Comune di Argenta SETTORE SEGRETERIA e AFFARI GENERALI Provincia di Ferrara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Argenta SETTORE SEGRETERIA e AFFARI GENERALI Provincia di Ferrara"

Transcript

1 Comune di Argenta SETTORE SEGRETERIA e AFFARI GENERALI Provincia di Ferrara COMUNE DI ARGENTA ON LINE PROGETTO STRATEGICO E PIANO OPERATIVO STATO DI ATTUAZIONE A Maggio 2005 LE PREMESSE Già da alcuni anni il tema dell E.Government, ovvero in modo sintetico la digitalizzazione dei rapporti tra Pubblica Amministrazione e Cittadino, è considerato un obiettivo strategico da parte dei Governi centrali e dagli Enti Locali. Questo temo va inquadrato nel più ampio sistema di riforma della Pubblica Amministrazione che ha toccato sia gli aspetti di trasparenza, che quelli di economicità dell azione amministrativa, tenuto anche conto degli interventi normativi di decentramento delle funzioni e competenze a livello locale nell ottica del principio di sussidiarietà verticale. Già nel 2000 era stato emanato un Piano di azione le cui linee di indirizzo sono tuttora valide, cui hanno fatto seguito diversi interventi normativi del l Innovazione Tecnologica dirette alle Amministrazioni Centrali, ma destinate a rappresentare principi ispiratori anche per gli Enti Locali, in una logica di interoperabilità ed integrazione tra le Pubbliche Amministrazioni. Con Delibera della Giunta comunale n. 96 del veniva approvato il Progetto strategico e piano operativo Comune di Argenta on line quale programma di E. Government locale del Comune di Argenta, che aveva come linee guida le seguenti:

2 Rendere visibile il ruolo del Comune di Argenta come nodo proattivo centrale di e-government locale, accelerando il processo di erogazione di informazioni e servizi on line, valorizzando al massimo il know how esistente, le tecnologie disponibili e le esperienze acquisite. Qualificare il processo di comunicazione C2G/G2C ispirandosi al valore essenziale della democrazia e facilitando la vita ai cittadini. Facilitare il sistema di transazioni amministrazione - operatori economici sul territorio tramite il potenziamento del processo G2B/B2G. Sviluppare la cultura telematica a tutti i livelli della popolazione locale tramite azioni formative e l istituzione di Oasi Tecnologiche. Innovare l organizzazione e la sua cultura tramite la diffusione della tecnologia. Nel documento si individuavano le seguenti azioni progettuali da realizzarsi nel corso degli anni 2002 e 2003: 1) Avviare la qualificazione del sito internet del Comune per garantire la dinamicità dello stesso, la sua interattività e la accessibilità. Per realizzare questo obiettivo si è predisposto un apposito progetto operativo condiviso con il Comitato di Direzione che è in corso di realizzazione secondo le modalità indicate nell allegato Documento programmatico. Il progetto si pone i seguenti obiettivi principali: a) Recupero delle situazioni di ritardo negli aggiornamenti del sito; b) Tenuta in linea degli aggiornamenti; c) Sviluppo del sito suddiviso in: Rivisitazione dell aspetto grafico ed estetico del sito, al fine di renderlo più fruibile ed accattivante; Sviluppare le funzioni del sito per garantire l interattività con l utenza e le transazioni on line (utilizzare il sito come front line per i cittadini); Sviluppare l usabilità del sito (facilità di raggiungimento degli scopi della ricerca da parte dell utente) e la sua accessibilità (piena fruibilità di tutti i servizi del sito da parte di tutti gli utenti). 2) Attivare un sistema di protocollazione e di work flow dei documenti informatici come elemento prodromico alla successiva gestione delle transazioni on line tra cittadino e Pubblica Amministrazione. Per realizzare questo obiettivo si è predisposto un apposito progetto operativo condiviso con il Comitato di Direzione che è in corso di realizzazione secondo le modalità indicate nell allegato Documento programmatico. Il progetto si pone i seguenti obiettivi principali: Creare Aree Organizzative Omogenee (AOO), le quali,dotate di un sistema di protocollo informatico (software attualmente disponibile), potranno ricevere da cittadini, imprese o altre Amministrazioni sia

3 documenti in formato elettronico, sia documenti cartacei che saranno smaterializzati tramite scanner. I documenti registrati dal sistema di protocollo informatico saranno poi distribuiti per via telematica agli uffici competenti all interno della struttura organizzativa facente parte dell Area Organizzativa Omogenea; L analisi e la digitalizzazione dei flussi di documentazione interna strutturata; Gestione dei flussi documentali mediante sistemi telematici e l uso della Firma Digitale; Decentrare l attività di protocollazione ed archiviazione dei documenti in arrivo e partenza, per ridurre i tempi di ricerca e consultazione dei documenti. 3) Realizzare una sperimentazione della firma digitale per consentire l avvio della transazioni on line tra Comune e cittadini, con particolare riguardo ai servizi rivolti in una prima fase alle imprese; Per realizzare questo obiettivo si è predisposto un apposito progetto operativo approvato con delibera della Giunta comunale n. 166 del che è in corso di realizzazione secondo le modalità indicate nell allegato Documento programmatico. Il progetto si pone i seguenti obiettivi principali: L obiettivo del progetto è quello di dare attuazione concreta alle linee guida del Piano di E. Government locale attraverso la sperimentazione dell utilizzo della firma digitale come strumento di diffusione della cultura e della formazione per il personale del Comune ed, all esterno, come fase di sviluppo del processo di gestione dei flussi documentali mediante la trasmissione telematica. In particolare per quanto attiene questo secondo elemento l obiettivo si concretizzerà nella sperimentazione in alcuni ambiti operativi del Comune, della possibilità di effettuare transazioni complete con il cittadino attraverso la firma digitale ed il supporto dei modelli interattivi che saranno inseriti nel sito internet del Comune che è attualmente fatto oggetto del suddetto progetto di qualificazione e sviluppo. 4) Creare una Rete Intranet comunale al fine di potenziare l uso della posta elettronica; a tale fine ogni comunicazione interna sarà inviata ai destinatari in formato digitale, utilizzando i sistemi in essere presso l Amministrazione.Per avviare concretamente tali procedure, sarà predisposto entro il mese di Ottobre del corrente anno un progetto esecutivo per la realizzazione ed attivazione di una rete intranet che consentirà, dopo una prima fase di sperimentazione, l attivazione della stessa entro il mese di Aprile dell anno Il progetto esecutivo andrà predisposto nel corso dell anno 2002 tenendo conto dei seguenti elementi guida già condivisi in seno al Comitato di Direzione: a) Predisposizione da parte di un Gruppo di Lavoro composto dai dipendenti già inseriti nel Gruppo che stà sperimentando la Firma digitale, oltre ai componenti del Comitato di Direzione, di un vademecum operativo nel quale saranno contenuti i seguenti elementi organizzativi: le modalità omogenee di comunicazione digitale tra gli uffici attraverso l utilizzo della posta elettronica;

4 i format condivisi e standardizzati per i documenti che devono essere scambiati tra gli uffici attraverso la posta elettronica; i livelli di sicurezza che devono essere attribuiti ai documenti scambiati tra gli uffici del Comune al fine di dare efficacia giuridica e certezza sulla provenienza degli stessi, definendo quali tipologie di atti siano trasmissibili mediante semplici comunicazioni con posta elettronica (ad es. convocazioni di riunioni, richieste di informazioni ecc.), quali necessitino di semplice autenticazione della firma (ad esempio richieste e rilascio di pareri facoltativi, report sullo stato di avanzamento del PEG ecc.) e quali abbiano necessità di essere accompagnati dalla firma digitale (ad es. richieste e rilascio di pareri obbligatori per legge o regolamento, provvedimenti conclusivi di endoprocedimenti di Sportello Unico ecc.); b) L avvio, entro il mese di ottobre del 2002, di una fase di sperimentazione della rete intranet limitatamente alle comunicazioni interne tra gli uffici che non richiedono l utilizzo di sistemi di autenticazione o di firma digitale attraverso la rete a disposizione (Outlook express); c) L individuazione di un software applicativo di livello superiore ed evoluto rispetto ad outlook express per la successiva attivazione della rete intranet nel corso dell anno d) Lo sviluppo di interventi atti a consentire la massima diffusione dell acquisto di beni e servizi per via elettronica. 5) Progettare ed istituire le Oasi Tecnologiche, come punti di accesso ed informazione per i cittadini ai servizi offerti dall Amministrazione comunale attraverso le nuove tecnologie digitali. L innovazione della pubblica amministrazione deve assolutamente portare a migliorare il livello di servizio ai cittadini ed alle imprese, attraverso l attivazione di punti unici di contatto con le Amministrazioni, l abilitazione di strumenti di identificazione del cittadino e la realizzazione di interventi organizzativi che supportino tali interventi e garantiscano la trasparenza dell azione amministrativa. In questo ambito appare necessario integrare la crescita delle competenze informatiche e tecnologiche dei dipendenti del Comune con azioni concrete che consentano contestualmente lo sviluppo della Società dell Informazione nel Paese. Questo obiettivo può essere raggiunto solo accompagnando le iniziative che verranno assunte a livello Governativo ( iniziativa larga banda, sviluppo di servizi digitali su larga banda, e-commerce) con interventi mirati da adottarsi a livello locale, che il Comune di Argenta intende perseguire mediante la creazione di punti di accesso locale decentrati sul territorio comunale, ove i cittadini possano essere informati sui servizi offerti e sostenuti da interventi di alfabetizzazione alla quarta conoscenza. Per attenere questo risultato nel corso del corrente anno 2002 sarà predisposto dal Settore Segreteria Affari Generali con la collaborazione del Settore Cultura Istruzione Tempo libero un progetto che dovrà seguire i seguenti indirizzi guida:

5 a) Individuare la collocazione delle Oasi tecnologiche presso le sedi degli URP decentrati sul territorio comunale, al fine di sfruttare le strumentazioni tecnologiche in essere,la presenza del personale comunale, la consuetudine dei cittadini nel rivolgersi all Ufficio URP decentrato, la presenza delle strutture in ambiti territoriali collocati sul territorio in modo capillare, soprattutto per le frazioni più distanti dal Capoluogo. b) Strutturare dal punto di vista logistico le Oasi tecnologiche in modo da realizzare degli spazi informativi e di fruizione dei servizi on line forniti dal Comune, anche mediante la utilizzazione diretta del sito internet e della posta elettronica. c) Realizzare nelle Oasi tecnologiche momenti di diffusione della conoscenza di base necessaria alla fruizione dei servizi on line erogati dal Comune, con il supporto del personale comunale presente in loco, ovvero con la partecipazione di altro personale comunale esperto in materia. d) Per introdurre rapidamente i nuovi utenti alla cultura di Internet, sarà predisposta una Guida all utilizzo, da divulgarsi mediante momenti di partecipazione organizzati dal Comune in accordo con i Consigli di partecipazione ed altri strumenti di diffusione che presenterà una serie di comportamenti di base che organizzazioni ed individui possono seguire ed adattare ai propri usi. 6) Sperimentazione di un progetto di telelavoro, definendo in attuazione del Piano Esecutivo di Gestione, un progetto che consenta, a regime, di coniugare le seguenti esigenze: ridurre gli spostamenti fisici di lavoratori ed utenti e quindi dei traffico e dell'inquinamento urbano; migliorare la qualità (arricchendone anche le tipologie) dei servizi offerti a cittadini, imprese ed utenti interni, tendendo ad orientare i processi produttivi verso nuovi modi organizzativi e criteri aziendali che accorcino i tempi di risposta, anche ricorrendo ad un potenziamento della strumentazione telematica; ampliare l'integrazione lavorativa e l'accesso ai servizi, di soggetti svantaggiati; impiegare in modo più semplice forme di lavoro alternativo e flessibile (part-time, lavoro interinale, ecc.); migliorare la qualità della vita dei dipendenti comunali, incrementandone la produttività, riducendone l'assenteismo, consentendo pari opportunità di lavoro tra soggetti diversi e maggior possibilità di presidio famigliare. Così come previsto dalle Linee Guida predisposte dal Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie con riferimento agli uffici dello Stato anche nel nostro Comune la scelta di effettuare ipotesi di Telelavoro rappresenta un'opportunità di cambiamento per la cultura e l'organizzazione produttiva, che consentirà di introdurre, nel tempo, maggiore flessibilità nell'organizzazione del lavoro ed avrà ricadute positive sotto gli aspetti dei trasporti dell'ambiente, delle politiche sociali, dell'occupazione, dello sviluppo del personale e della struttura informatica comunale.

6 Nel corso dell anno 2002 il Servizio Personale Associato predisporrà un progetto che dovrà porsi i seguenti obiettivi generali: a) individuare un modello tecnologico-organizzativo di telelavoro economico e sostenibile, in grado di migliorare la qualità dei servizi offerti agli utenti interni, ai cittadini e alle imprese; b) semplificare e rendere più flessibili i processi lavorativi interni al Comune, anticipando le modifiche di tipo organizzativo e produttivo necessarie; c) migliorare la qualità della vita dei dipendenti dell'amministrazione Comunale, con particolare attenzione alle fasce deboli incrementandone la produttività e le possibilità di sviluppo professionale. 7) L Ufficio Digitale: Durante lo sviluppo dell automazione dei flussi documentali e per verificarne l efficacia, il Comitato di Direzione studierà, la possibilità di introdurre in via sperimentale l Ufficio digitale, intendendo come tale un unità in cui il Comune, dopo avere selezionato i servizi di particolare importanza e visibilità per il cittadino, potranno processarli elettronicamente tramite sistemi di gestione di flussi documentali in coerenza con i progetti di Sperimentazione del Protocollo Informatico e della Firma digitale. In tali Uffici digitali saranno il più possibile concentrate le competenze e responsabilità per completare l iter di erogazione dei servizi stessi in modo elettronico, dando ampia trasparenza e visibilità nonché consentendo una drastica riduzione dei tempi amministrativi. Tali Uffici vanno intesi come moduli di raccordo tra gli uffici competenti e non come strutture aggiuntive rispetto all ordinamento organizzativo vigente. Ad esempio, la sperimentazione potrà partire dalle degli Uffici relazioni con il pubblico e dagli Sportelli unici per le attività produttive, per renderli completamente operanti secondo modalità elettroniche. Quanto sopra richiederà un azione di semplificazione che renda possibile tale trasparenza, nonché azioni organizzative interne per attuare tali iniziative. In tale contesto il cittadino potrà inviare la propria istanza identificandosi mediante strumenti di identificazione elettronica quali la firma elettronica o in futuro la Carta di Identità Elettronica. Nel frattempo si sono definiti ulteriori progetti di sviluppo dell E.Government locale che vanno ad integrare il citato programma e che di seguito si indicano: 8) Progetto Open source del Comune di Argenta: Con delibera della Giunta comunale n. 177/2002 si è disposto di avviare un progetto di adeguamento interno ai principi ed alle tecnologie Open Source e di diffusione delle stesse secondo i seguenti principi:

7 Che in tale progetto si renda prioritario per gli uffici del Comune e di stimolo per gli altri enti pubblici l utilizzo di pacchetti software per ufficio tenendo conto di: esigenze di sicurezza e quindi esclusivo impiego di software libero o almeno open source per i computers destinati ad utilizzare e immagazzinare dati riservati, protetti dalla legge sulla privacy o comunque di valore per l amministrazione e/o per i cittadini; di valutare anche la componente costo del prodotto/ assistenza fornita allorché siano state riscontrate in offerta concorrenziale caratteristiche comparabili di facilità d'uso e rispondenza dei singoli prodotti alle esigenze degli enti stessi (specie laddove queste si identifichino, come normalmente accade, nella semplice produzione di documenti, scampio di posta o in altre elementari funzioni) nonché a verificare se analoghe caratteristiche sono assicurate da prodotti che possono essere acquisiti gratuitamente; a promuovere l'impiego di formati di dati standard, aperti e documentati, in quanto di estrema importanza e flessibilità per mantenere la piena compatibilità con futuri cambiamenti tecnici e avendo questo notevole impatto nel caso di realizzazione di programmi ad hoc per la PA senza nessuna conseguenza sulla facilità d'uso; ad inserire nel programma dei corsi di riqualificazione informatica per i dipendenti comunali anche l'impiego del sistema operativo Linux e di altri prodotti di free software (e quindi open source) ad indirizzare i dipendenti, dopo adeguata formazione e sperimentazione, all'impiego esclusivo nella spedizione di documenti di formati di salvataggio/interscambio leggibili da qualsiasi altro programma di scrittura, anche nell ambito del sito internet e del sito intranet comunali; a richiedere agli Enti territoriali ed in particolare alla Porvicnia di Ferrara un sostegno per le iniziative assunte con il presente atto, soprattutto in chiave formativa; ad attivarsi per mettere in atto politiche per diffondere maggiormente il software libero e open source nelle scuole e presso tutti i cittadini a ricercare forme di parternariato con l Università di Ferrara per la sperimentazione e la ricerca nel campo dell Open source; ad integrare i suddetti indirizzi con il Programma di E Government locale Comune di Argenta On Line ; 9) Progetto denominato La qualificazione e lo sviluppo del Policy Making attraverso strumenti di Democrazia Elettronica : Con delibera della Giunta comunale n. 33 del si è approvato il Piano Integrato di Cambiamento, premiato dal Dipartimento della Funzione Pubblica durante il Forum PA di Roma, suddiviso in tre progetti integrati aventi come obiettivi generali i seguenti:

8 1) Predisporre strumenti di ascolto e di comunicazione bilaterale con i cittadini, utilizzando metodi quali ad esempio: - Forum interattivi sul sito internet del Comune; - Possibilità di acquisire istanze, petizioni e proposte attraverso la comunicazione unidirezionale dai cittadini all amministrazione utilizzando il sito internet; - Creare liste di discussione (mailing list) che consentono ai partecipanti di scambiare messaggi e mail con l intervento di un moderatore; 2) Attivare strumenti di consultazione nelle fasi di progettazione e di decisione delle scelte politiche (definire le aspettative, i bisogni espressi ed inespressi) anche attraverso indagini Delphy presso un panel qualificato di opinion leader e di portatori di interessi specifici; 3) Rendere concreta la valutazione dei risultati dell attività realizzata ed attenzione agli impatti (analisi di customer satisfaction) Nel 2004, oltre a proseguire nella realizzazione dei citati progetti abbiamo inserito nel Piano Esecutivo di Gestione lo sviluppo di alcuni ulteriori progetti in materia di E. Government: 1) Progettazione e realizzazione dello sviluppo della Intranet per il passaggio dalla versione Istituzionale alla versione definita di content management e di knowledge management: L obiettivo principale del nuovo progetto è quello di sviluppare una seconda fase della intranet comunale che consenta al personale del Comune, agli amministratori, ai dirigenti di gestire tutte le comunicazioni interne nell ambito della intranet, favorendo la gestione dei processi trasversali in modo automatizzato e di condividere le conoscenze in una logica non verticistica, ma di massima partecipazione. Il progetto dovrà fornire i seguenti output coerenti con l obiettivo definito al punto 1) precedente: 1) Definizione di un modello organizzativo per l intranet di gestione dei contenuti, sulla base del documento allegato A) al presente atto. (entro il ) 2) Definizione del progetto per la gestione dei contenuti ed i flussi di comunicazione interna sulla base della proposta tecnica predisposta dalla soc. Yacme allegata B) al presente documento.(entro il ) 3) Installazione e nuova configurazione dell intranet per la gestione della parte dinamica del sito anche in remoto sulla base delle applicazioni in ambiente open source predisposte da Yacme. (entro il ). 4) Installazione dell Intranet sul nuovo server potenziato per la gestione in remoto delle pagine del sito. (entro il ) 5) Implementazione del nuovo intranet con l inserimento di tutta l attuale parte statica Intranet istituzionale.

9 6) Creazione dei gruppi di lavoro al fine di pervenire alla costituzione di utenti abilitati alla creazione di spazi virtuali destinati ai flussi comunicativi interni automatizzati ed alla pubblicazione di pagine intranet dedicate ai singoli gruppi (entro il ) 7) Realizzazione formazione destinata alla predisposizione delle News generali e Rassegna Stampa da parte della Redazione di Intranet e realizzazione fase di sperimentazione (entro il ) 8) Predisposizione linee guida operative per la gestione in remoto delle News e della Agenda per i Settori e dei siti intranet per le comunicazioni di Settore (entro il ), formazione e attivazione sperimentale. 9) Progettazione e predisposizione della parte dinamica del sito destinato alla gestione dei flussi comunicativi e dei processi (entro il ). 2) Realizzazione 2^ fase di attuazione del protocollo informatico: La seconda fase del protocollo informatico prevede i seguenti obiettivi: - Sperimentazione ed attuazione della trasmissione dei documenti in formato elettronico presso tutti i Settori. - Fascicolazione dei documenti a norma AIPA (dal al ): la fascicolazione a norma AIPA rappresenta già un primo embrione di gestione documentale, perché permette ai vari utenti interni di creare appositi fascicoli ove collocare i documenti in arrivo ed in partenza secondo regole tecniche ed archivistiche valide e certe. L attività di fascicolazione deve essere previamente analizzata su due aspetti che saranno fatti oggetto di apposita riunione: - Chi andrà abilitato alla fascicolazione: ovvero individuare il personale che sarà abilitato a creare il fascicolo essendone il responsabile. - Formare i responsabili in modo accurato. - Realizzare una sperimentazione: effettuare una sperimentazione come già fatto per il punto 1 iniziando dallo Sportello Unico per le Imprese e dal Servizio Personale e da eventuali altri servizi appartenenti a differenti Settori. 3) Progetto di gestione dei servizi mediante Carta Nazionale dei Servizi: Il Progetto del Sistema dei servizi al cittadino basato sull utilizzo della CNS prevede l erogazione di alcuni servizi, ritenuti prioritari, attraverso l uso di questo strumento. La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) ha la funzione della sola identificazione in rete del cittadino: non essendo un documento di riconoscimento permette di utilizzare forme più flessibili di produzione ed erogazione, consentendo un coinvolgimento di altre Pubbliche Amministrazioni e degli operatori di mercato.

10 La CNS è uno strumento fondamentale per l identificazione del cittadino nei rapporti con l Amministrazione per l erogazione in rete dei servizi della P.A. in una logica di E. Government; è funzionale ai pagamenti on line tra cittadino e Pubblica Amministrazione e consente l invio delle istanze da parte del cittadino alla P.A. in formato elettronico per via telematica. 4) Progetto di realizzazione del sito internet accessibile ed usabile del Comune di Argenta: Il progetto prevede un intervento di completa rivisitazione per adeguare il sito ai principi di accessibilità e usabilità, in particolare tenendo conto delle problematiche legate al mondo dei disabili ed al loro diritto di accesso alle grandi potenzialità offerte dalle tecnologie dell informazione. Il nostro intervento si conforma quindi alle indicazioni provenienti dalla Comunità Europea che ha proclamato il 2003 anno europeo del disabile. Per adeguare correttamente il nostro sito alle esigenze citate occorre fare riferimento in primis alle linee guida per l accessibilità dei contenuti Web, elaborati dal W3c Consorzio Word Wide Web che rappresenta la norma applicata di fatto per la realizzazione di siti Web accessibili. Gli obiettivi del progetto sono i seguenti: A) Rendere accessibile il sito anche all utenza che si trova in condizioni di disagio fisico. B) Rendere usabile il sito anche da parte di soggetti che operano in condizioni di ritardo tecnologico o che operano con sistemi operativi open source. C) Rendere usabile il sito anche da utenti che non utilizzano abitualmente le tecnologie informatiche al fine di ridurre il digital divide. D) Ottenere le certificazioni: WAI : per la versione del sito accessibile solo testo. W3c: per la versione del sito in versione grafica. Bollino blu: stabilito dall articolo 10 del disegno di legge.

11 E) Predisporre ed attivare gli strumenti di democrazia elettronica previsti nell'ambito del Piano Integrato di Cambiamento (istanze, petizioni, proposte, mailin list, forum interattivi. A distanza di un circa 3 anni dalla prima delibera di approvazione del Progetto strategico e piano operativo Comune di Argenta on line si reputa necessario delineare lo stato di attuazione del programma e gli obiettivi raggiunti, al fine di evidenziare la bontà dei risultati e le ulteriori azioni da intraprendere. GLI OBIETTIVI RAGGIUNTI ED I RISULTATI: Delineeremo gli obiettivi raggiunti ed i risultati tenendo conto dell ordine dei progetti elencati in precedenza: Ciascuno dei progetti di cui abbiamo descritto i contenuti di massima sono stati poi definiti in uno o più documenti di pianificazione in una logica di proyect management, al fine di verificarne lo stato di attuazione e monitorarne le fasi evolutive in considerazione degli step di avanzamento. 1) Progetto qualificazione sito internet: Sono stati approvati due documenti progettuali: - Con delibera della giunta comunale n. 117 del si è approvato il documento di indirizzi per l utilizzo del sito internet del Comune e il nuovo assetto. - Con determina n. 802 del si è approvato il progetto di adeguamento del sito internet alle norme del W3C in materia di usabilità ed accessibilità del sito. 2) Progetto protocollo informatico a norme AIPA: E stato approvato il progetto per l adeguamento del Protocollo alle norma AIPA ed integrazione con la firma digitale e la Fascicolazione. 3) Progetto sperimentazione firma digitale:

12 Con delibera della Giunta Comunale n. 166 del è stato approvato un documento progettuale per la sperimentazione della firma digitale all interno dell Ente poi confluito in due diversi progetti: quello della realizzazione dell intranet comunale e quello della attivazione sperimentale dello Sportello Unico Digitale. 4) Progetto per la realizzazione di una Intranet del Comune di Argenta: Con delibera della giunta comunale n. 196 del è stato approvato il progetto ed il documento di programmazione del sito intranet ed il prototipo del sito medesimo. 5) Progetto per l istituzione delle Oasi Tecnologiche: Con delibera della giunta comunale n. 12 del è stato approvato il progetto per la istituzione e realizzazione delle Oasi Tecnologiche presso gli URP decentrati del territorio comunale. 6) Progetto per la sperimentazione del telelavoro: Con determina n. 881 del , è stato approvato il progetto per l avvio della sperimentazione del telelavoro nel Comune di Argenta, da cui è scaturito un accordo integrativo aziendale con le Organizzazioni sindacali, che rappresenta il primo esempio nella Provincia di Ferrara. 7) Progetto per l istituzione dell Ufficio Digitale nell ambito dello Sportello Unico per le Attività produttive: Con determina n. 746 del è stato approvato il progetto per la sperimentazione dello Sportello Unico digitale e definizione progetto SPIDI. 8) Progetto OPEN SOURCE DEL COMUNE DI ARGENTA: Con delibera della Giunta comunale n. 177 del sono state approvate le linee di indirizzo per la realizzazione di un progetto di adeguamento all Open Source da parte del Comune di Argenta poi definito con apposito progetto in data

13 9) Progetto denominato La qualificazione e lo sviluppo del Policy Making attraverso strumenti di Democrazia Elettronica: Con delibera della Giunta comunale n. 33 del è stato approvato il progetto per la realizzazione di strumenti di democrazia elettronica nell ambito dell E. Government comunale. Ulteriori Progetti inseriti nel Piano di E. Government nell anno 2004: 1) Progettazione e realizzazione dello sviluppo della Intranet per il passaggio dalla versione Istituzionale alla versione definita di content management e di knowledge management: Con determina n. 307 del abbiamo approvato il Progetto di sviluppo Intranet e il modello organizzativo e le linee guida di Intranet. 2) Realizzazione 2^ fase di attuazione del protocollo informatico: Dal mese di Giugno 2004 è stato completamente attivato il livello gestionale che consente la trasmissione della posta agli uffici in formato esclusivamente elettronico ed è in corso la fase di sperimentazione del modulo di fascicolazione. 3) Progetto di gestione dei servizi mediante Carta Nazionale dei Servizi: Con delibera della Giunta comunale n. 174 del è stato approvato il progetto per la realizzazione del Progetto del sistema di gestione dei servizi basato sull utilizzo della C.N.S. 4) Progetto di realizzazione del sito internet accessibile ed usabile del Comune di Argenta: Con Determina n. 802 del è stato approvato il progetto per la realizzazione del nuovo sito adeguato alle norme di accessibilità ed usabilità; il nuovo portale del Comune è stato inaugurato nel corso della Fiera di Argenta del 2004.

14 Nella tabella seguente vengono indicati schematicamente gli obiettivi ed i tempi di attuazione con la specifica dei risultati ottenuti per ciascun progetto: PROGETTI OBIETTIVI PREVISTI INDICATORI STATO DI ATTUAZIONE COERENZA CON DIRETTIVE DI E. GOV. NAZIONALE Qualificazione del sito internet del Comune per garantire la dinamicità dello stesso, la sua interattività e la accessibilità 1) Rivisitazione dell aspetto grafico ed estetico del sito, al fine di renderlo più fruibile ed accattivante; 2) Sviluppare le funzioni del sito per garantire l interattività con l utenza e le transazioni on line (utilizzare il sito come front line per i cittadini); 3) Sviluppare l usabilità del sito (facilità di raggiungimento degli scopi della ricerca da parte dell utente) e la sua accessibilità (piena fruibilità di tutti i servizi del sito da parte di tutti gli utenti). 1) Dicembre ) Dicembre ) Marzo ) Pienamente attuato 3) In fase di attuazione: si è proceduto alla utilizzazione dei sistemi di ricerca basati sul concetto di Eventi della Vita. 3.1 della direttiva del e punto 2/1 della direttiva COERENZA CON DIRETTIVE DI E. GOV. EUROPEE Coerente con il punto delle Linee Guida E. Europe 2005: una società Attivare un sistema di protocollazione e di work flow dei documenti informatici Realizzare una sperimentazione della firma digitale per consentire 1) Realizzare ed adottare il protocollo informatico per la registrazione dei dati e documenti 2) Formazione e conservazione dei documenti informatici 3) Collegamento di tutte le postazioni di lavoro al software del protocollo 4) Protocollazione e gestione dei documenti con firma digitale 5) Realizzazione della gestione informatica del sistema documentale e dei flussi documentali 1) Acquisizione firma digitale per sperimentazione 1) Dicembre ) Dicembre ) Settembre 2003 (120 postazioni) 4) Giugno ) Settembre ) Dicembre ) Gennaio ) Pienamente attuato 3) Pienamente attuato 4) Pianamente attuato 5) Pienamente attuato 2) Pienamente attuato 3.1 della direttiva del e punto 2/1 della direttiva 3.1 della direttiva del

15 l avvio della transazioni on line tra Comune e cittadini Creare una Rete Intranet comunale 2) Formazione del Gruppo di sperimentazione 3) Sperimentazione per utilizzazione della firma digitale sulle comunicazioni interne (almeno un processo completamente digitalizzato) 4) Definizione ed individuazione dei documenti che necessitano della firma digitale nell ambito dei processi interni 1) Predisposizione prototipo 2) Realizzazione prototipo come intranet istituzionale 3) Collegamento in rete 4) Sperimentazione del sito parte del personale (gruppo dei referenti) 5) Collegamento di tutto il personale al sito 3) Febbraio ) Dicembre ) Entro Ottobre ) Entro Novembre ) Entro Marzo ) Entro Giugno ) Entro Settembre 2003 (120 postazioni) 3) Pienamente attuato 4) Pienamente attuato 2) Pienamente attuato 3) Pienamente attuato 4) Pienamente attuato 5) Pienamente attuato e punto 2/3 della direttiva 3.3 della direttiva del e punti 2/5,7,8 della direttiva del Progettare ed istituire le Oasi Tecnologiche 1) Realizzazione progetto 2) Individuare la collocazione delle Oasi Tecnologiche sul territorio 3) Attivare la sperimentazione di una Oasi tecnologica 4) Attivare altre Oasi Tecnologiche dopo la fase di sperimentazione 1) Entro Febbraio ) Almeno 4 collocazioni 3) Garantire i seguenti servizi: - supporto operativo da parte degli operatori dell URP all utilizzo di internet - tutorship nella fruizione dei servizi on line da parte dei cittadini non in grado di fruirne autonomamente, anche a domicilio; - realizzazione corsi di formazione per l utilizzo di internet, della posta elettronica e dei servizi on line offerti dalle Pubbliche Amministrazioni; - le informazioni sui progetti e le evoluzioni dell E.Government nazionale e locale; 4) Almeno 4 entro Aprile ) Almeno altre 2 Oasi 2) Pienamente attuato 3) Pienamente attuato 4) Pienamente attuato 5) In corso di realizzazione il progetto e lo studio di fattibilità 3.5 della direttiva del e punti 2/9 della direttiva

16 Sperimentazione di un progetto di telelavoro Progettare e sperimentare l Ufficio Digitale 1) Presentazione progetto alla Giunta e validazione dei profili professionali per la sperimentazione 2) Definizione soluzioni tecniche e ipotesi di spesa 3) Approvazione progetto 4) Approvazione accordo decentrato sul telelavoro 5) Avvio sperimentazione 1) Realizzazione di un procedimento di Sportello Unico completamente digitalizzato ; 2) Riorganizzazione dei processi di Sportello Unico in una logica di BPR ; 3) Inserimento di almeno due ulteriori procedimenti da processare completamente in formato elettronico ; 4) Attivare con il Settore Urbanistica la gestione completamente digitalizzata del processo relativo alla Denunce di inizio attività; 5) Realizzazione convenzione con i professionisti e con le Associazioni di categoria per la sperimentazione dei procedimenti; 6) Predisposizione del progetto SPIDi e coinvolgimento degli imprenditori (entro il ); 7) Attivare lo Sportello Unico virtuale attraverso l utilizzo del modulo questionario del software Only One Open source del Comune di Argenta 1) Trasformazione dei modelli presenti su internet in formato aperto 2) Progettazione e realizzazione progetto di formazione per il personale dipendente; 3) Sperimentazione e definitiva transizione agli applicativi Open Source entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Almeno 2 dipendenti coinvolti nella sperimentazione 1) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il Entro il Entro il Entro il Entro il Entro il ) Pienamente attuato 3) Pienamente attuato 4) Pienamente attuato 5) Pienamente attuato 2) Pienamente realizzato 3) Pienamente attuato 4) Pienamente attuato 5) La convenzione è stata sottoscritta il ) Pienamente attuato 7) Pienamente attuato. 1) Pienamente attuata 2)Pienamente attuata 3) In corso di realizzazione; 4) Pienamente attuata 5) Pienamente attuata 3.3 e 3.4 della direttiva del e punti 2/5,7 della direttiva 3.1 della direttiva del e punti 2/1,3,9 della direttiva del e 3.4 della direttiva del e punti 2/7,8 della direttiva Coerente con la Direttiva del Ministero relativa all Open Source nella

17 4) Utilizzare la piattaforma Linux per la gestione del sito intranet del Comune Pubblica Amministrazione 5) Realizzare una campagna promozionale per la diffusione della filosofia e del mondo Open Source presso le pubbliche Amministrazioni e la collettività La qualificazione e lo sviluppo del Policy Making attraverso strumenti di Democrazia Elettronica : 1) Definizione IDEA STRATEGICA 2) Avvio progettazione 1) Entro il 31-gen-03 2) Entro il 15-feb-03 3) Entro il 30-apr-03 4) Entro il 31/12/2003 5) Entro il 31/12/2003 6) Entro il 30/06/2003 7) Almeno 1 entro il 31/12/2003 8) Entro 30 giorni 2) Pienamente attuato 3) Pienamente attuato 4) Pienamente attuato 5) In corso di realizzazione 6) Pienamente attuato 7) Da realizzare 8) Da realizzare 3.1 della direttiva del e punti 2/10 della direttiva 5 delle note ministeriali di riferimento per lo sviluppo della 2^ Fase di sviluppo dell E. Governement 3) Termine predisposizione PIC 4) attivare un forum interattivo ed una mailing list

18 7) presentare report alla Giunta Comunale sui dati acquisiti attraverso la comunicazione unidirezionale da parte dei cittadini (petizioni, proposte, segnalazioni, istanze) ovvero attraverso la consultazione (forum, mailing list) 8) garantire un ritorno informativo per i cittadini che abbiano presentato loro comunicazioni dalla data della comunicazione o dalla chiusura dei forum interattivi o mailing list Progettazione e realizzazione dello sviluppo della Intranet per il passaggio dalla versione Istituzionale alla versione definita di content management e di knowledge management 1) Definizione di un modello organizzativo per l intranet di gestione dei contenuti, sulla base del documento allegato A) al presente atto. 2) Definizione del progetto per la gestione dei contenuti ed i flussi di comunicazione interna sulla base della proposta tecnica predisposta dalla soc. Yacme allegata B) al presente documento 3) Installazione e nuova configurazione dell intranet per la gestione della parte dinamica del sito anche in remoto sulla base delle applicazioni in ambiente open source predisposte da Yacme. 4) Installazione dell Intranet sul nuovo server potenziato per la gestione in remoto delle pagine del sito. 5) Implementazione del nuovo intranet con l inserimento di tutta l attuale parte statica Intranet istituzionale. 6) Creazione dei gruppi di lavoro al fine di pervenire alla costituzione di utenti abilitati alla creazione di spazi virtuali destinati ai flussi comunicativi interni automatizzati ed alla pubblicazione di pagine intranet 1) entro il ) entro il ) entro il ) entro il ) entro il ) entro il ) entro il ) entro il ) entro il Pienamente attuato Pienamente attuato Pienamente attuato Pienamente attuato Pienamente attuato Pienamente attuato Pienamente attuato Pienamente attuato In corso di realizzazione 3.3 della direttiva del e punti 2/5,7,8 della direttiva del

19 dedicate ai singoli gruppi 7) Realizzazione formazione destinata alla predisposizione delle News generali e Rassegna Stampa da parte della Redazione di Intranet e realizzazione fase di sperimentazione 8) Predisposizione linee guida operative per la gestione in remoto delle News e della Agenda per i Settori e dei siti intranet per le comunicazioni di Settore formazione e attivazione sperimentale. 9) Progettazione e predisposizione della parte dinamica del sito destinato alla gestione dei flussi comunicativi e dei processi Realizzazione 2^ fase di attuazione del protocollo informatico Progetto di gestione dei servizi mediante Carta Nazionale dei Servizi Progetto di realizzazione del sito internet accessibile ed usabile del Comune di Argenta 1) Avvio sperimentazione invio agli Uffici esclusivamente in formato elettronico della posta 2) Attivazione definitiva trasmissione documenti in formato elettronico in tutti gli uffici 3) Avvio sperimentazione fascicolazione documenti da parte dei dipendenti 4) Completamento utilizzo modulo fascicolazione in tutto l ente 1) Predisposizione progetto di fattibilità 2) Definizione accordi con partner (CCIAA, Infocamere, Comuni Sperimentatori) 3) Attivazione primi servizi 1) Studio ed analisi delle regole tecniche stabilite dal W3c e WAI : 2) Formazione specifica sull utilizzo di programmi idonei alla realizzazione, manutenzione 1) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Entro il ) Pienamente attuato 3) Pienamente attuato 4) In corso di realizzazione 2) Pienamente attuato 3) In corso di realizzazione 2) Pienamente attuato 3) Pienamente attuato 4) Pienamente attuato 3.1 della direttiva del e punto 2/1 della direttiva 3.3 e 3.4 della direttiva del e punti 2/5,7 della direttiva Coerente con il D.P.R n della direttiva del e punto 2/1 della direttiva Coerente con il punto delle Linee Guida E. Europe 2005: una società

20 ed aggiornamento del sito con riferimento alle esigenze di funzionalità indicate 3) Analisi e progettazione parte grafica del sito nelle due versioni normale e solo testo Coerente con la legge n. 4 e il D.P.R ) Realizzazione nuovo sito internet suddiviso nelle due suddette versioni disponibili per l utenza. Il Comune stà sviluppando altri progetti che coinvolgono il tema dell E. Government, di cui diamo solo una sintetica indicazione, o perché non attivati concretamente, o perché non inclusi nell ambito del Programma Comune di Argenta On Line: 1) Progetto di estensione della rete PROFETA provinciale per tutti gli Enti esterni ai procedimenti di Sportello Unico; 2) Progetto di collegamento dei medici di base all Intranet dell Azienda USL e alla rete CUP di prenotazione sanitaria; 3) Progetto per la sperimentazione della Carta di identità elettronica; 4) Progetto di realizzazione del mandato elettronico; 5) Progetto per lo sviluppo dell E.Procurment attraverso il Market Place; 6) Progetto panta rei per la gestione dei documenti mediante il workflow documentale; 7) Progetto per la convocazione on line dei Consigli Comunali mediante posta elettronica e firma digitale; 8) Progetto di E. Democracy del Comune di Argenta. LA FORMAZIONE DEL PERSONALE Il Comitato di Direzione ha concordato, nell ambito di un più ampio progetto di change management e formazione, di avviare concrete iniziative per il completamento e lo sviluppo della formazione informatica di tutti i dipendenti del Comune e dell utilizzo di Internet e della posta elettronica.

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

COMUNE DI ARGENTA. La scelta dell open source come strumento dell e government locale.

COMUNE DI ARGENTA. La scelta dell open source come strumento dell e government locale. COMUNE DI ARGENTA Ferrara 29 Novembre 2003 La scelta dell open source come strumento dell e government locale. Un percorso applicativo di responsabilizzazione e sviluppo delle risorse umane Comune in Provincia

Dettagli

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006 Premio alle migliori azioni per rendere accessibili le amministrazioni e i servizi ai disabili e alle fasce deboli una iniziativa promossa da Commissione Interministeriale Permanente per l'impiego delle

Dettagli

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE VISTO l articolo 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Progetto dematerializzazione

Progetto dematerializzazione Progetto dematerializzazione -1- Contesto di riferimento Il progetto dematerializzazione si inserisce nelle linee di programmazione dell Area Amministrativa e Tecnica tra i progetti trasversali che nel

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione.

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione. Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE Azione di sistema numero 2 Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione dell utenza 1 INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi comunicativi...4 3.

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Comune di Termini Imerese. Provincia di Palermo. Per la sperimentazione di un progetto di social enterprise 2.0 per la.

Comune di Termini Imerese. Provincia di Palermo. Per la sperimentazione di un progetto di social enterprise 2.0 per la. Comune di Termini Imerese Provincia di Palermo Protocollo di intesa tra Comune di Termini Imerese e Lipari Concetta e SI.net Servizi Informatici Per la sperimentazione di un progetto di social enterprise

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Programma Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Documento Informatico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

PIANO INTEGRATO DEL CAMBIAMENTO DEL COMUNE DI ARGENTA (FE)

PIANO INTEGRATO DEL CAMBIAMENTO DEL COMUNE DI ARGENTA (FE) PIANO INTEGRATO DEL CAMBIAMENTO DEL COMUNE DI ARGENTA (FE) RESPONSABILE: BUZZI DOTT. PIETRO Indice: Prima sezione pag. 2 Lo staff pag. 2 Lo Scenario di riferimento 1. Cenni sul Comune di Argenta pag. 2

Dettagli

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line L esperienza della Provincia di Modena Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro

Dettagli

Tra cartaceo e digitale: gestione e conservazione degli archivi degli enti pubblici

Tra cartaceo e digitale: gestione e conservazione degli archivi degli enti pubblici Regione Toscana Direzione generale Organizzazione Tra cartaceo e digitale: gestione e conservazione degli archivi degli enti pubblici ANAI Marche Fermo, 28 novembre 2012 Ilaria Pescini PO Archivi e sistema

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Premessa Sempre di più la Pubblica Amministrazione sta proseguendo nell opera di riorganizzazione e revisione del proprio assetto organizzativo e

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa RESPONSABILE: ANNA BRUZZO 2. Sportello Unico Attività Produttive-Edilizia e pratiche sismiche RESPONSABILE: NARA BERTI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) Approvato con D.C. n.110 del 2/12/2013

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali 55 Stefano Cesarini Il mondo dei beni culturali italiani ed europei sta vivendo una fervida fase di promozione e valorizzazione del proprio patrimonio, anche per l innovativo utilizzo di strumenti di conoscenza

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Allegato 1) Provincia di Como Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Approvato con la deliberazione del Presidente della Provincia

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 6 FRIULI OCCIDENTALE 33170 Pordenone - Via Vecchia Ceramica, 1 - C.P. 232 Tel. 0434/369111 - Fax. 0434/523011 - C.F. / P. Iva 01278420938 PEC: Ass6PN.protgen@certsanita.fvg.it

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

Miglioramento dell efficienza interna Trasparenza dell azione amministrativa

Miglioramento dell efficienza interna Trasparenza dell azione amministrativa Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it/dematerializzazione PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale APQ PUGLIA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE PROGETTO PILOTA Informatizzazione Procura della Repubblica di Lecce Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale ForumPA 11 maggio 2009 Maurizio Natale InnovaPuglia

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000 REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA Ai sensi della legge 150/2000 Art 1. Principi generali La Provincia di Forlì - Cesena, attraverso

Dettagli

COMUNE DI MIRA Città d arte

COMUNE DI MIRA Città d arte COMUNE DI MIRA Città d arte P.zza Nove Martiri, 3-30034 Mira (Ve) Tel. +39 041/5628211 (centralino) www.comune.mira.ve.it P.E.C. comune.mira.ve@pecveneto.it C.F./P.IVA 00368570271 SETTORE 1 SERVIZI AL

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA Con la redazione del presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, il Comune di Sant Ilario d Enza

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE, I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo - Obiettivo Convergenza 2007-2013

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione I contenuti La comunicazione organizzativa leva del cambiamento (I sessione) - L articolazione delle strutture nelle

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA Carlo Pisanti Direttore Centrale - Banca d Italia Accademia dei Lincei Roma, 9 luglio 2010 Slide 1 Quali sono le finalità a cui deve provvedere

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. (Art. 11, comma 8 del D.Lgs. 150/2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. (Art. 11, comma 8 del D.Lgs. 150/2009) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11, comma 8 del D.Lgs. 150/2009) INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DATI PUBBLICATI AI FINI DELLA REALIZZAZIONE DELLA

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 1. PREMESSA La legge regionale n. 22/2002, recependo la normativa nazionale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

La migrazione dei sistemi informativi in ambiente Plone

La migrazione dei sistemi informativi in ambiente Plone La migrazione dei sistemi informativi in ambiente Plone Dott.ssa Cristina Franceschi Responsabile Servizio Informatica, Telematica, e-government Provincia di Ferrara 1 I tools di gestione documentale Punto

Dettagli

SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali

SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali Filosofia di funzionamento del sistema SIEL Il pacchetto Integrato Enti Locali, realizzato in ambiente con linguaggi di ultima generazione, consente all Ente Locale

Dettagli

Il Comune Lo sviluppo informatico

Il Comune Lo sviluppo informatico Il Comune Lo sviluppo informatico Il SISTEMA INFORMATIVO COMUNALE Situazione di contesto Il sistema informativo del Comune di Fabriano è composto da due parti essenziali. La prima, più visibile è costituita

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

PROGETTO ATTIVAZIONE NELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI PISA DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

PROGETTO ATTIVAZIONE NELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI PISA DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO PROGETTO ATTIVAZIONE NELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI PISA DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO PREMESSA Il Codice dell Amministrazione Digitale (D.Lgs 82/2005, modificato con

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2727 Prot. n. 104/08-112C-S112 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Disposizioni per l'attuazione dell'articolo 8, comma 1, della legge

Dettagli

L esperienza di San Giuliano Milanese

L esperienza di San Giuliano Milanese Sistema di Gestione Flussi Documentali COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE L esperienza di San Giuliano Milanese Dott.ssa Laura Garavello Responsabile dei servizi di supporto gestionale OBIETTIVI DELL AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (D.L. 90/2014 convertito in legge 114/2014, art. 24 comma 3 bis) Indice 1. Finalità 2. Riferimenti

Dettagli

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Attività 2004 1 SISTEMA INFORMATIVO CONSILIARE E BANCA DATI ARIANNA Sono

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Definizione 1 E un servizio, obbligatorio

Dettagli

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto - Uffici del personale, dell'organizzazione e della formazione Alle

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Approvato con delibera di C.C. n. 22 del 12.03.2012 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

PA e Web: evoluzione e tendenze

PA e Web: evoluzione e tendenze Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA PA e Web: evoluzione e tendenze Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento

Dettagli

L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA: LO SPORTELLO VIRTUALE INTEGRATO

L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA: LO SPORTELLO VIRTUALE INTEGRATO Franca Sallustio Gennaio 2005 L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA: LO SPORTELLO VIRTUALE INTEGRATO - PROGETTO DI MASSIMA - Assessorati a: Innovazione Organizzativa - Comunicazione Informatizzazione URP-Decentramento

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Dott.ssa Alessandra Bordini Provincia di Reggio Calabria Responsabile Servizio Pianificazione Progettazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE IN BANCA D ITALIA PRECEDENTE PROCEDURA ELETTRONICA DI TRATTAMENTO DOCUMENTALE SCAMBIO DI DOCUMENTI IN FORMATO ELETTRONICO SOLO PER COMUNICAZIONI INTERNE RIGIDITA E COMPLESSITA

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. GEMELLI - SANT AGNELLO (NA) PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ TRIENNIO 2016-2018 Anno 2016 - VERSIONE 1.03 PREMESSA L'Istituto

Dettagli

INGECO Srl Consulenze Industriali. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001

INGECO Srl Consulenze Industriali. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 INGECO Srl Consulenze Industriali Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 : :. S O M M A R I O. : : - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Incontro allo stand Forum PA 2010

Incontro allo stand Forum PA 2010 Innovazione e pubblica amministrazione: la Direzione Generale per l organizzazione, gli affari generali, l innovazione, il bilancio ed il personale (DG-OAGIP) Incontro allo stand Forum PA 2010 19 maggio

Dettagli

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005)

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) ----------------------------------------------------- IL MINISTRO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ABITARE INFORMATI 2.0 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE E 11 SPORTELLI INFORMA OBIETTIVI DEL PROGETTO Comune

Dettagli

Progetto Organi dello Stato Organi dello Stato: Modus da Progetto a Sistema

Progetto Organi dello Stato Organi dello Stato: Modus da Progetto a Sistema Progetto Organi dello Stato Organi dello Stato: Modus da Progetto a Sistema Organi dello Stato: dalla stampa di una Pubblicazione annuale alla nascita del Portale Multimediale Integrato Maurizio Quattrociocchi

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016 Delibera del consiglio d Istituto no 21 del 28 gennaio 2014 La redazione del Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturata

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri Vent anni di corsi a Bressanone Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica XX Corso Dott. ssa Floretta Rolleri CNIPA Bressanone (Bz), 19-22 maggio 2009 Il Protocollo Informatico e la Sicurezza

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1 88100 CATANZARO Codice Fiscale 97028930796 0961-745155 FAX 0961-744438 E-Mail: cztf010008@istruzione.it - PEC:cztf010008@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI

PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI Regione Piemonte Comunicazione Istituzionale della Giunta Regionale Direttore: Roberto Moisio

Dettagli