HERA s.p.a. SOT Modena OPERE DI URBANIZZAZIONE POSA DI CONDOTTE IDRICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HERA s.p.a. SOT Modena OPERE DI URBANIZZAZIONE POSA DI CONDOTTE IDRICHE"

Transcript

1 HERA s.p.a. SOT Modena OPERE DI URBANIZZAZIONE POSA DI CONDOTTE IDRICHE Versione 1 agosto 2012

2 Parte Prima INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE Le indicazioni progettuali sono riportate nelle presentazioni reti idriche e allacciamenti idrici che si considerano parte integrante del presente documento. In aggiunta, nella progettazione occorrerà rispettare anche quanto di seguito riportato: A DATI DI PROGETTO Il dimensionamento ha l obiettivo di garantire la portata di progetto nel rispetto delle velocità massime definite per ciascuna tipologia di impianto e delle pressioni minime residue. Il dimensionamento deve avvenire nel rispetto delle Norme Tecniche UNI vigenti. I diametri delle condotte e dei relativi pezzi speciali dovranno essere conformi agli standard di diametro utilizzati dal Gestore, come riportati nelle schede delle condotte. La velocità massima indicata per estendimenti di reti, al fine di garantire un margine di sicurezza per futuri incrementi, per la tutela delle condotte e per la riduzione delle sollecitazioni derivanti da brusche aperture e chiusure, è pari a 1 m/s. La massima portata assorbita nelle peggiori condizioni di esercizio va calcolata seguendo le seguenti indicazioni: 1) utenze civili ed assimilabili (uffici, ecc.): in considerazione del fatto che il DPCM 1/4/1996 fissa un valore minimo di portata da erogare ad ogni utenza domestica pari a 0,1 l/s, la portata massima da erogare a queste utenze viene determinata moltiplicando detto valore per il numero di utenze. 2) utenze collettive: si determina facendo riferimento alle portate contrattuali esistenti delle utenze, se esistenti, o a quelle di utenze similari, procedendo per analogia. 3) utenze produttive: vedi punto precedente 4) idranti antincendio: per attacchi antincendio in area pubblica (idranti antincendio), occorre aggiungere alla portata determinata per gli altri usi una portata pari a 5 l/s per ogni idrante (secondo la UNI 10779) Oltre ai calcoli e alle verifiche in condizioni ordinarie, il progettista dovrà verificare il funzionamento della rete ai fini antincendio. Il controllo andrà eseguito sull idrante/i posto/i in posizione idraulicamente più sfavorita, ipotizzando una portata pari alla somma di quella massima di esercizio e quella dell idrante. Il dimensionamento della rete dovrà garantire che: - le velocità in condotta non dovranno essere in alcun punto superiori a 3 m/s; - le perdite di carico dal punto di ingresso nella rete all idrante dovranno essere contenute ed in ogni caso non superiori a 0,5 bar; - ove le condizioni locali lo consentano, la pressione residua alla bocca dell idrante dovrà essere non inferiore a 4 bar. B TRACCIATO DI POSA Il percorso della condotta deve essere per quanto possibile il più breve tra i punti di partenza e di arrivo, e dovrà interessare, ove possibile, unicamente aree di proprietà pubblica, preferendo, per comodità di manutenzione, i percorsi ai bordi delle strade. 2

3 La profondità di posa sarà indicativamente pari a 1 m, e in ogni caso mai superiore a 3 m. La condotta dovrà avere una pendenza, anche modesta, sempre nella stessa direzione, per evitare la presenza di punti di accumulo di depositi e di bolle d aria. Nei punti alti della condotta occorrerà prevedere, qualora non siano presenti allacciamenti di utenza, organi di sfiato (sfiati a 3 funzioni) in pozzetto. Il Gestore potrà richiedere il rifacimento dei tratti non conformi a quanto sopra prescritto. Negli attraversamenti e nei parallelismi alla rete fognaria la rete idrica dovrà di norma mantenersi a quota superiore rispetto a quest ultima. Il tracciato dovrà essere definito tenendo conto dei vincoli derivanti dalla presenza di altri sottoservizi, e dalla presenza di elementi quali strade provinciali / statali, canali o di terreni particolari (terreni in frana, terreni rocciosi), in modo da ridurre le problematiche in fase di esercizio. Si dovrà mantenere una distanza di rispetto di almeno 30 cm rispetto alle altre condotte. Per attraversamenti di manufatti particolarmente larghi, quali canali e collettori fognari principali, la condotta dovrà sovrappassare i manufatti, fatto salvo diversa indicazione dell Ente proprietario o del Gestore. Per ogni comparto dovrà essere previsto almeno un idrante soprassuolo UNI 70 a fini antincendio. Complessivamente dovrà essere previsto un numero di idranti tale da coprire tutti gli edifici del comparto, indicativamente essi dovranno essere pertanto posizionati ad una distanza reciproca di ca mt. 3

4 Parte Seconda SPECIFICHE TECNICHE MATERIALI Essendo l acqua potabile un prodotto destinato al consumo umano, tutti i materiali a contatto con essa non devono influenzarne le caratteristiche organolettiche, fisico-chimiche e microbiologiche; devono pertanto essere conformi a quanto prescritto dalla Circolare Ministero della Sanità n 102 del 2 dicembre 1978 e dal DM 6 aprile 2004 n 174 n elle parti applicabili. TUBAZIONI IN PE PER ACQUA (vedi scheda Tubi in PE per acqua ) Si dovranno utilizzare: - tubazioni in PE PN 16 ad elevata resistenza alla propagazione lenta della frattura, per pressioni di esercizio fino a 10 bar - tubazioni in PE PN 25, per pressioni di esercizio superiori a 10 bar In alternativa ai tubi in PE è consentito l utilizzo dei tubi multistrato conformi alla scheda Tubi multistrato per acqua e dei relativi raccordi. TUBO IN ACCIAIO PER ACQUEDOTTO RIVESTITO ESTERNAMENTE IN PE E INTERNAMENTE IN MALTA CEMENTIZIA (vedi scheda Tubi in acciaio per acqua ) TUBAZIONI IN ACCIAIO INOX Da utilizzare per eventuali tratti di allacciamenti a vista (in androni, cantine, ecc.). Tubazioni in acciaio inox del tipo 316L, idonee per acque potabili. Pezzi speciali (curve, tee, 4 vie, manicotti, nippli, riduzioni, tappi) in acciaio inox, idonei per pressioni fino a 10 bar, giunzioni filettate. TUBI IN GHISA SFEROIDALE (vedi scheda Tubi in ghisa per acqua ) TUBI IN PVC (vedi scheda Tubi in PVC ) (vedi scheda Saracinesche ) SARACINESCHE A CUNEO GOMMATO RACCORDI A COMPRESSIONE PER PE 1. Raccordi a compressione in propilene per la giunzione meccanica di tubi in PE e/o per il collegamento di queste tubazioni a terminali filettati o flangiati, PN 16, conformi alla norme UNI e ISO specifiche per i materiali e la componentistica, idonei per acqua potabile, costituiti da 4

5 ghiera, corpo, anello di graffaggio, anello di rinforzo, bussola di bloccaggio, guarnizione ad O- ring. 2. In alternativa è ammesso l utilizzo di raccordi in ottone OT 58 UNI 5705 conformi alla norma UNI 5035 per utilizzo idraulico per impianti esterni e interrati, idonei per acqua potabile, di tipo pesante, PN 16, realizzati mediante stampaggio a caldo e successiva lavorazione meccanica, filettatura passo gas (filetto femmina ISO 228/1 e maschio ISO 7). Il materiale dovrà avere buone caratteristiche di: - resistenza alla corrosione riguardo a correnti vaganti e terreno acido - resistenza all aggressione di ipoclorito di sodio e biossido di cloro I giunti e i raccordi a compressione in ottone per tubazioni in PE dovranno essere completi di ghiera di tenuta, guarnizione con OR. Per i pezzi di raccordo con tubazioni metalliche, sia M che F, il filetto dovrà essere di ottone nichelato. (vedi scheda Giunti universali ) BIGIUNTO UNIVERSALE AD AMPIO RANGE MONOGIUNTO FLANGIATO AD AMPIO RANGE RACCORDI E PEZZI SPECIALI IN GHISA (vedi scheda Raccordi in ghisa per acqua ) Nei terminali flangiati la corona circolare di appoggio della guarnizione dovrà avere dimensione tale da non provocare la deformazione o lo schiacciamento della guarnizione durante la posa; comunque lo spessore di questa corona non sarà inferiore a 2,5 cm; la corona dovrà essere completa di scanalature per favorire la tenuta. Nei pezzi speciali con estremità a bicchiere il bicchiere dovrà consentire piccoli spostamenti assiali e angolari senza che venga meno la perfetta tenuta qualunque sia la pressione di esercizio da 0 a 16 atmosfere. Il pezzo dovrà essere completo di idonea guarnizione. Le flange dei raccordi devono essere di tipo orientabile con risalto di tenuta a gradino secondo UNI EN e 3 rigature concentriche a profilo semicircolare (raggio circa 1 mm). CHIUSINI IN GHISA SFEROIDALE (vedi scheda Chiusini ) I chiusini posati in aree verdi, aree di parcheggio e marciapiedi dovranno essere di classe non inferiore a B 125. Quelli posati in sede stradale dovranno essere di classe non inferiore a D 400. Basamento per chiusini, dimensioni min. 20 x 20 cm, in cls vibrocompresso, Rck 350, con foro interno per passaggio chiave di manovra 5

6 Parte Terza MODALITA' DI POSA IN OPERA 1) MANO D OPERA La mano d opera da impiegare nell esecuzione delle opere dovrà essere la necessaria professionalità e competenza in base al lavoro per il quale viene impiegata. La mano d opera per i processi speciali dovrà essere opportunamente qualificata secondo la normativa applicabile. Ove sono previsti interventi sulle condotte in cemento-amianto, l Impresa esecutrice dovrà avere almeno n 1 tecnico e n 2 operatori abilitati (a s eguito di frequenza di apposito corso e superamento di apposito esame) alla gestione delle operazioni di bonifica, rimozione e smaltimento dell amianto conformemente alla Normativa della Regione Emilia Romagna, alla Legge 257/92 e al DPR 8/8/94. Per quanto riguarda i processi di saldatura si rimanda ai paragrafi seguenti. La mano d opera dovrà essere provvista di tutte le attrezzature necessarie all esecuzione dei lavori e di idonei DPI. 2) QUALIFICA DEI SALDATORI E DEI PROCEDIMENTI DI SALDATURA 2.1 QUALIFICA DEI SALDATORI Per l'esecuzione delle saldature, l'impresa dovrà impiegare solamente saldatori qualificati e la qualifica dovrà risultare da apposita certificazione. Ciascun saldatore adibito a lavori di prefabbricazione o montaggio di tubazioni dovrà essere munito ed avere sempre con sé, il patentino di qualifica, con fotografia, in cui sia riportato quanto segue: Generalità del saldatore; Data di qualifica; Ente che ha rilasciato la qualifica; Materiali di apporto per cui la qualifica è valida; Campo di spessori per cui la qualifica è valida; Firma del saldatore. I saldatori dovranno essere qualificati, secondo le norme vigenti in materia, dall'istituto Italiano della Saldatura o da altri Enti ufficiali. La certificazione dovrà essere in corso di validità. Il campo di validità della qualificazione risulterà conforme: al punto 6 della Norma UNI EN 287/1 per le tubazioni in acciaio; alla norma UNI 9737 per le tubazioni in polietilene. Il Gestore si riserva di richiedere all Impresa esecutrice che i saldatori effettuino dei saggi di saldatura preliminari presso i propri stabilimenti, da sottoporre a successivi controlli non distruttivi e/o distruttivi. Qualora vi siano elementi oggettivi che attestino una scarsa professionalità di un saldatore, come l esito negativo di una serie di prove sulle saldature, il Gestore può richiedere alla Direzione Lavori di far allontanare quel saldatore, e si riserva di non prendere in carico i tratti di rete in cui quel saldatore ha operato. 2.2 QUALIFICA DEI PROCEDIMENTI DI SALDATURA Tubazioni in acciaio 6

7 Le tubazioni e le strutture in carpenteria in acciaio che per caratteristiche costruttive e funzionali necessitano di collaudo finale obbligano l Impresa alla realizzazione di saldature con le specifiche e le qualificazioni riportate nelle seguenti Norme di riferimento: UNI EN ISO Specificazione e qualificazione delle procedure di saldature per materiali metallici - Regole generali; UNI EN ISO Specificazione e qualificazione delle procedure di saldature per materiali metallici - Specificazione della procedura di saldatura Parte 1 - saldatura ad arco; UNI EN ISO Specificazione e qualificazione delle procedure di saldature per materiali metallici - Prove di qualificazione della procedura di saldatura. Parte 1 - saldatura ad arco di acciai. L'Impresa, prima dell'inizio dei lavori, deve presentare alla Committente, per approvazione, la Procedura di Saldatura (WPS - Welding Procedure Specification) che deve contenere le seguenti informazioni: Processo di saldatura Indicazioni sul materiale d'apporto Posizione di saldatura Preriscaldo Indicazione sull'eventuale tipo di gas utilizzato Caratteristiche elettriche Tecnica di saldatura Trattamento termico La documentazione dovrà essere completata dai risultati di prove, distruttive e non distruttive, effettuate sul giunto campione, e superate con esito positivo Tubazioni in polietilene Le tubazioni in polietilene che per caratteristiche costruttive e funzionali necessitano di collaudo finale obbligano l Impresa alla realizzazione di saldature con le specifiche e le qualificazioni riportate nelle seguenti Norme di riferimento: Norme di riferimento: UNI Processo di saldatura ad elementi termici per contatto di giunti testa a testa di tubi e/o raccordi di polietilene per il trasporto di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione; UNI Processo di saldatura per elettrofusione di tubi e/o raccordi in polietilene per il trasporto di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione. 2.3 IDENTIFICAZIONE DELLA SALDATURA Prima dell'inizio dei lavori, l'impresa consegnerà l'elenco dei saldatori che verranno impiegati. Tale elenco sarà completo dell identificazione (codice numerico univoco) del saldatore e delle indicazioni dei procedimenti di saldatura per i quali è qualificato. Ogni saldatore, in vicinanza delle saldature, imprimerà sul tubo il proprio numero di punzone ovvero applicherà sul rivestimento (zona non soggetta alla lavorazione di completamento del rivestimento) una targhetta in materiale plastico con su riportata, con inchiostro indelebile, la propria identificazione, fissata alla tubazione mediante nastro adesivo siliconico-telato (la targhetta può essere coperta anche interamente); in alternativa l Impresa potrà consegnare un rapportino con le lunghezze progressive (sviluppo assonometrico) di posa della tubazione in cui evidenzierà per ogni saldatura il saldatore impiegato. Le saldature effettuate da saldatori privi della necessaria abilitazione dovranno essere eliminate e rifatte a spese dell'impresa. 7

8 3) UBICAZIONE DELLE CONDOTTE La profondità di posa delle condotte, intesa come distanza tra l'estradosso della condotta e il piano finito, dovrà essere in ogni punto non inferiore a 1,00 mt. Qualora durante le lavorazioni detta profondità non possa essere garantita dovranno essere presi accordi col personale del gestore addetto all Alta sorveglianza per valutare la realizzazione di idonee protezioni atte ad evitare deformazioni e/o rotture delle condotte per il transito e le operazioni dei mezzi di cantiere e/o del successivo traffico stradale (es.: beole in cls). In caso di sottopassi di reti fognarie, sottoservizi protetti da getti in cls, o altri sottoservizi di notevole estensione, la tubazione dovrà essere inserita in un tubo guaina di PVC per acquedotto UNI 1452 o di acciaio, di diametro sufficiente a garantirne la sfilabilità in caso di interventi di manutenzione. 4) POSA IN OPERA TUBI ACCIAIO GIUNZIONI SALDATE La saldatura dei tubi dovrà essere eseguita ove possibile fuori la trincea di scavo, e dovrà essere conforme a quanto previsto dalla WPS relativa. Le estremità da saldare (testate) dei tubi, nonché valvole e dei pezzi speciali delle saranno accuratamente ripulite sia esternamente che internamente al fine di eliminare ogni traccia di bitumi, vernici, ed altri eventuali elementi che possono disturbare o danneggiare le operazioni di accoppiamento e saldatura. Ultimata la posa del manicotto in PE termorestringente, dovrà essere effettuato il controllo dell efficacia dell isolamento, come meglio illustrato al punto relativo. Fatto salvo quanto prescritto dall Ente Proprietario/Gestore delle strade e dei terreni, di norma i tubi dovranno essere collocati in opera non direttamente sul fondo dello scavo ma con interposizione di apposito letto di sabbia, con granulometria non superiore a 5 mm, dell'altezza minima di cm 10, formante una culla che abbracci tutto il tubo e sia estesa per tutta la larghezza e lunghezza dello scavo. Una volta posato, il tubo stesso sarà avvolto con sabbia di medesime caratteristiche, perfettamente costipata meccanicamente in strati non superiori a 20 cm, per un altezza di almeno 20 cm sopra la generatrice. In casi particolari, in particolare nel caso di posa di condotte in zone ad elevata pendenza, il letto di sabbia dovrà essere interrotto ogni mt dalla posa di lenti di argilla vagliata al fine di evitare la formazione di canali di di scorrimento dell acqua di infiltrazione attorno alla tubazione. La tubazione dovrà essere posata nello scavo con l'ausilio di adeguate attrezzature e mezzi d'opera, onde evitare deformazioni plastiche delle tubazioni e guasti al loro rivestimento o superficie esterna, in modo che il tubo appoggi lungo tutta la giacitura inferiore In caso di eventuali ostacoli del sottosuolo, quali servizi esistenti, la condotta non dovrà essere posata a contatto con gli altri sottoservizi né dovrà essere forzatamente curvata, pertanto ove necessario dovranno essere utilizzati idonei pezzi speciali, in particolare curve a 45 e a 90, al fine di oltrepassare gli ostacoli. Sopra la condotta, all altezza di almeno cm da essa, per tutta la lunghezza, andrà posato un nastro segnalatore in polietilene. Ogni tratto di condotta deve essere disposto in modo che l'asse del tubo unisca in uniforme pendenza i diversi punti all'uopo fissati con appositi picchetti, in modo da corrispondere esattamente all'andamento planimetrico ed altimetrico stabilito nella planimetria e nei profili di progetto. Per la rettifica dell'asse delle tubazioni è proibito l'impiego di pezzi di pietra sotto i tubi, e dovranno invece impiegarsi adeguate rincalzature di terra sciolta od altre materie minute incoerenti. Lo strato di riempimento dello scavo direttamente a contatto con il tubo non deve contenere pietre od altri materiali che possano comunque trasmettere, concentrato in singoli punti, il carico sovrastante. L Impresa dovrà avere cura di impedire, mediante opportune arginature e deviazioni, che gli scavi siano invasi dalle acque piovane e/o di falda e dovrà parimenti evitare, con parziali rinterri eseguiti 8

9 a tempo debito, che verificandosi, nonostante ogni precauzione, l'inondazione degli scavi, le condotte possano essere sollevate dalle acque per galleggiamento. E' vietato chiudere le testate dei tubi, durante le ore di sospensione del lavoro, con tamponi di stracci ma è obbligatorio l'uso di tappi meccanici che garantiscano la perfetta tenuta. Tali tappi debbono essere rimossi solo alla ripresa del lavoro. Per tutte le giunzioni in linea il ripristino del rivestimento dovrà avvenire mediante guaina termorestringente. Essa dovrà avere larghezza sufficiente da sovrapporsi a fine posa per almeno 10 cm al rivestimento esistente. Dovrà essere scaldata procedendo dal centro verso i lati per minimizzare la formazione di cavità. Per le giunzioni dei pezzi speciali quali curve, derivazioni, riduzioni o Y di presa, la guaina termo restringente può essere sostituita dalla posa di nastro a freddo autoamalgamante. Il nastro dovrà essere applicato in conformità alle istruzioni del fabbricante. In ogni caso esso dovrà essere mantenuto sempre in tensione; le spire dovranno essere sovrapposte del 50% e il nastro dovrà sovrapporsi per almeno 5 cm sulla parte già rivestita in polietilene. Il ripristino del rivestimento dovrà essere compatto, esente da bolle e dovrà, in ogni punto, risultare di spessore superiore a 2 mm.. 5) POSA IN OPERA TUBI ACCIAIO GIUNZIONI FILETTATE Qualora le condotte di allacciamento attraversino locali interni (ad es. nel caso di utenze particolarmente numerose, le tubazioni a vista saranno in acciaio inox con giunzioni filettate. E consentita la formazione di curve a freddo, eseguite con apposita attrezzatura e con angoli minori di 45 gradi e raggio di curvatura R >= 10 DN fino a DN 50, R >= 38 DN oltre. Le tubazioni dovranno essere posate su zanche di sostegno in quantità sufficienti (minimo una ogni 2,5 metri), in modo da distanziare le tubazioni di circa 2 cm dal muro. Il materiale di tenuta delle giunzioni filettate delle condotte acqua dovrà essere la canapa, insieme a idonea pasta sigillante. 6) POSA IN OPERA TUBI PVC / GHISA SFEROIDALE GIUNTI A BICCHIERE Le tubazioni in PVC / ghisa sferoidale verranno posate previa verifica dell integrità e pulizia accurata delle teste dei tubi e lubrificazione con idonea pasta lubrificante. L infilaggio della tubazione in PVC avverrà a mano; sia per il PVC che per la ghisa il tubo dovrà essere infilato con la massima attenzione onde evitare danneggiamenti delle tubazioni; il tubo sarà infilato nel bicchiere fino alla linea di riferimento. Fatto salvo quanto prescritto dall Ente Proprietario/Gestore delle strade e dei terreni, di norma i tubi dovranno essere collocati in opera non direttamente sul fondo dello scavo ma con interposizione di apposito letto di sabbia, con granulometria non superiore a 5 mm, dell'altezza minima di cm 10, formante una culla che abbracci tutto il tubo e sia estesa per tutta la larghezza e lunghezza dello scavo. Una volta posato, il tubo stesso sarà avvolto con sabbia di medesime caratteristiche, perfettamente costipata meccanicamente in strati non superiori a 20 cm, per un altezza di almeno 20 cm sopra la generatrice. In casi particolari, in particolare nel caso di posa di condotte in zone ad elevata pendenza, il letto di sabbia dovrà essere interrotto ogni mt dalla posa di lenti di argilla vagliata al fine di evitare la formazione di canali di di scorrimento dell acqua di infiltrazione attorno alla tubazione. La tubazione dovrà essere posata nello scavo con l'ausilio di adeguate attrezzature e mezzi d'opera, onde evitare deformazioni plastiche delle tubazioni e guasti al loro rivestimento o superficie esterna, in modo che il tubo appoggi lungo tutta la giacitura inferiore In caso di eventuali ostacoli del sottosuolo, quali servizi esistenti, la condotta non dovrà essere posata a contatto con gli altri sottoservizi né dovrà essere forzatamente curvata, pertanto ove necessario dovranno essere utilizzati idonei pezzi speciali, in particolare curve a 45 e a 90, al fine di oltrepassare gli ostacoli. Sopra la condotta, all altezza di almeno cm da essa, per tutta la lunghezza, andrà posato un nastro segnalatore in polietilene. 9

10 Ogni tratto di condotta deve essere disposto in modo che l'asse del tubo unisca in uniforme pendenza i diversi punti all'uopo fissati con appositi picchetti, in modo da corrispondere esattamente all'andamento planimetrico ed altimetrico stabilito nella planimetria e nei profili di progetto. Per la rettifica dell'asse delle tubazioni è proibito l'impiego di pezzi di pietra sotto i tubi, e dovranno invece impiegarsi adeguate rincalzature di terra sciolta od altre materie minute incoerenti. Lo strato di riempimento dello scavo direttamente a contatto con il tubo non deve contenere pietre od altri materiali che possano comunque trasmettere, concentrato in singoli punti, il carico sovrastante. L Impresa dovrà avere cura di impedire, mediante opportune arginature e deviazioni, che gli scavi siano invasi dalle acque piovane e/o di falda e dovrà parimenti evitare, con parziali rinterri eseguiti a tempo debito, che verificandosi, nonostante ogni precauzione, l'inondazione degli scavi, le condotte possano essere sollevate dalle acque per galleggiamento. E' vietato chiudere le testate dei tubi, durante le ore di sospensione del lavoro, con tamponi di stracci ma è obbligatorio l'uso di tappi meccanici che garantiscano la perfetta tenuta. Tali tappi debbono essere rimossi solo alla ripresa del lavoro. 7) POSA IN OPERA TUBI PE I collegamenti dei tubi in PE per acquedotti potranno avvenire mediante giunzioni saldate testa a testa o mediante manicotto elettrosaldabile o mediante giunzioni metalliche di collegamento. Di norma i collegamenti saranno di tipo meccanico. L Impresa esecutrice può proporre di eseguire i collegamenti saldati, la proposta dovrà essere approvata dal tecnico incaricato dell Alta Sorveglianza. In aree con presenza di movimenti franosi i collegamenti saranno a saldare. Le estremità (testate) saranno ripulite al fine di eliminare ogni traccia di bitumi, vernici, ed altri eventuali elementi che possono disturbare o danneggiare le operazioni di accoppiamento. Le valvole ed i pezzi speciali saranno accuratamente puliti sia esternamente che internamente limitatamente alle superfici esposte. Per giunzioni saldate: Dovranno essere eliminate le ovalizzazioni delle teste con macchina saldatrice con ganasce. Le saldature dovranno essere eseguite secondo le indicazioni contenute nelle pubblicazioni IIP relative (n. 7 per gasdotti e n. 10 per acquedotti). La saldatura dei tubi dovrà essere eseguita ove possibile fuori la trincea di scavo. Per giunzioni meccaniche: I giunti saranno del tipo a compressione (vedi specifiche relative). Fatto salvo quanto prescritto dall Ente Proprietario/Gestore delle strade e dei terreni, di norma i tubi dovranno essere collocati in opera non direttamente sul fondo dello scavo ma con interposizione di apposito letto di sabbia, con granulometria non superiore a 5 mm, dell'altezza minima di cm 10, formante una culla che abbracci tutto il tubo e sia estesa per tutta la larghezza e lunghezza dello scavo. Una volta posato, il tubo stesso sarà avvolto con sabbia di medesime caratteristiche, perfettamente costipata meccanicamente in strati non superiori a 20 cm, per un altezza di almeno 20 cm sopra la generatrice. In casi particolari, in particolare nel caso di posa di condotte in zone ad elevata pendenza, il letto di sabbia dovrà essere interrotto ogni mt dalla posa di lenti di argilla vagliata al fine di evitare la formazione di canali di di scorrimento dell acqua di infiltrazione attorno alla tubazione. La tubazione dovrà essere posata nello scavo con l'ausilio di adeguate attrezzature e mezzi d'opera, onde evitare deformazioni plastiche delle tubazioni e guasti al loro rivestimento o superficie esterna, in modo che il tubo appoggi lungo tutta la giacitura inferiore In caso di eventuali ostacoli del sottosuolo, quali servizi esistenti, la condotta non dovrà essere posata a contatto con gli altri sottoservizi. Sopra la condotta, all altezza di almeno cm da essa, per tutta la lunghezza, andrà posato un nastro segnalatore in polietilene. 10

11 Ogni tratto di condotta deve essere disposto in modo che l'asse del tubo unisca in uniforme pendenza i diversi punti all'uopo fissati con appositi picchetti, in modo da corrispondere esattamente all'andamento planimetrico ed altimetrico stabilito nella planimetria e nei profili di progetto. Per la rettifica dell'asse delle tubazioni è proibito l'impiego di pezzi di pietra sotto i tubi, e dovranno invece impiegarsi adeguate rincalzature di terra sciolta od altre materie minute incoerenti. Lo strato di riempimento dello scavo direttamente a contatto con il tubo non deve contenere pietre od altri materiali che possano comunque trasmettere, concentrato in singoli punti, il carico sovrastante. L Impresa dovrà avere cura di impedire, mediante opportune arginature e deviazioni, che gli scavi siano invasi dalle acque piovane e/o di falda e dovrà parimenti evitare, con parziali rinterri eseguiti a tempo debito, che verificandosi, nonostante ogni precauzione, l'inondazione degli scavi, le condotte possano essere sollevate dalle acque per galleggiamento. E' vietato chiudere le testate dei tubi, durante le ore di sospensione del lavoro, con tamponi di stracci ma è obbligatorio l'uso di tappi meccanici che garantiscano la perfetta tenuta. Tali tappi debbono essere rimossi solo alla ripresa del lavoro. 8) POSA DI PALETTO SEGNATUBO Il paletto segnatubo deve essere costituito da un tronchetto di tubo DN 1 1/2 o 2 altezza 2,50-3,00 m, con targhetta in sommità con scritta segnaletica secondo le indicazioni dell Ente Gestore. Deve essere completo di plinto di fondazione in conglomerato cementizio 30x30x30 cm, e di zanche di ancoraggio al plinto. 9) POSA IN OPERA DI TUBI GUAINA I tubi guaina in PVC devono essere posati seguendo le specifiche relative alla posa di condotte di PVC per acquedotto, analogamente per quelli in PE. I tubi guaina in acciaio devono essere posati seguendo le specifiche relative alla posa di condotte in acciaio. All interno delle guaine al momento dell infilaggio del tubo vanno posati anche i collari distanziatori tipo Raci o equivalenti approvati dall Ente gestore, e ove previsto i tappi sigillanti sulle testate. 10) PROTEZIONE DELLE TUBAZIONI La protezione delle condotte contro le sollecitazioni meccaniche esterne può essere costituita da tubi di protezione di acciaio o di ghisa sferoidale, da cunicoli di calcestruzzo, da piastre di calcestruzzo armato, manufatti di prefabbricati di cemento o da altri sistemi equivalenti. La protezione dovrà essere convenientemente prolungata oltre la zona entro la quale si ritiene che possano verificarsi le sollecitazioni. 11) POSTO DI MISURA IN PALINA PER PROTEZIONE CATODICA Nel posto di misura in palina (con cassetta del tipo Conchiglia ) la palina deve essere fissata su getto di fondazione in cls di almeno 30x30x30 cm. Devono essere posati anche i foderi ed effettuati gli infilaggi dei cavi ed i collegamenti alla morsettiera e saldati i cavi sulle condotte in acciaio interrate (compreso ripristino del rivestimento isolante della condotta), dovrà inoltre essere posato l elettrodo di misura fisso Cu/CuSO4, con o senza sonda di polarizzazione, come da disegni in Allegato, ricoperto con bentonite per almeno 15 cm su ogni lato. Ove previsto dal progetto esecutivo verranno anche posati gli anodi al magnesio preventivamente bagnati con acqua, e collegati elettricamente tra di loro tramite giunti isolati. 11

12 In alternativa alla palina il Gestore può richiedere ove ritenuto opportuno la posa in opera di cassetta in vetroresina ad armadietto. LAVORAZIONI SPECIFICHE SULLE RETI IDRICHE 12) COLLEGAMENTO A CONDOTTE IDRICHE ESISTENTI In linea di principio tutti i collegamenti di nuove condotte alla rete idrica saranno eseguiti dal Gestore con oneri a carico del Soggetto Attuatore. Qualora i collegamenti vengano invece eseguiti dall Impresa esecutrice (es. lottizzazione con più connessioni alla rete esistente), essi dovranno essere eseguiti tassativamente alla presenza di personale del Gestore. Sarà cura dell Impresa esecutrice di avvisare il Gestore con adeguato anticipo della data di effettuazione dell attività. Il collegamento dovrà essere eseguito secondo una delle seguenti procedure, secondo quanto previsto dal Progetto esecutivo: 1) collegamento flangiato, ove è presente almeno una tubazione di diametro 3 o superiore, mediante posa in opera di Te in ghisa di derivazione e realizzazione di idonee giunzioni con le condotta esistente (bout, toulippe, giunti universali ); 2) collegamento filettato, nei restanti casi, mediante posa in opera di Te in ottone o in materiale plastico di derivazione e delle giunzioni con la condotta esistente (bocchettoni, giunti tipo Fip, tipo Cobre ). In tutti gli interventi che prevedano il collegamento di nuove condotte a condotte esistenti prima di iniziare l attività la Direzione Lavori dovrà concordare con il Gestore la scelta della modalità di collegamento tra quelle sopra elencate, la data per effettuare i collegamenti, e altre disposizioni specifiche, a cui l impresa dovrà obbligatoriamente attenersi. La chiusura delle valvole di intercettazione lungo le condotte esistenti e la successiva riapertura verranno effettuate da operatori Hera. 13) POSA IN OPERA DI SARACINESCA CON ASTA DI MANOVRA Lungo le condotte e gli allacciamenti interrati ove previsto dagli elaborati di progetto o prescritto dal Gestore devono essere posate saracinesche con asta di manovra, collegate alle condotte con flangiatura/filettatura come da specifiche tecniche dei tubi a cui sono collegate; le saracinesche saranno complete degli accessori atti a portare in quota la manovrabilità della valvola: oltre all asta, il tubo riparatore diam mm, completo di campana e tappo guida-asta, il tutto in PVC, e il chiusino in ghisa di tipo estendibile su blocchetto in calcestruzzo con foro centrale. 14) FORMAZIONE DI BLOCCHI DI ANCORAGGIO In corrispondenza dei punti delle condotte ove ci sono variazioni di percorso e/o di dimensione (curve, TEE, allargamenti/restringimenti ) saranno costruiti ancoraggi in calcestruzzo con le dimensioni e modalità fissate dal progetto. I blocchi dovranno essere realizzati immediatamente alla esecuzione delle giunzioni, in modo da consentire le operazioni di collaudo non appena scaduti i termini della stagionatura delle murature avanti dette. Il blocco di ancoraggio dovrà essere di conglomerato cementizio dosato a q.li 3,00 di cemento tipo 325, a forma trapezia, con le dimensioni sufficienti a contenere le spinte della condotta alla pressione max di collaudo (1,5 PN) in base a quanto previsto dalla tabella allegata alle Specifiche tecniche in funzione del tipo di condotta; devono essere posati anche spezzoni di barre di acciaio 12

13 su entrambi i lati del pezzo speciale, tra loro connessi, per garantire l ancoraggio durante il periodo di maturazione del cls. 15) REALIZZAZIONE DI DISPOSITIVO DI SFIATO Lungo le condotte stradali dovranno essere previsti dispositivi di sfiato in corrispondenza dei punti alti, fatta salva diversa indicazione del tecnico incaricato dell Alta sorveglianza. La realizzazione del dispositivo di sfiato andrà effettuata nel seguente modo: - posa di collare di presa lungo la condotta principale, con uscita diretta verso l alto, e di saracinesca di intercettazione (DN indicato da Hera), attacchi flangiati - foratura in carico della condotta come da specifiche tecniche relative - posa di eventuali prolunghe in ghisa, di terminale di sfiato e messa in funzione - posa di prolunga in cls min 40 x 40 in cui alloggiare il terminale dello sfiato, compreso lapide carrabile 16) POSA DI RIDUTTORE DI PRESSIONE Verranno posati riduttori di pressione di rete ove previsto dagli elaborati di progetto e comunque ove la pressione di rete (in condizioni statiche e/o dinamiche) superi i 7 bar. In alternativa potranno essere installati riduttori singoli nei pozzetti di utenza a monte di ogni contatore, se espressamente autorizzati dal tecnico incaricato dell Alta sorveglianza. Il progettista dovrà individuare la dimensione corretta del riduttore (e della linea di riduzione) nel rispetto dei seguenti vincoli: perdita di carico max determinata dal riduttore non superiore a 0,5 bar; portata max in transito non superiore al valore limite della tabella seguente: DN Q max (l/s) DN Q max (l/s) 50 2, ,8 65 5, ,4 80 7, ,5 I riduttori a seconda delle dimensioni avranno giunzioni filettate o flangiate (flangiatura a Norma UNI ISO 2531 con foratura standard PN 16); dovranno essere installati in posizione orizzontale. I riduttori di norma saranno ad azione diretta, con dimensioni (scartamento) conformi alle Norme ISO 5752 serie e DIN 3202, dotati di sistema di regolazione della pressione tramite la vite di comando in testa alla molla. Il gruppo di riduzione dovrà essere a doppia linea, di cui una di riserva all altra. Ogni linea sarà costituita dei seguenti elementi: a monte del riduttore: una saracinesca, un manometro con fondo scala adeguato ed un filtro a valle del riduttore: una saracinesca ed un manometro con fondo scala adeguato Dovrà inoltre essere prevista una valvola di sfiato, a monte del riduttore se la condotta sale o a valle se la condotta scende. Il gruppo di riduzione verrà installato in armadio fuori terra in acciaio inox, di dimensioni adeguate e facilmente accessibile. Ove richiesto dal tecnico dell Alta sorveglianza, l armadio dovrà essere coibentato all interno con pannelli isolanti. 17) FORMAZIONE ALLACCIAMENTO IDRICO L allacciamento idrico è costituito dai seguenti componenti: collare di presa, tipo a manicotto (tubi stradali di PVC o PEAD) o a staffa (tubi stradali in cemento amianto, acciaio, ghisa), per collegamento alla condotta stradale 13

14 saracinesca con asta di manovra, nonché accessori atti a portare in quota la manovrabilità: guaina di guida, tubo riparatore in PVC diam mm, completo di campana e tappo guida-asta, chiusino in ghisa tubo e relative curve e pezzi speciali (giunti eseguiti come da specifiche tecniche delle tubazioni relative) batteria contatori; per utenze civili la batteria sarà costituita da tante linee quante le unità immobiliari da servire, inserite in pozzetti modulari, e da un contatore condominiale inserito in una prolunga (pozzetto senza fondo) in cls. Di norma: Per allacciamenti fino a 2 la tubazione dell allacciamento sarà in PE, i raccordi saranno del tipo a compressione, le giunzioni filettate. Per allacciamenti diam. 3 o superiore la tubazione dell allacciamento sarà in PVC, i raccordi saranno in ghisa, le giunzioni flangiate. La batteria contatori verrà realizzata sul marciapiede nelle immediate vicinanze della recinzione al confine di proprietà Soluzioni alternative andranno valutate col tecnico incaricato dell Alta sorveglianza. Le intersezioni con altri servizi, sia interrati che aerei, debbono essere eseguite mantenendo distanze di rispetto conformi alle normative vigenti. Il tutto come meglio illustrato dai disegni allegati. Il pozzetto modulare deve essere posato su letto di appoggio in ghiaino; la tubazione in ingresso deve essere collegata alla tubazione di allacciamento con raccorderia analoga a quella usata per le tubazioni relative. Il pozzetto prefabbricato in cls senza fondo, deve essere realizzato a q.li 3,00 di cemento tipo 325, con letto di appoggio in ghiaino, completo di lapide carrabile in ghisa, coibentazione in materiale isolante sul fondo della lapide; la tubazione di arrivo entrerà dal terreno di fondo, senza quindi forare le pareti laterali. I pozzetti posati in aree verdi, aree di parcheggio e marciapiedi dovranno essere dotati di lapide in ghisa di classe non inferiore a B 125. Quelli posati in sede stradale dovranno avere lapide di classe non inferiore a D 400. La linea contatori per batteria acqua comprenderà una valvola di intercettazione a monte del ctr, un tronchetto filettato forato, una valvola di ritegno, una valvola di intercettazione a valle. I diametri delle lineee e dei diversi componenti sono indicati nei disegni allegati. 18) SPOSTAMENTO DI PUNTO DI PRESA DI ALLACCIAMENTO Lo spostamento di punto di presa di allacciamento da vecchia a nuova condotta in esercizio, di qualsiasi materiale, dovrà essere effettuato seguendo la seguente procedura: - realizzazione della derivazione dalla condotta idrica interrata, come da specifica relativa, - posa di tratto di tubazione di collegamento della nuova derivazione all allacciamento esistente, ed esecuzione del collegamento, - demolizione di derivazione di utenza idrica interrata (smontaggio di tutti i componenti escluso il collare di presa), e inserimento di tappo di chiusura. Per l esecuzione di questi spostamenti, occorrerà avvisare preliminarmente il Gestore che procederà ad individuare gli utenti serviti dalla tubazione esistente e le posizioni dei contatori, e indicherà la data di esecuzione del collegamento; le attività di chiusura e riapertura e l apposizione degli avvisi preliminari (con un anticipo di almeno 3 giorni lavorativi) verranno effettuate dall Impresa esecutrice. 19) SOPPRESSIONE DI CONDOTTE INTERRATE DISMESSE La soppressione di tubazione idrica interrata avverrà mediante smontaggio di tutti i componenti escluso il collare di presa, e inserimento di tappo di chiusura. Occorrerà concordare preliminarmente col Gestore le modalità e la data di sospensione del servizio. 14

15 20) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LAVORAZIONI SULLE CONDOTTE IN CEMENTO AMIANTO Nel caso in cui siano previsti interventi su tubazioni in Amianto Cemento, l'impresa dovrà impiegare idonee misure di protezione, personale adeguatamente formato, ed informato sui rischi presenti, le indicazioni impartite dagli uffici AUSL e ARPA competenti per territorio e secondo la normativa vigente (L. n. 257 del 27 marzo 1992 e s.m.i; Capo III, Titolo IX D.Lgs. 81/2008 e s.m.i; D.Lgs. 25 luglio 2006 n. 257, e s.m.i.). In particolare dovrà redigere il Piano di Lavoro in base all art. 256 del medesimo D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i., da presentarsi agli Organi di Vigilanza competenti sul territorio almeno 30 gg. prima della lavorazione. Le ditte dovranno fornire l attestazione dell avvenuta approvazione del Piano stesso. Ogni intervento può essere svolto solo da operatori abilitati, a seguito di frequenza di apposito corso e superamento di apposito esame, alla gestione delle operazioni di bonifica, rimozione e smaltimento dell amianto conformemente alla Normativa della Regione Emilia Romagna, alla Legge 257/92 e al DPR 8/8/94. Il trasporto di beni contenenti amianto in matrice compatta, deve essere necessariamente eseguito da Imprese iscritte all Albo Nazionale Gestori Ambientali alla categoria 10 A Attività di bonifica di beni contenenti amianto effettuata su materiali edili contenenti amianto legato in matrice cementizia o resinoide. 21) CONTROLLO DEL RIVESTIMENTO E PROVE DI ISOLAMENTO ELETTRICO Nella costruzione della rete l Impresa esecutrice dovrà curare l'isolamento elettrico delle tubazioni in acciaio posate. In particolare dovrà eseguire: la corretta fasciatura delle giunzioni saldate onde garantire un grado di isolamento superiore a 15 KV, l'inserzione del materiale isolante negli eventuali incroci o vicini parallelismi con altre strutture metalliche del sottosuolo. Immediatamente prima della posa, l'impresa dovrà sistematicamente effettuare su tutto il rivestimento delle condotte, un controllo mediante un rilevatore a scintilla (detector) munito di spazzola di tipo appropriato per individuare l'eventuale presenza di danni quali sfogliature, ammaccature, incisioni, craterizzazioni o simili. La tensione di prova sarà pari a circa 3000 Volt per mm di spessore dei rivestimento, ma non dovrà mai avere un valore inferiore a Volt. Qualora venissero riscontrati dei difetti sul rivestimento o vi fossero parti del rivestimento danneggiato, l Impresa dovrà eseguire a sue spese tutti i necessari lavori di riparazione al fine di ottenere una perfetta efficienza dei rivestimento stesso. Ad impianto completato, allorquando la condotta sia stata reinterrata in tutte le sue parti, l Impresa esecutrice dovrà contattare i tecnici del Gestore i quali provvederanno ad eseguire la misura della corrente assorbita per mantenere il potenziale reale (Voff) della tubazione ad un valore uguale od inferiore a -1 V (elettrodo di riferimento Cu/CuSO 4 ). Questa non potrà essere superiore a 0,5 ma/m 2. Inoltre si dovrà misurare la resistenza di isolamento verso terra, la quale non potrà essere inferiore a Ohm*m 2. Nel caso in cui la verifica dell isolamento verso terra dia esito negativo (valori di Rs inferiori a Ohm*m 2, e corrente dispersa superiore a 0,5 ma/m 2 ) l Impresa è tenuto ad adottare, a sue spese, tutti i provvedimenti atti ad individuare e correggere i difetti di isolamento. In corrispondenza di attraversamenti o parallelismi con linee ferroviarie, o tranviarie, per cui sia stato imposto l adozione di una guaina protettiva alle condotte, si dovrà verificare che la resistenza di isolamento fra tubo e camicia sia superiore o uguale a 1 MOhm. Tale misura va rilevata prima di avere effettuato il collegamento del tratto in attraversamento alla condotta, nonché prima di effettuare i rinterri. 22) ANALISI DI POTABILITA 15

16 I lavori di realizzazione di tubazioni per acqua potabile si intenderanno completati soltanto dopo il raggiungimento di esito favorevole delle risultanze delle pre-analisi di potabilità, realizzate dai tecnici del Soggetto attuatore. L Impresa, durante i lavori di posa delle condotte, deve mantenere le stesse perfettamente pulite e lavate, ed adottare tutte le cautele necessarie ad evitare l ingresso di sostanze o corpi estranei al loro interno. 23) CONTROLLI DA ESEGUIRE SULLE CONDOTTE IDRICHE A FINE LAVORI Oltre alle verifiche di cui al punto precedente, sulle reti realizzate a fine lavori dovrà essere effettuata la prova di tenuta a pressione. In aggiunta a quanto previsto dal Capitolato Speciale d Appalto e a eventuali disposizioni del Direttore dei Lavori, l Impresa esecutrice dovrà attenersi alle prescrizioni sotto riportate. Gli strumenti registratori utilizzati per le prove dovranno avere fondo scala compatibile con le pressioni di prova (cioè pressioni comprese tra il 25% ed il 75% del fondo scala). Il tecnico incaricato dell Alta sorveglianza dovrà attestare la corretta esecuzione della prova di tenuta mediante apposizione di firma sulla carta diagrammale, in aggiunta a quella degli altri soggetti responsabili (Impresa esecutrice, D.L., ). Eventuali varianti alle modalità della prova di tenuta, se giustificate da eccezionali e particolari situazioni locali, potranno essere concesse, e dovranno risultare da apposito accordo per iscritto controfirmato dalle parti. La prova riguarderà contemporaneamente condotte stradali ed allacciamenti di utenza, con le pressioni e i tempi indicati di seguito. Le prove di tenuta dovranno corrispondere ai parametri fissati dal D.M. 12/12/1985, dal D.M. n del 23/02/1971 (Norme tecniche per gli attraversamenti e parallelismi di tubazioni e canali, convoglianti liquidi e gas con ferrovie ed altre linee di trasporto). Il riempimento della condotta dovrà avvenire dal punto più basso. Durante il riempimento dovranno essere tenuti aperti gli sfiati in modo che nella condotta non rimangano bolle d aria; in tale fase si allenteranno anche i premistoppa delle saracinesche per scaricare l aria che si imprigiona nei corpi delle valvole. A riempimento avvenuto si metterà in pressione la condotta utilizzando una pompa di adeguata potenza. Prima della prova di tenuta la pressione in rete dovrà essere portata ad un valore di 1,5 volte la pressione di prova per circa 15 minuti, al fine di favorire l assestamento delle giunzioni e degli ancoraggi. Detto valore di pressione potrà essere ridotto in presenza di situazioni particolari, su disposizione del tecnico di Alta sorveglianza. Le indicazioni che seguono sono da intendersi per linee da realizzarsi in aree di campagna o luoghi ove non sussistono vincoli o disposizioni che prescrivono la chiusura progressiva e immediata degli scavi, quindi di norma per tutti i tratti di condotta posati all interno del comparto. Per le altre aree (strade, piazze, aree pubbliche, ecc.) nelle quali esista l obbligo di chiusura progressiva degli scavi, le prove di tenuta saranno effettuate in assenza della verifica visiva dei giunti. Il tecnico di Alta sorveglianza potrà richiedere in casi particolari (es.: dubbi sulle modalità di posa, incertezze sull effettiva pressione di esercizio) valori della pressione di prova superiori rispetto a quelli sotto indicati, in ogni caso inferiori o uguali a quelli della pressione nominale delle tubazioni e dei giunti. La buona riuscita della prova sarà dimostrata dai concordi risultati dell esame dei giunti e del grafico del manometro registratore. In particolare, non potrà essere convalidata una prova in base alle sole indicazioni, ancorché buone, del manometro registratore, senza che sia stata effettuata la completa ispezione dei giunti. Prove di tenuta delle condotte in ghisa sferoidale La prova viene eseguita a giunti scoperti, con acqua alla pressione di 10 bar per 2 ore e sarà ritenuta valida se: 16

17 L - dall esame a vista dei giunti non risultino perdite; - l andamento del diagramma di registrazione della pressione non comporti variazioni superiori di ± 0,35 bar; - la quantità di acqua da immettere in condotta dopo la durata della prova in pressione per riportarla al valore iniziale sia inferiore a quella determinata dalla formula seguente: Dove: S D P = 2 * * * L = volume ammissibile di acqua in litri S = lunghezza tratta in metri D = diametro tubazione in mm. P = pressione di collaudo in bar Le condotte non saranno collaudate positivamente se non sono verificate tutte le condizioni sopra riportate. Prove di tenuta delle condotte in PVC rigido non plastificato La prova viene eseguita a giunti scoperti, su tratte di lunghezza stabilita dalla Direzione Lavori, con acqua alla pressione di prova pari a 1,5 volte la pressione di esercizio per 2 ore e sarà ritenuta valida se: - dall esame a vista dei giunti non risultino perdite; - la quantità di acqua da immettere in condotta dopo la durata della prova in pressione per riportarla al valore iniziale sia inferiore a quella determinata dalla formula seguente: Dove: S * D * P L = volume ammissibile di acqua in litri L = 2* S = lunghezza tratta in metri D = diametro tubazione in mm. P = pressione di collaudo in bar Le condotte non saranno collaudate positivamente se non sono verificate tutte le condizioni sopra riportate. Prove di tenuta delle condotte in PEAD La prova di tenuta delle condotte prementi in PEAD va eseguita secondo le indicazioni contenute al punto 15 della norma UNI La norma stabilisce che la prova può essere fatta per tratti che non superino la lunghezza di 800 metri e la pressione di inzio collaudo (STP) sia calcolata sulla base della pressione massima di progetto (MDP) che coincide con la pressione massima operativa del sistema (MOP). Nel calcolo non si tiene in considerazione il valore del colpo d ariete. Il verbale di collaudo dovrà contenere almeno quanto previsto dalla sopra citata norma al punto Per casi eccezionali, tali ritenuti discrezionalmente dalla DL, potrà essere consentito il collaudo ad una pressione massima pari a 1,5 volte la pressione di esercizio. Il collaudo sarà, considerato favorevole se ad avvenuta stabilizzazione delle condizioni di prova la pressione si è mantenuta costante, a meno delle variazioni dovute all'influenza della temperatura, per almeno 24 ore. Prove di tenuta delle condotte in acciaio La prova viene eseguita con acqua alla pressione di 1,5 volte la pressione di esercizio, da misurarsi con manografo registratore nel punto a minore quota del profilo. Il collaudo delle condotte avrà inizio 24 ore dopo aver raggiunto il valore stabile della pressione di prova richiesta. Il collaudo sarà, considerato favorevole se ad avvenuta stabilizzazione delle condizioni di prova la pressione si è mantenuta costante, a meno delle variazioni dovute all'influenza della temperatura, per almeno 12 ore. Le condotte non saranno collaudate positivamente se non sono verificate tutte le condizioni sopra riportate. 17

1.3 RETE ACQUEDOTTISTICA CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

1.3 RETE ACQUEDOTTISTICA CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA 1.3 RETE ACQUEDOTTISTICA CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO Aggiornamento settembre 2012 SPECIFICHE MATERIALI Materiali per

Dettagli

HERA s.p.a. SOT Modena OPERE DI URBANIZZAZIONE POSA DI CONDOTTE GAS

HERA s.p.a. SOT Modena OPERE DI URBANIZZAZIONE POSA DI CONDOTTE GAS HERA s.p.a. SOT Modena OPERE DI URBANIZZAZIONE POSA DI CONDOTTE GAS Versione 1 agosto 2012 Parte Prima INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE Le indicazioni progettuali sono riportate nelle presentazioni reti

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE

OPERE DI URBANIZZAZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE REALIZZAZIONE DELLE RETI E/O IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IDRICA E FOGNARIA 8 Piano stradale 7 3 4 2 6 5 4 3 2 SERVIZIO TECNICO Ing. Giovanni Sala DIRETTORE TECNICO Ing. Luca Comitti

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1988 REVISIONE DAL 1994 COMUNE DI VIGGIANO Periodo di validità: I corrispettivi indicati nel

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE... 2 4. FOGNATURA... 2 4.1 MATERIALI DA UTILIZZARE

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano LOTTIZZAZIONE SANTA MARIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DEL GAS PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLA RETE GASDOTTO

Dettagli

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE INDICE 1. OGGETTO... 2 2. SCOPO... 3 3. IMPIANTO IDRICO... 4 4.1 TUBAZIONI IMPIANTO ADDUZIONE ACQUA... 4 4. MATERIALI E PEZZI SPECIALI... 6 5. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 7 1 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI

COMUNE DI COLLESALVETTI COMUNE DI COLLESALVETTI PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO VICARELLO SUD PROPRIETA : SOC. FONTE ALLEGRA ED ALTRI A) STRADE E PARCHEGGI 1) Preparazione dei piani di posa con rullatura del terreno. mq 3.700,00

Dettagli

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Ultimo aggiornamento Martedì 27 Luglio 2010 La UNI 7129 edizione 2008 è la più importante

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INSTALLAZIONE DEL CONTATORE DELL ACQUA PRESSO IL VILLAGGIO CORTE A BORCA DI CADORE

LINEE GUIDA PER L INSTALLAZIONE DEL CONTATORE DELL ACQUA PRESSO IL VILLAGGIO CORTE A BORCA DI CADORE LINEE GUIDA PER L INSTALLAZIONE DEL CONTATORE DELL ACQUA PRESSO IL VILLAGGIO CORTE A BORCA DI CADORE I N D I C E 1.0 LINEE GUIDA GENERALI...1 2.0 - SCHEMI BASE PER IL POSIZIONAMENTO DEL POZZETTO...2 3.0

Dettagli

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N. Comune di BERBENNO DI VALTELLINA Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.1 Data, Marzo 2014 ALLEGATO A CONSISTENZA 1. CABINE DI DECOMPRESSIONE

Dettagli

Fondamenti di Impianti e Logistica

Fondamenti di Impianti e Logistica Fondamenti di Impianti e Logistica Prof. Ing. Riccardo Melloni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Tubazioni: elementi 1 Programma del Corso Tubazioni Impianti idrici Impianti pneumatici Scambiatori

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

computo metrico estimativo

computo metrico estimativo Pagina 1 di 10. A Impianto antincendio esterno 1 FORNITURA E POSA IN OPERA DI: GRUPPO attacco motopompa UNI 70 flangiato orizzontale costituito da una saracinesca in ottone e/o ghisa a corpo piatto, valvola

Dettagli

INDICE. 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2. 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2

INDICE. 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2. 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2 INDICE 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2 1.2 Impianti di scarico dei servizi e degli accessori sanitari pag. 3 1.3 Impianto di scarico delle acqua meteoriche

Dettagli

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - 1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA - Piano di manutenzione LOTTO 1 AMGA - Azienda Multiservizi SpA via del Cotonificio 60 - Udine PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0003 - INFRASTRUTTURE

Dettagli

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Studio di Ingegneria e Consulenza 01P COMUNE DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA SOMMARIO PREMESSA... 3 IRRIGAZIONE DI SUPERFICI SPORTIVE...

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è:

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: + innovativo perché: il profilo di ancoraggio del bicchiere iniettato è stato appositamente concepito in modo da ottenere la sezione

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

POSA IN OPERA DI TUBAZIONI, PEZZI SPECIALI ED APPARECCHIATURE IDRAULICHE

POSA IN OPERA DI TUBAZIONI, PEZZI SPECIALI ED APPARECCHIATURE IDRAULICHE POSA IN OPERA DI TUBAZIONI, PEZZI SPECIALI ED APPARECCHIATURE IDRAULICHE N 01 Posa in opera di tubi in ghisa sferoidale di qualsiasi lunghezza, e di pezzi speciali di qualsiasi genere, con giunto elastico

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE Il dimensionamento dei diametri delle tubazioni costituenti la rete è determinato tenendo conto del coefficiente di contemporaneità, dei diametri minimi delle

Dettagli

RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI. Trasporto di acqua potabile ed usi generali

RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI. Trasporto di acqua potabile ed usi generali RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI Tubi in polietilene PE100 (MRS 10) ad elevata resistenza ai disinfettanti a base di cloro (ipoclorito di sodio, diossido di cloro, cloraine...),

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

RACCORDI IN PE. - Raccordi PE elettrosaldabili. - Raccordi di transizione. - Raccordi PE stampati a saldare. - Raccordi PE formati a settori

RACCORDI IN PE. - Raccordi PE elettrosaldabili. - Raccordi di transizione. - Raccordi PE stampati a saldare. - Raccordi PE formati a settori RACCORDI IN PE Listino prezzi 01.10 REV00 in vigore dal 01.07.2010 Quality System UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n. 505 - Raccordi PE elettrosaldabili - Raccordi di transizione - Raccordi PE stampati

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 COMPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI... 2 ALIMENTAZIONE IDRICA... 3 COMPONENTI DEGLI IMPIANTI...

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

OGGETTO: INFORMAZIONI RELATIVE AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE GESTITI. Criteri adottati per il dimensionamento e la verifica dell assetto distributivo

OGGETTO: INFORMAZIONI RELATIVE AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE GESTITI. Criteri adottati per il dimensionamento e la verifica dell assetto distributivo OGGETTO: INFORMAZIONI RELATIVE AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE GESTITI Criteri adottati per il dimensionamento e la verifica dell assetto distributivo Punti di consegna (cabine RE.MI): o D.M. 16.04.2008

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 2 - ZONA 9 - SCUOLA N 1277 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E CENTRALE TERMICA NELLA

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI ANTINCENDIO UNI EN 12845

GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI ANTINCENDIO UNI EN 12845 GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI ANTINCENDIO UNI EN 12845 Gruppi di pressurizzazione UNI EN 12845 INTRODUZIONE ALLA NORMA EN 12845 La nuova norma d impianto UNI EN 12845, che sostituisce le UNI 9490 e la UNI

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

ANALISI NUOVI PREZZI Ed. febbraio 2012

ANALISI NUOVI PREZZI Ed. febbraio 2012 omune di iugliano in ampania (N) Servizio cquedotto e Fognature apitolato Speciale d ppalto Lavori Manutenzione Rete drica omunale NLS NUOV PREZZ Ed. febbraio 2012 Lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria

Dettagli

ATTACCO FLESSIBILE Trecciatura in Similinox a 7 fili. Pressione di esercizio 10 bar. Passaggio acqua ø 7 mm. Temperatura max. 100 C.

ATTACCO FLESSIBILE Trecciatura in Similinox a 7 fili. Pressione di esercizio 10 bar. Passaggio acqua ø 7 mm. Temperatura max. 100 C. 6 TUBI FLESSIBILI ANTIVIBRANTI Adatti per acqua liquidi e non corrosivi. Costruiti con tubo di gomma a base EPDM ricoperto con maglia di filo di acciaio zincato. Raccordi in acciaio zincato bloccati con

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

g r u p p i m o t o p o m p a

g r u p p i m o t o p o m p a gruppi motopompa in linea Gruppo attacco motopompa in linea PN 12 FILETTATO L H P RB0834 Orizzontale con 1 idrante 2 320 225 180 RB0835 Orizzontale con 1 idrante 2 1/2 350 230 183 RB0954 Orizzontale con

Dettagli

Multistrato per gas Il quadro normativo

Multistrato per gas Il quadro normativo Multistrato per gas Il quadro normativo DM. 37/2008 (in vigore dal 27/03/2008 ex L. 46/1990) Il DM 37/2008 si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA

CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA ART 1 Impianto di riscaldamento Manodopera lo smontaggio e/o spostamento del mobilio per l esecuzione dei lavori e successivo riposizionamento, per lo svuotamento dell' impianto di riscaldamento e riempimento

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

RETI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO DOTT. ING. MARIA VINCENZA SACCONE

RETI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO DOTT. ING. MARIA VINCENZA SACCONE RETI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO DOTT. ING. MARIA VINCENZA SACCONE LE DISPOSIZIONI NORMATIVE PRINCIPALI Legge 1083 del 6/12/1971 Norme per la sicurezza dell impiego del gas comb.le Decreto Ministeriale

Dettagli

KESSEL- Filtro per acqua piovana Sistema 400

KESSEL- Filtro per acqua piovana Sistema 400 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO, ESERCIZIO E MANUTENZIONE KESSEL- Filtro per acqua piovana Sistema 400 Filtro per acqua piovana Sistema 400 da installare in condotte di scolo all aperto Filtro per acqua piovana

Dettagli

N. 3374/6.15 / Reg. Determine Foggia, 15/10/2009

N. 3374/6.15 / Reg. Determine Foggia, 15/10/2009 N. 311 Reg. int. Ambiente PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE N. 3374/6.15 / Reg. Determine Foggia, 15/10/2009 Oggetto: VALUTAZIONE DI INCIDENZA AMBIENTALE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

BATIMENTS FSA EQUIPMENT HYDRIQUE SANITAIRE RAPPORT TECHNIQUE FABBRICATI FSA IMPIANTO IDRICO SANITARIO RELAZIONE TECNICA SOMMAIRE / INDICE

BATIMENTS FSA EQUIPMENT HYDRIQUE SANITAIRE RAPPORT TECHNIQUE FABBRICATI FSA IMPIANTO IDRICO SANITARIO RELAZIONE TECNICA SOMMAIRE / INDICE SOMMAIRE / INDICE RESUME/RIASSUNTO... 3 1. NORMATIVE DELLA SOUMISSION 44 RELATIVE AL PRESENTE PROGETTO... 4 1.1 Norme funzionali... 4 1.2 Norme su Materiali e Apparecchiature... 4 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 2001 REVISIONE DAL 2002 COMUNE DI MONTE SAN GIACOMO Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale SALTI DI QUOTA ESTERNI PFEIFENKOPF Pfeifenkopf, salto di quota esterno al pozzetto in polietilene per pozzetti di canalizzazione e di pompe, è costituito da una camera di raccolta con un muro rinforzato

Dettagli

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione Raccordi e valvole in PE a saldare condotte gas, antincendio e acqua in pressione Listino GIALLO 11-6 Marzo 2011 Indice INTRODUZIONE LISTINO PREZZI Indice............................................ Pag.

Dettagli

Per. Ind. Sorri Enrico Termotecnico. Bergamo, 20 novembre 2008 1465CMCCM01-1_Mascheroni.xls Pagina 1 di 4. prezzi unitari

Per. Ind. Sorri Enrico Termotecnico. Bergamo, 20 novembre 2008 1465CMCCM01-1_Mascheroni.xls Pagina 1 di 4. prezzi unitari Pagina 1 di 4. A Impianto antincendio esterno 1 FORNITURA E POSA IN OPERA DI: SARACINESCA esente da manutenzione in ghisa sferoidale a corpo ovale, diametro DN 100 PN 16 di sezionamento completa di doppia

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione Raccordi e valvole in PE a saldare condotte gas, antincendio e acqua in pressione Listino GIALLO 12-3 Aprile 2012 Indice INTRODUZIONE LISTINO PREZZI Indice.... Pag. 3 Elenco prodotti... Pag. 4 Simboli

Dettagli

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza SYSTEM GROUP 07.2014 1 La velocità della corrente nelle canalizzazioni fognarie deve essere tale da evitare sia la formazione

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1992 REVISIONE DAL 1993 COMUNE DI CONTURSI TERME Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

Tubi Per Il Gas In Acciaio Inox Con rivestimento ondulato con standard europeo EN15266:2007

Tubi Per Il Gas In Acciaio Inox Con rivestimento ondulato con standard europeo EN15266:2007 Facile Economico Veloce pipegas Tubi Per Il Gas In Acciaio Inox Con rivestimento ondulato con standard europeo EN15266:2007 Conforme con EN 15266:2007 TUBI FLESSIBILI PER IMPIANTI DOMESTICI A GAS NATURALE

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO

IMPIANTO ANTINCENDIO IMPIANTO ANTINCENDIO La scuola sarà dotata di impianto idrico antincendio per la protezione interna ossia la protezione contro l incendio che si ottiene mediante idranti a muro, installati in modo da consentire

Dettagli

CASE HISTORY. Tubi Spiralati SGK per scarico a mare acque di raffreddamento. Google Earth: latitudine: 40 29'22.47"N - longitudine: 17 10'56.

CASE HISTORY. Tubi Spiralati SGK per scarico a mare acque di raffreddamento. Google Earth: latitudine: 40 29'22.47N - longitudine: 17 10'56. CASE HISTORY Tubi Spiralati SGK per scarico a mare acque di raffreddamento PERIODO anno 2015 LOCALITA INTERVENTO TUBAZIONE Taranto (Italia) Google Earth: latitudine: 40 29'22.47"N - longitudine: 17 10'56.50"E

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

le principali norme previste per il teleriscaldamento

le principali norme previste per il teleriscaldamento le principali norme previste per il teleriscaldamento UNI 10390:1994 Impianti di riduzione finale della pressione del gas naturale funzionanti con pressione a monte massima compresa tra 5 e 12 bar. Progettazione,

Dettagli

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE TI-P102-01 CH Ed. 4 IT - 2006 Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE Descrizione Le valvole 37D sono dei regolatori di temperatura a pilota per l utilizzo su applicazioni di scambio termico

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA Requisiti fisico-meccanici I tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100 per il trasporto di gas combustibili sono prodotti

Dettagli

listino prezzi 2014 Multistrato

listino prezzi 2014 Multistrato listino prezzi 2014 Multistrato Tubi Multistrato PE-Xc/Al/PE-Xc 2 I Raccordi a pinzare 3-4-5-6 N D I C Collettori e cassette 7 Attrezzatura 8-9 Caratteristiche e vantaggi 10-11 E Dati tecnici 12 TUBI

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona UFFICIO TECNICO COMUNALE V Settore - Servizio Lavori Pubblici LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI ALCUNI TRATTI DELLA SEDE STRADALE DI VIA MEDIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE N. Cod. MISURE 0,00

INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE N. Cod. MISURE 0,00 01 SCAVI, RINTERRI E DEMOLIZIONI 1 01.01 Scavo superficiale di scotico del piano di campagna per la pulizia del terreno e con l'asportazione di una coltre superficiale dello spessore massimo di 30 cm,

Dettagli

B NOLI Codice Voce Descrizione U.M. Importo unitario in euro

B NOLI Codice Voce Descrizione U.M. Importo unitario in euro APPALTO PER I LAVORI CONSEGUENTI ALL'ESECUZIONE DI PREMESSA Il presente elenco prezzi ha per oggeto l esecuzione dele opere indicate, e, ove previsto, anche la fornitura dei materiali, così come definito

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative Questi interventi hanno lo scopo di predisporre un adeguata preparazione delle condotte perché si realizzino le

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria "A.T.U. 4"

Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria A.T.U. 4 Ambito di Trasformazione Urbanistica n. 4 OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA totale Euro A INSTALLAZIONE CANTIERE.000,00 B SISTEMAZIONE ED ALLARGAMENTO STRADA.37,59 C NUOVA CONDUTTURA DI FOGNATURA 2.040,2

Dettagli

Dispositivo di protezione e regolazione TR5037TE

Dispositivo di protezione e regolazione TR5037TE 3B.501 Ed. 4.1 IT - 2006 Dispositivo di protezione e regolazione TR5037TE per scambiatori a vapore ed acqua fino a 100 C Raccolta R - Prot. ISPESL (ANCC) 26460 del 29/7/1981 - DM 1/12/75 Descrizione Il

Dettagli

accessori acquedotti accessori acquedotti idranti saracinesche saracinescheantincendio saracinesche

accessori acquedotti accessori acquedotti idranti saracinesche saracinescheantincendio saracinesche NASTRO SEGNALATORE collari collari /cad 14,00 RETE DI SEGNALAZIONE ACCESSORI ACQUEDOTTI ED ANTINCENDIO,,, collari SCRIZIONE /cad RETE GIALLA TUBO GAS DIM h.250x250 mt. CON FILO RILEVATORE IN 168,90 RETE

Dettagli

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE Firmato digitalmente da Luigi Giansanti CN = Giansanti Luigi O = Collegio Periti Industriali di Terni/80006410551 C = IT OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE L appalto è soggetto all esatta osservanza di tutte

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli