San Donato Mil.se, 17 settembre 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "San Donato Mil.se, 17 settembre 2007"

Transcript

1 Società per Azioni San Donato Milanese, Via Martiri di Cefalonia 67 Capitale sociale i.v. Registro Imprese di Milano, c. f Tel Fax Informativa sui piani di compenso di Saipem S.p.A. basati su finanziari (articolo 84-bis del Regolamento Consob n ) Piani di Stock Option 2003, 2004, 2005, 2006, Piano di Stock Grant San Donato Mil.se, 17 settembre 2007 In attuazione dell art. 114 bis del T.U.F., Consob ha disciplinato, attraverso l art. 84 bis del Regolamento Emittenti, l informazione da fornire al mercato in materia di attribuzione di finanziari ad esponenti aziendali, dipendenti o collaboratori. Le disposizioni dell art. 84 bis hanno prima applicazione a partire dal 1 settembre In sede di disciplina transitoria, Consob chiede agli emittenti quotati di comunicare al mercato alcune informazioni storiche per i Piani che siano stati sottoposti, come nel caso di Saipem, alla decisione per la loro attuazione antecedentemente al 1 settembre 2007, con riferimento ai seguenti : a) opzioni assegnate non scadute che non siano state ancora esercitate dai destinatari; b) finanziari, diversi dalle opzioni, assegnati per i quali sussiste ancora il vincolo, stabilito dall emittente, di vendita a terzi da parte dei destinatari. pag. 1 di 48

2 (Notizie relative ai predetti Piani erano state comunque fornite nei Bilanci della Società e nei Comunicati Stampa emessi in occasione dei Consigli di Amministrazione e delle Assemblee che approvavano e davano esecuzione ai Piani stessi). Alla luce delle predette disposizioni, Saipem richiama di seguito alcune informazioni relative ai Piani di Stock Option 2003,2004,2005,2006 e 2007, simili tra di loro nelle linee generali, e al Piano di Stock Grant Tutti i Piani descritti sono da considerarsi di particolare rilevanza ai sensi dell art. 84-bis, comma 2 del Regolamento Emittenti. I soggetti nominativamente individuati e le categorie selezionate nelle tabelle allegate di partecipanti ai Piani si riferiscono a posizioni ricoperte al 1 settembre STOCK OPTION I soggetti destinatari dei Piani sono: il Presidente, l Amministratore Delegato, alcuni dei componenti il Consiglio di Amministrazione, i Direttori Generali, i Dirigenti del Gruppo Saipem di interesse strategico, nell ambito dei quali sono individuati nelle tabelle allegate come dirigenti di categoria a) coloro che hanno regolare accesso ad informazioni privilegiate e che detengono il potere di adottare decisioni di gestione che possono incidere sull evoluzione e sulle prospettive future di Saipem. In particolare: - nel Piano 2003, gli assegnatari furono 58, tra i quali il Presidente, l Amministratore Delegato, un Consigliere, Presidente della controllata Saipem s.a., i due Direttori Generali e 53 manager del Gruppo, per un totale di diritti di opzione, pari allo 0,3% circa del capitale sociale. Il prezzo di acquisto delle azioni, in numero corrispondente a quello delle opzioni assegnate, pari, secondo il criterio fissato dall Assemblea, alla media aritmetica dei prezzi ufficiali sul Mercato Telematico Azionario rilevato nel mese precedente la data di assegnazione, fu di 6,821. pag. 2 di 48

3 I diritti di opzione sono esercitabili, in una o più tranche, decorsi tre anni dall assegnazione (vesting period) quattro per i manager residenti in Francia e fino al 30 settembre 2011 (e fino al 30 settembre 2010 per i manager residenti in Francia); - nel Piano 2004, gli assegnatari furono 57, tra i quali il Presidente, l Amministratore Delegato, un Consigliere, Presidente della controllata Saipem s.a., i due Direttori Generali e 52 manager del Gruppo, per un totale di diritti di opzione, pari allo 0,27% circa del capitale sociale. Il prezzo di acquisto delle azioni, pari alla media aritmetica dei prezzi ufficiali sul Mercato Telematico Azionario rilevato nel mese precedente la data di assegnazione, fu di 7,594. I diritti di opzione sono esercitabili, in una o più tranche, decorsi tre anni dall assegnazione quattro per i manager residenti in Francia e fino al 28 luglio 2012 (e fino al 28 luglio 2011 per i manager residenti in Francia); - nel Piano 2005, gli assegnatari furono 57, ripartiti come nel Piano 2004, per un totale di diritti di opzione, pari allo 0,22% circa del capitale sociale. Il prezzo di acquisto delle azioni, corrispondente al maggiore tra la media aritmetica dei prezzi ufficiali rilevati sul Mercato Telematico Azionario nel mese precedente la data di assegnazione e il costo medio delle azioni proprie in portafoglio rilevato il giorno precedente la predetta data di assegnazione, come stabilito dall Assemblea, fu di 11,881. I diritti di opzione sono esercitabili, in una o più tranche, decorsi tre anni dall assegnazione quattro per i manager residenti in Francia e fino al 27 luglio 2013 (e fino al 27 luglio 2012 per i manager residenti in Francia); - nel 2006, gli assegnatari furono 91, tra i quali il Presidente, l Amministratore Delegato, due Consiglieri rispettivamente Presidente di Saipem s.a. e Amministratore Delegato di Snamprogetti SpA, il Direttore Generale e 86 manager del Gruppo, per un totale di diritti di opzione, pari allo 0,44% del capitale sociale. Il prezzo di acquisto delle azioni, corrispondente al maggiore tra la media aritmetica dei prezzi ufficiali rilevati sul Mercato Telematico Azionario nel mese pag. 3 di 48

4 precedente la data di assegnazione e il costo medio delle azioni proprie in portafoglio rilevato il giorno precedente la predetta data di assegnazione, fu di 17,519. I diritti di opzione sono esercitabili, in una o più tranche, decorsi tre anni dall assegnazione quattro per i manager residenti in Francia e fino al 26 luglio 2012 (e fino al 26 luglio 2013 per i manager residenti in Francia). - nel 2007, gli assegnatari sono stati 91, ripartiti come nel 2006, per un totale di diritti di opzione, pari allo 0,3% del capitale sociale. Il prezzo di acquisto delle azioni, corrispondente al maggiore tra la media aritmetica dei prezzi ufficiali rilevati sul Mercato Telematico Azionario nel mese precedente la data di assegnazione e il costo medio delle azioni proprie in portafoglio rilevato il giorno precedente la predetta data di assegnazione, è di 26,521. I diritti di opzione sono esercitabili, in una o più tranche, decorsi tre anni dall assegnazione quattro per i manager residenti in Francia e fino al 24 luglio 2013 (e fino al 24 luglio 2014 per i manager residenti in Francia). Il soddisfacimento di tutti i Piani predetti avviene mediante l attribuzione di azioni proprie, acquistate, o parzialmente ancora da acquistare (relativamente al Piano 2007) sul mercato, in conformità alle delibere assembleari assunte negli anni di riferimento. Le ragioni che motivano l adozione dei Piani sono: - l allineamento degli interessi dei destinatari del Piano alla creazione di valore per gli azionisti; - il miglioramento delle capacità aziendali di trattenere e motivare i titolari delle posizioni manageriali con maggiore impatto sui risultati. La dimensione delle assegnazioni (da 1,5 a 4 volte la Retribuzione Annua Lorda) è stabilita, su proposta del Compensation Committee, dal Consiglio di Amministrazione in relazione al livello manageriale degli assegnatari, anch essi identificati dal Consiglio di Amministrazione su delega dell Assemblea. pag. 4 di 48

5 L entità del controvalore delle Stock Option è stata determinata considerando i livelli e le prassi di mercato per posizioni manageriali equivalenti. Per i Piani 2006 e 2007 i diritti di opzione sono esercitabili, nella percentuale che verrà stabilita dal Consiglio di Amministrazione, in funzione del posizionamento del rendimento totale per l azionista (Total Shareholder Return) del titolo Saipem rispetto ai sei maggiori concorrenti internazionali per capitalizzazione, rilevato nel triennio successivo all assegnazione. Gli altri Piani di Stock Option (2003,2004,2005) non prevedono condizioni per l esercizio delle opzioni. L iter di approvazione e la tempistica di assegnazione degli per tutti i Piani in considerazione si sono articolate nel modo seguente: - delibera del Consiglio di Amministrazione, su proposta del Compensation Committee, di approvazione del Piano, dei criteri e delle condizioni generali, da utilizzare per la fissazione delle condizioni definitive dei Piani stessi; - delibera dell Assemblea che approva formalmente i criteri e le condizioni dei Piani; - successiva delibera del Consiglio di Amministrazione, a ciò delegato dall Assemblea, per l attuazione del Piano, con l identificazione degli Assegnatari e della entità delle opzioni, su proposta del Compensation Committee, la fissazione del prezzo di acquisto, l approvazione del Regolamento applicativo. Gli Amministratori in quanto destinatari si sono astenuti dal voto nelle delibere di Consiglio di Amministrazione che danno attuazione ai Piani nei loro confronti. Per ciò che attiene alle caratteristiche dei Piani, essi sono accomunati dal fatto di basarsi sull assegnazione di diritti di opzione che consentono alla scadenza del vesting period l acquisto delle azioni, nel rapporto di uno a uno, al prezzo determinato dal Consiglio di Amministrazione in base al criterio fissato dall Assemblea, ed entro i limiti temporali previsti nei Regolamenti. pag. 5 di 48

6 Il pagamento del prezzo di acquisto è a totale carico del destinatario, non essendo prevista alcuna agevolazione al riguardo. Le opzioni sono personali, indisponibili e intrasferibili, mentre non sono previsti vincoli di indisponibilità sulle azioni assegnate. Gli Assegnatari, individuati quali soggetti rilevanti ai fini della comunicazione alla Consob delle operazioni aventi ad oggetto azioni della Società, non possono cedere le azioni acquisite rivenienti dai Piani di Stock Option fino al momento dell avvenuta diffusione al pubblico, e nei quindici giorni precedenti, degli esiti delle riunioni consiliari di Saipem S.p.A. nelle quali sono esaminati i rendiconti periodici obbligatori, la proposta di dividendo e il preconsuntivo. Si tratta dei dirigenti con regolare accesso ad informazioni privilegiate e che detengono il potere di adottare decisioni di gestione che possono incidere sull evoluzione e sulle prospettive future di Saipem (dirigenti di categoria a). Nei casi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro dell Assegnatario, o di perdita del controllo da parte di Saipem nella società di cui l Assegnatario è dipendente, o di cessione a società non controllata dall azienda (o del ramo d azienda) di cui l Assegnatario è dipendente, ovvero di decesso dell Assegnatario, l Assegnatario o gli eredi conservano il diritto di esercitare le Opzioni nei periodi fissati dai Regolamenti. In caso di risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro, sia da parte dell azienda sia da parte dell Assegnatario, qualora l evento accada nel periodo di vesting, le Opzioni decadono. Il Consiglio, qualora ne ricorrano i presupposti, potrà adeguare il/i Prezzo/i e/o il numero di Azioni spettanti in relazione alle Opzioni non ancora esercitate e/o le condizioni e i termini di esercizio a seguito delle seguenti operazioni: a) raggruppamento e frazionamento delle azioni rappresentative del capitale sociale di Saipem; b) aumento gratuito del capitale sociale di Saipem; c) aumento del capitale sociale di Saipem a pagamento, anche mediante emissione di azioni cui siano abbinati warrant, di obbligazioni convertibili in pag. 6 di 48

7 azioni Saipem e obbligazioni con warrant per la sottoscrizione di azioni Saipem; d) riduzione del capitale sociale di Saipem; e) distribuzione di dividendi straordinari con prelievo da riserve di Saipem; f) fusione, qualora essa comporti modifiche del capitale sociale di Saipem; g) scissione di Saipem; h) assegnazione ai soci di attività in portafoglio di Saipem; i) offerte pubbliche di acquisto o acquisto e scambio aventi a oggetto azioni Saipem. A partire dall esercizio 2003, i Piani di incentivazione azionaria emessi da Saipem sono stati rilevati come componente del costo del personale sulla base del fair value (valore equo) del diritto assegnato al dipendente. Il fair value delle Stock Option è rappresentato dal valore dell opzione determinato applicando il modello Black- Scholes che tiene conto delle condizioni di esercizio del diritto, del valore corrente dell azione, della volatilità attesa e del tasso privo di rischio. L onere atteso per la società è determinato, con riferimento a ciascuna assegnazione annuale, considerando il fair value per il numero di diritti assegnati nell anno. Con riferimento alle assegnazioni 2003, 2004, 2005 e 2006 l onere così determinato è rispettivamente di , , e STOCK GRANT Il Piano di Stock Grant 2005 è stato deliberato dal Consiglio di Amministrazione del 13 luglio 2005 ed è alimentato con azioni proprie su autorizzazione dell Assemblea del 29 aprile Per il suddetto Piano si richiamano le seguenti informazioni: I soggetti beneficiari del Piano furono 168, tra i quali il Presidente, l Amministratore Delegato, un Consigliere, Presidente della controllata Saipem s.a., i due Direttori Generali e 163 manager del Gruppo, nell ambito dei quali sono individuati nelle tabelle allegate come dirigenti di categoria a) coloro che hanno pag. 7 di 48

8 regolare accesso ad informazioni privilegiate e che detengono il poter di adottare decisioni di gestione che possono incidere sull evoluzione e sulle prospettive future di Saipem. Le azioni da assegnare gratuitamente, pari allo 0,1% circa del capitale sociale, sono in totale Le azioni saranno assegnate a titolo gratuito entro quarantacinque giorni successivi al compimento del terzo anno dalla data dell assunzione dell impegno di offerta (luglio 2008) e del secondo anno per i manager residenti in Francia (luglio 2007). Le ragioni che motivano l adozione del Piano sono: - la realizzazione di un sistema di incentivazione e di fidelizzazione dei dirigenti, legato al conseguimento degli obiettivi individuali prefissati, per rafforzare la partecipazione al rischio di impresa, migliorare le performance aziendali e creare valore per gli azionisti. L iter di approvazione e la tempistica di assegnazione degli per il Piano di Stock Grant 2005 sono articolati nel modo seguente: - delibera del Consiglio di Amministrazione di approvazione del Piano, su proposta del Compensation Committee, dei criteri e delle condizioni generali, da utilizzare per la fissazione delle condizioni definitive del Piano stesso; - delibera dell Assemblea che approva formalmente i criteri e le condizioni del Piano; - successiva delibera del Consiglio di Amministrazione, a ciò delegato dall Assemblea, per l attuazione del Piano, con l identificazione degli Assegnatari e della entità dell assegnazione gratuita, su proposta del Compensation Committeee, l approvazione del Regolamento applicativo. Gli Amministratori in quanto destinatari si sono astenuti dal voto nelle delibere di Consiglio di Amministrazione che danno attuazione al Piano nei loro confronti. pag. 8 di 48

9 Per ciò che attiene alle caratteristiche del Piano, esso si basa sull impegno ad assegnare a titolo gratuito, alla scadenza temporale prevista nel Regolamento, azioni ai dirigenti che avevano raggiunto nel 2004 gli obiettivi individuali prefissati dalla Società. L incentivazione in azioni gratuite è stata erogata in coerenza al conseguimento degli obiettivi individuali assegnati ed era condizionata al raggiungimento di obiettivi di redditività (ROACE) e di quotazione del titolo fissati dal Consiglio di Amministrazione. All incentivo in azioni è stato applicato quindi un fattore di moltiplicazione di 1,4 determinato in funzione del posizionamento del titolo Saipem in termini di Total Shareholders Return (TSR) rispetto ad un competitor virtuale. Gli Assegnatari, individuati quali soggetti rilevanti ai fini della comunicazione alla Consob delle operazioni aventi ad oggetto azioni della Società, non possono cedere le azioni acquisite rivenienti dal Piano fino al momento dell avvenuta diffusione al pubblico, e nei quindici giorni precedenti, degli esiti delle riunioni consiliari di Saipem S.p.A. nelle quali sono esaminati i rendiconti periodici obbligatori, la proposta di dividendo e il preconsuntivo. L impegno all assegnazione gratuita è fermo ed irrevocabile ma decade nel caso in cui, entro il termine fissato dal Regolamento, l assegnatario receda unilateralmente dal rapporto di lavoro. Il diritto dell Assegnatario è intrasferibile inter vivos. Nei seguenti casi, l assegnazione viene effettuata anticipatamente: - risoluzione consensuale del rapporto di lavoro dell assegnatario; - perdita del controlla da parte di Saipem nella Società presso la quale l assegnatario è in servizio; - cessione a società non controllata dall azienda o del ramo d azienda presso il quale l assegnatario è in servizio; - decesso dell assegnatario. Per i managers residenti in Francia le azioni non potranno essere cedute o trasferite per un periodo di due anni dalla data dell assegnazione. pag. 9 di 48

10 Il Consiglio, qualora ne ricorrano i presupposti, può adeguare il numero di azioni spettanti e/o le modalità e i termini dell assegnazione stabiliti nel regolamento, qualora si verifichino una o più delle seguenti operazioni: a) raggruppamento e frazionamento delle azioni; b) aumento gratuito del capitale sociale; c) aumento del capitale sociale a pagamento; d) riduzione del capitale sociale; e) distribuzione di dividendi straordinari con prelievo da riserve; f) fusione e scissione della Società; g) assegnazione ai soci di attività in portafoglio; h) offerte pubbliche di acquisto o acquisto e scambio aventi a oggetto azioni Saipem. A partire dall esercizio 2003, i Piani di incentivazione azionaria emessi da Saipem sono stati rilevati come componente del costo del personale sulla base del fair value (valore equo) del diritto assegnato al dipendente. Il fair value delle Stock Grant è rappresentato dal valore corrente dell azione alla data di assunzione dell impegno, ridotto del valore attuale dei dividendi attesi nel periodo di vesting. L onere atteso per la società è determinabile, per ciascuna attribuzione annuale, considerando il fair value per il numero di diritti attribuiti nell anno. Con riferimento al Piano in essere (attribuzione 2005) l onere così determinato è di (v. tabelle allegate). pag. 10 di 48

11 Contatti societari Sito internet: Centralino: Informazioni per gli azionisti Saipem SpA, Via Martiri di Cefalonia, San Donato Milanese (MI) Relazioni con gli investitori istituzionali e con gli analisti finanziari: Telefono: Fax: pag. 11 di 48

12 TABELLA 1 (Allegato 3A Regolamento Emittenti) QUADRO 2 Opzioni (stock options) Qualifica Opzioni relative a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Pietro Franco Tali Pietro Franco Tali Pietro Franco Tali Data delibera strumento Presidente Diritti Acquisto Presidente Diritti Acquisto Presidente Diritti Acquisto finanziari opzioni assegnate ma non esercitabili finanziari opzioni esercitabili ma non esercitate Data di assegnazione da parte C.d.A. Prezzo di esercizio , , ,521 Prezzo di mercato degli finanziari sottostanti alla data di assegnazione Scadenza opzione 12, , , pag. 12 di 48

13 TABELLA 1 (Allegato 3A Regolamento Emittenti) QUADRO 2 Opzioni (stock options) Qualifica Opzioni relative a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Hugh James O Donnell Hugh James O Donnell Hugh James O Donnell Hugh James O Donnell Amministratore Delegato Amministratore Delegato Amministratore Delegato Amministratore Delegato Data delibera strumento Diritti Acquisto Diritti Acquisto Diritti Acquisto Diritti Acquisto finanziari opzioni assegnate ma non esercitabili finanziari opzioni esercitabili ma non esercitate Data di assegnazione da parte C.d.A. Prezzo di esercizio , , , ,521 Prezzo di mercato degli finanziari sottostanti alla data di assegnazione Scadenza opzione 7, , , , pag. 13 di 48

14 TABELLA 1 (Allegato 3A Regolamento Emittenti) QUADRO 2 Opzioni (stock options) Qualifica Opzioni relative a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Angelo Caridi Angelo Caridi Data delibera strumento Consigliere Diritti Acquisto Consigliere Diritti Acquisto finanziari opzioni assegnate ma non esercitabili finanziari opzioni esercitabili ma non esercitate Data di assegnazione da parte C.d.A. Prezzo di esercizio , ,521 Prezzo di mercato degli finanziari sottostanti alla data di assegnazione Scadenza opzione 17, , pag. 14 di 48

15 TABELLA 1 (Allegato 3A Regolamento Emittenti) QUADRO 2 Opzioni (stock options) Qualifica Opzioni relative a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Jacques Léost Jacques Léost Jacques Léost Jacques Léost Jacques Léost Data delibera strumento Consigliere Diritti Acquisto Consigliere Diritti Acquisto Consigliere Diritti Acquisto Consigliere Diritti Acquisto Consigliere Diritti Acquisto finanziari opzioni assegnate ma non esercitabili finanziari opzioni esercitabili ma non esercitate Data di assegnazione da parte C.d.A. Prezzo di esercizio , , , , ,521 Prezzo di mercato degli finanziari sottostanti alla data di assegnazione Scadenza opzione 7, , , , , pag. 15 di 48

16 TABELLA 1 (Allegato 3A Regolamento Emittenti) QUADRO 2 Opzioni (stock options) Qualifica Opzioni relative a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Yves Inbona Yves Inbona Yves Inbona Yves Inbona Direttore Generale Direttore Generale Direttore Generale Direttore Generale Data delibera strumento Diritti Acquisto Diritti Acquisto Diritti Acquisto Diritti Acquisto finanziari opzioni assegnate ma non esercitabili finanziari opzioni esercitabili ma non esercitate Data di assegnazione da parte C.d.A. Prezzo di esercizio , , , ,521 Prezzo di mercato degli finanziari sottostanti alla data di assegnazione Scadenza opzione 7, , , , pag. 16 di 48

17 TABELLA 1 (Allegato 3A Regolamento Emittenti) QUADRO 2 Opzioni (stock options) Quali fica Opzioni relative a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Dirigenti Categoria a) (n.1) Data delibera strumento Diritti Acquisto finanziari opzioni assegnate ma non esercitabili finanziari opzioni esercitabili ma non esercitate Data di assegnazio ne da parte C.d.A. Prezzo di esercizio ,821 Prezzo di mercato degli finanziari sottostanti alla data di assegnazione Scadenza opzione 7,222 ( per n.1 dirigente residente in Francia) Dirigenti Categoria a) (n.4) Dirigenti Categoria a) (n. 9) Dirigenti Categoria a) (n.9) Dirigenti Categoria a) (n.9) Diritti Acquisto Diritti Acquisto Diritti Acquisto Diritti Acquisto , , , ,521 7, ( per n.1 dirigente residenti in Francia) 12, ( per n.1 dirigente residente in Francia) 17, ( per n.1 dirigente residente in Francia) 27, ( per n.1 dirigente residente in Francia) pag. 17 di 48

18 TABELLA 1 (Allegato 3A Regolamento Emittenti) QUADRO 2 Opzioni (stock options) Quali fica Opzioni relative a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Dirigenti di interesse strategico (n. 18) Dirigenti di interesse strategico (n. 33) Dirigenti di interesse strategico (n. 42) Dirigenti di interesse strategico (n.77) Dirigenti di interesse strategico (n.77) Data delibera strumento Diritti Acquisto Diritti Acquisto Diritti Acquisto Diritti Acquisto Diritti Acquisto finanziari opzioni assegnate ma non esercitabili finanziari opzioni esercitabili ma non esercitate Data di assegnazio ne da parte C.d.A. Prezzo di esercizio , , , , ,521 Prezzo di mercato degli finanziari sottostanti alla data di assegnazione Scadenza opzione 7, ( per n.17 dirigenti residenti in Francia) 7, ( per n.22 dirigenti residenti in Francia) 12, ( per n.22 dirigenti residenti in Francia) 17, ( per n.22 dirigenti residenti in Francia) 27, ( per n.19 dirigenti residenti in Francia) pag. 18 di 48

19 PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI Tabella n. 1 dello schema 7 dell Allegato 3A del Regolamento n /1999 QUADRO 1 Strumenti finanziari diversi dalle opzioni (stock grants) Qualifica Strumenti relativi a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Pietro Franco Tali Data delibera strumento Presidente Stock grant (*) Numero assegnati da parte Data assegnazione da parte Eventuale prezzo di acquisto degli Prezzo di mercato alla data di assegnazione Termini della restrizione di vendita degli ,315 - Note (*) Si tratta dell impegno ad assegnare azioni gratuite Saipem allo scadere del termine triennale, come previsto dal Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione Saipem S.p.A. del pag. 19 di 48

20 PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI Tabella n. 1 dello schema 7 dell Allegato 3A del Regolamento n /1999 QUADRO 1 Strumenti finanziari diversi dalle opzioni (stock grants) Qualifica Strumenti relativi a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Hugh James O Donnell Amministratore Delegato Data delibera strumento Stock grant (*) Numero assegnati da parte Data assegnazione da parte Eventuale prezzo di acquisto degli Prezzo di mercato alla data di assegnazione Termini della restrizione di vendita degli ,315 - Note (*) Si tratta dell impegno ad assegnare azioni gratuite Saipem allo scadere del termine triennale, come previsto dal Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione Saipem S.p.A. del pag. 20 di 48

21 PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI Tabella n. 1 dello schema 7 dell Allegato 3A del Regolamento n /1999 QUADRO 1 Strumenti finanziari diversi dalle opzioni (stock grants) Qualifica Strumenti relativi a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Jacques Léost Data delibera strumento Consigliere Stock grant (*) Numero assegnati da parte Data assegnazione da parte Eventuale prezzo di acquisto degli Prezzo di mercato alla data di assegnazione Termini della restrizione di vendita degli , Note (*) Si tratta di avvenuta assegnazione di azioni gratuite Saipem in data allo scadere del termine biennale, come previsto dal Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione Saipem S.p.A. del , per i managers residenti in Francia. pag. 21 di 48

22 PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI Tabella n. 1 dello schema 7 dell Allegato 3A del Regolamento n /1999 QUADRO 1 Strumenti finanziari diversi dalle opzioni (stock grants) Qualifica Strumenti relativi a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Yves Inbona Direttore Generale Data delibera strumento (*) Stock grant (*) Numero assegnati da parte Data assegnazione da parte Eventuale prezzo di acquisto degli Prezzo di mercato alla data di assegnazione Termini della restrizione di vendita degli ,315 - Note (*) Si tratta dell impegno ad assegnare azioni gratuite Saipem allo scadere del termine triennale, come previsto dal Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione Saipem S.p.A. del pag. 22 di 48

23 PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI Tabella n. 1 dello schema 7 dell Allegato 3A del Regolamento n /1999 QUADRO 1 Strumenti finanziari diversi dalle opzioni (stock grants) Qualifica Strumenti relativi a piani, in corso di validità, approvati sulla base di precedenti delibere assembleari Dirigenti Categoria a) n. 8 Data delibera strumento Stock grant (*) Numero assegnati da parte Data assegnazione da parte Eventuale prezzo di acquisto degli Prezzo di mercato alla data di assegnazione Termini della restrizione di vendita degli ,315 - Note (*) Si tratta dell impegno ad assegnare azioni gratuite Saipem allo scadere del termine triennale, come previsto dal Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione Saipem S.p.A. del Dirigenti Categoria a) residenti in Francia n Stock Grant (*) , Note (*) Si tratta di avvenuta assegnazione di azioni gratuite Saipem in data allo scadere del termine biennale, come previsto dal Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione Saipem S.p.A. del , per i managers residenti in Francia pag. 23 di 48

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Relazione sul governo societario. e sugli assetti proprietari 2013

Relazione sul governo societario. e sugli assetti proprietari 2013 Relazione sul governo societario e sugli assetti proprietari 2013 Relazione al 21 marzo 2014 relativa all esercizio 2013 (ai sensi dell art 123-bis TUIF - modello di amministrazione e controllo tradizionale)

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale)

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) - Denominazione Emittente: BANCA MONTE DEI PASCHI DI

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli