Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013. Insieme c è futuro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013. Insieme c è futuro"

Transcript

1 Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013 Insieme c è futuro

2 LOGO Versione a colori Proporzioni e area di rispetto Codici cromatici Caratteri istituzionali Dimensione minima Varianti cromatiche Utilizzi non consentiti Applicazione su sfondi non uniformi INDICE Format Emblemi istituzionali Poster 70x100 Locandina Rivista Roll-up Modello per videopresentazione Esempio di videopresentazione Modello presentazione Power-Point Opuscolo Invito Immagine coordinata Targa Web Moleskine Cartelli per cantieri e targhe commemorative COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPENDICE Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione Glossario essenziale

3 LOGO LOGO ANALISI STILISTICA A partire dall outline del territorio, la cui curvatura richiama simbolicamente una freccia, è stato ideato un logo caratterizzato da due elementi distinti e complementari: la Regione Marche accompagnata dall elemento play. Una doppia freccia cromatica che punta verso l alto, ad indicare una crescita partecipata. Il profilo geografico delle Marche, allora, diventa la stilizzazione grafica di una freccia, riproposta, poi, con contorni delineati e precisi, su fondo blu e stelle gialle, a rappresentare l Europa. Anche i codici cromatici, allora, diventano rappresentativi e caratterizzanti: per entrambi i contesti sono stati scelti i colori istituzionali. Distintività ed integrazione, stabilità e sviluppo, diventano le caratteristiche simboliche che fanno del marchio un elemento di forte riconoscibilità e traducibilità, capace di coniugare le specificità del territorio con quelle dell Europa e restituendo l idea di una crescita continua e partecipata, attraverso l uso di elementi grafici e stilistici innovativi. A partire dal 2014, la dicitura Fondi Strutturali Europei verra sostituita da Fondi Strutturali Europei

4 LOGO VERSIONE A COLORI 3

5 x/2 y y LOGO y/7 PROPORZIONI E AREA DI RISPETTO Il posizionamento del logotipo deve rispettare l area di sicurezza e i Font utilizzati in questo manuale. xx x/4 x/4 x/2 x x 4

6 Colore 2 Colore 3 SPOT: PROCESS: RGB: WEB: PANTONE 661C PROCESS: C: 100 M: 85 Y: 0 K: 0 RGB: R: 0 G: 62 B: 144 #003E90 SPOT: PROCESS: RGB: WEB: PANTONE YELLOW PROCESS: C: 0 M: 0 Y: 100 K: 0 RGB: R: 255 G: 237 B: 0 #FFED00 SPOT: PROCESS: RGB: WEB: Colore 1 PANTONE 362C PROCESS: C: 82 M: 13 Y: 93 K: 1 RGB: R: 15 G: 147 B: 62 #0F933E SPOT: PROCESS: RGB: WEB: Colore 4 PANTONE BLACK PROCESS: C: 0 M: 0 Y: 0 K: 100 RGB: R: 26 G: 23 B: 27 #FFFFFF LOGO CODICI CROMATICI 5

7 Futura Medium ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ! $%&/()= Futura Medium Condensed ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ! $%&/()= LOGO CARATTERI ISTITUZIONALI La dimensione minima consentita del font è 6 punti. In alternativa potranno essere utilizzati i font della famiglia Arial, più comunemente disponibile sui principali programmi di videoscrittura. Arial Regular ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz ! $%&/()= 6

8 LOGO 3 cm. 3 cm. DIMENSIONE MINIMA La lunghezza minima del logo è di 3 cm. 7

9 VERSIONE IN SCALA DI GRIGI VERSIONE IN BIANCO E NERO LOGO VERSIONI IN SCALA DI GRIGIO, BIANCO E NERO E NEGATIVO VERSIONE NEGATIVA 8

10 LOGO UTILIZZI DEL LOGO NON CONSENTITI NON È CONSENTITO: Modificare l ordine degli elementi, misure e proporzioni, usare gli elementi separatamente 9

11 LOGO APPLICAZIONI SU SFONDI NON UNIFORMI Esempio di utilizzo su fotografie o immagini con sfondo non uniforme 10

12 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE FORMAT La struttura grafico-stilistica ideata per la comunicazione dei fondi europei della Regione Marche è caratterizzata dall ideazione di un format organizzato a partire dal logo. Nella comunicazione istituzionale, l utilizzo sistematico di un format che contenga un tratto distintivo e caratterizzante, assume una funzione identitaria funzionale ad una comunicazione efficace. 11

13 LOGO POR FESR SLOGAN MARCHIO SUB-HEAD E BODY COPY VISUAL COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE FORMAT E OBBLIGHI PER I BENEFICIARI PAY-OFF www che.it SITO E LOGHI ISTITUZIONALI (REPUBBLICA ITALIANA, UNIONE EUROPEA, REGIONE MARCHE) Il format si presenta come un frame work definito, che organizza la comunicazione, valorizzando le tematiche che, di volta in volta, si intendono comunicare, restituendo coerenza alla comunicazione. Il Regolamento (CE) 1828/2006 fornisce ai beneficiari dei finanziamenti indicazioni per la creazione di materiali di comunicazione, la realizzazione di eventi e la gestione del rapporti con i media. Il Regolamento prevede infatti che gli interventi finanziati nell ambito del POR FESR comprendano azioni di informazione e comunicazione verso il pubblico. Le azioni da svolgere consistono: nell affissione sulle opere e infrastrutture realizzate di cartellonistica di cantiere e targhe commemorative, a interventi conclusi; nella citazione delle Istituzioni finanziatrici e degli strumenti di finanziamento nei materiali di comunicazione, in occasione di eventi e nelle relazioni con la stampa. In tutte queste azioni, è importante ricordare non solo le Istituzioni coinvolte, ma anche gli obiettivi generali e specifici delle varie azioni che hanno consentito il cofinanziamento dei singoli interventi. Gli articoli 8 e 9 del Regolamento 1828/2006, che interessano direttamente i beneficiari dei finanziamenti, sono riprodotti nell Appendice. Il posizionamento degli elementi comunicazionali è illustrato nello schema qui a lato. 12

14 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE MARCHE COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE EMBLEMI ISTITUZIONALI Il blocco grafico costituito dai tre emblemi associati in sequenza va riprodotto rispettando proporzioni e distanze tra i diversi elementi, come illustrato qui a lato: 13

15 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU POSTER 70x100 14

16 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU LOCANDINA 15

17 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU RIVISTA 16

18 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU ROLL-UP 17

19 LOGO LOGO POR FESR Insieme c è futuro TITOLO TITOLO IMMAGINE O GRAFICO SPAZIO PER FOTO E GRAFICI Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum CONTENUTI LOGHI ISTITUZIONALI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE MODELLO PER VIDEO-PRESENTAZIONE 18

20 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE ESEMPIO DI VIDEO-PRESENTAZIONE 19

21 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE MODELLO PRESENTAZIONE POWER-POINT 20

22 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU OPUSCOLO 21

23 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INVITO 22

24 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE IMMAGINE COORDINATA 23

25 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE ESEMPIO TARGA 24

26 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE BANNER WEB Nei siti web, l emblema FESR può essere più grande o più piccolo del blocco dei loghi istituzionali; va collocato in posizione distanziata da quest ultimo, in modo da creare una composizione armonica rispetto allo spazio disponibile. Tutte le volte in cui è possibile, è opportuno inserire anche il motto Insieme c è futuro, che ha l obiettivo di evidenziare il valore aggiunto dell intervento comunitario. 25

27 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE APPLICAZIONE SU MOLESKINE 26

28 CARTELLI PER CANTIERI E TARGHE COMMEMORATIVE Se il finanziamento complessivo ottenuto per la realizzazione di infrastrutture o interventi costruttivi supera i euro, il Regolamento (CE) 1828/2006 prevede che ogni cantiere attivo e ogni opera finita siano segnalati: da appositi cartelli affissi nei cantieri, durante i lavori; da targhe commemorative permanenti, collocate sulle opere terminate. Anche se il finanziamento ottenuto è inferiore a euro, si raccomanda comunque l affissione di cartelli di cantiere e targhe commemorative su tutte le opere realizzate. CARTELLI DA AFFIGGERE DURANTE I LAVORI SUL LUOGO DI REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E INTERVENTI COSTRUTTIVI. Per quanto riguarda le azioni di informazione per i beneficiari di finanziamenti comunitari durante i lavori, l affissione di cartelli informativi con testi in lingua italiana è obbligatoria per i progetti con un costo globale (finanziamento comunitario + finanziamento nazionale) superiore a euro. Anche se il finanziamento ottenuto è inferiore a euro, si raccomanda comunque l affissione di cartelli di cantiere su tutte le opere realizzate. I cartelli devono avere una grandezza adeguata alle dimensioni dell opera da realizzare. Possono ad esempio essere realizzati sui seguenti supporti resistenti all esposizione in esterno: Forex (PVC espanso) di 5 o 10 mm di spessore in base alle dimensioni del cartello. La grafica dev essere realizzata in pvc o vinile adesivo stampato in digitale per esterno, e munito di protezione; Polipropilene (PVC alveolare calettato) di 10 mm di spessore. La grafica dev essere realizzata in PVC o vinile adesivo stampato in digitale per esterno, e munito di protezione; Telo o striscione in PVC o tessuto di peso e spessore adeguati con orlo, saldatura o borchiatura perimetrale per l ancoraggio a struttura di cantiere esistente. La grafica dev essere realizzata in stampa digitale diretta per esterno. I cartelli delle opere devono essere realizzati nel rispetto della normativa che regolamenta la gestione di tutte le informazioni riferite ad esse. I cartelli debbono essere realizzati in base allo schema grafico illustrato nella pagina seguente, nel quale compaiono i seguenti spazi: in alto: l emblema del POR FESR e delll Unione europea, affiancato dalle scritte Unione europea, Fondo europeo di sviluppo regionale, PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA e Investiamo nel vostro futuro ; tale parte deve costituire almeno il 25% del cartello; nella parte sottostante: l emblema del FSE, l emblema della regione Marche, l emblema del Ministero dello Sviluppo Economico e l emblema del e degli altri enti (se necessari). COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE CARTELLI PER CANTIERI E TARGHE COMMEMORATIVE 27

29 1000 mm. 700 mm. Comune / Provincia Lavori di Progetto finanziato con Delibera di Giunta Regionale n Responsabile del procedimento Progettista Direzione dei lavori Calcolatore c.a. e direzione dei lavori in c.a. Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione Importo del progetto Importo dei lavori a base dʼasta Impresa esecutrice Direttore tecnico di cantiere Inizio dei lavori MARCHE fondi strutturali europei Investiamo nel Vostro futuro del Oneri per la sicurezza Importo del contratto Sede dellʼimpresa Fine dei lavori prevista 175 mm. 110 mm. COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE TARGA INFORMATIVA 100x70 Per infrastrutture di costo complessivo superiore a EUR La sezione del pannello dedicata alla descrizione del contributo comunitario deve occupare almeno il 25% dell area totale del pannello. 28

30 TARGHE COMMEMORATIVE PERMANENTI DA APPORRE SULLE INFRASTRUTTURE E SUI PROGETTI COSTRUTTIVI REALIZZATI Si tratta di targhe permanenti che segnalano il contributo dell Unione europea alla realizzazione di opere infrastrutturali di costo complessivo superiore a EUR e inferiore a Anche se il finanziamento ottenuto è inferiore a euro, si raccomanda comunque l affissione di targhe commemorative su tutte le opere realizzate. Possono essere realizzate in vari materiali, come ad esempio: plexiglass/perspex di 10 mm di spessore applicato su pali o sulla facciata con distanziali ai quattro angoli. La grafica dev essere realizzata su PVC/vinile adesivo con stampa digitale per esterno, più plastificazione. In alternativa, la grafica può essere realizzata direttamente sul retro del supporto, e completata da un passaggio di fondo bianco e di film protettivo; ottone trattato per utilizzo in esterno. La grafica dev essere realizzata con serigrafia a colori ed eventuale marcatura laser; rame trattato per utilizzo in esterno. La grafica dev essere realizzata con serigrafia a colori ed eventuale marcatura laser; alluminio scatolato. La grafica dev essere realizzata su PVC/vinile adesivo stampato in digitale per esterno, e completata da protezione plastificata. LINEE GUIDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE A CURA DEI BENEFICIARI Le targhe debbono essere realizzate in base allo schema grafico illustrato nella pagina successiva, nel quale compaiono i seguenti spazi: in alto: l emblema del POR FESR e delll Unione europea, affiancato dalle scritte Unione europea, Fondo europeo di sviluppo regionale, PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA e Investiamo nel vostro futuro ; tale parte deve costituire almeno il 25% del cartello; nella parte sottostante: l emblema del FSE, l emblema della regione Marche, l emblema del Ministero dello Sviluppo Economico e l emblema del e degli altri enti (se necessari). COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE TARGHE COMMEMORATIVE PERMANENTI DA APPORRE SULLE INFRASTRUTTURE E SUI PROGETTI COSTRUTTIVI REALIZZATI Le eventuali targhe apposte sulle infrastrutture realizzate, dedicate ad imprese che abbiano realizzato investimenti nell ambito del progetto, vanno rimosse dopo un anno dalla loro collocazione. 29

31 700 mm. 500 mm. Comune / Provincia Lavori di Progetto finanziato con Delibera di Giunta Regionale n Responsabile del procedimento Progettista Direzione dei lavori Calcolatore c.a. e direzione dei lavori in c.a. Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione Importo del progetto Importo dei lavori a base dʼasta Impresa esecutrice Direttore tecnico di cantiere Inizio dei lavori MARCHE fondi strutturali europei Investiamo nel Vostro futuro del Oneri per la sicurezza Importo del contratto Sede dellʼimpresa Fine dei lavori prevista 125 mm. 75 mm. COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE TARGA INFORMATIVA 70x50 Per infrastrutture di costo complessivo superiore a EUR e inferiore a La sezione del pannello dedicata alla descrizione del contributo comunitario deve occupare almeno il 25% dell area totale del pannello. 30

32 APPENDICE REGOLAMENTO (CE) N. 1828/2006 DELLA COMMISSIONE Dell 8 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e del regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale. 31

33 ARTICOLO 8 RESPONSABILITÀ DEI BENEFICIARI RELATIVE AGLI INTERVENTI INFORMATIVI E PUBBLICITARI DESTINATI AL PUBBLICO 1. Ai beneficiari spetta informare il pubblico, mediante le misure di cui ai paragrafi 2, 3 e 4, circa la sovvenzione ottenuta dai Fondi. 2. Il beneficiario espone una targa esplicativa permanente, visibile e di dimensioni significative, entro sei mesi dal completamento di un operazione che rispetta le seguenti condizioni: a) il contributo pubblico totale all operazione supera euro; b) l operazione consiste nell acquisto di un oggetto fisico, nel finanziamento di un infrastruttura o d interventi costruttivi. La targa indica il tipo e la denominazione dell operazione, oltre alle informazioni di cui all articolo 9. Tali informazioni costituiscono almeno il 25% della targa. 3. Durante l attuazione dell operazione il beneficiario installa un cartello nel luogo delle operazioni conformi alle seguenti condizioni: a) il contributo pubblico totale all operazione supera euro; b) l operazione consiste nel finanziamento di un infrastruttura o di interventi costruttivi. Le informazioni di cui all articolo 9 occupano almeno il 25% del cartello. Quando l operazione è completata il cartello è sostituito dalla targa esplicativa permanente di cui al paragrafo Se un operazione riceve finanziamenti nel quadro di un programma operativo cofinanziato dal FSE o, se del caso, se un operazione è finanziata dal FESR o dal Fondo di coesione, il beneficiario garantisce che i partecipanti all operazione siano stati informati di tale finanziamento. Il beneficiario informa in modo chiaro che l operazione in corso di realizzazione è stata selezionata nel quadro di un programma operativo cofinanziato dall FSE, dal FESR o dal Fondo di coesione. In qualsiasi documento riguardante tali operazioni, compresi i certificati di frequenza o altri certificati, figura una dichiarazione da cui risulti che il programma operativo è stato cofinanziato dall FSE o, se del caso, dal FESR o dal Fondo di coesione. ARTICOLO 8 Responsabilità dei beneficiari relative agli interventi informativi e pubblicitari destinati al pubblico 32

34 ARTICOLO 9 CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI INTERVENTI INFORMATIVI E PUBBLICITARI RELATIVI ALL OPERAZIONE Tutti gli interventi informativi e pubblicitari destinati ai beneficiari, ai beneficiari potenziali e al pubblico comprendono quanto segue: a) l emblema dell Unione europea, conformemente alle norme grafiche di cui all allegato I, e un riferimento all Unione europea; b) l indicazione del Fondo pertinente: per il FESR: «Fondo europeo di sviluppo regionale»; per il Fondo di coesione: «Fondo di coesione»; per il FSE: «Fondo sociale europeo»; c) una frase, scelta dall autorità di gestione, che evidenzi il valore aggiunto dell intervento comunitario, preferibilmente: «Investiamo nel vostro futuro». Per oggetti promozionali di dimensioni ridotte le lettere b) e c) non si applicano. ARTICOLO 9 Caratteristiche tecniche degli interventi informativi e pubblicitari relativi all operazione 33

35 AUTORITÀ DI GESTIONE: soggetto pubblico territoriale incaricato di garantire che i beneficiari dei finanziamenti vengano informati sulle condizioni specifiche relative ai prodotti o ai servizi da fornire nel quadro dell operazione, sul piano di finanziamento, sul termine per l esecuzione, nonché sui dati finanziari o di altro genere che vanno conservati e comunicati. BENEFICIARIO DEL FINANZIAMENTO: soggetto pubblico o privato che ottiene un finanziamento nell ambito del POR FESR (o di altri Programmi comunitari), con specifico riferimento agli obiettivi del Programma. FESR: acronimo di Fondo europeo di sviluppo regionale. Insieme al Fondo sociale europeo (FSE) e al Fondo di coesione, è uno dei tre strumenti finanziari che l Unione europea ha adottato per favorire la coesione economica e sociale tra gli Stati membri. Il FESR è finalizzato a promuovere l adeguamento strutturale delle regioni in ritardo di sviluppo e la riconversione delle zone industriali in declino, correggendo i principali squilibri tra le regioni. FONDO DI COESIONE: insieme al Fondo sociale europeo (FSE) e al Fondo europeo di sviluppo regionale, è uno dei tre strumenti finanziari che l Unione europea ha adottato per favorire la coesione economica e sociale tra gli Stati membri. Finanzia progetti nei settori dell ambiente e delle reti transeuropee di infrastrutture dei trasporti. FSE: acronimo di Fondo sociale europeo. Insieme al Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e al Fondo di coesione, è uno dei tre strumenti finanziari che l Unione europea ha adottato per favorire la coesione economica e sociale tra gli Stati membri. L FSE è finalizzato a promuovere l occupazione e l adattabilità dei lavoratori ai cambiamenti economici e sociali. POR: acronimo di Programma Operativo Regionale. Documento di programmazione adottato dalla Regione Marche e approvato dalla Commissione Europea, mediante il quale sono stati definiti obiettivi e strategia di sviluppo del territorio regionale, e sono stati individuati strumenti funzionali al loro raggiungimento. Il POR FESR attualmente in corso di svolgimento è iniziato nel 2007 e si concluderà nel GLOSSARIO ESSENZIALE 34

36

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C 2 Questo manuale presenta gli elementi del sistema di identità visiva di 50&PiùEnasco. Il presente documento è destinato agli utilizzatori al fine di riprodurre correttamente il simbolo di 50&PiùEnasco,

Dettagli

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO IL MARCHIO COLORI ISTITUZIONALI PANT. COOL GRAY 6 CVP CMYK: 0-0-0-31 RGB: 196-197-198 PANTONE 485 CVP CMYK: 0-95-100-0 RGB: 227-34-25 MARCHIO IN BIANCO/NERO

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P

PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P Modello di patente di guida utilizzato dal 19 gennaio 2013 (Mod. 720 P) PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P Decreto legislativo 18 aprile 2011, n. 59, con cui sono state recepite, le direttive

Dettagli

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS.

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Ultimo aggiornamento: dicembre 2014 Inhalt. 1 Indicazioni generali sul CI/CD delle FFS.... 2 1.1 Principi relativi all immagine

Dettagli

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas Uso del Manuale Il nuovo Manuale fornisce ai vari settori le indicazioni riguardanti le applicazioni per un uso corretto

Dettagli

Guida sull utilizzo del logo

Guida sull utilizzo del logo Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza http://www.csv-vicenza.org 2011 Perché questa Guida? La Guida fornisce indicazioni sull utilizzo del logo del CSV di Vicenza al fine di

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PROMOZIONE NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PROMOZIONE NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PROMOZIONE NO PROFIT LUGLIO 2012 INDICE DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ... 3 1.3 REGIMI TARIFFARI...

Dettagli

Oggetto dell imposta comunale sulla pubblicità permanente

Oggetto dell imposta comunale sulla pubblicità permanente Oggetto dell imposta comunale sulla pubblicità permanente L applicazione dell imposta sulla pubblicità permanente si realizza individuando una fattispecie impositiva, consistente in un mezzo o supporto,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT APRILE 2011 INDICE INDICE... 2 DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ...

Dettagli

Passaporti. della. Repubblica Italiana

Passaporti. della. Repubblica Italiana Passaporti della Repubblica Italiana Passaporti Elettronici I nuovi passaporti elettronici italiani rappresentano un documento di nuova generazione conforme alle norme ICAO e alla risoluzione dell Unione

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio

Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio http://www.tuv.it/tuvitalia/guidamarchi.asp L'organizzazione deve predisporre e - dopo essere stata certificata mettere in

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva

Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva Queste linee guida spiegano nel dettaglio con quali regole e modalità l identità visiva della Carta Regionale dei Servizi debba essere rigorosamente

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Territorio. Cultura. il Modello. il Modello. il Marketing. le referenze. le referenze. Sistema Territorio e Passaparola. del.

Territorio. Cultura. il Modello. il Modello. il Marketing. le referenze. le referenze. Sistema Territorio e Passaparola. del. marketing, comunicazione 1979-2004 25 ANNI DI COMUNICAZIONE PUbbLICA il Marketing Territorio del PAR TECIPAZIONE INNOV AZIONE S VILUPPO DEL TERRITORIO Sistema Territorio e Passaparola Il territorio è un

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2012, n. 151

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2012, n. 151 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2012, n. 151 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, concernente il regolamento di esecuzione

Dettagli

StandBandiere. Personalizza ADESIVI. EspositoriSTRISCIONI. Tavoli accoglienza. la tua presenza con. Tappeti. GAZEBORealizzazione grafica

StandBandiere. Personalizza ADESIVI. EspositoriSTRISCIONI. Tavoli accoglienza. la tua presenza con. Tappeti. GAZEBORealizzazione grafica Personalizza la tua presenza con PARTNER UFFICIAE StandBandiere EspositoriSTRISCIONI DG Idea S.r.l. Via Vercelli, 35/A 13030 Caresanablot (VC) A soli 50 metri da VercelliFiere Tel. e Fax 0161-232945 Tappeti

Dettagli

profili per il fai da te

profili per il fai da te Profilpas S.p.A. profili in alluminio anodizzato (con etichetta codice a barre) lunghezza m.1 lunghezza m.2 misure argento argento piatto 12x2 10100 10104 15x2 10108 10112 20x2 10116 10120 25x2 10124 10128

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI SPECIFICHE DISEGNI TECNICI ISTRUZIONI DI LAVORO IO_SUP02_R1 Cod. file: IO_02_R1-Specifiche tecniche.docx Pagina 1 di 9 INDICE 1. GENERALITA 2. DENOMINAZIONE DISEGNI TECNICI 3. LAYER, LINEE, COLORI E SPESSORI

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

5.6.4 Documentazione delle attività

5.6.4 Documentazione delle attività 5.6.4 Documentazione delle attività Gli operatori 1 che hanno il compito di programmare e attuare percorsi formativi hanno a disposizione un apposita area per la descrizione e la documentazione dell attività

Dettagli

Profili di affiliazione

Profili di affiliazione Profili di affiliazione - 2 - Che cosa è? Il profilo di affiliazione Agency permette di diventare partner di Millemotivi Franchising senza dover affittare o acquistare locali commerciali o macchinari.

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE 1 DATI ESPOSITORE Si prega di compilare in carattere stampatello. Rimini Fiera SpA non potrà essere ritenuta responsabile per errori dovuti a caratteri illeggibili. SETTORE MERCEOLOGICO (INDICARE MASSIMO

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE

REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE 1 Regolamento generale dei Marchi di Conformità di Sistemi di Gestione AENOR (Associazione Spagnola di Normazione e Certificazione),

Dettagli

Introduzione al L A TEX

Introduzione al L A TEX Università di Udine Dipartimento di Matematica e Informatica Introduzione al L A TEX Gianluca Gorni 25 febbraio 2015 Il corso 2 Qui si insegna: a usare il L A TEX, un sistema professionale; ad apprezzare

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Circolare ABI - Serie Tecnica n. 21-12 giugno 2014

Circolare ABI - Serie Tecnica n. 21-12 giugno 2014 461,25 Circolare ABI - REQUISITI STANDARD PER LA STAMPA DEGLI ASSEGNI E MISURE ANTIFRODE Aggiornamento sul progetto avviato in sede ABI per la digitalizzazione degli assegni - Comunicazione delle soluzioni

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

Radio Caterina Remake

Radio Caterina Remake Radio Caterina Remake Come dice il titolo trattasi di una ricostruzione della radio clandestina, forse la più famosa, costruita nei campi di concentramento nazisti, durante la seconda guerra mondiale,dai

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Guida di orientamento tra le tecnologie e le problematiche nel mondo della stampa su tessuti e supporti rigidi Sviluppo crescita cambiamento Il lavoro

Dettagli

Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler

Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler KINGSTON.COM/US/USB/CUSTOMIZATION Inviare il modulo compilato al nostro responsabile vendite, via fax o email. Lato A: Logo Kingston Lato

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO Allegato A alla delibera del C.C. n. 5 del 08.02.2011 1 INDICE CAPO

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

"... in movimento" (... in Bewegung") FILZ-NETZWERK e.v., Burgweg 20, D-66871 Albessen www.filznetzwerk.de

... in movimento (... in Bewegung) FILZ-NETZWERK e.v., Burgweg 20, D-66871 Albessen www.filznetzwerk.de Concorso internazionale di feltro 2013 organizzato da "... in movimento" (... in Bewegung") FILZ-NETZWERK e.v., Burgweg 20, D-66871 Albessen www.filznetzwerk.de Progettazione ed organizzazione: Filzrausch,

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli