Corso avanzato di LTSP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso avanzato di LTSP"

Transcript

1 Faber Corsi avanzati Corso avanzato di LTSP Andrea Della Regina Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis -

2 introduzione Linux Terminal Server Project (LTSP) è una tecnologia che permette ad un server Linux di supportare una rete di thinclient e/o terminali X. Per thin-client si indica un PC a basso costo, basse prestazioni e basso consumo generalmente senza disco fisso e/o memorie di massa (diskless). Per terminale X si indica un PC, generalmente recuperato, il quale sfrutta un server grafico X in rete per l'esecuzione di applicazioni grafiche. In quanto terminale la risorsa computazionale è quasi interamente delegata al server centrale.

3 LTSP: per cosa si usa L'utilizzo di LTSP è consigliato nel caso si intenda realizzare uno dei seguenti scenari: un'aula scolastica e universitaria; un'internet point; sviluppo in gruppo su di un sistema centrale. Tutti questi scenari prevedono: una rete di PC usata da molti utenti; condivisione della risorsa internet, stampanti etc; l'utilizzo da parte di tutti gli utenti degli stessi software; limitato utilizzo di applicazioni multimediali.

4 LTSP: per cosa NON si usa L'utilizzo di LTSP è sconsigliato nei seguenti scenari: postazioni stand-alone; largo uso di applicazioni multimediali; postazioni di editing audio/video; uso di webcam, scanner, masterizzatori; visualizzazione di video/dvd; trasferimento di grosse quantità di dati dai client server centrale.

5 LTSP: cosa serve Hardware: un server sufficientemente dimensionato; thin-client o PC recuperati (PI, PII con 64/128 Mbyte di RAM, con scheda di rete bootable, altrimenti floppy, CDROM o piccolo hard-disk; switch almeno 100 Mbps; cablaggio di rete (categoria 5e); connessione ad internet (opzionale). Software: una distro predisposta (Edubuntu, K12ltsp) oppure: distro generica (Debian, Ubuntu); servizi DHCPD, TFTPD e NFD; server X e desktop manager (XDM, GDM, KDM); ltsp-utils e ISO LTSP; ltspfsd (opzionale).

6 LTSP: dimensionare il server Il server è in genere assieme allo switch il principale Single Point Of Failure (SPOF) di una rete LTSP, quindi si deve avere la massima attenzione al suo dimensionamento/scelta. Deve avere: CPU sufficientemente veloce (da PIV 3GHz in su); RAM almeno 512 Mbyte+(50 Mbyte*num. client); due dischi fissi da almeno 80 Gbyte con RAID 1 software o hardware (controller); una o più schede di rete da 100/1000 Mbps. Se si dispone della connessione a Internet meglio destinare una scheda di rete per collegare il server al router.

7 LTSP: facile o difficile? L'installazione/configurazione di una rete LTSP è una cosa alla portata di un utente medio di Linux o alta materia da geek? Probabilmente seguendo le istruzioni o utilizzare una distro specifica per l'ltsp non presenta grosse complicazioni. I problemi possono venire dalla difficoltà di capire perché non funziona ed eseguire un corretto troubleshooting. Per avere supporto in questo bisogna avere ben chiara la dinamica del funzionamento di un LTSP. Per questo si affronta l'avvio standard di un sistema Linux e lo si confronta con l'avvio di un client LTSP.

8 l'avvio di Linux da hard disk Il seguente schema descrive l'avvio di un sistema Linux da hard disk con sequenza di boot del BIOS Floppy-CDROM-HD e schema di partizionamento del disco hda1=>/boot, hda5=>swap, hda6=>/, hda7=>/home. L'avvio di Linux si compone delle seguenti macro-fasi: BIOS (POST e sequenza di boot); Linux Loader (GRUB o LILO); Kernel (kernel land) Init (user land).

9 l'avvio di Linux: fase BIOS Il Basic Input/Output System (BIOS) è il firmware della scheda madre del PC ed è contenuto in una memoria ROM ed eseguito all'avvio/reset del sistema. Il programma prevede senza intervento da parte dell'utente di eseguire le seguenti fasi: Power On Self Test (POST), in cui verifica la sanità del sistema; sequenza di boot, in cui verifica quale, tra i vari dispositivi, nell'ordine fissato nella memoria CMOS, contenga un settore di avvio.

10 l'avvio di Linux: fase Loader Nel nostro esempio il BIOS non ha trovato nessun settore di avvio né nel floppy, né nel CDROM ma invece l'ha trovato nel Master Boot Record (MBR) dell'hard-disk hda. L'MBR è il primo settore di 512 Byte del disco e contiene lo stage 1 del Linux Loader (e.g. GRUB), viene dunque caricato in RAM ed eseguito. Il suo compito è di indicare la posizione e di caricare in memoria lo stage 1.5 e 2 del Loader che si trova nel nostro caso nella partizione hda1. Una volta caricato gli stage 1.5 e 2, GRUB è in grado di capire il contenuto della partizione, di leggere il suo file di configurazione e visualizzare lo splash-screen a video.

11 l'avvio di Linux: fase Kernel GRUB, sulla base di una configurazione automatica e di una nostra scelta, può far partire un kernel Linux o un altro sistema operativo. L'opzione avviata può essere ad esempio del tipo: root (hd0,0) kernel /vmlinuz-2.6.xxx root=/dev/hda6 ro quiet splash initrd /initrd.img-2.6.xxx Sapendo che hd0,0 corrisponde per GRUB alla partizione hda1=>/boot, questa provoca l'avvio del kernel che si trova in /boot/vmlinuz-2.6.xxx ed il caricamento dell'init RAM disk contenuto in /boot/, il quale contiene un root file system temporaneo con i moduli necessari gestire il disco fisso ed il file system della partizione di root effettiva (hda5=>/).

12 l'avvio di Linux: fase Init Una volta che il kernel è in grado di montare il root file system (hda6=>6), può leggere il file di configurazione /etc/fstab per montare le altre partizioni (e.g. hda7=>/home). Conclusa la sua fase inizializzazione il kernel lancia il primo processo applicativo, con PID 1, cioè il programma /sbin/init il quale esegue l'inizializzazione del sistema sulla base del contenuto del file /etc/inittab.

13 l'avvio di Linux da rete: il netboot Cosa c'è di diverso nell'avvio di Linux in un client LTSP? Il BIOS passa il comando ad un boot ROM che può essere contenuto in un chip della scheda di rete oppure in un floppy, in un CDROM o in un hard-disk al pari di un kernel. Nel primo caso è necessario che non solo la scheda disponga della boot ROM, ma che lo stesso BIOS preveda il boot da scheda di rete. In genere le schede di rete che prevedono nativamente il boot supportano l'ambiente Preboot execution Environment (PXE). Il progetto Etherboot fornisce un diverso ambiente liberamente scaricabile nei formati necessari all'avvio da floppy, CD o HD.

14 l'avvio di Linux da rete: il DHCP Cosa fa la boot ROM? Interroga in rete un server DHCP per ottenere le informazioni necessarie alla gestione della rete (indirizzo IP, maschera di rete etc.), a dove prelevare il kernel e l'indirizzo del disco in rete con il file system di root. Ad esempio: IP Address: ; Subnet mask: ; Default gateway: ; Filename: :/tftpboot/lts/vmlinuz ltsp-1; Root path: :/opt/ltsp/i386.

15 l'avvio di Linux da rete: il TFTP DHCP dice alla boot ROM dove si trova il kernel, ma come fa a riceverlo per eseguirlo? L'informazione filename recuperata dal server DHCP viene usata per interrogare un server TFTP (Trivial File Transfer Protocol). Il TFTP è una versione molto semplificata del più conosciuto FTP in quanto non richiede la gestione dell'utente ed è quindi implementabile anche nel firmware di una scheda di rete. Nel nostro esempio la boot ROM richiede il file /tftpboot/lts/vmlinuz ltsp-1 al server TFTP all'indirizzo IP

16 l'avvio di Linux da rete: l'nfs Una volta caricato il kernel, trasferito via rete, come viene caricato il file system di root? Il kernel caricato da rete ha integrati, oltre ai moduli per gestire la rete, anche il driver del file system NFS (Network File System) che permette di montare una directory esportata da un server NFS come una partizione di un disco. Le informazioni su dove recuperare il disco in rete sono fornite dal parametro root-path fornito dal server DHCP. Una volta montato il root FS il kernel può avviare la procedura di inizializzazione, i moduli del kernel ed i programmi residenti nel disco NFS.

17 l'avvio di Linux da rete: server grafico X Come avviene l'avvio dell'interfaccia? Il file system montato sul client LTSP contiene una cersione di Linux alleggerita, adatta ad un avvio veloce da parte di un PC sotto-dimensionato. Quindi le applicazioni residenti costituiscono il minimo indispensabile. In fase di avvio il file di configurazione rootfs:/etc/lts.conf contiene le informazioni su quali servizi ed interfacce utente avviare. E' prevista una shell minimale (busybox) e un sessione X auto-configurata che si collega al server grafico centrale esportando sul terminale X il Desktop Manager. Il comando che realizza la magia è: # X -query <IP SERVER> &

18 question time Questo per la parte teorica! Ci sono domande?

19 hardware: la rete LTSP

20 versioni di LTSP LTSP è sviluppato da una piccola ma attiva comunità in due versioni: LTSP 4 (4.2u2): si configura per mezzo delle ltsp-utils e fornisce un rootfs minimale compilato from scratch con LBE (LTSP Build Environment); LTSP 5: si integra con la distro host e genera la rootfs tramite i package della distro stessa. L'installazione mostra come installare LTSP 4 perché assicura di utilizzare terminali con prestazioni inferiori e perché da meglio evidenza del funzionamento del sistema.

21 installazione del sistema host Installare una versione desktop di Ubuntu Installare i seguenti pacchetti: $ sudo apt get install dhcp3 server tftpd hpa nfs kernel server tcpd i quali installeranno i servizi dhcpd, tftpd e nfsd. A parte il dhcpd, lo start degli altri due servizi va a buon fine.

22 configurazione di rete Modificare con un editor il file /etc/network/interfaces: auto lo iface lo inet loopback auto eth0 iface eth0 inet static address netmask gateway auto eth1 iface eth1 inet static address netmask Eseguire dopo il comando: $ sudo /etc/init.d/networking restart

23 download software Scaricare dal wiki di LTSP l'iso della versione 4.2u2 (100MB) che contiene i package del rootfs e di ltsp-utils. Il sito di riferimento è la pagina del wiki di LTSP: Eseguire i comandi: $ mkdir ~/ltsp $ cd ltsp $ wget 4.2u2 0.iso $ wget 4.2u2 0.md5sum $ md5sum c ltsp 4.2u2 0.md5sum ltsp 4.2u2 0.iso: OK

24 installazione pacchetti LTSP Eseguire i comandi: $ sudo mkdir /mnt/iso $ sudo mount o ro,loop ltsp 4.2u2 0.iso /mnt/iso $ sudo dpkg i /mnt/iso/ltsp utils/ltsp utils_0.25_all.deb $ sudo ltspadmin Appare la schermata semi-grafica di ltspadmin. Installare i pacchetti LTSP seguendo le seguenti istruzioni: Seleziona Configure the installer options Imposta Where to retrieve packages from? a file:///mnt/iso Accetta i valori di default per le altre domande. Rispondi y a Correct? (y/n/c) Seleziona Install/Update LTSP Packages Digita A, poi Q. Rispondi y a Ready to install/update the selected LTSP packages? (y/n) Prosegui con invio e digita q.

25 configurare il runlevel Eseguire i comandi: $ sudo umount /mnt/iso $ sudo ltspcfg Appare la schermata semi-grafica di ltspacfg Eseguire i seguenti passi per assicurarsi che il runlevel standard di Debian/Ubuntu (2) sia usato. Proseguire con invio. Digitare c per Configure the services manually Digitare 1 per Runlevel Accettare il valore di default (2).

26 selezionare l'interfaccia di rete Eseguire i seguenti passi per selezionare l'interfaccia (eth1) a cui sono collegati i terminali. Digitare 2 per Interface selection Immettere eth1 e premere invio.

27 configurare il DHCP server Modificare il file /etc/default/dhcp3-server: INTERFACES="eth1" Modificare il file /etc/dhcp3/dhcpd.conf: ddns update style none; get lease hostnames true; default lease time 600; max lease time 7200; authoritative; log facility local7; option domain name "ltsp test.lan"; option domain name servers , ; option option 128 code 128 = string; option option 129 code 129 = text; subnet netmask { range ; next server ; option subnet mask ; option broadcast address ; option routers ; option root path " :/opt/ltsp/i386"; } if substring (option vendor class identifier, 0, 9) = "PXEClient" { filename /lts/ ltsp 1/pxelinux.0"; } else { filename "/lts/vmlinuz ltsp 1"; }

28 riavvio del DHCP server Riavviare il server DHCP con il comando seguente: $ sudo /etc/init.d/dhcp3 server restart

29 configurazione del TFTP server Modificare il file /etc/default/tftpd-hpa: RUN_DAEMON="yes" OPTIONS=" l a s /var/lib/tftpboot" Eseguire i comandi: $ sudo mv /tftpboot/lts /var/lib/tftpboot $ sudo rmdir /tftpboot $ sudo /etc/init.d/tftpd hpa restart

30 configurazione di XDMCP e GDM Dall'interfaccia di ltspcfg seguire i seguenti passi: Selezionare 7 per XDMCP configuration Rispondere y a Do you want to enable gdm (y/n)? Rispondere n a Do you want to disable the graphical login on the server (y/n) [N]? Confermare premendo invio. Riavviare GDM con il comando: $ sudo /etc/init.d/gdm restart

31 configurazione di /etc/hosts Dall'interfaccia di ltspcfg seguire i seguenti passi: Selezionare 8 per Create /etc/hosts entries Rispondere y a Do you want to add entries to /etc/hosts (y/n)? Confermare premendo invio. Eliminare le righe in /etc/hosts inutili e correggere il dominio degli hostname.

32 configurazione di /etc/hosts.allow Dall'interfaccia di ltspcfg seguire i seguenti passi: Selezionare 9 per Create /etc/hosts.allow entries Rispondere y a Do you want to add entries to /etc/hosts.allow (y/n)? Confermare premendo invio.

33 configurazione di /etc/hosts Dall'interfaccia di ltspcfg seguire i seguenti passi: Selezionare 10 per Create /etc/exports entries Rispondere y a Do you want to add entries to /etc/exports? (y/n)? Confermare premendo invio. Modificare il file /etc/exports commentando la riga dei swapfiles e aggiungendo il parametro subtree_check: /opt/ltsp / (ro,no_root_squash,sync,subtree_check) # /var/opt/ltsp/swapfiles / (rw,no_root_squash,async) Riavviare il servizio NFS con il comando: $ sudo /etc/init.d/nfs kernel server restart

34 configurazione di lts.conf Dall'interfaccia di ltspcfg seguire i seguenti passi: Selezionare 11 per Create lts.conf file Rispondere y a Do you want to create a default lts.conf file (y/n)? Confermare premendo invio. Modificare il file /opt/ltsp/i386/etc/lts.conf aggiungendo le righe sul layout (it) e modello (pc105) di default della tastiera: [Default] SERVER = XSERVER = auto X_MOUSE_PROTOCOL = "PS/2" X_MOUSE_DEVICE = "/dev/psaux" X_MOUSE_RESOLUTION = 400 X_MOUSE_BUTTONS = 3 USE_XFS = N SCREEN_01 = startx SCREEN_02 = shell XkbLayout = it XkbModel = pc105

35 testare LTSP: le utenze e il floppy Con questi ultimi passi abbiamo installato il nostro sistema server. Ora bisogna testare l'installazione creando uno o più utenti non privilegiati: $ sudo groupadd ws001 $ sudo useradd d /home/ws001 m s /bin/bash g ws001 ws001 $ sudo passwd ws001 Inoltre scaricare l'immagine floppy dell'all Drivers Etherboot Floppy e copiarla in un floppy: $ wget $ dd if=eb_on_hd.ima of=/dev/fd0 Questo floppy facilita il test dell'avvio di un terminale X.

36 testare LTSP: l'avvio da floppy Utilizzando il floppy appena creato, avviare un terminale con il boot standard da floppy. Apparirà un menù con una serie di opzioni. Selezionare la prima opzione per un avvio da rete. Lo stesso floppy permette di copiare un mini sistema di boot su hard disk per avviare il terminale copiando la Boot ROM nell'hard-disk.

37 testare LTSP: l'avvio da hard disk Volendo disporre sia dell'avvio da hard disk di Linux che dell'avvio da rete, si deve procedere, dopo aver installato Linux (es. DSL) nel seguente modo. Individuare il PCI ID dell'ethernet controller con il seguente comando: $ lspci n grep "^`lspci grep "Ethernet controller" head n 1 cut d\ f1`" cut d\ f3 Scaricare dal sito la ROM in formato.zlilo per la scheda identifica dal PCI ID ricavato e copiare il file scaricato in /boot/. Aggiungere le seguenti riga al file /boot/grub/menu.lst: title LTSP root (hd0,0) kernel /boot/eb <nome nic>.zlilo

38 testare LTSP: i local device Da interfaccia grafica, gli utenti possono accedere in un terminale LTSP solo ai dispositivi (dischi, schede audio etc.) del server. Per ovviare a questo è stato introdotto in LTSP 4.2 il supporto ai Local Device tramite il servizio LTSPFS. Per attivarlo eseguire: $ sudo apt get install fuse utils libfuse2 libx11 protocol perl $ sudo adduser ws001 fuse $ sudo mount o ro,loop ~/ltsp/ltsp 4.2u2 0.iso /mnt/iso $ sudo dpkg i /mnt/iso/local_devs/ltsp server pkg ubuntu_0.1_i386.deb Aggiungere la riga seguente al file /opt/ltsp/i386/etc/lts.conf nella sezione [Default]: LOCAL_STORAGE = Y

39 question time Finita la parte pratica! Ci sono domande?

40 saluti Grazie per l'attenzione, arrivederci al prossimo corso!

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Zeroshell su vmware ESXi 4.1

Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Introduzione Vediamo come installare Zeroshell su Vmware ESXi 4.1 usando come immagine quella per IDE,SATA e USB da 1GB. Cosa ci serve prima di iniziare: Una distro Live io

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Test installazione XEN su black

Test installazione XEN su black Test installazione XEN su black andrea 10 giu 2010 v.1.2 Installare un sistema minimale con le seguenti partizioni /boot 256Mb ext2 (boot macchina host) / 10GB ext3 (/ macchina host) swap 2 GB (macchina

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX 1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX Configurazione di Atlas con client Linux DESCRIZIONE Di seguito sono descritte le operazioni da effettuare per configurare correttamente

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...)

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux 2014/04/13 20:48 1/12 Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Introduzione Il prossimo 8 aprile, Microsoft cesserà il supporto e gli aggiornamenti per Windows

Dettagli

OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd

OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd Maurizio Anconelli OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd Con la crescente diffusione sui desktop di giovani e professionisti, il sistema operativo della mela morsicata inizia a rivestire

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

HTTPD - Server web Apache2

HTTPD - Server web Apache2 Documentazione ufficiale Documentazione di Ubuntu > Ubuntu 9.04 > Guida a Ubuntu server > Server web > HTTPD - Server web Apache2 HTTPD - Server web Apache2 Apache è il server web più utilizzato nei sistemi

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Corso Base su Linux. Basato su Fedora 7 Lezione 4

Corso Base su Linux. Basato su Fedora 7 Lezione 4 Corso Base su Linux Basato su Fedora 7 Lezione 4 Configurare la rete Esistono diversi metodi per configurare il servizio di rete: editare i singoli file di configurazione del networking (per applicare

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Per iniziare con Parallels Desktop 9

Per iniziare con Parallels Desktop 9 Per iniziare con Parallels Desktop 9 Copyright 1999-2013 Parallels Holdings, Ltd. and its affiliates. All rights reserved. Parallels IP Holdings GmbH. Vordergasse 59 CH8200 Schaffhausen Switzerland Tel:

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Hard Disk Upgrade Mini How-To

Hard Disk Upgrade Mini How-To Yves Bellefeuille yan@storm.ca Konrad Hinsen hinsen@cnrs-orleans.fr v2.11, 13 Aprile 2000 Come copiare un sistema Linux da un disco fisso ad un altro. Traduzione in italiano a cura di Nicola Girardi (girardi(at)keycomm.it)

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

Fedora 11 Guida d'installazione

Fedora 11 Guida d'installazione Fedora 11 Guida d'installazione Installazione di Fedora 11 su x86, AMD64, e architetture Intel a 64 bit Fedora Documentation Project Guida d'installazione Fedora 11 Guida d'installazione Installazione

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI ART. SDVR040A SDVR080A SDVR160A Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 0 Indice Capitolo 1 - Descrizione

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

VIP X1/VIP X2 Server video di rete

VIP X1/VIP X2 Server video di rete VIP X1/VIP X2 Server video di rete IT 2 VIP X1/VIP X2 Guida all'installazione rapida Attenzione Leggere sempre attentamente le misure di sicurezza necessarie contenute nel relativo capitolo del manuale

Dettagli