COMUNE DI GENZANO DI LUCANIA (Prov. di Potenza)

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GENZANO DI LUCANIA (Prov. di Potenza)"

Transcript

1 COMUNE DI GENZANO DI LUCANIA (Prov. di Potenza) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO (approvato con deliberazione della G.C. n.33 del 29 maggio 2014) (modificato deliberazione della G.C. n.43 del 24 giugno 2014)

2 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO ART. 1: Definizione orario di servizio, di apertura al pubblico, di lavoro a) Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare la funzionalità delle strutture; b) Per orario di apertura al pubblico si intende il periodo di tempo giornaliero che, nell ambito dell orario di servizio, costituisce fascia oraria, ovvero le fasce orarie, di accesso ai servizi da parte dell utenza; c) Per orario di lavoro si intende il periodo di tempo giornaliero durante il quale, in conformità dell orario d obbligo contrattuale ciascun dipendente assicura la prestazione lavorativa nell ambito dell orario di servizio. L osservanza dell orario di lavoro costituisce un obbligo dei dipendenti, quale elemento essenziale della prestazione retribuita dal Comune. ART. 2: Orario di lavoro 1. L'orario di lavoro del personale dei servizi interni del Comune di Genzano di Lucania è articolato su 5 giornate lavorative settimanali con 2 rientri pomeridiani da effettuarsi nelle giornate di martedì e giovedì per complessive 36 ore settimanali. 2. L orario di lavoro dei servizi esterni è così articolato: a) Polizia Municipale: su 6 giorni lavorativi con articolazione oraria antimeridiana e pomeridiana per complessive 36 ore settimanali; b) Servizio trasporto scolastico: su 6 giorni lavorativi con orario spezzato; PERSONALE SERVIZI INTERNI ART. 3: Orario di lavoro ordinario servizi interni 1. L'orario di lavoro ordinario per il personale addetto ai servizi interni è il seguente: Antimeridiano Lunedì 8,00-14,00 Martedì 8,00-14,00 Mercoledì 8,00-14,00 Giovedì 8,00-14,00 Venerdì 8,00-14,00 Pomeridiano 15,30-18,30 15,30-18,30 ART. 4: Orario di apertura al pubblico 1. L'orario di sportello e di accesso del pubblico dell Ufficio Anagrafe e Stato Civile sarà articolato come segue: dalle ore 09,00 alle ore 12,30 - orario antimeridiano dalle ore 16,00 alle ore 17,30 - orario pomeridiano (martedì e giovedì) 2. L'orario di sportello e di accesso del pubblico dell Ufficio Tributi sarà articolato come segue: dalle ore 10,00 alle ore 12,00 - orario antimeridiano (lunedì e mercoledì) dalle ore 16,00 alle ore 17,30 del giovedì. 3. L'orario di sportello e di accesso del pubblico all Ufficio Tecnico sarà, di norma, articolato come segue: Dalle ore 10,00 alle ore 12,30 lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 17,00 alle ore 18,30 del giovedì

3 ART. 5: Servizi da espletarsi fuori dalla sede comunale 1. L'uscita per servizi da espletarsi fuori dalla sede comunale (es. servizi presso altri Enti, sopralluoghi ecc.) ed il relativo rientro dovranno essere registrati mediante timbratura con la tessera magnetica. ART. 6: Fascia di tolleranza Flessibilita 1. L orario di lavoro è funzionale all orario di servizio e di apertura al pubblico degli uffici, e in relazione a questo è consentita per il solo personale interno una fascia di tolleranza nel lavoro giornaliero che consiste nell anticipare o posticipare l entrata e l uscita del personale, fermo restando il rispetto delle complessive 6 (sei) ore giornaliere e 9 (nove) ore complessive nei giorni di rientro. 2. La fascia di tolleranza dell orario di lavoro è pari a trenta minuti giornalieri. Essa può essere usufruita, senza bisogno di richiesta alcuna, solo ed esclusivamente per posticipare, fino a trenta minuti, l entrata mattutina (dalle 8,00 alle 8,30) che si protrarrà obbligatoriamente per un eguale numero di minuti dell orario di lavoro giornaliero, ed anticipare, fino a trenta minuti l entrata pomeridiana (dalle 15,00 alle 15,30). 3. La fascia di tolleranza non è utilizzabile per anticipare l entrata mattutina e posticipare l uscita pomeridiana e, ancorché rilevato dai dispositivi elettronici, l orario anticipato o posticipato oltre la flessibilità non è calcolato ai fini del computo giornaliero delle ore lavorate. 4. In presenza di particolari esigenze dovute a documentata necessità di assistenza e cura nei confronti di disabili, anziani, minori e su richiesta del personale interessato potranno essere definite, in accordo con le organizzazioni sindacali, forme di flessibilità orarie per periodi di tempo limitati. PERSONALE SERVIZI ESTERNI ART. 7: Orario di lavoro ordinario: Polizia Municipale a) L'orario di lavoro ordinario per il personale della Polizia Municipale, con rotazione mensile in articolazione oraria antimeridiana e pomeridiana per le unità in servizio, è il seguente: Antimeridiano Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Pomeridiano Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato b) L'Amministrazione Comunale, in particolari periodi dell'anno e per una migliore organizzazione del servizio, potrà modulare l'orario in modo tale da assicurare una diversa distribuzione tra orario antimeridiano e pomeridiano nonché per rendere operativo quanto disciplinato dal successivo art.11, per le motivazioni da esso previste. ART. 8: Orario di lavoro ordinario: Servizio cimiteriale 1. L'orario di lavoro ordinario per il personale addetto al servizio di custodia e manutenzione del cimitero è il seguente:

4 PERIODO INVERNALE (1 settembre 31 maggio) Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato DOMENICA E FESTIVI INFRASETTIMANALI 8,00-12,00 14,30 16,30 PERIODO ESTIVO (1 giugno 31 agosto) Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato DOMENICA E FESTIVI INFRASETTIMANALI 8,00 12,00 16,00 18,00 Il lunedì il Cimitero rimarrà chiuso al pubblico. 1. Il Responsabile dell Area interessata, in particolari periodi dell'anno e con provvedimento motivato, potrà variare l'orario di cui al precedente comma. ART. 9: Orario di lavoro ordinario autisti: servizio assistenza scolastica (autisti scuolabus) L'orario di lavoro ordinario per gli autisti dello scuolabus, fermo restando il rispetto delle complessive 36 ore settimanali è articolato su più fasce orarie, che saranno determinate dal Responsabile dell Area interessata, compatibili con l orario scolastico degli alunni che usufruiscono del servizio. L orario di lavoro ordinario per gli autisti impegnati nella guida di automezzi adibiti alle attività manutentive sarà quello previsto per il relativo servizio come stabilito nel successivo art. 10. Art. 10: Orario di lavoro ordinario servizio manutenzione patrimonio PERIODO INVERNALE (1 settembre 31 maggio) Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato 7,00-13,00 PERIODO ESTIVO (1 giugno 31 agosto) Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato 6,00-12,00 ART. 11: Orario plurisettimanale 1. La programmazione dell orario plurisettimanale del lavoro viene effettuata in relazione a prevedibili periodi nei quali si rileva un esigenza di maggiore intensità delle attività o particolari esigenze di servizio di determinati uffici e servizi, al fine di limitare il ricorso a prestazioni di lavoro straordinario. 2. Ai fini dell adozione dell orario di lavoro plurisettimanale devono essere osservati i seguenti criteri: a. il limite massimo del lavoro ordinario è di 44 ore settimanali; b. al fine di garantire il rispetto delle 36 ore medie settimanali, i periodi di maggiore e minore concentrazione dell orario devono essere individuati contestualmente di anno in anno e, di norma, rispettivamente non possono superare le 13 settimane. 3. Le forme di recupero, nei periodi di minor carico di lavoro, possono essere attuate sia mediante riduzione giornaliera dell orario di lavoro ordinario sia attraverso la riduzione del numero di giornate lavorative. 4. Il Responsabile di Area, nella programmazione dell orario di lavoro plurisettimanale deve garantire la presenza in servizio di personale, sia numericamente che per tipologia, in grado di fornire un servizio efficace

5 ed efficiente all utenza esterna, durante gli orari di apertura al pubblico, ed interna con livelli ottimali di prestazioni, funzionali al miglioramento dei servizi e degli orari resi flessibili 5. Al fine del completo monitoraggio e delle verifica dell orario plurisettimanale, fa fede la registrazione giornaliera ed il controllo automatizzato delle presenze. DISPOSIZIONI COMUNI ART. 12: Utilizzazione delle tessere magnetiche e dei terminali marcatempo 1. La presenza in servizio va attestata registrando l'orario di entrata e quello di uscita a mezzo della tessera magnetica, di cui ogni dipendente è in possesso, presso il terminale marcatempo (lettore di badge magnetico) installato nella sede comunale. 2. La tessera è strettamente personale, va custodita con cura e deve essere portata con sé dal dipendente per tutta la durata della prestazione lavorativa. 3. Il dipendente che consegna la propria tessera ad altra persona è perseguibile secondo quanto previsto dalle norme vigenti, fatta salva l'azione penale. Analogamente è perseguibile chiunque registri la presenza per conto di altri dipendenti. 4. In caso di smarrimento della tessera magnetica è dovere del dipendente procedere alla denuncia all'autorità competente e, quindi, richiederne immediatamente il rilascio di una nuova tessera magnetica al Responsabile del Servizio personale. 5. Nel caso di deterioramento della tessera magnetica è dovere del dipendente richiederne immediatamente la sostituzione al Responsabile del Servizio personale previa consegna di quella deteriorata. 6. L'eventuale omessa timbratura, in via del tutto eccezionale, dovrà essere giustificata mediante dichiarazione dell'interessato vistata dal Responsabile. 7. In caso di mancato funzionamento dei lettori magnetici segnatempo, la rilevazione degli orari di lavoro in entrata ed in uscita dovrà essere effettuata su appositi cartellini di presenza opportunamente predisposti dal Servizio Personale. ART. 13: Ritardi 1. Sarà considerato ritardo l entrata in servizio oltre i limiti di orario previsti nei precedenti articoli, sia nell ambito dell eventuale fascia di flessibilità, qualora non recuperato nella stessa giornata e sia oltre tale ambito. 2. I ritardi complessivamente non superiori alle 6 ore mensili formeranno oggetto di recupero, secondo le modalità indicate nel successivo articolo 19; i ritardi superiori alle 6 ore mensili non sono recuperabili ed il tempo eccedente alle 6 ore formerà oggetto di trattenuta sulla retribuzione stipendiale in via automatica, fatte salve le eventuali sanzioni disciplinari che dovessero derivare per l abitudinarietà del ritardo senza motivazioni. ART. 14: Permessi 1. Potranno essere concessi dal Responsabile di Area brevi permessi recuperabili, per esigenze personali, tenuto conto comunque del buon andamento degli uffici, soprattutto negli orari di apertura al pubblico. Detti permessi non potranno superare la metà delle ore dell intera giornata lavorativa e le trentasei ore nell anno; 2. L uscita ed il rientro relativi ai permessi suindicati devono registrarsi mediante le tessere magnetiche; 3. In ogni caso i permessi vanno autorizzati dal Responsabile di Area. La richiesta dovrà contenere il nominativo del dipendente, la data e gli orari di inizio e di termine del permesso, la firma del dipendente e del Responsabile di Area; 4. I Responsabili di Area fruiranno dei permessi brevi su autonoma valutazione e comunque previa registrazione dell uscita e del rientro mediante la tessera magnetica, utilizzando codici diversificativi per motivi di servizio o per motivi personali.

6 ART. 15: Permessi per testimonianza in tribunale 1. Qualora il dipendente sia chiamato a testimoniare in Tribunale ha diritto ad usufruire di un giorno di permesso retribuito ai sensi dell articolo 19, comma 2,del CCNL ; 2. Tale diritto non spetta al dipendente che sia parte attrice nel procedimento giudiziario; 3. Nel caso in cui il dipendente sia chiamato a testimoniare in procedimenti giudiziari in cui è parte o è coinvolta comunque l Amministrazione Comunale, il tempo trascorso in Tribunale per rendere la testimonianza dovrà considerarsi orario di lavoro. ART. 16: Attivita fuori sede 1. L uscita per servizio ed il relativo rientro, durante l orario di lavoro va registrata mediante timbratura con tessera magnetica. Se l attività di servizio è prestata fuori dal Comune di Genzano e non è possibile effettuare la timbratura, il dipendente dovrà essere autorizzata per iscritto dal Responsabile di Area, il quale darà comunicazione al Responsabile del Personale dell orario di lavoro svolto nella giornata dal dipendente. ART. 17: Ferie 1. I dipendenti hanno diritto al numero di giorni di ferie contrattualmente previsto, da usufruire per almeno due settimane continuative nell anno in cui sono maturate e da esaurire nei diciotto mesi successivi secondo la normativa vigente; 2. Le richieste di congedo ordinario, fino a 5 giorni, autorizzate dal Responsabile di Area, devono essere trasmesse al Servizio del Personale, tre giorni prima dell inizio del periodo di assenza; 3. La eventuale richiesta di congedo, per motivi di urgenza, va comunque comunicata telefonicamente entro trenta minuti dall inizio dell orario di lavoro giornaliero al Responsabile dell ufficio di appartenenza, che provvederà a darne immediata comunicazione all Ufficio del Personale. In ogni caso dovrà essere formalizzata la richiesta di congedo entro il giorno successivo. 4. Le richieste di congedo ordinario dovranno essere redatte sugli appositi modelli indicando il nominativo del dipendente, ed il periodo di congedo richiesto. ART. 18: Assenze per malattia 1. Per consentire la giustificazione dell eventuale assenza per malattia il dipendente dovrà comunicare telefonicamente al Responsabile dell Ufficio di Appartenenza, di norma entro 30 minuti dall inizio dell orario di lavoro giornaliero, l impossibilità di assumere servizio. 2. Il Responsabile di Area deve comunicare all Ufficio del Personale entro le ore 9.30 i nominativi dei dipendenti assenti per malattia, al fine di attivare la visita medica di controllo. 3. Il dipendente che per motivi di salute dovrà cessare dal servizio prima del normale completamento dell orario di lavoro, in caso di presentazione di certificazione medica anche per il giorno di uscita, nei termini previsti dal CCNL, si vedrà riconosciuta come malattia l intera giornata di lavoro e le ore di servizio presentate non saranno in alcun modo computabili. ART. 19: Recuperi 1. I periodi di assenza per ritardi e/o permessi brevi dovranno essere recuperati improrogabilmente entro il mese successivo a quello in cui si sono verificati, il primo ed il secondo lunedì dalle ore 15,00 alle ore 18, In via eccezionale e previa autorizzazione del Responsabile di Area, le ore di ritardo potranno essere recuperate in giorno diverso da quelli indicati al comma 1 e comunque entro i primi 15 giorni. 3. Eventuali recuperi effettuati in contrasto con quanto previsto nei precedenti commi, non saranno ritenuti validi. 4. Il periodo di recupero dovrà in ogni caso essere registrato mediante l utilizzo della tessera magnetica digitando l apposito codice di ingresso. 5. I periodi di assenza dovuti a ritardi o a permessi brevi non recuperati nel termine su indicato saranno detratti dalle competenze mensili del mese successivo alla verifica; il reiterato ritardo costituisce premessa per procedimento disciplinare, fatta salva l eventuale azione penale.

7 ART. 20: Buoni pasto 1. In base all articolo 39 del CCNL l Amministrazione Comunale, non potendo istituire il servizio di mensa per il Personale dipendente, attribuisce il buono pasto a coloro che dopo aver reso la propria prestazione lavorativa al mattino,proseguono nel pomeriggio. 2. I dipendenti possono usufruire del buono pasto nel caso in cui tra l orario di lavoro e quello del pomeriggio, facciano una pausa non inferiore a trenta minuti e non superiore a 90 minuti, e prestino servizio nel pomeriggio per almeno due ore. 3. Nel caso in cui il dipendente non registri la pausa di almeno 30 minuti e non provveda a regolarizzare con giustificativo firmato dal Responsabile di Area, perde il diritto al buono pasto. ART. 21: Straordinario 1. Le prestazioni di lavoro straordinario sono volte a fronteggiare situazioni di lavoro eccezionali e pertanto non possono essere utilizzate come fattore ordinario di programmazione del tempo di lavoro. 2. Per straordinario si intende ogni periodo lavorato non ricompreso nella fascia oraria della flessibilità e deve essere di almeno 30 minuti continuativi. 3. Tutte le ore lavorate al di fuori della flessibilità e non autorizzate vengono azzerate alla fine del mese di lavoro. 4. Una prestazione lavorativa straordinaria può essere autorizzata dal Responsabile di Area solo se esiste il budget per la copertura della spesa e la relativa determinazione di impegno della spesa, salvo espressa richiesta del dipendente e previo assenso del Responsabile di Area, di fruire di riposo compensativo per un numero di ore pari a quelle prestate come lavoro straordinario. 5. Il Settore Finanziario, provvede alla liquidazione delle prestazioni sulla scorta di comunicazione trasmessa dal Responsabile del Settore e previo accertamento da parte dell ufficio personale della corrispondenza dei dati di presenza in servizio, come risultante dal sistema automatizzato di rilevazione presenze e nel limite del fondo assegnato ad ogni singolo Settore. 6. Le ore di straordinario rese sono sempre arrotondate ai 15 inferiori (uno straordinario di 55 viene riconosciuto come 45 ). 7. Per quant altro non disciplinato in materia di lavoro straordinario si rinvia ai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro nel tempo vigenti ed alla disciplina integrativa. ART. 22: Osservanza, verifiche e controlli: responsabilità 1. L'osservanza dell'orario di lavoro costituisce un obbligo di tutti i dipendenti, prescindendo dalla categoria di appartenenza, quale elemento essenziale della prestazione retribuita dalla Pubblica Amministrazione. 2. I Responsabili sono tenuti al controllo dell'osservanza dell'orario di lavoro da parte del personale dipendente assegnato all area sotto il profilo penale, disciplinare e contabile. 3. L orario minimo di lavoro dei Responsabili rimane disciplinato dall art. 8 del Regolamento dell Area delle P.O. 4. Mensilmente, a cura del Servizio Personale, sarà inviato ai Responsabili di Area e ai singoli dipendenti il prospetto riepilogativo dell'orario di lavoro effettuato da ciascun dipendente dell area, nonché degli eventuali recuperi da effettuare e delle eventuali prestazioni, autorizzate, rese per lavoro straordinario. 5. Le prestazioni lavorative eccedenti le 36 ore mensili (lavoro straordinario) saranno ritenute valide solo se autorizzate preventivamente dal Responsabile di Area. In mancanza di tale autorizzazione non si darà luogo né alla liquidazione del relativo compenso orario né sarà possibile fruire di riposo compensativo e/o recupero delle ore lavorative prestate. 6. Il Servizio personale è tenuto a comunicare ad ogni Responsabile di Area ogni eventuale anomalia nella registrazione della presenza da parte dei dipendenti della loro Area. Eventuali comunicazioni, diffide o provvedimenti a carico del dipendente resteranno di competenza esclusiva del Responsabile di Area. DISPOSIZIONI FINALI ART. 23: Norma transitoria Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento, si rinvia alle disposizioni contenute nel C.C.N.L. di categoria nonché al C.C.D.I. vigente.

8 ART. 25: Entrata in vigore Il presente Regolamento entra in vigore il giorno 01 giugno

9 I N D I C E ART. 1: Definizione orario di servizio, di apertura al pubblico, di lavoro ART. 2: Orario di lavoro PERSONALE SERVIZI INTERNI ART. 3: Orario di lavoro ordinario servizi interni ART. 4: Orario di apertura al pubblico ART. 5: Servizi da espletarsi fuori dalla sede comunale ART. 6: Fascia di tolleranza-flessibilità PERSONALE SERVIZI ESTERNI ART. 7: Orario di lavoro ordinario: Polizia Municipale ART. 8: Orario di lavoro ordinario: Servizio cimiteriale ART. 9: Orario di lavoro ordinario: servizio assistenza scolastica (autisti scuolabus) ART. 10: Orario di lavoro ordinario: servizio manutenzione patrimonio ART. 11: Orario plurisettimanale DISPOSIZIONI COMUNI ART. 12: Utilizzazione delle tessere magnetiche e dei terminali marcatempo ART. 13: Ritardi ART. 14: Permessi ART. 15: Permessi per testimonianza in Tribunale ART. 16: Attività fuori sede ART. 17: Ferie ART. 18: Assenze per malattia ART. 19: Recuperi ART. 20: Buoni pasto ART. 21: Straordinario ART. 22: Osservanza, verifiche e controlli:responsabilità DISPOSIZIONI FINALI ART. 23: Norma transitoria ART. 24: Interpretazione autentica ART. 25: Entrata in vigore

10 Il Segretario Comunale F.TO Dott.ssa Maria PALMA Il Sindaco F.TO Prof. Rocco CANCELLARA Il sottoscritto Segretario Comunale visti gli atti d'ufficio, A T T E S T A che la presente deliberazione e' stata pubblicata in data odierna, per rimanervi per 15 gg. consecutivi nel sito web di questo Comune (Albo Pretorio on line)accessibile al pubblico (art. 32, comma 1, della legge , n. 69). che è stata comunicata con lettera n. 19 in data odierna ai capigruppo consiliari (art.126, comma 1 del D.Lgs. 267\2000); È COPIA CONFORME ALL ORIGINALE Genzano di Lucania Il Segretario comunale Dott.ssa Maria PALMA La presente deliberazione è divenuta esecutiva per X dichiarazione di immediata eseguibilità (art.134, comma 4 D.Lgs. 267/2000) decorrenza 10 gg. dalla pubblicazione (art.134, comma 4 D.Lgs. 267/2000) Il Segretario comunale F.to Dott.ssa Maria PALMA...

11

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO .. COMUNE DI MONTALBANO JONICO PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con Delibera di G.C. n. 69 del 31.03.2009 Indice: ART. 1: Orario di servizio. 3 Titolo

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 39 dell 8 aprile 2015 Allegato sub A alla deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI CAPRANICA PRENESTINA

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI CAPRANICA PRENESTINA REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI CAPRANICA PRENESTINA Approvato con deliberazione G.M. n. 79 del 27.10.2010 Articolo 1: Orario di servizio. L orario

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro

Regolamento comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro Regolamento comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 L orario di servizio Art. 3 L orario di apertura al pubblico Art. 4 - L'orario di lavoro ordinario

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARINA

COMUNE DI SANTA MARINA COMUNE DI SANTA MARINA Provincia di Salerno REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI Approvato con Deliberazione della Giunta

Dettagli

CITTA DI SALA CONSILINA

CITTA DI SALA CONSILINA CITTA DI SALA CONSILINA ( Provincia di Salerno ) Via Mezzacapo, n. 44 - c.a.p. 84036 sito istituzionale http://www.salaconsilina.gov.it - p.e.c. protocollo.salaconsilina@asmepec.it centralino Tel. 0975

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO Provincia di Treviso

COMUNE DI VEDELAGO Provincia di Treviso COMUNE DI VEDELAGO Provincia di Treviso Settore Economico Finanziario Servizio Personale DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Determinazione R.G. n. 379 in data 8 novembre 2013) INDICE Art. 1 Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (delibera della G.C. n. 16 del )

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (delibera della G.C. n. 16 del ) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (delibera della G.C. n. 16 del 09.03.2016) INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag. 3 Art. 2 L ORARIO DI SERVIZIO pag. 3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI Approvato con Deliberazione della

Dettagli

COMUNE DI MAZARA DEL VALLO

COMUNE DI MAZARA DEL VALLO Repubblica Italiana COMUNE DI MAZARA DEL VALLO NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DELLA BANCA ORE. Approvato con deliberazione di G.M. n.7 del 14.01.2012.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA E DEI BUONI PASTO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA E DEI BUONI PASTO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA E DEI BUONI PASTO ART. 1 - PRINCIPI GENERALI La normativa contrattuale vigente in materia del servizio mensa e dei buoni pasto per i dipendenti è contenuta negli art. 45

Dettagli

Comune di Subiaco REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

Comune di Subiaco REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Comune di Subiaco REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con Deliberazione di GIUNTA COMUNALE n. 74 del 24.05.2012 INDICE CAPO I DISCIPLINA DELL ORARIO DI

Dettagli

COMUNE DI CASTEL MADAMA Provincia di Roma

COMUNE DI CASTEL MADAMA Provincia di Roma COMUNE DI CASTEL MADAMA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO DEGLI UFFICI COMUNALI E NORME REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONTROLLO

Dettagli

COMUNE DI CAROVILLI. ( Provincia di ISERNIA ) via Costa Ospedale n 1 cap. 86083 C.F. e P.I. 00070170949

COMUNE DI CAROVILLI. ( Provincia di ISERNIA ) via Costa Ospedale n 1 cap. 86083 C.F. e P.I. 00070170949 COMUNE DI CAROVILLI ( Provincia di ISERNIA ) via Costa Ospedale n 1 cap. 86083 C.F. e P.I. 00070170949 via Costa Ospedale n 1 - Tel. 0865-838400 - Fax 0865-838405 - e-mail: comune@carovilli.info ORARIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO Articolo 1 - Principi generali L'orario di servizio del personale dipendente del Comune di Filetto è fissato in trentasei ore

Dettagli

COMUNE DI SIURGUS DONIGALA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SIURGUS DONIGALA Provincia di Cagliari COMUNE DI SIURGUS DONIGALA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI RAPOLANO TERME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI RAPOLANO TERME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI RAPOLANO TERME Articolo 1 - Definizioni 1. Per Orario di servizio si intende il periodo di tempo

Dettagli

La Delegazione di parte pubblica è presieduta da. VISTO l art. 19 del CCNL Comparto Ministeri, per il quadriennio ;

La Delegazione di parte pubblica è presieduta da. VISTO l art. 19 del CCNL Comparto Ministeri, per il quadriennio ; BOZZA ACCORDO DECENTRATO SULLE MODALITA DI ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE CIVILE DELL INTERNO E DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IN SERVIZIO PRESSO IL DIPARTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI VAL MASINO PROVINCIA DI SONDRIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VAL MASINO PROVINCIA DI SONDRIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VAL MASINO PROVINCIA DI SONDRIO ------------------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 del Reg. Delib. OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI

Dettagli

Modificato con deliberazione del GC n. 66 del 03/04/2008.

Modificato con deliberazione del GC n. 66 del 03/04/2008. COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del GC n. 4 del 12/01/2000. Modificato con deliberazione del GC n. 39 del 21/02/2001. Modificato con deliberazione del GC n. 1

Dettagli

Bozza di Accordo Decentrato su orario di lavoro

Bozza di Accordo Decentrato su orario di lavoro Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Regionale Lombardia Bozza di Accordo Decentrato su orario di lavoro Sottoscritto il a Milano In data.. le delegazioni sottoscrivono il seguente accordo decentrato

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO Provincia di Palermo

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO Provincia di Palermo COMUNE DI PALAZZO ADRIANO Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 146 DEL 26.11.2013 REGOLAMENTO AFFISSO ALL ALBO PRETORIO DAL 28.11.2013

Dettagli

ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA

ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provincia de Aristanis Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n 273 del 30.12.2010 Pubblicato dal 24.01.2011 al 08.02.2011 ISTITUZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN SAVINO (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI MONTE SAN SAVINO (Provincia di Arezzo) COMUNE DI MONTE SAN SAVINO (Provincia di Arezzo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Articolo 1 Definizioni 1. Per Orario

Dettagli

Il nostro VADEMECUM. Breve guida al rapporto di lavoro per i dipendenti del. Dipartimento Risorse Umane. Dipartimento Risorse Umane

Il nostro VADEMECUM. Breve guida al rapporto di lavoro per i dipendenti del. Dipartimento Risorse Umane. Dipartimento Risorse Umane Dipartimento Risorse Umane Unità di Direzione Coordinamento servizi di autofunzionamento e d supporto, DPS Monitoraggio processi di dematerializzazione e pubblicazione sul sito istituzionale Ufficio del

Dettagli

Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro

Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 32 del 13.12.2010 Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro Indice

Dettagli

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 212 del 29/07/2010. Modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CASORIA (Provincia di Napoli)

COMUNE DI CASORIA (Provincia di Napoli) COMUNE DI CASORIA (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

COMUNE DI SAN FERDINANDO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI SAN FERDINANDO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI SAN FERDINANDO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO, DELLE FERIE, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI MOLOCHIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI MOLOCHIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI MOLOCHIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL BUONO PASTO SOSTITUTIVO DEL SERVIZIO MENSA Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 85 del 20/12/2016 Indice:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO COMUNE DI PIETRAPAOLA (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 42 del 29/08/2016 Pubblicato all

Dettagli

CITTA DI MIGGIANO Provincia di LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

CITTA DI MIGGIANO Provincia di LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO CITTA DI MIGGIANO Provincia di LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico

Dettagli

Regolamento per la Disciplina dell Orario di Lavoro e di Servizio del Personale del Comune di Pretoro

Regolamento per la Disciplina dell Orario di Lavoro e di Servizio del Personale del Comune di Pretoro COMUNE DI PRETORO (Provincia di Chieti) 66010 PRETORO (CH), Via dei Mulini n. 3/A Tel e fax 0871/898001 Mail: info@comune.pretoro.ch.it PEC: comunepretoro@pec.it Regolamento per la Disciplina dell Orario

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI E SERVIZI DELL ENTE Approvato con delibera di Giunta Municipale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico ACCORDO QUADRO SULL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO La DELEGAZIONE DI PARTE PUBBLICA e le ORGANIZZAZIONI SINDACALI, considerata la necessità di adottare una disciplina

Dettagli

Comune di San Giorgio di Pesaro REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

Comune di San Giorgio di Pesaro REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO Comune di San Giorgio di Pesaro REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento, adottato con le capacità e i poteri del privato datore di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIBOCCHI Provincia di Arezzo. Regolamento per la disciplina dei buoni pasto sostitutivi del servizio mensa

COMUNE DI CASTIGLION FIBOCCHI Provincia di Arezzo. Regolamento per la disciplina dei buoni pasto sostitutivi del servizio mensa COMUNE DI CASTIGLION FIBOCCHI Provincia di Arezzo Regolamento per la disciplina dei buoni pasto sostitutivi del servizio mensa approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 43 del 08/10/2014 modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N.34 DEL 28 MARZO 2014 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 NORME DI

Dettagli

Comune di Civitella del Tronto. Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale.

Comune di Civitella del Tronto. Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Comune di Civitella del Tronto Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Deliberazione di G.C. n 22 del 20/03/2012 Art. 1 Principi generali 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

COMUNE DI CONSELICE (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI CONSELICE (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO COMUNE DI CONSELICE (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO Ingressi anticipati Non vengono conteggiati al fine del dovuto giornaliero le presenze anticipate rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Allegato A) alla deliberazione di Giunta n. 20 del 29/03/2012 Il segretario Dott. Angelo Rossi REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE

Dettagli

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Città di Salve Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 5 del 21 /01/2014 Indice: ART. 1: Orario di servizio Titolo

Dettagli

Repubblica Italiana CITTÀ DI MAZARA DEL VALLO

Repubblica Italiana CITTÀ DI MAZARA DEL VALLO Repubblica Italiana CITTÀ DI MAZARA DEL VALLO 2 SETTORE GESTIONE DELLE RISORSE SERVIZIO PROVVEDITORATO UFFICIO MEPA/CONSIP DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 51 del 10/03/2015 OGGETTO: Assunzione impegno

Dettagli

ALLEGATO 1 DURATA E ARTICOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA A TEMPO PARZIALE

ALLEGATO 1 DURATA E ARTICOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA A TEMPO PARZIALE DISCIPLINARE DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE PER IL PERSONALE REGIONALE DELLE CATEGORIE PROFESSIONALI ALLEGATO 1 DURATA E ARTICOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA A TEMPO PARZIALE DISPOSIZIONI

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

COMUNE DI MONTECRESTESE

COMUNE DI MONTECRESTESE COMUNE DI MONTECRESTESE Provincia del Verbano Cusio Ossola DELIBERAZIONE N. 14 DEL 02.02.2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ISTITUZIONE BUONO PASTO SOSTITUTIVO DEL SERVIZIO MENSA

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEI PERMESSI E DELLE FERIE DEL PERSONALE COMUNALE

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEI PERMESSI E DELLE FERIE DEL PERSONALE COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEI PERMESSI E DELLE FERIE DEL PERSONALE COMUNALE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 46 del 31/3/2016 Modificato con delibera di Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI USSARAMANNA

COMUNE DI USSARAMANNA COPIA COMUNE DI USSARAMANNA PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N 107/2015 OGGETTO: DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DELL'ORARIO DI LAVORO. L'anno Duemilaquindici,

Dettagli

Città di Avezzano. Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Deliberazione di G.C. n 33 del

Città di Avezzano. Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Deliberazione di G.C. n 33 del Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. Deliberazione di G.C. n 33 del 07.02.2006 MENSA AI DIPENDENTI.doc 1 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Definizione

Dettagli

Articolo 1 FLESSIBILITA

Articolo 1 FLESSIBILITA Articolo 1 FLESSIBILITA 1. Il personale a tempo parziale a far data dell entrata in vigore della presente circolare può usufruire della stessa flessibilità del personale a tempo pieno, rispetto all orario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI COLORNO Prroviinciia dii Parrma REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE S:\1 Settore\SEGRETERIA\REGOLAMENTI\regolamenti albo\2012\regolamento

Dettagli

COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto) COPIA COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto) Verbale di deliberazione GIUNTA MUNICIPALE Delibera n. 64 del 23/10/2014 Oggetto: MODIFICA E INTEGRAZIONE DELIBERA DI G.C. N. 42 DEL 20.09.2014. L anno

Dettagli

COMUNE DI CODIGORO PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA DEL COMUNE DI CODIGORO

COMUNE DI CODIGORO PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA DEL COMUNE DI CODIGORO COMUNE DI CODIGORO PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA DEL COMUNE DI CODIGORO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 290 del 31/12/2010 Divenuta

Dettagli

COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI

COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NUM. 14 DEL 06-02-2014 COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO 06-02-2014 CODICE ENTE 11272 Oggetto: BUONI PASTI

Dettagli

Regolamento DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

Regolamento DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Regolamento DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con delibera di G.C. n. 3 del 17-01-2013 1 INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO (PROVINCIA DI LECCE)

COMUNE DI TAURISANO (PROVINCIA DI LECCE) Allegato A alla deliberazione n101 del 18.09.2008. COMUNE DI TAURISANO (PROVINCIA DI LECCE) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO ARTICOLO 1 Orario di lavoro - Orario di servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI. Art. 1 Finalità e ambito di intervento

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI. Art. 1 Finalità e ambito di intervento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI Art. 1 Finalità e ambito di intervento 1. Il presente Regolamento, in attuazione dell art. 17 del CCNL 6-7-1995 -

Dettagli

* * * * * REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEI BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE. CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza)

* * * * * REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEI BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE. CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) ALLEGATO" A" DELIBERA G.c. N. 44 DEL 10/04/2008 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) * * * * * REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEI BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE * * * * * Articolo 1 (Condizioni

Dettagli

COMUNE DI POSTIGLIONE. (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE

COMUNE DI POSTIGLIONE. (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI POSTIGLIONE (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera di Giunta Comunale n 128 del 04.11.2015 INDICE

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO Premio 2001 INSIEME PER CRESCERE SERVIZIO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO TESTO COORDINATO Approvato con

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE

COMUNE DI NIBIONNO (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI NIBIONNO (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Principi generali 1) Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

C I T T A D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a

C I T T A D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a C I T T A D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a ---------------------------------------- Prot. n 7489/U Terracina, lì 11 febbraio 2010 e p.c. A tutti i Dipendenti Al Sindaco Alla Giunta

Dettagli

Direzione Provinciale di Udine ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO PER LA DIREZIONE PROVINCIALE DI UDINE

Direzione Provinciale di Udine ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO PER LA DIREZIONE PROVINCIALE DI UDINE Direzione Provinciale di Udine ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO PER LA DIREZIONE PROVINCIALE DI UDINE Premessa La Direzione Centrale dell Agenzia delle Entrate ha inviato alle OO.SS. un informativa datata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. APPROVATO CON DELIBERA G.C. n. 78 del 07.08.2013 ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

Dettagli

ORARIO DI LAVORO ED ASSENZE DAL SERVIZIO

ORARIO DI LAVORO ED ASSENZE DAL SERVIZIO ORARIO DI LAVORO ED ASSENZE DAL SERVIZIO 1) ORARIO DI LAVORO L orario di lavoro settimanale, articolato su 5 o 6 giorni lavorativi, è pari a 36 ore. Per il personale in servizio presso gli uffici centrali

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 54 O G G E T T O COSTITUZIONE DEL FONDO PER IL LAVORO STRAORDINARIO. ANNO 2015. L anno 2015 addì DIECI del

Dettagli

Comune di Vicenza. Regolamento del servizio di reperibilità

Comune di Vicenza. Regolamento del servizio di reperibilità Comune di Vicenza Regolamento del servizio di reperibilità Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Organizzazione e Pari Opportunità Pagina 1 di 6 I N D I C E ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4

Dettagli

Regolamento per la disciplina del servizio mensa a favore del personale comunale

Regolamento per la disciplina del servizio mensa a favore del personale comunale Regolamento per la disciplina del servizio mensa a favore del personale comunale Approvato con delibera di Giunta Municipale n 331 del 16/12/2011 Art. 1 Principi generali 1) Il Presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE 64 REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE ADOTTATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 46/I6963 P.G. NELLA SEDUTA DEL 21/02/2002 Art. 1 1. Il regolamento disciplina il rapporto di lavoro

Dettagli

COMUNE DI MONTEGROSSO D ASTI PROVINCIA DI ASTI

COMUNE DI MONTEGROSSO D ASTI PROVINCIA DI ASTI COMUNE DI MONTEGROSSO D ASTI PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO IN MATERIA DI PRESENZA IN SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNALI Approvato con deliberazione di G.C. 86 n. del 9/12/2010 SOMMARIO Articolo 1 Definizioni

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO E GIORNI DI FERIE SPETTANTI QUESITO (posto in data 7 febbraio 2012) Sono un dirigente medico dipendente del SSN dal 31 dicembre 2008. Fino al 31 agosto 2009 ho lavorato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA DI REPERIBILITÀ

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA DI REPERIBILITÀ COMUNE DI MILETO Prov. di Vibo valentia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA DI REPERIBILITÀ Approvato con deliberazione della C.S. N. 40 del 23.7.2013 I N D I C E ART. 1- OGGETTO ART.

Dettagli

Ordinanza municipale sull orario di lavoro

Ordinanza municipale sull orario di lavoro Ordinanza municipale sull orario di lavoro Il Municipio di Bioggio in applicazione dell art. 20 del Regolamento organico dei dipendenti del Comune di Bioggio (ROD) decreta: Art. 1 Assoggettamento 1. Alla

Dettagli

C O M U N E D I T E R N A T E

C O M U N E D I T E R N A T E C O M U N E D I T E R N A T E P R O V I N C I A D I V A R E S E REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Premessa

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n del 26 settembre 2016

ALLEGATOA alla Dgr n del 26 settembre 2016 REGIONE DEL VENETO DISCIPLINA DEL DISTACCO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ INDICE Titolo I Parte Generale Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO - Delibera G.C. n. 191 del 23.12.2013: Approvazione Regolamento per la disciplina dell orario di lavoro del

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA REPERIBILITÀ DEL PERSONALE DIPENDENTE

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA REPERIBILITÀ DEL PERSONALE DIPENDENTE CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA REPERIBILITÀ DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 56 del 22 febbraio 2002. Integrato con deliberazioni di

Dettagli

COMUNE DI ALTOPIANO DELLA VIGOLANA

COMUNE DI ALTOPIANO DELLA VIGOLANA COMUNE DI ALTOPIANO DELLA VIGOLANA (Provincia di Trento) COPIA DETERMINAZIONE del Funzionario Responsabile del AREA 1 - ISTITUZIONALE - RISORSE Numero 234 di data 21/11/2016 Oggetto: Liquidazione indennità

Dettagli

Settore 1 Amministrazione Generale - Organizzazione e Metodo Servizio personale REGOLAMENTO SUI TICKET MENSA

Settore 1 Amministrazione Generale - Organizzazione e Metodo Servizio personale REGOLAMENTO SUI TICKET MENSA Settore 1 Amministrazione Generale - Organizzazione e Metodo Servizio personale REGOLAMENTO SUI TICKET MENSA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 53 in data 17.03.2010 I N D I C E Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PRESENZE E ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PRESENZE E ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI SANTU LUSSURGIU - Provincia di Oristano C.A.P. 09075 0783/55191 0783/5519227 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PRESENZE E ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione della G.C.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1989,N. 24: Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie della Regione Abruzzo.

LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1989,N. 24: Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie della Regione Abruzzo. LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1989,N. 24: Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie della Regione Abruzzo. Art. 1 L'esercizio delle farmacie aperte al pubblico nel territorio della Regione

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SETTORE SERVIZI ALLA COLLETTIVITA Ufficio di Staff del Capo Area

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SETTORE SERVIZI ALLA COLLETTIVITA Ufficio di Staff del Capo Area COMUNE DI PALERMO AREA DELLA PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SETTORE SERVIZI ALLA COLLETTIVITA Ufficio di Staff del Capo Area PIAZZA GIULIO CESARE, 52-740.3730 740.3750 e-mail: servizicollettivita@comune.palermo.it

Dettagli

AREA DIRIGENZA MEDICA E SANITARIA Criteri generali per l organizzazione dell orario di lavoro, l impegno di servizio e la fruizione delle ferie

AREA DIRIGENZA MEDICA E SANITARIA Criteri generali per l organizzazione dell orario di lavoro, l impegno di servizio e la fruizione delle ferie AREA DIRIGENZA MEDICA E SANITARIA Criteri generali per l organizzazione dell orario di lavoro, l impegno di servizio e la fruizione delle ferie - Impegno di servizio I dirigenti assicurano la propria presenza

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 64 in data: VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE N. 64 in data: VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI GORLA MAGGIORE UFFICIO SEGRETERIA (PROVINCIA DI VARESE) P.ZZA MARTIRI DELLA LIBERTÀ, 19 21050 TEL.0331.617121 FAX 0331.618186 E.MAIL: segreteria@comunegorlamaggiore.it COPIA DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI ROTA D IMAGNA Provincia di Bergamo

COMUNE DI ROTA D IMAGNA Provincia di Bergamo COMUNE DI ROTA D IMAGNA Provincia di Bergamo COPIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE N. 05 DEL 07.01.2015 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE AL PERSONALE DIPENDENTE A COM- PIERE LAVORO STRAORDINARIO PER L'ANNO

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 15 in data: 05.04.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONCESSIONE ASPETTATIVA NON RETRIBUITA A DIPENDENTE

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DISCIPLINA DELL E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO Delibera della Giunta municipale n. 113 del 09/06/2011 Indice Art.1 l orario di lavoro Art.2 Orario di servizio Art.3 Orario

Dettagli

Allegato al Regolamento per l organizzazione degli uffici e dei servizi. SOMMARIO

Allegato al Regolamento per l organizzazione degli uffici e dei servizi. SOMMARIO Regolamento per la gestione dell orario di lavoro e di servizio, del lavoro straordinario, delle ferie, dei permessi, dei ritardi e delle assenze dei dipendenti. Allegato al Regolamento per l organizzazione

Dettagli

COMUNE DI VALLE AGRICOLA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI VALLE AGRICOLA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI VALLE AGRICOLA PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 59 Del 24-10-2016 INDICE Art. 1- Oggetto del regolamento e disciplina

Dettagli

COMUNE DI MULAZZANO Provincia di Lodi

COMUNE DI MULAZZANO Provincia di Lodi COMUNE DI MULAZZANO Provincia di Lodi Regolamento per la gestione dell orario di lavoro e di servizio, del lavoro straordinario, delle ferie, dei permessi, dei ritardi e delle assenze dei dipendenti. Adottato

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE Area Amministrativa - contabile : N.65 Registro Generale : N.95 Pubblicata il 15.10.2011 OGGETTO: Proroga assunzione a tempo determinato e a tempo

Dettagli

Oggetto: Orario di lavoro Timbrature Codici da digitare al lettore delle presenze e Funzioni di estrazione dati.

Oggetto: Orario di lavoro Timbrature Codici da digitare al lettore delle presenze e Funzioni di estrazione dati. Prot.n. 77753 Firenze, li 12 novembre 2009 Circ. n. 35 Ai Dirigenti Ai Responsabili delle Unità Amministrative Ai Responsabili degli Uffici Ai Referenti del Servizio Presenze Al Personale tecnico e amministrativo

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

COMUNE DI ALESSANDRIA RILEVAZIONE AUTOMATIZZATA DELLE PRESENZE: DISCIPLINA ORGANIZZATIVA

COMUNE DI ALESSANDRIA RILEVAZIONE AUTOMATIZZATA DELLE PRESENZE: DISCIPLINA ORGANIZZATIVA COMUNE DI ALESSANDRIA RILEVAZIONE AUTOMATIZZATA DELLE PRESENZE: DISCIPLINA ORGANIZZATIVA (Sottoscritta dalla Delegazione di Parte Pubblica e dalla Delegazione di Parte Sindacale in data 23/04/2002) SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA (emanato con D.R. n. 840 del 6 luglio 2009, modificato con D.R. n. 240 del 23

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

DISCIPLINA IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO DISCIPLINA IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO ART. 01 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di lavoro si intende il periodo di tempo durante il quale, nel rispetto dell obbligazione contrattuale delle 36 ore settimanali

Dettagli

ORARIO DI LAVORO SETTIMANALE E GIORNALIERO

ORARIO DI LAVORO SETTIMANALE E GIORNALIERO Orario ORARIO DI LAVORO SETTIMANALE E GIORNALIERO L orario di lavoro settimanale è di 37 ore e 30 minuti, di norma distribuito dal lunedì al venerdì, al quale si deve applicare una riduzione di 30 minuti

Dettagli

COMUNE DI CERVETERI. Roma DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. L'anno DUEMILADODICI, questo giorno TREDICI del mese di DICEMBRE con inizio

COMUNE DI CERVETERI. Roma DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. L'anno DUEMILADODICI, questo giorno TREDICI del mese di DICEMBRE con inizio copia COMUNE DI CERVETERI Roma DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 148 Del 13/12/2012 OGGETTO: Ufficio di supporto alle dirette dipendenze del Sindaco, ai sensi dell'art. 90 del TUEL 267/2000. Collaboratore

Dettagli