ORIENTAMENTI PER L IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORIENTAMENTI PER L IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE IN ITALIA 2014-2020"

Transcript

1 ORIENTAMENTI PER L IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE IN ITALIA Aprile 2014 L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

2 ORIENTAMENTI PER L IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE IN ITALIA APRILE 2014

3 Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale Gruppo di lavoro Ambiente e condizionalità DISR 3 Mipaaf Dirigente: Paolo Ammassari Coordinamento e responsabile del progetto: Camillo Zaccarini Bonelli Redazione ed elaborazioni: Francesco Serafini Gruppo di lavoro: Riccardo Carnevali, Pasquale Falzarano, Lorenzo Grisostomi Travaglini, Giovanni Filippini, Valentina Longo, Federico Lucarelli, Francesco Serafini, Camillo Zaccarini Bonelli Impaginazione e grafica: Roberta Ruberto 4

4 Indice 1. Introduzione Attuale implementazione del FAS nell Unione europea: una panoramica e alcuni spunti : stato di attuazione del FAS in Italia Inquadramento normativo nella programmazione Linee guida per l implementazione del sistema di consulenza aziendale in Italia Allegato I: Protocollo di consulenza aziendale (template generale) Allegato II: Protocollo di consulenza aziendale (es. template tematici) Allegato III Allegato IV Allegato V Allegato VI

5 1. Introduzione L obbligo di istituire dal 1 gennaio 2007 un Sistema di consulenza aziendale in agricoltura (FAS Farm Advisory System) negli Stati membri è stato disposto dal Reg. 1782/03/CE 1 che finalizzava tale sistema al supporto degli agricoltori sulla conduzione della terra e dell azienda, con particolare riferimento al rispetto degli obblighi di condizionalità. Partendo dalle difficoltà attuative delle due misure del PSR che interessano il FAS, la 114 Utilizzo dei servizi di consulenza e la 115 Avviamento dei servizi di consulenza, sia in ambito comunitario (cap. 2) ma in particolar modo in Italia (cap. 3), questo documento vuole proporre degli orientamenti che facilitino l implementazione del Sistema di consulenza aziendale nel periodo Infatti il Sistema di consulenza aziendale in agricoltura continua a costituire anche nella nuova programmazione uno degli strumenti principali attraverso cui perseguire le priorità dell Unione europea in materia di sviluppo rurale, con particolare riferimento alla promozione del trasferimento di conoscenze e dell innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali (priorità n. 1 dell UE in materia di sviluppo rurale) 2. Non a caso i nuovi testi regolamentari, approvati nel dicembre 2013, ampliano la portata e la centralità del FAS nella nuova Politica agricola europea, non limitandone l azione al solo ambito dello sviluppo rurale ma conferendo al sistema piena autonomia, oltre a prevedere una serie di materie aggiuntive, rispetto al passato, che potranno essere oggetto di consulenza (cfr. cap. 4). Le criticità attuative evidenziate sia grazie al costante confronto con le Regioni che attraverso l analisi del contenzioso occorso negli anni passati (cfr. par. 3.2), ha spinto alla predisposizione di una sorta di linea guida che fornisse, oltre ad indicazioni sulla governance del sistema, elementi comuni omogenei soprattutto in materia di intervento, requisiti dei soggetti erogatori del servizio di consulenza/formazione, nonché, per quanto possibile, in materia di modalità applicative (cap. 5 e allegati). Un esigenza che ben si inserisce all interno della ratio di coordinamento che nella prossima programmazione si appresta ad avere il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali anche per il tramite della Rete Rurale Nazionale: sono infatti in discussione le modalità di implementazione di alcune misure a gestione nazionale, quali ad esempio quella relativa alla Gestione del rischio (art. 36) oltre, appunto, a quella riguardante la Rete Rurale Nazionale (art. 54). Questo lavoro vuole rappresentare un contributo da discutere assieme alle Autorità di gestione dei PSR e agli altri stakeholders, al fine di favorire la piena attuazione della futura misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art. 15), considerata tra le più strategiche nel supporto all attività delle aziende agricole e forestali, nell attuazione della PAC e nel trasferimento delle conoscenze. 1 Art. 13 Sistema di consulenza aziendale. 2 Cfr. Reg. (UE) n. 1305/2013 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio art. 5. 6

6 2. Attuale implementazione del FAS nell Unione europea: una panoramica e alcuni spunti 3 Il Sistema di consulenza aziendale è diventato operativo nel 2008 nella maggior parte degli Stati membri (SM), attraverso due modalità principali: in circa la metà degli SM è incluso nel Sistema della conoscenza (Extension services) già esistente da decenni, in altri casi si è trattato di avviare ex novo il FAS, con modalità complementari alla struttura e alle funzioni del Sistema della conoscenza. In 24 Stati il FAS è coordinato e supervisionato da Organismi pubblici. Gli Organismi di consulenza sono selezionati attraverso bandi di gara (14 SM) e attraverso designazione di Organismi privati (5 SM) e pubblici (5 SM). In termini di requisiti soggettivi, la maggior parte degli SM ha stabilito soglie minime di qualificazione professionale dei consulenti consistenti in lauree triennali e specialistiche. 3 I dati riportati in questo capitolo fanno riferimento alla COM(2010) 665 final Report from the Commission to the European Parliament on the application of the Farm Advisory System as defined in Article 12 and 13 of Council Regulation (EC) n. 73/2009 del 15/11/

7 Cfr. Angileri, V. FAS implementation in the EU: setting up, farm advisory bodies and RD support (EC JRC, 2009) 8

8 Cfr. Angileri, V. FAS implementation in the EU: setting up, farm advisory bodies and RD support (EC JRC, 2009) In 14 SM l attività di consulenza riguarda strettamente l ottemperanza agli obblighi di condizionalità, mentre negli altri Paesi è oggetto del servizio anche la competitività aziendale, l impatto ambientale delle attività agricole e l implementazione, in particolare, delle misure agroambientali. Per quanto riguarda gli aspetti finanziari, la situazione media europea al 2010 per la misura 114 è piuttosto sconfortante, con un budget totale di 870,5 milioni di euro per la programmazione (0,6% dell intera spesa per lo sviluppo rurale), di cui sono stati spesi nei primi due anni soltanto l 1,3%. Ugualmente, la misura 115 relativa all avviamento del FAS, prevista in 7 SM, a fronte di una spesa programmata di 172,9 milioni di euro (0,1% dell intera spesa per lo sviluppo rurale) ha visto un avanzamento del solo 2% nei primi due anni di programmazione. 9

9 Dall analisi effettuata dalla Commissione europea, nonché dal confronto avuto nel corso dei FAS workshop europei degli ultimi anni, risulta importante sottolineare gli spunti e gli orientamenti emersi per la programmazione : semplificare e rendere più efficace il FAS come sistema a sé negli Stati membri, utile agli agricoltori anche indipendentemente da chi accede ai fondi PAC; problema di accesso da parte degli agricoltori anche per la necessità di anticipare il pagamento del consulente, con successivo rimborso delle spese sostenute; occorre incoraggiare l avviamento e l utilizzo del FAS nelle aree rurali per facilitare l ottemperanza dell attività agricola e forestale alle norme comunitarie ma anche per affrontare le problematiche relative al cambiamento climatico e alla competitività aziendale; necessario chiarire che il ruolo dei consulenti è assolutamente svincolato da quello dei controllori; incrementare la possibilità di usufruire del servizio di consulenza nell arco della programmazione; gli Stati membri devono creare sinergie tra consulenza, formazione, informazione e ricerca per facilitare la diffusione della conoscenza e delle esperienze. 10

10 : stato di attuazione del FAS in Italia 4 L implementazione del FAS in Italia si è articolata tramite l attivazione di due misure dei PSR: Misura 114 Utilizzo dei servizi di consulenza ; Misura 115 Avvio dei sistemi di consulenza e dei servizi di sostituzione. Anche la Misura 111 Formazione e informazione può essere considerata complementare all attuazione del Sistema: infatti, pur avendo in molti casi un attuazione distinta, in alcune regioni se ne prevede un attivazione congiunta con la misura 114, prevedendo per l imprenditore un pacchetto di formazione e il supporto di un consulente esterno per migliorare il suo bagaglio conoscitivo e rispondere alle esigenze dell azienda agricola/forestale. Il FAS allo status quo è attivo con un sistema regionalizzato che consta di un Autorità competente costituita dall Autorità di Gestione del PSR, senza un atto istitutivo a livello nazionale né criteri minimi omogenei per l attuazione delle misure del PSR interessate. Tale modello di governance ha portato ad una conseguente frammentazione dei sistemi di consulenza sul territorio, dipendenti dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e dai fondi nazionali, senza creare al contempo un sostegno regionale autonomo collegato a precise priorità strategiche. PUNTI DI FORZA governance regionale integrata nella strategia del PSR piena autonomia della politica regionale OPPORTUNITA assicurare netta separazione tra struttura CAA che si occupa della domanda di aiuto e quella che si occupa della consulenza Analisi SWOT Status Quo PUNTI DI DEBOLEZZA scarso avanzamento della misura dipendenza da fondi UE e nazionali, poca strategia di sistema a livello regionale scarsa percezione dell utilità del servizio da parte dell azienda, anche per motivi di entità economica disomogeneità del livello di servizio fornito (requisiti degli Organismi di consulenza) MINACCE disimpegno automatico carenza nell assistenza tecnica alle aziende soprattutto in tema di cambiamenti climatici e innovazione potenziali situazioni distorsive della concorrenza e del mercato permanenza rischi di conflitto di interesse per quanto concerne l attività dei CAA permanenza della non separazione tra consulenza e controllo 4 Cfr. Farm Advisory System: buone pratiche di supporto al sistema di consulenza aziendale Rete Rurale Nazionale,

11 Nella programmazione , sulla base dei dati rilevati dall Archivio dei Bandi della Rete Rurale Nazionale , risulta che la Misura 114 è stata attivata in 18 Regioni (con la sola esclusione delle Province Autonome di Trento e di Bolzano e della Regione Friuli Venezia Giulia), con la messa a disposizione di fondi regionali/provinciali per finanziare il FAS, con totali 74 Bandi emessi (con il primato della Regione Emilia Romagna, che ha emanato 24 Bandi). La misura 114 viene attuata attraverso due distinte tipologie di bandi, suddivise a seconda dei destinatari. Sono infatti previsti bandi per l accreditamento dei soggetti erogatori della consulenza e bandi per imprenditori agricoli e detentori di aree forestali, singoli o associati, beneficiari degli aiuti comunitari. Essi possono richiedere uno o più finanziamenti per supporti consulenziali nell arco del periodo di programmazione e, in generale, per ciascun intervento il massimale previsto dalle regioni raggiunge i 1500 euro a consulenza. In materia di bandi, il confronto tra realtà regionali evidenzia differenze nella scelta tra le modalità procedurali: bandi unici a scadenze differenziate, bandi annuali o biennali. Il contenuto di tali Bandi, si è articolato: nella parte concernente i requisiti di ammissione soggettivi ed oggettivi (inerenti, in particolare, le categorie di imprenditori agricoli ammessi e le iniziative e progettualità proposte, necessarie della consulenza aziendale nell ottica del rispetto e del miglioramento delle buone condizioni agronomiche ambientali e dei criteri di gestione obbligatori, come definiti nel citato Regolamento (CE) n. 1782/2003, successivamente abrogato e sostituito dal Reg. (CE) n. 73/2009); in una seconda parte, dedicata alla individuazione degli Organismi erogatori dei servizi di consulenza aziendale, in termini di accreditamento degli stessi sulla base del positivo riscontro di alcuni requisiti soggettiviprofessionali (gruppo di lavoro con adeguati titoli e competenze professionali), nonché organizzativi. 12

12 REGIONI SOGGETTI PUBBLICI SOGGETTI PRIVATI Abruzzo Basilicata incompatibili 1) ATI Agricoltura è vita Consulenza srl; 2) Ass. Confagricoltura L Aquila; 3) Impresabruzzo srl; 4) Incaconsult&Partners srl 1) ACLI Terra Servizi Matera; 2) Agricola Novantadue Soc. Coop. NOVA SIRI; 3) Agricoltura è Vita Potenza; 4) Agricon srl Irsina; Amab Laucania Potenza; 5) ARS3A srl Potenza; 6) Ass. Minerva Baragiano; 7) Bio agritest Pignola; 8) Cesca Unsic srl Roma; 9) Ecopan srl Potenza; 10) Fondaz. per i SCA in agricoltura Roma; 11) Impregea Soc.Coop. Ruoti; 12) In Service sas Maria Santarcangelo Montalbano; 13) Ist. Pilota srl Potenza; 14) NISI&C. Synthesy Palazzo San Gervasio; 15) ONLINE sas Franco Anna Maria Potenza; 16) Pianeta Verde Melfi; 17) Soc. Copagri sas Matera; 18) Ass. temporanea d'impresa LESVIL srl Finagri; 19) Ambientagri Rapolla Calabria Campania 1) ARSSA (Agenzia regionale sviluppo servizi agricoltura) Cosenza; 2) Consorzio di Bonifica del Pollino 3) Ass. provinciale alevatori CS; 4) Fondaz. per i SCA in agricoltura; 5) Soc. Coop. CORA; 6) Agriservizi scarl; 7) UTOPIA soc.coop; 8) Confagri DAP; 9) ASSOLAC Soc.Coop.; 10) ASSO.PRO.LI; + altri 42 Organismi in forme associative, srl, consortili Produzioni vegetali: 1) Bioconsult srl; 2) MONERE srl; 3) Centro Servizi Caserta sc; 4) TECNOGEA srl; 5) Agrimpresa Service srl; 6) Agrinnova Campania scrl; 7) Management House Italia srl; 8) Green Planet srl; 9) Consorzio Verde Campania; + altri 9 Organismi Produzioni animali: 1) Bioconsult srl; 2) MONERE srl; 3) Agrimpresa Service srl; 4) Agrinnova Campania scrl; 5) Management House Italia srl; 6) Green Planet srl; 7) Consorzio Verde Campania; 8) GEA soc.coop.soc.; 9) Teleservizi IT spa + altri 7 Organismi 13

13 E.R. incompatibili Presenti sul Catalogo Verde on line F.V.G. Lazio Liguria incompatibili incompatibili 1) Agricoltura è Vita Lazio srl; 2) UNSIC srl; 3) SIA srl; 4) ELAFAP (Confagricoltura Lazio); 5) ERSSAG (CISL) 1) Az. Agricola dimosrativa srl; 2) Agritec sv; 3) AIAB Liguria(sede 1); 4) AIAB Liguria(sede 2); 5) Ass. provinciale allevatori SV; 6) Ass. produttori biologici e biodinamici Liguria; 7) Assistenza CISL agricoltura Liguria + altri 36 Organismi Lombardia Marche Molise incompatibili 1) SISCA srl; 2) Progea srl; 3) EAPRAL (Confagricoltura Lombardia); 4) Agricoltura è Vita Lomb.; 5) Coop. S.Isidoro sac; 6) FondAgri 1) Agricolae soc.coop.; 2) Agostino Agostini dott. Agr.; 3) SISCA; 4) OATA Lib. Professionisti srl; 5) Studio Agr. Fioretti Amleto; 6) Eurolex srl; 7) Studio tecnico Zoppi; 8) Partners&Consulting scarl; 9) Studio tecnico Ugo Pazzi; 10) Vissani Mirko p.a.; 11) Giacomozzi Luca dott. Agr.; 12) Centro Servizi UNSIC srl 1) Centro servizi cons. az. UNSIC srl; 2) Ass. Allevatori del Molise; 3) Marketing project consulting P.A Bolzano P.A. Trento Piemonte 1) AGRILAB srl; 2) Ass. produttori suini scc; 3) ARAP Piemonte (Ass. allevatori); 4) Ass. regionale Gruppi coltivatori sviluppo: 5) Ass. servizi agricoli e zootec.; 6) Ass. ASIA Piemonte; 7) CIPA AT Piemonte; 8) Consorzio tutela razza piemontese; 9) ERAPRA (Confagricoltura); 10) FONDAGRI; 11) Lab. analisi veterinarie srl; 12) OATA Lib. professionisti; 13) SEVINOVA sas 14

14 Puglia Sardegna incompatibili 1) Agenzia regionale LAORE 1) Nisi&C. Synthesy Soc. coop. Soc.; 2) SUD project snc; 3) AGROMNIA soc.coop; 4) Ass. tra Professionisti; 5) ISAP Soc. coop + altri 55 Organismi n.r. Sicilia n.r. n.r. Toscana Umbria Valle d Aosta Veneto * n.r.: dati non reperibili incompatibili Elenco 1 (prod. Vegetali): 1) Studio Agr. Associati Vignolini, Pizzi, Begliuomini, Pelagatti; 2) Società Cartesio srl; 3) Studio Associato STAR; 4) Studio. Ass. De Matteis; 5) Agro Dendrostudio; 6) Ass. Agriconsulenze + altri 13 Organismi Elenco 2 (prod. vegetale e zootecnica): 1) Coord. toscano produttori biologici; 2) Studio Ass. Agronomi Dantini, Grandi, Lotti Margotti, Pelagatti Nardi; 3) Ass. produttori pastorizia toscana soc. agr. coop.; 4) Panphysis Studio tecnico e di ricerca forestale e agronomica; 5) CONIVE scrl + altri 40 Organism 1) CRATIA (Confagricoltura); 2) CeSAR (UniPg, Comuni, Ass. categoria..) + 7 Organismi con riconoscimento provvisorio 1) AGROCONSEIL; 2) AsTER VDA; 3) FONDAGRI; 4) OATA Sezione agricola: 1) Confagricoltura Rovigo; 2) CIA consulenza srl; 3) Confagricoltura Verona; 4) Confagricoltura Venezia; 5) Eco Quality Service srl + altri 18 Organismi Sezione forestale: 1) CIA consulenza srl; 2) Confagricoltura Verona; 3) Centro servizi sviluppo agricolo srl; 4) Confagricoltura Belluno In via esemplificativa, il contenuto della consulenza erogabile esclusivamente da parte di un Organismo riconosciuto dalla Regione o P.A., è generalmente articolato su due livelli di servizio: a) consulenza di base: condizionalità e sicurezza sul lavoro b) consulenza avanzata: punto a) + gestione aziendale, marketing, associazionismo, 15

15 innovazione Tale servizio è finanziato fino ad un massimo dell 80% dell importo richiesto dal soggetto erogatore della consulenza, fino ad un massimo di 1500 euro a consulenza, da svolgersi in un arco di tempo limitato (da un minimo di 3 mesi a un massimo di 24 mesi). Le fasi preliminari riguardano: 1. Analisi della situazione aziendale tramite visita in loco, per stabilire il livello di consulenza più idoneo; 2. Redazione e sottoscrizione di entrambe le parti di un Protocollo di consulenza che indica le motivazioni che rendono necessaria la consulenza, il tipo di intervento e la durata, il costo e le modalità di pagamento. La domanda di aiuto va presentata all Autorità competente (Regione o Provincia) nei termini temporali indicati nel bando, allegando la documentazione di cui ai punti 1 e 2. L attività di consulenza, oltre a fornire indicazioni tecniche e pratiche al beneficiario, è finalizzata alla sensibilizzazione del beneficiario riguardo i settori di intervento (articoli, opuscoli, elaborati tecnici); si compone anche di verifiche intermedie (utilizzo di check list) e di una verifica finale, da confrontare con l analisi della situazione aziendale effettuata nella fase preliminare (punto 1). Si riporta di seguito un confronto sintetico tra i criteri di selezione dei soggetti erogatori più diffusi nell attuale programmazione e quanto previsto al momento per la programmazione Requisiti strutturali REQUISITI DEI SOGGETTI EROGATORI Es. Umbria: almeno una sede operativa aperta al pubblico almeno 5 giorni/settimana, con attrezzature di base ed informatiche compatibili con SIGC, adeguato personale amministrativo, almeno un laboratorio di analisi (anche in convenzione) Es. Campania: disponibilità per almeno 6 anni di un locale di almeno 60 mq netti (comunque commisurati ai dipendenti), con locali amministrativi, di accoglienza, di servizio; cartellonistica specifica, dotazione di almeno 3 computer, stampante, fax, telefono, fotocopiatrice, , DB aziende seguite e servizi erogati Misura Art. 15 del PSR: il Programma deve definire il livello appropriato di risorse, qualificate e regolarmente formate con riferimento al campo di consulenza, identificando altresì gli elementi oggetto della consulenza stessa. Inoltre il PSR specifica i requisiti minimi degli Enti/Organismi che erogano la consulenza. (UE Commission Content of RDP ) Es. Piemonte: Operatività in almeno in due Province (con sede in ciascuna), dotazioni informatiche e di ufficio (computer, stampante, fax, telefono, fotocopiatrice, ), disponibilità di un addetto amministrativo, di un laboratorio di analisi in convenzione, Requisiti soggettivi 16

16 Es. Puglia: Iscrizione a CCIA o REA, adeguata capacità economica e contabilità separata, servizi di consulenza/assistenza ad aziende agricole in Statuto, 10 anni di durata residua dalla presentazione della domanda, resp. tecnico designato per un unico Organismo, con diploma o laurea in materie agrarie/forestali/zootecnico/alimentari/ambientali/veterinarie (con iscrizione al rispettivo Albo da almeno 5 anni), con esperienza lavorativa nell'ambito di consulenza; personale di staff tecnico (min. 3 max 10) con formazione di cui sopra. Es. Marche: Soggetto giuridico con P.IVA, personale iscritto all'albo, coordinatore tecnico designato per un unico Organismo, con almeno diploma/laurea in materie agrarie/forestali/veterinarie. Staff tecnico con almeno un perito/laureato in araria/forestale, un veterinario e un esperto in SSL. Es. Veneto: Soggetti giuridici di diritto privato con personale qualificato, in particolare uno staff tecnico di almeno 4 unità di cui almeno un laureato/diplomato in materie agrarie, un laureato in discipline zootecnico/veterinarie e un esperto in SSL, tutti con esperienza almeno di 2 anni in consulenza agricola e abilitazione a resp. SSL. Attività formativa svolta di almeno 20 h in materia di condizionalità, con aggiornamento da svolgersi di almeno 24h/biennio. Nel caso di domanda per la "sezione forestale" degli Organismi, è obbligatoria la disponibilità di un laureato in scienze forestali Proprio riguardo a tali requisiti nel periodo , tenuto conto della mancanza di una cornice normativa omogenea sulla caratterizzazione soggettiva e strutturale degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale, l applicazione delle sole disposizioni regionali ha generato rilevante contenzioso che verrà approfondito nel paragrafo Attuazione della misura La misura assorbe mediamente poco più dell 1% delle risorse pubbliche dei PSR, con alcune eccezioni (fino al 2%), e prevede un cofinanziamento da parte dei privati del 20% della spesa per servizio di consulenza (importo massimo ammissibile: 1500 euro), come riportato nell allegato I Importi e aliquote del sostegno al Reg. 1698/05/CE. Per il su questa misura è stata programmata una spesa di circa 123,6 milioni di euro; alla fine del 2012, in base ai dati di monitoraggio provvisori più recenti (31/12/2012), è stato finanziato il 19,4% del programmato. La spesa pubblica complessiva sostenuta su questa misura e certificata dalle Regioni ammonta a circa 20 milioni di euro, dei quali 10,6 di cofinanziamento FEASR. 5 Cfr. Attuazione a livello regionale delle misure dell Asse 1 Rete Rurale Nazionale,

17 Misura 114: spesa (erogata e programmata) valori in migliaia di euro (dati provvisori RAE al 31/12/2012) Sono gli agricoltori che hanno beneficiato del sostegno di questa misura, su un totale di domande approvate di : circa il 79% riguarda beneficiari che percepiscono annualmente meno di euro di pagamenti diretti, il che conferma il maggiore interesse per la misura da parte di aziende meno strutturate e di dimensioni medio piccole. Il 30% delle domande e poco meno del 25% della spesa sono concentrate sulla richiesta di servizi di consulenza per il rispetto dei requisiti minimi; i servizi di assistenza agli animali e quelli per l agricoltura biologica risultano, al contrario, i meno richiesti. Misura 114: dettaglio dati a livello nazionale valori in migliaia di euro (dati provvisori RAE al 31/12/2012) 18

18 Il contributo per l utilizzo dei servizi di consulenza è previsto in tutti i PSR, eccetto che nelle Province autonome di Trento e Bolzano e nel Friuli Venezia Giulia. 3.2 Principali criticità emerse a livello giurisprudenziale Il sistema di consulenza aziendale ha trovato attuazione in Italia, dapprima nella vigenza della programmazione , con bandi attuativi della misura Y e nell attuale programmazione con la misura 114. I bandi attuativi della misura da una parte hanno definito i requisiti di ammissione soggettivi e oggettivi (imprenditori agricoli ammessi e iniziative/progettualità proposte) e dall altra hanno avuto ad oggetto l individuazione degli Organismi erogatori dei servizi di consulenza, in base alla presenza di determinati requisiti soggettivo professionali e organizzativi, necessari per l accreditamento degli stessi. La disciplina comunitaria ha demandato agli Stati Membri la definizione dei requisiti strutturali e organizzativi degli Organismi erogatori dei servizi di consulenza, aspetti su cui si è concentrata la maggior parte del contenzioso amministrativo in materia. Dall analisi della giurisprudenza è emerso che le maggiori criticità dei bandi applicativi delle misure (Y e 114) sono state riscontrate rispetto a: a) Individuazione dell oggetto delle attività di consulenza aziendale, interpretato dalle Regioni non solo come supporto alle aziende in materia di condizionalità (rispetto e attuazione CGO e BCCA), ma anche per l insieme degli aspetti produttivi e gestionali. Per questo motivo sono stati impugnati i bandi delle Regioni Piemonte, Veneto, Emilia Romagna e Abruzzo; b) Individuazione dei requisiti degli Organismi di consulenza da accreditare. b.1) Requisiti strutturali (organizzativi): i bandi delle Regioni Piemonte e Umbria sono stati impugnati laddove richiedevano dotazioni logistiche e risorse umane tali da favorire di fatto l accreditamento come Organismi di consulenza a realtà già strutturate e presenti sul territorio. I Tribunali Amministrativi Regionali aditi, con un approccio conservativo, sul presupposto del corretto esercizio della discrezionalità amministrativa regionale e vista la delicatezza dell attività da svolgere, hanno ritenuto legittima l imposizione di tali requisiti per entrambe le Regioni; b.2) Requisiti soggettivi (attinenti ai componenti lo staff tecnico): - rivendicazione della natura professionale della consulenza aziendale con conseguente partecipazione esclusiva agli Organismi accreditati da parte degli iscritti ad Ordini e Collegi, professionisti agricoli con competenze in CGO e BCAA (c.d. contenuto minimo ex art.12, paragrafo 2 Reg. (CE) n.73/2009.della ) in senso favorevole TAR Umbria; - illegittimità dell imposizione a carico degli iscritti ad Albi professionali di documentare una maturata esperienza lavorativa nel settore in senso favorevole Tar Lombardia ed Emilia Romagna; - obbligatorietà del requisito di iscrizione all Albo professionale per la carica di Coordinatore o di componente dello Staff tecnico, quale personale costituente l Organismo accreditato 19

19 per i servizi di consulenza aziendale della misura 114 in senso favorevole TAR Lombardia ed Umbria; - illegittimità dell imposizione dell obbligo di partecipare come componente ad un solo Organismo di consulenza accreditato Tar Abruzzo. Si riporta di seguito una tabella sinottica ragionata della giurisprudenza di cui trattasi, aggiornata al luglio La tabella che segue, aggiornata anch essa al luglio 2013, riassume per gradi di giudizio il contenzioso citato. Per agevolarne la lettura, si rammenta che il contenzioso amministrativo si articola in due gradi di giudizio di merito (vedi ultima colonna fase di merito : primo grado presso il TAR Tribunale Amministrativo Regionale, secondo grado, di appello, presso il Consiglio di Stato). E infine possibile un ulteriore grado, di legittimità, avanti alla Corte di Cassazione. 20

20 Nel caso venga presentata una domanda di sospensiva dell atto o degli atti impugnati decisa in primo e secondo grado tramite Ordinanza di accoglimento (in tutto o in parte) o di rigetto una prima fase cautelare (vedi relativa colonna) precede lo scrutinio nel merito dei motivi del ricorso che attengono ai vizi amministrativi dell atto. Per completezza si accenna infine a due segnalazioni dell Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) del 2007 su fattispecie analoghe a quelle oggetto della citata giurisprudenza: la AS382 Istruzioni per il riconoscimento degli organismi di consulenza in relazione all introduzione della misura Y (aiuti per l utilizzo dei servizi di consulenza aziendale) e la AS429 Centri autorizzati di assistenza agricola. 21

21 La segnalazione AS382 del 27 febbraio è stata adottata in seguito ad una richiesta avanzata da parte del Consiglio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati in merito ai possibili effetti distorsivi della concorrenza derivanti da una Delibera della Giunta Piemonte di approvazione delle istruzioni per il riconoscimento degli organismi di consulenza. L Autorità ha esaminato le modalità di attribuzione del punteggio per soddisfare il requisito dell esperienza ed affidabilità in materia di consulenza che sembravano favorire l accreditamento come Organismi a soggetti dotati di una vasta struttura organizzativa e di una numerosa clientela. Rispetto all individuazione delle risorse in termini di personale qualificato l Autorità ha segnalato che nell attribuzione del punteggio nessun rilievo veniva dato al conseguimento dell abilitazione ed al praticantato, che invece avrebbe dovuto essere considerato al fine di valutare la qualificazione professionale del personale tecnico. La pronuncia in oggetto, richiamando i principi della concorrenza e della parità di trattamento tra operatori, ha altresì evidenziato la necessità di stabilire criteri oggettivi di selezione dei soggetti erogatori di consulenza, in modo tale da non porre discriminazioni tra gli operatori potenzialmente in grado di offrire i servizi di consulenza. Il 21 novembre del 2007, con la segnalazione AS429 l Agcm, rivolgendosi in questo caso al Mipaaf, è intervenuta in merito agli effetti distorsivi della concorrenza e del mercato derivanti dall affidamento ai Centri di Assistenza Agricola CAA dell attività di consulenza alle imprese agricole. L Autorità innanzitutto si è pronunciata favorevolmente su uno schema di Decreto Ministeriale relativo all istituzione ed all utilizzo dei servizi di consulenza aziendale in agricoltura, che prevedeva l incompatibilità, per conflitto di interessi, a svolgere attività di consulenza da parte di organismi partecipanti alla gestione ed al controllo dei procedimenti amministrativi per l erogazione di finanziamenti pubblici all agricoltura. Con la stessa segnalazione l Autorità ha inoltre osservato che non appariva giustificato per i professionisti subordinare l accesso al portale SIAN alla verifica di requisiti di professionalità e di competenze trattandosi di soggetti che si deve presumere in possesso di tali competenze (in questo senso anche le citate sentenze del TAR Lombardia ed Emilia Romagna del 2008). Una recente segnalazione dell Agcm, la AS1086 del 24 luglio 2013, offre interessanti spunti di riflessione in merito all aspetto dell operatività territoriale di un soggetto economico, nel caso di specie un Consorzio di difesa della Regione Piemonte. Con tale segnalazione l Agcm è entrata nel merito di un provvedimento regionale attraverso il quale l Amministrazione ha inteso escludere dal proprio territorio l esercizio dell attività di vigilanza e consultiva di un Consorzio di difesa. L Autorità ha censurato il provvedimento sotto il profilo della violazione delle norme a tutela della concorrenza, così come previste dalla c.d. Direttiva servizi (Direttiva 2006/123/CE), in particolare l art. 14, che espressamente dispone che uno Stato Membro non possa subordinare l esercizio di un attività economica da parte di una società sul proprio territorio sulla base di requisiti discriminatori, quali l ubicazione della sede legale della società. L Autorità ha quindi censurato l art. 11, comma 2 del D.Lgs. 102/2004 (disciplina dei Consorzi di difesa) che postula il riconoscimento di idoneità allo svolgimento dell attività dei consorzi, concesso dalla propria regione o provincia autonoma, limitandolo al territorio ove l ente ha la sede legale. L Autorità ha definito la norma de quo superata e disapplicabile anche a prescindere dall adozione dei regolamenti di delegificazione di cui all art.1 del D.L. n. 1/

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016)

DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016) DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016) IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Dettagli

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole Sottomisura 2.1 Sostegno ad avvalersi di servizi di consulenza

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

8.2.2. M02 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art. 15)

8.2.2. M02 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art. 15) 8.2.2. M02 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art. 15) 8.2.2.1. Base giuridica Regolamento (UE) n. 1305/2013 Art.15 Regolamento (UE) n. 808/2014

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale.

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. SOTTOMISURA 9.1 Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. La Sottomisura intende favorire la costituzione di Associazioni e Organizzazioni di Produttori

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 16 giugno 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario

Dettagli

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (iv) e 24 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 15 e punto 5.3.1.1.4. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06 1.1.4.

Dettagli

Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali Titolo della misura: Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e dei detentori

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Base giuridica Regolamento (UE) n. 1305/2013, Articolo 14 Regolamento (UE) n. 1303/2013 Descrizione

Dettagli

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Riferimento normativo Articolo 22 del regolamento (CE) n. 1698/2005 RAGIONI DELL INTERVENTO La misura punta a incentivare il primo insediamento di giovani

Dettagli

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno.

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. SOTTOMISURA 3.2 Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. La Sottomisura concede un sostegno, a copertura dei costi derivanti da attività

Dettagli

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Dotazione finanziaria SPESA PUBBLICA: 1.092 Meuro FEASR: 471,3 Meuro STATO: 434,5 Meuro REGIONE: 186,2 Meuro (ca. 26 Meuro/anno) 2014 2015 2016 2017

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 PSR 2007-2013 della Regione Piemonte: misura 214 Pagamenti agroambientali - Campagna 2010. Presentazione domande di pagamento per le

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione La misura concorre a promuovere l acquisizione di competenze e conoscenze tecniche e manageriali, la diffusione di innovazioni nei vari ambiti aziendali

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO Prot. n. 16281 del 31/03/2016 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale dell Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea Dipartimento Regionale Agricoltura Area 7 Brand

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1327 del 23 luglio 2013 pag. 1/7 Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto Legge regionale 14 giugno 2013, n. 11 Disposizioni regionali di indirizzo

Dettagli

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Descrizione In breve La misura è finalizzata a favorire l occupazione e il ricambio generazionale nel settore agricolo.

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Misura 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali (art. 17) Sottomisura 4.4 Sostegno per investimenti non produttivi

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI SULLA PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO IN AZIENDE AGRICOLE Premessa L Ente Bilaterale Agricolo Nazionale, di seguito

Dettagli

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 BANDO PUBBLICO MISURA 115 Avviamento dei servizi di

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIPARTIMENTO AGRICOLTURA POLITICHE REGIONALI DI SVILUPPO RURALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : APPROVAZIONE DEI BANDI PER LA RACCOLTA DELLE DOMANDE DI ADESIONE

Dettagli

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020 Allegato alla Delib.G.R. n. 13/11 del 31.3.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA ALLEGATO A CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA 1. Premessa Il Reg. (CE) n. 1782/2003 ha stabilito, in via obbligatoria, l istituzione da parte degli

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna POR SARDEGNA 2000/2006 MISURA 4.2 Direttive di Attuazione - Servizi reali Art. 1 Oggetto 1. Le presenti Direttive di Attuazione disciplinano l erogazione di aiuti per l acquisizione di servizi reali destinati

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP)

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) spedizione via mail: 2 novembre 2009 TOTALE OPPORTUNITA' 8 suddivise in REGIONALE, PROVINCIALE E COMUNALE 1 Ente titolare

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria INFO(PAC)K: LA PAC INFORMA. Progetto cofinanziato dal PSR Umbria 2007-2013 misura 111, azione a) Attività informative:

Dettagli

Comitato di Sorveglianza

Comitato di Sorveglianza REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALLE POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) DEL LAZIO 2007/2013 IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

SCHEDA DI MISURA 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA

SCHEDA DI MISURA 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA SCHEDA DI MISURA 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.0 Codice e titolo della misura (codifica delle misure all'allegato I parte 5 - del Regolamento di esecuzione) M 09 - Costituzione di associazioni e organizzazione

Dettagli

Sono esclusi gli interventi finalizzati alla mera commercializzazione e assemblaggio di componenti.

Sono esclusi gli interventi finalizzati alla mera commercializzazione e assemblaggio di componenti. PIA FILIERA ENERGIA Insediamento di linee di produzione di sistemi e componenti nel campo dell efficienza energetica e dello sfruttamento delle energie rinnovabili POR FESR 2007-2013 Asse I Asse III Regione

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2013 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2014 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2013

Dettagli

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Bari, 24 ottobre 2006 Massimiliano Schiralli Premessa Dalla riforma di medio termine della PAC al regolamento per lo sviluppo rurale approvato il 20 settembre

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Adozione di UCS (Unità di Costo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE

IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. n. 857 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato regionale dell agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento regionale per l Agricoltura Ex Dipartimento degli

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Disposizioni attuative del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013

Disposizioni attuative del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Regione Marche (Allegato A) Disposizioni attuative del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Reg. (CE) n. 1698/2005 Progetti integrati Accordi agroambientali d area per la tutela delle acque Accordi agroambientali

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale della Regione Abruzzo 2014/2020 Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca REGIONE ABRUZZO

Programma di Sviluppo Rurale della Regione Abruzzo 2014/2020 Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA PSR ABRUZZO 2014/2020 tipi di intervento 3.2, 4.1.1 (int.2), 6.1 approvati al Comitato di Sorveglianza del 1/12/2015

Dettagli

NEWS. Credito d imposta per la creazione di lavoro stabile nel Mezzogiorno

NEWS. Credito d imposta per la creazione di lavoro stabile nel Mezzogiorno NEWS Credito d imposta per la creazione di lavoro stabile nel Mezzogiorno È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Interministeriale del 24 maggio 2012 che fissa le disposizioni di attuazione

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.)

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Inquadramento generale, Formazione ed Informazione REGIONE PIEMONTE SETTORE SERVIZI ALLE IMPRESE PIERO CORDOLA ODAF Alessandria

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015 PSR 2014-2020 Le novità Bologna 22 maggio 2015 Le condizionalità Ex ante Reg. Ue 1303/2013 - Articolo 2 Definizioni 33) "condizionalità ex ante applicabile": rappresenta un pre- requisito per l'efficace

Dettagli

Misura Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali codice 114 (art. 20, a, iv, art. 24 del reg.

Misura Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali codice 114 (art. 20, a, iv, art. 24 del reg. Misura Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali codice 114 (art. 20, a, iv, art. 24 del reg. CE1698/05) Riconoscimento degli organismi abilitati all erogazione di

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01;

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTO l art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69, che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 CCI N 2007 IT 051 PO 002 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6711 del 17 dicembre 2007 MANUALE

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. CE n. 834/2007 del Consiglio del 28 giugno 2007, pubblicato nella GUCE 20 luglio 2007, che detta gli obiettivi ed i principi della produzione biologica nonché le norme di produzione, di etichettatura

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 4 - Investimenti materiali (art. 17) La misura punta al miglioramento delle prestazioni economiche e ambientali delle aziende agricole e delle imprese rurali Finalità: rendere più efficiente il

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 18 novembre 2014, n. 794 DGR n. 353/2014 - Approvazione schema dell'aggiornamento dell'"accordo Quadro per la realizzazione del

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Piano Regionale dei Controlli integrati in materia di sicurezza alimentare 2007-2010. N. 547 IN 23/05/2008 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA Visto il Regolamento (CE) n. 178/2002

Dettagli

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia I sostegni alle imprese agricole per la competitività e la diversificazione dei redditi Zola Predosa 29 ottobre 2011 Zola fa agricoltura

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli