LA RAZZA RENDENA IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RAZZA RENDENA IN ITALIA"

Transcript

1 LA RAZZA RENDENA IN ITALIA Bertoja Gianluca, Ministero della Salute, U.V.A.C. Veneto, Verona Moranda Manuel Introduzione 1- CENNI STORICI 1.1 Le origini Le origini della razza Rendena vanno collegate alla vicissitudini delle popolazioni della Val Rendena e delle Giudicarie. L allevamento bovino nella zona risale a periodi antichissimi basti pensare che le prime documentazioni sul tipo di bovini allevati sono datate all inizio del Sono anni in cui varie epidemie, tra cui la peste, si sovrappongono con le loro devastazioni alle guerre e alle carestie, provocando enormi difficoltà alla vita e alla economia delle popolazioni locali già povere di per sé. 1.2 Le prime importazioni Accanto alle epidemie che aggredivano l uomo, altre falcidiavano il bestiame per cui gli abitanti, al fine di ricostruire i propri armenti, erano periodicamente costretti ad importare bovini da altre regioni. Nel 1712 si sarebbe verificata la prima consistente importazione documentata di bovini in Val Rendena; il bestiame venne acquistato prevalentemente in alcune vallate svizzere. Non si trattò di una importazione di bovini bruni, bensì di soggetti riferibili ad uno dei tipi di bovini allora allevati nella Svizzera meridionale, scelti probabilmente dagli allevatori rendenesi per una certa affinità con le caratteristiche del loro bestiame indigeno. Documenti del tempo confermano che all epoca della prima importazione in Val Rendena, e per molti anni ancora, i bovini della Svizzera meridionale presentavano mantelli di diverso colore, prevalentemente uniformi, a pelo liscio, castani, rossi, grigi, neri. La taglia era ridotta, la pelle fine; le corna bianche alla base, nere in punta e ben arcuate; buona era la loro produzione di latte. È questo uno standard completamente diverso da quello del bestiame svizzero degli inizi del 1900, quando l indirizzo selettivo era mai orientato verso animali più pesanti e caratterizzati da ossatura grossolana e da un mantello sorcino chiaro; sono questi i bovini dei cantoni di Zug, Schwiz e della Abbazia di Einsiedeln, culla della razza Bruna Alpina. 1

2 È probabile che i soggetti importati dalla Svizzera abbiano assunto un ruolo importante nella formazione della razza Rendena. Ma ciò è di scarsa rilevanza in quanto il bestiame importato si fuse armonicamente, per affinità di tipo e di caratteristiche produttive, con il bestiame indigeno, presente da secoli nelle vallate del Trentino occidentale. Le importazioni di bovini dalla Svizzera devono avere avuto termine prima della fine del 1700, essendo venuta meno la necessità di ricorrere ad ulteriori ripopolamenti. Il lavoro continua sul sito web del progresso veterinario 1.3 Il consolidamento dell allevamento Documenti del tempo confermano che le epidemie del bestiame si erano arrestate intorno al 1740 e che a tale periodo aveva fatto seguito un epoca di relativo benessere e tranquillità, durante la quale le popolazioni delle Giudicarie e della Val Rendena poterono riprendere le loro attività di allevamento e di commercio del bestiame con la pianura, in particolare con la Lombardia. È possibile che anche altri bovini siano stati importati successivamente, ma è comunque certo che il loro numero è andato sempre più riducendosi. La razza Rendena è il prodotto di incrocio e successivo meticciamento fra bovini a corna corte con il tipo primitivo o più razze primitive, influenzato più tardi anche dalle popolazioni bovine allevate nelle contermini valli della montagna lombarda e dello stesso Trentino Alto Adige. Nella seconda metà del 1700 c è stata la formazione di meticci tra la razza Rendena, la grigia della Val di Sole, della Val di Non e della Val d Adige e la pezzata di Rabbi della valle omonima. Quest incroci che devono avere avuto una certa consistenza, tanto da influenzare negativamente il fiorente commercio con la pianura, e da ridurre la produttività della razza Rendena. I pericoli verso i quali stava andando incontro la razza stimolarono gli allevatori più preparati ad assumere iniziative che possono essere considerate una vera premessa alla realizzazione di un primo programma di selezione. Vennero infatti organizzate mostre di torelli dell età di dieci mesi tra i quali venivano scelti i migliori, per conformazione e caratteristiche razziali, per essere destinati alla riproduzione. I Consorzi di monta e i comuni cominciarono nel frattempo a gestire le stazioni di monta e a controllare la riproduzione vietando l uso di tori giudicati non idonei. Il tipo di bovino selezionato in Val Rendena per più di un secolo era un soggetto a duplice attitudine, di taglia piccola, gentile, molto vivace, nevrile, a mantello uniforme di colore castano o castano scuro, ed è stato successivamente definito come razza Bruna delle Giudicarie o razza Rendena. Questo indirizzo selettivo era diverso da quello attuato successivamente nella Svizzera sulla razza Bruna, orientato invece verso la triplice attitudine. Pur avendo avuto origine in aree contermini, la diversa selezione praticata per più di due secoli, le differenti influenze ambientali e l insanguamento con altre popolazioni 2

3 hanno quindi dato luogo a due tipi di bovini, il bruno e il rendeno, nettamente diversi. 1.4 Le evoluzioni recenti Dopo più di un secolo di relativa stabilità, le vicissitudini politiche, belliche, economiche e sociali degli ultimi cento anni hanno rappresentato il fattore condizionante del periodo più importante e, ad un tempo, più delicato della storia della razza Rendena. 1.5 La fine del 1800 È questo il periodo più costruttivo per lo sviluppo e la diffusione della razza Rendena. Oltre che nella valle di origine, la razza si affermò nella parte meridionale ed occidentale del Trentino per varcare poi i confini tra l Impero Austro-Ungarico ed il Regno d Italia e stabilirsi nelle prealpi orientali bresciane (Val Sabbia), in quelle veronesi e nell altopiano dei Sette Comuni (Vicenza) La maggiore disponibilità di foraggi della pianura ne esaltò le produzioni di latte e così la Rendena si impose anche nell alta pianura bresciana e nelle fertili zone irrigue della pianura veneta a nord di Vicenza e di Padova, lungo il corso del fiume Brenta. Sono di questo periodo gli studi, le indagini ed i rilevamenti di Kaltenegger e Perini, che stabilirono con precisione lo standard della razza e ne descrissero il tipo e le caratteristiche biometriche, morfologiche e produttive con estrema dovizia di dati. L almanacco Agrario di Trento del 1883 qualificò questa razza come distinta da latte. In questo periodo si cominciò ad affermare il principio della scelta dei migliori soggetti maschi da impiegare nelle stazioni di monta e le iniziative in tal senso dei privati trovano sostegno in cospicui finanziamenti dell Ente Pubblico. È dal 1896 una legge provinciale del Tirolo italiano (come allora si chiamava il Trentino) sulle stazioni di monta che coinvolse nella gestione, oltre agli allevatori, i comuni ed altri enti, al fine di assicurare un loro migliore funzionamento. Si istituirono, sempre alla fine del 1800, mutue contro gli infortuni degli animali: fu questo il primo passo verso la costituzione della Società di Allevamento, che si formarono qualche anno più tardi. Nella Val Rendena e nelle Giudicarie la razza raggiunse una consistenza valutata in più di sedicimila capi. L indirizzo produttivo si basava sulla produzione di latte e sull allevamento di giovani animali da rimonta che venivano esportati verso altre aree di allevamento del regno d Italia. Il commercio interessava infatti quasi 2000 capi all anno, soprattutto giovenche gravide di 2 o 3 anni, ed ora orientato verso numerose provincie: Vicenza, Padova, Verona, Brescia, Bergamo, Udine, Genova, Cremona, Firenze e Roma. 3

4 Ma fu in particolare nelle province di Vicenza, Padova, Verona e Brescia che la Rendena continuò a diffondersi diventandone la razza numericamente più importante. All avvento del ventesimo secolo la razza Rendena si presentava saldamente affermata in una vasta area nella quale si evidenziavano due zone distinte: la Val Rendena e le Giudicarie, come zona di allevamento in purezza e conseguentemente di rifornimento di giovani riproduttori maschi e femmine e di fattrici adulte. La seconda, come zona di sfruttamento, costituita dalle prealpi e dalla pianura con allevamenti dediti alla produzione di latte e di vitelli da carne. 1.6 Gli inizi del 1900 e la Grande Guerra Proprio agli inizi del nuovo secolo, nel momento della sua massima espansione e specie nella stessa zona di origine, la razza Rendena andò in contro ad un periodo di crisi. Le cause possono essere individuate soprattutto nell alimentazione inadeguata, nell accoppiamento eccessivamente precoce, nel parziale meticciamento con altre razze e nella forte corrente di esportazione che portava via dagli allevamenti della zona di origine i capi migliori. La crisi investì meno gli allevatori di bovine Rendene della pianura Veneta, perché qui l alimentazione era migliore e perché continuava la tradizione di rifornirsi dei migliori capi acquistati nelle aree di origine della razza. Nel 1907 il Consiglio Provinciale dell Agricoltura di Trento predispose un programma in base al quale, per ovviare alla degradazione, soprattutto morfologica, dalla razza, venne predisposto l incrocio di insanguamento con tori di razza Bruna Alpina. Il piano prevedeva di impiegare pochi tori bruni, scelti accuratamente, e di utilizzare successivamente alcuni loro figli, tra i più forti, sviluppati e corretti, per ritornare infine il più rapidamente possibile all impiego di tori indigeni. Vennero allora importati alcuni tori Bruni Alpini, ponendo attenzione a scegliere i soggetti più compatibili con i caratteri originari della razza autoctona e specialmente con l accentuata attitudine alla produzione del latte. I primi tori bruni arrivarono in Val Rendena dalla Svizzera nel 1908; la loro qualità fu giudicata buona e la discendenza risultò discreta. Nel 1909 si importarono invece alcuni tori bruni del Voralberg austriaco. I risultati furono decisamente più negativi e solo la concessione di cospicui premi e sovvenzioni evitò il fallimento completo dell iniziativa. Il programma non diede comunque i risultati sperati. I prodotti ottenuti dall incrocio non soddisfecero gli allevatori, che cominciarono ad osteggiare apertamente l iniziativa, né i responsabili ufficiali della politica zootecnica i quali presero allora una decisione estremamente negativa per il futuro della razza. Nel 1910 l ufficio dell Ispettore Zootecnico, di cui era titolare Mario Muratori, modificò radicalmente il programma e, contro la volontà degli allevatori ed il parere di numerosi tecnici che conoscevano a fondo le caratteristiche della razza Rendena e del suo ambiente di 4

5 allevamento ed utilizzazione, decretò non più l insanguamento ma l eliminazione della razza Rendena attraverso l incrocio di sostituzione con la Bruna Alpina. Oltre all importazione ed all impiego di nuovi tori Bruni, ufficialmente vennero destinati alla riproduzione solo i figli di tori Bruni e vacche Rendene che manifestavano prevalenti i caratteri morfologici della razza Bruna, per conseguire questo obbiettivo tutti gli incentivi finanziari vennero riservati ai soggetti manifestamente svizzeri. Se il programma predisposto dal Muratori fosse stato attuato e fossero state rispettate le sue direttive, non si sarebbe più parlato della razza Rendena, perlomeno nella sua provincia di origine, già prima dell inizio del conflitto mondiale del In favore della sopravvivenza della razza giocarono i risultati ritenuti negativi dei soggetti meticci. Gli allevatori, specie nel cuore della Val Rendena, continuarono infatti ad allevare in purezza i loro bovini che, pur con tutti i loro difetti morfologici, garantivano buone produzioni di latte e di carne. Nel 1911 essi costituirono la federazione tra le Società di Allevamento di bovini di razza Rendena che si erano andate costituendo negli anni precedenti, con l obbiettivo della valutazione degli animali, dell acquisto dei tori, e delle prove dirette sulla rendita dei capi allevati (controlli), in definitiva con lo scopo della salvaguardia della razza. La Grande Guerra fece il resto rendendo praticamente inoperante il programma ufficiale di sostituzione della razza. L aspetto più importante di tale vicenda fu che, a causa di questi contrasti, l obbiettivo di porre rimedio ai difetti morfologici della razza con l impiego di tori di razza Bruna fallì. Il Muratori continuò a sostenere le sue posizioni fin che rimase nel Trentino (e anche nei vari incarichi successivi). Oggi, a distanza di tempo e alla luce delle attuali conoscenze, è possibile attribuire al Muratori due grossolani errori: nel considerare che la bruna fosse la razza originaria perfezionata, e la Rendena un semplice adattamento ambientale, e nel ritenere possibile l eliminazione dei difetti morfologici della Rendena semplicemente ricorrendo all incrocio di sostituzione, non considerando la grande importanza dei fattori ambientali (igiene, ricoveri, alimentazione, alpeggio e tecniche di allevamento) nel determinare il fenotipo dell animale. Resta comunque il fatto che il programma del Muratori, mentre non risolse i problemi della razza, contribuì a determinare, specie nel periodo delle due guerre mondiali, il calo numerico della Rendena. Se indirettamente la Grande Guerra aveva contribuito alla salvaguardia della razza Rendena, rendendo praticamente inoperante il programma che ne prevedeva l incrocio di sostituzione con la Bruna, aveva però provocato una grave falcidia del patrimonio bovino attraverso le requisizioni e le macellazioni forzate. L area di allevamento e di utilizzazione della Rendena era quasi tutta zona di operazioni belliche Adamello, Pasubio, Altopiano di Asiago, ecc. o di immediate retrovie, da una parte o dall altra del fronte. Alla fine del 1918 nella zona non evacuata del Trentino restava appena il 40% del bestiame e altrettanto impoveriti risultavano anche gli allevamenti della pianura. 5

6 1.7 Il Ventennio e la Seconda Guerra Mondiale Nel primo dopoguerra, ricostituito con soggetti di varia provenienza il patrimonio bovino, ripresero le attività di miglioramento, si ricostituirono le Società di Allevamento e, dove erano già stati avviati, ripresero anche i controlli delle produzioni e della riproduzione e l attività di selezione. Nel 1927 iniziarono ufficialmente i primi controlli funzionali della produttività del latte delle bovine di razza Rendena ad opera della Cattedra Ambulante di Agricoltura di Trento. Fu in questo periodo che il dirigismo economico divenne anche dirigismo zootecnico, mediante l emanazione di importanti leggi e decreti che condizionarono il futuro della razza Rendena. La legge 21/6/1925 n 1162 venne a sostituire quella del 1908 della legislazione italiana e quella del 1896 della legislazione austriaca e, con la riunificazione del Trentino Alto Adige all Italia, tutta l area di allevamento della razza Rendena venne così assoggettata ad un unica normativa. Ancora più importante fu la legge sulla produzione zootecnica del 20/6/1929, n 1366 cui fecero seguito il Decreto Legge 15 giugno 1931, n 118, e più tardi il D.L. del 27/5/1940, n 687. Il censimento del 1930 mise in evidenza che in tale periodo il patrimonio bovino era ritornato alla consistenza dell anteguerra, ma che contemporaneamente permaneva un grande disordine zootecnico. Questa situazione costituì la premessa del Convegno di Padova del 1931 durante il quale vennero stabilite le direttive per lo sviluppo ed il miglioramento del patrimonio delle Tre Venezie. La situazione della razza Rendena, ad eccezione della consistenza numerica, continuava però ad essere quella degli ultimi anni dell antiguerra. Da una parte si trovavano gli allevatori e numerosi tecnici che ne sostenevano l allevamento in purezza e la diffusione, dall altra la zootecnia ufficiale che intendeva proseguire nel processo della sua eliminazione attraverso l incrocio di sostituzione con la razza Bruna Alpina. Il Convegno di Padova recepì le tesi del Muratori, confermando tali direttive anche per le aree venete di allevamento della razza Rendena e decretando l eliminazione di tutte le razze autoctone. La legge n1366 del1929, recepita successivamente nei regolamenti provinciali, vietò infatti l uso di tori non approvati dalle Commissioni Zootecniche Provinciali e stanziò premi e contributi che vennero indirizzati alla diffusione della razza Bruna Alpina. Della Rendena non si parlò più. Gli Ispettori Provinciali dell Agricoltura provvedevano alla diffusione delle direttive predisponendo programmi che favorivano gli allevatori che seguivano i nuovi indirizzi e penalizzavano quelli che continuavano ad allevare le vecchie razze, delle quali era stata decisa l eliminazione. L allevamento della Rendena non poté non risentire di questa situazione. Conseguentemente l espansione della razza terminò bruscamente e si ridusse il numero delle aziende che le allevavano. 6

7 La politica zootecnica rigidamente dirigista non riuscì comunque a modificare le convinzioni di molti allevatori che, confortati dai risultati positivi del loro bestiame, continuarono a sostenere la razza Rendena e ad opporsi alle direttive ufficiali. Di conseguenza, in deroga a quanto sancito nel congresso di Padova, vennero fatte delle concessioni: si tollerarono nuclei di allevamento di Rendena e l impiego di Tori di tale razza. Nella Val Rendena e nelle Giudicarie venne allora ripreso l allevamento in purezza con tori che corrispondevano allo standard tipico della razza e le concessioni, salvo qualche eccezione, vennero rinnovate. Nel frattempo la pianura cominciò nuovamente a rifornirsi di soggetti puri dalle vallate trentine. Per la Rendena fu questo un fatto altamente positivo poiché, arrestata l immissione di sangue Bruno, iniziò l eliminazione dei soggetti meticci ed il recupero delle caratteristiche genetiche, morfologiche e produttive della razza. Nonostante i positivi risultati tecnico- economici, la volontà degli allevatori di mantenere e migliorare la loro razza e la dimostrazione della validità delle deroghe concesse, nel Convegno di Merano del 1942, realizzato con il preciso scopo di aggiornare le direttive del Convegno di Padova del 1931, venne nuovamente sancita l eliminazione della razza Rendena ed il suo assorbimento da parte della razza Bruna Alpina con revoca delle concessioni fino ad allora fatte. Quella di Merano fu una decisione che determinò un ulteriore calo numerico della razza e una contrazione nell area di allevamento. Come la precedente, anche la Seconda Guerra Mondiale frenò l applicazione delle direttive ufficiali: fino al 1943 per il rallentamento dei finanziamenti in favore delle altre razze e dopo il 1943, con l occupazione tedesca, per il rallentamento quasi totale di ogni attività promozionale e di controllo. 1.8 Il Dopoguerra e la Ripresa Economica Come alla fine della Grande Guerra, così al termine del secondo conflitto mondiale il patrimonio zootecnico, ed in particolare quello bovino, si trovò fortemente ridotto di numero ed impoverito qualitativamente. La razza Rendena era comunque ancora notevolmente rappresentata. Nel Trentino l allevamento in purezza interessava sempre la Val Rendena e le Giudicarie e, come zona di sfruttamento, la zona sud della provincia. In provincia di Padova e Vicenza, nelle fertili zone irrigue del Destra Brenta, la razza era saldamente presente. Le prealpi veronesi e vicentine, esclusi l altopiano di Asiago, la Val Sabbia e la provincia di Brescia, contavano ancora migliaia di capi di razza Rendena. Le direttive della zootecnia ufficiale restavano comunque quelle del Convegno di Merano del1942. Anzi, superati gli anni difficili del primo dopoguerra, l azione di sostituzione della razza Rendena si inasprì. Vennero così nuovamente applicati i regolamenti che vietavano l uso di tori non approvati dalle Commissioni Zootecniche Provinciali (furono frequenti i casi di allevatori denunciati per violazione dei regolamenti sulla visita preventiva dei tori). Inoltre vennero concessi contributi e 7

8 premi solamente per l acquisto ed il mantenimento di riproduttori, maschi e femmina, di altre razze riconosciute. Con l inizio degli anni cinquanta, si verificò comunque una netta differenziazione tra il modo di operare della provincia di Trento e quello delle provincie della pianura lombardo- veneta. Nel Trentino infatti gli allevatori si organizzarono, dal 1947, nella Unione Allevatori di razza Rendena che dieci anni più tardi confluì, assieme alle altre Unioni, nella Federazione Provinciale Allevatori di Trento. Nella zona di origine venne così consentito l uso di tori di razza Rendena ed gli allevatori tornarono ad usufruire delle stesse sovvenzioni concesse per la Bruna Alpina. Anche se l area di allevamento ove si praticava la selezione si era ridotta alla sola Val Rendena ed alla Conca di Tione, funzionava però attivamente il Libro Genealogico e l organizzazione dei controlli funzionali. Venivano inoltre organizzati mercati concorso ed era preclusa ogni possibilità, se non occasionale, di incrocio con la Bruna Alpina. In questi anni la provincia di Trento esportava verso la pianura circa bovini all anno costituiti essenzialmente da manze e vacche gravide di razze diverse. Il 30 % di tale esportazione era diretto verso il Veneto e circa 2000 capi all anno erano di razza Rendena. Molti allevatori richiedevano infatti bestiame a taglia un po più ridotta, piuttosto esile di conformazione, a mantello castano bruciato e bruno carico, che poteva benissimo essere identificato nel tipo rendeno, con evidenti caratteri di finezza, vivacità e distinzione. Nella zona di origine la razza Rendena, al termine di questo periodo, si trovava praticamente sullo stesso piano delle altre razze anche se la sua area di influenza era più ristretta e la sua diffusione non veniva incoraggiata neanche nelle zone nelle quali in passato era presente e dove diversi allevatori ne avrebbero visto volentieri il ritorno. Ben diversa fu invece la situazione della pianura e delle altre zone di allevamento. In provincia di Brescia la Rendena venne sostituita dalla Bruna in montagna e dalla Frisona in pianura. Anche nella montagna veronese diminuì fortemente la consistenza dei bovini rendeni, perché sostituiti gradualmente dalle due razze cosmopolite; tale sostituzione risultava quasi totale già alla fine degli anni sessanta. Pur diminuendo fortemente come patrimonio, la Rendena non perse invece vitalità nelle province di Padova e Vicenza, dove si consolidarono allevamenti di una certa consistenza che facevano e fanno capo tuttora ad allevamenti appassionati e convinti della qualità della loro razza. A fianco di aziende ove la Rendena era presente più come meticci e derivati ( incroci con Grigia, Bruna, Frisona, ecc.) si evidenziarono stalle nelle quali essa veniva allevata in purezza, mantenendo le tipiche caratteristiche morfologiche e funzionali, e dove godeva nel contempo dei benefici propri delle zone agricole più favorite. La possibilità di ricorrere per l acquisto dei riproduttori, soprattutto maschi, alle aree di origine, dove la razza poteva essere allevata in purezza, costituì un fattore determinante per la sua conservazione e per il suo miglioramento. Si era venuta infatti a creare una situazione paradossale per cui i soggetti rendeni che arrivavano dal Trentino, scortati da certificati genealogici avvallati dagli organi 8

9 responsabili, come entravano nelle stalle padovane e vicentine diventavano illegali ed esponevano i loro proprietari ai rigori della legge. Diversi allevatori delle province venete ottennero allora la licenza di monta privata per tori di razza Bruna Alpina: il toro bruno approvato veniva però mantenuto inoperante nella stalla, mentre in realtà era il toro rendeno clandestino che copriva le vacche e permetteva la sopravvivenza della razza autoctona. Questa situazione non cambiò negli anni cinquanta e sessanta. Nel 1963 venne infatti emanata la legge n 126 sulla disciplina della riproduzione la quale, pur apportando innovazioni a favore degli allevatori organizzati e della selezione, lasciò le cose praticamente immutate per la razza Rendena. Attraverso l Ispettorato Provinciale dell Agricoltura di Trento, ai sensi dell art. 2 della citata legge n 126, nel 1968 venne però richiesto il riconoscimento del libro Genealogico della razza Rendena. La richiesta non ebbe risposta ma il libro Provinciale continuò a funzionare come prima: praticamente riconosciuto a tutti gli effetti a Trento e solo ai fini della disciplina della riproduzione nelle altre provincie. Fu questo un piccolo passo avanti sulla strada del riconoscimento ufficiale, e della cessazione della discriminazione nei confronti della Rendena e dei suoi allevatori. Tabella relativa al patrimonio bovino delle provincie di Padova, Vicenza, Verona e Trento suddiviso per tipo genetico Anno Province: Padova Vicenza Verona Trento Totale capi Rendena Grigia Alpina Grigia d Adige Bruna Alpina Burlina Frisona Pezzata Rossa Meticci brunorendeni Pugliese del Veneto Meticci vari

10 2- IL PIENO RICONOSCIMENTO 2.1 Il Libro Genealogico Nazionale È del 6 aprile 1976 la risposta del Ministero dell Agricoltura e Foreste alla motivata richiesta della regione Veneto con la quale si autorizzava l allevamento in purezza della razza Rendena, da effettuarsi sotto il controllo degli organi tecnici regionali. Con questa ultima autorizzazione ministeriale l azione di miglioramento genetico si uniformò su tutta l area di allevamento e di utilizzazione e nel Trentino, nel Veneto, come in tutto il territorio nazionale, gli allevatori poterono mantenere oltre alle femmine anche riproduttori maschi e sottoporre il loro allevamento ai programmi di selezione. Dal 1977, per iniziativa delle Associazioni Provinciali degli Allevatori di Padova, Vicenza e Trento, i contatti, prima limitati quasi alla sola commercializzazione, cominciarono ad estendersi anche ai programmi di miglioramento genetico, e nell anno successivo vennero finalmente istituite le sezioni del Libro Genealogico e vennero iniziati i controlli funzionali anche a Padova e Vicenza. Le due provincie si collegarono quindi, anche per i dati relativi alla razza Rendena, con il centro meccanografico della Associazione Italiana Allevatori a Roma. Tutte le norme e i regolamenti da allora hanno fatto capo al Libro Genealogico di Trento, che non aveva mai cessato di funzionare e che è nel frattempo diventato Libro Genealogico Nazionale. Nel 1979 le sezioni di razza delle Associazioni Allevatori delle tre provincie conclusero la stesura del nuovo regolamento del Libro Genealogico Nazionale della razza Rendena. Tale regolamento, come prescrivono le norme nazionali, venne inviato all Associazione Italiana Allevatori che, nel marzo 1980, lo trasmise al Ministero dell Agricoltura e delle Foreste per la necessaria approvazione. Questa venne concessa il 23 giugno dello stesso anno affidando il Libro Genealogico della razza Rendena all Associazione Italiana Allevatori. In data 5 agosto 1981 venne infine riunitala Commissione Tecnica Centrale (C.T.C.) del Libro Genealogico, segnando così ufficialmente l inizio dell attività di selezione della razza con riconoscimento a livello nazionale. 2.2 L Associazione Nazionale degli Allevatori Successivamente alla approvazione del regolamento del Libro Genealogico Nazionale, venne richiesta l approvazione dell ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI ALLEVATORI DI BOVINI DI RAZZA RENDENA (ANARE) che venne costituita con atto notarile a Borgo Valsugana il 10 febbraio L ANARE, pur condizionata dalla mancanza quasi totale di mezzi finanziari, cominciò subito ad operare coordinando l attività delle Sezioni di razza delle tre Associazioni Provinciali Allevatori aderenti ed avviando, secondo le deliberazioni 10

11 della C.T.C. del Libro Genealogico, le prove di progenie dei tori rendeni per la produzione del latte. Il riconoscimento giuridico dell A.N.A.R.E. venne infine sancito con il DPR n 854 del 23/10/1984, pubblicato sulla gazzetta ufficiale n 347 del 19/12/1984. Ma è solamente con il Decreto Ministeriale del 21 novembre 1986, che modifica l art. 1 del Regolamento del Libro Genealogico, che l associazione poté gestire direttamente il Libro, prima affidato all Associazione Italiana Allevatori. È questo un atto di notevole importanza soprattutto per gli allevatori i quali, dopo un secolo, hanno potuto ritornare arbitri consapevoli della conservazione, della selezione e del futuro della loro razza. La nuova struttura ufficiale degli organi di selezione della razza Rendena e con questa articolazione l A.N.A.R.E. e la C.T.C del L.G. hanno dato nuovo impulso all attività di miglioramento genetico definendo il nuovo piano di selezione, allargando e migliorando le prove di progenie per la produzione del latte, dando avvio al performance test sui torelli Rendeni, adottando, in collaborazione con l A.I.A., la valutazione delle produzioni equivalenti vacca matura Corrette per i fattori ambientali della zona geografica, dell allevamento e dell anno di parto, la valutazione genetica dei tori con metodo B.L.U.P. e realizzando i primi piani di accoppiamenti programmati. 3- L ALLEVAMENTO 3.1 La consistenza La consistenza totale della razza bovina Rendena è riportata nel grafico seguente. Come si vede la razza, diffusasi dalla originaria Val Rendena alle province di Padova, Vicenza e Verona, conta attualmente oltre capi le quali quasi la metà sono vacche. Nella provincia di origine attualmente è presente meno di un quarto del patrimonio totale di vacche Rendene, mentre le bovine rimanenti sono distribuite nel Veneto centro- occidentale, specie nelle zone della media e alta pianura. In provincia di Padova è allevata quasi la metà della consistenza totale della razza, in provincia di Vicenza un quarto circa mentre nel Veronese è stata rilevata la presenza di alcune centinaia di capi. Ripartizione percentuale del patrimonio totale di vacche di razza Rendena tra le diverse provincie d allevamento 11

12 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% P a d o v a T r e n t o Accanto a questi soggetti occorre precisare che è stata accertata la presenza di un numero imprecisato di capi Rendeni nelle provincie di Treviso e di Brescia. Nel Veneto, inoltre, sono allevati numerosi meticci, specie con la razza Bruna e con la Frisona, che si attestano sull ordine di alcune migliaia di capi; si consideri a questo proposito che al di fuori della zona di allevamento della razza Rendena vengono utilizzate annualmente circa 2000 dosi di seme di tori Rendeni, prevalentemente per incrocio su vacche da latte delle altre razze. Al libro genealogico sono attualmente iscritti quasi 7000 capi dei quali quasi la metà sono vacche che presentano una ripartizione fra le tre provincie (Verona non ha capi iscritti) non molto diversa da quella del patrimonio totale se non per un incidenza minore di Padova compensata da una più elevata di Trento. Al libro genealogico sono iscritte, infatti, la metà circa delle bovine presenti nelle provincie di pianura ed oltre i tre quarti di quelle del Trentino. Complessivamente il numero di bovine iscritte al libro genealogico e sottoposte ai controlli funzionali è pari al 56% delle vacche Rendene allevate, percentuale che non trova riscontro per nessun altra razza italiana. Tale valore appare decisamente elevato, specie che si considera che, nell insieme di tutte le razze, le bovine controllate rappresentano nel Veneto all incirca il 15% della popolazione totale e che il controllo delle produzioni della razza Rendena ha preso avvio, in questa regione, solo nel A partire da questa data, infatti, il numero di vacche Rendene controllate è più che raddoppiato, e l A.N.A.RE. è attivamente impegnata a far estendere ulteriormente i controlli funzionali alle restanti Rendene non iscritte. V i c e n z a V e r o n a 3.2 L area di allevamento 12

13 Come è stato ricordato nel capitolo relativo ai cenni storici, la razza bovina Rendena è saldamente insediata in due aree di allevamento non contigue e nettamente distinte per condizioni geografico-climatiche e per tipologia degli allevamenti: la Val Rendena e la Conca di Tione nel Trentino, culla di origine della razza, e la zona compresa tra Padova, Vicenza, Bassano del Grappa e l Altipiano dei Sette Comuni nel Veneto, zona di diffusione recente della razza. Alcuni allevamenti con bovini Rendeni e derivati si rilevano, come si è detto, anche nella zona prealpina tra Verona e Brescia, nonché nelle provincie di Treviso e Novara. 3.3 Le produzioni foraggiere Per una razza autoctona e strettamente legata al territorio d allevamento come la Rendena assume una notevole importanza l esame delle produzioni foraggere aziendali, dato il ruolo determinante che queste assumono nel razionamento delle bovine di questa razza e nel condizionare li livello produttivo La Val Rendena e la Conca di Tione I dati della ripartizione colturale dell area interessata alla razza Rendena sono riportati in tabella e mettono in evidenza la vocazione zootecnica silvo- pastorale della Val Rendena e della Conca di Tione; predomina leggermente il bosco sul pascolo ed assieme rappresentano quasi il 100% della superficie agraria forestale utilizzata. Non esistono infatti altre colture a livello di economia di scambio in quanto i seminativi interessano solo prodotti di reimpiego aziendale. Nella realtà si rileva, rispetto al passato, un aumento delle foreste per la trasformazione a bosco di superfici abbandonata di prato- pascolo di proprietà privata. Va anche evidenziata la diminuzione costante delle aree coltivate nel fondo valle, pianeggiante e fertile, l unico adatto allo sviluppo di una foraggicoltura razionale ed intensiva. Dal punto di vista dell utilizzazione foraggiera, il territorio può essere suddiviso nelle seguenti zone: - pascoli d alpe - prati pascoli di mezza montagna - prati e seminativi di fondo valle I pascoli d alpe interessano le malghe e costituiscono l elemento condizionante l attua le economia zootecnica della Val Rendena. L uso del pascolo alpino consente di conseguire carichi aziendali di bovini non sopportabili con le sole dotazioni di foraggio del fondo valle, ma comporta grossi problemi tecnico- organizzativi cui si aggiungono notevoli impegni finanziari. Le malghe interessano la parte più elevata del territorio al limite superiore del bosco, con pascoli che si sviluppano dai 1700 ai 2300 metri. La stagione di pascolo, piuttosto breve, va dalla seconda decade di giugno alla prima di settembre. 13

14 I prati pascoli di mezza montagna hanno perso molto della loro importanza quale anello di congiunzione tra le aziende di fondo valle e le malghe. Molti sono stati abbandonati e rimboschiti, altri vengono falciati ed il fieno trasferito a valle; qualcuno viene ancora utilizzato con il pascolo, alla stessa maniera di un tempo. Dai prati di fondo valle si hanno buone produzioni di foraggio, ricco di leguminose e graminacee di qualità. La stagione vegetativa corta non consente che due tagli, raramente tre, ed è questo il più pesante condizionamento ambientale per la foraggicoltura della zona. Da questi prati e da altre superfici destinate alla coltivazione di erbai e di cereali foraggieri si ricavano le scorte invernali Il Destra Brenta Padovano e Vicentino L altopiano dei Sette Comuni è un unica e continua distesa di prati permanenti e pochi seminativi vengono utilizzati quasi solo per produzioni di autoconsumo (ortaggi, patate, ecc.). nella collina, accanto al prato permanente, si ha una certa presenza di seminativi che vengono destinati prevalentemente alla coltura di mais. La vite ha una sua presenza che è collegata a produzioni di qualità. Nella pianura del Destra Brenta prevale nettamente il prato stabile polifita avvicendato, ma si riscontra anche una certa superficie a mais destinato sia alla produzione di granella che di ceroso da utilizzare fresco o da insilare. L irrigazione consente produzioni notevoli di foraggio di ottima qualità: quattro tagli oltre a un pascolo autunnale e a volte un quinto taglio rappresenta il normale sfruttamento di queste praterie. La produzione di erba per unità di superficie è, in queste zone, veramente notevole variando fra 800 e 100 q/ha per anno in conseguenza dell elevata specializzazione produttiva delle aziende della zona, delle corrette pratiche colturali adottate e delle abbondanti disponibilità di acqua e concimi. La produzione è di solito ripartita per un terzo circa al primo taglio, un quinto ciascuno al secondo, terzo e quarto taglio e per la quota residua al quinto taglio, che non tutti gli anni e in tutte le aziende viene praticato e che spesso viene sfruttato per mezzo del pascolamento. La produzione di sostanza secca raggiunge così i q/ha per anno cui corrispondono elevatissime quantità di proteina (quasi 20 q/ha) e di energia ( unità foraggere latte per ettaro e per anno). Una siffatta intensificazione delle produzioni foraggere è ovviamente il presupposto indispensabile all ottenimento degli elevati carichi di bestiame tipici delle aziende della zona. 3.4 Le aziende Le dimensioni delle aziende e degli allevamenti 14

15 Nell area del Trentino interessata dall allevamento della Razza Rendena prevale la piccola azienda a conduzione diretto- coltivatrice. Il fondo valle presenta un elevato grado di frazionamento, meno marcata nei prati falciabili di monte, che si manifesta con tutti gli aspetti negativi della frammentazione, della polverizzazione e della dispersione. Le aziende zootecniche sono di ridotte dimensioni e solo un limitato numero di gestioni risulta economicamente autosufficente. Le fasce di dimensioni aziendali più rappresentative sono comprese tra 3-5 e 5-10 Ha. Non sono considerati, in questi valori, i pascoli alpini che concorrono in modo consistente ad integrare la disponibilità foraggiera dell allevamento. Le aziende non hanno generalmente salariati e, per conto, numerose sono le aziende condotte a part- time in quanto i componenti della famiglia sono impiegati in altre attività economiche. Nella pianura Veneta la superficie aziendale appare mediamente superiore che nel Trentino e pari a circa 15 Ha.. tenendo conto della distribuzione degli allevamenti di bovine Rendene in base la numero di capi controllati per allevamento è possibile verificare la consistenza dell unità produttive nelle tre provincie considerate. Mentre infatti in provincia di Padova il 63% delle stalle ospita più di 20 capi, nella provincia di Trento quasi il 90% degli allevamenti è inferiore a tale dimensione. La provincia di Vicenza presenta invece una situazione intermedia essendo in attività diversi grossi allevamenti nella pianura irrigua del Destra Brenta e numerose piccole stalle nella fascia collinare e nell altopiano dei Sette Comuni. La razza Rendena presenta una distribuzione degli allevamenti non molto diversa dalla Bruna, a parte una relativa maggior incidenza delle stalle medie e grandi (superiori a 30 vacche) che assommano al 18 del totale della Rendena contro solamente il 6% della Bruna. La Frisona invece è caratterizzata da una presenza nettamente inferiore di stalle piccole e piccolissime e da una maggior numerosità di quelle medie grandi. A questo punto si deve rammentare che, mentre nel caso della Rendena gli allevamenti iscritti al Libro Genealogico sono la maggior parte di quelli esistenti e quindi i dati riportati possono essere considerati rappresentativi dell intera popolazione, nel caso delle due razza cosmopolite, specie nelle provincie Venete, gli allevamenti iscritti costituiscono l élite della razza, mentre la larga maggioranza delle stalle, che non sono iscritte ai Libri Genealogici, sono caratterizzate da una consistenza aziendale molto più limitata (la media è inferiore alle 10 vacche per allevamento). La ripartizione delle vacche controllate in funzione della consistenza di stalla è ovviamente molto diversa da quella degli allevamenti in quanto, pur poco numerose, le stalle di grosse dimensioni allevano una fetta consistente del patrimoni bovino totale. Bisogna inoltre ricordare che in media il 60% circa delle vacche Rendene e Frisone è allevato in allevamenti superiori a 30 capi, mentre tale incidenza è pari solo al 25% per la razza Bruna. Per la Rendena e, in misura minore, per le altre due razze, la situazione delle provincie di pianura si conferma inoltre diversa da quella del Trentino. Mentre infatti in provincia di Padova e di Vicenza l 85% ed il 57%, rispettivamente, delle vacche sono allevate in stalle con più di 30 capi, a Trento tale valore si abbassa al 28% appena. 15

16 Il dato della consistenza media per allevamento ha, ovviamente, un significato abbastanza limitato in quanto nel caso delle razze Rendene e Bruna è fortemente influenzato dalla presenza di molti allevamenti di piccolissime dimensioni, che non hanno, in realtà, che un modestissimo peso nella struttura produttiva zootecnica. Escludendo le stalle con un numero di bovine uguali o inferiori a 5 capi, la consistenza media per allevamento delle due razze di origine alpina arriverebbe infatti quasi a raddoppiare. Si può rilevare che con circa 16 vacche per stalla gli allevamenti di Rendena sono intermedi tra quelli di Bruna (11 capi) e quelli di Frisona (26 capi). La consistenza media subisce notevoli variazioni nelle tre provincie: mentre a Trento la media aziendale è molto limitata e quasi uguale per tutte tre le razze, a Vicenza le due razze alpine, pur essendo allevate in stalle di maggiori dimensioni rispetto a Trento, presentano una consistenza media che è circa la metà di quella della Frisona, a Padova, infine, la dimensione media delle stalle di Rendena supera addirittura quella della Frisona ed entrambe sono nettamente superiori alla Bruna Le strutture aziendali Per quanto riguarda le caratteristiche strutturali degli allevamenti, va innanzitutto ricordato che, secondo dati forniti dalle A.P.A. di Padova e Vicenza e dall Associazione Nazionale Allevatori bovini di razza Rendena (A.N.A.RE.), tutte le vacche di razza Rendena vengono allevate a stabulazione fissa. Anche le stalle, circa un terzo, che sono state costruite recentemente prevedono la stabulazione fissa con disposizione degli animali testa a testa, corsia di alimentazione centrale ed asportazione meccanica del letame. Analogamente per quanto osservato per la struttura fondiaria, anche per le caratteristiche dei ricoveri esiste una differenziazione notevole tra la provincia di Trento da un lato e quelle di Padova e Vicenza dall altro. Mentre nella prima la tipologia costruttiva maggiormente diffusa è ancora quella tradizionale con gli animali tenuti groppa a groppa (80% degli allevamenti) nella provincia di pianura le strutture del tipo più moderno sono prevalenti (69% nel padovano e 61% nel vicentino). Un problema ancora trascurato, spesso anche in pianura, rimane quello della stabulazione del giovane bestiame. Sono ancora poche, infatti, le stalle che prevedono box a stabulazione libera per l allevamento della rimonta. Di conseguenza i vitelli allevati a catena, specie nel Trentino, presentano frequentemente alcuni difetti morfologici (insellatura, cinghiatura, vuoto retroscapolare, deformazioni agli arti, ecc.). Negli allevamenti di maggiori dimensioni è diffusa la mungitura meccanica, adottata dalla totalità delle aziende nella provincia di Padova, dal 95% in quella di Vicenza e dal 70% in quella di Trento, mentre quella manuale è ancora praticata in diverse piccole stalle delle zone montane. Anche considerando il tipo di impianto di 16

17 mungitura si rileva che le attrezzature più moderne sono installate nelle stalle del padovano, con il 65% delle unità che adottano impianti a lattodotto, mentre nelle altre due provincie e particolarmente in quella di Trento sono maggiormente diffusi gli impianti a secchio (78% e 60% rispettivamente). In conclusione appare evidente per gli allevamenti di Rendena uno stretto legame tra superficie aziendale, consistenza dell allevamento e caratteristiche delle stalle e delle attrezzature. Molte aziende della Val Rendena sono ancora a metà strada tra l autoconsumo delle aziende part- time e l impresa zootecnica interessata ad un sempre crescente impiego di mezzi tecnici di produzione e di capitali per le scorte e l anticipazione. La meccanizzazione, anche se ostacolata dalle condizioni ambientali tipiche della montagna, è tuttavia su indici di incremento soddisfacenti ed interessa sia le macchine operatrici, che le attrezzature aziendali (mungitrici, essiccatoi, nastri trasportatori di letame, ecc.). In parallelo vi è una richiesta notevole, non soddisfatta dalle insufficienti disponibilità di mezzi finanziari, sia per quanto riguarda gli investimenti fondiari (realizzazione di nuove stalle e fienili) sia per il credito di esercizio. L altopiano e la collina del Veneto ripetono in parte le condizioni del Trentino, anche se in misura meno accentuata, mentre la pianura si difgferenzia notevolmente. In questa zona, dove le dimensioni aziendali sono più elevate, la meccanizzazione è maggiormente sviluppata e riguarda sia le grandi macchine operatrici, di cui sono dotate tutte le aziende, come le piccole automazioni di stalla. Le strutture fondiarie, per quanto riguarda stalle fienili, sono state rinnovate in quasi tutti gli allevamenti; questi interventi hanno richiesto un notevole impiego di capitali e sono stati sostenuti in parte da interventi pubblici. Il ricorso al credito di esercizio e di conduzione è stato però limitato per la mancanza di stanziamenti adeguati. Ripartizione percentuale degli allevamenti di Rendena secondo la tipologia costruttiva Padova Vicenza Trento Totale Stabulazione Stabulazione fissa: libera Groppa a Testa a Riadattata groppa testa Ripartizione percentuale degli allevamenti di Rendena secondo il tipo di mungitura adottato Mungitura Mungitura meccanica: Manuale Carrello Secchio Lattodotto Sala di mungitura 17

18 Padova Vicenza Trento Totale 3.5 Tecniche di allevamento L organizzazione aziendale Nel Trentino l impresa si è tradizionalmente articolata su tre momenti operativi: il periodo invernale, che viene trascorso in fondo valle dove si registrano le nascite dei vitelli ( da ottobre a dicembre) e dove si realizza il grosso della produzione di latte e la nuova fecondazione delle fattrici ( da dicembre a tutto marzo); il periodo primaverile autunnale nei masi di mezza montagna, ove si utilizzano fieni falciati sul posto l anno prima e si avviano al primo pascolo i giovani animali (da aprile a tutto maggio) e dove si utilizzano i ricacci al ritorno dalla malga (dopo la metà di settembre fino a tutto ottobre); il periodo estivo in malga (da giugno a settembre), mentre in fondovalle e nei masi di mezza montagna si provvede alla preparazione delle scorte di fieno. Tutte le altre attività inerenti all allevamento hanno da sempre ruotato attorno a questo schema, prima fra tutte la stagionatura delle fattrici in modo da realizzare i parti nel periodo autunnale. Attualmente il 50% circa dei parti avvengono per la razza Rendena nei mesi di ottobre e novembre, con una stagionalità più accentuata rispetto alla Bruna e soprattutto alla Frisona (34% e 20% dei parti rispettivamente). Oggi la tecnica di allevamento in Val Rendena si è parzialmente modificata in quanto molti masi di mezza montagna non sono più caricati ed il fieno prodotto viene portato a valle; dalle malghe le mandrie rientrano quindi direttamente alla stalla di fondo valle, tranne qualche rara eccezione. Tra i fatti che hanno provocato tali modifiche ricordiamo: la meccanizzazione che consente trasporti rapidi; la necessità di lavorare il latte in strutture moderne e razionali; le maggiori esigenze sociali degli allevatori ed il crescente benessere generale delle popolazioni rurali. Per la pianura Veneta l alpeggio, anche se oggi in misura minore di un tempo, costituisce ancora uno degli elementi caratterizzanti l organizzazione di molte imprese zootecniche che da giugno a tutto settembre spostano il bestiame rendeno sui pascoli montani. L organizzazione aziendale basata sull alpeggio richiede la stagionalità dei parti, ma per contro assicura un maggior carico di bovini del 30% circa. Le aziende che non si servono più dell alpeggio, o che all alpeggio ci mandano solo il bestiame giovane, non differiscono sostanzialmente, come organizzazione, da 18

19 quelle che allevano altre razze bovine, salvo che la tendenza alla stagionalità delle monte continua a permanere più per tradizione acquisita che per specifica motivazione tecnica L allevamento degli animali L allevamento dei vitelli di razza Rendena non presenta alcuna particolarità. Dopo il periodo colostrale e dopo il primo mese di vita, durante il quale spesso si somministra il latte intero, il vitello viene alimentato per tre- quattro mesi con un sostitutivo del latte. Le piccole aziende, specie in montagna, impiegano più latte intero delle aziende più grandi che sono meglio organizzate per la somministrazione dei succedanei del latte. Lo svezzamento si conclude fra i quattro e cinque mesi d età e non sempre viene effettuato razionalmente. Il passaggio dal latte ai foraggi e ai mangimi viene spesso effettuato senza specifici programmi. Nelle prime settimane di vita i vitelli vengono generalmente legati lungo la corsia di servizio della stalla con tutte le conseguenze negative di carattere funzionale, igienico e sanitario. Nella zona di origine quasi tutte le femmine vengono allevate per la rimonta e solo quelle difettose o non adatte vengono destinate alla produzione di carne; il 10% circa dei maschi viene destinato alla riproduzione mentre tutti gli altri sono allevati per il macello. Nel Veneto si assiste invece ad una consistente vendita di soggetti scolostrati, anche femmine; quelle non vendute vengono tenute in azienda per la rimonta. L alimentazione nella fase post svezzamento è costituita da fieno e da pochi mangimi nel Trentino; da fieno, mais ceroso, mangimi e pascolo nella pianura. In tutte le aziende di montagna e in parte di quelle di pianura le vitelle e le manze vengono inviate all alpeggio. L alimentazione dei vitelloni è quella tipica delle aziende non specializzate e varia soprattutto tra le piccole aziende dove generalmente i piani alimentari sono più lunghi perché di livello nutritivo moderato, e quelle con maggior numero di soggetti dove si adottano regimi alimentari caratterizzati da livelli nutritivi più elevati. L alimentazione delle vacche da latte non differisce da quella delle altre razze allevate nelle stesse condizioni ambientali. Nella zona di montagna e anche in quella collinare prevale l alimentazione con fieno integrato con quantità di mangimi relativamente modeste e pari in media a 2-4 Kg/capo/giorno durante i mesi invernali, mentre in quelli estivi si adotta il pascolo. Nelle aziende di pianura il fieno si alterna con l erba verde dei prati permanenti nella parte irrigua del Destra Brenta, mentre il mais ceroso viene impiegato in alcune aziende non irrigue delle provincie di Padova e Vicenza. L utilizzo del silomais è comunque scarsamente diffuso ed interessa circa il 20 % delle aziende controllate, mentre molti allevatori impiegano, da luglio a settembre, l erbaio rado di mais trinciato e somministrato fresco. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte degli allevamenti conferisce il latte a caseifici che, per la produzione del grana, impongono la non utilizzazione del mais ceroso insilato. 19

La storia della Pezzata Rossa Italiana

La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana (P.R.I.) è costellata di momenti importanti che ne hanno determinato l indirizzo selettivo in risposta alle esigenze dei suoi

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano I terroir delle Alpi per la caratterizzazione e la difesa delle produzioni casearie d alpeggio Torino, Regione Piemonte, 19-20 ottobre 2010 Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia Vengono diffusi oggi i risultati definitivi del 5 Censimento dell agricoltura in Friuli- Venezia Giulia. I dati qui presentati riguardano, in particolare,

Dettagli

Macchine più grandi e con più elettronica

Macchine più grandi e con più elettronica Così i tecnici del Crpa interpretano lo sviluppo della meccanizzazione nella raccolta dei foraggi Foraggicoltura/2 Macchine più grandi e con più elettronica Di questo ed altro abbiamo parlato con alcuni

Dettagli

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA Rabai M., Lugoboni A. DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA - Regione Lombardia Riassunto Gli autori delineano la realtà zootecnica

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI Art. 1 Il presente Disciplinare ha lo scopo di offrire maggiori garanzie sull origine e la provenienza dei bovini da carne, sulle

Dettagli

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Questo lavoro prende in esame le aziende agricole che hanno la propria

Dettagli

Presentazione dei dati definitivi Toscana

Presentazione dei dati definitivi Toscana Presentazione dei dati definitivi Toscana Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Toscana, del 5 Censimento dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano le caratteristiche

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DEL VENETO MEETING REGIONALE DELLA RAZZA : FRISONA ITALIANA SABATO 18 APRILE 2015 AZIENDA AGRICOLA BOTTONA ISIDORO & ADRIANO VIA POSSESSION LOC. BOI PESINA CAPRINO VERONESE

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

AIUTO PER MIGLIORARE IL BENESSERE DEGLI ANIMALI

AIUTO PER MIGLIORARE IL BENESSERE DEGLI ANIMALI AIUTO PER MIGLIORARE IL BENESSERE DEGLI ANIMALI Obiettivo Aiuti a favore di impegni per il benessere degli animali realizzati su base volontaria nel settore bovino ed equino. L intervento contribuisce

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Modenese:Layout 9-07-00 6: Pagina Razza Modenese Bianca Val Padana Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Tradizione Caratteristiche degli animali Produzione di Parmigiano

Dettagli

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi Presentazione dei dati definitivi Valle d'aosta Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Valle d'aosta, del 5 Censimento generale dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano

Dettagli

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda Seconda prova Il candidato, con dati verosimiglianti, elabori il bilancio di previsione di un'azienda agraria ad ordinamento foraggero-zootecnico di media estensione e condotta in economia con salariati.

Dettagli

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA Cenni storici La razza bovina Marchigiana deriva dal bovino dalle grandi corna che giunse in Italia nel anno 500 d.c. a seguito delle invasioni barbariche. Inizialmente nelle

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE NOTIZIARIO DOCUMENTI Alessandro Corsi Università degli Studi di Torino Dipartimento di Economia S. Cognetti de Martiis AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE ab agricoltura biologica L Agricoltura biologica

Dettagli

Prima parte del quesito :

Prima parte del quesito : Il candidato facendo riferimento ad un contesto aziendale di propria conoscenza, descriva un azienda agraria ad indirizzo cerealicolo-zootecnico condotto da un proprietario capitalista. Utilizzando poi

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

L'agricoltura biologica

L'agricoltura biologica Testo della carta N 105 L'agricoltura biologica Bio è meglio? L'agricoltura biologica viene considerata generalmente la forma di produzione che meglio si adatta all'ambiente. L'obiettivo è un circuito

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Dati censuari e agricoltura professionale in Trentino*

Dati censuari e agricoltura professionale in Trentino* Marzo 2014 Dati censuari e agricoltura professionale in Trentino* Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta un analisi approfondita dei dati rilevati attraverso il 6 Censimento

Dettagli

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio Macomer 19 Novembre 2008 Giornata divulgativa Progetto Equizoobio Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio N. Fois, M. Sitzia AGRIS DiRPA Bonassai

Dettagli

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Al meeting nazionale della razza il Centro genetico Anaborapi ha presentato i risultati delle ricerche per il miglioramento dei capi. E ha proposto un regime

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Indagine 2006 Redazione a cura della Direzione Mercati e risk management Executive Summary L analisi dei costi di produzione del

Dettagli

PIEMONTE: SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI

PIEMONTE: SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI PIEMONTE: SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI Maggio 2013 A cura di Davide Abellonio, studio Finanza e Impresa, www.finanzaeimpresa.eu PSR 2007/2013 - Misura 211. Contributo a fondo perduto sotto

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2007 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SULL ACQUISTO DI GIOVANE

Dettagli

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che nessun'altra razza bufalina riesce ad avere. Per questo motivo

Dettagli

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

LE VACCHE DI LESTIZZA,

LE VACCHE DI LESTIZZA, Imp_6_2003.qxd 26/02/2004 10.24 Pagina 37 Romeo Cuzzit Direzione Regionale delle Risorse Agricole,Naturali e Forestali Gianluca Dominutti Direzione regionale Sviluppo, Programmazione e Auditing LE VACCHE

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA CADEI ZENO

AZIENDA AGRICOLA CADEI ZENO AZIENDA AGRICOLA CADEI ZENO Sede legale e produttiva: Via Campone, 12, Endine Gaiano (Bg) Telefono: 035827383 Conduttore: Cadei Zeno Età: 38 Il conduttore non è a titolo principale. Nessun lavorante in

Dettagli

MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia

MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia DATI DI CONTESTO Il territorio Il territorio regionale, pari a 23.862 kmq, è caratterizzato da una compresenza di aree montuose (40,5%)

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A ALLEGATO A Disciplina della riproduzione animale. Applicazione in sede regionale del decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, 19 luglio 2000, n. 403 Approvazione del nuovo regolamento

Dettagli

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone)

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) IL TERRITORIO I paesi alpini in Europa sono sette: Italia, Francia, Austria, Germania, Slovenia,Croazia. Completamente all interno delle Alpi troviamo la Svizzera, l Austria

Dettagli

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo EURECA Cryoconservation WP2 Italia Rapporto riassuntivo In Italia sono presenti 23 razze locali con meno di 6500 bovine, tra queste 12 hanno meno di 1000 bovine (Tabella 1). Secondo la classificazione

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA CAPITOLO I Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE La selezione dei bovini della razza Grigio Alpina ha lo scopo di produrre soggetti precoci

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 PSR 2007-2013 della Regione Piemonte: misura 214 Pagamenti agroambientali - Campagna 2010. Presentazione domande di pagamento per le

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA - CLUSONE

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA - CLUSONE COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA - CLUSONE Progetto sperimentale di valutazione del miglioramento della popolazione equina in Val Seriana Incremento e gestione patrimonio riproduttori Premesse Con Legge

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Organismi di Controllo le razze bovine alimentazione sistema di produzione sostenibile

Organismi di Controllo le razze bovine alimentazione sistema di produzione sostenibile L allevamento delle bovine da secondo metodo biologico segue le indicazioni definite nella normativa comunitaria (Reg. CE 2092/91, Reg. CE 1804/99, Reg. CE 834/07, Reg CE 899/08) integrata da successivi

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

Riforma della PAC Aiuti Diretti. CIA di Treviso - Working Progress - Ultimo Aggiornamento Fine Ottobre Riproduzione Vietata

Riforma della PAC Aiuti Diretti. CIA di Treviso - Working Progress - Ultimo Aggiornamento Fine Ottobre Riproduzione Vietata Riforma della PAC Aiuti Diretti Europa 2020 Aiuti diretti Quadro finanziario Pluriennale (QFP) per l Italia 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 TOTALE 3953,3 3902,0 3850,8 3799,5 3751,9 3704,3 3704,3 26.666,38

Dettagli

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ ',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ VALUTAZIONE GENETICA IN STAZIONE PER LA PRODUZIONE DI CARNE ART. 1 Come previsto dalle Norme Tecniche, la Rendena

Dettagli

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte L IMPRONTA ANIMALE Valutazione dell Impatto Ambientale della Zootecnia Fiera Agricola - Verona. 3 Febbraio 2012 Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte G.Matteo Crovetto Alberto Tamburini DSA Università

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

Analisi strutturale del settore agricolo ticinese

Analisi strutturale del settore agricolo ticinese Analisi strutturale del settore agricolo ticinese Versione del 16 aprile 214 Christian Flury, Gianluca Giuliani e Ramona Rudolf von Rohr Flury&Giuliani GmbH Agrar- und regionalwirtschaftliche Beratung

Dettagli

La Toscana al 6 Censimento Generale

La Toscana al 6 Censimento Generale na regione Toscana ilità diritti Valori innovazione sostenibilità La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati Provvisori La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati

Dettagli

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI Cap. I Prodotti della Zootecnia a) Bovini da vita, da latte, da macello Sommario COMMERCIO DEL BESTIAME BOVINI Art. 1 - Forma del contratto. Art. 2 - Termini e condizioni

Dettagli

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Nel 21, secondo i risultati del 6 Censimento Generale dell Agricoltura, il settore olivicolo conta 92.75 aziende, in flessione del 19% circa

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale generale, alla direzione dell unità agricola, iii) in altra forma di condizione esempio compartecipanti quando individualmente alcuni soggetti si obbligano a coltivare in compartecipazione un terreno altrui

Dettagli

L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco

L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Direttore Generale Prof. Ezio

Dettagli

Misura n.2: Insediamento dei giovani agricoltori (art.8)

Misura n.2: Insediamento dei giovani agricoltori (art.8) Misura n.2: Insediamento dei giovani agricoltori (art.8) Scheda tecnica descrittiva della misura: 1. Titolo della misura: Insediamento dei giovani agricoltori 2. Sottoasse: n. 1 3. Durata: 7 anni (2000

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI Premessa Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha invitato le Regioni alla stesura di un proprio programma che s inserisse all interno di un piano nazionale, denominato

Dettagli

Bovini d Allevamento dall Austria

Bovini d Allevamento dall Austria RINDERZUCHT AUSTRIA Bovini d Allevamento dall Austria ZAR - Associazione nazionale allevatori bovini austriaci Grazie alle condizioni naturali di produ zione l industria zootecnica austriaca vanta una

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

la newsletter degli allevatori n. 11 NOVEMBRE 2013 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG BCC CREDITO COOPERATIVO

la newsletter degli allevatori n. 11 NOVEMBRE 2013 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG BCC CREDITO COOPERATIVO la newsletter degli allevatori n. 11 NOVEMBRE 2013 - eriodico dell ssociazione llevatori del FV sommario Rigutto nadal IT021001371987 ID 991 RK 97 nadal 100% MONTBELIRDe MMMELL 120 LTTE + 868 K EMILIO

Dettagli

Costi di produzione del latte bovino in Veneto (2013)

Costi di produzione del latte bovino in Veneto (2013) Sommario Costi di produzione del latte bovino in Veneto (2013)... 3 1. Le tipologie di allevamenti da latte prevalenti in Veneto... 3 2. Il costo di produzione del latte in Veneto: metodologia... 5 2.1

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

Sono efficaci i finanziamenti pubblici a favore degli alpeggi?

Sono efficaci i finanziamenti pubblici a favore degli alpeggi? CONVEGNO La gestione pianificata degli alpeggi nell arco alpino 13-14 settembre 2013; Grugliasco (TO) - Valgrisenche (AO) Sono efficaci i finanziamenti pubblici a favore degli alpeggi? Geremia Gios Direttore

Dettagli

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012.

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. Allegato Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. La selezione ed il miglioramento genetico hanno un significato economico, assumendo un carattere strutturale

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico p Tipologie del mercato bovino Allevamento suino Mangimi prestarter Benessere nell'allevamento suino Piatto unico: ph ruminale Caratteristiche

Dettagli

Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA

Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA Art. 1 Il marchio CARNE PODOLICA - BASILICATA è riservato alla carne bovina, prodotta da animali provenienti da allevamenti della Basilicata,

Dettagli

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO Per lo stato di salute dell animale Esame generale Auscultazione cuore e intestino Controllando: Esami del sangue Temperatura e peso Bocca

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Modifiche delle direttive giusta l assemblea dei delegati

Modifiche delle direttive giusta l assemblea dei delegati Modifiche delle direttive giusta l assemblea dei delegati del 14.4.2010 Commercio equo in Svizzera: cap. 9, art. 9.1.1 a 9.5.2 Assortimento Gemma: art. 1.3.2 a 1.3.6, art. 6.1.4 Stabulazione fissa di bovini

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

Notizie Sull'Azienda

Notizie Sull'Azienda Notizie Sull'Azienda Forma di conduzione Distribuzione percentuale della Forma di Conduzione (regione Abruzzo) % delle aziende con Conduzione diretta del coltivatore con solo manodopera familiare % delle

Dettagli

Area di applicazione Tutto il territorio della Regione Liguria.

Area di applicazione Tutto il territorio della Regione Liguria. Disposizioni tecniche e procedurali per la presentazione delle domande di pagamento relative ad un impegno quinquennale aperto a valere sulla misura 214 Pagamenti agroambientali del PSR 2007-2013 annualità

Dettagli

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 IL SUINO (filogenesi) ORDINE: SOTTORDINE: FAMIGLIA: GENERE: SPECIE: Artiodattili Suiformi Suidae Sus Sus scrofa

Dettagli

EMbio Sas // via Althing 41 // 39031 Brunico (BZ) // tel: 0474-530222 // web: www.microrganismi-efficaci.it // info@embio.it

EMbio Sas // via Althing 41 // 39031 Brunico (BZ) // tel: 0474-530222 // web: www.microrganismi-efficaci.it // info@embio.it Massimo rendimento delle mucche da latte possibilmente con il minimo stress Contraddizione o realtà? Relazione nell ambito della conferenza EM a Olten (CH), ottobre 2004 Dipl. Ing. Agr. ETH Ueli Rothenbühler

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Programma d'esame CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 166 del 17-12-2013 41605 LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario, forestale e zootecnico. IL

Dettagli

ALTRI ATTI COMMISSIONE

ALTRI ATTI COMMISSIONE 24.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 320/27 ALTRI ATTI COMMISSIONE Pubblicazione di una domanda di modifica, a norma dell'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio,

Dettagli

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere SIMULAZIONE DI DUE SCENARI POSSIBILI Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere di Danluigi Bertazzi, Angelo Frascarelli Il settore del latte oggi è diventato molto più competitivo

Dettagli

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario.

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario. CASO DI STUDIO La società AG è stata costituita il 2 gennaio 2010, con capitale sociale di L. 400 mila euro interamente sottoscritto dalla holding del gruppo Aldegheri, operante nel settore agro-alimentare.

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1 DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE Art.1 1. Ai sensi dell articolo 3 della Legge 15 gennaio 1991 n. 30 sulla disciplina della riproduzione animale, il libro Genealogico

Dettagli

Dalla Limousine qualità efficienza e tornaconto

Dalla Limousine qualità efficienza e tornaconto Dalla Limousine qualità efficienza e tornaconto L interesse zootecnico e le potenzialità di questa razza di MATTEOBIANCARDI( 1 ) CARLOANGELOSGOIFOROSSI( 2 ) La nazionale della Limousine a Cremona è certamente

Dettagli

DOCUMENTO UNICO REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO «PIAVE» N. CE: IT-PDO-0005-0686-04.03.2008 IGP ( ) DOP ( X )

DOCUMENTO UNICO REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO «PIAVE» N. CE: IT-PDO-0005-0686-04.03.2008 IGP ( ) DOP ( X ) C 234/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.9.2009 Pubblicazione di una domanda a norma dell articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio, relativo alla protezione delle

Dettagli

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio INDAGINE PROMOSSA DAL CONSORZIO LATTIERO-CASEARIO DI VICENZA CON IL CRPA Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio La scarsa propensione degli allevatori ad aggregarsi è il punto

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALLEVATORI DEL CAVALLO RAZZA HAFLINGER ITALIA

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALLEVATORI DEL CAVALLO RAZZA HAFLINGER ITALIA ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALLEVATORI DEL CAVALLO RAZZA HAFLINGER ITALIA Ufficio Centrale del Libro Genealogico FIRENZE DISCIPLINARE DELLE MOSTRE UFFICIALI DI LG E DEL RADUNO/MERCATO CONCORSO SATLLONI VALIDO

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 Région Autonome Vallée d Aoste Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 ALLEGATO 3: PIANO AZIENDALE (DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO MISURA

Dettagli

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi PAC 2014-20202020 L agricoltura italiana verso il futuro I NUMERI La dotazione assegnata all Italia è di circa 52 miliardi di euro, in 7 anni. Circa 27 miliardi di euro totali (circa 4 miliardi di euro

Dettagli