ISTITUTO COMPRENSIVO DI PALADINA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO DI PALADINA"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PLDIN Passaggio Rodari, 1 cap Paladina (BG) Tel. 035/ fax 035/ RELZIONE TECNIC SULL VLUTZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 28, D.Lgs 81/ 08) SCUOL INFNZI Paladina e Valbrembo SCUOL PRIMRI Paladina e Valbrembo SCUOL SECONDRI Primo Grado Paladina DTORE DI LVORO O EQUIPRTO (D.M. n. 292 del 21/6/96) IL DIR. SCOLSTICO RUSSO LEONRDO La valutazione è stata effettuata da: - Dirigente Scolastico RUSSO LEONRDO Sono stati coinvolti gli ddetti al Servizio Prevenzione e Protezione: - RSPP : Fortunato Carlo - SPP : De Rosa R. Pisoni. Rossi F. Federici S. - RLS : Brioschi luigi - M.C. : Dr.Cologni nno scolastico 2013/2014 Relazione tecnica sulla valutazione dei rischi (ai sensi dell art. 28, D.Lgs 81/ 08) 1

2 INDICE 1. Premessa PG Scopo e prospettive PG Criteri e riferimenti normativi PG nalisi figure Professionali in relazione ai rischi per la salute PG Piano di Emergenza PG. 10 Moduli di evacuazione PG Manutenzione / pulizia locali e impianti PG Procedure per acquisizione preventivi, acquisti, collaudo e manutenzione PG Gestione delle attività scolastiche in situazioni particolari PG Organizzazione degli spazi PG Gestione dei laboratori PG. 18 Regolamenti dei laboratori PG. 18 Laboratorio multimediale PG. 19 Laboratorio linguistico PG. 20 Laboratorio scientifico PG. 21 Laboratorio tecnico-artistico-musicale PG Dispositivi di protezione individuali PG Rischi da stress lavoro correlato PG Programmi di informazione e formazione PG Servizio di prevenzione e Protezione PG. 24 SCUOL INFNZI RCOBLENO Paladina PG. 26 SCUOL INFNZI MDRE TERES DI CLCUTT Valbrembo PG. 35 SCUOL PRIMRI PP GIOVNNI XIII Paladina PG. 54 SCUOL PRIMRI NN FRNK Valbrembo PG. 82 SCUOL SECONDRI II GRDO. TIRBOSCHI Paladina PG. 101 Descrizione di massima del fabbricato e contesto ambientale Norme di comportamento e di organizzazione degli spazi Servizio di Prevenzione e Protezione Dati occupazionali nalisi statistica degli infortuni Valutaz. rischi e individuazione misure di protezione e degli interventi 17.Verifica documentazione completa PG Check list per il monitoraggio dei vari Plessi della scuola PG LLEGTI: rilevazione rischi schede di rilevazione comunicazioni Ispettorato del Lavoro e SL di Bg documentazione Planimetrie di evacuazione PG PLNIMETRIE di evacuazione PG

3 1. Premessa Il TESTO UNICO D.L. n. 81/2008 introduce negli ambienti di lavoro una nuova cultura della sicurezza e della prevenzione. In particolare viene rovesciata l ottica dell adempimento puramente tecnico e burocratico per introdurre i concetti di prevenzione, informazione, formazione e assunzione di responsabilità che devono orientare le conoscenze, i comportamenti, le procedure di controllo e gli interventi conseguenti in ogni ambiente di lavoro. Per l ambiente scolastico è da evidenziare che, in quanto comunità educante, la messa in atto da parte di tutti i soggetti di norme comportamentali attente alla salute comune costituirà un primo importante impegno di formazione. I comportamenti comuni, che sottendono assunzioni di responsabilità rispetto ai ruoli e ai compiti di ciascuno, devono essere regolati in appositi documenti Carta dei Servizi, POF, Regolamento d Istituto e disposizioni interne di cui ogni istituto scolastico si deve dotare in coerenza con le proprie finalità istitutive, gli obiettivi educativi e didattici, l organizzazione del lavoro e le risorse umane e materiali. E bene precisare che il DVR deve essere redatto dal datore di lavoro, in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e, se necessario, con il medico competente. La stesura di un così importante documento, non può essere delegata ad altre figure. ll interno di questa filosofia della prevenzione il Dirigente Scolastico, quale responsabile delle attività, assume un ruolo di snodo importante per promuovere conoscenze e consapevolezza dei ruoli e delle responsabilità di tutti gli operatori, per individuare e segnalare gli interventi necessari e controllarne l attuazione da parte degli Enti obbligati. Nel D.V.R. sono valutati ed esaminati tutti i rischi potenziali ed esplicitate le misure per la prevenzione e la protezione, attraverso: a) una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l'attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; b) l'indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; d) l'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare. Sulla base di specifiche tabelle è stato perciò possibile elaborare il documento di valutazione dei rischi che ha tenuto conto dell individuazione degli ambienti, delle dei rischi legati alle varie attività,, delle conseguenze sulla salute e delle persone esposte ai rischi, delle eventuali programmazione degli interventi necessari da effettuare con urgenza, a breve e medio termine correlati agli ambienti e ai rischi individuati. Tutto ciò si è basato su un rilievo tecnico dell edificio scolastico che è stato esaminato in tutti i suoi ambienti, ciascuno con un suo numero identificativo, e in ogni piano, attraverso controlli specifici (microclima, illuminazione, arredo scolastico, immagazzinamento, apparecchiature ) e sull analisi statistica degli infortuni riportati in un apposito registro. Il Piano della Valutazione dei Rischi deve tener conto inoltre (in particolare per gli insegnanti) della sicurezza e della salute dei lavoratori nei casi di sforzo vocale, della rumorosità ambientale, del rischio biologico (malattie infettive e allergie), delle posture (malattie a carico della colonna vertebrale) oltre alla tutela della sicurezza e della salute delle lavoratrici durante il periodo di gravidanza o in periodo di allattamento fino a sette mesi dopo il parto; in particolare per i Collaboratori Scolastici di traumi o cadute, elettrocuzione (ustioni folgorazioni), movimentazioni di carichi, intossicazioni da sostanze chimiche; 3

4 in particolare per il personale amministrativo di affaticamento mentale, postura ( malattie a carico della colonna vertebrale), esposizione a radiazioni ionizzanti, elettrocuzione, videoterminali (problemi alla vista e affezioni muscolo scheletriche). Infine fanno parte del DVR: - Il PROGRMM di manutenzione e di pulizia dei locali e degli impianti - I REGOLMENTI nei vari laboratori - Le PROCEDURE per collaudo e manutenzione di attrezzature - Le NORME di comportamento e di organizzazione degli spazi - La DOTZIONE di materiale antinfortunistico - La DOCUMENTZIONE specifica(certificati e denuncie di conformità) - Il PINO DI EMERGENZ e di evacuazione Il Piano di Emergenza e il Documento della valutazione dei rischi, per poter essere efficienti strumenti di analisi e di verifica, devono essere aggiornati tutti gli anni e ogni qualvolta si verifichi un intervento di ristrutturazione e/o una modifica relativa alla destinazione d uso dei locali. 2. Scopo La Valutazione dei rischi comporta in generale la necessità di azioni rivolte ai lavoratori per promuovere conoscenze, competenze e assunzioni di responsabilità: l attivazione cioè di un processo complesso di gestione della prevenzione soprattutto in ordine alla condotta e alla competenza di tutte le persone interagenti con l ambiente scolastico, e ispirato a comuni codici di comportamento. ltresì esso è fondamentale per l individuazione dei possibili centri/fonti di pericolo per la sicurezza e la salute dei lavoratori, degli alunni e delle persone sporadicamente presenti all interno dell edificio (visitatori, manutentori, ecc.) potenzialmente esposti a rischio e la valutazione dell entità dell esposizione; ciò al fine di individuare e pianificare la realizzazione degli interventi di prevenzione e protezione necessari ad eliminare o ridurre i rischi nonché di definire le misure di controllo e alla riduzione del rischio nel periodo che intercorre tra la sua individuazione e la messa in atto dell intervento tecnico risolutivo 3. Prospettive e problemi aperti La valutazione dei rischi comporta la necessità di azioni rivolte ai lavoratori per promuovere conoscenze, competenze e assunzioni di responsabilità come richiamato in premessa. Si dovrà procedere a forme di informazione e socializzazione attraverso gli O.O.C.C. e ad azioni sistematiche di coinvolgimento dell utenza e dei responsabili esterni. Ciò comporta l attivazione di un processo complesso di gestione della prevenzione soprattutto in ordine alla condotta e alla competenza di tutte quelle persone interagenti con l ambiente, ispirato a comuni codici di comportamento. L azione di vigilanza volta a verificare l efficienza delle misure adottate e l adeguatezza dei comportamenti si avvarrà di strumenti e procedure per adattamenti degli interventi e acquisizione di elementi conoscitivi per migliorare la tutela della salute. Pur condividendo pienamente la filosofia della prevenzione sottesa al Testo Unico non si nasconde la presenza di nodi fortemente problematici quali principalmente l assenza di riferimenti istituzionali e di risorse certe da parte dell mministrazione Scolastica che rendono difficoltosa la piena e concreta attuazione di quanto disposto nel decreto stesso. 4

5 4. Criteri Sulla base delle tabelle raccolte nell allegato n. 1 è stato elaborato il documento di valutazione dei rischi relativo ai cinque edifici dell I.C. di Paladina. L allegato n.1 ha costituito e costituisce un documento chiave che fornisce a tutti gli operatori scolastici indicatori che facilitano e orientano il lavoro di osservazione per collaborare quotidianamente all attività di prevenzione e protezione segnalando in modo tempestivo ogni situazione di rischio. Ogni rischio viene individuato per ogni singola tipologia e successivamente valutato nella sua potenziale gravità avvalendosi delle schede di rilevazione (Mod. ) allegato n. 2 Per tutti i problemi di prevenzione non riconducibili ad un confronto con uno standard normativo o tecnico di riferimento, la valutazione dei rischi ha comportato inevitabilmente un contributo della soggettività dei valutatori nell attribuire loro maggiore o minore rilevanza e, di conseguenza, pari rispondenza nella programmazione degli interventi. Si è proceduto secondo i criteri seguenti: Tabella N. 1 Individuazione degli ambienti, dei rischi delle conseguenze sulla salute e delle persone esposte ai rischi Tabella N. 2 Mappa generale dei rischi e degli interventi relativi ai vari ambienti Tabella N. 3 lettera a) Individuazione per ogni ambiente delle attività, dei rischi, delle conseguenze e delle persone esposte ai rischi Tabella N. 4 lettera b) Programmazione degli interventi correlati agli ambienti eai rischi individuati nella tabella n. 3 e suddivisi in interventi necessari e programmati. 5. Riferimenti normativi Le norme preesistenti al D.Lgs 81/ 08 rappresentano prescrizioni tecniche specifiche a cui riferirsi per gli interventi di adeguamento necessari e sono da considerare quali supporti per la valutazione dei rischi e la conseguente programmazione degli interventi. Il D. Lgs. Rappresenta il quadro organico ed unitario a cui ricondurre i singoli provvedimenti nell ottica non solo prescrittiva ma soprattutto preventiva. a) Prevenzione infortuni, sicurezza nei posti di lavoro, igiene del lavoro: o Costituzione Italiana o Codice Civile o Codice Penale o L. 300/70 o DPR 1124/65 o D.Lgs 81/ 08 o D. Lgs. 645/96 o D. Lgs. 151/01 rt. 28 rt rt. 4 D. Lgs Statuto dei lavoratori Stralci Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (con esso vengono abrogati il DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro il DPR 303/56 Norme generali per l igiene del lavoro il DPR 277/91 Norme per piombo, amianto, rumore - D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza in quanto norme contenute nello stesso ) Sicurezza e igiene del lavoro per lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento Norme in materia di maternità e paternità ( artt ) 5

6 b) Prevenzione incendi o D.M. 26/8/92 o D.M. 10/03/98 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica. c) Impianti elettrici o L. 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici. - Norme in materia di maternità e paternità D. Lgs 26 marzo 2001, n TUTEL della sicurezza e della salute delle lavoratrici durante il periodo di gravidanza e fino a sette mesi di età del figlio. La tutela si applica, altresì, alle lavoratrici che hanno ricevuto bambini in adozione o in affidamento, fino al compimento dei sette mesi di età. - Decreto legislativo n. 645 del 25 novembre (llegato di seguito) genti biologici Toxoplasma, virus della rosolia, varicella, parotite e morbillo a meno che sussista la prova che la lavoratrice è sufficientemente protetta contro questi agenti dal suo stato di immunizzazione. - D.P.R. n del 25 novembre 1976 (art. 5 comma 1, lett. G) I lavori che comportano una stazione in piedi per più di metà dell orario o che obbligano ad una posizione particolarmente affaticante durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione del lavoro. Misure di prevenzione Le lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento fino a sette mesi dopo il parto che hanno informato il Datore di lavoro del proprio stato, non vengono adibite a lavori che espongono ai seguenti rischi: o genti fisici: colpi, vibrazioni, rumori,radiazioni ionizzanti, sollecitazioni termiche, posizioni, spostamenti, fatica mentale e fisica. o Trasporto e sollevamento pesi, posture incongrue prolungate o Rischio infortunistico per colpi o aggressioni o Lavoro notturno fino al compimento de 1 anno di età del bambino o genti biologici che mettono in pericolo la salute delle gestanti e del nascituro (agenti del gruppo di rischio da 2 a 4), farmaci antiblastici o Toxoplasma 6

7 o Virus della rosolia (a meno che sussista la prova che la lavoratrice è sufficientemente protetta contro questi agenti dal suo stato di immunizzazione) o genti chimici: piombo e suoi derivati, sostanze etichettate R 40; R 45; R 46, R 47 e R 49 ai sensi della direttiva n. 67/548/CEE, agenti chimici che figurano nell allegato VIII del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni ed integrazioni, mercurio e suoi derivati, sostanze etichettate R 61, R 63 e R 64. o Esposizione a medicamenti antimitotici, monossido di carbonio, agenti chimici pericolosi di comprovato assorbimento cutaneo o Esposizione a gas anestetici, formaldeide, solventi. Le lavoratrici sono addette ad altre mansioni per il periodo per il quale è previsto tale divieto. In accordo con l SL si verificherà la possibilità di individuare mansioni compatibili con lo stato di gravidanza. Per la tutela della sicurezza e della salute delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento fino a sette mesi dopo il parto, che hanno informato il datore di lavoro del proprio stato, vengono adottate le misure di prevenzione e protezione di seguito elencate. Le lavoratrici gestanti non possono essere adibite ai lavori che espongono ai seguenti rischi (ai sensi dell allegato del D. Lgs. 151/2001) o Condotta dei veicoli di trasporto o Lavori che comportano una stazione in piedi per più di metà dell orario di lavoro o che obbligano ad una posizione particolarmente affaticante o Lavori con una macchina mossa a pedale, o comandata a pedale, quando il ritmo del movimento sia frequente o esiga un notevole sforzo o Lavori con macchine scuotenti o con utensili che trasmettono intense vibrazioni o Trasporto sia a braccia che a spalla, sia con carretti a ruote su strada o su guida, al sollevamento dei pesi, compreso il carico e lo scarico e ogni altra operazione connessa. In generale il datore di lavoro assicura che le lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento non siano esposte a: o Movimentazione manuale che comporta rischi di lesioni o Movimenti e posture disagevoli, soprattutto in spazi limitati Inoltre vengono evitati lunghi periodi di posizione eretta o seduta senza muoversi o compiere esercizi fisici per riattivare la circolazione. Laddove è necessario (presenza di eccessivo affaticamento, ) si può provvedere ad adeguare temporaneamente gli orari e le condizioni di lavoro, comprese la durata e la frequenza delle pause. Le lavoratrici saranno addette ad altre mansioni per il periodo per il quale è previsto il divieto. Segue copia D.L.gs n.645/ Dir.92/85/CEE miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento 7

8 6. nalisi figure Professionali in relazione ai rischi per la salute DOCUMENTO SULL SLUTE DEI LVORTORI Docente Svolge: attività didattico educativa - attività relazionali - attività di vigilanza RISCHI DNNI PER L SLUTE PROCEDURE CORRETTE Sforzo vocale Stress Rischio biologico Disturbi fonatori Laringiti ffaticamento mentale Malattie infettive: per la gravità delle conseguenze particolare attenzione deve essere mostrata rispetto allarosolia in caso di stato di gravidanza Tecniche di educazione vocale Organizzazione del lavoro Pianificazione del lavoro Comunicare immediatamente al Dirigente Scolastico lo stato di gravidanza Nell'incertezza di aver contratto la malattia durante l'infanzia è opportuno sottoporsi al Rubeotest llergie Varia sintomatologia Migliorare la climatizzazione Buona manutenzione dei locali Infortuni Posture Incidenti in palestra e nei momenti non strutturati (intervallo, visite guidate, ) Malattie a carico della colonna vertebrale Controllo dello stato di manutenzione dei locali e delle attrezzature Sorveglianza e controllo visivo Educazione posturale Relativamente alla tipologia da stress, da rischio vocale, da rumorosità, biologico e allergenico, posturale e infortunistico per le mansioni svolte la valutazione è da ritenersi a rischio basso, nel rispetto delle norme tecniche e di igiene compresi i dovuti divieti e delle misure preventive antinfortunistiche e di emergenza in generale, nonché previo esito del controllo sanitario da parte del Medico Competente. *vedi in allegato valutazione e analisi dei fattori di rischio 8

9 Svolge: attività d ufficio - attività di relazione Personale amministrativo - assistenti Direttore dei servizi generali ed amministrativi Svolge : attività di coordinamento - di gestione contabile RISCHI DNNI PER L SLUTE PROCEDURE CORRETTE Stress ffaticamento Mentale Pianificazione del lavoro Posture Malattie a carico della colonna vertebrale deguare la postazione del lavoro dotandola di sedie ergonomiche regolabili Mantenere: i gomiti appoggiati ad angolo retto le ginocchia ad angolo retto i piedi sempre appoggiati sul pavimento la schiena ben appoggiata allo schienale Esposizione a radiazioni ionizzanti Esposizione a campi elettromagnetici e/o sostanze per fotoriproduzione Collocare i macchinari in appositi locali Elettrocuzione Ustioni, folgorazione Usare correttamente macchine e apparecchiature elettriche segnalare eventuali danni e richiedere controlli straordinari Videoterminali Problemi alla vista ffezioni muscolo scheletriche Il tempo di lavoro al video terminale non deve superare le 20 ore settimanali ogni 2 ore si deve osservare una pausa di 15 minuti è opportuna una rotazione rispetto alle mansioni Relativamente alla tipologia di rischio da affaticamento mentale, da esposizione a radiazioni ionizzanti ed elettrocuzione per le mansioni di tipo tecnico-operativo, la valutazione è da ritenersi a rischio basso, così come per quanto riguarda l uso dei videoterminali e l aspetto posturale, nel rispetto delle norme tecniche e di igiene compresi i dovuti divieti e delle misure preventive, nonché previo esito del controllo sanitario da parte del Medico Competente. *vedi in allegato valutazione e analisi dei fattori di rischio 9

10 Collaboratore scolastico Svolge compiti di tipo: manutenzione/pulizia - sorveglianza - relazionale - ausilio tecnico RISCHI Cadute dall'alto legate a: uso di scale per interventi di manutenzione attività di pulizia Cadute Elettrocuzione Movimentazione carichi Sostanze chimiche DNNI PER L SLUTE Contusioni, traumi, fratture Contusioni, traumi, fratture Ustioni folgorazione ffezioni muscolo scheletriche Dermatiti Intossicazioni vvelenamenti. PROCEDURE CORRETTE Usare propriamente: scala a libretto solida e a norma destinata ad interventi specifici idonee attrezzature di pulizia, segnalare l'eventuale esigenza di sostituzione Usare scarpe antisdrucciolo Usare correttamente macchine e apparecchiature elettriche Usare attrezzature per carichi pesanti (carrelli) Educazione posturale (vedemecum a seguire) Usare solo contenitori originali con etichetta regolare Leggere attentamente l'etichetta Indossare mezzi di protezione: guanti, mascherine per prodotti tossici Educazione posturale: se si deve stare seduti a lungo si deve: evitare di stare seduto con la schiena piegata tenere i gomiti appoggiati sul tavolo ad angolo retto tenere le ginocchia ad angolo retto tenere i piedi sempre ben appoggiati sul pavimento tenere la schiena appoggiata allo schienale Se si deve restare a lungo in piedi è opportuno: non stare con la schiena curva non lavorare a lungo con le braccia sollevate e cercare sempre di crearsi un appoggio con le braccia Se si deve sollevare pesi: non tenere le gambe dritte portare il peso vicino al corpo e piegare le ginocchia tenere un piede più avanti dell'altro per avere più equilibrio Se si devono trasportare dei pesi: evitare di portare un grosso peso con un braccio Di seguito, in dettaglio, vengono allegati: - Copia NORME COMUNI contenute nella circolare consegnata a tutto il personale T.. ad inizio anno - Copia SCHEDE TECNICHE delle sostanze utilizzate dai Collaboratori scolastici secondo l art. 25 del D.lgs. 52 del e dell art. 13 del Dlgs. 65 del nell osservanza del D.M aggiornato dal D.M del Ministero della Sanità. - Copia VLUTZIONE E NLISI FTTORI DI RISCHIO Relativamente alla tipologia di rischio chimico, per le sostanze in uso, per la movimentazione dei carichi e per le mansioni di tipo operativo la valutazione è da ritenersi a rischio basso, nel rispetto delle norme tecniche e di igiene compresi i dovuti divieti e delle misure preventive, nonché previo esito del controllo sanitario da parte del Medico Competente. 10

11 Piano di Emergenza ( vedi Piani di Emergenza e di Evacuazione dei vari Plessi Scolastici In sintesi per tutti i Plessi: Il piano di evacuazione compilato ai sensi del D.M. 26/08/92, viene testato annualmente con almeno due simulazioni, coordinate dal responsabile di plesso per la sicurezza che è il coordinatore delle operazioni di evacuazione nel caso se ne verificasse la necessità. Ogni responsabile designa nel proprio plesso un vice responsabile che lo sostituisce in caso di assenza e di impedimento. Compiti del responsabile sono: diffusione dell ordine di evacuazione, anche avvalendosi dei collaboratori coordinamento delle operazioni di evacuazione e pronto soccorso dar ordine al personale incaricato d interrompere l erogazione dell energia elettrica, del gas e dell alimentazione della centrale termica presiedere ai periodici controlli dell efficienza di estintori e idranti controllare la praticabilità delle uscite di sicurezza e dei percorsi di fuga preordinati Compiti dei collaboratori scolastici sono: chiamata di soccorso ai Vigili del Fuoco, alle forze dell ordine, al Servizio di emergenza sanitaria 118 e ad ogni altro organismo che risulti necessario. Dare il segnale d allarme Diffusione dell ordine di evacuazione: E segnalato da un suono caratteristico della SIREN Ogni team docente designerà ad inizio anno, per tutto l anno, in ciascuna classe: 1 alunno/a apri fila (più sostituto) 1 alunno/a chiudi fila (più sostituto) Modalità di evacuazione l suono della sirena che trasmette l ordine di evacuazione gli alunni usciranno con la massima calma possibile, tenendosi per mano in fila, aperta e chiusa dagli alunni designati. Ciascuna classe seguirà il percorso previsto dal piano EMG e si dirigerà all uscita assegnata, rilevabile dalla planimetria generale della scuola, affissa alle porte di ogni aula. L assistente educatrice e/o il docente presente sulla classe si prenderà cura dell alunno disabile e seguirà il percorso che conduce al punto di raccolta. Non bisogna perder tempo e quindi occorre lasciar sul posto gli oggetti ingombranti. L insegnante presente porterà con sé il registro di classe e coordinerà le operazioni di evacuazione, effettuerà l appello non appena raggiunto il punto di raccolta assegnato Comunica al coordinatore il nominativo dei ragazzi che erano presenti nella scuola, ma non si trovano al punto di raccolta. su disposizione del coordinatore dell emergenza e solo se non esistono rischi che compromettano la propria sicurezza, rientrano nell edificio per cercare i ragazzi che non sono presenti al punto di raccolta, controllando nei vari locali (dove non sussistano ancora condizioni di pericolo grave ed immediato), compresi i servizi igienici Gli addetti alla squadra di pronto soccorso soccorrono gli infortunati, senza mettere a repentaglio la propria vita. L addetta alla cucina deve: seguire le disposizioni del coordinatore dell emergenza prima di abbandonare il locale cucina interrompere l erogazione dell energia elettrica metano al segnale di evacuazione si reca al punto di raccolta. Moduli di evacuazione In ogni registro di classe sarà allegato un modulo di evacuazione fornito dalla Direzione. Tale modulo in caso di evacuazione (comprese le simulazioni) va compilato appena raggiunto il punto di raccolta assegnato e immediatamente consegnato all insegnante responsabile del plesso. Di seguito sono allegati alcuni dei moduli di evacuazione utilizzati per i vari settori delle scuole interessate: 11

12 SCHED N.1 ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOL nno scolastico MODULO DI EVCUZIONE LUNNI Classe N. alunni presenti N. alunni evacuati Feriti (segnalazione nominativa) Dispersi (segnalazione nominativa) ltre comunicazioni: La classe si trova presso il luogo di raccolta stabilito? SI NO altrove Ore data FIRM DELL INSEGNNTE: 12

13 SCHED N.1 ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOL nno scolastico.. MODULO DI EVCUZIONE PERSONLE DOCENTE Classe N. personale presente N. personale evacuato Feriti (segnalazione nominativa) Dispersi (segnalazione nominativa) ltre comunicazioni: Il personale docente presente si trova presso il luogo di raccolta stabilito? SI NO altrove Ore data FIRM DELL INSEGNNTE: 13

14 SCHED N.1 ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOL. nno scolastico.. MODULO DI EVCUZIONE COLLBORTORI SCOLSTICI N. personale presente N. personale evacuato Feriti (segnalazione nominativa) Dispersi (segnalazione nominativa) ltre comunicazioni: Il personale presente si trova presso il luogo di raccolta stabilito? SI NO altrove Ore data FIRM DEL RESPONSBILE DI SETTORE: 14

15 SCHED N.1 ISTITUTO COMPRENSIVO ". TIRBOSCHI" SCUOL SECONDRI DI PRIMO GRDO PLDIN - BG - nno scolastico.. MODULO DI EVCUZIONE DIRIGENZ E PERSONLE MMINISTRTIVO N. personale presente N. personale evacuato Feriti (segnalazione nominativa) Dispersi (segnalazione nominativa) ltre comunicazioni: Il personale presente si trova presso il luogo di raccolta stabilito? SI NO altrove Ore data FIRM DEL RESPONSBILE DI SETTORE: 15

16 7. Manutenzione / pulizia locali e impianti PROGRMM DI MNUTENZIONE DITT RECPITO PERIODICITÀ RESPONSBILI INTERNI addetti al controllo ESTINTORI OUT antincendio Via del Commercio,7 Mozzo (Bg) 035/ Ogni 6 mesi Tutti i collaboratori scolastici SCENSORE Ditta MC Servizi ascensori Via Serio 4 Ranica (Bg) 035/ Numero verde Ogni 6 mesi Tutti i collaboratori scolastici CLDI Ditta Birolini G.Toma Via Cristofoli 10 - Bg 035/ Ogni 6 mesi Tutti i collaboratori scolastici IMPINTO ELETTRICO/LLRME Ditta Colman Nembro (Bg) 035/ nnuale Tutti i collaboratori scolastici o Ogni operatore scolastico è tenuto a segnalare le anomalie inerenti la sicurezza compilando la scheda di segnalazione da inoltrare, con sollecitudine, al Dirigente Scolastico. o Per i laboratori attenersi al regolamento relativo ad ogni tipo di attività. I collaboratori scolastici assicurano condizioni di pulizia, di accoglienza, di sicurezza e la costante igiene dei servizi. Inoltre con la collaborazione di tutti gli operatori scolastici e la componente genitori, l Istituto si impegna a sensibilizzare le istituzioni interessate per assicurare le migliori condizioni di sicurezza all interno e all esterno della scuola in particolare nelle strade di accesso e nei momenti di entrata e di uscita degli alunni. 8. Procedure per acquisizione preventivi, acquisti, collaudo e manutenzione attrezzature. Vedi Decreto interministeriale n. 44 del 1 febbraio 2001, rtt. 27, 34, 36, 46, 16

17 9. Gestione delle attività scolastiche in situazioni particolari Situazione: un alunno deve uscire dall aula per recarsi ai servizi o svolgere un compito assegnato. Comportamento: manifestare una certa presenza lasciando aperte le porte dell aula e dopo un certo tempo dar voce di chiamata attivando eventualmente il collaboratore scolastico. Situazione: l insegnante deve assentarsi brevemente dall aula. Comportamento: avvisare un collaboratore scolastico o il collega di una classe vicina. Situazione: un alunno si sente male in modo preoccupante in aula o fuori. Comportamento: affidare a un collega o collaboratore scolastico la classe e svolgere la procedura d emergenza. Situazione: l insegnante si sente male in modo preoccupante. Comportamento: l insegnante che per primo intuisce la situazione prende i necessari provvedimenti per il collega e gli alunni. 10. Organizzazione degli spazi Nelle aule e nei laboratori armadi, scaffali e mensole sono collocati in modo da ridurre il più possibile i rischi. I banchi e gli arredi sono disposti in modo da non ostacolare il passaggio e favorire uno sgombero rapido qualora fosse necessario. Le porte vengono mantenute costantemente libere così da contribuire una rapida uscita on caso di necessità. I banchi degli alunni con difficoltà motorie vengono collocati accanto all uscita, in posizione comoda per lo sgombero. N.B. o Non tirare mai il cavo di un apparecchio elettrico, quando si disinserisce la sua spina dalla presa al muro, ma procedere all operazione direttamente la spina e premendo con l altra la presa al muro o Non utilizzare apparecchi con fili elettrici, anche parzialmente scoperti o spine di fortuna; utilizzare solo prese perfettamente funzionanti. o Le apparecchiature elettriche non devono mai essere utilizzate con le mani bagnate o umide. 17

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato nella scuola Metodo operativo completo di valutazione e gestione

I rischi da stress lavoro-correlato nella scuola Metodo operativo completo di valutazione e gestione I rischi da stress lavoro-correlato nella scuola Metodo operativo completo di valutazione e gestione A. PREMESSA Di seguito viene proposto un metodo completo per la valutazione e la gestione dei rischi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STTLE "SLVTORE TODRO" 96011 UGUST (SR) - Via Gramsci - 0931/993733-0931/511970

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli