NAZIONALE CASI PRATICI. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NAZIONALE CASI PRATICI. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 1"

Transcript

1 CASI PRATICI Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 1

2 Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 2

3 CASO PRATICO CSN001 Una SAS (società in accomandita semplice) esercente l'attività di autotrasporto intende incrementare la propria attività. Descrivere: A) le caratteristiche della fideiussione La fidejussione è una garanzia personale e costituisce un contratto in forza del quale un terzo si accorda con il creditore e si obbliga verso lo stesso garantendo l'adempimento di una obbligazione altrui. II fidejussore è obbligato in solido con il debitore principale: B) l'impostazione dei calcoli per la determinazione del prezzo di vendita del servizio Il prezzo di vendita del servizio di trasporto viene stabilito tenendo presente i costi di produzione che devono sostenere per svolgere il servizio. Si dovranno considerare: costi fissi, costi variabili, spese generali, costo dei viaggi "a vuoto", utile per il rischio dell'imprenditore. Per la fissazione del prezzo di vendita del servizio di trasporto è assai utile calcolare il costo chilometrico aziendale. C) il regime del punteggio sulla CQC (carta di qualificazione del conducente) e in particolare la decurtazione totale e parziale ed il recupero dei punti A decorrere dal si applica la disciplina sanzionatoria della decurtazione dei punti anche per la CQC e per il CAP tipo KB secondo modalità del tutto analoghe a quelle previste per la patente. Nel caso di azzeramento del punteggio iniziale, il titolare della CQC deve essere sottoposto a esame di revisione Se il titolare della CQC intende recuperare il punteggio perduto, fino a un massimo di nove punti, può frequentare uno specifico corso al termine del quale l'autoscuola o l'ente rilasciano un attestato per l'aggiornamento del punteggio Quando una violazione che prevede perdita di punteggio è commessa alla guida di un veicolo che richiede il possesso oltre che della patente anche della carta di qualificazione o del CAP tipo KB, la decurtazione di punti interessa anche questi documenti. Se la violazione è commessa alla guida di un veicolo che richiede il possesso della carta di qualificazione, la decurtazione si applica solo a questo documento e non anche alla patente di guida posseduta. La carta di qualificazione del conducente o il CAP tipo KB sono revocati quando il conducente titolare sia stato: giudicato non idoneo all'esame di revisione della carta stessa o del CAP tipo KB; oggetto di revoca della patente posseduta a seguito di esito negativo della revisione per perdita totale di punteggio o per mancanza dei requisiti psicofisici. D) i casi di applicazione della sanzione accessoria del ritiro della carta di circolazione Il ritiro della carta di circolazione è previsto quale sanzione accessoria per molte violazioni a norme del Codice della strada. La carta di circolazione ritirata viene inviata entro 5 giorni dall'organo accertatore all'umc del luogo della commessa violazione. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 3

4 CASO PRATICO CSN002 Una SRL (società a responsabilità limitata), esercente l'attività di autotrasporto, fallisce. All'interno dell'impresa, l'amministratore unico è il solo in possesso dell'attestato di idoneità professionale. Descrivere: A) i fattori che portano al fallimento e da cosa si distingue il fallimento dallo stato di insolvenza Lo stato di insolvenza è l'impossibilità di soddisfare le obbligazioni contratte. Il fallimento è una procedura cui è soggetto l'imprenditore che si trova in stato di insolvenza. Sono esclusi dalle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo gli enti pubblici. B) le procedure cui è soggetta la società di capitali e le conseguenze cui va incontro l'amministratore unico. Gli effetti su di un veicolo venduto nell'imminenza della dichiarazione di fallimento La società di capitali è soggetta in caso di insolvenza alla procedura del fallimento. L'amministratore della società fallita è tenuto a comunicare al curatore ogni cambiamento della propria residenza o del proprio domicilio. È tenuto anche a consegnare al curatore la propria corrispondenza di ogni genere, inclusa quella elettronica, riguardante i rapporti compresi nel fallimento. L'amministratore unico in possesso dell'idoneità professionale, in caso di fallimento della società, perde il requisito dell'onorabilità salvo sia intervenuta la riabilitazione. La vendita di un veicolo nell'imminenza della dichiarazione di fallimento non provocherà conseguenze se la vendita è avvenuta a valori di mercato e la liquidità è rimasta nella società. Si può incorrere nella bancarotta fraudolenta se i veicoli vengono sottratti ai creditori. C) i vizi del contratto in genere I vizi tipici che rendono il contratto annullabile, cioè invalido anche se provvisoriamente produttivo dei suoi effetti, sono: errore, violenza e dolo. D) le diverse cause di sospensione del rapporto di lavoro dipendente Le cause che determinano la sospensione del rapporto di lavoro possono dipendere dal: lavoratore: in questo caso le leggi disciplinano le ipotesi di malattia, infortunio, gravidanza e puerperio, servizio militare, sciopero e aspettativa per i dipendenti chiamati a svolgere funzioni pubbliche o sindacali; datore di lavoro, nei casi in cui viene sospesa l'attività produttiva per motivi di riorganizzazione o riconversione aziendale o anche per motivi indipendenti dalla sua volontà. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 4

5 CASO PRATICO CSN003 In una SAS (società in accomandita semplice), esercente l'attività di autotrasporto, I'unico socio accomandatario, preposto all'attività ed in possesso dell'attestato di idoneità professionale, recede dalla società. Descrivere: A) la sorte della società e i provvedimenti da prendere, ai fini societari, per la continuazione dell'attività sociale in genere e di quella particolare di autotrasporto Il recesso dell'unico socio accomandatario costituisce causa di scioglimento della SAS, sempre che, nel termine di 6 mesi non sia sostituito. L'impresa deve dare comunicazione all albo trasportatori entro tre giorni, e nominare un altro preposto entro due mesi dalla data di comunicazione. Il nuovo preposto dovrà possedere anche il requisito dell'onorabilità. B) gli organismi sindacali dei lavoratori presenti nell'azienda ed i poteri delle organizzazioni sindacali a livello nazionale e di comparto Attualmente in azienda possono essere presenti due diversi sistemi di rappresentanza sindacale: rappresentanze sindacali aziendali (RSA) previste dallo statuto dei lavoratori e che riguardano tutti i settori economici. Possono essere costituite a iniziativa dei lavoratori nelle imprese commerciali e industriali con più di 15 dipendenti; rappresentanze sindacali unitarie (RSU) disciplinate dall'accordo interconfederale tra sindacati e Confindustria. Possono essere costituite nell'ambito delle aziende appartenenti ai settori industriali che occupano più di 15 dipendenti. C) gli adempimenti contabili e fiscali da compiere qualora venga posta in liquidazione la società Quando viene messa in liquidazione la società, il liquidatore deve vendere i beni, incassare i crediti, pagare i debiti e ripartire fra i soci quanto residua. Si dovrà compilare una dichiarazione dei redditi fino alla messa in liquidazione, e in seguito, dichiarazioni provvisorie annuali fino alla redazione del bilancio finale di liquidazione. D) gli adempimenti amministrativi da compiere per la cessione dei veicoli Ogni modifica allo stato giuridico del veicolo a un UMC del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e al PRA (Pubblico registro automobilistico) competente per territorio. In particolare, nei seguanti casi: trasferimento della proprietà per vendita, donazione, permuta, cessione d'azienda, decesso del proprietario, costituzione dell'usufrutto, locazione finanziaria (leasing). La comunicazione degli atti è finalizzata al rilascio dei seguenti documenti: tagliando da applicare sulla carta di circolazione, da richiedere ad un UMC; nuovo certificato di proprietà, da richiedere al competente ufficio del PRA. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 5

6 CASO PRATICO CSN004 Una SPA (società per azioni) intende acquistare un veicolo per l'esercizio dell'attività di autotrasporto, mediante la stipulazione di un mutuo, garantito parzialmente da iscrizione di ipoteca sul veicolo stesso. Descrivere: A) l'istituto dell'ipoteca L'ipoteca è una garanzia che si costituisce mediante iscrizione nei pubblici registri, mentre il bene rimane in possesso di altri soggetti diversi dal creditore; sono oggetto di ipoteca: beni immobili, beni mobili registrati (veicoli). B) la voce dello stato patrimoniale, in cui si deve evidenziare il mutuo contratto con la banca, e la voce del conto economico, in cui si devono iscrivere gli interessi passivi sul mutuo maturati in ciascun esercizio Nel bilancio il mutuo bancario viene evidenziato nel passivo dello stato patrimoniale: Stato patrimoniale Passivo Debiti Debiti verso le banche. Gli interessi passivi sul mutuo sono iscritti nel conto economico: Conto economico Proventi e oneri finanziari Interessi ed altri oneri finanziari. C) il trattamento fiscale degli interessi passivi sui mutui e dei canoni dei veicoli in leasing Gli interessi passivi pagati sul mutuo per l'acquisto di veicoli sono deducibili dal reddito di impresa con un limite per le società di capitali costituito dal 30% del ROL e dal "pro rata generale" previsto per tutti gli altri contribuenti. I canoni di leasing per l'acquisto di autocarri sono deducibili se la durata del contratto non risulta inferiore a 2/3 del periodo di ammortamento; per l'acquisto di autovetture la durata non deve essere inferiore al periodo di ammortamento. D) gli adempimenti per l'iscrizione dell'ipoteca sul veicolo Le ipoteche possono essere iscritte entro un anno dalla data dell'atto. Il titolo per iscrivere ipoteca deve sempre avere forma scritta e può essere costituito da: scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente; l'autentica della sottoscrizione dell'atto può essere effettuata da: notai, funzionari incaricati presso gli uffici comunali, titolari o dipendenti delegati di uno STA (Sportello telematico dell'automobilista); atto pubblico; sentenza o altro provvedimento giudiziale nei casi previsti dalla legge. Oltre al titolo, occorre presentare al conservatore del PRA una nota in doppio esemplare contenente alcuni dati relativi a creditore, debitore, credito, scadenza del credito ecc., La data dell'iscrizione determina la durata dell'ipoteca non può essere superiore a cinque anni. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 6

7 CASO PRATICO CSN005 Un'impresa, esercente l'attività di autotrasporto, ha la possibilità di incorporare, a condizioni estremamente vantaggiose, un'altra impresa di autotrasporto. Descrivere: A) gli strumenti finanziari utilizzabili dall'impresa incorporante e in particolare le modalità e le condizioni per contrarre un mutuo Il finanziamento dell'impresa è possibile ricorrendo a fonti interne (conferimento di soci o autofinanziamento) oppure a fonti esterne (prestiti ottenuti da terzi). Rientra in questa ultima categoria il mutuo bancario che è un contratto inquadrabile fra i debiti a medio termine. B) le verifiche da effettuare sul bilancio dell'impresa da incorporare per valutarne la redditività La redditività dell'impresa esprime la capacità dell'azienda di generare ricchezza atta a remunerare tutti i fattori della produzione impiegati. Queste informazioni si possono ottenere dall'analisi del conto economico e mediante il calcolo dei cosiddetti indici di redditività. Uno degli indici più utilizzati è il ROE, dato dal rapporto tra reddito netto e capitale netto. Tale indice misura la redditività ottenuta dagli investitori di capitali nell'impresa a titolo di rischio. C) la valutazione dei rischi da parte del datore di lavoro relativamente alla sicurezza del lavoro Il datore di lavoro deve valutare i rischi per la sicurezza e per la salute dei lavoratori. Per questa valutazione deve definire pericoli, rischio che il pericolo possa verificarsi e danno che ne può conseguire. La valutazione dei rischi deve risultare da un'apposita documentazione. D) le abilitazioni o le qualificazioni necessarie per il conducente (indicare anche i requisiti e le procedure per conseguirle) e gli ulteriori documenti che deve avere con sé il conducente qualora sia cittadino di un paese terzo I conducenti dell'impresa incorporata, per poter svolgere l'attività, devono essere in possesso dei documenti per la guida dei veicoli dell'impresa stessa. Quindi, oltre alle patenti relative ai veicoli da condurre (D per autobus, C o CE per veicoli per trasporto merci), devono essere in possesso della CQC Qualora trattasi di impresa che svolge attività di trasporto merci pericolose, i conducenti dovranno inoltre essere in possesso del CFP (certificato di formazione professionale) Un conducente cittadino di Paese terzo, cioè extracomunitario, dovrà essere in possesso anche del passaporto. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 7

8 CASO PRATICO CSN006 Alcuni soggetti intendono costituire una SPA (società per azioni) per lo svolgimento di un'attività di autotrasporto. Descrivere: A) la procedura di costituzione di una società per azioni per pubblica sottoscrizione, indicando la possibilità di conferire, in luogo del danaro, opere e servizi L'atto per la costituzione di una SPA può essere stipulato: in maniera simultanea. I soci fondatori si presentano davanti al notaio per stipulare l'atto costitutivo; per pubblica sottoscrizione quando sulla base di un programma i promotori raccolgono le sottoscrizioni, riscuotono i versamenti e convocano l'assemblea dei sottoscrittori. Invece i soci fondatori sono coloro che stipulano l'atto costitutivo. Le prestazioni d'opera o di servizi non possono formare oggetto di conferimento. B) il criterio generale per il trattamento, ai fini fiscali, delle spese e dei componenti passivi del bilancio Ai fini fiscali spese e componenti passivi del bilancio sono deducibili dal reddito d'impresa se sono rispettate precise disposizioni. Inoltre devono essere seguiti i principi di: competenza: i costi devono essere imputati all'esercizio indipendentemente dal loro pagamento; certezza e determinabilità: i costi devono essere documentati; inerenza: i costi sono deducibili quando riguardano beni o attività da cui derivano i ricavi; contabilizzazione nel conto economico: i costi sono ammessi in deduzione se risultano imputati al conto economico dell'esercizio di competenza o annotati nelle scritture contabili. C) la procedura di immatricolazione degli autoveicoli da adibire ai servizi di autotrasporto per conto terzi Autoveicoli, motoveicoli e rimorchi immessi in circolazione devono essere muniti di: carta di circolazione, certificato di proprietà, titolo autorizzativo, ove necessario, documenti integrativi, ove necessari (libretti delle cisterne, attestato ATP per veicoli che trasportano derrate deteriorabili, ecc.). iscrizione all'albo degli autotrasportatori di cose per conto terzi, per tutti i veicoli adibiti a tale uso, e dimostrazione dei requisiti per l'accesso al mercato, D) i diversi limiti di velocità per le varie tipologie di veicoli, a seconda delle strade percorse, ed in particolare in caso di precipitazioni atmosferiche e di nebbia Fino a 3.5 Da 3.5 a 12 Superiore a 12 Urbane 50 Km/h 50 Km/h 50 Km/h Extraurbane secondarie 90 Km/h 80 Km/h 70 Km/h Extraurbane principali 110 Km/h 80 Km/h 70 Km/h Autostrada 130 Km/h 100 Km/h 80 Km/h Precipitazioni 110 Km/h autostrada nebbia 50 Km/h 50 Km/h 50 Km/h Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 8

9 CASO PRATICO CSN007 Si è costituita una SAS (società in accomandita semplice) per l'esercizio dell'attività di autotrasporto nazionale. Descrivere: A) le cause di rescissione del contratto in genere La rescissione è una forma di invalidità del contratto. È prevista a tutela di chi contrae a condizioni inique per uno stato di pericolo dal quale debba sottrarsi o per uno stato di bisogno del quale la controparte approfitti. B) il modello di patente card, le principali indicazioni, le eventuali limitazioni o prescrizioni in esso contenute Il supporto della nuova patente è realizzato in materiale plastico, policromo, di dimensioni standard di 54 x 85 mm. I caratteri sono stampati con sistemi fotografici (stampate laser). La fotografia non è più incollata sul documento ma viene riprodotta e stampata sul supporto plastico di cui è parte integrante. Il supporto, costituito da un fondo di sicurezza di colore rosa contenente la dicitura "modello della Comunità europea" e"patente di guida" nelle varie lingue della Comunità, La pagina due (retro) contiene il logo "I" contornato da dodici stelle, realizzato con colore invisibile alla luce naturale che diventa fluorescente in colore rosso se irradiato con luce UV. L'unico spazio disponibile per le annotazioni manuali è costituito dalla banda adesiva collocata al centro della pagina 1 dello stampato che dal (salvo diversa data d'inizio in funzione delle scorte di vecchi stampati) è collocata solo in corrispondenza del campo 7 per ospitare la firma del titolare; in essa la firma viene inserita manualmente, al momento del rilascio. L'adozione a livello comunitario di codici e subcodici armonizzati è stata ritenuta necessaria per consentire la comprensione dei dati contenuti nelle patenti di guida in tutti i Paesi membri. C) gli strumenti finanziari per l'acquisizione di nuovi veicoli, indicando in particolare le differenze tra mutuo per acquisto e leasing Per finanziare l'acquisto di nuovi veicoli è possibile ricorrere a fonti interne di finanziamento (conferimento dei soci) e a fonti esterne di finanziamento (ricorso a terzi). Fra questi strumenti finanziari rientrano il mutuo e il leasing. Con il mutuo l'autoveicolo entra nella disponibilità e nella proprietà dell'impresa, con il contratto di leasing l'impresa ottiene la possibilità di utilizzare l'autoveicolo senza doverlo acquistare. D) le diverse cause di sospensione del rapporto di lavoro dipendente Le cause che determinano la sospensione del rapporto di lavoro possono dipendere dal: lavoratore: in questo caso le leggi disciplinano le ipotesi di malattia, infortunio, gravidanza e puerperio, servizio militare, lo sciopero e l'aspettativa per i dipendenti chiamati a svolgere funzioni pubbliche o sindacali; datore di lavoro, nei casi in cui viene sospesa l'attività produttiva per motivi di riorganizzazione Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 9

10 CASO PRATICO CSN008 In una impresa di autotrasporto, costituita in forma di SNC (società in nome collettivo), uno dei due soci amministratori è preposto alla direzione dell'attività di trasporto e nel contempo è anche conducente. Nel corso di un trasporto, durante la pausa pranzo, consuma del vino. Alla ripresa del viaggio viene sottoposto a test da parte degli organi di controllo che rilevano un tasso alcolimetrico di 0,7 gli. Descrivere: A) gli effetti dell'alcool sulla guida e le sanzioni che conseguono alla contestazione della guida in stato di ebbrezza con tale tasso alcolimetrico La guida in stato di ebbrezza con tasso alcolemico pari a 0,7 gli di un veicolo commerciale di massa complessiva superiore a 3,5 t o di un autobus è un reato punito con ammenda da 500,00 a 2.000,00 euro, sospensione della patente da 3 a 6 mesi e decurtazione al conducente di 10 punti da patente o CQC. B) gli effetti della sanzione sul preposto e sull'impresa La SNC, cessando di sussistere il requisito dell'onorabilità sia in capo al preposto sia al socio illimitatamente responsabile, perde anch'essa il requisito dell'onorabilità. C) le responsabilità ed i poteri dei soci di una SNC La caratteristica fondamentale di questo tipo di società è la responsabilità solidale e illimitata di tutti i soci con i propri patrimoni personali per soddisfare le obbligazioni della società. D) le conseguenze derivanti dal CCNL per il conducente qualora, anziché socio, si trattasse di un dipendente Il CCNL prevede che il dipendente che guida in stato di ebbrezza con tasso alcolimetrico di 0,7 gli sia punito con la sospensione dal servizio per un periodo da 1 a 10 giorni. L'impresa può chiedere il risarcimento dei danni in caso di fermo amministrativo del veicolo. Siccome in tale situazione è previsto anche il ritiro della patente, il dipendente avrà diritto alla conservazione del posto per un periodo di 6 mesi senza percepire alcuna retribuzione. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 10

11 CASO PRATICO CSN009 Durante un trasporto nazionale, un'impresa subisce la rapina a mano armata del proprio autoveicolo preso in leasing o di tutta la merce o dei bagagli trasportati. Descrivere: A) le misure di prevenzione da parte del conducente per il caso di rapina e il comportamento nel contesto La rapina è un delitto finalizzato all'appropriazione di beni altrui che si caratterizza per la violenza usata sulla persona per impossessarsi dei beni stessi. Si distinguono: rapine a danno di conducenti, attuate generalmente da singoli delinquenti per entrare in veicoli isolati; rapine a danno di veicoli adibiti a trasporto merci, con frequente impossessamento, da parte dei rapinatori, del veicolo, ; è consigliabile: da parte dell'impresa, l'utilizzo di sistemi di allarme e di luoghi di parcheggio sicuri, da parte del conducente, una scrupolosa pianificazione dell'itinerario con sosta, soprattutto se notturna, in aree attrezzate, frequentate, custodite e illuminate; La vittima di una rapina richiederà prontamente l'intervento delle Forze dell'ordine B) gli adempimenti civilistici e amministrativi per l'autoveicolo in leasing In tale ipotesi l'impresa deve: sporgere denuncia a un organo di polizia, dare comunicazione del fatto a committente, destinatario, compagnia di assicurazione e società di leasing, denunciare al PRA la perdita di possesso del veicolo per interrompere l'obbligo del versamento della tassa automobilistica e a fornire la pubblicità della notizia nei confronti di tutti i soggetti, pubblici e privati. C) il pagamento della cambiale e le azioni di regresso Le persone obbligate al pagamento della cambiale si distinguono in due categorie: obbligati principali: emittente del pagherò e accettante della tratta, obbligati in via di regresso: giranti nel pagherò, traenti e giranti nella tratta. D) i casi di riacquisizione del requisito dell'onorabilità, in caso di perdita dello stesso, da parte del preposto alla direzione dell'attività di autotrasporto. Quando il requisito dell'onorabilità cessa di sussistere in capo alla persona che svolge la direzione dell'attività, questa decade immediatamente dalla sua funzione e si astiene pertanto dall'esercizio della stessa. il preposto che ha perduto il requisito dell'onorabilità lo riacquisti: a seguito di concessione della riabilitazione in caso di cessazione delle misure di sicurezza o di prevenzione applicate; decorsi sei mesi dalla data del provvedimento che costituisce presupposto per la perdita del requisito per l'applicazione della: o sanzione amministrativa per l'esercizio abusivo della professione di autotrasportatore per conto terzi di persone o cose, in via definitiva, o sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida (eccedenza di carico per una massa superiore ai dieci per cento della massa complessiva a pieno carico indicata nella carta di circolazione) commessa per cinque volte nell'ultimo quinquennio, cumulativamente. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 11

12 CASO PRATICO CSN010 Si costituisce una SRL (società a responsabilità limitata) per l'esercizio di un'attività di autotrasporto. Descrivere: A) le ipotesi di SRL con unico socio, indicando i casi di responsabilità illimitata, le possibili forme di conferimento del capitale sociale e i casi in cui è richiesta la prestazione di garanzie La SRL unipersonale è una particolare figura di società pensata per le piccole e medie imprese. Ha personalità giuridica ed è un soggetto distinto dalla persona del socio. Netta è anche la separazione tra il patrimonio personale del socio e quello della società. Negli atti e nella corrispondenza sociale il socio unico deve indicare che la società ha un unico socio con la dicitura del tipo "SRL a socio unico". Il socio unico sarà illimitatamente responsabile, in caso di insolvenza della società, solo se il capitale non sia stato versato per intero e non sia stata attuata la pubblicità presso l'ufficio dei registro delle imprese nella cui circoscrizione è stabilità la sede sociale. B) la disciplina dell'orario di lavoro prevista dal CCNL di settore Il Contratto collettivo nazionale del lavoro prevede come orario di lavoro: per il personale non viaggiante 39 ore settimanali con un massimo di 8 ore giornaliere ripartite fra lunedì e venerdì; l'orario può essere ripartito anche fra martedì e sabato per il personale viaggiante non discontinuo 39 ore settimanali; per il personale viaggiante impiegato in mansioni discontinue inquadrato nel livello 3 super 47 ore settimanali; il limite massimo di prestazione per gli autisti è di 250 ore mensili. C) le modalità per l'ammortamento anticipato di un autoveicolo e la possibilità di procedura applicabile anche ai fini civilistici L'ammortamento rappresenta il deperimento del bene: può essere considerato l'ammortamento anticipato solo se rappresenta il vero deperimento del bene. Dall' , tuttavia, non è più ammesso l'ammortamento anticipato. D) il regime del punteggio sulla CQC (carta di qualificazione del conducente) A decorrere dal si applica la disciplina sanzionatoria della decurtazione dei punti anche per la CQC e per il CAP tipo KB secondo modalità del tutto analoghe a quelle previste per la patente. Nel caso di azzeramento del punteggio iniziale, il titolare della CQC deve essere sottoposto a esame di revisione che verte sull'intero programma e viene svolto secondo le modalità previste per il conseguimento della CQC. Se il titolare della CQC intende recuperare il punteggio perduto, fino a un massimo di nove punti, può frequentare uno specifico corso al termine del quale l'autoscuola o l'ente rilasciano un attestato per l'aggiornamento del punteggio Se la violazione è commessa alla guida di un veicolo che richiede il possesso della carta di qualificazione, la decurtazione si applica solo a questo documento e non anche alla patente di guida posseduta. La carta di qualificazione del conducente o il CAP tipo KB sono revocati quando il conducente titolare sia stato: giudicato non idoneo all'esame di revisione della carta stessa o del CAP tipo KB; oggetto di revoca della patente posseduta a seguito di esito negativo della revisione per perdita totale di punteggio o per mancanza dei requisiti psicofisici. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 12

13 CASO PRATICO CSN011 Un'impresa subisce l'incendio della propria sede, nel quale vanno deteriorate irrimediabilmente le carte di circolazione di tre veicoli, un veicolo, oltre ai documenti relativi a due conducenti dipendenti. Descrivere: A) le procedure da seguire per dotare i veicoli di nuove carte di circolazione e le modalità per la vendita di uno dei tre veicoli di cui è andata distrutta la carta di circolazione In caso di smarrimento, sottrazione o distruzione della carta di circolazione l'intestatario deve presentare denuncia a un organo di polizia entro 48 ore, Gli organi di polizia rilasciano un permesso provvisorio di circolazione che consente la circolazione del veicolo fino al rilascio del duplicato del documento. La comunicazione degli atti sopra indicati è finalizzata al rilascio dei seguenti documenti: duplicato della carta di circolazione, allegando, quando dichiarata smarrita, distrutta o sottratta, copia autenticata dell'atto riguardante il trasferimento; nuovo certificato di proprietà, da richiedere al competente ufficio del PRA. B) le procedure da seguire per acquisire nuovamente i documenti relativi ai due conducenti Il rilascio del duplicato della patente di guida avviene a seguito di smarrimento, sottrazione o distruzione. In tali casi, il titolare deve presentare entro quarantotto ore denuncia agli organi di polizia, compilando l'apposito modulo. Il denunciante deve avere con sé: un documento di riconoscimento, due fotografie formato tessera su fondo bianco, uguali e di data recente. viene rilasciato un permesso provvisorio di guida, valido fino alla consegna del duplicato della patente. C) la gestione contabile del risarcimento dei danni liquidati dalla compagnia di assicurazione Le indennità derivanti dal risarcimento assicurativo possono dar luogo a: sopravvenienze attive se il risarcimento è liquidato in un periodo di imposta successivo a quello in cui si è verificato il danno; plusvalenze se l'indennizzo è liquidato nello stesso esercizio in cui si è verificato il danno. D) i principali punti critici ("strozzature") della rete autostradale italiana e il criterio di calcolo del pedaggio I principali punti critici della rete autostradale italiana sono: nodo di Bologna, Milano est, autostrada del sole (tratto appenninico), Salerno-Reggio Calabria, grande raccordo anulare di Roma. I criteri per il calcolo dei pedaggi per la rete autostradale italiana sono stabiliti, negli anni più recenti, da delibere del CIPE Le tariffe di pedaggio sono adeguate annualmente tenendo conto di inflazione programmata, obiettivi di produttività assegnati alle concessionarie, variazioni della qualità del servizio. Desunto da "Accesso all'autotrasporto di merci - Gestione corsi e quiz" Copyright Egaf Edizioni srl 13

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI 1 - LE IMPRESE DI TRASPORTO ESTERE POSSONO ESSERE ISCRITTE ALL ALBO? A - qualsiasi impresa estera puo

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto mod. Com 8 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara

CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Docenti: Dott. Carlo Sardara LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Quadro normativo La natura giuridica dell impresa farmacia Decreto Liberalizzazioni 24 Gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di *

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Regione Campania Modello 1A copia per il Comune COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Ai sensi della legge regionale della Campania 1/2014,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli