ISTITUTO COMPRENSIVO DI PALADINA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO DI PALADINA"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PLDIN Passaggio Rodari, 1 cap Paladina (BG) Tel. 035/ fax 035/ RELZIONE TECNIC SULL VLUTZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 28, D.Lgs 81/ 08) SCUOL INFNZI Paladina e Valbrembo SCUOL PRIMRI Paladina e Valbrembo SCUOL SECONDRI Primo Grado Paladina DTORE DI LVORO O EQUIPRTO (D.M. n. 292 del 21/6/96) IL DIR. SCOLSTICO RUSSO LEONRDO La valutazione è stata effettuata da: - Dirigente Scolastico RUSSO LEONRDO Sono stati coinvolti gli ddetti al Servizio Prevenzione e Protezione: - RSPP : Fortunato Carlo - SPP : De Rosa R. Pisoni. Rossi F. Federici S. - RLS : Brioschi luigi - M.C. : Dr.Cologni nno scolastico 2013/2014 Relazione tecnica sulla valutazione dei rischi (ai sensi dell art. 28, D.Lgs 81/ 08) 1

2 INDICE 1. Premessa PG Scopo e prospettive PG Criteri e riferimenti normativi PG nalisi figure Professionali in relazione ai rischi per la salute PG Piano di Emergenza PG. 10 Moduli di evacuazione PG Manutenzione / pulizia locali e impianti PG Procedure per acquisizione preventivi, acquisti, collaudo e manutenzione PG Gestione delle attività scolastiche in situazioni particolari PG Organizzazione degli spazi PG Gestione dei laboratori PG. 18 Regolamenti dei laboratori PG. 18 Laboratorio multimediale PG. 19 Laboratorio linguistico PG. 20 Laboratorio scientifico PG. 21 Laboratorio tecnico-artistico-musicale PG Dispositivi di protezione individuali PG Rischi da stress lavoro correlato PG Programmi di informazione e formazione PG Servizio di prevenzione e Protezione PG. 24 SCUOL INFNZI RCOBLENO Paladina PG. 26 SCUOL INFNZI MDRE TERES DI CLCUTT Valbrembo PG. 35 SCUOL PRIMRI PP GIOVNNI XIII Paladina PG. 54 SCUOL PRIMRI NN FRNK Valbrembo PG. 82 SCUOL SECONDRI II GRDO. TIRBOSCHI Paladina PG. 101 Descrizione di massima del fabbricato e contesto ambientale Norme di comportamento e di organizzazione degli spazi Servizio di Prevenzione e Protezione Dati occupazionali nalisi statistica degli infortuni Valutaz. rischi e individuazione misure di protezione e degli interventi 17.Verifica documentazione completa PG Check list per il monitoraggio dei vari Plessi della scuola PG LLEGTI: rilevazione rischi schede di rilevazione comunicazioni Ispettorato del Lavoro e SL di Bg documentazione Planimetrie di evacuazione PG PLNIMETRIE di evacuazione PG

3 1. Premessa Il TESTO UNICO D.L. n. 81/2008 introduce negli ambienti di lavoro una nuova cultura della sicurezza e della prevenzione. In particolare viene rovesciata l ottica dell adempimento puramente tecnico e burocratico per introdurre i concetti di prevenzione, informazione, formazione e assunzione di responsabilità che devono orientare le conoscenze, i comportamenti, le procedure di controllo e gli interventi conseguenti in ogni ambiente di lavoro. Per l ambiente scolastico è da evidenziare che, in quanto comunità educante, la messa in atto da parte di tutti i soggetti di norme comportamentali attente alla salute comune costituirà un primo importante impegno di formazione. I comportamenti comuni, che sottendono assunzioni di responsabilità rispetto ai ruoli e ai compiti di ciascuno, devono essere regolati in appositi documenti Carta dei Servizi, POF, Regolamento d Istituto e disposizioni interne di cui ogni istituto scolastico si deve dotare in coerenza con le proprie finalità istitutive, gli obiettivi educativi e didattici, l organizzazione del lavoro e le risorse umane e materiali. E bene precisare che il DVR deve essere redatto dal datore di lavoro, in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e, se necessario, con il medico competente. La stesura di un così importante documento, non può essere delegata ad altre figure. ll interno di questa filosofia della prevenzione il Dirigente Scolastico, quale responsabile delle attività, assume un ruolo di snodo importante per promuovere conoscenze e consapevolezza dei ruoli e delle responsabilità di tutti gli operatori, per individuare e segnalare gli interventi necessari e controllarne l attuazione da parte degli Enti obbligati. Nel D.V.R. sono valutati ed esaminati tutti i rischi potenziali ed esplicitate le misure per la prevenzione e la protezione, attraverso: a) una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l'attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; b) l'indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; d) l'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare. Sulla base di specifiche tabelle è stato perciò possibile elaborare il documento di valutazione dei rischi che ha tenuto conto dell individuazione degli ambienti, delle dei rischi legati alle varie attività,, delle conseguenze sulla salute e delle persone esposte ai rischi, delle eventuali programmazione degli interventi necessari da effettuare con urgenza, a breve e medio termine correlati agli ambienti e ai rischi individuati. Tutto ciò si è basato su un rilievo tecnico dell edificio scolastico che è stato esaminato in tutti i suoi ambienti, ciascuno con un suo numero identificativo, e in ogni piano, attraverso controlli specifici (microclima, illuminazione, arredo scolastico, immagazzinamento, apparecchiature ) e sull analisi statistica degli infortuni riportati in un apposito registro. Il Piano della Valutazione dei Rischi deve tener conto inoltre (in particolare per gli insegnanti) della sicurezza e della salute dei lavoratori nei casi di sforzo vocale, della rumorosità ambientale, del rischio biologico (malattie infettive e allergie), delle posture (malattie a carico della colonna vertebrale) oltre alla tutela della sicurezza e della salute delle lavoratrici durante il periodo di gravidanza o in periodo di allattamento fino a sette mesi dopo il parto; in particolare per i Collaboratori Scolastici di traumi o cadute, elettrocuzione (ustioni folgorazioni), movimentazioni di carichi, intossicazioni da sostanze chimiche; 3

4 in particolare per il personale amministrativo di affaticamento mentale, postura ( malattie a carico della colonna vertebrale), esposizione a radiazioni ionizzanti, elettrocuzione, videoterminali (problemi alla vista e affezioni muscolo scheletriche). Infine fanno parte del DVR: - Il PROGRMM di manutenzione e di pulizia dei locali e degli impianti - I REGOLMENTI nei vari laboratori - Le PROCEDURE per collaudo e manutenzione di attrezzature - Le NORME di comportamento e di organizzazione degli spazi - La DOTZIONE di materiale antinfortunistico - La DOCUMENTZIONE specifica(certificati e denuncie di conformità) - Il PINO DI EMERGENZ e di evacuazione Il Piano di Emergenza e il Documento della valutazione dei rischi, per poter essere efficienti strumenti di analisi e di verifica, devono essere aggiornati tutti gli anni e ogni qualvolta si verifichi un intervento di ristrutturazione e/o una modifica relativa alla destinazione d uso dei locali. 2. Scopo La Valutazione dei rischi comporta in generale la necessità di azioni rivolte ai lavoratori per promuovere conoscenze, competenze e assunzioni di responsabilità: l attivazione cioè di un processo complesso di gestione della prevenzione soprattutto in ordine alla condotta e alla competenza di tutte le persone interagenti con l ambiente scolastico, e ispirato a comuni codici di comportamento. ltresì esso è fondamentale per l individuazione dei possibili centri/fonti di pericolo per la sicurezza e la salute dei lavoratori, degli alunni e delle persone sporadicamente presenti all interno dell edificio (visitatori, manutentori, ecc.) potenzialmente esposti a rischio e la valutazione dell entità dell esposizione; ciò al fine di individuare e pianificare la realizzazione degli interventi di prevenzione e protezione necessari ad eliminare o ridurre i rischi nonché di definire le misure di controllo e alla riduzione del rischio nel periodo che intercorre tra la sua individuazione e la messa in atto dell intervento tecnico risolutivo 3. Prospettive e problemi aperti La valutazione dei rischi comporta la necessità di azioni rivolte ai lavoratori per promuovere conoscenze, competenze e assunzioni di responsabilità come richiamato in premessa. Si dovrà procedere a forme di informazione e socializzazione attraverso gli O.O.C.C. e ad azioni sistematiche di coinvolgimento dell utenza e dei responsabili esterni. Ciò comporta l attivazione di un processo complesso di gestione della prevenzione soprattutto in ordine alla condotta e alla competenza di tutte quelle persone interagenti con l ambiente, ispirato a comuni codici di comportamento. L azione di vigilanza volta a verificare l efficienza delle misure adottate e l adeguatezza dei comportamenti si avvarrà di strumenti e procedure per adattamenti degli interventi e acquisizione di elementi conoscitivi per migliorare la tutela della salute. Pur condividendo pienamente la filosofia della prevenzione sottesa al Testo Unico non si nasconde la presenza di nodi fortemente problematici quali principalmente l assenza di riferimenti istituzionali e di risorse certe da parte dell mministrazione Scolastica che rendono difficoltosa la piena e concreta attuazione di quanto disposto nel decreto stesso. 4

5 4. Criteri Sulla base delle tabelle raccolte nell allegato n. 1 è stato elaborato il documento di valutazione dei rischi relativo ai cinque edifici dell I.C. di Paladina. L allegato n.1 ha costituito e costituisce un documento chiave che fornisce a tutti gli operatori scolastici indicatori che facilitano e orientano il lavoro di osservazione per collaborare quotidianamente all attività di prevenzione e protezione segnalando in modo tempestivo ogni situazione di rischio. Ogni rischio viene individuato per ogni singola tipologia e successivamente valutato nella sua potenziale gravità avvalendosi delle schede di rilevazione (Mod. ) allegato n. 2 Per tutti i problemi di prevenzione non riconducibili ad un confronto con uno standard normativo o tecnico di riferimento, la valutazione dei rischi ha comportato inevitabilmente un contributo della soggettività dei valutatori nell attribuire loro maggiore o minore rilevanza e, di conseguenza, pari rispondenza nella programmazione degli interventi. Si è proceduto secondo i criteri seguenti: Tabella N. 1 Individuazione degli ambienti, dei rischi delle conseguenze sulla salute e delle persone esposte ai rischi Tabella N. 2 Mappa generale dei rischi e degli interventi relativi ai vari ambienti Tabella N. 3 lettera a) Individuazione per ogni ambiente delle attività, dei rischi, delle conseguenze e delle persone esposte ai rischi Tabella N. 4 lettera b) Programmazione degli interventi correlati agli ambienti eai rischi individuati nella tabella n. 3 e suddivisi in interventi necessari e programmati. 5. Riferimenti normativi Le norme preesistenti al D.Lgs 81/ 08 rappresentano prescrizioni tecniche specifiche a cui riferirsi per gli interventi di adeguamento necessari e sono da considerare quali supporti per la valutazione dei rischi e la conseguente programmazione degli interventi. Il D. Lgs. Rappresenta il quadro organico ed unitario a cui ricondurre i singoli provvedimenti nell ottica non solo prescrittiva ma soprattutto preventiva. a) Prevenzione infortuni, sicurezza nei posti di lavoro, igiene del lavoro: o Costituzione Italiana o Codice Civile o Codice Penale o L. 300/70 o DPR 1124/65 o D.Lgs 81/ 08 o D. Lgs. 645/96 o D. Lgs. 151/01 rt. 28 rt rt. 4 D. Lgs Statuto dei lavoratori Stralci Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (con esso vengono abrogati il DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro il DPR 303/56 Norme generali per l igiene del lavoro il DPR 277/91 Norme per piombo, amianto, rumore - D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza in quanto norme contenute nello stesso ) Sicurezza e igiene del lavoro per lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento Norme in materia di maternità e paternità ( artt ) 5

6 b) Prevenzione incendi o D.M. 26/8/92 o D.M. 10/03/98 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica. c) Impianti elettrici o L. 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici. - Norme in materia di maternità e paternità D. Lgs 26 marzo 2001, n TUTEL della sicurezza e della salute delle lavoratrici durante il periodo di gravidanza e fino a sette mesi di età del figlio. La tutela si applica, altresì, alle lavoratrici che hanno ricevuto bambini in adozione o in affidamento, fino al compimento dei sette mesi di età. - Decreto legislativo n. 645 del 25 novembre (llegato di seguito) genti biologici Toxoplasma, virus della rosolia, varicella, parotite e morbillo a meno che sussista la prova che la lavoratrice è sufficientemente protetta contro questi agenti dal suo stato di immunizzazione. - D.P.R. n del 25 novembre 1976 (art. 5 comma 1, lett. G) I lavori che comportano una stazione in piedi per più di metà dell orario o che obbligano ad una posizione particolarmente affaticante durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione del lavoro. Misure di prevenzione Le lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento fino a sette mesi dopo il parto che hanno informato il Datore di lavoro del proprio stato, non vengono adibite a lavori che espongono ai seguenti rischi: o genti fisici: colpi, vibrazioni, rumori,radiazioni ionizzanti, sollecitazioni termiche, posizioni, spostamenti, fatica mentale e fisica. o Trasporto e sollevamento pesi, posture incongrue prolungate o Rischio infortunistico per colpi o aggressioni o Lavoro notturno fino al compimento de 1 anno di età del bambino o genti biologici che mettono in pericolo la salute delle gestanti e del nascituro (agenti del gruppo di rischio da 2 a 4), farmaci antiblastici o Toxoplasma 6

7 o Virus della rosolia (a meno che sussista la prova che la lavoratrice è sufficientemente protetta contro questi agenti dal suo stato di immunizzazione) o genti chimici: piombo e suoi derivati, sostanze etichettate R 40; R 45; R 46, R 47 e R 49 ai sensi della direttiva n. 67/548/CEE, agenti chimici che figurano nell allegato VIII del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni ed integrazioni, mercurio e suoi derivati, sostanze etichettate R 61, R 63 e R 64. o Esposizione a medicamenti antimitotici, monossido di carbonio, agenti chimici pericolosi di comprovato assorbimento cutaneo o Esposizione a gas anestetici, formaldeide, solventi. Le lavoratrici sono addette ad altre mansioni per il periodo per il quale è previsto tale divieto. In accordo con l SL si verificherà la possibilità di individuare mansioni compatibili con lo stato di gravidanza. Per la tutela della sicurezza e della salute delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento fino a sette mesi dopo il parto, che hanno informato il datore di lavoro del proprio stato, vengono adottate le misure di prevenzione e protezione di seguito elencate. Le lavoratrici gestanti non possono essere adibite ai lavori che espongono ai seguenti rischi (ai sensi dell allegato del D. Lgs. 151/2001) o Condotta dei veicoli di trasporto o Lavori che comportano una stazione in piedi per più di metà dell orario di lavoro o che obbligano ad una posizione particolarmente affaticante o Lavori con una macchina mossa a pedale, o comandata a pedale, quando il ritmo del movimento sia frequente o esiga un notevole sforzo o Lavori con macchine scuotenti o con utensili che trasmettono intense vibrazioni o Trasporto sia a braccia che a spalla, sia con carretti a ruote su strada o su guida, al sollevamento dei pesi, compreso il carico e lo scarico e ogni altra operazione connessa. In generale il datore di lavoro assicura che le lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento non siano esposte a: o Movimentazione manuale che comporta rischi di lesioni o Movimenti e posture disagevoli, soprattutto in spazi limitati Inoltre vengono evitati lunghi periodi di posizione eretta o seduta senza muoversi o compiere esercizi fisici per riattivare la circolazione. Laddove è necessario (presenza di eccessivo affaticamento, ) si può provvedere ad adeguare temporaneamente gli orari e le condizioni di lavoro, comprese la durata e la frequenza delle pause. Le lavoratrici saranno addette ad altre mansioni per il periodo per il quale è previsto il divieto. Segue copia D.L.gs n.645/ Dir.92/85/CEE miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento 7

8 6. nalisi figure Professionali in relazione ai rischi per la salute DOCUMENTO SULL SLUTE DEI LVORTORI Docente Svolge: attività didattico educativa - attività relazionali - attività di vigilanza RISCHI DNNI PER L SLUTE PROCEDURE CORRETTE Sforzo vocale Stress Rischio biologico Disturbi fonatori Laringiti ffaticamento mentale Malattie infettive: per la gravità delle conseguenze particolare attenzione deve essere mostrata rispetto allarosolia in caso di stato di gravidanza Tecniche di educazione vocale Organizzazione del lavoro Pianificazione del lavoro Comunicare immediatamente al Dirigente Scolastico lo stato di gravidanza Nell'incertezza di aver contratto la malattia durante l'infanzia è opportuno sottoporsi al Rubeotest llergie Varia sintomatologia Migliorare la climatizzazione Buona manutenzione dei locali Infortuni Posture Incidenti in palestra e nei momenti non strutturati (intervallo, visite guidate, ) Malattie a carico della colonna vertebrale Controllo dello stato di manutenzione dei locali e delle attrezzature Sorveglianza e controllo visivo Educazione posturale Relativamente alla tipologia da stress, da rischio vocale, da rumorosità, biologico e allergenico, posturale e infortunistico per le mansioni svolte la valutazione è da ritenersi a rischio basso, nel rispetto delle norme tecniche e di igiene compresi i dovuti divieti e delle misure preventive antinfortunistiche e di emergenza in generale, nonché previo esito del controllo sanitario da parte del Medico Competente. *vedi in allegato valutazione e analisi dei fattori di rischio 8

9 Svolge: attività d ufficio - attività di relazione Personale amministrativo - assistenti Direttore dei servizi generali ed amministrativi Svolge : attività di coordinamento - di gestione contabile RISCHI DNNI PER L SLUTE PROCEDURE CORRETTE Stress ffaticamento Mentale Pianificazione del lavoro Posture Malattie a carico della colonna vertebrale deguare la postazione del lavoro dotandola di sedie ergonomiche regolabili Mantenere: i gomiti appoggiati ad angolo retto le ginocchia ad angolo retto i piedi sempre appoggiati sul pavimento la schiena ben appoggiata allo schienale Esposizione a radiazioni ionizzanti Esposizione a campi elettromagnetici e/o sostanze per fotoriproduzione Collocare i macchinari in appositi locali Elettrocuzione Ustioni, folgorazione Usare correttamente macchine e apparecchiature elettriche segnalare eventuali danni e richiedere controlli straordinari Videoterminali Problemi alla vista ffezioni muscolo scheletriche Il tempo di lavoro al video terminale non deve superare le 20 ore settimanali ogni 2 ore si deve osservare una pausa di 15 minuti è opportuna una rotazione rispetto alle mansioni Relativamente alla tipologia di rischio da affaticamento mentale, da esposizione a radiazioni ionizzanti ed elettrocuzione per le mansioni di tipo tecnico-operativo, la valutazione è da ritenersi a rischio basso, così come per quanto riguarda l uso dei videoterminali e l aspetto posturale, nel rispetto delle norme tecniche e di igiene compresi i dovuti divieti e delle misure preventive, nonché previo esito del controllo sanitario da parte del Medico Competente. *vedi in allegato valutazione e analisi dei fattori di rischio 9

10 Collaboratore scolastico Svolge compiti di tipo: manutenzione/pulizia - sorveglianza - relazionale - ausilio tecnico RISCHI Cadute dall'alto legate a: uso di scale per interventi di manutenzione attività di pulizia Cadute Elettrocuzione Movimentazione carichi Sostanze chimiche DNNI PER L SLUTE Contusioni, traumi, fratture Contusioni, traumi, fratture Ustioni folgorazione ffezioni muscolo scheletriche Dermatiti Intossicazioni vvelenamenti. PROCEDURE CORRETTE Usare propriamente: scala a libretto solida e a norma destinata ad interventi specifici idonee attrezzature di pulizia, segnalare l'eventuale esigenza di sostituzione Usare scarpe antisdrucciolo Usare correttamente macchine e apparecchiature elettriche Usare attrezzature per carichi pesanti (carrelli) Educazione posturale (vedemecum a seguire) Usare solo contenitori originali con etichetta regolare Leggere attentamente l'etichetta Indossare mezzi di protezione: guanti, mascherine per prodotti tossici Educazione posturale: se si deve stare seduti a lungo si deve: evitare di stare seduto con la schiena piegata tenere i gomiti appoggiati sul tavolo ad angolo retto tenere le ginocchia ad angolo retto tenere i piedi sempre ben appoggiati sul pavimento tenere la schiena appoggiata allo schienale Se si deve restare a lungo in piedi è opportuno: non stare con la schiena curva non lavorare a lungo con le braccia sollevate e cercare sempre di crearsi un appoggio con le braccia Se si deve sollevare pesi: non tenere le gambe dritte portare il peso vicino al corpo e piegare le ginocchia tenere un piede più avanti dell'altro per avere più equilibrio Se si devono trasportare dei pesi: evitare di portare un grosso peso con un braccio Di seguito, in dettaglio, vengono allegati: - Copia NORME COMUNI contenute nella circolare consegnata a tutto il personale T.. ad inizio anno - Copia SCHEDE TECNICHE delle sostanze utilizzate dai Collaboratori scolastici secondo l art. 25 del D.lgs. 52 del e dell art. 13 del Dlgs. 65 del nell osservanza del D.M aggiornato dal D.M del Ministero della Sanità. - Copia VLUTZIONE E NLISI FTTORI DI RISCHIO Relativamente alla tipologia di rischio chimico, per le sostanze in uso, per la movimentazione dei carichi e per le mansioni di tipo operativo la valutazione è da ritenersi a rischio basso, nel rispetto delle norme tecniche e di igiene compresi i dovuti divieti e delle misure preventive, nonché previo esito del controllo sanitario da parte del Medico Competente. 10

11 Piano di Emergenza ( vedi Piani di Emergenza e di Evacuazione dei vari Plessi Scolastici In sintesi per tutti i Plessi: Il piano di evacuazione compilato ai sensi del D.M. 26/08/92, viene testato annualmente con almeno due simulazioni, coordinate dal responsabile di plesso per la sicurezza che è il coordinatore delle operazioni di evacuazione nel caso se ne verificasse la necessità. Ogni responsabile designa nel proprio plesso un vice responsabile che lo sostituisce in caso di assenza e di impedimento. Compiti del responsabile sono: diffusione dell ordine di evacuazione, anche avvalendosi dei collaboratori coordinamento delle operazioni di evacuazione e pronto soccorso dar ordine al personale incaricato d interrompere l erogazione dell energia elettrica, del gas e dell alimentazione della centrale termica presiedere ai periodici controlli dell efficienza di estintori e idranti controllare la praticabilità delle uscite di sicurezza e dei percorsi di fuga preordinati Compiti dei collaboratori scolastici sono: chiamata di soccorso ai Vigili del Fuoco, alle forze dell ordine, al Servizio di emergenza sanitaria 118 e ad ogni altro organismo che risulti necessario. Dare il segnale d allarme Diffusione dell ordine di evacuazione: E segnalato da un suono caratteristico della SIREN Ogni team docente designerà ad inizio anno, per tutto l anno, in ciascuna classe: 1 alunno/a apri fila (più sostituto) 1 alunno/a chiudi fila (più sostituto) Modalità di evacuazione l suono della sirena che trasmette l ordine di evacuazione gli alunni usciranno con la massima calma possibile, tenendosi per mano in fila, aperta e chiusa dagli alunni designati. Ciascuna classe seguirà il percorso previsto dal piano EMG e si dirigerà all uscita assegnata, rilevabile dalla planimetria generale della scuola, affissa alle porte di ogni aula. L assistente educatrice e/o il docente presente sulla classe si prenderà cura dell alunno disabile e seguirà il percorso che conduce al punto di raccolta. Non bisogna perder tempo e quindi occorre lasciar sul posto gli oggetti ingombranti. L insegnante presente porterà con sé il registro di classe e coordinerà le operazioni di evacuazione, effettuerà l appello non appena raggiunto il punto di raccolta assegnato Comunica al coordinatore il nominativo dei ragazzi che erano presenti nella scuola, ma non si trovano al punto di raccolta. su disposizione del coordinatore dell emergenza e solo se non esistono rischi che compromettano la propria sicurezza, rientrano nell edificio per cercare i ragazzi che non sono presenti al punto di raccolta, controllando nei vari locali (dove non sussistano ancora condizioni di pericolo grave ed immediato), compresi i servizi igienici Gli addetti alla squadra di pronto soccorso soccorrono gli infortunati, senza mettere a repentaglio la propria vita. L addetta alla cucina deve: seguire le disposizioni del coordinatore dell emergenza prima di abbandonare il locale cucina interrompere l erogazione dell energia elettrica metano al segnale di evacuazione si reca al punto di raccolta. Moduli di evacuazione In ogni registro di classe sarà allegato un modulo di evacuazione fornito dalla Direzione. Tale modulo in caso di evacuazione (comprese le simulazioni) va compilato appena raggiunto il punto di raccolta assegnato e immediatamente consegnato all insegnante responsabile del plesso. Di seguito sono allegati alcuni dei moduli di evacuazione utilizzati per i vari settori delle scuole interessate: 11

12 SCHED N.1 ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOL nno scolastico MODULO DI EVCUZIONE LUNNI Classe N. alunni presenti N. alunni evacuati Feriti (segnalazione nominativa) Dispersi (segnalazione nominativa) ltre comunicazioni: La classe si trova presso il luogo di raccolta stabilito? SI NO altrove Ore data FIRM DELL INSEGNNTE: 12

13 SCHED N.1 ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOL nno scolastico.. MODULO DI EVCUZIONE PERSONLE DOCENTE Classe N. personale presente N. personale evacuato Feriti (segnalazione nominativa) Dispersi (segnalazione nominativa) ltre comunicazioni: Il personale docente presente si trova presso il luogo di raccolta stabilito? SI NO altrove Ore data FIRM DELL INSEGNNTE: 13

14 SCHED N.1 ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOL. nno scolastico.. MODULO DI EVCUZIONE COLLBORTORI SCOLSTICI N. personale presente N. personale evacuato Feriti (segnalazione nominativa) Dispersi (segnalazione nominativa) ltre comunicazioni: Il personale presente si trova presso il luogo di raccolta stabilito? SI NO altrove Ore data FIRM DEL RESPONSBILE DI SETTORE: 14

15 SCHED N.1 ISTITUTO COMPRENSIVO ". TIRBOSCHI" SCUOL SECONDRI DI PRIMO GRDO PLDIN - BG - nno scolastico.. MODULO DI EVCUZIONE DIRIGENZ E PERSONLE MMINISTRTIVO N. personale presente N. personale evacuato Feriti (segnalazione nominativa) Dispersi (segnalazione nominativa) ltre comunicazioni: Il personale presente si trova presso il luogo di raccolta stabilito? SI NO altrove Ore data FIRM DEL RESPONSBILE DI SETTORE: 15

16 7. Manutenzione / pulizia locali e impianti PROGRMM DI MNUTENZIONE DITT RECPITO PERIODICITÀ RESPONSBILI INTERNI addetti al controllo ESTINTORI OUT antincendio Via del Commercio,7 Mozzo (Bg) 035/ Ogni 6 mesi Tutti i collaboratori scolastici SCENSORE Ditta MC Servizi ascensori Via Serio 4 Ranica (Bg) 035/ Numero verde Ogni 6 mesi Tutti i collaboratori scolastici CLDI Ditta Birolini G.Toma Via Cristofoli 10 - Bg 035/ Ogni 6 mesi Tutti i collaboratori scolastici IMPINTO ELETTRICO/LLRME Ditta Colman Nembro (Bg) 035/ nnuale Tutti i collaboratori scolastici o Ogni operatore scolastico è tenuto a segnalare le anomalie inerenti la sicurezza compilando la scheda di segnalazione da inoltrare, con sollecitudine, al Dirigente Scolastico. o Per i laboratori attenersi al regolamento relativo ad ogni tipo di attività. I collaboratori scolastici assicurano condizioni di pulizia, di accoglienza, di sicurezza e la costante igiene dei servizi. Inoltre con la collaborazione di tutti gli operatori scolastici e la componente genitori, l Istituto si impegna a sensibilizzare le istituzioni interessate per assicurare le migliori condizioni di sicurezza all interno e all esterno della scuola in particolare nelle strade di accesso e nei momenti di entrata e di uscita degli alunni. 8. Procedure per acquisizione preventivi, acquisti, collaudo e manutenzione attrezzature. Vedi Decreto interministeriale n. 44 del 1 febbraio 2001, rtt. 27, 34, 36, 46, 16

17 9. Gestione delle attività scolastiche in situazioni particolari Situazione: un alunno deve uscire dall aula per recarsi ai servizi o svolgere un compito assegnato. Comportamento: manifestare una certa presenza lasciando aperte le porte dell aula e dopo un certo tempo dar voce di chiamata attivando eventualmente il collaboratore scolastico. Situazione: l insegnante deve assentarsi brevemente dall aula. Comportamento: avvisare un collaboratore scolastico o il collega di una classe vicina. Situazione: un alunno si sente male in modo preoccupante in aula o fuori. Comportamento: affidare a un collega o collaboratore scolastico la classe e svolgere la procedura d emergenza. Situazione: l insegnante si sente male in modo preoccupante. Comportamento: l insegnante che per primo intuisce la situazione prende i necessari provvedimenti per il collega e gli alunni. 10. Organizzazione degli spazi Nelle aule e nei laboratori armadi, scaffali e mensole sono collocati in modo da ridurre il più possibile i rischi. I banchi e gli arredi sono disposti in modo da non ostacolare il passaggio e favorire uno sgombero rapido qualora fosse necessario. Le porte vengono mantenute costantemente libere così da contribuire una rapida uscita on caso di necessità. I banchi degli alunni con difficoltà motorie vengono collocati accanto all uscita, in posizione comoda per lo sgombero. N.B. o Non tirare mai il cavo di un apparecchio elettrico, quando si disinserisce la sua spina dalla presa al muro, ma procedere all operazione direttamente la spina e premendo con l altra la presa al muro o Non utilizzare apparecchi con fili elettrici, anche parzialmente scoperti o spine di fortuna; utilizzare solo prese perfettamente funzionanti. o Le apparecchiature elettriche non devono mai essere utilizzate con le mani bagnate o umide. 17

ISTITUTO COLOMBO LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA TORRE DEL GRECO NA

ISTITUTO COLOMBO LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA TORRE DEL GRECO NA ISTITUTO COLOMBO LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA (redatto ai sensi del D.Lgs 81/2008 ) TORRE DEL GRECO NA Riferimenti normativi D. Lgs. n. 151 del 26 marzo 2001: Testo unico delle disposizioni legislative

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

Prot. 3806 /A23 del 3/12/2015. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio.

Prot. 3806 /A23 del 3/12/2015. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica In ottemperanza alle indicazioni relative alla sicurezza nei posti di lavoro (D.Lgs. 81/08),

Dettagli

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni.

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni. N Prot.: 0002376 C.I. del 08/04/2015 Uscita A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO All AA L. RENNA SEDE AL SITO WEB www.icpresicceacquarica.gov.it CIRCOLARE N. 61 Oggetto: Piano di Gestione delle Emergenze In

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE LAVORATRICI MADRI

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE LAVORATRICI MADRI ISTITUTO COMPRENSIVO PERUGIA 6 Via dell Armonia, 77 06132 PERUGIA Tel. 075 774129 Fa 075 774688 e mail: pgic867009@istruzione.it Codice Fiscale 94152400548 Codice Meccanografico: PGIC867009 VALUTAZIONE

Dettagli

PREMESSA METODO E CRITERI UTILIZZATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PREMESSA METODO E CRITERI UTILIZZATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PREMESSA In ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs. 151 del 26 Marzo 2001 testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno alla maternità e della paternità, a norma dell art.

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di San Daniele del Friuli

Istituto Comprensivo Statale di San Daniele del Friuli Ist. Comprensivo di San Daniele" del Friuli VALUTAZIONE LAVORATRICI MADRI Rev 01 del 01/09/2012 Pagina 1 di 7 Istituto Comprensivo Statale di San Daniele del Friuli Sede Legale - Via Kennedy, 11-33038

Dettagli

Dal citato documento risulta che, relativamente alle mansioni svolte dalla Sig.ra e precisamente (dettagliare mansioni svolte e orario giornaliero)

Dal citato documento risulta che, relativamente alle mansioni svolte dalla Sig.ra e precisamente (dettagliare mansioni svolte e orario giornaliero) Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai fini della richiesta di astensione anticipata di maternità o di post partum per mansioni e condizioni di lavoro a rischio ai sensi dell art. 17, lett.

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

Torino, 26/11/2014 Alle docenti al personale ATA al RLS

Torino, 26/11/2014 Alle docenti al personale ATA al RLS Circolare interna personale docente n. 92 Torino, 26/11/2014 Alle docenti al personale ATA al RLS OGGETTO: informativa relativa alla sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI

REGOLAMENTO DEI LABORATORI REGOLAMENTO DEI LABORATORI Il Dirigente Scolastico prof.ssa Concetta Carrozzo PREMESSA I laboratori dell Istituto sono patrimonio comune, pertanto si ricorda che il rispetto e la tutela delle attrezzature

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

Campo di applicazione, decorrenza, durata

Campo di applicazione, decorrenza, durata Campo di applicazione, decorrenza, durata Art. 1 1. Il presente contratto è redatto in base all art. 6 lettera k) del CCNL 2007-2010 del comparto Scuola. 2. Gli effetti del presente accordo decorrono dalla

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLA MATERNITÀ E PROCEDURA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLA MATERNITÀ E PROCEDURA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLA MATERNITÀ E PROCEDURA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA INDICE 1 SCOPO 2 2 APPLICABILITA E DECORRENZA.. 2 3 ANALISI DEI RISCHI... 3 4 SINTESI DEI RISCHI 3 5 DOCUMENTAZIONE 7 Pagina

Dettagli

I.S.I.S.S. L. Scarambone REGOLAMENTI LABORATORI

I.S.I.S.S. L. Scarambone REGOLAMENTI LABORATORI I.S.I.S.S. L. Scarambone REGOLAMENTI LABORATORI a.s. 2010/2011 REGOLAMENTO LABORATORI DI INFORMATICA (Sede Lecce) I laboratori di informatica sono uno strumento indispensabile e privilegiato per lo svolgimento

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA

MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO OLGA ROVERE DI RIGNANO FLAMINIO (RM) A.S. 2011-2012 MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Pagina 1 di 9 CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Organizzazione del lavoro Contratti d appalto e contratti d opera Analisi, pianificazione e controllo Formazione ed informazione Partecipazione Documentazione

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e 1 Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori finalizzata ad individuare le adeguate

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi dell art. 28 comma 1 del D. Lgs 81/08 ed in conformità al D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151

VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi dell art. 28 comma 1 del D. Lgs 81/08 ed in conformità al D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151 Rev. 0 Pag. 1 di 1 VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi dell art. 8 comma 1 del D. Lgs 81/08 ed in conformità al D.Lgs. 6 marzo 001, n. 151 TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE IN MATERIA DI TUTELA E

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONINO CAPONNETTO Via Socrate, 11 90147 PALERMO 091-533124 Fax 091-6914389 - c.f.: 97164800829 cod. Min.: PAIC847003 email: paic847003@istruzione.it

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Statuto e Regolamenti DECRETO Rep. n. 3711-2010 - Prot. n. 75119 Anno 2010 Tit. I Cl. 3 Fasc. 7 Oggetto: Regolamento per la frequenza

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

ATTIVITA E FATTORI DI RISCHIO INCOMPATIBILI CON LA GRAVIDANZA

ATTIVITA E FATTORI DI RISCHIO INCOMPATIBILI CON LA GRAVIDANZA ATTIVITA E FATTORI DI RISCHIO INCOMPATIBILI CON LA GRAVIDANZA RISCHI LEGATI A CONDIZIONI PERSONALI In caso di disturbi, questi devono essere segnalati, perché possano essere presi gli opportuni provvedimenti.

Dettagli

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA Prot. n. 840/A20i DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA VIA CORSI, 1- R.S.P.P. prof. Federico

Dettagli

LABORATORIO AUTOMAZIONI INDUSTRIALI

LABORATORIO AUTOMAZIONI INDUSTRIALI I.T.I.S. Max Planck Lancenigo di Villorba (TV) LABORATORIO AUTOMAZIONI INDUSTRIALI A) Aspetti generali REGOLAMENTO DEL LABORATORIO 1) Tutti i docenti che, a qualsiasi titolo, utilizzano il laboratorio

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2)

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Informazione e formazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE PER 8.1a DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI

Dettagli

Corso di formazione per RSPP

Corso di formazione per RSPP Corso di formazione per RSPP Corso Normative di riferimento Argomenti/Programma n.ore Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione a) Il quadro normativo in materia di sicurezza dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1 FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1. RISCHI CONNESSI ALL ATTIVITA SCOLASTICA: RISCHI SPECIFICI (V.

Dettagli

ALLEGATO 1) AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SERVIZI ACCESSORI CIG: 6662047F16

ALLEGATO 1) AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SERVIZI ACCESSORI CIG: 6662047F16 ALLEGATI AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SERVIZI ACCESSORI ALLEGATO 1) AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE

Dettagli

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola.

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO TEODORO CIRESOLA V.LE BRIANZA

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE

LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE D I S P E N S A M O N O G R A F I C A Sommario 1. Fonti normative 2. Tutela delle lavoratrici madri in genere 3. Divieto di adibire le lavoratrici a lavori gravosi o pregiudizievoli

Dettagli

LICEO REGINA MARGHERITA

LICEO REGINA MARGHERITA LICEO REGINA MARGHERITA Indirizzi: Linguistico Scienze Umane Economico Sociale - Scienze Applicate Tel 089224887 fax 089250588 Via Cuomo n.6 84122 -SALERNO Cod. mecc. SAPM050003 C. F. 80027420654 e-mail

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ANNO 2014 PROGRAMMA INTERVENTI PER LA SICUREZZA IN AZIENDA OGGETTO: D. LGS. 81/08 E S.M.I. SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. L impostazione del programma aziendale per

Dettagli

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale legale del Dott. X con due lavoratori dipendenti (Sig. A e Sig.ra B) e due praticanti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

WOMEN IN CHANGE Modena, 27 marzo 2010

WOMEN IN CHANGE Modena, 27 marzo 2010 WOMEN IN CHANGE Modena, 27 marzo 2010 LEGISLAZIONE E NORMATIVE IN MATERIA DI TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DEL LAVORO AUSL di Bologna e Imola Dipartimento

Dettagli

Multimediale e Informatico

Multimediale e Informatico M.I.U.R. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto d Istruzione Superiore U.Midossi Via F. Petrarca s.n.c. 01033 Civita Castellana (VT)

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

Oggetto: Informativa relativa alla sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento D.L.vo n. 151/2001, D.L.vo n. 81/2008.

Oggetto: Informativa relativa alla sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento D.L.vo n. 151/2001, D.L.vo n. 81/2008. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TRESCORE B.RIO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Via Lorenzo Lotto, 15-24069 TRESCORE BALNEARIO (BG) Tel 035/940086 Fax 035/945451 www.ictrescorebalneario.it

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

della SICUREZZA NELLA SCUOLA

della SICUREZZA NELLA SCUOLA Informazione ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, D.M. 382/98, D.M. 363/98 e Circolare Ministero Pubblica Istruzione n. 119 del 29/4/1999 A B C della SICUREZZA NELLA SCUOLA Manuale ad uso dei docenti,

Dettagli

Norme di Utilizzo dell Aula Informatica

Norme di Utilizzo dell Aula Informatica ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASTELLARANO Via Fuori Ponte 23 42014 Castellarano (RE) Tel. 0536 850113 Fax 0536 075506 www.iccastellarano.gov.it Norme di Utilizzo dell Aula Informatica 1. Componenti

Dettagli

BOZZA a cura della Cisl Scuola

BOZZA a cura della Cisl Scuola BOZZA a cura della Cisl Scuola IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Attuazione normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (CCNL art. 6 comma 2 lettera k) Istituto/Circolo - a.s./.. L'anno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria.

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE In questa unità didattica approfondiremo la conoscenza di alcune figure, già viste in precedenza e che sono presenti anche nel nostro Istituto In particolare parleremo di: datore di lavoro: Dirigente Scolastico;

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN BASE ALL ACCORDO STATO-REGIONI L Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE PUBBLICHE DELL INFANZIA, ELEMENTARI E MEDIE NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero. LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.it INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008)

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO L'anno 2013, il mese di Marzo, il giorno 08 nei locali del Liceo Scientifico Statale G.Galilei di Pescara,

Dettagli

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) Impresa appaltatrice: Appaltatore: Amministrazione Comunale di San Romano In Garfagnana Affidamento

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Via F. Lussana, 2 24121 Bergamo 035 23 71 71 035 21 52 27 segreteria@vittorioemanuele.org

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA ISTITUTO COMPRENSIVO ROVIGO 1 Via della Costituzione, 6 45100 ROVIGO Tel. 0425/30600 Fax 0425/30726 Codice Fiscale 93027540298 Cod. Mecc. ROIC82000Q - e-mail: roic82000q@istruzione.it Sito web: www.icrovigo1.gov.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO E USO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA

REGOLAMENTO DI ACCESSO E USO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA REGOLAMENTO DI ACCESSO E USO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA FINALITA Il laboratorio di Informatica è una risorsa didattica e formativa indirizzata a tutte quelle materie che ne prevedano l uso. In esso

Dettagli

Organigramma della sicurezza

Organigramma della sicurezza Organigramma della sicurezza Dirigente Scolastico Medico Competente R.S.P.P. A.S.P.P. Squadra di emergenza Nominativo Plesso.... Nominativo Ruolo.... R.L.S. Preposti Lavoratori Fondamenti di sicurezza:

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive IL NUOVO TESTO UNICO sulla SICUREZZA del LAVORO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive G. Luzzana - S. Piazzolla E. Arsuffi A. Angeretti SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis Cosa si intende per rischio nei luoghi di lavoro? (Art.2 DLgs 81/08): probabilità di raggiungimento del livello potenziale

Dettagli

Oggetto: NOTA INFORMATIVA PER LA TUTELA DELLA LAVORATRICE MADRE

Oggetto: NOTA INFORMATIVA PER LA TUTELA DELLA LAVORATRICE MADRE Dott.ssa laura Marcellini Medico Chirurgo Specialista in Medicina del Lavoro Via Franco Becci 14, 00139-Roma Cel. 347886499 Alla cortese attenzione di: Datore di Lavoro Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI LABORATORI E L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE INFORMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI LABORATORI E L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE INFORMATICHE REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI LABORATORI E L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE INFORMATICHE Ogni laboratorio di informatica avrà un regolamento secondo le esigenze: Scuola primaria via Guspini REGOLAMENTO DI

Dettagli

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO M i n i s t e r o d e l l I s t r u zi o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo di Bagolino Via A. Lombardi 18-25072 Bagolino (BS) C.M. BSIC806008 - C.F. 87002590179

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

Prot. 139 Nocera Inferiore 20/01/2014

Prot. 139 Nocera Inferiore 20/01/2014 Scuola Secondaria I grado Solimena De Lorenzo Via Nola N. 1 Nocera Inferiore 84014 (SA) 0815176356-Fax 081-3615856 e-mail: samm12100a@istruzione.it e-mail certificata: samm12100a@pec.istruzione.it Sito

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA OBIETTIVI L impresa CERIOLI S.r.l. è da sempre attenta alle problematiche della sicurezza e della salute dei lavoratori in ambiente lavorativo. Gli obiettivi dell azienda sono: avere un anno di lavoro

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

Alle docenti e non docenti interessate

Alle docenti e non docenti interessate ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVELLARA Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado Oggetto: Valutazione del rischio per la gravidanza ed il puerperio Premessa Alle docenti e non docenti interessate

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli