2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. Trasparenza e credito ai consumatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. Trasparenza e credito ai consumatori"

Transcript

1 2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. Trasparenza e credito ai consumatori 5 Il mercato del credito al consumo

2 1 5 INDICE L analisi del mercato 2 Introduzione Il lato della domanda Il lato dell offerta I canali distributivi I prodotti del credito al consumo 8 La classificazione dei prodotti di credito al consumo Il credito rateale finalizzato I prestiti personali Le carte di credito rateali Il prestito contro cessione del quinto I prestiti con delegazione di pagamento I principali fenomeni del mercato 16 Il ciclo di vita del mercato del credito al consumo L incremento del credito non finalizzato e dei canali diretti Le caratteristiche dei finanziamenti: importi e durate

3 L ANALISI DEL MERCATO INTRODUZIONE Il credito al consumo è un attività di offerta di prodotti di finanziamento e accessori, a individui e famiglie, da parte di banche e altri intermediari finanziari attraverso canali diretti, indiretti e virtuali. Le caratteristiche della controparte, cioè il consumatore, il suo processo di acquisto, gli importi e i canali distributivi utilizzati, lo configurano come un attività di retail banking. APPROFONDIMENTO: Il consumatore Una persona fisica che agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta. Questa è la definizione di consumatore che è stata adottata in Italia dal Codice del Consumo e confermata con il recepimento della direttiva. In realtà, esistono alcune specificazioni relative alle caratteristiche del prodotto e delle finalità. GLOSSARIO: Retail banking In generale, con retail banking si definisce un area di attività data dalla combinazione fra un insieme di prodotti e servizi (di finanziamento, di investimento e di pagamento) che le banche (o gli intermediari finanziari in relazione alla propria attività) erogano o rendono disponibili ai consumatori, alle famiglie, ai privati e alle small business attraverso canali distributivi diretti (di proprietà del finanziatore), canali virtuali (senza partecipazione fisica del personale) oppure canali indiretti (cioè intermediati da un soggetto terzo rispetto al finanziatore e al consumatore). Come tutti i mercati, quello del credito al consumo (inteso come luogo in cui i soggetti che offrono finanziamenti - i finanziatori - e gli individui che li domandano - i consumatori - si incontrano per perfezionare i differenti contratti di credito - i prodotti -) può essere analizzato tenendo conto del lato della domanda, del lato dell offerta e dei prodotti. 2 L analisi dell offerta, in particolare, deve considerare non solo gli intermediari finanziari ma anche i canali distributivi attraverso cui operano per poter comprendere meglio la struttura del mercato e, in particolare, il grado di concorrenza esistente per coloro che erogano finanziamenti ai consumatori.

4 IL LATO DELLA DOMANDA Il lato della domanda è costituito da individui o famiglie che agiscono finanziariamente per conto proprio. Tuttavia, il credito al consumo si configura solo quando la persona agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta. APPROFONDIMENTO: La famiglia nel ciclo del consumo La famiglia rappresenta un entità con modalità di comportamento legate al soddisfacimento dei propri bisogni di consumo. Essa presenta un ciclo caratteristico determinato da produzione di lavoro, vendita (con percepimento dei redditi da lavoro) e acquisizione di beni e servizi per il soddisfacimento dei bisogni primari e voluttuari dei propri componenti. L eccedenza delle necessità di spesa, corrente e non, rispetto al reddito e all eventuale risparmio accumulato (decurtato di un cuscinetto finanziario detenuto per scopi precauzionali) genera il fabbisogno finanziario, secondo un criterio di cassa. Occorre ricordare che, spesso, in un economia domestica, le differenti fonti finanziarie concorrono in modo unitario a soddisfare i fabbisogni finanziari della famiglia. Il ricorso al credito da parte delle famiglie italiane nel corso degli ultimi anni è stato progressivamente crescente sia per quanto riguarda il credito al consumo che nel 2009 era pari a oltre 110 miliardi, sia per i mutui fondiari, destinati al finanziamento degli acquisti di immobili che, alla stessa data, avevano superato i 270 miliardi. 300 Credito al consumo Mutui fondiari Fonte: Osservatorio sul credito al dettaglio Assofin, Crif, Prometeia (anni vari), Banca d Italia (anni vari) La domanda di credito al consumo delle famiglie è la risultante di almeno tre variabili: 3 il reddito complessivo disponibile; la propensione al consumo (quanto si consuma rispetto al reddito); la propensione all indebitamento, cioè quanto si fa ricorso al credito esterno (che dipende da fattori di tipo socio-economici, psicologici e comportamentali).

5 IL LATO DELL OFFERTA 4 Il lato dell offerta è costituito da una pluralità di intermediari finanziari e soggetti che possono erogare credito ai consumatori. Fornitori di beni Soggetti no fini di lucro Società di microcredito Banche e gruppi Banche estere OFFERTA Istituti di pagamento Società finanziarie Fornitori di beni e prestatori di servizi Fornitori di beni e prestatori di servizi (art. 122 TUB, c. 5) Possono concludere contratti di credito nella sola forma della dilazione del prezzo con esclusione del pagamento degli interessi e di altri oneri. Essi, quindi, partecipano in nome proprio oppure possono promuovere la conclusione di contratti di credito per altri intermediari finanziari con cui sono convenzionati. Banche e gruppi bancari Banche e gruppi bancari Sono tutte la banche presenti nel sistema italiano e possono, a differenza di tutti gli altri operatori, erogare contestualmente anche servizi di investimento e di pagamento. Banche estere Banche estere (Con succursali o in attività di prestazione di servizi senza stabilimento). La normativa consente alle banche e alle società finanziarie controllate da banche autorizzate in uno Stato membro dell'unione Europea (UE) di esercitare in Italia le attività bancarie ammesse al mutuo riconoscimento, tramite una succursale ovvero in regime di prestazione di servizi senza stabilimento, sulla base dell'autorizzazione rilasciata dall'autorità del Paese d'origine e sotto il controllo dell'autorità stessa, che rimane responsabile della loro solidità finanziaria. In Italia esse operano soprattutto, per il tramite dei concessionari dei gruppi industriali (per esempio settore automobilistico) oppure attraverso i punti vendita della Grande Distribuzione Organizzata (GDO).

6 Società finanziarie autorizzate Società finanziarie autorizzate (art. 106 TUB) La nuova normativa sul credito al consumo stabilisce che l'esercizio nei confronti del pubblico dell attività di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma è riservato agli intermediari finanziari autorizzati, iscritti in un apposito albo. Scompare la distinzione fra società finanziare ex art. 106 (con blandi obblighi regolamentari) e le società ex art. 107 che invece erano vigilate e dovevano rispettare specifici vincoli regolamentari e operativi. Attualmente le società finanziarie devono: possedere forma di società di capitali; avere un capitale versato minimo; rispettare i requisiti di onorabilità previsti per i titolari di partecipazioni rilevanti e i requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza previsti per gli amministratori. Inoltre, l oggetto sociale deve essere limitato alle sole attività di finanziamento. Sotto un profilo regolamentare, è previsto il perseguimento di una specifica adeguatezza patrimoniale e il contenimento del rischio nelle sue diverse configurazioni. Inoltre, occorre che esista un adeguata organizzazione amministrativa e contabile e sia sviluppato un sistema di controlli interni e informativi in grado di supportare il controllo esterno effettuato dalla Banca d Italia. Istituti di pagamento Istituti di pagamento (ex art. 114-sexies e segg. TUB) Possono esercitare le seguenti attività accessorie alla prestazione di servizi di pagamento: concedere crediti in stretta relazione ai servizi di pagamento prestati non superiori a 1 anno; accordare finanziamenti nell ambito di linee di credito concesse a un utente di servizi di pagamento oppure nell ambito di emissione di strumenti di pagamento. 5 Società di microcredito Società di microcredito (art. 111 TUB) La nuova normativa ha introdotto e riconosciuto le società di microcredito che promuovono il sostegno a soggetti con particolari caratteristiche attraverso la concessione di credito per l avvio o lo sviluppo di attività professionali di piccola entità o per finalità di inclusione sociale. Le società sono iscritte in un apposito Elenco. Soggetti giuridici senza fini di lucro Soggetti giuridici senza fini di lucro (art. 111 TUB) La nuova normativa concede a soggetti senza scopo di lucro la possibilità di erogare finanziamenti per scopi personali ma solo se concessi a condizioni più favorevoli di quelle prevalenti sul mercato. Per fare ciò occorre unicamente l iscrizione a un apposita sezione dell elenco degli operatori di microcredito, il possesso dei requisiti di onorabilità dei soci di controllo o rilevanti e di onorabilità e professionalità degli esponenti aziendali oltre alla presentazione di un programma di attività.

7 GLOSSARIO: Succursale Un punto operativo permanente, anche se non operante in via continuativa, che svolge direttamente con il pubblico, in tutto o in parte, l'attività della banca. GLOSSARIO: Attività di prestazione di servizi senza stabilimento Lo svolgimento di operazioni bancarie e finanziarie nel territorio di uno Stato estero, in assenza di succursali e attraverso un'organizzazione temporanea. Si è in presenza di prestazione di servizi senza stabilimento quando l'offerta dei servizi viene effettuata tramite l'effettiva presenza nel territorio del paese ospitante di personale incaricato dal prestatore, anche in modo occasionale. APPROFONDIMENTO: I finanziamenti nell ambito di linee di credito concesse a un utente di servizi di pagamento oppure nell ambito di emissione di strumenti di pagamento Il finanziamento: è accessorio e concesso esclusivamente in relazione all esecuzione di un operazione di pagamento; è di breve durata, non superiore a dodici mesi (può essere di durata superiore a 12 mesi quello concesso in relazione ai pagamenti effettuati con carta di credito); non è concesso utilizzando fondi ricevuti o detenuti ai fini dell esecuzione di un operazione di pagamento. I CANALI DISTRIBUTIVI Nel lato dell offerta devono essere considerati i canali distributivi, cioè i soggetti interni o esterni all intermediario creditizio che contribuiscono all erogazione del finanziamento. Questi intervengono: nella promozione dei contratti, nello svolgimento di alcune fasi operative del processo creditizio (raccolta informazioni, compilazione domanda di finanziamento, trasferimento informazioni al cliente, ecc.), e nella gestione del cliente. Canali distributivi interni (o diretti) Canali virtuali 6 Filiali Punti-negozi finanziari di proprietà Internet ATM Canali Convenzionati distributivi GDO indiretti (o intermediati) Filiali di banche Agenti e società del gruppo monomandatari Call center Carte di plastica - POS Reti di mediazione creditizia Reti-società con plafond finanziario Filiali di banche partner commerciali

8 Canali distributivi interni (o diretti) Canali distributivi interni (o diretti) I canali distributivi possono essere definiti interni (o indiretti) se appartengono giuridicamente al finanziatore oppure se agiscono sotto il suo controllo diretto (filiali, sportelli leggeri, sportelli di banche del medesimo gruppo bancario). Canali virtuali Canali virtuali I canali virtuali sono sotto il diretto controllo dell intermediario finanziario ma non prevedono l intervento fisico di alcun operatore o dipendente (per esempio Internet, ATM, carte di plastica, POS, ecc.). Essi, quindi, svolgono solo una funzione distributiva pura, cioè costituiscono un punto di accesso all utilizzo dei prodotti dell intermediario finanziario. Canali distributivi esterni o indiretti (intermediati) Canali distributivi indiretti (o intermediati) Questa tipologia di canale distributivo è esterna all intermediario finanziario e prevede l intervento di un soggetto terzo (per esempio, un esercente commerciale, la Grande Distribuzione Organizzata (GDO), un mediatore creditizio, una banca autonoma, ecc.). Il rapporto fra l intermediario finanziario e il canale distributivo (definito dalla normativa intermediario del credito ) è normalmente regolato da una convenzione commerciale che individua le modalità di intervento del canale, le attività da svolgere e, in particolare, la remunerazione per le differenti attività svolte. Il rapporto può essere in esclusiva cioè prevedere che il canale operi unicamente per l intermediario finanziario oppure non porre limiti al numero di intermediari finanziari di cui si distribuiscono i prodotti. Solo il mediatore creditizio deve operare con più intermediari finanziari poiché egli svolge un ruolo di broker ed opera anche nell interesse del consumatore che domanda finanziamento. APPROFONDIMENTO: I canali distributivi interni Le previsioni normative contenute nel D.lgs 141 pubblicato nel settembre del 2010 introducono l obbligo di mandato unico per gli agenti in attività finanziaria, configurandoli come un vero e proprio canale interno dato che essi agiscono in nome e per conto del mandante ovvero dell intermediario finanziario o del gruppo a cui il mandante appartiene. In realtà, il mandato unico prevede una deroga: qualora l agente non riesca a completare la gamma di prodotto egli può operare per altri intermediari finanziari ma non può in nessun caso avere più di tre mandati di attività finanziaria. 7

9 I PRODOTTI DEL CREDITO AL CONSUMO LA CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DI CREDITO AL CONSUMO Non esiste una definizione di prodotto di credito al consumo in positivo poiché tutti i finanziamenti erogati nei confronti del consumatore rientrano nell ambito di tale mercato. Sotto un profilo normativo esistono alcuni requisiti che individuano il credito al consumo e impongono al finanziatore una serie di obblighi informativi, contrattuali e post contrattuali finalizzati a una maggiore tutela del consumatore. Sotto un profilo operativo, invece, tutti i finanziamenti di qualsiasi tipologia, erogati per soddisfare un fabbisogno finanziario di un individuo o di una famiglia, sono da considerarsi credito al consumo. In questo senso non si modificano il processo creditizio, le attività che l intermediario finanziario deve svolgere, i rischi correlati e le modalità di gestione degli stessi. Infatti, i prodotti di credito al consumo possono essere utilmente classificati secondo: la forma contrattuale; la finalità; la scadenza. La forma contrattuale La suddivisione per forma contrattuale conduce a due tipi di contratto: il mutuo, disciplinato dal codice civile (non riferito, quindi, al mutuo ipotecario o fondiario) e l apertura di credito. Queste forme modificano la struttura e il funzionamento del finanziamento. La finalità La finalità del finanziamento può essere indicata esplicitamente nel contratto di finanziamento oppure implicitamente quando il credito è intermediato dal fornitore di beni o dal prestatore di servizi che riceve direttamente l importo del finanziamento dal finanziatore. L espressione credito finalizzato indica un finanziamento il cui scopo è determinato al momento della richiesta e, in generale, tale scopo è rappresentato dall acquisto di un bene durevole, di un bene di consumo o di un servizio. Il cliente può accedere al finanziamento direttamente dal punto vendita del venditore attraverso differenti modalità organizzative che permettono una rapida gestione dell istruttoria di fido e della concessione dello stesso. 8 L espressione credito non finalizzato riassume tutti i finanziamenti erogati a favore di una famiglia, destinati a coprire un fabbisogno finanziario, la cui causa non è strettamente collegata all acquisto di uno specifico bene o servizio. Il rapporto con la banca o la società finanziaria non è intermediato da un distributore commerciale ma esiste sulla base di una relazione di clientela autonoma.

10 La scadenza Tutti i prestiti finalizzati e gran parte dei prestiti non finalizzati sono a scadenza determinata. Essi hanno un orizzonte temporale ben definito e terminano con il versamento dell ultima rata prevista dal piano di rimborso che estingue l obbligazione esistente. I finanziamenti a scadenza indeterminata o, meglio, senza una scadenza predefinita costituiscono delle linee di credito rotative poste a disposizione di un cliente (una famiglia) a cui si può attingere per soddisfare i fabbisogni finanziari di varia natura, molto spesso nell ambito di un conto corrente oppure mediante una carta di credito rateale. Nonostante nella realtà esistano numerose combinazioni degli aspetti prima analizzati, le principali linee di prodotto del credito al consumo sono: il credito rateale finalizzato, i prestiti personali, i prestiti contro cessione del quinto e le carte di credito rateali (o revolving). APPROFONDIMENTO: Il contratto di mutuo Il contratto di mutuo, disciplinato dal Codice Civile con l art. 1813, è il contratto con il quale una parte (il mutuante e, quindi, il finanziatore) consegna all altra (il mutuatario e, quindi, il consumatore) una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili e, quest ultima, si impegna a restituire altrettante cose della stessa specie e qualità. Il contratto di mutuo è un contratto consensuale, si perfeziona cioè con l accordo delle parti, e reale, si perfeziona con la consegna del denaro oggetto dell operazione. La consegna deve avvenire con la trasmissione del possesso, ovvero ponendo nella disponibilità del mutuatario la cosa mutuata. Insieme al possesso si trasferisce la proprietà della cosa stessa e il rischio inerente di perdita. La restituzione del prestito può avvenire in un'unica soluzione o, come spesso accade, ratealmente. In generale, i finanziamenti possono essere assistiti da garanzie reali e personali, anche se nella maggior parte dei finanziamenti ai consumatori esse non sono richieste. APPROFONDIMENTO: L apertura di credito L apertura di credito è un contratto (art del codice civile) attraverso cui una banca si obbliga a mantenere a disposizione del cliente, un certo importo per un periodo di tempo determinato (nel caso di apertura di credito a scadenza) o di tempo indeterminato (nel caso di apertura di credito a revoca). Il cliente può utilizzare detta somma in unica soluzione o in più soluzioni in relazione al proprio fabbisogno finanziario e può restituirla in modo flessibile sulla base delle proprie esigenze e disponibilità. L apertura di credito può essere distinta in due tipologie: l apertura di credito rotativa e l apertura di credito semplice. La prima è una linea di credito rotativa (revolving) in cui il rimborso (anche parziale) delle somme utilizzate non determina la fine del finanziamento ma il ripristino del fido che può essere nuovamente utilizzato dal cliente nei limiti dell ammontare concesso. 9

11 L apertura di credito semplice, invece, è una forma di finanziamento in cui la disponibilità della somma è immediata, mentre le modalità di utilizzo rientrano fra le facoltà del consumatore che decide quando e quanto utilizzare. Il cliente può utilizzare il credito ottenuto solo una volta, magari attraverso utilizzi parziali ma senza che sia possibile ripristinare la disponibilità di fido in seguito ai rimborsi effettuati. Normalmente non è definito il piano di rimborso anche se l apertura semplice è quasi sempre a scadenza determinata. IL CREDITO FINALIZZATO Il credito rateale finalizzato costituisce una forma di credito al consumo il cui scopo è determinato al momento della richiesta e consiste nel finanziamento dell acquisto di un bene durevole, di un bene di consumo o di un servizio. Il cliente, normalmente, accede a tale tipologia di finanziamento direttamente dal punto di vendita del distributore commerciale attraverso differenti modalità organizzative che permettono una rapida gestione dell istruttoria di fido e della concessione dello stesso. La struttura dell operazione prevede un rapporto creditizio diretto fra finanziatore e cliente finanziato; tuttavia, in virtù del mandato dato dal debitore, la somma viene direttamente accreditata a favore del distributore commerciale che ha realizzato la vendita del bene. Questo rappresenta la reale differenza fra il finanziamento finalizzato e il prestito personale. Il credito finalizzato costituisce una delle più tradizionali forme di credito al consumo. Molto spesso, le banche sono presenti indirettamente in questo mercato attraverso società finanziarie partecipate o controllate. I rapporti con i dealer commerciali, normalmente, sono regolati per mezzo di convenzioni, cioè di accordi che prevedono: le attività che il dealer svolge nel processo di affidamento; il grado di esclusività del mandato e, quindi, la possibilità del dealer di distribuire finanziamenti di altri intermediari finanziari; la gamma dei finanziamenti disponibili, sia con finalità promozionali che ordinarie; le condizioni economiche, cioè le commissioni, relative a ciascuna forma di finanziamento. Nella realtà, sono molto diffusi i dealer commerciali plurimandatari che distribuiscono finanziamenti di più intermediari finanziari. Questo è tanto più frequente quanto maggiore è la dimensione del dealer e dei suoi punti vendita. Il credito finalizzato è spesso utilizzato come variabile di marketing attraverso l offerta di finanziamenti a tassi promozionali o addirittura nulli, il tasso zero e di forme di finanziamento flessibili e in grado di posticipare gli esborsi finanziari legati al pagamento delle rate anche di qualche mese. 10

12 APPROFONDIMENTO: Il ruolo del distributore commerciale Il distributore commerciale può svolgere ruoli differenti nel processo di affidamento. Nella forma minimale si limita a comportarsi unicamente come un mediatore che propone il finanziamento e pone in contatto il cliente con l intermediario finanziario. In molti casi, partecipa al processo con un ruolo attivo, si occupa della raccolta della documentazione necessaria, istruisce la pratica, verifica l identità del debitore e la veridicità delle informazioni raccolte fino a comunicare al cliente l esito della pratica e stipulare, su delega dell intermediario, il contratto di finanziamento. La maggior parte dei dealer commerciali sono collegati per mezzo di una piattaforma telematica all intermediario finanziario con una riduzione sensibile dei tempi di affidamento. APPROFONDIMENTO: La struttura dell operazione del credito finalizzato La struttura dell operazione del credito finalizzato è riconducibile al contratto di mutuo. La somma è erogata in un unica soluzione e versata, su disposizione del mutuatario, direttamente al venditore del bene al cui acquisto è finalizzata l operazione. La restituzione della somma avviene in base a un piano di rimborso predefinito a rate costanti e, di norma, a tasso fisso. Data la loro funzione di finanziamento di acquisti di beni durevoli, il loro importo medio è generalmente inferiore rispetto ai prestiti personali e anche le scadenze sono meno protratte nel tempo. Le tipologie di beni finanziati spaziano dalle automobili nuove e usate, ai motocicli e ciclomotori, all arredamento, agli elettrodomestici bianchi e bruni, all elettronica, ecc. Negli ultimi tempi hanno assunto rilevanza per il credito finalizzato, numerose categorie di servizi quali i servizi sanitari, il turismo, i servizi legati alla cura della persona e al benessere, ecc.. I PRESTITI PERSONALI Il prestito personale è un finanziamento non finalizzato, cioè non collegato all acquisto di uno specifico bene o servizio. Esso costituisce il prodotto tradizionalmente offerto dalle banche e si fonda sullo schema contrattuale del contratto del mutuo, in cui è prevista l erogazione di una determinata somma a un cliente, che si obbliga a rimborsarla secondo un piano di ammortamento predefinito al momento della stipula del contratto. In generale, il prestito personale è un finanziamento effettuato a tasso fisso o a tasso variabile, in relazione alle esigenze della clientela. Il piano di ammortamento è normalmente alla francese (cioè a rata costante). APPROFONDIMENTO: Caratteristiche dell operazione di prestito personale Il prestito personale è concluso direttamente tra intermediario e consumatore e la somma è versata direttamente nelle mani del cliente anche se è stato erogato attraverso canali distributivi indiretti (gli intermediari del credito ricevono una commissione dal finanziatore e, in alcuni casi, anche dal consumatore). La maggiore capacità di valutazione e di controllo creditizio rende questa tipologia di finanziamento più adatta sia ai segmenti di clientela più problematici sotto un profilo di qualità creditizia, sia a finanziamenti di importo e durata maggiori. Il prestito personale può essere assistito da una garanzia reale o personale anche se sono raramente utilizzate nel credito al consumo. 11 La presenza di garanzie dipende dalle caratteristiche economico-finanziarie del richiedente, e molto spesso, nei casi in cui è richiesta una garanzia, questa è di tipo personale ed è fornita da un terzo che si co-obbliga al pagamento delle rate e alla restituzione del finanziamento. La presenza di garanzie reali incide sulla natura di credito ai consumatori.

13 LE CARTE DI CREDITO RATEALI Le carte di credito rateali sono documenti elettronici nella forma di plastic card che consentono al titolare, nell ambito del fido accordato, di utilizzare il finanziamento ricevuto sia attraverso pagamenti presso i terminali POS installati negli esercizi commerciali convenzionati, sia prelevando contante presso gli sportelli ATM. Le carte di credito rateali sono collegate con una specifica linea di credito rotativo (revolving) che consente al titolare di rateizzare il pagamento dell importo dovuto, corrispondendo gli interessi sulla dilazione ottenuta, proporzionali al periodo di tempo che intercorre fra l utilizzo e il rimborso e all importo residuo da restituire. I rimborsi via via effettuati determinano per pari importo la ricostituzione del massimale mensile e quindi la possibilità di riutilizzo della carta. APPROFONDIMENTO: Caratteristiche dell operazione di prestito personale I soggetti che partecipano al funzionamento di una carta di credito revolving sono quattro: l emittente, che promuove, direttamente o indirettamente, l intero processo delle carte di credito, dalla produzione, al collocamento, alla gestione di tutte le attività necessarie al funzionamento della carta di credito; le banche distributrici che svolgono il collocamento delle carte di credito presso la propria clientela le carte emesse da altre banche o società finanziarie; i circuiti di pagamento, con riferimento alla rete degli esercizi commerciali convenzionati nell ambito della quale il titolare della carta può effettuare il pagamento degli acquisti; le società di service, alle quali la società emittente può affidare in outsourcing la gestione e l elaborazione dei dati derivanti dalle attività di back office relative al funzionamento delle carte di credito. 12 APPROFONDIMENTO: Il piano di rimborso del credito di una carta revolving Il piano di rimborso del credito utilizzato attraverso una carta revolving normalmente avviene sulla base di una rata proporzionale all importo utilizzato (ad esempio pari al 5-10% della somma utilizzata) oppure di una rata fissa comprensiva degli interessi del periodo e di una quota di capitale). Gli interessi sono calcolati sulla base del tasso nominale annuo (TAN) e riguardano unicamente gli importi effettivamente utilizzati dal titolare della carta di credito. Ad essi, normalmente si affiancano altri costi relativi agli oneri di valutazione, al canone annuo, all imposta di bollo e alle spese di invio comunicazioni. La carta di credito revolving è strettamente personale, non può essere data in uso o ceduta a terzi e, a tal fine, è data all esercente commerciale la facoltà di richiedere al titolare l esibizione di un documento per verificare l identità del possessore.

14 IL PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Il prestito contro cessione del quinto dello stipendio è un prestito personale destinato a coloro che percepiscono un reddito da lavoro dipendente o da pensione, a fronte della cessione volontaria di una quota parte del proprio reddito, non superiore a un quinto dello stipendio netto. Il rimborso delle rate avviene mediante trattenuta diretta sulla busta paga a opera del datore di lavoro che provvede al trasferimento della somma al finanziatore. Attualmente, è un prestito pensato per tutte le categorie di lavoratori dipendenti (pubblici e privati, a tempo indeterminato e a tempo determinato) per i lavoratori atipici e per i pensionati. APPROFONDIMENTO: I soggetti coinvolti nella cessione del quinto I soggetti coinvolti nella cessione del quinto sono: la compagnia di assicurazione che garantisce l operazione e conserva un diritto di rivalsa nei confronti del cedente con riferimento al rischio di impiego; il finanziatore che può essere esclusivamente banca o intermediario finanziario iscritto all albo della Banca d Italia; l amministrazione ceduta (azienda o amministrazione pubblica o privata) che dovrà provvedere, dopo la notifica del contratto, al versamento mensile delle quote trattenute dalla remunerazione competenze dell interessato; il debitore, che può essere: lavoratore dipendente, autonomo, atipico, a tempo determinato, pensionato. APPROFONDIMENTO: La normativa dal 2005 a oggi Dal 2005, la normativa ha esteso la sua applicazione a questo tipo di finanziamento alle aziende private e, dal 2006, anche ai pensionati mentre, in passato, l accesso a questo tipo di finanziamento era consentito solo ai dipendenti pubblici per una durata pari a cinque o dieci anni in funzione dell anzianità lavorativa. L erogazione della cessione del quinto non richiede alcuna anzianità minima lavorativa e la durata del finanziamento non deve essere superiore a dieci anni. Tale limite riguarda anche i pensionati. Il prestito deve essere assistito da una duplice polizza assicurativa che tuteli il creditore nel caso di morte e di perdita dell impiego (dimissioni e licenziamento). Si tratta di una modalità di tutela degli eredi o dei familiari al fine di limitare gli effetti dell indebitamento nel caso si verifichi uno dei due eventi. 13 La cessione del quinto dello stipendio prevede la facoltà di estinzione anticipata per il finanziato. Tale facoltà può essere esercitata in qualunque momento e segue le norme previste per il credito al consumo, con la limitazione delle spese eventualmente addebitabili al cliente.

15 Questa tipologia di prestito trova un limite di importo nella durata e nel valore massimo della rata che non può eccedere la quinta parte dello stipendio mensile. L importo è posto a disposizione del cliente solo successivamente all ottenimento della dichiarazione scritta di benestare (o nulla osta) rilasciata da parte dell ente datore di lavoro, con l impegno di trattenere e trasferire le quote cedute dalla retribuzione mensile. APPROFONDIMENTO: Le coperture assicurative dei dipendenti pubblici Attualmente, non esiste più il monopolio INPDAP per le coperture assicurative dei dipendenti pubblici che possono decidere se avvalersi di compagnie differenti. APPROFONDIMENTO: Le richieste di prestito da parte di dipendenti pubblici e privati Nel caso dei dipendenti pubblici, il datore di lavoro è obbligato per legge ad accogliere la richiesta del dipendente se ricorrono tutti i presupposti previsti dalla legge mentre, nel caso dei dipendenti privati, il datore di lavoro può rifiutarsi di accogliere la richiesta. La cessione del quinto dello stipendio è un finanziamento naturalmente garantito dalla trattenuta diretta delle rate da parte del datore di lavoro che, quindi, elimina il rischio finanziario e parte del rischio di credito che, tuttavia, si sposta in capo al datore di lavoro. Il rischio legato alla perdita del lavoro o alla morte del finanziato è coperto dalla possibilità di rivalersi sul trattamento di fine rapporto maturato (TFR) e, successivamente, dalla polizza assicurativa obbligatoria a favore della banca. In caso di cessazione dal servizio prima che il prestito sia interamente rimborsato, l efficacia della cessione si estende alla pensione o su altro assegno continuativo equivalente (la quota da trattenere non può eccedere il quinto della pensione o dell assegno continuativo) e/o alla somma una tantum, a titolo di indennità o di capitale assicurato, se la cessazione dal servizio ne dia luogo al posto della pensione o altro assegno continuativo equivalente. Tale somma è trattenuta fino alla concorrenza dell intero capitale ancora da restituire. Sotto questo profilo, i prestiti contro cessione del quinto dello stipendio costituiscono una modalità efficace per poter concedere credito a tutti coloro che possiedono una rischiosità più elevata e/o pregiudiziali pregresse. APPROFONDIMENTO: Fallimento o morosità del datore di lavoro Un problema legato ai finanziamenti contro cessione del quinto è connesso alla rischiosità del datore di lavoro e all eventualità di un suo fallimento o morosità (eventi non coperti dalla polizza assicurativa). In caso di fallimento o apertura di altra procedura concorsuale a carico del datore di lavoro, il finanziatore potrà richiedere l'ammissione al passivo dei crediti relativi alle somme cedute in via privilegiata per la stessa qualità spettante al lavoratore dipendente. 14 La cessione del quinto dello stipendio può essere erogata anche nei confronti di coloro che percepiscono un reddito da pensione pubblica o privata. La durata massima della cessione di quote della pensione non può essere superiore a un quinto della stessa, valutato al netto delle ritenute fiscali e non può avere una durata superiore a dieci anni.

16 In particolare, possono essere ceduti: le pensioni o le indennità (simili alle pensioni) corrisposte dallo Stato o dai singoli enti, gli assegni equivalenti a carico di speciali casse di previdenza, le pensioni e gli assegni di invalidità e vecchiaia corrisposti dall'inps e gli assegni vitalizi e i capitali a carico di istituti e fondi in dipendenza del rapporto di lavoro. Per i prestiti contro cessione delle pensioni esiste un ulteriore vincolo di importo: la quota trattenuta è ammessa a patto che sia tutelato il trattamento pensionistico minimo. I prestiti ai pensionati devono obbligatoriamente prevedere solo la polizza assicurativa che, in caso di morte dell affidato, assicuri il recupero del residuo credito. Non è possibile contrarre prestiti contro cessione della pensione di reversibilità. I lavoratori a tempo determinato possono richiedere la cessione del quinto dello stipendio a patto che la durata del finanziamento non ecceda il periodo di tempo che, al momento dell'operazione, deve ancora trascorrere per la scadenza del contratto di lavoro in essere. Tuttavia, alla cessione del trattamento di fine rapporto posta in essere dai lavoratori a tempo determinato non si applica il limite del quinto. Anche i lavoratori atipici e autonomi possono richiedere la cessione del quinto dello stipendio. I titolari di rapporto di lavoro autonomo, caratterizzati da una prestazione di opera, continuativa e coordinata di durata non inferiore a dodici mesi possono cedere un quinto del loro compenso, valutato al netto delle ritenute fiscali (agenti e rappresentanti commerciali, collaboratori coordinati e continuativi, collaboratori a progetto). La cessione può avere luogo a patto che il compenso abbia carattere certo e continuativo e non può eccedere il periodo di tempo che, al momento dell'operazione, deve ancora trascorrere per la scadenza del contratto. 15

17 PRESTITI CON DELEGAZIONE DI PAGAMENTO I prestiti con delegazione di pagamento sono finanziamenti in cui il dipendente delega il proprio datore di lavoro a pagare le rate del finanziamento nel limite massimo del quinto del proprio stipendio. Il finanziamento è a tasso fisso e prevede un piano di ammortamento a rate costanti mensili che non possono essere superiori a un quinto dello stipendio percepito. Il pagamento delle rate avviene mediante la trattenuta diretta delle rate dallo stipendio a opera del datore di lavoro che si impegna a versarlo mensilmente al finanziatore. Questa tipologia di prestito può essere concesso anche in presenza di un prestito copntro cessione del quinto, portando, di fatto, il limite complessivo dello stipendio ceduto a due quinti (cioè il 40% del reddito percepito). Anche in questo caso sono previste delle polizze assicurative contro il rischio di morte, infortunio o perdita dell impiego e la durata del finanziamento non deve eccedere i dieci anni. I PRINCIPALI FENOMENI DEL MERCATO IL CICLO DI VITA DEL MERCATO DEL CREDITO AL CONSUMO Come già visto in ambito internazionale, il mercato del credito al consumo presenta un fisiologico ciclo di vita che, nella fase di avvio e di sperimentazione dei prodotti, vede una domanda orientata verso i finanziamenti occasionali come il credito finalizzato all acquisto di specifici beni (magari anche a tassi promozionali). La sperimentazione positiva del ricorso al credito e la migliore comprensione dei prodotti di finanziamento conducono a un progressivo maggiore utilizzo del credito. Normalmente, la domanda si sposta verso forme di finanziamento diretto (i prestiti personali) richieste per fabbisogni finanziari più generici e meno legati all acquisto di un bene o servizio. Nella fase di maggiore maturità, le famiglie aumentano il ricorso verso forme di credito revolving (soprattutto le carte di credito), che assicurano la massima flessibilità di utilizzo e slegano il ricorso al credito da richieste finanziarie da ripetere di volta in volta. Questi strumenti richiedono, tuttavia, la massima consapevolezza di utilizzo da parte della famiglia, dato che possono indurre situazioni e squilibri finanziari causati da una sovrastima delle proprie capacità di rimborso e dall assenza di un controllo costante operato dai finanziatori e delle rate prefissate da rimborsare. 16

18 L INCREMENTO DEL CREDITO NON FINALIZZATO E DEI CANALI DIRETTI Negli ultimi anni, il mercato del credito al consumo ha evidenziato un sensibile incremento della domanda/offerta di forme di finanziamento dirette (prestiti personali, carte di credito rateali e prestiti contro cessione del quinto dello stipendio) rispetto a quello del credito finalizzato. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Prestiti personali Carte credito Cessione quinto stipendio Prestiti finalizzati Composizione del credito al consumo erogato fonte: Osservatorio Assofin (anni vari) L aumento dei prestiti non finalizzati, però, non si associa a una contrazione del credito finalizzato. Entrambe le tipologie di finanziamento, infatti, aumentano ma con intensità differente, a causa di precise scelte poste in essere dagli intermediari finanziari. Invece, le ragioni principali dell incremento sono da ricercare: nell interesse degli intermediari a disintermediare il credito al consumo accorciando la catena distributiva, al fine di risparmiare gli oneri distributivi e migliorare la relazione con il cliente, e nella preferenza per prodotti legati al fabbisogno finanziario complessivo della famiglia e non all acquisto di un preciso bene. Sotto un profilo distributivo, negli ultimi anni, è aumentata anche la preferenza per i canali distributivi differenti rispetto agli esercenti commerciali. 17

19 100% 90% 80% 11% 9% 45% 70% 60% 50% 40% 13% 80% 30% 42% 20% 10% 0% 2001 Sportelli 2009 Convenzionati Agenti fonte: Osservatorio Assofin (anni vari) Un ruolo molto importante è stato assunto dagli sportelli degli intermediari finanziari, in particolare delle banche, che hanno incrementato notevolmente i volumi di credito al consumo erogati. Il ricorso agli sportelli e alle filiali, proprie o del gruppo bancario di appartenenza, permette agli intermediari finanziari (i finanziatori) di poter avere un rapporto più diretto ed efficiente sia con coloro che gestiscono il cliente (i dipendenti) sia con il cliente stesso, migliorando la qualità dei servizi offerti e riducendo i rischi di compliance e reputazionali legati a soggetti esterni meno controllabili. Occorre tenere conto della rigidità e dell onerosità di questi canali che ripagano, tuttavia, l investimento con una maggiore competitività e una minore contendibilità della clientela. LE CARATTERISTICHE DEI FINANZIAMENTI: IMPORTI E DURATE Il mercato registra un maggiore ricorso dei consumatori verso finanziamenti con importi e durate crescenti. Queste caratteristiche riguardano tutti i prodotti di credito al consumo. I prestiti contro cessione del quinto dello stipendio costituiscono il tipo di finanziamento che presenta il maggiore importo e durata medi (alla fine del 2009 il 72% dei prestiti era di importo superiore a euro e oltre l 87% aveva una scadenza originaria superiore a cinque anni). In ordine, i prestiti personali sono la seconda forma di finanziamento per dimensioni degli importi e durate (il 58% dei prestiti supera i euro e il 48% ha una durata superiore ai cinque anni). Fra gli altri prestiti, solo i finanziamenti finalizzati all acquisto di un auto ha importi e durate paragonabili, tenendo conto che il finalizzato auto, solo nel 33% dei casi, supera i euro e in meno del 15% dei casi ha scadenze che oltrepassano i cinque anni. 18 Le carte revolving e il credito finalizzato non auto sono denominati small ticket, avendo transazioni medie intorno ai euro e scadenze medie non superiori ai 2 anni.

20 Promozione e Marketing: Carmen Lombardo, Ufficio Vendite e Pianificazione e Controllo, ABIFormazione Silvia Quaranta, Ufficio Vendite e Pianificazione e Controllo, ABIFormazione Gloria Ramaglioni, Ufficio Vendite e Pianificazione e Controllo, ABIFormazione

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2.3. L ANALISI DELL OFFERTA Al termine del capitolo sarai in grado di descrivere

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010 NOTA BENE: le parti evidenziate in giallo sono state

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CHE COS È LA La Cessione del Quinto dello Stipendio è una particolare forma di prestito personale che viene rimborsata dal soggetto finanziato (Cliente) mediante la cessione pro solvendo alla Banca di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 -

FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 - FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 - LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO GE Capital Servizi Finanziari

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

NUMERO: DATA: Pagina 1 di 7

NUMERO: DATA: Pagina 1 di 7 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CQP IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE FLA SpA FINANZIATORE REA/Pescara n 137769 - C.F./P. IVA: 01520400696 - Cap. Soc. Euro

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO SENZA SEGRETI. La guida definitiva. Tutto quello che bisogna sapere ( prima di firmare! )

CESSIONE DEL QUINTO SENZA SEGRETI. La guida definitiva. Tutto quello che bisogna sapere ( prima di firmare! ) CESSIONE DEL QUINTO SENZA SEGRETI. La guida definitiva. Tutto quello che bisogna sapere ( prima di firmare! ) Dedicato ai lavoratori dipendenti ed ai pensionati. Si paga senza utilizzare il conto corrente,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CHE COS È LA La Cessione del Quinto dello Stipendio è una particolare forma di prestito personale che viene rimborsata dal soggetto finanziato (Cliente) mediante la cessione pro solvendo alla Banca di

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE 1 Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio- lungo termine Operazioni di prestito bancario Operazioni di smobilizzo 2 Definizione

Dettagli

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento.

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento. GUIDA AL CREDITO Vogliamo rappresentare un saldo punto di riferimento per la ns. clientela, nell esercizio dell attività finanziaria. Siamo in grado di venire incontro alle esigenze creditizie del cliente

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA FOGLIO INFORMATIVO Pagina 1 di 5 RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE FINANZIATORE INDIRIZZO IBL Banca

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SU CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E PRESTITO CON DELEGAZIONE DI PAGAMENTO AL DATORE DI LAVORO

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SU CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E PRESTITO CON DELEGAZIONE DI PAGAMENTO AL DATORE DI LAVORO Sede legale e Direzione Amministrativa : Via Sferracavallo, 8 (Condominio Acacia) 03043 CASSINO (FR) ITALIA Tel. / Fax 0776 21108 C.F./P.I. 02422400602 C.C.I.A.A. Frosinone - R.E.A. n 151181 Capitale Sociale:

Dettagli

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE Informazioni sulla Banca B@nca 24-7 S.p.A. Società per azioni avente socio unico Sede legale: Piazza Vittorio Veneto 8-24122 Bergamo - Sede operativa:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro.

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro. Condizioni di Assicurazione della Polizza per l Assicurazione sul Credito a garanzia delle perdite patrimoniali derivanti dalla Contraente in caso di perdita dell impiego del mutuatario relativa a prestiti

Dettagli

www.cooperfin.com cooperfin@pec.it istruttoria@cooperfin.com job@cooperfin.com www.cooperfin.com cooperfin@pec.it

www.cooperfin.com cooperfin@pec.it istruttoria@cooperfin.com job@cooperfin.com www.cooperfin.com cooperfin@pec.it CooperFin S.p.A. Capitale Sociale deliberato 8.000.000,00 MOD: IEBCC_PCC-PRIV I N F O R M A Z I O N I E U R O P E E D I B A S E S U L C R E D I T O A I C O N S U M A T O R I Norme per la trasparenza delle

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale ConTanti Cessione del quinto dello stipendio / Delegazione di pagamento

FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale ConTanti Cessione del quinto dello stipendio / Delegazione di pagamento FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale ConTanti Cessione del quinto dello stipendio / Delegazione di pagamento Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari D.Lgs. n. 385/1993

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Aggiornato al 01/04/2015 IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A PENSIONATI RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE-CREDITO AL CONSUMO

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A PENSIONATI RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE-CREDITO AL CONSUMO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A PENSIONATI RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE-CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozionali ai sensi del

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTRATTO DI CREDITO RIMBORSABILE MEDIANTE RILASCIO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 Premessa In relazione alle richieste di chiarimenti pervenute in merito alle modalità applicative

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI DI AZIENDE PRIVATE RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozinali

Dettagli

Foglio Informativo Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari (D.LGS. 385 del 1/9/93 Delibera C.I.C.R.

Foglio Informativo Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari (D.LGS. 385 del 1/9/93 Delibera C.I.C.R. Aggiornato al 01 GENNAIO 2010 Pag. 1 / 6 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Foglio Informativo Aggiornamento n. 1 PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD Consum.it S.p.A.

Dettagli

Compendio sul Prestito Personale e la Cessione del Quinto

Compendio sul Prestito Personale e la Cessione del Quinto Compendio sul Prestito Personale e la Cessione del Quinto INDICE 1 Prestito Personale: caratteristiche fondamentali 2 2 Garanzie per richiedere un Prestito Personale 2 Caratteristiche determinanti di un

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI DI AZIENDE PRIVATE RIMBORSABILE MEDIANTE DELEGAZIONE DI QUOTE DELLO STIPENDIO - CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozionali

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI PUBBLICI RIMBORSABILE MEDIANTE DELEGAZIONE DI QUOTE DELLO STIPENDIO - CREDITO AL CONSUMO

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI PUBBLICI RIMBORSABILE MEDIANTE DELEGAZIONE DI QUOTE DELLO STIPENDIO - CREDITO AL CONSUMO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI PUBBLICI RIMBORSABILE MEDIANTE DELEGAZIONE DI QUOTE DELLO STIPENDIO - CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozionali

Dettagli

INFORMAZIONE: CONDIZIONI OFFERTE ALLA GENERALITA DELLA CLIENTELA PRESTITO RATEALE

INFORMAZIONE: CONDIZIONI OFFERTE ALLA GENERALITA DELLA CLIENTELA PRESTITO RATEALE INFORMAZIONE: CONDIZIONI OFFERTE ALLA GENERALITA DELLA CLIENTELA PRESTITO RATEALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano

Dettagli

Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN. L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation

Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN. L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation Convegno ABI Carte 2011 Roma, 3/4 novembre 2011 IL FRAMEWORK

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio 2009) CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

IL PRESTITO A PORTATA DI CITTADINO TUTTO QUELLO CHE UN CITTADINO DEVE SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN PRESTITO MUTUA DEL LAVORO E DELLE FAMIGLIE

IL PRESTITO A PORTATA DI CITTADINO TUTTO QUELLO CHE UN CITTADINO DEVE SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN PRESTITO MUTUA DEL LAVORO E DELLE FAMIGLIE IL PRESTITO A PORTATA DI CITTADINO TUTTO QUELLO CHE UN CITTADINO DEVE SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN PRESTITO MUTUA DEL LAVORO E DELLE FAMIGLIE Agli utenti privati del credito Il progressivo peggioramento

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle

Dettagli

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Informazioni sulla Banca B@nca 24-7 S.p.A. Società per azioni avente socio unico Sede legale: Piazza Vittorio Veneto 8-24122 Bergamo - Sede operativa:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD

PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD Aggiornato al 01 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 6 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Foglio Informativo Aggiornamento n. 2 PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD Consum.it S.p.A. Sede

Dettagli

Ufficio Stampa. Close to Media (Francesca Valagussa) Tel. 02 70006237

Ufficio Stampa. Close to Media (Francesca Valagussa) Tel. 02 70006237 Cartella Stampa GE Money nel mondo e in Italia Ufficio Stampa Close to Media (Francesca Valagussa) Tel. 02 70006237 GE Money nel mondo GE Money fa parte del gruppo GE Capital Global Banking, divisione

Dettagli

Che cos è un prestito contro la cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Che cos è un prestito contro la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Foglio Informativo n. 5300/17 Data ultimo aggiornamento: 01 Aprile 2011 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Timbro Filiale/Agenzia Foglio

Dettagli

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 4 Foglio Informativo Aggiornamento n. 8 PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e

Dettagli

MODELLO STANDARD CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

MODELLO STANDARD CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Mandataria Telefono Email Fax Sito web Conafi Prestitò S.p.A. Via

Dettagli

Contratto di PREFINANZIAMENTO n. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

Contratto di PREFINANZIAMENTO n. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI COFIMAR PREMIA SPA Sede legale: Viale Manzoni, 91 00185 Roma Cap. Soc. 3.000.000,00 I.V. Cod.Fiscale /P.Iva 05336800635 Intermediario Finanziario Iscritto al N 1623 dell Elenco Generale ex Art. 106 del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON DELEGA DI PAGAMENTO MEDIANTE TRATTENUTE SULLO STIPENDIO FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI

Dettagli

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO Versione n. 2 di Giugno 2005 TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA Versione n. 2 di Giugno 2005 PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO 2 1 Descrizione

Dettagli

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 11 Data ultimo aggiornamento:01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 11 Data ultimo aggiornamento:01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE 03191 Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 11 Data ultimo aggiornamento:01/09/2010 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE SANTANDER CONSUMER BANK S.p.A. Via Nizza n. 262-10126

Dettagli

Contratto di PREFINANZIAMENTO n.

Contratto di PREFINANZIAMENTO n. Contratto di PREFINANZIAMENTO n. Aggiornato al 04/12/2014 INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del Finanziatore / intermediario del credito Finanziatore: Indirizzo:

Dettagli

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC Aggiornato al 01 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 2 CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale: Piazza Salimbeni,

Dettagli

La prima banca per i lavoratori dipendenti Pag. 1. L offerta: personalizzazione e sicurezza Pag. 3

La prima banca per i lavoratori dipendenti Pag. 1. L offerta: personalizzazione e sicurezza Pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La prima banca i lavoratori dipendenti Pag. 1 L offerta: sonalizzazione e sicurezza Pag. 3 Il credito al consumo: un settore in evoluzione Pag. 5 I dati economico-finanziari

Dettagli

PATTI CHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTI CHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA PATTI CHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA 1 Descrizione del Conto 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE

Dettagli

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 4 Foglio Informativo Aggiornamento n. 7 PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/40 Data ultimo aggiornamento: 01 Aprile 2011 Dati e qualifica q del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Foglio Informativo PRESTITO

Dettagli

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO/DELEGAZIONE DI PAGAMENTO FOGLIO INFORMATIVO

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO/DELEGAZIONE DI PAGAMENTO FOGLIO INFORMATIVO NEOS BANCA SpA Via Indipendenza 2 40121 Bologna Tel. 051.21181, Fax 051.7450430 www.neosbanca.com Capitale sociale Euro 89.818.181,70 i.v. Iscrizione Registro Imprese Bologna Codice Fiscale e Partita IVA

Dettagli

LINEE GUIDA IL CREDITO AL CONSUMO

LINEE GUIDA IL CREDITO AL CONSUMO Gennaio 2015 Cos è il credito al consumo? É un prestito finanziario destinato all acquisto di un bene, durevole o non durevole, concesso al cliente consumatore da una banca o da una società finanziaria

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO FISSO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.: 0471 996111 Fax: 0471

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 32 dell'8 Febbraio 2007

Gazzetta Ufficiale N. 32 dell'8 Febbraio 2007 Gazzetta Ufficiale N. 32 dell'8 Febbraio 2007 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 27 dicembre 2006, n.313 Regolamento di attuazione dell'articolo 13-bis del decreto-legge 14 marzo 2005, n.

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI E SERVIZI PER LA CLIENTELA RETAIL

I PRINCIPALI PRODOTTI E SERVIZI PER LA CLIENTELA RETAIL I PRINCIPALI PRODOTTI E SERVIZI PER LA CLIENTELA RETAIL LETTURE INTEGRATIVE 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Qual è la funzione del conto corrente? Meglio un mutuo a tasso fisso o variabile? Quali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO PRIVATI PER SCOPO DIVERSO DA ABITAZIONE

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO PRIVATI PER SCOPO DIVERSO DA ABITAZIONE FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO PRIVATI PER SCOPO DIVERSO DA ABITAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/39 Data ultimo aggiornamento: 01 Gennaio 2011 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Dettagli

Il credito al consumo e il Broker di Riassicurazione

Il credito al consumo e il Broker di Riassicurazione Copyright 2007 Willis Limited all rights reserved. Il credito al consumo e il Broker di Riassicurazione Giulio Figarolo di Gropello Presidente Willis Re Southern Europe Credito alle famiglie 2007 Consumer

Dettagli

PATTICHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA PATTICHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA 1 Descrizione del Prodotto 2 Operatività corrente e gestione

Dettagli

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 7 CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e Operativa: Via

Dettagli

Foglio informativo n. 1 CBU Aggiornamento n. 3 Data ultimo aggiornamento: 01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO PER LA RINEGOZIAZIONE DEL DEBITO

Foglio informativo n. 1 CBU Aggiornamento n. 3 Data ultimo aggiornamento: 01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO PER LA RINEGOZIAZIONE DEL DEBITO 03191 Foglio informativo n. 1 CBU Aggiornamento n. 3 Data ultimo aggiornamento: 01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO PER LA RINEGOZIAZIONE DEL DEBITO INFORMAZIONI SULLA SOCIETÀ SANTANDER CONSUMER FINANZIA

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

Versione n. 3 Ottobre 2008

Versione n. 3 Ottobre 2008 Versione n. 3 Ottobre 2008 PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA Versione n. 3 Ottobre 2008 1 Descrizione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE PRO SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO WORLD

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE PRO SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO WORLD PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE PRO SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO WORLD SEZ. I) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA (codice ABI 5387.6) Società cooperativa con sede legale

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B REGIONE PIEMONTE BU20 21/05/2015 Consiglio Regionale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B Approvazione dei modelli della disciplina e della convezione

Dettagli

FINFAMILY S.P.A. FinfamilyS.p. Soluzioni Finanziarie

FINFAMILY S.P.A. FinfamilyS.p. Soluzioni Finanziarie FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO/DELEGAZIONE DI PAGAMENTO (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio

Dettagli

ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001

ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001 ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001 Sottoscritto il 25 Luglio 2013 a Roma 1 PER L INPS Il Presidente della delegazione trattante

Dettagli

CREDITO AL CONSUMO (Tasso Fisso)

CREDITO AL CONSUMO (Tasso Fisso) FOGLIO INFORMATIVO CREDITO AL CONSUMO (Tasso Fisso) Sezione I - Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEGLI ULIVI - TERRA DI BARI - Società Coop. Sede legale

Dettagli

Mutuo Chirografario Prestito Scuola Aggiornato al 13.01.2015

Mutuo Chirografario Prestito Scuola Aggiornato al 13.01.2015 Mutuo Chirografario Prestito Scuola Foglio informativo MUTUO CHIROGRAFARIO PRESTITO SCUOLA INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa:

Dettagli

Informazioni europee di Base sul Credito ai Consumatori per la Carta di Credito BancoPosta Più

Informazioni europee di Base sul Credito ai Consumatori per la Carta di Credito BancoPosta Più Compass Banca S.p.A. - Sede Legale e Direzione Generale: Via Caldera, 21-20153 Milano - Telefono 02 72 132.1 - Fax 02 72 32 374 www.compass.it - Capitale euro 587.500.000 i.v.; Codice Fiscale, Partita

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati Emergenza Alluvione

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati Emergenza Alluvione FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale a Privati Emergenza Alluvione INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-41038 San Felice sul Panaro (MO) Tel.: 0535/89811

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

TABELLA DI RACCORDO 05.12.2006

TABELLA DI RACCORDO 05.12.2006 1/ 6 1 Descrizione del Conto 2 Operatività corrente e gestione della liquidità Operatività corrente e gestione della liquidità PER DISPORRE DEI SERVIZI DI INFORMAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI FLUSSI MONETARI

Dettagli

PRESTITO con DELEGAZIONE di PAGAMENTO al datore di lavoro CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELL OPERAZIONE

PRESTITO con DELEGAZIONE di PAGAMENTO al datore di lavoro CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELL OPERAZIONE 1 FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi delle disposizioni di cui alla Delibera CICR 04.03.2003 e successivo provvedimento di attuazione della Banca d Italia 29.07.2003 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO IDEA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO MASSIMO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO MASSIMO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO MASSIMO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.: 0471 996111 Fax:

Dettagli

CARTA DI CREDITO CARTA UNICA CLASSIC MONOFUNZIONE

CARTA DI CREDITO CARTA UNICA CLASSIC MONOFUNZIONE Aggiornato al 15 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 5 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Foglio Informativo Aggiornamento n. 3 CARTA DI CREDITO CARTA UNICA CLASSIC MONOFUNZIONE Consum.it S.p.A. Sede Legale e Operativa:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

I contratti di finanziamento: Credito al consumo

I contratti di finanziamento: Credito al consumo I contratti di finanziamento: Credito al consumo Definizioni e struttura del rapporto pagina 1 Aspetti definitori Per credito al consumo si intende il credito per l acquisto di beni e servizi (credito

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL MUTUO CHIROGRAFARIO

QUANTO PUÒ COSTARE IL MUTUO CHIROGRAFARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO Banca: CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI TREVISO CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede legale: VILLANOVA D ISTRANA (TV), via Monte Santo 6/A. Tel.: 0422 832237 - Fax: 0422 832419.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, DELLA PENSIONE E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO CHE COS E'?

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, DELLA PENSIONE E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO CHE COS E'? GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, DELLA PENSIONE E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO CHE COS E'? La cessione del quinto dello stipendio è una particolare forma di prestito personale non finalizzato,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO TASSO FISSO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Ostuni Società Cooperativa Largo Mons. Italo Pignatelli n.2 72017 Ostuni Tel.: 0831-301241 Fax:

Dettagli

Mutuo Chirografario PRESTITO SPRINT per soci persone fisiche e giuridiche Aggiornato al 13.01.2015

Mutuo Chirografario PRESTITO SPRINT per soci persone fisiche e giuridiche Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo MUTUO CHIROGRAFARIO PRESTITO SPRINT PER SOCI PERSONE FISICHE E PERSONE GIURIDICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed

Dettagli

2. Caratteristiche principali del prodotto di credito. Santander Consumer Bank S.p.A. a socio unico

2. Caratteristiche principali del prodotto di credito. Santander Consumer Bank S.p.A. a socio unico Santander Consumer Bank S.p.A. Direzione Generale Via Nizza, 262/26-10126 TORINO Codice Fiscale/Partita IVA/R.I. di Torino 05634190010 - Codice ABI 03191 Capitale Sociale 573.000.000 i.v. - Iscritta all

Dettagli

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 16 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 16 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 16 Data ultimo aggiornamento: 01/04/2011 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE SANTANDER CONSUMER BANK S.p.A. (da ora anche SCB) Via Nizza

Dettagli

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI A CURA DEL CENTRO STUDI ECONOMICO FINANZIARIO DELLA FINANCIAL ADVISORS BUSINESS DIVISIONE RETAIL SOMMARIO 1 IL PRESTITO CHIROGRAFARIO 2 AFFIDAMENTI

Dettagli

Foglio Informativo Mutuo Risparmio

Foglio Informativo Mutuo Risparmio Foglio Informativo Mutuo Risparmio INFORMAZIONI SU CHEBANCA! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Viale Luigi Bodio 37, Palazzo 4, 20158 Milano Indirizzo

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA INFORMAZIONI GENERALI SULLE DIVERSE TIPOLOGIE DI MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (ai sensi del D.L. n. 185/2008)

Dettagli

AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici

AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici Edizione 2012 AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici Prima di presentare domanda verificare le condizioni vigenti su www.inpdap.gov.it o presso gli Urp di

Dettagli