2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. Trasparenza e credito ai consumatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. Trasparenza e credito ai consumatori"

Transcript

1 2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. Trasparenza e credito ai consumatori 5 Il mercato del credito al consumo

2 1 5 INDICE L analisi del mercato 2 Introduzione Il lato della domanda Il lato dell offerta I canali distributivi I prodotti del credito al consumo 8 La classificazione dei prodotti di credito al consumo Il credito rateale finalizzato I prestiti personali Le carte di credito rateali Il prestito contro cessione del quinto I prestiti con delegazione di pagamento I principali fenomeni del mercato 16 Il ciclo di vita del mercato del credito al consumo L incremento del credito non finalizzato e dei canali diretti Le caratteristiche dei finanziamenti: importi e durate

3 L ANALISI DEL MERCATO INTRODUZIONE Il credito al consumo è un attività di offerta di prodotti di finanziamento e accessori, a individui e famiglie, da parte di banche e altri intermediari finanziari attraverso canali diretti, indiretti e virtuali. Le caratteristiche della controparte, cioè il consumatore, il suo processo di acquisto, gli importi e i canali distributivi utilizzati, lo configurano come un attività di retail banking. APPROFONDIMENTO: Il consumatore Una persona fisica che agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta. Questa è la definizione di consumatore che è stata adottata in Italia dal Codice del Consumo e confermata con il recepimento della direttiva. In realtà, esistono alcune specificazioni relative alle caratteristiche del prodotto e delle finalità. GLOSSARIO: Retail banking In generale, con retail banking si definisce un area di attività data dalla combinazione fra un insieme di prodotti e servizi (di finanziamento, di investimento e di pagamento) che le banche (o gli intermediari finanziari in relazione alla propria attività) erogano o rendono disponibili ai consumatori, alle famiglie, ai privati e alle small business attraverso canali distributivi diretti (di proprietà del finanziatore), canali virtuali (senza partecipazione fisica del personale) oppure canali indiretti (cioè intermediati da un soggetto terzo rispetto al finanziatore e al consumatore). Come tutti i mercati, quello del credito al consumo (inteso come luogo in cui i soggetti che offrono finanziamenti - i finanziatori - e gli individui che li domandano - i consumatori - si incontrano per perfezionare i differenti contratti di credito - i prodotti -) può essere analizzato tenendo conto del lato della domanda, del lato dell offerta e dei prodotti. 2 L analisi dell offerta, in particolare, deve considerare non solo gli intermediari finanziari ma anche i canali distributivi attraverso cui operano per poter comprendere meglio la struttura del mercato e, in particolare, il grado di concorrenza esistente per coloro che erogano finanziamenti ai consumatori.

4 IL LATO DELLA DOMANDA Il lato della domanda è costituito da individui o famiglie che agiscono finanziariamente per conto proprio. Tuttavia, il credito al consumo si configura solo quando la persona agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta. APPROFONDIMENTO: La famiglia nel ciclo del consumo La famiglia rappresenta un entità con modalità di comportamento legate al soddisfacimento dei propri bisogni di consumo. Essa presenta un ciclo caratteristico determinato da produzione di lavoro, vendita (con percepimento dei redditi da lavoro) e acquisizione di beni e servizi per il soddisfacimento dei bisogni primari e voluttuari dei propri componenti. L eccedenza delle necessità di spesa, corrente e non, rispetto al reddito e all eventuale risparmio accumulato (decurtato di un cuscinetto finanziario detenuto per scopi precauzionali) genera il fabbisogno finanziario, secondo un criterio di cassa. Occorre ricordare che, spesso, in un economia domestica, le differenti fonti finanziarie concorrono in modo unitario a soddisfare i fabbisogni finanziari della famiglia. Il ricorso al credito da parte delle famiglie italiane nel corso degli ultimi anni è stato progressivamente crescente sia per quanto riguarda il credito al consumo che nel 2009 era pari a oltre 110 miliardi, sia per i mutui fondiari, destinati al finanziamento degli acquisti di immobili che, alla stessa data, avevano superato i 270 miliardi. 300 Credito al consumo Mutui fondiari Fonte: Osservatorio sul credito al dettaglio Assofin, Crif, Prometeia (anni vari), Banca d Italia (anni vari) La domanda di credito al consumo delle famiglie è la risultante di almeno tre variabili: 3 il reddito complessivo disponibile; la propensione al consumo (quanto si consuma rispetto al reddito); la propensione all indebitamento, cioè quanto si fa ricorso al credito esterno (che dipende da fattori di tipo socio-economici, psicologici e comportamentali).

5 IL LATO DELL OFFERTA 4 Il lato dell offerta è costituito da una pluralità di intermediari finanziari e soggetti che possono erogare credito ai consumatori. Fornitori di beni Soggetti no fini di lucro Società di microcredito Banche e gruppi Banche estere OFFERTA Istituti di pagamento Società finanziarie Fornitori di beni e prestatori di servizi Fornitori di beni e prestatori di servizi (art. 122 TUB, c. 5) Possono concludere contratti di credito nella sola forma della dilazione del prezzo con esclusione del pagamento degli interessi e di altri oneri. Essi, quindi, partecipano in nome proprio oppure possono promuovere la conclusione di contratti di credito per altri intermediari finanziari con cui sono convenzionati. Banche e gruppi bancari Banche e gruppi bancari Sono tutte la banche presenti nel sistema italiano e possono, a differenza di tutti gli altri operatori, erogare contestualmente anche servizi di investimento e di pagamento. Banche estere Banche estere (Con succursali o in attività di prestazione di servizi senza stabilimento). La normativa consente alle banche e alle società finanziarie controllate da banche autorizzate in uno Stato membro dell'unione Europea (UE) di esercitare in Italia le attività bancarie ammesse al mutuo riconoscimento, tramite una succursale ovvero in regime di prestazione di servizi senza stabilimento, sulla base dell'autorizzazione rilasciata dall'autorità del Paese d'origine e sotto il controllo dell'autorità stessa, che rimane responsabile della loro solidità finanziaria. In Italia esse operano soprattutto, per il tramite dei concessionari dei gruppi industriali (per esempio settore automobilistico) oppure attraverso i punti vendita della Grande Distribuzione Organizzata (GDO).

6 Società finanziarie autorizzate Società finanziarie autorizzate (art. 106 TUB) La nuova normativa sul credito al consumo stabilisce che l'esercizio nei confronti del pubblico dell attività di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma è riservato agli intermediari finanziari autorizzati, iscritti in un apposito albo. Scompare la distinzione fra società finanziare ex art. 106 (con blandi obblighi regolamentari) e le società ex art. 107 che invece erano vigilate e dovevano rispettare specifici vincoli regolamentari e operativi. Attualmente le società finanziarie devono: possedere forma di società di capitali; avere un capitale versato minimo; rispettare i requisiti di onorabilità previsti per i titolari di partecipazioni rilevanti e i requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza previsti per gli amministratori. Inoltre, l oggetto sociale deve essere limitato alle sole attività di finanziamento. Sotto un profilo regolamentare, è previsto il perseguimento di una specifica adeguatezza patrimoniale e il contenimento del rischio nelle sue diverse configurazioni. Inoltre, occorre che esista un adeguata organizzazione amministrativa e contabile e sia sviluppato un sistema di controlli interni e informativi in grado di supportare il controllo esterno effettuato dalla Banca d Italia. Istituti di pagamento Istituti di pagamento (ex art. 114-sexies e segg. TUB) Possono esercitare le seguenti attività accessorie alla prestazione di servizi di pagamento: concedere crediti in stretta relazione ai servizi di pagamento prestati non superiori a 1 anno; accordare finanziamenti nell ambito di linee di credito concesse a un utente di servizi di pagamento oppure nell ambito di emissione di strumenti di pagamento. 5 Società di microcredito Società di microcredito (art. 111 TUB) La nuova normativa ha introdotto e riconosciuto le società di microcredito che promuovono il sostegno a soggetti con particolari caratteristiche attraverso la concessione di credito per l avvio o lo sviluppo di attività professionali di piccola entità o per finalità di inclusione sociale. Le società sono iscritte in un apposito Elenco. Soggetti giuridici senza fini di lucro Soggetti giuridici senza fini di lucro (art. 111 TUB) La nuova normativa concede a soggetti senza scopo di lucro la possibilità di erogare finanziamenti per scopi personali ma solo se concessi a condizioni più favorevoli di quelle prevalenti sul mercato. Per fare ciò occorre unicamente l iscrizione a un apposita sezione dell elenco degli operatori di microcredito, il possesso dei requisiti di onorabilità dei soci di controllo o rilevanti e di onorabilità e professionalità degli esponenti aziendali oltre alla presentazione di un programma di attività.

7 GLOSSARIO: Succursale Un punto operativo permanente, anche se non operante in via continuativa, che svolge direttamente con il pubblico, in tutto o in parte, l'attività della banca. GLOSSARIO: Attività di prestazione di servizi senza stabilimento Lo svolgimento di operazioni bancarie e finanziarie nel territorio di uno Stato estero, in assenza di succursali e attraverso un'organizzazione temporanea. Si è in presenza di prestazione di servizi senza stabilimento quando l'offerta dei servizi viene effettuata tramite l'effettiva presenza nel territorio del paese ospitante di personale incaricato dal prestatore, anche in modo occasionale. APPROFONDIMENTO: I finanziamenti nell ambito di linee di credito concesse a un utente di servizi di pagamento oppure nell ambito di emissione di strumenti di pagamento Il finanziamento: è accessorio e concesso esclusivamente in relazione all esecuzione di un operazione di pagamento; è di breve durata, non superiore a dodici mesi (può essere di durata superiore a 12 mesi quello concesso in relazione ai pagamenti effettuati con carta di credito); non è concesso utilizzando fondi ricevuti o detenuti ai fini dell esecuzione di un operazione di pagamento. I CANALI DISTRIBUTIVI Nel lato dell offerta devono essere considerati i canali distributivi, cioè i soggetti interni o esterni all intermediario creditizio che contribuiscono all erogazione del finanziamento. Questi intervengono: nella promozione dei contratti, nello svolgimento di alcune fasi operative del processo creditizio (raccolta informazioni, compilazione domanda di finanziamento, trasferimento informazioni al cliente, ecc.), e nella gestione del cliente. Canali distributivi interni (o diretti) Canali virtuali 6 Filiali Punti-negozi finanziari di proprietà Internet ATM Canali Convenzionati distributivi GDO indiretti (o intermediati) Filiali di banche Agenti e società del gruppo monomandatari Call center Carte di plastica - POS Reti di mediazione creditizia Reti-società con plafond finanziario Filiali di banche partner commerciali

8 Canali distributivi interni (o diretti) Canali distributivi interni (o diretti) I canali distributivi possono essere definiti interni (o indiretti) se appartengono giuridicamente al finanziatore oppure se agiscono sotto il suo controllo diretto (filiali, sportelli leggeri, sportelli di banche del medesimo gruppo bancario). Canali virtuali Canali virtuali I canali virtuali sono sotto il diretto controllo dell intermediario finanziario ma non prevedono l intervento fisico di alcun operatore o dipendente (per esempio Internet, ATM, carte di plastica, POS, ecc.). Essi, quindi, svolgono solo una funzione distributiva pura, cioè costituiscono un punto di accesso all utilizzo dei prodotti dell intermediario finanziario. Canali distributivi esterni o indiretti (intermediati) Canali distributivi indiretti (o intermediati) Questa tipologia di canale distributivo è esterna all intermediario finanziario e prevede l intervento di un soggetto terzo (per esempio, un esercente commerciale, la Grande Distribuzione Organizzata (GDO), un mediatore creditizio, una banca autonoma, ecc.). Il rapporto fra l intermediario finanziario e il canale distributivo (definito dalla normativa intermediario del credito ) è normalmente regolato da una convenzione commerciale che individua le modalità di intervento del canale, le attività da svolgere e, in particolare, la remunerazione per le differenti attività svolte. Il rapporto può essere in esclusiva cioè prevedere che il canale operi unicamente per l intermediario finanziario oppure non porre limiti al numero di intermediari finanziari di cui si distribuiscono i prodotti. Solo il mediatore creditizio deve operare con più intermediari finanziari poiché egli svolge un ruolo di broker ed opera anche nell interesse del consumatore che domanda finanziamento. APPROFONDIMENTO: I canali distributivi interni Le previsioni normative contenute nel D.lgs 141 pubblicato nel settembre del 2010 introducono l obbligo di mandato unico per gli agenti in attività finanziaria, configurandoli come un vero e proprio canale interno dato che essi agiscono in nome e per conto del mandante ovvero dell intermediario finanziario o del gruppo a cui il mandante appartiene. In realtà, il mandato unico prevede una deroga: qualora l agente non riesca a completare la gamma di prodotto egli può operare per altri intermediari finanziari ma non può in nessun caso avere più di tre mandati di attività finanziaria. 7

9 I PRODOTTI DEL CREDITO AL CONSUMO LA CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DI CREDITO AL CONSUMO Non esiste una definizione di prodotto di credito al consumo in positivo poiché tutti i finanziamenti erogati nei confronti del consumatore rientrano nell ambito di tale mercato. Sotto un profilo normativo esistono alcuni requisiti che individuano il credito al consumo e impongono al finanziatore una serie di obblighi informativi, contrattuali e post contrattuali finalizzati a una maggiore tutela del consumatore. Sotto un profilo operativo, invece, tutti i finanziamenti di qualsiasi tipologia, erogati per soddisfare un fabbisogno finanziario di un individuo o di una famiglia, sono da considerarsi credito al consumo. In questo senso non si modificano il processo creditizio, le attività che l intermediario finanziario deve svolgere, i rischi correlati e le modalità di gestione degli stessi. Infatti, i prodotti di credito al consumo possono essere utilmente classificati secondo: la forma contrattuale; la finalità; la scadenza. La forma contrattuale La suddivisione per forma contrattuale conduce a due tipi di contratto: il mutuo, disciplinato dal codice civile (non riferito, quindi, al mutuo ipotecario o fondiario) e l apertura di credito. Queste forme modificano la struttura e il funzionamento del finanziamento. La finalità La finalità del finanziamento può essere indicata esplicitamente nel contratto di finanziamento oppure implicitamente quando il credito è intermediato dal fornitore di beni o dal prestatore di servizi che riceve direttamente l importo del finanziamento dal finanziatore. L espressione credito finalizzato indica un finanziamento il cui scopo è determinato al momento della richiesta e, in generale, tale scopo è rappresentato dall acquisto di un bene durevole, di un bene di consumo o di un servizio. Il cliente può accedere al finanziamento direttamente dal punto vendita del venditore attraverso differenti modalità organizzative che permettono una rapida gestione dell istruttoria di fido e della concessione dello stesso. 8 L espressione credito non finalizzato riassume tutti i finanziamenti erogati a favore di una famiglia, destinati a coprire un fabbisogno finanziario, la cui causa non è strettamente collegata all acquisto di uno specifico bene o servizio. Il rapporto con la banca o la società finanziaria non è intermediato da un distributore commerciale ma esiste sulla base di una relazione di clientela autonoma.

10 La scadenza Tutti i prestiti finalizzati e gran parte dei prestiti non finalizzati sono a scadenza determinata. Essi hanno un orizzonte temporale ben definito e terminano con il versamento dell ultima rata prevista dal piano di rimborso che estingue l obbligazione esistente. I finanziamenti a scadenza indeterminata o, meglio, senza una scadenza predefinita costituiscono delle linee di credito rotative poste a disposizione di un cliente (una famiglia) a cui si può attingere per soddisfare i fabbisogni finanziari di varia natura, molto spesso nell ambito di un conto corrente oppure mediante una carta di credito rateale. Nonostante nella realtà esistano numerose combinazioni degli aspetti prima analizzati, le principali linee di prodotto del credito al consumo sono: il credito rateale finalizzato, i prestiti personali, i prestiti contro cessione del quinto e le carte di credito rateali (o revolving). APPROFONDIMENTO: Il contratto di mutuo Il contratto di mutuo, disciplinato dal Codice Civile con l art. 1813, è il contratto con il quale una parte (il mutuante e, quindi, il finanziatore) consegna all altra (il mutuatario e, quindi, il consumatore) una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili e, quest ultima, si impegna a restituire altrettante cose della stessa specie e qualità. Il contratto di mutuo è un contratto consensuale, si perfeziona cioè con l accordo delle parti, e reale, si perfeziona con la consegna del denaro oggetto dell operazione. La consegna deve avvenire con la trasmissione del possesso, ovvero ponendo nella disponibilità del mutuatario la cosa mutuata. Insieme al possesso si trasferisce la proprietà della cosa stessa e il rischio inerente di perdita. La restituzione del prestito può avvenire in un'unica soluzione o, come spesso accade, ratealmente. In generale, i finanziamenti possono essere assistiti da garanzie reali e personali, anche se nella maggior parte dei finanziamenti ai consumatori esse non sono richieste. APPROFONDIMENTO: L apertura di credito L apertura di credito è un contratto (art del codice civile) attraverso cui una banca si obbliga a mantenere a disposizione del cliente, un certo importo per un periodo di tempo determinato (nel caso di apertura di credito a scadenza) o di tempo indeterminato (nel caso di apertura di credito a revoca). Il cliente può utilizzare detta somma in unica soluzione o in più soluzioni in relazione al proprio fabbisogno finanziario e può restituirla in modo flessibile sulla base delle proprie esigenze e disponibilità. L apertura di credito può essere distinta in due tipologie: l apertura di credito rotativa e l apertura di credito semplice. La prima è una linea di credito rotativa (revolving) in cui il rimborso (anche parziale) delle somme utilizzate non determina la fine del finanziamento ma il ripristino del fido che può essere nuovamente utilizzato dal cliente nei limiti dell ammontare concesso. 9

11 L apertura di credito semplice, invece, è una forma di finanziamento in cui la disponibilità della somma è immediata, mentre le modalità di utilizzo rientrano fra le facoltà del consumatore che decide quando e quanto utilizzare. Il cliente può utilizzare il credito ottenuto solo una volta, magari attraverso utilizzi parziali ma senza che sia possibile ripristinare la disponibilità di fido in seguito ai rimborsi effettuati. Normalmente non è definito il piano di rimborso anche se l apertura semplice è quasi sempre a scadenza determinata. IL CREDITO FINALIZZATO Il credito rateale finalizzato costituisce una forma di credito al consumo il cui scopo è determinato al momento della richiesta e consiste nel finanziamento dell acquisto di un bene durevole, di un bene di consumo o di un servizio. Il cliente, normalmente, accede a tale tipologia di finanziamento direttamente dal punto di vendita del distributore commerciale attraverso differenti modalità organizzative che permettono una rapida gestione dell istruttoria di fido e della concessione dello stesso. La struttura dell operazione prevede un rapporto creditizio diretto fra finanziatore e cliente finanziato; tuttavia, in virtù del mandato dato dal debitore, la somma viene direttamente accreditata a favore del distributore commerciale che ha realizzato la vendita del bene. Questo rappresenta la reale differenza fra il finanziamento finalizzato e il prestito personale. Il credito finalizzato costituisce una delle più tradizionali forme di credito al consumo. Molto spesso, le banche sono presenti indirettamente in questo mercato attraverso società finanziarie partecipate o controllate. I rapporti con i dealer commerciali, normalmente, sono regolati per mezzo di convenzioni, cioè di accordi che prevedono: le attività che il dealer svolge nel processo di affidamento; il grado di esclusività del mandato e, quindi, la possibilità del dealer di distribuire finanziamenti di altri intermediari finanziari; la gamma dei finanziamenti disponibili, sia con finalità promozionali che ordinarie; le condizioni economiche, cioè le commissioni, relative a ciascuna forma di finanziamento. Nella realtà, sono molto diffusi i dealer commerciali plurimandatari che distribuiscono finanziamenti di più intermediari finanziari. Questo è tanto più frequente quanto maggiore è la dimensione del dealer e dei suoi punti vendita. Il credito finalizzato è spesso utilizzato come variabile di marketing attraverso l offerta di finanziamenti a tassi promozionali o addirittura nulli, il tasso zero e di forme di finanziamento flessibili e in grado di posticipare gli esborsi finanziari legati al pagamento delle rate anche di qualche mese. 10

12 APPROFONDIMENTO: Il ruolo del distributore commerciale Il distributore commerciale può svolgere ruoli differenti nel processo di affidamento. Nella forma minimale si limita a comportarsi unicamente come un mediatore che propone il finanziamento e pone in contatto il cliente con l intermediario finanziario. In molti casi, partecipa al processo con un ruolo attivo, si occupa della raccolta della documentazione necessaria, istruisce la pratica, verifica l identità del debitore e la veridicità delle informazioni raccolte fino a comunicare al cliente l esito della pratica e stipulare, su delega dell intermediario, il contratto di finanziamento. La maggior parte dei dealer commerciali sono collegati per mezzo di una piattaforma telematica all intermediario finanziario con una riduzione sensibile dei tempi di affidamento. APPROFONDIMENTO: La struttura dell operazione del credito finalizzato La struttura dell operazione del credito finalizzato è riconducibile al contratto di mutuo. La somma è erogata in un unica soluzione e versata, su disposizione del mutuatario, direttamente al venditore del bene al cui acquisto è finalizzata l operazione. La restituzione della somma avviene in base a un piano di rimborso predefinito a rate costanti e, di norma, a tasso fisso. Data la loro funzione di finanziamento di acquisti di beni durevoli, il loro importo medio è generalmente inferiore rispetto ai prestiti personali e anche le scadenze sono meno protratte nel tempo. Le tipologie di beni finanziati spaziano dalle automobili nuove e usate, ai motocicli e ciclomotori, all arredamento, agli elettrodomestici bianchi e bruni, all elettronica, ecc. Negli ultimi tempi hanno assunto rilevanza per il credito finalizzato, numerose categorie di servizi quali i servizi sanitari, il turismo, i servizi legati alla cura della persona e al benessere, ecc.. I PRESTITI PERSONALI Il prestito personale è un finanziamento non finalizzato, cioè non collegato all acquisto di uno specifico bene o servizio. Esso costituisce il prodotto tradizionalmente offerto dalle banche e si fonda sullo schema contrattuale del contratto del mutuo, in cui è prevista l erogazione di una determinata somma a un cliente, che si obbliga a rimborsarla secondo un piano di ammortamento predefinito al momento della stipula del contratto. In generale, il prestito personale è un finanziamento effettuato a tasso fisso o a tasso variabile, in relazione alle esigenze della clientela. Il piano di ammortamento è normalmente alla francese (cioè a rata costante). APPROFONDIMENTO: Caratteristiche dell operazione di prestito personale Il prestito personale è concluso direttamente tra intermediario e consumatore e la somma è versata direttamente nelle mani del cliente anche se è stato erogato attraverso canali distributivi indiretti (gli intermediari del credito ricevono una commissione dal finanziatore e, in alcuni casi, anche dal consumatore). La maggiore capacità di valutazione e di controllo creditizio rende questa tipologia di finanziamento più adatta sia ai segmenti di clientela più problematici sotto un profilo di qualità creditizia, sia a finanziamenti di importo e durata maggiori. Il prestito personale può essere assistito da una garanzia reale o personale anche se sono raramente utilizzate nel credito al consumo. 11 La presenza di garanzie dipende dalle caratteristiche economico-finanziarie del richiedente, e molto spesso, nei casi in cui è richiesta una garanzia, questa è di tipo personale ed è fornita da un terzo che si co-obbliga al pagamento delle rate e alla restituzione del finanziamento. La presenza di garanzie reali incide sulla natura di credito ai consumatori.

13 LE CARTE DI CREDITO RATEALI Le carte di credito rateali sono documenti elettronici nella forma di plastic card che consentono al titolare, nell ambito del fido accordato, di utilizzare il finanziamento ricevuto sia attraverso pagamenti presso i terminali POS installati negli esercizi commerciali convenzionati, sia prelevando contante presso gli sportelli ATM. Le carte di credito rateali sono collegate con una specifica linea di credito rotativo (revolving) che consente al titolare di rateizzare il pagamento dell importo dovuto, corrispondendo gli interessi sulla dilazione ottenuta, proporzionali al periodo di tempo che intercorre fra l utilizzo e il rimborso e all importo residuo da restituire. I rimborsi via via effettuati determinano per pari importo la ricostituzione del massimale mensile e quindi la possibilità di riutilizzo della carta. APPROFONDIMENTO: Caratteristiche dell operazione di prestito personale I soggetti che partecipano al funzionamento di una carta di credito revolving sono quattro: l emittente, che promuove, direttamente o indirettamente, l intero processo delle carte di credito, dalla produzione, al collocamento, alla gestione di tutte le attività necessarie al funzionamento della carta di credito; le banche distributrici che svolgono il collocamento delle carte di credito presso la propria clientela le carte emesse da altre banche o società finanziarie; i circuiti di pagamento, con riferimento alla rete degli esercizi commerciali convenzionati nell ambito della quale il titolare della carta può effettuare il pagamento degli acquisti; le società di service, alle quali la società emittente può affidare in outsourcing la gestione e l elaborazione dei dati derivanti dalle attività di back office relative al funzionamento delle carte di credito. 12 APPROFONDIMENTO: Il piano di rimborso del credito di una carta revolving Il piano di rimborso del credito utilizzato attraverso una carta revolving normalmente avviene sulla base di una rata proporzionale all importo utilizzato (ad esempio pari al 5-10% della somma utilizzata) oppure di una rata fissa comprensiva degli interessi del periodo e di una quota di capitale). Gli interessi sono calcolati sulla base del tasso nominale annuo (TAN) e riguardano unicamente gli importi effettivamente utilizzati dal titolare della carta di credito. Ad essi, normalmente si affiancano altri costi relativi agli oneri di valutazione, al canone annuo, all imposta di bollo e alle spese di invio comunicazioni. La carta di credito revolving è strettamente personale, non può essere data in uso o ceduta a terzi e, a tal fine, è data all esercente commerciale la facoltà di richiedere al titolare l esibizione di un documento per verificare l identità del possessore.

14 IL PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Il prestito contro cessione del quinto dello stipendio è un prestito personale destinato a coloro che percepiscono un reddito da lavoro dipendente o da pensione, a fronte della cessione volontaria di una quota parte del proprio reddito, non superiore a un quinto dello stipendio netto. Il rimborso delle rate avviene mediante trattenuta diretta sulla busta paga a opera del datore di lavoro che provvede al trasferimento della somma al finanziatore. Attualmente, è un prestito pensato per tutte le categorie di lavoratori dipendenti (pubblici e privati, a tempo indeterminato e a tempo determinato) per i lavoratori atipici e per i pensionati. APPROFONDIMENTO: I soggetti coinvolti nella cessione del quinto I soggetti coinvolti nella cessione del quinto sono: la compagnia di assicurazione che garantisce l operazione e conserva un diritto di rivalsa nei confronti del cedente con riferimento al rischio di impiego; il finanziatore che può essere esclusivamente banca o intermediario finanziario iscritto all albo della Banca d Italia; l amministrazione ceduta (azienda o amministrazione pubblica o privata) che dovrà provvedere, dopo la notifica del contratto, al versamento mensile delle quote trattenute dalla remunerazione competenze dell interessato; il debitore, che può essere: lavoratore dipendente, autonomo, atipico, a tempo determinato, pensionato. APPROFONDIMENTO: La normativa dal 2005 a oggi Dal 2005, la normativa ha esteso la sua applicazione a questo tipo di finanziamento alle aziende private e, dal 2006, anche ai pensionati mentre, in passato, l accesso a questo tipo di finanziamento era consentito solo ai dipendenti pubblici per una durata pari a cinque o dieci anni in funzione dell anzianità lavorativa. L erogazione della cessione del quinto non richiede alcuna anzianità minima lavorativa e la durata del finanziamento non deve essere superiore a dieci anni. Tale limite riguarda anche i pensionati. Il prestito deve essere assistito da una duplice polizza assicurativa che tuteli il creditore nel caso di morte e di perdita dell impiego (dimissioni e licenziamento). Si tratta di una modalità di tutela degli eredi o dei familiari al fine di limitare gli effetti dell indebitamento nel caso si verifichi uno dei due eventi. 13 La cessione del quinto dello stipendio prevede la facoltà di estinzione anticipata per il finanziato. Tale facoltà può essere esercitata in qualunque momento e segue le norme previste per il credito al consumo, con la limitazione delle spese eventualmente addebitabili al cliente.

15 Questa tipologia di prestito trova un limite di importo nella durata e nel valore massimo della rata che non può eccedere la quinta parte dello stipendio mensile. L importo è posto a disposizione del cliente solo successivamente all ottenimento della dichiarazione scritta di benestare (o nulla osta) rilasciata da parte dell ente datore di lavoro, con l impegno di trattenere e trasferire le quote cedute dalla retribuzione mensile. APPROFONDIMENTO: Le coperture assicurative dei dipendenti pubblici Attualmente, non esiste più il monopolio INPDAP per le coperture assicurative dei dipendenti pubblici che possono decidere se avvalersi di compagnie differenti. APPROFONDIMENTO: Le richieste di prestito da parte di dipendenti pubblici e privati Nel caso dei dipendenti pubblici, il datore di lavoro è obbligato per legge ad accogliere la richiesta del dipendente se ricorrono tutti i presupposti previsti dalla legge mentre, nel caso dei dipendenti privati, il datore di lavoro può rifiutarsi di accogliere la richiesta. La cessione del quinto dello stipendio è un finanziamento naturalmente garantito dalla trattenuta diretta delle rate da parte del datore di lavoro che, quindi, elimina il rischio finanziario e parte del rischio di credito che, tuttavia, si sposta in capo al datore di lavoro. Il rischio legato alla perdita del lavoro o alla morte del finanziato è coperto dalla possibilità di rivalersi sul trattamento di fine rapporto maturato (TFR) e, successivamente, dalla polizza assicurativa obbligatoria a favore della banca. In caso di cessazione dal servizio prima che il prestito sia interamente rimborsato, l efficacia della cessione si estende alla pensione o su altro assegno continuativo equivalente (la quota da trattenere non può eccedere il quinto della pensione o dell assegno continuativo) e/o alla somma una tantum, a titolo di indennità o di capitale assicurato, se la cessazione dal servizio ne dia luogo al posto della pensione o altro assegno continuativo equivalente. Tale somma è trattenuta fino alla concorrenza dell intero capitale ancora da restituire. Sotto questo profilo, i prestiti contro cessione del quinto dello stipendio costituiscono una modalità efficace per poter concedere credito a tutti coloro che possiedono una rischiosità più elevata e/o pregiudiziali pregresse. APPROFONDIMENTO: Fallimento o morosità del datore di lavoro Un problema legato ai finanziamenti contro cessione del quinto è connesso alla rischiosità del datore di lavoro e all eventualità di un suo fallimento o morosità (eventi non coperti dalla polizza assicurativa). In caso di fallimento o apertura di altra procedura concorsuale a carico del datore di lavoro, il finanziatore potrà richiedere l'ammissione al passivo dei crediti relativi alle somme cedute in via privilegiata per la stessa qualità spettante al lavoratore dipendente. 14 La cessione del quinto dello stipendio può essere erogata anche nei confronti di coloro che percepiscono un reddito da pensione pubblica o privata. La durata massima della cessione di quote della pensione non può essere superiore a un quinto della stessa, valutato al netto delle ritenute fiscali e non può avere una durata superiore a dieci anni.

16 In particolare, possono essere ceduti: le pensioni o le indennità (simili alle pensioni) corrisposte dallo Stato o dai singoli enti, gli assegni equivalenti a carico di speciali casse di previdenza, le pensioni e gli assegni di invalidità e vecchiaia corrisposti dall'inps e gli assegni vitalizi e i capitali a carico di istituti e fondi in dipendenza del rapporto di lavoro. Per i prestiti contro cessione delle pensioni esiste un ulteriore vincolo di importo: la quota trattenuta è ammessa a patto che sia tutelato il trattamento pensionistico minimo. I prestiti ai pensionati devono obbligatoriamente prevedere solo la polizza assicurativa che, in caso di morte dell affidato, assicuri il recupero del residuo credito. Non è possibile contrarre prestiti contro cessione della pensione di reversibilità. I lavoratori a tempo determinato possono richiedere la cessione del quinto dello stipendio a patto che la durata del finanziamento non ecceda il periodo di tempo che, al momento dell'operazione, deve ancora trascorrere per la scadenza del contratto di lavoro in essere. Tuttavia, alla cessione del trattamento di fine rapporto posta in essere dai lavoratori a tempo determinato non si applica il limite del quinto. Anche i lavoratori atipici e autonomi possono richiedere la cessione del quinto dello stipendio. I titolari di rapporto di lavoro autonomo, caratterizzati da una prestazione di opera, continuativa e coordinata di durata non inferiore a dodici mesi possono cedere un quinto del loro compenso, valutato al netto delle ritenute fiscali (agenti e rappresentanti commerciali, collaboratori coordinati e continuativi, collaboratori a progetto). La cessione può avere luogo a patto che il compenso abbia carattere certo e continuativo e non può eccedere il periodo di tempo che, al momento dell'operazione, deve ancora trascorrere per la scadenza del contratto. 15

17 PRESTITI CON DELEGAZIONE DI PAGAMENTO I prestiti con delegazione di pagamento sono finanziamenti in cui il dipendente delega il proprio datore di lavoro a pagare le rate del finanziamento nel limite massimo del quinto del proprio stipendio. Il finanziamento è a tasso fisso e prevede un piano di ammortamento a rate costanti mensili che non possono essere superiori a un quinto dello stipendio percepito. Il pagamento delle rate avviene mediante la trattenuta diretta delle rate dallo stipendio a opera del datore di lavoro che si impegna a versarlo mensilmente al finanziatore. Questa tipologia di prestito può essere concesso anche in presenza di un prestito copntro cessione del quinto, portando, di fatto, il limite complessivo dello stipendio ceduto a due quinti (cioè il 40% del reddito percepito). Anche in questo caso sono previste delle polizze assicurative contro il rischio di morte, infortunio o perdita dell impiego e la durata del finanziamento non deve eccedere i dieci anni. I PRINCIPALI FENOMENI DEL MERCATO IL CICLO DI VITA DEL MERCATO DEL CREDITO AL CONSUMO Come già visto in ambito internazionale, il mercato del credito al consumo presenta un fisiologico ciclo di vita che, nella fase di avvio e di sperimentazione dei prodotti, vede una domanda orientata verso i finanziamenti occasionali come il credito finalizzato all acquisto di specifici beni (magari anche a tassi promozionali). La sperimentazione positiva del ricorso al credito e la migliore comprensione dei prodotti di finanziamento conducono a un progressivo maggiore utilizzo del credito. Normalmente, la domanda si sposta verso forme di finanziamento diretto (i prestiti personali) richieste per fabbisogni finanziari più generici e meno legati all acquisto di un bene o servizio. Nella fase di maggiore maturità, le famiglie aumentano il ricorso verso forme di credito revolving (soprattutto le carte di credito), che assicurano la massima flessibilità di utilizzo e slegano il ricorso al credito da richieste finanziarie da ripetere di volta in volta. Questi strumenti richiedono, tuttavia, la massima consapevolezza di utilizzo da parte della famiglia, dato che possono indurre situazioni e squilibri finanziari causati da una sovrastima delle proprie capacità di rimborso e dall assenza di un controllo costante operato dai finanziatori e delle rate prefissate da rimborsare. 16

18 L INCREMENTO DEL CREDITO NON FINALIZZATO E DEI CANALI DIRETTI Negli ultimi anni, il mercato del credito al consumo ha evidenziato un sensibile incremento della domanda/offerta di forme di finanziamento dirette (prestiti personali, carte di credito rateali e prestiti contro cessione del quinto dello stipendio) rispetto a quello del credito finalizzato. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Prestiti personali Carte credito Cessione quinto stipendio Prestiti finalizzati Composizione del credito al consumo erogato fonte: Osservatorio Assofin (anni vari) L aumento dei prestiti non finalizzati, però, non si associa a una contrazione del credito finalizzato. Entrambe le tipologie di finanziamento, infatti, aumentano ma con intensità differente, a causa di precise scelte poste in essere dagli intermediari finanziari. Invece, le ragioni principali dell incremento sono da ricercare: nell interesse degli intermediari a disintermediare il credito al consumo accorciando la catena distributiva, al fine di risparmiare gli oneri distributivi e migliorare la relazione con il cliente, e nella preferenza per prodotti legati al fabbisogno finanziario complessivo della famiglia e non all acquisto di un preciso bene. Sotto un profilo distributivo, negli ultimi anni, è aumentata anche la preferenza per i canali distributivi differenti rispetto agli esercenti commerciali. 17

19 100% 90% 80% 11% 9% 45% 70% 60% 50% 40% 13% 80% 30% 42% 20% 10% 0% 2001 Sportelli 2009 Convenzionati Agenti fonte: Osservatorio Assofin (anni vari) Un ruolo molto importante è stato assunto dagli sportelli degli intermediari finanziari, in particolare delle banche, che hanno incrementato notevolmente i volumi di credito al consumo erogati. Il ricorso agli sportelli e alle filiali, proprie o del gruppo bancario di appartenenza, permette agli intermediari finanziari (i finanziatori) di poter avere un rapporto più diretto ed efficiente sia con coloro che gestiscono il cliente (i dipendenti) sia con il cliente stesso, migliorando la qualità dei servizi offerti e riducendo i rischi di compliance e reputazionali legati a soggetti esterni meno controllabili. Occorre tenere conto della rigidità e dell onerosità di questi canali che ripagano, tuttavia, l investimento con una maggiore competitività e una minore contendibilità della clientela. LE CARATTERISTICHE DEI FINANZIAMENTI: IMPORTI E DURATE Il mercato registra un maggiore ricorso dei consumatori verso finanziamenti con importi e durate crescenti. Queste caratteristiche riguardano tutti i prodotti di credito al consumo. I prestiti contro cessione del quinto dello stipendio costituiscono il tipo di finanziamento che presenta il maggiore importo e durata medi (alla fine del 2009 il 72% dei prestiti era di importo superiore a euro e oltre l 87% aveva una scadenza originaria superiore a cinque anni). In ordine, i prestiti personali sono la seconda forma di finanziamento per dimensioni degli importi e durate (il 58% dei prestiti supera i euro e il 48% ha una durata superiore ai cinque anni). Fra gli altri prestiti, solo i finanziamenti finalizzati all acquisto di un auto ha importi e durate paragonabili, tenendo conto che il finalizzato auto, solo nel 33% dei casi, supera i euro e in meno del 15% dei casi ha scadenze che oltrepassano i cinque anni. 18 Le carte revolving e il credito finalizzato non auto sono denominati small ticket, avendo transazioni medie intorno ai euro e scadenze medie non superiori ai 2 anni.

20 Promozione e Marketing: Carmen Lombardo, Ufficio Vendite e Pianificazione e Controllo, ABIFormazione Silvia Quaranta, Ufficio Vendite e Pianificazione e Controllo, ABIFormazione Gloria Ramaglioni, Ufficio Vendite e Pianificazione e Controllo, ABIFormazione

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE 2015 Milano - Via Caldera, 21 - Telefono 02 7212.1 - Fax 02 7212.74 - www.compass.it - Capitale euro 0086450159; Iscritta all Albo degli Intermediari Finanziari e all Albo degli Istituti di Moneta Elettronica

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli