Manuale per la corretta POSA in OPERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale per la corretta POSA in OPERA"

Transcript

1 Manuale per la corretta POSA in OPERA LINEA MAKE by Tecnasfalti SECONDA EDIZIONE

2

3 MANUALE PER LA CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NUOVE COSTRUZIONI PAVIMENTO 1. L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1.1 Pavimento galleggiante 1.2 Posa del materassino 1.3 Posa della Fascia Perimetrale 1.4 Massetto di finitura 1.5 Posa della pavimentazione finale PARETE 2. I DIVISORI VERTICALI FONOISOLANTI 2.1 Pareti doppie con intercapedine 2.2 Posa della parete 2.3 Posa dell isolante 2.4 Pareti leggere su orditura metallica 2.5 Isolamento acustico di piccoli elementi RISANAMENTO 3. RISANAMENTO ACUSTICO 3.1 Risanamento acustico sotto piastrella 3.2 Rumori di Drum Sound 3.3 Contropareti 3.4 Controsoffitti 3.5 Controplaccaggi 3.6 Correzione acustica di interni 3.7 Solai in legno PRODOTTI 4. I PRODOTTI ISOLMANT 4.1 Prodotti della Linea Pavimento 4.2 Prodotti della Linea Parete 4.3 Prodotti della Linea Risanamento 4.4 Accessori ed altri prodotti 4.5 Isolmant PRONTO Manuale per la corretta posa in opera 3

4 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO Il rumore di calpestio è quel disturbo causato dal fatto che i divisori dell appartamento, soprattutto il solaio, non isolano i rumori provocati dai vicini (generalmente del piano superiore) quando camminano, spostano mobili o sedie o generano quelli che vengono definiti rumori di natura impattiva. Questo tipo di rumore è solitamente frutto di un urto contro la superficie del pavimento che innesca delle vibrazioni dentro la struttura portante dell edificio che vengono propagate attraverso il calcestruzzo armato, nei locali adiacenti. Per isolare i solai dal rumore di calpestio è necessario posare un materaasino della gamma Isolmant al di sotto del pavimento e del massetto di finitura realizzando quello che tecnicamente si definisce un pavimento galleggiante. Si tratta di prevedere l inserimento di uno strato elastico che funzioni da molla in grado di smorzare la vibrazione generata sul pavimento (rumore di calpestio), attenuando così la componente che si propaga nella struttura (trasmessa) e che si diffonderà poi nei locali adiacenti. 4 Manuale per la corretta posa in opera

5 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO L INDICE ΔL NW DESCRIVE IL CONTRIBUTO ALL ABBATTIMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO, IN AGGIUNTA A QUELLO DEL SOLAIO, OFFERTO DAL SISTEMA TECNOLOGICO CHE SI CHIAMA PAVIMENTO GALLEGGIANTE. Manuale per la corretta posa in opera 5

6 ISOLAMENTO A PAVIMENTO IL PAVIMENTO GALLEGGIANTE Il sistema chiamato tecnicamente massa-molla-massa permette di ottenere dei ΔL w dai 20 ai 35 db se correttamente installato in opera. Ed è proprio la fase di posa in opera ad essere estremamente importante anche perché il Decreto Attuativo in materia di Isolamento acustico (DPCM 5/12/97) dichiara esplicitamente che il requisito acustico passivo previsto va rispettato in opera. Se il requisito va rispettato in opera significa che la fase di installazione dei prodotti riveste un importanza assoluta e non solo va realizzata a regola d arte ma spesso richiede l utilizzo di specifici accessori quali ad esempio le Fasce Perimetrali, Tagliamuro e la Fascia Nastro e la Fascia Taglia Battiscopa. 6 Manuale per la corretta posa in opera

7 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO PER OTTENERE UN ISOLAMENTO ACUSTICO A NORMA DI LEGGE BISOGNA PORRE MOLTA ATTENZIONE IN TUTTE E 3 LE FASI DELLA COSTRUZIONE DEL PAVIMENTO GALLEGGIANTE: 1. LA PROGETTAZIONE ACUSTICA; 2. LA SCELTA DI MATERASSINI IDONEI; 3. UNA POSA IN OPERA A REGOLA D ARTE. Manuale per la corretta posa in opera 7

8 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO IL PAVIMENTO GALLEGGIANTE Sottofondi bistrato È sempre preferibile posare il materassino anticalpestio al di sopra di strati planari compatti, tenaci e privi di tubazioni impiantistiche. In tal senso si consiglia, ove lo spessore a disposizione lo consenta, di realizzare sottofondi bistrato che prevedano un primogetto, generalmente con impasti cementizi alleggeriti, per inglobare l impiantistica. Una volta indurito lo strato di livellamento impianti, si procede alla posa del materassino isolante e al successivo getto del massetto di finitura e pavimentazione finale. Lo strato di livellamento sul quale si posa il materiale elastico deve essere piano e privo di asperità con la necessaria consistenza onde evitare cedimenti dovuti all insufficiente stabilità e/o alla scarsa resistenza alla compressione. Gli impasti alleggeriti devono essere eseguiti e posati con attenzione specie se confezionati in cantiere o pompati direttamente al piano mediante autobetoniera. Eventuali concentrazioni di materiale leggero potrebbero determinare cedimenti che possono danneggiare la struttura e quindi l isolamento al calpestio. Meglio sarebbe sempre affidarsi a prodotti premiscelati o predosati che assicurano maggiore qualità e precise responsabilità del produttore. 8 Manuale per la corretta posa in opera

9 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Solaio 2. Strato di livellamento impianti 3. Strato isolante in Isolmant Special, Isolmant UndeSpecial o Isolmant UnderSlim 4. Massetto di finitura 5. Pavimento 1 LO SPESSORE DEGLI STRATI DI LIVELLAMENTO DEGLI IMPIANTI VARIA IN FUNZIONE DELLE TUBATURE PRESENTI MA ANCHE DELLE ESIGENZE DI ISOLAMENTO TERMICO SECONDO QUANTO PREVISTO DAI VINCOLI SULLE TRASMITTANZE MASSIME INTERPIANO PREVISTI DAL DLGS 311/06 E SUCCESSIVI. Manuale per la corretta posa in opera 9

10 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO IL PAVIMENTO GALLEGGIANTE Sottofondi monostrato Nel caso in cui non sia possibile realizzare un sottofondo bistrato, si procede alla stesa del materassino a diretto contatto con il solaio e al successivo getto del massetto di finitura. Questa modalità esecutiva, definita sottofondo monostrato, sottopone però lo strato resiliente a gravi rischi di lacerazione che possono comprometterne il funzionamento acustico. Nel caso infatti in cui il materassino venga posato sopra la rete impiantistica risulta evidente la possibilità indesiderata di poterlo perforare specie nelle zone in cui le tubazioni si sovrappongono. Questi punti sono anche critici in quanto il materassino si distacca dal solaio vanificando così il suo funzionamento elastico (oltre che, nuovamente, aumentando i rischi di rottura a posteriori ). Se al contrario, il materassino viene posto al di sotto della rete impiantistica, si riducono i punti di distacco dal solaio ma aumenta il pericolo di lacerazione dovuto all ulteriore passaggio su di esso degli impiantisti (e probabilmente anche dei gessisti ). I prodotti Isolmant della gamma Plus (Isolmant MonoPlus, Isolmant BiPlus e Isolmant D311) sono specifici per questa applicazione in quanto forniti di un rivestimento superficiale che non altera le caratteristiche elastiche del materiale ma ne aumenta la resistenza superficiale all abrasione. 10 Manuale per la corretta posa in opera

11 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Solaio 2. Strato isolante in Isolmant MonoPlus, Isolmant BiPlus o Isolmant D Massetto di finitura 4. Pavimento QUESTE RAGIONI RENDONO DECISAMENTE PREFERIBILE, COME GIÀ DETTO, LA REALIZZAZIONE DI SOTTOFONDI BISTRATO CHE RIDUCONO IL RISCHIO DI LACERAZIONE DEL MATERASSINO ACUSTICO DOVUTO AI RIPETUTI PASSAGGI DEGLI IMPIANTISTI E DI TUTTI GLI ALTRI OPERATORI DEL CANTIERE. Manuale per la corretta posa in opera 11

12 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO IL PAVIMENTO GALLEGGIANTE Sottofondi ad elevata resistenza termica Come richiesto dalle più recenti prescrizioni normative in materia di isolamento termico e di risparmio energetico, tutti i divisori orizzontali, in aggiunta alle prestazioni acustiche, devono ridurre la trasmittanza (U), rendendo così necessario l impiego di materiali con elevati valori di resistenza termica. In particolare l utimo solaio (di copertura), il primo solaio (controterra) ed il solaio di quota zero (su garages o cantine) devono garantire ottime prestazioni termiche. Ecco perchè sovente in questi casi si posa al di sotto del massetto di finitura un pannello isolante di qualche cm di spessore. Isolmant QuotaZero (22 mm di spessore) consente con un solo prodotto di realizzare l isolamento acustico e termico anche nelle situazioni più estreme. 12 Manuale per la corretta posa in opera

13 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO PAVIMENTO 1 1. Solaio 2. Strato di livellamento impianti 3. Strato isolante in Isolmant QuotaZero 4. Film in nylon da 150 micron 5. Massetto di finitura 6. Pavimento PRIMA DI PROCEDERE AL GETTO DEL MASSETTO DI FINITU- RA È NECESSARIO STENDERE SOPRA LO STRATO IN ISOL- MANT QUOTAZERO UN FILM IMPERMEABILE IN PE DI SPES- SORE MINIMO 150 MICRON. SI SCONSIGLIANO SPESSORI DEL MASSETTO INFERIORI A 5 CENTIMETRI PERCHÈ ESPOSTI AD ELEVATO RISCHIO DI FESSURAZIONE. Manuale per la corretta posa in opera 13

14 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO IL PAVIMENTO GALLEGGIANTE Pavimenti riscaldati Anche nel caso vengano utilizzati sistemi di riscaldamento a pavimento (pavimento radiante) è necessario prevedere la posa del materassino resiliente per l isolamento acustico al calpestio. I pannelli isolanti normalmente impiegati come supporto alla serpentina infatti non possiedono, nella maggior parte dei casi, valori di rigidità dinamica sufficientemente bassi da poter funzionare anche come isolanti acustici. È quindi indispensabile inserire al di sotto del pannello un materassino acustico. A tale scopo va inserito il materassino avendo cura di: Desolidarizzare le scatole che contengono i collettori dalle pareti restrostanti ricoprendole con uno strato di materiale elastico e fissandole a parete con tasselli in gomma. Ricoprire i tubi del riscaldamento con guaine in materiale elastico laddove i tubi dovessero forare il risvolto a parete del materiale resiliente Collegare i tubi di risalita a parete con le pareti retrostanti con collari in gomma (non con collari rigidi). ISOLMANT RADIANTE POSSIEDE LE CARATTERISTICHE ACU- STICHE IDONEE PER PORTARE A NORMA QUESTI SISTEMI E, GRAZIE ALLA SUPERFICIE ALLUMINATA, COLLABORA ALL I- SOLAMENTO TERMICO SCHERMANDO IL FLUSSO DI CALO- RE (SPECIE NELLE STRUTTURE A BASSO SPESSORE). 14 Manuale per la corretta posa in opera

15 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Solaio 2. Strato di livellamento impianti 3. Strato isolante in Isolmant Radiante 4. Pannello isolante 5. Serpentina per il riscaldamento 6. Massetto di finitura 7. Pavimento Manuale per la corretta posa in opera 15

16 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO IL PAVIMENTO GALLEGGIANTE Massetti autolivellanti L introduzione sul mercato dei prodotti autolivellanti (premiscelati e non) ha velocizzato molto le fasi di messa in opera dei massetti con notevoli vantaggi anche sul grado di finitura, sulla resistenza, sulla compattezza e sulla planarità della superficie di posa. Per contro, salvo sempre che sarebbe preferibile che a posare l autolivellante fosse una squadra specializzata, il comportamento acustico di queste strutture va studiato con attenzione. L elevata densità e rigidezza, e il getto in spessore ridotto (circa 3 cm) causano nei massetti autolivellanti uno strano comportamento meccanico (simile alle piastre) che rischia di risuonare danneggiando la prestazione acustica del pavimento galleggiante. Per porre rimedio a questo problema si consiglia di utilizzare materiali resilienti specifici. Particolarmente importante in questi casi risulta la sigillatura di tutti gli interstizi che oltre che causa di ponti acustici procurano vie di fuga per il massetto allo stato liquido. NEL CASO DI GETTI IN AUTOLIVELLANTE SI CONSIGLIA DI UTILIZZARE ISOLMANT FASCIA PERIMETRALE TECNICA H 12,5 CM SPECIFICA PER QUESTE APPLICAZIONI. 16 Manuale per la corretta posa in opera

17 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1. Solaio 2. Strato di livellamento impianti 3. Isolmant UnderLivell 4. Massetto autolivellante 1 PAVIMENTO Manuale per la corretta posa in opera 17

18 ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DEL MATERASSINO II materiale elastico da utilizzare andrà scelto adeguatamente in base alle esigenze di isolamento al calpestio richieste ed ai carichi ai quali è sottoposto il pavimento. Il raggiungimento del requisito acustico passivo è garantito infatti dal corretto funzionamento del sistema pavimento galleggiante e non già dal solo materiale per l isolamento acustico. In base dunque al tipo e al peso del solaio posto in opera, del massetto e del pavimento previsti si potrà orientare la scelta su materiali resilienti che possano garantire un buon isolamento acustico al calpestio a lungo nel tempo. Le grandezze su cui basarsi nella scelta sono due: 1. La rigidità dinamica (in MN/m 3 ) che descrive la capacità elastica di un materiale sotto l azione di un carico ciclico 2. Lo scorrimento viscoso a compessione (creep) che determina il cedimento a lungo nel tempo, sotto il carico costante del massetto 18 Manuale per la corretta posa in opera

19 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Se le masse in gioco e la rigidità dinamica del materassino sono progettate correttamente, il pavimento galleggia, dissipando l energia rumore. DURANTE LE FASI DI POSA È NECESSARIO TENERE IN GRAN- DE CONSIDERAZIONE UNA SERIE DI PARTICOLARI ESECUTI- VI CHE IMPEDISCONO LA FORMAZIONE DI PERICOLOSI PON- TI ACUSTICI CHE POSSONO COMPROMETTERE, IN PARTE O COMPLETAMENTE, L ISOLAMENTO ACUSTICO A PAVIMENTO. Manuale per la corretta posa in opera 19

20 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DEL MATERASSINO La posa dei teli: sormonto e nastratura Il materiale elastico una volta steso in opera dovrà costituire uno strato continuo ed integro che possa realizzare una perfetta vasca a tenuta in cui il massetto possa galleggiare senza essere vincolato rigidamente alle strutture. Il materassino dunque non deve presentare al momento del getto né discontinuità, né lacerazioni. I VARI TELI DI MATERIALE, DURANTE LA FASE DI POSA, NON VANNO SOLAMENTE ACCOSTATI MA ANCHE SORMONTATI PER ALMENO 10 CM E SIGILLATI MEDIANTE NASTRO ADESI- VO O SPECIFICA FASCIA NASTRO - IN POLIETILENE DA 3 MM ADESIVO DELLA GAMMA ISOLMANT ACCESSORI. 20 Manuale per la corretta posa in opera

21 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO Tutti i prodotti della Linea Isolmant a Pavimento (gamma Special e gamma Plus) sono dotati di battentatura maschio femmina (per facilitare le fasi di sormonto) ottenuta mediante un accoppiamento disallineato di circa 10 cm del polietilene espanso sulla fibra acustica. 1 PAVIMENTO I PRODOTTI DELLA GAMMA PLUS (ISOLMANT BIPLUS E ISOL- MANT MONOPLUS) SONO FORNITI DI BATTENTATURA CON FILM ADESIVO PER FACILITARE IL SORMONTO E LA NASTRA- TURA EVITANDO L UTILIZZO DI NASTRO DA CANTIERE. Manuale per la corretta posa in opera 21

22 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DEL MATERASSINO La posa dei teli: rifilo della battentatura In fase di posa occorre sempre partire a filo parete con il polietilene evitando di lasciare a vista strisce di sola fibra, specie vicino alla parete che si imbeve di cemento e si irrigidisce. I PRODOTTI ISOLMANT PER L ISOLAMENTO ACUSTICO A PAVIMENTO SONO DOTATI DI BATTENTATURA. è BENE RICORDARE SEMPRE CHE LA SOLA FIBRA ECCEDENTE DAL MATERASSINO VA RIFILATA SE A CONTATTO CON LA PARETE. 22 Manuale per la corretta posa in opera

23 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Manuale per la corretta posa in opera 23

24 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DEL MATERASSINO Il verso di posa Nei casi in cui i materassini per l isolamento acustico siano costituiti dall accoppiamento di vari materiali tra cui strati fibrosi o porosi, nella scheda tecnica e sul catalogo tecnico è indicato specificatamente il verso per la posa (che è poi quella suggerita dal verso in cui i rotoli sono riavvolti). IN FASE DI POSA DEI ROTOLI È OBBLIGATORI MANTENERE IL VERSO INDICATO PER EVITARE CHE I MATERIALI VENGA- NO POSATI AL CONTRARIO E CHE IL MASSETTO IMBEVA GLI STRATI FIBROSI/POROSI CHE SI IRRIGIDIREBBERO PERDEN- DO LA LORO EFFICACIA ACUSTICA. 24 Manuale per la corretta posa in opera

25 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO I PRODOTTI DELLA GAMMA PLUS (ISOLMANT BIPLUS E ISOL- MANT MONOPLUS) SONO FORNITI DI BATTENTATURA CON FILM ADESIVO PER FACILITARE IL SORMONTO E LA NASTRA- TURA EVITANDO L UTILIZZO DI NASTRO DA CANTIERE. Manuale per la corretta posa in opera 25

26 ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DELLA FASCIA PERIMETRALE I teli di materiale isolante non vanno posati solo sul solaio ma anche risvoltati a parete per uno spessore pari ad almeno quello del massetto più quello della pavimentazione finale. Così facendo si evita che le facce verticali del massetto, una volta indurito, possano toccare le pareti costituendo da un lato un pericoloso ponte acustico e dall altro un freno statico al galleggiamento del sistema. Questa operazione in realtà nei cantieri non si fa quasi più perché troppo complessa a causa della natura e dello spessore dei materiali isolanti scelti. Isolmant rende disponibile una vasta gamma di FASCE PERI- METRALI per desolidarizzare la fascia verticale del massetto dalle pareti divisorie. È MOLTO MEGLIO RICORRERE ALL UTILIZZO DI ISOLMANT FASCIA PERIMETRALE. SI TRATTA DI TAGLI SPECIALI DI MATERASSINO DA 3 O 5 MM ADESIVIZZATO, CON CUI È POS- SIBILE ISOLARE CON CURA TUTTO IL PERIMETRO DEI LOCALI FACENDO ATTENZIONE AD APPLICARE UNA PARTE DELLA FASCIA AL PIEDE DELLA PARETE E LA RESTANTE PARTE SUL SOLAIO O SUL MATERASSINO GIÀ POSATO. 26 Manuale per la corretta posa in opera

27 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Manuale per la corretta posa in opera 27

28 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DELLA FASCIA PERIMETRALE Isolmant Fascia Perimetrale Tecnica Per semplificare le fasi di messa in opera, è stata introdotta una fascia perimetrale adesiva ancora più facile da posare disponibile nelle altezze 12,5 / 18,5 e 25 cm dotata di cordonatura per facilitare la piegatura a 90 gradi del materiale. I restanti cm vanno applicati alla parete e sono caratterizzati da un adesivo che risulta poco tenace negli ultimi 5 cm (in alto). Tale accorgimento tecnlogico diminuisce il rischio di asportare l intonaco durante la rimozione della eccedenza di fascia perimetrale al termine della posa della pavimentazione. 28 Manuale per la corretta posa in opera

29 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO PER RICORDARE AGLI OPERATORI DEL CANTIERE CHE L EC- CEDENZA DI FASCIA PERIMETRALE VA TAGLIATA E RIMOSSA SOLO DOPO AVER POSATO E STUCCATO IL PAVIMENTO, SUL PRODOTTO ISOLMANT FASCIA PERIMETRALE TECNICA È SE- RIGRAFATA, IN BUONA EVIDENZA, LA DICITURA NON RIFI- LARE PRIMA DI AVER POSATO E STUCCATO LA PAVIMENTA- ZIONE. Manuale per la corretta posa in opera 29

30 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DELLA FASCIA PERIMETRALE La doppia fascia Perimetrale Nel caso di sottofondi bistrato è necessario applicare una doppia fascia perimetrale. In aggiunta a quella che si posa sulla parete a livello del massetto, ne va posizionata un altra in verticale, adesivizzata sulla porzione di parete sottostante, prima di realizzare lo strato di livellamento degli impianti. Questa fascia di spessore pari a quello dello strato di livellamento, ne impedisce il contatto rigido con la tramezza e quindi un possibile ponte acustico. POSA DELLA FASCIA PERIMETRALE RADIANTE SPECIFICA PER L ISOLAMENTO CONTRO PARETE DEI SOTTOFONDI CON SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFREDDAMENTO A PAVIMENTO. 30 Manuale per la corretta posa in opera

31 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO NEI SOTTOFONDI BISTRATO OCCORRE POSIZIONARE DUE FASCE PERIMETRALI: PRIMA QUELLA CHE DESOLIDARIZZA DALLA PARETE IL GETTO DI LIVELLAMENTO DEGLI IMPIANTI E POI, QUELLA CHE DISTACCA DALLA PARETE IL MASSETTO DI FINITURA. Manuale per la corretta posa in opera 31

32 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DELLA FASCIA PERIMETRALE Distacchi della fascia perimetrale Anche la fascia perimetrale ovviamente dovrà risultare continua ed integra. È pertanto necessario sormontare e nastrare il congiungimento fra due fasce e non attraversare con impianti o altri elementi solidi la fascia stessa. Vanno evitati anche i distacchi delle fasce perimetrali dal muro. Questi fenomeni sono molto rischiosi perché lasciano dei vuoti che, se liberi potrebbero essere riempiti da materiale cementizio causando ponti acustici, che se occulti, potrebbero provocare cedimenti del massetto. UN ERRORE DA EVITARE DURANTE L INSTALLAZIONE IN CANTIERE È QUELLO DI LASCIARE DELL ARIA AL DI SOTTO DELLA FASCIA PER MANCATA ACCURATEZZA NELLA POSA. SE LA FASCIA NON È BEN ADERENTE ALLO SPIGOLO AL PIEDE DELLA PARETE MA, COME SI DICE IN CANTIERE, FA LA SGUSCIA, SI POTREBBE OSSERVARE A POSTERIORI UNA ROTTURA DEL PAVIMENTO PER INSUFFICIENTE SPESSORE E INCONSISTENZA DEL MASSETTO IN QUEI PUNTI. 32 Manuale per la corretta posa in opera

33 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO NO 1 PAVIMENTO NO ERRORI DA EVITARE ASSOLUTAMENTE DU- RANTE LA POSA DELLA FASCIA PERIMETRALE. Manuale per la corretta posa in opera 33

34 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DELLA FASCIA PERIMETRALE Isolmant angolo, spigolo e telaio porta In presenza di pilastri, lesene, porte ed altri movimenti delle pareti, la fascia Perimetrale va modellata senza interruzione per seguire fedelmente il perimetro dei locali. Per facilitare questo compito sono a disposizione degli accessori specifici per garantire la desolidarizzazione del massetto dalle pareti in concomitanza degli angoli chiusi (concavi), degli spigoli (angoli aperti - convessi) o dei telai delle porte. 34 Manuale per la corretta posa in opera

35 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Isolmant Spigolo Isolmant Angolo Isolmant Telaio Porta GIÀ PREFORMATI A MISURA E ADESIVI, EVITANO LE OPERA- ZIONI DI TAGLIO E PIEGATURA DELLA FASCIA PERIMETRALE IN CORRISPONDENZA DEI PILASTRI E DELLE PORTE. Manuale per la corretta posa in opera 35

36 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DELLA FASCIA PERIMETRALE Soglie e Porte Per non compromettere l isolamento acustico del pavimento galleggiante occorre porre molta attenzione nella posa della fascia perimetrale (o del risvolto) in corrispondenza delle soglie delle porte di ingresso e delle porte finestre verso i balconi e in generale in corrispondenza dei falsi telai di tutte le porte. Anche in tali punti il materiale resiliente dovrà garantire la completa desolidarizzazione tra massetto cementizio ed elementi strutturali. 36 Manuale per la corretta posa in opera

37 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO ATTENZIONE: POCHE DECINE DI CENTIMETRI DI CONNESSIO- NE RIGIDA TRA IL MASSETTIO CEMENTIZIO E LE STRUTTURE PORTANTI POSSONO PROCURARE LA PERDITA DI ALCUNI DE- CIBEL, CAUSANDO UN MAL FUNZIONAMENTO DEL PAVIMEN- TO GALLEGGIANTE E QUINDI UNO SCARSO ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO. Manuale per la corretta posa in opera 37

38 ISOLAMENTO A PAVIMENTO IL MASSETTO DI FINITURA Prima del getto del massetto Prima di procedere alla posa del massetto di finitura l impresa deve rendersi ragionevolmente certa di aver realizzato una perfetta vasca a tenuta all interno della quale il massetto cementizio che andrà a gettare possa galleggiare senza stabilire alcuna connessione rigida né con gli strati portanti al di sotto né con le pareti ai suoi lati. Eventuali punti scoperti che potrebbero costituire ponte acustico vanno rivestiti con ritagli di materiale elastico o con Isolmant Fascia Nastro. LA STESA DEL MASSETTO DI FINITURA ANDRÀ REALIZZA- TA NEL VERSO DI SOVRAPPOSIZIONE DEI TELI, ALTRIMENTI SI CORRE IL RISCHIO DI INFILARE MATERIALE CEMENTIZIO AL DI SOTTO DELLO STRATO ISOLANTE. ALTRETTANTA AT- TENZIONE ANDRÀ POSTA NEL NON INSERIRE LA MALTA DEL MASSETTO NELLE ZONE IN CUI LA FASCIA SI FOSSE MALAU- GURATAMENTE STACCATA DALLA PARETE (SPECIE NEGLI ANGOLI). 38 Manuale per la corretta posa in opera

39 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Manuale per la corretta posa in opera 39

40 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO IL MASSETTO DI FINITURA Qualità dei massetti e della loro posa Il massetto di finitura in calcestruzzo dovrà essere realizzato con corretti dosaggi di inerte, legante ed acqua, dovrà avere buona consistenza, elevata resistenza e spessore minimo non inferiore a 5 cm. Specialmente nei casi in cui lo spessore può scendere sotto i 5 cm (massetti monostrato con fitta rete di impianti), si consiglia di armare il massetto con apposita rete elettrosaldata e zincata con maglia 5x5 cm e filo 2. In tutti i casi il materiale dovrà essere ben battuto (specie ai lati e negli angoli), costipato in tutto il suo spesore, staggiato e frattazzato (a mano o con elicottero) a regola d arte. Particolare attenzione dovrà essere posta alla fase di stagionatura al fine di non comprometterne la consistenza e la compattezza a causa di fenomeni di bleeding, asciugature differenziali, cavillature o crepe per eccessivo ritiro termoigrometrico. DURANTE IL GETTO DEL MASSETTO BISOGNERÀ PRESTARE PARTICOLARE CURA A NON LACERARE O FORARE IL MATE- RIALE ELASTICO. PER RIDURRE QUESTO RISCHIO SI CON- SIGLIA DI SCEGLIERE I MATERASSINI DELLA GAMMA PLUS, DOTATI DI UN TESSUTO SUPERFICIALE CHE NON IRRIGIDISCE IL PRODOTTO MA CONSENTE UNA PIÙ ELEVATA RESISTENZA ALLA ABRASIONE. 40 Manuale per la corretta posa in opera

41 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Manuale per la corretta posa in opera 41

42 ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DELLA PAVIMENTAZIONE FINALE Rifilatura della fascia Una volta stagionato il massetto di finitura è indispensabile rendere noto a tutti gli operatori del cantiere che l eccedenza di fascia perimetrale va rifilata solo al termine della posa e stuccatura della pavimentazione. Se infatti tale operazione viene effettuata prima della posa della finitura superficiale, il contatto diretto del pavimento con le pareti, oltre a costituire un ponte acustico, ostacola il galleggiamento del massetto sul materassino elastico provocando una perdita di isolamento di alcuni decibel. Il pavimento andrà dunque posato a contatto con la Fascia Perimetrale garantendo così la riduzione del passaggio di rumore ed il funzionamento elastico del sistema. 42 Manuale per la corretta posa in opera

43 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO L ECCEDENZA DI FASCIA PERIMETRALE NON VA RIFILATA PRIMA DI AVER INCOLLATO LE CERAMICHE, MA SOLO AL TERMINE DELLA LORO POSA E STUCCATURA. Manuale per la corretta posa in opera 43

44 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DELLA PAVIMENTAZIONE FINALE Posa del battiscopa ceramico sul giunto elastico Anche la posa del battiscopa deve essere realizzata con attenzione al funzionamento acustico del sistema. Sia i battiscopa perimetrali che le piastrelle di rivestimento delle pareti dei bagni e delle cucine dovranno essere distaccate di qualche millimetro dal rivestimento a pavimento in modo da evitare la formazione di collegamenti rigidi tra pavimentazione e pareti laterali. Nel caso in cui, al contrario, non solo essi non vengono distaccati ma addirittura vengono maltati al pavimento si può osservare un annullamento totale del galleggiamento del sistema e dunque una mancanza pressoché assoluta dell isolamento acustico al calpestio. 44 Manuale per la corretta posa in opera

45 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO IL BATTISCOPA CERAMICO NON VA APPOGGIATO AL PAVI- MENTO MA VA TENUTO SOLLEVATO DI QUALCHE MILLIMETRO E FUGATO CON UN LEGANTE ELASTICO A BASE SILICONICA O CON UNA MALTA ADDITIVATA A COMPORTAMENTO FLES- SIBILE. NEL CASO IN CUI IL GIUNTO FOSSE RIGIDO, ESSO IM- PEDISCE AL PAVIMENTO DI GALLEGGIARE ED È DESTINATO A SFUGARSI. Manuale per la corretta posa in opera 45

46 1. ISOLAMENTO A PAVIMENTO LA POSA DELLA PAVIMENTAZIONE FINALE La posa della fascia Taglia Battiscopa Il battiscopa ceramico non va appoggiato al pavimento ma va tenuto sollevato di qualche millimetro e fugato con un legante elastico a base siliconica o con una malta additivata a comportamento flessibile. Nel caso in cui il giunto fosse rigido, esso impedisce al pavimento di galleggiare ed è destinato a sfugarsi. Si consiglia l uso di Isolmant Fascia TBTS (taglia battiscopa) che, adesivizzata sulla pavimentazione ceramica, disconnette il battiscopa dal pavimento. L eccedenza di Fascia TBTS va rifilata con un cutter. 46 Manuale per la corretta posa in opera

47 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO L ISOLAMENTO ACUSTICO AL CALPESTIO 1 PAVIMENTO Manuale per la corretta posa in opera 47

48 2. ISOLAMENTO A PARETE Requisito indispensabile per ottenere valori di potere fonoisolante apparente come previsti dalla Legge per divisori verticali a parete doppia con intercapedine è quello che essi siano dotati di massa. Quanto più il divisorio sarà pesante tanto più offrirà inerzia alla sollecitazione provocata dall energia rumore (ad esclusione delle così dette pareti leggere in cartongesso o similari che sfruttano un principio differente). Se il divisorio oppone resistenza al passaggio di rumore lo si può definire ben isolato. Ma la resistenza al rumore nelle pareti doppie non è solo funzione della massa ma anche di una capacità del sistema parete di smorzare in modo elastico alcune fastidiose frequenze del rumore che lo attraversa. Per fare questo è indispensabile inserire nell intercapedine un adeguato materiale isolante dotato di caratteristiche sia di fonoisolamento che di fonoimpedenza. 48 Manuale per la corretta posa in opera

49 >BENESSERE ACUSTICO E TERMICO I DIVISORI VERTICALI FONOISOLANTI 2 PARETE ANCHE NELLA REALIZZAZIONE DEI DIVISORI VERTICALI CON REQUISITI ACUSTICI A NORMA DI LEGGE È INDISPENSABILE UNA CORRETTA PROGETTAZIONE, LA SCELTA DI ISOLANTI IDONEI E, SOPRATTUTTO, UNA PERFETTA ESECUZIONE IN FASE DI POSA. Manuale per la corretta posa in opera 49

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI

SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI Quaderno Tecnico SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO Quaderno Tecnico SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI www.mapei.com ADESIVI SIGILLANTI PRODOTTI CHIMICI PER L

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Sistema Comfort Acustico Il controllo assoluto del suono

Sistema Comfort Acustico Il controllo assoluto del suono Sistema Comfort Acustico Il controllo assoluto del suono Manuale Tecnico 08/2010 Un Sistema ad alte prestazioni di isolamento e di assorbimento acustico Knauf, da sempre sensibile alle tematiche del comfort

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Seminario 8 novembre 2012 Die Naturkraft aus Schweizer Stein Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Mirko Galli Arch. Dipl. ETH physarch sagl, Viaganello FLUMROC AG Postfach

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio Costruire, ristrutturare e risanare Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio GEV spiega gli aspetti da considerare

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

W 11 Pareti Knauf ad orditura metallica

W 11 Pareti Knauf ad orditura metallica W 11 Pareti 01/2009 W 11 Pareti Knauf ad orditura metallica W 111 - Parete Knauf a singola orditura metallica e singolo rivestimento W 112 - Parete Knauf a singola orditura metallica e doppio rivestimento

Dettagli

PROTEZIONE AL FUOCO. Le tecnologie più avanzate per un futuro più sicuro

PROTEZIONE AL FUOCO. Le tecnologie più avanzate per un futuro più sicuro PROTEZIONE AL FUOCO Le tecnologie più avanzate per un futuro più sicuro Evolvere insieme Sviluppare con e per il cliente tecnologie innovative ed ecosostenibili che permettano ad entrambi di raggiungere

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI Premessa 1. I materiali per la posa. 2. Il falso telaio. 3. Il fissaggio del serramento. 4. Istruzioni per la posa in opera

Dettagli

Fonterra Base. Progettazione. Fonterra Base Progettazione. Descrizione del sistema

Fonterra Base. Progettazione. Fonterra Base Progettazione. Descrizione del sistema Fonterra Base Progettazione Fonterra Base Progettazione Descrizione del sistema Fonterra Base è il sistema che consente la realizzazione di un riscaldamento efficiente delle superfici in edifici nuovi

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO 13 TETTO IN LEGNO PIANO ED Tetto caldo e tetto freddo (ventilato) Impermeabilizzazione e isolamento termico dei tetti in legno con manto a vista Il presente documento riguarda l impermeabilizzazione delle

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

Gli ambienti destinati a funzioni

Gli ambienti destinati a funzioni Tecnologia Stefano Baldini* Rosario Gulino** Simone Secchi*** L'uso del laterizio per la correzione acustica degli ambienti Il controllo e la correzione acustica negli spazi vengono affrontati attraverso

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

Quaderno Tecnico SISTEMI PER LA POSA DEL GRÈS PORCELLANATO SOTTILE

Quaderno Tecnico SISTEMI PER LA POSA DEL GRÈS PORCELLANATO SOTTILE Quaderno Tecnico DEL GRÈS PORCELLANATO SOTTILE Quaderno Tecnico DEL GRÈS PORCELLANATO SOTTILE pag. 06 1. INTRODUZIONE pag. 06 2. LE TIPOLOGIE DEI MATERIALI pag. 08 3. MOVIMENTAZIONE DELLE LASTRE pag. 09

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

IL RADIATORE LINEE GUIDA edizione 2009

IL RADIATORE LINEE GUIDA edizione 2009 IL RADIATORE LINEE GUIDA edizione 2009 TIPOLOGIE E COMPLEMENTI DEI RADIATORI p a g. 4 IL RADIATORE TESI p a g. 7 Volume m 3 21,6 x Watt 50 = Watt 1080 LE TIPOLOGIE DI IMPIANTO p a g. 1 0 LA BASSA TEMPERATURA

Dettagli