Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania I.T.G. G.B. DELLA PORTA G. PORZIO N A P O L I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania I.T.G. G.B. DELLA PORTA G. PORZIO N A P O L I"

Transcript

1 ALLEGATO C : Capitolato d Appalto LOTTO 1 N. 1 CABLAGGIO STRUTTURATO ITG DELLA PORTA PORZIO, NAPOLI Della sede di via Foria n. 65 Sommario 1 Introduzione Riferimenti tecnici-normativi generali Principi generali Risultato finale Quadro normativo e standard di riferimento Standard di riferimento per il cablaggio Norme relative all'impiantistica Compatibilità elettromagnetica Protocolli per i livelli MAC e PHY La situazione attuale La situazione a regime Piano Primo Piano Secondo Specifiche generali Collocazione dei punti rete Armadi rack Cablaggio orizzontale Lunghezza del link wired Scatola per fissaggio placca Placca per postazione Utente Prese dati Connettori per cavo rame Cavo di distribuzione orizzontale Cablaggio verticale Infrastrutture ausiliarie Canalizzazioni di edificio e di piano Canalizzazioni nei locali Permutatori per cavi in rame Bretelle di permutazione Specifiche tecniche Apparati passivi Cavi e prese Armadi di permutazione Apparati attivi Alimentazione elettrica degli apparati attivi Condizioni di garanzia e assistenza... Errore. Il segnalibro non è definito. 7.1 Durata della garanzia Servizio di Manutenzione e assistenza Pagina 1 di 24

2 1 Introduzione Il presente documento individua le specifiche tecniche per il cablaggio strutturato in Categoria 6 dell'edificio sede dell ITCG Della Porta - Porzio, sito in via Foria 65, Napoli. Per quanto non indicato nel presente documento si fa riferimento alla normativa vigente e agli standard citati. 1.1 Riferimenti tecnici-normativi generali Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell'informazione (Ministero delle Comunicazioni) - Guida alle infrastrutture di comunicazione delle reti locali Quaderni CNIPA n.19 Voice over IP nella pubblica amministrazione italiana Direttiva CNIPA del 4 gennaio LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005). 1.2 Principi generali Obiettivo del progetto è quello di realizzare, presso lo stabile indicato, il cosiddetto Edificio Intelligente, ovvero un sistema di connettività che consenta l'integrazione dei vari sistemi di Building Automation mediante l'utilizzo di un'unica infrastruttura di comunicazione, al servizio di tutti gli elementi che necessitano di comunicare. Tale struttura è costituita dal Cablaggio Strutturato. In riferimento sia alla normativa in materia, sia alle esigenze dell'ente appaltante i requisiti generali che il sistema di cablaggio strutturato dovrà soddisfare sono: indipendenza: il cablaggio strutturato deve rendere disponibile un sistema integrato di comunicazione indipendente sia dagli apparati di trasmissione utilizzati (computer, telefoni IP, videocamere, sensori di allarme, etc) che dai protocolli trasmissivi; scalabilità: deve essere pronto a recepire ampliamenti ed utilizzi futuri; flessibilità: supporto di applicazioni vocali analogiche e digitali, dati, video e segnali in bassa tensione sia per l'alimentazione di apparati attivi, sia per la trasmissione di segnali analogico/digitali da sensori di sorveglianza; stabilità, per una continuità di prestazioni garantita nel tempo, almeno fino a 20 anni; integrazione: per dialogare con il mondo esterno; conformità, aderente alle normative nazionali e internazionali indicate al par. 2.2; manutenibilità, con management ed identificazione a norma EIA/TIA 606. Pagina 2 di 24

3 1.3 Risultato finale Al termine dei lavori, presso l ITCG Della Porta Porzio dovrà essere realizzata una rete Ethernet in categoria 6, con distribuzione orizzontale a 100Mbps per tutte le utenze. Tutti i punti rete attivi dovranno essere connessi a Switch Layer 3. 2 Quadro normativo e standard di riferimento Il cablaggio strutturato dovrà essere rispondente agli standard internazionali in materia di cablaggio, alla normativa vigente in materia di impiantistica e sicurezza sul lavoro e in generale a tutti gli standard di riferimento per opere di questo tipo. Nei sotto-paragrafi successivi verranno indicate le prescrizioni più importanti e gli standard cui dovrà rispondere l'impianto. 2.1 Standard di riferimento per il cablaggio Gli standard di riferimento per il presente impianto di cablaggio sono: EIA/TIA 568-B Commercial Building Telecommunications Cabling Standard 2002 EIA/TIA 569 Commercial Building Standard for Telecommunications Pathways and Spaces (Ottobre 1990) EIA/TIA 570 Residential and Light Commercial Building Telecommunications Wiring Standard (Giugno 1991) EIA/TIA 606 Administration Standard for Commercial Telecommunication Infrastructure EIA/TIA 607 Commercial Building Grounding and Bonding Requirements for Telecommunications (Agosto 1994) ISO/IEC Draft International Standard Information Technology - Generic Cabling for Customer Premises Cabling (Gennaio 1994) e successive Il precedente elenco racchiude tutte le specifiche relative non solo al cablaggio di edifici, ma anche alle specifiche riferite alla realizzazione delle infrastrutture di tipo meccanico e civile (EIA/TIA 569), nonché agli impianti di terra necessari (EIA/TIA 607) e ai sistemi di identificazione (EIA/TIA 606). 2.2 Norme relative all'impiantistica La realizzazione di un sistema di cablaggio strutturato comporta il rispetto delle normative nazionali di impiantistica, secondo la legislazione attualmente in vigore. Gli impianti ed i componenti devono infatti essere realizzati a regola d'arte (Legge 186 del 1 Marzo 1968, Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni ed impianti elettrici ed elettronici), garantendo la corrispondenza alle norme di Legge e ai regolamenti vigenti alla data di attuazione. Inoltre, nella scelta dei materiali, deve necessariamente tenersi in considerazione l' applicazione delle seguenti raccomandazioni: Pagina 3 di 24

4 tutti i materiali e gli apparecchi impiegati devono essere adatti all'ambiente in cui vengono installati e devono essere tali da resistere alle azioni meccaniche, corrosive, termiche o dovute all'umidità, alle quali potrebbero essere esposti durante l'esercizio; tutti i materiali devono avere dimensioni e caratteristiche tali da rispondere alle norme CEI ed alle tabelle CEI- UNEL attualmente in vigore; in particolare, tutti gli apparecchi ed i materiali per i quali è prevista la concessione del Marchio Italiano di Qualità (IMQ) devono essere muniti del contrassegno IMQ che ne attesti la rispondenza alle rispettive normative ed essere comunque muniti di Marchio di Qualità riconosciuto a livello internazionale. Il tutto deve essere compatibilmente riconosciuto non in contrasto con le disposizioni e Leggi seguenti: D.P.R. 547 del 24 Aprile 1955, Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 791 del 18 Ottobre 1977, Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità Europee (nr. 73/72 CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro alcuni limiti di tensione Legge 818 del 7 Dicembre 1984, Nullaosta provvisorio per le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi D.M. 37 del 22 Gennaio 2008, Regolamento recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici D. Lgs. 81 del 9 Aprile 2008, Testo unico sulla sicurezza sul lavoro 2.3 Compatibilità elettromagnetica I requisiti definiti per la compatibilità elettromagnetica (EMC) di una linea di trasmissione sono raggruppati in appositi standard facenti capo ad indicazioni FCC (Federal Communications Commission) o EN (European Norm). Deve infatti essere limitata sia l'energia radiante, che può interferire con altri dispositivi elettronici presenti nell'area, nonché gli effetti dell'energia incidente, che può generare rumore sul cavo. I principali standard di riferimento sono qui di seguito riportati: EN 55022, Limits and measuring methods for radio interference of information transmission equipment. EN , EMC generic emission standard. EN , EMC generic immunity standard. EN /4, Noise immunity of devices and facilities of the information processing technique. EC 89/336, Guideline for assimilation of statutory requirements of the member countries concerning EMC. EC 90/683, Guidelines about the technical harmonization guidelines for modules to be used for the different phases of the conformity assessment methods. 2.4 Protocolli per i livelli MAC e PHY Il sistema di cablaggio strutturato dovrà supportare, per tutte le utenze, ai livelli MAC e PHY, almeno i seguenti protocolli: IEEE (10BASETX), IEEE 802.3u (100BASETX). Pagina 4 di 24

5 3 La situazione attuale Attualmente l edificio non risulta essere cablato, con l eccezione dei locali destinati agli uffici di segreteria, al primo piano, presso i quali sono collocati, all'interno di un armadio rack, gli apparati attivi e passivi della rete esistente. L accesso WAN è disponibile presso tale armadio. 4 La situazione a regime Obiettivo del presente bando è realizzare un sistema di connettività interno allo stabile di via Foria 65 Napoli, presso il quale dovranno essere collocati circa quaranta punti dati connessi a Switches Layer 3. In ogni caso dovrà essere garantita una ridondanza del numero delle porte, ovvero il numero di porte libere deve essere pari al 33% delle porte disponibili. 4.1 Piano Primo Al piano primo sono ubicati gli uffici (n 3 locali), presso i quali è già presente un cablaggio che è necessario sostituire integralmente, la biblioteca, n 3 laboratori ed ulteriori 2 locali. L armadio rack di piano dovrà necessariamente essere posizionato nell area uffici (possibilmente dove è attualmente). Tale armadio sarà il centro stella della sottorete di piano, che prevederà n 13 punti dati. Inoltre, dal medesimo rack avrà origine la dorsale per connessione ad uno dei rack al piano secondo. 4.2 Piano Secondo Al piano primo sono ubicate n 27 aule, per ciascuna delle quali andrà implementato un punto di accesso alla rete dati. Considerata la conformazione dell edificio, al piano secondo dovranno essere installati n 3 armadi rack, dei quali uno nell area sovrastante la zona uffici al piano inferiore per connessione alla dorsale verticale. 5 Specifiche generali Progetto e caratteristiche della rete dovranno essere conformi allo standard EIA/TIA 568B-2.1 che normalizza il cablaggio strutturato di categoria 6 (Classe E) ratificato nel giugno Questo standard specifica: struttura e configurazione della rete con lunghezza del link caratteristiche elettriche degli elementi di cablaggio prestazioni degli elementi di cablaggio e del link requisiti necessari cui devono soddisfare gli elementi di cablaggi Pagina 5 di 24

6 Si precisa che, a pena di esclusione: 1. tutti gli switch Layer3 dovranno essere prodotti dalla stessa casa produttrice, commercializzati con unico marchio e controllabili con un unico software. 2. l intero impianto dovrà essere realizzato ricorrendo a una modalità di cablaggio strutturato con distribuzione dorsale (cablaggio verticale) in rame e distribuzione d area (cablaggio orizzontale) in rame. 3. La rete dovrà essere certificata strumentalmente e dovrà indicare parametri validi rispetto a quanto previsto dagli standard citati. 4. Tutti gli apparati attivi dovranno essere connessi all'alimentazione elettrica tramite UPS di caratteristiche opportune. 5.1 Collocazione dei punti rete Il cablaggio da realizzare deve consentire l accesso alla rete dati da ogni locale di competenza dell Istituto attraverso, pertanto andrà installata una presa dati per ciascuna delle aule al piano secondo, compresa la sala professori e per ciascuno dei locali al piano primo, con l eccezione degli uffici di segreteria, presso i quali andranno installate da n 4 a n 5 prese dati Armadi rack Al piano primo verrà collocato un armadio a pavimento, centro stella dell'intero impianto, mentre al piano secondo saranno installati un armadio a pavimento (principale di piano) e n 2 armadi a muro. La dorsale sarà realizzata con cavo UTP Cat Cablaggio orizzontale In un sistema di cablaggio strutturato si definisce cablaggio orizzontale l insieme dei collegamenti che vanno dal centro stella alla presa utente. Gli elementi essenziali del cablaggio orizzontale sono: permutatore posto nel centro stella (armadio di piano); cavo di collegamento tra permutatore e presa utente; connettori installati sulla presa utente; bretelle di permutazione sia lato centro stella che lato presa utente. Nell individuare la dislocazione nello stabile dei punti stella occorre tenere conto delle specifiche del cablaggio orizzontale che riportiamo sinteticamente: il cavo di collegamento deve essere a tratta unica e senza interruzioni intermedie, tra il permutatore di piano e la presa utente; la lunghezza massima della diramazione deve essere di 90 metri indipendentemente dalla tipologia di cavo utilizzato; per quanto riguarda le bretelle di permutazione, utilizzabili dal lato postazione di lavoro e dal lato centro stella, la loro lunghezza non deve eccedere i 5 m. per bretella e i 10 m. nella sommatoria. Pagina 6 di 24

7 5.2.1 Lunghezza del link wired Il cavo di collegamento dovrà essere a tratta unica e senza interruzioni intermedie tra il permutatore di piano e la presa utente. La lunghezza massima della diramazione dovrà essere di 90m. Per quanto riguarda le bretelle di permutazione, la loro lunghezza non dovrà eccedere i 5 m da entrambi i lati (postazione lavoro e centro stella) e i 10 m nella sommatoria Scatola per fissaggio placca La funzione di questa scatola è quella di contenere il connettore femmina della presa dati con la relativa placca che deve essere fissata su di essa Placca per postazione Utente Questo componente deve avere le seguenti caratteristiche: Possibilità di attestare due prese dati (frutti) in rame; Prese rimovibili dal frontale della placca anche successivamente alla terminazione; Etichette di identificazione prese con protezione di plastica trasparente e rimovibile senza utensili; Dimensioni adeguate a scatole da incasso tipo 503; Supporto con angolo di inclinazione di circa 45 nella presa, per limitare il raggio di curvatura dei cavi di allacciamento; Colori standard: bianco, avorio chiaro; Realizzazione in materiale termoplastico resistente agli UV Prese dati La tipologia della presa, sia lato armadio che lato utente, sarà quella RJ45, 8 pin, di tipo non schermato (UTP), certificata dal costruttore come di categoria 6. A garanzia della performance dei singoli collegamenti e quindi del sistema di cablaggio, la presa dovrà inoltre: essere di un unico e solo tipo nell'intero sistema, utilizzabile sia lato Postazione di Lavoro (PdL) che lato armadio ripartitore; semplicemente e rapidamente connettorizzabile, senza l'utilizzo di particolari attrezzi; la connessione dovrà inoltre avvenire per mezzo di un sistema che garantisca una lunghezza di non oltre 8 mm della dipanatura delle coppie del cavo attestato sulla presa; Essere dotata di sportellino di chiusura a scatto Connettori per cavo rame I connettori apparterranno al tipo RJ45 UTP, saranno conformi alle disposizioni delle norme EIA/TIA 568- B.2.1 e dovranno presentare tutte le seguenti caratteristiche tecniche e funzionali: costruzione a stato solido con circuito stampato multistrato senza saldature contatto IDC Insulation Pagina 7 di 24

8 Displacement Contact con sistema di innesto delle coppie a baionetta. Viene scartato il sistema di innesto ad impatto perché causa per il circuito stampato di traumi non sempre immediatamente rilevabili; punti di contatto dorati con uno spessore di 1,27 µm o maggiore e conformità alle caratteristiche fisiche indicate dalla norma FCC, sezione 68, paragrafo F e UL 1863, in modo da garantire una conduzione efficiente e duratura; tecnologia di conservazione della torsione delle coppie (binatura) fino ai punti di allacciamento. Questo per ottenere i migliori valori di (PS) NEXT, (PS) FEXT e di altri parametri particolarmente sensibili alla distorsione delle coppie; possibilità di effettuare cicli di allacciamento (5.000 inserimenti e estrazioni di un plug maschio), in conformità alla norma IEC 603-7; possibilità di riaprire e riallacciare i contatti per dieci volte, senza che questo ne degradi le caratteristiche; disponibilità in almeno dieci colori diversi per semplificarne il raggruppamento, la codifica ed il riconoscimento nelle prese e nei pannelli di permutazione; chiara indicazione sul connettore del codice colore T568A e/o T568B in modo che possa essere seguito agevolmente durante il montaggio ed in fase di controllo; perfetta identità tra i connettori RJ45 fissati nel pannello di permutazione e quelli utilizzati nelle prese sulle postazioni di lavoro; collaudo in fabbrica di ogni singolo pezzo con attestazione del fabbricante; Cavo di distribuzione orizzontale Le connessioni tra ripartitori e punti di accesso saranno eseguite per mezzo di cavo UTP, 4 coppie twistate in filo di rame, categoria 6, guaina esterna in LSZH (a bassa emissione di fumi e zero alogeni) e fiamma ritardante secondo CEI EN Per garantire un buon margine operativo, il parametro ACR dovrà avere un valore di almeno 31 db a 100 MHz e 19 db a 200MHz. 5.3 Cablaggio verticale Per cablaggio verticale, nel presente documento, si intende il cablaggio tra i piani dello stabile. La connessione tra i piani dovrà essere realizzata mediante cavo RJ45 Cat.6. La connessione tra gli switch Layer3 dovrà essere effettuata mediante cavo RJ45 Cat.6, e dovrà essere anche realizzato un link di backup con cavo RJ45 Cat. 6. La dorsale dovrà essere realizzata mediante connessione tra lo switch del piano primo e lo switch collocato nell'armadio principale al piano secondo. Tutte le connessioni alla dorsale dovranno essere intestate su patch panel, e dal patch panel allo switch con una bretella. 5.4 Infrastrutture ausiliarie Canalizzazioni di edificio e di piano La topologia della distribuzione orizzontale sarà di tipo stellare, con concentrazione delle linee d utente nei locali tecnici su permutatori per cavi in rame. Il percorso dal centro stella alla presa d utente avverrà in apposite canalizzazioni, da realizzare, nei corridoi in alto (al di sopra dei tubi dell impianto di riscaldamento) e nelle stanze. Qualora sia necessario un tratto ascendente o discendente per raggiungere le prese ai piani Pagina 8 di 24

9 inferiori e superiori rispetto alla collocazione del centro stella si dovranno utilizzare le canalizzazioni verticali che ospitano anche i cavi di dorsale. Al fine di assicurare un adeguato grado di esecuzione d'impianto, tutte le tratte di canalizzazione dovranno essere effettuate con l'utilizzo di componenti prestampati della stessa linea del prodotto già in essere. La canala, dotata di coperchio, sarà rispondente alle norme CEI In particolare dovrà essere di PVC, dimensionata in base ai flussi di cavi che ospiterà ma garantendo comunque un ulteriore disponibilità di spazio utile all'interno pari almeno al 50% del totale. Ogni componente della canalina dovrà essere provvisto di tutti gli accessori di messa a terra secondo le normative vigenti. Le canalizzazioni verticali dovranno essere di PVC e dimensionate in base ai flussi di cavi che ospiteranno e dovranno garantire comunque un'ulteriore disponibilità di spazio utile all'interno pari almeno al 50% dello spazio totale Canalizzazioni nei locali La distribuzione delle prese tra i piani degli edifici e la loro esatta collocazione sarà determinata in sede di realizzazione su indicazione del Direttore dei lavori, con un punto rete con connettore dati in ogni stanza. All interno delle stanze i cavi dovranno essere stesi mediante canalizzazione in PVC, salvaguardando il più possibile l estetica dei locali. Le canaline dovranno essere in grado di mantenere il raggio di curvatura entro i limiti stabiliti dalla normativa EIA/TIA569 (2.59 cm max). I coperchi delle canaline dovranno poter essere rimossi solamente con l aiuto di attrezzi (anti manomissione) Permutatori per cavi in rame Nei centri stella verranno utilizzati permutatori per l attestazione dei cavi a 4 coppie UTP provenienti dai posti di lavoro. Tramite bretelle saranno possibili le permutazioni verso gli apparati attivi. Il singolo modulo permutatore avrà una struttura modulare in lamiera metallica verniciata, con la parte frontale provvista di supporto per rack 19 e predisposizione per 24 connettori modulari. Le prese dovranno essere di tipo RJ45 di Cat. 6 modulari, conformi alla normativa ISO/IEC Per cercare di limitare al massimo la tipologia di materiali e per aumentare nel contempo le caratteristiche della diramazione, si ritiene indispensabile che il connettore RJ45 impiegato sia identico a quelli installati sulle prese d utente, le cui caratteristiche sono state precedentemente trattate. Nel realizzare le connessioni dei cavi utente ai permutatori nei centri stella dovranno essere rispettate le raccomandazioni relative al raggio di curvatura del cavo che non deve mai essere inferiore a 25mm circa, pari a quattro volte il diametro esterno del cavo stesso. I connettori e i supporti dovranno essere identificati con un codice alfanumerico, in modo tale da poter individuare con facilità la posizione della presa corrispondente (piano, area di lavoro). La stessa numerazione dovrà essere riportata sulla presa permutatore corrispondente. Il pannello guida permute sarà realizzato con canali fessurati in PVC applicati su una lamiera metallica adatta per essere installata su strutture da 19, e verrà installato parallelamente sotto ogni modulo permutatore per un corretto incanalamento delle bretelle di raccordo. Pagina 9 di 24

10 5.4.4 Bretelle di permutazione A corredo di ogni modulo permutatore dovranno essere compresi un pannello guida permute e le bretelle necessarie all attestazione dei cavi agli apparati o ad altre tratte di cavo, secondo la configurazione di progetto utilizzata. Le bretelle di raccordo saranno costituite da un cavo flessibile a 4 coppie UTP rispondente alla categoria 6 dotato alle due estremità di connettori RJ45 Cat. 6E per la completa connettorizzazione delle 4 coppie binate. Le caratteristiche dovranno essere le stesse del cavo utilizzato per le linee utente eccetto che, trattandosi di bretelle, dovrà essere utilizzato del cavo trefolato. I Jack per trasmissioni dati dovranno superare i criteri prestazionali descritti dalla normativa FCC parte 68, paragrafo F e UL1863. La normativa FCC parte 68 tratta le dimensioni fisiche dell interfaccia, includendo la doratura di 1,27µm sui contatti, lo sforzo alla trazione che la presa RJ45 e il plug devono sopportare (100 grammi) e il massimo sforzo consentito per l inserimento del plug nel jack (2,2Kg). Le normative EIA/TIA 568B specificano inoltre le prestazioni meccaniche che i jack devono offrire, come l affidabilità, le prestazioni relative all ambiente e le prestazioni elettriche come la diafonia, l attenuazione, il return loss e la resistenza in corrente continua. Dovranno essere inoltre conformi allo standard CEI/IEC che riconosce tre livelli prestazionali: Livello A 750 cicli; livello B cicli; livello C cicli di inserzione e disinserzione del plug nel jack. Pagina 10 di 24

11 6 Specifiche tecniche 6.1 Apparati passivi Cavi e prese Il cablaggio dovrà essere effettuato con cavo di categoria 6, prese e frutti dovranno essere conformi a quanto indicato negli standard citati Armadi di permutazione I rack di permutazione saranno basati sulla tecnica 19 (482,6 mm) e corredati di due montanti laterali completamente preforati (doppia foratura) con passo multiplo di 1U (44,45 mm.) secondo norma IEC Ciò permetterà un assemblaggio standard sia per quanto riguarda il fissaggio dei permutatori e degli apparati sia per quanto riguarda gli spazi occupati in altezza. I rack saranno di tipo chiuso (armadio rack) e saranno del tipo rack a muro per tutte le installazioni tranne quelle dell'armadio di palazzo (a pavimento). Ogni armadio dovrà essere delle dimensioni tali da ospitare almeno il 30% in più delle postazioni di lavoro da collegare. Gli armadi rack saranno costituiti da una struttura portante in lamiera d acciaio di almeno 2 mm di spessore, unita ad incastri ed imbullonata al tetto e al fondo in modo da essere totalmente smontabile all occorrenza. Il rivestimento superficiale sarà costituito da verniciatura con polvere termoindurente epossidica atossica applicato previo idoneo trattamento fosfatico atto a garantirne l adesione all acciaio. Il disegno della struttura sarà a parallelepipedo simmetrico rispetto al proprio asse, tale da permettere un accoppiamento laterale, anteriore e posteriore di più armadi anche a formare un angolo. Il disegno della struttura inoltre offrirà opportuno spazio libero ai lati dei montanti, in modo da permettere la canalizzazione di cavi rispettando il minimo raggio di curvatura da questi ammissibile. Ciascun armadio deve essere alimentato per mezzo di un adeguata linea elettrica dedicata di sufficiente sezione (2500 W di carico elettrico), derivata dal quadro elettrico di pertinenza e sezionata dal relativo interruttore magnetotermico Armadio a pavimento Gli armadi a pavimento devono essere costituiti da una struttura in lamiera d'acciaio passivata, pressopiegata ed elettrosaldata, basati sulla tecnica rack 19" (482,6 mm) e corredati di due montanti laterali completamente preforati (doppia foratura) con passo multiplo di 1U (44,45 mm). Altezza di circa 210 cm. (45 unità); Profondità minima 85 cm.; larghezza minima 19" (cm 48,26); ingresso cavi di impianto realizzato con tutte le porte chiuse ponendo in comunicazione la canalina passacavi con lo spazio interno dell'armadio; pannelli laterali rimovibili; porta posteriore metallica ed anteriore in plexiglass entrambe complete di serratura a chiave (tipo viro) ed in caso di necessità entrambe devono essere asportabili; pannello di alimentazione frontale con almeno n.1 presa schuko 10A 2P+T (interasse 19mm. diametro Pagina 11 di 24

12 4mm.) e n.1 presa UNEL 2P+T bivalente 10-16A entrambe a 220V - 50Hz; canalina di alimentazione interna posteriore con almeno n. 6 prese di tipo schuko 10A 2P+T (interasse 19mm. diametro 4mm.) ed almeno 6 di tipo UNEL 2P+T bivalente 10-16A; ventilatore superiore fisso; n.2 montanti anteriori e n.2 montanti posteriori con asole 9x9 per il fissaggio degli apparati con viti e dadi in gabbia; n. 2 ripiani, con montaggio anteriore e posteriore, di tipo estraibile per ospitare le apparecchiature per le quali non e' previsto il kit di montaggio a rack; n.3 barre orizzontali corredate di n.3 anelli passacavi ciascuna in posizione posteriore in corrispondenza dei ripiani per la guida dei cavi di alimentazione; l'armadio deve essere corredato di anelli passacavi laterali con fessura anteriore per la guida delle permute lungo l'altezza dell'armadio Armadi a parete Gli armadi a parete devono avere le seguenti caratteristiche: Altezza minima 40 cm.(9 unità) Profondità minima 50 cm larghezza utile minima 19" (cm 48,26); ingresso cavi di impianto dalla parte inferiore e superiore; apertura a tre moduli che consente di migliorare l'accesso per il cablaggio al suo interno; porta anteriore in plexiglass o in vetro tipo antinfortunistico completa di serratura a chiave(tipo viro); pannello di alimentazione frontale con almeno n.1 presa schuko 10A 2P+T (interasse 19mm. diametro 4mm.) e n.1 presa UNEL 2P+T bivalente 10-16A entrambe a 220V - 50Hz; n.2 montanti anteriori e n.2 montanti posteriori con asole 9x9 per il fissaggio degli apparati con viti e dadi in gabbia; n. 1 ripiano, con montaggio anteriore e posteriore, di tipo estraibile per ospitare le apparecchiature per le quali non è previsto il kit di montaggio a rack 6.2 Apparati attivi Come già indicato si ricorda che, a pena di esclusione, tutti gli switch Layer3 dovranno essere prodotti dalla medesima casa produttrice, commercializzati con lo stesso marchio e gestibili remotamente attraverso lo stesso applicativo Alimentazione elettrica degli apparati attivi Si specifica che, a pena di esclusione, tutti gli apparati attivi dovranno essere alimentati da UPS sinusoidali rack mountable con batterie sostituibili a caldo in grado di garantire continuità nell'alimentazione elettrica degli apparati ad essi connessi per almeno 30 minuti in caso di assenza di linea elettrica. Pagina 12 di 24

13 Gli UPS dovranno inoltre garantire meccanismi di segnalazione standard (es. SNMP) sulla rete nel caso di esaurimento della batteria. Per il dimensionamento occorrerà tenere in considerazione, per ogni apparato attivo, la potenza assorbita dall'apparato Si precisa inoltre che il dimensionamento dovrà essere effettuato prendendo in considerazione il 75% della potenza massima erogabile dall'ups, ovvero lasciando un margine di espandibilità del 25%. 7 Condizioni di garanzia e assistenza 7.1 Durata della garanzia La garanzia sul cablaggio deve essere di almeno 5 anni. La garanzia sugli apparati deve essere di almeno 2 anni con intervento on site entro 48 ore lavorative. 7.2 Servizio di Manutenzione e assistenza Per tutta la durata del periodo di garanzia, la ditta aggiudicataria dovrà garantire l'intervento entro 48 ore lavorative. In sede di presentazione dell'offerta, inoltre, le ditte dovranno presentare le condizioni di garanzia e assistenza valide almeno per cinque anni (per il cablaggio) e due anni per gli apparati attivi dalla data di stipula del contratto. Pagina 13 di 24

14 N 1 IMPIANTO ANTINTRUSIONE Per la Biblioteca al piano Primo Centrale con combinatore telefonico di tipo GSM, di tipo ibrido in grado di inviare allarmi sotto forma di messaggi vocali, protocolli di comunicazione digitali per istituti di vigilanza (Contact ID), messaggi di testo SMS. Ogni ingresso sarà in grado di inviare 1 SMS che identifica in chiaro la localizzazione del sensore in allarme. Attivazione e Disattivazione del sistema con radiocomando a FM 433,92 Mhz Protezione delle seguenti zone : 1- Ingresso biblioteca (porta) contatto magnetico e antisfondamento di tipo TX (radiotrasmittente) avente le seguenti caratteristiche tecniche: trasmettitore universale radio FM 433,92 MHz per contatti, con inerziale, portata radio 100m in campo libero, 1 ingresso con codice di allarme differenziato. 2-Balcone (infisso) da proteggere con lo stesso tipo di contatto come sopra, ovvero contro l apertura dell infisso e dallo sfondamento dello stesso. 3-Finestra (infisso) antibagno da proteggere con sensore volumetrico radio avente le seguenti caratteristiche: Rilevatore volumetrico infrarosso da interno via radio effetto tenda per porte e finestre. Portata radio 100 m. Copertura massima 3m. Alimentazione 1 batteria litio 3,6V. 4-Volume biblioteca da proteggere con sensore volumetrico radio avente le seguenti caratteristiche: sensore infrarosso passivo radio FM, portata massima 12 m. Zone sensibili 18 su 4 piani. Frequenza di trasmissione 433,92 MHz. Alimentazione 2 batterie 3,6V litio 5-Protezione centrale di comando con sensore volumetrico filare con le seguenti caratteristiche: sensore volumetrico Doppia Tecnologia Antimask IR+MW (infrarosso + microonda) con snodo. Il sensore verrà posto nelle immediate vicinanze della centrale e da essa alimentato. Sirena interna filare piezoelettrica in policarbonato 12 Vcc da posizionare in prossimità della centrale. Batterie a litio non ricaricabili per sensori e contatti Batteria ricaricabile per centrale da 12 V 2,2 0 2,3 Ah Rilascio Dichiarazione di Conformità Legge 37/08 N 1 IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA Per Portone di ingresso ed area interna adiacente Pagina 14 di 24

15 Centrale nell area della guardiola portineria + quattro telecamere, una esterna al portone, due nell antiingresso, una sul portone di accesso alle scale, composto da: N. 4 Telecamere Ccd Colore N&D 600linee 4-9mm 42 Led Ir Videoregistratore digitale a 4 ingressi video LAN - INTERNET H-264: Hard Disk 500 Gb. Sistema operativo Linux embedded Dual streaming per aumentare le velocità di trasmissione in rete Formato di compressione H.264 Velocità di registrazione fino a 200 immagini/secondo Funzionamento triplex (registrazione, riproduzione e trasmissione immagini in contemporanea) Collegamento in rete TCP/IP Supporta indirizzo IP dinamico Esportazione immagini e log eventi con chiave USB Aggiornamento firmware con chiave USB Multiplexer e controllo brandeggio integrati Notifica tramite Visualizzazione del video in diretta in tempo reale tramite cellulare 3G/GPRS Registrazione pre e post allarme, audio bidirezionale, registrazione su emergenza Alimentatore 12V 1.2 Connettori BNC Cavi per segnale video RG 59 Cavo Alimentazione Sistema 3x1,5 (220 V) Guaina d 12 Cassette raccorderie e accessori Manodopera per installazione, prove e collaudo Training L offerta dovrà comprendere un servizio di training del Personale della Committente. Il periodo dovrà essere sufficiente a consentire al personale, avente una preparazione di base appropriata, la conoscenza: del sistema, del suo esercizio e della sua programmazione con sufficiente confidenza. Prove e collaudo in campo Tutte le apparecchiature oggetto della fornitura saranno sottoposte a collaudo secondo le norme previste dalla Legge. Rilascio Dichiarazione di Conformità Legge 37/08 N. 1 RIPRISTINO VIDEOCITOFONO e/o sostituzione, con apertura tramite pulsante dalla guardiola del portone di ingresso e del portone di accesso alle scale. Rilascio Dichiarazione di Conformità Legge 37/08 Pagina 15 di 24

16 N. 1 POTENZIAMENTO IMPIANTO ELETTRICO Creazione in un aula mancante di prese elettriche di: Postazione di lavoro elettrica composta da una cassette 503 tipo Living previste per l installazione a parete contenente: -n. 1 presa Bivalente 2P+T 220V 10/16A; -n. 1 presa trivalente 2P+T 220V 10/16A. Verifica di funzionalità dell impianto elettrico esistente ed eventuale potenziamento/integrazione (se ritenuti necessari, anche in funzione delle potenze delle nuove attrezzature offerte) in maniera da permettere il funzionamento corretto di tutte le nuove attrezzature da installare nelle aule, con rilascio delle certificazioni previste dalla normativa. (nell offerta tecnica si dovrà specificare l eventuale potenziamento ritenuto necessario) Rilascio Dichiarazione di Conformità Legge 37/08 N 21 SISTEMI INTEGRATI (UNO PER CLASSE) COMPOSTO DA: - KIT LIM COMPLETO DI VIDEOPROIETTORE - SCRIVANIA CON VANO BLINDATO PORTA NOTEBOOK - NOTEBOOK - COPPIA DI CASSE PER LIM - CABLAGGI,COLLEGAMENTI ELETTRICI, CAVETTERIA, PORTACAVI (ANCHE CALPESTABILI) E/O APPENDICE in opera In modo da fornire il sistema perfettamente funzionante. CARATTERISTICHE -N 21 KIT LIM COMPLETO DI VIDEOPROIETTORE. Caratteristiche LIM (caratteristiche tipo HITACHI STARBOARD FX-79E) Lavagna interattiva 79" con proporzioni schermo di 4:3 (é possibile anche fornire una lavagna 16:9 o 16:10 purché abbinata ad un proiettore con il medesimo rapporto nativo), antigraffio. tecnologia : Infrarossi La lavagna deve essere utilizzabile direttamente con le dita oltre che con altri dispositivi di puntamento (pennarello) in dotazione. La lavagna deve essere utilizzabile anche come lavagna bianca scrivibile con pennarelli ad inchiostro cancellabili. software di lavoro : software di gestione in lingua italiana compatibile con Windows XP, windows 7 64 bit prodotto dalla casa produttrice della lavagna Pagina 16 di 24

17 software autore della LIM liberamente installabile su PC personali sia dai docenti che dagli studenti e tale da consentire il maggior livello di interoperabilita con i più diffusi formati digitali; Accessori in dotazione: staffa da parete inclusa. pen Stylus estendibile, pennarello delebile (uso normale lavagna), cancellino (uso normale lavagna) Collegamento a PC tramite cavo USB Caratteristiche video proiet. (caratteristiche tipo NEC UM280X ad ottica ultra corta) tecnologia vdp: LCD contrasto: 3000:1 luminosità: 2800 ANSI Lumen modalita di lavoro: ottica ultra-corta specifico per lim staffa: esterna, a parete, certificata per la sicurezza telecomando durata lampade (ore): 8000 Modo Eco / 5000 Modo Normale/4000 Modo Massima Luminosità accessori: installazione inclusa dell intero kit, con canalizzazione a scomparsa, cavetteria audio video hdmi elettrico e dati a norma rilascio certificazione di conformità impianti così come prescritto dalla legge. CORSO DI ADDESTRAMENTO SU SOFTWARE GESTIONE LIM Si richiede un corso di addestramento per i docenti ed il personale tecnico della scuola sull uso del software di gestione della LIM della durata di almeno 3 ore tenuto da istruttori qualificati - N 21 SCRIVANIE CON VANO BLINDATO PORTA NOTEBOOK Dimensioni (minime): LxPxH 140x70x72h cm Dimensioni (max): LxPxH 180x80x72h cm Vano blindato: Sistema di Alloggiamento per Notebook fino a 17 su intelaiatura metallica chiuso a chiave (saranno fornite due chiavi). Il piano di lavoro del notebook deve portarsi a filo piano cattedra quando il coperchio è completamente aperto. Vano portaoggetti integrato Canalizzazioni: Interna a scomparsa per cavi elettrici, dati ed audio/video Altro: Sistema totalmente integrato con impianto della scuola cavi già collegati a tutte le apparecchiature presenti. La scrivania deve essere ancorata al pavimento. Conformità: Dlgs 626. L. 81/2008. Bassa emissione formaldeide Classe E1 - N 21 NOTEBOOK PRIMARIA CASA (caratteristiche tipo Samsung NP270E5E-X05IT) Sistema operativo: Windows 7/8 Pagina 17 di 24

18 CPU: Intel Core i3-2.4 GHz Memoria RAM: DDR3 SO DIMM 4GB Controller Grafico: Memoria dedicata 1 GB Controller Audio: Integrato Capacità hard disk: 500 GB Unità ottica: DVD Super Multi DL Interfacce: Lettore Card multiformato (Tipologie SD, SDHC, SDXC) Connessioni: N 3 porte USB 2.0 N 1 HDMI N 1 VGA Connettività: Ethernet LAN Gigabit Wireless Tipo wireless LAN b, g, n Tastiera: Italiana Sistema puntamento Touch Pad Webcam Integrata 0.3Mpixel Display 15.6 TFT Retroilluminazione LED Risoluzione 1366x768 Proporzioni 16:9 Bluetooth SOFTWARE AGGIUNTIVO PACCHETTO OFFICE 2013 STANDARD EDU - N 21 COPPIE DI CASSE PER LIM Coppia di altoparlanti monitor amplificati semiprofessionali con supporti per il fissaggio a muro senza subwoofer adatti ad un ambiente di circa 60 mq; Connessione audio analogica, digitale potenza minima 20W RMS per canale; due vie, risposta in frequenza minima da 80Hz - 20 khz Montaggio ai lati della LIM - N 2 STATIVI MOBILI PER LIM CON BRACCIO INTEGRATO (COMPATIBILE CON LE LIM FORNITE) Da installare negli ambienti che saranno indicati e/o dove non sarà possibile fissare a parete le LIM. Struttura in metallo, con possibilità di fissaggio a pavimento (LIM sospesa senza poggiare su pareti) Staffa integrata nello stativo compatibile con tutti i videoproiettori in commercio Base metallica su ruote sistema frenante. N 2 PC DESKTOP Primaria casa (caratteristiche tipo ACER XC 600 DT.SP5ET.007) CPU CORE I7 3.4 GHz Bit 64 bit Pagina 18 di 24

19 RAM HARD DISK SCHEDA VIDEO DEDICATA SCHEDA AUDIO LETTORI INTERNO SOFWARE DI BASE WINDOWS 7/8 PORTE VGA, AUDIO IN OUT, N. 8 USB GB RAM DD GB SATA RPM 2GB INTEGRATA MASTERIZZATORE DVD DL, LETTORE MULTICARD CONNETTIVITA ETHERNET 10/100/1000 SOFTWARE AGGIUNTIVO PACCHETTO OFFICE 2013 STANDARD EDU N 2 MONITOR PC MULTIMEDIALE 22 (caratteristiche tipo Philips 226V4LAB) Dimensioni schermo: mm (21.5 ") Tempo di risposta: 5 ms Luminosità schermo: 250 cd/m2 Risoluzione: 1920 x 1080 Pixels Tipologia display: LED Dimensioni schermo: 54.6 cm Rapporto di contrasto: 1000:1 Rapporto di contrasto (dinamico): :1 Dot Pitch: x mm Formato: 16:9 HDCP: Si Tipologia di retroilluminazione: W-LED Ingresso audio per PC: Si Altoparlanti incorporati: Si Numero di altoparlanti: 2 pezzi Potenza in uscita (RMS): 4 W N 1 MULTIFUNZIONE LASER Primaria casa formato A3 (caratteristiche tipo MP 2501 SP Ricoh ) Tipologia: Stampanti multifunzione Velocità di stampa continua: 25 pagine al minuto Memoria di serie: 1 GB COPIATURA Procedimento di copiatura: Scansione a raggio laser e stampa elettrofotografica Risoluzione: 600 dpi Zoom: Dal 50% al 200% STAMPATURA Pagina 19 di 24

20 Risoluzione: 600 x 600 dpi Interfacce di serie: USB 2.0, Slot SD, I/F host USB, Ethernet 10 base-t/100 base-tx, Ethernet 1000 Base-T SCANNER Velocità di scansione a colori: Max. 50 originali al minuto B/N: Max. 50 originali al minuto Risoluzione Max.: 600 dpi Formato originali: A3, A4, A5, B4, B5, B6 Formato file: TIFF pagina singola, JPEG pagina singola, PDF pagina singola, PDF pagina singola ad alta compressione, PDF-A pagina singola, TIFF multipagina, PDF multipagina, PDF multipagina ad alta compressione, PDF-A multipagina Driver incorporati: Network TWAIN, Utilità scanner Scan to: , Cartella, USB, Scheda SD, SMB, FTP, URL, NCP N 1 MULTIFUNZIONE LASER Primaria casa formato A4 (caratteristiche tipo MFC-7460DN Brother) Tipologia: Stampanti multifunzione Tecnologia di stampa: Laser Mono Funzioni: Stampa/copia/scanner/fax Velocità di stampa: 26 ppm Risoluzione di stampa: 2400x600dpi Risoluzione di scansione: 19,200 dpi Memoria: 32 MB Dimensioni stampa massime: A4 Capacità vassoio: 250 fogli Collegamento: USB, Rete 10/100 ADF: 35 fogli N 6 ESPANSIONE MEMORIA RAM PC GIA IN POSSESSO DELLA SCUOLA Tipologia : CAPIENZA: NOTE: DDR2 PC MHZ 2 GB INSTALLAZIONE ON SITE INCLUSA SOFTWARE N 1 SOFTWARE DI RETE PER LA GESTIONE DEL REGISTRO ELETTRONICO Pagina 20 di 24

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

Linee guida per l azione Scuol@ 2.0

Linee guida per l azione Scuol@ 2.0 Linee guida per l azione Scuol@ 2.0 1. Introduzione al Piano Nazionale Scuola Digitale Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) comprende una pluralità di azioni coordinate, finalizzate a creare ambienti

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano.

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. DUE FILI PLUS Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. Abbiamo aumentato le performance, le distanze, le possibilità di dialogo. Da oggi con la nuova tecnologia Due Fili Plus si

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email :

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : info@sicurezzacsc.it sito : www.sicurezzacsc.it 2 NEXTtec progetta

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori Scanner documenti a colori KV-S5055C - Rilevamento documenti pinzati - Rilevamento ad ultrasuoni foglio doppio - Eccellente meccanismo del rullo. Inserimento documenti misti. Modalità carta lunga. 90 ppm

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE.

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA TUA CENTRALE D ALLARME. LA NOSTRA FILOSOFIA Leader nel settore dei sistemi di sicurezza e domotica, dal 1978 offre soluzioni tecnologiche all avanguardia.

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ 2010 by Orderman GmbH Bachstraße 59, 5023 Salisburgo Austria www.orderman.it Salvo errori e refusi. Non è consentita la copia - anche di estratti - senza l'autorizzazione

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

ADS-2100e Scanner desktop ad alta velocità per l'ufficio

ADS-2100e Scanner desktop ad alta velocità per l'ufficio ADS-2100e Scanner desktop ad alta Alimentatore automatico documenti da 50 fogli Alta qualità di scansione Velocità di scansione 24 ppm automatica fronte-retro Caratteristiche: Alta qualità Lo scanner ad

Dettagli

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI LUGLIO 2012 LISTINO PREZZI Volt CHIAVI IN MANO CON IVA MESSA SU STRADA PREZZO DI LISTINO CON IVA PREZZO LISTINO (IVA ESCLUSA) 44.350 ALLESTIMENTI 1.400,00 42.950,00 35.495,87 SPECIFICHE

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

PROGETTO DI FORNITURA DELLE ATTREZZATURE - ELENCO DEI PREZZI UNITARI -

PROGETTO DI FORNITURA DELLE ATTREZZATURE - ELENCO DEI PREZZI UNITARI - COMUNE DI ARAGONA Provincia di Agrigento Programma Operativo Nazionale FESR Sicurezza per lo Sviluppo obiettivo convergenza 2007-2013 Progetto: INTEGRA - La fabbrica dell accoglienza PROGETTO DI FORNITURA

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Era M & Era MH. I nuovi motori per tende e tapparelle, anche con manovra di soccorso manuale. Compatti e robusti, semplici e pratici da installare.

Era M & Era MH. I nuovi motori per tende e tapparelle, anche con manovra di soccorso manuale. Compatti e robusti, semplici e pratici da installare. Era M & Era MH I nuovi motori per tende e tapparelle, anche con manovra di soccorso manuale. Compatti e robusti, semplici e pratici da installare. Era M Motore tubolare ideale per tende e tapparelle con

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli