Gruppo Benetton. Bilancio consolidato 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Benetton. Bilancio consolidato 2008"

Transcript

1 Gruppo Benetton Bilancio consolidato 2008 Benetton Group S.p.A. Villa Minelli Ponzano Veneto (Treviso) Capitale sociale: euro ,60 i.v. C.F./R.I. di Treviso n

2 Sommario Il Gruppo Benetton 5 Organi sociali 5 Struttura societaria del Gruppo al 31 dicembre Convocazione di Assemblea ordinaria 8 Lettera agli Azionisti 9 Lettera dell Amministratore Delegato 10 Disclaimer 12 Indicatori economico-finanziari di sintesi 12 Relazione sulla gestione 15 Marchi 15 Mercati 18 Investor Relations 19 Benetton in Borsa 20 Calendario finanziario 21 Il sito 22 Altre informazioni 23 - Relazione sul governo societario e Assetti proprietari 23 - Azioni e Azionisti Benetton 23 - Piano di stock option 24 - Controllo della Società 25 - Rapporti con la società controllante, le sue controllate e altre parti correlate 25 - Adempimenti in materia di protezione dei dati personali 25 - Articoli 36 e 39 del Regolamento Mercati 25 - Principali mutamenti organizzativi e societari 26 - Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio 27 - Evoluzione prevedibile della gestione 27 Risultati consolidati del Gruppo 28 - Conto economico consolidato 28 - I settori di attività 32 - Sintesi della situazione patrimoniale e finanziaria 35 - Risultati trimestrali 2008 e Fattori di rischio Benetton 43

3 Prospetti di bilancio consolidato 47 Conto economico consolidato 47 Stato patrimoniale consolidato - Attività 48 Stato patrimoniale consolidato - Patrimonio netto e passività 49 Patrimonio netto - Prospetto delle variazioni 50 Prospetto utili/(perdite) direttamente a patrimonio netto 52 Rendiconto finanziario consolidato Sommario dei principi e politiche contabili più significativi 57 Gestione dei rischi finanziari 67 Gestione del capitale 73 Commenti alle principali voci del conto economico 74 Commenti alle principali voci delle attività 87 Commenti alle principali voci del patrimonio netto e passività 101 Commento al rendiconto finanziario 111 Altre informazioni 112 Attestazione del bilancio consolidato 131 Relazione della Società di Revisione 133 Prospetti supplementari 135 Glossario 141

4

5 Il Gruppo Benetton Il Gruppo Benetton Organi sociali Consiglio di Amministrazione Luciano Benetton Presidente Carlo Benetton Alessandro Benetton Vice Presidente Vice Presidente Esecutivo Gerolamo Caccia Dominioni Amministratore Delegato Gilberto Benetton Giuliana Benetton Luigi Arturo Bianchi Giorgio Brunetti Alfredo Malguzzi Gianni Mion Robert Singer Consiglieri Andrea Pezzangora Segretario del Consiglio Collegio Sindacale Angelo Casò Presidente Antonio Cortellazzo Filippo Duodo Sindaci effettivi Piermauro Carabellese Marco Leotta Sindaci supplenti Società di Revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. 5

6 Struttura societaria del Gruppo al 31 dicembre 2008 Il Gruppo Benetton Benetton Group S.p.A. Ponzano Veneto (TV) (1) Benetton Realty France S.A. Paris 56,31% Fabrica S.p.A. Ponzano Veneto (TV) 100% Benetton International Property N.V. S.A. Amsterdam 100% S.I.G.I. S.r.l. Ponzano Veneto (TV) 100% Bencom S.r.l. Ponzano Veneto (TV) 100% Benind S.p.A. Ponzano Veneto (TV) 100% Benetton Realty Spain S.L. Barcelona 100% Benetton Real Estate International S.A. Luxembourg 100% Benetton Russia O.O.O. Moscow 100% La Cantina delle Nostre Ville Venete - Società Agricola a r.l. Ponzano Veneto (TV) 100% Benetton Real Estate Spain S.L. Barcelona 100% Milano Report S.p.A. Bergamo 50% Ponzano Children S.r.l. Ponzano Veneto (TV) 100% Ben-Mode A.G. Zürich 10% Benetton Real Estate Belgique S.A. Bruxelles 100% Real Estate Latvia L.L.C. Riga 100% Benetton Realty Portugal Imobiliaria S.A. Porto 100% Property Russia Z.A.O. Samara 100% Benetton Realty Netherlands N.V. Amsterdam 100% Benetton Services S.A. de C.V. Mexico City 100% Benetton Real Estate CSH S.r.l. Chisinau 100% Kazan Real Estate Z.A.O. Moscow 100% Benetton Real Estate Azerbaijan L.L.C. Baku 100% Kaliningrad Real Estate Z.A.O. Moscow 100% Estate Odessa L.L.C. Odessa 100% Benetton Istanbul Real Estate Emlak Yatirim Ve Insaat Ticaret Ltd.S. Istanbul 100% Benetton France S.à r.l. Paris 100% Benetton Real Estate Kazakhstan L.L.P. Almaty 100% Real Estate Russia Z.A.O. St. Petersburg 100% Real Estate Ukraine L.L.C. Kiev 100% Benetton Real Estate Austria GmbH Wien (3) 97% Benetton Realty Sukhbaatar L.L.C Ulaanbaatar 100% Benetton France Commercial S.A.S. Paris 100% Benetton Trading Ungheria Kft. Nagykálló 100% Benetton Retail (1988) Ltd. London 100% Benetton Retail Spain S.L. Barcelona 100% Benetton Retail Deutschland GmbH Frankfurt am Main 100% Benetton Manufacturing Tunisia S.à r.l. Sahline 100% Benetton Tunisia S.à r.l. Sahline 100% (1) La parte rimanente del capitale è detenuta direttamente da Benetton France S.à r.l. (2) La parte rimanente del capitale è detenuta direttamente da Benetton Manufacturing Holding N.V. (3) La parte rimanente del capitale è detenuta direttamente da Benetton International S.A. New Ben GmbH Frankfurt am Main 50% Benetton Commerciale Tunisie S.à r.l. Sousse 100% 6

7 Il Gruppo Benetton Benetton Retail Italia S.r.l. Ponzano Veneto (TV) 100% Bentec S.p.A. Ponzano Veneto (TV) 100% Benetton Deutschland GmbH Munich 100% Benetton Holding International N.V. S.A. Amsterdam 100% Benetton Australia Pty. Ltd. Hawthorn 100% Olimpias S.p.A. Ponzano Veneto (TV) 100% Benetton USA Corp. Wilmington 100% Benetton International S.A. Luxembourg 100% Aerre S.rl. Vittorio Veneto (TV) 49% 50% S.C. Anton Industries S.r.l. Arad 30% Benair S.p.A. Ponzano Veneto (TV) 100% Filatura di Vittorio Veneto S.r.l. Vittorio Veneto (TV) 50% Olimpias Tunisia S.à r.l. Tunis 100% Fynlab S.r.l. Ponzano Veneto (TV) 60% United Colors of Benetton do Brasil Ltda. Curitiba 100% Benetton Denmark A.p.S. Copenhagen 100% Benetton Giyim Sanayi ve Ticaret A.S. Istanbul 50% United Colors Communication S.A. Lugano 100% Benetton International Kish Co. Ltd. Kish Island 100% Benetton Ungheria Kft. Nagykálló 100% Benetton Retail Poland Sp. z o.o. Warsaw 100% Benetton International Emirates L.L.C. Dubai 49% Benetton Argentina S.A. Buenos Aires (2) 95% Benetton Trading USA Inc. Lawrenceville 100% Benetton Canada Inc. Montreal 100% Benetton India Pvt. Ltd. Gurgaon 100% Lairb Property Ltd. Dublin 100% Benetton Japan Co., Ltd. Tokyo 100% Benetton Manufacturing Holding N.V. Amsterdam 100% Benetton Asia Pacific Ltd. Hong Kong 100% S.C. Benetton Benrom Korea S.r.l. Inc. Miercurea Seoul Sibiului 100% 50% Benetton Beograd D.O.O. Beograd 100% Benetton Trading Taiwan Ltd. Taipei 100% Shanghai Benetton Trading Company Ltd. Shanghai 100% Benlim Ltd. Hong Kong 50% S.C. Benrom S.r.l. Miercurea Sibiului 100% Benetton 2 Retail Comércio de Produtos Têxteis S.A. Porto 100% Benetton Istria D.O.O. Labin 100% Benetton Mexicana S.A. de C.V. Mexico City 100% Benetton Croatia D.O.O. Osijek 100% Shanghai Sisley Trading Co. Ltd. Shanghai 100% 7

8 Convocazione di Assemblea ordinaria Il Gruppo Benetton I Signori Azionisti sono convocati in Assemblea ordinaria in prima convocazione per il giorno 20 aprile 2009, alle ore 11.00, in Ponzano Veneto (TV), Via Villa Minelli n. 1, e, occorrendo, in seconda convocazione per il giorno 24 aprile 2009, stessa ora e luogo, per deliberare sul seguente ordine del giorno: 1. Presentazione del Bilancio di esercizio e del Bilancio consolidato al 31 dicembre Deliberazioni inerenti e conseguenti; 2. Determinazione del compenso annuale spettante al Consiglio di Amministrazione; 3. Autorizzazione al Consiglio di Amministrazione all acquisto e alienazione di azioni proprie. Ai sensi di legge e dell art. 9 dello Statuto Sociale, per intervenire in Assemblea gli Azionisti dovranno richiedere ai rispettivi intermediari il rilascio dell apposita comunicazione che dovrà essere ricevuta dalla Società almeno due giorni non festivi prima di quello fissato per l Assemblea. Le azioni diverranno nuovamente disponibili una volta che l Assemblea avrà avuto luogo. I Soci possono farsi rappresentare anche da terzi mediante delega scritta rilasciata ai sensi di legge. Compete al Presidente dell Assemblea costatare la regolarità delle deleghe ai fini dell esercizio del diritto di intervento all Assemblea. La documentazione relativa agli argomenti all ordine del giorno, unitamente alla Relazione sul governo societario, sarà messa a disposizione del pubblico, entro il termine stabilito dalle norme vigenti, presso la Sede Sociale, la Borsa Italiana S.p.A. e nel sito internet della Società 8

9 Lettera agli Azionisti Signori Azionisti, Il Gruppo Benetton dopo un 2008 positivo, per i risultati come per l evoluzione del nostro Gruppo, guardiamo al futuro con il realismo ottimista di chi è consapevole di voler affrontare nel prossimo futuro sfide impegnative, in un contesto che è cambiato radicalmente in un breve lasso di tempo. Oggi siamo ancora più integrati, innovativi, rapidi ed efficaci. Possiamo contare su un modello distributivo capillare e flessibile, una rete di partner commerciali qualificati, un prodotto di qualità a prezzo accessibile, una sicura solidità patrimoniale. Da oltre 40 anni conosciamo i mercati, abbiamo un capitale di esperienze e valori, possediamo un organizzazione capace, adattabile, allenata ad affrontare le turbolenze più acute perché in grado di poterne cogliere anche le opportunità. È nei momenti difficili, d altra parte, che occorre investire nelle nostre eccellenze, nel futuro dei punti vendita, nell alta qualità del prodotto, nella soddisfazione del cliente, per migliorare continuamente e farci trovare pronti nel momento della ripresa. Nel contempo è necessario puntare al recupero di efficienza con ancora maggiori capacità e consapevolezza, con coraggio e senso di responsabilità. Questa assunzione di responsabilità riguarda tutti - Azionisti e squadra di manager in primis - perché ogni energia, risorsa, idea, progetto, strategia, deve consapevolmente essere indirizzata alla crescita e alla creazione di valore del Gruppo. Benetton ha una storia e un know-how capaci di offrire ragioni di identificazione e senso di appartenenza. Abbiamo fiducia nella nostra identità, nel nostro lavoro e in noi stessi. Perché sappiamo che questa è la strada più sicura per lo sviluppo e la crescita. Il futuro, ancora una volta, è nelle nostre mani. Luciano Benetton, Presidente Benetton Group 9

10 Lettera dell Amministratore Delegato Il Gruppo Benetton Il 2008 è stato un importante anno di evoluzione per il Gruppo Benetton, oggi più agile, dinamico, capace di competere anche in tempi turbolenti facendo leva sui suoi storici punti di forza e, al tempo stesso, consolidando una cultura d impresa sempre più orientata alla responsabilità, all efficienza, alla rapidità decisionale e al rigore. I risultati 2008 hanno centrato gli obiettivi prefissati dal Gruppo, pur in un contesto di deterioramento dello scenario economico internazionale, presentando ricavi consolidati in crescita a milioni di euro con un incremento di circa il 4% e un utile netto a 155 milioni di euro con un incremento del 7%. Nel corso dell anno il programma di cambiamento, che come visto ha portato risultati concreti e positivi, si è sviluppato lungo quattro linee principali: l evoluzione dell organizzazione, il rilancio e il consolidamento della crescita nei mercati maturi, l accelerazione dello sviluppo nei mercati strategici, l innovazione attraverso nuove iniziative commerciali. L organizzazione è stata ridisegnata con la creazione di Business Unit di Marchio e Mercati, che assicurano una regia unica per quanto riguarda le variabili strategiche dei brand e un migliore presidio dei mercati. Il nuovo assetto si è tradotto in maggior responsabilità individuale, chiarezza di ruoli, semplificazione dei processi decisionali e maggiore focalizzazione delle risorse. Per sostenere e rilanciare la crescita, nel 2008 è stato avviato un piano di miglioramento dell efficacia e dell efficienza della supply chain, per rafforzare i servizi alla rete di partner e al cliente finale, indirizzato alla riduzione della complessità, all ottimizzazione delle consegne, alla valorizzazione degli agenti e al miglioramento di attrattiva e richiamo dei negozi. Per quanto riguarda la riduzione della complessità, la contrazione ragionata delle collezioni ha consentito di migliorare la visibilità dei marchi nei punti vendita e, nel contempo, di conseguire economie nel campionario e nella produzione. La migliore collaborazione con gli agenti nella selezione del campionario e nella costruzione dell assortimento dei negozi ha permesso di valorizzare l identità dei marchi, migliorare l omogeneità dei punti vendita e ridurre la dispersione degli ordini. 10

11 Una sempre maggiore attrattività dei negozi Benetton, per migliorare e rendere più confortevole l esperienza di acquisto da parte dei clienti, è stata perseguita con interventi mirati in alcuni punti vendita campione, che hanno fornito risultati molto positivi e incoraggianti: i miglioramenti, sia qualitativi sia in termini di vendite, hanno confermato il potenziale della rete di store Benetton e il loro valore assolutamente unico. L accelerazione della crescita nei Paesi strategici - India, America Latina, Russia ed ex URSS, Turchia - è stata sostenuta con un piano strutturato di sviluppo delle vendite e con importanti operazioni locali, quali l avvio di una trading commerciale a Mosca, che assicura un rafforzamento della presenza nell area e un servizio più efficiente e tempestivo ai clienti del mercato russo, e l accordo strategico con Sears e Axo per lo sviluppo del marchio United Colors of Benetton in Messico: prima tappa del programma che prevede un potenziamento della presenza in altri Paesi dell America Latina. L innovazione e lo sviluppo di nuove iniziative commerciali hanno riguardato, da un lato, il lancio e il consolidamento di nuove collezioni Sisley Young, Sisley Underwear e United Colors of Benetton Uomo, dall altro il rilancio strategico del brand Playlife attraverso una radicale evoluzione del suo modello di business. Il marchio, in particolare, ha chiuso il 2008 con un significativo rafforzamento della propria rete commerciale e con la distribuzione della collezione in circa 25 Paesi, soprattutto nell Europa mediterranea dove ha registrato una crescita del fatturato in doppia cifra. Questi risultati, perseguiti grazie all impegno responsabile di una squadra di lavoro, a partire dal management team, sempre più coesa e determinata, consentono di fronteggiare con maggiore solidità le difficili sfide di mercato nel Oggi il Gruppo Benetton vanta un posizionamento distintivo di qualità nel prodotto, a prezzo accessibile, un modello distributivo capillare e flessibile, basato su una rete di partner commerciali eccellenti, e una comprovata solidità patrimoniale. Su questa solida base nel corso del 2009 saranno quindi avviati una serie di interventi radicali per competere nel nuovo contesto di incertezza. Il Gruppo Benetton 11

12 Il Gruppo Benetton Disclaimer Il documento contiene dichiarazioni previsionali ( forward-looking statements"), in particolare nel paragrafo Evoluzione prevedibile della gestione, relative a futuri eventi e risultati operativi, economici e finanziari del Gruppo Benetton. Tali previsioni hanno per loro natura una componente di rischiosità e incertezza, in quanto dipendono dal verificarsi di eventi e sviluppi futuri. I risultati effettivi potranno discostarsi in misura anche significativa rispetto a quelli annunciati in relazione a una molteplicità di fattori dettagliati nel paragrafo Fattori di rischio Benetton. Indicatori economico-finanziari di sintesi I risultati economico-finanziari del Gruppo del 2008 e dell esercizio posto a confronto sono stati redatti secondo gli International Financial Reporting Standards (IFRS) omologati dall Unione Europea in vigore alla data di redazione del presente documento. Per quanto concerne i criteri contabili e i principi di consolidamento adottati si rinvia alla sezione relativa alle note. In data 1 aprile 2008 il Gruppo ha ceduto a terzi la residua attività connessa alla produzione dell attrezzo sportivo in Ungheria, per tale ragione tutti i proventi e gli oneri connessi all attività operativa oggetto di cessione sono stati riclassificati ed evidenziati in un unica riga di conto economico denominata Utile netto da attività operative cessate. Tale riclassifica è stata effettuata anche per i periodi di confronto del 2007 al fine di renderli comparabili con il 2008; la riconciliazione tra il conto economico del 2007 e quello riclassificato viene illustrata nelle note del presente bilancio. In seguito a quanto sopra descritto, la significatività del settore altri e non allocati è venuta meno e, per tale ragione, anche l informativa di settore è stata oggetto di riclassifica includendo i valori residuali di tale settore all interno di quello dell abbigliamento. Si evidenzia inoltre che il management ha deciso di fornire una rappresentazione del capitale di funzionamento in senso stretto, depurato quindi dalla fiscalità diretta e dai crediti e debiti non a esso attinenti, anche in linea con quella richiesta dalla comunità finanziaria. Conseguentemente, per tutti i periodi evidenziati, sono state riclassificate dagli Altri crediti/(debiti) alle Altre attività/ (passività) le seguenti voci: attività per imposte anticipate e passività per quelle differite, crediti verso l Erario per imposte dirette e crediti, debiti verso le controllanti relativi al Consolidato fiscale e debiti rappresentanti la valorizzazione delle put option detenute dai soci di minoranza Dati economici (in milioni di euro) 2008 % pro-forma % Variazione % Ricavi , ,0 80 3,9 Margine lordo industriale , ,3 74 8,1 Margine di contribuzione , ,2 65 8,5 EBITDA (*) , ,6 14 4,1 EBITDA gestione ordinaria (*) , ,4 17 5,1 Risultato operativo , ,9 11 4,7 Utile netto dell'esercizio di pertinenza del Gruppo 155 7, ,1 10 7,0 12

13 Dati patrimoniali-finanziari (in milioni di euro) Capitale di funzionamento Capitale investito netto Indebitamento finanziario netto Patrimonio netto totale Flusso di cassa assorbito dalla gestione ordinaria (49) (34) Investimenti netti Il Gruppo Benetton Indicatori economico-finanziari (in %) ROE (Utile netto/patrimonio netto) 11,36 10,48 ROI (Risultato operativo/capitale investito netto) 12,22 12,85 ROS (Risultato operativo/ricavi) 11,95 11,85 Utile su ricavi (Utile/Ricavi) 7,31 7,09 Dati azionari e borsistici Utile per azione (euro) 0,86 0,80 Patrimonio netto per azione (euro) 7,92 7,59 Dividendo per azione (euro) 0,28 (1) 0,40 Pay out ratio (%) 0,33 50,00 Dividend yield 4,59 3,25 Prezzo a fine esercizio (euro) 6,10 12,29 Prezzo massimo telematico d'esercizio (euro) 11,88 14,82 Prezzo minimo telematico d'esercizio (euro) 5,05 10,77 Prezzo per azione/utile per azione 7,09 15,40 Prezzo per azione/patrimonio netto per azione 0,77 1,60 Capitalizzazione borsistica (migliaia di euro) N. medio azioni in circolazione N. azioni che compongono il capitale sociale (1) Proposto. Numero organici Totale dipendenti (*) Nel presente documento, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti dagli IFRS, vengono presentati alcuni indicatori alternativi di performance al fine di consentire una migliore valutazione dell'andamento della gestione economicofinanziaria del Gruppo. Tuttavia, tali indicatori non devono, comunque, essere considerati sostitutivi di quelli convenzionali previsti dagli IFRS. La tabella di seguito riportata mostra la composizione dell'ebitda e dell'ebitda gestione ordinaria Dati economici (in milioni di euro) 2008 pro-forma Variazione A Risultato operativo B - di cui oneri/(proventi) non ricorrenti (1) 3 (4) C Ammortamenti D Altri costi non monetari (svalutazioni/(ripristini) netti) - 7 (7) E - di cui non ricorrenti - 7 (7) F = A+C+D EBITDA G = F+B-E EBITDA gestione ordinaria

14

15 Relazione sulla gestione Marchi United Colors of Benetton. Nel corso dell anno sono state attuate per il marchio moda United Colors of Benetton, e sui marchi principali del Gruppo, significative operazioni mirate alla riduzione ragionata della complessità delle collezioni (-20%) che hanno permesso una maggior focalizzazione dell assortimento, con anche la definizione di ordini guida customizzati per tipologia di negozio e cluster di acquirenti, che hanno contribuito al miglioramento dell attrattività e del richiamo dei punti vendita. Questo processo proseguirà nel 2009 con un ulteriore evoluzione che mira a ridefinire la struttura del punto vendita al fine di permettere migliore lettura degli spazi interni con un duplice obiettivo: ottimizzare la composizione degli ordini da parte dell Azienda e migliorare la shopping experience per il consumatore finale. Positivo nell anno il riscontro delle collezioni da parte del mondo della Moda, i giornalisti della stampa fashion hanno apprezzato le campagne pubblicitarie del brand e i prodotti UCB, con una produzione di oltre redazionali dedicati al marchio. Relazione sulla gestione Il marchio moda United Colors of Benetton adulto ha beneficiato nel 2008 delle importanti azioni intraprese e conferma il suo andamento positivo (+4%) grazie al miglioramento del mix e alla strategia che punta con decisione sulle categorie di prodotto quali driver di crescita. Il marchio registra performance in crescita in Europa, Asia e America Latina. Registrano poi una buona accoglienza le nuove aperture, in selezionate location internazionali, tra cui Genova, Barcellona e Doha (Qatar). Innumerevoli i temi e le suggestioni proposte durante l anno nelle collezioni UCB, tra le quali vale la pena segnalare African Mood, abbigliamento proposto nella prima parte dell anno 2008, con un contorno di accessori e collane di stampo esotico-tribale, che ha ricreato nel prodotto le influenze della campagna di comunicazione Africa Works, presentata a febbraio a Dakar con la partecipazione del cantante senegalese Yossou N Dour. Nel 2008 Benetton Uomo ha raggiunto, con una crescita di oltre il 12%, un peso sulla collezione adulto pari al 22%, rispetto all obiettivo di sviluppo a medio termine pari al 20%, con un totale di 30 negozi dedicati nell anno. Significativa la performance del segmento dell intimo (+13% nell anno): Undercolors ha proseguito la sua espansione con nuove aperture, alcune delle quali pensate di grande superficie, come Palermo per esempio, per accogliere la gamma completa dell offerta. UCB bambino ha consolidato la diversificazione dell offerta per fasce di età, grazie anche al nuovo concept di arredamento System, presentato a Milano con un temporary shop nel cuore della città, che presentava in assoluta anteprima le collezioni A/I In questa occasione si sono confermate validità ed efficacia dell ordine guida a servizio del cliente, che comprendeva per esempio il cappottino in panno colorato, uno dei best seller del temporary store, sold out nelle prime settimane di apertura. Sono circa 100 i nuovi punti vendita in Italia e all estero dedicati al bambino, grazie anche all apertura di negozi con l insegna Benetton Baby, rivolti ai più piccoli (newborn, 0-5 anni), che raggiungono un totale pari a 35 negozi. È proseguito infine lo sviluppo dell area accessori con l inserimento di prodotti moda di fascia alta a completamento dell ampia offerta di complementi per la donna e l uomo. 15

16 Relazione sulla gestione Sisley. Sisley, il marchio ricco di suggestioni glamour, nel 2008 mostra performance positive (+5%) grazie ai suoi negozi nel mondo, in particolare con una significativa presenza e buona performance in Italia e nell Europa mediterranea. La struttura della collezione si è focalizzata sulle proposte di tendenza, declinando la ricchezza dei contenuti moda nell intera gamma di offerta. Il segmento Limited Edition, collezione realizzata in tessuti e filati di pregio, con cura sartoriale del dettaglio e con l utilizzo di accessori importanti e di sofisticata ricercatezza, ha continuato a riscuotere l interesse del consumatore finale. Il marchio ha poi completato le sue proposte grazie al debutto della collezione Sisley Underwear - intimo e accessori donna e uomo in stile sensuale e chic, dall alto contenuto moda - ulteriormente arricchita dalla linea beachwear presentata per la P/E La nuova collezione, presentata in autunno nella prestigiosa cornice dell Hotel Bulgari di Milano, sta ricevendo ampi consensi dai media specializzati con una presenza capillare nella rete dei negozi Sisley. La linea Sisley Young, che attinge al mondo adulto le linee di tendenza e il mood della moda, declinandole per i ragazzi appassionati di fashion, ha colto con successo le opportunità di business offerte dai giovani consumatori attratti da un prodotto raffinato e fuori dagli schemi, rafforzandosi con 20 nuove aperture in Italia e all estero e una crescita di fatturato a doppia cifra nell anno (+76%). L essenza sofisticata e fashion del marchio emerge anche grazie alle campagne di comunicazione del 2008, realizzate dalla fotografa svedese Camilla Akrans, attraverso il cui sguardo si esprime un idea colta della moda in cui gli abiti ritornano al centro della comunicazione. Le campagne di comunicazione, rafforzate dall attività di product placement, sono apparse in tutto il mondo con poster, manifesti, pagine di riviste e cataloghi da collezione. Playlife. Playlife ha concluso il 2008 con una crescita del fatturato a doppia cifra (oltre 40%) e un significativo rafforzamento della propria rete commerciale, riconfermando la strategia di potenziamento della sua presenza in particolare nell Europa mediterranea con l apertura, tra gli altri, di importanti punti vendita in Spagna. L offerta all interno dei punti vendita è stata specializzata, con enfasi sui diversi segmenti di consumatori giovani e centrando il messaggio del prodotto su una vita positiva. La comunicazione si è evoluta di conseguenza con il nuovo pay-off What a Life!, a rappresentare un mondo di emozioni limpide e solari parte di una rinnovata filosofia del vestire. La validità del nuovo concept, costruito specificamente per superfici di dimensione contenuta e articolato in spazi chiaramente delimitati, ha dimostrato la sua capacità di essere facilmente interpretato dal consumatore finale contribuendo allo sviluppo e alla caratterizzazione dell identità del marchio. Il progetto "What a Life!" rappresenta un momento di maturazione che in futuro diventerà un contenitore creativo fatto di concept, di idee e di marchi. Con la stagione estiva P/E 2010 si arriverà a presentare Playlife come "Shopping Experience" apportando valore al brand e cultura tessile, per poter affrontare con orgoglio e determinazione un mercato non facile. Playlife si sta quindi evolvendo con un approccio customizzato, quasi sartoriale, ritaglianto sulla personalità di un consumatore trasversale per fasce d età ma dal carattere e stile molto determinati. 16

17 Vendite 2008 per marchio Vendite della produzione principale 2008 per marchio (in %) United Colors of Benetton 47,7% Altre vendite 4,2% Playlife 1,9% Killer Loop 0,2% Sisley 17,4% United Colors of Benetton bambino e Sisley Young 28,6% Relazione sulla gestione GRAFICO D Ricavi verso terzi 2008 per area geografica Ricavi verso terzi 2008 per area geografi ca (in %) Europa * 82,6% Asia 13,6% Americhe 3,1% Resto del mondo 0,7% * inclusa Italia 17

18 Relazione sulla gestione Mercati La nuova organizzazione centrata sulle Business Unit ha consentito di migliorare efficienza ed efficacia del presidio dei principali mercati, nonostante il rallentamento dell economia, in particolare nel quarto trimestre dell anno, e l impatto negativo delle fluttuazioni dei cambi. La performance del Gruppo nel 2008 ha visto una crescita, escludendo l effetto delle valute, pari al +5,7%. In Europa sono da evidenziare le buone performance dell Italia (+3,8%), Paese dove vengono lanciate le nuove sperimentazioni per testare le nicchie di business come il test di attrattività dei negozi (vetrine, esposizione della merce, materiale di comunicazione), tassello finale dei quattro progetti mirati al miglioramento dell efficacia e dell efficienza della Supply Chain (riduzione della complessità, ottimizzazione delle consegne, valorizzazione degli agenti e miglioramento dell attrattività dei negozi). Positiva la risposta dei mercati dell area mediterranea (+5,2%), della Francia (+9,3%) e dei Paesi dell Est (+11,8%). La crescita ha visto un accelerazione grazie a sforzi focalizzati e l approccio tailor made nei cinque Paesi di importanza prioritaria. In Turchia (+11,2%) è stata consolidata la presenza in prime location ed è stato avviato l innovativo progetto di flagshipstore a Istanbul, progettato dallo Studio Lissoni, e in apertura entro l anno È stato inoltre consolidato il sourcing locale, elemento di vantaggio competitivo nell attuale quadro economico. Oltre all inaugurazione dei nuovi uffici dell agenzia commerciale a Mosca, in Russia è stata avviata l attività di una trading commerciale locale, che assicura un rafforzamento della presenza nell area, un servizio più efficiente e tempestivo ai clienti del mercato russo, e un vantaggio competitivo nell attuale situazione di vincoli regolamentari e svalutazione del rublo. Buoni i risultati di crescita dei ricavi in Russia ed ex Repubbliche Sovietiche (+8,1%). In India la consolidata presenza di Benetton come primo brand internazionale ha trovato conferma nella solida crescita ottenuta nel 2008 (+30,4%). Nell anno sono stati aperti oltre 50 nuovi negozi, tra cui il primo store Benetton Uomo a New Delhi. Prosegue inoltre lo sviluppo della partnership strategica col gruppo Tata per il marchio Sisley. Nell area della Greater China (+21,36%) è in fase di realizzazione una nuova struttura organizzativa, e in via di definizione una strategia di sviluppo di lungo termine. Nel 2008 in Messico è stato siglato uno strategico accordo con Sears e Axo per lo sviluppo del marchio United Colors of Benetton nel Paese. Il programma di sviluppo del Gruppo nel continente americano prevede inoltre un potenziamento della presenza in altri Paesi dell America Latina che complessivamente ha registrato una crescita di +46,3% nell anno. Infine, nella prima parte dell anno è diventata operativa la sede Benetton di Miami, Florida, strategicamente collocata tra Nord e Sud America, che presidia le operazioni di sourcing e le operazioni commerciali delle Americhe, incluse le attività retail potenziate durante il 2008 con la presa in carico di 47 negozi. La struttura di produzione e sourcing nel 2008 ha visto la messa a regime del nuovo hub distributivo di Castrette, nuovi investimenti in Tunisia, che conta oggi per circa il 20% del totale prodotto, e un sostanziale rafforzamento delle attività di sourcing locale, in particolare in India e Asia dove è stato inaugurato un nuovo centro di coordinamento del sourcing a Bangkok. Testimonianza concreta della grande attenzione all evoluzione attuale e futura del punto vendita è stata la mostra Opening Soon, organizzata all inizio del 2009 alla Triennale di Milano. In mostra i lavori dei finalisti del concorso internazionale Colorsdesigner, le innovative tendenze di retail design e i progetti dei negozi d avanguardia affidati ad architetti e studi di fama, che saranno realizzati da 18

19 Benetton nel prossimo futuro tra i quali quello ideato da Massimiliano Fuksas, in corso di realizzazione a Roma, in Via del Corso e il già citato flagshipstore di Istanbul. Investor Relations Nel corso del 2008 la funzione IR ha proposto in maniera organica e strutturata un programma di attività di comunicazione costante con il mercato finanziario. Le attività di presentazione dei risultati sono state proposte trimestralmente, utilizzando conference call pubbliche, il cui accesso è possibile anche attraverso il sito internet, grazie a un sistema di audio webcast con slideshow. Nel corso dell anno sono stati proposti continuamente con la comunità finanziaria momenti di confronto e approfondimento delle tematiche gestionali aziendali attraverso incontri, conference call e video conference call, interventi presso broker conference, visite alle differenti realtà aziendali, sia presso la sede del Gruppo sia alle strutture logistiche e produttive in loco. La partecipazione a roadshow con Azionisti e investitori si è focalizzata sia presso i principali mercati finanziari di riferimento, sia verso nuove potenziali aree di interesse, dove il profilo degli stessi investitori si sposa alle caratteristiche strutturali e prospettive strategiche del Gruppo. Inoltre gli interlocutori della comunità finanziaria sono stati coinvolti sia nei momenti di presentazione delle nuove collezioni, sia in store-visit per verificare e vivere in diretta la proposta delle nuove iniziative commerciali e la rinnovata attenzione all attrattività del punto vendita; nel 2008 sono quindi stati organizzati oltre 230 incontri con investitori finanziari e analisti. Nel 2008 sono state avviate nuove coperture sul titolo Benetton, attualmente seguito da quasi 20 broker con oltre 160 note pubblicate nell anno. Il rapporto continuo e regolare con gli analisti che coprono la Società è stato infine rafforzato ulteriormente con la presenza, a cadenza settimanale, del team di Investor Relations presso la nostra sede di Milano: iniziativa introdotta a partire dall ultima parte del 2008, sin dall inizio ha riscosso notevole partecipazione e interesse. Non sono mancati infine momenti di incontro con il mondo accademico e universitario, allo scopo di sensibilizzare e approcciare nuovi talenti, in linea con i valori fondamentali che rappresentano la nostra realtà aziendale. Relazione sulla gestione 19

20 Relazione sulla gestione Benetton in Borsa Le azioni ordinarie Benetton durante il 2008 sono state scambiate principalmente presso Borsa Italiana S.p.A. in quanto il 21 gennaio 2008 è divenuto efficace il delisting/deregistering del titolo Benetton dal New York Stock Exchange, e in data 21 febbraio 2008 è stata deliberata dal Consiglio di Amministrazione la decisione di inoltrare al Management Board of the Frankfurt Stock Exchange la richiesta di revocare la quotazione delle proprie azioni ordinarie nel mercato tedesco. La decisione è stata presa alla luce del processo di globalizzazione dei mercati finanziari e dell internazionalizzazione della Borsa Italiana. Il processo di delisting si è concluso in data 18 luglio A partire dal 30 luglio 2008 Benetton ha inoltre iniziato a quotare e negoziare le proprie ricevute di deposito americane (ADR) nel sistema internazionale OTCQX, consentendo agli investitori americani di accedere costantemente alle notizie e alle informazioni più recenti sul Gruppo. La capitalizzazione del Gruppo al 31 dicembre 2008 era pari a 1,1 miliardi di euro. Tra la fine dell anno 2007 e la fine del 2008, il valore medio del titolo Benetton si è attestato a 7,65 euro registrando un valore massimo di 11,88 euro il giorno 2 gennaio, e un minimo di 5,05 euro il 21 novembre. I valori giornalieri scambiati mediamente sono stati di circa 549 mila titoli. Evoluzione del dividendo per azione ( , in euro) L andamento continuamente aggiornato del titolo Benetton sulla piattaforma di Milano è disponibile sul sito Investor Relations. Evoluzione del dividendo per azione ( , in euro) 0,34 0,34 0,37 0, ,28 20

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione TXT e-solutions Group Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 TXT e-solutions S.p.A. Sede legale, direzione e amministrazione: Via Frigia, 27 20126 Milano Capitale sociale: Euro 5.911.932 interamente

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli