Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania I.T.G. G.B. DELLA PORTA G. PORZIO N A P O L I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania I.T.G. G.B. DELLA PORTA G. PORZIO N A P O L I"

Transcript

1 ALLEGATO C : Capitolato d Appalto LOTTO 1 N. 1 CABLAGGIO STRUTTURATO ITG DELLA PORTA PORZIO, NAPOLI Della sede di via Foria n. 65 Sommario 1 Introduzione Riferimenti tecnici-normativi generali Principi generali Risultato finale Quadro normativo e standard di riferimento Standard di riferimento per il cablaggio Norme relative all'impiantistica Compatibilità elettromagnetica Protocolli per i livelli MAC e PHY La situazione attuale La situazione a regime Piano Primo Piano Secondo Specifiche generali Collocazione dei punti rete Armadi rack Cablaggio orizzontale Lunghezza del link wired Scatola per fissaggio placca Placca per postazione Utente Prese dati Connettori per cavo rame Cavo di distribuzione orizzontale Cablaggio verticale Infrastrutture ausiliarie Canalizzazioni di edificio e di piano Canalizzazioni nei locali Permutatori per cavi in rame Bretelle di permutazione Specifiche tecniche Apparati passivi Cavi e prese Armadi di permutazione Apparati attivi Alimentazione elettrica degli apparati attivi Condizioni di garanzia e assistenza... Errore. Il segnalibro non è definito. 7.1 Durata della garanzia Servizio di Manutenzione e assistenza Pagina 1 di 24

2 1 Introduzione Il presente documento individua le specifiche tecniche per il cablaggio strutturato in Categoria 6 dell'edificio sede dell ITCG Della Porta - Porzio, sito in via Foria 65, Napoli. Per quanto non indicato nel presente documento si fa riferimento alla normativa vigente e agli standard citati. 1.1 Riferimenti tecnici-normativi generali Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell'informazione (Ministero delle Comunicazioni) - Guida alle infrastrutture di comunicazione delle reti locali Quaderni CNIPA n.19 Voice over IP nella pubblica amministrazione italiana Direttiva CNIPA del 4 gennaio LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005). 1.2 Principi generali Obiettivo del progetto è quello di realizzare, presso lo stabile indicato, il cosiddetto Edificio Intelligente, ovvero un sistema di connettività che consenta l'integrazione dei vari sistemi di Building Automation mediante l'utilizzo di un'unica infrastruttura di comunicazione, al servizio di tutti gli elementi che necessitano di comunicare. Tale struttura è costituita dal Cablaggio Strutturato. In riferimento sia alla normativa in materia, sia alle esigenze dell'ente appaltante i requisiti generali che il sistema di cablaggio strutturato dovrà soddisfare sono: indipendenza: il cablaggio strutturato deve rendere disponibile un sistema integrato di comunicazione indipendente sia dagli apparati di trasmissione utilizzati (computer, telefoni IP, videocamere, sensori di allarme, etc) che dai protocolli trasmissivi; scalabilità: deve essere pronto a recepire ampliamenti ed utilizzi futuri; flessibilità: supporto di applicazioni vocali analogiche e digitali, dati, video e segnali in bassa tensione sia per l'alimentazione di apparati attivi, sia per la trasmissione di segnali analogico/digitali da sensori di sorveglianza; stabilità, per una continuità di prestazioni garantita nel tempo, almeno fino a 20 anni; integrazione: per dialogare con il mondo esterno; conformità, aderente alle normative nazionali e internazionali indicate al par. 2.2; manutenibilità, con management ed identificazione a norma EIA/TIA 606. Pagina 2 di 24

3 1.3 Risultato finale Al termine dei lavori, presso l ITCG Della Porta Porzio dovrà essere realizzata una rete Ethernet in categoria 6, con distribuzione orizzontale a 100Mbps per tutte le utenze. Tutti i punti rete attivi dovranno essere connessi a Switch Layer 3. 2 Quadro normativo e standard di riferimento Il cablaggio strutturato dovrà essere rispondente agli standard internazionali in materia di cablaggio, alla normativa vigente in materia di impiantistica e sicurezza sul lavoro e in generale a tutti gli standard di riferimento per opere di questo tipo. Nei sotto-paragrafi successivi verranno indicate le prescrizioni più importanti e gli standard cui dovrà rispondere l'impianto. 2.1 Standard di riferimento per il cablaggio Gli standard di riferimento per il presente impianto di cablaggio sono: EIA/TIA 568-B Commercial Building Telecommunications Cabling Standard 2002 EIA/TIA 569 Commercial Building Standard for Telecommunications Pathways and Spaces (Ottobre 1990) EIA/TIA 570 Residential and Light Commercial Building Telecommunications Wiring Standard (Giugno 1991) EIA/TIA 606 Administration Standard for Commercial Telecommunication Infrastructure EIA/TIA 607 Commercial Building Grounding and Bonding Requirements for Telecommunications (Agosto 1994) ISO/IEC Draft International Standard Information Technology - Generic Cabling for Customer Premises Cabling (Gennaio 1994) e successive Il precedente elenco racchiude tutte le specifiche relative non solo al cablaggio di edifici, ma anche alle specifiche riferite alla realizzazione delle infrastrutture di tipo meccanico e civile (EIA/TIA 569), nonché agli impianti di terra necessari (EIA/TIA 607) e ai sistemi di identificazione (EIA/TIA 606). 2.2 Norme relative all'impiantistica La realizzazione di un sistema di cablaggio strutturato comporta il rispetto delle normative nazionali di impiantistica, secondo la legislazione attualmente in vigore. Gli impianti ed i componenti devono infatti essere realizzati a regola d'arte (Legge 186 del 1 Marzo 1968, Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni ed impianti elettrici ed elettronici), garantendo la corrispondenza alle norme di Legge e ai regolamenti vigenti alla data di attuazione. Inoltre, nella scelta dei materiali, deve necessariamente tenersi in considerazione l' applicazione delle seguenti raccomandazioni: Pagina 3 di 24

4 tutti i materiali e gli apparecchi impiegati devono essere adatti all'ambiente in cui vengono installati e devono essere tali da resistere alle azioni meccaniche, corrosive, termiche o dovute all'umidità, alle quali potrebbero essere esposti durante l'esercizio; tutti i materiali devono avere dimensioni e caratteristiche tali da rispondere alle norme CEI ed alle tabelle CEI- UNEL attualmente in vigore; in particolare, tutti gli apparecchi ed i materiali per i quali è prevista la concessione del Marchio Italiano di Qualità (IMQ) devono essere muniti del contrassegno IMQ che ne attesti la rispondenza alle rispettive normative ed essere comunque muniti di Marchio di Qualità riconosciuto a livello internazionale. Il tutto deve essere compatibilmente riconosciuto non in contrasto con le disposizioni e Leggi seguenti: D.P.R. 547 del 24 Aprile 1955, Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 791 del 18 Ottobre 1977, Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità Europee (nr. 73/72 CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro alcuni limiti di tensione Legge 818 del 7 Dicembre 1984, Nullaosta provvisorio per le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi D.M. 37 del 22 Gennaio 2008, Regolamento recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici D. Lgs. 81 del 9 Aprile 2008, Testo unico sulla sicurezza sul lavoro 2.3 Compatibilità elettromagnetica I requisiti definiti per la compatibilità elettromagnetica (EMC) di una linea di trasmissione sono raggruppati in appositi standard facenti capo ad indicazioni FCC (Federal Communications Commission) o EN (European Norm). Deve infatti essere limitata sia l'energia radiante, che può interferire con altri dispositivi elettronici presenti nell'area, nonché gli effetti dell'energia incidente, che può generare rumore sul cavo. I principali standard di riferimento sono qui di seguito riportati: EN 55022, Limits and measuring methods for radio interference of information transmission equipment. EN , EMC generic emission standard. EN , EMC generic immunity standard. EN /4, Noise immunity of devices and facilities of the information processing technique. EC 89/336, Guideline for assimilation of statutory requirements of the member countries concerning EMC. EC 90/683, Guidelines about the technical harmonization guidelines for modules to be used for the different phases of the conformity assessment methods. 2.4 Protocolli per i livelli MAC e PHY Il sistema di cablaggio strutturato dovrà supportare, per tutte le utenze, ai livelli MAC e PHY, almeno i seguenti protocolli: IEEE (10BASETX), IEEE 802.3u (100BASETX). Pagina 4 di 24

5 3 La situazione attuale Attualmente l edificio non risulta essere cablato, con l eccezione dei locali destinati agli uffici di segreteria, al primo piano, presso i quali sono collocati, all'interno di un armadio rack, gli apparati attivi e passivi della rete esistente. L accesso WAN è disponibile presso tale armadio. 4 La situazione a regime Obiettivo del presente bando è realizzare un sistema di connettività interno allo stabile di via Foria 65 Napoli, presso il quale dovranno essere collocati circa quaranta punti dati connessi a Switches Layer 3. In ogni caso dovrà essere garantita una ridondanza del numero delle porte, ovvero il numero di porte libere deve essere pari al 33% delle porte disponibili. 4.1 Piano Primo Al piano primo sono ubicati gli uffici (n 3 locali), presso i quali è già presente un cablaggio che è necessario sostituire integralmente, la biblioteca, n 3 laboratori ed ulteriori 2 locali. L armadio rack di piano dovrà necessariamente essere posizionato nell area uffici (possibilmente dove è attualmente). Tale armadio sarà il centro stella della sottorete di piano, che prevederà n 13 punti dati. Inoltre, dal medesimo rack avrà origine la dorsale per connessione ad uno dei rack al piano secondo. 4.2 Piano Secondo Al piano primo sono ubicate n 27 aule, per ciascuna delle quali andrà implementato un punto di accesso alla rete dati. Considerata la conformazione dell edificio, al piano secondo dovranno essere installati n 3 armadi rack, dei quali uno nell area sovrastante la zona uffici al piano inferiore per connessione alla dorsale verticale. 5 Specifiche generali Progetto e caratteristiche della rete dovranno essere conformi allo standard EIA/TIA 568B-2.1 che normalizza il cablaggio strutturato di categoria 6 (Classe E) ratificato nel giugno Questo standard specifica: struttura e configurazione della rete con lunghezza del link caratteristiche elettriche degli elementi di cablaggio prestazioni degli elementi di cablaggio e del link requisiti necessari cui devono soddisfare gli elementi di cablaggi Pagina 5 di 24

6 Si precisa che, a pena di esclusione: 1. tutti gli switch Layer3 dovranno essere prodotti dalla stessa casa produttrice, commercializzati con unico marchio e controllabili con un unico software. 2. l intero impianto dovrà essere realizzato ricorrendo a una modalità di cablaggio strutturato con distribuzione dorsale (cablaggio verticale) in rame e distribuzione d area (cablaggio orizzontale) in rame. 3. La rete dovrà essere certificata strumentalmente e dovrà indicare parametri validi rispetto a quanto previsto dagli standard citati. 4. Tutti gli apparati attivi dovranno essere connessi all'alimentazione elettrica tramite UPS di caratteristiche opportune. 5.1 Collocazione dei punti rete Il cablaggio da realizzare deve consentire l accesso alla rete dati da ogni locale di competenza dell Istituto attraverso, pertanto andrà installata una presa dati per ciascuna delle aule al piano secondo, compresa la sala professori e per ciascuno dei locali al piano primo, con l eccezione degli uffici di segreteria, presso i quali andranno installate da n 4 a n 5 prese dati Armadi rack Al piano primo verrà collocato un armadio a pavimento, centro stella dell'intero impianto, mentre al piano secondo saranno installati un armadio a pavimento (principale di piano) e n 2 armadi a muro. La dorsale sarà realizzata con cavo UTP Cat Cablaggio orizzontale In un sistema di cablaggio strutturato si definisce cablaggio orizzontale l insieme dei collegamenti che vanno dal centro stella alla presa utente. Gli elementi essenziali del cablaggio orizzontale sono: permutatore posto nel centro stella (armadio di piano); cavo di collegamento tra permutatore e presa utente; connettori installati sulla presa utente; bretelle di permutazione sia lato centro stella che lato presa utente. Nell individuare la dislocazione nello stabile dei punti stella occorre tenere conto delle specifiche del cablaggio orizzontale che riportiamo sinteticamente: il cavo di collegamento deve essere a tratta unica e senza interruzioni intermedie, tra il permutatore di piano e la presa utente; la lunghezza massima della diramazione deve essere di 90 metri indipendentemente dalla tipologia di cavo utilizzato; per quanto riguarda le bretelle di permutazione, utilizzabili dal lato postazione di lavoro e dal lato centro stella, la loro lunghezza non deve eccedere i 5 m. per bretella e i 10 m. nella sommatoria. Pagina 6 di 24

7 5.2.1 Lunghezza del link wired Il cavo di collegamento dovrà essere a tratta unica e senza interruzioni intermedie tra il permutatore di piano e la presa utente. La lunghezza massima della diramazione dovrà essere di 90m. Per quanto riguarda le bretelle di permutazione, la loro lunghezza non dovrà eccedere i 5 m da entrambi i lati (postazione lavoro e centro stella) e i 10 m nella sommatoria Scatola per fissaggio placca La funzione di questa scatola è quella di contenere il connettore femmina della presa dati con la relativa placca che deve essere fissata su di essa Placca per postazione Utente Questo componente deve avere le seguenti caratteristiche: Possibilità di attestare due prese dati (frutti) in rame; Prese rimovibili dal frontale della placca anche successivamente alla terminazione; Etichette di identificazione prese con protezione di plastica trasparente e rimovibile senza utensili; Dimensioni adeguate a scatole da incasso tipo 503; Supporto con angolo di inclinazione di circa 45 nella presa, per limitare il raggio di curvatura dei cavi di allacciamento; Colori standard: bianco, avorio chiaro; Realizzazione in materiale termoplastico resistente agli UV Prese dati La tipologia della presa, sia lato armadio che lato utente, sarà quella RJ45, 8 pin, di tipo non schermato (UTP), certificata dal costruttore come di categoria 6. A garanzia della performance dei singoli collegamenti e quindi del sistema di cablaggio, la presa dovrà inoltre: essere di un unico e solo tipo nell'intero sistema, utilizzabile sia lato Postazione di Lavoro (PdL) che lato armadio ripartitore; semplicemente e rapidamente connettorizzabile, senza l'utilizzo di particolari attrezzi; la connessione dovrà inoltre avvenire per mezzo di un sistema che garantisca una lunghezza di non oltre 8 mm della dipanatura delle coppie del cavo attestato sulla presa; Essere dotata di sportellino di chiusura a scatto Connettori per cavo rame I connettori apparterranno al tipo RJ45 UTP, saranno conformi alle disposizioni delle norme EIA/TIA 568- B.2.1 e dovranno presentare tutte le seguenti caratteristiche tecniche e funzionali: costruzione a stato solido con circuito stampato multistrato senza saldature contatto IDC Insulation Pagina 7 di 24

8 Displacement Contact con sistema di innesto delle coppie a baionetta. Viene scartato il sistema di innesto ad impatto perché causa per il circuito stampato di traumi non sempre immediatamente rilevabili; punti di contatto dorati con uno spessore di 1,27 µm o maggiore e conformità alle caratteristiche fisiche indicate dalla norma FCC, sezione 68, paragrafo F e UL 1863, in modo da garantire una conduzione efficiente e duratura; tecnologia di conservazione della torsione delle coppie (binatura) fino ai punti di allacciamento. Questo per ottenere i migliori valori di (PS) NEXT, (PS) FEXT e di altri parametri particolarmente sensibili alla distorsione delle coppie; possibilità di effettuare cicli di allacciamento (5.000 inserimenti e estrazioni di un plug maschio), in conformità alla norma IEC 603-7; possibilità di riaprire e riallacciare i contatti per dieci volte, senza che questo ne degradi le caratteristiche; disponibilità in almeno dieci colori diversi per semplificarne il raggruppamento, la codifica ed il riconoscimento nelle prese e nei pannelli di permutazione; chiara indicazione sul connettore del codice colore T568A e/o T568B in modo che possa essere seguito agevolmente durante il montaggio ed in fase di controllo; perfetta identità tra i connettori RJ45 fissati nel pannello di permutazione e quelli utilizzati nelle prese sulle postazioni di lavoro; collaudo in fabbrica di ogni singolo pezzo con attestazione del fabbricante; Cavo di distribuzione orizzontale Le connessioni tra ripartitori e punti di accesso saranno eseguite per mezzo di cavo UTP, 4 coppie twistate in filo di rame, categoria 6, guaina esterna in LSZH (a bassa emissione di fumi e zero alogeni) e fiamma ritardante secondo CEI EN Per garantire un buon margine operativo, il parametro ACR dovrà avere un valore di almeno 31 db a 100 MHz e 19 db a 200MHz. 5.3 Cablaggio verticale Per cablaggio verticale, nel presente documento, si intende il cablaggio tra i piani dello stabile. La connessione tra i piani dovrà essere realizzata mediante cavo RJ45 Cat.6. La connessione tra gli switch Layer3 dovrà essere effettuata mediante cavo RJ45 Cat.6, e dovrà essere anche realizzato un link di backup con cavo RJ45 Cat. 6. La dorsale dovrà essere realizzata mediante connessione tra lo switch del piano primo e lo switch collocato nell'armadio principale al piano secondo. Tutte le connessioni alla dorsale dovranno essere intestate su patch panel, e dal patch panel allo switch con una bretella. 5.4 Infrastrutture ausiliarie Canalizzazioni di edificio e di piano La topologia della distribuzione orizzontale sarà di tipo stellare, con concentrazione delle linee d utente nei locali tecnici su permutatori per cavi in rame. Il percorso dal centro stella alla presa d utente avverrà in apposite canalizzazioni, da realizzare, nei corridoi in alto (al di sopra dei tubi dell impianto di riscaldamento) e nelle stanze. Qualora sia necessario un tratto ascendente o discendente per raggiungere le prese ai piani Pagina 8 di 24

9 inferiori e superiori rispetto alla collocazione del centro stella si dovranno utilizzare le canalizzazioni verticali che ospitano anche i cavi di dorsale. Al fine di assicurare un adeguato grado di esecuzione d'impianto, tutte le tratte di canalizzazione dovranno essere effettuate con l'utilizzo di componenti prestampati della stessa linea del prodotto già in essere. La canala, dotata di coperchio, sarà rispondente alle norme CEI In particolare dovrà essere di PVC, dimensionata in base ai flussi di cavi che ospiterà ma garantendo comunque un ulteriore disponibilità di spazio utile all'interno pari almeno al 50% del totale. Ogni componente della canalina dovrà essere provvisto di tutti gli accessori di messa a terra secondo le normative vigenti. Le canalizzazioni verticali dovranno essere di PVC e dimensionate in base ai flussi di cavi che ospiteranno e dovranno garantire comunque un'ulteriore disponibilità di spazio utile all'interno pari almeno al 50% dello spazio totale Canalizzazioni nei locali La distribuzione delle prese tra i piani degli edifici e la loro esatta collocazione sarà determinata in sede di realizzazione su indicazione del Direttore dei lavori, con un punto rete con connettore dati in ogni stanza. All interno delle stanze i cavi dovranno essere stesi mediante canalizzazione in PVC, salvaguardando il più possibile l estetica dei locali. Le canaline dovranno essere in grado di mantenere il raggio di curvatura entro i limiti stabiliti dalla normativa EIA/TIA569 (2.59 cm max). I coperchi delle canaline dovranno poter essere rimossi solamente con l aiuto di attrezzi (anti manomissione) Permutatori per cavi in rame Nei centri stella verranno utilizzati permutatori per l attestazione dei cavi a 4 coppie UTP provenienti dai posti di lavoro. Tramite bretelle saranno possibili le permutazioni verso gli apparati attivi. Il singolo modulo permutatore avrà una struttura modulare in lamiera metallica verniciata, con la parte frontale provvista di supporto per rack 19 e predisposizione per 24 connettori modulari. Le prese dovranno essere di tipo RJ45 di Cat. 6 modulari, conformi alla normativa ISO/IEC Per cercare di limitare al massimo la tipologia di materiali e per aumentare nel contempo le caratteristiche della diramazione, si ritiene indispensabile che il connettore RJ45 impiegato sia identico a quelli installati sulle prese d utente, le cui caratteristiche sono state precedentemente trattate. Nel realizzare le connessioni dei cavi utente ai permutatori nei centri stella dovranno essere rispettate le raccomandazioni relative al raggio di curvatura del cavo che non deve mai essere inferiore a 25mm circa, pari a quattro volte il diametro esterno del cavo stesso. I connettori e i supporti dovranno essere identificati con un codice alfanumerico, in modo tale da poter individuare con facilità la posizione della presa corrispondente (piano, area di lavoro). La stessa numerazione dovrà essere riportata sulla presa permutatore corrispondente. Il pannello guida permute sarà realizzato con canali fessurati in PVC applicati su una lamiera metallica adatta per essere installata su strutture da 19, e verrà installato parallelamente sotto ogni modulo permutatore per un corretto incanalamento delle bretelle di raccordo. Pagina 9 di 24

10 5.4.4 Bretelle di permutazione A corredo di ogni modulo permutatore dovranno essere compresi un pannello guida permute e le bretelle necessarie all attestazione dei cavi agli apparati o ad altre tratte di cavo, secondo la configurazione di progetto utilizzata. Le bretelle di raccordo saranno costituite da un cavo flessibile a 4 coppie UTP rispondente alla categoria 6 dotato alle due estremità di connettori RJ45 Cat. 6E per la completa connettorizzazione delle 4 coppie binate. Le caratteristiche dovranno essere le stesse del cavo utilizzato per le linee utente eccetto che, trattandosi di bretelle, dovrà essere utilizzato del cavo trefolato. I Jack per trasmissioni dati dovranno superare i criteri prestazionali descritti dalla normativa FCC parte 68, paragrafo F e UL1863. La normativa FCC parte 68 tratta le dimensioni fisiche dell interfaccia, includendo la doratura di 1,27µm sui contatti, lo sforzo alla trazione che la presa RJ45 e il plug devono sopportare (100 grammi) e il massimo sforzo consentito per l inserimento del plug nel jack (2,2Kg). Le normative EIA/TIA 568B specificano inoltre le prestazioni meccaniche che i jack devono offrire, come l affidabilità, le prestazioni relative all ambiente e le prestazioni elettriche come la diafonia, l attenuazione, il return loss e la resistenza in corrente continua. Dovranno essere inoltre conformi allo standard CEI/IEC che riconosce tre livelli prestazionali: Livello A 750 cicli; livello B cicli; livello C cicli di inserzione e disinserzione del plug nel jack. Pagina 10 di 24

11 6 Specifiche tecniche 6.1 Apparati passivi Cavi e prese Il cablaggio dovrà essere effettuato con cavo di categoria 6, prese e frutti dovranno essere conformi a quanto indicato negli standard citati Armadi di permutazione I rack di permutazione saranno basati sulla tecnica 19 (482,6 mm) e corredati di due montanti laterali completamente preforati (doppia foratura) con passo multiplo di 1U (44,45 mm.) secondo norma IEC Ciò permetterà un assemblaggio standard sia per quanto riguarda il fissaggio dei permutatori e degli apparati sia per quanto riguarda gli spazi occupati in altezza. I rack saranno di tipo chiuso (armadio rack) e saranno del tipo rack a muro per tutte le installazioni tranne quelle dell'armadio di palazzo (a pavimento). Ogni armadio dovrà essere delle dimensioni tali da ospitare almeno il 30% in più delle postazioni di lavoro da collegare. Gli armadi rack saranno costituiti da una struttura portante in lamiera d acciaio di almeno 2 mm di spessore, unita ad incastri ed imbullonata al tetto e al fondo in modo da essere totalmente smontabile all occorrenza. Il rivestimento superficiale sarà costituito da verniciatura con polvere termoindurente epossidica atossica applicato previo idoneo trattamento fosfatico atto a garantirne l adesione all acciaio. Il disegno della struttura sarà a parallelepipedo simmetrico rispetto al proprio asse, tale da permettere un accoppiamento laterale, anteriore e posteriore di più armadi anche a formare un angolo. Il disegno della struttura inoltre offrirà opportuno spazio libero ai lati dei montanti, in modo da permettere la canalizzazione di cavi rispettando il minimo raggio di curvatura da questi ammissibile. Ciascun armadio deve essere alimentato per mezzo di un adeguata linea elettrica dedicata di sufficiente sezione (2500 W di carico elettrico), derivata dal quadro elettrico di pertinenza e sezionata dal relativo interruttore magnetotermico Armadio a pavimento Gli armadi a pavimento devono essere costituiti da una struttura in lamiera d'acciaio passivata, pressopiegata ed elettrosaldata, basati sulla tecnica rack 19" (482,6 mm) e corredati di due montanti laterali completamente preforati (doppia foratura) con passo multiplo di 1U (44,45 mm). Altezza di circa 210 cm. (45 unità); Profondità minima 85 cm.; larghezza minima 19" (cm 48,26); ingresso cavi di impianto realizzato con tutte le porte chiuse ponendo in comunicazione la canalina passacavi con lo spazio interno dell'armadio; pannelli laterali rimovibili; porta posteriore metallica ed anteriore in plexiglass entrambe complete di serratura a chiave (tipo viro) ed in caso di necessità entrambe devono essere asportabili; pannello di alimentazione frontale con almeno n.1 presa schuko 10A 2P+T (interasse 19mm. diametro Pagina 11 di 24

12 4mm.) e n.1 presa UNEL 2P+T bivalente 10-16A entrambe a 220V - 50Hz; canalina di alimentazione interna posteriore con almeno n. 6 prese di tipo schuko 10A 2P+T (interasse 19mm. diametro 4mm.) ed almeno 6 di tipo UNEL 2P+T bivalente 10-16A; ventilatore superiore fisso; n.2 montanti anteriori e n.2 montanti posteriori con asole 9x9 per il fissaggio degli apparati con viti e dadi in gabbia; n. 2 ripiani, con montaggio anteriore e posteriore, di tipo estraibile per ospitare le apparecchiature per le quali non e' previsto il kit di montaggio a rack; n.3 barre orizzontali corredate di n.3 anelli passacavi ciascuna in posizione posteriore in corrispondenza dei ripiani per la guida dei cavi di alimentazione; l'armadio deve essere corredato di anelli passacavi laterali con fessura anteriore per la guida delle permute lungo l'altezza dell'armadio Armadi a parete Gli armadi a parete devono avere le seguenti caratteristiche: Altezza minima 40 cm.(9 unità) Profondità minima 50 cm larghezza utile minima 19" (cm 48,26); ingresso cavi di impianto dalla parte inferiore e superiore; apertura a tre moduli che consente di migliorare l'accesso per il cablaggio al suo interno; porta anteriore in plexiglass o in vetro tipo antinfortunistico completa di serratura a chiave(tipo viro); pannello di alimentazione frontale con almeno n.1 presa schuko 10A 2P+T (interasse 19mm. diametro 4mm.) e n.1 presa UNEL 2P+T bivalente 10-16A entrambe a 220V - 50Hz; n.2 montanti anteriori e n.2 montanti posteriori con asole 9x9 per il fissaggio degli apparati con viti e dadi in gabbia; n. 1 ripiano, con montaggio anteriore e posteriore, di tipo estraibile per ospitare le apparecchiature per le quali non è previsto il kit di montaggio a rack 6.2 Apparati attivi Come già indicato si ricorda che, a pena di esclusione, tutti gli switch Layer3 dovranno essere prodotti dalla medesima casa produttrice, commercializzati con lo stesso marchio e gestibili remotamente attraverso lo stesso applicativo Alimentazione elettrica degli apparati attivi Si specifica che, a pena di esclusione, tutti gli apparati attivi dovranno essere alimentati da UPS sinusoidali rack mountable con batterie sostituibili a caldo in grado di garantire continuità nell'alimentazione elettrica degli apparati ad essi connessi per almeno 30 minuti in caso di assenza di linea elettrica. Pagina 12 di 24

13 Gli UPS dovranno inoltre garantire meccanismi di segnalazione standard (es. SNMP) sulla rete nel caso di esaurimento della batteria. Per il dimensionamento occorrerà tenere in considerazione, per ogni apparato attivo, la potenza assorbita dall'apparato Si precisa inoltre che il dimensionamento dovrà essere effettuato prendendo in considerazione il 75% della potenza massima erogabile dall'ups, ovvero lasciando un margine di espandibilità del 25%. 7 Condizioni di garanzia e assistenza 7.1 Durata della garanzia La garanzia sul cablaggio deve essere di almeno 5 anni. La garanzia sugli apparati deve essere di almeno 2 anni con intervento on site entro 48 ore lavorative. 7.2 Servizio di Manutenzione e assistenza Per tutta la durata del periodo di garanzia, la ditta aggiudicataria dovrà garantire l'intervento entro 48 ore lavorative. In sede di presentazione dell'offerta, inoltre, le ditte dovranno presentare le condizioni di garanzia e assistenza valide almeno per cinque anni (per il cablaggio) e due anni per gli apparati attivi dalla data di stipula del contratto. Pagina 13 di 24

14 N 1 IMPIANTO ANTINTRUSIONE Per la Biblioteca al piano Primo Centrale con combinatore telefonico di tipo GSM, di tipo ibrido in grado di inviare allarmi sotto forma di messaggi vocali, protocolli di comunicazione digitali per istituti di vigilanza (Contact ID), messaggi di testo SMS. Ogni ingresso sarà in grado di inviare 1 SMS che identifica in chiaro la localizzazione del sensore in allarme. Attivazione e Disattivazione del sistema con radiocomando a FM 433,92 Mhz Protezione delle seguenti zone : 1- Ingresso biblioteca (porta) contatto magnetico e antisfondamento di tipo TX (radiotrasmittente) avente le seguenti caratteristiche tecniche: trasmettitore universale radio FM 433,92 MHz per contatti, con inerziale, portata radio 100m in campo libero, 1 ingresso con codice di allarme differenziato. 2-Balcone (infisso) da proteggere con lo stesso tipo di contatto come sopra, ovvero contro l apertura dell infisso e dallo sfondamento dello stesso. 3-Finestra (infisso) antibagno da proteggere con sensore volumetrico radio avente le seguenti caratteristiche: Rilevatore volumetrico infrarosso da interno via radio effetto tenda per porte e finestre. Portata radio 100 m. Copertura massima 3m. Alimentazione 1 batteria litio 3,6V. 4-Volume biblioteca da proteggere con sensore volumetrico radio avente le seguenti caratteristiche: sensore infrarosso passivo radio FM, portata massima 12 m. Zone sensibili 18 su 4 piani. Frequenza di trasmissione 433,92 MHz. Alimentazione 2 batterie 3,6V litio 5-Protezione centrale di comando con sensore volumetrico filare con le seguenti caratteristiche: sensore volumetrico Doppia Tecnologia Antimask IR+MW (infrarosso + microonda) con snodo. Il sensore verrà posto nelle immediate vicinanze della centrale e da essa alimentato. Sirena interna filare piezoelettrica in policarbonato 12 Vcc da posizionare in prossimità della centrale. Batterie a litio non ricaricabili per sensori e contatti Batteria ricaricabile per centrale da 12 V 2,2 0 2,3 Ah Rilascio Dichiarazione di Conformità Legge 37/08 N 1 IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA Per Portone di ingresso ed area interna adiacente Pagina 14 di 24

15 Centrale nell area della guardiola portineria + quattro telecamere, una esterna al portone, due nell antiingresso, una sul portone di accesso alle scale, composto da: N. 4 Telecamere Ccd Colore N&D 600linee 4-9mm 42 Led Ir Videoregistratore digitale a 4 ingressi video LAN - INTERNET H-264: Hard Disk 500 Gb. Sistema operativo Linux embedded Dual streaming per aumentare le velocità di trasmissione in rete Formato di compressione H.264 Velocità di registrazione fino a 200 immagini/secondo Funzionamento triplex (registrazione, riproduzione e trasmissione immagini in contemporanea) Collegamento in rete TCP/IP Supporta indirizzo IP dinamico Esportazione immagini e log eventi con chiave USB Aggiornamento firmware con chiave USB Multiplexer e controllo brandeggio integrati Notifica tramite Visualizzazione del video in diretta in tempo reale tramite cellulare 3G/GPRS Registrazione pre e post allarme, audio bidirezionale, registrazione su emergenza Alimentatore 12V 1.2 Connettori BNC Cavi per segnale video RG 59 Cavo Alimentazione Sistema 3x1,5 (220 V) Guaina d 12 Cassette raccorderie e accessori Manodopera per installazione, prove e collaudo Training L offerta dovrà comprendere un servizio di training del Personale della Committente. Il periodo dovrà essere sufficiente a consentire al personale, avente una preparazione di base appropriata, la conoscenza: del sistema, del suo esercizio e della sua programmazione con sufficiente confidenza. Prove e collaudo in campo Tutte le apparecchiature oggetto della fornitura saranno sottoposte a collaudo secondo le norme previste dalla Legge. Rilascio Dichiarazione di Conformità Legge 37/08 N. 1 RIPRISTINO VIDEOCITOFONO e/o sostituzione, con apertura tramite pulsante dalla guardiola del portone di ingresso e del portone di accesso alle scale. Rilascio Dichiarazione di Conformità Legge 37/08 Pagina 15 di 24

16 N. 1 POTENZIAMENTO IMPIANTO ELETTRICO Creazione in un aula mancante di prese elettriche di: Postazione di lavoro elettrica composta da una cassette 503 tipo Living previste per l installazione a parete contenente: -n. 1 presa Bivalente 2P+T 220V 10/16A; -n. 1 presa trivalente 2P+T 220V 10/16A. Verifica di funzionalità dell impianto elettrico esistente ed eventuale potenziamento/integrazione (se ritenuti necessari, anche in funzione delle potenze delle nuove attrezzature offerte) in maniera da permettere il funzionamento corretto di tutte le nuove attrezzature da installare nelle aule, con rilascio delle certificazioni previste dalla normativa. (nell offerta tecnica si dovrà specificare l eventuale potenziamento ritenuto necessario) Rilascio Dichiarazione di Conformità Legge 37/08 N 21 SISTEMI INTEGRATI (UNO PER CLASSE) COMPOSTO DA: - KIT LIM COMPLETO DI VIDEOPROIETTORE - SCRIVANIA CON VANO BLINDATO PORTA NOTEBOOK - NOTEBOOK - COPPIA DI CASSE PER LIM - CABLAGGI,COLLEGAMENTI ELETTRICI, CAVETTERIA, PORTACAVI (ANCHE CALPESTABILI) E/O APPENDICE in opera In modo da fornire il sistema perfettamente funzionante. CARATTERISTICHE -N 21 KIT LIM COMPLETO DI VIDEOPROIETTORE. Caratteristiche LIM (caratteristiche tipo HITACHI STARBOARD FX-79E) Lavagna interattiva 79" con proporzioni schermo di 4:3 (é possibile anche fornire una lavagna 16:9 o 16:10 purché abbinata ad un proiettore con il medesimo rapporto nativo), antigraffio. tecnologia : Infrarossi La lavagna deve essere utilizzabile direttamente con le dita oltre che con altri dispositivi di puntamento (pennarello) in dotazione. La lavagna deve essere utilizzabile anche come lavagna bianca scrivibile con pennarelli ad inchiostro cancellabili. software di lavoro : software di gestione in lingua italiana compatibile con Windows XP, windows 7 64 bit prodotto dalla casa produttrice della lavagna Pagina 16 di 24

17 software autore della LIM liberamente installabile su PC personali sia dai docenti che dagli studenti e tale da consentire il maggior livello di interoperabilita con i più diffusi formati digitali; Accessori in dotazione: staffa da parete inclusa. pen Stylus estendibile, pennarello delebile (uso normale lavagna), cancellino (uso normale lavagna) Collegamento a PC tramite cavo USB Caratteristiche video proiet. (caratteristiche tipo NEC UM280X ad ottica ultra corta) tecnologia vdp: LCD contrasto: 3000:1 luminosità: 2800 ANSI Lumen modalita di lavoro: ottica ultra-corta specifico per lim staffa: esterna, a parete, certificata per la sicurezza telecomando durata lampade (ore): 8000 Modo Eco / 5000 Modo Normale/4000 Modo Massima Luminosità accessori: installazione inclusa dell intero kit, con canalizzazione a scomparsa, cavetteria audio video hdmi elettrico e dati a norma rilascio certificazione di conformità impianti così come prescritto dalla legge. CORSO DI ADDESTRAMENTO SU SOFTWARE GESTIONE LIM Si richiede un corso di addestramento per i docenti ed il personale tecnico della scuola sull uso del software di gestione della LIM della durata di almeno 3 ore tenuto da istruttori qualificati - N 21 SCRIVANIE CON VANO BLINDATO PORTA NOTEBOOK Dimensioni (minime): LxPxH 140x70x72h cm Dimensioni (max): LxPxH 180x80x72h cm Vano blindato: Sistema di Alloggiamento per Notebook fino a 17 su intelaiatura metallica chiuso a chiave (saranno fornite due chiavi). Il piano di lavoro del notebook deve portarsi a filo piano cattedra quando il coperchio è completamente aperto. Vano portaoggetti integrato Canalizzazioni: Interna a scomparsa per cavi elettrici, dati ed audio/video Altro: Sistema totalmente integrato con impianto della scuola cavi già collegati a tutte le apparecchiature presenti. La scrivania deve essere ancorata al pavimento. Conformità: Dlgs 626. L. 81/2008. Bassa emissione formaldeide Classe E1 - N 21 NOTEBOOK PRIMARIA CASA (caratteristiche tipo Samsung NP270E5E-X05IT) Sistema operativo: Windows 7/8 Pagina 17 di 24

18 CPU: Intel Core i3-2.4 GHz Memoria RAM: DDR3 SO DIMM 4GB Controller Grafico: Memoria dedicata 1 GB Controller Audio: Integrato Capacità hard disk: 500 GB Unità ottica: DVD Super Multi DL Interfacce: Lettore Card multiformato (Tipologie SD, SDHC, SDXC) Connessioni: N 3 porte USB 2.0 N 1 HDMI N 1 VGA Connettività: Ethernet LAN Gigabit Wireless Tipo wireless LAN b, g, n Tastiera: Italiana Sistema puntamento Touch Pad Webcam Integrata 0.3Mpixel Display 15.6 TFT Retroilluminazione LED Risoluzione 1366x768 Proporzioni 16:9 Bluetooth SOFTWARE AGGIUNTIVO PACCHETTO OFFICE 2013 STANDARD EDU - N 21 COPPIE DI CASSE PER LIM Coppia di altoparlanti monitor amplificati semiprofessionali con supporti per il fissaggio a muro senza subwoofer adatti ad un ambiente di circa 60 mq; Connessione audio analogica, digitale potenza minima 20W RMS per canale; due vie, risposta in frequenza minima da 80Hz - 20 khz Montaggio ai lati della LIM - N 2 STATIVI MOBILI PER LIM CON BRACCIO INTEGRATO (COMPATIBILE CON LE LIM FORNITE) Da installare negli ambienti che saranno indicati e/o dove non sarà possibile fissare a parete le LIM. Struttura in metallo, con possibilità di fissaggio a pavimento (LIM sospesa senza poggiare su pareti) Staffa integrata nello stativo compatibile con tutti i videoproiettori in commercio Base metallica su ruote sistema frenante. N 2 PC DESKTOP Primaria casa (caratteristiche tipo ACER XC 600 DT.SP5ET.007) CPU CORE I7 3.4 GHz Bit 64 bit Pagina 18 di 24

19 RAM HARD DISK SCHEDA VIDEO DEDICATA SCHEDA AUDIO LETTORI INTERNO SOFWARE DI BASE WINDOWS 7/8 PORTE VGA, AUDIO IN OUT, N. 8 USB GB RAM DD GB SATA RPM 2GB INTEGRATA MASTERIZZATORE DVD DL, LETTORE MULTICARD CONNETTIVITA ETHERNET 10/100/1000 SOFTWARE AGGIUNTIVO PACCHETTO OFFICE 2013 STANDARD EDU N 2 MONITOR PC MULTIMEDIALE 22 (caratteristiche tipo Philips 226V4LAB) Dimensioni schermo: mm (21.5 ") Tempo di risposta: 5 ms Luminosità schermo: 250 cd/m2 Risoluzione: 1920 x 1080 Pixels Tipologia display: LED Dimensioni schermo: 54.6 cm Rapporto di contrasto: 1000:1 Rapporto di contrasto (dinamico): :1 Dot Pitch: x mm Formato: 16:9 HDCP: Si Tipologia di retroilluminazione: W-LED Ingresso audio per PC: Si Altoparlanti incorporati: Si Numero di altoparlanti: 2 pezzi Potenza in uscita (RMS): 4 W N 1 MULTIFUNZIONE LASER Primaria casa formato A3 (caratteristiche tipo MP 2501 SP Ricoh ) Tipologia: Stampanti multifunzione Velocità di stampa continua: 25 pagine al minuto Memoria di serie: 1 GB COPIATURA Procedimento di copiatura: Scansione a raggio laser e stampa elettrofotografica Risoluzione: 600 dpi Zoom: Dal 50% al 200% STAMPATURA Pagina 19 di 24

20 Risoluzione: 600 x 600 dpi Interfacce di serie: USB 2.0, Slot SD, I/F host USB, Ethernet 10 base-t/100 base-tx, Ethernet 1000 Base-T SCANNER Velocità di scansione a colori: Max. 50 originali al minuto B/N: Max. 50 originali al minuto Risoluzione Max.: 600 dpi Formato originali: A3, A4, A5, B4, B5, B6 Formato file: TIFF pagina singola, JPEG pagina singola, PDF pagina singola, PDF pagina singola ad alta compressione, PDF-A pagina singola, TIFF multipagina, PDF multipagina, PDF multipagina ad alta compressione, PDF-A multipagina Driver incorporati: Network TWAIN, Utilità scanner Scan to: , Cartella, USB, Scheda SD, SMB, FTP, URL, NCP N 1 MULTIFUNZIONE LASER Primaria casa formato A4 (caratteristiche tipo MFC-7460DN Brother) Tipologia: Stampanti multifunzione Tecnologia di stampa: Laser Mono Funzioni: Stampa/copia/scanner/fax Velocità di stampa: 26 ppm Risoluzione di stampa: 2400x600dpi Risoluzione di scansione: 19,200 dpi Memoria: 32 MB Dimensioni stampa massime: A4 Capacità vassoio: 250 fogli Collegamento: USB, Rete 10/100 ADF: 35 fogli N 6 ESPANSIONE MEMORIA RAM PC GIA IN POSSESSO DELLA SCUOLA Tipologia : CAPIENZA: NOTE: DDR2 PC MHZ 2 GB INSTALLAZIONE ON SITE INCLUSA SOFTWARE N 1 SOFTWARE DI RETE PER LA GESTIONE DEL REGISTRO ELETTRONICO Pagina 20 di 24

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania Programma Operativo Regionale 2007 IT6PO009 FESR Campania ALLEGATO D lotto - ELENCO ATTREZZATURE Lotto (importo finanziato) 20.000,00 LIM IN CLASSE, CABLAGGIO E ALTRI IMPIANTI L OFFERTA, PER NON ESSERE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGRANARO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGRANARO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO DELLA RdO N.1240019 Codice progetto d Istituto 10.8.1.A3- FESRPON-MA-2015-105 CUP: G97DI5000000007 CIG: Z011A0FEC4 Premessa Nei paragrafi che seguono sono riportati l oggetto

Dettagli

Attrezzatura Quantità Riferimento Scanner A4 1 Riferimento N 1 Notebook 20 Riferimento N 2. Videoproiettore 1 Riferimento N 3

Attrezzatura Quantità Riferimento Scanner A4 1 Riferimento N 1 Notebook 20 Riferimento N 2. Videoproiettore 1 Riferimento N 3 Allegato A/02 - Attrezzature Informatiche Nella tabella seguente è riportato l elenco delle attrezzature da acquistare in attuazione del progetto PON FESR codice A-1-FESR06_POR_CAMPANIA-2011-611 - Lotto

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. LIM ACTION A-1-FESR06_POR_CAMPANIA_2012-1645 LIM ACTION (ID 1035594) DESCRIZIONE PROGETTO DESCRIZIONE ACQUISTO quantità

CAPITOLATO TECNICO. LIM ACTION A-1-FESR06_POR_CAMPANIA_2012-1645 LIM ACTION (ID 1035594) DESCRIZIONE PROGETTO DESCRIZIONE ACQUISTO quantità ALLEGATO C CAPITOLATO TECNICO Nel presente capitolato tecnico sono descritte le caratteristiche tecniche minime cui devono necessariamente rispondere tutte le apparecchiature offerte (Pena esclusione).

Dettagli

ALLEGATO D) CAPITOLATO ECONOMICO

ALLEGATO D) CAPITOLATO ECONOMICO ALLEGATO D) CAPITOLATO ECONOMICO Programma Operativo Nazionale FESR Ambienti per l apprendimento E-FESR-20-87 E--FESR-20-87 Descrizione Prezzo unitario comprensivo d IVA Quantità Prezzo totale comprensivo

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO S. G. BOSCO Piazza Garibaldi, 36 70054 Giovinazzo (Ba)

I CIRCOLO DIDATTICO S. G. BOSCO Piazza Garibaldi, 36 70054 Giovinazzo (Ba) I CIRCOLO DIDATTICO S. G. BOSCO Piazza Garibaldi, 36 70054 Giovinazzo (Ba) Allegato tecnico B per n. LABORATORIO LINGUISTICO PON FESR CODICE B-.B-FESR0_POR_PUGLIA-20-62 (Bando prot. n. 3657/B-8 del 4/0/20)

Dettagli

VIA ACHILLE BRUNI, 6-76121 BARLETTA (BT)

VIA ACHILLE BRUNI, 6-76121 BARLETTA (BT) VIA ACHILLE BRUNI, 6-762 BARLETTA (BT) Tel.: 0883/5060 - Fax: 0883/575773 Codice Fiscale: 80030723 - Codice Meccanografico: BAMM076002 E-mail: bamm076002@istruzione.it - bamm076002@pec.istruzione.it Sito

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO F. S. CABRINI

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO F. S. CABRINI Unione Europea Fondo Sociale Europeo ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO F. S. CABRINI Unione Europea Fondo Europeo Sviluppo Regionale Via Dante, 9 7400 Taranto Tel. 099/ 4779476 - fax 099/4779477 E-mail:

Dettagli

ALLEGATO C1. Descrizione Voce. Rete dati certificata 1Gb realizzata con cavo FTP schermato categoria 6E.

ALLEGATO C1. Descrizione Voce. Rete dati certificata 1Gb realizzata con cavo FTP schermato categoria 6E. ALLEGATO C Capitolato Tecnico della fornitura Nella presente Scheda tecnica, da compilare e inserire in busta chiusa con la dicitura Offerta Economica sono descritte le caratteristiche tecniche minime

Dettagli

Allegato C - OFFERTA ECONOMICA - Capitolato Tecnico 5 LOTTI Progetto E-1-FESR-2014-935 IISS G.M. SFORZA - PALAGIANO

Allegato C - OFFERTA ECONOMICA - Capitolato Tecnico 5 LOTTI Progetto E-1-FESR-2014-935 IISS G.M. SFORZA - PALAGIANO Allegato C - OFFERTA ECONOMICA - Capitolato Tecnico 5 LOTTI Progetto E-1-FESR-2014-935 IISS G.M. SFORZA - PALAGIANO LOTTO 1 - Sala Docenti - Sede: Max euro 6000,00 Palagiano - "Una finestra sul futuro"

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. LOTTO 2 Il futuro dell'europa è in classe Arredi, fornitura di arredi specifici per la realizzazione di ambienti di apprendimento

CAPITOLATO TECNICO. LOTTO 2 Il futuro dell'europa è in classe Arredi, fornitura di arredi specifici per la realizzazione di ambienti di apprendimento CAPITOLATO TECNICO Oggetto della gara, suddivisa in sei Lotti, è la fornitura di prodotti e servizi per la realizzazione del progetto PON A-1-FESR06_POR_CAMPANIA_2012_106 La scuola diventa 2.0 e Il futuro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME. piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME. piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME Piazza Gramsci, 3 050/815311 piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it CUP: D16J15000600007 - CIG: ZB0188D518 Capitolato Tecnico

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AGRARIO O.

ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. N. 23 Notebook dalle seguenti caratteristiche tecniche minime: Pc notebook Sistema operativo Windows 8 professional o Windows 7 professional HD 500 Gb minimo Masterizzatore DVD Schermo 15,6 LCD Wireless

Dettagli

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania. Distretto scolastico 25

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania. Distretto scolastico 25 Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania Distretto scolastico 25 ISTITUTO COMPRENSIVO S. M. PAOLO DI TARSO Via Risorgimento, 66-80070 Bacoli Na tel/fax 081 5232640 E-MAIL SCUOLA: NAIC83700G@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. n. 1 PC postazione Server (riportare i prezzi iva inclusa)

Allegato A. n. 1 PC postazione Server (riportare i prezzi iva inclusa) Allegato A Caratteristiche tecniche del materiale richiesto. Esse costituiscono standard di riferimento base. La proposta di materiale con caratteristiche analoghe o superiori è naturalmente possibile:

Dettagli

PON F.E.S.R. - Codice B-1.B-FESR06_POR_CAMPANIA-2011-423 Comunicare per crescere. Gara per la fornitura di n 3 laboratori linguistici

PON F.E.S.R. - Codice B-1.B-FESR06_POR_CAMPANIA-2011-423 Comunicare per crescere. Gara per la fornitura di n 3 laboratori linguistici PON F.E.S.R. - Codice B-.B-FESR06_POR_CAMPANIA-20-423 Comunicare per crescere Gara per la fornitura di n 3 laboratori linguistici Allegato B CAPITOLATO TECNICO Configurazione : sede centrale DESCRIZIONE

Dettagli

I.S.I.S. G. MINZONI. Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO.

I.S.I.S. G. MINZONI. Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO. I.S.I.S. G. MINZONI Via Bartolo Longo, 17 80014 Giugliano in Campania tel. 0815061595 fax 081 8948984 Email NAIS06100L@istruzione.it Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania Allegato

Dettagli

CON L EUROPA, INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO. Capitolato tecnico per la richiesta di Offerta (Rdo n. 560322) sul MEPA E-1-FESR-2014-1020

CON L EUROPA, INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO. Capitolato tecnico per la richiesta di Offerta (Rdo n. 560322) sul MEPA E-1-FESR-2014-1020 ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCESCO GIACOMO PIGNATELLI Sede Centrale Via Don Minzoni, n. 1 74023 GROTTAGLIE tel. segret. 099 5635481 tel. presid. 099 5619721, Fax n. 099 5669005 www.istitutocomprensivopignatelli.gov.it

Dettagli

ALLEGATO C- Scheda Tecnica Lotto 1. t SISTEMA LIM Fornitura Quantità Caratteristiche Tecniche minime LIM 39 Lavagna interattiva multimediale con:

ALLEGATO C- Scheda Tecnica Lotto 1. t SISTEMA LIM Fornitura Quantità Caratteristiche Tecniche minime LIM 39 Lavagna interattiva multimediale con: Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale UNI EN ISO 9004:2009 Con l Europa investiamo nel vostro futuro Istituto d Istruzione Secondaria F. de Sanctis Sant Angelo dei Lombardi (AV) Programma

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "L. Fazzini V. Giuliani

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore L. Fazzini V. Giuliani Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "L. Fazzini V. Giuliani Loc. Macchia di Mauro - 709 Vieste (FG) - Tel. 0884 706205 - Fax 0884 7007 FGIS00400G Cod.Fisc. 8300266076 sito web: www.fazzinivieste.it

Dettagli

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO010 FESR Sicilia ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE PER GEOMETRI ENRICO FERMI Via Como, 435 97019 - VITTORIA (RG) Cod. Mecc.: RGTD020007 Cod.Fiscale: 82000540888

Dettagli

B) ELENCO ATTREZZATURE

B) ELENCO ATTREZZATURE B) ELENCO ATTREZZATURE Si riporta nella tabella seguente l elenco delle attrezzature da acquistare per la realizzazione del progetto PON FESR codice B-1-FESR-2008-1320. In tale elenco sono indicate le

Dettagli

ALLEGATO TECNICO. B-2-B FESR-2008-121 Primo Laboratorio Linguistico

ALLEGATO TECNICO. B-2-B FESR-2008-121 Primo Laboratorio Linguistico ALLEGATO TECNICO Codice CIG: B-2-B FESR-2008-2 Primo Laboratorio Linguistico Attrezzature richieste o equivalenti Pezzi Prezzo unitario Prezzo totale Lavagna Interattiva multimediale con tecnologia infrarosso

Dettagli

Progetto: Lingua viva

Progetto: Lingua viva Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania Distretto scolastico 25 ISTITUTO COMPRENSIVO S. M. PAOLO DI TARSO Via Risorgimento, 66-80070 Bacoli Na tel/fax 081 5232640 E-MAIL SCUOLA: NAIC83700G@istruzione.it

Dettagli

Laboratorio MULTIMEDIALE scuola secondaria di I A POSTAZIONE MULTIMEDIALE POSTAZIONE ALUNNO

Laboratorio MULTIMEDIALE scuola secondaria di I A POSTAZIONE MULTIMEDIALE POSTAZIONE ALUNNO FESR Ambienti per l apprendimento (fondi nazionali e Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) 2007 IT 05 1 PO 04 F.E.S.R Obiettivo A1 (Incrementare le dotazioni tecnologiche e le reti delle istituzioni scolastiche)

Dettagli

FOGLIO DI CONDIZIONI

FOGLIO DI CONDIZIONI Richiesta offerta per fornitura di n 3 computer desktop, n 2 monitor 17 LCD, n 1 fotocameta digitale, n 1 multifunzione (Stampante/Scanner/Fotocopiatore), n 1 stampante laser b/n A3, n 1 perno per alimentatore

Dettagli

ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LA FORNITURA E L'INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI CABLAGGIO STRUTTURATO PRESSO IL MUNICIPIO E GLI

ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LA FORNITURA E L'INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI CABLAGGIO STRUTTURATO PRESSO IL MUNICIPIO E GLI ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LA FORNITURA E L'INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI CABLAGGIO STRUTTURATO PRESSO IL MUNICIPIO E GLI UFFICI DEI VV. UU. E DEI SERVIZI SOCIALI Indice generale

Dettagli

Istituto Comprensivo I. C. Lucilio - Distretto N 19

Istituto Comprensivo I. C. Lucilio - Distretto N 19 Programma Operativo Regionale 2007 IT6PO009 FESR Campania Istituto Comprensivo I. C. Lucilio - Distretto N 9 Centro Territoriale Permanente per l educazione e la formazione degli adulti Viale Trieste n

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO CABLAGGIO STRUTTURATO

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO CABLAGGIO STRUTTURATO Sommario 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO... 5 a) Armadio rack... b) Cablaggio fibra ottica... c) Postazioni di lavoro... Pagina 1 di 10 1. Premessa Il presente

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO F. S. CABRINI

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO F. S. CABRINI Unione Europea Fondo Sociale Europeo ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO F. S. CABRINI Unione Europea Fondo Europeo Sviluppo Regionale Via Dante, 9 7400 Taranto Tel. 099/ 4779476 - fax 099/4779477 E-mail:

Dettagli

I.C. D ANGIO ISTITUTO COMPRENSIVO Via Cattaneo, 35 80040 - Trecase (Na) Tel.: 081 5369654 E-Mail: naic89600b@istruzione.it

I.C. D ANGIO ISTITUTO COMPRENSIVO Via Cattaneo, 35 80040 - Trecase (Na) Tel.: 081 5369654 E-Mail: naic89600b@istruzione.it Tel.: 08 5369654 Allegato B al bando - Lotto 4 POR FESR-20-202 Bando pubblico per la fornitura di attrezzature e servizi previsti dal progetto. OFFERTA TECNICO - ECONOMICA Il presente allegato costituisce

Dettagli

Requisiti minimi della dotazione tecnologica

Requisiti minimi della dotazione tecnologica DITTA: ALL' I.I.S. "J.TORRIANI"-CREMONA - ALLEGATO A QUANTITA' DESCRIZIONE ARTICOLO CODICE PREZZO UNITARIO MONTAGGIO %IVA 11 KIT LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE Requisiti minimi della dotazione tecnologica

Dettagli

E-Mail PEC: iisdesimoni@postecert.it PROGETTO AMMODERNAMENTO DELLE DOTAZIONI LABORATORIALI DEGLI ISTITUTI TECNICI. Capitolato Tecnico

E-Mail PEC: iisdesimoni@postecert.it PROGETTO AMMODERNAMENTO DELLE DOTAZIONI LABORATORIALI DEGLI ISTITUTI TECNICI. Capitolato Tecnico MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. DE SIMONI Via Tonale n.18-23100 SONDRIO Tel. 0342/ 514516-216255 Fax. 0342/ 514798 Cod. Fisc. 80001880147 -

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2007-2013 E-1-FESR -2014-269 (Avviso prot. N. AOODGAI/1858 del 28/02/2014)

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2007-2013 E-1-FESR -2014-269 (Avviso prot. N. AOODGAI/1858 del 28/02/2014) ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAMEROTA (INFANZIA / PRIMARIA/ SECONDARIA I GRADO) Cod. mecc. SAIC80900T Distretto s.n.c. N. 62 AutN. 170 Via Ex Convento dei Cappuccini, s.n. 84040 Camerota SA Tel. 0974/920027

Dettagli

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO010 FESR Sicilia. SCHEDA TECNICA per una scuola innovativa Descrizione prodotti Q/tà Prezzo

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO010 FESR Sicilia. SCHEDA TECNICA per una scuola innovativa Descrizione prodotti Q/tà Prezzo ALLEGATO A Programma Operativo Regionale 2007 IT6PO00 FESR Sicilia Progetto A--FESR04-POR-SICILIA-20-2298 Informatica titolo Per una scuola innovativa Totale configurazione sub-progetto: 3.240,00 ord.

Dettagli

SCHEDA TECNICA ALLEGATO III LETTERA A

SCHEDA TECNICA ALLEGATO III LETTERA A ALLEGATO III LETTERA A PON FESR CAMPANIA codice A-1-FESR06_POR_CAMPANIA-2012-1344 dal titolo LIM in classe Quan.tà Attrezzature tecniche/contenuti Lavagna Interattiva Multimediale CCD Series 78¾" Dual

Dettagli

ALLEGATO CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO CAPITOLATO TECNICO La dotazione individuata consiste in: Rif. N. Descrizione 1 30 Notebook alunni ASUS 2 3 Notebook docente ASUS i5 3 1 PC desktop Intel con funzione di server 4 2 Stampante laser

Dettagli

Aula Mobile per Formazione Docenti

Aula Mobile per Formazione Docenti AZIONE E.1 Realizzazione di ambienti dedicati per facilitare e promuovere la formazione permanente dei docenti attraverso l arricchimento delle dotazioni tecnologiche e scientifiche e per la ricerca didattica

Dettagli

CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI APPARECCHIATURE HARDWARE E DI SOFTWARE INFORMATICI PER LA GESTIONE DELLE AULE CORSI DEL COMUNE DI LIVORNO

CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI APPARECCHIATURE HARDWARE E DI SOFTWARE INFORMATICI PER LA GESTIONE DELLE AULE CORSI DEL COMUNE DI LIVORNO CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI APPARECCHIATURE HARDWARE E DI SOFTWARE INFORMATICI PER LA GESTIONE DELLE AULE CORSI DEL COMUNE DI LIVORNO Art. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto il noleggio

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELLE ATTREZZATURE E MATERIALI OGGETTO DELLA FORNITURA. Laboratorio Multimediale

ALLEGATO 1 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELLE ATTREZZATURE E MATERIALI OGGETTO DELLA FORNITURA. Laboratorio Multimediale ALLEGATO 1 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELLE ATTREZZATURE E MATERIALI OGGETTO DELLA FORNITURA Laboratorio Multimediale N. 1 PERSONAL COMPUTER DOCENTE Personal computer desktop: microprocessore Quad core,

Dettagli

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti SISTEMA TVCC A TECNOLOGIA I.P. Quantit à Costo Unitario Costo Complessivo OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti Si prevede la videosorveglianza nei corridoi principali ai diversi piani in corrispondenza

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI ALBERGHIERI RISTORAZIONE L. PETRONIO

ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI ALBERGHIERI RISTORAZIONE L. PETRONIO ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI ALBERGHIERI RISTORAZIONE L. PETRONIO Via Matilde Serao, 1-80078 - Pozzuoli - Napoli - Tel. 081. 524287 Fax 081. 524141 Distretto n. 25 Codice NARH06000X C.F. 9600281066 @-mail:

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale P.O.N Ambienti per l Apprendimento DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO - SESSA AURUNCA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

Allegato A Capitolato Tecnico Premessa

Allegato A Capitolato Tecnico Premessa Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO010 FESR Sicilia ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PIER NICETO Via Rosa Ilacqua, 12-98045 San Pier Niceto (ME) Tel./Fax:

Dettagli

Soluzioni Delta8. Unità centrale Delta 8. Splitter tripolare

Soluzioni Delta8. Unità centrale Delta 8. Splitter tripolare Sommario Soluzioni Introduzione - Delta 8: il sistema rivoluzionario..................... pagina 84 Sistema Delta 8.............................................. pagina 86 Sistema Minirep..............................................

Dettagli

AMBIENTI MULTIMEDIALI SPAZI ALTERNATIVI e POSTAZIONI INFORMATICHE

AMBIENTI MULTIMEDIALI SPAZI ALTERNATIVI e POSTAZIONI INFORMATICHE Ministero della Pubblica Istruzione - Direzione Scolastica Regionale per il Piemonte ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE DI PIANEZZA TO Via Manzoni, 5-0044 Pianezza TO 0/967 65 57 - Fax 0/967 35 76

Dettagli

ITG.-IPC. M.P. VITRUVIO

ITG.-IPC. M.P. VITRUVIO allegato A laboratorio multimediale E Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ITG.-IPC. M.P. VITRUVIO Sede. Via D Annunzio n. 25 80053 Castellammare

Dettagli

www.ictramonti.org Capitolato Tecnico Ambienti per l Apprendimento AOODGAI 8124 del 15-07-2008

www.ictramonti.org Capitolato Tecnico Ambienti per l Apprendimento AOODGAI 8124 del 15-07-2008 Ministero Pubblica Istruzione www.ictramonti.org Prot: 455 Tramonti, 18/02/2010 Capitolato Tecnico AAMBIENTE PER L APPRENDIMENTO [F.E.S.R] 2007-20013 Ambienti per l Apprendimento AOODGAI 8124 del 15-07-2008

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Autoparco -Via Carlo Amore

Autoparco -Via Carlo Amore Descrizione dell'intervento e/o materiali Autoparco -Via Carlo Amore Fornitura, installazione, collegamento ad infrastruttura di rete e collaudo di telecamera IP Giorno/Notte tipo DOME a colori, con risoluzione

Dettagli

I.C. D ANGIO ISTITUTO COMPRENSIVO Via Cattaneo, 35 80040 - Trecase (Na) Tel.: 081 5369654 E-Mail: naic89600b@istruzione.it

I.C. D ANGIO ISTITUTO COMPRENSIVO Via Cattaneo, 35 80040 - Trecase (Na) Tel.: 081 5369654 E-Mail: naic89600b@istruzione.it Tel.: 08 5369654 Allegato B al bando - Lotto POR FESR-20-202 Bando pubblico per la fornitura di attrezzature e servizi previsti dal progetto. OFFERTA TECNICO - ECONOMICA Il presente allegato costituisce

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI Scientifico, Scienze Applicate, Linguistico, Scienze Umane PER GLI OPERATORI ECONOMICI CAPITOLATO TECNICO.

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI Scientifico, Scienze Applicate, Linguistico, Scienze Umane PER GLI OPERATORI ECONOMICI CAPITOLATO TECNICO. ALLEGATO 1 PER GLI OPERATORI ECONOMICI CAPITOLATO TECNICO. Progetto Wireless nelle Scuole D.M. 804 del 9.10.2013 e successivo Avviso della DGSSSI n. 2800 del 12 novembre 2013 RIFERIMENTO DETERMINA DIRIGENZIALE

Dettagli

Dati generali della procedura. FESR POR 2013/14 - LIM & Cl@ssi 2.0 - Cod.: A-2- FESR06_POR CAMPANIA-2012-603 Criterio di aggiudicazione:

Dati generali della procedura. FESR POR 2013/14 - LIM & Cl@ssi 2.0 - Cod.: A-2- FESR06_POR CAMPANIA-2012-603 Criterio di aggiudicazione: 1/12 Dati generali della procedura Numero RDO: 439971 Descrizione RDO: FESR POR 2013/14 - LIM & Cl@ssi 2.0 - Cod.: A-2- FESR06_POR CAMPANIA-2012-603 Criterio di aggiudicazione: Prezzo piu' basso Numero

Dettagli

Integrata No Si Linux Mast. CD-RW/DVD-RW DL Grigio da 2 Kg a 4 Kg 6 celle

Integrata No Si Linux Mast. CD-RW/DVD-RW DL Grigio da 2 Kg a 4 Kg 6 celle ACER NB TM5335 T3500 2GB 320GB 15,6" DVD-RW LINUX Genova Market è un prodotto di EsseBi Tecnologia di Brizzante Stefano www.genovamarket.it info@genovamarket.it Tel.:3338805881 P.I.:00358578888 Cod. LX.V0E0C.002

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO del DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO del DISCIPLINARE DI GARA ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO PIERO CALAMANDREI Corso Benedetto Croce 17 10135 Torino Codice Fiscale 80095890010 codice Meccanografico TOMM26100N Tel. 011613607 3173292 email: tomm26100@istruzione.it

Dettagli

(Intestazione della ditta partecipante)

(Intestazione della ditta partecipante) (Intestazione della ditta partecipante) ALLEGATO B Al Dirigente Scolastico Del Liceo Scientifico Statale M.Cipolla P.le Placido Rizzotto 91022 Castelvetrano Oggetto: Domanda per la partecipazione alla

Dettagli

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45).

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45). OBIETTIVI DELLA SEZIONE Dopo aver completato la presente sezione sulla postazione di lavoro, lo studente sarà in grado di: I. Definire i criteri della postazione di lavoro per il Sistema di cablaggio Siemon

Dettagli

S E R V E R 1 POSTAZIONE

S E R V E R 1 POSTAZIONE allegato A laboratorio multimediale C Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ITG.-IPC. M.P. VITRUVIO C.F. 90044710631- E-MAIL:NAIS00900G@istruzione.it

Dettagli

ALLEGATO A ELENCO MATERIALE

ALLEGATO A ELENCO MATERIALE ALLEGATO A ELENCO MATERIALE UN COMPUTER PER APPRENDERE ^ Configurazione DESCRIZIONE DELLA CARATTERISTICHE VOCE POSTAZIONI DI LAVORO PER LE SEGRETERIE SCOLASTICHE COMPUTER COMPLETO DI MONITOR LCD WIDE SCREEN

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO Centro Elaborazione dati

COMUNE DI AVELLINO Centro Elaborazione dati COMUNE DI AVELLINO Centro Elaborazione dati PROCEDURA DI ACQUISTO AD EVIDENZA PUBBLICA N. 1 PER LA FORNITURA IN OPERA DI HARDWARE E SOFTWARE DI BASE PER GLI UFFICI COMUNALI CIG: 35921575BA CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8.

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8. Pag 1 di 6 Pag 2 di 6 Descrizione Generale L impianto prevede la fornitura, installazione, messa in esercizio e collaudo di una rete dati e per il collegamento di un edificio nuovo, denominato Edificio

Dettagli

Benito Carloni fondatore e ancora alla guida dell Azienda

Benito Carloni fondatore e ancora alla guida dell Azienda CATALOGO PRODOTTI Benito Carloni fondatore e ancora alla guida dell Azienda L AZIENDA La Benito Carloni è stata fondata nel 1970. Nel corso degli anni l azienda ha registrato un crescente successo acquisendo

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO RIORDINO CABLAGGIO HARDWARE RETI INFORMATICHE E WI-FI DIDATTICA E SEGRETERIA

CAPITOLATO TECNICO RIORDINO CABLAGGIO HARDWARE RETI INFORMATICHE E WI-FI DIDATTICA E SEGRETERIA CAPITOLATO TECNICO RIORDINO CABLAGGIO HARDWARE RETI INFORMATICHE E WI-FI DIDATTICA E SEGRETERIA GENERALITA Per la formulazione delle quotazioni relative alle forniture ed opere riportate a seguire è indispensabile

Dettagli

Descrizione dell intervento su infrastruttura di rete LAN e cablaggio

Descrizione dell intervento su infrastruttura di rete LAN e cablaggio Descrizione dell intervento su infrastruttura di rete LAN e cablaggio Presso l istituto I.T.I.S. Pininfarina di Moncalieri è stato previsto un intervento di ammodernamento dell infrastruttura di rete LAN

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO Per la scuola, competenze e ambienti per l apprendimento

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO Per la scuola, competenze e ambienti per l apprendimento CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DOTAZIONI TECNOLOGICHE PER INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA, LABORATORI Dl SETTORE E PER L'APPRENDIMENTO DELLE COMPETENZE CHIAVE. AVVISO

Dettagli

Allegato 1 - Capitolato tecnico

Allegato 1 - Capitolato tecnico Allegato 1 - Capitolato tecnico OGGETTO: Bando di gara per la fornitura ed installazione degli apparati necessari all implementazione di un impianto audio e video nell aula magna e nella sala riunioni

Dettagli

Programma Operativo Regionale 2007

Programma Operativo Regionale 2007 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO FERS 2007IT161PO004 AVVISO N. 10621 DEL 05/07/2012 ATTUAZIONE DELL AGENDA DIGITALE A-1-FERS04_POR_CALABRIA-2012_833 OBIETTIVO: PROMUOVERE E SVILUPPARE

Dettagli

Allegato A (A-2- FESR 04_POR _Sicilia 2011-843 La comunicazione interattiva )

Allegato A (A-2- FESR 04_POR _Sicilia 2011-843 La comunicazione interattiva ) Allegato A (A-2- FESR 04_POR _Sicilia 2011-843 La comunicazione interattiva ) Caratteristiche tecniche del materiale richiesto. Esse costituiscono standard di riferimento base. La proposta di materiale

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO ELENA DI SAVOIA. CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME DELLA L.I.M. (x 1)

CAPITOLATO TECNICO ELENA DI SAVOIA. CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME DELLA L.I.M. (x 1) Tecnologia: Elettromagnetica Dimensione: maggiore di 77 Connessione: USB 2.0 o Bluetooth (opzionale) CAPITOLATO TECNICO ELENA DI SAVOIA CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME DELLA L.I.M. (x 1) Compatibilità

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà in ogni caso corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

SCHEDA TECNICA CON I REQUISITI MINIMI DELLE APPARECCHIATURE RICHIESTE

SCHEDA TECNICA CON I REQUISITI MINIMI DELLE APPARECCHIATURE RICHIESTE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2007/203 Ambienti per l apprendimento FESR 2007IT6PO0 Codice nazionale progetto: A - FESR06_POR_SICILIA_202-278 Titolo progetto: Attreziamoci ALLEGATO A SCHEDA TECNICA CON

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SOLUZIONE INTEGRATA PER LA DIDATTICA IN CLASSE (Lavagne Interattive Multimediali Videoproiettore - PC)

CAPITOLATO TECNICO SOLUZIONE INTEGRATA PER LA DIDATTICA IN CLASSE (Lavagne Interattive Multimediali Videoproiettore - PC) Istituto Comprensivo Don Milani Via Cambray Digny, 3 50136 Firenze tel.055690743 fax 055690139 e-mail: info@icdonmilani.gov.it fiic85100n@istruzione.it fiic85100n@pec.istruzione.it Sito web: www.icdonmilani.gov.it

Dettagli

1 CIRCOLO DI SOLOFRA DIREZIONE DIDATTICA Via Casapapa, 13 83029 - Solofra (Av) Tel.: 0825 581250 E-Mail: avee05300r@istruzione.it

1 CIRCOLO DI SOLOFRA DIREZIONE DIDATTICA Via Casapapa, 13 83029 - Solofra (Av) Tel.: 0825 581250 E-Mail: avee05300r@istruzione.it CIRCOLO DI SOLOFRA Via Casapapa, 3 Tel.: 0825 58250 Allegato B al bando - Lotto POR FESR-20-202 Bando pubblico per la fornitura di attrezzature e servizi previsti dal progetto. OFFERTA TECNICO - ECONOMICA

Dettagli

FONDO EUROPEO PER LO SVILUPPO REGIONALE PON AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO OBIETTIVO A AZIONE A-1 CODICE A-1-FESR06_POR_CAMPANIA-2012-122 ALLEGATO A

FONDO EUROPEO PER LO SVILUPPO REGIONALE PON AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO OBIETTIVO A AZIONE A-1 CODICE A-1-FESR06_POR_CAMPANIA-2012-122 ALLEGATO A FONDO EUROPEO PER LO SVILUPPO REGIONALE PON AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO OBIETTIVO A AZIONE A-1 CODICE A-1-FESR06_POR_CAMPANIA-2012-122 ALLEGATO A AL BANDO DI GARA E CAPITOLATO D ONERI PER LA FORNITURA

Dettagli

Capitolato Tecnico. PON FESR Ambienti per l apprendimento - obiettivo/azione A1 Progetto: A-1-FESR06_POR_SICILIA-2012-1076

Capitolato Tecnico. PON FESR Ambienti per l apprendimento - obiettivo/azione A1 Progetto: A-1-FESR06_POR_SICILIA-2012-1076 Q.tà Prog. Descrizione Programma Operativo Regionale 007 IT161PO011 FESR Sicilia Capitolato Tecnico PON FESR Ambienti per l apprendimento - obiettivo/azione A1 Progetto: A-1-FESR06_POR_SICILIA-01-1076

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà, in ogni caso, corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

Allegato 3 Scheda tecnica

Allegato 3 Scheda tecnica Regione Autonoma della Sardegna Assessorato degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Territoriale Urbanistica e della Vigilanza Edilizia Servizio Affari Generali

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BENEDETTI-TOMMASEO C. F. 94050340275 - C.M. VEIS026004

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BENEDETTI-TOMMASEO C. F. 94050340275 - C.M. VEIS026004 Capitolato Tecnico MP 50 pagine GENERALI Preriscaldamento: 19/19 secondi Prima pagina: 4,1/3,5/secondi Velocità di raccolta max.: 40/50 pagine al minuto Memoria: Max.: 1 GB Disco fisso: 128 GB Dimensioni

Dettagli

Direzione regionale della Lombardia

Direzione regionale della Lombardia Direzione regionale della Lombardia Allegato 1 REQUISITI DEGLI IMMOBILI DELL AGENZIA ENTRATE DOTAZIONE SPAZI FUNZIONALE E RELATIVE DIMENSIONI Gli immobili da destinare a sede dell Agenzia delle Entrate

Dettagli

Soluzione integrata per la didattica in classe

Soluzione integrata per la didattica in classe MARZO 2009 La Direzione Generale per gli Studi e la Programmazione e per i Sistemi Informativi del MIUR in collaborazione con ANSAS fornisce, a supporto delle scuole, la presente informativa quale proposta

Dettagli

SCHEDA n 1 STAZIONE DI LAVORO TIPO WORK STATION GRAFICO

SCHEDA n 1 STAZIONE DI LAVORO TIPO WORK STATION GRAFICO SCHEDA n 1 STAZIONE DI LAVORO WORK STATION GRAFICO CPU PROCESSORE X86 DI ULTIMA GENERAZIONE, AVENTE, NEL BENCHMARK SYSMARK 2004 SE, RATING MAGGIORE di 258. CACHE RAM 4 Mb L2 BUS 1333 Mhz INTEL SLOT Disponibili

Dettagli

Lotto 1 - importo max 2400 ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI ALBERGHIERI RISTORAZIONE L. PETRONIO. Lotto 1 Tecnologie vicine alla scuola importo max 2400

Lotto 1 - importo max 2400 ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI ALBERGHIERI RISTORAZIONE L. PETRONIO. Lotto 1 Tecnologie vicine alla scuola importo max 2400 ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI ALBERGHIERI RISTORAZIONE L. PETRONIO Via Matilde Serao, 13-80078 - Pozzuoli - Napoli - Tel. 081. 5242873 Fax 081. 5241431 Distretto n. 25 Codice NARH06000X C.F. 96002810636

Dettagli

ACCESSORI Alimentatore da Auto CODICE AC YP 703. www.yashiweb.com

ACCESSORI Alimentatore da Auto CODICE AC YP 703. www.yashiweb.com GPS PHONE 3G WIFI BLUETOOTH MAPS GMAIL VIDEO APP SHARE EARTH DUAL CAM FUNZIONE TELEFONO + VIVAVOCE GOOGLE ANDROID 2.2 MultiTouch Screen Capacitivo 7" LCD TFT WVGA 800x480pixel Qualcomm MSM7227 (800MHz

Dettagli

Via, n., (indirizzo) nella sua qualità di: (barrare la casella che interessa)

Via, n., (indirizzo) nella sua qualità di: (barrare la casella che interessa) ALLEGATO 2 Pagina 1 di 2 DICHIARAZIONE DI OFFERTA ECONOMICA AL COMUNE DI TORTOLI ENTE CAPOFILA DEL PLUS OGLIASTRA Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) CIG 3 1 4 6 4 5 0 4 A D Procedura ristretta per

Dettagli

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO Specifiche tecniche per servizi a valore aggiunto

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO Specifiche tecniche per servizi a valore aggiunto SPECIFICA TECNICA SERVIZI A VALORE AGGIUNTO Specifiche tecniche per servizi a valore aggiunto RSVA04I02 Rev.02-0714 Pag. 2 di 6 SERVIZI A VALORE AGGIUNTO Specifiche Tecniche rev.02 SERVIZI A VALORE AGGIUNTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CAPITOLATO TECNICO SPECIALE DELLA R.d.O. PER L ACQUISTO DI LAVAGNE INTERATTIVE MULTIMEDIALI, VIDOPROIETTORI E PERSONAL COMPUTERS La dotazione individuata consiste in: 1) LIM e VIDEOPROIETTORE ad Ottica

Dettagli

PIÙ POTERE ALLA COMUNICAZIONE, PIÙ SCELTA NELL ESTETICA

PIÙ POTERE ALLA COMUNICAZIONE, PIÙ SCELTA NELL ESTETICA PIÙ POTERE ALLA COMUNICAZIONE, PIÙ SCELTA NELL ESTETICA Elekta è la linea di moduli di chiamata videocitofonici dedicata ad IPervoice. Completamente digitalizzata e con una struttura monoblocco, Elekta

Dettagli

Computo metrico impianto elettrico

Computo metrico impianto elettrico Documento: Computo metrico impianto elettrico Oggetto: Progetto impianti elettrici locale CED piano interrato, bagni disabili piano terra e primo, ampliamento ufficio polizia locale piano terra, impianti

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di RAPONE Provincia di POTENZA

COMPUTO METRICO. Comune di RAPONE Provincia di POTENZA Comune di RAPONE Provincia di POTENZA pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: COMMITTENTE: "PROGETTO C.E.R.A." AI SENSI DEL PSR 2007/2013 MISURA 323 - AZIONE C - INTERVENTO DI RECUPERO FUNZIONALE DEL COMPENDIO

Dettagli

Intermec 6650. Computer per uso mobile e veicolare. Caratteristiche chiave:

Intermec 6650. Computer per uso mobile e veicolare. Caratteristiche chiave: Computer per uso mobile e veicolare. Caratteristiche chiave: costruito per resistere agli ambienti più ostili comunicazione wireless integrata con switch opzionale per antenna remota display SVGA leggibile

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 532797

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 532797 1/10 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 532797 RdO PON E-1-FESR-2014-1051 CIG 5832599CF2 CUP D12G14000190007 Criterio di Aggiudicazione Gara

Dettagli

Dati generali della procedura. E-1-FESR-2014-944 Criterio di aggiudicazione:

Dati generali della procedura. E-1-FESR-2014-944 Criterio di aggiudicazione: 1/10 Dati generali della procedura Numero RDO: 556628 Descrizione RDO: E-1-FESR-2014-944 Criterio di aggiudicazione: Prezzo piu' basso Numero di Lotti: 2 Unità di misura dell'offerta Valori al ribasso

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via Anzani n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE ELETTRICHE E CABLAGGI Il progettista Agosto 2011 1 1 QUADRI ELETTRICI

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA 2014

VIDEOSORVEGLIANZA 2014 2014 KIT DI SORVEGLIANZA 74700 806840 CF 1 1 art. 432311 Il kit comprende i seguenti prodotti: A) DVR a 4 canali video, 1 uscita video BNC, 1 uscita video VGA, funzione QUAD (visione contemporanea di 4

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Comune di PALERMO Provincia Palermo Oggetto : Stazione appaltante : REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER IL PAZIENTE ED INTEGRAZIONE DELL'IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ED ILLUMINAZIONE D'EMERGENZA

Dettagli

Piano Integrato Urbano di Sviluppo Sostenibile dell area metropolitana fiorentina

Piano Integrato Urbano di Sviluppo Sostenibile dell area metropolitana fiorentina Piano Integrato Urbano di Sviluppo Sostenibile dell area metropolitana fiorentina Sistema Informativo della Città dei Saperi. Piattaforma di gestione dell informazione turistica, informazione interattiva

Dettagli

Da 'sala professori' ad 'aula di ricerca-azione' Attrezzatura caratteristiche MEDIADIRECT LIGRA DLI INGEGNART GERBER NOTE Numero Costo

Da 'sala professori' ad 'aula di ricerca-azione' Attrezzatura caratteristiche MEDIADIRECT LIGRA DLI INGEGNART GERBER NOTE Numero Costo Da 'sala professori' ad 'aula di ricerca-azione' Attrezzatura caratteristiche MEDIADIRECT LIGRA DLI INGEGNART GERBER NOTE Numero Costo LIM Postazioni multimediali desktop Superficie attiva 77 diagonale

Dettagli