IL SISTEMA MAPEI HPSS PER IL TRATTAMENTO E LA BONIFICA DEI TERRENI E DEI SEDIMENTI CONTAMINATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA MAPEI HPSS PER IL TRATTAMENTO E LA BONIFICA DEI TERRENI E DEI SEDIMENTI CONTAMINATI"

Transcript

1 IL SISTEMA MAPEI HPSS PER IL TRATTAMENTO E LA BONIFICA DEI TERRENI E DEI SEDIMENTI CONTAMINATI MATERIALI & TECNOLOGIE SOSTENIBILI

2 IL SISTEMA MAPEI HPSS PER IL TRATTAMENTO E LA BONIFICA DEI TERRENI E DEI SEDIMENTI CONTAMINATI MATERIALI & TECNOLOGIE SOSTENIBILI

3 IL SISTEMA MAPEI HPSS PER IL TRATTAMENTO E LA BONIFICA DEI TERRENI E DEI SEDIMENTI CONTAMINATI Introduzione Il termine solidificazione/stabilizzazione (S/S) si riferisce a una categoria di processi di trattamento che ha trovato crescente applicazione per la gestione di un ampia varietà di rifiuti, sia solidi che liquidi. I processi S/S permettono di conseguire uno o più dei seguenti obiettivi: riduzione della mobilità e/o della solubilità degli inquinanti; miglioramento delle caratteristiche fisiche e di manipolazione dei rifiuti; diminuzione della superficie attraverso cui può avvenire il trasferimento dei contaminanti verso l ambiente. I termini solidificazione e stabilizzazione sono preferiti ad altri termini con cui questi processi vengono spesso definiti ( inertizzazione, immobilizzazione, ecc.), in quanto comprendono la varietà dei meccanismi che contribuiscono a ridurre la pericolosità dei rifiuti trattati con tale tecnologia. Il termine solidificazione si riferisce ad un processo in cui al rifiuto vengono aggiunti dei materiali leganti, per lo più cemento Portland, in grado di trasformare il rifiuto in un solido, mentre il termine stabilizzazione indica la trasformazione del rifiuto, a seguito dell incapsulamento nel sistema legante, in una forma in cui i contaminanti risultano più stabili e meno suscettibili di essere mobilizzati verso l ambiente. I tradizionali processi S/S non prevedono il riutilizzo del materiale stabilizzato e non sono quindi finalizzati all ottenimento di un conglomerato caratterizzato da particolari caratteristiche fisicomeccaniche. Inoltre, considerata la natura inorganica del legante cementizio, i trattamenti S/S non sono generalmente adatti per il trattamento di rifiuti contenenti sostanze organiche volatili e semi-volatili. L INNOVAZIONE DEL SISTEMA MAPEI HPSS Il sistema Mapei HPSS (High Performance Solidification/Stabilization) è un processo integrato S/S di solidificazione/stabilizzazione e decontaminazione per il trattamento di terreni e sedimenti contaminati che ha come obiettivo la produzione di conglomerati cementizi granulari caratterizzati da cessioni estremamente ridotte, ottima compatibilità ambientale, elevate proprietà meccaniche ed elevata durabilità. Il sistema Mapei HPSS è stato sviluppato da Mapei, leader mondiale dei prodotti per l edilizia e industrializzato da In.T.Ec. (Ingegnerie Tecnologie Ecologiche), un gruppo industriale specializzato nella ricerca e sviluppo di tecnologie ambientali, protetto da due brevetti congiunti viene commercializzato da Mapintec S.r.l., una società del grupo Mapei S.p.A.. Poiché il sistema Mapei HPSS integra tra loro diverse tecnologie, risulta efficace anche nei confronti dei contaminanti organici volatili e semi-volatili per i quali i tradizionali processi S/S non sono generalmente applicabili. Infine, la forma granulare della matrice risultante dal processo Mapei HPSS rende questo materiale particolarmente adatto per il suo riutilizzo nei ripristini ambientali, come materiale per sottofondi e riempimenti e per la realizzazione di calcestruzzi non strutturali (Fig. 1). Il sistema Mapei HPSS consiste di due fasi: a) fase di decontaminazione inorganica e di produzione del granulato cementizio basato sui principi del calcestruzzo ad alta prestazione; b) fase di rimozione dei composti organici volatili e delle sostanze semi-volatili dai granuli induriti mediante un processo di distillazione in corrente di vapore. La fase di decontaminazione inorganica e di produzione dei granuli cementizi mediante il processo Mapei HPSS rappresenta lo stadio fondamentale del processo, mentre la seconda fase si rende necessaria qualora il materiale da trattare risulti contaminato da sostanze volatili e semi-volatili che, se non rimosse, possono comprometterne il riutilizzo in condizioni di sicurezza ambientale. Pertanto, se il tipo di contaminazione è esclusivamente di natura inorganica (metalli pesanti), il trattamento può essere limitato alla sola prima fase. Fig. 1 Materiale granulare prodotto secondo il processo Mapei HPSS che può essere riutilizzato nei ripristini ambientali. a) Fase di decontaminazione inorganica e di produzione del granulato cementizio Grazie all utilizzo di additivi superfluidificanti e idrofobizzanti specificamente studiati per questa applicazione, viene notevolmente ridotto il quantitativo d acqua necessario per formare l impasto in modo da ottenere conglomerati omogenei e molto densi, caratterizzati da un basso dosaggio dell acqua di impasto e da una bassa porosità. 4 5

4 L effetto del dosaggio dell acqua di impasto sulle caratteristiche morfologiche della pasta di cemento idratata è chiaramente visibile nelle figure seguenti. La Fig. 2 mostra l immagine al microscopio elettronico di una pasta cementizia dopo 24 ore di idratazione, ottenuta con un basso rapporto acqua/cemento, A/C <0.30. Come si può osservare, la struttura è estremamente compatta e densa, diversamente dalla struttura di Fig. 3, relativa ad una pasta di cemento caratterizzata da un rapporto acqua/cemento più elevato, A/C >0.55. Queste differenze microstrutturali si ripercuotono non solo sulla tendenza alla cessione dei contaminanti verso l ambiente, ma anche sulle proprietà meccaniche e sulle caratteristiche di durabilità del materiale. Fig. 3 Immagine al SEM di una pasta cementizia con A/C = 0.57 dopo 24 ore di idratazione. Fig. 2 Immagine al microscopio elettronico a scansione (scanning electron microscope SEM) di una pasta cementizia con A/C = 0.30 dopo 24 ore di idratazione. molteplici effetti positivi; infatti, oltre alle resistenze meccaniche, vengono migliorate la resistenza all urto e all abrasione e la resistenza all azione dei cicli gelo/disgelo, con il conseguente aumento della durabilità, ovvero della capacità di conservare le proprietà fisiche e meccaniche previste in fase progettuale per tutto il periodo della vita dell opera. Per effetto della riduzione del rapporto A/C, i grani di cemento sono più vicini e i legami che si formano sono più forti, con conseguente aumento della resistenza meccanica. Fig. 5 Effetto della riduzione del rapporto A/C sulle proprietà meccaniche. Infine, la riduzione del rapporto A/C e della porosità minimizzano l ingresso degli agenti aggressivi che provocano il degrado delle strutture cementizie, migliorando ulteriormente la durabilità del conglomerato. A questo proposito, risulta particolarmente dannoso l effetto dei solfati che, combinandosi con i prodotti di idratazione del cemento (idrossido di calcio e fasi alluminose) possono dare origine a nuovi composti chimici (solfato di calcio ed ettringite) che, tendono a provocare il degrado della matrice cementizia (Fig. 6). La riduzione del dosaggio dell acqua di impasto, e quindi del rapporto A/C, consente un sensibile calo della porosità del materiale; conseguentemente, anche il rilascio dei contaminanti nel tempo viene drasticamente ridotto in quanto, in tali condizioni, i fenomeni di cessione sono regolati essenzialmente da fenomeni di diffusione (Fig. 4). Fig. 4 Effetto della riduzione del rapporto A/C sulla cessione. La riduzione del rapporto A/C diminuisce la porosità del materiale e riduce il rilascio dei componenti solubili verso l ambiente. Inoltre, la riduzione del rapporto A/C produce il miglioramento di tutte le proprietà meccaniche e della capacità di mantenere queste proprietà nel tempo (durabilità). Infatti, per effetto della riduzione del rapporto A/C, i granuli di cemento sono più vicini e i legami che si formano a seguito dell idratazione sono più forti, con il conseguente aumento della resistenza meccanica del conglomerato finale (Fig. 5). Questo miglioramento ha Fig. 6 Effetto della riduzione del rapporto A/C sulla durabilità. La riduzione del rapporto A/C diminuisce la porosità del materiale, riduce la penetrazione degli agenti aggressivi e migliora la durabilità del materiale. La fase di granulazione del sistema Mapei HPSS consiste nel trattamento ex situ del materiale contaminato (vale a dire scavando e trasferendo il materiale da trattare a un impianto dedicato posizionato direttamente sul sito di bonifica secondo le seguenti 4 frasi) inizialmente subisce i seguenti trattamenti preliminari: 1) Vagliatura per l eliminazione dei corpi solidi grossolani (diametro superiore a 2 mm), quali rocce, mattoni e altri detriti. Infatti, il processo di granulazione è efficace solo sulla frazione fine del materiale, che tra l altro è generalmente la più contaminata. I materiali grossolani possono essere facilmente separati, ad esempio, mediante vibrovagliatura e avviati separatamente allo smaltimento o al riutilizzo dopo lavaggio per la rimozione della contaminazione superficiale. Solfati Cloruri Agenti aggressivi 2) Riduzione del contenuto d acqua al valore ottimale per il processo di granulazione. Il tenore ottimale di umidità per il processo di granulazione deve essere compreso, in generale, tra il 10 e il 20% in peso del terreno o del sedimento. Nel caso di sedimenti e di terreni scavati in presenza d acqua tale valore viene normalmente superato e risulta, quindi, necessario provvedere all eliminazione dell acqua in eccesso mediante processi di filtropressatura, essiccazione all aria o forzata ed, eventualmente trattamento con prodotti in grado di reagire con l acqua, quali ad esempio l ossido di calcio. Successivamente il materiale passa alla fase di decontaminazione e granulazione vera e propria secondo il sistema Mapei HPSS; 6 7

5 3) Formazione dell impasto. Il materiale con il giusto tenore di umidità viene miscelato con il cemento, gli additivi ed, eventualmente, con la quantità di acqua di impasto necessaria per la corretta formazione del conglomerato. Una tipica ricetta per il trattamento dei terreni è riportata nella tabella seguente: Componente Composizione in peso (%) Terreno (umidità 15 %) Cemento Mapeplast ECO 1 parte A 0.95 Mapeplast ECO 1 parte B 0.95 Acqua Fig. 8 Miscelatore intensivo da laboratorio. Gli additivi della linea Mapeplast ECO 1 sono stati sviluppati specificamente per essere utilizzati nel settore dei trattamenti ambientali e sono costituiti da miscele di polimeri acrilici idrosolubili (Mapeplast ECO 1 /B) e da additivi organici idrofobizzanti (Mapeplast ECO 1 /A), entrambi caratterizzati da elevata biodegradabilità e bassa tossicità. Il dosaggio dei due componenti può essere variato entro ampi intervalli, in relazione alle esigenze specifiche e agli obiettivi ambientali che si intendono perseguire. Dal punto di vista funzionale, Mapeplast ECO 1 /B consente di produrre granuli caratterizzati da un basso rapporto A/C che, una volta induriti, dimostrano elevate proprietà meccaniche ed eccellente durabilità. Inoltre, la riduzione della porosità del materiale derivante dal basso dosaggio dell acqua di impasto fa sì che i processi di cessione dei contaminanti siano regolati dalla diffusione. Mapeplast ECO 1 /A, grazie alle sue proprietà idrofobizzanti, limita ulteriormente la penetrazione del fluido all interno dei pori e contribuisce a ridurre sia l entità del rilascio che l ingresso delle sostanze aggressive per il cemento (solfati, ecc.). Oltre ai componenti principali possono essere aggiunti all impasto altri additivi per conferire ai materiali induriti caratteristiche specifiche. Il tempo di miscelazione può variare da pochi secondi ad alcuni minuti in relazione al tipo di miscelatore utilizzato. Miscelatori intensivi ad alta energia consentono di ottenere una miscelazione omogenea in tempi più brevi. In questa fase iniziano a formarsi i germi di granulazione, di diametro dell ordine del millimetro, sui quali successivamente cresceranno i granuli veri e propri. Nelle immagini seguenti vengono illustrati un tipico miscelatore industriale utilizzato per il processo Mapei HPSS (Fig. 7) e i particolari interni di un miscelatore intensivo da laboratorio (Fig. 8). Fig. 7 Miscelatore intensivo industriale per la produzione degli impasti secondo il processo Mapei HPSS. 4) Formazione dei granuli. Una volta preparato, l impasto viene trasferito dal miscelatore ad un piatto granulatore dove, per effetto del movimento rotatorio, si formano i granuli, la cui dimensione dipende da fattori, quali il tempo di permanenza nel piatto, il dosaggio degli additivi e la quantità di acqua di impasto. Una tipica distribuzione della dimensione dei granuli in uscita dal piatto è rappresentata nella figura seguente (Fig. 9). Come si può notare, la resa del processo di granulazione è quantitativa e la frazione fine (diametro 1 mm) in uscita dal piatto granulatore è praticamente assente. Il piatto granulatore funziona normalmente in continuo e viene alimentato dall alto con il materiale in uscita dal mescolatore, come mostrato in Fig. 10. Nella parte bassa del piatto esce il materiale granulare (Fig. 11) che viene inviato mediante una tramoggia alla sezione di maturazione da dove, una volta indurito, può essere riutilizzato. Fig. 9 - Tipica distribuzione granulometrica di un terreno ottenuto mediante il sistema Mapei HPSS. Abbondanza relativa (%) < ,6 >8 Frazione granulometrica (mm) 8 9

6 Fig Immagine di un piatto granulatore del diametro di circa 3 m. Tra i diversi metodi per la verifica delle caratteristiche meccaniche dei granuli induriti, l applicazione del metodo BS per la valutazione della resistenza allo schiacciamento degli aggregati risulta particolarmente semplice e rapida. Il metodo consiste nel determinare la frazione del materiale granulare che viene frantumata per l azione di un carico crescente applicato in modo lineare da 0 a 100 kn su un campione contenuto in un cilindro metallico. Il rapporto percentuale tra il peso della frazione frantumata che passa attraverso un setaccio con maglie di dimensioni definite e il peso del materiale granulare inizialmente presente, esprime il fattore ACV (Aggregate Crushing Value): ACV = M 2 /M 1 X 100 dove: M 2 = Massa del campione frantumato M 1 = Massa del campione iniziale Come si può notare dalla figura seguente (Fig. 13), le caratteristiche meccaniche dei granuli HPSS ottenuti con il sistema Mapei HPSS a partire da un terreno contaminato, sono dello stesso ordine di grandezza di quelle dei normali aggregati, a conferma delle loro ottime proprietà meccaniche. Fig Particolare della zona di uscita dei granuli dal piatto granulatore. In Fig. 12 viene rappresentato l intero ciclo di produzione. Il materiale scavato viene accumulato ed inviato al trattamento di vibrovagliatura (linea verde). Il sopravaglio viene lavato e stoccato per poi essere riutilizzato (linea rossa). Il sottovaglio viene inviato al processo HPSS per la decontaminazione e la formazione dei granuli e per essere anch esso riutilizzato (linea blu). Fig Schema del processo di decontaminazione inorganica (metalli pesanti) e produzione dei granuli mediante il sistema Mapei HPSS. ACV (%) Rocce laviche Calcare carbonifero Aggregati misti Materiale granulare Mapei HPSS Tipo di aggregato Fig. 13 Confronto tra le caratteristiche meccaniche del materiale granulare HPSS ottenuto con il sistema Mapei HPSS e altri tipi di aggregato. N e l l a t a b e l l a seguente vengono riportati i dati relativi al test di cessione a 16 giorni eseguito secondo le modalità previste dal D.M. 5 febbraio Come si può notare, i valori cumulativi dei dati di cessione dei diversi contaminanti rientrano ampiamente entro i limiti previsti per i materiali riutilizzabili. Lo stesso test, eseguito sul materiale tal quale (terreno non trattato), dimostra l efficacia del sistema Mapei HPSS nell abbattimento della cessione dei contaminanti. Tempo di cessione (ore) C i Contaminante u.m C i t.q. CL As µ/l <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 < Cd µ/l <0.2 <0.2 <0.2 <0.2 <0.2 <0.2 <0.2 <0.2 < Cr µ/l <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 < Cu µ/l Hg µ/l <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.8 <0.8 1 Pb µ/l Calcare argilloso Loppa d altorforno dove: C i = Cessione cumulata dal materiale granulare ottenuto con il sistema Mapei HPSS C i t.q. = Cessione cumulata dal terreno contaminato prima del trattamento Mapei HPSS (materiale tal quale) CL = Concentrazione limite della cessione cumulata per i materiali riutilizzabili di cui al D.M

7 Questo risultato deriva principalmente dall aver ridotto drasticamente, grazie all utilizzo degli additivi della linea Mapeplast ECO 1, la porosità dei granuli. In tali condizioni, la cessione dei contaminanti è regolata principalmente dalla diffusione, come mostrato dagli andamenti per il rame ed il piombo riportati nella figura seguente. Coesione (mg/m 2 ) 1 0,1 0,01 Pb Tempo (ore) Fig. 14 Andamento della cessione del piombo (Pb) e del rame (Cu), espressa in mg/m 2 di superficie esposta per il materiale granulare ottenuto da un terreno contaminato mediante il sistema Mapei HPSS. La durabilità dei granuli HPSS può essere ulteriormente migliorata con l aggiunta di materiali argillosi (clorite, biotite, ecc.), peraltro spesso già presenti nei terreni e sedimenti di partenza. E stato infatti dimostrato che tali materiali possono reagire con l idrossido di calcio Ca(OH)2 che si forma per idratazione del cemento, formando composti di tipo pozzolanico, con il conseguente miglioramento delle caratteristiche di durabilità del materiale trattato. L evidenza di tale processo è stata dimostrata sottoponendo ad analisi termica un campione di terreno trattato con il sistema Mapei HPSS, dopo 48 ore di idratazione. Come si può notare dalla figura seguente (Fig. 15), è completamente assente il segnale a 500 C tipico della transizione dell idrossido di calcio a ossido di calcio con perdita di una molecola d acqua secondo la reazione seguente: a conferma del consumo della calce ad opera dei materiali argillosi presenti. DSC/uV/mg 1.0 0,5 0-0, ,5 exo [1] -1.41% Cu 500 C Ca(OH) 2 > CaO + H 2 O [1] -1.42% [1] -1.80% [1] -6.13% DTG/%/min 0-0, , ,5 Temperatura ( C) TG/% > Fig. 15 Analisi termogravimetrica di un campione HPSS dopo 48 ore di idratazione ottenuto a partire da un terreno contaminato. Non è presente il segnale della transizione Ca(OH) 2 > CaO, in quanto l idrossido di calcio è stato consumato dai materiali argillosi presenti nel terreno attraverso reazioni di tipo pozzolanico. b) Fase di rimozione dei composti organici volatili e delle sostanze semi-volatili Qualora il terreno o il sedimento risultino contaminati da sostanze volatili o semivolatili, compreso il mercurio, viene utilizzata la seconda fase del sistema Mapei HPSS, fase di distillazione in corrente di vapore, e la produzione del materiale granulare ottenuta nella prima fase è molto vantaggiosa per l operativa dei successivi processi di trattamento previsti dal sistema Mapei HPSS. Nel caso di distillazione in corrente di vapore, vengono infatti eliminati tutti i problemi derivanti dal trascinamento di polveri, che sempre accompagnano i processi di riscaldamento di materiali fini e polverulenti e che costringono ad adottare costosi e complessi sistemi di abbattimento delle emissioni a valle del reattore. Inoltre, la diminuzione dell acqua libera presente nel campione, dovuta alla reazione di idratazione del cemento, riduce sensibilmente la massa evaporata nella fase di distillazione, abbattendo i costi energetici e i costi derivanti dal trattamento delle emissioni. Il riscaldamento del materiale granulare alle temperature e pressioni previste dal sistema Mapei HPSS (si opera generalmente tra 100 e 250 C e a tra 50 mmhg e 100 mmhg) non ne compromette in alcun modo le caratteristiche meccaniche, che risultano confrontabili con quelle del materiale prima del trattamento. Nella foto seguente (Fig. 16) viene mostrato l impianto di laboratorio per lo studio della fase di distillazione in corrente di vapore dei granuli del sistema Mapei HPSS. Fig. 16 Immagine dell impianto pilota di laboratorio per lo studio della fase di distillazione in corrente di vapore del sistema Mapei HPSS. Nella tabella seguente vengono riportate le rese depurative relative al trattamento di distillazione estrattiva (200 C e 20 mmhg per 2 ore) del materiale granulare HPSS, ottenuto da un sedimento marino contaminato mediante il sistema Mapei HPSS. Contaminante Concentrazione Resa (%) iniziale nel sedimento Policlorodibenzodiossine e Policlorodibenzofurani (PCDD/PCDF) pg/g WHO-TE 84 Policlorobifenili diossina simili (DL-PCB) 14.0 pg/g WHO-TE 100 Policlorobifenili totali (PCB Totali) ng/g 100 Esaclorobenzene (HCB) ng/g 100 Idrocarburi Policiclicici Aromatici (IPA) ng/g 95 Idrocarburi C > mg/kg 100 Mercurio (Hg) 41.8 mg/kg

8 Al termine della seconda fase del sistema Mapei HPSS il materiale granulare risulta decontaminato dai principali contaminanti organici, quali idrocarburi, policlorodibenzodiossine (PCDD) e policlorodibenzofurani (PCDF), policlorobifenili (PCB), esaclorobenzene (HCB), idrocarburi policiclici aromatici (IPA) e metalli volatili quali il mercurio, mentre i contaminati inorganici non volatili, quali piombo, arsenico, cadmio, rame, cromo, ecc. continuano ad essere immobilizzati nella matrice cementizia del materiale granulare prodotto con la prima fase del sistema Mapei HPSS, che mantiene inalterate le sue caratteristiche meccaniche e di durabilità. CONCLUSIONI Il sistema Mapei HPSS è un processo industriale integrato di trattamento ex situ (nello stesso luogo di bonifica) di terreni e sedimenti contaminati in grado di fissare stabilmente i metalli presenti in una matrice cementizia realizzata secondo i principi dei calcestruzzi ad alta prestazione e di rimuovere i contaminanti volatili e semivolatili. Il risultato finale è la trasformazione del terreno e del sedimento contaminato in un materiale granulare durevole, di buone proprietà meccaniche, nettamente superiori a quelle ottenibili con i tradizionali processi S/S, e di ottima compatibilità ambientale. Il materiale prodotto con il sistema Mapei HPSS può così essere riutilizzato per molteplici applicazioni come per esempio riempimenti, rinterri, calcestruzzi non strutturali, ecc. La sua forma granulare lo rende, infatti, particolarmente adatto per il suo riutilizzo nei ripristini ambientali. 14

9 (I) 09/09 MATERIALI & TECNOLOGIE SOSTENIBILI

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Presentazione La sicurezza strutturale e l affidabilità dei materiali e dei relativi sistemi costruttivi investono direttamente la competenza istituzionale

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature. Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità

LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature. Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità Indice pag. 02 LINEA SILANCOLOR pag. 10 SISTEMA SILANCOLOR pag. 15 SISTEMA

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval)

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval) I prodotti da ancoraggio secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 I prodotti da ancoraggio C.P. MK 685410 (I) 09/11 Mapei, nell ambito della norma UNI EN 1504, edita un fascicolo dedicato ai prodotti da

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE DI NEFELINA RAFFORZATE PER TEMPRA CHIMICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE DI NEFELINA RAFFORZATE PER TEMPRA CHIMICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA SETTORE MATERIALI TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA DEI MATERIALI SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

articolo 1. PREMESSA 2. OPERAZIONI DI TRATTAMENTO DEI LIMI DI LAVAGGIO

articolo 1. PREMESSA 2. OPERAZIONI DI TRATTAMENTO DEI LIMI DI LAVAGGIO Una particolare categoria di rifiuti provenienti da attività estrattiva: i limi di lavaggio inerti - Problematiche inerenti e quadro normativo Erika Montanari Geologo, libero professionista 1. PREMESSA

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Ultratop Living. Il nuovo sistema cementizio per pavimentazioni in continuo. Sistemi di pavimentazioni a base cementizia

Ultratop Living. Il nuovo sistema cementizio per pavimentazioni in continuo. Sistemi di pavimentazioni a base cementizia Ultratop Living Il nuovo sistema cementizio per pavimentazioni in continuo Sistemi di pavimentazioni a base cementizia Ultratop Living Malta cementizia autolivellante ad indurimento ultrarapido per realizzare

Dettagli

Scheda tecnica StoColor Puran Satin

Scheda tecnica StoColor Puran Satin Pittura bicomponente poliuretanica ad elevata resistenza, classe 1 resistenza all abrasione umida, classe 2 di potere coprente secondo EN 13300 Caratteristiche Applicazione Caratteristiche interni per

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO

TERRE E ROCCE DA SCAVO Da rifiuti a sottoprodotti, l applicazione del decreto 161/2012 Con il decreto interministeriale 161/2012, in vigore dal 6 ottobre 2012, è stato emanato un nuovo regolamento per la gestione delle terre

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

GEV ed EMICODE Domande e risposte

GEV ed EMICODE Domande e risposte GEV ed EMICODE Domande e risposte 01. Che cosa sono le emissioni? Il termine emissione indica il rilascio nell ambiente di sostanze gassose, liquide o solide da parte di impianti o materiali. Ciò nonostante,

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli