UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE"

Transcript

1 UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE DELLA VALLE DEL CHIESE A cura di Vincenzo Bertozzi Ottobre 1999

2 Il territorio L area della Valle del Chiese comprende 15 comuni e precisamente: Bersone, Bondo, Bondone, Brione, Castel Condino, Cimego, Condino, Daone, Lardaro, Pieve di Bono, Praso, Prezzo, Roncone, Storo e Tiarno di Sopra. Soltanto il comune di Tiarno di Sopra non appartiene geograficamente ed amministrativamente al comprensorio delle Valli Giudicarie, ma è aggregato agli altri comuni della Valle del Chiese in quanto vanta una parte del proprio territorio nel bacino imbrifero del Chiese. Si tratta di una tipica valle di montagna che si estende da Bondo al Lago d Idro, nel Trentino occidentale. E caratterizzata da un fondovalle piuttosto stretto nella prima parte, da Bondo a Condino, e successivamente si allarga a formare la piana di Condino e Storo La superficie complessiva della Valle è di poco inferiore ai 439 kmq. e rappresenta circa il 7% della superficie provinciale. L altitudine delle abitazioni varia dai 409 metri del comune di Storo agli 893 metri del comune di Brione, con un 20% circa della popolazione che risiede oltre gli 800 metri. I comuni non appaiono particolarmente frazionati sul territorio: la maggior parte di essi risulta costituita da non più di 3 centri o nuclei abitati, soltanto nei comuni di Pieve di Bono e Storo il territorio è suddiviso in 6 località abitate (rispetto ad una media provinciale di 5 località abitate per comune). Quello della frammentarietà dei comuni sul territorio è certamente un aspetto da non trascurare, in considerazione anche della fornitura efficiente di molti servizi.

3 La popolazione residente Alla fine del 1998 la popolazione residente nella Valle del Chiese ammontava a persone e corrispondeva al 2,9% della popolazione provinciale. Nell arco di tempo intercorso tra il primo censimento del dopoguerra (1951) e l ultimo del 1991 la popolazione della Valle del Chiese ha avuto un andamento dapprima crescente, nel decennio , per poi tornare a valori prossimi a quelli del 1951, con un incremento complessivo nel quarantennio pari soltanto al 4%. Soltanto negli ultimi anni si è assistito ad una ripresa demografica più marcata, con un tasso di incremento pari al 3,7% nel periodo Diversa è apparsa la dinamica demografica negli stessi periodi a livello provinciale, dove tra il 1951 ed il 1991 la popolazione è cresciuta del 14%, mentre nel periodo l incremento è stato pari al 4,5%. Le variazioni non sono state ovviamente omogenee in tutti i comuni della Valle, ma a fronte di alcuni comuni che hanno visto ridurre considerevolmente, nell arco di tempo intercorso tra il 1951 e il 1998, la propria popolazione Castel Condino (-46%), Brione (-37%), Prezzo (-34%), ve ne sono alcuni nei quali si è assistito ad un consistente incremento demografico Storo (+42%), Tiarno di Sopra (+27%). I tassi demografici nel triennio Per interpretare l andamento della popolazione nel tempo è necessario tenere presente che la sua dinamica è la risultante di un complesso di fenomeni naturali, come le nascite e le morti, oltre che di fenomeni sociali di mobilità della popolazione definibili come flussi migratori di iscrizione e di cancellazione anagrafica. Il rapporto tra queste quattro variabili e la popolazione residente ci 3

4 permette di costruire dei tassi demografici in grado di spiegare il contributo di ogni fattore alla dinamica demografica. Limitando l analisi solo al periodo più recente, contraddistinto da una crescita demografica relativamente consistente nella Valle (l aumento della popolazione in sette anni è sostanzialmente uguale a quello registrato nell arco di un cinquantennio) e nella maggior parte dei comuni che la compongono, si nota, innanzitutto, che il tasso di natalità è pari a 10,3 nati ogni mille abitanti ed è uguale all analogo tasso calcolato a livello provinciale. Molto simili risultano anche i tassi di mortalità: 9,9 morti ogni mille abitanti in Valle del Chiese, rispetto ai 9,7 morti ogni mille abitanti nell intera provincia. La differenza tra la natalità e la mortalità determina il saldo naturale. Lo stesso risulta positivo anche se assai prossimo allo zero: risulta infatti pari allo 0,4 per mille abitanti, a fronte di un saldo naturale pari allo 0,6 per mille abitanti a livello provinciale. Ciò significa che il movimento naturale positivo (esubero delle nascite rispetto ai decessi) incide sull incremento demografico della Valle in termini assai modesti ed in modo simile a quanto avviene a livello di intera provincia. Questo risultato medio moderatamente positivo per la Valle del Chiese impone una attenta lettura degli stessi indici a livello comunale: sono infatti ben 8 i comuni con saldo naturale negativo, ovvero con un numero di decessi nel triennio superiore al numero delle nascite. Situazioni di questo tipo possono diventare pericolose nel lungo periodo per le conseguenze sociali ed economiche che possono derivare da un costante decremento ed invecchiamento della popolazione, non contrastato, almeno in parte, da un saldo migratorio positivo. L incremento della popolazione è spiegato, infatti, solo in parte dalla dinamica dei fenomeni naturali: su di esso incidono infatti anche gli aspetti sociali rappresentati da immigrazione ed emigrazione. Entrambi questi tassi risultano abbastanza contenuti in Valle del Chiese, rispetto a quanto avviene a livello provinciale, con 17,4 iscritti nelle anagrafi dei comuni della Valle ogni 4

5 mille residenti e 14,6 cancellati ogni mille residenti. Il saldo migratorio (differenza tra iscritti e cancellati) risulta pertanto positivo e pari a 2,8 per mille abitanti, rispetto ad un tasso pari a 5,7 per mille abitanti registrato a livello provinciale. La lettura combinata di questi indici mostra che sia la Valle del Chiese che la provincia nel suo complesso devono l incremento della popolazione registrato nell ultimo periodo sia agli aspetti naturali che a quelli sociali. Premesso che, come visto, nella Valle del Chiese il tasso di incremento della popolazione è risultato negli ultimi anni più modesto di quello registrato a livello provinciale, in entrambe le aree è prevalente l apporto derivante dall esubero delle iscrizioni rispetto alle cancellazioni anagrafiche, e quindi la popolazione aumenta soprattutto per effetto delle immigrazioni dal resto dell Italia e dall estero, piuttosto che per effetto di un esubero delle nascite rispetto ai decessi. Possono destare qualche preoccupazione comuni come Daone o Pieve di Bono, caratterizzati da un saldo naturale negativo a cui si associa un saldo sociale negativo, con una perdita di popolazione difficile da contrastare. La popolazione per classi di età Il diverso peso che i fattori naturali (nascite e decessi) e sociali (iscrizioni e cancellazioni) hanno nel determinare la dinamica della popolazione si riflette anche sulla struttura per età della popolazione stessa. Se è vero che il saldo naturale nella Valle del Chiese è moderatamente positivo, è anche vero che in alcuni comuni tale tasso è decisamente elevato e molto superiore alla media provinciale. Questo tasso, accompagnato da un tasso di immigrazione elevato e da un tasso di emigrazione modesto, determina una struttura della popolazione della Valle del Chiese relativamente più giovane rispetto a quella della provincia. La popolazione fino a 14 anni incide nella Valle per circa il 16% a fronte del 14,7% dell intera provincia. Anche la fascia di età compresa fra i 15 ed i 19 5

6 anni è maggiormente rappresentata in Valle del Chiese, mentre, ovviamente, nelle altre fasce centrali ed anziane l incidenza relativa è superiore in provincia. Alcuni indicatori demografici Alcuni semplici indicatori possono aiutare a capire meglio la struttura per età della popolazione e le peculiarità della Valle del Chiese rispetto alla situazione media provinciale. Innanzitutto l indice di vecchiaia, vale a dire il rapporto percentuale tra la popolazione con 65 anni e oltre e quella tra 0 e 14 anni, è un indicatore che permette di apprezzare l incidenza della popolazione, convenzionalmente definibile come anziana, su quella giovane. I valori superiori a 100 denotano uno squilibrio, nel senso di un maggior peso degli appartenenti alla cosiddetta terza età. Questo indicatore rimarca in modo molto esplicito quanto notato in precedenza, ovvero che la struttura per età della popolazione è relativamente più giovane in Valle del Chiese rispetto alla situazione provinciale. Altro indicatore comunemente utilizzato è l indice di sostituzione o di ricambio, vale a dire il rapporto tra coloro che stanno per uscire dalla popolazione attiva (classe di età anni) e coloro che stanno per entrarvi (classe di età anni), restando inteso che valori intorno al 100 per cento rappresentano una situazione di perfetto equilibrio. Logicamente bisogna considerare che l indice di ricambio si basa esclusivamente sulla struttura per età della popolazione, senza tener conto delle complesse dinamiche sottostanti il mercato del lavoro. Il valore assunto dalla Valle del Chiese è molto prossimo al 100 e ciò fa pensare alla possibilità di un collocamento abbastanza agevole della forza lavoro all interno della Valle. Il valore appare marcatamente inferiore rispetto al dato medio provinciale, ma su questo risultato influisce in modo significativo la situazione di alcuni comuni, in particolare Tiarno di Sopra, Roncone, Brione, in cui la presenza dei giovani è decisamente superiore a quella degli anziani. 6

7 Infine l indice di carico sociale: esso esprime, in termini percentuali, la parte di popolazione che in linea del tutto teorica dipende, perché giovanissima o anziana, da coloro che sono in età lavorativa. Va da sé che l indice viene perturbato dalle convenzioni sociali di un paese e dal suo grado di sviluppo, sia per fenomeni di precoce pensionamento sia per il protrarsi degli anni di studio o delle difficoltà occupazionali, per cui l area delle persone non autonome finisce, in realtà, per essere diversa. Nel 1998 il dato relativo alla Valle del Chiese appare positivo e pari al 49,3%: ne deriva che la quota di popolazione cosiddetta a carico (giovanissima o anziana) è circa la metà di quella in età lavorativa. Molto simile è il dato provinciale, pari al 48,1%. Il patrimonio abitativo I dati censuari sulle abitazioni, raccolti nel 1991, mostrano con evidenza come il patrimonio edilizio della Valle del Chiese sia affetto da una vetustà maggiore di quella che contraddistingue l intera provincia. Circa il 60% delle abitazioni è stato infatti realizzato prima del 1945 mentre poco più del 6% è stato realizzato nel decennio A livello provinciale le abitazioni costruite prima del 1945 sono il 41% mentre quelle costruite tra il 1981 e il 1991 sono poco meno del 10%. Da rilevare che sul totale delle abitazioni costruite prima del 1945 in tutta la provincia, quelle della Valle del Chiese rappresentano quasi il 4%. Non molto diversa appare la situazione con riferimento alle sole abitazioni occupate, sia per quanto riguarda la distribuzione interna alla Valle del Chiese, sia per quanto riguarda il rapporto con la provincia. Ancora più vetusto appare invece il patrimonio abitativo con riferimento alle sole abitazioni non occupate. Esse rappresentano il 37,5% dell intero patrimonio abitativo della zona, rispetto ad un valore medio provinciale pari al 35,1%. Tra questa tipologia di abitazioni quelle costruite prima del 1919 sono oltre il 42% e quelle realizzate prima del 1945 sono oltre il 61%, a fronte di un 7

8 dato provinciale pari rispettivamente al 33% e al del 40,5%. Viceversa, quelle costruite negli ultimi anni sono meno del 7%, contro una media provinciale superiore al 10%. Interessante a questo punto osservare la distribuzione delle abitazioni non occupate per motivi della non occupazione. Circa il 70% non sono occupate perché vengono utilizzate per vacanza, con punte superiori all 80% nei comuni di Bersone, Castel Condino, Daone, Tiarno di Sopra, mentre circa il 20% delle abitazioni non viene in alcun modo utilizzata. Circa l 11,5% delle abitazioni non occupate viene periodicamente utilizzata per lavoro, studio o altri motivi. Il raffronto del dato medio provinciale mostra una distribuzione dei motivi della non occupazione sostanzialmente analoga a quella della Valle del Chiese. Le nuove realizzazioni e le ristrutturazioni Nel periodo le abitazioni realizzate in nuove costruzioni hanno avuto in Valle del Chiese, come del resto in tutta la provincia, un andamento piuttosto altalenante. In complesso, negli anni considerati, sono state realizzate nella Valle del Chiese 129 nuove abitazioni, con una media di 22 nuove abitazioni all anno (i dati relativi al 1997 devono tuttavia considerarsi ancora provvisori ed incompleti). L attività edilizia della Valle appare comunque di entità abbastanza trascurabile, se si considera che essa rappresenta circa l 1% dell attività edilizia provinciale. In termini di incremento del patrimonio abitativo, l attività edilizia sviluppata negli ultimi sei anni ha rappresentato per la Valle del Chiese un incremento del 2,7%, a fronte di un aumento registrato nello stesso periodo a livello provinciale pari al 7,6%. Anche rispetto alla popolazione residente l incremento abitativo è stato contenuto, con meno di 10 nuovi alloggi ogni abitanti, rispetto ai 27 nuovi alloggi ogni abitanti realizzati nella 8

9 Negli ultimi anni si è proceduto non solo alla realizzazione di nuove abitazioni, ma anche alla ristrutturazione di quelle esistenti che, come detto, presentano un indice di vetustà piuttosto elevato. Attraverso interventi di risanamento sono state recuperate alcune delle vecchie abitazioni e sono stati ottenuti anche nuovi alloggi. Mediamente, attraverso questi interventi, si sono ottenuti circa 23 nuovi alloggi all anno nella zona della Valle del Chiese, che corrispondono al 2,3% circa dell attività di recupero registrata per l intera provincia. Rispetto al patrimonio abitativo esistente l incremento di alloggi ottenuto attraverso le ristrutturazioni rappresenta all incirca il 3%, non molto inferiore all incremento registrato a livello provinciale (3,6%). La popolazione attiva In occasione dell ultimo censimento generale della popolazione (ottobre 1991) i residenti attivi in condizione professionale (occupati e disoccupati) in Valle del Chiese ammontavano a unità, pari al 40,9% del totale della popolazione, una percentuale inferiore di circa un punto percentuale a quella provinciale (41,8%). Interessante notare la distribuzione della popolazione attiva per ramo di attività economica, in quanto marcatamente diversa per le due aree di raffronto. L agricoltura, spina dorsale di ogni economia nel passato, negli ultimi cinquant anni ha subito in Valle del Chiese colpi durissimi in favore dell industria e dei servizi. L economia della valle ha vissuto infatti negli ultimi anni uno sviluppo prettamente industriale, anche se la maggior parte delle imprese industriali ed artigiane lavora per conto di imprese esterne. Nei tre poli di Storo, Darzo e Condino, con appendici a Pieve di Bono e a Roncone, si sono concentrate decine di piccole e medie aziende, che danno lavoro a migliaia di residenti. Solo a partire dagli anni Ottanta l agricoltura è stata in parte recuperata, grazie anche allo sviluppo delle colture minori. 9

10 In termini percentuali nel 1991 risultava occupato in agricoltura il 4% della popolazione attiva rispetto al 53% della popolazione occupata nel settore industriale. Il resto della popolazione risultava occupata per il 17% nel settore commerciale e per il 26% in quello dei servizi, pubblici e privati. Il confronto con gli analoghi dati letti a livello provinciale mostra la maggiore occupazione nel settore industriale in Valle del Chiese (53 occupati ogni cento, rispetto ai 33 occupati ogni cento rilevati a livello provinciale), a scapito dell occupazione nel settore terziario, sia del commercio che dei servizi. Nell analisi di dettaglio spiccano le situazioni dei comuni di Bondone, Daone e Storo, nei quali la percentuale di occupati nel settore secondario è uguale o superiore al 60%. L agricoltura Nella Valle del Chiese l agricoltura negli ultimi decenni ha perso decisamente importanza, soppiantata da uno sviluppo artigianale ed industriale di grandi proporzioni. Non si trattava di una agricoltura ricca, ma di una tipica agricoltura di montagna, povera, quasi di sussistenza. Secondo i dati dell ultimo censimento generale dell agricoltura ( ), i terreni agricoli e boschivi della Valle del Chiese si estendono per ettari, pari al 67,9% della superficie complessiva della Valle ed al 6,2% della superficie agricola e boschiva dell intera provincia. Poco meno del 60% della superficie agricola e forestale della Valle del Chiese risulta a bosco, mentre la superficie agricola utilizzata risulta pari al 34%. A livello provinciale le corrispondenti superfici ammontano rispettivamente al 61% ed al 31%. La maggior parte (97%) della superficie agricola utilizzata della Valle del Chiese, che rappresenta la superficie investita ed effettivamente utilizzata in coltivazioni propriamente agricole, risulta costituita da prati permanenti e pascoli, situati per lo più ad alte quote, disseminati di case sparse, fienili di montagna e malghe. Sono invece estremamente modeste (rispettivamente

11 e 71 ettari) le superfici occupate da seminativi e da coltivazioni legnose agrarie. Tra le produzioni, da segnalare il grano, le fragole ed il castagno, coltura tipica della zona. Le aziende agricole presenti sul territorio della Valle del Chiese ammontano in occasione dell ultimo censimento dell agricoltura a e rappresentano il 3,5% delle aziende censite in tutta la provincia. La presenza di grandi estensioni di prati permanenti e pascoli determina una superficie media delle aziende circa doppia rispetto al valore provinciale. Se infatti in tutta la provincia la superficie agricola utilizzata media è pari a 4,2 ettari, nella Valle del Chiese questo valore diviene pari a 8 ettari. Non dimentichiamo, tuttavia, che la superficie investita da seminativi o colture legnose agrarie è, nella Valle, appena superiore ai 315 ettari, ripartita su aziende. L industria La struttura industriale della Valle del Chiese risulta costituita alla rilevazione censuaria del 1996 da 321 unità locali con addetti. Il peso percentuale rispetto al complesso della provincia è pari al 3,5% per quanto riguarda le unità locali, mentre è più rilevante per quanto riguarda gli addetti, che pesano per il 4,6%. Il settore secondario, caratterizzato dalla presenza di unità locali operanti per conto di imprese esterne alla provincia, ha subito nel corso degli ultimi anni contrazioni in termini sia di strutture produttive che di occupazione. Nell arco delle due ultime rilevazioni censuarie, ovvero nel periodo , le unità locali del settore si sono ridotte quasi del 17%, con un conseguente calo degli addetti superiore all 1%. Nello stesso periodo a livello provinciale le strutture produttive del settore secondario sono diminuite di poco meno del 12%, a cui ha fatto riscontro una perdita di occupazione pari al 2%. I settori maggiormente penalizzati in termini di strutture e di occupazione sono stati quelli dell estrazione dei minerali e della produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua. Per quanto riguarda, invece, il 11

12 settore manifatturiero, a fronte di una perdita di unità locali pari a circa il 5%, si è assistito ad un aumento dell occupazione prossimo al 3%, con una ristrutturazione del settore che ha visto aumentare la dimensione media delle imprese. Attualmente le principali attività si concentrano nel settore manifatturiero e nel settore delle costruzioni, che insieme rappresentano il 98% delle unità locali ed il 97% degli addetti della Valle del Chiese. Tra le principali attività manifatturiere si segnalano l industria meccanica e l industria del legno e dei prodotti in legno. Il fiume Chiese ha caratterizzato nel tempo lo sviluppo economico della Valle, fornendo l acqua per l irrigazione o l energia motrice per le imprese artigiane. L avvento dell energia elettrica ha segnato la svolta definitiva nell utilizzo delle acque del fiume e ha inciso nell assetto produttivo della Valle, favorendo la nascita di alcune imprese operanti nel settore della produzione e distribuzione di energia elettrica, che oggi vedono occupati circa 60 addetti. Considerando gli aspetti strutturali delle imprese, per la maggior parte si tratta di piccole e medie imprese. Soltanto 39 imprese della Valle del Chiese hanno una struttura occupazionale superiore ai 10 dipendenti e sono variamente distribuite nei diversi comuni della valle, con maggiori concentrazioni nella zona di Storo (20 imprese) e di Condino (9 imprese). Il fatto che anche la struttura produttiva provinciale sia caratterizzata dalla piccolamedia impresa fa si che le aziende della Valle del Chiese abbiano un peso non trascurabile nel contesto produttivo provinciale: esse rappresentano poco meno del 7% delle imprese da 11 a 20 dipendenti e circa il 22% delle imprese tra 21 e 50 dipendenti. Il terziario La struttura del settore terziario della Valle del Chiese, così come risulta dal censimento intermedio dell industria del 1996, appare abbastanza diversificata, sia in termini di unità locali che di addetti. Essa si compone di

13 unità locali e addetti che pesano, rispetto al contesto provinciale, rispettivamente per il 2% e per l 1,4%. Anche il settore del terziario (1) ha subito negli ultimi anni consistenti contrazioni sia in termini di unità produttive che di occupazione. Nel periodo le unità locali del settore si sono infatti ridotte di oltre il 26%, mentre gli addetti sono calati del 10,4%; contemporaneamente, in provincia, le unità locali si sono ridotte del 12%, a fronte di un aumento dell occupazione pari all 8,3%. Praticamente tutti i rami del settore terziario sono stati interessati da questa drastica contrazione, ad eccezione delle attività immobiliari, dell informatica e della ricerca, che hanno visto aumentare sia gli addetti che le unità locali (rispettivamente +30,1% e +17,2%) e le attività di intermediazione monetaria e finanziaria, che a fronte di una caduta delle unità produttive (-18,2%) hanno fatto segnare un aumento dell occupazione superiore al 9%. Attualmente la quota maggiore di unità locali e addetti la si rileva in corrispondenza del settore del commercio all ingrosso, al dettaglio e delle riparazioni, in corrispondenza del quale troviamo il 38% delle unità locali ed il 33% degli addetti del settore terziario della Valle. La presenza di attività di servizio risulta inferiore alla media provinciale se si confrontano i rapporti tra esercizi e residenti nella Valle del Chiese e nell intera provincia. Nel settore del commercio sono presenti 11 unità locali ogni mille residenti, rispetto ai 17 esercizi per mille residenti presenti in provincia. Analogamente nel settore degli alberghi e ristoranti, dove troviamo 5 esercizi per mille residenti nella Valle, contro 8 esercizi in provincia. ( 1 ) Dal confronto nella dinamica del settore sono esclusi tutta la pubblica amministrazione ed i servizi pubblici, in quanto gli stessi non sono stati rilevati in occasione del censimento intermedio dell industria effettuato nel corso del La quota del settore terziario posta a confronto tra il 1991 ed il 1996 comprende pertanto solo il commercio, gli alberghi e i ristoranti, i trasporti e le comunicazioni, l intermediazione monetaria e finanziaria, le attività immobiliari, l informatica e la ricerca. 13

14 L artigianato L artigianato riveste un ruolo non trascurabile nel tessuto produttivo della Valle del Chiese, soprattutto nei settori della lavorazione del legno e dei suoi derivati, considerato che circa il 48% delle unità locali assume questa qualifica ed il 31% degli addetti opera in aziende artigiane. Questa considerazione viene rafforzata dal confronto con la situazione che si può rilevare a livello provinciale: in questo caso il 36% delle unità locali sono artigiane e presso di esse trova occupazione poco meno del 24% degli addetti. La caratteristica artigianale della struttura produttiva non è omogenea in tutti i comuni della Valle, ma appare più accentuata in alcuni comuni, quali Bondo, Castel Condino, Lardaro, Roncone e Storo, in cui le imprese artigiane rappresentano oltre il 50% delle imprese complessive. Il turismo La Valle del Chiese offre ai turisti una disponibilità di esercizi ricettivi fra esercizi alberghieri, extraalberghieri e seconde case, per un totale di posti letto. Rispetto all offerta provinciale, la Valle rappresenta il 2,6% in termini di strutture ed il 2,1% in termini di posti letto. L offerta si caratterizza soprattutto per la presenza di seconde case, che in termini di posti letto rappresentano il 50% della capacità ricettiva complessiva, e di alloggi privati (24% la disponibilità di posto letto sul totale), mentre le strutture alberghiere sono solo 32, con una disponibilità di posti letto inferiore al 9% rispetto alla capacità complessiva della zona. La distribuzione della capacità ricettiva non è ovviamente omogenea in tutta la zona, ma risulta relativamente maggiore in alcuni comuni, quali Daone, Roncone e Tiarno di Sopra. Per valutare e confrontare la capacità ricettiva della Valle rispetto alla provincia è utile considerare il tasso di ricettività, ottenuto dividendo il numero 14

15 dei letti negli esercizi ricettivi (escluse le seconde case, che incidono relativamente poco sulla produzione di reddito aggiuntivo) per gli abitanti residenti. Complessivamente la Valle del Chiese offre una capacità ricettiva inferiore a quella della media provinciale e pari a 36 posti letto ogni cento residenti, rispetto ad un valore provinciale pari a 59 posti letto ogni cento residenti. Particolarmente elevate in termini di potenzialità ricettiva risultano le situazioni dei comuni di Daone e di Castel Condino, in cui il tasso di ricettività risulta pari rispettivamente a 182 e 121 posti letto ogni cento residenti. A fronte di questa capacità ricettiva complessivamente modesta e incentrata prevalentemente sulla presenza di seconde case, anche il movimento turistico appare poco rilevante per l economia della Valle del Chiese. Nel 1997 le presenze turistiche rilevate sono state poco più di 256 mila, corrispondenti a 30 mila arrivi: esse equivalgono solo allo 0,9% delle presenze di tutta la provincia. Al netto delle seconde case questi dati si contraggono in modo consistente, con meno di 150 mila presenze nel corso del 1997, corrispondenti a meno di 20 mila arrivi. La maggiore incidenza delle strutture ricettive extralberghiere (escluse le seconde case) eleva la permanenza media dei turisti in Valle del Chiese rispetto a quanto si rileva a livello provinciale: mediamente un turista soggiorna in valle del Chiese poco meno di 8 giorni, rispetto ai 6 giorni di permanenza nella media provinciale. Un utile indicatore sulla turisticità di una zona è rappresentato dal rapporto tra le presenze (escluse ancora una volta quelle delle seconde case, per il loro modesto apporto economico) e la popolazione residente. In Valle del Chiese questo rapporto è pari ad un quarto rispetto a quello registrato nella media provinciale: 11 presenze ogni residente nella Valle del Chiese, 40 presenze in tutta la provincia. Questo dato conferma la debolezza del turismo nell economia della Valle, caratterizzato soprattutto da strutture a carattere familiare, ed in particolare da alloggi privati. 15

16 Il pendolarismo Il fenomeno del pendolarismo in uscita, rilevato alla data dell ultimo censimento generale della popolazione (1991), interessa tutti i comuni della Valle del Chiese, sia per motivi di lavoro che per motivi di studio. La quota più consistente è riferita ai movimenti per motivi di lavoro ed interessa oltre persone, ovvero il 34% della popolazione attiva della zona. Esso si esaurisce per lo più in spostamenti interni alla Valle o, comunque, interni al comprensorio delle Giudicarie. Poco meno del 17% degli spostamenti riguarda altri comprensori o addirittura altre province (Verona e Brescia). Analoghe considerazioni valgono per i movimenti pendolari in uscita generati da motivi di studio: ne sono coinvolte poco più di 700 persone, quasi tutte per spostamenti interni alla Valle del Chiese o al comprensorio delle Giudicarie. Meno consistente il fenomeno del pendolarismo in entrata. Esso coinvolge per lavoro poco più di persone: è quasi tutto un movimento interno alla Valle o al comprensorio e riguarda in particolare i comuni di Condino, Pieve di Bono e Storo, mostrando di essere fortemente legato allo sviluppo delle attività manifatturiere. Più modesto, invece, il movimento in entrata per studio, che vede coinvolte circa 250 persone, concentrato ancora una volta nei comuni di Condino, Pieve di Bono e Storo. La dotazione di alcune strutture La presenza di alcune strutture permette di inquadrare ulteriormente la situazione della Valle del Chiese. Cominciando dalle strutture scolastiche, nel complesso nella Valle sono presenti 24 istituti, di cui 11 scuole materne, 10 scuole elementari e 3 scuole medie. Non sono presenti nella zona scuole superiori. Il comune maggiormente dotato di infrastrutture scolastiche è quello di Storo, con 7 scuole. 16

17 Rapportando le strutture presenti nella Valle alla popolazione che potenzialmente può usufruire di tali strutture (residenti per particolari fasce di età) emerge una dotazione superiore alla media provinciale. Risulta infatti una disponibilità di 2,7 scuole materne ogni 100 residenti in età compresa fra 3 e 5 anni, 1,4 scuole medie ogni cento residenti fra 6 e 10 anni e 0,7 scuole medie ogni cento residenti in età compresa fra 11 e 13 anni. Gli stessi rapporti sono uguali, nella media provinciale, a 2 nelle scuole materne, 1,2 nelle scuole elementari e 0,6 nelle scuole medie. Per quanto riguarda la dotazione di biblioteche e sale di pubblica lettura, nella Valle del Chiese sono disponibili 4 biblioteche con una dotazione libraria pari a poco più di 54 mila volumi. In rapporto alla popolazione residente si riscontra la presenza di 3 biblioteche ogni 10 mila residenti, con un patrimonio librario pari a 4 volumi ogni residente. A livello provinciale troviamo una dotazione di strutture inferiore e pari a 1,8 biblioteche ogni 10 mila residenti (il rapporto sale a 2,4 se contiamo oltre alle biblioteche anche i punti lettura), con una dotazione libraria di 3,8 volumi ogni residente. Meno della metà dei comuni è dotata di sportelli bancari: nella Valle del Chiese ne sono infatti presenti 11, di cui 5 nel solo comune di Storo. In rapporto alla popolazione residente ciò significa la presenza di poco meno di 1 sportello ogni residenti, rapporto questo assai prossimo alla dotazione che si rileva a livello provinciale. Per quanto riguarda l attività degli istituti di credito, i depositi ammontano a poco meno di 22 milioni per abitante, a fronte di 18 milioni di impieghi per abitante. Questi valori risultano inferiori a quelli calcolati per l intera provincia, dove i depositi assommano a oltre 23 milioni per abitante e gli impieghi a circa 21 milioni per abitante. Ad esclusione dei comuni di Bersone e Brione, in tutti gli altri comuni della Valle del Chiese si rileva la presenza di spazi sportivi. Nel complesso ne sono stati rilevati 75, corrispondenti al 2,5% della dotazione dell intera provincia. In rapporto alla popolazione residente questa dotazione risulta inferiore alla disponibilità provinciale: risultano infatti disponibili 5,6 impianti ogni

18 residenti in Valle del Chiese, a fronte di un rapporto pari a 6,5 impianti nella media provinciale. 18

19 Allegato statistico 19

UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE

UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE DELLA VALLE DI CEMBRA A cura di Vincenzo Bertozzi Settembre 1999 Il territorio L area della Valle di Cembra, inserita geograficamente ed amministrativamente nel comprensorio

Dettagli

UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE

UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE DELLE VALLI DEL TESINO E DEL VANOI A cura di Vincenzo Bertozzi Giugno 2000 Il territorio L area del Tesino e Vanoi comprende 5 comuni e precisamente: Bieno, Canal San Bovo,

Dettagli

UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE

UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE UN ANALISI ECONOMICA E SOCIALE DELLA VAL DI GRESTA A cura di Vincenzo Bertozzi Marzo 2001 Premessa Il Patto territoriale della Valle di Gresta insiste sui comuni di Isera, Mori e Ronzo-Chienis. Non tutto

Dettagli

Abruzzo. Cresa traccia il bilancio del 2014: Pil in flessione ma ci sono timidi segnali di ripresa

Abruzzo. Cresa traccia il bilancio del 2014: Pil in flessione ma ci sono timidi segnali di ripresa Abruzzo. Cresa traccia il bilancio del 2014: Pil in flessione ma ci sono timidi segnali di ripresa - 16 giugno 2015 In un contesto nazionale ancora negativo, per il 2014 le stime disponibili ed elaborate

Dettagli

10 IL MERCATO DEL LAVORO

10 IL MERCATO DEL LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO 10.1 Il quadro nazionale L andamento del mercato del lavoro nel contesto nazionale può essere un utile strumento per meglio inquadrare le dinamiche occupazionali conosciute a livello

Dettagli

Osservatorio per le Politiche Sociali - Terzo Rapporto

Osservatorio per le Politiche Sociali - Terzo Rapporto 1 STRUTTURA E DINAMICA DEMOGRAFICA Il capitolo si articola in due paragrafi. Nel primo sono riportati i dati e i commenti riguardanti la struttura demografica della popolazione della Valle d Aosta. Nel

Dettagli

Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila

Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila Aprile 2016 UFFICIO STUDI 1 1. La popolazione residente nella regione Abruzzo attualmente supera 1,3 milioni

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 4.839 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

Bundesland Tirol Raumordnung - Statistik. Provincia Autonoma di Bolzano Istituto provinciale di statistica

Bundesland Tirol Raumordnung - Statistik. Provincia Autonoma di Bolzano Istituto provinciale di statistica Edizione 2000 Tirolo Alto Adige Trentino Bundesland Tirol Raumordnung - Statistik Provincia Autonoma di Bolzano Istituto provinciale di statistica Provincia Autonoma di Trento Servizio Statistica TERRITORIO

Dettagli

Città a confronto 2008

Città a confronto 2008 Comune di - Servizio Statistica e Ricerca a confronto 2008 un analisi sulle 14 maggiori città italiane Novembre 2009 Studi ed elaborazione dati per la programmazione Servizio Statistica e Ricerca Comune

Dettagli

L Italia sismica Dati socio-demografici e strutturali dei comuni del centro Italia

L Italia sismica Dati socio-demografici e strutturali dei comuni del centro Italia L Italia sismica Dati socio-demografici e strutturali dei comuni del centro Italia Chiara Caramia n. matricola 100254 Eleonora Romagnoli n. matricola 97679 Federica Rossi n. matricola 100573 Sofia Solera

Dettagli

DATI ISTAT SULLA FORZA LAVORO

DATI ISTAT SULLA FORZA LAVORO DATI ISTAT SULLA FORZA LAVORO La nuova indagine sulle forze di lavoro condotta dall Istat presenta profonde innovazioni rispetto a quella precedente, al punto che la nuova modalità di rilevazione ha creato

Dettagli

DATI ISTAT SULLA FORZA LAVORO

DATI ISTAT SULLA FORZA LAVORO DATI ISTAT SULLA FORZA LAVORO Provincia di Piacenza: Forze di lavoro e tassi di disoccupazione, occupazione e attività, medie annue 2000/2002 2000 2001 2002 FORZE DI LAVORO OCCUPATI 107 110 111 maschi

Dettagli

3. Inquadramento statistico e socio-economico. Dati sul territorio Dati sulla popolazione Istruzione e cultura Lavoro Attività produttive

3. Inquadramento statistico e socio-economico. Dati sul territorio Dati sulla popolazione Istruzione e cultura Lavoro Attività produttive 3. Inquadramento statistico e socio-economico Dati sul territorio Dati sulla popolazione Istruzione e cultura Lavoro Attività produttive 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002

Dettagli

Occupazione e disoccupazione in Emilia Romagna nel primo trimestre 2017

Occupazione e disoccupazione in Emilia Romagna nel primo trimestre 2017 REPORT FLASH Occupazione e disoccupazione in Emilia Romagna nel primo trimestre 2017 9 giugno 2017 In breve In Emilia-Romagna si ha un ulteriore, rilevante incremento dell occupazione complessiva I dati

Dettagli

LA POPOLAZIONE. Tabella 1. Struttura della popolazione residente nella provincia di Torino per classi di età e sesso, anno 2000

LA POPOLAZIONE. Tabella 1. Struttura della popolazione residente nella provincia di Torino per classi di età e sesso, anno 2000 LA POPOLAZIONE La struttura demografica di una popolazione rappresenta un importante determinante dello stato di salute atteso di una popolazione. Molte patologie sono correlate con l età ed hanno una

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 987 unità. Alla fine di marzo risultano

Dettagli

Masterplan Città di Castello smart Scheda: demografia Versione 1.1 (maggio 2014)

Masterplan Città di Castello smart Scheda: demografia Versione 1.1 (maggio 2014) Masterplan Città di Castello smart Scheda: demografia Versione 1.1 (maggio 2014) La situazione demografica Il comune di Città di Castello ha la sua popolazione al 1/01/2013 pari a 40.016 abitanti residenti

Dettagli

Note di sintesi sull andamento del mercato del lavoro in Liguria(*) (Anno Anno 2016)

Note di sintesi sull andamento del mercato del lavoro in Liguria(*) (Anno Anno 2016) Note di sintesi sull andamento del mercato del lavoro in Liguria(*) (Anno 2015- Anno 2016) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Marzo 2017 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono

Dettagli

1. POPOLAZIONE La popolazione nella provincia di Bergamo, risultante dal censimento 2001, quindi al 21 ottobre 2001, è pari a 973.129.

1. POPOLAZIONE La popolazione nella provincia di Bergamo, risultante dal censimento 2001, quindi al 21 ottobre 2001, è pari a 973.129. 1. POPOLAZIONE La nella provincia di Bergamo, risultante dal censimento 2001, quindi al 21 ottobre 2001, è pari a 973.129. Fig. 1- Variazione della in provincia di Bergamo Serie storica 1991 2001 (valori

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO ITALIANO: QUARANT ANNI DI ABITAZIONI ATTRAVERSO I CENSIMENTI ISTAT

L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO ITALIANO: QUARANT ANNI DI ABITAZIONI ATTRAVERSO I CENSIMENTI ISTAT L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO ITALIANO: QUARANT ANNI DI ABITAZIONI ATTRAVERSO I CENSIMENTI ISTAT a cura di Alice Ciani e Lucilla Scelba Tecnoborsa 1. Introduzione I Quaderni di Tecnoborsa, tornano

Dettagli

Condizioni e tendenze del sistema produttivo siciliano

Condizioni e tendenze del sistema produttivo siciliano Condizioni e tendenze del sistema produttivo siciliano 1. Le imprese attive Alla fine del 2011, in Sicilia erano attive poco meno di 381.000 imprese (le registrate erano oltre 463.000), in contrazione

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Il lavoro

Le lancette dell economia bolognese. Il lavoro Le lancette dell economia bolognese Il lavoro Marzo 2014 2 L occupazione in Emilia-Romagna e in provincia di Bologna dal 2008 al 2013 600 Occupati in provincia di Bologna 2.500 Occupati in Emilia-Romagna

Dettagli

L UNIONE TERRE DI CASTELLI E IL COMUNE DI MONTESE LA REALTA TERRITORIALE DEI COMUNI Analisi socio economica

L UNIONE TERRE DI CASTELLI E IL COMUNE DI MONTESE LA REALTA TERRITORIALE DEI COMUNI Analisi socio economica www.consorziomipa.it L UNIONE TERRE DI CASTELLI E IL COMUNE DI MONTESE LA REALTA TERRITORIALE DEI COMUNI Analisi socio economica Dicembre 2015, Integrazione del Comune di Castel d Aiano Giugno 2016 EVOLUZIONE

Dettagli

2. IL SETTORE AGRICOLO La struttura delle aziende e l utilizzazione del territorio

2. IL SETTORE AGRICOLO La struttura delle aziende e l utilizzazione del territorio 25 2. IL SETTORE AGRICOLO La conformazione del territorio su cui insiste il nostro Comune, stretto tra le Alpi Apuane ed il mare, non ha certamente favorito lo sviluppo della pratica agricola, tanto che

Dettagli

La popolazione straniera, residente in provincia di Trento, al 1 gennaio 2017

La popolazione straniera, residente in provincia di Trento, al 1 gennaio 2017 Luglio 2017 La popolazione straniera, residente in provincia di Trento, al 1 gennaio 2017 Al 1 gennaio 2017 la popolazione straniera residente in Trentino ammonta a 46.456 persone, con una diminuzione

Dettagli

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 2 1

Dettagli

A1. LA DINAMICA DELLA POPOLAZIONE (I): IL QUADRO GENERALE

A1. LA DINAMICA DELLA POPOLAZIONE (I): IL QUADRO GENERALE OPEN - Fondazione Nord Est ottobre 2013 A1. LA DINAMICA DELLA POPOLAZIONE (I): IL QUADRO GENERALE La popolazione legale dichiarata sulla base delle risultanze del 15 Censimento, effettuato il 9 ottobre

Dettagli

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI Roma e provincia nel 2014 Indice I numeri più significativi... 2 Le conseguenze della Crisi economica... 3 Il contesto nazionale... 3 I numeri di Roma: la condizione occupazionale...

Dettagli

Principali indicatori statistici

Principali indicatori statistici Principali indicatori statistici In questa sezione ci si occuperà di analizzare i principali indici statistici della popolazione residente al 31.12.2007. Essi sono: 1. Indici di natalità e mortalità, ovvero,

Dettagli

2.6. Circoscrizione di Legnano

2.6. Circoscrizione di Legnano 2.6. di Legnano La struttura socio-economica della circoscrizione di Legnano presenta le seguenti caratteristiche: la densità della popolazione residente è meno elevata di quella provinciale (1067,8 abitanti

Dettagli

DISTRIBUZIONE % DELLA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE PER NAZIONALITÀ

DISTRIBUZIONE % DELLA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE PER NAZIONALITÀ DISTRIBUZIONE % DELLA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE PER NAZIONALITÀ - 31.12.2007 Asia 8,6% Americhe 25,8% Europa 46,5% Africa 19,2% Fonte: Istat 2 MERCATO DEL LAVORO Nel secondo trimestre 2008 l'offerta

Dettagli

Iscrizioni e saldo 'avviamenti/cessazioni': circoscrizione di Melzo,

Iscrizioni e saldo 'avviamenti/cessazioni': circoscrizione di Melzo, 2.8. di Melzo L'analisi della struttura socio-economica della circoscrizione di Melzo evidenzia le seguenti caratteristiche: la densità della popolazione residente è meno elevata rispetto al dato provinciale

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA REALTA SOCIO-ECONOMICA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

CONSIDERAZIONI SULLA REALTA SOCIO-ECONOMICA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO CONSIDERAZIONI SULLA REALTA SOCIO-ECONOMICA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO Mauro Schiano UFFICIO STUDI - CAMERA DI COMMERCIO GROSSETO Grosseto 12 settembre 2013 Il lavoro che non c è Alcune caratteristiche

Dettagli

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere 2 TRIMESTRE 215: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere Nel secondo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili, femminili e straniere ( * ) risultano

Dettagli

Attività estrattiva in Val d Agri

Attività estrattiva in Val d Agri Attività estrattiva in Val d Agri Analisi 2013 sulle ricadute economiche ed occupazionali ABSTRACT 1 Abstract Con una contrazione del Prodotto Interno Lordo regionale del 3,1 per cento, la Basilicata chiude

Dettagli

Figura 39 Distribuzione della popolazione al 2002 sul territorio regionale. Fonte: Istat. Densità abitativa. ab per kmq

Figura 39 Distribuzione della popolazione al 2002 sul territorio regionale. Fonte: Istat. Densità abitativa. ab per kmq 4 DEMOGRAFIA 4.1 DISTRIBUZIONE DELLA POPOLAZIONE Dalle tabelle sotto riportate si vede innanzitutto come le province numericamente più piccole sono quelle di Piacenza e : nel caso di ciò è dovuto alla

Dettagli

Il Quadro demografico della città di Messina

Il Quadro demografico della città di Messina DIPARTIMENTO STATISTICA Il Quadro demografico della città di Messina Le principali caratteristiche demografiche 2011 A C U R A D E L DIPARTIMENTO DI STATISTICA Premessa L Istituto Nazionale di Statistica

Dettagli

Fonte: elaborazione di dati demografici a cura del Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica

Fonte: elaborazione di dati demografici a cura del Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2014 Edizione 1/ST/st/09.01.2015 Supera: nessuno

Dettagli

La cooperazione in provincia di Pisa

La cooperazione in provincia di Pisa La cooperazione in provincia di Pisa Anno 2015 Pisa, 18 aprile 2016. Le cooperative attive in Toscana alla fine del 2015 erano 3.835: a livello merceologico, il settore più consistente è quello delle costruzioni

Dettagli

La crescita demografica può avere impatti negativi sull ambiente: una popolazione crescente ha bisogno di maggiori quantità di risorse e quindi può

La crescita demografica può avere impatti negativi sull ambiente: una popolazione crescente ha bisogno di maggiori quantità di risorse e quindi può La crescita demografica può avere impatti negativi sull ambiente: una popolazione crescente ha bisogno di maggiori quantità di risorse e quindi può causare l impoverimento del territorio. PARTE PRIMA RAPPORTO

Dettagli

I BILANCI DELLE SOCIETA DI CAPITALE DELLA PROVINCIA DI VERONA

I BILANCI DELLE SOCIETA DI CAPITALE DELLA PROVINCIA DI VERONA I BILANCI DELLE SOCIETA DI CAPITALE DELLA PROVINCIA DI VERONA una chiave di lettura dell economia veronese nel triennio 2001 2003 IL COMPARTO INDUSTRIALE E COMMERCIALE: 1. LA COMPOSIZIONE DEL CAMPIONE

Dettagli

RAPPORTO SULLA POPOLAZIONE RESIDENTE

RAPPORTO SULLA POPOLAZIONE RESIDENTE popolazione residente Comune di Sassari 2002 - I residenti nel Comune di Sassari al 31/12/ sono pari a 128.700. Rispetto all'anno precedente è stata registrata una crescita poco significativa, pari a 149

Dettagli

Tirolo Alto Adige Trentino

Tirolo Alto Adige Trentino Edizione 2009 Tirolo Alto Adige Trentino Bundesland Tirol Raumordnung - Statistik Provincia Autonoma di Bolzano Istituto provinciale di statistica Provincia Autonoma di Trento Servizio Statistica TERRITORIO

Dettagli

Laboratorio di ricerca Attiva del Lavoro. MODULO 1 Il mercato del lavoro in Molise

Laboratorio di ricerca Attiva del Lavoro. MODULO 1 Il mercato del lavoro in Molise Laboratorio di ricerca Attiva del Lavoro MODULO 1 Il mercato del lavoro in Molise Nel 2014 il mercato del lavoro molisano ha mostrato segnali di miglioramento, (Rilevazione sulle forze di lavoro dell Istat)

Dettagli

Popolazione per classi di età - Censimento Classi di età. Popolazione per classi di età - Censimento Classi di età. 75 e più.

Popolazione per classi di età - Censimento Classi di età. Popolazione per classi di età - Censimento Classi di età. 75 e più. Dati sulla popolazione. La popolazione legale di Borgomanero alla data del censimento (20 ottobre 2001) è di 19.315 unità. Tra queste 238 persone sono residenti in convivenze: in particolare 3 in istituti

Dettagli

1. La popolazione residente

1. La popolazione residente 1. La popolazione residente La popolazione residente in Italia al 31/12/2009 è pari a 60.340.328 unità, con un incremento di 295.260 unità (+0,5%) rispetto al 31 dicembre dell anno precedente dovuto prevalentemente

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2010 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 4.448 unità. Alla fine di settembre

Dettagli

Forze di lavoro in provincia di Brescia

Forze di lavoro in provincia di Brescia Forze di lavoro in provincia di Brescia 2005-2015 Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia su dati Istat. Brescia, aprile 2016 INDICE 1. Forze lavoro

Dettagli

Dossier statistico 1/2016

Dossier statistico 1/2016 Dossier statistico 1/2016 La popolazione di Brescia nella crisi: meno nascite e immigrazione stabile IN SINTESI Negli anni dal 2011 al 2015 compreso, il numero dei nati in totale ha evidenziato una diminuzione

Dettagli

Il contesto territoriale

Il contesto territoriale 2. Territorio Il territorio del Comune di Lodi è posto a 87 metri sul livello del mare, toccato a nord-est dal fiume Adda e si estende per 41,42 kmq. Ha una popolazione complessiva pari a 43.112 abitanti

Dettagli

L agricoltura campana le cifre del D.ssa Emilia Casillo Settore SIRCA

L agricoltura campana le cifre del D.ssa Emilia Casillo Settore SIRCA L agricoltura campana le cifre del 2003 D.ssa Emilia Casillo Settore SIRCA 1 Il territorio La Campania ha una superficie pari a 13.595 Kmq e una densità media di 426 abitanti per kmq; il territorio è suddiviso

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 4 trimestre 2008

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 4 trimestre 2008 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 4 trimestre 2008 Imprese nel complesso In Lombardia, nel quarto trimestre del 2008 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 1.857 unità. Alla fine di dicembre

Dettagli

ANNO

ANNO 1. La demografia L evoluzione demografica della popolazione residente nel comune di Monteprandone è stata caratterizzata da una crescita sostenuta che porta al raddoppio della popolazione residente in

Dettagli

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Tecnoborsa torna ad affrontare i temi dell ultimo Censimento

Dettagli

2.7. Circoscrizione di Magenta

2.7. Circoscrizione di Magenta 2.7. di Magenta Le principali caratteristiche strutturali della circoscrizione di Magenta possono essere così riassunte: la densità della popolazione residente è significativamente inferiore alla media

Dettagli

Il territorio e la popolazione

Il territorio e la popolazione Il territorio e la popolazione 17 Superficie Il territorio Le Marche si estendono per una superficie di 9693,5 Km 2 (il 3,2% del territorio italiano), con una struttura geomorfologica costituita in prevalenza

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro 4 trimestre 2014 e anno 2014

Rilevazione sulle forze di lavoro 4 trimestre 2014 e anno 2014 Trento, 2 marzo 2015 Rilevazione sulle forze di lavoro 4 trimestre 2014 e anno 2014 L Istat ha diffuso oggi i dati sull occupazione e sulla disoccupazione relativi al 4 trimestre 2014 (da ottobre a dicembre

Dettagli

Tavola 1 Dettaglio territoriale comuni partecipanti al Tavolo Interistituzionale Nord-Milano Quadro di sintesi della domanda abitativa

Tavola 1 Dettaglio territoriale comuni partecipanti al Tavolo Interistituzionale Nord-Milano Quadro di sintesi della domanda abitativa La domanda abitativa nei comuni del Tavolo Interistituzionale Nei comuni partecipanti al Tavolo Interistituzionale Nord-Milano gli scenari della domanda abitativa definiscono una stima oscillante tra le

Dettagli

Ottobre 2012 1. 1. La Cigo, la Cigs e la Cassa in deroga (settembre 2012 e primi nove mesi 2012)

Ottobre 2012 1. 1. La Cigo, la Cigs e la Cassa in deroga (settembre 2012 e primi nove mesi 2012) Dipartimento Mercato del Lavoro Osservatorio Cassa Integrazione, Occupazione, Politiche attive del lavoro Visita il portale dell Osservatorio: www.cisl.it/osservatoriomdl Ottobre 2012 1 Indice 1. La Cigo,

Dettagli

Occupati - Totale economia livello, migliaia

Occupati - Totale economia livello, migliaia VALLE D AOSTA Le previsioni al 215: impiego di lavoro Nel corso del periodo 28-215 1, la Valle d Aosta sperimenterà una dinamica occupazionale positiva. L incremento medio annuo sarà dello.9 per cento,

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nei comuni della Provincia di Carbonia-Iglesias nel 1991

TAV. 1 Popolazione residente nei comuni della Provincia di Carbonia-Iglesias nel 1991 TAV. 1 Popolazione residente nei comuni della Provincia di - nel 1991 fonte: Istat Secondo il Censimento della Popolazione realizzato dall Istat nel 1991 i residenti nella provincia di - sono 139.667.

Dettagli

Popolazione. Dinamica della popolazione residente

Popolazione. Dinamica della popolazione residente AREA POPOLAZIONE I dati relativi alla Popolazione sono stati forniti dall Ufficio Anagrafe del Comune di Aosta, e dalla consultazione dell Annuario Statistico e dei Censimenti del 1981-1991-2001-2011.

Dettagli

» Osservatorio sulla popolazione residente nella provincia di TRIESTE. Presentazione generale dei dati

» Osservatorio sulla popolazione residente nella provincia di TRIESTE. Presentazione generale dei dati » Osservatorio sulla popolazione residente nella provincia di TRIESTE Presentazione generale dei dati Alla luce dei dati demografici inerenti la provincia di Trieste aggiornati al 31 dicembre 2008 la popolazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL QUADRO ECONOMICO E SOCIALE DELLA SARDEGNA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL QUADRO ECONOMICO E SOCIALE DELLA SARDEGNA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL QUADRO ECONOMICO E SOCIALE DELLA SARDEGNA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LA DEMOGRAFIA... 3 LA RICCHEZZA PRODOTTA... 3 L APERTURA

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro 4 trimestre 2015 e Anno 2015

Rilevazione sulle forze di lavoro 4 trimestre 2015 e Anno 2015 Trento, 10 marzo 2016 Rilevazione sulle forze di lavoro 4 trimestre 2015 e Anno 2015 L Istat ha diffuso oggi i dati sull occupazione e sulla disoccupazione relativi al 4 trimestre 2015 (da ottobre a dicembre

Dettagli

Dimensione socio-demografica. Numerosità e popolazione residente dei comuni italiani, per regione, 2011. N comuni. Pop. residente

Dimensione socio-demografica. Numerosità e popolazione residente dei comuni italiani, per regione, 2011. N comuni. Pop. residente Numerosità e popolazione residente dei comuni italiani, per regione, 2011 Regione N comuni Pop. residente Densità territoriale Piemonte 1.206 4.457.335 175 Valle d Aosta 74 128.230 39 Lombardia 1.544 9.917.714

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2011

RAPPORTO ANNUALE 2011 Nel 2011 sono stati denunciati 51mila infortuni in meno rispetto al 2010, con una flessione del 6,6% (da 776mila a 725mila) pari alla media del calo degli infortuni sia in occasione di lavoro (-6,5%),

Dettagli

Rapporto economia provinciale Demografia. Camera di Commercio della Spezia

Rapporto economia provinciale Demografia. Camera di Commercio della Spezia Rapporto economia provinciale 2004 13 Demografia 1 Camera di Commercio della Spezia Demografia 15 Andamento demografico in provincia Mentre questo volume è in stampa, ISTAT rende noti i dati relativi

Dettagli

Elaborazione Flussi Escursionistici

Elaborazione Flussi Escursionistici Elaborazione Flussi Escursionistici Incluso movimento nelle abitazioni per vacanza, nei B&B e sommerso (aprile 2008) Codice Documento- OSPS05-R02-D01 Copyright 2007 Osservatorio del Turismo della Tutti

Dettagli

MONOGRAFIA SUL MERCATO DEL LAVORO NEL LAZIO

MONOGRAFIA SUL MERCATO DEL LAVORO NEL LAZIO Viale del Caravaggio, 99 00147 Roma 06/51688658 Fax 06/51605335 Fondo Sociale Europeo Ob.3 P.O.R. Programma Stralcio 2000 Analisi del processo di implementazione dei servizi per l impiego Regione Lazio

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA 5 Maggio 2015 INDICE SINTESI... 3 ABITAZIONI... 4 ABITAZIONI OCCUPATE DA PERSONE RESIDENTI... 6 POPOLAZIONE E FAMIGLIE... 9 ABITAZIONI

Dettagli

Il turismo in Brianza

Il turismo in Brianza Il turismo in Brianza Sistema delle imprese e flussi turistici A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Marzo 2013 I numeri del turismo in Brianza Strutture ricettive al 31

Dettagli

Il Censimento della Popolazione e delle Abitazioni

Il Censimento della Popolazione e delle Abitazioni Il Censimento della Popolazione e delle Abitazioni Salvo Vassallo Messina, 24/10/2014 Indice 15 Censimento della popolazione e delle abitazioni: aspetti e novità Struttura demografica e popolazione residente

Dettagli

Distribuzione delle presenze, per mese. provincia di Piacenza. 2015

Distribuzione delle presenze, per mese. provincia di Piacenza. 2015 IL TURISMO IN PROVINCIA DI PIACENZA NEL 215. Piacenzaeconomia presenta in anteprima i dati (provvisori) relativi ai flussi turistici in provincia di Piacenza nell anno 215, sulla base della rilevazione

Dettagli

IMPRESE E GIOVANI NEL VCO ANNO 2015

IMPRESE E GIOVANI NEL VCO ANNO 2015 IMPRESE E GIOVANI NEL VCO ANNO 2015 Fotografia al 31/12/2015 Nel VCO sono 47.870 1 i residenti che hanno meno di 35 anni, quasi un terzo della popolazione, che contribuiscono in maniera significativa alla

Dettagli

3 LA PRODUZIONE DI RICCHEZZA

3 LA PRODUZIONE DI RICCHEZZA 3 LA PRODUZIONE DI RICCHEZZA Per analizzare l evoluzione della congiuntura economica nel territorio lecchese e cogliere l intensità con cui la crisi si è ripercossa sull economia provinciale, appare opportuno

Dettagli

Andamento mercato immobiliare

Andamento mercato immobiliare Andamento mercato immobiliare Saluti del Presidente dell ANCE AIES Salerno Vincenzo Russo 18 maggio 2017 Camera di Commercio di Salerno Il mercato Immobiliare italiano Il mercato immobiliare residenziale

Dettagli

Bilancio demografico regionale Anno 2004

Bilancio demografico regionale Anno 2004 Bilancio demografico regionale Anno 2004 28 luglio 2005 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla popolazione residente in Umbria risultanti dalle registrazioni anagrafiche degli

Dettagli

Forze di Lavoro: comprendono gli occupati e le persone in cerca di occupazione.

Forze di Lavoro: comprendono gli occupati e le persone in cerca di occupazione. 3 LAVORO Dopo alcuni anni caratterizzati da una crescita dei livelli occupazionali (+4,5% rispetto al 2003), il mercato del lavoro in Sicilia nel corso del 2007 ha evidenziato una diminuzione del numero

Dettagli

Il flussi turistici di Montepulciano nel 2014

Il flussi turistici di Montepulciano nel 2014 Il flussi turistici di Montepulciano nel 2014 1 Il mercato turistico di Montepulciano nel 2014 (Elaborazione CST su dati parziali Amministrazione Provinciale di Siena) Premessa Le informazioni e i dati

Dettagli

NOTIZIE STATISTICHE. La condizione lavorativa in Lombardia nel 2005 (Rilevazione sulle Forze di lavoro media 2005)

NOTIZIE STATISTICHE. La condizione lavorativa in Lombardia nel 2005 (Rilevazione sulle Forze di lavoro media 2005) NOTIZIE STATISTICHE S t a t i s t i c a e O s s e r v a t o r i N u m e r o 21 m a g g io 2006 La condizione lavorativa in nel 2005 (Rilevazione sulle Forze di lavoro media 2005) La partecipazione al mercato

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 216 Saldi positivi per giovani e stranieri, in calo le donne Nel 216 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese giovanili

Dettagli

Rapporto Economia Provinciale Analisi per Cluster

Rapporto Economia Provinciale Analisi per Cluster Rapporto Economia Provinciale 2008 271 Analisi per Cluster Analisi per Cluster 273 Quadro generale Per trarre qualche informazione dall andamento degli indicatori economici che ormai da sei anni vengono

Dettagli

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008 Nota trimestrale novembre 2008 Il lavoro in somministrazione nel terzo trimestre 2008: analisi dei dati degli archivi INAIL e INPS. Occupati, giornate retribuite e missioni avviate nel terzo trimestre

Dettagli

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE : CONTI ECONOMICI TERRITORIALI

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE : CONTI ECONOMICI TERRITORIALI RIEPILOGO INDICATORI MARCHE : CONTI ECONOMICI TERRITORIALI Ottobre 2008 Conti economici territoriali Anno 2008 I dati resi noti dall ISTAT relativamente ai principali aggregati dei conti economici regionali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL RUOLO DEL TURISMO NELLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA CAMPANIA

COMUNICATO STAMPA IL RUOLO DEL TURISMO NELLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA CAMPANIA COMUNICATO STAMPA IL RUOLO DEL TURISMO NELLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA CAMPANIA Rapporto sul settore turistico della Campania realizzato da SRM, Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, in collaborazione con

Dettagli

Osservatorio sui bilanci delle società di capitali periodo

Osservatorio sui bilanci delle società di capitali periodo Osservatorio sui bilanci delle società di capitali periodo 2013-2015 L analisi di un bilancio costituisce, un metodo di approfondimento e studio per ottenere adeguate informazioni sulla struttura patrimoniale

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Le previsioni al 2016: impiego di lavoro

EMILIA ROMAGNA. Le previsioni al 2016: impiego di lavoro EMILIA ROMAGNA Le previsioni al 2016: impiego di lavoro Lo scenario di previsione relativo alle dinamiche occupazionali dell Emilia Romagna tra il 2010 e il 2016 1 indica una modesta crescita dell occupazione,

Dettagli

I principali cambiamenti socio-demografici del Veneto tra i due censimenti

I principali cambiamenti socio-demografici del Veneto tra i due censimenti I principali cambiamenti socio-demografici del Veneto tra i due censimenti 2001 2011 Luca Romano Direttore di Local Area Network 25 settembre 2013 Hotel ViEst - VI IL TREND DELLA POPOLAZIONE Andamento

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Il processo di sviluppo dei cosiddetti Paesi industrializzati tende a promuovere in misura sempre maggiore comportamenti di consumo energivori; in un tale contesto, l Italia

Dettagli

LA REGIONE FUNZIONALE DEL BELLINZONESE

LA REGIONE FUNZIONALE DEL BELLINZONESE LA REGIONE FUNZIONALE DEL BELLINZONESE Alcuni dati di sintesi*: Popolazione: 49 489 (14% Ti) Superficie: 161 Km/q (5.8% Ti) Pil procapite: +4% rispetto al Pil pc ticinese Pil: 15% del Pil ticinese Occupazione:

Dettagli

VENETO. Le previsioni al 2016: impiego di lavoro

VENETO. Le previsioni al 2016: impiego di lavoro VENETO Le previsioni al 2016: impiego di lavoro Lo scenario di previsione relativo alle dinamiche occupazionali del Veneto indica una flessione dell occupazione, che nel periodo 2010-2016 1 si ridurrà

Dettagli

Lavoro News # 8 Bollettino trimestrale sul mercato del lavoro

Lavoro News # 8 Bollettino trimestrale sul mercato del lavoro Agenzia per il lavoro e l istruzione Osservatorio sul MdL Lavoro News # 8 Bollettino trimestrale sul mercato del lavoro I DATI DEL QUARTO TRIMESTRE 2013 ISTAT Indagine Continua sulle Forze di Lavoro Napoli

Dettagli

Forze di lavoro in provincia di Brescia

Forze di lavoro in provincia di Brescia Forze di lavoro in provincia di 2006-2016 Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di su dati Istat., aprile 2017 INDICE 1. Forze lavoro pag. 2 2. Tasso di attività

Dettagli

Comune di Perarolo di Cadore. Bilancio demografico e popolazione residente al 31 dicembre. Anni 2013-2014

Comune di Perarolo di Cadore. Bilancio demografico e popolazione residente al 31 dicembre. Anni 2013-2014 Bilancio demografico e popolazione residente al 31 dicembre. Anni 13-14 PERAROLO DI CADORE 13 14 Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Popolazione al 1 gennaio 188 188 376 194 19 384 Nati 1 3 4 4

Dettagli

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977) COMUNE DI VIGNONE Localizzazione amministrativa Localizzazione geografica Provincia

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 2016 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi ESTRATTO

Dettagli

Iscrizioni e saldo ' avviamenti/cessazioni': circoscrizione di Carate Brianza,

Iscrizioni e saldo ' avviamenti/cessazioni': circoscrizione di Carate Brianza, 2.2 di Carate Brianza L'analisi della struttura socio-economica della circoscrizione di Carate Brianza presenta le seguenti caratteristiche: la densità della popolazione residente è meno elevata rispetto

Dettagli

Figura 134. Iscrizioni e saldo 'avviamenti/cessazioni': circoscrizione di Sesto S. Giovanni,

Figura 134. Iscrizioni e saldo 'avviamenti/cessazioni': circoscrizione di Sesto S. Giovanni, 2.15. di Sesto San Giovanni L'analisi della struttura socio-economica della circoscrizione di Sesto San Giovanni presenta le seguenti caratteristiche: la densità della popolazione residente è molto elevata

Dettagli