffuse sul territorio, dovranno essere riportati il luogo materiale di produzione e l attività di provenienza del rifiuto Sempre nella quarta colonna è necessario indicare, qualora siano intervenuti nella gestione del rifiuto di cui si sta registrando il carico o lo scarico, gli estremi identificativi dei commercianti di rifiuti o degli intermediari. La quinta colonna, infine, è riservata a eventuali annotazioni. Con il decreto del Ministero dell Ambiente n. 148 del 1 aprile 1998 è stato individuato, in attuazione dell art. 18, comma 2, del D.Lgs. 22/1997, un modello uniforme di registro di carico e scarico. Più precisamente, il decreto ministeriale citato definisce i contenuti informativi di due distinti registri: il primo ( Modello A ) deve essere utilizzato dai produttori di rifiuti speciali, dai soggetti che esercitano attività di recupero o di smaltimento, dai trasportatori professionali di rifiuti prodotti da terzi e da coloro che svolgono attività di intermediazione e commercio di rifiuti che comporti la detenzione di questi ultimi; il secondo registro ( Modello B ) è specificamente rivolto alla documentazione dell attività svolta dai commercianti di rifiuti che non li detengono (non trasportano, stoccano o trattano rifiuti) e dagli intermediari. I registri prima di essere posti in uso devono essere numerati e vidimati presso le Camere di Commercio territorialmente competenti, ma se si è preferito impiegare un software per la gestione delle movimentazioni dei rifiuti è possibile procedere alla vidimazione di singoli fogli di carta formato A4 numerati progressivamente 6, sui quali il programma stamperà sia i contenuti informativi sia il format grafico previsto per il registro. 6 Si veda in proposito il comma 6 dell art. 190 del D.Lgs. 152/

12 REGISTRAZIONE DEI MOVIMENTI DI CARICO DEL RIFIUTO L avvenuta produzione di un rifiuto per il quale sussista l obbligo di registrazione comporta per l impresa o l ente la necessità di procedere all annotazione del movimento di carico entro dieci giorni lavorativi 7 dal momento in cui la generazione del rifiuto è avvenuta. Qualora sia stato prodotto un rifiuto sanitario pericoloso a rischio infettivo, la registrazione deve invece avvenire entro cinque giorni 8. È importante rilevare che qualora la produzione del rifiuto e l asportazione dello stesso avvengano in due momenti distinti non è ammessa la registrazione contestuale del movimento di carico e di quello di scarico. La casella annotazioni di ogni singolo movimento di carico o scarico deve essere utilizzata per motivare la necessità della rettifica che è stata operata, ad esempio la discordanza tra peso stimato e peso verificato presso l impianto di destinazione. A questo proposito è importante rilevare che, tranne nel caso in cui ciò non appaia in alcun modo giustificato, per consuetudine, e non per disposizione di legge, il peso da riportare nel registro è quello verificato presso l impianto di destinazione del singolo carico di rifiuti. Per questo motivo, allo scopo di evitare frequenti rettifiche, il produttore del rifiuto può accordarsi con il gestore dell impianto di recupero o di smaltimento per farsi trasmettere il peso verificato a destino entro il termine previsto per la registrazione del movimento di scarico (dieci giorni lavorativi) e procedere alla registrazione del movimento utilizzando i dati forniti dall impianto. REGISTRAZIONE DEI MOVIMENTI DI SCARICO DEL RIFIUTO L art. 190, comma 1, del D.Lgs. 152/2006 precisa la periodicità con la quale devono essere eseguite le annotazioni di scarico sui registri: per i produttori, almeno entro dieci giorni lavorativi dal momento in cui il rifiuto viene caricato sul mezzo che lo trasporterà all impianto di recupero o di smaltimento. LA RETTIFICA DEGLI ERRORI Gli errori materiali di compilazione del registro di carico e scarico devono essere corretti secondo le regole normalmente in uso per i libri contabili e gli altri registri ufficiali dell azienda: la cancellazione di un dato deve essere effettuata tracciando una riga che consenta comunque di leggere il dato che si intende rettificare, non sono consentite abrasioni e la rettifica deve essere datata e siglata. 7 Ex art. 190, comma 1, D.Lgs. 152/ Secondo le prescrizioni di cui all art. 8, comma 3, lettera a) del D.P.R. 15 luglio 2003, n. 254 pubblicato nella G.U. 11 settembre 2003, n L AVVIO AL RECUPERO O ALLO SMALTIMENTO LA VALUTAZIONE DELLA POSSIBILITÀ DI TRASPORTO CON MEZZI AZIENDALI La condizione per poter effettuare il trasporto dei rifiuti non pericolosi o di piccole quantità (inferiori a 30 chilogrammi o litri al giorno) di rifiuti pericolosi derivanti dalla propria attività è ora costituita dall iscrizione all Albo gestori ambientali ex art. 212, comma 8, del D.Lgs. 152/2006. È dunque necessario iscriversi all Albo con la procedura richiamata per trasportare anche occasionalmente rifiuti non pericolosi o piccole quantità di rifiuti pericolosi derivanti dalla propria attività, inoltre la possibilità di beneficiare di queste modalità d iscrizione semplificate è condizionata al fatto che: «tali operazioni [di trasporto di rifiuti] costituiscano parte integrante e accessoria dell organizzazione dell impresa dalla quale i rifiuti sono prodotti» 9. 9 D.Lgs. 152/2006, art. 212, comma

13 Perciò mentre può essere ammessa a usufruire della procedura di cui all art. 218, comma 8, un impresa che effettua la manutenzione del verde, in quanto l attività economica esercitata deve necessariamente comportare il trasporto dei rifiuti generati, un azienda che intenda trasportare rifiuti assimilati agli urbani al centro di raccolta comunale non sembra essere in possesso dei requisiti indispensabili per utilizzare questa opportunità. Infine, è decisivo rilevare che anche il più scrupoloso controllo delle iscrizioni dei trasportatori si rivela del tutto incompleto se non adeguatamente accompagnato da un controllo altrettanto meticoloso delle autorizzazioni degli impianti ai quali il rifiuto dovrà essere conferito. Per quanto ciò possa apparire paradossale, uno dei più frequenti errori nella gestione dei rifiuti è quello di limitare la verifica dei titoli abilitativi alla sola fase di trasporto. SELEZIONE DEI TRASPORTATORI La verifica dell adeguatezza dell iscrizione all Albo di un impresa di trasporto di rifiuti richiede due passi fondamentali. In primo luogo, dopo aver chiaramente e univocamente determinato la classificazione del rifiuto è necessario controllare che se il rifiuto è: - un rifiuto speciale non pericoloso l impresa sia iscritta alla quarta categoria dell Albo nazionale gestori ambientali; - un rifiuto speciale pericoloso l impresa sia iscritta alla quinta categoria dell Albo nazionale gestori ambientali 10. In secondo luogo, dovrà essere verificata la presenza del codice identificativo tratto dal Catalogo Europeo dei Rifiuti (Codice CER) assegnato al rifiuto prodotto o detenuto nel provvedimento di iscrizione all Albo dell impresa di trasporto. In fase di controllo della validità delle iscrizioni all Albo è indispensabile ricordare che le imprese possono operare per cinque anni prima di dover richiedere il rinnovo dell iscrizione. A tale proposito è opportuno sapere che l Albo nazionale gestori ambientali ha pubblicato sul proprio sito internet (http://www.albogestoririfiuti.it) l elenco degli iscritti. 10 Le imprese iscritte alla quinta categoria hanno la possibilità di trasportare anche rifiuti speciali non pericolosi, in questo caso è necessario verificare che i codici identificativi dei rifiuti non pericolosi che si intende affidare al trasportatore siano presenti nell iscrizione all Albo del mezzo che trasporterà i rifiuti. SELEZIONE DEGLI IMPIANTI DI DESTINAZIONE La disciplina delle autorizzazioni per la gestione di rifiuti è particolarmente complessa, ma in termini generali si può sinteticamente affermare che se il rifiuto da avviare ad operazioni di gestione: - è un rifiuto recuperabile non pericoloso l impresa che gestisce l impianto deve essere iscritta mediante procedura semplificata (comunicazione di inizio attività secondo l art. 216, D.Lgs. 152/2006) al Registro provinciale delle imprese che effettuano attività di recupero dei rifiuti; - è un rifiuto speciale non pericoloso l impresa che gestisce l impianto deve essere autorizzata mediante procedura ordinaria (secondo l art. 208, D.Lgs. 152/2006); - è un rifiuto recuperabile pericoloso l impresa che gestisce l impianto deve essere iscritta mediante procedura semplificata (comunicazione di inizio attività secondo l art. 216, D.Lgs. 152/2006) al Registro provinciale delle imprese che effettuano attività di recupero dei rifiuti; - è un rifiuto speciale pericoloso l impresa che gestisce l impianto deve essere autorizzata mediante procedura ordinaria (secondo l art. 208, D.Lgs. 152/2006). Come nel caso dei trasportatori, dovrà essere verificata nel provvedimento di autorizzazione la presenza del codice identificativo tratto dal Catalogo Europeo dei Rifiuti (Codice CER) che si è assegnato al rifiuto prodotto o detenuto. Infine, è doveroso rilevare che le verifiche dei titoli abilitativi dei trasportatori e degli impianti di gestione devono essere condotte anche se si è scelto di servirsi di intermediari

14 IL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale, cosiddetto MUD, è stato istituito con la legge 25 gennaio 1994, n. 70, recante «Norme per la semplificazione degli adempimenti in materia ambientale, sanitaria e di sicurezza, nonché per l attuazione del sistema di ecogestione e di audit ambientale». La citata legge n. 70/1994 prevede che l adempimento di tutti gli obblighi di comunicazione periodica di dati previsti dalle più varie leggi ambientali e di sicurezza venga, per quanto possibile, progressivamente accorpato in un unica dichiarazione ambientale da presentarsi annualmente, entro il 30 aprile, alla Camera di Commercio competente per territorio. A tal fine la legge rinvia a specifici decreti attuativi la definizione della modulistica o, comunque, delle regole di fornitura dei dati (per l appunto, il modello unico ) richiesti da altre disposizioni di legge. Il MUD, in altri termini, è un sistema unitario in uso dal 96 e negli anni successivi ripetutamente modificato e integrato per l adempimento dei principali obblighi di dichiarazione o comunicazione periodici previsti dalla legislazione in materia ambientale e di sicurezza a carico di soggetti pubblici e privati. L avvio della fase di piena operatività del sistema per il controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) avrebbe dovuto portare al definitivo superamento dell obbligo di trasmettere al sistema delle Camere di Commercio i dati riguardanti la produzione, al trasporto, all intermediazione, al recupero e allo smaltimento dei rifiuti. Infatti, con: la rilevazione telematica puntuale dei dati riferiti alla produzione di tutti i rifiuti pericolosi e di alcune tipologie di rifiuti non pericolosi (derivanti da lavorazioni industriali, lavorazioni artigianali, trattamenti effettuati sulle acque, abbattimento delle emissioni gassose e trattamento di rifiuti), attuata mediante i movimenti di carico annotati sul registro cronologico SISTRI, l acquisizione dei dati riguardanti ogni carico di rifiuti avviato al recupero o allo smaltimento (movimenti di scarico del registro cronologico del produttore e schede area movimentazione SISTRI) e il riscontro automatico delle informazioni trasmesse da produttori e trasportatori con quelle acquisite automaticamente dai gestori degli impianti (movimenti di carico del registro cronologico degli impianti vs annotazioni di scarico dei produttori e/o dei trasportatori), si sarebbe potuta evitare, almeno per la maggior parte dei soggetti obbligati, la comunicazione annuale riepilogativa necessaria ad acquisire le informazioni indispensabili per elaborare le statistiche nazionali previste dal regolamento europeo sulle statistiche riguardanti i rifiuti (Regolamento (CE) n. 2150/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2002). La lunga serie di rinvii della fase di piena operatività del SISTRI non ha però consentito il passaggio all acquisizione automatica dei dati. Con D.P.C.M. 12 dicembre 2013, pubblicato sul Supplemento ordinario n. 89 alla Gazzetta Ufficiale del 27/12/2013, è stato definito il nuovo Modello Unico di Dichiarazione ambientale 2014, da impiegare per trasmettere, entro il 30 aprile 2014, i dati riferiti al

15 Il MUD 2014 riguarda le: - comunicazioni (ordinarie e semplificate) delle imprese e degli enti produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi; - comunicazioni (ordinarie e semplificate) delle imprese e degli enti produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi di cui all art. 184, comma 3, lettere: c) rifiuti da lavorazioni industriali, d) rifiuti da lavorazioni artigianali; g) rifiuti derivanti da trattamenti effettuati sulle acque, dalla depurazione delle acque reflue e dall abbattimento delle emissioni gassose in atmosfera. dal decreto ministeriale 24 aprile Tutte le imprese che svolgono attività autorizzate di gestione dei rifiuti speciali pericolosi (trasporto, trattamento, commercio e intermediazione senza detenzione) devono necessariamente operare utilizzando il sistema per il controllo della tracciabilità dei rifiuti anche quando ricevono rifiuti da imprese o enti esclusi dall obbligo di iscrizione al SISTRI, per questo motivo i trasportatori devono acquisire dai produttori una serie di informazioni indispensabili a garantire la corretta compilazione della scheda movimentazione. Fino al 31 dicembre 2014 gli errori e le omissioni nell uso del SISTRI non potranno dare luogo a sanzioni. SISTRI - SISTEMA PER IL CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI Dal 3 marzo le imprese e gli enti che producono rifiuti speciali pericolosi sono tenuti a usare anche il SISTRI per documentare la produzione, il deposito temporaneo e l avvio al recupero o allo smaltimento dei propri scarti. Fino al 31 dicembre 2014 il nuovo sistema telematico, infatti, si affiancherà alla tradizionale tenuta dei registri di carico e scarico e all emissione dei formulari, mentre dal 1 gennaio 2015 il SISTRI diventerà, per i soggetti obbligati a utilizzarlo, l unica modalità per documentare la corretta gestione dei rifiuti speciali pericolosi. L impiego del sistema per il controllo della tracciabilità dei rifiuti è obbligatorio per i produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi (quindi per le imprese e gli enti che esercitano attività diverse dalla gestione dei rifiuti) con un numero di dipendenti superiore a dieci. Il limite dimensionale, riferito al numero complessivo dei dipendenti dell impresa o dell ente e non alla singola unità locale, è stato introdotto Se l impresa aveva già provveduto a iscrivere al SISTRI tutte le unità locali nel 2010 o nel 2011, oggi è necessario verificare innanzitutto che non siano intervenute modificazioni che comportino la necessità di aggiungere unità locali o di eliminare quelle non più esistenti o nelle quali non si producono più rifiuti pericolosi e, in secondo luogo, controllare che i dati aziendali (legale rappresentanti, delegati SISTRI, persone da contattare, ecc.) siano aggiornati

16 Molto probabilmente dovranno essere aggiornati i software contenuti nei dispositivi USB indispensabili per l accesso al sistema e sarà necessario di essere in possesso di tutte le credenziali necessarie (identificativi degli utenti - User ID, password, PIN). Movimento di carico per registrazione giacenza Entro dieci giorni lavorativi dalla produzione del rifiuto è necessario inserire e firmare digitalmente un movimento di carico nel registro cronologico (l area del software corrispondente al tradizionale registro di carico e scarico dei rifiuti prodotti). Le aree registro cronologico e movimentazione del SISTRI All atto del primo accesso al sistema, o comunque prima di avviare al recupero o allo smaltimento ogni tipologia di rifiuto, è necessario provvedere ad effettuare un movimento di carico dei ogni rifiuto in giacenza utilizzando l area registro cronologico e selezionando la causale registrazione giacenza per avvio dell utilizzo del SISTRI. Prima di poter avviare al recupero o allo smaltimento ognuno dei rifiuti prodotti e posti in deposito temporaneo nei magazzini aziendali dovrà essere predisposta la scheda movimentazione (l equivalente del formulario di trasporto del rifiuto), immettendo i dati nell area movimentazione del sistema, dopo aver selezionato l opzione compila nuova scheda, i dati relativi alla quantità del rifiuto che si intende avviare al recupero o allo smaltimento, al trasportatore, all impianto di trattamento e, eventualmente, all intermediario o al consorzio istituito per garantire il recupero di particolari tipologie di rifiuto

17 sottoporrà al produttore o al detentore del rifiuto due copie della scheda movimentazione stampate su carta, si provvederà a scrivere sulle schede la data e l ora di inizio del trasporto e il produttore tratterrà una copia del documento. Compilazione scheda movimentazione La scheda dovrà essere completata e sottoscritta digitalmente dal produttore del rifiuto almeno due ore prima del trasporto (a partire dal secondo anno dalla piena operatività del SISTRI il termine sarà elevato a quattro ore). All atto dell accettazione del rifiuto nell impianto di trattamento il produttore o detentore del rifiuto riceverà un messaggio di posta elettronica certificato nella webmail interna al SISTRI. Questo messaggio è della massima importanza perché svolge la medesima funzione della quarta copia del formulario del rifiuto: dimostra che il rifiuto è stato correttamente conferito all impianto di trattamento in precedenza individuato e attesta il peso del rifiuto avviato al recupero o allo smaltimento. Entro dieci giorni lavorativi dall inizio del trasporto è necessario, infine, collegare la scheda movimentazione al registro cronologico, scegliendo l opzione collega schede al registro nell area movimentazione del sistema. Il collegamento della scheda al registro imposta il movimento di scarico, che deve essere completato indicando a quali movimenti di carico del registro cronologico si riferisce lo scarico che è stato realizzato. La sezione produttore della scheda movimentazione potrà non essere compilata solo nel caso in cui il trasportatore scelga di utilizzare la procedura per la microraccolta (il trasporto di rifiuti prelevati da più di un produttore con il medesimo veicolo). In questo caso sarà il trasportatore a immettere nel sistema i dati che il produttore gli avrà preventivamente comunicato. Il trasportatore può scegliere, in accordo con il produttore, di utilizzare una delle due procedure di avvio della fase di trasporto: la procedura con utilizzo contestuale del dispositivo USB del veicolo; la procedura senza l utilizzo contestuale della dispositivo USB del veicolo. Nel primo caso il produttore dovrà mettere a disposizione dell autista un computer collegato a internet in cui l autista inserirà il dispositivo USB del veicolo per dare certezza alla data e allora di inizio del trasporto e subito dopo si provvederà a stampare su carta due copie della scheda movimentazione, mentre nel secondo caso l autista del mezzo di trasporto 32 33

18 Appendice 1 DISMISSIONE DI BENI AZIENDALI Avviare correttamente al recupero o allo smaltimento i cespiti aziendali o i prodotti obsoleti presenti in magazzino è estremamente importante oltre che dal punto di vista ambientale anche da quello fiscale. Infatti, per effetto della cosiddetta presunzione di cessione, disciplinata dal D.P.R. 10 novembre 1997 n. 441 (Regolamento recante norme per il riordino delle presunzioni di cessione e di acquisto - art. 1, comma 1), si presumono ceduti in evasione di imposta i beni acquistati, importati o prodotti dall impresa che non si trovano più nei locali in cui l azienda esercita la sua attività, né in quelli dei suoi rappresentanti. Con riferimento al luogo in cui l impresa svolge le proprie operazioni, il decreto citato (art. 1, comma 3), indica espressamente le sedi secondarie, filiali, succursali, dipendenze, stabilimenti, negozi, depositi, mezzi di trasporto nella disponibilità dell impresa. Il medesimo articolo della disposizione richiamata (comma 2 lett. a), stabilisce che: la presunzione [ ] non opera se è dimostrato che i beni stessi: sono stati impiegati per la produzione, distrutti o perduti. Per questo insieme di motivi è indispensabile sapere come agire per vincere la presunzione di cessione e provare, quindi, che i beni sono stati regolarmente avviati a distruzione e non sono stati, invece, venduti evadendo le imposte dovute. La dismissione dei beni aziendali mediante distruzione, che si tratti di beni strumentali all attività esercitata oppure di merci obsolete, può essere realizzata con due differenti modalità: delegandola a operatori autorizzati, oppure procedendo autonomamente in presenza di funzionari dell Agenzia delle Entrate o della Guardia di finanza. Le due diverse procedure sono illustrate dettagliatamente nella circolare del Ministero delle Finanze n. 193/E. In particolare, nel caso in cui l impresa si rivolga a operatori specializzati nello smaltimento o nel recupero di rifiuti, è necessario, allo scopo di superare un eventuale presunzione di cessione e conseguentemente le contestazioni relative al mancato assolvimento dell imposta, essere in grado di esibire il formulario di identificazione dei rifiuti (FIR) previsto dall art. 193 del decreto legislativo n.152/2006. Il FIR deve essere obbligatoriamente vidimato dall Agenzia delle Entrate o dalle Camere di Commercio prima di essere utilizzato, e deve recare, tra l altro: la ragione sociale del produttore del rifiuto; l indirizzo del luogo a partire dal quale dal quale il rifiuto sarà avviato al recupero o allo smaltimento; le caratteristiche del rifiuto, ossia la sua descrizione e lo stato fisico; la ragione sociale, i dati identificativi e il numero di iscrizione all Albo nazionale gestori ambientali del trasportatore; la ragione sociale, i dati identificativi del gestore dell impianto, l indirizzo dell impianto e il numero di autorizzazione del medesimo. È opportuno utilizzare lo spazio riservato alle annotazioni del formulario identificativo del rifiuto per: identificare con precisione, allo scopo di evitare qualsiasi possibile contestazione, i beni aziendali che vengono avviati al recupero o allo smaltimento; richiamare la norma di riferimento, specificando che con quel formulario si realizza la distruzione di beni aziendali ai sensi dell art. 2, comma 4, del DPR 10/11/1997 n Il rispetto della procedura indicata comporta il superamento della presunzione di cessione sia ai fini I.V.A. sia delle imposte sui redditi. Quanto fin qui riferito alle imprese è applicabile anche alla distruzione dei beni di liberi professionisti. In alternativa allo smaltimento tramite operatori specializzati, la dismissione dei beni strumentali dell impresa potrebbe essere effettuata mediante assegnazione ai soci o cessione a titolo gratuito verso soggetti terzi privati o operatori I.V.A. In questo caso la cessione gratuita o l assegnazione deve essere fatturata e assoggettata ad IVA, in quanto all atto dell acquisto l imposta è stata 34 35

19 detratta. L art. 13 del D.P.R. n. 633/1972, al comma 2, prevede che in questi casi la base imponibile sia costituita dal costo di acquisto o, in mancanza di questo costo, dal prezzo di acquisto dei beni o di beni simili determinati nel momento in cui si effettuano tali operazioni. Vi è quindi una notevole incertezza in merito al valore da attribuire a tali beni oggetto della cessione gratuita o dell assegnazione (tale valore, in base al dettato letterale della norma, dovrebbe essere costituito dal prezzo d acquisto dei beni), con il rischio di incorrere in attività di accertamento della base imponibile da parte dell Amministrazione finanziaria nel caso si esponesse un valore minore. Pertanto, è consigliabile che la dismissione dei beni aziendali avvenga utilizzando operatori autorizzati a effettuare il recupero o lo smaltimento dei rifiuti

20 faispazioecolight

LA GIUNTA COMUNALE. l art. 184, comma 3 del D.Lgs. 152/2006 stabilisce la catalogazione dei rifiuti speciali;

LA GIUNTA COMUNALE. l art. 184, comma 3 del D.Lgs. 152/2006 stabilisce la catalogazione dei rifiuti speciali; P.D. 160 del 14.3.2011 Delibera n. 119 seduta del 31.3.2011 Oggetto: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali come previsto dall art. 9 del Regolamento per la gestione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

COMUNE DI OLGIATE OLONA

COMUNE DI OLGIATE OLONA COMUNE DI OLGIATE OLONA Provincia di Varese N. prot. 15054 Giugno 2013 Spett.le Ditta OLGIATE OLONA OGGETTO: Rinnovo autorizzazione al conferimento di rifiuti assimilabili anno 2013 Con la presente si

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILABILI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n 158 del 29.12.1992. Modificato

Dettagli

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148 Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del

Dettagli

CRITERI DI ASSIMILABILITÀ

CRITERI DI ASSIMILABILITÀ CRITERI DI ASSIMILABILITÀ Art. 1 Criteri e modalità di assimilazione dei rifiuti 1. In attesa della definizione dei criteri qualitativi e quantitativi e delle linee guida per l assimilazione dei rifiuti

Dettagli

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti Revisione 0 Pagina 1 di 7 3. 3.1 Aspetti generali Con il termine di rifiuti, in base al D.lgs del 05/02/1997 n 22 (Decreto Ronchi), si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore necessiti

Dettagli

Risoluzione MEF n. 2/DF

Risoluzione MEF n. 2/DF 1 di 7 12/12/2014 12:04 Pubblicato su Fiscopiù (http://fiscopiu.it) Home > Guida agli adempimenti > TARI su aree destinate ad attività produttiva 12 Dicembre 2014 MEF di Riccardo Scardovelli - Dottore

Dettagli

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI APPROVATO con deliberazione del C.C. n.13 del 22/07/2013 IL SINDACO F.to Diego Navarria IL SEGRETARIO

Dettagli

CITTA DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA

CITTA DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA Registrata in Segreteria Il al n. L impiegato CITTA DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N..../.. del Reg. data.. OGGETTO: Assimilazione per qualità e quantità

Dettagli

Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti

Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti N NUOVO Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti è in vigore dal 01.01.2002 e presenta sia caratteristiche comuni al Catalogo precedente sia tratti innovativi rispetto

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI LA GESTIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI L iter amministrativo e pratico per lo smaltimento dei rifiuti industriali Cosa deve fare un PRODUTTORE quando deve smaltire un RIFIUTO generato dalla sua attività?

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE. Premesso che:

IL CONSIGLIO COMUNALE. Premesso che: Oggetto: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali come previsto dall art. 9 del Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati e per la pulizia del territorio

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 145 (Gu 13 maggio 1998 n. 109)

Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 145 (Gu 13 maggio 1998 n. 109) Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 145 (Gu 13 maggio 1998 n. 109) Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli

Dettagli

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 1 Classificazione e codifica dei rifiuti 2 I criteri

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI INDICE

REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI INDICE REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Art. 2 - Costo del servizio Art. 3 - Soggetti passivi Art. 4 - Decorrenza e decadenza della tassa Art. 5 - Commisurazione e

Dettagli

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 /

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 / TARIFFARIO GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI E URBANI ASSIMILATI E ALTRE PRESTAZIONI DEL SERVIZIO IGIENE URBANA ( delibera CdA n. 68 del 27/06/2013) ALLEGATO 1. : TARIFFARIO PER RACCOLTA/TRASPORTO/ SMALTIMENTO/RECUPERO

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015 CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEI RIFIUTI A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 Guida alla classificazione dei rifiuti Se un rifiuto è classificato con codice CER pericoloso assoluto, esso è pericoloso senza

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

COMUNE DI SALTARA 61030 - PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI SALTARA 61030 - PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI SALTARA 61030 - PROVINCIA DI PESARO E URBINO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 248 del 11-12-2004 Oggetto: ASSIMILAZIONE AI RIFIUTI URBANI DEI RIFIUTI SPE= CIALI NON PERICOLOSI

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

Introduzione... 2 Soggetti obbligati all iscrizione al SISTRI... 3

Introduzione... 2 Soggetti obbligati all iscrizione al SISTRI... 3 NOTA INFORMATIVA SUL SISTRI E LE DIFFERENTI CATEGORIE DI RIFIUTI Introduzione... 2 Soggetti obbligati all iscrizione al SISTRI... 3 Rifiuti urbani e assimilati...3 Rifiuti speciali...3 Rifiuti Speciali

Dettagli

I materiali di cui al comma precedente sono di proprietà dell Unione dei Comuni del Sinello; ART. 2 Oggetto

I materiali di cui al comma precedente sono di proprietà dell Unione dei Comuni del Sinello; ART. 2 Oggetto Regolamento di igiene urbana disciplinante i rapporti tra l Unione dei Comuni del Sinello ed i Comuni aderenti al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ART. 1 Premesse ed allegati Questa Unione

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

I N D I C E CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI CAPITOLO 2 - FORME DI GESTIONE - DIVIETI E CONTROLLI

I N D I C E CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI CAPITOLO 2 - FORME DI GESTIONE - DIVIETI E CONTROLLI "#$#%##&#'('&)''* I N D I C E CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Obiettivi della gestione rifiuti Art. 2 Riferimenti normativi Art. 3 Principi generali Art. 4 Oggetto del Regolamento Art. 5 Competenze

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI L applicazione della Decisione 16 gennaio 2001(2001/118/CE) modificata ed integrata dalle Decisioni 2001/119/CE e 2001/573/CE e dalla Legge 21 dicembre 2001 n. 443 (art.

Dettagli

Regolamento per la Classificazione e lo Smaltimento dei rifiuti speciali nei Laboratori di ATeN Center

Regolamento per la Classificazione e lo Smaltimento dei rifiuti speciali nei Laboratori di ATeN Center Regolamento per la Classificazione e lo Smaltimento dei rifiuti speciali nei Laboratori di ATeN Center L art. 182 del D.lgs. 152/06 chiarisce che lo smaltimento dei rifiuti è da considerarsi come soluzione

Dettagli

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti Gestione e consulenza rifiuti elettronici e da ufficio v.2.0 del 06/09/2011 Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO 2 Le presenti linee

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL COMUNE DI CENATE SOPRA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL COMUNE DI CENATE SOPRA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL COMUNE DI CENATE SOPRA (Redatto ai sensi del D.Lgs. 03.04.2006 e s.m.i., n. 152; della L.R. 12.12.2003, n. 26 e del D.M.

Dettagli

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO A cura dell ing. Giovanni Maione Tra le pieghe delle modifiche introdotte dal secondo decreto correttivo vogliamo

Dettagli

Ciclo del recupero :

Ciclo del recupero : AZIENZA PRODUTTRICE, luogo di produzione rifiuti Destinati al recupero Ciclo del recupero : Deve essere applicata la disciplina del deposito temporaneo o stoccaggio dei rifiuti REGISTRI - SISTRI Deve essere

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

SEMINARIO. Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.Lgs. 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE)

SEMINARIO. Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.Lgs. 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE) SEMINARIO Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.Lgs. 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE) Classificazione e gestione dei rifiuti pericolosi a cura di: Elisabetta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Allegato alla deliberazione di C.C. n. 08 del 20.05.2004 COMUNE DI BORNO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ART. 01 ISTITUZIONE

Dettagli

rifiuto da catalogare

rifiuto da catalogare rifiuto da catalogare rifiuto da catalogare famiglia da 01 a 12 o da 17 a 20? rifiuto da catalogare famiglia da 01 a 12 o da 17 a 20? rifiuto da catalogare famiglia da 01 a 12 o da 17 a 20? (esclusi XX

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE C.A.P. 21020 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Approvato con delibera di C.C. N

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione A cosa servono i registri, formulari TRACCIABILITA DEI RIFIUTI Il registro di carico e scarico integrato

Dettagli

MODULO 4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI

MODULO 4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI MODULO 4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Progetto TESSI RELATORE dott. Marco Francese ITST J.F. KENNEDY PORDENONE 31 OTTOBRE 2014 1 NORME: GENERALITA 2 A livello europeo la legge quadro

Dettagli

Nome e logo azienda AUTORIZZAZIONE N.: PIANO DI GESTIONE OPERATIVA PROCEDURE DI AMMISSIONE DEI RIFIUTI REVISIONE: DATA: 15.09.

Nome e logo azienda AUTORIZZAZIONE N.: PIANO DI GESTIONE OPERATIVA PROCEDURE DI AMMISSIONE DEI RIFIUTI REVISIONE: DATA: 15.09. 61100 Pesaro, Via Gramsci,7 tel. 0721 359.752 fax 0721 33781 e-mail: internet. www.provincia.ps.it Nome e logo azienda Sede legale: Sede Discarica: IMPIANTO: DISCARICA CATEGORIA: discarica per rifiuti

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE 1 INTRODUZIONE Il sistema registro di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti

Dettagli

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI SI DESCRIZIONE LIMITI CE DESCRIZIONE LIMITI CE 1 Esplosivo sostanze e preparati che possono esplodere per effetto della fiamma o che sono sensibili

Dettagli

L'ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

L'ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Tributi L'ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI La tassa rifiuti doveva coprire il costo del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni (ossia dei rifiuti provenienti da locali

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

Criteri e Metodologie per la classificazione dei rifiuti e per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani.

Criteri e Metodologie per la classificazione dei rifiuti e per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani. Criteri e Metodologie per la classificazione dei rifiuti e per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani. ART. 1 DEFINIZIONI GENERALI 1. Ai sensi dell art. 184, comma 2 del D.Lgs 152/06 sono

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 63 del 29.09.1995 Integrato con deliberazione del Consiglio Comunale n.39

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

COMUNE di FERMIGNANO Provincia di Pesaro e Urbino. *** COPIA *** N.021 DEL 29.03.2007 Codice Comune 41014

COMUNE di FERMIGNANO Provincia di Pesaro e Urbino. *** COPIA *** N.021 DEL 29.03.2007 Codice Comune 41014 COMUNE di FERMIGNANO Provincia di Pesaro e Urbino *** COPIA *** N.021 DEL 29.03.2007 Codice Comune 41014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE ELENCO DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI AMBITO DI RACCOLTA OTTIMALE (ARO) N. 2 DELLA PROVINCIA DI BARI (Comuni di Binetto, Bitetto, Bitritto, Giovinazzo, Modugno, Palo del Colle, Sannicandro di Bari) PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

Rifiuti: classificazione

Rifiuti: classificazione Rifiuti: classificazione Con il termine rifiuto si definisce qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l'intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi. Tale definizione è contenuta

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

COMUNE DI MASCALUCIA

COMUNE DI MASCALUCIA COMUNE DI MASCALUCIA DISCIPLINARE D ACCESSO AL CENTRO DI RACCOLTA, MODALITA DI CONFERIMENTO E CRITERI PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE. ART. 1 OGGETTO Con la presente si disciplina l accesso al Centro Comunale

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Ufficio Ecologia: tel. 0399235220 Ufficio Tributi: tel. 039-9235203 PROT, Lì, Alla c.a. UFFICI ECOLOGIA TRIBUTI ISTANZA CONTENENTE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (art.

Dettagli

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti NORMATIVE La legge nr. 22 del 05/02/1997, nota come "Decreto Ronchi" è un decreto attuativo alle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/9262/CEE relativa agli imballaggi

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI PREMESSA 1. Il D.lgs. n.

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI PREMESSA 1. Il D.lgs. n. REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI PREMESSA 1. Il D.lgs. n. 4/2008 aveva modificato l art. 195, comma 2, lett. e), del D.lgs.

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI REGISTRI CARICO E SCARICO RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI REGISTRI CARICO E SCARICO RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI REGISTRI CARICO E SCARICO RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez Districarsi nel complicato mondo delle norme che regolano la gestione dei rifiuti

Dettagli

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Dr.ssa Micaela Utili Confapi Ravenna Verona 21 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani -assimilabili -pericolosi

REGOLAMENTO per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani -assimilabili -pericolosi REGOLAMENTO per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani -assimilabili -pericolosi SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1- Oggetto del regolamento Art. 2 Principi generali e

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. MODULO 1/11 Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo Spett.le RAP S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO.

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

REGOLAMENTO ASSIMILAZIONE RIFIUTI SPECIALI AI RR.SS.UU. PORTO DI CIVITAVECCHIA

REGOLAMENTO ASSIMILAZIONE RIFIUTI SPECIALI AI RR.SS.UU. PORTO DI CIVITAVECCHIA REGOLAMENTO ASSIMILAZIONE RIFIUTI SPECIALI AI RR.SS.UU. PORTO DI CIVITAVECCHIA (parte IV del D.lgs. 03.04.2006 n.152) Approvato dal Comitato Portuale dell Ente con Delibera del 17.10.2011 n.25 Adottato

Dettagli

Presentazione alla CCIA I A

Presentazione alla CCIA I A Presentazione alla CCIAA 1 Compilazione Produttori Chi Cosa Come Produttori iniziali che, nella propria Unità Locale, producono non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative:

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative: Allegato CRITERI E PROCEDURE PER AMMISSIBILITA DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI IN DISCARICHE PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DAL 01/07/2009 AI SENSI DEL DM 3 AGOSTO 2005 Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Primo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ;

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; IL RETTORE DECRETO RETTORALE NR. 81/2015 il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; il Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 Disposizioni di attuazione della direttiva

Dettagli

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11

Dettagli

GUIDA ALLA NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DI CARICO E SCARICO RIFIUTI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI

GUIDA ALLA NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DI CARICO E SCARICO RIFIUTI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI GUIDA ALLA NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DI CARICO E SCARICO RIFIUTI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI Ufficio Ambiente CCIAA Pistoia Introduzione Il sistema registro di carico

Dettagli

Provincia di Sondrio REGOLAMENTO CENTRI DI RACCOLTA COMUNALI. Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Provincia di Sondrio REGOLAMENTO CENTRI DI RACCOLTA COMUNALI. Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 18.02.2011 COMUNE DI VALDIDENTRO Provincia di Sondrio REGOLAMENTO CENTRI DI RACCOLTA COMUNALI Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. I Centri di Raccolta

Dettagli