4 Informazioni generali sui sistemi di scarico Geberit

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 Informazioni generali sui sistemi di scarico Geberit"

Transcript

1 4 Informazioni generali sui sistemi di scarico 4.1 Sistema Descrizione del sistema Dati tecnici Omologazione Norme, direttive, vademecum Progettazione Dimensionamento Montaggio Regole per il montaggio Misure di montaggio Istruzioni per il montaggio Servizio Riparazione di Silent-db20 / PE-HD o di una cassetta di risciacquo ad incasso PE

2 4.1 Sistema Descrizione del sistema offre due diversi sistemi di scarico per le acque di rifiuto: Silent-db20 PE-HD I due sistemi completi comprendono tubi, raccordi, collegamenti, fissaggi e isolanti. Presentano ottime caratteristiche e si distinguono a seconda del sistema nella relativa applicazione, in particolare nel campo dell'isolamento acustico. Campo d'impiego Le ottime caratteristiche di Silent-db20 e PE-HD determinano il campo d'impiego per l'intero sistema. Tabella 13: Campo d'impiego Applicazione Silent-db20 Scarico negli edifici abitativi Condotte di raccordo PE-HD aperte, visibili 1) Condotte di raccordo non isolate incassate nel calcestruzzo Condotte di raccordo isolate rispetto al suono intrinseco incassate nel calcestruzzo 1) Colonne di scarico Canali di ventilazione Collettori Collettori con isolamento acustico Condotte in pressione per pompe 2) Condotte di acque meteoriche convenzionali Condotte di acque meteoriche Pluvia 2) 1) Collettori di fondo Condotte interrate Scarichi per ponti Scarichi di acque industriali 3) 1) Non è consigliabile per motivi tecnici acustici. 2) In assenza di sollecitazione meccanica pressione interna pari a max. 1.5 bar ad una temperatura max. di 30 C, 10 a, DN (ø ) 3) I valori relativi alla resistenza alle sostanze aggressive e chimiche delle acque di rifiuto provenienti da impianti industriali e laboratori possono essere consultati nell'elenco delle resistenze agli agenti chimici. 106

3 4.1.2 Dati tecnici Tabella 14: Caratteristiche del sistema Caratteristica Silent-db20 Resistenza all'acqua calda Resistenza al freddo Il materiale PE-S2 e la tecnica di applicazione sono concepiti per una temperatura pari a 60 C. Nelle tubazioni prive di pressione sono ammesse temperature di punta di breve durata provocate da apparecchi domestici convenzionali. Le condotte di scarico riempite d'acqua e gelate rimangono intatte anche dopo il disgelo grazie all'elevata elasticità del materiale. PE-HD PE-HD può essere impiegato nel settore degli scarichi dove, in assenza di pressione, si presentano temperature fino a 80 C. In assenza di sollecitazioni meccaniche sono ammesse per brevi periodi 1) temperature fino a 100 C. Per gli impianti di scarico industriali sottoposti a sollecitazioni continue con temperature 80 C, le possibilità d'impiego vanno chiarite interpellando. A temperatura ambiente PE-HD è quasi infrangibile. In presenza di temperature estremamente basse (fino a ca. -40 C) la resistenza agli urti molto elevata consente l'impiego nel settore degli scarichi. Dilatazione Contrazione termica Conduttività termica La dilatazione termica delle tubazioni PE-HD e Silent-db20 è pari a 0,17 mm/m K. Come regola base si calcola che una differenza di temperatura di 50 K provoca una dilatazione del tubo pari a 1 cm/m. Il metodo più sicuro per evitare l'inevitabile accorciamento della misura dei tubi sintetici dopo sollecitazioni termiche (contrazione termica), è quello di anticipare l'effetto nel corso della fabbricazione. Questa pratica aumenta la sicurezza dei collegamenti, poiché si esclude la fuoriuscita del tubo dovuta all'accorciamento successivo. La contrazione termica dei tubi è pari a max. 1 cm/m (norma DIN 3 cm/m). Conduttività termica (lambda λ) 0,43 W/m K. Comportamento al fuoco Le materie sintetiche sono combustibili. Tuttavia, la classificazione delle materie sintetiche in base ai comuni test di combustione dei materiali non consente di formulare alcuna affermazione valida relativa al comportamento del componente di materia sintetica in caso di incendio. Per l'approvazione antincendio dell'aicaa (Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio) si veda 1) Per brevi periodi, in assenza di sollecitazioni meccaniche, chimiche o statiche, temperatura massima pari a 100 C; un tale ciclo di punta può avere una durata massima di 1 minuto. Subito dopo, la condotta di scarico deve essere riportata alla normale temperatura d'esercizio ovv. ambiente. In un anno è consentito un numero massimo di tali cicli di punta pari a 400. La durata delle condotte e degli impianti viene compromessa! Tutti i collegamenti devono essere ad accoppiamento di forza e inscindibile. 107

4 Caratteristica Silent-db20 PE-HD Abrasione di materiale Densità I sistemi di scarico sono sempre più utilizzati per eliminare rifiuti in maniera mascherata. Soprattutto nelle condotte di raccordo, nei collettori e nei collettori di fondo, acquista importanza in maniera crescente la questione della resistenza all'abrasione. PE-HD e Silent-db20 hanno un'elevata resistenza all'abrasione. Ulteriore sicurezza è offerta da spessori elevati delle pareti dei tubi kg/m kg/m 3 Flessibilità / Resistenza agli urti Conduttività elettrica Grazie all'elevata elasticità del materiale, in presenza di normali temperature ambiente e di lavorazione, il sistema è praticamente infrangibile. Per determinati edifici o per i ponti, la flessibilità del materiale dello scarico può giocare un ruolo importante, nel caso in cui le condotte debbano passare attraverso giunti di dilatazione o il componente sia sottoposto a forti vibrazioni dovute al traffico. Entrambi i sistemi sono elettricamente non conduttivi. Nell'industria elettrica le materie plastiche si sono ottimamente affermate come isolanti, per es. tubi di protezione cavi in PE, resine da colata, vernici isolanti ecc. Tenuta stagna dei collegamenti Ottima esperienza pluriennale nel settore della saldatura a specchio e testa a testa. I punti di saldatura sono arrotondati all'interno e non costituiscono alcun pericolo di intasamento. Materiale delle guarnizioni Tutte le guarnizioni dei collegamenti non saldati sono di caucciù sintetico EPDM. 108

5 Caratteristica Silent-db20 PE-HD Proprietà chimiche Resistenza ai raggi ultravioletti Il materiale Compound PE-HD-S2 dispone di buone proprietà di resistenza chimica in relazione al settore d'impiego "scarichi dell'edilizia abitativa". Grazie alla propria struttura paraffinica, PE-HD dispone di un'ottima resistenza agli agenti chimici, brevemente caratterizzata qui di seguito: PE-HD è insolubile in tutti i solventi inorganici ed organici ad una temperatura di 20 C. PE-HD è solubile a partire da temperature superiori ai 90 C in idrocarburi alifatici e aromatici e relativi prodotti di clorurazione. Il materiale viene aggredito a temperatura ambiente o in caso di sollecitazione prolungata da parte di sostanze fortemente ossidanti (HNO 3 conc., H 2 SO 4 conc. e simili). Tramite l'aggiunta di ca. il 2 % di nerofumo, il materiale risulta ampiamente protetto dall'invecchiamento e dall'infragilimento dovuti all'irradiazione solare. Suono Suono per via aerea Suono intrinseco Il materiale Compound PE-HD-S2 dispone di eccellenti proprietà di attenuazione del rumore aereo sfruttate in maniera ottimale tramite forti spessori di tubi e raccordi e alette frangirumore. Il rumore propagato attraverso l'aria deve essere rinchiuso. Per l'incapsulamento si ricorre a Isol senza piombo oppure a misure costruttive speciali. Grazie al modulo di elasticità di Silent-db20 e PE-HD, le sollecitazioni foniche vengono trasmesse in misura minima. Il rumore intrinseco può essere ridotto sensibilmente separando in maniera conseguente le tubazioni dalla costruzione tramite staffe con inserti fonoassorbenti, come pure tramite rivestimenti fonoassorbenti. Pressione interna DN (ø ) condotte in pressione per pompe PE-HD e Silent-db20 possono essere impiegati per condotte in pressione per pompe prive di sollecitazioni meccaniche e chimiche. La massima pressione interna ammessa è pari a 1,5 bar con max. 30 C, 10 a. Tutti i collegamenti devono essere ad accoppiamento di forza e inscindibile. 109

6 Condotte in pressione per pompe in PE-HD / Silent-db20 PE-HD e Silent-db20 possono essere impiegati per condotte in pressione per pompe prive di sollecitazioni meccaniche e chimiche. La massima pressione interna ammessa è pari a 1,5 bar con max. 30 C, 10 a. Tutti i collegamenti devono essere ad accoppiamento di forza e inscindibili. Se possibile utilizzare manicotti per saldatura elettrica con indicatore o collegamenti con flangia. Per stabilire in maniera semplice il campo d'impiego, come regola base vale una differenza d'altezza massima di 15 m tra la pompa ed il bordo inferiore del tratto antirigurgito. Con una capacità di mandata zero la prevalenza massima dell'impianto di pompaggio non deve superare i 20 m. Questa indicazione è da verificare con i relativi dati del fabbricante dell'impianto di pompaggio. 110

7 Tipi di collegamento Il tipo di collegamento dipende in larga misura dal tipo di posa. Il tipo di posa, a sua volta, è determinato dal tipo di costruzione. Tabella 15: Tipi di collegamento Tipo di collegamento Ad accoppiamento di forza e inscindibile Smontabile Non smontabile Ad accoppiamento geometrico Smontabile Saldatura testa a testa o a specchio, DN (ø mm) Flangia, DN (ø mm) Manicotto d'innesto, DN (ø mm) Manicotto per saldatura elettrica con indicatore, DN (ø mm) Manicotto termo per saldatura elettrica DN (ø mm) Raccordo con dado avvitabile senza colletto di fissaggio, DN (ø mm) Raccordo con dado avvitabile con colletto di fissaggio, DN (ø mm) Manicotto di dilatazione, DN (ø mm) Brida, DN (ø mm) 111

8 4.1.3 Omologazione I sistemi di scarico dispongono della raccomandazione di omologazione Qplus della comunità di lavoro suissetec-vsa. I certificati attuali si trovano sul sito Norme, direttive, vademecum Evacuazione delle acque di scarico dei fondi Campo di applicazione SN «Progettazione ed esecuzione degli impianti per lo smaltimento delle acque dei fondi» suissetec Direttiva per lo scarico dell'acqua meteorica proveniente dai tetti suissetec Vademecum suissetec per lo scarico dell'acqua meteorica proveniente dai tetti, comprese raccomandazioni e regolamentazioni svizzere aggiuntive per la progettazione, la realizzazione e il collaudo degli impianti di scarico dell'acqua piovana per tetti piatti e a falda Raccomandazione Svizzera consiglia a tutti i committenti di costruzioni e progettisti di progettare e realizzare gli impianti tenendo conto di queste raccomandazioni. 112

9 Diametri dei tubi Correlazione dei tubi ai relativi diametri nominali (DN) Tabella 16: Dimensioni dei tubi (diametro nominale dei tubi DN conformemente a SN punto ) Diametro Diametro PE-HD Silent-db20 nominale interno min. Diametro esterno (OD) 1) Diametro interno (ID) Diametro esterno (OD) 1) Diametro interno (ID) DN mm mm mm mm mm , , , , , , , ,4 1) Contrassegno sui prodotti OD Outside Diameter ID Inside Diameter 0 Pendenza Le condotte con pendenze minime sono da posare con attenzione e a regola d'arte. Tabella 17: Pendenze delle condotte Tipo di condotta Pendenza in % Tipo di condotta Pendenza in % Min. Ideale Max. Min. Ideale Max. Acque meteoriche con scarico convenzionale Acqua lurida o di rifiuto Condotta di raccordo Condotta di raccordo senza ventilazione senza ventilazione Condotta di raccordo 0,5 3 5 Condotta di raccordo ventilata 0,5 3 5 ventilata Collettore/deviazione di Collettore/deviazione di colonne di scarico colonne di scarico Collettore di fondo Collettore di fondo Condotte di drenaggio 0,5 0,5 1 DN 200 Collettore di fondo DN 250 Condotte di ventilazione 1, ,5 3 5 Pendenza conformemente a SN punto

10 4.2 Progettazione Dimensionamento Determinazione delle dimensioni dei tubi di scarico di acque luride o di rifiuto Unità di scarico (DU) L'unità di scarico corrisponde al valore di deflusso di dimensionamento in l/s per un determinato apparecchio sanitario (1 DU = 1 l/s) ed è determinata dalla relativa funzione. Vanno considerati inoltre i valori di valvole di sicurezza, lavaggi dei filtri ecc. indicati dai produttori. Tabella 18: Correlazione delle unità di scarico DU agli apparecchi sanitari Apparecchio/oggetto DU Uscita del sifone l/s (OD) Raccomandazione Lavabo, lavandino 0,5 40 DN 40 Bidet 0,5 40 DN 40 Orinatoio con rubinetto di risciacquo 0,5 40 DN 40 Doccia senza ritegno d'acqua 0,6 56 DN 50 Vasca da bagno 0,8 56 DN 56 Lavello 0,8 56 DN 56 Lavatoio 0,8 56 DN

11 Apparecchio/oggetto DU Uscita del sifone l/s (OD) Raccomandazione Lavatrice fino a 6 kg 0,8 50 / 56 DN 56 Sifone a pavimento DN 56 1,0 56 / 63 DN 60 Sifone a pavimento DN 70 1,5 75 DN 70 Impianto WC con quantità di risciacquo da 4,5 l / 6 l / 7,5 l Impianto WC con quantità di risciacquo da 9 l 2,0 90 DN 90 2,5 90 DN 90 Sifone a pavimento DN 100 2,0 110 DN 100 Sifone per doccia a filo del pavimento 0,6 56 DN 50 Canale per scarico doccia 0,6 1) 56 DN 56 Elemento per doccia con scarico a parete 0,6 1) 56 DN 56 1) Raccomandazione : 0,8 DU 115

12 Condotte di raccordo (WAS) Le dimensioni dei tubi delle condotte di raccordo per uno o più apparecchi si stabiliscono in base alla seguente tabella. Tabella 19: Condotta di raccordo senza ventilazione Raccomandazione (Svizzera) Numero massimo di DU ammesse Massima DU singola Diametro nominale DN Silent-db20 Esterno (OD) PE-HD Esterno (OD) 1,0 0, ,0 1, ,0 1) 1, ,5 2) 2, ,0 2, ) max. 1 apparecchio da 1,5 DU 2) max. 2 WC da 2,0 DU Tabella 20: Condotta di raccordo con ventilazione Raccomandazione (Svizzera) Numero massimo di DU ammesse Massima DU singola Diametro nominale DN Silent-db20 Esterno (OD) PE-HD Esterno (OD) Ricircolo 1) DN PE-HD Esterno (OD) 2,0 0, ,0 2) 1, ,5 1, ,0 3) 2, ,0 2, > 25,0 2, ) Il diametro del collettore di ventilazione DN 56 è sufficiente per 25 DU 2) max. 2 apparecchi da 0,8 DU 3) max. 2 WC da 2,0 DU 116

13 Colonne di scarico verticali della ventilazione primaria (WAS) Tabella 21: Ventilazione primaria con braga con curva 0 Numero massimo di DU ammesse Massima DU singola Q max (l/s) Diametro nominale DN Silent-db20 PE-HD K = 0,5 1) Esterno (OD) Esterno (OD) 2,0 0,7 0, ,0 1,0 2, ,0 1,5 3, ,0 2,5 5, ,0 2,5 7, ,0 2,5 12, ,0 2,5 21, ) Corrisponde al coefficiente di deflusso della Raccomandazione Svizzera Tabella 22: Ventilazione primaria con braga a squadra Numero massimo di DU ammesse Massima DU singola Q max (l/s) Diametro nominale DN Silent-db20 PE-HD K = 0,5 1) Esterno (OD) Esterno (OD) 1,0 0,5 0, ,0 1,0 1, ,0 1,5 2, ,0 2,5 4, ,0 2,5 5, ,0 2,5 9, ,0 2,5 16, ) Corrisponde al coefficiente di deflusso della Raccomandazione Svizzera 117

14 Tabella 23: Sistema di scarico con braga miscelatrice Sovent Numero massimo di DU ammesse Q max (l/s) Diametro nominale DN PE-HD K = 0,5 Esterno (OD) 302 8, Determinazione delle dimensioni dei tubi di scarico di acque meteoriche Condotte di raccordo (WAR) Le condotte per l'evacuazione delle acque meteoriche da tetti di piccole dimensioni, balconi, terrazze ecc. e con varie altezze di raccordo alle colonne di scarico sono da dimensionare come condotte di raccordo. La dimensione minima delle condotte di acque meteoriche convenzionali è: DN 60 (ø 63) per balconi con superficie protetta dalla pioggia DN 90 (ø 90) per tutte le altre situazioni Tabella 24: Dimensioni delle condotte di raccordo per acque meteoriche con sistema convenzionale Carico di deflusso ammissibile Q Rmax (l/s) Diametro nominale DN Silent-db20 PE-HD Pendenza ø [mm] ø [mm] 0,5% 1,0% 1,5% 2,0% 0,7 1,0 1,2 1, ,2 1,7 2,1 2, ,8 2,5 3,1 3, ,0 4,2 5,1 5,

15 4.3 Montaggio Regole per il montaggio Panoramica delle regole per il montaggio Protezione dagli incendi pagina 119 Pezzi ermetici all'umidità pagina 123 Valvole di ventilazione pagina 125 Tecniche di posa pagina 127 Protezione dagli incendi Collare antincendio RS90 Plus Il collare antincendio è uno sbarramento antincendio EI 90 per tubi PE-HD o Silent-db20. Applicazione antincendio AICAA num Funzionamento in caso di incendio Al raggiungimento di una determinata temperatura nel vano dell'incendio, la massa intumescente (che si gonfia) forma della schiuma che chiude la sezione della condotta, impedendo in tal modo (per il tempo richiesto) il propagarsi di fuoco e fumo. Collare antincendio EI 90 per: tubi PE-HD: DN (ø ) tubi Silent-db20: DN (ø ) Condotte di scarico combustibili attraverso soffitti di compartimentazione antincendio e soffitti del piano interrato Per la posa di condotte attraverso soffitti di compartimentazione antincendio, in caso di utilizzo di condotte di materia sintetica Silent-db20 e PE-HD si deve tener conto di quanto segue: Applicazione di collari antincendio per tutte le dimensioni dei tubi; è richiesto il consenso dell'ufficio tecnico cantonale. Montare i collari antincendio sotto il soffitto. Utilizzando condotte di scarico Silent-db20 / PE-HD nei sistemi d'installazione GIS e Duofix non sono necessari collari antincendio fino a un diametro esterno di 120 mm. STOP! 01:30:00 Fig. 56: Materiale in dotazione del collare antincendio 1 Involucro con alette di fissaggio pieghevoli 2 Isolamento schiumoso 3 Chiusura a staffa di tensione 4 Isolamento del suono intrinseco 5 3 strisce adesive 6 Viti di fissaggio 7 Targhetta di contrassegno 0 Fig. 57: Attraversamento di soffitti 1 Compartimento tagliafuoco

16 Informazioni generali sui sistemi di scarico Possibili misure di sicurezza in presenza di condotte di scarico incassate nel calcestruzzo attraverso soffitti EI 30 e EI 60 In presenza di condotte di scarico incassate nel calcestruzzo (almeno 50 cm) non sono necessari collari antincendio. È tuttavia richiesto il consenso dell'ufficio tecnico cantonale. Fig. 58: 50 cm EI 30 / EI 60 Compartimento tagliafuoco EI 30 / EI 60 con condotta di scarico incassata nel calcestruzzo di almeno 50 cm Possibili misure di sicurezza in presenza di condotte di scarico incassate nel calcestruzzo attraverso soffitti EI 90 In accordo con l'ufficio tecnico cantonale, è richiesto l'uso di collari antincendio in presenza di condotte di scarico incassate nel calcestruzzo di tutte le dimensioni. Condotte sanitarie combustibili attraverso pareti che formano compartimenti tagliafuoco Per la posa di condotte attraverso pareti di compartimentazione antincendio, in caso di utilizzo di condotte di materia sintetica Silent-db20 e PE-HD si deve tener conto di quanto segue: Condotte di scarico Silent-db20 / PE-HD: montare collari antincendio su ambo i lati della parete Non montare mai i collari antincendio su canali portanti STOP! 90 Min Fig. 59: STOP! 90 Min Attraversamento di pareti Negli edifici fino a 3 piani (EI 30): è richiesta l'applicazione di collari antincendio a partire da un diametro esterno di 120 mm; è richiesto il consenso dell'ufficio tecnico cantonale. A partire da 4 piani (EI 60) fino ad includere i grattacieli (EI 90 icb): è richiesta l'applicazione di collari antincendio per tutte le dimensioni; è richiesto il consenso dell'ufficio tecnico cantonale Tabella 25: Misure delle aperture in pareti e soffitti per il collare antincendio Art. No. Per tubo ø [mm] D min. [cm] D min PE-HD ø 40 / ø 50 / ø 56 / Silent-db20, ø 56 10,0 1) PE-HD / Silent-db20, ø 63 / ø75 14,0 1) PE-HD / Silent-db20, ø 90 15,0 1) PE-HD / Silent-db20, ø ,0 1) PE-HD ø 125 / Silent-db20 ø ,0 1) PE-HD / Silent-db20 ø ,0 1) PE-HD ø ,0 1) 1) L'ingombro della chiusura del collare antincendio è incluso nella misura dei fori passanti 120

17 A A D D D D Tabella 26: B C C Distanze in caso di montaggio di tubazioni in parallelo ø tubo [mm] A [cm] B [cm] C [cm] 40 / 50 / 56 4,0 4,0 9,0 63 / 75 6,0 6,0 11,0 90 7,0 7,0 12, ,0 8,0 15,0 125 / 135 9,5 9,5 19, ,5 10,5 22, ,0 13,0 26,0 In mancanza di spazio è possibile ridurre le tubazioni o le distanze. Per la maggior parte delle applicazioni è collaudata e ammessa una distanza D 0cm. B C C Tabella 27: Distanze in caso di montaggio in un momento successivo di tubazioni in parallelo attraverso soffitti o pareti (con alette di fissaggio piegate) ø tubo [mm] A [cm] B [cm] C [cm] 40 / 50 / 56 8,0 8,0 15,0 63 / 75 9,0 9,0 17, ,0 10,0 19, ,0 11,0 21,0 125 / ,0 12,0 24, ,5 10,5 22, ,0 13,0 26,0 Tutte le alette di fissaggio devono essere fissate con viti In caso di applicazione in un momento successivo su pareti in costruzione leggera in cartongesso, la larghezza della giunzione tra parete e tubo deve essere di massimo 15 mm e la giunzione deve essere imbottita con lana minerale ignifuga In mancanza di spazio è possibile ridurre le tubazioni o le distanze. Per la maggior parte delle applicazioni è collaudata e ammessa una distanza D 0cm. In caso di applicazione in un momento successivo le alette di fissaggio possono essere montate anche ad incrocio. 121

18 Premesse dell'edificio I collari antincendio non vanno coperti, intonacati o tinteggiati in un momento successivo Pareti divisorie leggere da 10 cm di spessore a montanti con struttura in acciaio e pannellatura antincendio in cartongesso Soffitti di almeno 15 cm di spessore in calcestruzzo o calcestruzzo poroso con classe di resistenza al fuoco EI 90 Pareti di almeno 10 cm di spessore in muratura, calcestruzzo o calcestruzzo poroso La seguente tabella indica le distanze minime delle tubazioni Silent-db20 orizzontali sotto il soffitto. Tabella 28: Distanze per il montaggio di tubazioni Silent-db20 orizzontali sotto il soffitto Silent-db20 2 curve 45 2 curve 45 lungo / lungo lungo / corto 2 curve 45 Curva corto / corto 88,5 ø tubo [mm] A min. [cm] A min. [cm] A min. [cm] A min. [cm] 56 18,5 16,5 15,0 10, ,0 17,5 16,0 11, ,0 19,0 17,0 12,5 A min ,5 21,0 18,0 13, ,0 22,0 19,5 14, ,5 29,0 26,5 19, ,0 38,0 37,0 27,0 Isolamento dell'interstizio tra tubo e collare antincendio Uno stesso collare antincendio RS90 Plus può essere utilizzato per tubi di dimensioni differenti. L'interstizio tra diametro esterno del tubo e diametro interno dei collari antincendio deve essere avvolto, oltre che con l'isolamento dal suono intrinseco in dotazione (guaina isolante ), con il bendaggio isolante Art. No Il numero di strati di bendaggio isolante richiesto per riempire l'interstizio è riportato nella seguente tabella. Tabella 29: Interstizio tra tubo e collare antincendio ø Art. No. ø interno Numero di esterno RS90 Plus RS90 strati di tubo Plus bendaggio [mm] [mm] isolante Per tutte le altre dimensioni dei tubi, il corrispondente collare antincendio è dimensionato in modo che l'interstizio venga riempito completamente mediante l'isolamento dal suono intrinseco in dotazione. 122

19 Pezzi ermetici all'umidità Collare a muro Il collare a muro viene utilizzato per l'impermeabilizzazione a prova di acqua in pressione delle condotte PE-HD e Silent-db20 attraverso pavimenti, pareti e soffitti in calcestruzzo. d B 1 Assicurarsi che l'apertura nel calcestruzzo corrisponda almeno alle dimensioni del collare a muro. X H 13 cm ø ø 110 = X 21 cm ø 125 = X 23 cm ø 160 = X 26 cm 2 Prima di posizionare il collare a muro, pulire e lubrificare il tubo. Fig. 60: D b Collare a muro Art. No x.00.1 DN d D B b , Campo d'impiego: pressione dell'acqua fino a 8 bar Luogo d'impiego: p. es. protezione contro l'acqua freatica Avvitare il collare a muro. Infine chiudere l'apertura completa con calcestruzzo e compattare. 123

20 Protezione dall'umidità per attraversamenti di pareti e soffitti Il pezzo ermetico all'umidità viene impiegato ovunque vengano fatte passare condotte attraverso muri, pavimenti o soffitti e sia necessario impedire la penetrazione di umidità. D d Si deve evitare l'allungamento/l'accorciamento delle tubazioni mediante l'applicazione di punti fissi nel calcestruzzo (manicotti per saldatura elettrica con indicatore, colletti di fissaggio, curve) o con particolari costruzioni a punti fissi L H 60 cm Tabella 30: Dimensioni DN d D H L ,5 2, ,5 2, ,5 2, ,5 2, ,5 50 Campo d'impiego Esecuzione Dimensioni dei tubi Pressione dell'umidità fino a 0,1 bar Foglio Resistit (nero) per bitumi caldi Foglio PVC (grigio)/foglio PE (grigio scuro) per saldatura termica DN 50, 56, 70, 100, 125 (ø 50, 56, 75, 110, 125) 3 Fig. 61: Passaggio attraverso il soffitto con impermeabilizzazione 1 Protezione dall'umidità 2 Manto-foglio impermeabile 3 Punto fisso con 2 manicotti per saldatura elettrica 4 Guaina isolante 5 Guaina isolante cm Fig. 62: Passaggio attraverso la parete con impermeabilizzazione 1 Protezione dall'umidità 2 Manto-foglio impermeabile 3 Guaina isolante 4 Punto fisso con 2 manicotti per saldatura elettrica 0 124

21 Valvole di ventilazione Valvole di ventilazione Conformemente alla norma SN edizione 2012 paragrafo 3.6.2, si possono utilizzare le valvole di ventilazione, la cui approvazione per l'impiego spetta all'ufficio competente locale. Applicazione: Per la seconda colonna di ventilazione primaria/ricircolo Per colonne di ventilazione secondarie indirette Per singole colonne di ventilazione di apparecchi sanitari esistenti con problemi di deflusso Oltre a queste applicazioni, è possibile l'impiego per ristrutturazioni, ampliamenti e modifiche, poiché la corretta installazione di colonne di ventilazione parallele è spesso difficile e costosa. Si raccomanda di avere come minimo una colonna di scarico ventilata sopra il tetto. Tabella 31: Possibilità di allacciamento Dimensione Silent-db20 PE-HD DN 56 (ø 56 mm) riduzione riduzione DN 60 (ø 63 mm) DN 70 (ø 75 mm) DN 90 (ø 90 mm) DN 100 (ø 110 mm) d di d1 (d ø 90 mm / d1 ø 99,5 mm / diø75mm) (d ø 90 mm / d1 ø 103,5 mm / diø75mm) Il manicotto di raccordo della valvola di ventilazione GRB90 può essere impiegato su tubi delle seguenti dimensioni: ø 75 mm ø 90 mm ø 110 mm 125

22 Direttive di posa Direttive di posa fondamentali per valvole di ventilazione: Temperatura ambiente: da -20 a +60 C. Non è consentito l'impiego di valvole di ventilazione invece di condotte di ventilazione per impianti con pompe di sollevamento e di pompaggio in generale. Le valvole di ventilazione devono essere accessibili per future ispezioni e manutenzioni. Le valvole di ventilazione possono essere montate solo verticalmente negli edifici! 100 cm 10 cm 10 cm 10 cm 150 cm Fig. 63: Misure di montaggio GRB50 15 cm 15 cm 150 cm 10.0 m 4.0 m Fig. 64: Misure di montaggio GRB90 Può essere montato solo verticalmente! Proteggere dal gelo! Ove necessario, utilizzare l'isolante fornito. 126

23 Tecniche di posa Per l'installazione delle condotte di scarico di acque luride o di rifiuto sono disponibili le seguenti tecniche di posa: Il cambiamento di lunghezza dovuto ad influssi termici viene controllato tramite il tipo di fissaggio. Si distingue tra montaggio rigido e montaggio con libera dilatazione Montaggio rigido Le forze subentranti che agiscono contro il cambiamento di lunghezza dovuto ad influssi termici, devono essere assorbite. Montaggio con libera dilatazione Nel corso del montaggio si deve tenere conto dei cambiamenti di lunghezza dovuti a influssi termici. 1) Sistema di fissaggio Pluvia Fissaggio rigido convenzionale Condotte immerse nel calcestruzzo Impiego del manicotto di dilatazione lungo Fuso di dilatazione (braccio dilatante) Il punto fisso trasmette le forze di spinta subentranti alla struttura della costruzione o al tubo di acciaio a sezione quadrata montato parallelamente alla condotta. 1) Vedere capitolo «Scarico per tetti», paragrafo Pluvia Sistema di fissaggio, pagina 311. Il braccialetto scorrevole serve per la conduzione del tubo. Esso impedisce la flessione dei tubi pieni. Le distanze tra i braccialetti si possono aumentare utilizzando canali portanti. Dilatazione lineare dei tubi PE-HD e Silent-db20 La dilatazione dei tubi dipende dalla temperatura delle acque di scarico e dalla temperatura ambiente. Per tutte le dimensioni dei tubi il coefficiente di dilatazione è pari a: 0,00017 m/mk (0,17 mm/mk). 127

24 4.3.2 Misure di montaggio Assortimento delle bride per tubi e di collegamento Tabella 32: Diametro esterno del tubo ø in mm secondo il tipo di materiale Materiale DN 40 DN 50 DN 60 DN 70 DN 90 DN 100 DN 125 DN 150 PE-HD ø / Silent-db20 ø Ghisa ø Acciaio ø 48, ,3 / 64 76,1 83 / 88,9 106 / 108 / 114,3 131 / 133 / 139,7 152 / 159 / 168,3 Fibrocemento ø Astolan ø Tabella 33: Numeri di articolo delle bride e degli anelli di rinforzo per PE-HD secondo il diametro esterno del tubo ø mm ø [mm] , ,

Formazione 2013. Progettare un bagno. Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013

Formazione 2013. Progettare un bagno. Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013 Formazione 2013 Progettare un bagno Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013 Un Gruppo internazionale Progettare un bagno Corso Progettare un bagno Corso Geberit Marketing e Distribuzione In Italia da

Dettagli

7 Scarico per pavimento Geberit

7 Scarico per pavimento Geberit 7.1 Sistema........................................... 280 7.1.1 Introduzione.......................................... 280 7.1.2 Campo d'impiego..................................... 280 7.1.3 Descrizione

Dettagli

Geberit PE /Geberit Silent Sistemi di scarico in polietilene ad alta densità

Geberit PE /Geberit Silent Sistemi di scarico in polietilene ad alta densità Geberit PE /Geberit Silent Sistemi di scarico in polietilene ad alta densità Sommario Geberit PE: il sistema completo in polietilene AD 4 Giunzioni per ogni esigenza 5 Geberit PE: un materiale ideale 6

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Deflusso garantito. Sistemi di scarico Geberit.

Deflusso garantito. Sistemi di scarico Geberit. Deflusso garantito. Sistemi di scarico Geberit. Idraulica, acustica e protezione dal fuoco in un unica soluzione: sistemi di scarico Geberit. Una progettazione semplice e sicura, abbinata ad una veloce

Dettagli

4 Geberit Sanbloc e Geberit Combifix

4 Geberit Sanbloc e Geberit Combifix 4 Geberit Sanbloc e Geberit Combifix 4.1 Geberit Sanbloc................................... 158 4.1.1 Sistema.............................................. 158 4.1.2 Progettazione........................................

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

Modell 1256 03.0/2011. www.viega.com. Art.-Nr.

Modell 1256 03.0/2011. www.viega.com. Art.-Nr. Modell 1256 03.0/2011 Art.-Nr. 684112 560725 Fonterra Kleinflächenregelstation A 2 Fonterra Kleinflächenregelstation B C D E F G 3 Istruzioni per l uso della stazione di regolazione per superfici ridotte

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE IMPIANTO FOGNARIO ACQUE NERE E BIANCHE 1. Oggetto La presente relazione riguarda l impianto di smaltimento delle acque bianche

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio I Gli elementi riscaldanti piatti sono certificati VDE secondo norme DIN EN60335-1 e DIN EN60335-2-96. Leggere attentamente le presenti istruzioni prima di intraprendere il montaggio.

Dettagli

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE 7 Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00 ~ ~ CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70 Cod. 252.117.00 INDICE Paragrafo ISTRUZIONI PER L'ISTALLATORE 1 Rispondenza alle direttive CEE 1.1 Schemi di installazione 1.2 Schemi

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

IMPIANTI DI SCARICO DELLE ACQUE USATE

IMPIANTI DI SCARICO DELLE ACQUE USATE IMPIANTI DI SCARICO DELLE ACQUE USATE Con il termine impianti di scarico si definisce l installazione di tubazioni che permettono il corretto deflusso delle acque di apparecchi idrosanitari, industriali

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

Schede tecniche e linee guida per l installazione

Schede tecniche e linee guida per l installazione Schede tecniche e linee guida per l installazione 43 Intumex RS10 - Collare tagliafuoco Generalità Intumex RS10 è un tagliafuoco per tubazioni in plastica realizzato in acciaio inossidabile vericiato a

Dettagli

Accessori scarico fumi per apparecchi

Accessori scarico fumi per apparecchi Accessori scarico fumi per apparecchi 6 720 606 436-00.1O ZW 23 AE JS Índice Índice Avvertenze 2 Spiegazione dei simboli presenti nel libretto 2 1 Applicazione 3 1.1 Informazioni generali 3 1.2 Combinazione

Dettagli

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE)

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) 10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) Per la determinazione delle portate massime contemporanee, necessarie per il dimensionamento delle reti

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

Grundfos SOLOLIFT2 DRENAGGIO E FOGNATURA

Grundfos SOLOLIFT2 DRENAGGIO E FOGNATURA DRENAGGIO E FOGNATURA Grundfos SOLOLIFT2 Le stazioni di sollevamento Grundfos SOLOLIFT2 sono adatte a quei luoghi in cui non è possibile convogliare direttamente le acque reflue nella fognatura principale

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Accessori Collegamento di tubi Logano G5 con Logalux LT300 Logano G5/GB5 con bruciatore e Logalux LT300 Per l installatore Leggere attentamente prima del montaggio. 6066600-0/00

Dettagli

Tubi scaldanti e accessori I.5

Tubi scaldanti e accessori I.5 La qualità dei sistemi di riscaldamento a pavimento dipende anche dalla bontà dei tubi scaldanti. Devono essere resistenti contro la formazione di fessure per tensioni interne, resistenti alla diffusione

Dettagli

TRIPLUS. Sistema insonorizzato a triplice strato per lo scarico all interno degli edifici

TRIPLUS. Sistema insonorizzato a triplice strato per lo scarico all interno degli edifici TRIPLUS Sistema insonorizzato a triplice strato per lo scarico all interno degli edifici Media-tic - Barcellona (Spagna) 2 Triplus, l evoluzione dei sistemi di scarico ad innesto AT DE DK IT NO PL RU SE

Dettagli

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata Premessa La presente relazione specialistica riguarda la progettazione dell impianto idrico-fognante a servizio di un centro comunale per la raccolta differenziata (CCR) dei rifiuti solidi urbani ed assimilati

Dettagli

Manuale Tecnico per impianti di scarico a gravità all interno di edifici. fp preis sml - manuale tecnico www.fp-sml.com

Manuale Tecnico per impianti di scarico a gravità all interno di edifici. fp preis sml - manuale tecnico www.fp-sml.com Manuale Tecnico per impianti di scarico a gravità all interno di edifici fp preis sml - manuale tecnico www.fp-sml.com Indice Indice Manuale Tecnico per impianti di scarico a gravità all interno di edifici

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

Sollevamento e antirigurgito

Sollevamento e antirigurgito Sollevamento e antirigurgito Impianti di sollevamento e dispositivi antirigurgito SINKAMAT-K - Impianto di sollevamento da interro e sottolavello MULI-MINI Duo - Impianto di sollevamento per acque grigie

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI Settembre 2010 Sommario PROGETTO

Dettagli

Scarichi per vasche da bagno e piatti doccia

Scarichi per vasche da bagno e piatti doccia Scarichi per vasche da bagno e piatti doccia Oltre alla versione tradizionale della vasca da bagno con troppopieno, piletta di scarico e gruppo miscelatore, è possibile utilizzare la soluzione della colonna

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso 6302 8758 06/2003 IT Per l utente Istruzioni d uso Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS Si prega di leggere attentamente prima dell'uso Indice 1 Per la vostra sicurezza.........................................

Dettagli

Schede tecniche e linee guida per l installazione

Schede tecniche e linee guida per l installazione 49 Intumex RS50 - Collare tagliafuoco Generalità Intumex RS50 è un collare tagliafuoco per tubazioni in plastica realizzato in acciaio inossidabile verniciato a polvere, che utilizza il laminato intumescente

Dettagli

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale SALTI DI QUOTA ESTERNI PFEIFENKOPF Pfeifenkopf, salto di quota esterno al pozzetto in polietilene per pozzetti di canalizzazione e di pompe, è costituito da una camera di raccolta con un muro rinforzato

Dettagli

Impermeabilizzare nelle costruzioni a secco FERMACELL

Impermeabilizzare nelle costruzioni a secco FERMACELL Schede tecniche FERMACELL Impermeabilizzare nelle costruzioni a secco FERMACELL Sollecitazione dell umidità Campi di utilizzo Secondo la sollecitazione di umidità cui è sottoposto un elemento costruttivo,

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Sistema di tubazioni preisolate flessibili

Sistema di tubazioni preisolate flessibili Sistema di tubazioni preisolate flessibili A Division of Watts Water Technologies Inc. Fornitura in rotoli da max 100 metri Disponibile fascicolo tecnico con istruzioni di posa Primo in flessibilità Componenti

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO. Caminetti

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO. Caminetti ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Caminetti Indice 1. Introduzione 3 2. Verifica dell imballo 3 3. Corretto posizionamento del caminetto 4 4. Trasporto sul cantiere 4 5. disposizione del caminetto 5 6. Smontaggio

Dettagli

Valvole antiriflusso. Valvole antiriflusso. Scelta del prodotto criteri. Tecnica di scarico Valvole antiriflusso

Valvole antiriflusso. Valvole antiriflusso. Scelta del prodotto criteri. Tecnica di scarico Valvole antiriflusso Valvole antiriflusso Scelta del prodotto criteri Valvole antiriflusso In caso di riflusso nel sistema di tubazioni di scarico, l'acqua sale fino a tracimare nel primo punto possibile. Questo livello di

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

AROMA 1500 DIGIT O R Q P T S B D E J. Fig.1 Fig.2 Fig.3. Fig.4 Fig.5 Fig.6. Fig.7 ITALIANO

AROMA 1500 DIGIT O R Q P T S B D E J. Fig.1 Fig.2 Fig.3. Fig.4 Fig.5 Fig.6. Fig.7 ITALIANO AROMA 1500 DIGIT K B D E J L J1 M A O R Q N U V P T S C F G I Fig.1 Fig.2 Fig.3 6 3 Fig.4 Fig.5 Fig.6 Fig.7 LEGENDA A) Coperchio raccoglitore B) Raccoglitore C) Caldaia D) Filtro a disco E) Guarnizione

Dettagli

2. PREPARAZIONE DEL PRODOTTO

2. PREPARAZIONE DEL PRODOTTO Tytan Adhesive Bond Gun Adesivo poliuretanico monocomponente che indurisce con l'umidita' dell'aria. La schiuma e' prodotta secondo le indicazioni della norma ISO 9001:2008. APPLICAZIONE Adesivo universale

Dettagli

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC INDICE Paragrafo Istruzioni per l'installazione 1 Rispondenza

Dettagli

Sistema di fissaggio MCG 3.1 Membrane-Connected-Glass. Descrizione del sistema

Sistema di fissaggio MCG 3.1 Membrane-Connected-Glass. Descrizione del sistema Sistema di fissaggio MCG 3.1 Membrane-Connected-Glass Descrizione del sistema Sistema MCG 3.1 Campi di utilizzo Non idonei per: (si prega di contattarci per chiarimenti riguardanti altri sistemi ) 2 MCG

Dettagli

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 1 Indice 1. Generalità 4 1.1 Descrizione della macchina e componenti principali 4 1.2 Descrizione del funzionamento 5 2. Caratteristiche tecniche 6 2.1 Caratteristiche

Dettagli

2. Impianti di scarico

2. Impianti di scarico 2. Impianti di scarico Gli impianti di scarico delle acque usate sono costituiti dalla rete di tubi che servono a smaltire all'esterno del fabbricato o dell'unità abitativa le acque provenienti dopo l'uso

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Istruzioni per l installazione. Scambiatore geotermico ad acqua glicolata

Istruzioni per l installazione. Scambiatore geotermico ad acqua glicolata Istruzioni per l installazione Scambiatore geotermico ad acqua glicolata INDICE 1. Avvertenze generali di sicurezza... 2 2. Avvertenze generali... 2 2.1. Impiego conforme alla destinazione... 2 3. Presupposti

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli

Laminotherm Riscaldamento a pavimento sotto il parquet e il laminato

Laminotherm Riscaldamento a pavimento sotto il parquet e il laminato Laminotherm Riscaldamento a pavimento sotto il parquet e il laminato Istruzioni per l'uso e per il montaggio 1 Generale: Laminotherm è un riscaldamento a pavimento molto sottile per temperare i pavimenti

Dettagli

Prestazioni Rotore di taglio con effetto agitazione

Prestazioni Rotore di taglio con effetto agitazione Applicazioni Le pompe sommerse con sistema di taglio MultiCut vengono impiegate come stazioni fisse nella protezione di abitazioni singole e negli impianti di sollevamento. Sono indicate per l estrazione

Dettagli

Supplemento per sistemi di scarico fumi

Supplemento per sistemi di scarico fumi Supplemento per sistemi di scarico fumi Caldaie murali a gas a condensazione 6 720 615 740-00.1O Logamax plus GB042-14 Logamax plus GB042-22 Logamax plus GB042-22K Per i tecnici specializzati Leggere attentamente

Dettagli

SANISPLIT 1 SANISPLIT 2 SANISPLIT 3 SANISPLIT K2 SANISPLIT K3 ECOSPLIT

SANISPLIT 1 SANISPLIT 2 SANISPLIT 3 SANISPLIT K2 SANISPLIT K3 ECOSPLIT Tecnologia nel bagno - Un amico in cucina ISTRUZIONI PER LA INSTALLAZIONE E L USO DEGLI APPARECCHI SANISPLIT 1 SANISPLIT 2 SANISPLIT 3 SANISPLIT K2 SANISPLIT K3 ECOSPLIT Via Madonna della Stradella n.10-01034

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

Per allestire in modo versatile i vostri locali bagno. Austrotherm UNIPLATTE

Per allestire in modo versatile i vostri locali bagno. Austrotherm UNIPLATTE Austrotherm UNIPLATTE Per allestire in modo versatile i vostri locali bagno Ω Pannello resistente all acqua Ω Piastrellatura immediata, senza tempi di attesa Ω Lavorazione agevole Ω Portata e stabilità

Dettagli

SFA IL WC DOVE VUOI TU. Pompe. acque chiare. Trituratori. Stazioni di sollevamento. da incasso. classici. acque di condensa. acque nere.

SFA IL WC DOVE VUOI TU. Pompe. acque chiare. Trituratori. Stazioni di sollevamento. da incasso. classici. acque di condensa. acque nere. IL WC DOVE VUOI TU SFA Trituratori classici da incasso Pompe WC con trituratore acque chiare acque di condensa Stazioni di sollevamento acque chiare acque nere CATALOGO C A T A L O G TECNICO O T E C N2011

Dettagli

TRIPLUS. Sistema insonorizzato a triplice strato per lo scarico all interno degli edifici

TRIPLUS. Sistema insonorizzato a triplice strato per lo scarico all interno degli edifici TRIPLUS Sistema insonorizzato a triplice strato per lo scarico all interno degli edifici Media-tic - Barcellona (Spagna) 2 Triplus, l evoluzione dei sistemi di scarico ad innesto La maggiore attenzione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA BWT SOLAR PUMPE Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI

Dettagli

Tecnica di scarico. Scarichi. Aspetti basilari. Utilizzo corretto. Tecnica di scarico Aspetti basilari

Tecnica di scarico. Scarichi. Aspetti basilari. Utilizzo corretto. Tecnica di scarico Aspetti basilari Tecnica di scarico Aspetti basilari Tecnica di scarico Scarichi Aspetti basilari Utilizzo corretto I componenti presentati in questo capitolo hanno differenti funzioni e campi di impiego nella tecnica

Dettagli

Avvertenze per il passaggio fumi Logamax plus GB172-24 T50

Avvertenze per il passaggio fumi Logamax plus GB172-24 T50 Caldaia a gas a condensazione 6 720 644 020-00.1O Avvertenze per il passaggio fumi ogamax plus GB172-24 T50 6 720 644 032 (2013/01) IT eggere attentamente prima del montaggio e della manutenzione. Indice

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

MANUALE DI USO, MANUTENZIONE E INSTALLAZIONE TERMOCAMINO NINO

MANUALE DI USO, MANUTENZIONE E INSTALLAZIONE TERMOCAMINO NINO MANUALE DI USO, MANUTENZIONE E INSTALLAZIONE TERMOCAMINO NINO Realizzazione e installazione di termocamini con brevetto proprio Per ottenere le migliori prestazioni Le suggeriamo di leggere attentamente

Dettagli

PANNELLO SOLARE TERMICO

PANNELLO SOLARE TERMICO pannello solare termico.solar PANNELLO SOLARE TERMICO Dal sole all acqua.solar PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL COLLETTORE SOLARE Il collettore solare trasforma la radiazione solare in calore. L'elemento

Dettagli

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità ECO MAX separatore di grassi in polietilene ad alta densità. Per installazione interrata. Il principio Un separatore di grassi funziona in base

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI GRANDI STAZIONI S.p.A. Via Giolitti, 34 00185 - Roma LAVORI- - Impianti Meccanici - Edificio 5 - Piano Terra - Opere Propedeutiche per riallocazione di terzi utilizzatori in sedi provvisorie o definitive.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Rev : 04-04-2012 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA SISTEMI LE/GA RIV. INOX 10-10 LE/GA RIV. RAME 10-10 MANUALE DI MONTAGGIO E MANUTENZIONE Indice Introduzione..Pag. II Riferimenti normativi Pag II Caratteristiche

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE

CARATTERISTICHE TECNICHE MODELLO OFWM 19 Stazione per la produzione istantanea dell' acqua calda sanitaria tramite scambiatore di calore. Attivazione del circolatore tramite flussostato. Riduzione del calcare tramite la valvola

Dettagli

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme MANUALE D'USO 1 Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme degli elementi di raccolta, convogliamento,

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

I Istruzioni di installazione e manutenzione per serbatoio per acque piovane GRAF, serie Carat -S-

I Istruzioni di installazione e manutenzione per serbatoio per acque piovane GRAF, serie Carat -S- I Istruzioni di installazione e manutenzione per serbatoio per acque piovane GRAF, serie Carat -S- 2700 L codice 66015L 3750 L codice 66014J 4800 L codice 65741M 6500 L codice 65742P Italiano I punti descritti

Dettagli

Dettaglio rubinetteria. Il maniglione è un accessorio acquistabile separatamente.

Dettaglio rubinetteria. Il maniglione è un accessorio acquistabile separatamente. Dettaglio rubinetteria. Il maniglione è un accessorio acquistabile separatamente. Immagine indicativa della bugnatura sul fondo. DESCRIZIONE Vasca a sedere ideale per anziani, installabile ad angolo o

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

n. cod. 3501.00 PRESA PER L ANALISI DI COMBUSTIONE per tubi monoparete. - Corpo, dado e tappo in ottone OT58 cromato, guarnizioni al silicone.

n. cod. 3501.00 PRESA PER L ANALISI DI COMBUSTIONE per tubi monoparete. - Corpo, dado e tappo in ottone OT58 cromato, guarnizioni al silicone. 97 PLACCA CONTROLLO FUMI verniciata rossa Foro sonda prelievo fumi e 50 deprimometro e analizzatore PIROMETRO Cassa 65 scala 0/500 C Completo di molla Coops cod. 3501.00 3501.00 gambo cm. 10 3503.10 15

Dettagli

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE Le canne fumarie della serie DP rappresentano la soluzione piu avanzata per l evacuazione dei fumi di generatori di calore alimentati con qualsiasi tipo di combustibile.

Dettagli

Istruzioni per l uso. Logano G125 ECO. Caldaia speciale gasolio/gas. Per il gestore. Leggere attentamente prima dell uso 6 720 817 572 (06/2015) IT/CH

Istruzioni per l uso. Logano G125 ECO. Caldaia speciale gasolio/gas. Per il gestore. Leggere attentamente prima dell uso 6 720 817 572 (06/2015) IT/CH Istruzioni per l uso Caldaia speciale gasolio/gas Logano G125 ECO Per il gestore Leggere attentamente prima dell uso 6 720 817 572 (06/2015) IT/CH Indice 1 Per la vostra sicurezza........................................

Dettagli

DVG-H / DVG-V. F200, F300, F400 EN 12101-3 (400 c, 120 min) MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

DVG-H / DVG-V. F200, F300, F400 EN 12101-3 (400 c, 120 min) MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE DVG-H / DVG-V F200, F300, F400 EN 12101-3 (400 c, 120 min) DVG-H/F400 DVG-V/F400 MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE Indice 1 Applicazioni... 3 2 Descrizione tecnica... 3 3 Trasporto e immagazzinamento...

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Aprile 2005 Sommario 1. Prescrizioni tecniche per la realizzazione del collettamento dei sistemi privati

Dettagli

GRUNDFOS ACQUE CARICHE MINI PUST STAZIONE DI POMPAGGIO PER ACQUE DI DRENAGGIO, ACQUE PIOVANE E ACQUE CARICHE.

GRUNDFOS ACQUE CARICHE MINI PUST STAZIONE DI POMPAGGIO PER ACQUE DI DRENAGGIO, ACQUE PIOVANE E ACQUE CARICHE. GRUNDFOS ACQUE CARICHE MINI PUST STAZIONE DI POMPAGGIO PER ACQUE DI DRENAGGIO, ACQUE PIOVANE E ACQUE CARICHE. La stazione di pompaggio Grundfos MINI PUST viene impiegata per acque grigie e nere e per l

Dettagli

Collettore piano ad alta efficienza FKA Made in Germany

Collettore piano ad alta efficienza FKA Made in Germany Collettore piano ad alta efficienza FKA Made in Germany Collettore piano ad alta efficienza FKA La centrale solare Tubo collettore attivo ed integrato per installazione modulare dell impianto Spesso strato

Dettagli

Articoli provvisti di marchio di conformità secondo la norma UNI EN 1519:

Articoli provvisti di marchio di conformità secondo la norma UNI EN 1519: Sistema di scarico in polietilene Indice Applicazioni pag. 19 Il Polietilene pag. 19 Caratteristiche del Polietilene alta densità pag. 20 Sistemi di giunzione pag. 23 Sistemi di montaggio pag. 27 Condotte

Dettagli

Istruzioni di posa dei tubi in grès

Istruzioni di posa dei tubi in grès Istruzioni di posa dei tubi in grès ( con bicchiere EuroTrad e con manicotto EuroTop ) PREMESSA Le presenti istruzioni di posa tubi in grès EuroCeramic devono essere considerate subordinate alla norma

Dettagli

NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI

NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI Il programma carta-nastri adesivi che viene incontro alle vostre necessità. A seconda delle vostre richieste di qualità, capacità collante, resistenza all

Dettagli

HDPE. Sistema di scarico in polietilene ad alta densità a saldare

HDPE. Sistema di scarico in polietilene ad alta densità a saldare HDPE Sistema di scarico in polietilene ad alta densità a saldare Teatro La Scala - Milano (Italia) 2 HDPE Valsir HDPE, la versatilità di un sistema in polietilene ad alta densità per lo scarico AT AU BE

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO. Isolamento delle giunzioni di tubi preisolati Kit tipo OMP2 KIT TIPO OMP2

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO. Isolamento delle giunzioni di tubi preisolati Kit tipo OMP2 KIT TIPO OMP2 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Isolamento delle giunzioni di tubi preisolati Kit tipo OMP2 KIT TIPO OMP2 ISOLAMENTO DELLE GIUNZIONI DI TUBI PREISOLATI CON SCHIUMA POLIURETANICA IN BOTTIGLIA PREDOSATE E SIGILLATURA

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO Il buon funzionamento di un impianto termico, è strettamente legato al corretto dimensionamento della sezione interna del condotto fumario che dovrà evacuare i fumi di combustione. In ambito

Dettagli

CERAPURMAXX. Caldaie murali a gas a condensazione ZBR 50-2 ZBR 65-2 ZBR 98-2. Istruzioni per condotti di aspirazione/scarico

CERAPURMAXX. Caldaie murali a gas a condensazione ZBR 50-2 ZBR 65-2 ZBR 98-2. Istruzioni per condotti di aspirazione/scarico menu Istruzioni per condotti di aspirazione/scarico Caldaie murali a gas a condensazione CERAPURMAXX 6 720 614 087-00.2O ZBR 50-2 ZBR 65-2 ZBR 98-2 6 720 617 310 (2010/10) IT Indice Indice 1 Spiegazione

Dettagli

Manuale tecnico di progettazione

Manuale tecnico di progettazione Manuale tecnico di progettazione Informazioni tecniche, tabelle di calcolo, descrizioni di capitolato Adduzione idrica e riscaldamento Scarico e pluviali Indice Impianti di scarico Considerazioni generali

Dettagli

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO 24 Divisione acqua STAZIONI DI IRRIGAZIONE SERBATOI DA ESTERNO SERBATOI DA INTERRO ACCESSORI Divisione acqua 25 MODALITÀ D INTERRO Condotta recupero acque piovane Pozzetto filtro foglie Condotta di troppo

Dettagli

Smaltimento. efficace. Sistemi di smaltimento delle acque luride ed allacciamenti agli apparecchi Geberit

Smaltimento. efficace. Sistemi di smaltimento delle acque luride ed allacciamenti agli apparecchi Geberit Smaltimento efficace. Sistemi di smaltimento delle acque luride ed allacciamenti agli apparecchi Geberit Sistemi di smaltimento delle acque luride ed allacciamenti agli apparecchi Geberit: il futuro è

Dettagli

1 Indicazioni per l uso del manuale di istruzioni. Nel presente manuale di istruzioni sono impiegati i seguenti simboli:

1 Indicazioni per l uso del manuale di istruzioni. Nel presente manuale di istruzioni sono impiegati i seguenti simboli: Indicazioni per l uso del manuale di istruzioni Prima di effettuare la messa in funzione leggere accuratamente questo manuale di istruzioni, conservarlo e, in caso di rivendita dell apparecchio consegnarlo

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

www.impiantitalia.it

www.impiantitalia.it 1. Impianti a pavimento IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO Il riscaldamento a pavimento rappresenta forse il più antico sistema ideato dall uomo per la distribuzione del calore nelle abitazioni; dall esame di

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

ESEMPI DI APPLICAZIONI

ESEMPI DI APPLICAZIONI RISCALDAMENTO IN FIBRA DI CARBONIO ESEMPI DI APPLICAZIONI MATERASSINO SOTTO IL MASSETTO E PAVIMENTO L installazione sotto il massetto, grazie all inerzia termica dello stesso, consente di mantenere la

Dettagli