Sono questi i nomi di due strette lingue di terra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sono questi i nomi di due strette lingue di terra"

Transcript

1 RACCONTI DI VIAGGIO Iran Togo - Benin Immersione tra riti Vudù e villaggi galleggianti nel Togo e Benin, alla ricerca dell Africa Da un TOGO-BENIN gruppo Brioschi Testo di Edoardo Middei Foto di Jonathan Brioschi Ganviè 32 - Avventure nel mondo Sono questi i nomi di due strette lingue di terra che si affacciano sul golfo di Guinea. Insieme al Ghana rappresentano la culla della religione Vudun, che nonostante abbia rischiato di essere estirpata dalla prepotenza delle religioni importate dai colonizzatori, conosce oggi una vitalità che le garantisce il mantenimento della sua identità. Un viaggio intenso, particolare e soprattutto affascinante dal punto di vista umano. Non ci sono le meraviglie naturali del deserto del Namib, del cratere del Ngorongoro, non c è la pace surreale della desolazione del lago Natron né il fiero orgoglio di un villaggio Himba. Eppure, è un viaggio che merita davvero di essere intrapreso e che richiede una grandissima predisposizione all adattamento e la capacità di godere ed assorbire le emozioni contrastanti e il groviglio di contraddizioni che qui è possibile respirare. La verità è questa: chi ama l Africa nella sua essenza, ha bisogno di conoscere posti e situazioni lontane dal sincretismo e dalla contaminazione occidentale, necessita di entrare in contatto con culture e tradizioni ancora vitali e non mantenute in vita in maniera forzata per soddisfare la curiosità di qualche facoltoso turista. Chi intende immergersi in altre culture e tentare di comprenderle ha bisogno di conoscere senza mediazione o edulcorazione, e questo nel Togo e nel Benin è ancora possibile. Qui la gente vedendo i viaggiatori non mostra le mani implorando qualcosa, come succede invece in gran parte dell Africa ma, al massimo, ti offre qualcosa o ti mette a disposizione un servizio o una competenza, come mi è capitato più volte. Non ho intenzione di presentare cronologie di eventi o descrizioni eccessivamente rispettose dei dettagli. L intento è descrivere come questi luoghi possano essere ricondotti a tre categorie

2 RACCONTI DI VIAGGIO Togo - Benin generali: affreschi d interesse umano (mercati, città, esperienze con locali); paesi che hanno vissuto da protagonisti il dramma della schiavitù (connubio tra Francia e regno del Dahomey) e risposte adottate dalle popolazioni per scamparvi (cittadelle fortificate del paese Somba e città su palafitte di Ganviè); aspetto religioso che si manifesta nell animismo della ritualità del Vudun e si esplicita a pieno nel festival che si tiene ogni 10 gennaio a Ouidah, nel Grand Fétiche di Dan Koli o nel mercato dei feticci di Lomé. Tra mercati, botteghe e strade Siamo su un pulmino che percorre a fatica le grandi e caotiche città dell Africa Occidentale. Tutto è governato dall apparente totale assenza di regole e ordine. Città come Cotonou, di fatto capitale amministrativa del Benin, o Lomé, capitale del Togo, sono un dedalo di intricate stradine, la maggior parte delle quali sterrate e disseminate di buche, in cui la vita si perpetua nell accezione più ampia del termine. Abitare le strade e lungo la strada significa dormire, mangiare, cucinare, urinare e vivere nell assenza della dimensione privata e nella pubblica condivisione di ogni aspetto della vita. La precarietà è riscontrabile nei mercati che, apparentemente disseminati ovunque, ospitano macellai al fianco di fruttivendoli, cucitori che utilizzano le mitiche Singer al fianco di donne che friggono svariate qualità di pesce nell olio di palma. I macellai utilizzano uno scopettino al fine di scacciare gli insetti dalla carne che, appoggiata su tavole, tenta di resistere al caldo opprimente ricoprendosi di mosche. Una volta cotta, l illusione dell impossibilità di poterla mangiare svanisce e il connubio tra carne di pecora, cotta vicino alle interiora, e salse piccanti, con cui è ricoperta ed esaltata, si apprezza assaggiando gli spiedini. Molte donne trasportano stabilmente ceste piene di pesce, da friggere o già fritto: si tratta di tilapie, di persici e di molte altre qualità. I mercati sono un interessante banco di prova per gli ecologi che cercano nuove specie da aggiungere alle tassonomie. Gli animali rari si mescolano agli altri meno interessanti per la scienza ma che sono sullo stesso piano per la venditrice e per chi ne trarrà il pranzo. La frutta si alterna armoniosamente con le altre merci, il tripudio di colori e di odori lasciano estasiati. Mucchietti di manghi e papaie convivono, così come i caschi di banane e le bianchissime ananas. Queste si possono acquistare intere o già sbucciate dai movimenti esperti del machete nelle mani delle venditrici che trasformano il frutto in cubetti, riponendoli in sacchetti di nylon nero che vengono utilizzati per incartare ogni cosa. Nel mercato di Ganviè si può acquistare principalmente il pesce e gli abitanti di questa enorme città, interamente costruita su palafitte, vendono il pescato. Il mercato non è sull acqua ma sulla riva ed è composto da un groviglio di piccoli moli in terra che offrono un attracco alle piroghe e rappresentano il punto vendita dei pescatori. Contrariamente ad altri mercati, come quello di Abomey che è composto da fragili tettoie a protezione delle merci esposte su stuoie o su rudimentali tavoli, qui l unico apparente supporto a sostegno delle file di venditori è il molo su cui siedono con davanti le ceste. C è confusione ovunque, le voci delle contrattazioni si sollevano e trovano sempre un accordo, anche nel caso di merci non ittiche, perché nei mercati si vende di tutto All improvviso, infatti, un grido soffoca il mormorio di sottofondo. Quelle che in apparenza sembrano urla disumane, in realtà sono i versi di terrore di un enorme scrofa che, venduta tra le ceste del pesce, è stata acquistata da un uomo che in quel momento ne stava pianificando ed organizzando il trasporto. L animale, avulso dal contesto, in un attimo ne è diventato il protagonista. La lotta epica della scrofa che si ribellava ha attirato l attenzione della folla. Tentava invano di non essere immobilizzata dalle corde che le stringevano le zampe e di non essere messa supina per essere caricata. Ma dove? Una moto si fa largo tra la folla, che assisteva al divertente spettacolo, fermandosi in prossimità. Se qualcuno me lo avesse descritto, davvero, non ci avrei creduto. L animale è stato caricato su una piccola motocicletta. Tenendo in equilibrio il veicolo, il conducente ha fatto cenno ad alcuni uomini di poggiare la possente scrofa dietro di lui, distesa perpendicolarmente sul sedile del guidatore. Il conducente se ne stava rannicchiato davanti, seduto su un pezzetto di sedile mentre l acquirente, in equilibrio precario dietro il maiale, teneva le sue zampe strette, bilanciando il carico al centro della moto. L efficienza di quell improbabile equilibrio è stata dimostrata dalla vittoria del fragile motociclo sulla strada sterrata e dissestata. I tre sono partiti, lasciandosi dietro risate, incredulità (nostra) e le grida e i lamenti dell animale che, allontanandosi, diventavano sempre più flebili. Maometto, così chiamavamo Mohammed, il conducente, tiene la sua mano stretta intorno ad uno sterzo non originale, innestato mediante un groviglio di fili alla scatola del motore di un pulmino che in passato doveva essere stato bianco e che è stato rottamato decenni prima in Europa e spedito qui. I veicoli, sulle carreggiate, affrontano una sfida che ha un che di fantastico e surreale: moto d importazione cinese, che arrivano a trasportare addirittura cinque persone, si alternano a rottami dalla forma di camion carichi all inverosimile che fanno capire quanto sia esagerato il nostro concetto di rottamazione. Veicoli che hanno ancora migliaia di chilometri da affrontare e che saranno sfruttati fino allo stremo. Ne sono prova le officine meccaniche che si incontrano e che riparano e ridanno funzionalità ai pezzi danneggiati con la forza del mantice, dell incudine e della mazza. La precarietà e l apparente casualità di queste attività è la stessa che si respira nei mercati: radure polverose occupate da cataste di pneumatici completamente lisci o spaccati, su cui si vedono i segni di infinite riparazioni fino al cedere fisiologico delle fibre. Mucchi di rottami in perenne movimento perché fonte e miniera inesauribile di pezzi di ricambio. Uomini colossali vestiti dei rivoli di sudore che sotto il sole opprimente scorrono sulla pelle corvina, esaltandone le sfumature violacee, ridanno vita a questi pachidermi momentaneamente arenati e che presto continueranno a solcare le piste che mettono in comunicazione le coste del Golfo con l interno desertico. Attraversando i due paesi di incontra tanta gente andare a piedi, poca in bici e moltissima si accatasta su vecchissimi autobus o automobili cariche fino a scoppiare. Ogni tipo di mezzo può trasportare ogni cosa, dalle persone agli animali. I sacchi di iuta possono contenere dal carbone alle noci di cocco, dalle cipolle ai polli... Non è raro incontrare camion ribaltati, perché sovraccarichi e perché, in quelle strade pessime, il rischio si annida dietro l angolo. Inoltre, l assoluto ignorare del codice della strada da parte degli autisti è una consuetudine. Andare contromano od affrontare gli ingorghi facendosi largo a suon di clacson è così comune che forse il vero pericolo è il rispetto delle norme stradali, perché rischierebbe di rompere il delicato equilibrio tra occhio attento e mano ferma degli autisti, tra la precarietà delle strade e l imprevedibilità delle azioni e delle mosse di ognuno, che solo raramente genera incidenti. Contorno di questa caotica anarchia è l immondizia. L assenza di un seppur minimo servizio di raccolta dei rifiuti è, ancora una volta, testimoniata dalle strade che ospitano, ai lati, tonnellate e tonnellate di spazzatura, tra cui moltissima plastica, che ciclicamente viene bruciata. La normalità di questa soluzione al problema dei rifiuti c è stata spiegata con relativa soddisfazione da Abram, il ventunenne figlio di Maometto. Dopo aver consumato un pranzo frugale sui banchi di una scuola messi a disposizione dall ospitalità di un gruppo di scolari, il tentativo di raccogliere i rifiuti plastici è miseramente abortito. Avendo gettato nella boscaglia le bucce e i residui organici di manghi, papaie e ananas e caricato sul pulmino un sacco che conteneva le bustine di plastica nera, i fazzolettini vari e le bottigliette vuote, l apparente normalità di quel gesto denunciava il fatto che non ci fossimo posti il problema di dove buttare quell immondizia. La nostra inadeguatezza ad adattarsi ad un mondo dalle regole tanto diverse si è mostrata con tutta evidenza e Abram ce l ha fatto pesare: con pigra rassegnazione mista a Avventure nel mondo

3 Togo - Mercato dei feticci superiorità e consapevolezza, ha aperto la portiera gettando in strada il sacco. Si è poi rivolto in direzione dei nostri sguardi stupiti rispondendo lapidariamente: C est l Afrique! Il Paese Somba e la Venezia d Africa: Ganviè. Abbandonata la caoticità della vita nelle città della costa, il viaggio prosegue verso i villaggi del Paese Somba. Divise dal confine, tracciato in maniera arbitraria tra Togo e Benin, le popolazioni Somba e Tamberma appartengono alla stessa etnia. Di religione animista, questi popoli sono noti per le abitazioni tradizionali chiamate tata. Si tratta di castelletti fortificati su due piani costruiti con fango, paglia e sterco animale utilizzato come isolante. Queste cittadelle fortificate sono la peculiarità della regione e testimoniano la risposta di queste popolazioni alle incursioni degli schiavisti del Daomey che, assoldati dai francesi, dal 1700 iniziarono a fare razzie nel Paese. Protetti dai nascondigli di queste fortezze nascoste dall aspra inaccessibilità dell Atakora e con la precisione delle loro frecce, questa gente ha risposto alle armi da fuoco, riuscendo a rimanere indipendente e a mantenere intatte le proprie tradizioni. Dopo aver visitato questi villaggi ci siamo resi conto che forse è oggi il momento della vera sfida; come faranno queste donne che fumano la pipa e indossano copricapo su cui si ergono corna di antilopi a reagire all incombenza della modernità? I confini settentrionali dei due stati sono la roccaforte di queste culture che vivono nei numerosi villaggi di tata, i cui abitanti mantengono le danze e lo stile di vita tradizionale basato sulla coltivazione della manioca e del sorgo, e sull allevamento dei bovini. Oggi le nuove costruzioni con i tetti di lamiera minacciano la sobrietà dei tata e i caratteristici granai conici indietreggiano soppiantati dai più capienti magazzini in blocchetti. La forza della tradizione brilla negli occhi dal capo villaggio dell etnia Tangba, in Benin, che indossava unicamente un misero gonnellino in vita perché, a suo dire, gli spiriti degli antenati avrebbero potuto riconoscerlo solo in quel modo, abbigliato unicamente della sua personalità, senza la mediazione delle vesti. Le atmosfere particolari dei tramonti che si possono ammirare in questi luoghi hanno il potere di proiettare la vita indietro nel tempo e di far riflettere sul fatto che i culti, le tradizioni e i miti sono accomunati da un futuro fragile e incerto. Oggi si assiste al lento sincretismo e al declino di queste culture millenarie che agonizzano sotto i colpi di una modernità importata e non richiesta. Una modernità incalzante e prepotente, a cui queste popolazioni possono solo adattarsi con la rassegnazione di chi sa che non avrà mai il ruolo dell attore protagonista ma che sa di doversi accontentare di quello marginale della comparsa. La visita in piroga della Venezia d Africa, la splendida e decadente Ganviè, trasmette grandi emozioni. Un agglomerato di capanne tradizionali e baracche di lamiera a otto chilometri dalla riva nel centro del lago Nokoué, interamente costruito su palafitte. Si tratta ancora di un altra risposta alla tratta degli schiavi. Ganviè fu fondata nel 700 per mano degli abitanti della laguna che seppero approfittare dell idrofobia dei cacciatori di schiavi e creare una fiorente economia basata sulla pesca; oggi ospita abitanti. Le acque dell immensa laguna, che arriva a lambire Cotonou, sono ricchissime di fauna ittica, pescata mediante recinti e trappole realizzati con foglie di palma che sono dati in concessione perpetua ad ogni famiglia. Dalla prospettiva di una piroga, una volta superati i chilometri d acqua che separano la città dalla terraferma si entra nel dedalo di canali che rappresentano le vie di comunicazione e che sono solcati da una miriade di barche e barchette regolate dalla stessa anarchia dei mezzi a motore incontrati nelle città. Guidate a forza di pagaia e raramente di motore dai pescatori o da mercanti, trasportano le mercanzie all interno della città e verso i porti costieri, nell ottica di un grande mercato galleggiante. Il Vodoo e alcune componenti I punti principali del viaggio ripercorrono le numerose sfaccettature della religione ancestrale chiamata Vudun. La semplicità immobile dei rituali dei Somba, dei Tamberma o dei Tangba è ancorata alla figura del saggio sciamano che, scelto dalle divinità, ha la possibilità di interrogare le forze sovrannaturali. Le divinazioni avvengono nella cornice di grandi feste organizzate al fine di avere chiarimenti utili per le diverse fasi della vita di una comunità, come ad esempio prima dei raccolti, in prossimità della stagione delle piogge o in occasione di una calamità. I rituali sono semplici e privi di sfarzo. La piccola testa di topo infilzata da uno spiedo finissimo e cosparsa di piume di pollo che trovava posto sul tetto della capanna del capo villaggio Tangba ne è un esempio, come lo sono i pezzi di mandibole e di altre ossa appese all interno delle capanne. Questi rappresentano oggetti sacri, feticci, perché sono stati il tramite, mediante la morte cruenta ed il rituale, tra la dimensione della realtà umana che diviene parte stessa del sovrannaturale. Per questo, hanno il potere di tenere lontane le calamità dalla comunità, sia intesa come famiglia sia come villaggio. Le marché de fetiches di Lomé La visita al mercato di Lomé, uno dei più grandi d Africa, fa capire l importanza del feticcio per questi culti. Una radura polverosa ospita una doppia dozzina di punti vendita: precarie strutture in legno e lamiera sotto cui sono esposti una gran quantità di animali. Animali morti, essiccati, appena uccisi o ancora da uccidere. Anche qui sono offerti caoticamente, senza seguire alcun apparente criterio. Dai camaleonti secchi si passa ai serpenti e agli uccelli, confusamente riposti nelle ceste. Le rondinelle, i parrocchetti o i tessitori sono esposti sotto il sole insieme alle ossa di grandi bovidi o alle teste di scimmie. C è una gran quantità di rapaci, nibbi, gheppi, astori, aquile e avvoltoi, tutti schierati esangui in una lunga teoria che lascia attoniti, sgomenti. In disparte, con le zampe legate, decine di nibbi ancora vivi attendono il loro turno per essere esposti sulle stuoie, insieme ai barbagianni. Una gran quantità di ossa, di teschi e di corna è disposta confusamente ovunque. Ci sono le grandi antilopi africane, impala, orici, damalischi, eland e kudu, riconoscibili dalle diverse tipologie di corna, e quelle più piccole, dalle gazzelle ai raficeri. Di queste sono ad essiccare anche le pelli, che appese rivelano l eleganza del manto che rivestiva gli animali. Anche i felini sono stati scuoiati: le pelli di leopardo o di ghepardo si alternano a quelle di leone, perfino di serval, il piccolo gattopardo che solo raramente si riesce ad incontrare nelle savane africane. Di agghiacciante bellezza è l esposizione delle teste e delle zampe di questi animali, e soprattutto delle scimmie, di aspetto tanto familiare. Sono esposte anche teste di cani, di gatti e di coccodrilli. Non manca una gran quantità di feticci antropomorfi di legno, le famose bambolette che, utilizzate nei rituali, hanno il potere di far comunicare l uomo con le forze naturali. Questi feticci non hanno un prezzo stabilito. Sono utilizzati per la medicina tradizionale e per la magia. Il maitre feticheur, dopo aver valutato la persona che ha bisogno di cure ed aver chiesto agli spiriti il rimedio da somministrare, lascia che siano gli spiriti stessi a stabilire un prezzo, gettando a terra un mucchietto di cauri, moneta tradizionale, e leggendone la disposizione. Un luogo come 34 - Avventure nel mondo

4 RACCONTI DI VIAGGIO Togo - Benin questo lascia un misto di sgomento, incredulità e soprattutto molta confusione. Le Grand Fetiche di Dan Koli Lungo la striscia d asfalto frantumato che collega Natitingou a Daomay ecco, come tante altre volte in precedenza, una piccola radura, circondata dalle immancabili baracche e brulicante di un umanità vivace ed eterogeneamente impegnata nelle attività quotidiane. Le tessere del mosaico aumentano e l illusione di poter mettere ordine a ciò che si è visto a Lomé o nei villaggi svanisce miseramente al cospetto di Dan Koli, descritta come la San Pietro del Vudun. La razionalità deterministica europea è incapace di descrivere e soprattutto di calarsi nell alterità di una dimensione sconosciuta ed inimmaginabile. Questo provoca un grande scompiglio nelle coscienze. Il luogo, in apparenza uguale a molti altri già incontrati, mostra, senza la minima preparazione, la sua peculiarità: Le Grand Fetiche. Tre ragazzi con le infradito di plastica colorate, i panni lisi e i cappelli di lana, giunti lì per grazia di chissà quale opera di carità e che denunciano un inadeguatezza totale ad affrontare l afa opprimente dei quaranta gradi, ci mostrano uno dei più potenti feticci del Vudun. Una montagnetta con due cime, alta più o meno come una persona, si staglia al centro dell agglomerato, in cui continua incurante la vita. È composta da un materiale nero, che dall odore e dall osservazione accurata sembra sangue animale e comunque materiale organico. In quel luogo e chissà da quanto tempo e per quanto ancora, sono stati e saranno sacrificati animali. Le numerose tracce di penne di pollo, le ossa di capre o di bovini e il grasso cosparso un po ovunque ne sono la testimonianza. A rendere ancora più imponente questa visione, decine di bastoni in legno che si stagliano dalle due cime, come aste di bandiere che invece di drappi, lasciano sventolare cenci di plastica, semplici sacchetti di plastica. Le due cime rappresentano la divisione tra uomo e donna e i rituali che si compiono lì devono essere accuratamente ponderati perché sono i più potenti poiché entrano nel terreno della magia nera e delle maledizioni. L impressione di trovarsi di fronte a una situazione in apparenza assurda è frustrata dalla fierezza degli occhi di quei ragazzi dai cappelli di lana che spiegano con orgoglio di non essere ancora sacerdoti, bensì medium con il potere di intermediazione spirituale. Si tratta di qualcosa di fantastico o di illogico ma solo di un altra manifestazione di questa religiosità così distante dai canoni occidentali e che trova linfa vitale nel sangue, nel fumo di sigaretta, nel gin e nell olio di palma, altri ingredienti utilizzati per portare a compimento i rituali. Dal festival di Ouidah alla Chambre de vision Dopo giorni di viaggio nelle aride zone dell interno, si torna verso il mare, siamo a Ouidah, cittadina sorta in prossimità del Fort Portugais, oggi musée historique, un dedalo di viuzze sterrate e fragili costruzioni. Di mattina presto, il 10 gennaio, inizia la processione dalla casa dal papa! Il linguaggio sembra così vicino a qualcosa conosciuto e comune che a prima vista può ingannare; la contaminazione è superficiale, è solo a livello del significante. I riflessi del sole sono schermati dagli occhiali scuri di un uomo circondato da guardie della sicurezza non in divisa. Un sorriso non proprio rassicurante, orecchini dorati e bracciali sono gli ornamenti du pontif, nella veste verde dell abito tradizionale, insieme alla testa di un felino maculato che pende dal suo collo. Uno stuolo di dignitari religiosi, evidentemente la casta sacerdotale, circonda il papa e dà prova in quest occasione della propria opulenza, facendo sfoggio di orecchini, bracciali e pesantissimi amuleti d oro. I copricapo sono arricchiti da protomi zoomorfe anch esse in oro e la sacralità dell incedere tra la folla è suggellata dagli imponenti bastoni che rappresentano le diverse comunità o famiglie. C est mon devoir benidir tout le monde, questo è ancora il linguaggio utilizzato dal pontefice durante la festività, in occasione della benedizione di ogni angolo di Ouidah mediante il fumo, ricavato dalla combustione attuata da un sacerdote di una misteriosa polvere e per mezzo del gin, bevuto e sputato dallo stesso dopo la combustione. Per tutto il giorno la musica e i ritmi delle danze risuonano ovunque. La gente suonava e ballava al seguito delle benedizioni fino al Santuario dei pitoni, altra tessera del mosaico, rappresentata stavolta da una creatura viva, il pitone, che assurge direttamente al rango di divinità. Al Dio Serpente è dedicato un tempio in cui vivono centinaia di altri pitoni che si nutrono delle vittime sacrificali portate ciclicamente in offerta. Nella parte più interna e nascosta del santuario risiedono i feticci segreti del Vudun, un vero temenos inaccessibile ai non addetti. Dalla città ci spostiamo verso la costa, nella grande spianata dove torreggia il monumento nazionale del Benin, La porte du non-retour, che ricorda i tempi bui della tratta e le processioni di uomini che incatenati salpavano alla volta delle Americhe. Il luogo è carico di simbologia e vuole essere il punto centrale per la rinascita delle tradizioni ancestrali; infatti da dieci anni il Vudun in Benin è religione di stato, nonostante i secoli di repressione e di illegalità, in cui era stata confinata dalla cristianità francese. Ciò che stupisce è la totale assenza di una centralità e di un organizzazione da seguire durante la giornata. Ognuno fa e sa perfettamente cosa deve fare e dove deve trovarsi. Le sedie di plastica regolarmente ordinate sono spostate e messe circolarmente per fare spazio alle danze, dal nulla compaiono sacerdoti o sacerdotesse che in diversi angoli iniziano a danzare e a compiere azioni incomprensibili. Tre anziane signore, coi capelli bianchi tagliati cortissimi iniziano a masticare e a sputare a terra mucchietti di fagioli, imbevuti di gin. Incredibile, questa volta il feticcio, il tramite con il sovrannaturale, è rappresentato da mucchietti di legumi e l interesse con cui le classi sacerdotali dai copricapo aurei seguono l evento è la dimostrazione della sua grande importanza che davvero noi non riusciamo minimamente a penetrare. Non lontano un altro sacerdote danza e parla, tracciando linee simboliche con la farina sulla sabbia, e si rivolge ad una bomboletta di legno. Il feticcio è appena abbozzato. Il legno è stato scolpito in maniera grossolana e porta su di sé i segni delle incrostazioni di sangue e di altre sostanze grasse come l olio di palma. Vengono accese alcune sigarette e posizionate tra le labbra della statuetta, per meglio permetterle di assurgere al suo ruolo di tramite. Con movimenti leggiadri e studiati mucchietti di Togo - Abitazioni Avventure Somba nel mondo

5 polvere pirica sono accuratamente posizionati e fatti bruciare. Contemporaneamente, al centro del piazzale, in equilibrio su un asta di bambù, alta una decina di metri e conficcata semplicemente nel terreno, un adepto che ha ricevuto la forza da qualche divinità dal nome impronunciabile compiva acrobazie. A sorreggerlo era la sola forza degli addominali e non aveva alcuna assicurazione a prevenzione di eventuali cadute. Questa è sicuramente un eventualità non prevista, perché dallo sguardo sereno ed euforico dell uomo, traspariva una sicurezza che veniva trasferita a tutti i presenti. In mezzo a tutto questo, che avveniva senza un ordine e senza alcuna postazione predefinita, il papa troneggiava all ombra del suo ombrellone regale, girato per attenuare l insopportabile calura da qualche servitore. Circondato dalle gerarchie sacerdotali riceveva in continuazione la visita dei dignitari che, oltre a stringere le mani inanellate e a rivolgersi agli scuri occhiali, portavano doni e si inchinavano ripetendo in continuazione formule di rito. I dreadlock della comunità rastafariana si prostravano di fronte al papa, tra loro risaltavano le acconciature bionde di qualche bianco in ginocchio davanti au pontif. Egli sembrava ignorarli, proponendo un assoluta indifferenza ed un sorriso beffardo. Isolato dal caos della festa e circondato dai suoi dignitari non contribuiva allo svolgimento e dava l impressione di essere quasi incapace di sporcarsi le mani nei rituali e di avere un ruolo del tutto marginale se non addirittura inesistente. Il gioco continuava perfettamente, tutto girava e si muoveva in autonomia, senza l intervento di questa casta di rappresentanza necessaria solo a dare solennità e autorità all evento. Una vetrina, l elite d un credo che di elitario non ha nulla perché è profondamente radicato nelle sensibilità animiste dell Africa occidentale. Ci è stato spiegato che quel giorno non ci sono stati sacrifici cruenti perché gli spiriti avevano messo in guardia il pontefice, preannunciando calamità. Li abbiamo visti in una delle chambre de vision nei pressi di Ouidah, una serie di stanzette di precarie tettoie costruite in maniera irregolare ospita i luoghi scelti in cui alloggiano i feticci di alcune divinità. Dai fasti del festival si torna alla precarietà du marché de fetiches di Lomé o alla casualità di Dan Koli. Forse è questo lo spirito del Voudoun. Una baracca con un montarozzo di terra su cui è stata abbozzato un solco che doveva somigliare ad una bocca e che fumava due sigarette è la rappresentazione dell angelo Saint Michel, che ha la capacità di allontanare il male. L apparente blasfemia in realtà è ancora sincretismo a livello di significante. Una retina di grasso, cosparsa di carmineo olio di palma e penne di pollo incorona una bamboletta in legno intenta a fumare, nel momento in cui un sacerdote con sonagli di ferro intonava una serie di canti e si rivolgeva al feticcio, bagnandolo con spruzzi di gin di palma. La musica diventa insistente, un gran numero di persone intona canti che, con insistenza, mediante l incalzante ritmo di una gran quantità di percussioni, riempie l ambiente. Gli inni sacri si rivolgono stavolta ad una serie di feticci posizionati in una stanza dal tetto di lamiera. Il caldo opprimente è denunciato dai rivoli di sudore che solcano la pelle dei presenti. Una cappa di fumo riempie il piccolo ambiente. Il ritmo risuona ovunque. Tutte le attenzioni sono rivolte ai feticci più grandi, sia statuette sia di altre forme (anche un piatto metallico pieno di ferro e una catena di motocicletta), tutti devono fumare e bere gin, spargere olio di palma e sangue. Più di un pollo viene sgozzato in presenza del feticcio. Il sacerdote che ha compiuto l atto cruento aspira dall apertura effettuata sulla trachea dell animale una grande boccata di sangue e la sputa contro il feticcio, donandogli la capacità di fare da tramite. La carcassa esanime è buttata tra i piedi dei danzatori che la calpestano ignorandola, ormai tutto è parte di un unica cosmologia che ingloba ogni attore e rende ogni elemento un ingrediente indispensabile. L euforia sale, i ritmi continuano a crescere, fumo e gin è gettato ovunque, la misteriosa polvere pirica è parte integrante dell occasione e le nuvole di denso fumo contribuiscono ad appesantire l atmosfera dell ambiente favorendo il contatto diretto con gli spiriti e lo stato di trance. Uomini e donne si cospargono il corpo di polvere bianca e insieme continuano a danzare, cantare, fumare e bere gin. Sono sollecitati ripetutamente dai ritornelli dei sacerdoti, dall agitarsi dei sonagli e dei feticci davanti a loro; gli scuri occhiali da sole di un feticcio, troppo simili a quelli del papa per essere stati piazzati lì per caso, tengono in soggezione gli occhi di una donna che comincia a tremare, tenta di resistere ma è trasportata in un mondo diverso, dove si odono percussioni e la calura soffocante del tardo pomeriggio rende i corpi spossati, li spinge a terra, a rotolare nella polvere, ad agitare le braccia e le gambe, a scuotere la testa, finché il momento della quiete e del riposo arriva repentino e lascia solo la ricchezza e la consapevolezza di chi è stato scelto ed ha avuto il privilegio di conoscere direttamente ed in maniera non mediata. Brevi riflessioni finali Sull aereo che da Cotonou ha effettuato uno scalo imprevisto a Lagos ed è poi ripartito per Casablanca, alla volta dell Italia, siamo seduti col pensiero rivolto alle esperienze da poco vissute. Nei ricordi c è molta confusione. Rimane viva la percezione dell assoluto cambiamento di prospettiva che, anche se per pochi giorni, ha gettato luce su una modalità di vita estranea alla stabilità e al tentativo del raggiungimento di una sicurezza tanto ambita dalla modalità occidentale. È stato entusiasmante entrare e perdersi nel caos e nella precaria serenità. Sicuramente il reinserimento nella quotidianità degli impegni ordinari lascerà dentro una profonda nostalgia. Benin 36 - Festival Avventure del Vodoo nel mondo

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

Botswana Parco Chobe Mal d'africa assicurato!

Botswana Parco Chobe Mal d'africa assicurato! Il paese è decisamente piccolo, circa 700.000 Kmq., privo di ricchezze naturali e senza sbocco sul mare, coperto dal deserto del Calahari, che poi è un deserto per modo di dire, perché si presenta come

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

Benin. Magia e safari al parco Pendjari. Gli indimenticabili del viaggio: 11 Giorni

Benin. Magia e safari al parco Pendjari. Gli indimenticabili del viaggio: 11 Giorni Benin Magia e safari al parco Pendjari 11 Giorni Da Ottobre 2015 ad Aprile 2016 Accompagnatore in italiano Gli indimenticabili del viaggio: I palazzi reali e le vestigia del sanguinario regno di Abomey

Dettagli

Tempo. I miei ritmi, dopo mesi di viaggio, sono già parecchio distanti da quelli italiani standard. Eppure, tutto sta per cambiare.

Tempo. I miei ritmi, dopo mesi di viaggio, sono già parecchio distanti da quelli italiani standard. Eppure, tutto sta per cambiare. Tempo Premessa: Questo racconto parla di un esperienza molto personale, interiore. Non so se (mi) sia possibile descriverla appropriatamente con parole e, soprattutto, immagini. Ma voglio comunque provarci.

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

una storia di solidità e sicurezza

una storia di solidità e sicurezza G. CASE viene fondata nel 1996 da persone provenienti da esperienze pluriennali nel settore edilizio, che sentivano l esigenza di realizzare un progetto autonomo nel settore immobiliare delle seconde case

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Il Togo il Benin e il Ghana

Il Togo il Benin e il Ghana Viaggio in Africa Occidentale attraverso Il Togo il Benin e il Ghana Il viaggio che abbiamo effettuato nell'africa Occidentale, attraverso il Togo, il Benin e il Ghana è stato un vero arricchimento culturale

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno Quando centinaia di navi, alcune guidate dal grande James Cook, gettarono le ancore nei vari porti naturali del territorio australiano, in nome del re d Inghilterra, non fecero altro che razziare le coste,

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

Ciao! Il mio nome è Nilani e vivo in Sri Lanka.

Ciao! Il mio nome è Nilani e vivo in Sri Lanka. Ciao! Il mio nome è Nilani e vivo in Sri Lanka. 1 Lo Sri Lanka è una bellissima isola a sud dell India, conosciuta anche col suo vecchio nome, Ceylon, oppure chiamata Lacrima dell India, per via della

Dettagli

La superstizione e il malocchio. Ilaria Manchinu II B

La superstizione e il malocchio. Ilaria Manchinu II B La superstizione e il malocchio Ilaria Manchinu II B La superstizione Da sempre l uomo ha cercato nelle cose, nei segni, negli eventi, i presagi per un suo desiderio, per la sua fortuna. La superstizione

Dettagli

il Ghana Una nazione poco conosciuta dell'africa Occidentale, affascinante, con una storia Nazione del Mese

il Ghana Una nazione poco conosciuta dell'africa Occidentale, affascinante, con una storia Nazione del Mese il Ghana Una nazione poco conosciuta dell'africa Occidentale, affascinante, con una storia interessante, con etnie fantastiche a nord, un grande regno storico al centro del paese e i forti della tratta

Dettagli

PAPALAGI DISCORSI DEL CAPO TUIAVII DI TIAVEA DELLE ISOLE SAMOA

PAPALAGI DISCORSI DEL CAPO TUIAVII DI TIAVEA DELLE ISOLE SAMOA MILLE LIRE STAMPA ALTERNATIVA Direzione editoriale ed esecutiva: Marcello Baraghini Distribuzione in libreria: Nuovi Equilibri s.r.l. (fax 0761/352751 ) PAPALAGI DISCORSI DEL CAPO TUIAVII DI TIAVEA DELLE

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Fotografia di Anthony Pappone

Fotografia di Anthony Pappone Benin - Togo Nella terra del vudù 9 Giorni Da Maggio 2015 ad Aprile 2016 Accompagnatore in italiano Gli indimenticabili del viaggio: Fotografia di Anthony Pappone L incantevole Ganvié, villaggio interamente

Dettagli

Art. della rivista MODUS Roche

Art. della rivista MODUS Roche 15 Art. della rivista MODUS Roche 16 17 Turisti per caso Vacanze in crociera di J.S. 18 Non sono stata mai sulla nave in un viaggio lungo, ma conoscere posti come Dubai, Il Cairo, Muskat, Sharm el-sheikh

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi 18 foto di Lucia Congregati di Simone Meniconi La National Reserve si trova a circa 250 chilometri da Nairobi in direzione ovest al confine con la Tanzania. Ha una superficie di quasi 1600 chilometri quadrati

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia

Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia Cari Amici, Anche questa volta sono tornato, con lo zaino che avevo quando sono partito e senza malaria

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della SAPERI OBIETTIVI CONTENUTI STRUMENTI -La carta d identità. -sussidio didattico conoscenza della propria collana I quaderni identità sotto l aspetto spiga di Lucia somatico e della Russo, Cittadinanza e

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Looking for Africa (Cercando l Africa)

Looking for Africa (Cercando l Africa) Looking for Africa (Cercando l Africa) testo ed immagini di Lorenzo Vitali Che cosa significa addentrarsi in una terra? Penetrarne l essenza? Assorbirne gli umori? Per me ha significato viverla nella sua

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Comunicato stampa venerdì 13 gennaio 2012 INCHIESTA DELL ASSESSORATO AL TURISMO SUL NATALE APPENA TRASCORSO: I CITTADINI RISPONDONO In conclusione del Natale, il Comune

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

QUALE FUTUTO PER LA NOSTRA CASA? 10 Maggio 2016. AFLIN Fior di Loto India Onlus

QUALE FUTUTO PER LA NOSTRA CASA? 10 Maggio 2016. AFLIN Fior di Loto India Onlus QUALE FUTUTO PER LA NOSTRA CASA? 10 Maggio 2016 AFLIN Fior di Loto India Onlus Da sempre fin dalle antiche civiltà sono esistite associazioni tra mondo metafisico ed Alberi e Boschi, con sacralizzazione

Dettagli

E all improvviso si decide di andare in palestra... là ad attenderci... una sorpresa... SERENA!!!!

E all improvviso si decide di andare in palestra... là ad attenderci... una sorpresa... SERENA!!!! E all improvviso si decide di andare in palestra... là ad attenderci... una sorpresa... SERENA!!!! Il Laboratorio di Espressività Corporea: Espressione, movimento, suono realizzato e condotto da Serena

Dettagli

IL PIRATA BUCAGNACCIO

IL PIRATA BUCAGNACCIO SCUOLA DELL INFANZIA DI MELEDO ANIMAZIONE MUSICA-LETTURA BAMBINI-GENITORI IL PIRATA BUCAGNACCIO da Storie in un fiato di R.Piumini ENTRARE NEL CLIMA L insegnante consegna delle bacchettine con frange azzurre

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

continuare a raccogliere sempre buoni frutti anche dopo 30 anni!

continuare a raccogliere sempre buoni frutti anche dopo 30 anni! la piramide Negli anni ci siamo resi conto che ci sono svariati modi di lavorare, diverse strade che si scelgono di percorrere; quella che noi stiamo cercando di mettere in pratica, forse, non è la più

Dettagli

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA LA 2Cs PRESENTA.... INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI MONUMENTI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA 14 NOVEMBRE 2009 ITIS G.MARCONI-VERONA Incontro con Chiara Nardi,

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni.

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni. GLI AUSTRALOPITECHI Prerequisiti: orientarsi nel tempo fra passato, presente e futuro, usare gli strumenti sussidiari al testo (cartine, immagini, tabelle ) Obiettivi: studio dell evoluzione dell uomo

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

2011 Anno Europeo del volontariato

2011 Anno Europeo del volontariato L'avete fatto a me Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. Medici, infermieri, psicologi, educatori e amministrativi Volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 8, n.

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto (come gli spinarelli???) Come lo metto (stare ad ascoltare)

Dettagli

... Appena arrivati all Archeoparck...abbiamo fatto una piccola merenda... lasciati i bambini di 4,ci siamo diretti a Cividate Camuno

... Appena arrivati all Archeoparck...abbiamo fatto una piccola merenda... lasciati i bambini di 4,ci siamo diretti a Cividate Camuno Appena arrivati all Archeoparck i bambini di quarta sono scesi dal pullman mentre noi di quinta siamo restati in compagnia delle guide: Nicoletta e Michele e le maestre e ci siamo diretti verso la zona

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

dicembre 24, 2013 last news, Turismo Author: Sergio Leave a reply

dicembre 24, 2013 last news, Turismo Author: Sergio Leave a reply dicembre 24, 2013 last news, Turismo Author: Sergio Leave a reply Un viaggio in moto inizia nella nostra testa. Da un sogno, da un idea, da una fantasia, una foto vista su qualche rivista, il racconto

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE

PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE PROPOSTE PER LE CLASSI PRIME E SECONDE LA CONQUISTA DEL FUOCO CLASSE: prima DESCRIZIONE: un antico racconto africano per comprendere che siamo tutti diversi e che

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Le gru In volo per la felicità

Le gru In volo per la felicità Le gru In volo per la felicità Lenuta Virlan LE GRU In volo per la felicità Racconto www.booksprint Edizioni.it Copyright 2015 Lenuta Virlan Tutti i diritti riservati Ai mei tre figli Alexandru, Andreea

Dettagli

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 Partendo da lontano: appunti di viaggio di Beatrice Vitali Berlino è così: c è sempre qualcuno scalzo c

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli