Forme Legali in Olanda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Forme Legali in Olanda"

Transcript

1 1 Forme Legali in Olanda Quando un imprenditore decide di creare un azienda con uno strutturato piano d impresa, la scelta della forma legale rappresenta un passo importante che influenzerà sensibilmente sia gli obblighi fiscali che ne deriveranno, sia le sue responsabilità in caso contragga debiti onerosi. Anche nel caso in cui l azienda sia già avviata con discreto successo, decidere di cambiare la forma giuridica potrebbe assicurare un vantaggio competitivo considerevole, non solo al fine di avere agevolazioni fiscali, ma anche per ottimizzare i suoi fabbisogni. Sia nel caso benaugurato che cresca di fatturato che in tempi di crisi come quelli recenti, in cui diverse aziende pubbliche decidono di proteggersi divenendo Società a Responsabilità Limitata. Una politica aziendale che affronta la pianificazione fiscale con attenzione e responsabilità diviene quindi una chiave di volta indispensabile per affermarsi su un mercato sempre più agguerrito da meccanismi competitivi, sia in ambito corporativo che per il piccolo e medio imprenditore, sia in Italia che nel resto del mondo. Il regime fiscale Italiano può rappresentare alle volte un ostacolo per l attuazione di questi bisogni a causa di una pressione fiscale molto rigida, considerata tra le più alte al mondo. Inoltre l attuale quadro legislativo è in continuo mutamento ed è caratterizzato da interventi legislativi volti ad aumentare le esistenti aliquote sulle imposte, o addirittura a crearne delle nuove. Finanche i recenti istituti di Società a Responsabilità Limitata a capitale ridotto o semplificato risultano essere in Maggio secondo Infocamere ancora in gran parte inattive e con zero dipendenti 1. La legislazione Olandese viene invece particolarmente incontro all imprenditore e al professionista proponendo una legislazione e un apparato burocratico notevolmente più snello, riducendo i tempi di attesa con infrastrutture e scelte logistiche tra le migliori al mondo. Esaminiamo ora le più comuni forme societarie in Olanda. Società individuale (Eenmanszaak) Molto semplice da costituire, senza atto notarile basta la semplice iscrizione al registro delle imprese Olandesi, inoltre permette di assumere personale. Se ne può creare solo una per persona ma nonostante i bassi costi di costituzione, come contraltare si è responsabili con tutto il proprio patrimonio personale, cioè non c è separazione tra i beni propri e quelli della 1 (Fonte Sole 24 ore

2 2 società in caso di fallimento, e in caso di matrimonio anche il partner diviene responsabile con i propri beni qualora non ci sia stato un particolare regime di separazione di beni. Si ha diritto alla pensione minima, ma è possibile integrarla seguendo un apposito piano pensionistico. Società in nome Collettivo (Vennootschap Onder Firma) Questa è una forma associativa che può essere utile quando fin dall inizio esiste la volontà di gestire la società con più persone. Con o senza atto notarile più soggetti apportano capitali e beni all interno dell azienda e non è presente alcun requisito minimo di capitale. Eventuali creditori della società prima provano a rivalersi sui beni dell azienda, poi qualora essi non fossero sufficienti, possono in seconda istanza avvalersi sui beni personali dei soci. Tuttavia qualora un socio abbia un debito personale, I suoi creditori non possono rivalersi sui beni della società e su quelli degli altri soci. E possibile stabilire una V.O.F. con il proprio partner, in questo caso essendo entrambi imprenditori, essi hanno un doppio vantaggio fiscale, ma la responsabilità legale in caso di debiti è da accollare a entrambi, ed eventuali restrizioni dovuti a un regime di separazione di beni non sono applicabili. Società a Responsabilità Limitata (Besloten Vennootschap) Per molti aspetti paragonabile alla SRL Società a Responsabilità Limitata in Italia. Può essere fondata sia da un singolo individuo, cosi come da diversi soci. E possibile assumere un manager esterno, ma nelle BV più piccole il Direttore Generale solitamente coincide con il proprietario. C è bisogno di un atto di costituzione notarile, tuttavia con il recente istituto della Flex-BV vigente dal 1 ottobre 2012 è possibile fondare una BV con 0,01 euro cent. A differenza della società individuale è una vera e propria persona giuridica, per cui il titolare in linea di principio non è più interamente responsabile con tutto il proprio patrimonio, tuttavia ci sono alcune eccezioni come ad esempio nel caso che la B.V. dichiari fallimento nei tre anni successivi alla costituzione a causa di condotta assolutamente irresponsabile, oppure qualora l azienda contragga debiti eccessivi in modo non diligente. Un accenno a parte merita ancora il regime di responsabilità del Direttore di B.V. e di altre società a regime limitato, Per cui concludiamo l opuscolo con un paragrafo a parte, a causa della natura trasversale della responsabilità che può investire diverse forme giuridiche. La B.V. è soggetta a obbligo di scritture contabili annuali e la natura dei dati inseriti nei bilanci dipende dalla grandezza dell azienda. Una possibilità interessante per molte aziende che investono in Olanda è la possibilità di utilizzare una B.V. come Holding che controlla le quote di un altra entità giuridica al fine di proteggere il capitale dal rischio di gestione. L amministratore di una B.V. non ha l obbligo di essere di nazionalità Olandese, ne tantomeno vige l obbligo di essere residente in Olanda. Tuttavia qualora uno o più

3 3 amministratori siano residenti sul territorio Italiano, essi incorrono nel rischio che la BV possa essere tassata con il regime IRES italiano, che solitamente e meno vantaggioso, ceteris paribus, rispetto a quello della sua della sua controparte olandese. Talvolta l imprenditore può preferire una NV poiché, come vedremo, le azioni sono trasferibili al portatore, invece la BV, con i suoi requisiti minimi di anche un solo euro cent, e soggetta alla necessità di documentare unilateralmente il trasferimento delle azioni per mezzo di un intervento notarile, ed inoltre i soci hanno uno stretto diritto di prelazione nei confronti di esse rispetto a soggetti esterni. Societa per azioni SpA (Naamloze Venootschap) Assimilabile ad una società per azioni in Italia (SpA). Anche in questo caso il capitale è rappresentato da azioni, ma a differenza della B.V. il capitale minimo richiesto è di Euro e le azioni possono essere liberamente trasferibili ad altri soggetti, mentre in Italia il limite minimo e fissato a Euro A causa di queste caratteristiche le N.V. sono utilizzate solitamente da aziende di grosse dimensioni che utilizzano le azioni come strumento di finanziamento accessorio a quello del debito, inoltre è chiamata Naamloze che significa senza nome, per indicare che i possessori delle azioni non hanno l obbligo di essere iscritti in un registro, in questo modo la natura giuridica prevale sicuramente alla forma personale, inoltre compagnie quotate in borsa scelgono questa forma d impresa. Associazione di lavoratori professionisti (Maatschap) E indicata per gruppi di professionisti o lavoratori autonomi. Non necessita atto di costituzione, tuttavia potrebbe essere consigliato mettere per iscritto punti fondamentali, specie nel caso si vogliano chiarire regole, poteri e remunerazione, poiché l associazione, nella sua forma di base, nasce come istituto di uguaglianza. Si pagano contributi in base al reddito, e sono permesse le agevolazioni e detrazioni tipiche del lavoratore autonomo. Solitamente la responsabilità legale è relegata al singolo socio, tuttavia ci sono delle eccezioni. Societa in accomandita semplice SaS. (De Commanditaire Vennootschap) Assimilabile alla società in accomandita semplice italiana. è considerata una forma particolare della VOF. E composta da uno o piu soci che si occupano dell amministrazione, e altri che sono implicati soltanto a livello finanziario. Non c è bisogno di un contratto di costituzione ma mettere in chiaro per iscritto le regole da seguire è una prassi seguita. Il socio amministrativo è considerato responsabile per i debiti della società, cosicché qualora la

4 4 C.V. vada in fallimento, questo è esteso al socio che si occupa dell amministrazione. Il socio che ha versato il capitale, detto in Olandese letteralmente il socio silenzioso in linea di principio perde solo il capitale versato. Tuttavia se quest ultimo agisce di fatto come amministratore, egli diviene responsabile con il suo patrimonio personale. Associazione (Vereniging) Nasce quando più individui si prefiggono l attuazione di uno scopo comune. Esistono due tipi di associazioni, quelle con pieno o con limitato potere, secondo l esistenza di un atto notarile o meno. Questo comporta che nel caso l associazione sia fondata con limitato potere, che la responsabilità legale della direzione sia totale come riprenderemo nel paragrafo sul regime di responsabilità. Cooperativa (Coöperatie) Nasce principalmente quando un individuo vuole beneficiare di privilegi che sono legati a gruppi d individui. Le due forme più diffuse sono le cooperative costituite da aziende e quelle costituite da imprenditori. Una cooperativa è soggetta a un regime di tassazione basato sul reddito, ogni membro partecipa con quote individuali. Solitamente la responsabilità legale è legata in parti uguali ai soci, tuttavia esistono due istituti che la possono arginarla per preclusione (UA 'coöperatie met uitgesloten aansprakelijkheid' e limitazione (BA 'coöperatie met beperkte aansprakelijkheid'). Fondazione (Stichting) Solitamente è fondata per scopi sociali. Va fondata con atto notarile e sia individualmente che con altri soci. Esiste finanche la possibilità che sia fondata da una persona giuridica. I soci solitamente non sono responsabili legalmente tuttavia esistono diverse eccezioni come l intuibile caso di cattiva gestione. Esiste una direzione fondata da membri ma non direttori. S.E. (European Company) Un accenno approfondito va fatto riguardo all iscrizione di aziende estere in Olanda. La S.E. è una particolare forma per imprese che svolgono attività internazionale e sono presenti in qualsiasi località europea. Il capitale minimo richiesto è di centoventimila euro, ed è diviso in azioni. La formazione è possibile tramite fusione, la creazione di una holding, la trasformazione di una precedente società. Un importante requisito è che persone o società di persone non possono creare una S.E., essa è regolata da un decreto Europeo e qualora le regole non trovino applicazione specifica, si fa riferimento a titolo analogico alla legislazione relativa alle N.V. E obbligatoria l iscrizione in apposito registro sia in Olanda, che come documento europeo. La struttura di una S.E. può avere sia un organizzazione unitaria che

5 5 duale. Nel primo caso gli amministratori si occupano della gestione operativa su base giornaliera, mentre i supervisori di quella a lungo termine. Nel caso invece la S.E. abbia una struttura dualistica i compiti dell amministratore e dell organo dei supervisori sono assolutamente separati. Il regime di responsabilità degli amministratori (Bestuurdersaansprakelijkheid) Una parentesi doverosa è da farsi riguardo al regime di responsabilità di Direttori di B.V. e N.V. Essendo queste società a carattere limitato, il legislatore ha ritenuto in conformità a precedenti esperienze di tutelare in modo maggiore i creditori, espandendo l ambito di colpevolezza dell amministratore di società con regimi a responsabilità limitata qualora sia chiaramente configurabile una colpa oggettiva. In egual modo questa forma di responsabilità (Bestuurdersaansprakelijkheid) e ugualmente applicabile nel caso di direttori di associazioni che siano investiti di potere decisionale e responsabili per il regime di tassazione riguardante l attività d impresa. Specialmente qualora siano cooperative edili, o associazioni che forniscano servizi assicurativi o assicurino crediti. Lo stesso succede nel caso di una fondazione, o addirittura nel caso in cui il direttore appartenga a un entità giuridica non Olandese, ma che sia soggetto al fisco Olandese e che abbia funzionalità di potere attribuitegli dalla legge Olandese. Nel caso che le aziende riferenti ai soggetti sopra indicati non possano onorare i loro debiti, essi divengono in solido responsabili. Molto importante è forse sottolineare che secondo la legge Olandese, una volta che si è nominati direttori, poco importa se non si svolgono funzioni finanziarie. Basta la nomina nel registro per divenire responsabile. E in taluni casi, anche senza iscrizione, il solo essere amministratore di fatto dell impresa rende responsabile nei confronti degli atti intrapresi in nome del soggetto giuridico. Infine, finanche il liquidatore della società assume un ruolo di responsabilità penale in casi particolari. In particolare l amministratore è responsabile qualora la società da lui rappresentata non possa pagare imposte governative quali le seguenti: Tassa sul reddito Premi assicurativi e a fondi pensionistici Accise Tasse che si riferiscono all alcol e il gioco d azzardo IVA Molto comune infine é la responsabilità nel caso non sia versata l IVA (BTW). Responsabili sono sia gli imprenditori di società individuali e di persona come V.O.F., C.V. che anche una persona giuridica qualora si abbia scelto un istituto a responsabilità limitata come una B.V., N.V. o un associazione redatta per mezzo di statuto basato su atto notarile. In questi ultimi casi qualora sia imputabile mala amministrazione, è responsabile il direttore della società limitata.

6 6 Tabella riassuntiva 1 Società individuale B.V. N.V. Maatschap V.O.F. C.V. Fondazione Libera Atto Notarile Atto Notarile Libera, possibile un atto Notarile Requisiti di capitale Libera, possibile un atto notarile Libera, possibile un atto notarile Nessuno 0, Nessuno Nessuno Nessuno Direzione Proprietario Direzione Direzione Soci Soci Socio Amministrativo Altri organi Nessuno Azionisti, Coll. Azionisti, Coll. Nessuno Nessuno Socio Silenzioso Responsabilità Legale Tassazione Supervisori. Supervisori Privata 100% Amministratori Amministratori Privata in egual parte Reddito personale Reddito Società, e personale sullo stipendio da Amministratori e dividendi Reddito Società, e personale sullo stipendio da Amministratori e dividendi Reddito personale Privata 100% Reddito personale Socio Amministrativo 100% Da parte del socio amministrativo, imposta sul reddito personale Tabella riassuntiva 2 Vereniging Vereniging Coöperatie/ Stichting met beperkte met volledige Onderlinge SE rechtsbev. rechtsbev. Waarborgmaat. Fondazione Atto Notarile Statuto Atto Notarile Atto Notarile n/a Requisiti di capitale Nessuno Nessuno Nessuno Nessuno Direzione Direzione Direzione Direzione Direzione n/a Altri organi Soci Soci Soci Nessuno n/a Responsabilità Legale Direzione Direzione Soci Direzione n/a Tassazione Eventuale reddito società Eventuale reddito società Reddito società Eventuale reddito societa n/a

7 7 Imposte reddito società di capitale In termini generali le aziende residenti sul territorio Olandese sono soggette ad un regime di tassazione che investe la loro attività in qualsiasi parte del mondo operino, tuttavia quando l imprenditore italiano opera per mezzo di un organizzazione stabile in Olanda, gli utili da essa prodotti possono essere esentasse. In questo opuscolo esamineremo le imposte che colpiscono il reddito delle cd. società di Capitale che in Olanda sono principalmente la BV(SRL ) e NV(SpA), ciò nonostante esistono alcune rare eccezioni in cui possono essere considerate assimilabili sia le CV( SAS) che le stichting. Sempre in termini molto ampi i profitti in Olanda sono normalmente tassabili, intendendo per tali la somma di tutti i profitti e guadagni qualsiasi sia la loro natura. In generale sono considerabili tassabili i redditi derivanti da attività di investimento quali portafogli di titoli obbligazionari e azionari, e sono tassabili pure le cosiddette plusvalenze. Mentre le plusvalenze non sono tassate finché non siano realizzate, le minusvalenze, invece, possono essere dedotte secondo il principio della ragionevole aspettativa, ovvero che esse possano abbattersi sul reddito di esercizio; tuttavia vedremo a breve il peculiare regime di esenzione dai dividendi, che in alcuni casi può addirittura investire le stesse plusvalenze Le spese che sono connesse con lo svolgimento dell attività aziendale sono deducibili cosi come la remunerazione dei Direttori, cosi come del consiglio di amministrazione. Prima di novembre 2011 era possibile operare una deduzione sugli interessi da pagare in caso di holding che acquisissero sussidiarie Olandesi, mentre ora vige una restrizione qualora gli interessi superino un milione di euro, e se siano più alti dei profitti della compagnia oggetto del processo di acquisizione. Da gennaio 2013 non è più possibile dedurre gli interessi pagati su prestiti per acquisire partecipazioni se superiori alla somma di settecentocinquantamila euro. Tuttavia esistono delle interessanti eccezioni alla regola. Riguardo l imposta sul reddito delle società Olandesi (Vennootschapsbelasting), mentre in Italia l IRES grava con aliquota del 27,5 %, in Olanda essa è fissata da gennaio 2011 al 20% per profitti fino a ed a 25% per qualsiasi ammontare sopra la suddetta cifra. Inoltre, nei Paesi Bassi non si paga l IRAP, la famosa imposta sulle attività produttive, che in Italia grava finanche su chi non percepisce reddito. Se un azienda residente in Olanda controlla direttamente o indirettamente almeno il novantacinque per cento del capitale di una o ulteriori aziende residenti sul territorio nazionale, queste sono considerate come un unica unità dal punto di vista fiscale. Ed anche aziende straniere che hanno una locazione permanente sul territorio dei Paesi Bassi sotto certe condizioni possono essere trattate in modo unitario dal punto di vista fiscale.

8 8 Ad ogni modo, una delle ragioni che attira molte aziende estere è dato dal regime di esenzione di dividendi. In linea di principio i dividendi di una compagnia residente o di una non residente che sia stabilita sul territorio in modo permanente (foreign-source) sono soggette al pagamento di imposte. Tuttavia, dividendi, plusvalenze su cambi e su azioni sono pienamente esenti se si verificano alcuni presupposti. In base ad una legge vigente da gennaio 2010, l esenzione da partecipazioni è applicabile se si verificano entrambe le seguenti condizioni: I. La compagnia olandese considerata mantiene almeno il cinque per cento del capitale della sussidiaria o il cinque per cento del diritto di voto. In questo secondo caso la sussidiaria deve necessariamente essere stabilita in uno stato dell Unione Europea e gli accordi fiscali con lo stato considerato devono prevedere la riduzione dell imposta sui dividendi sulla base del diritto di voto, ovvero tale normativa deve essere stata recepita nello stato di riferimento; II. La partecipazione è mantenuta per solide ragioni legate agli affari, ovvero per effettive ragioni commerciali, e non come mero portafoglio di investimento. Tuttavia l esenzione sui dividendi è ancora applicabile anche se manca il secondo requisito qualora almeno una delle due condizioni seguenti si verifichi: 1) Meno del cinquanta per cento delle attività di bilancio consiste di un semplice portafoglio di investimenti ovvero non deve essere detenuta con esclusive finalità di investimento passivo, ma esercitare un attività finanziaria concreta. Solitamente si qualificano quali portafoglio di investimenti, partecipazioni minori del 5% del capitale o del 5% del diritto di voto. 2) Se più del 50% della sussidiaria è formato da portafoglio di investimenti ma essa è tassata nel suo stato di residenza almeno per il 10%. Tuttavia per evitare facili scappatoie, la sussidiaria non deve godere gia di un regime preferenziale, e la base di imposta su cui si agisce deve essere sufficientemente congrua. Il meccanismo di esenzione delle partecipazioni non si applica qualora la sussidiaria sia classificata come una compagnia d investimento a bassa tassazione. L esenzione si applica inoltre anche per prestiti cosi detti ibridi. La legislazione Olandese offre notevoli agevolazioni, qualora l azienda decida di investire per il proprio sviluppo e per iniziative sostenibili quali la compravendita di beni che riguardino l ambiente, o l energia (Investeringsaftrek).

9 9 Esse si dividono in 3 categorie principali: 1 Investimenti su piccola scala: diversi scaglioni fino ad un massimo investimento di 307 mila euro. 2 Investimenti Ambientali: E possibile coniugarlo con l investimento al punto 1, e sono previste tre diverse sottocategorie di investimento che offrono detrazioni variabili dal 13,5% fino al 36%. 3 Investimenti Energetici: E possibile coniugarlo con l investimento al punto 1. Un accenno al sistema IVA Olandese ( BTW: Belasting over de Toegevoegde Waarde). Esso e simile al sistema italiano, esistono esenzioni, e come regola generale si distingue tra acquisti di beni e servizi fatti sul territorio Olandese, che sono quasi sempre soggetti a tassazione, e quelli tra Unione Europea e stati non Europei, in questi ultimi due casi, il principio principale e che le esportazioni, ovvero gli scambi verso un altro paese non sono soggetti ad IVA. Tuttavia ci sono molte eccezioni e deroghe a queste regole.

10 10 Sgravi per Ricerca e Sviluppo (R&S) Questo tipo di sgravi e possibile anche per talune categorie che non ricadano rigidamente nella fattispecie di impiegato. Un caso tipico e dato dal tirocinante (Stagiair), ma anche del lavoratore part-time o figure atipiche di impiegato. I più comuni sgravi sono applicabili nel caso che sia intrapreso un percorso educativo, nel caso si lavori nel settore marittimo sotto certe condizioni e qualora l imprenditore investa nel settore Ricerca e sviluppo (R&S in Italia, S&O in Olanda: Speur- en Ontwikkelingswerk). Soffermiamoci su quest ultima facilitazione. Per richiederla e innanzitutto necessario preparare una dichiarazione presso un apposita istituzione governativa almeno un mese prima, inoltre e applicabile anche qualora gli impiegati risiedano in un altro paese europeo. Particolarmente vantaggiose sono le possibilità per chi inizi attività imprenditoriale, intendendo per tale che non si sia stati datori di lavoro negli ultimi 5 anni, e non si sia richiesto nello stesso periodo piu di due volte la riduzione per costi legati a Ricerca & Sviluppo. Se le due condizioni appena menzionate si verificano e possibile una riduzione sul salario per la rilevante cifra di 50% del salario effettivamente percepito fino ad un massimale di euro ed il 14% per salari superiori ai euro. Particolare attenzione nello stesso quadro legislativo del R&S e destinata ad aziende che intraprendono politiche di innovazione addirittura ricercando nel mercato eventuali partner nel caso si decida di agire su scala internazionale, e facendo accedere l imprenditore a grosse banche dati per determinare il comportamento del consumatore e le conseguenti politiche di marketing, A livello finanziario poi il governo interviene per offrire vantaggiose condizioni non solo fiscali, ma anche di copertura del credito presso istituzioni bancarie, stimolando il rilascio di eventuali garanzie. Sempre in caso di innovazione e essenziale proteggere il nuovo prodotto o processo. Anche in questo caso,procedure guidate, esperti a propria disposizione, permettono di affrontare questo aspetto con dinamismo ed efficacia. Solo nel 2013 sono stati stanziati dal governo milioni di euro tramite due istituzioni WBSO (Wet Bevordering Speur- en Ontwikkelingswerk) e RDA (Research en Development Aftrek). per imprese che investono in R&S, un iniziativa chiave per favorire la produttività economica. Solitamente in Italia, il piccolo imprenditore si sente scoraggiato ad investire in R&S, in Olanda invece il sistema facilita tutti i tipi di impresa, incurante delle dimensioni e del settore.

11 11 Imposte reddito società di persone Nelle societa di capitali che abbiamo esaminato, essendo il soggetto di imposta di natura prettamente giuridica, esso e soggetto ad un regime di tassazione simile all IRES Italiana, (Vennootschapsbelasting) che colpisce piu la societa in quanto tale che la persona che opera dietro di essa. Nelle società di persone, che solitamente gestiscono capitali più contenuti, vige un sistema diverso equiparabile al regime IRPEF Italiano, in quanto e la persona piu che il capitale ad essere colpito, ed ovviamente la responsabilita legale in caso di inadempienza diviene più accentrata sul titolare dell impresa rispetto alle società di capitale, che per natura tendono a limitare il rischio al capitale stesso. Esistono varie forme di detrazione per il piccolo imprenditore, esse rientrano sotto la categoria di interventi chiamati (Ondernemersaftrek). Sicuramente e interessante inoltre la possibilità per piccole e medie imprese di persone (MKB- Midden- en Kleinbedrijf) di ottenere degli sgravi fiscali sul reddito dichiarato, (MKBwinstvrijstelling) nel 2013 questi sono calcolati con un aliquota considerevole, il 14%. Bisogna stare attenti tuttavia al fatto che questo intervento abbassa il carico fiscale imponibile, per cui nella malaugurata ipotesi che l imprenditore sia in perdita, il MKB winstvrijstelling puo diminuire la perdita stessa, con conseguenze non sempre positive per il soggetto operante attivita di impresa. Per di più il sistema Olandese tende a facilitare la costruzione di nuove aziende, ed in genere offre una serie di detrazioni molto incentivanti anche per i piccoli imprenditori. Esiste lo stakingsaftrek, che e la possibilità di eseguire una detrazione una tantum in caso di utili derivanti dal valore di realizzo dell azienda nel caso ad esempio venga venduta, questa procedura permette di eseguire un ritorno fiscale di oltre 3.000, addirittura chi inizia un azienda con lo startersaftrek una specifica detrazione per nuovi imprenditori, può beneficiare di una detrazione ancora più alta nel caso in cui riesca a provare che nei precedenti cinque anni non era imprenditore, insieme con alcuni requisiti accessori. Inoltre con l istituto delle cd detrazioni arbitrarie (Willekeurige afschrijving) la legislazione olandese permette, in taluni casi ed in certe condizioni, di decidere come e quando effettuare ammortamenti, stornando il valore del bene, e versando tributi su una base tassabile minore. Questo può essere utile ad esempio quando si compri un bene che abbia una vita utile particolarmente breve a causa dell obsolescenza dovuta alle nuove tecnologie, e addirittura questo istituto potrebbe aiutare l imprenditore a pianificare in piccolo la sua politica fiscale, in quanto l ammortamento è un costo che incide in modo rilevante sul reddito di esercizio pure qualora non vengano soddisfatti i requisiti di redigere bilanci. Alcuni esempi di categorie di prodotti rientranti nel regime delle detrazioni arbitrarie sono le attività derivanti da investimenti per l ambiente riportati in una lista aggiornata su base

12 12 annuale: prodotti sostenibili che riducono l inquinamento, emissioni dannose, gestione dei rifiuti. Inoltre e possibile attuare il regime di detrazioni arbitrarie, nel caso di nuovi imprenditori o per chiunque sostenga una spesa rientrante nella lista dal primo Luglio 2013 fino a Dicembre 2013.

13 13 Reporting and Auditing In Olanda cosi come in Italia esistono requisiti di pubblicazione di dati finanziari quali i bilanci che comunemente includono documenti quali lo stato patrimoniale, il conto economico, la nota integrativa, i conti d ordine e l eventuale rendiconto finanziario o il bilancio consolidato qualora sussistano i requisiti per la redazione. I dati finanziari vanno pubblicato entro cinque mesi dalla fine dell esercizio precedente nel caso di B.V., S.E., o N.V. Leggermente meno stretti i tempi per le cooperative: sei mesi. Una volta approvati dall assemblea degli azionisti, i bilanci annuali devono essere firmati dai membri responsabili, e nel caso manchi qualche firma, le ragioni devono essere chiaramente circostanziate. Sono possibili anche proroghe. Entro otto giorni dalla riunione dell assemblea i bilanci devono essere depositati presso la Camera di Commercio. Grandi aziende devono ottemperare l esigenza di pubblicazione di un rapporto stilato dal direttore generale al fine di dare una chiara e veritiera spiegazione sulla situazione economica dell azienda. Il rapporto prevede che vengano delineati i piani strategici che l azienda intende intraprendere. Inoltre in Olanda grandi aziende soggette al cd. Large Companies Regime sono soggette, in aggiunta, all approvazione dei documenti finanziari da parte del Work Council (Ondernemingsraad). A tal fine l azienda deve soddisfare tutte e tre le seguenti condizioni. 1) Avere un capitale compreso di riserve di almeno sedici milioni di Euro; 2) L azienda, o una delle sue sussidiarie con almeno il 50% delle quote, ha un funzionante Ondernemingsraad; 3) La compagnia, compresa un eventuale sussidiaria che mantiene il 50% delle quote, gestisce almeno 100 lavoratori in Olanda; Tuttavia esistono delle eccezioni alla regola di soggezione al Large Companies Regime una delle più notevoli è l esenzione per compagnie che sono considerate quali holding pure, solitamente con funzioni prettamente finanziarie. L azienda deve redigere i bilanci in conformità con i principi contabili generali (GAAP General Accepted Accounting Principles) e qualora la struttura dell azienda sia raffrontabile ad un gruppo di portata internazionale è possibile la stesura del bilancio nel GAAP di un altro stato membro dell Unione Europea, in tal caso nella nota integrativa esiste l obbligo di specificare un diverso utilizzo del GAAP rispetto a quello locale Olandese. In modo simile è possibile cambiare la lingua e anche la valuta di riferimento. Riguardo il tipo di informazione finanziaria richiesta, essa varia a seconda delle dimensioni dell azienda. Un azienda piccola non deve pubblicare il conto economico, mentre invece le

14 14 aziende considerate di medie dimensioni pubblicano solitamente un conto economico abbreviato. Introduciamo quindi le differenze tra fattispecie aziendali in termini dimensionali dal punto di vista giuridico. Un azienda per piccola, media o grande deve soddisfare due delle tre seguenti condizioni per tre anni di seguito: Piccola azienda: totale attività minore di quattro milioni e quattrocentomila euro; Volume di vendite minore di otto milioni ed ottocentomila Euro; numero di impiegati minore di cinquanta unità; Media azienda: totale attività minore di diciassette milioni e cinquecentomila euro; Volume di vendite minore di trentacinque milioni di euro; numero di impiegati minore di duecentocinquanta unità; Grande azienda: totale attività maggiore di diciassette milioni e cinquecentomila euro; Volume di vendite maggiori di trentacinque milioni di euro; numero di impiegati maggiore di duecentocinquanta unità; Tabella riassuntiva 3 Piccola Media Grande Totale Attività < < > Volume Vendite < < > Impiegati <50 <250 >250 E possibile applicare alcune semplificazioni contabili per talune aziende. Esse consistono in una forma abbreviata di bilancio, la mancanza di alcuni requisiti di auditing e anche la possibilità di astenersi dal redigere la relazione sulle note sull andamento di gestione del direttore. Per succedere questo devono verificarsi le seguenti condizioni: L azienda che gode della semplificazione sia consolidata da un altra azienda i cui bilanci siano stati redatti in accordo alla settima direttiva; La compagnia controllante, che quindi consolidi la controllata, dichiari che assume responsabilità in solido per le obbligazioni dell azienda che gode delle semplificazioni/esenzione; Gli azionisti o membri hanno dichiarato di derogare sin dall inizio dell anno finanziario;

15 15 Gli account consolidati siano stati tradotti in Olandese, Francese, Tedesco o Inglese; Le dichiarazioni ed i documenti sono depositati presso gli uffici della camera di commercio; Una nota a parte merita il bilancio consolidato, esso nasce dall esigenza di presentare in modo organico e veritiero la situazione finanziaria ed economica di un gruppo. Per mezzo del bilancio consolidato è possibile raffrontare da parte di differenti soggetti e non per ultimi gli investitori realtà aziendali complesse in modo molto più semplice. A livello europeo esiste un movimento di armonizzazione per presentare in maniera facilmente raffrontabile il potenziale di un azienda indifferentemente dal territorio in cui essa opera. Questa procedura è iniziata nel lontano 1978 con la quarta direttiva CEE che proponeva un modello comune europeo per una procedura comune di redazione dei bilanci nei paesi degli stati membri e nel 1983 per mezzo della settima direttiva sono state dettate le regole nel redigere i bilanci consolidati, riprese poi da IAS 27. Gli IAS (International Accounting Standard) insieme ai postumi IFRS (International Financial Reporting Standards) sono un importantissimo strumento sancito dall unione Europea nel 2002 e validi dal 2005 che tendono verso una prospettiva di standardizzazione mondiale delle regole contabili al fine di offrire agli investitori, ed eventuali altri soggetti interagenti con l impresa i cd portatori di interesse (stakeholders), di inquadrare in modo sufficientemente chiaro le caratteristiche economiche e finanziarie dell azienda in modo efficiente, affidabile e che permetta comparazioni di dati contabili. Quando non si applicano gli IAS/IFRS si utilizza il regime locale GAAP (Generally Accepted Accounting Principles), che in ogni nazione è diverso. Va anche detto che il GAAP Olandese è già molto allineato agli IAS e IFRS rispetto al modello italiano. La regola generale è che una compagnia che è legata ad un altra entità dovrebbe presentare nelle note allegate al bilancio anche i conti consolidati. Tuttavia l obbligo di consolidamento in alcuni casi viene a cadere. Ad esempio nel caso di aziende che sebbene legate al gruppo non siano da ritenersi significative per comprendere l andamento gestionale del gruppo stesso, oppure qualora l informazione richiesta per l entità considerata possa solo essere richiesta a costi spropositati o con gran ritardo. Inoltre è possibile omettere l obbligo di consolidamento qualora l azienda in oggetto sia considerata piccola in conformità con i requisiti sopra indicati. Ancora, la procedura di consolidamento può essere evitata se l azienda ha titoli finanziari come ad esempio azioni ufficialmente quotate in un mercato. Medie e grandi aziende in coincidenza con il principio gia menzionato, hanno l obbligo di sottoporre i loro bilanci ad un processo di auditing. Possiamo escludere per analogia da tale processo tutte le aziende che non hanno obbligo di essere consolidate ed i gruppi di imprese

16 16 che incorrono nei punti che gia abbiamo esaminato riguardo esenzioni e possibilita di redazione di bilanci abbreviati. Riguardo la natura del soggetto che inizia l attività di auditing esso deve essere un soggetto Olandese che sia in possesso della certificazione richiesta, oppure un auditor straniero che abbia ottenuto una licenza per operare in Olanda. Il compito dell auditor sarà di accertare che le scritture contabili siano effettivamente tenute nel rispetto delle regole sancite dalle norme che regolano gli standard contabili. Benché la presente pubblicazione sia stata redatta con la massima cura possibile, lo studio Russo & Van der Waal declina ogni responsabilità in relazione ad eventuali errori. La presente pubblicazione è unicamente a scopo informativo e non costituisce consulenza.

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli