Patto dei Sindaci. Un impegno per l energia sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Patto dei Sindaci. Un impegno per l energia sostenibile"

Transcript

1 Patto dei Sindaci Un impegno per l energia sostenibile 1

2 Premessa indice Patto dei Sindaci Un impegno per l energia sostenibile Premessa 3 Il Patto dei Sindaci: cos è e cosa si propone 4 Il ruolo e le azioni della Provincia della Spezia e dei Comuni del territorio 5 La metodologia per costruire la base-line e gli scenari del paese 6 Il clima sta cambiando in tutto il mondo, in alcuni paesi, tra cui il nostro, le istituzioni e le società si stanno attrezzando per affrontare questa sfida, mettendo in campo politiche di riduzione delle emissioni dei gas serra, avviando l adeguamento di strutture e di stili di vita ai cambiamenti dell ambiente e del territorio che inevitabilmente ci saranno. I gas serra, principale causa dell inquinamento e del surriscaldamento globale, tra gli anni 1970 e 2004 hanno registrato aumenti di concentrazioni in atmosfera del 70% (Dati del Fourth Assessment Report dell IPPC: International Plant Protection Convention); la produzione di energia per usi civili ne rappresenta una delle maggiori fonti di emissioni. Un risparmio energetico comporta, quindi, un importante contributo per la tutela e la salvaguardia dell ambiente e per la riduzione del riscaldamento globale, come previsto dagli accordi siglati nella conferenza di Kyoto nel Obiettivo principale della Provincia della Spezia è prevenire i danni del cambiamento climatico. Il nostro impegno deve essere quello di passare dall allarme all azione, dal problema all avvio delle soluzioni da mettere immediatamente in campo per tutelare il presente e il futuro del nostro paese e del territorio. La Provincia della Spezia è caratterizzata da aspetti geografici eterogenei sia sotto il profilo morfologico del territorio, sia per la varietà delle forme antropiche che lo caratterizzano e lo modificano. Si passa dalla realtà marinara del Golfo e della Riviera, dove l accesso al mare è tipicamente caratterizzato delle costiere rocciose, a picco sul mare, alle colline lunensi della bassa val di Magra, che si inerpicano lentamente verso le Alpi Apuane, ai monti dell entroterra, solcati dalla val di Vara, dalle vallate trasversali e che formano una sorta di spina dorsale del territorio. Il territorio provinciale spezzino, in linea di massima si suddivide in quattro sistemi insediativi differenti con una popolazione, residente al 2008, ripartita nel seguente modo: Golfo della Spezia (detto anche Golfo dei Poeti) abitanti Riviera Spezzina e Cinque Terre abitanti Val di Magra abitanti Val di Vara abitanti per un totale di circa abitanti. Il software ecogis 9 Il censimento energetico degli edifici pubblici 12 L illuminazione pubblica 17 Sintesi delle schede PAES comuni 18 Il consumo energetico della Provincia della Spezia 19 Conclusioni 23 3

3 Il Patto dei Sindaci: cos è e cosa si propone 1 2 Il ruolo e le azioni della Provincia della Spezia e dei Comuni del territorio internazionale ai temi legati all ambiente è iniziata nel 1992 con la Conferenza internazionale di Rio sull ambiente e lo sviluppo, dove oltre 150 paesi hanno riconosciuto firmando la convenzione sul clima L attenzione l importanza di modificare il proprio comportamento per evitare cambiamenti climatici globali. Questi temi sono stati ulteriormente discussi durante la conferenza di Kyoto del 1997, che è terminata con la sottoscrizione di un trattato internazionale, che impegna i paesi firmatari a contenere le emissioni di CO2 entro il 95% delle emissioni all anno Il trattato di Kyoto è stato rivisto varie volte fino ad entrare in vigore nel 2004, dopo essere stato firmato da un numero di paesi che corrisponde almeno al 55% delle emissioni. La Provincia della Spezia in data 6 ottobre 2009 è stata riconosciuta da parte dell Unione Europea struttura di supporto locale del Patto ed in tale veste fornisce supporto ai Comuni che lo hanno sottoscritto. Al Patto dei Sindaci hanno aderito tutti i Comuni del territorio provinciale spezzino, compreso il Comune capoluogo con percorso parallelo. Per guidare i Comuni nella preparazione del proprio Piano di Azione per il raggiungimento degli obiettivi del Patto dei Sindaci, la Provincia della Spezia ha svolto un intenso e capillare lavoro d informazione fornendo un valido contributo alle Amministrazioni comunali del comprensorio che si apprestano ora alla preparazione del proprio Piano di Azione come previsto dal Patto dei Sindaci. Il 29 Gennaio 2008, nell ambito della seconda edizione della Settimana europea dell energia sostenibile (EUSEW 2008), la Commissione Europea ha lanciato il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), un iniziativa per coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale e che si svilupperà in collaborazione con il Comitato delle Regioni. Gli obiettivi ambiziosi che l Europa si è data per ridurre le emissioni di gas serra possono essere realizzati solo attraverso lo sforzo congiunto e convinto degli enti locali e regionali. Questa nuova iniziativa, su base volontaria, impegna le città europee a predisporre un Piano di Azione con l obiettivo di ridurre le proprie emissioni di CO 2 del 20% entro il 2020 aumentando nel contempo del 20% il livello di efficienza energetica e del 20% la quota di utilizzo delle fonti di energia rinnovabile sul totale del mix energetico. Per raggiungere questo obiettivo, le autorità locali si impegnano a: 1. Preparare un Inventario delle emissioni (BEI Baseline Emission Inventory). 2. Predisporre, entro l anno successivo alla loro adesione ufficiale al Patto dei Sindaci, un Piano d Azione dell Energia Sostenibile (PAES o SEAP) approvato dal Consiglio Comunale che delinei le misure e le politiche che verranno sviluppate per realizzare i loro obiettivi. 3. Pubblicare regolarmente - ogni 2 anni dopo la predisposizione del loro PAES - un report di attuazione che riporti il grado di avanzamento della realizzazione dei programmi e i risultati provvisori. 4. Promuovere le loro attività e coinvolgere i propri cittadini, includendo le organizzazioni, per la realizzazione di Giornate dell energia locale. 5. Diffondere il messaggio del Patto dei Sindaci, in particolare incoraggiando le altre autorità locali ad aderirvi e contribuendo alla realizzazione di eventi (Cerimonia annuale del patto dei Sindaci e workshop tematici). In caso di mancata presentazione nei termini prestabiliti dei diversi documenti tecnici (PAES) e report di attuazione), i firmatari accettano la fine dell adesione al Patto dei sindaci. La Commissione europea sostiene l autorità locali coinvolte nel Patto dei Sindaci offrendo visibilità pubblica ed ha inoltre commissionato la creazione di aiuti finanziari e appoggio politico al livello di Unione Europea. 4 5

4 3 La metodologia per costruire la base-line e gli scenari del paese Gli obiettivi Gli obiettivi specifici che il Comune si è posto, in sede di redazione del PAES, sono schematizzabili in: Analisi energetico-ambientale del territorio e delle attività che insistono su di esso, tramite ricostruzione del bilancio energetico e predisposizione inventario delle emissioni di gas serra e altri inquinanti. Valutazione del potenziale di riduzione dei consumi energetici finali nei diversi settori di attività e del potenziale di incremento della produzione locale di energia da fonti rinnovabili o altre fonti a basso impatto; Definizione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile: individuazione degli obiettivi di medio termine di incremento dell efficienza del sistema energetico locale e delle linee strategiche di intervento atte a conseguirli; definizione delle azioni da intraprendere con diversi livelli di priorità; identificazione e analisi degli strumenti più idonei per la realizzazione degli interventi individuati. La strategia di analisi e simulazione messa in atto ha il vantaggio, attraverso un approccio multiplo (top-down e bottom-up), da un lato di validare i risultati di bilancio con maggiore sicurezza e, dall altro, di consentire la simulazione e valutazione degli interventi di risparmio calibrati quantitativamente. Il bilancio energetico e l inventario delle emissioni Il PAES si suddivide in due parti: 1. una prima dedicata alla ricostruzione della baseline di partenza, aggiornata al una seconda relativa alla costruzione degli scenari di evoluzione di consumi ed emissioni al Scopo della prima fase di analisi è la conoscenza e descrizione approfondita del sistema energetico locale e cioè della struttura della domanda e dell offerta di energia sul territorio del Comune. Da ciò deriva la possibilità di indirizzare opportunamente le nuove azioni e le nuove iniziative finalizzate all incremento della sostenibilità del sistema energetico nel suo complesso. Essa permette infatti di: 1. valutare l efficienza energetica del sistema; 2. evidenziare le tendenze in atto e supportare previsioni di breve e medio termine; 3. individuare i settori di intervento strategici. L approccio metodologico seguito può essere sinteticamente riassunto nei punti seguenti: quantificazione dei flussi di energia, sia sul lato della domanda che dell offerta, con la ricostruzione della loro evoluzione temporale, della loro distribuzione fra i diversi vettori energetici, della loro distribuzione tra i diversi settori di consumo e della loro ripartizione territoriale; ricostruzione dell evoluzione delle emissioni di gas climalteranti e altri inquinanti. Il primo passo per la definizione del bilancio energetico consiste nella predisposizione di una banca dati relativa ai consumi o alle vendite dei diversi vettori energetici, con una suddivisione in base alle aree di consumo finale. Questa banca dati può essere la base per la strutturazione di un Sistema informativo energetico-ambientale comunale. Il livello di dettaglio realizzato per questa prima analisi riguarda tutti i vettori energetici utilizzati e i settori di impiego finale: usi civili (residenziale e terziario), industria, agricoltura e trasporti. Tuttavia le linee guida definite dalla Commissione europea definiscono la possibilità di non considerare, nella valutazione della quota di riduzione, quanto attribuito al settore industriale poiché, non facilmente influenzabile dalle politiche comunali. Le analisi settoriali La ricostruzione storica del bilancio energetico, benché indispensabile per delineare le componenti principali che influenzano l evoluzione del sistema energetico del territorio in esame e delle corrispondenti emissioni di gas di serra, non fornisce generalmente gli elementi sufficienti per proiettare l analisi nel futuro, anche in relazione all identificazione di interventi di efficientizzazione. È necessaria, a tal fine, l analisi sia delle componenti socio-economiche che necessitano l utilizzo delle fonti energetiche, sia delle componenti tecnologiche. Le analisi sono state realizzate mediante studi di settore, ed in casi particolari, in base a quanto emerso dall evolversi del quadro conoscitivo. Il settore residenziale e il terziario pubblico Tra i settori analizzati vi è il settore residenziale, quello dell edilizia pubblica e dell illuminazione pubblica, il settore terziario, quello produttivo e dei trasporti. Per quanto riguarda il settore residenziale lo studio prevede un analisi delle caratteristiche termo-fisiche degli edifici. A completamento di questa analisi prettamente legata all involucro edilizio, sono stati individuati i rendimenti impiantistici medi. Questo tipo di analisi ha consentito di ricostruire il fabbisogno energetico con una procedura bottom-up, che è stato poi calibrato con i consumi ricavati nel bilancio energetico mediante la procedura top-down. Questa 6 7

5 4 Il software ecogis metodologia ha consentito di modellizzare l intero patrimonio edilizio. In fase di costruzione del Piano d Azione sono stati valutati, inoltre, i risparmi derivanti dallo svecchiamento di elettrodomestici e tecnologie a bassa efficienza e più datati. Un particolare approfondimento ha riguardato i beni gestiti direttamente dall Amministrazione comunale, in particolare l edilizia pubblica e l illuminazione pubblica (vedi capitoli 5 e 6). Il settore trasporti Per quanto riguarda i trasporti, è stata sviluppata un analisi che, a partire dalla domanda di mobilità, dalle modalità di spostamento e dal parco veicoli circolanti, è risalita ai consumi di carburanti. L analisi è stata focalizzata, in particolare, al trasporto nelle aree di maggior competenza da parte del Comune. In questo senso è stato costruito un modello di simulazione. Il modello costruito per l analisi dei consumi nel settore trasporti è un modello bottom-up in cui i dati in input sono costituiti dal numero di abitanti e veicoli per isola censuaria (porzioni di territorio in cui è disaggregato da Istat il territorio comunale complessivo). L analisi è stata limitata alle percorrenze interne al nucleo comunale, senza considerare la quantità di km o i consumi di combustibili annettibili alla percorrenza su strade fuori dal territorio comunale. La definizione di scenari virtuosi Partendo dai risultati dell analisi del sistema energetico, è stata sviluppata una ricognizione delle risorse disponibili a livello locale, sia sul lato dell offerta di fonti energetiche direttamente impiegabili, sia sul lato dei margini di recupero e risparmio nei diversi settori di attività, al fine di individuare e quantificare scenari alternativi o virtuosi di efficientizzazione del sistema raggiungibile mediante l applicazione di iniziative nei vari settori. Tali scenari sono chiaramente compatibili con la fattibilità tecnica degli interventi. I dati ottenuti dai Piani d Azione per l Energia Sostenibile, con particolare riferimento alle tabelle riassuntive fornite alla Commissione Europea relativamente alla strategia generale, all inventario delle emissioni, e al monitoraggio della realizzazione delle azioni, sono stati inseriti in un database informatico Audit GIS, mirato a creare un catasto on-line delle informazioni raccolte, così da renderle accessibili anche al pubblico mediante un sistema di rappresentazione georeferenziata (GIS, Geographical Information System), ovvero mediante mappe interattive. Audit GIS è uno strumento basato su web rivolto agli enti pubblici che intendano monitorare le emissioni di CO 2 e migliorare l efficienza energetica del patrimonio pubblico. Utilizzando una piattaforma semplice e intuitiva è possibile censire consumi energetici ed emissioni di edifici, traffico, industrie, agricoltura, ecc. e indicarne la posizione geografica. L applicativo, utilizzando un flessibile strumento di simulazione, consente ai responsabili della pianificazione energetica di combinare differenti azioni volte a ridurre le emissioni di CO2 e valutare l efficacia in diversi scenari. Audit GIS permette di: contribuire alla divulgazione dei dati ottenuti e dei risultati raggiunti; promuovere le buone azioni di risparmio energetico. elaborare il consumo energetico degli ultimi 5 anni, in base alle bollette elettriche e termiche raccolte; convertire automaticamente i consumi in emissioni di CO 2 e visualizzare i valori ottenuti sia a livello provinciale che comunale; ECOGIS: architettura ANALISI E MONITORAGGIO PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE L orientamento generale che si è seguito nel contesto del governo della domanda di energia, si basa sul concetto delle migliori tecniche e tecnologie disponibili, tenendo comunque presente i parametri di convenienza economica. Nel settore civile, ad esempio, sono stati valutati i possibili interventi volti alla realizzazione di un parco edilizio più efficiente. Per quanto riguarda il settore dei trasporti sono stati valutati i risparmi derivanti dallo svecchiamento del parco veicolare attestato al 2008 nel corso degli anni fino al Sul lato dell offerta di energia si è data priorità allo sviluppo e alla diffusione delle fonti rinnovabili. Inserimento e gestione dati Schede edifici Consumi elettrici e termici Sensori ambientali Emissioni traffico Parametri di conversione DATABASE SIMULAZIONE E DOCUMENTAZIONE Simulazione effetto interventi Archiviazione dati Confronto tra interventi in date diverse Stampa tabelle Patto dei Sindaci 8 9

6 collocare gli edifici su una base cartografica comunale per evidenziare le caratteristiche e dati statistici quali: tipologia costruttiva edificio, destinazione d uso, classe energetica, consumi elettrici e termici specifici e totali; effettuare simulazioni tra i PAES per valutare quali azioni adottare; censire consumi energetici ed emissioni di edifici, traffico, industrie, agricoltura, ecc. e indicarne la posizione geografica; un rapido confronto dei risultati ottenuti e degli obiettivi raggiunti; una rapida e immediata consultazione dei dati ottenuti sia da parte delle amministrazioni pubbliche che dei singoli cittadini. Parte del portale consente di inserire e gestire i dati relativi agli edifici pubblici del proprio territorio. Per ciascun immobile analizzato è possibile infatti visualizzare una scheda che riporta le seguenti categorie di informazioni: Anagrafica e destinazione d uso dell edificio; Caratteristiche tipologiche e costruttive; Descrizione degli impianti termici ed elettrici presenti e relativi consumi basati su una indagine di tre anni; Immagini e foto raccolte nei sopralluoghi. L applicativo, inoltre, utilizzando un flessibile strumento di simulazione, consente di combinare differenti azioni volte a ridurre le emissioni di CO 2 e valutare l efficacia in diversi scenari. L obiettivo di EcoGIS è quello di fornire ai Comuni, che hanno aderito al Patto dei Sindaci, o che comunque intendono definire una strategia di sviluppo rispettosa dell ambiente, uno strumento semplice ed efficace per gestire i dati e simulare e valutare diversi scenari di sviluppo

7 5 Il censimento energetico degli edifici pubblici La situazione emersa dall analisi dei consumi energetici dei singoli comuni della Provincia è quella tipica dei comuni di medio-piccole dimensioni in cui i consumi risultano prevalentemente ascrivibili al settore residenziale. In media il settore residenziale attesta un consumo che incide per più della metà sul bilancio complessivo comunale. Emerge inoltre che il patrimonio immobiliare pubblico dei Comuni della Provincia della Spezia, in gran parte edificato (oltre il 63% del totale esaminato) prima del 1976, anno dell entrata in vigore della legge 373, manifesta evidenti carenze di tipo prestazionale-energetico su cui è necessario intervenire. i cui dati inseriti nel database informatico, hanno contribuito ad implementare e integrare le informazioni ottenute nei Piani d Azione per l Energia Sostenibile. L iniziativa, attuata tramite il metodo dell Audit energetico, ha permesso di ottenere un quadro generale dello stato di salute degli edifici censiti. L Audit energetico si suddivide in due fasi: audit leggero e audit di dettaglio In sintesi si evince che nella maggior parte dei comuni il settore residenziale incide in misura maggiore rispetto ad altri settori, perciò la corretta attuazione dei PAES rappresenta un tassello fondamentale della politica climatica provinciale. Per ridurre le emissioni derivanti dai fabbricati, è stato realizzato un censimento energetico degli edifici pubblici Comunali, Grafico 1: consumi di energia per settori di attività (2008) Settore trasporti: Il dato di consumo del settore dei trasporti include solo le vendite lungo la rete ordinaria. Settore industriale: I dati dei consumi relativi al settore industriale sono stati ricavati utilizzando i dati contenuti nei PAES dei singoli comuni e dal PEC del Comune della Spezia. Il consumo complessivo risulta essere inferiore a quanto previsto, e a quanto risulta attraverso altri studi e documenti, poiché nel bilancio non è inclusa la centrale Enel E. Montale e quelle attribuibili al Porto, facendo questa parte dell Emission Trading System (ETS) e quindi sottostante a un altro sistema di calcolo e valutazione delle emissioni (e quindi dei consumi). Per il calcolo dei vettori energetici utilizzati nel comparto industriale si è invece utilizzato, attraverso un approccio top-down, il mix energetico nazionale dal Rapporto Energia e ambiente 2008 redatto dell ENEA

8 Audit leggero La fase di Audit Leggero consiste in una campagna di raccolta dati relativi ai consumi energetici, alla tipologia del sistema degli impianti - elettrico e idraulico - alla tipologia costruttiva, ai caratteri geometrico-dimensionali, alla destinazione d uso, alla collocazione geografica e alla datazione degli immobili parte del patrimonio pubblico. Dall acquisizione dei dati rielaborati nella fase di audit leggero è possibile procedere ad una classificazione degli edifici esaminati sulla base del consumo energetico per la climatizzazione invernale e la produzione di acqua sanitaria e a una classificazione in funzione dell anno di edificazione riferito ai principali passaggi normativi. Da questa prima fase di lavoro, ad oggi conclusa, è stato possibile procedere ad una classificazione degli edifici esaminati e all individuazione di un numero di edifici campione su cui approntare il processo metaprogettuale di retrofit energetico e ambientale e su cui impostare un piano di Audit di Dettaglio. Sintesi del Progetto FASE Preliminare FASE A Elenco edifici e reperimento dati consumi Indagine conoscitiva o audit leggero Formazione Personale Formazione Personale Audit di dettaglio La fase successiva, audit di dettaglio, consiste in un approfondimento dell analisi effettuata sugli edifici in sede di audit leggero e prevede una simulazione delle prestazioni energetiche del sistema involucro-impianti. Rileva le carenze tecniche degli edifici dal punto di vista del consumo energetico, Analizza la qualità dell involucro dell edificio, le prestazioni energetiche degli involucri esistenti e le possibilità della loro implementazione, Verifica le prestazioni termoigrometriche delle partizioni esistenti per l adeguamento prestazionale dell involucro, etc. L audit di dettaglio fornisce gli elementi conoscitivi relativi agli interventi di efficienza energetica realizzabili sugli edifici analizzati, indicando la strada del contenimento delle emissioni di CO 2 come richiesto dal protocollo di Kyoto. È, in definitiva, lo strumento tramite il quale è possibile definire un Piano d Azione sul proprio patrimonio. Inserimento dei dati nel softwear ECOGIS, ottenuti dalla campagna di audit. Elaborando i dati inseriti, il software ha prodotto statistiche sia a livello provinciale che comunale su: - tipologia costruttiva edificio; - destinazione d uso; - classe energetica; - CO 2 specifica emessa; - cosumi riscaldamento; - consumi riscaldamento specifici; - consumi elettrici; - consumi elettrici specifici; - consumi totali. FASE B Scheda edificio Censimento edilizio Comune Criteri selettivi Audit di dettaglio e audit impiantistico Mappatura Involucro Termico Elettrico Analisi tecnico-economica tempi di ritorno degli interventi previsti Formazione Personale Per ciascuna statistica sono disponibili un filtro di interrogazione che consente di scegliere l ambito territoriale di riferimento, una tabella dati (esportabile su foglio di calcolo), un grafico esplicativo ed una mappa rappresentativa dell area. Mappe e grafici sono interattivi, per cui cliccando sulla cartina si aprirà una finestra di mappa con i dati della statistica prescelta. Una volta aperta la finestra di mappa, la statistica e l ambito territoriale saranno configurabili anche sulla mappa direttamente, oltre che attraverso le normali funzioni di navigazione. Inoltre, a livello comunale, è possibile aprire la scheda di dettaglio di ogni edificio cliccando sulla mappa. I dati sui consumi energetici, inseriti a partire dalle effettive quantità di energia utilizzate, vengono quindi convertiti in tonnellate equivalente petrolio (TEP) ed in kilogrammi di CO 2, utilizzando una tabella di conversione standardizzata. Questo permette un confronto delle emissioni e dei consumi tra i vari edifici e tra i vari comuni

9 5 L Illuminazione pubblica Il censimento energetico degli edifici pubblici La La Provincia della Spezia si è inoltre impegnata nell affiancare i Comuni del territorio nelle procedure necessarie al riscatto delle reti di illuminazione pubblica. Nel territorio provinciale spezzino si contano circa punti luce, di cui solo il 43% di proprietà delle amministrazioni comunali, mentre il restante 57% risultano di proprietà di Enel SO.LE. In considerazione della situazione normativa vigente la Provincia della Spezia sta supportando i Comuni nel processo di riscatto dei punti luce presenti sul territorio, accompagnandoli in una prima fase di censimento e audit energetico degli stessi grazie alla collaborazione con ENEA del progetto Lumière. L audit energetico è un documento che consiste nell analisi dello stato di fatto di un impianto d illuminazione pubblica. I dati ottenuti verranno anch essi inseriti nel software EcoGIS, così da poter monitorare i consumi energetici degli stessi in tempo reale. Si stima che interventi di efficientamento energetico nel settore dell illuminazione (pubblica - industriale e residenziale) potrebbero comportare una riduzione del 30-40% degli attuali consumi. Appare evidente il vantaggio che ne deriverebbe per l intero sistema Provincia, sia in termini di energia risparmiata sia in termini di CO 2 non emessa in atmosfera. Inoltre attraverso il progetto Lumiere di ENEA, sono stati fornirti ai Comuni Manuali di facile consultazione nei quali vengono affrontati, nella forma di singoli Report, gli aspetti cognitivi, economici, finanziari, contrattuali e realizzativi che caratterizzano ed interagiscono nei processi di riqualificazione. Il Progetto, che si rivolge in primo luogo ai Comuni, ha quale obiettivo principale quello di promuovere e facilitare la realizzazione d interventi di riqualificazione energetica degli impianti e dei sistemi d illuminazione stradale delle aree comunali attraverso l identificazione, sviluppo, sperimentazione e diffusione di un modello d illuminazione pubblica efficiente che possa essere facilmente replicato. Audit leggero: scheda web edifici 16 17

10 6 Sintesi delle schede paes dei comuni 7 Il consumo energetico della Provincia della Spezia principale del Patto dei Sindaci è la riduzione di CO2 di una quota pari, almeno al 20% entro il 2020, azione che spesso viene definita come 20/20/20. Alcune amministrazioni, si sono impegnate ad abbattere L obbiettivo ulteriormente le emissioni di CO2, prevedendo una percentuali di riduzione superiore al 20%. La tabella qui presente, suddivisibile in due parti, descrive in maniera sintetica ed esaustiva la situazione attuale di ogni Comune aderente al Patto. La prima parte riguardante il consumo e la produzione rispettivamente di energia e CO2 del Comune espressi in Megawattora [Mwh] e tonnellate [t]. Nella seconda vengono evidenziati gli obiettivi di risparmio energetico, di produzione locale di energia rinnovabile e di riduzione di Co2 al Obbiettivo generale di riduzione CO 2 entro il 2020 Consumo energetico Finale [MWh] Emissioni equivalenti di CO 2 [t] Produzione locale di elettricità [MWh] Obiettivo di risparmio energetico [MWh]nel 2020 Obiettivo di produzione locale di energia rinnovabile [MWh] nel 2020 Obiettivo di riduzione di CO 2 [t] nel 2020 AMEGLIA 21% , ARCOLA 21% , BEVERINO 20% , , BOLANO 22% , , BONASSOLA 20% , , BORGHETTO DI VARA 20% , ,3 395,96 BRUGNATO 20% , ,5 595 CALICE AL CORNOVIGLIO 20% , , CARRO 20% , , CARRODANO 28% ,9 288 CASTELNUOVO DI MAGRA 20% , DEIVA MARINA 20% , ,1 688 FOLLO 20% , , FRAMURA 20% , , ,5 LERICI 21% , , LEVANTO 20% , MONTEROSSO AL MARE 21% ORTONOVO 21% , , PIGNONE 22% , ,4 225 PORTO VENERE 20% ,448 23, , RICCO' DEL GOLFO 20% RIOMAGGIORE 22% ROCCHETTA DI VARA 28% , , SANTO STEFANO DI MAGRA 20% , SESTA GODANO 29% , In questo capitolo vengono descritti i consumi energetici relativi all anno 2008 della provincia della Spezia. In particolare sono stati analizzati dati relativi a: popolazione residente, per avere un quadro generale che possa fungere da base per eventuali proiezioni sullo stato demografico futuro del territorio; bilancio globale dei consumi del territorio, espresso in MWh, utile per avere una visione d insieme dell energia utilizzata, con un focus particolare su settori di attività e vettori energetici utilizzati; analisi del settore residenziale, con approfondimenti relativi alle abitazioni e ai loro consumi sulla base dell epoca di costruzione, al fabbisogno energetico per riscaldamento, produzione di acqua calda sanitaria ed elettricità; quantificazione del fabbisogno energetico nel settore terziario, suddiviso tra terziario pubblico e terziario privato; stima dei consumi nel settore del trasporto privato, con analisi del parco autovetture suddiviso per classe Euro e tipologia di carburante utilizzato. Sulla base dei calcoli di seguito descritti è stato possibile proporre degli interventi per mitigare consumi energetici ed emissioni di anidride carbonica, come specificato nei capitoli successivi. Il bilancio globale della Provincia della Spezia Nel 2008 in provincia della Spezia sono stati consumati GWh circa di energia. Il consumo pro capite ammonta dunque a 17,22 MWh. I settori maggiormente energivori sono quello dei trasporti con MWh, quello residenziale con un consumo di MWh, e quello industriale, i cui consumi sono stati stimati pari a MWh. Le tabelle indicano le vendite nella rete distributiva della provincia della Spezia. A differenza della tabella che compare a pagina 13 i consumi del settore dei trasporti risultano superiori di quelli del settore residenziale: questo cambiamento è dovuto al fatto che la prima tabella si riferisce, così come previsto dalla Comunità Europea nelle linee guida di redazione dei PAES, al dato escluso il carburante (benzina, gasolio, gpl) venduto lungo l autostrada e carburante venduto extra-rete. Nel caso delle vendite di gasolio la tabella comprendente la quota extra rete, non sono invece incluse le vendite relative al settore residenziale (riscaldamento e produzione ACS) e quello agricolo. Per quanto riguarda invece il GPL, i dati riguardanti disponibili, reperiti in rete sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, riguardano le vendite autotrazione rete e autotrazione. Accostando queste percentuali con i dati ritrovati in letteratura, emerge come esse siano confrontabili alle medie europee. EUROSTAT infatti ha calcolato per l anno 2008 un consumo energetico in percentuale (riferito all UE-27) del settore residenziale pari al 25% del totale, dei trasporti pari al 32% e dei servizi (settore terziario pubblico e privato) del 12%. In Europa l industria incide invece per il 27% sui consumi energetici totali. VARESE LIGURE 20% , ,6 645 VERNAZZA 20% VEZZANO LIGURE 20% , ZIGNAGO 20% ,9 717

11 Energia elettrica Gass naturale Biomassa GPL Gasolio Benzina Olio combustibile Carbone Coke Carboturbo Gas derivati Altri solidi Gas residui di raffinazione Altri prodotti petroliferi Grafico 3: Elaborazione Ökoinstitut Südtirol/Alto Adige su dati Ambiente Italia e Ministero dello Sviluppo Economico Diverso è il quadro delle emissioni suddivise a seconda del settore di attività: Grafico 2: Elaborazione Ökoinstitut Südtirol/Alto Adige su dati Ambiente Italia, ISTAT e Ministero per lo Sviluppo Economico Il vettore energetico maggiormente diffuso è il gas naturale, seguito da gasolio e benzina. Settore trasporti: Il dato di consumo del settore dei trasporti risulta invece essere superiore a quello residenziale poiché nella versione finale sono state incluse anche le vendite di gasolio, benzina e GPL nella rete autostradale e quelle cosiddette extrarete (esclusi gli usi per riscaldamento, ACS e agricoltura). Nel grafico 1 invece erano state incluse solo le vendite lungo la rete ordinaria. Nella voce Altro sono inclusi vettori poco utilizzati o utilizzati solo in determinati settori come carboturbo, gas derivati dai processi industriali, gas residui di raffinazione e altri solidi. Le emissioni della Provincia della Spezia Baseline Emission Inventory (BEI) Il tema delle emissioni di anidride carbonica è fondamentale per avere un quadro complessivo del bilancio energetico di un determinato territorio e per poter decidere dove intervenire per ridurre le emissioni stesse. Sulla base dei dati fornitici, è stato possibile calcolare una stima della quantità di CO 2 emessa nell anno 2008 a seconda dei diversi vettori energetici. Il totale delle emissioni di anidride carbonica stimate per l anno 2008 è pari a t CO 2. Le emissioni pro capite nel territorio spezzino risultano essere dunque pari a 4,66 t CO 2. Il calcolo delle emissioni è stato possibile utilizzando i fattori di emissione standard di CO 2, definiti dall IPCC (2006). Osservando i grafici si nota come, a livello provinciale, il vettore causa di maggiori emissioni di CO 2 sia il gasolio t, seguito dall elettricità ( t) e dal gas naturale ( t). Grafico 4: Elaborazione Ökoinstitut Südtirol/Alto Adige su dati Ambiente Italia Grafico 5: Elaborazione Ökoinstitut Südtirol/Alto Adige su dati Legambiente e GSE 20 21

12 Conclusioni Come illustrato nel grafico, i settori che più pesano in bilancio sono il settore dei trasporti, responsabile per il 42% della quantità di CO 2 emessa, il settore residenziale col 26% e l industria, che si attesta sul 18%. Nel caso della provincia della Spezia, i settori con minore impatto sono l agricoltura, l illuminazione pubblica e gli edifici afferibili alle amministrazioni locali. Per il calcolo delle emissioni nei settori agricoltura e industria si è fatto riferimento al Rapporto Energia e Ambiente 2008 dell ENEA. Tutti i Comuni della provincia della Spezia aderendo al Patto dei Sindaci si sono impegnati a ridurre sul proprio territorio le emissioni di CO 2 del 20% e dopo la fase di rilievo e l approvazione dei Piani di Azione energetici dovranno attuare delle strategie finalizzate non solo al rispetto di parametri imposti per legge, ma anche al raggiungimento di un vero e proprio traguardo di efficientamento energetico, che comporti uno sviluppo sostenibile a 360 gradi. Sulla base del mix energetico dei due comparti, è stato possibile quantificare con buona approssimazione l apporto energetico dei vettori energetici utilizzati a livello nazionale, adattando tali valori, mediante un approccio top-down, alla realtà spezzina. Utilizzando poi i fattori di emissione descritti in precedenza, si sono stimate le emissioni di anidride carbonica per industria e agricoltura. Per tutto ciò è indispensabile una politica di coesione esercitata dalla Provincia della Spezia affinché si possa concretamente rispondere alle esigenze dei territori per uno sviluppo sostenibile ed armonioso. Scopo ultimo che si intende raggiungere è quello andare oltre gli obbiettivi fissati per l UE al 2020, riducendo le emissioni di CO 2 nelle rispettive città di oltre il 20%. La produzione da fonti di energia rinnovabile nella Provincia della Spezia Dall analisi della produzione di energia (elettrica e termica) da fonti rinnovabili nella Provincia della Spezia emerge come essa sia ancora una voce minoritaria all interno del bilancio energetico totale del territorio. Prendendo infatti in considerazione gli impianti fotovoltaici, solari termici, eolici, mini idroelettrici (potenza installata < 3 MW) e a biogas si ottiene una produzione stimata di energia, nell anno 2008, pari a 19,45 GWh. Un dato che corrisponde appena allo 0,51% dei consumi energetici totali fatti registrare nello stesso anno di riferimento

13 Provincia della Spezia - Ufficio Patto dei Sindaci Via Veneto, 2 - La Spezia - tel Responsabile Patto dei Sindaci: Paola Giannarelli - 24

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Castegnato

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Castegnato Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Castegnato BASELINE EMISSION INVENTORY Codice AI-C4-11E78-11-1 Versione 1 Committente Comune di Castegnato Stato del documento Definitivo Autore f. loiodice,

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C I T T A D I S A R Z A N A Provincia della Spezia C O P I A DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54 del 23.07.2012 OGGETTO: Approvazione piano d'azione per l'energia sostenibile - PAES L anno duemiladodici,

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Iseo

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Iseo Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Iseo BASELINE EMISSION INVENTORY Codice AI-C13-11E78-11-1 Versione 1 Committente Comune di Iseo Stato del documento Bozza Autore f. loiodice, ch. wolter

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

Presentazione del software

Presentazione del software Presentazione del software Giuseppe Maffeis, Daniele Roncolato, Roberta Gianfreda, Giorgio Fedeli via M. Gioia 132, 20125 Milano tel: 02.8708.5650, fax: 02.9737.6569 Sito: www.co20.it, E-mail: co20@terraria.com

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

5.1 Piano Energetico Provinciale

5.1 Piano Energetico Provinciale .1 Piano Energetico Provinciale.1.1 Il sistema energetico provinciale.1.1.1 Premessa La Provincia di Lecco si è dotata di numerosi strumenti di pianificazione e programmazione, tra cui il Piano Energetico

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Comune di Caerano di San Marco Comune di Caerano di San Marco PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 1 2 Indice pag. 1 INTRODUZIONE 5 1.1 Il Comune di Caerano di San Marco 9 1.2 Geografia del territorio

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Risultati del bando Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi Presentazione della Banca Dati PAES

Risultati del bando Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi Presentazione della Banca Dati PAES Risultati del bando Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi Presentazione della Banca Dati PAES Elena Jachia Direttore Area Ambiente Fondazione Cariplo Milano, 24 novembre 2010

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MESTRINO

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MESTRINO PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MESTRINO ottobre 2012 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione

Dettagli

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate.

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate. Piani d Azione per l Energia Sostenibile Aspetti tecnici ed operativi Trento, 15 maggio 2014 SalaBelli,PiazzaDanten.15 La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi:

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze PROVINCIA DI TORINO Silvio De Nigris denigris@provincia.torino.it Le attività della Provincia di Torino in materia di

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO IN BOSCO

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO IN BOSCO PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO IN BOSCO novembre 2012 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema

Dettagli

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi:

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Energia Energia Premessa Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Richiesta di energia primaria Consumi energetici per

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE luglio 2014 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale certificato

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Grugliasco

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Grugliasco Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Grugliasco Approvato con deliberazione C.c. n.96 del 20/12/2011 pagina 1 di 92 Comune di Grugliasco Settore Sviluppo Compatibile in collaborazione

Dettagli

Comune di Pantelleria PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

Comune di Pantelleria PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Comune di Pantelleria PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Gennaio 2015 Il presente piano è stato redatto con la collaborazione tecnica di AMBIENTE ITALIA S.R.L. Via Carlo Poerio 39-20129 Milano tel

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Consumi finali per fonte energetica e per settore (P) - Consumi elettrici (P) - Intensità energetica (consumi finali/valore aggiunto) (P) - Contributo all effetto serra - emissioni

Dettagli

Comune di Auronzo di Cadore PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

Comune di Auronzo di Cadore PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Comune di Auronzo di Cadore PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Febbraio 214 Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Auronzo di Cadore è stato realizzato nell'ambito del Programma

Dettagli

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio Conoscere le fonti di emissione di CO2 L Inventario di Base delle Emissioni Dr. Davide Lionello, Servizio Ambiente 08 Ottobre 2012 08 Ottobre 2012 San Donà di Piave VE L Inventario di Base delle Emissioni

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile Paolo Fabbri Alberto Rossini Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento climatico e

Dettagli

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Conegliano WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

Procedura di adesione

Procedura di adesione Questa è la traduzione delle Domande più frequenti che potete trovare nella sua versione originale in lingua inglese all indirizzo: http://www.eumayors.eu/faq/index_it.htm Che cos è il Patto dei Sindaci?

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE ANALISI DEL TERRITORIO

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

Perché si devono ridurre le emissioni di CO2?

Perché si devono ridurre le emissioni di CO2? Convegno Obiettivo 2020: il Patto dei Sindaci per l energia sostenibile Perché si devono ridurre le emissioni di CO2? Alba, 29 novembre 2013 Direttore Dipartimento Energia Politecnico di Torino 1 Italia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE gennaio 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale certificato

Dettagli

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Regione Liguria Dipartimento Ambiente Patrizia Costi Settore aria clima e ciclo integrato dei rifiuti INDICE Accesso alle informazioni

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Patto dei Sindaci e l Inventario di Base delle Emissioni (IBE) I incontro : consumi energetici ed emissioni di CO2 nel Preganziol 31/03/2015 Il Patto dei Sindaci

Dettagli

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI Giovanni Vicentini La strategia europea al 2020 20% di fonti rinnovabili nei consumi energetici per usi finali 20% in meno (rispetto al livello tendenziale al 2020) nei consumi

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE MALCESINE ORIZZONTE LE SCHEDE AZIONE PAES 2 3 4 INDICE SETTORE RESIDENZIALE... 6 CLASSIFICAZIONE TERMICA... 6 CALDAIE AD ALTA EFFICIENZA... 8 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

Dettagli

(SEAP) The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE Sustainable Energy for Europe

(SEAP) The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE Sustainable Energy for Europe PIANO di AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (SEAP) The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE Sustainable Energy for Europe 1 Indice INDICE... 2 1. SOMMARIO SEAP... 6 2. INTRODUZIONE

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

ZEROCO2 Communities Quanta biomassa per il Patto dei Sindaci?

ZEROCO2 Communities Quanta biomassa per il Patto dei Sindaci? ZEROCO2 Communities Quanta biomassa per il Patto dei Sindaci? Lo strumento del Partenariato Pubblico/Privato per il finanziamento FORLENER Biella 24 Settembre 2011 Piero Pelizzaro Resp. Cooperazione Internazionale

Dettagli

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA AL 2010 NELLO SCENARIO TENDENZIALE 6 - ASPETTI METODOLOGICI 7 - INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA NEI SETTORI INDUSTRIA, TERZIARIO,

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Travagliato

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Travagliato Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Travagliato SUSTAINABLE ENERGY ACTION PLAN Codice AI-C18-11E078-11-02 Versione 2 Committente Comune di Travagliato Stato del documento Definitivo Autore

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

Piano del Clima di Bressanone (Piano d Azione per l Energia Sostenibile)

Piano del Clima di Bressanone (Piano d Azione per l Energia Sostenibile) Institute for Renewable Energy Piano del Clima di Bressanone (Piano d Azione per l Energia Sostenibile) Sintesi del report finale Documento Elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato

Dettagli

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7.1 INDICATORE 1: Consumo procapite di combustibili nel settore civile Settore: Usi civili. Indicatore: Consumo procapite di combustibili normalizzato sui gradi giorno nel

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio -: i consumi energetici e le emissioni a NEMBRO Domenico Leo

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MONTEVEGLIO SEAP - Sustainable Energy Action Plan

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MONTEVEGLIO SEAP - Sustainable Energy Action Plan PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MONTEVEGLIO SEAP - Sustainable Energy Action Plan Marzo 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE Dal 1 ottobre 2015 entrano in vigore i nuovi decreti attuativi in materia di prestazione e certificazione energetica. Cosa cambia concretamente?

Dettagli

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda e Fondazione EnergyLab L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Il piano energetico ambientale regionale Mauro Fasano Regione Lombardia, DG

Dettagli

UN MODELLO DI GESTIONE AMBIENTALE INTEGRATO E LA GESTIONE DEL CICLO INTEGRATO DELLE ACQUE. Dott.ssa Federica Gennaro Ente Parco Montemarcello-Magra

UN MODELLO DI GESTIONE AMBIENTALE INTEGRATO E LA GESTIONE DEL CICLO INTEGRATO DELLE ACQUE. Dott.ssa Federica Gennaro Ente Parco Montemarcello-Magra UN MODELLO DI GESTIONE AMBIENTALE INTEGRATO E LA GESTIONE DEL CICLO INTEGRATO DELLE ACQUE Dott.ssa Federica Gennaro Ente Parco Montemarcello-Magra ESPERIENZE IN REGIONE LIGURIA I comune certificato ISO

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Rapporto sullo stato del rischio del territorio nella provincia della Spezia

Rapporto sullo stato del rischio del territorio nella provincia della Spezia Rapporto sullo stato del rischio del territorio nella provincia della Spezia Giugno 2014 2 INDICE 1. Mappa del dissesto idrogeologico in provincia della Spezia 5 1.1. I dati territoriali del rischio idrogeologico

Dettagli

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE SEAP - Sustainable Energy Action Plan

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE SEAP - Sustainable Energy Action Plan PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE SEAP - Sustainable Energy Action Plan Marzo 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie;

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; Ente pubblico di ricerca ENEA Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; E a supporto delle politiche di competitività e dello sviluppo sostenibile in campo energetico-ambientale

Dettagli

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Logo DATI GENERALI Destinazione d uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Oggetto dell attestato Intero edificio

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Collebeato

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Collebeato Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Collebeato BASELINE EMISSION INVENTORY (BEI) giugno 2012 Redatto da Con finanziamento del bando 2010 PROMUOVERE LA SOSTENIBILITÀ ENERGETICA NEI COMUNI

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

L audit. energetico e la certificazione energetica degli edifici. C.Gistri Certiquality. Comune di Settala Mercoledì 8 novembre 2006

L audit. energetico e la certificazione energetica degli edifici. C.Gistri Certiquality. Comune di Settala Mercoledì 8 novembre 2006 L audit energetico e la certificazione energetica degli edifici. C.Gistri Certiquality Comune di Settala Mercoledì 8 novembre 2006 Monitorare l efficienza energetica Attuali esigenze relative all utilizzo

Dettagli

Green Energy Audit degli edifici quale strumento per conoscere i consumi energefco - ambientali e le priorità di intervento

Green Energy Audit degli edifici quale strumento per conoscere i consumi energefco - ambientali e le priorità di intervento Workshop Finanziare le riqualificazioni energetiche degli edifici pubblici superando il patto di stabilità attraverso i Fondi BEI e le E.S.Co.: casi pratici ed esperienze Trieste, 13 Febbraio 2014 Green

Dettagli

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita Il patrimonio edilizio in Italia Gli edifici del nostro paese sono stati costruiti prevalentemente con criteri

Dettagli