Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013. Insieme c è futuro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013. Insieme c è futuro"

Transcript

1 Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013 Insieme c è futuro

2 LOGO Versione a colori Proporzioni e area di rispetto Codici cromatici Caratteri istituzionali Dimensione minima Varianti cromatiche Utilizzi non consentiti Applicazione su sfondi non uniformi INDICE Format Emblemi istituzionali Poster 70x100 Locandina Rivista Roll-up Modello per videopresentazione Esempio di videopresentazione Modello presentazione Power-Point Opuscolo Invito Immagine coordinata Targa Web Moleskine Cartelli per cantieri e targhe commemorative COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPENDICE Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione Glossario essenziale

3 LOGO LOGO ANALISI STILISTICA A partire dall outline del territorio, la cui curvatura richiama simbolicamente una freccia, è stato ideato un logo caratterizzato da due elementi distinti e complementari: la Regione Marche accompagnata dall elemento play. Una doppia freccia cromatica che punta verso l alto, ad indicare una crescita partecipata. Il profilo geografico delle Marche, allora, diventa la stilizzazione grafica di una freccia, riproposta, poi, con contorni delineati e precisi, su fondo blu e stelle gialle, a rappresentare l Europa. Anche i codici cromatici, allora, diventano rappresentativi e caratterizzanti: per entrambi i contesti sono stati scelti i colori istituzionali. Distintività ed integrazione, stabilità e sviluppo, diventano le caratteristiche simboliche che fanno del marchio un elemento di forte riconoscibilità e traducibilità, capace di coniugare le specificità del territorio con quelle dell Europa e restituendo l idea di una crescita continua e partecipata, attraverso l uso di elementi grafici e stilistici innovativi. A partire dal 2014, la dicitura Fondi Strutturali Europei verra sostituita da Fondi Strutturali Europei

4 LOGO VERSIONE A COLORI 3

5 x/2 y y LOGO y/7 PROPORZIONI E AREA DI RISPETTO Il posizionamento del logotipo deve rispettare l area di sicurezza e i Font utilizzati in questo manuale. xx x/4 x/4 x/2 x x 4

6 Colore 2 Colore 3 SPOT: PROCESS: RGB: WEB: PANTONE 661C PROCESS: C: 100 M: 85 Y: 0 K: 0 RGB: R: 0 G: 62 B: 144 #003E90 SPOT: PROCESS: RGB: WEB: PANTONE YELLOW PROCESS: C: 0 M: 0 Y: 100 K: 0 RGB: R: 255 G: 237 B: 0 #FFED00 SPOT: PROCESS: RGB: WEB: Colore 1 PANTONE 362C PROCESS: C: 82 M: 13 Y: 93 K: 1 RGB: R: 15 G: 147 B: 62 #0F933E SPOT: PROCESS: RGB: WEB: Colore 4 PANTONE BLACK PROCESS: C: 0 M: 0 Y: 0 K: 100 RGB: R: 26 G: 23 B: 27 #FFFFFF LOGO CODICI CROMATICI 5

7 Futura Medium ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ! $%&/()= Futura Medium Condensed ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ! $%&/()= LOGO CARATTERI ISTITUZIONALI La dimensione minima consentita del font è 6 punti. In alternativa potranno essere utilizzati i font della famiglia Arial, più comunemente disponibile sui principali programmi di videoscrittura. Arial Regular ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ! $%&/()= 6

8 LOGO 3 cm. 3 cm. DIMENSIONE MINIMA La lunghezza minima del logo è di 3 cm. 7

9 VERSIONE IN SCALA DI GRIGI VERSIONE IN BIANCO E NERO LOGO VERSIONI IN SCALA DI GRIGIO, BIANCO E NERO E NEGATIVO VERSIONE NEGATIVA 8

10 LOGO UTILIZZI DEL LOGO NON CONSENTITI NON È CONSENTITO: Modificare l ordine degli elementi, misure e proporzioni, usare gli elementi separatamente 9

11 LOGO APPLICAZIONI SU SFONDI NON UNIFORMI Esempio di utilizzo su fotografie o immagini con sfondo non uniforme 10

12 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE FORMAT La struttura grafico-stilistica ideata per la comunicazione dei fondi europei della Regione Marche è caratterizzata dall ideazione di un format organizzato a partire dal logo. Nella comunicazione istituzionale, l utilizzo sistematico di un format che contenga un tratto distintivo e caratterizzante, assume una funzione identitaria funzionale ad una comunicazione efficace. 11

13 LOGO POR FESR SLOGAN MARCHIO SUB-HEAD E BODY COPY VISUAL COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE FORMAT E OBBLIGHI PER I BENEFICIARI PAY-OFF www che.it SITO E LOGHI ISTITUZIONALI (REPUBBLICA ITALIANA, UNIONE EUROPEA, REGIONE MARCHE) Il format si presenta come un frame work definito, che organizza la comunicazione, valorizzando le tematiche che, di volta in volta, si intendono comunicare, restituendo coerenza alla comunicazione. Il Regolamento (CE) 1828/2006 fornisce ai beneficiari dei finanziamenti indicazioni per la creazione di materiali di comunicazione, la realizzazione di eventi e la gestione del rapporti con i media. Il Regolamento prevede infatti che gli interventi finanziati nell ambito del POR FESR comprendano azioni di informazione e comunicazione verso il pubblico. Le azioni da svolgere consistono: nell affissione sulle opere e infrastrutture realizzate di cartellonistica di cantiere e targhe commemorative, a interventi conclusi; nella citazione delle Istituzioni finanziatrici e degli strumenti di finanziamento nei materiali di comunicazione, in occasione di eventi e nelle relazioni con la stampa. In tutte queste azioni, è importante ricordare non solo le Istituzioni coinvolte, ma anche gli obiettivi generali e specifici delle varie azioni che hanno consentito il cofinanziamento dei singoli interventi. Gli articoli 8 e 9 del Regolamento 1828/2006, che interessano direttamente i beneficiari dei finanziamenti, sono riprodotti nell Appendice. Il posizionamento degli elementi comunicazionali è illustrato nello schema qui a lato. 12

14 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE MARCHE COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE EMBLEMI ISTITUZIONALI Il blocco grafico costituito dai tre emblemi associati in sequenza va riprodotto rispettando proporzioni e distanze tra i diversi elementi, come illustrato qui a lato: 13

15 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU POSTER 70x100 14

16 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU LOCANDINA 15

17 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU RIVISTA 16

18 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU ROLL-UP 17

19 LOGO LOGO POR FESR Insieme c è futuro TITOLO TITOLO IMMAGINE O GRAFICO SPAZIO PER FOTO E GRAFICI Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum CONTENUTI LOGHI ISTITUZIONALI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE MODELLO PER VIDEO-PRESENTAZIONE 18

20 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE ESEMPIO DI VIDEO-PRESENTAZIONE 19

21 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE MODELLO PRESENTAZIONE POWER-POINT 20

22 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU OPUSCOLO 21

23 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INVITO 22

24 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE IMMAGINE COORDINATA 23

25 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE ESEMPIO TARGA 24

26 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE BANNER WEB Nei siti web, l emblema FESR può essere più grande o più piccolo del blocco dei loghi istituzionali; va collocato in posizione distanziata da quest ultimo, in modo da creare una composizione armonica rispetto allo spazio disponibile. Tutte le volte in cui è possibile, è opportuno inserire anche il motto Insieme c è futuro, che ha l obiettivo di evidenziare il valore aggiunto dell intervento comunitario. 25

27 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU MOLESKINE 26

28 CARTELLI PER CANTIERI E TARGHE COMMEMORATIVE Se il finanziamento complessivo ottenuto per la realizzazione di infrastrutture o interventi costruttivi supera i euro, il Regolamento (CE) 1828/2006 prevede che ogni cantiere attivo e ogni opera finita siano segnalati: da appositi cartelli affissi nei cantieri, durante i lavori; da targhe commemorative permanenti, collocate sulle opere terminate. Anche se il finanziamento ottenuto è inferiore a euro, si raccomanda comunque l affissione di cartelli di cantiere e targhe commemorative su tutte le opere realizzate. CARTELLI DA AFFIGGERE DURANTE I LAVORI SUL LUOGO DI REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E INTERVENTI COSTRUTTIVI. Per quanto riguarda le azioni di informazione per i beneficiari di finanziamenti comunitari durante i lavori, l affissione di cartelli informativi con testi in lingua italiana è obbligatoria per i progetti con un costo globale (finanziamento comunitario + finanziamento nazionale) superiore a euro. Anche se il finanziamento ottenuto è inferiore a euro, si raccomanda comunque l affissione di cartelli di cantiere su tutte le opere realizzate. I cartelli devono avere una grandezza adeguata alle dimensioni dell opera da realizzare. Possono ad esempio essere realizzati sui seguenti supporti resistenti all esposizione in esterno: Forex (PVC espanso) di 5 o 10 mm di spessore in base alle dimensioni del cartello. La grafica dev essere realizzata in pvc o vinile adesivo stampato in digitale per esterno, e munito di protezione; Polipropilene (PVC alveolare calettato) di 10 mm di spessore. La grafica dev essere realizzata in PVC o vinile adesivo stampato in digitale per esterno, e munito di protezione; Telo o striscione in PVC o tessuto di peso e spessore adeguati con orlo, saldatura o borchiatura perimetrale per l ancoraggio a struttura di cantiere esistente. La grafica dev essere realizzata in stampa digitale diretta per esterno. I cartelli delle opere devono essere realizzati nel rispetto della normativa che regolamenta la gestione di tutte le informazioni riferite ad esse. I cartelli debbono essere realizzati in base allo schema grafico illustrato nella pagina seguente, nel quale compaiono i seguenti spazi: in alto: l emblema del POR FESR e delll Unione europea, affiancato dalle scritte Unione europea, Fondo europeo di sviluppo regionale, PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA e Investiamo nel vostro futuro ; tale parte deve costituire almeno il 25% del cartello; nella parte sottostante: l emblema del FSE, l emblema della regione Marche, l emblema del Ministero dello Sviluppo Economico e l emblema del e degli altri enti (se necessari). COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE CARTELLI PER CANTIERI E TARGHE COMMEMORATIVE 27

29 1000 mm. 700 mm. Comune / Provincia Lavori di Progetto finanziato con Delibera di Giunta Regionale n Responsabile del procedimento Progettista Direzione dei lavori Calcolatore c.a. e direzione dei lavori in c.a. Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione Importo del progetto Importo dei lavori a base dʼasta Impresa esecutrice Direttore tecnico di cantiere Inizio dei lavori MARCHE fondi strutturali europei Investiamo nel Vostro futuro del Oneri per la sicurezza Importo del contratto Sede dellʼimpresa Fine dei lavori prevista 175 mm. 110 mm. COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE TARGA INFORMATIVA 100x70 Per infrastrutture di costo complessivo superiore a EUR La sezione del pannello dedicata alla descrizione del contributo comunitario deve occupare almeno il 25% dell area totale del pannello. 28

30 TARGHE COMMEMORATIVE PERMANENTI DA APPORRE SULLE INFRASTRUTTURE E SUI PROGETTI COSTRUTTIVI REALIZZATI Si tratta di targhe permanenti che segnalano il contributo dell Unione europea alla realizzazione di opere infrastrutturali di costo complessivo superiore a EUR e inferiore a Anche se il finanziamento ottenuto è inferiore a euro, si raccomanda comunque l affissione di targhe commemorative su tutte le opere realizzate. Possono essere realizzate in vari materiali, come ad esempio: plexiglass/perspex di 10 mm di spessore applicato su pali o sulla facciata con distanziali ai quattro angoli. La grafica dev essere realizzata su PVC/vinile adesivo con stampa digitale per esterno, più plastificazione. In alternativa, la grafica può essere realizzata direttamente sul retro del supporto, e completata da un passaggio di fondo bianco e di film protettivo; ottone trattato per utilizzo in esterno. La grafica dev essere realizzata con serigrafia a colori ed eventuale marcatura laser; rame trattato per utilizzo in esterno. La grafica dev essere realizzata con serigrafia a colori ed eventuale marcatura laser; alluminio scatolato. La grafica dev essere realizzata su PVC/vinile adesivo stampato in digitale per esterno, e completata da protezione plastificata. LINEE GUIDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE A CURA DEI BENEFICIARI Le targhe debbono essere realizzate in base allo schema grafico illustrato nella pagina successiva, nel quale compaiono i seguenti spazi: in alto: l emblema del POR FESR e delll Unione europea, affiancato dalle scritte Unione europea, Fondo europeo di sviluppo regionale, PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA e Investiamo nel vostro futuro ; tale parte deve costituire almeno il 25% del cartello; nella parte sottostante: l emblema del FSE, l emblema della regione Marche, l emblema del Ministero dello Sviluppo Economico e l emblema del e degli altri enti (se necessari). COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE TARGHE COMMEMORATIVE PERMANENTI DA APPORRE SULLE INFRASTRUTTURE E SUI PROGETTI COSTRUTTIVI REALIZZATI Le eventuali targhe apposte sulle infrastrutture realizzate, dedicate ad imprese che abbiano realizzato investimenti nell ambito del progetto, vanno rimosse dopo un anno dalla loro collocazione. 29

31 700 mm. 500 mm. Comune / Provincia Lavori di Progetto finanziato con Delibera di Giunta Regionale n Responsabile del procedimento Progettista Direzione dei lavori Calcolatore c.a. e direzione dei lavori in c.a. Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione Importo del progetto Importo dei lavori a base dʼasta Impresa esecutrice Direttore tecnico di cantiere Inizio dei lavori MARCHE fondi strutturali europei Investiamo nel Vostro futuro del Oneri per la sicurezza Importo del contratto Sede dellʼimpresa Fine dei lavori prevista 125 mm. 75 mm. COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE TARGA INFORMATIVA 70x50 Per infrastrutture di costo complessivo superiore a EUR e inferiore a La sezione del pannello dedicata alla descrizione del contributo comunitario deve occupare almeno il 25% dell area totale del pannello. 30

32 APPENDICE REGOLAMENTO (CE) N. 1828/2006 DELLA COMMISSIONE Dell 8 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e del regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale. 31

33 ARTICOLO 8 RESPONSABILITÀ DEI BENEFICIARI RELATIVE AGLI INTERVENTI INFORMATIVI E PUBBLICITARI DESTINATI AL PUBBLICO 1. Ai beneficiari spetta informare il pubblico, mediante le misure di cui ai paragrafi 2, 3 e 4, circa la sovvenzione ottenuta dai Fondi. 2. Il beneficiario espone una targa esplicativa permanente, visibile e di dimensioni significative, entro sei mesi dal completamento di un operazione che rispetta le seguenti condizioni: a) il contributo pubblico totale all operazione supera euro; b) l operazione consiste nell acquisto di un oggetto fisico, nel finanziamento di un infrastruttura o d interventi costruttivi. La targa indica il tipo e la denominazione dell operazione, oltre alle informazioni di cui all articolo 9. Tali informazioni costituiscono almeno il 25% della targa. 3. Durante l attuazione dell operazione il beneficiario installa un cartello nel luogo delle operazioni conformi alle seguenti condizioni: a) il contributo pubblico totale all operazione supera euro; b) l operazione consiste nel finanziamento di un infrastruttura o di interventi costruttivi. Le informazioni di cui all articolo 9 occupano almeno il 25% del cartello. Quando l operazione è completata il cartello è sostituito dalla targa esplicativa permanente di cui al paragrafo Se un operazione riceve finanziamenti nel quadro di un programma operativo cofinanziato dal FSE o, se del caso, se un operazione è finanziata dal FESR o dal Fondo di coesione, il beneficiario garantisce che i partecipanti all operazione siano stati informati di tale finanziamento. Il beneficiario informa in modo chiaro che l operazione in corso di realizzazione è stata selezionata nel quadro di un programma operativo cofinanziato dall FSE, dal FESR o dal Fondo di coesione. In qualsiasi documento riguardante tali operazioni, compresi i certificati di frequenza o altri certificati, figura una dichiarazione da cui risulti che il programma operativo è stato cofinanziato dall FSE o, se del caso, dal FESR o dal Fondo di coesione. ARTICOLO 8 Responsabilità dei beneficiari relative agli interventi informativi e pubblicitari destinati al pubblico 32

34 ARTICOLO 9 CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI INTERVENTI INFORMATIVI E PUBBLICITARI RELATIVI ALL OPERAZIONE Tutti gli interventi informativi e pubblicitari destinati ai beneficiari, ai beneficiari potenziali e al pubblico comprendono quanto segue: a) l emblema dell Unione europea, conformemente alle norme grafiche di cui all allegato I, e un riferimento all Unione europea; b) l indicazione del Fondo pertinente: per il FESR: «Fondo europeo di sviluppo regionale»; per il Fondo di coesione: «Fondo di coesione»; per il FSE: «Fondo sociale europeo»; c) una frase, scelta dall autorità di gestione, che evidenzi il valore aggiunto dell intervento comunitario, preferibilmente: «Investiamo nel vostro futuro». Per oggetti promozionali di dimensioni ridotte le lettere b) e c) non si applicano. ARTICOLO 9 Caratteristiche tecniche degli interventi informativi e pubblicitari relativi all operazione 33

35 AUTORITÀ DI GESTIONE: soggetto pubblico territoriale incaricato di garantire che i beneficiari dei finanziamenti vengano informati sulle condizioni specifiche relative ai prodotti o ai servizi da fornire nel quadro dell operazione, sul piano di finanziamento, sul termine per l esecuzione, nonché sui dati finanziari o di altro genere che vanno conservati e comunicati. BENEFICIARIO DEL FINANZIAMENTO: soggetto pubblico o privato che ottiene un finanziamento nell ambito del POR FESR (o di altri Programmi comunitari), con specifico riferimento agli obiettivi del Programma. FESR: acronimo di Fondo europeo di sviluppo regionale. Insieme al Fondo sociale europeo (FSE) e al Fondo di coesione, è uno dei tre strumenti finanziari che l Unione europea ha adottato per favorire la coesione economica e sociale tra gli Stati membri. Il FESR è finalizzato a promuovere l adeguamento strutturale delle regioni in ritardo di sviluppo e la riconversione delle zone industriali in declino, correggendo i principali squilibri tra le regioni. FONDO DI COESIONE: insieme al Fondo sociale europeo (FSE) e al Fondo europeo di sviluppo regionale, è uno dei tre strumenti finanziari che l Unione europea ha adottato per favorire la coesione economica e sociale tra gli Stati membri. Finanzia progetti nei settori dell ambiente e delle reti transeuropee di infrastrutture dei trasporti. FSE: acronimo di Fondo sociale europeo. Insieme al Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e al Fondo di coesione, è uno dei tre strumenti finanziari che l Unione europea ha adottato per favorire la coesione economica e sociale tra gli Stati membri. L FSE è finalizzato a promuovere l occupazione e l adattabilità dei lavoratori ai cambiamenti economici e sociali. POR: acronimo di Programma Operativo Regionale. Documento di programmazione adottato dalla Regione Marche e approvato dalla Commissione Europea, mediante il quale sono stati definiti obiettivi e strategia di sviluppo del territorio regionale, e sono stati individuati strumenti funzionali al loro raggiungimento. Il POR FESR attualmente in corso di svolgimento è iniziato nel 2007 e si concluderà nel GLOSSARIO ESSENZIALE 34

36

LOGO ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA

LOGO ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA LOGO ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA GUIDELINES Regole principali Colori Pantone 1797 C Pantone 7741 C Pantone Black 3 C C 15 - M 100 - Y 90 - K 10 C 75 - M 25 - Y 100 - K 0 C 11 - M 0 - Y 15 - K 82 R 162

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. regionale il format. cartelli e targhe

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. regionale il format. cartelli e targhe UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale regionale e targhe 29 e targhe Il Regolamento (CE) N. 1828/2006 all art. 8 definisce le responsabilità in capo ai beneficiari per gli interventi informativi

Dettagli

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C 2 Questo manuale presenta gli elementi del sistema di identità visiva di 50&PiùEnasco. Il presente documento è destinato agli utilizzatori al fine di riprodurre correttamente il simbolo di 50&PiùEnasco,

Dettagli

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE POR POR FESR FESR EMILIA-ROMAGNA 2007-2013 RISORSE IN IN RETE linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI INDICE Le ragioni di questa guida pag.

Dettagli

Sei. La consulenza evoluta

Sei. La consulenza evoluta Sei. La consulenza evoluta Consulenza: la tradizione Fideuram diventa riferimento per il mercato. Da oltre quaranta anni la nostra missione è offrire ai nostri clienti consulenza finanziaria con un alto

Dettagli

LINEE GUIDA. Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti. investiamo nel vostro futuro

LINEE GUIDA. Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti. investiamo nel vostro futuro Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico investiamo nel vostro futuro

Dettagli

Linee guida per le azioni di informazione e pubblicità

Linee guida per le azioni di informazione e pubblicità Presidenza del Consiglio dei Ministri Struttura di Missione DPCM 1/6/2014 PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO 2007-2013 Linee guida per le azioni di informazione

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. linee guida. per le azioni di informazione e comunicazione

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. linee guida. per le azioni di informazione e comunicazione UNIONE EUROPEA linee guida per le azioni di informazione e comunicazione contenuti il marchio ELEMENTI DI BASE I COLORI LA SCALA DI GRIGIO IL BIANCO E NERO IL LETTERING L AREA DI RISPETTO LEGGIBILITÀ E

Dettagli

Chi siamo Dove siamo Il nostro staff Lavora con noi Contattaci Newsletter LOGO. News Nuovo Usato Outlet Veicoli commerciali Assistenza Servizi

Chi siamo Dove siamo Il nostro staff Lavora con noi Contattaci Newsletter LOGO. News Nuovo Usato Outlet Veicoli commerciali Assistenza Servizi Wireframe: home page Cerca tra il nuovo usato tipo Volumi volumi Marca Modello marca modello Promo (slider) Prezzo (iva inclusa) I nostri servizi prezzo Cerca ricerca avanzata Vetture nuove speciali Vetture

Dettagli

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE POR POR FESR FESR EMILIA-ROMAGNA 2007-2013 RISORSE IN IN RETE linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI INDICE Le ragioni di questa guida pag.

Dettagli

Milano Design Week 8 13 Aprile Circuito Ufficiale di zona Tortona Savona. Posizione Mainsponsor del circuito

Milano Design Week 8 13 Aprile Circuito Ufficiale di zona Tortona Savona. Posizione Mainsponsor del circuito Milano Design Week 8 13 Aprile Circuito Ufficiale di zona Tortona Savona Posizione Mainsponsor del circuito Tortona Around Design Il nuovo fuorisalone di zona Tortona-Savona Tortona Around Design è un

Dettagli

Linee guida e manuale d uso. per le azioni di comunicazione a cura dei beneficiari dei finanziamenti. www.europa.marche.it

Linee guida e manuale d uso. per le azioni di comunicazione a cura dei beneficiari dei finanziamenti. www.europa.marche.it Linee guida e manuale d uso per le azioni di comunicazione a cura dei beneficiari dei finanziamenti Fondi strutturali e di investimento europei www.europa.marche.it Sommario LE RAGIONI DI QUESTA GUIDA

Dettagli

LINEE GUIDA. Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti. investiamo nel vostro futuro

LINEE GUIDA. Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti. investiamo nel vostro futuro LINEE GUIDA Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico investiamo

Dettagli

MANUALE DI STILE 2013

MANUALE DI STILE 2013 MANUALE DI STILE 2013 Indice 01. LOGO 01.01 - Descrizione - Stemma - Elemento testuale - Costruttivo - Colori utilizzati 01.03 - Declinazioni - Logo OUTLINE versione positiva - Logo OUTLINE versione negativa

Dettagli

RDL Lighting System. Catalogo Prodotti

RDL Lighting System. Catalogo Prodotti Catalogo Prodotti RDL Lighting System. Catalogo Prodotti RDL Lighting System. Catalogo Prodotti Minigonna 7 Minigonna Applique 7 Fantasy 7 Edith 7 Laetitia 7 Sfera 7 Zoe 7 Christelle 7 Ingot 7 Brigitte

Dettagli

Il Manuale d identità visiva

Il Manuale d identità visiva Il Manuale d identità visiva 2 Il Manuale normativo d identità visiva dell Università degli Studi di Foggia La Premessa Il progetto di costruzione di un sistema d identità visiva dell Università degli

Dettagli

Allegato 12 : Loghi e cartellonistica

Allegato 12 : Loghi e cartellonistica Allegato 12 : Loghi e cartellonistica 1 INDICE DISPOSIZIONI GENERALI... 3 LOGO FSC... 4 CARTELLONISTICA DI CANTIERE... 4 TARGA PERMANENTE... 6 PUBBLICITA SUI DOCUMENTI... 7 DISPOSIZIONI TRANSITORIE...

Dettagli

I CAMMINI DELLA REGINA PERCORSI TRANSFRONTALIERI LEGATI ALLA VIA REGINA

I CAMMINI DELLA REGINA PERCORSI TRANSFRONTALIERI LEGATI ALLA VIA REGINA WP6 LINEE GUIDA MANUALE D IDENTITÀ VISIVA PERCORSI TRANSFRONTALIERI LEGATI ALLA VIA REGINA Questo manuale nasce per determinare le linee guida di utilizzo del marchio, dell immagine coordinata e della

Dettagli

Promuoviamo la tua struttura ricettiva nel mercato cinese dei turisti top spender

Promuoviamo la tua struttura ricettiva nel mercato cinese dei turisti top spender Promuoviamo la tua struttura ricettiva nel mercato cinese dei turisti top spender Il Portale Wechina presenterà IL TUO HOTEL al mercato cinese. NON SIAMO UNA OTA NON SIAMO UN CHANNEL MANAGER All interno

Dettagli

FONDO DI SVILUPPO E COESIONE (FSC)

FONDO DI SVILUPPO E COESIONE (FSC) FONDO DI SVILUPPO E COESIONE (FSC) INFORMAZIONE E PUBBLICITA LOGHI E CARTELLONISTICA Cagliari, 20 maggio 2009 Stato di attuazione dell Intesa Stato Regione Sardegna e degli APQ DISPOSIZIONI GENERALI Ai

Dettagli

WeChina. Progetto Destination Management e Marketing Turistico

WeChina. Progetto Destination Management e Marketing Turistico WeChina Progetto Destination Management e Marketing Turistico MISSION Promuoviamo l esperienza da vivere e da raccontare attraverso il soggiorno negli hotel del network chinese friendly NON SIAMO UNA OTA

Dettagli

B. Stampati per corrispondenza

B. Stampati per corrispondenza B. Stampati per corrispondenza Indice Premessa Linea operativa 01 Carta intestata Camere di Commercio 02 Carta intestata con specifica 03 Carta intestata Unioni Regionali 04 Carta intestata Aziende Speciali

Dettagli

Guida redazionale del logo 2015

Guida redazionale del logo 2015 Guida redazionale del logo 2015 IT Foto: David Lliff Gruppo del PPE al Parlamento europeo Rue Wiertz 60 1047 Bruxelles Belgio Editor Indice Introduzione...2 Coerenza grafica...2 Un identità unica...3 Un

Dettagli

manuale di identità visiva - graphic portfolio

manuale di identità visiva - graphic portfolio manuale di identità visiva - graphic portfolio PRISCA PILOT PROJECT EU-LIFE + Environment Policy and Governance LIFE/11/ENV/000277 PRISCA (PILOT PROJECT FOR SCALE RE-USE STARTING FROM BULKY WASTE STREAM)

Dettagli

Bando Storico, Artistico e Culturale 2014 - II fase. Fondazione CON IL SUD PROPOSTA DI PROGETTO. Numero progetto: null FAC-SIMILE

Bando Storico, Artistico e Culturale 2014 - II fase. Fondazione CON IL SUD PROPOSTA DI PROGETTO. Numero progetto: null FAC-SIMILE Bando Storico, Artistico e Culturale 2014 - II fase Fondazione CON IL SUD PROPOSTA DI PROGETTO Numero progetto: null Titolo: IL BANDO SAC (PARTE II) Soggetto Responsabile: NORDA 1.DATI GENERALI: PROGETTO

Dettagli

patrizialai graphicwebdesigner

patrizialai graphicwebdesigner patrizialai graphicwebdesigner Lavora nel campo della grafica e dello sviluppo web da più di 14 anni e al momento, oltre a lavorare come responsabile di tutta la parte grafica per una società che fornisce

Dettagli

Linee guida per l'utilizzo del logo dell'università di Siena

Linee guida per l'utilizzo del logo dell'università di Siena DI Linee guida per l'utilizzo del logo dell'università di Siena DI Indice 1. Il nuovo sigillo 2. Lo sviluppo di un logotipo per applicazioni web e social network 3. Proporzione 4. Grandezza minima 5.

Dettagli

1. MANUALE DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

1. MANUALE DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE 1. MNULE DI COMUNICZIONE ISTITUZIONLE PREMESS Il Manuale di Comunicazione Istituzionale è un progetto di comunicazione integrata che si rivolge a tutti i soci, dipendenti, clienti e portatori di interesse

Dettagli

Portraits of Milan. Fotografie di Andrea Rovatti. Recomposing the imaginary. a cura di Denis Curti

Portraits of Milan. Fotografie di Andrea Rovatti. Recomposing the imaginary. a cura di Denis Curti Portraits of Milan Recomposing the imaginary Fotografie di Andrea Rovatti a cura di Denis Curti una mostra fotografica dal titolo Portraits of Milan di Andrea Rovatti in accordo con SEA per l inaugurazione

Dettagli

Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione

Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione Paola Vocca Lezione 17: Progettare il testo Lucidi tradotti e adattati da materiale presente su http://www.hcibook.com/e3/resources/

Dettagli

ANUALE D USO. del Marchio di Certifi cazione ICIM S.p.A.

ANUALE D USO. del Marchio di Certifi cazione ICIM S.p.A. ANUALE D USO del Marchio di Certifi cazione ICIM S.p.A. Indice Nota informativa 4 Il Marchio di Certifi cazione 6 Sistema di Gestione Certifi cato 8 Sistema di Gestione Certifi cato: Esempi 20 Prodotto

Dettagli

AutoPronti. Wireframe: home page. Range Rover Sport 45.300 40.300. Cerca tra il nuovo. Promo (slider) Nuove speciali. I nostri servizi.

AutoPronti. Wireframe: home page. Range Rover Sport 45.300 40.300. Cerca tra il nuovo. Promo (slider) Nuove speciali. I nostri servizi. Wireframe: home page Cerca tra il nuovo usato Tipo tipo Volumi volumi Marca Modello marca modello Promo (slider) Prezzo (iva inclusa) I nostri servizi prezzo Cerca ricerca avanzata Vetture usate Nuove

Dettagli

Guida OpenOffice Writer 4.1.1 Indice

Guida OpenOffice Writer 4.1.1 Indice Guida OpenOffice Writer 4.1.1 Indice INTRODUZIONE...2 I MARGINI DELLA PAGINA, LA DIMENSIONE DELLA PAGINA, L'ORIENTAMENTO DELLA PAGINA...3 IMPOSTARE IL COLORE SFONDO PAGINA E BORDO PAGINA...4 NUMERO COLONNE

Dettagli

BRAND BOOK SANTA TERESA GALLURA

BRAND BOOK SANTA TERESA GALLURA BRAND BOOK Manuale normativo per l uso del marchio e logotipo Santa Teresa Gallura. Corporate identity e modalità d applicazione sui principali strumenti di comunicazione. stiledibologna.com agenzia di

Dettagli

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO. Fondo Sociale Europeo. Investiamo sul nostro futuro

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO. Fondo Sociale Europeo. Investiamo sul nostro futuro LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO Fondo Sociale Europeo Investiamo sul nostro futuro Pubblicazione realizzata a cura della Regione Basilicata Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura

Dettagli

Manuale d uso del marchio Turismo Veneto

Manuale d uso del marchio Turismo Veneto d uso del marchio Turismo Veneto Regione del Veneto Turismo Veneto Sommario Sommario 1.0 Il marchio, il logotipo, il pay-off 1.1 Costruzione geometrica della stella 1.2 Definizione dei colori ed uso relativo

Dettagli

Piemonte Turismo Brand Manual

Piemonte Turismo Brand Manual Piemonte Turismo Brand Manual Piemonte Turismo Brand Manual Indice 01 Introduzione 02 2 Modulistica 17 1 Il marchio 1.1 Versione colore 1.2 Dimensioni e proporzioni 1.3 Versione bianco e nero 1.4 Versione

Dettagli

Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ

Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ Regolamento (CE) No 1083/2006 Art. 69 1. Lo Stato membro e l Autorità di Gestione del programma operativo

Dettagli

Manuale d uso del marchio turistico della città di Roma

Manuale d uso del marchio turistico della città di Roma Manuale d uso del marchio turistico della città di Roma Sommario INTRODUZIONE 5 Composizione del marchio 7 Colori istituzionali 8 Versione monocromatica positiva e negativa 9 Utilizzo del marchio, uso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA C.F. 80012000826 P.I. 02711070827

REPUBBLICA ITALIANA C.F. 80012000826 P.I. 02711070827 C.F. 80012000826 P.I. 02711070827 PRESIDENZA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE AREA COORDINAMENTO, ASSISTENZA TECNICA E COMUNICAZIONE U.O.B. 1 - Servizi della Comunicazione Data...16 febbraio 2007 Risposta

Dettagli

Pieghevole A4-2 ante. Pieghevole A4-3 ante pag. 4-5. Pieghevole A4 - piega a croce pag. 6-7. pag. 2-3 1 FRONTE 1 FRONTE FRONTE

Pieghevole A4-2 ante. Pieghevole A4-3 ante pag. 4-5. Pieghevole A4 - piega a croce pag. 6-7. pag. 2-3 1 FRONTE 1 FRONTE FRONTE Pieghevole A - 2 ante pag. 2- Pieghevole A - ante pag. - Pieghevole A - piega a croce pag. 6- RETRO Pieghevole A - 2 ante Se il lavoro è certificato Nei lavori certificati è necessario lasciare uno spazio

Dettagli

Obblighi di informazione e pubblicità

Obblighi di informazione e pubblicità Allegato A al Decreto n. 04 del 17 maggio 2016 pag. 1/17 PSR Veneto 2014-2020 Obblighi di informazione e pubblicità Linee Guida per i beneficiari 1 Allegato A al Decreto n. 04 del 17 maggio 2016 pag. 2/17

Dettagli

Azioni di Informazione e Pubblicità

Azioni di Informazione e Pubblicità Azioni di Informazione e Pubblicità Linee guida per i Beneficiari del PON Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 UNA PA PER LA CRESCITA Novembre 2012 Sommario Introduzione... 3 Gli elementi grafici

Dettagli

PO FESR 2007-2013 LINEE GUIDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ

PO FESR 2007-2013 LINEE GUIDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA PO FESR 2007-2013 LINEE GUIDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ INDICE Premessa... 2 I PARTE Le novità... 3 Le principali novità introdotte dai Regolamenti...

Dettagli

PSR 2007-2013. Brand Manual

PSR 2007-2013. Brand Manual Indice 2 Note 3 Logo - Slogan 6 Logo - Slogan compatto 7 Logo + Sito web 8 Font 9 Codici cromatici 10 Utilizzi non consentiti 11 Applicazioni su tinte piatte 12 Applicazioni su fondi non uniformi 13 Applicazioni

Dettagli

L 368/60 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006

L 368/60 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 L 368/60 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 ALLEGATO VI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ SUL SOSTEGNO DA PARTE DEL FEASR (DI CUI ALL ARTICOLO 58, PARAGRAFO 3) 1. Misure di informazione rivolte

Dettagli

Manuale d uso del Marchio FMMF IL LEGNO

Manuale d uso del Marchio FMMF IL LEGNO 1 Manuale d uso del Marchio FMMF IL LEGNO Marchio e Logo prodotti FMMF il Legno Quando si parla di immagine coordinata si fa riferimento alla comunicazione visiva. L immagine coordinata ha come oggetto

Dettagli

CIRCOLARE SULL USO DEL LOGO DEL PIANO DI COMUNICAZIONE PO FSE 2007-2013

CIRCOLARE SULL USO DEL LOGO DEL PIANO DI COMUNICAZIONE PO FSE 2007-2013 Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale CIRCOLARE SULL USO DEL

Dettagli

Applicazioni / Affissioni

Applicazioni / Affissioni Applicazioni / Affissioni 41 Manifesti pubblicitari Schema e disposizione delle informazioni (A) area riservata al logotipo del PO FSE () area riservata alle informazioni relative al messaggio pubblicitario

Dettagli

Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Linee guida e strumenti per comunicare

Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Linee guida e strumenti per comunicare Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Linee guida e strumenti per comunicare Indice 1. L Europa e la comunicazione dei Fondi Strutturali... 2. Informazione e pubblicità nel POR Campania

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Web CSS Altre tecniche Dott. Stefano Burigat

Laboratorio di Tecnologie Web CSS Altre tecniche Dott. Stefano Burigat Laboratorio di Tecnologie Web CSS Altre tecniche Dott. Stefano Burigat www.dimi.uniud.it/burigat CSS Reset Come abbiamo visto, i browser hanno un loro foglio di stile che viene applicato se non definiamo

Dettagli

Titolo disposto su due righe

Titolo disposto su due righe LINEA GRAFICA PO FESR BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO Titolo disposto su due righe Esempio di testo disposto su un rigo Comune di Matera Bando per il rifacimento del manto stradale del centro storico

Dettagli

OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE

OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE PSR per l Umbria 2014-2020 OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE Regolamento di esecuzione (UE) n. 808/2014 della Commissione Allegato III art. 2 I beneficiari di aiuto, sia delle misure a investimento che di quelle

Dettagli

Linee guida per l'attuazione delle azioni di Informazione e Pubblicità per il periodo di programmazione 2007/2013

Linee guida per l'attuazione delle azioni di Informazione e Pubblicità per il periodo di programmazione 2007/2013 Linee guida per l'attuazione delle azioni di Informazione e Pubblicità per il periodo di programmazione 2007/2013 CCI:2007IT162PO001 INDICE INDICE... 1 PREMESSA... 2 1. OBIETTIVI E DESTINATARI DELLE AZIONI

Dettagli

il ponte // inserzioni Listino prezzi novitá 2012 offline & online il ponte compie 20 anni

il ponte // inserzioni Listino prezzi novitá 2012 offline & online il ponte compie 20 anni l a r i v i s t a i t a l i a n a i n d a n i m a r c a il ponte novitá 2012 offline & online Listino prezzi inserzioni 2012 il ponte compie 20 anni l a r i v i s t a i t a l i a n a i n d a n i m a r

Dettagli

Regione Siciliana GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E PUBBLICITARI - LE FUNZIONI DEL REFERENTE DELLA COMUNICAZIONE

Regione Siciliana GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E PUBBLICITARI - LE FUNZIONI DEL REFERENTE DELLA COMUNICAZIONE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana PRESIDENZA Dipartimento della Programmazione Piazza L. Sturzo 36-90139 Palermo P r o g r a m m a O p e r a t i v o d e l F o n d o E u r o p e o d i

Dettagli

GIANLUCA DI DOMENICA progettazione grafica.

GIANLUCA DI DOMENICA progettazione grafica. gianluca.di.domenica 2015 GIANLUCA DI DOMENICA progettazione grafica. 1_proposta APPLICAZIONE IMMAGINE CORDINATA INTESTATI AZIENDALI data. 15.luglio.2015 Spett. le Papermoon srl di Antonio Di Petta via

Dettagli

Mario App - Mario App Preventivi - Mario App Pronto Intervento ll sistema di Mario App permette agli utenti di richiedere preventivi o interventi a qualsiasi orario in qualsiasi città in cui Mario è presente

Mario App - Mario App Preventivi - Mario App Pronto Intervento 
ll sistema di Mario App permette agli utenti di richiedere preventivi o interventi a qualsiasi orario in qualsiasi città in cui Mario è presente Guida all utilizzo PREVENTIVI I preventivi permettono agli utenti di comparare fino ad un massimo di 5 offerte per un determinato lavoro e di scegliere la migliore in base ai dettagli dell offerta ricevuta.

Dettagli

Linee guida e manuale d uso per la comunicazione. OBIETTIVO "Competitività regionale e occupazione"

Linee guida e manuale d uso per la comunicazione. OBIETTIVO Competitività regionale e occupazione Linee guida e manuale d uso per la comunicazione 3 Manuale d uso del logo INDICE 04 05 06 07 09 10 11 12 I riferimenti comunitari I loghi e le informazioni istituzionali Descrizione simbolica Descrizione

Dettagli

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO LINE GRFI PO FSE SILIT 2007/2013 MNULE USO Fondo Sociale Europeo Investiamo sul nostro futuro Pubblicazione realizzata a cura della Regione asilicata ipartimento Formazione, Lavoro, ultura e Sport utorità

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 pag. 1/12

Allegato A al Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 pag. 1/12 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 pag. 1/12 LINEE GUIDA per l informazione e l utilizzo dei loghi previsti per le iniziative finanziate dal PSR per il Veneto 2007 2013 In

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Pagina 1 di 10 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti direttive trovano applicazione nelle aree SIC della rete Natura

Dettagli

Introduzione alla comunicazione scientifica

Introduzione alla comunicazione scientifica Introduzione alla comunicazione scientifica Paola Magnaghi-Delfino, Tullia Norando 2011 Sommario Gli autori, entrambi docenti del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano, hanno maturato una

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Pagina 1 di 7 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti direttive trovano applicazione nelle aree SIC della rete Natura

Dettagli

Logo per il Dipartimento per le Politiche Comunitarie MANUALE GRAFICO. rispetvarianti cromatichversioni

Logo per il Dipartimento per le Politiche Comunitarie MANUALE GRAFICO. rispetvarianti cromatichversioni Logo per il Dipartimento per le Politiche Comunitarie ogo Il loimensioni del logo MANUALE GRAFICO Zona di linguisticheda non faregrafi a Marzo 2007 Manuale grafico Il logo Il logo simboleggia L immagine

Dettagli

MANUALE DI GUIDELINES MARCHIO ASL REGIONE LOMBARDIA

MANUALE DI GUIDELINES MARCHIO ASL REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDELINES MARCHIO ASL REGIONE LOMBARDIA Il nuovo marchio ASL di Regione Lombardia nasce per offrire al pubblico un immagine coordinata unitaria e immediatamente riconducibile all ente istituzionale.

Dettagli

Logo Gruppi del cuore Istruzioni per l uso

Logo Gruppi del cuore Istruzioni per l uso Logo Gruppi del cuore Istruzioni per l uso Le istruzioni per l uso del logo dei gruppi del cuore contengono informazioni e spiegazioni per utilizzarlo in pratica. Definiscono le proporzioni tra immagine

Dettagli

MANUALE DI GUIDELINES MARCHIO ENTI EROGATORI PUBBLICI E PRIVATI SISTEMA SANITARIO REGIONE LOMBARDIA

MANUALE DI GUIDELINES MARCHIO ENTI EROGATORI PUBBLICI E PRIVATI SISTEMA SANITARIO REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDELINES MARCHIO ENTI EROGATORI PUBBLICI E PRIVATI SISTEMA SANITARIO REGIONE LOMBARDIA Nella comunicazione al cittadino, Regione Lombardia sottolinea l unitarietà del lombardo affiancando

Dettagli

Corporate Design Manual Hotel Granbaita. www.hotelgranbaita.com/corporate versione agosto 2012. Gardena.Net

Corporate Design Manual Hotel Granbaita. www.hotelgranbaita.com/corporate versione agosto 2012. Gardena.Net Corporate Design Manual Hotel Granbaita www.hotelgranbaita.com/corporate versione agosto 2012 Gardena.Net Introduzione Il Corporate Design è la guida che descrive e caratterizza lo stile di un attività

Dettagli

ll sistema di Mario App permette agli utenti di richiedere preventivi o interventi a qualsiasi orario in qualsiasi città in cui Mario è presente.

ll sistema di Mario App permette agli utenti di richiedere preventivi o interventi a qualsiasi orario in qualsiasi città in cui Mario è presente. Guida all utilizzo ll sistema di Mario App permette agli utenti di richiedere preventivi o interventi a qualsiasi orario in qualsiasi città in cui Mario è presente. Basta entrare nell'app e scegliere la

Dettagli

UTILITÀ. Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio

UTILITÀ. Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio UTILITÀ Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio Il marchio di Utilità è rappresentato da un elemento grafico che richiama all appartenenza al mondo Compagnia delle Opere

Dettagli

Marta Bettini Marketing Manager THE ROI GENERATION. Perché un azienda moderna non può fare a meno della Lead Generation online?

Marta Bettini Marketing Manager THE ROI GENERATION. Perché un azienda moderna non può fare a meno della Lead Generation online? Marta Bettini Marketing Manager THE ROI GENERATION Perché un azienda moderna non può fare a meno della Lead Generation online? Società specializzata dal 2005 nell offerta di soluzioni di marketing e advertising

Dettagli

INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE

INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE Facendo riferimento alla documentazione tecnica relativa alla progettazione definitiva degli interventi finanziati ai

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI 1.PREMESSA Le linee guida della comunicazione della Garanzia Giovani derivano dall applicazione

Dettagli

CARTELLONI OBBLIGATORI

CARTELLONI OBBLIGATORI CARTELLONI OBBLIGATORI GUIDA ALLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLE NORME IN MATERIA D'INFORMAZIONE E DI PUBBLICITÀ SUGLI INTERVENTI DEI FONDI STRUTTURALI a norma del Regolamento (CE) n. 1159/2000 della Commissione

Dettagli

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA DEL PROGETTO ACCESSIT

MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA DEL PROGETTO ACCESSIT La Coopération au coeur de la Méditerranée La Cooperazione al cuore del Mediterraneo MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA Linee guida per l utilizzo degli elementi grafici relativi al progetto Aggiornamento

Dettagli

Manuale di Identità Visiva. Elementi Base

Manuale di Identità Visiva. Elementi Base Manuale di Identità Visiva Indice 01 Versione colore CMYK pag. 4 02 Versione colore tinte piatte pag. 5 03 Versione colore monocromatica pag. 5 04 Versione colore RGB pag. 6 05 Versione su fondo colorato

Dettagli

Informazione e Pubblicità

Informazione e Pubblicità PIC Interreg IIIA Italia-Svizzera 2000~2006 Informazione e Pubblicità Guida pratica Febbraio 2006 Avvertenze per i beneficiari finali Per ogni progetto, i beneficiari sono tenuti ad evidenziare la presenza

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria MANUALE DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Elementi di base del Marchio-Logo istituzionale dell ARPACAL (Agenzia Regionale

Dettagli

Manuale d identità visiva

Manuale d identità visiva Manuale d identità visiva Elementi Base 14 ottobre 2010 Versione 1.0 01 Marchio/Logo. Versione A 02 Marchio/Logo. Versione B 03 Marchio/Logo. Versione C orizzontale 04 Marchio/Logo. Versione C verticale

Dettagli

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value dsdas Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value 1 Realizzazione Altravia

Dettagli

Istituto Superiore di Scienze Religiose Beato Niccolò Stenone NORME REDAZIONALI PER LA COMPILAZIONE DEGLI ELABORATI SCRITTI

Istituto Superiore di Scienze Religiose Beato Niccolò Stenone NORME REDAZIONALI PER LA COMPILAZIONE DEGLI ELABORATI SCRITTI Istituto Superiore di Scienze Religiose Beato Niccolò Stenone NORME REDAZIONALI PER LA COMPILAZIONE DEGLI ELABORATI SCRITTI Pisa 2015 Premessa Le pagine che seguono non hanno altra finalità se non quella

Dettagli

Manuale di identità visiva

Manuale di identità visiva Manuale di identità visiva Indice Premessa dalla natura del servizio all identità del brand Il marchio ricerca di un identità visiva studio concettuale claim area di rispetto riduzioni in stampa versioni

Dettagli

OBBLIGO DI TARGHE INFORMATIVE E CARTELLI

OBBLIGO DI TARGHE INFORMATIVE E CARTELLI OBBLIGO DI TARGHE INFORMATIVE E CARTELLI (Sintesi del regolamento CE 1974/06 e della Delibera di Giunta Regionale 4 agosto 2010, n. 1832) CHI HA L OBBLIGO I beneficiari di interventi ammessi agli aiuti

Dettagli

CATALOGO VITERIA AZIENDA CERTIFICATA ISO - 9001:2008. e-mail: info@bbpadova.it www.bbpadova.it. pag. 27. pag. 11. pag. 53. pag. 56. pag. 28. pag.

CATALOGO VITERIA AZIENDA CERTIFICATA ISO - 9001:2008. e-mail: info@bbpadova.it www.bbpadova.it. pag. 27. pag. 11. pag. 53. pag. 56. pag. 28. pag. pag. 27 EN - 14592-2008 pag. 53 pag. 11 pag. 28 pag. 56 CATALOGO VITERIA pag. 33 pag. 31 pag. 40 pag. 37 pag. 49 pag. 46 AZIENDA CERTIFICATA ISO - 9001:2008 e-mail: info@bbpadova.it www.bbpadova.it pag.

Dettagli

Lo stemma, patrimonio identitario della Regione

Lo stemma, patrimonio identitario della Regione Lo stemma, patrimonio identitario della Regione Linee guida per l utilizzo degli elementi di identità visiva istituzionale della Regione Autonoma della Sardegna REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Linee

Dettagli

Marcature. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma

Marcature. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Marcature Giugno 2007 Stendardo A Dimensioni: min. 350x1400 mm. Asta: acciaio satinato. Fondo: stampa digitale bifacciale su banner in PVC strutturale. Colore rosso rif. PMS 202 EC (versione A) o bianco

Dettagli

Prestampa. Progettazione e realizzazione del vostro prodotto al miglior rapporto qualità/prezzo. Prime porgettazioni. Lavorazioni ordinarie

Prestampa. Progettazione e realizzazione del vostro prodotto al miglior rapporto qualità/prezzo. Prime porgettazioni. Lavorazioni ordinarie 01 gennaio 2005 Prestampa Progettazione e realizzazione del vostro prodotto al miglior rapporto qualità/prezzo. Prime porgettazioni ideazione logo 300,00 immagine coordinata - carta intestata, busta, biglietto

Dettagli

Lo stemma, patrimonio identitario della Regione

Lo stemma, patrimonio identitario della Regione Lo stemma, patrimonio identitario della Regione Linee guida per l utilizzo degli elementi di identità visiva istituzionale della Regione Autonoma della Sardegna REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Linee

Dettagli

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia manuale d uso per le istituzioni versione 3.1 2 3 Copyright 2013 Ministero delle politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1.0

Dettagli

Corporate identity manual

Corporate identity manual Corporate identity manual Dal punto di vista strettamente operativo l'immagine coordinata è impostata sul marchio e sul logotipo dell'azienda e si sviluppa e si declina su tutte le applicazioni funzionali,

Dettagli

Manuale di grafica digitale

Manuale di grafica digitale Manuale di grafica digitale Giugno 2015 Indice Linee Guida Web Design 1. Introduzione 2. Marchio 3. Brand architecture 4. Visual 5. Caratteri tipografici 6. Colori 7. Gabbia di impaginazione 8. Composizione

Dettagli

MANUALE D IDENTITà VISIVA

MANUALE D IDENTITà VISIVA MANUALE D IDENTITà VISIVA INDICE MARCHIO E LOGOTIPO 3. Il logo originale 3. Il logo.it 4. Colori in quadricromia 4. Colori dichiarati Pantone 4. Colori dichiarati RAL 5. Logo monocromatico nero 6. Logo

Dettagli

Il formato XML. Versione 1.2 - Aprile 2013. Roberto Tua. Hyperfilm - Il formato XML pag. 1 di 25

Il formato XML. Versione 1.2 - Aprile 2013. Roberto Tua. Hyperfilm - Il formato XML pag. 1 di 25 Il formato XML Versione 1.2 - Aprile 2013 Roberto Tua Hyperfilm - Il formato XML pag. 1 di 25 Indice generale Glossario...3 Introduzione...4 1 La struttura del documento...5 2 Il nodo ...6 3 Il nodo

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R. 2007-2013) Disposizioni in materia di pubblicità e informazione sul sostegno da parte del

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R. 2007-2013) Disposizioni in materia di pubblicità e informazione sul sostegno da parte del PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R. 2007-2013) Disposizioni in materia di pubblicità e informazione sul sostegno da parte del FEASR (Fondo Europeo per lo Sviluppo Rurale) nell ambito del Programma di

Dettagli

IL MARCHIO manuale d uso. immagine coordinata

IL MARCHIO manuale d uso. immagine coordinata IL MARCHIO manuale d uso immagine coordinata indice 1.0 premessa 3 1.1 il marchio 4 1.2 i colori istituzionali del marchio 5 1.3 il marchio a colori 6 1.4 il marchio al tratto 7 1.5 il marchio in scala

Dettagli

Contenuti. 1 Il marchio 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto

Contenuti. 1 Il marchio 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto Brand Standards 2006 Contenuti 1 Il marchio 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto 2 Il colore 2.1 Colori istituzionali del marchio 2.2 Rapporti

Dettagli

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida MANUALE GUIDA DI IDENTITÀ VISIVA L autorevolezza di un ente pubblico come di un azienda passa attraverso l autorevolezza del marchio. Utilizzare ogni volta

Dettagli

non sta mai ferma Manuale dei Cantieri

non sta mai ferma Manuale dei Cantieri Manuale dei Cantieri Manuale dei Cantieri A cura di CITTÀ DI TORINO Servizio Centrale Comunicazione Direttore Anna Martina coordinamento Liliana Lavagna - Responsabile Comunicazione Istituzionale e Trasformazioni

Dettagli

Contenuti. 1 Il marchio SCAME 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto

Contenuti. 1 Il marchio SCAME 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto Brand Standards Contenuti 1 Il marchio SCAME 1.1 Elementi costruttivi del marchio 1.2 Dimensioni e prove di leggibilità 1.3 Aree di rispetto 2 Il colore 2.1 Colori istituzionali del marchio 2.2 Rapporti

Dettagli