Numero Speciale - NOVEMBRE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Numero Speciale - NOVEMBRE 2013"

Transcript

1 NOTIZIARIO DEL CONSOLATO PROVINCIALE DI ROMA DELLA FEDERAZIONE MAESTRI DEL LAVORO D'ITALIA ENTE MORALE D.P.R VIA BARBERINI ROMA - TEL: sito: Numero Speciale - NOVEMBRE 2013 Notizie dalla Redazione Leggi Economia e Finanza Fisco Approfondimenti Fonti consultate: Agenzia delle Entrate / Equitalia / FiscoOggi Bollettino Banca d Italia/Relazione/ Consob/ Gazzetta Ufficiale / Ministero Economia e Finanza Pubblicazioni ISTAT Quotidiani (La Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa, Il Giornale) Quotidiani economici (Il sole 24 ore, Milano Finanza) Riviste specializzate e siti Web Edizione on-line Riservata ai Soci del Consolato Novembre 2013

2 I N D I C E NOTIZIE DALLA REDAZIONE IL DECRETO DEL FARE TORNA DI ATTUALITÀ; E CON UN ALTRO DECRETO... C'È L'APE! LA RATEAZIONE DELLE SOMME ISCRITTE A RUOLO MA L'APE COS'È? IL DECRETO DEL FARE REINTRODUCE LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA UNO SGUARDO SULLE PENSIONI E DINTORNI NUOVA NORMATIVA DECRETO SUL FEMMINICIDIO DECRETO SCUOLA D.L. N. 91/2013 DECRETO VALORE CULTURA L'ANNULLAMENTO DELLA PRIMA RATA IMU: LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA. UNA VIA DI MEZZO TRA LA NUOVA NORMATIVA E IL FISCO (CHE IN QUESTO SPECIALE VERRÀ IN PARTE TRASCURATO) E L'ANNULLAMENTO DEL SALDO IMU SULLA PRIMA CASA? IL REDDITOMETRO ED IL GARANTE DELLA PRIVACY IL FISCO LA FINANZA, L'ECONOMIA, LE BANCHE, LE NOTIZIE UTILI LA RIVALUTAZIONE DELLE QUOTE BANKITALIA IL CAMBIO EURO/DOLLARO QUANTO NE SAI DELL'EURO E DI EUROPA? ANCORA SULLE BANCHE INTERNAZIONALI USA ALCUNE NOTIZIE UTILI MESSAGGI DELLA REDAZIONE E DEL CONSOLATO...16

3 Speciale NEWS - NOVEMBRE NOTIZIE DALLA REDAZIONE Care amiche e cari amici, care lettrici e cari lettori, care maestre e cari maestri... siamo ancora qui. Dopo lo Speciale di ottobre e lo Speciale Telecom (inviato ai soli richiedenti: le 100 copie predisposte sono andate a ruba e non sono più disponibili perché... abbiamo perso lo stampo). Ripartiamo con il marchio tradizionale del Consolato Provinciale di Roma perché finalmente, con l'elezione del nuovo Console, la MdL Marisa Micheletti, siamo certi che il Consolato riprenderà, con maggior vigore, tutte le attività svolte. Abbiamo solo bisogno di tranquillità e di Maestri disposti a collaborare poi un po' di salute e meno problemi e, state certi, arriviamo anche in Paradiso o all'inferno? Scegliete Voi. Da parte nostra, finché le condizioni di lavoro saranno accettabili, siamo sempre disponibili. Abbiamo anche pensato a qualche novità. Fermo restando le materie che abbiamo sempre trattato e che, in qualche maniera, riusciamo a raccontare (per le altre c'è sempre il giornale associativo) la nuova impostazione che seguiremo sarà come una discussione tra amici, quando si parte da un argomento e sempre con nessi logici si arriva a parlare di altri, diametralmente opposti. Perché tutto ciò? Perché gli schemi ci stavano troppo stretti e non nascondiamo che ci stavamo annoiando. Qualora il prodotto non dovesse piacere fatecelo sapere. Saremo pronti... a ritornare sui vecchi passi. Finalizzeremo gli Speciali... essenzialmente per noi stessi e cioè: ad una persona in pensione o prossima alla pensione, interessata a quanto succede in Italia e nel mondo in materia legislativa, di finanza, di economia e di politica economica (continueremo, ovviamente, ad inviarlo alle nostre mailing list ed a tutti coloro che, trovandoci utili, ci vogliono seguire). Ci occuperemo come sempre di curiosità e di cose utili. La cadenza della pubblicazione, sarà, se possibile, più ravvicinata, il numero delle pagine inferiori rispetto al passato. Come abbiamo altre volte sottolineato, non vogliamo scoprire l'acqua calda e quindi molte notizie saranno prese da altre fonti (qualificate e sempre indicate) ma con i nostri approfondimenti e con le nostre interpretazioni cercheremo di dare ai lettori un valore aggiunto. Abbiamo fatto già tante, troppe chiacchiere per cui passiamo direttamente a trattare i vari argomenti. Ci fermeremo a pagina 15 e...faremo un nuovo Speciale per gli argomenti che mancano. Prima però vogliamo augurare a tutti quanti noi una buona lettura, una buona salute e meno problemi. Grazie per l'attenzione. Gino e Mauro. Roma, 12 novembre IL DECRETO DEL FARE TORNA DI ATTUALITÀ; E CON UN ALTRO DECRETO... C'È L'APE! Ricordiamo che il c.d. Decreto del fare è entrato in vigore il 22 giugno u.s. e durante la conversione in legge (L. 9 agosto 2013, n. 98, pubblicata sulla G.U. del 20 agosto) ha subito diverse modificazioni. Per la parte di nostro interesse, l'abbiamo esaminato nello Speciale di ottobre. Ci sono adesso alcune novità di cui Vi portiamo a conoscenza LA RATEAZIONE DELLE SOMME ISCRITTE A RUOLO L' art. 52 del decreto del fare ha previsto la possibilità di fruire, in particolari casi, di una maggiore dilazione per i c.d. debiti verso Equitalia. Il Ministro del MEF Saccomanni ha firmato in data 6 novembre u.s. il relativo decreto attuativo che è stato pubblicato nella G.U. n. 262 dell'8 novembre. Quindi, d'ora in poi, sarà possibile fruire di una dilazione fino a 120 rate per il pagamento di multe e di cartelle esattoriali le cui somme siano iscritte a ruolo. Di seguito riportiamo una sintesi di quanto riportato nel sito di Equitalia: L'agente della riscossione, su richiesta del contribuente, può concedere la dilazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo fino a un massimo di 72

4 NEWS Speciale NOVEMBRE rate mensili nell'ipotesi di temporanea situazione di obiettiva difficoltà. L'importo minimo di ogni rata, salvo eccezioni, è pari a 100. Le recenti disposizioni previste dal c.d. decreto del fare consentono la rateazione fino ad un massimo di 120 rate mensili nei casi in cui il cittadino si trovi, per ragioni che non dipendono dalla sua responsabilità, in una grave e comprovata situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica. Il decreto del MEF è intervenuto per regolare proprio tale fattispecie ed all'art. 3 prevede che per la richiesta dei piani straordinari (la normativa consente anche di estendere la rateazione dagli originari 72 ai 120 mesi) fermo restando l'accertamento della temporanea situazione di obiettiva difficoltà...omissis... che è attestata dallo stesso debitore con istanza motivata da produrre all'agente di riscossione unitamente alla documentazione dei requisiti devono ricorrere congiuntamente: a) la condizione di accertata impossibilità per il debitore di eseguire il pagamento del credito secondo un piano ordinario; b) la solvibilità del debitore, valutata in relazione al piano di rateazione concedibile...omissis... Senza entrare nei dettagli (per i quali restiamo come sempre a disposizione) anche nel presupposto che l'argomento non riguardi direttamente i nostri lettori (almeno si spera) concludiamo riportando alcune notizie di carattere generale prese sempre dal sito Equitalia. L'Ente di riscossione ha innalzato da 20 a 50 mila euro la soglia dell'importo per ottenere la rateazione automaticamente, senza necessità di dovere allegare alcuna documentazione; - Per debiti oltre i 50 mila la concessione della rateazione è subordinata alla verifica della situazione di difficoltà economica. - Le rate possono essere, a richiesta, anche variabili e crescenti (oltre che costanti). - L'agente della riscossione non può iscrivere ipoteca nei confronti del contribuente che ha chiesto ed ottenuto di pagare a rate (l'ipoteca è iscrivibile solo se l'istanza di dilazione è respinta o se il debitore decade dal beneficio della rateazione). Il contribuente che ha ottenuto la rateazione non è più considerato inadempiente e può quindi partecipare a tutte le gare di appalto. - Infine, si decade dal beneficio della dilazione se non sono state pagate otto rate (aumentate con il decreto del fare ) anche non consecutive. Ci fermiamo qui. Roma, 12 novembre MA L'APE COS'È? Oltre ad un insetto che può pungere, l'ape nel nostro caso, è l'attestato di Prestazione Energetica. E' in sintesi un documento che contiene le caratteristiche energetiche dell'immobile. E' stato il D.L. 63/2013 (lo stesso dell'ecobonus, di cui ci siamo occupati sempre nello Speciale di ottobre) a recepire la Direttiva 2010/31/Ue del Parlamento europeo e del Consiglio Ue, al fine di evitare le solite procedure di infrazioni, troppo ricorrenti per il nostro Paese. L'APE viene definito il documento, redatto nel rispetto delle norme e rilasciato da esperti qualificati ed indipendenti, che attesta la prestazione energetica di un edificio attraverso l'utilizzo di specifiche metodologie e fornisce indirizzi per il miglioramento dell'efficienza energetica con proposte di interventi significativi ed economicamente convenienti. omissis. (da sentieri Digitali- Ing. Massimiliano De Santis). Da un punto di vista operativo, quindi, il tecnico deve analizzare le caratteristiche termo-igrometriche, i consumi, il riscaldamento ed il raffreddamento dei locali, compresa la produzione dell'acqua calda, il tipo di impianti, compresi i sistemi di produzioni di energia eolica, solare ecc.. Ci sono dei casi in cui è prevista l'obbligatorietà del documento senza il quale (come nei contratti di compravendita di immobili) il contratto è nullo (trattasi di nullità assoluta): in questi casi l'ape va allegato e prodotto a cura del proprietario. Altri casi in cui è prevista l'obbligatorietà sono: a) nuova costruzione (a cura del costruttore); b) contratto di locazione, a cura del proprietario locatore (solo se in caso di nuova locazione e non di rinnovo o proroga). Negli annunci commerciali di locazione si dovrà indicare l'indice di Prestazione Energetica- IPE, contenuto nell'attestato; c) successione o donazione (l'ape è prodotto dal proprietario). La durata della validità dell'attestato è decennale, soggetta però al rispetto delle prescrizioni di controllo e deve essere aggiornata ad ogni intervento di ristrutturazione e riqualificazione (l'ape è obbligatorio se la ristrutturazione è definita importante ). L'APE, introdotto con il decreto 63/2013, convertito nella legge 90/2013, ha preso il posto di quello che era l'ace, l'attestato di Certificazione Energetica, anch'esso obbligatorio nei rogiti di compravendita. L'APE, non appena saranno emanate le relative norme attuative, sarà, rispetto

5 Speciale NEWS - NOVEMBRE all'ace, un documento più complesso, più completo e verosimilmente più costoso per chi dovrà produrlo. Le parti non possono derogare all'obbligo. Per complicare il tutto, l'ape dovrebbe essere necessario (non essendo state previste eccezioni) per tutti i nuovi contratti di locazioni, indipendentemente dalla durata. Quindi anche per periodi brevi (per esempio locazioni ferie e per vacanze). Sono previste delle penali pecuniarie per il locatore. Speriamo che serva, da un punto di vista pratico, a qualche cosa! Roma,13 novembre 2013 Lupus in fabula : l'agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 83/E (Direzione Centrale Normativa) in data 22 novembre ha espresso il proprio indirizzo per quanto attiene la registrazione dei contratti di locazione a seguito della nuova normativa sull'ape. E' molto interessante: vi riferiremo nel prossimo Speciale. Roma 23 novembre IL DECRETO DEL FARE REINTRODUCE LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA Come anticipato nell'edizione di ottobre, in questo Speciale tratteremo anche della mediazione civile, la cui obbligatorietà, introdotta con il D.Lgs. 28/2010 e successivamente dichiarata incostituzionale dalla Suprema Corte (ce ne siamo occupati diffusamente) è stata ora riproposta con il decreto del fare. La riforma della mediazione è entrata in vigore lo scorso settembre. In estrema sintesi: un soggetto che vuole proporre una causa, che abbia per oggetto determinate materie, prima di aprire un contenzioso davanti l'autorità giudiziaria deve esperire un tentativo di conciliazione con la parte avversa presso un Organismo di mediazione autorizzato. La nuova mediazione torna dunque a costituire condizione di procedibilità per le controversie relative alle seguenti materie: condominio, diritti reali, divisioni, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto aziende, risarcimento del danno derivante da diffamazione a mezzo stampa o altro mezzo di pubblicità. Sarà anche obbligatoria per le cause relative alla responsabilità medica ed alla responsabilità sanitaria (introdotta, quest'ultima, nel Decreto del fare, perché prima non era contemplata) Le materie bancarie, finanziarie e assicurative erano e restano previste tra quelle obbligatorie e per le quali si può ricorrere all'arbitro Bancario Finanziario (ABF), alla Camera Arbitrale Consob, al Conciliatore Bancario Finanziario. Sono state invece escluse le liti relative alla Rc Auto (sono quelle più ricorrenti e che intasano i Tribunali) a seguito delle forti pressioni della casta degli avvocati. Il nuovo testo stabilisce che l'obbligatorietà del tentativo di mediazione sarà in vigore per quattro anni e a partire dal secondo si dovrà fare un checkup sugli effetti della sperimentazione (anche al fine di apportare eventuali modifiche che possano sottrarre la normativa ad eventuali nuovi giudizi di costituzionalità) L'impianto della legge rimane sostanzialmente lo stesso del Decreto legislativo del Accenniamo alle principali modifiche e/o precisazioni e ad alcune caratteristiche. Territorialità: la domanda di mediazione è depositata con un' istanza presso un Organismo di mediazione nel luogo del giudice territorialmente competente per la controversia. Obbligo di assistenza da parte di un avvocato: contrariamente alla vecchia normativa (anche se dai dati risulterebbe che già nella stragrande maggioranza dei tentativi di mediazione le parti si facevano assistere da un proprio legale di fiducia). Di contro rimane altresì l'obbligo da parte del legale di informare per iscritto l'assistito dei vantaggi fiscali (niente bollo sugli atti di mediazione, esenzione di imposta di registro per il verbale di accordo fino ad un valore di 50 mila -anche se per le controversie finanziarie il valore è normalmente più alto-, credito d'imposta per le spese pagate all'organismo di mediazione fino a 500 ). Il costo della mediazione civile, per ciascuna delle parti, va dai 65 per un valore della lite di ed aumenta, progressivamente, fino a per controversie il cui valore supera l'importo di 5 milioni di (nel caso di ricorso all'abf, la sola proposizione del ricorso richiede il pagamento di 20 ). La condizione di procedibilità per il ricorso al giudice (relativamente alle materie sopra riportate) si considera espletata se manca l'accordo già al primo incontro. All'avvio del processo, la parte citata in giudizio può segnalare che non c'è stato il tentativo di mediazione, ovvero può essere il giudice a farlo d'ufficio. Il giudice può ordinare alle parti di tentare una mediazione anche in fase di giudizio di appello.

6 NEWS Speciale NOVEMBRE L'accordo tra le parti diventa titolo esecutivo se gli avvocati, che hanno assistito i contendenti durante la procedura lo sottoscrivono (non c'è bisogno di omologa del Tribunale). L'accordo deve essere raggiunto entro 3 mesi (ex 4 mesi) dalla presentazione dell'istanza. Il primo incontro deve avvenire entro un mese (sempre dalla presentazione dell'istanza). Ovviamente qualsiasi accordo tra le parti è possibile anche per materie per le quali non è prevista la obbligatorietà. Pensiamo che possa bastare e adesso parliamo di pensioni. Roma, 14 novembre UNO SGUARDO SULLE PENSIONI E DINTORNI Come ogni anno, con la presentazione della legge di Stabilità, è ricominciata la solita disputa sulle pensioni. Per il d.d.l. in esame sono previste misure che riguardano il blocco (ovvero lo sblocco secondo l'entità della pensione) della perequazione automatica (la ex famosa scala mobile ) ed il solito contributo di solidarietà o di perequazione (non è certo il nome che dovrebbe avere in questa tornata) per le pensioni sopra un determinato importo. A rendere più infuocata la problematica c'è di fatto che, eticamente e sostanzialmente, molti pensionati hanno pensioni veramente basse, in un contesto di una grave crisi occupazionale, economica e di valori che il nostro Paese sta attraversando. Parlano un po' tutti: Santoro, Renzi, ed un pensionato (c.d. d'oro) a Servizio pubblico; Floris, Speranza, la Meloni, Romani a Ballarò, Brunetta e Grillo e così di seguito. Interviene per due volte (la seconda per correggersi) il Presidente dell'inps: è un grande caos. Spesso, però, il dibattito è sterile, a volte si ha la pretesa di offrire soluzioni miracolistiche e, come scrive Guido Gentile sul giornale confindustriale di color rosa antico, è caratterizzato da grande confusione. Da parte nostra aggiungiamo che, nella maggior parte dei casi, chi interviene nel dibattito, nella logica che ormai predomina nella nostra società, pensa, esclusivamente, ai propri interessi di bottega. Ci torneremo sopra ma prima vogliamo riportare i dati sintetici ISTAT (forniti da INPS) che sono apparsi, anche su giornali, nei giorni scorsi. In un summary di 16 pagine pubblicato il 12 novembre è stata riportata un'analisi territoriale della spesa pensionistica per il Nella prima pagina sono riassunti gli item più significativi. - Nel 2011 la spesa per prestazioni pensionistiche è stata di ben 266 miliardi di circa (+ 2,9% rispetto al 2010); il 50% delle pensioni (per importo totale) si colloca al Nord. A livello di Regioni la Liguria ha la più alta incidenza sul PIL (quindi un rapporto spesa pensionistica/pil regionale) raggiungendo il valore massimo di 21,25% (il minimo si tocca nella provincia autonoma di Bolzano con l'11,47%); - La spesa pensionistica pro-capite più alta (per abitante nella regione) si ha sempre in Liguria (6.000 annui), il valore minimo in Campania (3.211 ); - Il Nord con oltre il 50% (Nord Ovest: 30,1%; Nord- Est: 20,3%) ha la quota di spesa più elevata; il Sud presenta un 18,6%, il Centro un 21,4% ed infine le Isole con un 9,1%. Per il complemento al 100% ci sono i pensionati che vivono all'estero; - I pensionati del Lazio percepiscono il reddito annuo mediamente più elevato (quasi ), superiore del 40% a quello dei pensionati della Basilicata (circa ), il più basso tra le regioni. - Oltre la metà dei pensionati delle Isole (il 52,7%) percepisce un reddito pensionistico mensile inferiore ai Le 16 pagine sono ricche di dati di dettaglio, a disposizione per chi volesse approfondire. Ovviamente, quando si parla di medie ci viene sempre in mente il pollo di Trilussa e, pertanto, anche se di rilievo in termini generali, queste analisi non richiamano una grande interesse per il lettore. Al contrario, invece, i dati presentati sempre dall'istituto Centrale di Statistica (su supporto INPS) in data 10 novembre dava il via alla consueta polemica sulle pensioni d'oro. L 'ISTAT ha accertato che, nel 2011, il 5,2% dei pensionati (e cioè persone in tutto), che percepisce un assegno mensile lordo superiore ai 3.000, ha assorbito il 17% della spesa previdenziale e cioè 45 miliardi di. Poco meno, in termini assoluti, dei 51 miliardi di (il 19,2% della spesa complessiva) che sono stati erogati ai circa 7,3 milioni di italiani (cioè pari al al 44% del totale) il cui reddito da pensione non supera i mensili (mediamente circa 700 ). Tra i e i 2000 al mese troviamo 6,3 milioni di italiani pensionati (circa il 38%) mentre rappresentano il 12,8% dei pensionati (circa 2,1 milioni) coloro che ricevono tra i ed i Da questi dati risulta che il numero dei pensionati è

7 Speciale NEWS - NOVEMBRE di circa 16,5 milioni di italiani. E' lapalissiano che la pensione oltre i mila lordi mensili è superiore sia a quella di 2.000, sia a quella di 1.000, ma una pensione di euro lordi al mese è una pensione d'oro? Un dato terrificante ci dice, invece, che 7,3 milioni di italiani hanno una pensione sotto i 1.000, cioè una pensione media di circa 700, conseguentemente quota parte dei 7,3 milioni, tanti, molti, forse troppi da un punto di vista meramente quantitativo hanno una pensione mensile lorda (ma qui siamo nella non tax area e quindi netta) di 500. Oggettivamente, socialmente, moralmente ed eticamente inaccettabile. Soprattutto se si aggiunge che con l'età arrivano i malanni; che il sistema sanitario lascia spesso (siamo buoni) a desiderare; che mentre c'è un ancora qualche flusso finanziario dai padri pensionati verso i figli, è sempre meno frequente l'inverso, in presenza di tassi di disoccupazione elevati, di precarietà, di forme anomale di lavoro che aumentano il numero di persone che vivono nella c.d. fascia di povertà. E' superfluo aggiungere che una società che funziona, uno Stato all'altezza della situazione, un Paese civile degno di tale nome si dovrebbe far carico di questa problematica ricorrendo, in primo luogo, alla fiscalità generale. Nel nostro Paese ci sono tante, troppe anomalie. Un Ente Nazionale di Previdenza che assomma la funzione Previdenziale ad una funzione Assistenziale e sociale (basti pensare alle pensioni di invalidità, ad alcune forme di cassa integrazione e così di seguito). Un Ente Previdenziale (cioè l'inps) che a seguito della fusione con altri Enti (soprattutto Inpdap) ha un buco patrimoniale di 10 miliardi (era noto a tutti, ma nessuno ha provveduto ai ripari), che ha circa dipendenti (oltre ai circa di Inpdap ed Enpals) che costano 2,5 miliardi di e con spese di funzionamento di pari importo, con residui attivi (crediti da incassare) per circa 134 miliardi che sicuramente sarebbero da ridurre. Nelle pensioni che l'inps eroga c'è un po' di tutto: tanti fardelli, tante anomalie, tante eccezionalità. Qualche nome: le c.d. baby pensioni sia nella pubblica amministrazione (in un tempo era sufficiente avere i famosi 18 anni 6 mesi ed un giorno) che nelle forze armate; le gestioni speciali (coltivatori diretti, artigiani, commercianti ecc.) che prevedevano, soprattutto nel passato, tassi di contribuzione minimi, agevolati. Tutti sono ed erano a conoscenza della pratica italica del passaggio di grado e/o l'aumento di stipendio all'ultimo mese/anno di lavoro che, in passato, era funzionale per un congruo aumento dell'importo di pensione al quale non sottostava, però, un adeguato versamento di contributi...tanto paga Pantalone. Quale sarà il futuro dei nostri figli che ci stanno finanziando oggi la pensione? Che cosa troveranno considerato che tanti sono disoccupati, tanti sono precari? (è bene evidenziare che gli iscritti all'inps nel 2011 erano circa 20 milioni che diventano 24 con l'inpadap ed Enpals: pari all'87% degli occupati. I pensionati ricordiamo sono circa 16,6 milioni) Potremmo ancora continuare ma facciamo dei passi in avanti. Con tutti i casini fatti, qualche merito Elsa Fornero, l'ex Ministro, sicuramente lo ha. Di certo la problematica andava affrontata e l'ha affrontata. Ma non occorreva l'accetta serviva il bisturi: soprattutto quando si gioca con la pelle delle persone. La sceneggiata sugli esodati: per qualcuno erano , per altri alcune decina di migliaia. In un altro Paese sarebbe caduta qualche testa: tutto, as usual, è finito a... tarallucci e vino. Così come nei giorni scorsi, nel corso di un'audizione parlamentare sembrava che l'inps, finanziariamente, avesse pochi anni vita. Poi la smentita. Se così è perché non si pone attenzione a quello che si dice? Oggettivamente sull'inps sono state trasferite tante nuove incombenze e quello che era un Istituto che in molti casi, per esperienza diretta, funzionava bene oggi vive dei momenti di grosse difficoltà. Che fine ha fatto, per esempio, la c.d. busta arancione che periodicamente avrebbe dovuto informare gli iscritti, nel contempo assicurati, sulla loro storia contributiva e sulle stime di pensione (come fanno tutte le compagnie di assicurazione)? Veniamo alle pensioni d'oro. Spesso si tratta di più erogazioni che un pensionato ha cumulato a seguito di diversi incarichi ricoperti nelle Istituzioni (parlamentare nazionale o regionale) oppure di posizioni e/o ruoli presso authority, enti vari ecc. Altre sono pensioni che nascono da incarichi dove la contribuzione corrisposta risulta insufficiente o nulla come politici, onorevoli, ne abbiamo ancora 630 (con la macchina ed il segretario), nominati e non eletti, e

8 NEWS Speciale NOVEMBRE tanti (vedi Regioni) sono andati a soggiornare nelle patrie galere, già di per se affollate. Molti di loro nella loro vita non hanno mai lavorato ma... hanno fatto il deputato, il senatore. Questi sono 315 (oltre i senatori a vita). E poi gli alti burocrati della P.A. (senior manager) che, dai dati del 2011, hanno avuto le retribuzioni medie più alte dei loro corrispondenti di tutti i 34 Paesi Ocse: fino a 630 mila U.S dollari, quasi tre volte la media di tutti membri dell'organizzazione stessa (232 mila $). Si potrebbe anche vedere dove e come incidere sulle pensioni d'oro: ma ogni potenziale misura non può prescindere dalla contribuzione versata, dagli anni di lavoro prestati, dal patto che lo Stato romperebbe ma solo nell'interesse di un nuovo patto generazionale. L'analisi deve essere seria e per tutti (e non come è stato fatto negli anni precedenti: la tua pensione è alta ed io ti punisco ): prima deve essere fatta un'analisi tecnica portata alla conoscenza pubblica poi occorrerebbe una classe Politica (quella con la P maiuscola) che decide. Non servono misure estemporanee. Misure propagandistiche o demagogiche. Anche se utopistico (almeno lasciateci sognare) occorrerebbe, di fatto, individuare i colpevoli : ci sono persone che sono sulla scena politica ed in parlamento o che governano da 10, 15, 20 anni, altri, addirittura,...sono reperti della Prima Repubblica. Per gli altri (gli indigenti), se si vuole essere equi, dovrebbe pensarci la fiscalità generale (e non l'inps): è tramite questa che si arriva alla strada che dovrebbe permettere una redistribuzione dei redditi in favore delle classi più deboli. In un Paese, però, dove l'evasione è quasi la regola tutto diventa più complicato anche in considerazione degli alti livelli di pressione fiscale. E... non vogliamo addentrarci oltre. L'evasione. Molto dipende dalla mancanza di educazione civica. Ognuno cerca il proprio tornaconto. Manca una coscienza del vivere comune (basti solo pensare a chi parcheggia in quarta fila, a chi non rispetta criminosamente le strisce, a chi non rilascia ovvero non richiede lo scontrino fiscale, a chi fa prostituire i minori, per non parlare poi della Terra dei Fuochi... e potremmo continuare, in crescendo, con tanti esempi da scrivere tante, molte pagine ancora da riempire). Ormai, per i redditi dichiarati, i lavoratori dipendenti guadagnano più degli imprenditori (piccoli), commercianti o qualche professionista. Casi ci possono anche essere ma non dovrebbero essere la generalità. Pensiamo che possa bastare per passare a trattare le nuove disposizioni normative, di nostro interesse, approvate. 2 - NUOVA NORMATIVA Roma, 16 novembre 2013 In questo Speciale non parleremo della Legge di Stabilità perché il d.d.l. non è stato ancora approvato da alcun ramo del Parlamento. Aspettiamo di vedere come va a finire e poi lo analizzeremo nei dettagli. Cominciamo invece con il c.d.: DECRETO SUL FEMMINICIDIO In omaggio alle nostre donne (le nostre madri, mogli, figlie, le minori, ecc) che un imbarbarimento dell'attuale società le mette sempre di più in balia di persone violente, male intenzionate, non equilibrate sia tra le mura domestiche che nelle strade delle nostre città, paesi, centri rurali. Il decreto, come pessima abitudine, ha recepito nel corso del dibattito parlamentare altre disposizione normative disomogenee (in violazione ai dettati costituzionali: mancava solo che si parlasse del camoscio della Valsugana) che non hanno niente a che fare con lo spirito del decreto originario, che già da solo conteneva norme non appropriate. Solo cinque, degli undici articoli, sono pertinenti alla materia. Il D.L. n. 93 del 14 agosto 2013 (un'altra pessima abitudine: con le ferie si perdono molti dei 60 giorni a disposizione per la conversione in legge) recante Disposizioni urgente in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere,...omissis... è stato convertito nella legge n. 119/2013 il 15 ottobre u.s., in dirittura di arrivo, appena prima della scadenza. Il Senato ha avuto solo 2 giorni per svolgere la propria funzione. Tutti i gruppi parlamentari hanno espresso disappunto (vero o di facciata?) per l'impossibilità ad apportare eventuali modifiche al testo: questo è stato approvato al buio, cosi come trasmesso dalla Camera dei Deputati. Ma ci chiediamo prima di passare ad esami-

9 Speciale NEWS - NOVEMBRE narlo: se tanto mi dà tanto, perché non viene eliminato uno dei due rami del Parlamento? Le nuove norme contro il femminicidio prevedono alcuni tipi di aggravanti: 1) quando la violenza è commessa ai danni del coniuge, anche divorziato o separato, convivente e non, o del partner; 2) i maltrattamenti, atti persecutori e la violenza sessuale sono contro donne incinte; c) quando i maltrattamenti avvengono alla presenza di minori. - Con la legge, la querela presentata da chi subisce violenza sarà irrevocabile per le minacce più gravi (per esempio in presenza di armi); sarà invece revocabile nei casi di stalking leggero. - L'allontanamento urgente da casa del coniuge/ partner può essere autorizzato se ricorre la flagranza di reati gravi: lesioni gravi, minaccia aggravata e violenze. In tali casi viene disposto l'allontanamento dalla casa familiare con il divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla persona offesa. Lo stalker potrà essere intercettato e sottoposto all'uso del braccialetto elettronico. - A prescindere dal reddito della persona offesa, le vittime di stalking, maltrattamenti in famiglia e di persecuzioni potranno essere ammesse al patrocinio gratuito. - Le segnalazioni di stalking non potranno essere anonime, ma i dati delle donne offese che denunciano lo stalker, al fine di evitare ritorsioni, non saranno rivelati (almeno nella prima fase del procedimento). - La legge prevede anche lo stanziamento di 10 milioni di (ne è stata criticata giustamente la modesta entità dell'importo) per un piano antiviolenza che il Ministero delle Pari Opportunità dovrebbe elaborare. L'obiettivo è l'informazione e la prevenzione della violenza contro le donne, la promozione dell'uguaglianza di genere nelle scuole, la sensibilizzazione della stampa su come trattare l'argomento, la formazione di operatori in grado di aiutare le persone che hanno subito stalking e maltrattamenti. - Finanziamenti in arrivo per i centri antiviolenza e le case rifugio. - Infine, in analogia ed in attuazione delle direttive europee per le vittime di tratta, il permesso di soggiorno potrà essere rilasciato anche alle donne straniere che subiscono violenza, lesioni, percosse, maltrattamenti in ambito domestico. Lo stalker potrà essere espulso. Ci fermiamo qui per passare ad un altra normativa nobile. Continuiamo con il: DECRETO SCUOLA Il decreto scuola (o istruzione) o, come l'ha chiamato vezzosamente il Ministro Carrozza, L'istruzione riparte rappresenta, insieme al decreto sul femminicidio che abbiamo appena visto ed al decreto cultura che accenneremo nel paragrafo successivo 2.3., un primo tentativo per legiferare su materie, molto importanti, per tanto tempo trascurate dalla nostra classe politica. I provvedimenti anche se parziali, con fondi finanziari limitati, hanno almeno il merito di riprendere alcuni temi, spesso trascurati se non penalizzati. Per illustrare brevemente il decreto (n. 104 del 12 settembre 2013), convertito nella legge n. 128/2013, pubblicata nella G.U. 264 dell' 11 novembre u.s. recante Misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca, ci avvaliamo, soprattutto, del comunicato stampa del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca (e quindi risulterà di certo parziale), oltre che del testo della legge e dei commenti fatti dalle altre tradizionali fonti giornalistiche. Dopo anni di sacrifici, di tagli alla cieca... sono orgogliosa del lavoro fatto cosi inizia il Comunicato stampa del 7 novembre u.s. riportando le parole del Ministro Maria Chiara Carrozza. Passiamo all'esame degli aspetti più importantidella legge. Welfare dello studente: a) a partire dal 2014, vengono stanziati annualmente 100 milioni di per le borse di studio per gli studenti universitari; b) per gli studenti capaci e meritevoli delle scuole secondarie di 1 e 2 grado vengono stanziati 15 milioni di. Deve trattarsi di studenti privi di mezzi finanziari ai quali verrà garantito il raggiungimento dei più alti livelli di istruzione ; serviranno anche per coprire le spese di trasporto, con particolare riferimento ai disabili; c) per la connettività wireless nelle scuole seconda-

10 NEWS Speciale NOVEMBRE rie, con priorità per quelle di secondo grado, sono stati stanziati altri 15 milioni di. Libri di testo: per l'anno in corso (ricordiamo che il D.L., che come noto ha efficacia immediata, risale già a settembre) gli studenti di tutte le istituzioni scolastiche nazionali potranno liberamente utilizzare libri di testo nelle edizioni precedenti, purché conformi alle indicazioni Nazionali. Possono essere indicati strumenti alternativi ai testi scolastici, coerenti con il Piano dell'offerta formativa, con l'ordinamento scolastico e con i tetti di spesa. Risorse finanziarie (8 milioni di ) serviranno alle scuole per l'acquisto di libri di testo ed e- book da dare in comodato d'uso agli alunni che si trovano in condizioni disagiate. Lotta alla dispersione: verranno messi a disposizione delle risorse finanziarie per la lotta alla dispersione scolastica. In particolare sarà avviato un programma di didattica integrativa che prevede il rafforzamento delle competenze di base, metodi didattici individuali e prolungamento dell'orario per gruppi di alunni. Orientamento: si anticipa l'attività di orientamento degli studenti all'ultimo anno delle medie (oltre agli ultimi due anni delle superiori). Si prevedono periodi di formazione in azienda per i docenti coinvolti nelle attività di alternanza scuola lavoro. Sono previsti interventi specifici per l'orientamento degli studenti con disabilità. Anche per gli studenti sono previsti periodi di formazione presso le aziende. Potenziamento dell'offerta formativa: saranno finanziati progetti didattici nei musei, nei siti di interesse storico, culturale, archeologico o nelle istituzioni culturali e scientifiche. Rafforzata l'alternanza scuola-lavoro con l'individuazione di un regolamento di diritti e di doveri per gli studenti degli ultimi 2 anni di corso (apprendistato). Saranno rinnovati e/o creati i laboratori scientifico-tecnologici. Infine verrà riconosciuta la detrazione fiscale del 19% anche per le donazioni a favore di Università e Istituzioni. Tutela della salute a scuola: ampliato il divieto di fumo che viene esteso nelle aree all'aperto. Previsti incontri con esperti per parlare di educazione alla salute e per disincentivare la somministrazione di alimenti e bevande sconsigliate. Continuità del servizio scolastico: cambia la procedura di assunzione dei dirigenti scolastici; sarà definito un piano triennale di immissione in ruolo del personale docente, educativo e Ausiliare tecnico Amministrativo (ATA) relativo a 69 mila docenti e 16 mila ATA; è prevista l'assunzione di 57 dirigenti tecnici e l'assunzione a tempo indeterminato di oltre 26 mila docenti di sostegno. Interventi nell'edilizia scolastica, nella formazione dei docenti (anche in aziende). Il finanziamento del decreto è previsto con modifiche, con effetti a partire dal , delle imposte di registro, ipotecarie e catastali e con disposizioni tributarie in materia di accise (relative alla birra, ai prodotti alcolici intermedi, all'alcol etilico). Ci fermiamo qui per passare al punto 2.3 (per chi volesse approfondire è a disposizione molto materiale) D.L. N. 91/2013 DECRETO VALORE CULTURA Il decreto legge 8 agosto 2013 n. 91, recante Disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni culturali e del turismo è stato convertito nella legge 112/2013 pubblicata sulla G.U. n. 236 dell'8 ottobre Le norme prevedono misure per il rilancio, la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano, con riferimento, tra gli altri, a Pompei ed alla sua area archeologica, Ercolano, Torre Annunziata ed alla Reggia di Caserta. Ci sono inoltre misure per il rilancio del cinema, delle attività musicali e dello spettacolo dal vivo, anche attraverso agevolazioni fiscali per il cinema, per la musica e per le fondazioni lirico- sinfoniche. Altre misure riguardano i musei (Uffizi a Firenze; nuovo museo dell'ebraismo italiano e della Shoah a Ferrara) ed il restauro del Mausoleo di Augusto a Roma. Un aiuto è previsto per la Fondazione Maxxi. Un altro intervento che qualifica il decreto è il programma 500 giovani per la cultura che consentirà l'assunzione di persone sotto i 35 anni (in possesso di titoli appropriati) da formare e da destinare alla digitalizzazione del Patrimonio culturale del nostro Paese. Altri aiuti all'arte prodotta dai giovani si concretizzano con la messa a disposizioni di locali statali dove poter lavorare. Il canone è quasi simbolico (non più di 150 al mese) ed il periodo non può essere inferiore ai dieci anni. La soddisfazione del Ministro dei Beni culturali Massimo Bray è espressa nella dichiarazione la cultura torna ad essere davvero al centro delle politiche. Non sono mancate le critiche da parte, soprattutto, dei politici lombardi (il presidente della Regione Maroni ed il Sindaco di Milano Pisapia almeno in

11 Speciale NEWS - NOVEMBRE questo si sono trovati d'accordo): sono stati richiesti interventi a favore del Piccolo e della Scala con modifiche da apportare al decreto, da inserire nella legge di stabilità. Pronta la replica e la disponibilità del Ministro. Vediamo cosa succede e poi riferiremo. Roma, 19 novembre 2013 Cominciamo a riferire sottolineando che il Premier Letta nel corso della seconda edizione degli Stati di cui ai punti sub b) e sub c) non siano sufficienti interviene una clausola di salvaguardia che provvede a integrare/sostituire quanto incassato in meno. Purtroppo nella recente legislazioni queste clausole si ripetono con tanta frequenza: la più significativa è quella dei 20 miliardi di di tremontiana memoria ma anche quella recente sull'aumento IVA (aumento dal 21 al 22%) dal 1 ottobre u.s.. Spesso è sufficiente un Decreto ministeriale per rendere esecutive alcune misure: nel nostro ultimo caso potrebbero aumentare le accise (benzina, alcool) e gli acconti IRAP ed IRES. Come abbiamo scritto: è un po' il gioco delle tre carte E L'ANNULLAMENTO DEL SALDO IMU SULLA PRIMA CASA? della Cultura ha affermato che il collegato alla legge di Stabilità prevederà una dotazione finanziaria significativa per il credito di imposta per chi investe in ricerca e cultura...omissis...risolveremo il rapporto pubblico-privato alla Scala Roma, 21 novembre L'ANNULLAMENTO DELLA PRIMA RATA IMU: LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA. UNA VIA DI MEZZO TRA LA NUOVA NORMATIVA E IL FISCO (CHE IN QUESTO SPECIALE VERRÀ IN PARTE TRASCURATO) Ricordiamo che nello Speciale di ottobre, quando il decreto non era stato ancora convertito in legge, abbiamo trattato della materia IMU -annullamento rata di giugno relativamente alla prima casa- (il Decreto 102 del 31 agosto, convertito in legge 124 del 28 ottobre u.s recava disposizioni anche sui fabbricati da vendere, sulla Tares, sulla Cig e sugli esodati). Per prima casa i Comuni possono assimilare gli immobili dati in comodato ai parenti di primo grado in linea diretta (padri - madri/figli). Parlammo anche delle coperture individuate (per circa 2,3 miliardi da versare ai comuni) che avevamo definito ballerine e che consistevano essenzialmente in: a) riduzione della detraibilità delle polizze vita (parzialmente riaumententa nel corso del dibattito parlamentare); b) sanatoria per la sanzione irrogata dalla Corte dei Conti ai concessionari di Slot che avrebbe dovuto concorrere per circa 500/600 milioni di ; c) l'introito di circa 900 milioni di maggiore IVA che sarebbe dovuto scaturire dal pagamento di vecchi debiti della Pubblica Amministrazione. La legge prevede che qualora le coperture di spesa E' ancora in alto mare. Anche questo vale oltre 2 miliardi di che sarebbero dovuti arrivare da un ulteriore aumento di acconto IRES ed IRAP per banche e assicurazioni (il 125%) e da un acconto sul risparmio amministrato (il bollo che si paga sulle nostre obbligazioni, BTP, CCT che depositiamo nelle banche nel dossier titoli, accentrati presso il Monte- Titoli). Un provvedimento sarebbe dovuto essere preso dal CdM di oggi, ma è stato rinviato a martedì prossimo 26 novembre: il motivo ufficiale? Secondo l'agenzia Ansa si tratta di. ragioni tecniche, legate all'attesa di un parere della BCE sulla rivalutazione delle quote BanKitalia (ne parliamo nella sezione finanza). I due decreti, IMU e Bankitalia interessano le banche e per questo sarebbero contestuali... omissis... Il premier Letta ha comunque confermato che la seconda rata dell'imu sulla prima casa non sarà pagata perché questo è un impegno preso. Rimane comunque il nodo legato all'imposta sui terreni agricoli sulla quale c'è stato un irrigidimento del Ministro dell'agricoltura Di Girolamo. Sempre sul fronte fiscale slitta il termine per pagare gli acconti di dicembre. Roma, 21 novembre IL REDDITOMETRO ED IL GARANTE DELLA PRIVACY L'argomento del Redditometro, anche se di interesse non diretto per il nostro lettore tipo, è stato trattato più volte. E' sempre l'agenzia Ansa che ci dice che c'è stato da parte del Garante il via libera definitivo sul redditometro. L'autorità ha prescritto all'agenzia delle Entrate l'adozione di una serie di misure ed accorgimenti per ridurre al minimo i rischi per la privacy delle persone e

12 NEWS Speciale NOVEMBRE rendere lo strumento di accertamento più efficace nella lotta alla evasione fiscale. Bisognerà, quindi, aspettare un po' per vedere all'opera il redditometro. In particolare vengono richiesti limiti sull'uso dei dati di spesa dei cittadini per determinare il reddito del contribuente. Questo potrà essere ricostruito solo utilizzando spese certe e non spese presunte basate unicamente su dati Istat. Potranno invece essere utilizzate spese che valorizzano elementi certi (possesso di beni o utilizzo di servizi). Le spese medie dell'istat non possono essere utilizzate per determinare l'ammontare delle spese frazionate e ricorrenti (alimentari, alberghi, abbigliamento) in quanto il fisco, normalmente, non ha evidenze certe. Non possono essere attribuiti al singolo individuo dati riferibili allo standard di consumo medio familiare. Il c.d. fitto figurativo non verrà utilizzato per selezionare i contribuenti per l'accertamento. Il fitto figurativo (quello attribuito al cittadino in assenza di abitazione di proprietà o locazione nel comune di residenza) potrà essere utilizzato, ove necessario, solo in sede di contraddittorio. Esso dovrà essere attribuito solo una volta verificata la corretta composizione del nucleo familiare. L'Agenzia dovrà porre particolare attenzione alla esattezza ed alla qualità dei dati e dovrà informare il contribuente che i suoi dati personali saranno utilizzati anche ai fini del redditometro. Nell'invito al contraddittorio dovrà essere specificata chiaramente al contribuente la natura obbligatoria o facoltativa degli ulteriori dati richiesti. Dati presunti di spesa non potranno costituire oggetto di contraddittorio. Ci fermiamo qui. 3 - IL FISCO Roma, 21 novembre 2013 Abbiamo riportato nel capitolo due gli ultimi tre paragrafi che sono una via di mezzo tra la nuova normativa ed il fisco. In questa edizione dello Speciale ci fermiamo qui perché non vogliamo superare il target fissato di 15/16 pagine. Ne parliamo nel prossimo Speciale di dicembre. 4 - LA FINANZA, L'ECONOMIA, LE BANCHE, LE NOTIZIE UTILI In questo capitolo, per rendere meno difficile la materia per i non addetti ai lavori, cercheremo di usare un linguaggio più semplice anche sacrificando i termini tecnici, utilizzando anche spiegazioni che ripetono il concetto con termini più abbordabili LA RIVALUTAZIONE DELLE QUOTE BANKITALIA Era il 12 marzo del 1936 quando con il Regio Decreto n. 375 (convertito circa 2 anni dopo) recante Disposizioni per la difesa del risparmio e per la disciplina della funzione creditizia si mise mano alla legge bancaria che sarebbe rimasta sostanzialmente in vigore fino al 1993: si era a ridosso del periodo della grave depressione che aveva colpito l'economia mondiale e per il rilancio del Paese era stato da poco costituito l'iri. Nella legge, la Banca d'italia (Bankitalia) venne dichiarata Istituto di diritto pubblico ed il capitale di 300 milioni di lire (156 mila ) venne quasi interamente sottoscritto dalle Casse di Risparmio (a rafforzare la natura pubblicistica dell'istituto di Emissione). In oltre 75 anni di attività, la Banca ha avuto tanti ed importanti ruoli nel nostro Paese, a partire da quello di Istituto di Emissione - Banca Centrale ( abdicato in favore della BCE), di Organo di Vigilanza (ancora svolto, anche se per le grandi banche si sta andando sempre di più verso una concentrazione a livello Ue), di tesoreria e dei sistemi di pagamento e di faro di riferimento per l'economia (basti pensare al rinomato Centro Studi ed alla relazione annuale del Governatore). Sempre grazie ad una specie di monopolio (signoraggio) sull'attività monetaria (si pensi alla moneta in circolazione, alle riserve obbligatorie delle banche ed alla attività di tesoreria) ha accumulato riserve significative (quantificate in circa 23 miliardi) ed anche importanti partecipazioni sia direttamente sia attraverso il fondo pensione dipendenti B.I (per esempio la partecipazione in Generali che a seguito della nascita dell' Ivass (ex ISVAP) è stata ceduta alla Cassa Depositi e Prestiti-Fondo Strategico Italiano al fine di prevenire ogni rischio di conflitto di interessi: come noto oggi Bankitalia, attraverso l'ivass, ha esteso l'azione di vigilanza anche alle Compagnie di Assicurazioni). La partecipazione delle Casse di Risparmio (tutte, dalle maggiori alle più piccole e con la presenza anche di qualche Banca Popolare) nella Banca

13 Speciale NEWS - NOVEMBRE d'italia ha sempre permesso una indispensabile indipendenza sia dalle Banche (che doveva e deve ancora anche vigilare ) sia dal potere politico (ma non ci addentriamo oltre perché rischiamo di andare fuori tema). A seguito del processo di concentrazione (fusioni, incorporazioni, acquisizioni) che ha riguardato il nostro sistema bancario la proprietà della B.I. è detenuta per oltre il 90% da parte di S.p.A., dove l'elemento pubblico (Fondazioni) ha una posizione di rilievo ma sicuramente non maggioritaria. Tra i maggiori azionisti (o Partecipanti ) di Banca Italia troviamo sia il Gruppo Banca Intesa-Sanpaolo (oltre il 40%) sia il Gruppo Unicredit (oltre il 20%) per un totale del 64,6%. Seguono: Generali (6,33%), INPS (5%), Carige (3,96%), BNL (2,83%-oggi in mano ai francesi di BNP), MPS (2,55%). Ci sono ancora una ventina di Partecipanti con percentuali minori. Già nel 2005 il Governo aveva approvato una legge (la n. 262) per la quale B.I. sarebbe dovuta passare sotto il controllo dello Stato (ce ne eravamo anche occupati) e che ad oggi non ha trovato attuazione. Occorre quindi trovare una soluzione che mentre salvaguardi l'equilibrio che per anni ha assicurato l'indipendenza dell'istituto definisca e regoli i diritti economici degli azionisti/partecipanti. Le soluzioni prospettate e sulle quali torneremo post approvazione del provvedimento, dovrebbero prevedere prima di tutto una limitazione della percentuale di possesso da parte del singolo azionista (il 5%?, pari a quello detenuto dall'inps). Conseguentemente i primi tre partecipanti di B.I. (Intesa, Unicredit, Generali: ricordiamo che Unicredit è il maggiore azionista di Mediobanca che, a sua volta, è il maggiore azionista di Generali) dovrebbero procedere alla vendita delle quote eccedenti che potrebbero essere collocate presso il mercato ovvero, almeno a quanto sembra, cedute anche a B.I. stessa che dovrebbe/potrebbe detenerle (transitoriamente o definitivamente?) come azioni proprie. Un mercato delle azioni (quote) farebbe verosimilmente emergere un sostanziale apprezzamento del valore di riferimento delle quote stesse il cui nominale oggi è molto basso (con rappresentazioni molto differenti nelle situazioni contabili dei diversi partecipanti, a secondo delle rispettive esigenze bilancistiche e/o di ratio - Core Tier 1: con riferimento alla totalità delle quote, si arriva ad un valore complessivo del capitale B.I. che spazia dai 500 mila fino a 22 miliardi di ). A proposito della valorizzazione della Banca un comitato di tre esperti di alto livello (il Prof. Franco Gallo, già Presidente della Corte Costituzionale, il Prof. Lucas Papademos, già V.P. della BCE e il Prof. Andrea Sironi, rettore dell' Università Bocconi) è stato incaricato allo scopo. Il Capitale di via Nazionale (dove si trova il palazzo Koch, sede della B.I.) dovrebbe valere tra i 5 ed i 7,5 miliardi di (nonostante le prese di posizioni dell'onorevole Brunetta), calcolato utilizzando un DDM (Dividend Discount Model), cioè una attualizzazione dei dividendi futuri (fermiamoci qui per non complicare le idee ai lettori meno esperti) percepiti da soci partecipanti. Il passaggio di riserve a capitale consentirebbe a B.I. di incrementarne il valore nominale. Infine, e cosa di non poco conto, potrebbero aversi vantaggi sia per le banche sia per il fisco: la rivalutazione delle quote permetterebbe alle banche di migliorare il proprio patrimonio di vigilanza con un costo complessivo per le stesse, ma in favore del fisco, per circa 1-1,2 miliardi di (secondo quanto previsto nella legge di stabilità), ma con la prospettiva di rendere negoziabili le quote (oltre a quelle già in eccesso). Ci fermiamo qui senza entrare sui costi/benefici per le banche (che usufruiscono delle operazioni di Ltro da parte della BCE che hanno finanziato le banche all'1% e che nel contempo sono e saranno chiamate per il 2013 e 2014 ad versare anticipatamente fino al % delle imposte relative all'anno) perché ci porterebbe lontani. Qualora dovesse risultare questa la soluzione finale (un modello caratterizzato da una proprietà privata che riconosce rivendicazioni limitate agli azionisti e che consentirebbe una governance pienamente indipendente) ci accosterebbe di più agli Usa (dove la proprietà della banca Centrale fa capo essenzialmente alle banche commerciali), invece che ad altri Paesi europei. Comunque l'eba (European Banking Authority), tramite il suo Presidente (l'italiano Andrea Enria), ha anticipato di non riscontrare perplessità sulla rivalutazione delle quote di quello che era il nostro Istituto di Emissione. Restiamo comunque a disposizione. Roma, 23 novembre 2013

14 NEWS Speciale NOVEMBRE IL CAMBIO EURO/DOLLARO L'euro alla chiusura di venerdì 22 novembre incrociava il dollaro a quota 1,35 circa (cioè il cambio /$ si poneva poco sopra 1,35 e, quindi, il mercato dei cambi ci diceva che in una transazione asettica con 1 si potevano avere 1 $ e 35 cent). Quando leggerete queste note sicuramente la quotazione sarà diversa. Come diceva una vecchia (da tanto tempo) giovane (perché molto più giovane di me, ma oggi non più giovanissima come in allora) collega: il cambio si chiama così perché...cambia. Ed il rapporto è cambiato dal massimo degli ultimi tempi quando ha superato il rapporto 1,38 (cioè la quantità di 1 contro una tot quantità di dollari) a seguito dalla riduzione da parte della BCE dei tassi euro al minimo storico dello 0,25% (ex 0,50%): il cambio, il 7 novembre, ha raggiunto la misura di 1,33 per poi riprendere a salire. Come ricorderanno i più esperti il massimo storico del cambio euro/dollaro l'abbiamo avuto nel luglio del 2008 (15 luglio) quando ha toccato la misura di 1,5990. La misura minima si ebbe il 26 ottobre 2000 quando toccò lo 0,8252 (cioè con 1 euro non si riusciva ad ottener nemmeno 1 $). Ma che significa avere una moneta forte (come è attualmente l'euro nei confronti del dollaro) o una moneta debole? A prescindere dalle cause che lo hanno determinato, quando una moneta è forte favorisce per esempio il turista europeo che si reca negli USA mentre sfavorisce i Paesi europei perché gli americani trovano meno conveniente venire a visitare il vecchio continente, ed a parità di tutte le altre condizioni (produttività, qualità, costo mano d'opera, ecc.) i Paesi a moneta debole (nel nostro caso gli USA) sono favoriti nell'esportazione di prodotti: ciò comporta, sempre a parità di condizioni, una maggiore produzione di fattori e quindi più occupazione. Ci fermiamo qui per non complicare il ragionamento. Appare chiaro che in nostro Paese, al pari di altri europei c.d. Periferici (Spagna, Grecia, Portogallo ed anche Francia) dove i tassi di disoccupazioni sono elevati, avrebbe bisogno di un cambio più debole per rilanciare l'economia. In passato avendo ogni Paese una moneta diversa, spesso si ricorreva a quelle che erano le c.d. svalutazioni competitive, salutari nel brevissimo periodo ma piene di problematicità nel medio-lungo termine. Ovviamente nella zona euro, ogni Paese ha un break-even (punto di pareggio, di indifferenza) diverso. La Germania, per esempio, per una serie di motivazioni che tralasciamo e per le quali restiamo a disposizione, riesce a sopportare tassi di cambio più elevati dei Paesi Mediterranei, con vantaggi e svantaggi. Le autorità USA, da tempo, perseguono una politica monetaria espansiva, di stimolo per l'economia: mensilmente la FED (la Banca Centrale americana) immette liquidità per 85 miliardi di $. Ne beneficia sia l'economia per la debolezza del dollaro sia Wall Street (dove ha sede la Borsa Valori di New York) i cui indici hanno raggiunto livelli record di quotazione. La liquidità viene immessa attraverso un piano di acquisti di titoli di Stato e di obbligazioni garantiti da mutui immobiliari (speriamo di non ricadere nei famigerati c.d. titoli tossici, gli stessi che dettero l'avvio al crac Lehman): ovviamente si hanno ripercussioni sull'inflazione, che mette tanta paura ai nostri cugini tedeschi (basti ricordare per gli aspetti finanziari la Repubblica di Weimar) che hanno imposto che nella Ue la politica finanziaria e creditizia della BCE fosse, sostanzialmente, orientata alla stabilità. Si è sempre in attesa che negli Usa abbia inizio il tapering (letteralmente, assottigliamento) cioè la progressiva riduzione degli stimoli monetari che dovrebbe comportare una rivalutazione della moneta Usa. Sembrava che dovesse accadere al più presto: per Janet Louise Yellen, il prossimo Presidente Fed che in febbraio prenderà il posto di Ben Shalom Bernanke, invece,... l'imperativo è la crescita. Abbiamo parlato di quotazioni di mercato. In una economia liberista dovrebbe essere il mercato a fare i prezzi. In campo finanziario, purtroppo spesso non è così. Ricordiamo la banda di operatori ( the Club, The bandits Club, The Cartel ) che influenzavano pesantemente la formazione dei tassi interbancari (ne abbiamo parlato su queste colonne). Ora è la volta dei trader che manipolavano il Forex (Foreign Exchange Market), il mercato dei cambi le cui transazioni raggiungono la spaventosa cifra dei 5 mila miliardi di dollari al giorno. Anche l'inglese Barclays Bank e la scozzese RBS (Royal Bank of Scotland) hanno sospeso dei trader specializzati in valute (complessivamente 8 persone indagate perché im-

15 Speciale NEWS - NOVEMBRE plicate in presunte manipolazioni) collaborando con le autorità competenti. In precedenza era stata la volta dell'americana Citigroup e della svizzera UBS (Unione Banche Svizzere). L'inchiesta dovrebbe coinvolgere anche la tedesca Deutsche Bank. Roma, 23 novembre QUANTO NE SAI DELL'EURO E DI EUROPA? E' un test che si può trovare sul sito de Il Sole 24 ore. Sono 10 domande alle quali si può rispondere scegliendo una delle tre risposte date. Noi abbiamo fatto il test ed abbiamo risposto esattamente a 9 domande (ne abbiamo sbagliata una che non diciamo qual'è). Di seguito riportiamo le dieci risposte corrette. 1) La Commissione Ue può aprire una procedura di infrazione se il surplus delle partite correnti di un Paese supera il 6% del Pil in media in un periodo di tre anni. 2) La Croazia entrerà a far parte dell'unione Europea dal 2013 (e non dell'eurozona, non adotterà cioè l'euro come moneta). 3) La Lettonia entrerà a far parte dell'eurozona dal ) A ottobre 2013, nella Repubblica di San Marino il referendum sull'ingresso nella Ue non ha raggiunto il quorum necessario per dare validità al voto popolare. 5) Il premier britannico David Camerun ha promesso di ricorrere al referendum per far uscire l'inghilterra dalla Ue. 6) il numero di disoccupati nell'eurozona a fine 2013 raggiunge la quota di 19 milioni. 7) Con il programma Omt (Outright Monetary Transactions, detto anche scudo anti- spread) la Bce si impegna ad acquistare sul mercato secondario (e quindi con negoziazioni di borsa), titoli di Stato del Paese che chiede aiuto alle autorità europee con scadenza fino a 3 anni, per una quantità illimitata, per frenare eventuali rialzi dei tassi. 8) I BOT a 12 mesi nell'autunno del 2011 hanno raggiunto la misura dell'8%. 9) Quando due Paesi condividono la stessa moneta, quello che genera più inflazione rivaluta la propria moneta reale. 10) Il massimo storico del rapporto euro/dollaro è stato di 1,60 toccato nel luglio del Noi ci fermiamo qui. Roma, 23 novembre ANCORA SULLE BANCHE INTERNAZIONALI USA Moody's, una delle tre grandi agenzie di rating, ha proceduto la scorsa settimana al downgrading (abbassamento del rating) di quattro big del credito yankee: JP Morgan Chase (la più grande banca americana in termini di asset), Goldman Sachs, Morgan Stanley e Bank of New York Mellon. Ne sono uscite indenne, tra le latre big, le due banche californiane Bank of America e Wells Fargo, e l'altra grande big newyorkese Citigroup. In tutti i quattro casi il rating è stato tagliato di un gradino (notch). Questo nonostante l'intervento, un'ora prima la pubblicazione della decisione di Moody's, del futuro presidente Fed, Janet Yellen che aveva sottolineato l'importanza di un piano di ricapitalizzazione delle grandi banche. Moody's pur sottolineando i progressi da parte delle autorità statunitensi, ritiene che Piuttosto che contare sui fondi di salvataggi pubblici ci aspettiamo che i creditori di queste banche possano accollarsi gran parte del peso per aiutare a ricapitalizzarle. In altri termini si incomincia a riflettere sul problema delle grandi banche too big to fail, quelle troppo grandi per fallire. Nei dettagli, JP Morgan passa ad A3; per le due merchant bank, Goldman Sachs e Morgan Stanley il rating è stato abbassato rispettivamente a Baa1 e Baa2; Bank of New York Mellon avrà un grado di affidamento pari a: Aa2. Non è un bel periodo per le banche americane colpite anche da multe elevate decise dal Dipartimento di Giustizia per il loro discutibile comportamento sui mutui a rischio: 13 miliardi di $ di multa a JP Morgan Chase e 6 miliardi di $ a Bank of America. Un paradosso potrebbe essere rappresentato dalla deducibilità fiscale di una parte della multa: JP Morgan Chase potrebbe avere un beneficio fiscale di 2 miliardi e quindi, in concreto, la multa si ridurrebbe a 11 miliardi. 5 - ALCUNE NOTIZIE UTILI Roma, 24 novembre 2013 a) Il debito pubblico a settembre sale a miliardi di dai di agosto, ma sotto i massimi di giugno di di giugno;

16 NEWS Speciale NOVEMBRE b) E' record per la quinta emissione dei BTP Italia, titolo a 4 anni indicizzato all'inflazione italiana. In meno di due giorni (il collocamento è stato chiuso in anticipo) sono stati piazzati ben 22,3 miliardi di (rispetto ad un target di 7-10 miliardi): si è trattato del maggiore collocamento mai effettuato sul mercato dei titoli di Stato in Europa. Ciò consentirà al Tesoro di chiudere già in novembre il calendario delle emissioni per quanto attiene il mediolungo termine. Tra le ragioni del successo già in altre occasioni approfondite: è legato all'inflazione italiana; si può anche acquistare direttamente da casa via internet; c'è un premio di fedeltà per chi tiene il titolo fino a scadenza; zero commissioni e tassazione al 12,50%. Il tasso iniziale è stato fissato al 2,15% (minimo garantito), pagato in due cedole semestrali. c) L'IVAFE, l'imposta sulle attività finanziarie detenute all'estero, si paga, da parte delle persone fisiche, proporzionalmente alle quote possedute ed al periodo di detenzione (i giorni del deposito): è stata pari all'1 per mille nel 2012; 1,50 per mille nel Potrebbe arrivare al 2 per mille nel 2014, secondo quanto previsto dalla legge di Stabilità all'esame del parlamento; d) I BoT annuali all'asta di metà novembre toccano il minimo storico di 0,688%; e) Gli investitori esteri sono tornati ad investire nei titoli del debito pubblico del Bel Paese: secondo B.I. a fine giugno 2013 detengono circa il 30% (a cui aggiungere un 5% da parte dei Fondi Comuni esteri e un 5% da parte dell'eurosistema, senza B.I.). f) Disoccupazione in Italia, record storico: oltre il 12,2%. Boom tra i giovani oltre il 40%. g) Case fantasma: sono state scovate dal fisco 1,3 milioni di case fantasma, cioè sconosciute al catasto. Sono state attribuite rendite a circa 500mila immobili che potrebbero generare complessivamente circa 590 milioni di, sia come IRPEF sia come IMU (l'imposta Municipale rappresenta la quota maggiore, che però dipende dalle decisioni adottate dalla politica ). Roma, 24 novembre MESSAGGI DELLA REDAZIONE E DEL CONSOLATO Desideriamo ringraziare il Console MdL Marisa Micheletti, i MdL Luciano Brunelli e Franco Moroni per la loro preziosa collaborazione. Gino e Mauro Care maestre, cari maestri, insieme allo Speciale di Novembre, la Redazione di News ha inviato alla stampa anche la copia cartacea del nostro giornale associativo Federmaestri News. Contiamo di spedirlo ai Vostri consueti recapiti quanto prima. Come potete vedere stiamo riprendendo tutte le attività. Oltre alle pubblicazioni, abbiamo ripreso l'attività Scuola- Lavoro. Abbiamo ricordato i nostri defunti con la commemorazione del 16 novembre u.s. ed abbiamo in programma il pranzo di Natale previsto per il giorno 14 p.v. presso il Ristorante Dar Poeta, in via dell'almone, n. 1. Siete tutti pregati vivamente a partecipare prenotandovi presso la segreteria del nostro Consolato il lunedì ed il giovedì dalle ore 9,30 alle ore 12,30, ovvero inviando una mail a maestrilavoro.it. Immediatamente prima del pranzo abbiamo pensato ad una visita alle Catacombe di San Sebastiano. Per chi vuol partecipare l appuntamento è alle ore 10,30 in Via Appia Antica 136 e il costo del biglietto di ingresso, comprensivo della guida, è di 8,00. La partecipazione va confermata insieme al pranzo. Stiamo cercando di superare un periodo difficile e non nascondiamo le difficoltà che stiamo attraversando. Contiamo di riprendere anche le attività conviviali ed abbiamo in programma visite e gite: ma dobbiamo essere in tanti, anche perché non mancano i problemi economici. Ricordiamo che gli unici nostri introiti dipendono dalla partecipazione e dalla generosità dei Maestri. Come altresì noto, della quota associativa resta la nostro Consolato meno del 50%, per via dei versamenti previsti alla Federazione ed al Consolato regionale. Ma siamo certi che supereremo tutte le difficoltà e torneremo ai vecchi splendori. E' importante che si possa contare sulla Vostra partecipazione, sul Vostro sostegno, sulla Vostra vicinanza: saranno di stimolo, di fiducia, di entusiasmo per le nostre attività. Utile carburante per un pronto rilancio del nostro Consolato. Cordialità Il Consolato Provinciale di Roma Edizione Novembre 2013 Terminata il 24 novembre 2013

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli