OMAGGI E CESSIONI GRATUITE DI BENI E SERVIZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OMAGGI E CESSIONI GRATUITE DI BENI E SERVIZI"

Transcript

1 Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda n. 11 del 6 dicembre 2004 Ai Gentili Clienti Loro sedi Premessa OMAGGI E CESSIONI GRATUITE DI BENI E SERVIZI Il presente documento è stato redatto al fine di fornire una breve traccia per orientarsi nella multiforme realtà delle cessioni gratuite di beni e servizi. Per inquadrare la normativa interessata, si ritiene opportuno evidenziare, in successione logica, i momenti di acquisto dei beni e dei servizi e il successivo momento di cessione o erogazione gratuita. Per ogni operazione verranno analizzati gli effetti ai fini iva e ai fini della determinazione del reddito. Beni non oggetto dell attività dell impresa distribuiti gratuitamente L acquisto Le spese sostenute per i beni distribuiti gratuitamente, anche se recano emblemi, denominazioni o altri riferimenti atti a distinguerli come prodotti dell impresa, si considerano spese di rappresentanza. 1 Il costo è riconosciuto nella misura di un terzo ed è ammesso in deduzione per quote costanti nell esercizio in cui è sostenuto e nei quattro successivi. Sono completamente deducibili anche se rimangono spese di rappresentanza gli acquisti di beni distribuiti gratuitamente il cui costo unitario non eccede euro 25,82. L iva relativa alle spese di rappresentanza non è ammessa in detrazione, tranne quella sostenuta per l acquisto di beni di costo unitario non superiore a euro 25,82. 2 beni di costo inferiore a 25,82: alcune precisazioni Il costo è da intendersi comprensivo degli oneri di diretta imputazione (spese di trasporto etc). Essendo l iva integralmente detraibile, per verificare il limite dei 25,82 euro dovrebbe essere considerato il costo al netto dell iva 3. La norma che prevede la detraibilità integrale dell iva per i beni in questione prevale sulle disposizioni che prevedono limitazioni oggettive alla detrazione dell iva: dunque sebbene l iva sugli acquisti di alimenti e bevande sia indetraibile 4, se si tratta di beni ceduti gratuitamente inferiori a 25,82 l iva diventa detraibile 5. E necessario verificare qual è l oggetto dell omaggio: è irrilevante che nella fattura di acquisto il fornitore esponga più beni inferiori a 25,82 se poi costituiranno un singolo omaggio di costo superiore (esempio: l acquisto del cesto 3,00, del panettone 8,00, dello spumante 13,00 e del torrone 5,00 che viene donato ad un cliente, costituisce omaggio superiore a 25,82) 6 La cessione 1 Art. 108 del Tuir 2 Art. 19-bis 1 lett. H) Dpr 633/72 3 Circolare Assonime 89/ Art 19-bis 1 lett. E) Dpr 633/72 5 Circolare Agenzia delle Entrate 19/06/2002 n. 54/E 6 in senso conforme R. Acierno e F. Porta in Guida Normativa n. 217 del 1/1/04 pag. 4 si deve ritenere che il limite di valore di 25,82 euro debba essere considerato con riguardo all entità che la cessione gratuita, nel suo complesso, assume presso i destinatari" R O M A N O D E Z Z E L I N O V I A M A R C E L L O 3 0 / 3 2

2 Le cessioni gratuite dei beni non oggetto dell attività dell impresa sono sempre escluse da iva. 7 Non essendo considerate cessioni non vi è alcun obbligo di emettere la fattura. Si pongono dunque due problemi: superamento della presunzione di cessione a titolo oneroso prova della consegna dei beni L azienda potrà emettere un documento di trasporto oppure utilizzare un apposito registro (non soggetto a vidimazione e bollatura) dal quale risultino i beni consegnati, il destinatario e la causale del trasferimento. 8 Beni oggetto dell attività dell impresa distribuiti gratuitamente L acquisto di beni destinati ad essere ceduti gratuitamente, la cui produzione o il cui commercio rientra nell attività propria dell impresa, non costituiscono spese di rappresentanza. 9 Per attività propria deve intendersi compresa ogni attività che rientra nell ordinario campo d azione dell impresa. Non vi rientrano le attività puramente strumentali, accessorie e occasionali. In caso di produzione o commercio di più beni non si deve avere riguardo alla prevalenza dell uno o dell altro ma si devono considerare tutti rientranti nell attività propria dell impresa 10. Da ciò ne consegue che, l acquisto di beni rientranti nell oggetto dell attività dell impresa, da distribuire gratuitamente, non saranno soggetti ai limiti di deducibilità (costo) e detraibilità (iva) delle spese di rappresentanza. 11 La cessione Per le cessioni gratuite in esame la rivalsa non è obbligatoria 12 : il contribuente dovrà emettere fattura obbligatoriamente solo nel caso voglia esercitare il diritto alla rivalsa dell iva. In alternativa il contribuente può procedere in uno dei seguenti modi 13 : emissione dell autofattura emissione di un documento in unico esemplare da annotare tra le fatture di vendita con indicazione autofattura per omaggi che potrà riassumere tutte gli omaggi di un mese solare. L iva andrà applicata sul valore normale dei beni. Annotazione su registro omaggi (non soggetto né a vidimazione né a bollatura) Il documento emesso in unico esemplare verrà annotato su un registro istituito appositamente per le fatture per omaggi. Emissione di fattura senza rivalsa Vene emessa una fattura in duplice esemplare in cui, nella copia da recapitare al cliente, l iva non viene esposta o viene esposta con l indicazione iva non detraibile in quanto non effettuata la rivalsa. In ogni caso, l iva di cui si è rinunciato alla rivalsa non è costo deducibile. Beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono Le cessioni a titolo di sconto, premio o abbuono - anche se pattuite successivamente alla contrattazione originaria - conservano il titolo in base al quale sono state concesse ( un atto di compravendita e non atto di liberalità) e non possono essere considerate gratuite ai sensi dell art. 2, giacchè queste ultime, a differenza delle prime, non sono né potrebbero essere mai legate ad altre operazioni Ai sensi dell art. 2 co. 2 n. 2. Se i beni sono di costo inferiore a euro 25,82, viene detto esplicitamente. Se i beni sono di costo superiore in quanto sul loro acquisto non si è operata la detrazione ai sensi dell art. 19-bis 1 lett. H. La loro eventuale cessione a titolo oneroso sarà operazione esente art. 10 n. 27-quinquies ( si veda Antonelli e Poggi nell articolo citato in nota 11) 8 art. 1 co. 5 Dpr 441/1997. Per l opportunità se non obbligatorietà di emissione del DDT si veda A. Antonelli e L. Poggi nell articolo citato in nota 11 9 Cm 16/07/98 n. 188/E punto 6.2. Tale interpretazione risulterebbe in linea con la sentenza della Corte di Giustizia CEE causa C 68/92 in merito alla qualificazione degli omaggi ai clienti quali spese di pubblicità (si veda F. Reggi in Iva 2004 XXVII Ed. Il Sole 24ore pag. 366). 10 CM 25/ del in senso critico si legga A. Antonelli e L. Poggi in Omaggi natalizi a clienti, dipendenti e collaboratori: l iva e le regole del fisco sul documento di trasporto in Guida Normativa n. 231 del art. 18 co. 3 Dpr 633/72 13 CM n CM 0308/01979 punto 9 n. 25/ P A G I N A 2 D I 7

3 Ne deriva che l acquisto di beni destinati ad essere ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono stabilito o non stabilito con le originarie pattuizioni contrattuali, non potendo essere inquadrata come cessione gratuita (dunque come spesa di rappresentanza), dovrebbe permettere la detrazione integrale dell iva 15 e la deduzione completa del costo. La cessione sarà esclusa dalla base imponibile se sussisto entrambe le seguenti condizioni: I beni ceduti a titolo di sconto non sono soggetti ad aliquota più elevata di quelli ceduti a titolo oneroso; Lo sconto deve essere previsto dalle pattuizioni contrattuali originarie Sulla fattura, in questo caso, andrà indicato il valore normale dei beni e il titolo di esclusione (art. 15 co 1 n. 2 Dpr 633/72. Nel caso in cui non sussista anche una delle suddette condizioni, la cessione di beni a titolo di sconto, premio o abbuono andrà assoggettata ad iva nei modi ordinari. Beni da distribuire gratuitamente ai dipendenti 16 L acquisto Queste operazioni non costituiscono spese di rappresentanza ma spese per il personale dipendente. 17 La conseguenza è che non soffrono di alcun limite di deducibilità ai fini delle imposte sui redditi (non è rilevante che il valore sia superiore o inferiore a 25,82), salvo verificare quando costituiscono reddito per il dipendente. 18 Naturalmente l iva torna ad essere detraibile secondo le regole ordinarie 19 : se si tratta di acquisti di alimenti e bevande sarà oggettivamente indetraibile. La consegna al dipendente Se sull acquisto non è stata detratta l iva, l omaggio è operazione esclusa e diventa opportuno munirsi delle prove di cui si è parlato per le cessioni gratuite di beni che non rientrano nell attività dell impresa. Se sull acquisto ci si è detratti l iva, la cessione gratuita è soggetta ad iva e l azienda può procedere nei modi indicati per i beni oggetto dell attività. In ogni caso è opportuno prendere nota delle erogazioni effettuate in quanto le istruzioni per la compilazione del modello CUD chiariscono che, nello spazio riservato alle annotazioni, il sostituto d imposta è tenuto ad indicare l importo delle erogazioni liberali erogate in occasione di festività o ricorrenze. Campioni di modico valore appositamente contrasseganti Il modico valore va individuato con riferimento agli usi commerciali. 20 Il contrassegno deve essere apposto in maniera indelebile, non è sufficiente apporre una semplice etichetta. 21 Nel caso siano inviati più campioni ad un unico destinatario, il modico valore va valutato per singolo campione. 22 L iva sull acquisto è detraibile, le cessioni non rientrano nella base imponibile Iva. 15 il fatto che alla cessione si configuri una cessione esclusa da iva ex art. 15, non interferisce sulla detraibilità dell iva in quanto acquisti funzionalmente ricollegabilii ad altre operazioni imponibili (CM n. 328/E 3.1). Si veda anche A. Antonelli e L Poggi nell articolo citato in nota L assimilazione degli amministratori e dei collaboratori a progetto ai dipendenti, riguarda solo la determinazione del reddito. Ne deriva che l effetto dell omaggio per l amministratore e per il collaboratore è identico a quello per il dipendente; la deducibilità per l impresa è invece differente. Quanto viene detto per gli omaggi ai dipendenti vale solo per quelli erogati ai soggetti con i quali è in corso un rapporto di lavoro subordinato. Si veda A. Antonelli e L. Poggi in L omaggio troppo costoso regalato al dipendente non sfugge al prelievo irpef e contributivo in Guida Normativa del n Leo-Monacchi-Schiavo in Le imposte sui redditi nel testo unico pag VI Ed. Giuffrè Editore; C. Tavernari in Cessioni e prestazioni gratuite omaggi Schede di Aggiornamento 11/99 Eutekne. 18 Si ricorda che ai fini IRAP sono deducibili le somme erogate a terzi per l acquisizione di beni e servizi destinati alla generalità dei dipendenti e dei collaboratori. Non sono ammesse in deduzione le erogazioni in denaro e nemmeno quelle destinate a particolari categorie di dipendenti (CM n. 148/E e Assonime 34/2000 citati da Antonelli e Poggi nell articolo di nota 16) 19 Secondo la RM n l iva sarebbe indetraibile per mancanza di inerenza. In forza della necessaria coincidenza del significato dell inerenza nell ambito della sfera delle imposte sui redditi e dell iva, se si condivide tale tesi non si dovrà ritenere deducibile nemmeno il relativo costo. 20 RM n RM n RM n. 83 P A G I N A 3 D I 7

4 Beni donati ad enti assistenziali e di beneficenza Sono operazioni esenti ai sensi dell art. 10 punti 12 e 13 del Dpr 633/72: le cessioni gratuite fatte a enti pubblici, associazioni riconosciute o fondazioni aventi esclusivamente finalità di assistenza, beneficenza, educazione, istruzione, studio o ricerca scientifica e Onlus la cessione gratuita a favore di popolazione colpite da calamità naturali dichiarate tali ai sensi di legge. La cessione in esenzione da Iva, sia che i beni rientrino o meno nell oggetto dell attività, rende indetraibile l iva pagata all acquisto. 23 Il relativo costo costituirà onere di utilità sociale deducibile nei limiti stabiliti dall art. 100 del TUIR. Per vincere la presunzione di cessione dei beni donati è necessario che sussistano le seguenti condizioni: 24 - l azienda effettui la comunicazione all Agenzia delle Entrate e alla Guardia di Finanza (solo se la cessione è di valore superiore a 5.164,57 euro) - l azienda emetta il documento di trasporto - l ente ricevente emetta una dichiarazione sostitutiva di atto notorio con cui attesti la corrispondenza tra i beni esposti nel DDT e i beni ricevuti. Prodotti alimentari non piu commercializzati I prodotti alimentari non più commercializzati o non idonei alla commercializzazione per carenza o errori di confezionamento, di etichettatura, di peso o di altri motivi similari, nonché in prossimità della data di scadenza, ceduti ai soggetti indicati nell art. 10 punto 12 del Dpr 633/72 e da questi ritirati presso i luoghi di esercizio dell impresa, si considerano distrutti agli effetti dell imposta sul valore aggiunto. Equiparandone la cessione alla distruzione 25 viene meno la necessità della rettifica della detrazione dell iva sostenuta all acquisto. In mancanza di particolari formalità, si ritiene opportuno spedire la comunicazione all Agenzia delle Entrate tramite raccomandata con avviso di ricevimento, emettere DDT relativo ai beni e farsi rilasciare la dichiarazione di corrispondenza da parte dell Ente che provvederà arl ritiro della merce. 26 Opere librarie e dotazioni informatiche Le opere librarie e di dotazioni informatiche non più commercializzati o non idonei alla commercializzazione, cedute a enti locali, istituti di prevenzione e pena, istituzioni scolastiche, orfanotrofi ed enti religiosi sono considerate operazioni esenti assimilate alle distruzioni di beni 27. La loro cessione esente non obbliga alla rettifica della detrazione dell iva operata all acquisto e la loro dismissione può risultare alternativamente da DDT o da annotazione apposta sul libro giornale, sul libro inventari, sul libro cespiti ammortizzabili o sui registri iva. Cessioni gratuite con destinazione comunitaria Gli omaggi in ambito comunitario non sono operazioni intracomunitarie (mancandone l onerosità). Il trasferimento non deve essere riepilogato negli elenchi Intrastat nemmeno ai fini statistici. 28 Per vincere le presunzioni di cessione è necessario emettere il documento di trasporto. La detrazione dell iva assolta all acquisto e la deduzione del costo seguono le regole delle operazioni interne. Cessioni gratuite con destinazione extracomunitaria Se i beni sono oggetto dell attività dell impresa, la cessione è non imponibile art. 8 lett. A Dpr 633/42. Salvo limiti alla detrazione dell iva riguardanti il tipo di bene acquistato (come nel caso di alimenti e bevande), l iva assolta all acquisto è detraibile. Se i beni non sono oggetto dell attività dell impresa, la cesione è esclusa dall applicazione dell iva e l imposta assolata all acquisto è indetraibile. 23 CM n. 328/E 24 art. 2 co. 2 Dpr 441/ art. 6 co. 5 L. 133/99 26 Circolare Assonime 66/ art. 54 L. 342/2000; Dm 25/ n CM n. 13 P A G I N A 4 D I 7

5 L operazione dovrà formalizzarsi con un semplice documento recante valori ai soli fini doganali. Esempio: Il cesto natalizio Il cesto natalizio - normalmente composto di prodotti alimentari e bevande : se di valore inferiore ai 25,82 euro: o il costo è deducibile integralmente; l iva è indetraibile se di valore superiore ai 25,82 euro: o il costo è deducibile integralmente; l iva è indetraibile o il costo è deducibile per 1/3 e in 5 quote; l iva è indetraibile Esempio: l agenda, il calendario ecc. Questi beni non soffrono la limitazione oggettiva degli alimenti e bevande. Considerando il caso in cui tali beni non rientrino nell oggetto dell attività dell impresa che li sta regalando: se di valore inferiore ai 25,82 euro: se di valore superiore ai 25,82 euro: o il costo è deducibile per 1/3 e in 5 quote; l iva è indetraibile P A G I N A 5 D I 7

6 Prestazioni di servizi rese gratuitamente Come le cessioni di beni, anche le prestazioni di servizi gratuite hanno riflessi fiscali 29. Sono assoggettate ad iva le prestazioni gratuite nei confronti: - dell imprenditore stesso (autoconsumo) - dei familiari dell imprenditore (autoconsumo) - di altri soggetti per finalità estranee 30 all esercizio dell impresa 31 a condizione che: - l iva sugli acquisti utilizzati per la prestazione sia detraibile - il valore della prestazione superi i 25,82 euro. Rimangono in ogni caso escluse: - le seguenti operazioni effettuate a favore dei dipendenti: o somministrazioni in mense aziendali o prestazioni d trasporto o prestazioni didattiche, educative e ricreative o prestazioni di assistenza sociale e sanitaria - le divulgazioni pubblicitarie per attività istituzionali di enti no profit con finalità educative, culturalii, sportive, religiose e di assistenza e solidarietà sociale; - le prestazioni rese gratuitamente alle Onlus - le diffusioni di messaggi, rappresentazioni, immagini o comunicazioni di pubblico interesse richieste o patrocinate dallo Stato o da Enti pubblici. La necessità che il fine delle prestazioni sia estraneo all esercizio dell attività, unito al fatto che difficilmente lo spirito imprenditoriale è mosso da liberalità ma opportunamente è mosso dalla necessità che ad ogni sforzo economico corrisponda un ritorno, fa ritenere che le prestazioni di servizio sono più probabilmente spese di rappresentanza o spese di pubblicità all acquisto e non soggette ad iva all erogazione. A questo punto diventa di fondamentale importanza distinguere se la spesa è di pubblicità (iva detraibile e costo integralmente deducibile) o di rappresentanza (iva indetraibile e costo deducibile per un terzo in cinque esercizi) Secondo il Ministero delle Finanze 32, costituiscono spese di rappresentanza quelle sostenute per offrire al pubblico un immagine positiva di sé stessi e della propria attività nonché per promuovere l acquisizione e il consolidamento del proprio prestigio. 33 Se sono erogate ai dipendenti (e non al pubblico) la conseguenza è che: - il costo d acquisto è deducibile quale costo per il personale dipendente o erogazione liberale ai dipendenti - l iva relativa è detraibile secondo le regole ordinarie (attenzione all indetraibilità oggettiva di alcuni beni, alimenti e bevande) 29 Art. 3 co. 3 Dpr 633/72 30 cioè deve essere resa a fine di liberalità senza alcun rapporto diretto o indiretto con i fini imprenditoriali F. Reggi in op. cit. pag. 50 in nota. Ancora C. Tavernari in Schede di Aggiornamento di Eutekne 11/99 cita la circolare Assonime 89/96; in essa viene chiarito che rimangono estranee al campo di applicazione dell imposta: - Le prestazioni derivanti da rapporti essenzialmente gratuiti (trasporto di mera cortesia, comodato etc) - Le fattispecie che per legge prevedono il rimborso del mero costo (prestiti o distacchi di personale ex art. 8 co. 34 L. 67/88. Non esiste una relazione necessaria tra gratuità della prestazione e destinazione a finalità estranee all esercizio dell impresa. Restano pertanto escluse da tale disciplina le prestazioni che, contraddistinte dal requisito della gratuità, si rivelano funzionali o connesse all esercizio dell impresa. 31 L estensione dell applicazione del tributo alle prestazioni effettuate senza pretendere un corrispettivo non opera per le prestazioni rese nell esercizio di arti e professioni, le quali pertanto restano comunque estranee al campo di applicazione del tributo se eseguite per uso personale, familiare o gratuitamente a terzi. Le prestazioni rese nell esercizio di arti e professioni restano dunque rilevanti ai fin iiva solo se reso dietro corrispettivo. F. Reggi in op. cit. pag. 50 in nota. Conforme Assonime 89/96 32 CM n. 328/E 33 le spese di rappresentanza, cioè, sarebbero caratterizzate dalla mancanza di un corrispettivo o di una specifica controprestazione da parte dei destinatari.. Questo segno distintivo non è però sempre vero basti pensare al caso in cui un azienda organizzi presso la propria sede un incontro di lavoro, con relativo pranzo, per presentare ai propri agenti i nuovi prodotti.. in questo caso si ritiene che non si possa negare che le spese sostenute rientrino tra le spes di natura commerciale interamente deducibili L. Miele Sconto ridotto e differito in Il Sole24ore dell P A G I N A 6 D I 7

7 - all atto della erogazione le prestazioni gratuite ai dipendenti elencate sopra sono esplicitamente escluse Esempio: cena di natale Ai fini iva, l acquisto è oggettivamente indetraibile, in quanto si tratta di somministrazione di alimenti e bevande. All atto della erogazione, la prestazione gratuita non è soggetta ad iva in quanto i beni e servizi relativi alla sua esecuzione sono indetraibili. Indipendentemente dal valore della singola consumazione: la cena ai dipendenti: è costo deducibile nei limiti del 5 per mille del costo del totale delle spese per il personale dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi 34 ; l iva è indetraibile. Come per gli omaggi anche questa erogazione deve risultare dal modello CUD nelle annotazioni. la cena ai clienti o fornitori: il costo è deducibile integralmente, se la si ritiene spese di pubblicità, 1/3 in 5 esercizi, se la si ritiene spesa di rappresentanza; l iva è indetraibile Rilevanza dell omaggio per chi lo riceve Dipendenti Sono escluse dal reddito di lavoro dipendente le erogazione liberali di importo non superiore ad euro 258,23 per periodo d imposta 35, concesse in occasione di festività o ricorrenze alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti 36. Le istruzioni per la compilazione del modello CUD chiariscono che, nello spazio riservato alle annotazioni, il sostituto d imposta è tenuto ad indicare l importo delle erogazioni liberali erogate in occasione di festività o ricorrenze. Collaboratori e Amministratori Per effetto della L. 342/2000, dal 1 gennaio 2001 anche ai collaboratori coordinati a progetto e agli amministratori si applica la medesima disciplina prevista per i lavoratori dipendenti. Agenti e Professionisti con partita iva Affinché non abbia rilevanza reddituale per l agente o il professionista che lo riceve, si ritiene che l omaggio debba avere un rapporto di modicità rispetto al valore della prestazione per evitare che venga considerato un compenso in natura. Clienti, fornitori e altre imprese I beni ricevuti possono riguardare o meno l attività aziendale. Nel caso siano beni aziendali (merce o strumentali) saremo di fronte ad una sopravvenienza attiva. Nel caso si tratti di merce non si fa alcuna registrazione per evitare la doppia imposizione all atto della vendita. Nel caso si tratti di bene strumentale la registrazione va fatta ed il bene andrà ammortizzato secondo i coefficienti in vigore. Cordiali Saluti sito: telefono fax art. 100 TUIR 35 Non va fatto alcun ragguaglio in caso di rapporto di lavoro con durata inferiore ai dodici mesi (CM 326/E del ) 36 Le categorie di dipendenti possono anche non coincidere con quelle individuate dall art del Codice civile, possono essere tutti coloro che rivestono una determinata qualifica, tutti i dipendenti di uno stabilimento, tutti quelli del turno di notte. (CM n. 326/E e CM n. 188/E) P A G I N A 7 D I 7

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza - procedura di lavoro

La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza - procedura di lavoro Approfondimenti e procedure La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza - procedura di lavoro a cura del Gruppo di lavoro di Fiscalità d impresa dell ODCEC di Torino, Ivrea e Pinerolo Scopo del

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori 1 INDICE Prefazione Parte prima ENTI NO PROFIT secondo

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

l agenzia 5 in f orma

l agenzia 5 in f orma l agenzia 5 in f orma 2004 GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 II. DITTA INDIVIDUALE O SOCIETÀ DI PERSONE? 3 Ditta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli